ORACLE PARTITIONING 11G

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORACLE PARTITIONING 11G"

Transcript

1 ORACLE PARTITIONING 11G Oracle Database e la Business Intelligence: Oracle Partitioning 11g Pagina 1 di 8

2 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Prerequisiti... 3 Criteri di partizionamento... 3 Gestione delle partizioni... 4 Subpartitioning... 4 New Features 11g... 5 Interval Partitioning... 5 Extended Composite Partitioning... 6 Reference Partitioning... 6 System Partitioning:... 7 System-Managed Domain Indexes:... 7 Conclusioni... 8 Pagina 2 di 8

3 Introduzione Oracle Partitioning è una opzione implementata già in Oracle8, con la funzione di gestire volumi importanti di dati, garantendo performance ottimali. Lo scopo primario del Partitioning era di aumentare la disponibilità del dato, semplificandone la gestione. Il risultato implicito che si è ottenuto da tale introduzione è stato un ragguardevole miglioramento delle prestazioni del motore. Tabelle contenenti milioni di righe presentano dei problemi tangibili di estrazione dei dati: concettualmente il Partizionamento le suddivide in unità più maneggevoli, di identica struttura, consentendo al Cost Based Optimizer(CBO), l algoritmo di ricerca del percorso d accesso ai dati ottimale, di isolarne la porzione voluta (concetto di Pruning) e lavorare solo su questa. La filosofia del Partitioning si contrappone alla logica usata in precedenza, che consisteva nell avere delle tabelle identiche con subset di dati separati, il cui accesso in lettura era realizzato utilizzando delle viste definite come union tra diverse tabelle. L evoluzione costituita dal partizionamento consente di escludere l utilizzo delle viste per questo scopo, non sempre ottimali. Un ulteriore vantaggio del partizionamento è dato dal fatto che le porzioni di tabella possono essere dislocate in tablespace diversi, eventualmente su volumi fisici distinti, migliorando quindi anche i tempi di latenza spesi durante tutte le operazioni di I/O derivanti dalla scansione di grandi moli di dati. Una volta che si decide di intraprendere la strada del partizionamento dei dati, è il caso di analizzare con cura la struttura della tabella e la distribuzione dei dati, facendo sempre attenzione alla logica applicativa che si vuole garantire. Il partizionamento è tanto più sensato quanto più le partizioni avranno dimensioni omogenee. Inoltre ha senso isolare le chiavi di accesso più frequenti. Prerequisiti Il partitioning è una option di Oracle acquistabile a parte, installabile solo su versioni Enterprise Edition dalla 8 alla 11g, indipendentemente dalle piattaforme di sistema operativo. Criteri di partizionamento Oracle fornisce una gamma abbastanza varia di criteri di partizionamento, proprio per rispondere a diverse necessità: Range: è indubbiamente il criterio più diffuso, consente di separare i dati sulla base dei valori di una chiave; per esempio per data. Pagina 3 di 8

4 List: Le partizioni sono specificate usando una lista di valori specifici (per esempio i nomi delle regioni). Hash: Viene usato un algoritmo di frammentazione con chiave hash per definire in quale partizione sarà allocata ciascuna riga. Basta definire il numero delle partizioni. Gestione delle partizioni L uso del partizionamento, oltre all accesso ai dati, semplifica la gestione delle tabelle. Le partizioni si possono aggiungere, eliminare, fondere o separare, rinominare. Inoltre è possibile riorganizzare porzioni di tabella, grazie al fatto che è possibile partizionare anche gli indici, e ridurre le attività di manutenzione ad attività locali. Nel dettaglio: Add partition: aggiunge una nuova partizione vuota alla tabella. Drop Partition: rimuove una partizione da una tabella partizionata per range o per list. Truncate Partition: svuota una partizione, è equivalente al truncate table. Move Partition: cambia gli attributi fisici di una partizione, equivalentemente al move table. Split Partition: divide una partizione in due partizioni, ridefinendone il range. Merge Partition: fonde due partizioni in una. Exchange Partition: scambia i contenuti di una partizione con quelli di una tabella. Coalesce Partition: riduce il numero di partizioni hash. Subpartitioning Oracle fornisce uno schema di partizionamento a due livelli, detto partizionamento composto o sottopartizionamento. La struttura delle sottopartizioni viene propagata in modo uniforme a tutte le partizioni. Pagina 4 di 8

5 Esempio di partizionamento Range-Hash New Features 11g Nelle precedenti versioni erano possibili due soluzioni si subpartition: Range-Hash: Ogni partizione, definita per range, è frammentata ulteriormente in sottopartizioni con l algoritmo hash. Unisce i vantaggi del partizionamento per range con quello della suddivisione uniforme del partizionamento hash. Range-List: Le partizioni, individuate da un range di valori, sono frammentate per list. Poiché la definizione delle sottopartizioni è ripetitiva, esiste una clausola subpartition template che si può usare proprio sfruttando il vantaggio dell ereditarietà delle proprietà delle sottopartizioni. Oracle 11g presenta una serie di innovazioni interessanti nel campo del partizionamento. Ai criteri di partizionamento noti si aggiungono: Interval Partitioning Extended Composite Partitioning Reference Partiytioning System Partitioning System-Managed Domain Index Partitioning. Interval Partitioning E una integrazione del range partitioning. Aggiungendo la keyword interval nello statement della tabella, si attiva una sorta di gestione automatica delle partizioni. Esempio: create table Vendite ( articolo_id number not null, cliente_id number not null, data_vendita date not null, quantita number(3) not null, Prezzo_unitario number(10,2)not null, Prezzo_totale number(10,2) not null, Sconto_totale number(10,2) not null) partition by range (data_vendita) interval (numtoyminterval(1,'month')) ( partition p_prima_1_jan_2010 values less than (to_date(' ','dd-mm-yyyy'))); La prima partizione creata è quella relativa a dicembre La partizione più alta è detta Transition Point. Nell esempio l intervallo scelto è di 1 mese. Una volta definito il criterio di partizionamento, Oracle crea le nuove partizioni man mano che servono, in modo autonomo. Se inserissi dei dati Insert into Vendite values (1,100,to_date(' ','mm-ddyyyy'),100,10.00, ,0); Pagina 5 di 8

6 commit; avrei: PARTITION_NAME HIGH_VALUE P_PRIMA_1_JAN_2010 TO_DATE(' :00:00', 'SYYYY-M M-DD HH24:MI:SS', 'NLS_CALENDAR=GREGORIA SYS_P41 TO_DATE(' :00:00', 'SYYYY-M M-DD HH24:MI:SS', 'NLS_CALENDAR=GREGORIA NB: la creazione della partizione avviene comunque, anche se alla fine facessi il rollback della transazione. Per definire gli intervalli si usa la funzione numtoyminterval, ma si può usare anche numtodsinterval per raffinare la frammentazione a livello di giorni, ore e persino secondi. Bisogna tenere conto delle seguenti limitazioni: Una tabella partizionata ad intervalli può avere una sola chiave di partizionamento e deve essere NUMBER o DATE. Le IOT non sono supportate. Non si possono creare Domain Index su tabelle partizionate a intervallo. Non sono è supportato il sub-partitioning, ma lo si può sostituire con il partizionamento composto. Non si usa più la clausola maxvalue, e la chiave di partizionamento non può avere valore Null. Come per gli altri criteri di partizionamento è possibile eseguire le solite operazioni di manutenzione: add, drop, merge, split e rename. E possibile modificare un range partitioning in interval partitioning: alter table vendite set interval (numtoyminterval(1,'month')); NB: Alle viste di sistema dba_part_tables è stata aggiunto il campo interval. Extended Composite Partitioning Le integrazioni effettuate sul subpartitioning sono le seguenti: Range- range: partizionamento per range, e ogni partizione è sottopartizionata per range. List- range: Partizionamento per List e, e ogni partizione è sottopartizionata per range. List-hash: Partizionamento per List e, e ogni partizione è sotto partizionata Hash. List-list: Partizionamento per List e, e ogni partizione è sottopartizionata per list. Reference Partitioning Consente di propagare la logica di partizionamento da una tabella padre ad una tabella figlio legata alla precedente da una foreign key. Prima si crea una tabella padre, si partiziona, si definisce la primary. In secondo luogo si crea una tabella figlio, si definisce la foreign key e si partiziona su quest ultima. Esempio: create table ordini ( customer_id number, order_id number not null, order_date date not null, order_mode varchar2(8), order_status varchar2(1)) partition by range (order_date) ( partition p_before_jan_2007 values less than (to_date('01-jan-2007','dd-mon-yyyy')), partition p_2007_jan values less than (to_date('01-feb-2007','dd-mon-yyyy'))) parallel; alter table ordini Pagina 6 di 8

7 add constraint ordini_pk primary key (order_id); create table articoli ( order_id number not null, product_id number not null, quantity number not null, sales_amount number not null, constraint articoli_fk foreign key (order_id) references ordini(order_id) ) partition by reference (articoli_fk) parallel; In questo modo il partizionamento su order_id viene propagato alla tabella figlio, e tutte le operazioni di manutenzione vanno effettuate solo sulla tabella padre. Non è supportato l interval partitioning. Alla dba_part_tables è aggiunta una ulteriore colonna: select table_name, partitioning_type, ref_ptn_constraint_name from user_part_tables where table_name in ('ORDINI','ARTICOLI'); TABLE_NAME PARTITION REF_PTN_CONSTRAINT_NAME ORDINI RANGE ARTICOLI REFERENCE ARTICOLI_FK E le partizioni create nella tabella figlio non indicano nessun range: TABLE_NAME PARTITION_NAME HIGH_VALUE ORDINI P_BEFORE_JAN_2007 TO_DATE(' ARTICOLI P_BEFORE_JAN_2007 System Partitioning: Fornisce la possibilità di creare una tabella composta da numerose partizioni fisiche, senza specificare la chiave di partizionamento: CREATE TABLE Test (col1 integer, col2 integer) PARTITION BY SYSTEM( PARTITION s1 TABLESPACE tbs_s1, PARTITION s2 TABLESPACE tbs_s2, PARTITION s3 TABLESPACE tbs_s3, PARTITION s4 TABLESPACE tbs_s4); Per poter inserire dei dati, è necessario specificare la partizione: INSERT INTO TestTable PARTITION (s1) VALUES (4,5); Mentre non occorre cambiare la sintassi per update e delete. System-Managed Domain Indexes: A partire da Oracle 11g è possibile partizionare i domain index, che diventeranno local domain index. Segue la sintassi: Alter table ORDINI add (comments varchar2(300) ); create index ORDINI_IDX on ORDINI (comments) indextype is ctxsys.context local (partition tbs_s1, partition tbs_s2); Quindi, come un qualsiasi indice, anche il domain index può essere partizionato seguendo il criterio della tabella di origine. Il pruning di un indice domain dà risultati significativi nelle query contenenti la clausola LIKE. Pagina 7 di 8

8 Conclusioni Oracle 11g propone il partizionamento come una delle più significative innovazioni nel campo della Business Intelligence, affermandosi come un valido strumento per la gestioni di volumi sempre più importanti di dati. E interessante menzionare le altre New Features della 11g per il BI: Colonne Virtuali, Data Pump delle singole partizioni, e aggiunta della opzione partition_options con i valori None, Departition e Merge. Una gesitone più completa delle Materialized Views, con la possibilità di gestire meglio il logging e lo stato durante le refresh. La Clausola di Pivot, usata per normalizzare i valori in una tabella, e di Unpivot. Table Compression anche nelle attività OLTP. Molte delle new features menzionate, in realtà, sono solo una semplificazione di Feature già presenti a partire dalla 10g. Pagina 8 di 8

Partizionamento di tabelle ed indici in. Introduzione al partizionamento Metodi di partizionamento Partizionamento di indici Performance

Partizionamento di tabelle ed indici in. Introduzione al partizionamento Metodi di partizionamento Partizionamento di indici Performance Partizionamento di tabelle ed indici in Introduzione al partizionamento Metodi di partizionamento Partizionamento di indici Performance Introduzione al partizionamento Definizione di partizionamento Caratteristiche

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 2 Raffaella Gentilini 1 / 45 Sommario 1 Il DDL di SQL: Cancellazione ed Aggiornamento di una BD Cancellazione di Schemi, Tabelle, e Domini Aggiornamento di Tabelle

Dettagli

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL Basi di dati Il Linguaggio SQL Data Definition Language (DDL) Data Definition Language: insieme di istruzioni utilizzate per modificare la struttura della base di dati Ne fanno parte le istruzioni di inserimento,

Dettagli

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione SQL DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione! Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL):! Crea/distrugge/modifica relazioni

Dettagli

Implementazione in Oracle di un semplice progetto

Implementazione in Oracle di un semplice progetto Oracle e SQL Implementazione in Oracle di un semplice progetto Operazioni preliminari La versione del DBMS Oracle a cui si farà riferimento di qui in seguito è la 10g Express Edition, liberamente scaricabile

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT Il linguaggio SQL è un linguaggio standard per la definizione, manipolazione e interrogazione delle basi di dati relazionali ed ha le seguenti caratteristiche: è dichiarativo; opera su multiset di tuple,

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Storia. Corso di Basi di Dati Spaziali. Componente DDL. Funzionalità. Esempio. Creazione di schema. Linguaggi: SQL. Storia:

Storia. Corso di Basi di Dati Spaziali. Componente DDL. Funzionalità. Esempio. Creazione di schema. Linguaggi: SQL. Storia: Corso di Basi di Dati Spaziali Linguaggi: SQL Angelo Montanari Donatella Gubiani Storia Storia: 1974: prima proposta SEQUEL 1981: prime implementazioni 1983: standard di fatto 1986, 1989, 1992 e 1999:

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

SQL e ACCESS. Modello relazionale PROBLEMA ENTITA STUDENTE

SQL e ACCESS. Modello relazionale PROBLEMA ENTITA STUDENTE SQL e ACCESS Prof. Salvatore Multazzu (salvatoremultazzu@tiscali.it) Applicazioni Informatiche nella comunicazione Modello relazionale Entità Record o Ennuple Attributi o Campi Tipi Chiavi Primarie (PK)

Dettagli

Definizione di domini

Definizione di domini Definizione di domini Come nei linguaggi ad alto livello (es. C) è possibile definire nuovi domini (tipi di dati) a partire da quelli predefiniti, anche se il costruttore è più limitato. create domain

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

Documentazione SQL. Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema}

Documentazione SQL. Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema} Documentazione SQL Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema} Definizione tabella Definizione dominio Specifica di valori

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

MySQL Adoption. Esperienze in ambienti mission-critical. Emilio Scalise, Senior System Engineer, Babel MySQL Tech Tour 18/02/2014

MySQL Adoption. Esperienze in ambienti mission-critical. Emilio Scalise, Senior System Engineer, Babel MySQL Tech Tour 18/02/2014 MySQL Adoption Esperienze in ambienti mission-critical Emilio Scalise, Senior System Engineer, Babel MySQL Tech Tour 18/02/2014 Babel una business unit di Par-Tec S.p.A. - P.zza S. Benedetto da Norcia

Dettagli

SQL Sintassi Dei Comandi

SQL Sintassi Dei Comandi SQL Sintassi Dei Comandi Di Roberto Aloi http://prof3ta.homeunix.org prof3ta@email.it Questo fascicolo è stato realizzato esclusivamente a fini divulgativi e per la libera consultazione. E' concessa la

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------- APPUNTI DI SQL Gli appunti qui forniti vogliono essere un riferimento scritto di alcuni degli argomenti trattati a lezione per gli studenti a cui vengono messi a disposizione. Non viene fornita alcuna

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Esercitazione: Il DBMS MySQL

Esercitazione: Il DBMS MySQL Laurea in Ingegneria Informatica SAPIENZA Università di Roma Insegnamento di Basi di Dati Esercitazione: Il DBMS MySQL Marco Console Aspetti Organizzativi Marco Console Sito: www.dis.uniroma1.it/~console

Dettagli

2104 volume III Programmazione

2104 volume III Programmazione 2103 SQLite Capitolo 77 77.1 Utilizzo generale................................. 2104 77.1.1 Utilizzo di sqlite3».......................... 2104 77.1.2 Copie di sicurezza............................ 2106

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base Sistemi di Elaborazione delle Informazioni DB ed SQL Prof. Silvio Vassallo Modello Relazionale Il modello relazionale si basa sul concetto di RELAZIONE tra insiemi di oggetti. Dati n insiemi A 1,A 2, A

Dettagli

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov.

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Appunti di MySql Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Indice generale avviare la shell mysql...2 comandi SQL per la gestione del database (DDL)...2 visualizzare l'elenco

Dettagli

Data warehouse in Oracle

Data warehouse in Oracle Data warehouse in Oracle Viste materializzate ed estensioni al linguaggio i SQL per l analisi li i dei dati presenti nei data warehouse Estensioni al linguaggio SQL per l analisi dei dati presenti nei

Dettagli

Introduzione al linguaggio SQL

Introduzione al linguaggio SQL Introduzione al linguaggio SQL Structured Query Language (Linguaggio Strutturato di Interrogazione di Database) prof. Cleto Azzani IPSIA MORETTO BRESCIA (2004) Che cos è un Data Base (Base di dati) Insieme

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

SQL: Concetti Base -Prima Parte-

SQL: Concetti Base -Prima Parte- SQL: Concetti Base -Prima Parte- Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi Di Dati: Modelli e Linguaggi di Interrogazione, McGraw-Hill Italia Capitolo 4 SQL Structured Query Language Contiene: DDL (Data Definition

Dettagli

Università degli studi di Urbino C.d.L : Informatica Applicata Anno Accademico : 2007/2008. .: FastResearch :. Gestionale per Negozio Informatico

Università degli studi di Urbino C.d.L : Informatica Applicata Anno Accademico : 2007/2008. .: FastResearch :. Gestionale per Negozio Informatico Università degli studi di Urbino C.d.L : Informatica Applicata Anno Accademico : 2007/2008.: FastResearch :. Gestionale per Negozio Informatico..: Realizzato da Giorgio Rosolia Mat. 205993 :.. Corso: Basi

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento : 29/03/2014 SQL : Structured Query Language

Dettagli

DUE GRUPPI DI COMANDI

DUE GRUPPI DI COMANDI LEZIONE16 SQL DDL PAG. 1 / 9 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE16 SQL DDL LINGUAGGIO SQL DATA DESCRIPTION LANGUAGE DUE GRUPPI DI COMANDI I comandi del linguaggio SQL sono divisi in due grandi gruppi che formano

Dettagli

DBMS. DataBase Management System. L. Vigliano

DBMS. DataBase Management System. L. Vigliano DBMS DataBase Management System DBMS Un DataBase Management System è un sistema di gestione il cui obiettivo generale è mantenere le informazioni (ovvero qualsiasi cosa sia ritenuta interessante da un

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm dott.ssa Francesca A. Lisi francesca.lisi@uniba.it

Dettagli

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici Il linguaggio SQL Il linguaggio SQL il linguaggio SQL è un linguaggio per la definizione e la manipolazione dei dati, sviluppato originariamente presso il laboratorio IBM a San Jose (California) è diventato

Dettagli

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL I tipi di dato in SQL:1999 si suddividono in tipi predefiniti tipi strutturati tipi user-defined ci concentreremo sui tipi predefiniti i tipi predefiniti sono suddivisi

Dettagli

SQL. Storia e standard

SQL. Storia e standard SQL Lorenzo Sarti 2009 Basi di Dati 1 Storia e standard Lorenzo Sarti 2009 Basi di Dati 2 SQL-2 È ricco e complesso e nessun sistema commerciale lo implementa in maniera completa Sono definiti 3 livelli

Dettagli

Impararlo è molto semplice, esistono manuali, o meglio mattoni, su SQL, ma qui verranno illustrati tutti i comandi più utilizzati... e utili.

Impararlo è molto semplice, esistono manuali, o meglio mattoni, su SQL, ma qui verranno illustrati tutti i comandi più utilizzati... e utili. Sql è un linguaggio standard che permette di operare con i database. Per database intendo uno qualsiasi e non il solito Access, ma anche Oracle, Microsoft SQL Server, Informix, DB2, Sybase... Sql sta per

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca

Basi di Dati prof. Letizia Tanca Basi di Dati prof. Letizia Tanca (lucidi tratti dal libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone) AA 2003-04 Linguaggi di interrogazione commerciali per il Modello Relazionale dei Dati: SQL - il DDL Domini I domini

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Structured Query Language

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Structured Query Language Basi di Dati e Sistemi Informativi Structured Query Language Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale SQL come DDL e DML SQL non è solo un linguaggio di interrogazione Linguaggio

Dettagli

SQL. Alcune note sulla definizione dei dati

SQL. Alcune note sulla definizione dei dati SQL Alcune note sulla definizione dei dati Domini Domini elementari (predefiniti) Domini definiti dall'utente (riutilizzabili, possono servire per specificare vincoli di dominio propri di una certa applicazione)

Dettagli

Capitolo 2. Modifiche all architettura di Oracle9i

Capitolo 2. Modifiche all architettura di Oracle9i Capitolo 2 Modifiche all architettura di Oracle9i 2.1 Modifiche alle tabelle organizzate a indice 2.2 Scansione a salto degli indici 2.3 Estrazione dei metadata degli oggetti 2.4 Operazioni sugli oggetti

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati Introduzione a SQL

Laboratorio di Basi di Dati Introduzione a SQL Laboratorio di Basi di Dati Introduzione a SQL Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it evoluzione e standards 1970 - E.F. Codd, A Relational Model of Data for Large Shared Data

Dettagli

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL))

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI 1 SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica

Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica Istituto di Istruzione Superiore Alessandrini - Marino 1 Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica Descrizione Un azienda commerciale che vende prodotti IT (computers,

Dettagli

The world s most advanced class on PostgreSQL o quasi! 4 Marzo 8 Aprile 2015. L'Antipasto 11 Marzo

The world s most advanced class on PostgreSQL o quasi! 4 Marzo 8 Aprile 2015. L'Antipasto 11 Marzo The world s most advanced class on PostgreSQL o quasi! 4 Marzo 8 Aprile 2015 L'Antipasto 11 Marzo Riepilogo della puntata precedente ##################### Avviamo la macchina virtuale #####################

Dettagli

SQL Manuale introduttivo

SQL Manuale introduttivo SQL Manuale introduttivo SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 TIPI DI DATI... 3 STRINGHE DI CARATTERI... 3 NUMERI... 3 DATA/ORA... 4 COSTANTI STRINGA... 4 COSTANTI NUMERICHE... 4 COSTANTI DATA/ORA... 5 NOTE SULLA

Dettagli

La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa

La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa Roma, 10 maggio 2006 Alfredo Valenza Principal Sales Consultant - Oracle Italia alfredo.valenza@oracle.com Cause di un disastro 3% 18% 18% 4% 14% 4%

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7 Il trattamento dei dati database: il linguaggio SQL seconda parte Prof. Valle D.ssa Folgieri Lez9 15.11.06 Trattamento dati. Database: il

Dettagli

Preparazione. Introduzione a MySQL: costruzione di una base di dati e gestione degli accessi. Accesso all area condivisa. Avvio Server MySQL

Preparazione. Introduzione a MySQL: costruzione di una base di dati e gestione degli accessi. Accesso all area condivisa. Avvio Server MySQL Introduzione a MySQL: costruzione di una base di dati e gestione degli accessi Stefania Marrara Elisa Quintarelli Lezione 1 2 ore a.a 2004/05 Preparazione Accesso all area condivisa Start -> Programs ->MySQL

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date;

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date; CREAZIONE STRUTTURA DI UNA TABELLA by Marinsalta Fausto CREATE TABLE Personale Matricola char(5), Cognome char(30), Nome char(20), Codfis char(16) not null, Assunzione date, Filiale smallint, Funzione

Dettagli

Basi di Dati Uso di informazioni statistiche e partizionamento delle tabelle per incrementare le performances in PostgreSQL

Basi di Dati Uso di informazioni statistiche e partizionamento delle tabelle per incrementare le performances in PostgreSQL Basi di Dati Uso di informazioni statistiche e partizionamento delle tabelle per incrementare le performances in PostgreSQL di Matteo Bertini Email: matteo@naufraghi.net Web: http://www.slug.it/naufraghi/

Dettagli

Basi di dati. SQL: Amministrazione e Viste. Prof.ssa Rosalba Giugno Dott. Aurelio Giudice

Basi di dati. SQL: Amministrazione e Viste. Prof.ssa Rosalba Giugno Dott. Aurelio Giudice Basi di dati SQL: Amministrazione e Viste Prof.ssa Rosalba Giugno Dott. Aurelio Giudice SQL per definire ed amministrare Ad ogni utente tipicamente viene associata una base di dati, creata dall amministratore

Dettagli

Linguaggio SQL: fondamenti D B M G. Gestione delle tabelle

Linguaggio SQL: fondamenti D B M G. Gestione delle tabelle Linguaggio SQL: fondamenti Creazione di una tabella Modifica della struttura di una tabella Cancellazione di una tabella Dizionario dei dati Integrità dei dati 2 2007 Politecnico di Torino 1 Creazione

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Il linguaggio SQL: le basi Versione elettronica: SQLa-basi.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) è il linguaggio standard de facto per DBMS relazionali, che riunisce in sé funzionalità

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

User Tools: DataBase Manager

User Tools: DataBase Manager Spazio di lavoro Per usare T-SQL Assistant selezionare il link Simple Query e spostare a piacere la piccola finestra dove un menu a tendina mostra i diversi comandi SQL selezionabili, il pulsante Preview

Dettagli

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL:

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: SQL Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: Creazione delle tabelle Interrogazione della base di dati

Dettagli

DBMS ORACLE 9i I componenti del Database Server Oracle : Strutture di memoria Processi File fisici Directory principali: c:\oracle\admin\\pfile c:\oracle\ora92\database

Dettagli

MANUALE ESSENZIALE MYSQL

MANUALE ESSENZIALE MYSQL Autore: Classe: Luciano Viviani TERZA INFORMATICA SERALE (3IS) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo MANUALE ESSENZIALE MYSQL Manuale La dispensa vuole fornire agli studenti delle classi quinte

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 1 Raffaella Gentilini 1 / 67 Sommario 1 Introduzine al Linguaggio SQL Concetti Preliminari 2 3 2 / 67 Concetti Preliminari Il linguaggio SQL SQL Acronimo per

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Le QUERY 2 Che cos è una Query? Una Query rappresenta uno strumento per interrogare un database.

Dettagli

Il linguaggio SQL: DDL di base

Il linguaggio SQL: DDL di base Il linguaggio SQL: DDL di base Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.1.SQL.DDLbase.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) èil linguaggio standard de facto per DBMS relazionali,

Dettagli

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Giuseppe Berio Giuseppe Berio DI - Unito 1 Esempio La transazione deve registrare l evasione di un ordine, rappresentato su più tabelle specializzate

Dettagli

Linguaggio SQL Descriviamo la notazione usata nel seguito:

Linguaggio SQL Descriviamo la notazione usata nel seguito: Descriviamo la notazione usata nel seguito: i termini del linguaggio sono sottolineati; i termini variabili sono scritti in corsivo; le parentesi angolari (< >)permettono di isolare un termine della sintassi;

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

Giovanna Rosone 04/03/2010. 04/03/2010 SQL, Istruzioni per la modifica dello schema

Giovanna Rosone 04/03/2010. 04/03/2010 SQL, Istruzioni per la modifica dello schema Giovanna Rosone 04/03/2010 04/03/2010 SQL, Istruzioni per la modifica dello schema 1 Riepilogo Impiegato Pagamenti Nome colonna PAG_COD PAG_MATR Tipo dati CHAR(6) CHAR(6) Nome colonna Tipo dati PAG_STIPENDIO

Dettagli

Linux Day 2014 - Montebelluna. Linux Day 2014 - MontelLUG

Linux Day 2014 - Montebelluna. Linux Day 2014 - MontelLUG In Tour con gli Elefanti Linux Day - Montebelluna Linux Day - MontelLUG Prima di partire... Denis Gasparin Senior DBA and Web Developer Sviluppo di soluzioni software basate su PostgreSQL Analista e Database

Dettagli

Soluzione DDL ed Algebra Relazionale

Soluzione DDL ed Algebra Relazionale Soluzione DDL ed Algebra Relazionale Banca del Tempo a Istruzioni DDL (realizzate con Toad Data Modeler -- CREATE TABLES SECTION ------------------------------------------------- -- Table Zona CREATE TABLE

Dettagli

SOLUZIONI COMMENTATE

SOLUZIONI COMMENTATE Nel database Biblioteca vi sono le seguenti tabelle: SOLUZIONI COMMENTATE Utenti := < id, nome, cognome, indirizzo,città, tel_fisso,cellulare > Prestiti := < id, id_libro, id_utente, data_ora_prestito,

Dettagli

Definizione e manipolazione dei dati in SQL

Definizione e manipolazione dei dati in SQL Definizione e manipolazione dei dati in SQL Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 19 novembre 2013 Nota bene: nel presente documento, con il termine macchina virtuale,

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA L ARCHITETTURA DEI DATABASE 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA L ARCHITETTURA DEI DATABASE 1 Indice Introduzione XI PARTE PRIMA L ARCHITETTURA DEI DATABASE 1 Capitolo 1 Introduzione all architettura di Oracle 3 1.1 I database e le istanze 3 1.2 Installazione del software 9 1.3 Creazione di un

Dettagli

Oracle 9i oracle text

Oracle 9i oracle text Argomenti trattati: Oracle 9i oracle text Rappresentare documenti di testo in un DBMS testuale Gestione di testi in Oracle 9i Corso di Laboratorio di Basi di dati II Autori: Myriam Mapelli, Guido Valente

Dettagli

DBMS: MySQL CORSO DI BASI DI DATI 2014/2015

DBMS: MySQL CORSO DI BASI DI DATI 2014/2015 DBMS: MySQL CORSO DI BASI DI DATI 2014/2015 MySQL La pronuncia ufficiale è MY- S- Q- L ma si può leggere anche MY- Sequel. MySQL è il secondo RDBMS più diffuso al mondo. OpenSource sono licenza GPL Scelto

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Progetto in Sql con database

Progetto in Sql con database Progetto in Sql con database Si ringrazia l autore: http://openskill.info/infobox.php?id=1040 Dispensa utilizzata dal prof Paolo Latella per la classe IV B e la VA Mercurio ITCG A. Bassi di Lodi Nei prossimi

Dettagli

Introduzione. Un database normale. Una query di tipo spaziale. Utilizzo dei dati spaziali di Oracle

Introduzione. Un database normale. Una query di tipo spaziale. Utilizzo dei dati spaziali di Oracle Introduzione Utilizzo dei dati spaziali di Oracle Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Adesso che abbiamo un insieme interessante di dati, proviamo a fare qualche interrogazione. Per far questo

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

LINGUAGGIO SQL. Introduzione

LINGUAGGIO SQL. Introduzione LINGUAGGIO SQL Introduzione Il linguaggio SQL (Structured Query Language) è un linguaggio di tipo non procedurale o di tipo dichiarativo e rappresenta lo standard per l'interrogazione delle basi di dati

Dettagli

SQL. Structured Query Language 1974: SEQUEL by IBM 1981: SQL by IBM 1986 1992: SQL ISO 9075:1992 SQL:1999 SQL:2003

SQL. Structured Query Language 1974: SEQUEL by IBM 1981: SQL by IBM 1986 1992: SQL ISO 9075:1992 SQL:1999 SQL:2003 SQL Structured Query Language 1974: SEQUEL by IBM 1981: SQL by IBM 1986 1992: SQL ISO 9075:1992 SQL:1999 SQL:2003 SQL Il linguaggio SQL è stato originariamente dichiarativo, diventando nel tempo sempre

Dettagli

Lezione del modulo 7 SQL e database del giorno 04/05/2006 tot. ore 3. Lo Standard SQL

Lezione del modulo 7 SQL e database del giorno 04/05/2006 tot. ore 3. Lo Standard SQL Lezione del modulo 7 SQL e database del giorno 04/05/2006 tot. ore 3 Lo Standard SQL Il linguaggio SQL è un linguaggio non procedurale (o di tipo dichiarativo), divenuto, ormai da tempo, il linguaggio

Dettagli

MAX, SUM, AVG, COUNT)

MAX, SUM, AVG, COUNT) INTRODUZIONE A SQL Definizione di tabelle e domini Alcuni vincoli di integrità Struttura base SELECT FROM WHERE Funzioni di aggregazione (MIN, MAX, SUM, AVG, COUNT) Query da più tabelle (FROM R1, Rk) Join

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System http://www.mysql.com/ DATABASE RELAZIONALI Un database è una collezione strutturata di informazioni. I database sono delle strutture nelle quali è possibile memorizzare

Dettagli

In collaborazione con: PowerPivot e DAX. Marco Pozzan. BI Analyst, 1NN0VA. info@marcopozzan.it www.marcopozzan.it

In collaborazione con: PowerPivot e DAX. Marco Pozzan. BI Analyst, 1NN0VA. info@marcopozzan.it www.marcopozzan.it In collaborazione con: PowerPivot e DAX Marco Pozzan BI Analyst, 1NN0VA info@marcopozzan.it www.marcopozzan.it PowerPivot e DAX Marco Pozzan BI Analyst, 1NN0VA info@marcopozzan.it www.marcopozzan.it Agenda:

Dettagli

Le risposte alle domande a fine capitolo

Le risposte alle domande a fine capitolo Appendice A Le risposte alle domande a fine capitolo Capitolo 1 ORACLE: LA SOCIETÀ E IL SOFTWARE 1. Oracle è stata fondata da Larry Ellison, Bob Miner e. D. Ed Oates 2. In quale anno Oracle ha fornito

Dettagli

Un introduzione. Sistemi Informativi LM d'agostino, Fornari, Leardini

Un introduzione. Sistemi Informativi LM d'agostino, Fornari, Leardini Un introduzione Sistemi Informativi LM d'agostino, Fornari, Leardini 1 L utilizzo di MySQL Sistemi Informativi LM d'agostino, Fornari, Leardini 2 L utilizzo di MySQL Sistemi Informativi LM d'agostino,

Dettagli

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER Caratteristiche generali del linguaggio SQL Il linguaggio SQL è il linguaggio usato per la gestione dei database relazionali, cioè dei database creati con un DBMS di tipo relazionale. Esso nacque nella

Dettagli

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE.

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE. Si consideri il seguente schema relazionale, relaivo ad una base di dati per gestire la programmazione cinematografica giornaliera in un certo insieme di cinema: CINEMA(CodC, Nome, Indirizzo, Tel, NSale)

Dettagli

Progetto fisico e tuning del DB. Tecnologie delle Basi di Dati M

Progetto fisico e tuning del DB. Tecnologie delle Basi di Dati M Progetto fisico e tuning del DB Tecnologie delle Basi di Dati M Progetto fisico e tuning La valutazione del progetto di un DB avviene tramite la misurazione delle prestazioni del DBMS rispetto alle interrogazioni

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli