Il Trattamento fiscale dei sistemi di welfare aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Trattamento fiscale dei sistemi di welfare aziendale"

Transcript

1 Il Trattamento fiscale dei sistemi di welfare aziendale ovvero Dei Fringe benefitsnella determinazione del reddito di lavoro dipendente Paolo Meneguzzo Area Fiscale Confindustria Vicenza Vicenza, 7 novembre 2014

2 La nozione di fringe benefit nel lavoro dipendente La classificazione dei fringe benefits - secondo la natura del fringe benefit - secondo il trattamento fiscale ex art.51, TUIR Il limite annuo di euro 258,23: l art.51, comma 3, TUIR Il trattamentoin capo al datore - Reddito d impresa(irpef; IRES) -IRAP La quantificazione in denaro dei fringe benefits Beni o servizi o Buoni rappresentativi degli stessi Polizze Autovetture in uso promiscuo Prestiti Abitazione La lettera f) e la lettera f-bis) dell art.51, c. 2 TUIR Schema della Relazione Confindustria Vicenza PM-2014 Pagina 2

3 La nozione di fringe benefit nel lavoro dipendente.1 Fringe benefits - benefici marginali o benefici accessori alla retribuzione principale; - in natura : beni e servizi, con un valore economico. - concessi gratuitamente al lavoratore. Principio di onnicomprensività il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro (art.51, c.1,tuir). Pagina 3

4 La nozione di fringe benefit nel lavoro dipendente.2 Che cosa noncostituisce fringe benefit Quando non si realizza la fattispecie del f.b. L attribuzione valori suddetti non costituisce reddito di lavoro dipendente, se non realizza un arricchimento del dipendente; corrisponde a un interesse esclusivo o prevalente del datore di lavoro. Non rientrano nell area retributivale prestazioni in natura per le quali sia individuabile un interesse dell impresa, prevalente e assorbente rispetto al vantaggio personale per il dipendente. Esempi: iscrizione al corso per ottenere la patente speciale di guida per lo svolgimento delle mansioni assegnate al lavoratore dall azienda; polizza rc. per danni a terzi per svolgimento di mansioni lavorative (vedi). Pagina 4

5 I fringe benefit : un tentativo di classificazione.1 classificazione dei FB secondo la natura FB legati alla prestazione lavorativa: la ratio del vantaggio fiscale sta nel fatto che l ordinamento riconosce che quella prestazione èerogata dal datore per permettereal lavoratore di svolgere la sua attività e/o va a ristorare disagi che sono provocati dalle modalità di svolgimento della mansione, richieste dal datore, esempio: auto promiscua, cell. promiscuo, trasloco, pasto, ecc. FB legati a un valore sociale, cioè prestazioni che vanno a ristorare un bisogno del lavoratore cui l'ordinamento annette un particolare valore sociale (si tratta del medesimo fondamento delle detrazioni per le spese previste dall art.15 TUIR per tutti i contribuenti IRPEF) Pagina 5

6 I fringe benefits: un tentativo di classificazione.2 FB che cumulano entrambi i caratteri: della connessione alla prestazione lavorativa e del valore sociale Esempio: La prestazione legata all esigenza del pasto nelle sue quattro versioni (art.51, co.2, lett. c), TUIR ); 1) prestazione diretta di mensa (esclusa dal reddito); 2) indennità monetaria (tassata, salvo particolari categorie in aree disagiate, i.e. prive di locali pubblici) 3) ticket-restaurant (escluso dal reddito fino a euro 5,29/giorno); 4) card magnetica (come p.to 1, mensa diffusa RAgE n.63/e/2005) Pagina 6

7 I fringe benefit : un tentativo di classificazione.3 Classificazione dei FB, per trattamento fiscale, ex art. 51, TUIR 1) F.B. codificatiche hanno il loro specifico e differenziato trattamento di vantaggio fiscale (trasloco, prestiti, assistenza sanitaria, ecc.) 2) F.B. non codificatiche possono confluire nella franchigia dei 258,23 del comma 3 (franchigia comune a tutti i fringebenefits ) 3)Oneri di utilitàsocialeex lett. f) ed f-bis), dell art. 51 comma 2, TUIR Pagina 7

8 Il limite annuo di euro 258,23: l art.51, comma 3, TUIR.1 Non concorre a formare il redditodi lavoro dipendente il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati, se complessivamente di importo non superiore nel periodo d'imposta a euro 258,23; se il predetto valore è superioreal suddetto limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito.. Si tratta di una previsione generale che riguarda: i fringe benefits generici ; i fringe benefits con specifiche regole di determinazione del valore (le auto aziendali, i prestiti, le abitazioni); computo al netto di quanto il dipendente ha corrisposto (al lordo dell'iva); per tutti i beni o servizi fruiti nello stesso periodo d'imposta; tenendo conto di tutti i redditi anche derivanti da altri rapporti di lavoro nel corso dello stesso periodo d'imposta. Pagina 8

9 Il limite annuo di euro 258,23: l art.51, comma 3, TUIR.2 Si applica il limite di euro 258,23 ai beni ai servizi ai buoni-acquisto (es. buoni-carburante) alle liberalità per festività e ricorrenze (pacco natalizio, doni in occasione di festività del dipendente, matrimonio, nascita di un figlio, dopo il DL n.93/2008 e la Circolare Agenzia Entrate n.59/e/2008). I tickets restaurant (buoni pasto) non costituiscono fringe benefits, per cui fino a 5,29 euro/giorno, sono esclusi dalla formazione del reddito; l'importo del valore nominale che eccede euro 5,29 non è assorbibile dalla franchigia di esenzione di euro 258,23; quindi, concorre alla formazione del reddito di lavoro dipendente ( Agenzia Entrate, Risoluzione n.26/e/2010 ). Pagina 9

10 Il trattamento in capo al datore: Reddito d impresa(irpef; IRES).1 I criteri generali per la deducibilità dei costi sono: la certezza dell esistenza e la determinabilità obbiettiva dell ammontare della spesa(art.109, co.1, TUIR); il requisito della competenza temporale(art.109, co.2, TUIR); il requisito dell inerenza(art.109, co.5, TUIR). Le spese per le prestazioni di lavoro dipendente deducibili sono anche(art.95, TUIR): quelle sostenute in denaro o in natura a titolo di liberalità, quelle volontariamente sostenute per opere e servizi per la generalità o categorie di dipendenti, per le previste finalità educative-culturaliassistenziali MA non oltre il 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi (art.100, comma 1, TUIR); (vedi diapositiva successiva) Pagina 10

11 Il trattamento in capo al datore: Reddito d impresa(irpef; IRES).2 Regole particolari Le opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto, non oltre il 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi (art.100, comma 1, TUIR); L autovettura aziendale in uso promiscuo per la maggior parte del periodo d imposta o del periodo di possesso, costi deducibili al 70% (art.164, co.1, lett.b-bis), TUIR, dopo la modifica ex art.4, c.72, lett. b), DL n.92/2012) Pagina 11

12 Il trattamento in capo al datore: Reddito d impresa(irpef; IRES).3 Regole particolari Finanziamenti concessi al dipendente Per gli interessi passivi: Regole art.96 TUIR (confronto con gli interessi attivi (*), e l eccedenza con il 30% ROL ) (*) interessi attivi corrisposti dai dipendenti rientrano nell art.96, TUIR se hanno le caratteristiche di cui alla Circ. n.19/e/ 2009: = generati da provvista di denaro con obbligo di restituzione e specifica remunerazione Abitazioni in uso ai dipendenti(art.95, co.2, TUIR): deducibili servizi di alloggio destinati a dipendenti in trasferta temporanea; In genere, l importo non superiore a quello che forma reddito per i dipendenti Pagina 12

13 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.4 La Legge di Stabilità 2015, art.5 d.d.l. Dipendenti a tempo indeterminato ( in forza o neoassunti ) Integrale deduzione dei costi (deducibilità della differenza tra il costo del lavoro complessivo e le deduzioni attualmente vigenti ex art.11, Dlgs n.446/1997) efficacia dall esercizio successivo a quello in corso al Dipendenti a tempo determinato (e collaboratori coord. continuativi) indeducibilità del costo (regole attuali) Aliquota 3,9% retroattiva dal 2014 (clausola salvaguardia acconti previsionali al 3,5%) Pagina 13

14 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.5 La Legge di Stabilità 2015, art.5 d.d.l. Le regole attuali sulla indeducibilità del costo del lavoro riguardano fino all esercizio in corso al i costi dei dipendenti a tempo indeterminato; i costi dei dipendenti a tempo determinato. dall esercizio successivo a quello in corso al i costi dei dipendenti a tempo determinato. Pagina 14

15 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.6 Le regole attuali sulla indeducibilitàdel costo del lavoro (prima della Legge di Stabilità 2015) Per le societàdicapitali: art.5, comma 1, DLgs n.446/1997 la base imponibile è determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art.2425 del Codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lett. c) e d), 12) e 13) così come risultantidalcontoeconomicodell esercizio. Per le società di persone e le imprese individuali, l art.5-bis DLgs n.446/1997 dispone che non sono deducibili le spese per il personale dipendente e assimilato. Pagina 15

16 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.7 Circolare 26 maggio 2009, n.27/e indeducibilità dei costi d. personale anche se non classificati in B9; costi per acquisire beni e servizi da destinare ai dipendenti per lo svolgimento dell'attività lavorativa deducibili nella misura in cui costituiscono spese funzionali all'attivitàdi impresa e non assumono natura retributiva per il dipendente. Circ.16 luglio 2009, n.36/e + Circ. 22 luglio 2009, n.39/e l applicazione delle regole IRPEF-IRES crea un area di sicurezza (esempio, oneri di utilità sociale ). Circolare 20 giugno 2012 n.26/e l IRAP è diretta a colpire il valore aggiunto della produzione netta al cui interno non è ricompreso il costo sostenuto per la remunerazione dei fattori della produzione collegati al capitale (interessi passivi) e al lavoro (retribuzione per il personale dipendente). Pagina 16

17 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.8 Sequenza logica dei criteri di verifica della in - deducibilità 1) verifica della classificazione del costo nel Conto economico alla voce B9-Costi per il personale(in caso affermativo, indeducibilità della spesa); 2) in presenza della corretta classificazione della spesa in voci diverse dalla B9, verifica della rilevanza retributiva in capo al lavoratore, del costo sostenuto dal datore di lavoro (in caso affermativo, si avrà l indeducibilità del costo per un importo pari a quello rilevante per la retribuzione); 3) in assenza di rilevanza retributiva, applicazione al costo dei limiti di deducibilità(c.d. area di sicurezza ) mutuati dal reddito d impresa (IRPEF e IRES). Pagina 17

18 La quantificazione in denaro dei fringe benefits 1) Il Criterio generale del valore normale, articolo 9, TUIR il prezzo o il corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza edal medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo piùprossimi. Nel caso di *aziende che producono beni per il dettaglio, * aziende di servizi, * aziende commerciali, la previsione generalecontenuta nell'art.9, TUIR (CM n.326/e/1997 ) 2) I Criteri particolari prodotti dell'azienda che cede a grossisti prezzo mediamente praticato nelle cessioni ai grossisti si può tener conto del prezzo scontato che pratica il fornitoredell azienda, in base a convenzioni(agenzia Entrate, Risoluzione n.26/e/2010). 3) I criteri convenzionali (autovetture, abitazioni, prestiti) Pagina 18

19 Beni o servizi o Buoni rappresentativi degli stessi Reddito lavoro dipendente: si applica il limite di euro 258,23 ai beni ai servizi ai buoni-acquisto (es. buoni-carburante) alle liberalità per festività e ricorrenze (pacco natalizio, doni in occasione di festività del dipendente, matrimonio, nascita di un figlio, dopo il DL n.93/2008 e la Circolare Ag.E. n.59/e/2008). Reddito d impresa: deducibilità, ex art.95, comma 1, TUIR IRAP: indeducibili (rilevanza retributiva) (prima della Legge di Stabilità 2015 vedi slides precedenti ) ) Pagina 19

20 Polizze.1 Premi versati per rischi infortuni professionali Non concorrono al reddito di lavoro dip.te (CM n.326/e/1997, par. 2.1) Premi versati per rischi di natura extraprofessionale - in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali, (*) -rischio di morte o invaliditàpermanente superiore al 5%, da qualsiasi causa derivante, o di non autosufficienza negli atti della vita quotidiana (in quest ultima evenienza, l impresa di assicurazione non abbia facoltà di recesso del contratto), concorrono al reddito di lavoro dipendente (CM 326/E/1997, par. 2.1) si applica la soglia generale di 258,23 euro annui, il datore di lavoro applica, (*) in conguaglio, la detrazione del 19% sul massimo di euro 530 dal 2014(art.15, c.1, lett.f, TUIR, modificato dall art.14, DL 149/2013). (*) art.23, c.3, DPR n.600/73; se non in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali non sembra esistere obbligodi detrazione in sede di conguaglio Pagina 20

21 Polizze.2 Premi per polizze sanitarie Concorrono al reddito di lavoro dipendente -si applica la soglia generale di 258,23 euro annui; Assicurazione R.C. per danni a terzi in favore dei dipendenti per tenere indenni i dipendenti da risarcimenti di danni a terzi, lesi dal dipendente nell espletamento di proprie mansioni: non concorrono al reddito, perchè somme che non costituiscono un arricchimento per il lavoratore; erogazioni effettuate per un esclusivo interesse del datore; obbligo per la società di tenere indenni i propri dipendenti da eventuali azioni di responsabilitàcivile, previsto dalla legge o dal contratto collettivo. (Agenzia entrate, Risoluzione 178/E/2003 e Circolare 54/E/2008) Pagina 21

22 Autovetture in uso promiscuo.1 Reddito di lavoro dipendente (art.51, c.4, lett.a), TUIR) 30% importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di km in base al costo chilometrico da tabella ACI, al netto di quanto eventualmente trattenuto (Agenzia Entrate, Circolare 1/E/2007, par.17.1 ) l importo che concorre a formare il reddito deve essere ragguagliato al periodo dell anno durante il quale viene concessa l auto in uso promiscuo, conteggiando il numero dei giorni per i quali il veicolo è assegnato; l importo del f.b. rappresenta il valore normale presunto dal legislatore. Pagina 22

23 Autovetture in uso promiscuo.2 Reddito d impresa Costi deducibili al 70% (art.164, c.1, lett.b-bis, TUIR) (acquisto, leasing, noleggio, assicurazione, manutenzione, bollo, carburante, parcheggio, telepass, ecc.) SE l auto èassegnata per la maggior parte del periodo d imposta o del periodo di possesso, in uso promiscuo = il periodo di assegnazione è superiore alla metà più uno dei giorni di possesso(c.m. n.188/e/1998, par.3); anche in modo non continuativo; può essere utilizzata da piùdipendenti; esiste idonea documentazione di prova (esempio: clausola del contratto di lavoro). (C.M. n.48/e/1998, par ) (*) (*) Dal , nel caso di comodato di veicoli aziendali di durata oltre 30 giorni, l art.94, Codice d. strada (D.Lgs. n.285/1992, comma 4-bis dell art.94, introdotto dalla L.n.120/2010; attuato da un DM in vigore dal , reso operativo dalla circolare della Motorizzazione del , n.15513) il nome dell utilizzatore va registrato nell'archivio Nazionale Veicoli, presso la Motorizzazione civile o agenzie automobilistiche. Secondo la circolare della Motorizzazione n del , L OBBLIGO NON SUSSISTE PER L AUTOVETTURA IN F.B. PER USO ANCHE PERSONALE (notizia VI21150, ) Pagina 23

24 Autovetture in uso promiscuo.3 IRAP (prima della Legge di Stabilità 2015) Circ. Ag.E. 26/E/2012 Circ. Ag.E. 36/E/2009 Costi indeducibili : in quale misura? Circ. Ag.E. 39/E/2009?? nella misura dell area di sicurezza IRES-IRPEF (70% ex art.164, c.1, lett.b-bis, TUIR); perplessitàper questa soluzione (70% 90% 100% )?! nella misura in cui assumono rilevanza retributiva per il dipendente ( valore convenzionale del fringe-benefit)? nella misura in cui concretamente e puntualmente sono relativi all uso personale da parte del dipendente Pagina 24

25 Prestiti Reddito di lavoro dipendente (art.51, c.4, lett.b), TUIR) Interessi al tasso ufficiale BCE di riferimento vig.te al termine di ciascun anno - (meno) Interessi al tasso applicato al prestito 2 = valore del fr.ben. annuo Questo criterio non si applica: Per i prestiti stipulati anteriormente al costo specifico Per i prestiti di durata inferiore a 12 mesi concessi, a seguito di accordi aziendali, ai dipendenti in contratto di solidarietà o in cassa integrazione guadagni o a dipendenti vittime dell usura o ammessi a fruire delle erogazioni pecuniarie a ristoro di danni conseguenti a rifiuto opposto a richieste estorsive CM n.326//e/1997 art.51, c.2., lett.b) TUIR abrogata ex art.2, c.6, DL n.93/2008 Pagina 25

26 Prestiti CM n.326/e/1997 L art.51,c.4, lett.b), si applica con riferimento a tutte le forme di finanziamento erogate dal datore di lavoro nonché ai finanziamenti concessi da terzi con i quali il datore di lavoro abbia stipulato accordie convenzioni anche in assenza di oneri specifici da parte di quest ultimo. In caso di prestiti a tasso variabile il prelievo alla fonte deve essere effettuato, alle scadenze delle singole rate di ammortamento del prestito, tenendo conto anche delle variazioni subite dal tasso di interesse iniziale. Nei casi di restituzione del capitale in un'unica soluzioneoltre il periodo d'imposta, l'importo maturato va comunque assoggettato a tassazione in sede di conguaglio di fine anno Pagina 26

27 Prestiti.3 Un ipotesi particolare: l intervento del datore di lavoro nel pagamento del mutuo i dipendenti scelgono l istituto di credito di fiducia, da cui ottengono condizioni più vantaggiose di quelle procurabili grazie al datore di lavoro; costui contribuisce poiin parte all abbattimento del tasso di interesse relativo al finanziamento stipulato dai propri dipendenti, erogando un contributo direttamente sul conto corrente del dipendente, dal quale la banca preleva le rate del mutuo Fattispecie esaminata dall Agenzia delle entrate nella Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E % Pagina 27

28 Prestiti.4 % Un ipotesi particolare : la Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E L art.51, c.4, b) siapplica, pur in mancanza di una convenzione tra datore di lavoro e banca prescelta, SE: l accreditamento avviene in modo tale da realizzare un collegamento immediato e univoco tra l erogazione aziendale e il pagamento degli interessi; l importo corrisposto dal datore di lavoro non entra, di fatto, nella disponibilità del dipendente; il datore di lavoro invia alla banca l informativa attinente la concessione del contributo aziendale; il dipendente presenta all azienda, entro il 31 gennaio, la certificazione della banca attestante la regolarità dei pagamenti delle rate del finanziamento; il contributo aziendale erogato viene indicato nelle annotazioni del modello CUD (Cod. AH) insieme al valore di eventuali compensi in natura concessi ai dipendenti e, di conseguenza, sul modello 770. Pagina 28

29 Prestiti.5 Interessi passivi ai fini del reddito d impresa(ires-irpef) La deducibilità degli interessi passivi corrisposti a terzi sui prestiti concessi ai dipendenti è soggetta alle regole di cui all art.96 del TUIR. Interessi attivi ai fini del reddito d impresa(ires-irpef) Gli interessi attivi corrisposti dai dipendenti sui prestiti concessi dal datore di lavoro rientrano nell ambito applicativo dell art.96, TUIR se presentano le caratteristiche enunciate nella Circ. Ag.E. n.19/e del (par.2.2.) ovvero devono scaturire da una messa a disposizione di una provvista di denaro per la quale sussiste l obbligo di restituzione ed in relazione alla quale, è prevista una specifica remunerazione(circ. Ag.E. n. 38/E/2010). IRAP: irrilevanza della componente finanziaria per le imprese di cui all art.5 del D.Lgs. n. 446/1997 Pagina 29

30 Abitazione concessa al dipendente.1 Reddito di lavoro dipendente (art.51, c.4, lett.c), TUIR) 1. Criterio generale (Rendita catastale) più(spese inerenti al fabbricato, comprese le utenze non a carico dell utilizzatore) meno (quanto corrisposto dal dipendente per il godimento del fabbricato) 2. Fabbricato che non deve essere iscritto in catasto (esempio, fabbricato sito all estero) Valore dell equo canone (ovvero del canone di locazione in libero mercato) meno quanto corrisposto per il godimento del fabbricato 3. Fabbricato concesso in relazione all obbligo di dimorarvi 30% del valore del punto 1. Pagina 30

31 Abitazione concessa al dipendente.2 Reddito d impresa(ires-irpef) : Art.95, comma 2, TUIR Non sono deducibili i canoni di locazione anche finanziaria e le spese relative al funzionamento di strutture recettive, salvo quelle relative a servizi di mensa destinati alla generalità dei dipendenti o a servizi di alloggio destinati a dipendenti in trasferta temporanea. I canoni di locazione anche finanziaria e le spese di manutenzione dei fabbricati concessi in uso ai dipendenti sono deducibili per un importo non superiore a quello che costituisce reddito per i dipendentistessi a norma dell'art.51, co.4, lett.c) TUIR. Qualora i fabbricati di cui al secondo periodo siano concessi in uso a dipendenti che abbiano trasferito la loro residenza anagrafica per esigenze di lavoro nel comune in cui prestano l'attività, per il periodo d'imposta in cui si verifica il trasferimento e nei due periodi successivi, i predetti canoni e spese sono integralmente deducibili IRAP : vedi considerazioni generali sui costi dei fringe benefits Pagina 31

32 La lettera f) e la lettera f-bis) dell art.51, c. 2 TUIR.1 Non concorrono a formare il reddito: f) l'utilizzazione delle opere e dei servizi di cui al comma 1 dell'art.65 (ora art.100)da parte dei dipendenti e dei soggetti indicati nell'articolo 12;. art.100: opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto; f-bis) le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la frequenza degli asili nido e di colonie climatiche da parte dei familiari indicati nell'articolo 12, nonché per borse di studio a favore dei medesimi familiari Pagina 32

33 La lettera f) e la lettera f-bis) dell art.51, c. 2 TUIR.2 Un confronto 1) opere e servizi messi a disposizione della generalità o di categorie di dipendenti ( i.e. non ad personam) menzionato dalla lettera della norma sia per lettera f ) che f-bis) 2) tali opere e servizi devono perseguire le specifiche finalità richiamate dalle norme si ritiene valga sia per la lettera f) che f-bis) 3) la spesa deve essere sostenuta volontariamente, e non in adempimento di un vincolo contrattuale o legale si ritiene valga solo per la lettera f) in quanto la f-bis) non richiama l art.100; i.e. la lett. f-bis) si applica anche per i servizi e le prestazioni citate assunti in conformitàad accordi o contratti di lavoro aziendali, nazionali o di altro livello. Pagina 33

34 I servizi della lettera f) dell art.51, c. 2 + art.100, c.1 TUIR.3 Le opere o servizi utilizzate dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti o dai loro familiari di cui all art.12 TUIR, volontariamente offerte dal datore di lavoro per specifiche finalità di: -educazione, -istruzione, -ricreazione, -assistenzasocialee sanitaria o -culto. Ambito assistenziale-sanitario: assistenza a non-autosufficienti, check-up medici, servizi socio-educativi per l infanzia, servizi di sostegno della genitorialità; espletamento di pratiche sanitarie e assistenziali; Ambito educativo-formativo: corsi di lingua straniera, corsi professionali; Ambito culturale: ingressi a rappresentazioni teatrali, proiezioni, cinematografiche, mostre, musei; viaggi culturali; Ambito ricreativo: abbonamenti a giornali e periodici, ingressi a competizioni sportive, iscrizioni a palestre, circoli sportivi; Ambito religioso: viaggi per eventi religiosi o verso luoghi di culto. Pagina 34

35 I servizi della lettera f) dell art.51, c. 2 + art.100, c.1 TUIR.4 Esclusione dal reddito di lavoro dipendente; le condizioni: -spesa sostenuta volontariamente dal datore di lavoro e non in adempimentodiun vincolocontrattualeo, piùin generale, legale(e questoa differenzadiquantoprevistoper la lett.f-bis); -operee servizimessia disposizionedellageneralitàdeidipendentio dicategoriedidipendenti( nozionedi categoria vedislides successive ); -per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenzasocialeo culto. anche nell ipotesi in cui detti servizi siano messi a disposizione dei dipendenti tramite il ricorso a strutture esterne all azienda (Ris. Ag. E. 10 marzo 2004, n.34/e) Pagina 35

36 I servizi della lettera f) dell art.51, c. 2 + art.100, c.1, TUIR.5 La nozione di categoria di dipendenti non va intesa soltanto con riferimento alle categorie previste nel Codice civile(dirigenti, operai, ecc.), bensì va riferita a tutti i dipendenti di un certo tipo (ad esempio, tutti i dirigenti, o tutti quelli di un certo livello o una certa qualifica); per esempio, l insieme di "tutti gli operai del turno di notte" individuerebbe una categoria di dipendenti nel senso richiesto dal legislatore poiché sarebbe sufficiente a impedire in senso teorico che siano concesse erogazioni ad personam in esenzione totale o parziale dalle imposte (C.M.16 luglio 1998, n.188/e, p.to 4). Pagina 36

37 I servizi della lettera f) dell art.51, c.2 + art.100, c.1 TUIR.6 Reddito d impresa(ires-irpef): art.100, c.1 TUIR Le spese relative ad opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti, volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto, sono deducibili per un ammontare complessivo non superiore al 5 per mille dell ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi. IRAP deducibili (in quanto iscrivibili in conto economico fra le spese per servizi, voce B7 del Conto economico previsto dall art.2425 del Codice Civile); in alternativa, per prudenza, si potràapplicare il limite del del 5 per mille delle spese di lavoro dipendente risultanti dalla dichiarazione dei redditi. Pagina 37

38 La lettera f-bis) dell art.51, c.2, TUIR.7 Non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente le somme, i servizi e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per frequenza di asili nido e di colonie climatiche da parte dei familiari indicati nell art. 12, nonché per borse di studio a favore dei medesimi familiari Circolare Ministero finanze n. 238/E/2000: si tratta di somme in denaro sia pagate direttamente che rimborsate. Il datore di lavoro deve conservare la documentazione comprovante Non vi sono limitazioni quantitative e limiti di deducibilità; l espressione «borse di studio a favore dei medesimi familiari»va interpretata come comprendente anche i libri di testo e le tasse scolastiche Pagina 38

39 La lettera f-bis) dell art.51, c.2, TUIR.8 Dopo le modifiche apportate dall art.3, co.6-bis del DL n.16/2012, convertito, con modificazioni, dalla L. n.44/2012, la disciplina della lett. f-bis) si applica non solo alle somme di denaro, ma anche ai servizi ed alle prestazioni erogate. Il requisito secondo cui la spesa deve essere sostenuta dal datore di lavoro volontariamente, e non in adempimento di un vincolo contrattuale si ritiene valga solo per la lettera f) in quanto la f-bis) non richiama l art.100; i.e. la lett. f-bis) si applica anche per i servizi e le prestazioni citate in essa, assunti in conformità ad accordi o contratti di lavoro aziendali, nazionali o di altro livello Pagina 39

40 La infungibilità tra la retribuzione monetaria ed i fringe benefits.1 Nota del Servizio Bilancio del Senato n.127/2012 di commento alla modifica introdotta dal DL n.16/2012 che interviene sulla lett. f-bis):.. la norma implica un ampliamento oggettivo di quelli che si definiscono fringe benefits a favore dei lavoratori dipendenti e dei propri familiari. La norma non genera effetti di minor gettito nel presupposto che non si abbia, da parte dei datori di lavoro, la sostituzione di somme erogate a titolo di stipendio con benefici forniti alla generalità dei dipendenti. In tal caso, si consideri che gli oneri sopportati dal datore di lavoro sarebbero comunque detraibili dal reddito d impresa, mentre il corrispondente valore erogato ai dipendenti non concorrerebbe a formare il reddito di lavoro dipendente; se ciò si verificasse si avrebbero effetti negativi in termini di gettito a fini IRPEF ed addizionali regionali e comunali. Pagina 40

41 La infungibilità tra la retribuzione monetaria ed i fringe benefits.2 Agenzia Entrate, risposta Interpello n /2012 Non pubblicata Richiesta di interpretazione ufficiale sulla lett. f ) lett. f ) rinvio all art.100, c.1 TUIR (servizi di utilitàsociale) erogati dal datore volontariamente(non per obbligo) alla generalità o categorie di dipendenti per specifichefinalitàdieducazione, istruzione, ricreazione, assistenzasocialeo culto. Piani di flexibles benefits budget figurativo per scegliere tra vari possibili fringe benefits; - assistenza domiciliare o infermieristica a non autosufficienti; - check-up medico; - soggiorni presso centri benessere; - abbonamento alla palestra; - contributo aggiuntivo alla previdenza complementare; - incremento dei massimali di polizze sanitarie; - abbonamentiaitrasportipubblici; ecc. Pagina 41

42 La infungibilità tra la retribuzione monetaria ed i fringe benefits.3 Agenzia Entrate, risposta Interpello n /2012 Non pubblicata I commenti della Dottrina 1) M. Strafile, Benefit e retribuzione, niente scambio, Il Sole 24 Ore, , l Agenzia sebbene abbia concesso alcune aperture non ravvisando elementi di criticità che potessero determinare eventi imponibili ( ) ha al tempo stesso messo in guardia da schemi che finanzino tali piani attraverso elementi retributivi fissi o variabili, poiché in tali casi rimarrebbe inalterata l imponibilità dei valori corrispondenti ai servizi offerti. In sostanza (e ciò appare condivisibile) l Agenzia sembra assumere un atteggiamento di chiusura nei confronti di quei piani essenzialmente basati su meccanismi di sostituzione tra retribuzione e benefit agevolati. Pagina 42

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Fringe benefits: normativa fiscale e orientamenti dell Agenzia delle entrate

Fringe benefits: normativa fiscale e orientamenti dell Agenzia delle entrate Fringe benefits: normativa fiscale e orientamenti dell Agenzia delle entrate di Daniele Grandi Origini dell istituto e ambito di applicazione La normativa fiscale rappresenta per le imprese un importante

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si fa carico dei bisogni del lavoratore concedendo dei benefit nonindenaro,bensìsottoformadibenieservizi. I piani di welfare

Dettagli

Fringe benefit in busta paga

Fringe benefit in busta paga Fringe benefit in busta paga I fringe benefit sono particolari compensi che figurano in busta paga al solo fine di essere tassati essendo il loro valore intrinseco già usufruito dal dipendente o dal collaboratore

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento. A cura di Massimo Brisciani. Centro Studi Castelli. VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008.

FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento. A cura di Massimo Brisciani. Centro Studi Castelli. VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008. FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento A cura di Massimo Brisciani Centro Studi Castelli VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008 1 Auto aziendale Determinazione valore (1/2) Uso privato Valore normale art. 9 TU

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si fa carico dei bisogni del lavoratore concedendo dei benefit non in denaro, bensì sotto forma di beni e servizi. I piani di

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

RETRIBUZIONE IMPONIBILE

RETRIBUZIONE IMPONIBILE 3 RETRIBUZIONE IMPONIBILE 1. Reddito di lavoro dipendente - 2. Elementi esclusi dall imponibile contributivo e fiscale - 3. Indennità di trasferta e di trasferimento - 4. Beni e servizi forniti al dipendente

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

Studio Dott.ssa Pamela Frezza

Studio Dott.ssa Pamela Frezza PRESTITI CONCESSI DAL DATORE DI LAVORO AI DIPENDENTI Riferimenti D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 51, comma 4, lett. b) Agenzia delle Entrate, Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E Trattamento fiscale

Dettagli

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti LasettimANA FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti AUto e FABBriCAti di Saverio Cinieri QUADRO NORMATIVO Il trattamento fiscale dei compensi in natura è contenuto nell art. 51, D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali A. Detraibilità Iva La normativa sulla detraibilità dell Iva pagata al momento dell acquisto di veicoli

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

I FRINGE BENEFITS NEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE E IL WELFARE AZIENDALE

I FRINGE BENEFITS NEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE E IL WELFARE AZIENDALE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 26/11/2014. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

L occasione welfare aziendale

L occasione welfare aziendale L occasione welfare aziendale Più Azienda meno Stato UNA POSSIBILE ALLEANZA TRA IMPRESE E OPERE SOCIALI Perché le aziende possono pensare e realizzare piani di welfare aziendale Per dare ai propri dipendenti

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc.

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc. Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

Il welfare aziendale nella fiscalità e nella previdenza

Il welfare aziendale nella fiscalità e nella previdenza S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Welfare Aziendale Pratico e la Tutela Patrimoniale Il welfare aziendale nella fiscalità e nella previdenza Loris Beretta 17 Novembre 2015 - Sede Azimut

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

L architettura di un Piano di Welfare

L architettura di un Piano di Welfare Bologna 4 novembre 2014 L architettura di un Piano di Welfare Avv. Emanuele Barberis Partner Chiomenti Studio Legale Dott. Antonino Guida Senior Associate Chiomenti Studio Legale 1 LE TIPOLOGIE DI SERVIZI

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 Mod. CUD 2014: dati rilevanti per la compilazione del mod. 730/2014 Dichiarazione congiunta: i contribuenti

Dettagli

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Focus di pratica professionale di Luca Caramaschi Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Con la Legge n.228/12 (la Legge di Stabilità 2013 )

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI PREMESSA: SUCCESSIONE DEI REGIMI 1. DISCIPLINA VIGENTE PER I CONTRATTI STIPULATI ENTRO IL 31/12/20000

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato e stru/urato di inizia1ve con le quali le aziende si fanno carico dei bisogni dei propri dipenden1 e dei loro familiari, concedendo benefit e facili1es non tanto

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 33 12.09.2012 Auto aziendale concessa agli amministratori o collaboratori Gli aspetti civilistici, contabili e fiscali Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO Dott. Filippo Campailla S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A C A M P A I L L A Studio: Trieste - IT - 34121 Trieste,

Dettagli

Tariffe Aci per il 2014

Tariffe Aci per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 08 10.01.2014 Tariffe Aci per il 2014 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma 1 del D.Lgs.

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

Il Quadro da compilare relativo alle deduzioni del personale è denominato IS ed è formato da diverse colonne :

Il Quadro da compilare relativo alle deduzioni del personale è denominato IS ed è formato da diverse colonne : LA DICHIARAZIONE IRAP 2012 E' prossima la scadenza della redazione del Bilancio 2011 e, come di consueto, Professionisti e Contribuenti dovranno cimentarsi con il calcolo dell imposta IRAP per l anno appena

Dettagli

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 17.000 dipendenti nel mondo 400 uffici in 140 Paesi il broker

Dettagli

CUD 2010 Novità in tema di reddito da lavoro dipendente e assimilati. Incontro di aggiornamento Ravenna, 22 febbraio 2010

CUD 2010 Novità in tema di reddito da lavoro dipendente e assimilati. Incontro di aggiornamento Ravenna, 22 febbraio 2010 CUD 2010 Novità in tema di reddito da lavoro dipendente e assimilati Incontro di aggiornamento Ravenna, 22 febbraio 2010 CUD 2010 - NOVITA Il CUD 2010 si presenta rinnovato in particolar modo nella parte

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI a cura Dott. Emilio Iorio Nel presente lavoro riepiloghiamo le situazioni più frequenti che si possono verificare in azienda relativamente al trattamento

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI

L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda 14 del 31/12/2004 Ai Gentili Clienti Loro sedi L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario TRASFERTE E RIMBORSI SPESE Sintesi della normativa Casi pratici e novità fiscali Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale SOMMARIO Normativa e prassi di riferimento Le imprese e le varie

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO Come è noto, l articolo 4, commi 72 e 73, della Legge 28-6-2012 n. 92, in vigore dal 12 agosto 2012, ha abbassato la soglia di deducibilità delle spese e degli

Dettagli

DETRAIBILITÀ & DEDUCIBILITÀ PER L AUTO AZIENDALE

DETRAIBILITÀ & DEDUCIBILITÀ PER L AUTO AZIENDALE REV: 1.1 PAGE 1 of 14 TITLE DETRAIBILITÀ & PER L AUTO AZIENDALE SUMMARY Qualche considerazione sui termini tecnici come detraibilità e deducibilità, noti ai più, ma che spesso prestano il fianco ad interpretazioni

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Il Welfare Sanitario per Titolari ed Amministratori di Impresa. Cenni sull'utilizzo delle casse di assistenza e sui vantaggi fiscali-contributivi

Il Welfare Sanitario per Titolari ed Amministratori di Impresa. Cenni sull'utilizzo delle casse di assistenza e sui vantaggi fiscali-contributivi Il Welfare Sanitario per Titolari ed Amministratori di Impresa. Cenni sull'utilizzo delle casse di assistenza e sui vantaggi fiscali-contributivi in collaborazione con: UNINDUSTRIA REGGIO EMILIA Reggio

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 e p.c. Agli Iscritti Alle Casse Rurali/Banche di Credito Cooperativo Alle Federazioni locali ed Enti Collegati Agli Enti Centrali Ai Membri del Comitato Amministratore

Dettagli

CESSIONE DI BENI E SERVIZI

CESSIONE DI BENI E SERVIZI Cessione di beni e servizi CESSIONE DI BENI E SERVIZI È prassi assai diffusa cedere ai propri dipendenti, a titolo gratuito o, comunque, a condizioni vantaggiose, prodotti aziendali e non (capi di abbigliamento,

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 17 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) Maggio 05.05.2010 P.Iva e C.F. 03252150168 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI Roma 4 settembre 2007 prot. n. 31.23 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI LEGA PROFESSIONISTI DI SERIE C LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si trasmette, in allegato,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 maggio 2010 Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente Con

Dettagli

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 143 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 Con il Provvedimento

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 29.01.2014 Amministratori: uso promiscuo dell auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

Data: 5 febbraio 2009 Circolare: 05/2009 Argomento: RIMBORSI CHILOMETRICI Destinatari: Clienti in indirizzo

Data: 5 febbraio 2009 Circolare: 05/2009 Argomento: RIMBORSI CHILOMETRICI Destinatari: Clienti in indirizzo Studio Commerciale Associato Balestieri - Galdenzi Data: 5 febbraio 2009 Circolare: 05/2009 Argomento: RIMBORSI CHILOMETRICI Destinatari: Clienti in indirizzo Dott. Paolo Balestieri Dottore Commercialista

Dettagli

18.000 dipendenti nel mondo

18.000 dipendenti nel mondo dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 18.000 dipendenti nel mondo 1 il broker di assicurazioni più antico al mondo, fondato nel 1828 400 uffici in 140 Paesi 420 dipendenti in Italia

Dettagli

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O.

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. I ncontri idee&fatti 30 marzo 2015 anno V WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche adottano i Flexible Benefits n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

SPESOMETRO POLIVALENTE : PER BLACK LIST E SAN MARINO NUOVI MODELLI OBBLIGATORI SOLO DAL 1.1.2014

SPESOMETRO POLIVALENTE : PER BLACK LIST E SAN MARINO NUOVI MODELLI OBBLIGATORI SOLO DAL 1.1.2014 Santa Croce sull Arno, lì 9 dicembre 2013. A TUTTI I NOSTRI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 26/2013 SPESOMETRO POLIVALENTE : PER BLACK LIST E SAN MARINO NUOVI MODELLI OBBLIGATORI SOLO DAL 1.1.2014 Il modello

Dettagli

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI Aspetti generali Con l art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla L. 14 settembre 2011,

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit

WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit Un po di storia Importanti novità A partire dall anno 2006 l insieme delle provvidenze, sovvenzioni, finanziamenti e altro, dedicato ai dipendenti del Gruppo Unicredit

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 14 03.04.2012 L auto in uso promiscuo al dipendente La deducibilità fiscale e le diverse forme di concessione A cura di Carla De Luca Categoria: Auto Sottocategoria:

Dettagli

RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE

RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE Tesi della dottrina Nozione di perdita e modalità di calcolo Teorie: aziendalista, nominalistica, maggioritaria Giurisprudenza Corte di Cassazione RIDUZIONE DEL CAPITALE

Dettagli

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani 2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani L imposta sul reddito delle persone fisiche è disciplinata dal titolo I del D.P.R. n.917/1986

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

PROFILI INTERPRETATIVI RIGUARDANTI LE NOVITA UNICO 2010 REDDITO D IMPRESA

PROFILI INTERPRETATIVI RIGUARDANTI LE NOVITA UNICO 2010 REDDITO D IMPRESA PROFILI INTERPRETATIVI RIGUARDANTI LE NOVITA UNICO 2010 REDDITO D IMPRESA Oneri finanziari (art. 96 TUIR) interessi passivi espliciti su debiti commerciali D: Si chiede conferma dell irrilevanza ai sensi

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Seminario LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Firenze 26 GENNAIO 2007 Le novità in materia di fringe benefit e stock option Auto Aziendali Stock Option Dott. Fabio Giommoni Studio Legale e Tributario

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 17 Maggio 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 17 Maggio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 Maggio 2013 Oggetto: Circolare n. 20/2013 del 17 Maggio 2013

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi per professionisti ed artisti Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle

Dettagli