Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2011"

Transcript

1 Bilancio Consolidato Gruppo Conafi Prestitò Al 31 Dicembre 2011 Sede legale e Direzione Generale: via Cordero di Pamparato, 15 - Torino Codice Fiscale, Partita IVA, Registro delle Imprese di Torino n UIF : iscrizione elenco generale ex art. 106 T.U.B al n Banca D Italia : iscrizione elenco speciale ex art.107 T.U.B Associata UFI Associata Assofin 1

2 Sommario Cariche sociali e società di revisione Introduzione... 5 Modello di business e prodotti... 6 Struttura del gruppo... 8 BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO CONAFI PRESTITÓ AL Relazioni degli amministratori sulla gestione consolidata...10 Lettera del Presidente Azionisti Trend del titolo Internal dealing Azioni proprie: Piano di buy back Mercato di riferimento Quadro normativo e regolamentare Analisi della situazione economica e finanziaria del gruppo Conafi Conto economico sintetico Stato patrimoniale sintetico Prospetto di raccordo fra patrimonio netto di Conafi S.p.A. e quello consolidato Informativa di settore: le Business Unit...23 Le società del Gruppo e rapporti con parti correlate Principali rischi e incertezze a cui Conafi S.p.A. e il Gruppo sono esposti.42 Normativa: le disposizioni di Vigilanza e la gestione dei rischi.43 Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Eventi e operazioni significative non ricorrenti..46 Operazioni atipiche e/o inusuali...46 Attività di ricerca e sviluppo Altri fatti di rilievo del periodo Fatti di rilievo successivi alla chiusura dell esercizio Evoluzione prevedibile della gestione Ulteriori informazioni sulle politiche d impresa Schemi di bilancio consolidato...48 Stato Patrimoniale Consolidato Conto Economico e Prospetto della redditività complessiva consolidata Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Consolidato Rendiconto finanziario

3 Nota integrativa al bilancio consolidato...54 Parte A: Politiche contabili Parte B: Informazioni sullo Stato Patrimoniale Parte C: Informazioni sul Conto Economico Parte D: Altre informazioni Attestazione ai sensi dell art. 81-ter del regolamento Consob n /99 e successive modifiche e integrazioni BILANCIO DI CONAFI PRESTITÒ S.p.A. AL Relazione degli amministratori sulla gestione Analisi della situazione economica e finanziaria Conto economico sintetico Stato patrimoniale sintetico La Produzione.144 Rapporti con le imprese del Gruppo Schemi di bilancio Stato Patrimoniale Conto Economico e Prospetto della redditività complessiva Prospetto delle variazioni del Patrimonio netto Rendiconto finanziario Nota integrativa Parte A: Politiche contabili Parte B: Informazioni sullo Stato Patrimoniale Parte C: Informazioni sul Conto Economico Parte D: Altre Informazioni Allegati di bilancio Attestazione ai sensi dell art. 81-ter del regolamento Consob n /99 e successive modifiche e integrazioni

4 CARICHE SOCIALI E SOCIETÀ DI REVISIONE Consiglio di Amministrazione Nunzio Chiolo Giuseppe Vigorelli Giuseppe Vimercati Fabio Alfieri Mauro Pontillo Carlo Colombotti Massimiliano Naef Presidente e Amministratore Delegato Consigliere Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale Renato Bogoni Antonello Allocco Michele Testa Massimo Pellanda Giovanni Battista Palmisano Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Sindaco Supplente Sindaco Supplente Marco Gerardo Direttore Generale Mazars S.p.A. Società di Revisione 4

5 INTRODUZIONE 5

6 Modello di business e prodotti I prodotti del Gruppo Conafi Retail : i prodotti tradizionali Conafi Prestitò è un intermediario finanziario attivo nel mercato del credito al consumo, in particolare nel settore dei finanziamenti, iscritto all elenco generale degli intermediari finanziari ex art. 106 TUB ed all elenco speciale degli intermediari finanziari ex art. 107 TUB. Quali prodotti tradizionali, l offerta di Conafi Prestitò è la seguente: finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio (CQS), che consistono in prestiti personali non finalizzati con tasso d interesse fisso, riservati prevalentemente a lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, statali, pubblici o privati, a fronte della cessione volontaria di una quota del proprio stipendio mensile netto, nella misura massima di un quinto; finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto della pensione (CQP), che consistono in prestiti personali non finalizzati con tasso d interesse fisso, riservato a pensionati a fronte della cessione volontaria di una quota mensile del proprio trattamento pensionistico netto, nella misura massima di un quinto e fatto salvo il minimo vitale, stabilito annualmente per legge; finanziamenti con rimborso mediante delegazione di pagamento (DP), che consistono in prestiti personali non finalizzati con tasso d interesse fisso riservati prevalentemente a lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, statali, pubblici o privati, a fronte di un mandato irrevocabile al rispettivo datore di lavoro, previa sua accettazione, a trattenere e pagare periodicamente una quota parte dello stipendio mensile del lavoratore. Tale quota, fissata solitamente nella misura di un quinto della retribuzione netta, non supera per legge il limite massimo della metà dello stipendio. Tali finanziamenti sono caratterizzati da: durata compresa tra 18 e 120 mesi circa tasso di interesse fisso garanzie assicurative obbligatorie per legge ovvero richieste per prassi. Tali forme di finanziamento sono altamente compatibili con un adeguata remunerazione del rischio grazie sia alle garanzie adottate dal legislatore (es. lo spostamento nel CQS dell onere della restituzione del finanziamento dal soggetto finanziato al datore di lavoro, le assicurazioni obbligatorie contro il rischio vita e contro il rischio impiego emesse da primarie compagnie di assicurazione) sia alla prassi adottata dagli operatori di settore (tra cui, in particolare, l analisi sulla solvibilità del datore di lavoro terzo ceduto o terzo delegato). L erogazione e/o il collocamento dei finanziamenti può avvenire secondo tre diverse modalità: in nome e per conto di istituzioni finanziarie, con cui Conafi sottoscrive un accordo di mandato con procura notarile nei limiti di un plafond rotativo concesso dall istituzione finanziaria mandante; in nome proprio, nel caso di erogazione diretta, Conafi può valutare in qualunque momento la possibilità di procedere alla cessione pro-soluto del credito a primarie istituzioni finanziarie. La contestuale cessione del credito di fatto consente di trasferire il rischio sottostante in capo all istituto di credito cessionario, limitando il rischio di credito in capo a Conafi ; collocamento prodotti di terzi (c/terzi), nel caso in cui il Gruppo stabilisca di collocare i prodotti finanziari intermediati e erogati da altri Istituti finanziari. Sia nel caso di erogazione in nome proprio, sia nel caso di collocamento di finanziamenti in nome e per conto di istituzioni Finanziarie il Gruppo Conafi provvede direttamente alla completa gestione dell ammortamento del finanziamento, curando l incasso delle rate, sollecitando l ATC (Amministrazioni Terze Cedute) il soggetto finanziato in ritardo con i pagamenti e richiedendo il risarcimento presso le Compagnie di Assicurazioni, in caso di sinistro, avvalendosi del sistema informativo di proprietà, che consente di operare con grande efficienza. 6

7 Negli ultimi anni il Gruppo Conafi, avvalendosi sia dell esperienza maturata dalla rete di vendita interna, sia dell organizzazione della propria struttura, sia del software di proprietà CQSWeb sviluppato internamente, ha progettato e messo a punto i seguenti prodotti che consentono di raggiungere e finanziare segmenti di clientela sempre più ampi. (i) CQS chiavi in mano per banche retail è un prodotto che la Conafi Prestitò ha progettato per gli istituti di credito che intendono proporre direttamente alla propria clientela la forma di finanziamento CQS/CQP e DP. In particolare, tale prodotto consente alla banca erogante avvalendosi dell attività svolta da Conafi, in qualità di mandataria - di collocare il finanziamento direttamente tramite proprie filiali (e non tramite agenti terzi), snellendo in questo modo la catena distributiva, ottenendo in tal modo rendimenti più elevati ed erogando i prestiti a condizioni più vantaggiose. Al Gruppo Conafi, in forza di apposita convenzione, sono riservate la gestione amministrativa (ivi inclusa la gestione della modulistica e dei flussi dei rimborsi) e la valutazione di fattibilità tecnica dei finanziamenti. Il prodotto utilizza il software di proprietà di Conafi CQS Web, che consente a tutti gli sportelli della Banca convenzionata un collegamento in tempo reale con il Gruppo Conafi per la predisposizione di preventivi, la stampa in remoto dei contratti di finanziamento, l accesso a tutta la modulistica ed alle circolari, la verifica degli stati pratica, ecc. (ii) CQS Corporate è un prodotto che la Conafi Prestitò ha progettato per aziende private e per amministrazioni pubbliche che intendono agevolare l accesso dei propri dipendenti a forme di finanziamento CQS, CQP e DP. Grazie a tale prodotto, i finanziamenti intermediati ai lavoratori di dette aziende sono a condizioni più vantaggiose e l iter istruttorio risulta più rapido. Anche il CQS Corporate utilizza il software CQS Web che consente all azienda, con un semplice collegamento on line, di mettere immediatamente a disposizione preventivi, di stampare la documentazione ed inviare documenti via web riducendo enormemente i tempi per l istruttoria e per la concessione del prestito in caso di esito favorevole, evitando l intermediazione della rete commerciale con conseguente riduzione degli oneri connessi, nonché del rischio di frodi, manipolazioni, ecc. Corporate : i finanziamenti e servizi alle imprese Attraverso l acquisizione di societa specializzate il Gruppo ha ampliato l offerta dei propri prodotti anche alla clientela Corporate offrendo direttamente alle imprese i propri prodotti e servizi nei settori della finanza ordinaria e assistita, oltre che fornendo assistenza e consulenza in tema di operazioni di finanza straordinaria e agevolata. Con la realizzazione dei progetti Io Prestitò e Tuttoconsulenze, incentrati sull utilizzo della piattaforma informatica integrata e sviluppata internamente Tuttoconsulenze Web, il modello di business del Gruppo Conafi consente il collegamento diretto tra la domanda e l offerta, permettendo alle reti commerciali di soddisfare in modo completo e puntuale il fabbisogno della clientela. Punti di forza del Gruppo Conafi Il management ha identificato come principali elementi di forza del Gruppo Conafi: la specializzazione e la competenza nella gestione dei finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio e delegazione di pagamento; la conoscenza approfondita del mercato di riferimento; la significativa capacità di gestione delle pratiche e degli incassi; lo sviluppo interno di un sistema informativo di proprietà, flessibile e modulato per le specifiche esigenze dell attività svolta dal Gruppo; l elevata riconoscibilità del marchio; le numerose convenzioni con le principali amministrazioni statali; la capillare presenza commerciale sul territorio nazionale, attraverso una presenza sia diretta, sia indiretta; la capacità di innovare i propri prodotti al fine di acquisire nuova clientela. 7

8 Struttura del Gruppo al 31 dicembre 2011 GRUPPO CONAFI CONAFI PRESTITO' S.P.A. Capogruppo ALBA FINANZIARIA S.P.A. (Partecipata 100% Conafi) H.P.B. S.P.A. (Partecipata 100% Conafi) ITALIFIN S.R.L. (Partecipata 100% Conafi) RENCREDIT SERVIZI DI RECUPERO CREDITI S.R.L (Partecipata 100% Conafi) NETWORK E BUSINESS S.R.L. (Partecipata 70% H.P.B.) UNIPRESTIT S.P.A. IN LIQUIDAZIONE (Partecipata 75,5% H.P.B.) ALTA ITALIA SERVIZI S.R.L. (Partecipata 100% H.P.B.) EURIS EUROPE S.R.L. (Partecipata 51% H.P.B.) VIA ADVISORS CORPORATE FINANCE S.R.L. (Partecipata 100% H.P.B.) CONSULENZE & FINANZE S.R.L. (Partecipata 100% H.P.B.) PRESTITO CASE S.R.L. (Partecipata al 100% Consulenze e Finanze Srl) 8

9 BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO CONAFI PRESTITÓ AL

10 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE CONSOLIDATA 10

11 Lettera del Presidente Signori Azionisti, l esercizio 2011, in condizioni di progressiva maggior trasparenza e normalizzazione del settore del credito al consumo, e nonostante la difficile congiuntura economica in cui ci si è trovati ancora ad operare, ha comunque confermato il recupero intrapreso lo scorso anno sulla scorta degli interventi posti in essere dal Gruppo Conafi e della sua strategia di focalizzazione sulle attività del core business della cessione del quinto. Sebbene da un lato non si siano ancora manifestati gli effetti dei programmi di riorganizzazione del Gruppo tesi a migliorare la redditività e l efficienza dell offerta alle piccole e medie imprese dei servizi e della consulenza finanziaria, la produzione nel settore dei finanziamenti con cessione del quinto, a fronte di una contrazione del mercato del 9% evidenziata dai dati pubblicati dall Assofin, è risultata invece pari a circa 103 milioni di euro e caratterizzata da un incremento dei margini di redditività, con un incremento quindi ancora significativo del valore dei finanziamenti intermediati (pari a circa l 8,5% rispetto al 2010) e delle relative commissioni nette (pari a circa il 20,3% rispetto al 2010). Complessivamente, dunque, i volumi del 2011 sono stati pari a contratti con una crescita in termini di valore rispetto a quanto conseguito lo scorso anno sostanzialmente realizzata nel comparto della cessione del quinto della pensione (+31,6%), a fronte di un livello sostanzialmente paritetico dei finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio e di una significativa riduzione delle delegazioni di pagamento (-30,0%), per effetto di scelte commerciali di valorizzazione della marginalità, ma al contempo di contenimento del rischio e di forte qualità degli attivi intermediati. Il risultato consolidato dell esercizio 2011, che ha beneficiato di un incremento del margine di intermediazione in misura pari a circa il 4,2% rispetto al 2010 nonostante la flessione verificatasi nel margine di interesse, registra tuttavia una perdita netta di 3,8 milioni di euro (contro una perdita netta di 1,7 milioni di euro relativa all anno precedente), sulla quale hanno pesato in modo particolare oneri non ricorrenti pari a circa 1,9 milioni di euro connessi al processo di riorganizzazione della divisione corporate ed agli investimenti pubblicitari effettuati per lo sviluppo delle attività nel settore dell intermediazione on line dei mutui tramite il portale MutuoSulWeb. Sulla perdita dell esercizio ha inoltre negativamente influito la perdurante crisi del mercato del credito, con il progressivo ristagno dell offerta da parte del sistema bancario ed il concomitante aumento del costo di approvvigionamento. Tali fatti non solo hanno determinato il ridimensionamento dei nostri programmi di crescita ma hanno oltretutto posto forti vincoli alla gestione della tesoreria ed all impiego efficiente della liquidità, che su richiesta del sistema bancario è rimasta depositata sui conti correnti a supporto delle linee operative in essere e a condizioni non remunerative. Gli effetti del protrarsi di una tale situazione, complessa e ancora poco definita dal punto di vista sia dello scenario economicofinanziario che del contesto normativo, hanno dunque ridotto l orizzonte di programmazione delle fonti di provvista e prodotto il venir meno dei presupposti su cui si basavano le previsioni e le stime indicate nelle linee strategiche presentate nel 2010, che non risultano allo stato attuale perseguibili. Le profonde riflessioni fatte in ordine al processo di revisione degli obiettivi strategici e delle linee programmatiche del Gruppo hanno evidenziato la forte valenza della scelta di focalizzazione sul core business della cessione del quinto e della conseguente razionalizzazione del portafoglio dei prodotti e dei servizi offerti, insieme a un attento controllo dei costi operativi di gestione in un ottica di confronto con il mercato, di sviluppo e di crescita del Gruppo. Il completamento, infine, dei programmi di rifocalizzazione e consolidamento delle nostre controllate attive nella consulenza e nei servizi finanziari alle imprese consentiranno la valorizzazione degli investimenti effettuati tramite la controllata HPB S.p.A., ponendo al contempo le basi per ulteriori sviluppi. In termini prospettici, si ritiene che i finanziamenti con cessione del quinto possano costituire oggi la forma vincente per soddisfare in modo controllato i fabbisogni finanziari delle famiglie e sostenere i consumi, e che tale settore presenti quindi importanti opportunità, che si andranno a concretizzare di pari passo alla soluzione delle criticità del mercato del credito e dei relativi meccanismi di trasferimento della liquidità, nonché con la puntuale attuazione della riforma del credito al consumo ed il miglioramento del regime concorrenziale tra i diversi operatori, con conseguente riordino della rete distributiva e l innalzamento degli standard professionali. A tal riguardo i primi mesi del 2012 evidenziano i risultati di un ulteriore forte accelerazione e di un netto miglioramento dei principali aggregati e indicatori economici, per cui stante il mantenimento di una sufficiente visibilità sulle fonti di approvvigionamento a supporto dell attuale modello operativo, si ritiene che il Gruppo Conafi possa nell esercizio 2012 proseguire la sua crescita ed adottare a tale scopo le scelte strategiche opportune. Presidente e Amministratore Delegato Nunzio Chiolo 11

12 Azionisti Trend del titolo CONAFI , , /1/11 15/2/11 30/3/11 16/5/11 28/6/11 10/8/11 23/9/11 7/11/11 20/12/11 2/2/12 0,5 Volume Prezzo Nel 2011 il titolo Conafi Prestitò, dopo una fase di stabilità, ha iniziato a partire dal mese di maggio un trend di discesa accompagnato da un picco dei volumi a fine giugno e a inizi novembre. Nell arco dell anno il prezzo medio del titolo si è attestato a Euro 0,83 p.a. con un valore massimo pari a Euro 1,07 raggiunto nella prima metà del mese di maggio (12 maggio). I volumi medi giornalieri nel corso dell anno 2011 si sono attestati a unità scambiate giornalmente. Mercato MTA ISIN IT Reuters CNP.MI Bloomberg CNP IM Numero azioni Capitalizzazione ( mln) al 14/03/ ,74 Volumi medi giornalieri (dal 03/01/2011) Dati aggiornati al 15/03/

13 Principali dati per azione Conafi Prestito 31/12/ /12/2010 Utile (perdita) consolidato N. azioni ordinarie all'inizio dell'esercizio Azioni emesse nell'esercizio 0 0 N. di azioni ordinario alla fine dell'esercizio N. medio ponderato di azioni ordinarie Utile Base per Azione (Euro) -0,085-0,037 Mercato 29,90% Nusia s.r.l. 45,10% Laperchia Maria 3,70% Conafi Prestitò S.p.A. 9,20% Banca Pop. Emilia Romagna s.c.a.r.l. 5,90% Fonte: Società Alite s.r.l. 6,20% Azionista % quota Nusia s.r.l. 45,10% Alite s.r.l. 6,20% Banca Pop. Emilia Romagna s.c.a.r.l. 5,90% Conafi Prestitò S.p.A. 9,20% Laperchia Maria 3,70% Mercato 29,90% Fonte: Società Nota: Nunzio Chiolo possiede il 100% di Nusia srl che detiene a sua volta la totalità del capitale sociale di Alite srl; pertanto Nunzio Chiolo detiene complessivamente una quota pari al 51,31% di Conafi Spa. 13

14 La comunicazione finanziaria Conafi Prestitò continua a mantenere un dialogo aperto e costante con i suoi Investitori attraverso un attiva politica di comunicazione svolta dalla funzione di Investor Relations interna ed esterna, cui è affidato il compito di gestire i rapporti con la comunità finanziaria. Durante l anno 2011, la Società ha incontrato la comunità finanziaria in occasione della presentazione della linea di business nell intermediazione on-line dei mutui MutuoSulWeb in data 28 giugno. Conafi Prestitò ha inoltre partecipato allo Small&Mid Cap Investor Day, organizzato da IR Top, a Lugano (Svizzera) in data 29 settembre. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito istituzionale alla sezione Investor Relations, che raccoglie tutti i documenti economico-finanziari dalla quotazione ad oggi (comunicati stampa, presentazioni istituzionali, pubblicazioni periodiche e aggiornamenti in tempo reale sul titolo). Sono inoltre disponibili agli azionisti i seguenti contatti: Conafi Prestitò S.p.A. IR TOP S.r.l. Via Cordero di Pamparato, Torino Via C. Cantù, Milano Tel: Tel: /3 Fax: Fax: Calendario finanziario aprile 2012 CdA: Esame ed approvazione Progetto di Bilancio maggio -24 maggio 2012 Assemblea degli Azionisti: Approvazione del Bilancio di esercizio 2011 Nomina organi sociali (1 a e 2 a convocazione) 08 maggio 2012 CdA: Esame e approvazione del Resoconto intermedio di gestione al agosto 2012 CdA: Esame e approvazione della Relazione Finanziaria al novembre 2012 CdA: Esame e approvazione del Resoconto intermedio di gestione al Internal Dealing Riguardo alle partecipazioni dei componenti degli organi di amministrazione e di controllo, dei direttori generali e dei dirigenti con responsabilità strategiche in Conafi SpA., si fornisce nelle tabelle che seguono l informativa richiesta dall art. 79 del Regolamento Consob n del 14/5/99 e successive modifiche e integrazioni. Dettaglio: DATA 14/07/2011 SOGGETTO Maria Laperchia TIPO DI OPERAZIONE STRUMENTO FINANZIARIO QUANTITA PREZZO ( ) CONTROVALORE ( ) Acquisto Azioni ordinarie , Riepilogo : Cognome e Nome Ruolo Società Partecipata N. azioni possedute al 31/12/2010 N. azioni acquistate N. azioni vendute N. azioni possedute a fine 2011 Chiolo Nunzio Vigorelli Giuseppe Presidente e Amministratore Delegato Consigliere Conafi S.p.A (*) Conafi S.p.A Vimercati Giuseppe Consigliere Conafi S.p.A Laperchia Maria Dirigente Conafi S.p.A (*) di cui indirettamente

15 Azioni proprie: Piano di buy back Aggiornamento programma di acquisto azioni proprie Nel corso del 2011, e in attuazione al programma di acquisto azioni proprie in scadenza il 30 ottobre 2011 la Conafi ha proceduto all acquisto di n azioni per un controvalore totale pari a euro. Le azioni sono state acquistate sia nel rispetto delle disposizioni di cui agli artt ss. Del Codice Civile, 132 del D.L.vo 58/98 e 144-bis del regolamento Consob 11971/99, sia dei limiti e delle finalità stabiliti dall assemblea dei soci e dall organo amministrativo. Alla data del 31/12/2011 la Conafi Prestitò detiene complessivamente n azioni proprie, pari al 9,21946 % del capitale sociale per un controvalore pari a euro. Il mercato monetario e finanziario Mercato di riferimento Nel 2011 il tasso di riferimento della BCE si è mosso in direzioni contrapposte dopo un lungo periodo di quasi due anni di stabilità sul livello dell 1%. Nel mese di aprile 2011, sulla spinta di tensioni inflazionistiche, il tasso BCE è stato portato all 1,25%, successivamente ulteriormente aumentato all 1,50% nel mese di luglio. Le fortissime tensioni estive e autunnali hanno indotto l Istituto centrale europeo a due interventi riduttivi compiuti a distanza ravvicinata che hanno riportato nel mese di dicembre il tasso BCE al livello dell 1%. Per quanto attiene ai principali parametri di riferimento per il settore della cessione del quinto osserviamo che l Eurirs 5Y ha evidenziato una media mensile nel mese di gennaio 2011 del 2,64%, che si è progressivamente incrementata fino a raggiungere il suo massimo annuale nel mese di aprile con una media mensile del 3,12%. Dal mese di maggio in poi il livello si è progressivamente ridotto fino al raggiungimento nel mese di dicembre di una media dell 1,88%. Con riferimento all altro parametro utilizzato dagli operatori, l Euribor 3 mesi, evidenziamo che il suo livello si è mantenuto al di sotto dell 1% fino al primo intervento della BCE, crescendo poi fino a raggiungere un livello dell 1,42% con la media mensile di luglio, per poi ridursi costantemente fino a fine anno, conseguendo a dicembre una media mensile dell 1,14%. Il mercato del credito al consumo Secondo i dati pubblicati da Assofin, l Associazione di categoria che rappresenta gli operatori del mercato del credito al consumo e immobiliare, è proseguita anche per il 2011 la flessione del mercato del credito al consumo. La contrazione è stata del 2,2% in termini di valore delle operazioni finanziate, comunque inferiore alla riduzione dell anno precedente (-5,3%) e ancor più contenuta rispetto a quella conseguita nell esercizio 2009 (-11,3%). Il flusso di nuove operazioni finanziate si è attestato a 51,7 contro un flusso di 52,4 miliardi conseguito nell anno 2010; in termini di numero di operazioni si evidenzia un numero complessivo di 122,6 milioni in aumento del 9% rispetto al Questa distonia tra flessione dei volumi e aumento del numero delle operazioni va riferito al rilevate incremento di operazioni ascrivibili alle carte rateali, notoriamente di importo contenuto rispetto alle altre categorie di prodotti. Con riferimento alle diverse componenti che costituiscono il mercato del credito al consumo, il comparto della cessione del quinto è stato quello che nel 2011 ha registrato la flessione più significativa (-9,0%), se trascuriamo il comparto Revolving (-21,9%) che in termini di volumi rappresenta solo lo 0,8% del totale flussi del mercato. Particolarmente significativa anche la contrazione dei Prestiti finalizzati (-8,7%) a testimonianza di un atteggiamento di rinvio della spesa da parte del consumatore nell acquisto soprattutto di beni durevoli, quali autoveicoli e motocicli (-9,9%), arredamento (-19,3%), elettrodomestici ed elettronica (-4,6%). Con segno positivo invece l andamento dei prestiti personali fiduciari (+4,3%) che rappresentano il comparto dimensionalmente più significativo con un flusso di nuovi prestiti di 19,8 miliardi. Anche le carte rateali mostrano un segno positivo con un + 0,5% rispetto al Il comparto della cessione del quinto ha conseguito nel 2011 un flusso positivo di 4,5 miliardi, in contrazione rispetto all anno precedente. Tra le diverse componenti rileviamo un segno positivo per i soli pensionati che si incrementano dell 1,7% rispetto all anno precedente con un flusso netto di 1,8 miliardi. In calo i prestiti ai dipendenti statali e pubblici (-7%) per 1,7 miliardi ed un arretramento importante per i prestiti ai dipendenti di aziende private (-27,2%) con un flusso di 0,9 miliardi. Con riferimento ai 15

16 dipendenti pubblici e statali l arretramento sembra ascrivibile ad una saturazione di questo segmento di mercato mentre per i privati la flessione si ritiene essere ascrivibile alla crescente rischiosità del segmento, con conseguente innalzamento dei criteri assuntivi. In termini di stock di crediti in essere al 31 dicembre 2011 evidenziamo che il comparto della cessione del quinto si attesta a complessivi 17 miliardi. La componente più rilevante è quella dei pubblici e statali con 6,6 miliardi, seguono i pensionati con uno stock di e 5,8 miliardi ed infine i privati con una consistenza di 4,6 miliardi Quadro normativo e regolamentare Nel corso del 2011 e dei primi mesi del 2012 sono stati emanati diversi provvedimenti di carattere legislativo e regolamentare che hanno interessato la società, sia nell ambito della propria attività specifica sia quale società quotata; con riferimento all operato della Banca d Italia, che verrà successivamente meglio dettagliato, è proseguita l emanazione di diversi provvedimenti di cui alcuni ancora in consultazione, inerenti l attività degli intermediari finanziari sia relativi a quanto previsto dal D.Lgs. n. 141/2010 sia a tematiche più generali, quali l antiriciclaggio e gli schemi di bilancio che gli stessi dovranno adottare. Particolare importanza occorre porre sull emanazione della Legge n. 120 del 12/07/2011 in merito all equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo nelle società quotate. Le principali novità legislative Come appena evidenziato, a seguito dell emanazione della Legge n. 120 del 12/07/2011 che ha modificato il D.Lgs. n. 58/1998, le società quotate dovranno garantire l equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo; la normativa, applicabile ai rinnovi del Consiglio di amministrazione e del Collegio Sindacale che verranno nominati dopo il 12/08 p.v., prevede un periodo transitorio fino al 2015 nel corso del quale almeno un quinto dei membri degli organi sociali deve essere composto dal genere meno rappresentato, ed a regime almeno un terzo. L operato della Banca d Italia In data 12/12 u.s. l Organo di vigilanza ha emanato, previa consultazione, un provvedimento relativo al sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari, entrato in vigore il 01/01 u.s. la cui innovazione più rilevante consiste nella modifica dell oggetto della competenza dell Arbitro Bancario Finanziario; sempre nel corso del 2011 la Banca d Italia ha dato inizio alla consultazione, ancora in corso, del provvedimento in materia di bilancio e di rendiconto degli intermediari finanziari; parallelamente è iniziata la consultazione in relazione all adozione, per quanto riguarda le esposizioni scadute e/o sconfinamenti deteriorate, del limite di 90 giorni in luogo di quello di 180. Ai fini dei provvedimenti emanati a seguito della normativa antiriciclaggio si segnala l emanazione in data 02/02 u.s. del documento in consultazione, inerente le disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela ai sensi dell art.7, comma 2, del Decreto legislativo n. 231 del 21/11/2007, nel quale vengono indicati, fra gli altri, quali obblighi devono essere seguiti ai fini dell identificazione della clientela, da parte di banche ed intermediari finanziari. Sempre nell ambito di tale normativa occorre segnalare l emanazione della Legge n. 148/2011, all interno della quale è stato inserito il nuovo limite di Euro 1.000,00, oltre il quale è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari e postali al portatore; infine è stato emanato da Banca d Italia il provvedimento inerente le disposizioni per l invio dei dati aggregati da parte degli intermediari finanziari. Il Provvedimento che riveste maggiore importanza per gli intermediari finanziari è senz altro quello posto in consultazione da Banca d Italia in data 12/01 u.s., avente ad oggetto lo schema delle nuove disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari in attuazione del D.Lgs. n. 141/2010; tale documento, la cui consultazione è terminata il 12/03 u.s. conferma la scelta di applicare agli intermediari finanziari, pur osservando un principio di proporzionalità, un regime di vigilanza equivalente a quello delle banche fondato sui tre pilastri dell accordo di Basilea: -Requisito patrimoniale per fronteggiare i rischi di credito, di controparte, di mercato ed operativi; -L adozione da parte degli intermediari di una strategia e di un processo di controllo dell adeguatezza patrimoniale attuale e prospettica (Processo ICAAP); -Obblighi di informativa al pubblico riguardante l adeguatezza patrimoniale. Fra i punti di maggiore attenzione si trovano la regolamentazione del Gruppo Finanziario, all interno della quale sono previsti gli intermediari finanziari che controllano società finanziarie (i.e. agenti in attività finanziaria o altri intermediari finanziari) e la nuova 16

17 veste della Capogruppo quale referente per Banca d Italia in materia di vigilanza consolidata, le specifiche disposizioni in materia di partecipazioni detenibili da parte dell intermediario finanziario, attraverso la definizione di un limite generale per gli attivi immobilizzati (immobili e partecipazioni) commisurato all ammontare del patrimonio di vigilanza e di limiti per l assunzione di partecipazioni qualificate in società non finanziarie, la necessità in ossequio a quanto previsto dal Testo Unico Bancario, dell autorizzazione di Banca d Italia circa l acquisizione di partecipazioni qualificate nel capitale di un intermediario finanziario, così come per le operazioni di cessione d azienda, rami d azienda e rapporti giuridici individuabili in blocco, i requisiti in tema di organizzazione e controlli ove lo schema disciplina alcuni aspetti generali (dispositivi di governo societario, presidi per la gestione e il controllo dei rischi, flussi informativi interni, esternalizzazione di attività, regole di governo societario che delineano compiti e responsabilità minimi degli organi aziendali, procedure amministrative e contabili, misure di salvaguardia della continuità operativa, il sistema dei controlli interni, le caratteristiche del sistema informativo contabile); con riferimento al sistema dei controlli interni il Provvedimento prevede che le funzioni aziendali di controllo (risk management, compliance, internal audit) devono essere indipendenti sia rispetto alle attività controllate, sia tra di loro; infine particolare attenzione viene posta alla gestione dei rischi rivenienti dall utilizzo di soggetti terzi nella promozione e collocamento di finanziamenti, ed alla gestione della liquidità. L operato di Consob In merito all attività di Consob si segnala l emanazione della delibera n in data 08/02 u.s. che ha modificato ed integrato il regolamento emittenti al fine di adeguarlo alla nuova normativa prevista dalla Legge n. 120 del 12/07/2011, nella quale è previsto l obbligo delle società quotate relativo all equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo, nonché la pubblicazione della delibera n del 23/12 u.s. in materia di trasparenza sulle remunerazioni. 17

18 Analisi della situazione economica e finanziaria del Gruppo Conafi Ai sensi dell art. 8 dello Statuto vigente, conforme al disposto dell art cod.civ., ci si è avvalsi della facoltà di convocare l assemblea degli azionisti entro il termine non superiore a centottanta giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, per disporre di una maggiore visibilità sulle fonti di provvista a supporto dell attuale modello operativo mediante l ottenimento della conferma dei plafond necessari per la continuazione dell attività aziendale. I dati di stato patrimoniale e di conto economico al sono stati predisposti in conformità agli IAS/IFRS e sono comparati ai dati del bilancio consolidato al Si informa che gli schemi utilizzati sono quelli previsti dalle nuove Istruzioni per la redazione dei bilanci degli Intermediari Finanziari iscritti nell elenco speciale emanata dalla Banca d Italia in data 13 marzo 2012 Si riportano qui di seguito alcune tabelle con i principali aggregati economici e patrimoniali seguite da una breve descrizione delle maggiori differenze intervenute fra i due periodi di riferimento. Per riconciliare i dati riportati nei prospetti sintetici con i dati indicati negli schemi di bilancio riportiamo qui di seguito l elenco delle aggregazioni effettuate : Nel conto economico: - Rettifiche di valore nette su immobilizzazioni : somma delle voci 120 e Commissioni Nette : somma delle voci 30,40 e 90 Nello stato patrimoniale: - Immobilizzazioni : somma delle voci 100 e 110 dell attivo - Altre attività : somma delle voci 120 e 140 dell attivo - Altre passività : somma delle voci 70 e 90 del passivo Il perimetro di consolidamento non presenta variazioni rispetto all esercizio precedente non essendo state effettuate nuove acquisizioni di società nell esercizio Per una migliore rappresentazione e lettura dei dati del bilancio consolidato si precisa che, coerentemente con le istruzioni di Banca d Italia per la compilazione delle Segnalazioni di Vigilanza (che includono fra le commissioni attive anche le commissioni ricevute per la consulenza finanziaria alle imprese), abbiamo ritenuto di classificare fra le commissioni nette anche i proventi e gli oneri diretti relativi alle attività consulenziali svolte dalle società controllate operanti nei settori della finanza ordinaria, straordinaria e agevolata. Con riferimento alla comunicazione CONSOB DEM/RM del 5 agosto 2011 si evidenzia che il Gruppo Conafi non detiene in portafoglio debito sovrano intendendosi per tale i titoli obbligazionari emessi dai governi centrali e locali e dagli enti governativi nonché i prestiti erogati dagli stessi 18

19 Conto Economico Sintetico : VALORI 31/12/11 31/12/10 Variazione % Margine di interesse (13,6%) Commissioni nette ,9% Margine di intermediazione ,2% Spese Amministrative (12.380) (11.697) 5,8% Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri 97 (216) (144,9%) Rettifiche di valore nette su Immobilizzazioni (851) (380) 123,9% Rettifiche di valore nette per deterioramento di crediti (1.384) (280) 394,3% Altri Oneri/proveni di gestione (336) 87 (486,2%) Risultato della gestione operativa (3.741) (1.821) 105,4% Imposte sul reddito (75) 113 (166,4%) Utile (perdita) netto (3.816) (1.708) 123,4% Utile (Perdita) di pertinenza di terzi (248) (113) 119,5% Utile (perdita) del Gruppo (3.568) (1.595) 123,7% Conto Economico Sintetico : INDICATORI 31/12/11 31/12/10 Variazione % Cost to income (133,7%) (117,1%) 14,2% Spese amministrative complessive / margine intermediazione 111,4% 109,7% 1,6% Spese per il personale / margine intermediazione 59,9% 66,7% (10,2%) Altre Spese amministrative / margine intermediazione 51,5% 43,0% 19,8% Altre Spese amministrative escluse spese di pubblicità / margine intermediazione 32,4% 37,3% (13,3%) Risultato della gestione operativa / margine intermediazione (33,7%) (17,1%) 97,2% ROE ( utile / patrimonio netto) (6,6%) (2,7%) 143,4% Il risultato netto consolidato del 2011 riporta una perdita netta di pertinenza del Gruppo di m, contro una perdita netta di m del La perdita dell esercizio 2011 si incrementa rispetto all esercizio precedente di m, per effetto di alcuni elementi maggiormente significativi quali, l incremento delle rettifiche nette per il deterioramento di crediti per m, l incremento delle spese promozionali e pubblicitarie per m e l incremento delle rettifiche di valore su immobilizzazioni immateriali per 492 m inclusivo della svalutazione da impairment test dell avviamento di 442 m originariamente iscritto s seguito dell aggegazione aziendale della società Euris Europe S.r.l.. Il margine di interesse presenta una flessione del 13,6% principalmente per effetto della diminuzione delle disponibilità liquide mediamente giacenti sui conto corrente bancari. Le commissioni nette di intermediazione si attestano a m contro i m dell anno precedente registrando un incremento di 576 m (+5,9%). L incremento riflette da un lato una buona performance dell attività Retail che ha contribuito positivamente con maggiori commissioni nette del 20% collegate a maggiori volumi di finanziamenti intermediati del 8,5% e dall altro a una forte contrazione dei ricavi prodotti dall attività Corporate del 56,5%. L andamento trimestrale evidenzia un trend costante delle commissioni nette nel corso di tutto il 2011 con una lieve flessione nel 3 trimestre. Il margine di intermediazione, per gli effetti appena spiegati, registra quindi un incremento di 448 m pari al 4,2%. Le spese amministrative ammontano complessivamente a m ( m al ) ed evidenziano una crescita del 5,8% rispetto al La crescita delle spese amministrative tuttavia, pari a 683 m, è totalmente attribuibile ai maggiori investimenti pubblicitari di circa 1,5 milioni di euro 0,9 dei quali sostenuti a sostegno della nuova linea di business Mutuosulweb. Le altre spese amministrative hanno invece evidenziato una sensibile riduzione soprattutto in riferimento al costo per il personale dipendente e dell Organo di amministrazione. Il costo del personale, di cui alla voce 110 del bilancio, pari a m, si riduce infatti,rispetto all esercizio precedente, di 457 m (6,4%) per effetto sia della diminuzione del numero dei dipendenti medi ( 6 unità espresse in F.T.E) e sia per la contrazione dei compensi ad amministratori e sindaci per complessivi 359 m. Più in particolare, la riduzione di 19

20 circa 323 m dei compensi al Consiglio di amministrazione fa seguito ad una rinuncia parziale e volontaria da parte di singoli amministratori Tra le altre spese amministrative (voce 120b), oltre alla pubblicità di cui si e detto, si osservano ulteriori riduzioni di altri costi fra cui le spese postali e telefoniche per 82 m (-20%) e le spese per consulenze per 48 m ( -2,6%). Gli accantonamenti netti ai fondi rischi del 2011 hanno evidenziato un saldo positivo pari a 97 m contro accantonamenti per 216 m dell esercizio precedente. Tale effetto beneficia di una miglior stima del fondo indennità suppletiva di clientela che deriva dall applicazione di una più aggiornata serie storica delle liquidazioni effettivamente erogate agli agenti nel corso degli anni passati Le rettifiche di valore sulle immobilizzazioni operate nel 2011 ammontano complessivamente a 851 m contro i 380 m dell esercizio precedente, il cui incremento è sostanzialmente dovuto alla svalutazione da impairment test dell avviamento per 442 m di cui si e gia fatto cenno. Gli impairment tests sui valori degli avviamenti presenti nell attivo del bilancio al pari a m ( al ) e alla cui trattazione piu dettagliata si rimanda alla parte A -Politiche contabili sezione 4-Altri aspetti, non hanno evidenziato ulteriori perdite di valore. Le rettifiche di valore nette per deterioramento su crediti comprendono sia le svalutazioni specifiche a fronte di crediti in incaglio, sofferenza e ai crediti scaduti da oltre 90 giorni, sia le rettifiche collettive effettuate a fronte di prestiti intermediati su mandato e collocati con la clausola del Patto del non riscosso per riscosso (voce 100), così come previsto dalle Istruzioni di Banca d Italia. Le prime evidenziano un accantonamento di m, rispetto ad un accantonamento di m al Le seconde ammontano a 169 m contro una ripresa di valore di m dell esercizio precedente. Le imposte sul reddito dell esercizio 2011 evidenziano un saldo di 75 m. L importo e costituito da imposte correnti Irap per 141 m, da imposte relative agli esercizi precedenti positive per 4 m, e da Ires anticipata e differita positiva per 58 m. Si precisa tuttavia che non sono state rilevate imposte anticipate sulle perdite fiscali dell esercizio 2011 fatta eccezione per due società del Gruppo per complessive 49 m. Per maggiori dettagli e informazioni sulle dinamiche delle voci di bilancio si rimanda alle tabelle riportate nella Note di commento al bilancio consolidato. Per quanto riguarda invece maggiori dettagli in merito all andamento della produzione effettuata si rimanda al capitolo successivo dedicato all informativa di settore. In riferimento alla Raccomandazione del CESR B la Conafi Prestitò S.p.A. ha ritenuto di non dover aderire alla facoltà concessa alle società quotate di utilizzare indicatori alternativi di performance diversi da quelli già forniti nella presente relazione. 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli