Il Trattamento fiscale dei sistemi di welfare aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Trattamento fiscale dei sistemi di welfare aziendale"

Transcript

1 Il Trattamento fiscale dei sistemi di welfare aziendale ovvero Dei Fringe benefitsnella determinazione del reddito di lavoro dipendente Paolo Meneguzzo Area Fiscale Confindustria Vicenza Vicenza, 7 novembre 2014

2 La nozione di fringe benefit nel lavoro dipendente La classificazione dei fringe benefits - secondo la natura del fringe benefit - secondo il trattamento fiscale ex art.51, TUIR Il limite annuo di euro 258,23: l art.51, comma 3, TUIR Il trattamentoin capo al datore - Reddito d impresa(irpef; IRES) -IRAP La quantificazione in denaro dei fringe benefits Beni o servizi o Buoni rappresentativi degli stessi Polizze Autovetture in uso promiscuo Prestiti Abitazione La lettera f) e la lettera f-bis) dell art.51, c. 2 TUIR Schema della Relazione Confindustria Vicenza PM-2014 Pagina 2

3 La nozione di fringe benefit nel lavoro dipendente.1 Fringe benefits - benefici marginali o benefici accessori alla retribuzione principale; - in natura : beni e servizi, con un valore economico. - concessi gratuitamente al lavoratore. Principio di onnicomprensività il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro (art.51, c.1,tuir). Pagina 3

4 La nozione di fringe benefit nel lavoro dipendente.2 Che cosa noncostituisce fringe benefit Quando non si realizza la fattispecie del f.b. L attribuzione valori suddetti non costituisce reddito di lavoro dipendente, se non realizza un arricchimento del dipendente; corrisponde a un interesse esclusivo o prevalente del datore di lavoro. Non rientrano nell area retributivale prestazioni in natura per le quali sia individuabile un interesse dell impresa, prevalente e assorbente rispetto al vantaggio personale per il dipendente. Esempi: iscrizione al corso per ottenere la patente speciale di guida per lo svolgimento delle mansioni assegnate al lavoratore dall azienda; polizza rc. per danni a terzi per svolgimento di mansioni lavorative (vedi). Pagina 4

5 I fringe benefit : un tentativo di classificazione.1 classificazione dei FB secondo la natura FB legati alla prestazione lavorativa: la ratio del vantaggio fiscale sta nel fatto che l ordinamento riconosce che quella prestazione èerogata dal datore per permettereal lavoratore di svolgere la sua attività e/o va a ristorare disagi che sono provocati dalle modalità di svolgimento della mansione, richieste dal datore, esempio: auto promiscua, cell. promiscuo, trasloco, pasto, ecc. FB legati a un valore sociale, cioè prestazioni che vanno a ristorare un bisogno del lavoratore cui l'ordinamento annette un particolare valore sociale (si tratta del medesimo fondamento delle detrazioni per le spese previste dall art.15 TUIR per tutti i contribuenti IRPEF) Pagina 5

6 I fringe benefits: un tentativo di classificazione.2 FB che cumulano entrambi i caratteri: della connessione alla prestazione lavorativa e del valore sociale Esempio: La prestazione legata all esigenza del pasto nelle sue quattro versioni (art.51, co.2, lett. c), TUIR ); 1) prestazione diretta di mensa (esclusa dal reddito); 2) indennità monetaria (tassata, salvo particolari categorie in aree disagiate, i.e. prive di locali pubblici) 3) ticket-restaurant (escluso dal reddito fino a euro 5,29/giorno); 4) card magnetica (come p.to 1, mensa diffusa RAgE n.63/e/2005) Pagina 6

7 I fringe benefit : un tentativo di classificazione.3 Classificazione dei FB, per trattamento fiscale, ex art. 51, TUIR 1) F.B. codificatiche hanno il loro specifico e differenziato trattamento di vantaggio fiscale (trasloco, prestiti, assistenza sanitaria, ecc.) 2) F.B. non codificatiche possono confluire nella franchigia dei 258,23 del comma 3 (franchigia comune a tutti i fringebenefits ) 3)Oneri di utilitàsocialeex lett. f) ed f-bis), dell art. 51 comma 2, TUIR Pagina 7

8 Il limite annuo di euro 258,23: l art.51, comma 3, TUIR.1 Non concorre a formare il redditodi lavoro dipendente il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati, se complessivamente di importo non superiore nel periodo d'imposta a euro 258,23; se il predetto valore è superioreal suddetto limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito.. Si tratta di una previsione generale che riguarda: i fringe benefits generici ; i fringe benefits con specifiche regole di determinazione del valore (le auto aziendali, i prestiti, le abitazioni); computo al netto di quanto il dipendente ha corrisposto (al lordo dell'iva); per tutti i beni o servizi fruiti nello stesso periodo d'imposta; tenendo conto di tutti i redditi anche derivanti da altri rapporti di lavoro nel corso dello stesso periodo d'imposta. Pagina 8

9 Il limite annuo di euro 258,23: l art.51, comma 3, TUIR.2 Si applica il limite di euro 258,23 ai beni ai servizi ai buoni-acquisto (es. buoni-carburante) alle liberalità per festività e ricorrenze (pacco natalizio, doni in occasione di festività del dipendente, matrimonio, nascita di un figlio, dopo il DL n.93/2008 e la Circolare Agenzia Entrate n.59/e/2008). I tickets restaurant (buoni pasto) non costituiscono fringe benefits, per cui fino a 5,29 euro/giorno, sono esclusi dalla formazione del reddito; l'importo del valore nominale che eccede euro 5,29 non è assorbibile dalla franchigia di esenzione di euro 258,23; quindi, concorre alla formazione del reddito di lavoro dipendente ( Agenzia Entrate, Risoluzione n.26/e/2010 ). Pagina 9

10 Il trattamento in capo al datore: Reddito d impresa(irpef; IRES).1 I criteri generali per la deducibilità dei costi sono: la certezza dell esistenza e la determinabilità obbiettiva dell ammontare della spesa(art.109, co.1, TUIR); il requisito della competenza temporale(art.109, co.2, TUIR); il requisito dell inerenza(art.109, co.5, TUIR). Le spese per le prestazioni di lavoro dipendente deducibili sono anche(art.95, TUIR): quelle sostenute in denaro o in natura a titolo di liberalità, quelle volontariamente sostenute per opere e servizi per la generalità o categorie di dipendenti, per le previste finalità educative-culturaliassistenziali MA non oltre il 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi (art.100, comma 1, TUIR); (vedi diapositiva successiva) Pagina 10

11 Il trattamento in capo al datore: Reddito d impresa(irpef; IRES).2 Regole particolari Le opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto, non oltre il 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi (art.100, comma 1, TUIR); L autovettura aziendale in uso promiscuo per la maggior parte del periodo d imposta o del periodo di possesso, costi deducibili al 70% (art.164, co.1, lett.b-bis), TUIR, dopo la modifica ex art.4, c.72, lett. b), DL n.92/2012) Pagina 11

12 Il trattamento in capo al datore: Reddito d impresa(irpef; IRES).3 Regole particolari Finanziamenti concessi al dipendente Per gli interessi passivi: Regole art.96 TUIR (confronto con gli interessi attivi (*), e l eccedenza con il 30% ROL ) (*) interessi attivi corrisposti dai dipendenti rientrano nell art.96, TUIR se hanno le caratteristiche di cui alla Circ. n.19/e/ 2009: = generati da provvista di denaro con obbligo di restituzione e specifica remunerazione Abitazioni in uso ai dipendenti(art.95, co.2, TUIR): deducibili servizi di alloggio destinati a dipendenti in trasferta temporanea; In genere, l importo non superiore a quello che forma reddito per i dipendenti Pagina 12

13 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.4 La Legge di Stabilità 2015, art.5 d.d.l. Dipendenti a tempo indeterminato ( in forza o neoassunti ) Integrale deduzione dei costi (deducibilità della differenza tra il costo del lavoro complessivo e le deduzioni attualmente vigenti ex art.11, Dlgs n.446/1997) efficacia dall esercizio successivo a quello in corso al Dipendenti a tempo determinato (e collaboratori coord. continuativi) indeducibilità del costo (regole attuali) Aliquota 3,9% retroattiva dal 2014 (clausola salvaguardia acconti previsionali al 3,5%) Pagina 13

14 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.5 La Legge di Stabilità 2015, art.5 d.d.l. Le regole attuali sulla indeducibilità del costo del lavoro riguardano fino all esercizio in corso al i costi dei dipendenti a tempo indeterminato; i costi dei dipendenti a tempo determinato. dall esercizio successivo a quello in corso al i costi dei dipendenti a tempo determinato. Pagina 14

15 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.6 Le regole attuali sulla indeducibilitàdel costo del lavoro (prima della Legge di Stabilità 2015) Per le societàdicapitali: art.5, comma 1, DLgs n.446/1997 la base imponibile è determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art.2425 del Codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lett. c) e d), 12) e 13) così come risultantidalcontoeconomicodell esercizio. Per le società di persone e le imprese individuali, l art.5-bis DLgs n.446/1997 dispone che non sono deducibili le spese per il personale dipendente e assimilato. Pagina 15

16 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.7 Circolare 26 maggio 2009, n.27/e indeducibilità dei costi d. personale anche se non classificati in B9; costi per acquisire beni e servizi da destinare ai dipendenti per lo svolgimento dell'attività lavorativa deducibili nella misura in cui costituiscono spese funzionali all'attivitàdi impresa e non assumono natura retributiva per il dipendente. Circ.16 luglio 2009, n.36/e + Circ. 22 luglio 2009, n.39/e l applicazione delle regole IRPEF-IRES crea un area di sicurezza (esempio, oneri di utilità sociale ). Circolare 20 giugno 2012 n.26/e l IRAP è diretta a colpire il valore aggiunto della produzione netta al cui interno non è ricompreso il costo sostenuto per la remunerazione dei fattori della produzione collegati al capitale (interessi passivi) e al lavoro (retribuzione per il personale dipendente). Pagina 16

17 Il trattamento in capo al datore: l IRAP.8 Sequenza logica dei criteri di verifica della in - deducibilità 1) verifica della classificazione del costo nel Conto economico alla voce B9-Costi per il personale(in caso affermativo, indeducibilità della spesa); 2) in presenza della corretta classificazione della spesa in voci diverse dalla B9, verifica della rilevanza retributiva in capo al lavoratore, del costo sostenuto dal datore di lavoro (in caso affermativo, si avrà l indeducibilità del costo per un importo pari a quello rilevante per la retribuzione); 3) in assenza di rilevanza retributiva, applicazione al costo dei limiti di deducibilità(c.d. area di sicurezza ) mutuati dal reddito d impresa (IRPEF e IRES). Pagina 17

18 La quantificazione in denaro dei fringe benefits 1) Il Criterio generale del valore normale, articolo 9, TUIR il prezzo o il corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza edal medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo piùprossimi. Nel caso di *aziende che producono beni per il dettaglio, * aziende di servizi, * aziende commerciali, la previsione generalecontenuta nell'art.9, TUIR (CM n.326/e/1997 ) 2) I Criteri particolari prodotti dell'azienda che cede a grossisti prezzo mediamente praticato nelle cessioni ai grossisti si può tener conto del prezzo scontato che pratica il fornitoredell azienda, in base a convenzioni(agenzia Entrate, Risoluzione n.26/e/2010). 3) I criteri convenzionali (autovetture, abitazioni, prestiti) Pagina 18

19 Beni o servizi o Buoni rappresentativi degli stessi Reddito lavoro dipendente: si applica il limite di euro 258,23 ai beni ai servizi ai buoni-acquisto (es. buoni-carburante) alle liberalità per festività e ricorrenze (pacco natalizio, doni in occasione di festività del dipendente, matrimonio, nascita di un figlio, dopo il DL n.93/2008 e la Circolare Ag.E. n.59/e/2008). Reddito d impresa: deducibilità, ex art.95, comma 1, TUIR IRAP: indeducibili (rilevanza retributiva) (prima della Legge di Stabilità 2015 vedi slides precedenti ) ) Pagina 19

20 Polizze.1 Premi versati per rischi infortuni professionali Non concorrono al reddito di lavoro dip.te (CM n.326/e/1997, par. 2.1) Premi versati per rischi di natura extraprofessionale - in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali, (*) -rischio di morte o invaliditàpermanente superiore al 5%, da qualsiasi causa derivante, o di non autosufficienza negli atti della vita quotidiana (in quest ultima evenienza, l impresa di assicurazione non abbia facoltà di recesso del contratto), concorrono al reddito di lavoro dipendente (CM 326/E/1997, par. 2.1) si applica la soglia generale di 258,23 euro annui, il datore di lavoro applica, (*) in conguaglio, la detrazione del 19% sul massimo di euro 530 dal 2014(art.15, c.1, lett.f, TUIR, modificato dall art.14, DL 149/2013). (*) art.23, c.3, DPR n.600/73; se non in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali non sembra esistere obbligodi detrazione in sede di conguaglio Pagina 20

21 Polizze.2 Premi per polizze sanitarie Concorrono al reddito di lavoro dipendente -si applica la soglia generale di 258,23 euro annui; Assicurazione R.C. per danni a terzi in favore dei dipendenti per tenere indenni i dipendenti da risarcimenti di danni a terzi, lesi dal dipendente nell espletamento di proprie mansioni: non concorrono al reddito, perchè somme che non costituiscono un arricchimento per il lavoratore; erogazioni effettuate per un esclusivo interesse del datore; obbligo per la società di tenere indenni i propri dipendenti da eventuali azioni di responsabilitàcivile, previsto dalla legge o dal contratto collettivo. (Agenzia entrate, Risoluzione 178/E/2003 e Circolare 54/E/2008) Pagina 21

22 Autovetture in uso promiscuo.1 Reddito di lavoro dipendente (art.51, c.4, lett.a), TUIR) 30% importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di km in base al costo chilometrico da tabella ACI, al netto di quanto eventualmente trattenuto (Agenzia Entrate, Circolare 1/E/2007, par.17.1 ) l importo che concorre a formare il reddito deve essere ragguagliato al periodo dell anno durante il quale viene concessa l auto in uso promiscuo, conteggiando il numero dei giorni per i quali il veicolo è assegnato; l importo del f.b. rappresenta il valore normale presunto dal legislatore. Pagina 22

23 Autovetture in uso promiscuo.2 Reddito d impresa Costi deducibili al 70% (art.164, c.1, lett.b-bis, TUIR) (acquisto, leasing, noleggio, assicurazione, manutenzione, bollo, carburante, parcheggio, telepass, ecc.) SE l auto èassegnata per la maggior parte del periodo d imposta o del periodo di possesso, in uso promiscuo = il periodo di assegnazione è superiore alla metà più uno dei giorni di possesso(c.m. n.188/e/1998, par.3); anche in modo non continuativo; può essere utilizzata da piùdipendenti; esiste idonea documentazione di prova (esempio: clausola del contratto di lavoro). (C.M. n.48/e/1998, par ) (*) (*) Dal , nel caso di comodato di veicoli aziendali di durata oltre 30 giorni, l art.94, Codice d. strada (D.Lgs. n.285/1992, comma 4-bis dell art.94, introdotto dalla L.n.120/2010; attuato da un DM in vigore dal , reso operativo dalla circolare della Motorizzazione del , n.15513) il nome dell utilizzatore va registrato nell'archivio Nazionale Veicoli, presso la Motorizzazione civile o agenzie automobilistiche. Secondo la circolare della Motorizzazione n del , L OBBLIGO NON SUSSISTE PER L AUTOVETTURA IN F.B. PER USO ANCHE PERSONALE (notizia VI21150, ) Pagina 23

24 Autovetture in uso promiscuo.3 IRAP (prima della Legge di Stabilità 2015) Circ. Ag.E. 26/E/2012 Circ. Ag.E. 36/E/2009 Costi indeducibili : in quale misura? Circ. Ag.E. 39/E/2009?? nella misura dell area di sicurezza IRES-IRPEF (70% ex art.164, c.1, lett.b-bis, TUIR); perplessitàper questa soluzione (70% 90% 100% )?! nella misura in cui assumono rilevanza retributiva per il dipendente ( valore convenzionale del fringe-benefit)? nella misura in cui concretamente e puntualmente sono relativi all uso personale da parte del dipendente Pagina 24

25 Prestiti Reddito di lavoro dipendente (art.51, c.4, lett.b), TUIR) Interessi al tasso ufficiale BCE di riferimento vig.te al termine di ciascun anno - (meno) Interessi al tasso applicato al prestito 2 = valore del fr.ben. annuo Questo criterio non si applica: Per i prestiti stipulati anteriormente al costo specifico Per i prestiti di durata inferiore a 12 mesi concessi, a seguito di accordi aziendali, ai dipendenti in contratto di solidarietà o in cassa integrazione guadagni o a dipendenti vittime dell usura o ammessi a fruire delle erogazioni pecuniarie a ristoro di danni conseguenti a rifiuto opposto a richieste estorsive CM n.326//e/1997 art.51, c.2., lett.b) TUIR abrogata ex art.2, c.6, DL n.93/2008 Pagina 25

26 Prestiti CM n.326/e/1997 L art.51,c.4, lett.b), si applica con riferimento a tutte le forme di finanziamento erogate dal datore di lavoro nonché ai finanziamenti concessi da terzi con i quali il datore di lavoro abbia stipulato accordie convenzioni anche in assenza di oneri specifici da parte di quest ultimo. In caso di prestiti a tasso variabile il prelievo alla fonte deve essere effettuato, alle scadenze delle singole rate di ammortamento del prestito, tenendo conto anche delle variazioni subite dal tasso di interesse iniziale. Nei casi di restituzione del capitale in un'unica soluzioneoltre il periodo d'imposta, l'importo maturato va comunque assoggettato a tassazione in sede di conguaglio di fine anno Pagina 26

27 Prestiti.3 Un ipotesi particolare: l intervento del datore di lavoro nel pagamento del mutuo i dipendenti scelgono l istituto di credito di fiducia, da cui ottengono condizioni più vantaggiose di quelle procurabili grazie al datore di lavoro; costui contribuisce poiin parte all abbattimento del tasso di interesse relativo al finanziamento stipulato dai propri dipendenti, erogando un contributo direttamente sul conto corrente del dipendente, dal quale la banca preleva le rate del mutuo Fattispecie esaminata dall Agenzia delle entrate nella Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E % Pagina 27

28 Prestiti.4 % Un ipotesi particolare : la Risoluzione 28 maggio 2010, n. 46/E L art.51, c.4, b) siapplica, pur in mancanza di una convenzione tra datore di lavoro e banca prescelta, SE: l accreditamento avviene in modo tale da realizzare un collegamento immediato e univoco tra l erogazione aziendale e il pagamento degli interessi; l importo corrisposto dal datore di lavoro non entra, di fatto, nella disponibilità del dipendente; il datore di lavoro invia alla banca l informativa attinente la concessione del contributo aziendale; il dipendente presenta all azienda, entro il 31 gennaio, la certificazione della banca attestante la regolarità dei pagamenti delle rate del finanziamento; il contributo aziendale erogato viene indicato nelle annotazioni del modello CUD (Cod. AH) insieme al valore di eventuali compensi in natura concessi ai dipendenti e, di conseguenza, sul modello 770. Pagina 28

29 Prestiti.5 Interessi passivi ai fini del reddito d impresa(ires-irpef) La deducibilità degli interessi passivi corrisposti a terzi sui prestiti concessi ai dipendenti è soggetta alle regole di cui all art.96 del TUIR. Interessi attivi ai fini del reddito d impresa(ires-irpef) Gli interessi attivi corrisposti dai dipendenti sui prestiti concessi dal datore di lavoro rientrano nell ambito applicativo dell art.96, TUIR se presentano le caratteristiche enunciate nella Circ. Ag.E. n.19/e del (par.2.2.) ovvero devono scaturire da una messa a disposizione di una provvista di denaro per la quale sussiste l obbligo di restituzione ed in relazione alla quale, è prevista una specifica remunerazione(circ. Ag.E. n. 38/E/2010). IRAP: irrilevanza della componente finanziaria per le imprese di cui all art.5 del D.Lgs. n. 446/1997 Pagina 29

30 Abitazione concessa al dipendente.1 Reddito di lavoro dipendente (art.51, c.4, lett.c), TUIR) 1. Criterio generale (Rendita catastale) più(spese inerenti al fabbricato, comprese le utenze non a carico dell utilizzatore) meno (quanto corrisposto dal dipendente per il godimento del fabbricato) 2. Fabbricato che non deve essere iscritto in catasto (esempio, fabbricato sito all estero) Valore dell equo canone (ovvero del canone di locazione in libero mercato) meno quanto corrisposto per il godimento del fabbricato 3. Fabbricato concesso in relazione all obbligo di dimorarvi 30% del valore del punto 1. Pagina 30

31 Abitazione concessa al dipendente.2 Reddito d impresa(ires-irpef) : Art.95, comma 2, TUIR Non sono deducibili i canoni di locazione anche finanziaria e le spese relative al funzionamento di strutture recettive, salvo quelle relative a servizi di mensa destinati alla generalità dei dipendenti o a servizi di alloggio destinati a dipendenti in trasferta temporanea. I canoni di locazione anche finanziaria e le spese di manutenzione dei fabbricati concessi in uso ai dipendenti sono deducibili per un importo non superiore a quello che costituisce reddito per i dipendentistessi a norma dell'art.51, co.4, lett.c) TUIR. Qualora i fabbricati di cui al secondo periodo siano concessi in uso a dipendenti che abbiano trasferito la loro residenza anagrafica per esigenze di lavoro nel comune in cui prestano l'attività, per il periodo d'imposta in cui si verifica il trasferimento e nei due periodi successivi, i predetti canoni e spese sono integralmente deducibili IRAP : vedi considerazioni generali sui costi dei fringe benefits Pagina 31

32 La lettera f) e la lettera f-bis) dell art.51, c. 2 TUIR.1 Non concorrono a formare il reddito: f) l'utilizzazione delle opere e dei servizi di cui al comma 1 dell'art.65 (ora art.100)da parte dei dipendenti e dei soggetti indicati nell'articolo 12;. art.100: opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto; f-bis) le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la frequenza degli asili nido e di colonie climatiche da parte dei familiari indicati nell'articolo 12, nonché per borse di studio a favore dei medesimi familiari Pagina 32

33 La lettera f) e la lettera f-bis) dell art.51, c. 2 TUIR.2 Un confronto 1) opere e servizi messi a disposizione della generalità o di categorie di dipendenti ( i.e. non ad personam) menzionato dalla lettera della norma sia per lettera f ) che f-bis) 2) tali opere e servizi devono perseguire le specifiche finalità richiamate dalle norme si ritiene valga sia per la lettera f) che f-bis) 3) la spesa deve essere sostenuta volontariamente, e non in adempimento di un vincolo contrattuale o legale si ritiene valga solo per la lettera f) in quanto la f-bis) non richiama l art.100; i.e. la lett. f-bis) si applica anche per i servizi e le prestazioni citate assunti in conformitàad accordi o contratti di lavoro aziendali, nazionali o di altro livello. Pagina 33

34 I servizi della lettera f) dell art.51, c. 2 + art.100, c.1 TUIR.3 Le opere o servizi utilizzate dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti o dai loro familiari di cui all art.12 TUIR, volontariamente offerte dal datore di lavoro per specifiche finalità di: -educazione, -istruzione, -ricreazione, -assistenzasocialee sanitaria o -culto. Ambito assistenziale-sanitario: assistenza a non-autosufficienti, check-up medici, servizi socio-educativi per l infanzia, servizi di sostegno della genitorialità; espletamento di pratiche sanitarie e assistenziali; Ambito educativo-formativo: corsi di lingua straniera, corsi professionali; Ambito culturale: ingressi a rappresentazioni teatrali, proiezioni, cinematografiche, mostre, musei; viaggi culturali; Ambito ricreativo: abbonamenti a giornali e periodici, ingressi a competizioni sportive, iscrizioni a palestre, circoli sportivi; Ambito religioso: viaggi per eventi religiosi o verso luoghi di culto. Pagina 34

35 I servizi della lettera f) dell art.51, c. 2 + art.100, c.1 TUIR.4 Esclusione dal reddito di lavoro dipendente; le condizioni: -spesa sostenuta volontariamente dal datore di lavoro e non in adempimentodiun vincolocontrattualeo, piùin generale, legale(e questoa differenzadiquantoprevistoper la lett.f-bis); -operee servizimessia disposizionedellageneralitàdeidipendentio dicategoriedidipendenti( nozionedi categoria vedislides successive ); -per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenzasocialeo culto. anche nell ipotesi in cui detti servizi siano messi a disposizione dei dipendenti tramite il ricorso a strutture esterne all azienda (Ris. Ag. E. 10 marzo 2004, n.34/e) Pagina 35

36 I servizi della lettera f) dell art.51, c. 2 + art.100, c.1, TUIR.5 La nozione di categoria di dipendenti non va intesa soltanto con riferimento alle categorie previste nel Codice civile(dirigenti, operai, ecc.), bensì va riferita a tutti i dipendenti di un certo tipo (ad esempio, tutti i dirigenti, o tutti quelli di un certo livello o una certa qualifica); per esempio, l insieme di "tutti gli operai del turno di notte" individuerebbe una categoria di dipendenti nel senso richiesto dal legislatore poiché sarebbe sufficiente a impedire in senso teorico che siano concesse erogazioni ad personam in esenzione totale o parziale dalle imposte (C.M.16 luglio 1998, n.188/e, p.to 4). Pagina 36

37 I servizi della lettera f) dell art.51, c.2 + art.100, c.1 TUIR.6 Reddito d impresa(ires-irpef): art.100, c.1 TUIR Le spese relative ad opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti, volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto, sono deducibili per un ammontare complessivo non superiore al 5 per mille dell ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi. IRAP deducibili (in quanto iscrivibili in conto economico fra le spese per servizi, voce B7 del Conto economico previsto dall art.2425 del Codice Civile); in alternativa, per prudenza, si potràapplicare il limite del del 5 per mille delle spese di lavoro dipendente risultanti dalla dichiarazione dei redditi. Pagina 37

38 La lettera f-bis) dell art.51, c.2, TUIR.7 Non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente le somme, i servizi e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per frequenza di asili nido e di colonie climatiche da parte dei familiari indicati nell art. 12, nonché per borse di studio a favore dei medesimi familiari Circolare Ministero finanze n. 238/E/2000: si tratta di somme in denaro sia pagate direttamente che rimborsate. Il datore di lavoro deve conservare la documentazione comprovante Non vi sono limitazioni quantitative e limiti di deducibilità; l espressione «borse di studio a favore dei medesimi familiari»va interpretata come comprendente anche i libri di testo e le tasse scolastiche Pagina 38

39 La lettera f-bis) dell art.51, c.2, TUIR.8 Dopo le modifiche apportate dall art.3, co.6-bis del DL n.16/2012, convertito, con modificazioni, dalla L. n.44/2012, la disciplina della lett. f-bis) si applica non solo alle somme di denaro, ma anche ai servizi ed alle prestazioni erogate. Il requisito secondo cui la spesa deve essere sostenuta dal datore di lavoro volontariamente, e non in adempimento di un vincolo contrattuale si ritiene valga solo per la lettera f) in quanto la f-bis) non richiama l art.100; i.e. la lett. f-bis) si applica anche per i servizi e le prestazioni citate in essa, assunti in conformità ad accordi o contratti di lavoro aziendali, nazionali o di altro livello Pagina 39

40 La infungibilità tra la retribuzione monetaria ed i fringe benefits.1 Nota del Servizio Bilancio del Senato n.127/2012 di commento alla modifica introdotta dal DL n.16/2012 che interviene sulla lett. f-bis):.. la norma implica un ampliamento oggettivo di quelli che si definiscono fringe benefits a favore dei lavoratori dipendenti e dei propri familiari. La norma non genera effetti di minor gettito nel presupposto che non si abbia, da parte dei datori di lavoro, la sostituzione di somme erogate a titolo di stipendio con benefici forniti alla generalità dei dipendenti. In tal caso, si consideri che gli oneri sopportati dal datore di lavoro sarebbero comunque detraibili dal reddito d impresa, mentre il corrispondente valore erogato ai dipendenti non concorrerebbe a formare il reddito di lavoro dipendente; se ciò si verificasse si avrebbero effetti negativi in termini di gettito a fini IRPEF ed addizionali regionali e comunali. Pagina 40

41 La infungibilità tra la retribuzione monetaria ed i fringe benefits.2 Agenzia Entrate, risposta Interpello n /2012 Non pubblicata Richiesta di interpretazione ufficiale sulla lett. f ) lett. f ) rinvio all art.100, c.1 TUIR (servizi di utilitàsociale) erogati dal datore volontariamente(non per obbligo) alla generalità o categorie di dipendenti per specifichefinalitàdieducazione, istruzione, ricreazione, assistenzasocialeo culto. Piani di flexibles benefits budget figurativo per scegliere tra vari possibili fringe benefits; - assistenza domiciliare o infermieristica a non autosufficienti; - check-up medico; - soggiorni presso centri benessere; - abbonamento alla palestra; - contributo aggiuntivo alla previdenza complementare; - incremento dei massimali di polizze sanitarie; - abbonamentiaitrasportipubblici; ecc. Pagina 41

42 La infungibilità tra la retribuzione monetaria ed i fringe benefits.3 Agenzia Entrate, risposta Interpello n /2012 Non pubblicata I commenti della Dottrina 1) M. Strafile, Benefit e retribuzione, niente scambio, Il Sole 24 Ore, , l Agenzia sebbene abbia concesso alcune aperture non ravvisando elementi di criticità che potessero determinare eventi imponibili ( ) ha al tempo stesso messo in guardia da schemi che finanzino tali piani attraverso elementi retributivi fissi o variabili, poiché in tali casi rimarrebbe inalterata l imponibilità dei valori corrispondenti ai servizi offerti. In sostanza (e ciò appare condivisibile) l Agenzia sembra assumere un atteggiamento di chiusura nei confronti di quei piani essenzialmente basati su meccanismi di sostituzione tra retribuzione e benefit agevolati. Pagina 42

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

COMPENSO IN MISURA FISSA

COMPENSO IN MISURA FISSA AMMINISTRATORI Per gli amministratori può essere previsto un compenso: a) in misura fissa; b) variabile in base agli utili (partecipazione agli utili); c) misto, base fissa più variabile in base agli utili;

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

GUIDA ALLA BUSTA PAGA

GUIDA ALLA BUSTA PAGA GUIDA ALLA BUSTA PAGA Le principali voci che compongono la busta paga ed i riferimenti normativi (legge e CCNL) a cura di Doriana Chiarentin e Mario Bay UILCA PADOVA LA BUSTA PAGA La Busta Paga è il documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli