Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2011"

Transcript

1 Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2011 Sede legale e Direzione Generale: via Cordero di Pamparato, 15 - Torino Codice Fiscale, Partita IVA, Registro delle Imprese di Torino n UIF : iscrizione elenco generale ex art. 106 T.U.B al n Banca D Italia : iscrizione elenco speciale ex art.107 T.U.B Associata UFI Associata Assofin 1

2 Sommario Cariche sociali e società di revisione Introduzione... 5 Modello di business e prodotti... 6 Struttura del gruppo... 8 BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO CONAFI PRESTITÓ AL Relazioni degli amministratori sulla gestione consolidata...10 Lettera del Presidente Azionisti Trend del titolo Internal dealing Azioni proprie: Piano di buy back Mercato di riferimento Quadro normativo e regolamentare Analisi della situazione economica e finanziaria del gruppo Conafi Conto economico sintetico Stato patrimoniale sintetico Prospetto di raccordo fra patrimonio netto di Conafi S.p.A. e quello consolidato Informativa di settore: le Business Unit...23 Le società del Gruppo e rapporti con parti correlate Principali rischi e incertezze a cui Conafi S.p.A. e il Gruppo sono esposti.42 Normativa: le disposizioni di Vigilanza e la gestione dei rischi.43 Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Eventi e operazioni significative non ricorrenti..46 Operazioni atipiche e/o inusuali...46 Attività di ricerca e sviluppo Altri fatti di rilievo del periodo Fatti di rilievo successivi alla chiusura dell esercizio Evoluzione prevedibile della gestione Ulteriori informazioni sulle politiche d impresa Schemi di bilancio consolidato...48 Stato Patrimoniale Consolidato Conto Economico e Prospetto della redditività complessiva consolidata Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Consolidato Rendiconto finanziario

3 Nota integrativa al bilancio consolidato...54 Parte A: Politiche contabili Parte B: Informazioni sullo Stato Patrimoniale Parte C: Informazioni sul Conto Economico Parte D: Altre informazioni Attestazione ai sensi dell art. 81-ter del regolamento Consob n /99 e successive modifiche e integrazioni BILANCIO DI CONAFI PRESTITÒ S.p.A. AL Relazione degli amministratori sulla gestione Analisi della situazione economica e finanziaria Conto economico sintetico Stato patrimoniale sintetico La Produzione.144 Rapporti con le imprese del Gruppo Schemi di bilancio Stato Patrimoniale Conto Economico e Prospetto della redditività complessiva Prospetto delle variazioni del Patrimonio netto Rendiconto finanziario Nota integrativa Parte A: Politiche contabili Parte B: Informazioni sullo Stato Patrimoniale Parte C: Informazioni sul Conto Economico Parte D: Altre Informazioni Allegati di bilancio Attestazione ai sensi dell art. 81-ter del regolamento Consob n /99 e successive modifiche e integrazioni

4 CARICHE SOCIALI E SOCIETÀ DI REVISIONE Consiglio di Amministrazione Nunzio Chiolo Giuseppe Vigorelli Giuseppe Vimercati Fabio Alfieri Mauro Pontillo Carlo Colombotti Massimiliano Naef Presidente e Amministratore Delegato Consigliere Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale Renato Bogoni Antonello Allocco Michele Testa Massimo Pellanda Giovanni Battista Palmisano Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Sindaco Supplente Sindaco Supplente Marco Gerardo Direttore Generale Mazars S.p.A. Società di Revisione 4

5 INTRODUZIONE 5

6 Modello di business e prodotti I prodotti del Gruppo Conafi Retail : i prodotti tradizionali Conafi Prestitò è un intermediario finanziario attivo nel mercato del credito al consumo, in particolare nel settore dei finanziamenti, iscritto all elenco generale degli intermediari finanziari ex art. 106 TUB ed all elenco speciale degli intermediari finanziari ex art. 107 TUB. Quali prodotti tradizionali, l offerta di Conafi Prestitò è la seguente: finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio (CQS), che consistono in prestiti personali non finalizzati con tasso d interesse fisso, riservati prevalentemente a lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, statali, pubblici o privati, a fronte della cessione volontaria di una quota del proprio stipendio mensile netto, nella misura massima di un quinto; finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto della pensione (CQP), che consistono in prestiti personali non finalizzati con tasso d interesse fisso, riservato a pensionati a fronte della cessione volontaria di una quota mensile del proprio trattamento pensionistico netto, nella misura massima di un quinto e fatto salvo il minimo vitale, stabilito annualmente per legge; finanziamenti con rimborso mediante delegazione di pagamento (DP), che consistono in prestiti personali non finalizzati con tasso d interesse fisso riservati prevalentemente a lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, statali, pubblici o privati, a fronte di un mandato irrevocabile al rispettivo datore di lavoro, previa sua accettazione, a trattenere e pagare periodicamente una quota parte dello stipendio mensile del lavoratore. Tale quota, fissata solitamente nella misura di un quinto della retribuzione netta, non supera per legge il limite massimo della metà dello stipendio. Tali finanziamenti sono caratterizzati da: durata compresa tra 18 e 120 mesi circa tasso di interesse fisso garanzie assicurative obbligatorie per legge ovvero richieste per prassi. Tali forme di finanziamento sono altamente compatibili con un adeguata remunerazione del rischio grazie sia alle garanzie adottate dal legislatore (es. lo spostamento nel CQS dell onere della restituzione del finanziamento dal soggetto finanziato al datore di lavoro, le assicurazioni obbligatorie contro il rischio vita e contro il rischio impiego emesse da primarie compagnie di assicurazione) sia alla prassi adottata dagli operatori di settore (tra cui, in particolare, l analisi sulla solvibilità del datore di lavoro terzo ceduto o terzo delegato). L erogazione e/o il collocamento dei finanziamenti può avvenire secondo tre diverse modalità: in nome e per conto di istituzioni finanziarie, con cui Conafi sottoscrive un accordo di mandato con procura notarile nei limiti di un plafond rotativo concesso dall istituzione finanziaria mandante; in nome proprio, nel caso di erogazione diretta, Conafi può valutare in qualunque momento la possibilità di procedere alla cessione pro-soluto del credito a primarie istituzioni finanziarie. La contestuale cessione del credito di fatto consente di trasferire il rischio sottostante in capo all istituto di credito cessionario, limitando il rischio di credito in capo a Conafi ; collocamento prodotti di terzi (c/terzi), nel caso in cui il Gruppo stabilisca di collocare i prodotti finanziari intermediati e erogati da altri Istituti finanziari. Sia nel caso di erogazione in nome proprio, sia nel caso di collocamento di finanziamenti in nome e per conto di istituzioni Finanziarie il Gruppo Conafi provvede direttamente alla completa gestione dell ammortamento del finanziamento, curando l incasso delle rate, sollecitando l ATC (Amministrazioni Terze Cedute) il soggetto finanziato in ritardo con i pagamenti e richiedendo il risarcimento presso le Compagnie di Assicurazioni, in caso di sinistro, avvalendosi del sistema informativo di proprietà, che consente di operare con grande efficienza. 6

7 Negli ultimi anni il Gruppo Conafi, avvalendosi sia dell esperienza maturata dalla rete di vendita interna, sia dell organizzazione della propria struttura, sia del software di proprietà CQSWeb sviluppato internamente, ha progettato e messo a punto i seguenti prodotti che consentono di raggiungere e finanziare segmenti di clientela sempre più ampi. (i) CQS chiavi in mano per banche retail è un prodotto che la Conafi Prestitò ha progettato per gli istituti di credito che intendono proporre direttamente alla propria clientela la forma di finanziamento CQS/CQP e DP. In particolare, tale prodotto consente alla banca erogante avvalendosi dell attività svolta da Conafi, in qualità di mandataria - di collocare il finanziamento direttamente tramite proprie filiali (e non tramite agenti terzi), snellendo in questo modo la catena distributiva, ottenendo in tal modo rendimenti più elevati ed erogando i prestiti a condizioni più vantaggiose. Al Gruppo Conafi, in forza di apposita convenzione, sono riservate la gestione amministrativa (ivi inclusa la gestione della modulistica e dei flussi dei rimborsi) e la valutazione di fattibilità tecnica dei finanziamenti. Il prodotto utilizza il software di proprietà di Conafi CQS Web, che consente a tutti gli sportelli della Banca convenzionata un collegamento in tempo reale con il Gruppo Conafi per la predisposizione di preventivi, la stampa in remoto dei contratti di finanziamento, l accesso a tutta la modulistica ed alle circolari, la verifica degli stati pratica, ecc. (ii) CQS Corporate è un prodotto che la Conafi Prestitò ha progettato per aziende private e per amministrazioni pubbliche che intendono agevolare l accesso dei propri dipendenti a forme di finanziamento CQS, CQP e DP. Grazie a tale prodotto, i finanziamenti intermediati ai lavoratori di dette aziende sono a condizioni più vantaggiose e l iter istruttorio risulta più rapido. Anche il CQS Corporate utilizza il software CQS Web che consente all azienda, con un semplice collegamento on line, di mettere immediatamente a disposizione preventivi, di stampare la documentazione ed inviare documenti via web riducendo enormemente i tempi per l istruttoria e per la concessione del prestito in caso di esito favorevole, evitando l intermediazione della rete commerciale con conseguente riduzione degli oneri connessi, nonché del rischio di frodi, manipolazioni, ecc. Corporate : i finanziamenti e servizi alle imprese Attraverso l acquisizione di societa specializzate il Gruppo ha ampliato l offerta dei propri prodotti anche alla clientela Corporate offrendo direttamente alle imprese i propri prodotti e servizi nei settori della finanza ordinaria e assistita, oltre che fornendo assistenza e consulenza in tema di operazioni di finanza straordinaria e agevolata. Con la realizzazione dei progetti Io Prestitò e Tuttoconsulenze, incentrati sull utilizzo della piattaforma informatica integrata e sviluppata internamente Tuttoconsulenze Web, il modello di business del Gruppo Conafi consente il collegamento diretto tra la domanda e l offerta, permettendo alle reti commerciali di soddisfare in modo completo e puntuale il fabbisogno della clientela. Punti di forza del Gruppo Conafi Il management ha identificato come principali elementi di forza del Gruppo Conafi: la specializzazione e la competenza nella gestione dei finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio e delegazione di pagamento; la conoscenza approfondita del mercato di riferimento; la significativa capacità di gestione delle pratiche e degli incassi; lo sviluppo interno di un sistema informativo di proprietà, flessibile e modulato per le specifiche esigenze dell attività svolta dal Gruppo; l elevata riconoscibilità del marchio; le numerose convenzioni con le principali amministrazioni statali; la capillare presenza commerciale sul territorio nazionale, attraverso una presenza sia diretta, sia indiretta; la capacità di innovare i propri prodotti al fine di acquisire nuova clientela. 7

8 Struttura del Gruppo al 31 dicembre 2011 GRUPPO CONAFI CONAFI PRESTITO' S.P.A. Capogruppo ALBA FINANZIARIA S.P.A. (Partecipata 100% Conafi) H.P.B. S.P.A. (Partecipata 100% Conafi) ITALIFIN S.R.L. (Partecipata 100% Conafi) RENCREDIT SERVIZI DI RECUPERO CREDITI S.R.L (Partecipata 100% Conafi) NETWORK E BUSINESS S.R.L. (Partecipata 70% H.P.B.) UNIPRESTIT S.P.A. IN LIQUIDAZIONE (Partecipata 75,5% H.P.B.) ALTA ITALIA SERVIZI S.R.L. (Partecipata 100% H.P.B.) EURIS EUROPE S.R.L. (Partecipata 51% H.P.B.) VIA ADVISORS CORPORATE FINANCE S.R.L. (Partecipata 100% H.P.B.) CONSULENZE & FINANZE S.R.L. (Partecipata 100% H.P.B.) PRESTITO CASE S.R.L. (Partecipata al 100% Consulenze e Finanze Srl) 8

9 BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO CONAFI PRESTITÓ AL

10 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE CONSOLIDATA 10

11 Lettera del Presidente Signori Azionisti, l esercizio 2011, in condizioni di progressiva maggior trasparenza e normalizzazione del settore del credito al consumo, e nonostante la difficile congiuntura economica in cui ci si è trovati ancora ad operare, ha comunque confermato il recupero intrapreso lo scorso anno sulla scorta degli interventi posti in essere dal Gruppo Conafi e della sua strategia di focalizzazione sulle attività del core business della cessione del quinto. Sebbene da un lato non si siano ancora manifestati gli effetti dei programmi di riorganizzazione del Gruppo tesi a migliorare la redditività e l efficienza dell offerta alle piccole e medie imprese dei servizi e della consulenza finanziaria, la produzione nel settore dei finanziamenti con cessione del quinto, a fronte di una contrazione del mercato del 9% evidenziata dai dati pubblicati dall Assofin, è risultata invece pari a circa 103 milioni di euro e caratterizzata da un incremento dei margini di redditività, con un incremento quindi ancora significativo del valore dei finanziamenti intermediati (pari a circa l 8,5% rispetto al 2010) e delle relative commissioni nette (pari a circa il 20,3% rispetto al 2010). Complessivamente, dunque, i volumi del 2011 sono stati pari a contratti con una crescita in termini di valore rispetto a quanto conseguito lo scorso anno sostanzialmente realizzata nel comparto della cessione del quinto della pensione (+31,6%), a fronte di un livello sostanzialmente paritetico dei finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio e di una significativa riduzione delle delegazioni di pagamento (-30,0%), per effetto di scelte commerciali di valorizzazione della marginalità, ma al contempo di contenimento del rischio e di forte qualità degli attivi intermediati. Il risultato consolidato dell esercizio 2011, che ha beneficiato di un incremento del margine di intermediazione in misura pari a circa il 4,2% rispetto al 2010 nonostante la flessione verificatasi nel margine di interesse, registra tuttavia una perdita netta di 3,8 milioni di euro (contro una perdita netta di 1,7 milioni di euro relativa all anno precedente), sulla quale hanno pesato in modo particolare oneri non ricorrenti pari a circa 1,9 milioni di euro connessi al processo di riorganizzazione della divisione corporate ed agli investimenti pubblicitari effettuati per lo sviluppo delle attività nel settore dell intermediazione on line dei mutui tramite il portale MutuoSulWeb. Sulla perdita dell esercizio ha inoltre negativamente influito la perdurante crisi del mercato del credito, con il progressivo ristagno dell offerta da parte del sistema bancario ed il concomitante aumento del costo di approvvigionamento. Tali fatti non solo hanno determinato il ridimensionamento dei nostri programmi di crescita ma hanno oltretutto posto forti vincoli alla gestione della tesoreria ed all impiego efficiente della liquidità, che su richiesta del sistema bancario è rimasta depositata sui conti correnti a supporto delle linee operative in essere e a condizioni non remunerative. Gli effetti del protrarsi di una tale situazione, complessa e ancora poco definita dal punto di vista sia dello scenario economicofinanziario che del contesto normativo, hanno dunque ridotto l orizzonte di programmazione delle fonti di provvista e prodotto il venir meno dei presupposti su cui si basavano le previsioni e le stime indicate nelle linee strategiche presentate nel 2010, che non risultano allo stato attuale perseguibili. Le profonde riflessioni fatte in ordine al processo di revisione degli obiettivi strategici e delle linee programmatiche del Gruppo hanno evidenziato la forte valenza della scelta di focalizzazione sul core business della cessione del quinto e della conseguente razionalizzazione del portafoglio dei prodotti e dei servizi offerti, insieme a un attento controllo dei costi operativi di gestione in un ottica di confronto con il mercato, di sviluppo e di crescita del Gruppo. Il completamento, infine, dei programmi di rifocalizzazione e consolidamento delle nostre controllate attive nella consulenza e nei servizi finanziari alle imprese consentiranno la valorizzazione degli investimenti effettuati tramite la controllata HPB S.p.A., ponendo al contempo le basi per ulteriori sviluppi. In termini prospettici, si ritiene che i finanziamenti con cessione del quinto possano costituire oggi la forma vincente per soddisfare in modo controllato i fabbisogni finanziari delle famiglie e sostenere i consumi, e che tale settore presenti quindi importanti opportunità, che si andranno a concretizzare di pari passo alla soluzione delle criticità del mercato del credito e dei relativi meccanismi di trasferimento della liquidità, nonché con la puntuale attuazione della riforma del credito al consumo ed il miglioramento del regime concorrenziale tra i diversi operatori, con conseguente riordino della rete distributiva e l innalzamento degli standard professionali. A tal riguardo i primi mesi del 2012 evidenziano i risultati di un ulteriore forte accelerazione e di un netto miglioramento dei principali aggregati e indicatori economici, per cui stante il mantenimento di una sufficiente visibilità sulle fonti di approvvigionamento a supporto dell attuale modello operativo, si ritiene che il Gruppo Conafi possa nell esercizio 2012 proseguire la sua crescita ed adottare a tale scopo le scelte strategiche opportune. Presidente e Amministratore Delegato Nunzio Chiolo 11

12 Azionisti Trend del titolo CONAFI , , /1/11 15/2/11 30/3/11 16/5/11 28/6/11 10/8/11 23/9/11 7/11/11 20/12/11 2/2/12 0,5 Volume Prezzo Nel 2011 il titolo Conafi Prestitò, dopo una fase di stabilità, ha iniziato a partire dal mese di maggio un trend di discesa accompagnato da un picco dei volumi a fine giugno e a inizi novembre. Nell arco dell anno il prezzo medio del titolo si è attestato a Euro 0,83 p.a. con un valore massimo pari a Euro 1,07 raggiunto nella prima metà del mese di maggio (12 maggio). I volumi medi giornalieri nel corso dell anno 2011 si sono attestati a unità scambiate giornalmente. Mercato MTA ISIN IT Reuters CNP.MI Bloomberg CNP IM Numero azioni Capitalizzazione ( mln) al 14/03/ ,74 Volumi medi giornalieri (dal 03/01/2011) Dati aggiornati al 15/03/

13 Principali dati per azione Conafi Prestito 31/12/ /12/2010 Utile (perdita) consolidato N. azioni ordinarie all'inizio dell'esercizio Azioni emesse nell'esercizio 0 0 N. di azioni ordinario alla fine dell'esercizio N. medio ponderato di azioni ordinarie Utile Base per Azione (Euro) -0,085-0,037 Mercato 29,90% Nusia s.r.l. 45,10% Laperchia Maria 3,70% Conafi Prestitò S.p.A. 9,20% Banca Pop. Emilia Romagna s.c.a.r.l. 5,90% Fonte: Società Alite s.r.l. 6,20% Azionista % quota Nusia s.r.l. 45,10% Alite s.r.l. 6,20% Banca Pop. Emilia Romagna s.c.a.r.l. 5,90% Conafi Prestitò S.p.A. 9,20% Laperchia Maria 3,70% Mercato 29,90% Fonte: Società Nota: Nunzio Chiolo possiede il 100% di Nusia srl che detiene a sua volta la totalità del capitale sociale di Alite srl; pertanto Nunzio Chiolo detiene complessivamente una quota pari al 51,31% di Conafi Spa. 13

14 La comunicazione finanziaria Conafi Prestitò continua a mantenere un dialogo aperto e costante con i suoi Investitori attraverso un attiva politica di comunicazione svolta dalla funzione di Investor Relations interna ed esterna, cui è affidato il compito di gestire i rapporti con la comunità finanziaria. Durante l anno 2011, la Società ha incontrato la comunità finanziaria in occasione della presentazione della linea di business nell intermediazione on-line dei mutui MutuoSulWeb in data 28 giugno. Conafi Prestitò ha inoltre partecipato allo Small&Mid Cap Investor Day, organizzato da IR Top, a Lugano (Svizzera) in data 29 settembre. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito istituzionale alla sezione Investor Relations, che raccoglie tutti i documenti economico-finanziari dalla quotazione ad oggi (comunicati stampa, presentazioni istituzionali, pubblicazioni periodiche e aggiornamenti in tempo reale sul titolo). Sono inoltre disponibili agli azionisti i seguenti contatti: Conafi Prestitò S.p.A. IR TOP S.r.l. Via Cordero di Pamparato, Torino Via C. Cantù, Milano Tel: Tel: /3 Fax: Fax: Calendario finanziario aprile 2012 CdA: Esame ed approvazione Progetto di Bilancio maggio -24 maggio 2012 Assemblea degli Azionisti: Approvazione del Bilancio di esercizio 2011 Nomina organi sociali (1 a e 2 a convocazione) 08 maggio 2012 CdA: Esame e approvazione del Resoconto intermedio di gestione al agosto 2012 CdA: Esame e approvazione della Relazione Finanziaria al novembre 2012 CdA: Esame e approvazione del Resoconto intermedio di gestione al Internal Dealing Riguardo alle partecipazioni dei componenti degli organi di amministrazione e di controllo, dei direttori generali e dei dirigenti con responsabilità strategiche in Conafi SpA., si fornisce nelle tabelle che seguono l informativa richiesta dall art. 79 del Regolamento Consob n del 14/5/99 e successive modifiche e integrazioni. Dettaglio: DATA 14/07/2011 SOGGETTO Maria Laperchia TIPO DI OPERAZIONE STRUMENTO FINANZIARIO QUANTITA PREZZO ( ) CONTROVALORE ( ) Acquisto Azioni ordinarie , Riepilogo : Cognome e Nome Ruolo Società Partecipata N. azioni possedute al 31/12/2010 N. azioni acquistate N. azioni vendute N. azioni possedute a fine 2011 Chiolo Nunzio Vigorelli Giuseppe Presidente e Amministratore Delegato Consigliere Conafi S.p.A (*) Conafi S.p.A Vimercati Giuseppe Consigliere Conafi S.p.A Laperchia Maria Dirigente Conafi S.p.A (*) di cui indirettamente

15 Azioni proprie: Piano di buy back Aggiornamento programma di acquisto azioni proprie Nel corso del 2011, e in attuazione al programma di acquisto azioni proprie in scadenza il 30 ottobre 2011 la Conafi ha proceduto all acquisto di n azioni per un controvalore totale pari a euro. Le azioni sono state acquistate sia nel rispetto delle disposizioni di cui agli artt ss. Del Codice Civile, 132 del D.L.vo 58/98 e 144-bis del regolamento Consob 11971/99, sia dei limiti e delle finalità stabiliti dall assemblea dei soci e dall organo amministrativo. Alla data del 31/12/2011 la Conafi Prestitò detiene complessivamente n azioni proprie, pari al 9,21946 % del capitale sociale per un controvalore pari a euro. Il mercato monetario e finanziario Mercato di riferimento Nel 2011 il tasso di riferimento della BCE si è mosso in direzioni contrapposte dopo un lungo periodo di quasi due anni di stabilità sul livello dell 1%. Nel mese di aprile 2011, sulla spinta di tensioni inflazionistiche, il tasso BCE è stato portato all 1,25%, successivamente ulteriormente aumentato all 1,50% nel mese di luglio. Le fortissime tensioni estive e autunnali hanno indotto l Istituto centrale europeo a due interventi riduttivi compiuti a distanza ravvicinata che hanno riportato nel mese di dicembre il tasso BCE al livello dell 1%. Per quanto attiene ai principali parametri di riferimento per il settore della cessione del quinto osserviamo che l Eurirs 5Y ha evidenziato una media mensile nel mese di gennaio 2011 del 2,64%, che si è progressivamente incrementata fino a raggiungere il suo massimo annuale nel mese di aprile con una media mensile del 3,12%. Dal mese di maggio in poi il livello si è progressivamente ridotto fino al raggiungimento nel mese di dicembre di una media dell 1,88%. Con riferimento all altro parametro utilizzato dagli operatori, l Euribor 3 mesi, evidenziamo che il suo livello si è mantenuto al di sotto dell 1% fino al primo intervento della BCE, crescendo poi fino a raggiungere un livello dell 1,42% con la media mensile di luglio, per poi ridursi costantemente fino a fine anno, conseguendo a dicembre una media mensile dell 1,14%. Il mercato del credito al consumo Secondo i dati pubblicati da Assofin, l Associazione di categoria che rappresenta gli operatori del mercato del credito al consumo e immobiliare, è proseguita anche per il 2011 la flessione del mercato del credito al consumo. La contrazione è stata del 2,2% in termini di valore delle operazioni finanziate, comunque inferiore alla riduzione dell anno precedente (-5,3%) e ancor più contenuta rispetto a quella conseguita nell esercizio 2009 (-11,3%). Il flusso di nuove operazioni finanziate si è attestato a 51,7 contro un flusso di 52,4 miliardi conseguito nell anno 2010; in termini di numero di operazioni si evidenzia un numero complessivo di 122,6 milioni in aumento del 9% rispetto al Questa distonia tra flessione dei volumi e aumento del numero delle operazioni va riferito al rilevate incremento di operazioni ascrivibili alle carte rateali, notoriamente di importo contenuto rispetto alle altre categorie di prodotti. Con riferimento alle diverse componenti che costituiscono il mercato del credito al consumo, il comparto della cessione del quinto è stato quello che nel 2011 ha registrato la flessione più significativa (-9,0%), se trascuriamo il comparto Revolving (-21,9%) che in termini di volumi rappresenta solo lo 0,8% del totale flussi del mercato. Particolarmente significativa anche la contrazione dei Prestiti finalizzati (-8,7%) a testimonianza di un atteggiamento di rinvio della spesa da parte del consumatore nell acquisto soprattutto di beni durevoli, quali autoveicoli e motocicli (-9,9%), arredamento (-19,3%), elettrodomestici ed elettronica (-4,6%). Con segno positivo invece l andamento dei prestiti personali fiduciari (+4,3%) che rappresentano il comparto dimensionalmente più significativo con un flusso di nuovi prestiti di 19,8 miliardi. Anche le carte rateali mostrano un segno positivo con un + 0,5% rispetto al Il comparto della cessione del quinto ha conseguito nel 2011 un flusso positivo di 4,5 miliardi, in contrazione rispetto all anno precedente. Tra le diverse componenti rileviamo un segno positivo per i soli pensionati che si incrementano dell 1,7% rispetto all anno precedente con un flusso netto di 1,8 miliardi. In calo i prestiti ai dipendenti statali e pubblici (-7%) per 1,7 miliardi ed un arretramento importante per i prestiti ai dipendenti di aziende private (-27,2%) con un flusso di 0,9 miliardi. Con riferimento ai 15

16 dipendenti pubblici e statali l arretramento sembra ascrivibile ad una saturazione di questo segmento di mercato mentre per i privati la flessione si ritiene essere ascrivibile alla crescente rischiosità del segmento, con conseguente innalzamento dei criteri assuntivi. In termini di stock di crediti in essere al 31 dicembre 2011 evidenziamo che il comparto della cessione del quinto si attesta a complessivi 17 miliardi. La componente più rilevante è quella dei pubblici e statali con 6,6 miliardi, seguono i pensionati con uno stock di e 5,8 miliardi ed infine i privati con una consistenza di 4,6 miliardi Quadro normativo e regolamentare Nel corso del 2011 e dei primi mesi del 2012 sono stati emanati diversi provvedimenti di carattere legislativo e regolamentare che hanno interessato la società, sia nell ambito della propria attività specifica sia quale società quotata; con riferimento all operato della Banca d Italia, che verrà successivamente meglio dettagliato, è proseguita l emanazione di diversi provvedimenti di cui alcuni ancora in consultazione, inerenti l attività degli intermediari finanziari sia relativi a quanto previsto dal D.Lgs. n. 141/2010 sia a tematiche più generali, quali l antiriciclaggio e gli schemi di bilancio che gli stessi dovranno adottare. Particolare importanza occorre porre sull emanazione della Legge n. 120 del 12/07/2011 in merito all equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo nelle società quotate. Le principali novità legislative Come appena evidenziato, a seguito dell emanazione della Legge n. 120 del 12/07/2011 che ha modificato il D.Lgs. n. 58/1998, le società quotate dovranno garantire l equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo; la normativa, applicabile ai rinnovi del Consiglio di amministrazione e del Collegio Sindacale che verranno nominati dopo il 12/08 p.v., prevede un periodo transitorio fino al 2015 nel corso del quale almeno un quinto dei membri degli organi sociali deve essere composto dal genere meno rappresentato, ed a regime almeno un terzo. L operato della Banca d Italia In data 12/12 u.s. l Organo di vigilanza ha emanato, previa consultazione, un provvedimento relativo al sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari, entrato in vigore il 01/01 u.s. la cui innovazione più rilevante consiste nella modifica dell oggetto della competenza dell Arbitro Bancario Finanziario; sempre nel corso del 2011 la Banca d Italia ha dato inizio alla consultazione, ancora in corso, del provvedimento in materia di bilancio e di rendiconto degli intermediari finanziari; parallelamente è iniziata la consultazione in relazione all adozione, per quanto riguarda le esposizioni scadute e/o sconfinamenti deteriorate, del limite di 90 giorni in luogo di quello di 180. Ai fini dei provvedimenti emanati a seguito della normativa antiriciclaggio si segnala l emanazione in data 02/02 u.s. del documento in consultazione, inerente le disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela ai sensi dell art.7, comma 2, del Decreto legislativo n. 231 del 21/11/2007, nel quale vengono indicati, fra gli altri, quali obblighi devono essere seguiti ai fini dell identificazione della clientela, da parte di banche ed intermediari finanziari. Sempre nell ambito di tale normativa occorre segnalare l emanazione della Legge n. 148/2011, all interno della quale è stato inserito il nuovo limite di Euro 1.000,00, oltre il quale è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari e postali al portatore; infine è stato emanato da Banca d Italia il provvedimento inerente le disposizioni per l invio dei dati aggregati da parte degli intermediari finanziari. Il Provvedimento che riveste maggiore importanza per gli intermediari finanziari è senz altro quello posto in consultazione da Banca d Italia in data 12/01 u.s., avente ad oggetto lo schema delle nuove disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari in attuazione del D.Lgs. n. 141/2010; tale documento, la cui consultazione è terminata il 12/03 u.s. conferma la scelta di applicare agli intermediari finanziari, pur osservando un principio di proporzionalità, un regime di vigilanza equivalente a quello delle banche fondato sui tre pilastri dell accordo di Basilea: -Requisito patrimoniale per fronteggiare i rischi di credito, di controparte, di mercato ed operativi; -L adozione da parte degli intermediari di una strategia e di un processo di controllo dell adeguatezza patrimoniale attuale e prospettica (Processo ICAAP); -Obblighi di informativa al pubblico riguardante l adeguatezza patrimoniale. Fra i punti di maggiore attenzione si trovano la regolamentazione del Gruppo Finanziario, all interno della quale sono previsti gli intermediari finanziari che controllano società finanziarie (i.e. agenti in attività finanziaria o altri intermediari finanziari) e la nuova 16

17 veste della Capogruppo quale referente per Banca d Italia in materia di vigilanza consolidata, le specifiche disposizioni in materia di partecipazioni detenibili da parte dell intermediario finanziario, attraverso la definizione di un limite generale per gli attivi immobilizzati (immobili e partecipazioni) commisurato all ammontare del patrimonio di vigilanza e di limiti per l assunzione di partecipazioni qualificate in società non finanziarie, la necessità in ossequio a quanto previsto dal Testo Unico Bancario, dell autorizzazione di Banca d Italia circa l acquisizione di partecipazioni qualificate nel capitale di un intermediario finanziario, così come per le operazioni di cessione d azienda, rami d azienda e rapporti giuridici individuabili in blocco, i requisiti in tema di organizzazione e controlli ove lo schema disciplina alcuni aspetti generali (dispositivi di governo societario, presidi per la gestione e il controllo dei rischi, flussi informativi interni, esternalizzazione di attività, regole di governo societario che delineano compiti e responsabilità minimi degli organi aziendali, procedure amministrative e contabili, misure di salvaguardia della continuità operativa, il sistema dei controlli interni, le caratteristiche del sistema informativo contabile); con riferimento al sistema dei controlli interni il Provvedimento prevede che le funzioni aziendali di controllo (risk management, compliance, internal audit) devono essere indipendenti sia rispetto alle attività controllate, sia tra di loro; infine particolare attenzione viene posta alla gestione dei rischi rivenienti dall utilizzo di soggetti terzi nella promozione e collocamento di finanziamenti, ed alla gestione della liquidità. L operato di Consob In merito all attività di Consob si segnala l emanazione della delibera n in data 08/02 u.s. che ha modificato ed integrato il regolamento emittenti al fine di adeguarlo alla nuova normativa prevista dalla Legge n. 120 del 12/07/2011, nella quale è previsto l obbligo delle società quotate relativo all equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo, nonché la pubblicazione della delibera n del 23/12 u.s. in materia di trasparenza sulle remunerazioni. 17

18 Analisi della situazione economica e finanziaria del Gruppo Conafi Ai sensi dell art. 8 dello Statuto vigente, conforme al disposto dell art cod.civ., ci si è avvalsi della facoltà di convocare l assemblea degli azionisti entro il termine non superiore a centottanta giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, per disporre di una maggiore visibilità sulle fonti di provvista a supporto dell attuale modello operativo mediante l ottenimento della conferma dei plafond necessari per la continuazione dell attività aziendale. I dati di stato patrimoniale e di conto economico al sono stati predisposti in conformità agli IAS/IFRS e sono comparati ai dati del bilancio consolidato al Si informa che gli schemi utilizzati sono quelli previsti dalle nuove Istruzioni per la redazione dei bilanci degli Intermediari Finanziari iscritti nell elenco speciale emanata dalla Banca d Italia in data 13 marzo 2012 Si riportano qui di seguito alcune tabelle con i principali aggregati economici e patrimoniali seguite da una breve descrizione delle maggiori differenze intervenute fra i due periodi di riferimento. Per riconciliare i dati riportati nei prospetti sintetici con i dati indicati negli schemi di bilancio riportiamo qui di seguito l elenco delle aggregazioni effettuate : Nel conto economico: - Rettifiche di valore nette su immobilizzazioni : somma delle voci 120 e Commissioni Nette : somma delle voci 30,40 e 90 Nello stato patrimoniale: - Immobilizzazioni : somma delle voci 100 e 110 dell attivo - Altre attività : somma delle voci 120 e 140 dell attivo - Altre passività : somma delle voci 70 e 90 del passivo Il perimetro di consolidamento non presenta variazioni rispetto all esercizio precedente non essendo state effettuate nuove acquisizioni di società nell esercizio Per una migliore rappresentazione e lettura dei dati del bilancio consolidato si precisa che, coerentemente con le istruzioni di Banca d Italia per la compilazione delle Segnalazioni di Vigilanza (che includono fra le commissioni attive anche le commissioni ricevute per la consulenza finanziaria alle imprese), abbiamo ritenuto di classificare fra le commissioni nette anche i proventi e gli oneri diretti relativi alle attività consulenziali svolte dalle società controllate operanti nei settori della finanza ordinaria, straordinaria e agevolata. Con riferimento alla comunicazione CONSOB DEM/RM del 5 agosto 2011 si evidenzia che il Gruppo Conafi non detiene in portafoglio debito sovrano intendendosi per tale i titoli obbligazionari emessi dai governi centrali e locali e dagli enti governativi nonché i prestiti erogati dagli stessi 18

19 Conto Economico Sintetico : VALORI 31/12/11 31/12/10 Variazione % Margine di interesse (13,6%) Commissioni nette ,9% Margine di intermediazione ,2% Spese Amministrative (12.380) (11.697) 5,8% Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri 97 (216) (144,9%) Rettifiche di valore nette su Immobilizzazioni (851) (380) 123,9% Rettifiche di valore nette per deterioramento di crediti (1.384) (280) 394,3% Altri Oneri/proveni di gestione (336) 87 (486,2%) Risultato della gestione operativa (3.741) (1.821) 105,4% Imposte sul reddito (75) 113 (166,4%) Utile (perdita) netto (3.816) (1.708) 123,4% Utile (Perdita) di pertinenza di terzi (248) (113) 119,5% Utile (perdita) del Gruppo (3.568) (1.595) 123,7% Conto Economico Sintetico : INDICATORI 31/12/11 31/12/10 Variazione % Cost to income (133,7%) (117,1%) 14,2% Spese amministrative complessive / margine intermediazione 111,4% 109,7% 1,6% Spese per il personale / margine intermediazione 59,9% 66,7% (10,2%) Altre Spese amministrative / margine intermediazione 51,5% 43,0% 19,8% Altre Spese amministrative escluse spese di pubblicità / margine intermediazione 32,4% 37,3% (13,3%) Risultato della gestione operativa / margine intermediazione (33,7%) (17,1%) 97,2% ROE ( utile / patrimonio netto) (6,6%) (2,7%) 143,4% Il risultato netto consolidato del 2011 riporta una perdita netta di pertinenza del Gruppo di m, contro una perdita netta di m del La perdita dell esercizio 2011 si incrementa rispetto all esercizio precedente di m, per effetto di alcuni elementi maggiormente significativi quali, l incremento delle rettifiche nette per il deterioramento di crediti per m, l incremento delle spese promozionali e pubblicitarie per m e l incremento delle rettifiche di valore su immobilizzazioni immateriali per 492 m inclusivo della svalutazione da impairment test dell avviamento di 442 m originariamente iscritto s seguito dell aggegazione aziendale della società Euris Europe S.r.l.. Il margine di interesse presenta una flessione del 13,6% principalmente per effetto della diminuzione delle disponibilità liquide mediamente giacenti sui conto corrente bancari. Le commissioni nette di intermediazione si attestano a m contro i m dell anno precedente registrando un incremento di 576 m (+5,9%). L incremento riflette da un lato una buona performance dell attività Retail che ha contribuito positivamente con maggiori commissioni nette del 20% collegate a maggiori volumi di finanziamenti intermediati del 8,5% e dall altro a una forte contrazione dei ricavi prodotti dall attività Corporate del 56,5%. L andamento trimestrale evidenzia un trend costante delle commissioni nette nel corso di tutto il 2011 con una lieve flessione nel 3 trimestre. Il margine di intermediazione, per gli effetti appena spiegati, registra quindi un incremento di 448 m pari al 4,2%. Le spese amministrative ammontano complessivamente a m ( m al ) ed evidenziano una crescita del 5,8% rispetto al La crescita delle spese amministrative tuttavia, pari a 683 m, è totalmente attribuibile ai maggiori investimenti pubblicitari di circa 1,5 milioni di euro 0,9 dei quali sostenuti a sostegno della nuova linea di business Mutuosulweb. Le altre spese amministrative hanno invece evidenziato una sensibile riduzione soprattutto in riferimento al costo per il personale dipendente e dell Organo di amministrazione. Il costo del personale, di cui alla voce 110 del bilancio, pari a m, si riduce infatti,rispetto all esercizio precedente, di 457 m (6,4%) per effetto sia della diminuzione del numero dei dipendenti medi ( 6 unità espresse in F.T.E) e sia per la contrazione dei compensi ad amministratori e sindaci per complessivi 359 m. Più in particolare, la riduzione di 19

20 circa 323 m dei compensi al Consiglio di amministrazione fa seguito ad una rinuncia parziale e volontaria da parte di singoli amministratori Tra le altre spese amministrative (voce 120b), oltre alla pubblicità di cui si e detto, si osservano ulteriori riduzioni di altri costi fra cui le spese postali e telefoniche per 82 m (-20%) e le spese per consulenze per 48 m ( -2,6%). Gli accantonamenti netti ai fondi rischi del 2011 hanno evidenziato un saldo positivo pari a 97 m contro accantonamenti per 216 m dell esercizio precedente. Tale effetto beneficia di una miglior stima del fondo indennità suppletiva di clientela che deriva dall applicazione di una più aggiornata serie storica delle liquidazioni effettivamente erogate agli agenti nel corso degli anni passati Le rettifiche di valore sulle immobilizzazioni operate nel 2011 ammontano complessivamente a 851 m contro i 380 m dell esercizio precedente, il cui incremento è sostanzialmente dovuto alla svalutazione da impairment test dell avviamento per 442 m di cui si e gia fatto cenno. Gli impairment tests sui valori degli avviamenti presenti nell attivo del bilancio al pari a m ( al ) e alla cui trattazione piu dettagliata si rimanda alla parte A -Politiche contabili sezione 4-Altri aspetti, non hanno evidenziato ulteriori perdite di valore. Le rettifiche di valore nette per deterioramento su crediti comprendono sia le svalutazioni specifiche a fronte di crediti in incaglio, sofferenza e ai crediti scaduti da oltre 90 giorni, sia le rettifiche collettive effettuate a fronte di prestiti intermediati su mandato e collocati con la clausola del Patto del non riscosso per riscosso (voce 100), così come previsto dalle Istruzioni di Banca d Italia. Le prime evidenziano un accantonamento di m, rispetto ad un accantonamento di m al Le seconde ammontano a 169 m contro una ripresa di valore di m dell esercizio precedente. Le imposte sul reddito dell esercizio 2011 evidenziano un saldo di 75 m. L importo e costituito da imposte correnti Irap per 141 m, da imposte relative agli esercizi precedenti positive per 4 m, e da Ires anticipata e differita positiva per 58 m. Si precisa tuttavia che non sono state rilevate imposte anticipate sulle perdite fiscali dell esercizio 2011 fatta eccezione per due società del Gruppo per complessive 49 m. Per maggiori dettagli e informazioni sulle dinamiche delle voci di bilancio si rimanda alle tabelle riportate nella Note di commento al bilancio consolidato. Per quanto riguarda invece maggiori dettagli in merito all andamento della produzione effettuata si rimanda al capitolo successivo dedicato all informativa di settore. In riferimento alla Raccomandazione del CESR B la Conafi Prestitò S.p.A. ha ritenuto di non dover aderire alla facoltà concessa alle società quotate di utilizzare indicatori alternativi di performance diversi da quelli già forniti nella presente relazione. 20

Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2012

Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2012 Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2012 Sede legale e Direzione Generale: via Cordero di Pamparato, 15 - Torino Codice Fiscale, Partita IVA, Registro delle Imprese di Torino n 05513630011

Dettagli

Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2013

Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2013 Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2013 Sede legale e Direzione Generale: via Cordero di Pamparato, 15 - Torino Codice Fiscale, Partita IVA, Registro delle Imprese di Torino n 05513630011

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale. Gruppo Conafi Prestitò. Al 30 Giugno 2014

Relazione finanziaria semestrale. Gruppo Conafi Prestitò. Al 30 Giugno 2014 Relazione finanziaria semestrale Gruppo Conafi Prestitò Al 30 Giugno 2014 Sede legale: via Cordero di Pamparato, 15 Torino ; Direzione Generale: Via A. Barbaro, 15 - Torino Codice Fiscale, Partita IVA,

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

Presentazione alla Comunità Finanziaria

Presentazione alla Comunità Finanziaria Presentazione alla Comunità Finanziaria 17 Settembre 2009 DISCLAIMER Questa Presentazione è stata preparata da Conafi Prestitò S.p.A. ( Conafi o la Società ) per essere utilizzata nel corso della presentazione

Dettagli

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio CONAFI PRESTITò: Risultati 2007 Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio DATI ECONOMICI CONSOLIDATI 2007 2006 Variazione % (Euro ml) Margine di Intermediazione 22,6 14,4 +56,8%

Dettagli

Italian Stock Market Opportunities Conference 12 Settembre 2012

Italian Stock Market Opportunities Conference 12 Settembre 2012 Italian Stock Market Opportunities Conference 12 Settembre 2012 Disclaimer Il presente documento è stato preparato da Conafi Spa ( Conafi e, unitamente alle sue controllate, il Gruppo ) per fini esclusivamente

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Documento informativo in ordine a piani di compensi basati su strumenti finanziari

Documento informativo in ordine a piani di compensi basati su strumenti finanziari Documento informativo in ordine a piani di compensi basati su strumenti finanziari (ai sensi degli artt. 114 bis del TUF e 84 bis del Regolamento Emittenti Consob) Definizioni... 2 Premessa... 3 1. Soggetti

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI

Dettagli

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Sommario L intero esercizio COMUNICATO STAMPA 2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Proposto all Assemblea un dividendo di 0,37 euro per azione. Incremento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%)

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) RACCOLTA DIRETTA DANNI IN ASSESTAMENTO A 2.163 MILIONI

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Comunicato Stampa 13 marzo 2015

Comunicato Stampa 13 marzo 2015 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento nel 2014 Fatturato pari a Euro 233,2 mln, +5% rispetto a Euro 222,8 mln nel 2013 EBITDA pari a Euro 18,3 mln, +66% rispetto

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Vendite pari a Euro 40,7 milioni (Euro 41,4 milioni al 31 dicembre 2011) EBITDA negativo per Euro 0,66 milioni (negativo per Euro

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014)

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Bologna, 7 agosto 2015 UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Raccolta diretta assicurativa a 7.284

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (31 marzo 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.291.457,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.035,2 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

Investimenti e Sviluppo spa

Investimenti e Sviluppo spa Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo S.p.A.: approvata la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009; Paolo Bassi nominato consigliere per cooptazione; la società partecipata I Pinco Pallino

Dettagli

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3)

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3) CREDEM, RISULTATI PRELIMINARI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MLN EURO; PRESTITI (1) +7,9% A/A VALUTAZIONE BCE Stress test scenario avverso Prima banca italiana per CET1 Ratio REDDITIVITA Utile netto 151,8

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 NOVEMBRE 2000 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 30 settembre

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Il Gruppo conferma positivi risultati nella raccolta del risparmio

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Deutsche Bank. Deutsche Bank S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2014

Deutsche Bank. Deutsche Bank S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2014 Deutsche Bank S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2014 Tutte le immagini di questo volume sono protette da copyright Deutsche Bank AG. Deutsche Bank S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2014 Deutsche

Dettagli

Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013

Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013 Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI Milano, 25 luglio 2014 - Il Consiglio di

Dettagli