UNI EN ISO DISPOSITIVI DI INTERBLOCCO ASSOCIATI AI RIPARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNI EN ISO 14119 DISPOSITIVI DI INTERBLOCCO ASSOCIATI AI RIPARI"

Transcript

1 UNI EN ISO DISPOSITIVI DI INTERBLOCCO ASSOCIATI AI RIPARI COME EVITARE L ELUSIONE O IL BY-PASS DEI DISPOSITIVI DI INTERBLOCCO ASSOCIATI AI RIPARI 0. Note introduttive per la lettura del presente documento La nuova norma UNI EN ISO del novembre 2013, che specifica i principi perla progettazione e la scelta dei dispositivi di interblocco da associare ai ripari mobili, sostituisce la UNI EN 1088 del 2008 (data di cessazione della presunzione di conformità della UNI EN 1088 è il 30/04/2015). Questa nuova norma richiede al progettista della macchina o impianto, un ulteriore passo in avanti nella fase di progettazione per la scelta dei dispositivi di interblocco ed alla loro modalità di installazione: il fabbricante all interno della valutazione dei rischi dovrà valutare se il particolare dispositivo di interblocco è adeguato alla macchina tenendo conto di tutte le attività previste: funzionamento manuale, automatico, pulizia, attrezzaggio,.. Di seguito mettiamo in evidenza una delle principali novità inserite nella norma e cioè: - L elusione-neutralizzazione ragionevolmente prevedibile dei dispositivi di interblocco (e quindi la valutazione dei rischi relativa alla motivazione e/o necessità di eludere i microinterruttori presenti sulla macchina) e le misure richieste per ridurre la possibilità di eludere i microinterruttori di sicurezza (per es. in relazione alle modalità di fissaggio e posizionamento degli attuatori e degli swicth vedere Figura 1). Di seguito è riportata la traduzione delle principali parti concernenti quest aspetto. In relazione ad altri punti introdotti dalla suddetta norma forniremo nelle prossime settimane ulteriori stralci tradotti dalla norma. Per qualsiasi approfondimento da farsi su Vs. casi specifici rimaniamo a Vs. disposizione. Figura 1 Come evitare l elusione dei dispositivi di interblocco UNI EN ISO

2 1. Estratti dalla UNI EN ISO Termini e Definizioni <omissi> 3.7 defeat Neutralizzazione Azione che rende non operativo un dispositivo di interblocco o lo by-passa con il risultato finale che la macchina non è utilizzata nel modo previsto dal costruttore o risulta essere senza le necessarie misure di sicurezza. 3.8 defeat in a reasonably foreseeable manner Elusione ragionevolmente prevedibile Elusione di un interblocco sia manualmente sia usando oggetti facilmente disponibili (o reperibili) Nota 1: questa definizione include la rimozione degli switches o degli attuatori utilizzando utensili necessari per l uso o che sono facilmente disponibili (caccia-viti, chiavi, chiavi esagonali e pinze). Nota 2: oggetti facilmente disponibili includono chiavi, aghi e pezzi (o parti) di lamiera, oggetti di uso comune come chiavi, nastro adesivo, monete, corda e filo metallico, chiavi di scorta per dispositivi di sicurezza, attuatori di ricambio Interblocco di Tipo 1. Dispositivo di interblocco con switch (o interruttore/commutatore) azionato meccanicamente e con attuatore non codificato (per es. interblocchi con camma) Interblocco di Tipo 2. Dispositivo di interblocco con switch (o interruttore/commutatore) azionato meccanicamente e con attuatore codificato (per es. interblocchi a chiavetta) Interblocco di Tipo 3. Dispositivo di interblocco con switch (o interruttore/commutatore) non azionato meccanicamente e con attuatore non codificato (per es. mediante proximity switch) Interblocco di Tipo 4. Dispositivo di interblocco con switch (o interruttore/commutatore) non azionato meccanicamente e con attuatore codificato (per es. mediante RFID tag position switch) tool - Utensile Si intende una chiave o una chiave inglese (key or wrench) prevista per fissare gli organi di fissaggio (una moneta o una linguetta metallica non sono considerati come tool) Come evitare l elusione dei dispositivi di interblocco UNI EN ISO

3 7 Progettazione per minimizzare la possibilità di elusione / neutralizzazione degli interblocchi di sicurezza Parte generale La macchina deve essere progettata in modo da rendere minima la motivazione/necessità di eludere gli interblocchi (EN ) I dispositivi di interblocco devono essere progettati in modo da tenere conto di tutte le operazioni previste sulla macchina al fine di ridurre ogni necessità di elusione dei microinterruttori stessi: - per esempio attività di manutenzione, attività previste in caso di anomalie.. Le seguenti indicazioni dovranno essere seguite per evitare l elusione, ragionevolmente prevedibile, dei microinterruttori di sicurezza (vedere anche la Figura 2 e la Tabella 3, riportate di seguito, che riassume le diverse fasi di quanto descritto sotto): a) Implementare le misure generali di cui al 5.2, 5.3, 5.4, e della UNI EN ISO Approfondimento sulle richieste previste al 5.2 Arrangement and fastening of position switches La posizione dei switches dovranno essere collocati in modo che siano sufficientemente protetti contro la possibilità di essere modificati. Per raggiungere questo scopo occorre siano soddisfatte le seguenti condizioni: a) gli elementi di fissaggio degli switches devono essere affidabili e richiedere l uso di un utensile per il loro allentamento; b) Interblocchi Tipo 1: la posizione dei switches devono essere fissate in modo permanente per garantirne la posizione dopo la loro regolazione (pins or dowels). c) L elusione della posizione dello switch deve essere evitata secondo le indicazioni previste al 7 della norma UNI EN ISO <omissis> 5.3 Arrangement and fastening of actuators Gli attuatori devono essere fissati in modo da minimizzare la possibilità di allentarsi o di cambiare loro posizione (un regolare controllo deve essere attuato). Per raggiungere questo scopo occorre siano soddisfatte le seguenti condizioni: a) gli elementi di fissaggio devono essere affidabili e richiedere l uso di un utensile per il loro allentamento; b) L allentamento deve essere evitato; c) L attuatore deve essere posizionato E SE NECESSARIO, protetto da eventuali danneggiamenti per cause esterne; d). e) i supporti del fissaggio devono essere sufficientemente robusti. Come evitare l elusione dei dispositivi di interblocco UNI EN ISO

4 b) Verificare se vi è la necessità/motivazione di eludere dei micro in modo ragionevolmente prevedibile (vedere l Allegato H della UNI EN ISO 14119), ovvero tutte le attività previste sulla macchina sono possibili senza eludere i microinterruttori di sicurezza? c) Se la necessità/motivazione di eludere i micro è presente, verificare se può essere eliminata mediante: - Misure progettuali e/o - Modi alternativi (per esempio a livello funzionale si potrà verificare nuovi modi di settaggio, tool chancing, manutenzione, verifiche). d) Se la necessità/motivazione di elusione prevedibile non è stata eliminata sono richieste misure addizionali come previste dal 7.2. Figura 2 Come evitare l elusione dei dispositivi di interblocco UNI EN ISO

5 7.2 Misure addizionali per ridurre la possibilità di elusione dei microinterruttori di sicurezza I dispositivi di interblocco devono essere selezionati e/o installati in modo che l elusione ragionevolmente prevedibile sia impedita. Di seguito sono indicate le possibili azioni da attuare contro l elusione dei microinterruttori di sicurezza (vedere la Tabella 3): a) Ridurre l accessibilità agli elementi del dispositivo di interblocco mediante: 1) montaggio dei componenti fuori portata / in posizione non facilmente accessibile 2) riparo meccanico o schermatura 3) montaggio in posizione nascosta b) Prevenire/evitare la sostituzione di attuatori degli interblocchi con oggetti facilmente disponibili mediante la scelta di attuatori codificati. Come evitare l elusione dei dispositivi di interblocco UNI EN ISO

6 c) Prevenire/evitare lo smontaggio o il ri-posizionamento degli elementi del dispositivo di interblocco mediante l uso di organi di fissaggio non rimovibili (ad es. saldatura, incollaggio, viti non reversibili, rivettatura). NOTA 1 L'uso di organi di fissaggio non rimovibili può essere una soluzione inappropriata nei casi in cui vi sia un guasto del dispositivo di interblocco. Durante la vita della macchina può essere prevista una sostituzione veloce del micro: in questo caso altre misure, ad es. a), b) e d) devono essere impiegati per fornire il livello richiesto di riduzione del rischio d) Prevenire/evitare l elusione mediante: 1) l integrazione del monitoraggio dell elusione nel sistema di controllo mediante: i) monitoraggio dello stato; ii) test ciclici 2) l utilizzo di un dispositivo di interblocco aggiuntivo dove l elusione è possibile solo mediante una specifica azione. Come evitare l elusione dei dispositivi di interblocco UNI EN ISO

Workshop «stato dell arte e normativa: due strumenti per migliorare la sicurezza uomo/macchina»

Workshop «stato dell arte e normativa: due strumenti per migliorare la sicurezza uomo/macchina» Modena, 15 Dicembre 2016 Ing. Luciano Di Donato (Inail) Workshop «stato dell arte e normativa: due strumenti per migliorare la sicurezza uomo/macchina» Il defeating di un dispositivo di interblocco «Sicurezza

Dettagli

ISO Calcolo del PL Performance Level

ISO Calcolo del PL Performance Level ISO 13849-1 Calcolo del PL Performance Level Categorie MTTFd DC CCF ISO 13849-1 Calcolo del PL Performance Level Categorie MTTFd DC CCF PL a PL b PL c MTTF d low medium high PL d PL e DC avg Cat. B 0 Cat.

Dettagli

EurofinsProduct Testing Italy

EurofinsProduct Testing Italy EurofinsProduct Testing Italy La marcatura CE e la commercializzazione dei Prodotti Aggiornamenti delle Normative Tecniche di Tipo B Global Overview 2016.v01 Direttiva Macchine 2006 42 CE Art. 5 -Immissione

Dettagli

2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine

2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5.2 DISPOSITIVI DI COMANDO A DUE MANI UNI EN 574/98 Descrizione Il comando a due mani è un dispositivo di sicurezza che garantisce, se correttamente

Dettagli

TRAPANI. A colonna Radiali. Tipologia:

TRAPANI. A colonna Radiali. Tipologia: TRAPANI Tipologia: A colonna Radiali Norme di riferimento UNI EN 294/93 e 349/94 distanze di sicurezza UNI EN 953/00 ripari di protezione UNI EN 1088/97 interblocchi di sicurezza CEI EN 60204-1 equipaggiamento

Dettagli

SEGATRICI. A nastro (con o senza avanzamento automatico del pezzo) Alternative (con o senza avanzamento automatico del pezzo) Troncatrici

SEGATRICI. A nastro (con o senza avanzamento automatico del pezzo) Alternative (con o senza avanzamento automatico del pezzo) Troncatrici SEGATRICI Tipologia: A nastro (con o senza avanzamento automatico del pezzo) Alternative (con o senza avanzamento automatico del pezzo) Troncatrici Norme di riferimento UNI EN 953/00 ripari di protezione

Dettagli

La sicurezza delle macchine utensili

La sicurezza delle macchine utensili La sicurezza delle macchine utensili Casistica di infortuni derivanti dall uso di macchine utensili Nicola Delussu Coordinamento Tecnico Regioni Gruppo macchine e impianti D.lgs. 81/2008 Art. 70 - Requisiti

Dettagli

PRINCIPI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO UNI EN 1050 PRINCIPI PER LA DEL RISCHIO VALUTAZIONE. RISCHIO Vittore Carassiti - INFN FE 1

PRINCIPI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO UNI EN 1050 PRINCIPI PER LA DEL RISCHIO VALUTAZIONE. RISCHIO Vittore Carassiti - INFN FE 1 PRINCIPI PER LA DEL RISCHIO UNI EN 1050 PRINCIPI PER LA DEL RISCHIO RISCHIO Vittore Carassiti - INFN FE 1 SCOPO DELLA NORMA (UNI EN 1050 1) Descrivere le procedure per la stima dei pericoli e la valutazione

Dettagli

Interruttori di sicurezza

Interruttori di sicurezza Interruttori di sicurezza Area critica dell impianto La protezione mobile L allegato I della direttiva macchine punto 1.4.2.2 stabilisce i requisiti: - Un ostacolo di natura adeguata garantisca una protezione

Dettagli

INTERRUTTORI DI SICUREZZA

INTERRUTTORI DI SICUREZZA informazioni tecniche INTERRUTTORI DI SICUREZZA La scelta degli interruttori di sicurezza rappresenta una fase delicata nel processo di progettazione di una nuova macchina, o in quello d adeguamento alle

Dettagli

FILTRO DEFANGATORE Serie 9064

FILTRO DEFANGATORE Serie 9064 FILTRO DEFANGATORE Serie 9064 Filtro defangatore completamente in ottone; PN 10; Cartuccia filtrante defangatrice in acciaio inox 3/8"; Attacco per valvola sfiato aria automatica; Massima temperatura di

Dettagli

INCASTELLATURA tipo P1 Manuale di montaggio

INCASTELLATURA tipo P1 Manuale di montaggio INCASTELLATURA tipo P1 Manuale di montaggio pag. 1 di 18 1. PRESCRIZIONI GENERALI 1.1 Termini e simboli utilizzati NOTA Contiene informazioni da tenere in particolare considerazione durante l installazione.

Dettagli

KEYSTONE. OM2 - EPI 2 Attuatore elettrico a quarto di giro: batteria di emergenza al litio (9V) Manuale di istruzione.

KEYSTONE. OM2 - EPI 2 Attuatore elettrico a quarto di giro: batteria di emergenza al litio (9V) Manuale di istruzione. KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale 2: batteria di emergenza al litio (9V) 1 1.1 Funzione del modulo Batteria di emergenza al litio 1.2 Costruttore 2 Installazione 2 3 Schema elettrico della scheda OM2

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA: SICUREZZA IMPRESE COMPARTO METALMECCANICA PROGETTO: MICROIMPRESA NON MICROTUTELA

PIANO DI ASSISTENZA: SICUREZZA IMPRESE COMPARTO METALMECCANICA PROGETTO: MICROIMPRESA NON MICROTUTELA AUSLRE Protocollo n 2016/0040567 del 10/05/2016 (Allegato) Pagina 1 di 5 PIANO DI ASSISTENZA: SICUREZZA IMPRESE COMPARTO METALMECCANICA PROGETTO: MICROIMPRESA NON MICROTUTELA LISTA DI CONTROLLO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

OBBI LOMBARDO DEI CANCELLI. Automazione a Braccio per Cancelli a Battente

OBBI LOMBARDO DEI CANCELLI. Automazione a Braccio per Cancelli a Battente OBBI LOMBARDO DEI CANCELLI Automazioni esterne I cancelli a battente richiedono un adeguata attenzione nella motorizzazione perché sono sottoposti sia all azione delle intemperie sia ad impieghi spesso

Dettagli

Parapetti su cassaforma e scale portatili. Descrizione del caso

Parapetti su cassaforma e scale portatili. Descrizione del caso Titolo del caso Parapetti su cassaforma e scale portatili Descrizione del caso Tipologia costruttiva Contesto produttivo Realizzazione pila di un viadotto Lavorazioni di posa in opera di carpenteria metallica

Dettagli

S10010 / S ATTUATORI PER SERRANDA 10/20 Nm (88/177 lb-in) PER CONTROLLO MODULANTE E FLOTTANTE SPECIFICHE TECNICHE APPLICAZIONI

S10010 / S ATTUATORI PER SERRANDA 10/20 Nm (88/177 lb-in) PER CONTROLLO MODULANTE E FLOTTANTE SPECIFICHE TECNICHE APPLICAZIONI APPLICAZIONI ATTUATORI PER SERRANDA 10/20 Nm (88/177 lb-in) PER CONTROLLO MODULANTE E FLOTTANTE Questi attuatori, direttamente accoppiati alle serrande, forniscono una regolazione modulante / flottante

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina. materiali di diverso tipo (figura 1). Figura 1 Vista di insieme della troncatrice

Scheda. Descrizione della macchina. materiali di diverso tipo (figura 1). Figura 1 Vista di insieme della troncatrice Scheda 11 Lavorazione: Macchina: TAGLIO TRONCATRICE Descrizione della macchina La troncatrice è impiegata per tagliare, mediante l abbassamento manuale di un disco dentato, materiali di diverso tipo (figura

Dettagli

Sicurezza ed affidabilità dei sistemi di comando (CR-001)

Sicurezza ed affidabilità dei sistemi di comando (CR-001) 1.2 - Sistemi di comando 1.2.1 - Sicurezza ed affidabilità dei sistemi di comando I sistemi di comando devono essere progettati e costruiti in modo da evitare l'insorgere di situazioni pericolose. In ogni

Dettagli

Finalità della segregazione

Finalità della segregazione Segregazione dei quadri La segregazione o compartimentazione tra le diverse unità funzionali, serve per evitare di togliere tensione all intero quadro quando si deve intervenire su una parte dell apparecchiatura

Dettagli

CESOIE A GHIGLIOTTINA

CESOIE A GHIGLIOTTINA CESOIE A GHIGLIOTTINA Tipologia: Cesoie a ghigliottina con innesto meccanico Cesoie a ghigliottina con innesto a frizione Cesoie a ghigliottina idrauliche e pneumatiche Norme di riferimento UNI 8424/82

Dettagli

2.4.9 Cesoia a Ghigliottina D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 13985:2005

2.4.9 Cesoia a Ghigliottina D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 13985:2005 2.4.9 Cesoia a Ghigliottina D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 13985:2005 PERICOLO PROTEZIONE Macchina composta da una lama fissa ed una mobile per il taglio a freddo di lamiere metalliche

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO 1 MACCHINE E ATTREZZATURE GESTIONE ADEGUATEZZA AL AL LAVORO DA DA SVOLGERE IDONEITA AI AI FINI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE CORRETTO UTILIZZO

Dettagli

UNI EN 1070 TERMINOLIGIA. UNI EN 953 del 09/00 RIPARI - REQUISITI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE E LA COSTRUZIONE DI RIPARI FISSI E MOBILI

UNI EN 1070 TERMINOLIGIA. UNI EN 953 del 09/00 RIPARI - REQUISITI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE E LA COSTRUZIONE DI RIPARI FISSI E MOBILI UNI EN 1070 TERMINOLIGIA UNI EN 953 del 09/00 RIPARI - REQUISITI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE E LA COSTRUZIONE DI RIPARI FISSI E MOBILI UNI EN 1088 del 11/97 SICUREZZA DEL MACCHINARIO DISPOSITIVI DI INTERBLOCCO

Dettagli

Check list Sicurezza macchine Parte I: Equipaggiamenti

Check list Sicurezza macchine Parte I: Equipaggiamenti Check list Sicurezza macchine Parte I: Equipaggiamenti Check list sulle norme tecniche armonizzate: EN ISO 4413 EN ISO 4414 EN 61439-1 EN 60204-1 280 punti di verifica in Controllo Tecnico ed Esame Visivo

Dettagli

2.4.11 Pressa meccanica con innesto a frizione D. Lgs. 81/08 All.V, D.P.R. 459/96 All.1, UNI EN 692/06

2.4.11 Pressa meccanica con innesto a frizione D. Lgs. 81/08 All.V, D.P.R. 459/96 All.1, UNI EN 692/06 2.4.11 Pressa meccanica con innesto a frizione D. Lgs. 81/08 All.V, D.P.R. 459/96 All.1, UNI EN 692/06 PERICOLO PROTEZIONE Macchina per la lavorazione a freddo della lamiera tramite la chiusura di uno

Dettagli

KIT PARKING SENSOR 4 PZ

KIT PARKING SENSOR 4 PZ KIT PARKING SENSOR 4 PZ Art. 0980 700 140 IT Istruzioni di installazione ed uso ED. 2015 - REV. 00 NOTA INTRODUTTIVA Gentile Cliente, La preghiamo di verificare prima dell installazione il sistema in Suo

Dettagli

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione Parte 1 Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione 1 XXXXXXXXXX Nella nostra azienda sono presenti le seguenti attrezzature: XXXXXXX XXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX

Dettagli

KEYSTONE. OM4 - EPI 2 Modulo interfaccia Bluetooth Manuale di istruzioni.

KEYSTONE. OM4 - EPI 2 Modulo interfaccia Bluetooth Manuale di istruzioni. KEYSTONE Indice 1 Modulo opzionale OM44: interfaccia Bluetooth 1 2 Installazione 2 3 Descrizione dell interfaccia Bluetooth OM4 4 4 Schema elettrico del modulo OM4 5 1. Modulo opzionale 4: interfaccia

Dettagli

Interventi sulle scaffalature esistenti per la messa in sicurezza sotto il profilo sismico

Interventi sulle scaffalature esistenti per la messa in sicurezza sotto il profilo sismico Interventi sulle scaffalature esistenti per la messa in sicurezza sotto il profilo sismico SAIE, Bologna, 18 ottobre 2013 Ing. Barbara Orsatti Norme di riferimento Attualmente, oltre alle prescrizioni

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO

PROCEDURA OPERATIVA PER L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO 28/06/2011 Pag. 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA PER L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO 1 SCOPO... 2 2 APPLICABILITÀ... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1 Moduli... 2 4 RESPONSABILITÀ... 2 5 MODALITÀ OPERATIVE...

Dettagli

Suddivisione per A.S.

Suddivisione per A.S. Suddivisione per A.S. Anno Primo Denominazione Competenza tecnico-professionale UC 1807 Pianificazione e organizzazione del processo di realizzazione dell'impianto conoscenze Pianificare le fasi del lavoro

Dettagli

TAVOLO TECNICO DEL PIANO MIRATO DI PREVENZIONE Provincia di Treviso IL PROBLEMA

TAVOLO TECNICO DEL PIANO MIRATO DI PREVENZIONE Provincia di Treviso IL PROBLEMA Argomento: TAVOLO TECNICO DEL PIANO MIRATO DI PREVENZIONE Protezione avvolgitori per film plastico nelle fasi di produzione e cambio bobina a fine avvolgimento. Ver.0 del 03//06 Parole chiave: bobinatura,

Dettagli

Steel&Graphics srl Via Cà Nova Zampieri 4/E 37057 San Giovanni Lupatoto VR Tel. 045/8778577 Fax. 045/8778576 Email: info@steel-graphics.

Steel&Graphics srl Via Cà Nova Zampieri 4/E 37057 San Giovanni Lupatoto VR Tel. 045/8778577 Fax. 045/8778576 Email: info@steel-graphics. Steel&Graphics srl Via Cà Nova Zampieri 4/E 37057 San Giovanni Lupatoto VR Tel. 045/8778577 Fax. 045/8778576 Email: info@steel-graphics.com TecnoMETAL BIM 2012 rappresenta la soluzione per la progettazione

Dettagli

Modernizzazione, accessibilità e messa in sicurezza degli ascensori in Italia

Modernizzazione, accessibilità e messa in sicurezza degli ascensori in Italia Modernizzazione, accessibilità e messa in sicurezza degli ascensori in Italia Sergio D Ammassa Systems Technical Manager, Wittur Group Nicola Imbimbo CSO & Sales Manager BU Elevators, Prysmian Cavi e Sistemi

Dettagli

Verona 25 ottobre Sicurezza e Software Gestione Manutenzione (CMMS): Vantaggi di un Sistema Integrato

Verona 25 ottobre Sicurezza e Software Gestione Manutenzione (CMMS): Vantaggi di un Sistema Integrato Verona 25 ottobre 2010 Sicurezza e Software Gestione Manutenzione (CMMS): Vantaggi di un Sistema Integrato La manutenzione comprende tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali eseguite durante

Dettagli

Tecnologia wireless facile da installare SENSORE DI CONTATTO PORTA MANUALE D'USO.

Tecnologia wireless facile da installare SENSORE DI CONTATTO PORTA MANUALE D'USO. Tecnologia wireless facile da installare SENSORE DI CONTATTO PORTA MANUALE D'USO www.my-serenity.ch Cosa c'è nella Scatola? 1 x Magnete 1 x Pad adesivo per magnete 2 x Viti per magnete 1 x Sensore di contatto

Dettagli

Hipstreet Titan 2 HD sostituzione dello

Hipstreet Titan 2 HD sostituzione dello Hipstreet Titan 2 HD sostituzione dello schermo Questa guida vi aiuterà gli utenti a sostituire lo schermo su una Hipstreet Titan 2 HD. Scritto Da: Jeffrey ifixit CC BY-NC-SA /Www.ifixit.com Pagina 1 di

Dettagli

PIANO DI TEST/COLLAUDO TITOLO DOCUMENTO

PIANO DI TEST/COLLAUDO TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

2 - PLEION - Manuale di montaggio e messa in funzione del collettore solare X-AIR 14 - Ver. 02 del 29/01/2015

2 - PLEION - Manuale di montaggio e messa in funzione del collettore solare X-AIR 14 - Ver. 02 del 29/01/2015 2 - PLEION - Manuale di montaggio e messa in funzione del collettore solare X-AIR 14 - Ver. 02 del 29/01/2015 Informazioni generali L installazione deve essere effettuata esclusivamente da personale

Dettagli

Sensori magnetici codificati Serie SR

Sensori magnetici codificati Serie SR Sensori magnetici codificati Serie SR Sensori magnetici codificati Serie SR A Introduzione I sensori magnetici codificati sono dispositivi adatti al controllo di protezioni e ripari che abbinati ad un

Dettagli

Convegno "La sicurezza delle macchine in edilizia" Macchine e impianti per la produzione industriale di prodotti da costruzione e componenti edilizi

Convegno La sicurezza delle macchine in edilizia Macchine e impianti per la produzione industriale di prodotti da costruzione e componenti edilizi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Convegno "La sicurezza delle macchine in edilizia" Macchine e impianti per la produzione industriale di prodotti da costruzione e componenti edilizi Luigi

Dettagli

Macchina: RAMOSA. Scheda. Lavorazione: ASCIUGATURA. La ramosa è la macchina utilizzata prevalentemente per l asciugatura

Macchina: RAMOSA. Scheda. Lavorazione: ASCIUGATURA. La ramosa è la macchina utilizzata prevalentemente per l asciugatura Scheda 13 Lavorazione: ASCIUGATURA Macchina: RAMOSA Scopo della lavorazione La ramosa è la macchina utilizzata prevalentemente per l asciugatura in continuo del tessuto per mezzo di un flusso di aria calda.

Dettagli

LA NORMA UNI Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Progettazione e installazione

LA NORMA UNI Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Progettazione e installazione LA NORMA UNI 7129-4 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Progettazione e installazione Parte 4: MESSA IN SERVIZIO DEGLI ing. Michele Chieregato SI APPLICA PER

Dettagli

CASSETTA DA INCASSO PER TERMINALE A 90 RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO

CASSETTA DA INCASSO PER TERMINALE A 90 RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO CASSETTA DA INCASSO PER TERMINALE A 90 RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO Rispettare sempre le prescrizioni della norma UNI TS 343 e le istruzioni contenute nell'edizione aggiornata delle Informazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DELL OFFICINA MECCANICA

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DELL OFFICINA MECCANICA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DELL OFFICINA MECCANICA Il Presente documento ha lo scopo di riassumere alcune linee guida relative all utilizzo delle apparecchiature presenti nell Officina

Dettagli

6.1 SEGA A NASTRO. Scheda. Descrizione della macchina

6.1 SEGA A NASTRO. Scheda. Descrizione della macchina Scheda 6 Lavorazione: Macchina: TAGLIO SEGA PER METALLI Le seghe per metalli sono macchine che vengono utilizzate per il taglio a freddo di metalli che si trovano sotto forma di billette, barre, profilati,

Dettagli

OPERATORE ELETTRICO. Descrizione sintetica della figura

OPERATORE ELETTRICO. Descrizione sintetica della figura OPERATORE ELETTRICO Descrizione sintetica della figura L operatore elettrico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di realizzazione dell impianto elettrico con autonomia e responsabilità limitate

Dettagli

Istruzioni di installazione

Istruzioni di installazione CARATTERISTICHE Le serrature MotorLock possono essere installate in tutte le quattro direzioni di montaggio (RH, LH, VU, VD), sono corredate da 4 viti di fissaggio con passo metrico (M6) ed hanno dimensioni

Dettagli

A Modena La Sicurezza Sul Lavoro, In Pratica Progetto a sostegno delle aziende nell applicazione della normativa di sicurezza

A Modena La Sicurezza Sul Lavoro, In Pratica Progetto a sostegno delle aziende nell applicazione della normativa di sicurezza A Modena La Sicurezza Sul Lavoro, In Pratica Progetto a sostegno delle aziende nell applicazione della normativa di sicurezza Workshop Stato dell arte e normativa: due strumenti per migliorare la sicurezza

Dettagli

Apparecchi e impianti di illuminazione

Apparecchi e impianti di illuminazione Apparecchi e impianti di illuminazione Pubblicato il: 04/06/2007 Aggiornato al: 04/06/2007 di Gianluigi Saveri 1. Generalità Nella nuova Norma 64-8 è stata inserita una nuova sezione, la 559, con prescrizioni

Dettagli

Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche

Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche La disciplina delle verifiche periodiche Bologna, 28 ottobre 2010 ing. Mario ALVINO IS Soggetti Titolari id della funzione

Dettagli

Safety, Detection, Control EN ISO 13855: EN ISO 13855: /11/2016 1

Safety, Detection, Control EN ISO 13855: EN ISO 13855: /11/2016 1 Safety, Detection, Control EN ISO 13855:2010 1 EN ISO 13855:2010 17/11/2016 1 Cosa è 2 Scopo Stabilisce il posizionamento dei dispositivi di protezione in relazione alla velocità del copro umano o parti

Dettagli

IDENTIFICAZIONE, RINTRACCIABILITÀ,

IDENTIFICAZIONE, RINTRACCIABILITÀ, 04/10/2012 Pag. 1 di 6 IDENTIFICAZIONE, RINTRACCIABILITÀ, IMMAGAZZINAMENTO E CONSERVAZIONE DEI PRODOTTI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli

Dettagli

Aziende e Uffici. Maria Francesca Conti Comando Provinciale Vigili del Fuoco IMPERIA

Aziende e Uffici. Maria Francesca Conti Comando Provinciale Vigili del Fuoco IMPERIA Aziende e Uffici Maria Francesca Conti Comando Provinciale ATTIVITA 71/A Aziende ed uffici con oltre 300 e fino a 500 persone presenti SCIA asseverazione articolo 4 comma 1 d.p.r. 151/2011 D.M. 22 febbraio

Dettagli

650 Sospensioni ruote posteriori

650 Sospensioni ruote posteriori 650 Sospensioni ruote posteriori Generale..650-1 Braccio di reazone...650-2 Rimuovere ed installare i bracci di reazione 650-2 Sostituire le boccole dei bracci di reazione..650-2 Tirante trasversale..650-3

Dettagli

Valvola motorizata 3 vie 3/4-1 (con molla di richiamo)

Valvola motorizata 3 vie 3/4-1 (con molla di richiamo) Valvola motorizata 3 vie 3/4-1 (con molla di richiamo) cod.3902014 cod.3902015 Descrizione Le valvole di zona permettono l intercettazione automatica dei circuiti idraulici negli impianti di climatizzazione.

Dettagli

Norval Regolatori di Pressione

Norval Regolatori di Pressione Regolatori di Pressione Regolatori di Pressione I regolatori di pressione sono regolatori ad azione diretta con comando a membrana ed azione di contrasto a molla, per media e bassa pressione. Tali regolatori

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Meccanici generali protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

UNI 10779:2014 e TS/UNI 11559 RETI DI IDRANTI- progettazione, installazione ed esercizio Le principali novità introdotte dalla revisione 2014

UNI 10779:2014 e TS/UNI 11559 RETI DI IDRANTI- progettazione, installazione ed esercizio Le principali novità introdotte dalla revisione 2014 UNI 10779:2014 e TS/UNI 11559 RETI DI IDRANTI- progettazione, installazione ed esercizio Le principali novità introdotte dalla revisione 2014 San Benedetto del Tronto, 29.05.2010 Aggiornamento definizioni

Dettagli

Avvertenze. Si ritiene d obbligo richiedere al progettista la verifica del dimensionamento di tutti i fissaggi

Avvertenze. Si ritiene d obbligo richiedere al progettista la verifica del dimensionamento di tutti i fissaggi POSA SISTEMA TETTO Avvertenze Questa breve presentazione si propone di dare qualche semplice consiglio per la posa del sistema isolante sottotegola ISOLO secondo le tecniche costruttive in uso in Sardegna.

Dettagli

VI - Tecniche di sicurezza

VI - Tecniche di sicurezza VI - Tecniche di sicurezza In questo capitolo presentiamo alcune delle più importanti tecniche di sicurezza comuni e alcuni dei termini usati dai costruttori di apparecchiature di sicurezza come Honeywell,

Dettagli

Istruzioni originali Specchi deviaraggio per barriere di sicurezza Orion1 Mirror xxx

Istruzioni originali Specchi deviaraggio per barriere di sicurezza Orion1 Mirror xxx Istruzioni originali Specchi deviaraggio per barriere di sicurezza Orion1 Mirror xxx Nonostante sia stato impiegato ogni sforzo possibile per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel presente

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE

IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE Evoluzione degli standard UNI EN ISO 7396-1 ed UNI EN ISO 7396-2. RELATORE: Alessandro Sassi Ente / Azienda: Certiquality S.r.l. POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

PRODOTTI. Riscaldatori a induzione e utensili. smart mounting. smart tools

PRODOTTI. Riscaldatori a induzione e utensili. smart mounting. smart tools PRODOTTI Riscaldatori a induzione e utensili smart mounting smart tools Riscaldatori a induzione simatherm riscaldatore a induzione IH 025 Volcano 2 simatherm riscaldatore a induzione IH 070 3 simatherm

Dettagli

GREMBIULE IN CROSTA PER SALDATORI

GREMBIULE IN CROSTA PER SALDATORI GREMBIULE IN CROSTA PER SALDATORI (immagine a carattere puramente indicativo) Elaborato da Verificato da Sicurezza e Ambiente Verificato da Unificazione Impianti & Materiali Approvato da Qualità e Sicurezza

Dettagli

Procedura utilizzo laser di potenza e check list

Procedura utilizzo laser di potenza e check list Procedura utilizzo laser di potenza e check list Scopo e campo di applicazione Lo scopo di questa procedura è di permettere l individuazione e il controllo del rischio associato ai sistemi laser di classe

Dettagli

CASSETTA DA INCASSO PER COLLETTORE RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO

CASSETTA DA INCASSO PER COLLETTORE RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO CASSETTA DA INCASSO PER COLLETTORE RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO Rispettare sempre le prescrizioni della norma UNI TS 11343 e le istruzioni contenute nell'edizione aggiornata delle Informazioni

Dettagli

1 - VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO

1 - VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO ALLEGATO XIX Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri, quali: la frequenza di utilizzo,

Dettagli

PERIZIA ANTINFORTUNISTICA ASSEVERATA. 926, su incarico della ditta LONGATO VINCENZO con sede in Sesto San Giovanni (MI)

PERIZIA ANTINFORTUNISTICA ASSEVERATA. 926, su incarico della ditta LONGATO VINCENZO con sede in Sesto San Giovanni (MI) PERIZIA ANTINFORTUNISTICA ASSEVERATA Io sottoscritto Per. Ind. Costa Giuseppe, con studio in via Brescia n 26 di Travagliato in provincia di Brescia, iscritto all albo dei Periti Industriali della Provincia

Dettagli

UTILIZZO DI LISTELLI SUPERPAN 216 COME ORDITURA DI SOSTEGNO PER CONTROPARETI

UTILIZZO DI LISTELLI SUPERPAN 216 COME ORDITURA DI SOSTEGNO PER CONTROPARETI UTILIZZO DI LISTELLI SUPERPAN 216 COME ORDITURA DI SOSTEGNO PER CONTROPARETI Aggiornamento realizzato a cura dell ufficio tecnico Finsa Italia Nelle realizzazioni di contropareti a secco è possibile impiegare

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine per l applicazione di pesticidi La direttiva CE 127/09 L Unione

Dettagli

TM-1200 FP MANUALE DI ISTRUZIONI

TM-1200 FP MANUALE DI ISTRUZIONI TM-1200 FP MANUALE DI ISTRUZIONI 1 www.visionaudiovisual.com/techmount/tm-1200_fp 2 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Laddove necessario, i prodotti Vision sono certificati e conformi a tutti i regolamenti locali

Dettagli

Il Ruolo dei Coordinatori per la Sicurezza nei Cantieri

Il Ruolo dei Coordinatori per la Sicurezza nei Cantieri VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO COSE E PERSONE: REGIME DI CONTROLLO E CRITICITÀ Il Ruolo dei Coordinatori per la Sicurezza nei Cantieri Intervento: ing. Filippo Scopazzo Ordine

Dettagli

Pressa idraulica D. Lgs. 81/08 All.V, D.P.R. 459/96 All.1, UNI EN 693/04

Pressa idraulica D. Lgs. 81/08 All.V, D.P.R. 459/96 All.1, UNI EN 693/04 2.4.12 Pressa idraulica D. Lgs. 81/08 All.V, D.P.R. 459/96 All.1, UNI EN 693/04 Macchina per la lavorazione a freddo della lamiera tramite l accostamento di un elemento mobile (punzone) a movimento alternativo

Dettagli

5.2 SCHEDA TECNICA ED INDICAZIONI DI MONTAGGIO

5.2 SCHEDA TECNICA ED INDICAZIONI DI MONTAGGIO 5.2 SCHEDA TECNICA ED INDICAZIONI DI MONTAGGIO PUNTO DI ANCORAGGIO WAxxP Di classe A1 secondo UNI EN 795:2002 e di tipo A secondo UNI 11578:2015 Certificato secondo UNI EN 795:2002 e UNI 11578:2015 UNI

Dettagli

Manuale d installazione porte ALU (tutti i tipi e misure)

Manuale d installazione porte ALU (tutti i tipi e misure) Manuale d installazione porte ALU (tutti i tipi e misure) Porta scorrevole esterna in vetro temperato di sicurezza certificato EN 12150, con accessori in alluminio ed inox e carrelli antirumore con cuscinetti.

Dettagli

STANDARD DOCUMENTALE RAPPORTO DI COLLAUDO/TEST @SQ.DO.RC Ver. 5

STANDARD DOCUMENTALE RAPPORTO DI COLLAUDO/TEST @SQ.DO.RC Ver. 5 CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile della Qualità,

Dettagli

Istruzioni per il montaggio

Istruzioni per il montaggio Istruzioni per il montaggio Indicazioni importanti sulle Istruzioni per il montaggio VOSS Per ottenere dai prodotti VOSS un rendimento ottimale e la massima sicurezza di funzionamento, è importante rispettare

Dettagli

Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE

Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE Indice Introduzione generale 1 Premessa................................................................. pag. 8 2 L articolo 24...............................................................

Dettagli

L impianto di terra. 8.1 Elementi costitutivi l impianto di terra

L impianto di terra. 8.1 Elementi costitutivi l impianto di terra L impianto di terra è finalizzato al collegamento alla stessa terra di tutte le parti metalliche conduttrici e accessibili dell impianto elettrico (collegamento o messa a terra di protezione). La messa

Dettagli

V2/V3GG. Valvole a globo con attacchi femmina per attuatori MEV3P1-24/230, EMV1-24. dati tecnici. identificativo prodotto

V2/V3GG. Valvole a globo con attacchi femmina per attuatori MEV3P1-24/230, EMV1-24. dati tecnici. identificativo prodotto V2/V3GG Valvole a globo con attacchi femmina per attuatori MEV3P1-24/230, EMV1-24 Le valvole della serie VGG sono impiegate per la regolazione o l intercettazione di fluidi in impianti di riscaldamento,

Dettagli

LAVORARE SULLE COPERTURE Parapetti provvisori e reti di protezioni

LAVORARE SULLE COPERTURE Parapetti provvisori e reti di protezioni LAVORARE SULLE COPERTURE Parapetti provvisori e reti di protezioni Dipartimento della Prevenzione U.F. P.I.S.LL. - T.d.P. FABIO NESTI Formazione per la sicurezza in Edilizia Definizioni (norma UNI 8088)

Dettagli

serrande tagliafuoco per valvole di ventilazione

serrande tagliafuoco per valvole di ventilazione Generalità Serrande tagliafuoco per valvole di ventilazione con diametro fino a 200mm. Conformi alla norma EN 15650, certificate EN 1366-2 fino al ø 200mm a seconda dell installazione prevista. Idonea

Dettagli

Scaricatori di condensa a galleggiante FT14 e FT14HC DN 1" HC, 1¼", 1½" e 2"

Scaricatori di condensa a galleggiante FT14 e FT14HC DN 1 HC, 1¼, 1½ e 2 Pagina 1 di 5 TI-S02-27 ST Ed. 8 IT - 2009 Scaricatori di condensa a galleggiante e HC HC 1" 1¼" -C 1½" e 2" Descrizione Gli scaricatori modello hanno corpo in ghisa (ghisa sferoidale per 1" HC e 1¼")

Dettagli

IMPIANTI DI LUBRIFICAZIONE CENTRALIZZATA PER L'INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE. Soluzioni per:

IMPIANTI DI LUBRIFICAZIONE CENTRALIZZATA PER L'INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE. Soluzioni per: IMPIANTI DI LUBRIFICAZIONE CENTRALIZZATA PER L'INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE per una maggiore produttività Soluzioni per: Convogliatrici Riempitrici contenitori di vetro Etichettatrici Macchine

Dettagli

QUADRI IN VETRORESINA

QUADRI IN VETRORESINA QUADRI IP65 CIECHI 7 dimensioni Halogen free Telaio componibile e regolabile in profondità Guide DIN regolabili in altezza Pannelli removibili Elevata robustezza Design di elevato livello estetico Fissaggi

Dettagli

Valvole termostatiche

Valvole termostatiche Valvole termostatiche EN215 N 65 Funzione Tra i dispositivi per la regolazione automatica della temperatura ambiente nei singoli vani, la testa termostatica con sensore a liquido è un sistema affidabile,

Dettagli

ISOL-CAR92 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI

ISOL-CAR92 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI 2 ISOL-CAR92 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI Caratteristiche e vantaggi La linea di contatto isolata ISOLCAR92 rappresenta

Dettagli

Maniglia adesiva costituita da 2 pezzi con dischi biadesivi inclusi con una mascherina in cartone per il loro posizionamento.

Maniglia adesiva costituita da 2 pezzi con dischi biadesivi inclusi con una mascherina in cartone per il loro posizionamento. Manuale d installazione porta base ALU SF (tutti i tipi e misure) Porta scorrevole esterna in vetro temperato di sicurezza certificato EN 12150, con accessori in alluminio ed inox e carrelli antirumore

Dettagli

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A IT 7390938/00 07/2012 Indicazioni per l impiego sicuro in zone potenzialmente esplosive Uso conforme Impiego in zone potenzialmente esplosive

Dettagli

Elenco e situazione delle norme CEI 81 aggiornato 2014

Elenco e situazione delle norme CEI 81 aggiornato 2014 Elenco e situazione delle norme CEI 81 aggiornato 2014 30.01.2013 / 8028_I_1 Normativa per la protezione da fulminazione IEC CLC CEI (2010 2013) IEC 62305 II a edizione 12-2010 CLC EN 62305-1, -3 e -4

Dettagli

Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione

Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione Novità normative per la prevenzione incendi il D.M. 20/12/12 Impianti di protezione attiva contro l incendio Geom. Luca

Dettagli

2.4.2 Trapano a colonna manuale D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12717:2003

2.4.2 Trapano a colonna manuale D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12717:2003 2.4.2 Trapano a colonna manuale D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12717:2003 PERICOLO PROTEZIONE Macchina utensile per forare il metallo a freddo utilizzando un utensile da taglio rotante.

Dettagli

Marcatura CE Cancelli 22 Ottobre 2016

Marcatura CE Cancelli 22 Ottobre 2016 22 Ottobre 2016 SB studio www.essebistudio.com www.marcatura-ce-cancelli.it SB studio di Bertolo Sergio via Giorgione, 2/a 31023 Resana TV CPR 305/2011/CE CPR 305/2011/CE (dal 1 Luglio 2013) - Regolamento

Dettagli

Il quadro normativo. per la tutela dal rischio rumore

Il quadro normativo. per la tutela dal rischio rumore Il quadro normativo per la tutela dal rischio rumore Il quadro normativo per la tutela del rischio rumore dba Modena 6-7 ottobre 2010 Giuseppe Elia Giuseppe Elia Modulo Uno S.p.A., Torino giuseppeelia@eurofins.com

Dettagli

4.11 CONTROLLO DELLE APPARECCHIATURE

4.11 CONTROLLO DELLE APPARECCHIATURE Unione Industriale 61 di 94 4.11 CONTROLLO DELLE APPARECCHIATURE PER PROVA, MISURAZIONE E COLLAUDO 4.11.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con cui devono essere gestite le apparecchiature di controllo,

Dettagli

Progettazione e Sviluppo Prodotti SCHEDA DATI TECNICI

Progettazione e Sviluppo Prodotti SCHEDA DATI TECNICI Pagina 1 di 13 Pagina 2 di 13 INDICE 1 Generalità... 3 1.1 Descrizione generale... 3 1.2 Documenti di riferimento... 3 1.3 Campo di applicazione... 3 2 Prescrizioni costruttive... 4 2.1 Composizione sistema

Dettagli

IN ARANCIO (di rilievo) IN verde (entrate in vigore a gennaio) Norme Armonizzate Direttiva macchine Febbraio 2015: Le novità

IN ARANCIO (di rilievo) IN verde (entrate in vigore a gennaio) Norme Armonizzate Direttiva macchine Febbraio 2015: Le novità IN ARANCIO (di rilievo) IN verde (entrate in vigore a gennaio) 1 NORMA PRIMA PUBBLICAZIONE DATA CESSAZIONE PRESUNZIONE DI CONFORMITÀ NORMA SOSTITUITA EN ISO 11200:2014 Acustica Rumore emesso dalle macchine

Dettagli

RIPARTITORE DI CALORE MONITOR 100RE

RIPARTITORE DI CALORE MONITOR 100RE RIPARTITORE DI CALORE MONITOR 100RE COD. 710025 MANUALE D INSTALLAZIONE Copyright Caleffi S.p.a. NOTE LEGALI Il contenuto del presente documento, né parte di esso, potrà essere riprodotto, trasferito,

Dettagli