TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vietata la riproduzione anche parziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vietata la riproduzione anche parziale"

Transcript

1

2 TUTTI I DIRITTI RISERVATI Vietata la riproduzione anche parziale Microsoft, MS-DOS, Windows, Microsoft Word, Microsoft Excel, Microsoft PowerPoint, Microsoft Access e Microsoft Internet Explorer sono marchi registrati dalla Microsoft Corporation. Altri nomi e marchi citati sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. Finito di stampare nel mese di luglio 2010 dalla «MultiMedia» - V.le Ferrovie dello Stato Zona Asi - Giugliano (NA) per conto della ESSELIBRI S.p.A. - Via F. Russo, 33/D - Napoli Grafica di copertina di Giuseppe Ragno

3 Premessa La conoscenza dell informatica è da tutti considerata un requisito indispensabile per potersi presentare correttamente e con le carte in regola ai diversi e ricorrenti eventi della vita scolastica, lavorativa e professionale: quasi tutte le scuole prevedono corsi di informatica, seppur a diversi livelli, così come in molte università senza le conoscenze e le abilità informatiche di base non si affrontano efficacemente i temi proposti dal curriculum accademico. Da diversi anni il mondo del lavoro richiede cittadini dell era digitale, in possesso delle tipiche capacità necessarie per avvicinarsi alla soluzione dei problemi con gli usuali dispositivi messi a disposizione dal mondo dell ICT. La maggior parte dei concorsi pubblici o privati prevede anche quiz e domande attinenti all informatica e all uso del computer. In realtà, da tempo ormai il computer non è più visto come un oggetto il cui corretto accesso è limitato ai soli specialisti o appassionati: soprattutto i giovani e giovanissimi utilizzano il computer e la rete internet abitualmente, anche se in molte circostanze tale uso è ristretto ai soli scambi interpersonali (chat, forum, blog ecc.). Oltre ad una doverosa premessa relativa alle basi dell Information and Communication Technology (ICT), sviluppata nella sua parte iniziale, quest opera affronta le principali applicazioni informatiche adottate su personal computer nel mondo del lavoro e della formazione. Pertanto, abbiamo pensato di rivolgere la nostra attenzione dapprima ai due sistemi operativi più diffusi nel campo dei personal computer, quali Windows Vista e Windows 7, ultime versioni della apprezzata famiglia di software di base di casa Microsoft, unanimemente ritenuta valido punto di riferimento in quanto a prestazioni e facilità d uso. Successivamente, il volume presenta molti aspetti delle applicazioni più frequentemente utilizzate dagli utenti di personal computer: elaborazione testi, foglio elettronico, data base, strumenti di presentazione ed utilizzo dei servizi internet. L idea alla base del libro è quella di illustrare i programmi componenti la suite Microsoft Office 2007 in quanto, oltre a costituire la raccolta di programmi più diffusa in ambito scolastico, universitario ed aziendale, questa contiene al suo interno tecniche e metodi da molti additati come dei veri e propri standard di sviluppo di documentazione utile nei diversi campi delle attività umane. Perciò, chi si cimenta sino in fondo nella lettura dell opera alla fine del suo percorso di studio possederà discrete conoscenze dei seguenti programmi Microsoft: Windows Vista; Windows 7; Word; Excel; Access; PowerPoint; Internet Explorer; Windows Mail.

4 Crediamo che la conoscenza dei temi trattati possa tornare utile in diversi ambiti, come ad esempio, in un colloquio per convincere l interlocutore di possedere le nozioni indispensabili per il lavoro ricercato oppure in una prova scritta per superare un concorso. Il metodo che proponiamo per procedere all esame dei diversi temi consiste nell esposizione modulare dei differenti argomenti, con ampio e sistematico ricorso a domande «a tappeto» su quanto esposto in ciascun paragrafo. In questa maniera, il lettore si avvicina gradualmente, e senza stress, alla conoscenza delle differenti applicazioni informatiche che naturalmente richiedono costanti esemplificazioni pratiche su PC, allo scopo di assimilare efficacemente le abilità e conoscenze previste. Antonio De Rosa e Giuseppe Di Capua

5 Parte Prima Introduzione all informatica

6

7 Capitolo Primo Introduzione all ICT Sommario: 1. ICT e computer - 2. L hardware e il software - 3. Classificazione dei computer. 1. ICT e computer La diffusa presenza del computer in pressoché tutti gli ambienti in cui, al giorno d oggi, opera l uomo è la testimonianza dell importanza della disciplina dell informatica, nota anche come scienza dell informazione. Da un punto di vista etimologico la parola «informatica» è la fusione di «informazione» e «automatica». Negli ultimi anni, però, più che di informatica si sente spesso parlare di ICT, ovvero Information and Communication Technology. Con questo termine si indica sia l insieme delle scienze che studiano il trattamento automatico e digitale delle informazioni sia le varie tipologie di «forme tecnologiche» che ne consentono l elaborazione e l archiviazione dei dati. 2. L hardware e il software Naturalmente, lo strumento alla base del mondo dell ICT è il computer, inteso come sistema elettronico di elaborazione dati, costituito sia dalle parti materiali della macchina che dai programmi che consentono a quest ultima di eseguire le elaborazioni richieste. L insieme delle componenti materiali o fisiche del computer si chiama hardware. L hardware, ad esempio, si identifica con le schede formate a loro volta da circuiti elettronici che consentono al computer di avviarsi e funzionare regolarmente. Fanno parte dell hardware di un computer la scheda madre, la scheda video, il mouse, la tastiera ecc. Sono componenti hardware anche i dispositivi esterni al computer (pur se collegati ad esso) come le stampanti, il monitor o la webcam ecc. Semplificando: è hardware tutto ciò che, all interno o all esterno di un computer, si vede, si tocca e che si può rompere perché cade a terra. Perché un computer possa elaborare correttamente dati, il solo hardware non è sufficiente: occorrono anche i programmi di elaborazione. Un programma può essere definito come un insieme di istruzioni che operano su dati, allo scopo di risolvere un determinato problema, semplice o complesso che sia. È software l insieme dei programmi che rendono possibile il funzionamento di un computer. Se l hardware, perciò, può essere inteso come la parte «dura» (hard) del computer, il software è spesso contraddistinto dall essere «morbido» (soft).

8 8 Parte Prima - Introduzione all informatica Il software a sua volta può essere distinto in software di base (o di sistema) e applicativo. Tutti i programmi finalizzati alla gestione del sistema e delle sue risorse costituiscono il sistema operativo che appartiene alla categoria del software di base. Windows XP, Vista o Windows 7, ad esempio, sono i sistemi operativi della Microsoft che provvedono ad eseguire le funzionalità di base di un personal computer. Esistono diversi sistemi operativi che sono in grado di occuparsi delle funzionalità fondamentali di un computer; tra questi si citano, oltre ai tradizionali Windows 95, Windows 98, Windows 2000, Windows NT (tutti della Microsoft) anche i sistemi operativi Unix, Linux, OS2 e MacOS X. La GUI Parlando di sistemi operativi, non possiamo fare a meno di descrivere brevemente l evoluzione che ha portato dai sistemi a riga di comando a quelli ad interfaccia grafica (Graphic User Interface o GUI). Il DOS, ovvero il più vecchio sistema operativo per PC, era del primo tipo, ed i comandi venivano materialmente digitati dall utente che, quindi, doveva conoscere la particolare sintassi utilizzata dal sistema. Per questo motivo utilizzare il DOS era consentito solo a chi conoscesse il linguaggio del sistema, per riuscire a comunicare con esso. Ad esempio, il comando COPY permetteva di copiare dei file, il comando MD permetteva di creare nuove directory (cioè quelle che oggi siamo abituati a chiamare «cartelle»). Il primo sistema operativo basato su un interfaccia grafica è stato il Mac OS, prodotto dalla Apple e giunto oggi alla versione X. Questo sistema operativo introdusse nel mondo degli utenti di personal computer una vera e propria rivoluzione: non era necessario infatti conoscere alla perfezione la sintassi in quanto questi ultimi potevano essere impartiti agendo su elementi grafici presenti sullo schermo (icone, pulsanti ecc.). Il sistema Mac OS è stato poi ripreso dalla Microsoft che lo ha utilizzato per il Windows, che è attualmente il sistema operativo ad interfaccia grafica più diffuso. Linux, dal canto suo, è stato per anni un sistema prevalentemente a riga di comando e per questo, nonostante la sua altissima affidabilità, costituiva un sistema di nicchia, utilizzato prevalentemente da esperti informatici. Negli ultimi anni, tuttavia, nel tentativo di diffondere maggiormente questo sistema operativo sono state create delle interfacce grafiche, quali KDE e Gnome, per renderne più semplice ed intuitivo l utilizzo. La parte principale del sistema operativo (detta modulo o kernel), che sovrintende e provvede al corretto funzionamento della macchina, è caricato al momento dell accensione e rimane nella memoria centrale del computer. Si ricorda, infatti, che i programmi componenti il software di base gestiscono i dispositivi hardware del computer e, per tali motivi, sono continuamente richiesti per l esecuzione delle diverse azioni richieste dall operatore. Esistono i programmi che servono all utente finale per svolgere diverse funzioni come, ad esempio, stampare le fatture, il giornale di magazzino, il bilancio, inserire i dati di vendita. Questi programmi spesso sono realizzati ad uso e consumo dell utente e in alcuni casi sono realizzati «su misura», in base alla dimensione ed all esigenza dell ambiente ove si opera. Questi programmi vengono definiti come il software applicativo. Con il termine applicazione (o procedura), in genere in ambito aziendale si vuole indicare un sottoinsieme di programmi connessi fra loro ed utilizzati per raggiungere un determinato obiettivo. Costituisce un esempio di applicazione la fatturazione, intesa come l insieme di quei programmi che permettono di ottenere le fatture, partendo dall immissione dei dati e giungendo sino alla stampa finale del documento.

9 Capitolo Primo - Introduzione all ICT 9 Altri esempi di applicazioni sono le procedure di magazzino, di gestione dell orario scolastico o di gestione della contabilità. Il software applicativo funziona in quanto esiste il sistema operativo che provvede ad occuparsi delle funzioni di base della macchina. Perciò i programmi applicativi non sono autonomi ma dipendono dal sistema operativo che esiste su quel determinato computer. Tra i programmi che rientrano nel software applicativo, alcuni sono programmi di utilità generale che, ad esempio, consentono di redigere un documento, che realizzano i fogli di calcolo, che consentono di elaborare immagini. Questi programmi sono anche definiti come applicazioni orizzontali in quanto in maniera trasversale sono presenti in tutti gli ambienti. Poiché molti di questi programmi svolgono funzioni ed attività connesse al tipico lavoro d ufficio, è entrato nella prassi riferirsi ad essi anche con il termine di programmi applicativi per l Office Automation. Con il termine suite, infine si vuole indicare l insieme di tutti i programmi che una determinata società di software offre sul mercato, generalmente a prezzi ridotti. Tipo di software Scopo Pacchetti commerciali Elaboratori di testi (word processing) Scrittura, modifica, memorizzazione e stampa di documenti Microsoft Word, Corel WordPerfect, Works Fogli elettronici Memorizzazione e calcoli su dati strutturati Microsoft Excel, Lotus 123 (spreadsheet) in righe e colonne, con produzione di grafici Database Memorizzazione di grandi moli di dati per Microsoft Access, DBASE IV, elaborazioni anche complesse FileMaker Grafica Elaborazione di immagini Corel Draw, Adobe Photoshop, Paint shop Disegno tecnico (CAD) Progettazione di strutture tecniche AutoCAD, MicroStation Posta elettronica (electronic mail) Gestione della posta elettronica Microsoft Outlook Express, Eudora, Thunderbird, Microsoft Mail Navigazione ipertestuale Esplorazione di pagine Web Microsoft Internet Explorer, Netscape Navigator Firefox, Opera 3. Classificazione dei computer Non esiste un solo tipo di computer, né una sola tecnologia di architettura di computer. In tal senso, si possono individuare sei classi di elaboratori elettronici: supercomputer; mainframe; minicomputer; workstation; personal computer; network computer.

10 10 Parte Prima - Introduzione all informatica Gli elaboratori più potenti sono i supercomputer, caratterizzati da altissime velocità di calcolo e potentissime capacità di memorizzare dati. Tali macchine, il cui costo è nell ordine di alcuni milioni di euro, sono dotate di sofisticate procedure di gestione, e sono indicate per risolvere problemi che si basano su modelli matematici nei vari campi tecnicoscientifici. Si pensi alle elaborazioni di previsioni meteorologiche o alle applicazioni in campo militare o alle esigenze di calcolo necessarie nei campi dell ingegneria molecolare o spaziale. Si tratta di computer che possono svolgere contemporaneamente più elaborazioni (e perciò anche detti elaboratori paralleli) e che sfruttano spesso la presenza di più dispositivi di calcolo logico-aritmetico (processori). I supercomputer, a causa della loro limitata diffusione, hanno la Un supercomputer peculiarità di presentare un alto rapporto costo/prestazioni. Con il termine mainframe si indica un computer di grandi dimensioni, in grado di fornire alte prestazioni, sia nel senso del numero di utenti serviti dalle elaborazioni (centinaia o migliaia) che in quello del numero di processi eseguiti in una certa unità di tempo. Per tali motivi, ai mainframe sono associate le caratteristiche della multiutenza e del multiprocesso. Un mainframe è in grado di elaborare grandi quantità di dati, sfruttando a tal fine processori dedicati alla gestione delle operazioni di ingresso (lettura, digitazione ecc) e di uscita dei dati stessi (visualizzazione, registrazione, stampa ecc.). In generale, l utente medio di un mainframe interagisce con questo attraverso dispositivi costituiti da video e tastiera, detti terminali, usualmente disposti lontano (anche migliaia di chilometri) dal Un mainframe centro del sistema.

11 Capitolo Primo - Introduzione all ICT 11 Una classe a parte è occupata dai minicomputer, da un certo punto di vista simili (seppur in scala minore) ai mainframe ed idonei a fornire risposte efficienti alle aziende di dimensioni medio-piccole. Un minicomputer è, infatti, multiutente e serve perciò un gran numero di utenti contemporaneamente (diverse decine); inoltre, possiede dispositivi in grado di memorizzare grandi quantità di dati su dischi e nastri magnetici. Questo tipo di elaboratore spesso esegue elaborazioni interattive e predilige le funzionalità dei collegamenti alla velocità nei calcoli. Perciò, molto risalto viene dato alla presenza di processori dedicati alla gestione delle fasi di ingresso e di uscita. Le workstation costituiscono un ulteriore classe di computer che occupa una posizione intermedia tra i personal ed i minicomputer: sono apparecchiature dedicate ad applicazioni di tipo scientifico e nel campo dell ingegneria e della progettazione grafica. Un esempio di minicomputer: Una workstation è, in genere, dotata di un monitor il Sistema IBM AS/400 di grandi dimensioni e può far ricorso a più processori centrali CPU (Central Processing Unit); a seguito delle elaborazioni di immagini, che notoriamente necessitano di molto spazio, dispongono di memorie ad elevata capacità di registrazione. Le procedure eseguite sulle workstation riguardano, soprattutto, applicazioni grafiche e scientifiche e, pertanto, hanno bisogno di elevate capacità di calcolo. Normalmente, il sistema operativo presente su una workstation è multiutente e multiprocesso. Oggi, ormai la presenza dei personal computer (PC) nei più disparati ambienti è un fenomeno capillare ed inarrestabile. Un personal computer è un elaboratore di piccole dimensioni, normalmente monoutente, dal costo contenuto (meno di euro) e come dice anche il nome utilizzato per scopo personale e professionale. Quando un personal computer è usato in modo Una workstation autonomo e pertanto non è collegato ad una rete di computer viene indicato con il termine di stand alone: è la tipica situazione del personal computer presente nell ambito domestico. In altre situazioni, invece il personal computer può essere connesso ad altri computer (mainframe, minicomputer, personal computer, ecc): in questo caso si parla più propriamente di rete di computer. Un personal computer

12 12 Il personal computer in rete Parte Prima - Introduzione all informatica Quando è in rete, un personal computer si può trovare in due situazioni differenti: in alcuni casi il personal computer utilizza risorse che la rete mette a sua disposizione (stampanti, dischi, programmi ecc.). In questo caso si dice che il personal computer è un client. Viceversa, quando è proprio il personal computer che gestisce il traffico della rete, sovrintendendo ai collegamenti tra i client e mettendo a loro disposizione le risorse della rete, allora si dice che questo personal computer funge da server di rete. Esiste una differenza sostanziale tra una rete di computer gestita da un personal computer che funge da server ed il collegamento tra terminali gestito da un mainframe o da un minicomputer: in quest ultimo caso i terminali sono stupidi, nel senso che non possono fare altro che presentare richieste di elaborazione al computer che, dopo averle evase, le invia ai terminali stessi. Nel caso di una rete di personal computer, i client sono dei terminali intelligenti, in quanto godono di una propria capacità elaborativa e, quindi, possono eseguire pure una parte dell elaborazione. Non tutti i personal computer sono uguali; ne distinguiamo, infatti, tre principali modelli anche se tutti e tre i tipi di personal computer sono predisposti per contenere, oltre agli alloggiamenti, anche espansioni successive (masterizzatori, memoria supplementare, modem ecc.). il personal computer di tipo desktop costituisce il modello tradizionale, predisposto per essere posizionato su un tavolo con il monitor posizionato al di sopra del case; il personal computer di tipo tower si differenzia dal tipo desktop esclusivamente per il fatto che il case contenente l unità centrale è posta in senso verticale (solitamente a terra, ai piedi di una scrivania); il personal computer portatile laptop (o notebook), di tecnologia più recente, risulta essere leggero e maneggevole soprattutto per il fatto che possiede un autonomia in termini di batteria ricaricabile pari a qualche ora e pertanto permette all utente di non essere vincolato alla rete elettrica. Il laptop può essere facilmente trasportato, infatti ha dimensioni di ingombro minime (simili ad un libro di grandi dimensioni) e soprattutto un peso ridotto, addirittura inferiore al chilogrammo per alcuni modelli più recenti. Nei portatili il monitor è solitamente costituito da uno schermo LCD a cristalli liquidi, integrato nell apparecchiatura complessiva, ed è generalmente di 15 pollici. Un limite del portatile è costituito proprio dalla miniaturizzazione delle sue componenti, in particolare della sua tastiera che è alquanto ridotta rispetto a quella tradizionale e che, quindi, può presentare qualche difficoltà iniziale di adattamento (soprattutto per un utente alle prime armi). Inoltre, normalmente al mouse è sostituito il touchpad, ovvero una sorta di piccola superficie rettangolare, sensibile al tatto, che consente di controllare il movimento del puntatore sullo schermo, come il mouse. Le prestazioni di un notebook non sono inferiori a quelle di un normale personal computer a fronte, però, di un costo talvolta supera anche notevolmente quello dei PC tradizionali. I computer portatili sono caratterizzati da dimensioni e peso molto contenuti. Ciò si «paga» però in termini di prezzo, che è più elevato rispetto a quello dei normali PC. I note bok sono molto utilizzati in ambito professionale, in quanto permettono di lavorare anche

13 Capitolo Primo - Introduzione all ICT 13 in viaggio o lontano dall ufficio. I portatili, infatti, sono dotati di batterie che li rendono utilizzabili anche se non si ha a disposizione una rete elettrica (in auto, in treno ecc.). Negli ultimi anni hanno trovato una discreta diffusione e un enorme successo commerciale i cd. netbook o subnotebook. Si tratta di computer portatili di dimensioni molto ridotte dotati di una tastiera e di un monitor di pochi pollici e caratterizzati da un hardware molto semplice. Sono computer destinati soprattutto alla navigazione e all utilizzo di servizi via Internet (ecco perché sono chiamati netbook) anche se è possibile utilizzare programmi di videoscrittura e qualche altra piccola applicazione. I netbook sono pensati soprattutto per un pubblico non professionale che ha bisogno di avere un computer facilmente portatile da connettere ad Internet via wireless. Un ulteriore classe di computer da annoverare è quella dei palmari o PDA (Personal Digital Un popolare netbook Assistant); si tratta di un tipo di sistemi multimediali di ridottissime dimensioni (grandi quanto un agendina tascabile) che sfruttano sia la miniaturizzazione che una sofisticata quanto innovativa tecnologia. All inizio il palmare era concepito come un semplice organizer (una agenda elettronica dove tenere traccia di note, appuntamenti) dotato di calendario, orologio, calcolatrice e una rubrica dei contatti e con scarse capacità di elaborazione e memorizzazione. I modelli più recenti eguagliano ormai le prestazioni di un normale computer e possono, ad esempio, collegarsi con altri personal computer ed è possibile installare programmi di media complessità come fogli elettronici, calcolatrici scientifiche, client di posta elettronica e piccoli video giochi. La loro memoria può essere facilmente espansa; i palmari più recenti sono in grado di fungere anche da telefono cellulare in modo autonomo. L utilità di un palmare è nella sua estrema portabilità, anche se le ridotte dimensioni dello schermo rappresentano una sua significativa limitazione. Un palmare, pur se sprovvisto materialmente di una vera e propria tastiera, consente, attraverso un dispositivo detto touch screen, con la pressione del dito (o di una minuscola penna di plastica), non solo di disegnare sullo schermo LCD a cristalli liquidi, ma con l ausilio di un sof- Un Personal Digital Assistant tware particolare di simulare a video una tastiera virtuale per immettere dati.

14 14 Parte Prima - Introduzione all informatica Un PDA, normalmente, è utilizzato in collegamento (anche attraverso raggi infrarossi) ad un personal computer per scaricare dati e funziona spesso come fax o telefono cellulare. Inoltre è usato anche come registratore vocale e come lettore di file musicali. Naturalmente, anche il palmare necessita di un sistema operativo: quello più diffuso è il Windows CE, che è una versione ridotta di Microsoft Windows. I costi di un palmare si aggirano attorno alle poche centinaia di euro, ma la sua diffusione è abbastanza limitata, in quanto è contrastata dalla sempre più massiccia presenza sul mercato dei computer portatili che, con il passar del tempo, nonostante continuino ad aumentare le prestazioni, riescono contestualmente a ridurre dimensione e peso. Ultima categoria di computer da prendere in esame è costituita dai network computer; il loro scopo specifico è quello di connettersi ad una rete, in particolare ad Internet e pertanto non sono particolarmente forniti di memoria o di processori sofisticati o potenti, in quanto sfruttano soprattutto dati presenti su un server. Questionario 1. Da quali parole deriva la parola informatica? (par. 1 ) 2. Quale è la differenza tra hardware e software? (par. 2 ) 3. Come può essere ulteriormente classificato il software? (par. 2 ) 4. Cosa è una GUI e che differenza c è rispetto alle interfacce a riga di comando? (par. 2 ) 5. Quale è il nome di un programma utilizzato per il disegno tecnico? (par. 2 ) 6. Quale è la differenza tra un computer client e un computer server? (par. 3 ) 7. Che cosa sostituisce il mouse nei portatili? (par. 3)

15 Capitolo Secondo Come è fatto un computer Sommario: 1. I componenti di un personal computer - 2. Le unità di ingresso o input. -3. Le unità di uscita La memoria centrale Bit e byte Il sistema binario L unità logico-aritmetica L unità di controllo L unità centrale di elaborazione (cpu) Le memorie di massa o ausiliarie Indicatori delle prestazioni di un computer. 1. I componenti di un personal computer Per comprendere le interrelazioni instaurate tra i diversi componenti di un computer, iniziamo con l analizzare i singoli componenti di un elaboratore elettronico. Dal punto di vista funzionale, negli elaboratori elettronici si ritrovano sempre almeno cinque unità: unità di ingresso o input; unità di uscita o output; memoria centrale; unità logico-aritmetica; unità di controllo. Questi componenti non sono separati fra loro, ma costituiscono un tutt uno, con lo scopo comune di effettuare le elaborazioni desiderate dall utente per ottenere risultati corretti ed in tempo utile. Ecco perché spesso si parla di sistema di elaborazione elettronico dei dati. Il concetto di sistema richiama proprio la presenza di più componenti, le cui dinamiche sono regolate da leggi e priorità e sono finalizzate all ottenimento di informazioni utili e preziose, attraverso l elaborazione di semplici dati. Lo schema funzionale (la cd. «architettura»), riprodotto nei moderni computer fin dal lontano 1947 e che è stato definito per la prima volta da John Von Neumann, è riportato nel diagramma che segue. UNITÀ DI INGRESSO UNITÀ CENTRALE ELABORAZIONE UNITÀ DI CONTROLLO UNITÀ LOGICO-ARITMETICA MEMORIA CENTRALE UNITÀ DI USCITA

16 16 Parte Prima - Introduzione all informatica Secondo lo schema di Von Neumann qualsiasi elaborazione del computer è guidata da programma che si trova nella memoria centrale della macchina e dà luogo ad una serie di azioni interrelate delle diverse componenti hardware. 2. Le unità di ingresso o input Le unità (o periferiche) di ingresso, o di input, permettono il collegamento dell elaboratore elettronico con l esterno, consentendo l immissione nel sistema sia dei dati che delle istruzioni componenti un programma. Materialmente, nella maggior parte dei casi, l unità di ingresso può essere costituita da diverse apparecchiature adatte allo scopo, le più diffuse delle quali sono: la tastiera; il mouse; la trackball; il touchpad; lo scanner; la fotocamera digitale; il microfono. Qual è l elemento comune di tutti i dispositivi appena citati? Tutti consentono di immettere dati in un processo di elaborazione. Naturalmente, ciascuno di essi possiede delle peculiarità che incidono profondamente sulla forma dei dati immessi. In questo senso, la tastiera è una periferica adatta ad immettere dati testuali, ovvero disposti secondo la forma di caratteri e serve soprattutto quando si eseguono programmi interattivi, cioè programmi che instaurano una sorta di dialogo tra l utente ed il computer. Viceversa, le periferiche come il mouse, il trackball o il touchpad servono soprattutto a gestire il puntatore sullo schermo e pertanto sono utilizzate nei programmi visuali e di grafica. Ricordiamo che in realtà il trackball ed il touchpad hanno la stessa funzione del mouse e sono presenti soprattutto sui notebook. Quando, invece, si ha l esigenza di inserire dati sotto forma di immagini, allora periferiche come lo scanner o la fotocamera digitale risultano di estrema utilità. Una trackball Uno scanner

17 Capitolo Secondo - Come è fatto un computer 17 La presenza degli scanner si è molto diffusa in questi ultimi anni, favorita anche dal repentino abbassamento di prezzo dei modelli. In realtà lo scanner assomiglia molto ad una piccola fotocopiatrice, con lo scopo però di digitalizzare immagini «catturate» da foglio e trasferirle nelle memorie del computer. Ovviamente, si privilegerà la fotocamera digitale qualora si voglia prelevare dalla realtà una determinata immagine e trasferirla in memoria di un personal computer. Il microfono, infine è una periferica di input che, connessa ad un personal computer, consente di immettere suoni (voce, musica ecc.) nella macchina. La sua utilità è indispensabile in talune applicazioni, quali la videoconferenza, quando diversi utenti distanti fra loro, desiderano dialogare fra loro. Ricordiamo però che i dati possono essere prelevati oltre che dai dispositivi appena elencati anche da altri supporti, ovvero da dischi magnetici, minidischi magnetici, nastri magnetici, DVD-ROM ecc., che costituiscono, come si vedrà nel seguito, quelle che vengono definite memorie di massa. Pertanto, da questo punto di vista, altre possibili unità di ingresso sono il lettore di dischi, il lettore di minidischi, il lettore di nastri, il lettore di DVD-ROM ecc. 3. Le unità di uscita Le unità di uscita permettono l emissione dei risultati finali di un elaborazione dal sistema verso l esterno. E intuitivo comprendere quale sia l importanza di riuscire a presentare i risultati di una elaborazione di dati in una forma comprensibile ed ordinata. Per fare ciò, l unità di uscita preleva i risultati della memoria centrale e li riporta su un supporto adatto. Le periferiche di output più diffuse sono il monitor e la stampante. Il monitor o schermo video è il dispositivo di output più diffuso e più apprezzato dall utente finale, in quanto grazie ad esso è possibile visualizzare in modo naturale i risultati dell elaborazione o seguire in tempo reale lo stato di esecuzione di un certo programma. Esistono due tipi di schermi: quello con Un monitor CRT tubo a raggi catodici (CRT = Cathod Ray Tube) e quello a cristalli liquidi ( LCD = Liquid Crystal Display). Il monitor CRT è ancora oggi il più diffuso e si basa sulla tecnologia tradizionale che esiste anche nei comuni televisori e che ricopre il tubo catodico di una miriade di sottili strisce di fosforo (di colore rosso, verde e blu) che opportunamente sparate da cannoni vanno a riprodurre sul vetro dei piccolissimi punti, detti pixel, di colore diverso e che nell insieme delle sovrapposizioni forniscono a video l immagine desiderata.

18 18 Parte Prima - Introduzione all informatica Il pixel di colore emesso sullo schermo non dura oltre qualche frazione molto piccola di secondo, motivo per il quale l immagine deve essere riprodotta nuovamente e tante volte nell arco dello stesso secondo. Cosa è la frequenza di refresh di un monitor? La frequenza di refresh è la frequenza con la quale l immagine viene ripetuta in un secondo. Frequenze tipiche dei monitor moderni sono Hz, che indicano che l immagine viene ripetutamente riprodotta volte in un secondo. L immagine viene tracciata dall alto verso il basso e dalla destra verso sinistra. Nei modelli con frequenza di refresh «interlacciata» si eseguono due passate per visualizzare l immagine sullo schermo: nella prima passata si formano le righe pari, mentre nella seconda si formano le righe dispari. La dimensione di ogni punto è detta dot pitch (dpi) ed influenza la nitidezza dell immagine. Generalmente un monitor di buona qualità presenta il valore di dot pitch inferiore a 0,26 millimetri. Un altra caratteristica da prendere in esame a proposito del monitor riguarda la risoluzione, ovvero il numero di pixel contenuti nello schermo che in genere è 640x480 (per i monitor da 14 ), 800x600 (per i monitor da 15 ), 1024x768 (per i monitor da 17 ), 1280x1024 (per i monitor da 19 e superiori). Come si misura la dimensione di un monitor? Per monitor, come per i normali televisori, l unità di misura è costituita dalla lunghezza in pollici della diagonale dello schermo, che si indica con il simbolo. Pertanto, i computer oggi sono equipaggiati con monitor da 14, 15, 17, 19 e 21 pollici. Il monitor più diffuso oggi, sia nei luoghi di lavoro che tra le mura domestiche, ha dimensioni di 19. Più bassa è la risoluzione, più grandi sono i pixel (e quindi le singole componenti delle immagini) e l immagine nel suo complesso. Man mano che aumenta la risoluzione, l immagine, sfruttando pixel di dimensioni ridotte, risulta più piccola. Affianco agli schermi CRT, hanno trovato ormai rapida diffusione i monitor LCD che offrono, a differenza dei display tradizionali, vantaggi in termini di leggibilità dell immagine (con alti valori di contrasto), di ingombro ridotto (basandosi su schermi piatti) e di scarsi consumi energetici. La stampante è il dispositivo utilizzato per visualizzare i risultati delle elaborazione su carta. I dispositivi di stampa utilizzano molte e differenti tecnologie. Un monitor LCD Nel corso del tempo si sono succedute tante tipologie di stampanti, utili a seconda dei casi e disponibili in diverse epoche storiche. Ricordiamo in ordine cronologico stampanti: ad aghi; a catena;

19 ad impatto; termiche; a getto d inchiostro; laser. Capitolo Secondo - Come è fatto un computer 19 Le stampanti a getto d inchiostro (inkjet) da una ventina d anni a questa parte costituiscono un efficiente risposta, in termini di rapporto costi/benefici, al bisogno dell utenza di ottenere nel contempo sia grafici che documenti di testo in stampa. Si tratta di stampanti dotate di cartucce sia in bianco e nero che a colori, per cui risulta estremamente agevole ed utile per l utente finale ottenere (anche con poche decine di euro di costo) stampe di qualità ed a colori. Come funzionano le stampanti a getto di inchiostro? Le stampanti a getto di inchiostro sfruttano la presenza di una testina di stampa con tre o quattro getti d inchiostro diversi (rosso, verde, blu e nero) che, attraverso piccolissimi ugelli, spruzza sottili getti sulla carta. Ogni cartuccia possiede circa una cinquantina di effusori sottilissimi, ciascuno dei quali, dopo un opportuno segnale digitale trasmesso dal processore presente nella stampante libera un getto d inchiostro. Il vantaggio di una stampante inkjet risiede nell estrema silenziosità dei processi di stampa e nella buona qualità di scrittura che giustifica il ricorso a tali dispositivi anche qualora si vogliano stampare grafici (diagrammi, istogrammi, disegni) o immagini fotografiche. Le stampanti laser associano ad un eccellente qualità di stampa, caratteristiche di velocità ed affidabilità, oltre che limitati costi di gestione. Come funzionano le stampanti laser? Una stampante a getto di inchiostro Le stampanti laser sfruttano un principio di funzionamento abbastanza simile a quello delle comuni macchine fotocopiatrici. La stampa è ottenuto attraverso tre passaggi successivi: dapprima l immagine da stampare è disegnata con il laser (simile ad un pennello di luce) su un rullo cilindrico ricoperto di materiale fotosensibile e che pertanto viene caricato elettrostaticamente nei punti dove viene colpito. In un secondo passaggio, la polvere nera speciale del toner è attirata dalle zone elettrizzate, depositandosi su di esse. Alla fine del ciclo, l immagine è trasferita sulla carta del foglio che viene avvicinata attorno al rullo cilindrico in movimento e fissata sul foglio stesso ad alta temperatura. La qualità di stampa ottenuta con una stampante laser è ottima, raggiungendo una densità di stampa di 1200 dpi (dots per inch), ovvero 1200 punti per pollice.

20 20 Parte Prima - Introduzione all informatica Un altro parametro importante per valutare stampanti laser è la velocità che si misura in numero di pagine per minuto. Tale valore oscilla tra 4 pagine sino ad alcune decine di pagine al minuto. Esistono periferiche che sono contemporaneamente di input e output? Esistono periferiche che possono essere contemporaneamente sia di input che di output. Un esempio tipico è il touchscreen, cioè una sorta di monitor che permette di impartire i comandi al computer agendo direttamente sullo schermo. Per fare un esempio, se sullo schermo è presente un pulsante sul quale normalmente faremo clic con il mouse, con il touchscreen possiamo pigiare direttamente questo pulsante virtuale con un dito. Quindi, da un lato possiamo immettere direttamente i comandi sullo schermo (input), e dall altro, possiamo sempre sul medesimo schermo visualizzare i risultati dell elaborazione come su un normale monitor (output). Un tipico esempio di monitor touch screen è quello di cui sono dotati gli sportelli automatici delle banche e le biglietterie veloci delle stazioni dei treni. 4. La memoria centrale La memoria centrale è quell unità il cui scopo è di conservare, mantenendoli inalterati per un tempo più o meno lungo, i dati precedentemente immessi attraverso l unità di ingresso. L aggettivo «centrale» è motivato dalla presenza di altre memorie, di cui si parlerà nel seguito, che non hanno, invece, i caratteri tipici della memoria centrale. La memoria centrale è anche definita come memoria ad accesso diretto o RAM (Random Access Memory): essa è divisa in cellette elementari che permettono di memorizzare i programmi che di volta in volta devono essere eseguiti ed i dati su cui devono essere effettuate le elaborazioni del caso. Infatti, è importante sottolineare che la memoria centrale, al momento dello spegnimento del sistema, con la conseguente caduta Uno stick di RAM DIMM di alimentazione, perde il suo contenuto: per tale caratteristica, le memorie RAM vengono definite come volatili. Ogni cella, detta anche locazione di memoria, ha un indirizzo che la identifica univocamente. Questi indirizzi hanno una numerazione strettamente crescente e quindi l indirizzo con il più alto valore indica anche la capacità di memorizzazione del sistema. Quest ultima è sempre espressa con un valore multiplo di 1.024, che viene pertanto convenzionalmente indicato con la sigla KiloByte o più semplicemente KB. Ancora, si è deciso di utilizzare la sigla MegaByte (o più semplicemente MB) per indicare KB, all incirca uguale ad un milione di locazioni (pari precisamente a Byte). Attualmente, si sta assistendo ad una riduzione dei costi delle memorie centrali RAM, accompagnato da una necessità sempre più crescente da parte dell utenza di memorie RAM di grosse capacità. Non bisogna perciò meravigliarsi se, sulle riviste specializzate o sui depliant promozionali, si legge sempre più frequentemente di nuovi sistemi di elaborazione con capacità di memoria RAM dell ordine di miliardi di byte.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Informatica. PARSeC Research Group

Informatica. PARSeC Research Group Informatica Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta Formazione Europea e Mediterranea Jean Monnet PARSeC Research Group Introduzione: L informatica

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT Roberto Albiero 1. Concetti generali 1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione Chi avrebbe pensato, solo quindici anni fa, alla possibilità

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

NONNI SU INTERNET. Guida pratica all uso del PC. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET. Guida pratica all uso del PC. Fondazione Mondo Digitale Nonni su Internet NONNI SU INTERNET Guida pratica all uso del PC Fondazione Mondo Digitale Guida pratica all uso del PC Questo manuale è a cura della Fondazione Mondo Digitale, con la supervisione del

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

COS'É UN COMPUTER? Struttura e Software

COS'É UN COMPUTER? Struttura e Software COS'É UN COMPUTER? Struttura e Software Un computer è un apparecchio elettronico che, strutturalmente, non ha niente di diverso da un televisore, uno stereo, un telefono cellulare o una calcolatrice, semplicemente

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli