PON PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PON 2014-2020 PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento STRATEGIA DI COMUNICAZIONE"

Transcript

1 PON PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Sonia Schirato Roma, 11 Aprile 2016

2 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia di comunicazione condivide e sostiene gli obiettivi e le priorità di investimento del PON Per la Scuola attraverso l informazione e la pubblicizzazione del Programma, degli interventi realizzati e dei risultati. La Strategia di comunicazione si colloca all interno del quadro del rinnovato impegno della Commissione europea AL FINE DI sostenere la democrazia, la trasparenza e l efficacia delle proprie azioni puntando a garantire massima visibilità e partecipazione sia ai diretti beneficiari delle opportunità offerte dal Programma, sia più in generale alla cittadinanza.

3 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ Dall esigenza di garantire trasparenza e fornire all utente uno strumento di navigazione immediato ed intuitivo in grado di valorizzare le informazioni trasformandole in servizi, nasce PON in chiaro

4 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ

5 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio Articolo Informazione e comunicazione Articolo Strategia di comunicazione Articolo Funzionari incaricati dell'informazione e della comunicazione e relative reti Allegato XII Informazioni e comunicazione sul sostegno fornito dai fondi Regolamento di esecuzione (UE) n.821/2014 della Commissione Indica le caratteristiche tecniche delle misure di informazione e di comunicazione per le operazioni e il sistema di registrazione e memorizzazione dei dati. La Strategia di comunicazione del PON "Per la Scuola" è stata definita in conformità con la disciplina europea ed è stata approvata in occasione del primo Comitato di Sorveglianza - 28 maggio 2015.

6 CARATTERISTICHE DELLA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE La Strategia di comunicazione si configura come un piano di azioni pluriennale, volto alla promozione del PON Per la Scuola durante tutto il periodo di programmazione. Garanzia di trasparenza Rivolta a tutto il territorio nazionale Percorso sostenuto da azioni di monitoraggio e valutazione STRATEGIA DI COMUNICAZIONE PLURIENNALE Adeguata ad un programma plurifondo Partecipata attraverso il coinvolgimento degli stakeholders Mirata al raggiungimento di gruppi target specifici Funzionale alla promozione dello sviluppo ecosostenibile

7 FINALITÀ DELLA STRATEGIA L attività di comunicazione rappresenta - a norma dei regolamenti comunitari un elemento essenziale di ogni intervento finanziato con i Fondi Strutturali europei L approccio metodologico individuato per la Strategia di comunicazione risponde a 3 FINALITÀ: FAR CONOSCERE LE AZIONI DEL PON FAR COMPRENDERE COME PARTECIPARE SOSTENERE L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

8 IL SITO 1ATTRAVERSO FAR CONOSCERE LE AZIONI DEL PON

9 1 Cliccando EVENTI

10 Cliccando IL PON SI RACCONTA 1

11 Cliccando MATERIALE INFORMATIVO 1

12 1 FAR CONOSCERE LE AZIONI DEL PON Cataloghi dei progetti FSE e FESR Le esperienze significative realizzate dalle scuole

13 1 FAR CONOSCERE LE AZIONI DEL PON Testimonianze Raccolte

14 1 FAR CONOSCERE LE AZIONI DEL PON

15 STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE 2 FAR COMPRENDERE 3 SOSTENERE COME PARTECIPARE L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DISSEMINAZIONE IN PRESENZA Evento di lancio e convegni Manifestazioni e concorsi Evento annuale Seminari tematici Stand mobili MEDIA Stampa, radio e televisione Web e comunicazione digitale Open data - «Pon in Chiaro», «AdG Trasparente» MATERIALE INFORMATIVO E PROMOZIONALE Brochure, booklet, volantini, infografica Linea grafica e kit di documenti ALTRI CANALI Help desk FAQ, schede e tutorial Introduzione di strumenti di videoconferenza (es. Skype)

16 Adempimenti dell istituto scolastico beneficiario

17 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Adempimenti dell istituto scolastico beneficiario Le azioni di pubblicità rappresentano un obbligo per le scuole beneficiarie e sono finanziate attraverso la voce di spesa «pubblicità» dei progetti autorizzati. Tali azioni prevedono una programmazione durante tutte le fasi del progetto. FASE DI AVVIO Comunicazioni alle famiglie e al territorio, pubblicazione dei documenti formali (in particolare i bandi per l acquisizione di beni e/o servizi); NEL CORSO DELLA PROGRAMMAZIONE Mettere in evidenza le attività in corso Attraverso il sito web, la stampa locale; FASE FINALE Evidenziare i risultati raggiunti attraverso mostre, spettacoli, giornate «porte aperte» e altre manifestazioni.

18 SPAZI PER LA PUBBLICITÀ E SITO WEB Il sito web della scuola è lo strumento indispensabile per la pubblicizzazione dei PON: sulla home page del sito della scuola deve essere evidenziata una rubrica PON nella quale saranno inserite informazioni e illustrati i vari progetti

19

20

21 I documenti, sia in formato elettronico che cartaceo, prodotti nell ambito del progetto PON devono menzionare il cofinanziamento del FESR/FSE. È obbligatorio collocare, preferibilmente in alto ed in orizzontale il logo così articolato: l emblema dell Unione Europea (riproduzione a norma); il logo del PON Scuola; il logo del MIUR; il titolo del Programma; il fondo (FESR) Il logo deve essere (artt. 3, 4 e 5 Regolamento di Esecuzione UE 821/2014 sempre a colori, tranne casi giustificati di monocromia; in posizione di primo piano, sempre chiaramente visibile; di proporzioni adeguate rispetto alle dimensioni del materiale/documento utilizzato; in un sito web, deve essere visibile all'interno dell'area di visualizzazione del dispositivo digitale, senza che l'utente debba scorrere la pagina verso il basso; se in aggiunta ci sono altri logo firma, esso deve presentare almeno dimensioni uguali, in altezza o larghezza, a quelle del più grande degli altri logotipi. Per facilitare le scuole è stato creato un logo che assicura una visibilità unitaria a tutte le iniziate finanziate dal PON Per la scuola - Competenze e ambienti per l'apprendimento": reperibile alla pagina x_info_spot in KIT PUBBLICITA'- Loghi

22 I documenti, prodotti nell ambito del progetto PON devono menzionare il cofinanziamento del FESR/FSE.

23 SPAZI PER LA PUBBLICITÀ Nella scuola devono essere presenti appositi spazi dedicati alla pubblicità e all informazione sulle attività realizzate con i fondi PON (bacheca, schermo, giornalino)

24 SPAZI PER LA PUBBLICITÀ Un cartello o una targa sulla facciata della scuola che evidenzi l uso dei Fondi Strutturali Europei e all ingresso di spazi allestiti con i fondi (ad es. laboratori multimediali)

25 SPAZI PER LA PUBBLICITÀ Una targa su attrezzature e materiali acquistati con i fondi strutturali europei nell ambito del PON «Per la Scuola»

26 MATERIALI PER LA PUBBLICITÀ

27 PER SAPERNE DI PIÙ Puoi iscriverti anche alla nostra newsletter: mazione_2014_2020/newsletter

28 Grazie

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U)

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U) MIUR.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U).0011805.13-10-2016 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

VISTA la relazione di seguito riportata:

VISTA la relazione di seguito riportata: RITENUTO di dover provvedere in merito, con l adozione della presente decisione finale, in quanto trattasi di materia ricadente in quella di cui all art. 5/comma 1 della già richiamata L.R. n. 7/97. VISTA

Dettagli

POR CALABRIA FESR/FSE COMITATO DI SORVEGLIANZA. Informativa sullo stato di attuazione della Strategia di comunicazione

POR CALABRIA FESR/FSE COMITATO DI SORVEGLIANZA. Informativa sullo stato di attuazione della Strategia di comunicazione POR CALABRIA FESR/FSE 201-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Cosenza, 1 dicembre 2016 Informativa sullo stato di attuazione della Strategia di comunicazione Dati aggiornati al 30 Novembre 2016 Informativa sullo

Dettagli

POR SARDEGNA FESR 2007-2013 RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE AL 31.12.2007. Estratto

POR SARDEGNA FESR 2007-2013 RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE AL 31.12.2007. Estratto REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SARDEGNA UNIONE EUROPEA POR SARDEGNA FESR 2007-2013 RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE AL 31.12.2007 Estratto Giugno 2008 5. INFORMAZIONE E PUBBLICITA Nel corso del 2007 è stata

Dettagli

PO FSE della Provincia Autonoma di Bolzano Manuale per le misure di informazione e comunicazione e l utilizzo del logo

PO FSE della Provincia Autonoma di Bolzano Manuale per le misure di informazione e comunicazione e l utilizzo del logo PO FSE della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 Manuale per le misure di informazione e comunicazione e l utilizzo del logo 1 PO FSE della Provincia autonoma di Bolzano 2014-2020 Manuale per le misure

Dettagli

Linee guida per i beneficiari sulle responsabilità in materia di informazione e comunicazione

Linee guida per i beneficiari sulle responsabilità in materia di informazione e comunicazione sulle responsabilità in materia di informazione e comunicazione INDICE 3 INTRODUZIONE 4 OBBLIGHI DEI BENEFICIARI 6 UTILIZZO DEL E DEL CLAIM 11 CARTELLONISTICA 14 SITO WEB 15 PRODUZIONE DI MATERIALE FOTOGRAFICO

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 Allegato A PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 1. Obiettivi della misura Ai sensi dell art. 66 del Reg CE 1698/2005 gli interventi dell

Dettagli

Il nuovo sito PON. Guida alla navigazione

Il nuovo sito PON. Guida alla navigazione Il nuovo sito PON Guida alla navigazione Introduzione La presente guida ha lo scopo di illustrare la struttura del nuovo sito PON e la sua organizzazione, per rendere così la navigazione ancora più semplice

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO AVVIO DEL PROGRAMMA E RELATIVE PROCEDURE L AVVIO DEL PROGRAMMA Incontri con il partenariato istituzionale,

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Programmazione e Finanze PO FSE BASILICATA

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Programmazione e Finanze PO FSE BASILICATA REGIONE BASILICATA Dipartimento Programmazione e Finanze PO FSE BASILICATA 2014 2020 Piano annuale di 1. Piano annuale di 1.1. Pianificazione annuale L anno sarà un anno significativo per le attività di

Dettagli

KIT DI COMUNICAZIONE

KIT DI COMUNICAZIONE KIT DI COMUNICAZIONE KIT DI COMUNICAZIONE PER I BENEFICIARI FINALI Nell accettare un finanziamento pubblico derivante dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) il beneficiario accetta l inclusione

Dettagli

PERCORSO IN... PROGETTAZIONE... EUROPEA...

PERCORSO IN... PROGETTAZIONE... EUROPEA... PERCORSO IN... PROGETTAZIONE... EUROPEA... I fondi diretti 2014-2020... e la buona proposta di successo... INTRODUZIONE Con la nuova programmazione comunitaria, tra il 2014 e il 2020 l Unione europea investirà

Dettagli

Strategia di comunicazione Programmazione FSE

Strategia di comunicazione Programmazione FSE Comitato di Sorveglianza Programma Operativo 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Strategia di comunicazione Programmazione FSE 2014-2020 Bologna, 05 giugno 2015 Approccio STRATEGIA MONOFONDO > Risponde a

Dettagli

Piano di comunicazione Anno 2016 POR FSE

Piano di comunicazione Anno 2016 POR FSE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Piano di

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 Investiamo nel vostro futuro IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento Torino - 8-9 aprile 2015 L attività

Dettagli

Il Piano di Rafforzamento Amministrativo del Piemonte

Il Piano di Rafforzamento Amministrativo del Piemonte fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020 FONDO SOCIALE EUROPEO e FONDO EUROPEO SVILUPPO REGIONALE Il Piano di Rafforzamento Amministrativo del Piemonte Luciano Conterno Capo di Gabinetto della

Dettagli

Il Sistema per la gestione, documentazione e monitoraggio GPU Caterina Orlandi INDIRE Verona, 21 novembre 2014

Il Sistema per la gestione, documentazione e monitoraggio GPU Caterina Orlandi INDIRE Verona, 21 novembre 2014 PON Per la Scuola - Competenze e ambienti per l Apprendimento Il Sistema per la gestione, documentazione e monitoraggio GPU 2014-2020 Caterina Orlandi INDIRE Verona, 21 novembre 2014 Regolamento 1303/2013

Dettagli

PRODOTTI DI COMUNICAZIONE. Versione aggiornata al: 01 agosto 2014 YG - PRODOTTI DI COMUNICAZIONE CATALOGO 1

PRODOTTI DI COMUNICAZIONE. Versione aggiornata al: 01 agosto 2014 YG - PRODOTTI DI COMUNICAZIONE CATALOGO 1 PRODOTTI DI COMUNICAZIONE Versione aggiornata al: 01 agosto 2014 YG - PRODOTTI DI COMUNICAZIONE CATALOGO 1 SOMMARIO CATALOGO PRODOTTI DI COMUNICAZIONE 1. QUESTO CATALOGO 2. L IDENTITÀ VISIVA DELLA GARANZIA

Dettagli

Programmazione

Programmazione PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Per la Scuola, competenze e ambienti per l apprendimento Programmazione 2014-2020 FESR MANUALE OPERATIVO FUNZIONE AGGIORNAMENTI 27/10/2016 1 2 Sommario 1. Premessa... 4 2.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE P.A. COPPOLA Via Medaglie d Oro, 25 C A T A N I A

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE P.A. COPPOLA Via Medaglie d Oro, 25 C A T A N I A Prot. n. 4664 A/22 Catania 21/11/2013 OGGETTO: Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 Programma Operativo Nazionale: Ambienti per l Apprendimento Asse I Obiettivo A 1 Dotazioni tecnologiche e laboratori

Dettagli

PON PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento LA VALUTAZIONE DEL PON SCUOLA

PON PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento LA VALUTAZIONE DEL PON SCUOLA PON 2014-2020 PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento LA VALUTAZIONE DEL PON SCUOLA 2014 2020 Loredana Boeti Roma, 11 Aprile 2016 IL QUADRO DI RIFERIMENTO La nuova programmazione 2014-2020

Dettagli

POR FESR Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2016 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Comunicazione digitale 3 Relazione con i media

Dettagli

Linee guida e manuale d uso comunicazione a cura dei Beneficiari

Linee guida e manuale d uso comunicazione a cura dei Beneficiari Segretariato generale - Servizio II Programmazione strategica nazionale e comunitaria PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA E SVILUPPO FESR 2014-2020 (CCI: 2014IT16RFOP001) Decisione C(2015) 925 del 12

Dettagli

Bando di concorso e Regolamento di Partecipazione del Concorso a Premi IN LUCE indetto da Liceo artistico Istituto d Arte Pino Pascali Bari

Bando di concorso e Regolamento di Partecipazione del Concorso a Premi IN LUCE indetto da Liceo artistico Istituto d Arte Pino Pascali Bari LICEO ARTISTICO ISTITUTO D'ARTE PINO PASCALI Con l'europa, investiamo nel vostro futuro 70123 Bari, Corso Vittorio Veneto 14, tel. 080 5793902 501 BASD01000A serale:basd01050q c.c.p. 12902706 c.f. 80006080727

Dettagli

Disposizioni in materia di informazione e pubblicità nell ambito del Programma di sviluppo rurale (PSR)

Disposizioni in materia di informazione e pubblicità nell ambito del Programma di sviluppo rurale (PSR) Disposizioni in materia di informazione e pubblicità nell ambito del Programma di sviluppo rurale (PSR) 2007-2013 1. Obblighi generali dei beneficiari I beneficiari, pubblici o privati, delle misure del

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LAURA PALCHETTI E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 02/06/1974 l.palchetti@provincia.fi.it ISTRUZIONE

Dettagli

Scheda progetto Interregionale/ transnazionale

Scheda progetto Interregionale/ transnazionale Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 52/72 del 23.12.2011 Scheda progetto Interregionale/ transnazionale Modelli di semplificazione dei costi ed analisi delle relative procedure di gestione e controllo in

Dettagli

LINEA INTERREGIONALITA

LINEA INTERREGIONALITA PON Governance e Assistenza tecnica (FESR) 2007-2013 Obiettivo 1 Convergenza - Azioni mirate di rafforzamento della governance multilivello e delle filiere di attuatori dei programmi operativi Linea 2.

Dettagli

OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ LINEE GUIDA PER I BENEFICIARI

OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ LINEE GUIDA PER I BENEFICIARI OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ LINEE GUIDA PER I BENEFICIARI PSR 2014-2020 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE PUGLIA I regolamenti europei (nn. 1305/2013 e 808/2014 - allegato III e ss.mm.i.)

Dettagli

G.Reale Centro Studi ottobre 2014

G.Reale Centro Studi ottobre 2014 MONITORAGGIO FONDI EUROPEI IN CAMPANIA AD OTTORE 2014 1 Fondi 2007-2013) Dall ultimo monitoraggio sull attuazione della spesa dei fondi europei 2007-2013, pubblicato a luglio 2014 dall Ispettorato Generale

Dettagli

La comunicazione del Por Fesr

La comunicazione del Por Fesr La comunicazione del Por Fesr 2007-2013 Attività realizzate e risultati raggiunti Anna Maria Linsalata Responsabile Comunicazione Por Fesr Comitato di sorveglianza Bologna, 17 marzo 2017 Il piano di comunicazione

Dettagli

Piano di Sviluppo Rurale della Regione Toscana Firenze 11 settembre 2013

Piano di Sviluppo Rurale della Regione Toscana Firenze 11 settembre 2013 Piano di Sviluppo Rurale della Regione Toscana 2007-2013 Firenze 11 settembre 2013 Obiettivo operativo portare a conoscenza dei cittadini e dei beneficiari, attuali e potenziali, le opportunità di cofinanziamento,

Dettagli

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE ANNO 2007 Art. 1 Obiettivi e oggetto del bando All interno delle azioni comuni dei cinque CSV della Campania, al fine di favorire il protagonismo delle esperienze

Dettagli

LINEE GUIDA per i Beneficiari dei Fondi FEASR

LINEE GUIDA per i Beneficiari dei Fondi FEASR Azioni informative e pubblicitarie a cura dei beneficiari Fondo FEASR e pubblicitaria, i seguenti elementi: a)l'emblema dell'unione; b) il logo della Repubblica Italiana; c) il logo della Regione Lazio;

Dettagli

SCHEDA di presentazione progetto

SCHEDA di presentazione progetto Mod. A2 PGZ SCHEDA di presentazione progetto 1 Codice Progetto 1 2 Titolo del Progetto 3 Riferimenti del compilatore 2 Nome Cognome Recapito telefonico Recapito e-mail Funzione 4 Soggetto proponente 3

Dettagli

Titolo del servizio Comunico. Piattaforma APACI

Titolo del servizio Comunico. Piattaforma APACI Titolo del servizio Comunico Piattaforma APACI Introduzione Con Comunico cittadini, imprese, liberi professionisti e associazioni possono inviare documenti alla Pubblica Amministrazione Toscana attraverso

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

Iniziativa interregionale PON 4 ALL e Piano regionale di informazione

Iniziativa interregionale PON 4 ALL e Piano regionale di informazione Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell Unione Europea Iniziativa

Dettagli

FORMAZIONE FROFESSIONALE,FSE ED ALTRI COFINAN.TI DETERMINAZIONE. Estensore SEGUITI ALESSANDRO. Resposabile del procedimento ORNELLA GUGLIELMINO

FORMAZIONE FROFESSIONALE,FSE ED ALTRI COFINAN.TI DETERMINAZIONE. Estensore SEGUITI ALESSANDRO. Resposabile del procedimento ORNELLA GUGLIELMINO REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO SOCIALE FORMAZIONE FROFESSIONALE,FSE ED ALTRI COFINAN.TI PROGRAMMAZIONE FORMAZIONE DETERMINAZIONE N. D2825 del 01/09/2008 Proposta n.

Dettagli

PILASTRI DELLA POLITICA

PILASTRI DELLA POLITICA PILASTRI DELLA POLITICA DI SOSTEGNO EUROPEA STRATEGIA DI LISBONA 13.12.2007 firma del Trattato di Lisbona 1.12.2009 entrata in vigore del Trattato che modifica il Trattato sull UE e del Trattato che istituisce

Dettagli

Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1

Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale Lavoro, Formazione, Università e Ricerca Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1 Misure per

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale-Abruzzo (Decisione, C(2015) ) STRATEGIA DI INFORMAZIONE E PUBBLICITA (Reg. UE 808/2014 art.

Programma di Sviluppo Rurale-Abruzzo (Decisione, C(2015) ) STRATEGIA DI INFORMAZIONE E PUBBLICITA (Reg. UE 808/2014 art. Allegato A determina DPD/158/2016 del 04/07/2016 Programma di Sviluppo Rurale-Abruzzo 2014-2020 (Decisione, C(2015) 7994 13.11.2015) STRATEGIA DI INFORMAZIONE E PUBBLICITA (Reg. UE 808/2014 art. 13) Manuale

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 39 del 02/02/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 39 del 02/02/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 39 del 02/02/2016 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 16 - Direzione Generale Autorità di Gestione Fondo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO FUNZIONE. Variazione importi procedure di gara FESR

MANUALE OPERATIVO FUNZIONE. Variazione importi procedure di gara FESR MANUALE OPERATIVO FUNZIONE Variazione importi procedure di gara FESR Sommario 1. Premessa... 3 2. Richiesta variazione finanziaria lotti di gara... 4 2.1. Accesso al sistema... 4 2.2. Area Gestione progetti

Dettagli

AVVISO POR SARDEGNA FSE AIUTI DE MINIMIS PER IL RAFFORZAMENTO DELLE FUNZIONI DI RICERCA E

AVVISO POR SARDEGNA FSE AIUTI DE MINIMIS PER IL RAFFORZAMENTO DELLE FUNZIONI DI RICERCA E ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONAL E, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO FORMAZIONE 2016 AVVISO POR SARDEGNA FSE 2014-2020 AIUTI DE MINIMIS PER IL RAFFORZAMENTO

Dettagli

CON L EUROPA INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO! Prot. n. 2780/A36 BOVALINO 17/05/2014

CON L EUROPA INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO! Prot. n. 2780/A36 BOVALINO 17/05/2014 CON L EUROPA INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO! Prot. n. 2780/A36 BOVALINO 7/05/204 ALL ALBO AL SITO WEB DELL ISTITUTO OGGETTO: PON-FESR Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo Operativo E- FESR-204-25

Dettagli

I fondi europei 2014-2020

I fondi europei 2014-2020 Giuliano Bartolomei - Alessandra Marcozzi I fondi europei 2014-2020 Guida operativa per conoscere ed utilizzare i fondi europei 2 a edizione ampliata ed aggiornata dopo l approvazione dei Programmi Operativi

Dettagli

Piano di Comunicazione PSR Veneto 2007 2013

Piano di Comunicazione PSR Veneto 2007 2013 Piano di Comunicazione PSR Veneto 2007 2013 28 giugno 2012 RAE 2011 Target PdC PSR Veneto Beneficiari potenziali beneficiari Portatori d interesse Collettività cittadinanza della regione 1 Sistemi Informativi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE Cecilia Deganutti. Determina a contrarre

ISTITUTO TECNICO STATALE Cecilia Deganutti. Determina a contrarre Prot. n. 0003407/C144 Udine, 19 aprile 2016 Determina a contrarre C U P : I 2 6 J 1 6 0 0 0 3 2 0 0 0 7 C I G : Z 9 8 1 9 8 6 A 0 9 Codice identificativo progetto autorizzato: 10.8.1.A3-FESRPON-FR-2015-8

Dettagli

03/12/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97. Regione Lazio

03/12/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 20 novembre 2015, n. G14284 Strategia di comunicazione programmazione FSE 2014-2020

Dettagli

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Animatore digitale d istituto triennio 2016-2019 docente Scafuto Teresa Premessa Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO 2010 AZIONE PROVINCEGIOVANI. Assistenza Tecnica

AVVISO PUBBLICO 2010 AZIONE PROVINCEGIOVANI. Assistenza Tecnica AVVISO PUBBLICO 2010 AZIONE PROVINCEGIOVANI iniziativa promossa da UPI e finanziata dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Protocollo d Intesa 2007) giunta alla terza

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE REGOLE PER LA COMUNICAZIONE

PRESENTAZIONE DELLE REGOLE PER LA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE DELLE REGOLE PER LA COMUNICAZIONE PERCHE DELLE REGOLE PER LA COMUNICAZIONE? La comunicazione è un elemento indispensabile per il raggiungimento e l incremento del livello di impatto e visibilità

Dettagli

A) iniziative volte a sviluppare azioni di informazione per migliorare la conoscenza e favorire la divulgazione dei prodotti DOP e IGP

A) iniziative volte a sviluppare azioni di informazione per migliorare la conoscenza e favorire la divulgazione dei prodotti DOP e IGP A LLEGATO C SPESE AMMESSE E PERCENTUALI DI CONTRIBUTO PER LE INIZIATIVE PREVISTE ALL ARTICOLO 2 DEL PRESENTE DECRETO IN CONFORMITA AI REGOLAMENTI (UE) N. 702/2014 e N. 651/2014 A) iniziative volte a sviluppare

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N DEL 16/03/2016

DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N DEL 16/03/2016 Direzione Generale della Pubblica Istruzione DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N. 2814 DEL 16/03/2016 Oggetto: Avviso Tutti a Iscol@ - P.O.R. FSE 2014-2020 - Obiettivo Investimenti in favore della crescita e

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del 24502 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del 18-5-2017 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE E DEL BENESSERE 9 maggio 2017, n. 502 Approvazione Avviso Pubblico per

Dettagli

Risultati Attesi, Azioni, Indicatori di risultato

Risultati Attesi, Azioni, Indicatori di risultato Il processo di valutazione ex ante dei PO 2014-2020: confronto su questioni metodologiche comuni e interazione tra valutazione e programmazione Risultati Attesi, Azioni, Indicatori di risultato Anna Ceci,

Dettagli

2a Sessione Annuale di Sorveglianza Politica Regionale Unitaria delle Marche. CONOSCERE PER COMPETERE Le Marche in Europa, l Europa nelle Marche

2a Sessione Annuale di Sorveglianza Politica Regionale Unitaria delle Marche. CONOSCERE PER COMPETERE Le Marche in Europa, l Europa nelle Marche 2a Sessione Annuale di Sorveglianza Politica Regionale Unitaria delle Marche CONOSCERE PER COMPETERE Le Marche in Europa, l Europa nelle Marche Sergio Bozzi REGIONE MARCHE - P.F. POLITICHE COMUNITARIE

Dettagli

CONFINDUSTRIA CASERTA A ENERGYMED Mostra d Oltremare - Napoli - 31 Marzo> 2 Aprile 2016

CONFINDUSTRIA CASERTA A ENERGYMED Mostra d Oltremare - Napoli - 31 Marzo> 2 Aprile 2016 CONFINDUSTRIA CASERTA A ENERGYMED Mostra d Oltremare - Napoli - 31 Marzo> 2 Aprile 2016 L ANEA- Agenzia Napoletana Energia e Ambiente propone la partecipazione alla IX edizione di EnergyMed, con condizioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA e PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

PROTOCOLLO D INTESA tra. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA e PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA e PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ Visto la delibera la Delibera CIPE n. 20 del 2004 relativa alla Ripartizione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Treviso 30/04/2016 Al Consiglio di Istituto Al Direttore S.G.A. All Albo Al Sito web P.O.N. PER LA SCUOLA, COMPETENZE ED AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO 2014-2020 Oggetto: Finanziamento P.O.N. Realizzazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. 0001188 Roma, 20/02/2012 AI Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Primarie e Istituti Comprensivi e, p.c. Al Direttore Generale Direzione Generale

Dettagli

Revisione degli indicatori di realizzazione e di risultato approvata dal CdS. PON FESR Ambienti per l apprendimento

Revisione degli indicatori di realizzazione e di risultato approvata dal CdS. PON FESR Ambienti per l apprendimento Revisione degli indicatori di realizzazione e di risultato approvata dal CdS Nota apertura procedura scritta: Prot./AOODGAI/3694 del 20 marzo 2012 Nota chiusura procedura scritta: Prot./AOODGAI/6117 dell

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie IL COORDINATORE DELL UFFICIO VISTO il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul

Dettagli

Norme di "informazione e pubblicità" a valere sulle iniziative del PSR 2007-13 ex Regolamento della Commissione europea n.

Norme di informazione e pubblicità a valere sulle iniziative del PSR 2007-13 ex Regolamento della Commissione europea n. AGGIUNGI VALORE AL TUO TERRITORIO FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE: L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA La ruralità locale tra innovazione e sviluppo Programma

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016

Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016 Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche

Dettagli

Manuale operativo Avviso pubblico per l individuazione degli Snodi formativi territoriali

Manuale operativo Avviso pubblico per l individuazione degli Snodi formativi territoriali Manuale operativo Avviso pubblico per l individuazione degli Snodi formativi territoriali Procedure per la candidatura Sommario 1. Premessa... 3 2. Inquadramento generale... 4 2.1. Obiettivo tematico 10.8

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PREMESSA Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare le competenze

Dettagli

POR FESR 2007/2013. Asse II Inclusione, Servizi Sociali, Istruzione e Legalità, Linea f. Avviso pubblico nella vita e nella casa

POR FESR 2007/2013. Asse II Inclusione, Servizi Sociali, Istruzione e Legalità, Linea f. Avviso pubblico nella vita e nella casa UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA POR FESR 2007/2013 Asse II Inclusione, Servizi Sociali, Istruzione e Legalità, Linea 2.2.2 f Avviso pubblico nella vita e nella casa Cagliari,

Dettagli

Fondi strutturali europei - PON

Fondi strutturali europei - PON Fondi strutturali europei - PON 2014-2020 Inviato da Uff. Comunicazione Ufficio Scolastico Regionale Liguria - Sito Istituzionale Per informazioni scrivere a: pon.liguria@gmail.com ( 27 febbraio) AVVISO

Dettagli

PROGETTO PERLE DI MOSAICO 2012 SCHEMA PROTOCOLLO D INTESA. L anno duemiladodici, il giorno del mese di, nella residenza

PROGETTO PERLE DI MOSAICO 2012 SCHEMA PROTOCOLLO D INTESA. L anno duemiladodici, il giorno del mese di, nella residenza Rep. N. PROGETTO PERLE DI MOSAICO 2012 SCHEMA PROTOCOLLO D INTESA L anno duemiladodici, il giorno del mese di, nella residenza municipale di Spilimbergo in Piazzetta Tiepolo n. 1 Tra i 1. Sig. COLUSSI

Dettagli

Avviso DOTE Learning Week Transnazionalità

Avviso DOTE Learning Week Transnazionalità Giugno 10 Avviso DOTE Learning Week Transnazionalità Pubblicato sul BURL - Sezione Inserzioni n. 26 del 30 giugno 2010 Organismo Intermedio Entertraining scarl Via Pordenone, 8 20132 Milano. Telefono +39

Dettagli

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Il Dirigente Generale / Servizio 1 DDG N. 2722 del _17_/10 /2016 OGGETTO. PO FSE 2014-2020, Azione 9.2.2. Avviso 10/2016 per la presentazione di operazioni per l inserimento socio-lavorativo dei soggetti

Dettagli

PERCORSI E-LEARNING. GESTIONE DEI FONDI SIE

PERCORSI E-LEARNING. GESTIONE DEI FONDI SIE Esperi@ - Rafforzamento della capacità istituzionale e amministrativa delle Regioni e degli enti locali del Mezzogiorno mediante il reclutamento di nuove figure professionali Linea 7 Alta Formazione Specialistica

Dettagli

Art. 1 Premessa. Art. 2 Obiettivi del Programma

Art. 1 Premessa. Art. 2 Obiettivi del Programma COMUNE DI ELVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 (ART. 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33) APPROVATO CON DELIBERA SINDACALE N. 1 DEL 30/01/2015 Art. 1 Premessa

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA Settore 6 Coordinamento e Sorveglianza POR (FESR e FSE 14/20) - PAC, FSC

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA Settore 6 Coordinamento e Sorveglianza POR (FESR e FSE 14/20) - PAC, FSC REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA Settore 6 Coordinamento e Sorveglianza POR (FESR e FSE 14/20) - PAC, FSC DECRETO DEL DIRIGENTE DI SETTORE (assunto il 06.06.2017 prot.

Dettagli

COMUNICAZIONE CHAMONIX, 6 OTTOBRE 2016

COMUNICAZIONE CHAMONIX, 6 OTTOBRE 2016 COMUNICAZIONE CHAMONIX, 6 OTTOBRE 2016 Autorité de gestion / Autorità di gestione ALCOTRA 2014-2020 * Signature provisoire : le nom de la Région sera fixé par décret en Conseil d État avant le 1er octobre

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina AMBITI E AZIONI Il presente piano presenta le azioni ritenute prioritarie e percorribili nel triennio 2016 2019. Esse sono aggregate con riferimento ai tre ambiti progettuali assegnati dal PNSD all animatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO (approvato dal consiglio direttivo dell 8 marzo 2016)

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO (approvato dal consiglio direttivo dell 8 marzo 2016) REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO (approvato dal consiglio direttivo dell 8 marzo 2016) ART. 1 OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è volto a sostenere

Dettagli

Programmi di Finanziamento dell Unione Europea Le Politiche Comunitarie di interesse per il Consiglio dell Ordine degli Psicologi dell Abruzzo

Programmi di Finanziamento dell Unione Europea Le Politiche Comunitarie di interesse per il Consiglio dell Ordine degli Psicologi dell Abruzzo Programmi di Finanziamento dell Unione Europea Le Politiche Comunitarie di interesse per il Consiglio dell Ordine degli Psicologi dell Abruzzo Il Consiglio degli Psicologi dell Abruzzo - organizza il corso

Dettagli

PROGETTO ISTRUZIONE DOMICILIARE LA SCUOLA FUORI DALLA SCUOLA

PROGETTO ISTRUZIONE DOMICILIARE LA SCUOLA FUORI DALLA SCUOLA Unione Europea Ministero dell Istruzione Regione Sardegna dell Università e della Ricerca IST. PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE SASSARI PROGETTO ISTRUZIONE DOMICILIARE LA SCUOLA

Dettagli

Punto 6.6. Piano di attività per il Partenariato

Punto 6.6. Piano di attività per il Partenariato Punto 6.6 Piano di attività per il Partenariato Comitato di Sorveglianza Attività svolte - Programmazione 2014-2020 10 incontri di consultazione del Partenariato dall ultimo Comitato di Sorveglianza, tenutosi

Dettagli

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Prot. (vedi segnatura) Udine, 13 luglio 2016 DETERMINA DIRIGENZIALE

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Prot. (vedi segnatura) Udine, 13 luglio 2016 DETERMINA DIRIGENZIALE Prot. (vedi segnatura) Udine, 13 luglio 2016 DETERMINA DIRIGENZIALE Oggetto: Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale "Per la scuola Competenze e ambienti per l'apprendimento" 2014-2020.

Dettagli

Piano di comunicazione

Piano di comunicazione REGIONE UMBRIA Giunta Regionale ALLEGATO 1 DOCUP OB. 2 (2000-2006) Complemento di Programmazione Piano di comunicazione Azioni di informazione e pubblicità Giugno 2002 INDICE INTRODUZIONE...1 1. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Comitato Unitario delle Professioni in collaborazione con

Comitato Unitario delle Professioni in collaborazione con Le agevolazioni ai professionisti nella nuova programmazione 2014-20202020 Comitato Unitario delle Professioni in collaborazione con www.finanziamentinews.it Dal 2016, iliberi professionisti possono accedere

Dettagli

Introduzione 2. Modulo 1 - Menù Veloce 2. Modulo 2 - Avvisi Importanti e Motore di Ricerca 2. Modulo 3 - Gestione Ticket 5

Introduzione 2. Modulo 1 - Menù Veloce 2. Modulo 2 - Avvisi Importanti e Motore di Ricerca 2. Modulo 3 - Gestione Ticket 5 Introduzione 2 Modulo 1 - Menù Veloce 2 Modulo 2 - Avvisi Importanti e Motore di Ricerca 2 Avvisi Importanti 2 Motore di ricerca 4 Modulo 3 - Gestione Ticket 5 Nuovo Ticket 5 Consultazione ticket 6 Download

Dettagli

LA DIRIGENTE Sezione Politiche Giovanili e Innovazione Sociale

LA DIRIGENTE Sezione Politiche Giovanili e Innovazione Sociale Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 18 del 9-2-2017 8983 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE POLITICHE GIOVANILI E INNOVAZIONE SOCIALE 1 febbraio 2017, n. 6 PO Puglia 2014-2020 Asse VIII Azione

Dettagli

Punto 5 dell Odg Informazione Piano di comunicazione Relazione Evento annuale 2011

Punto 5 dell Odg Informazione Piano di comunicazione Relazione Evento annuale 2011 Punto 5 dell Odg Informazione Piano di comunicazione Relazione Evento annuale 2011 Comitato di Sorveglianza P.O.R. FESR 2007-2013 17-18 Maggio 2012 Perugia chiesa di San Bevignate Relazione Evento annuale

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.12.2015 C(2015) 9108 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 9.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "(Interreg V-A) Italia-Svizzera"

Dettagli

A PROGRAMMA DI ATTIVITA DEL CORECOM ANNO 2016

A PROGRAMMA DI ATTIVITA DEL CORECOM ANNO 2016 Allegato A PROGRAMMA DI ATTIVITA DEL CORECOM ANNO 2016. INTEGRAZIONI ATTIVITA E QUADRO FINANZIARIO DI PREVISIONE PER LA DESTINAZIONE DELLE RISORSE TRASFERITE DALL AGCOM PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DELEGATE

Dettagli

Prot. n 2161/A31 Catania,

Prot. n 2161/A31 Catania, ISTITUTO COMPRENSIVO VESPUCCI CAPUANA PIRANDELLO MATERNA ELEMENTARE MEDIA 95121 CATANIA VIA ZAPPALA GEMELLI,3 TEL. 095/345181 FAX 0957232601 Cod. mec. CTIC8AH00E Prot. n 2161/A31 Catania, 04.07.2016 Albo

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE

IL DIRIGENTE GENERALE IL DIRIGENTE GENERALE PO FSE 2014-2020, Azione 9.2.2. Avviso 10/2016 per la presentazione di operazioni per l inserimento socio-lavorativo dei soggetti in esecuzione penale approvato con D.D.G. n. 2252

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio V

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio V INTERVENTI PER LA VALORIZZAZIONE E IL POTENZIAMENTO DELL'EDUCAZIONE

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE CALABRIA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PER LO SVILUPPO DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE CALABRIA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PER LO SVILUPPO DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGIONE CALABRIA ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE CALABRIA E REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PER LO SVILUPPO DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE La Regione Calabria, nella

Dettagli

Sistema Qualità certificato secondo la Norma UNI EN ISO 9001:2008

Sistema Qualità certificato secondo la Norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE I.P.C. MANFREDI - I.T.C. TANARI Viale Felsina, 40-4019 Bologna Tel. 051/609611 Fax 051/6011006 e-mail:bois01600c@istruzione.it Sistema Qualità certificato secondo la Norma

Dettagli

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na)

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na) SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na) Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Rossana Marino da inserire nel per il PTOF Premessa L Animatore Digitale

Dettagli

Provincia di Foggia. Avviso Pubblico per manifestazione d interesse

Provincia di Foggia. Avviso Pubblico per manifestazione d interesse Allegato alla D.D. n 3817 dello 01/12/2010 composto di n. 4 pagine Provincia di Foggia Avviso Pubblico per manifestazione d interesse Finalità Il presente avviso ha lo scopo di costituire un elenco di

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 20853 del 23/12/2016 Proposta: DPG/2016/21503 del 23/12/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli