resoconti dell esercizio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "resoconti dell esercizio 2014"

Transcript

1 resoconti dell esercizio 2014 Modena, 17 aprile / 18 aprile 2015 Ordine del giorno IN PARTE ORDINARIA 1) presentazione del progetto di dell esercizio 2014 e delle relative relazioni; presentazione del ; deliberazioni inerenti e conseguenti; 2) nomina, per il triennio , di sette Amministratori; 3) nomina, per il triennio , del Collegio Sindacale; 4) nomina, per il triennio , del Collegio dei Probiviri; 5) eventuale nomina in sostituzione, per il residuo del triennio , di Amministratore cessato; 6) proposta dell ammontare dei compensi da corrispondere agli Amministratori per l esercizio ; deliberazioni inerenti e conseguenti; 7) proposta dell ammontare dei compensi da corrispondere al Collegio Sindacale per il triennio 2015; deliberazioni inerenti e conseguenti; 8) presentazione della Relazione sulla remunerazione ex art. 123-ter del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, comprensiva delle politiche di remunerazione per l esercizio 2015 del Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna e della informativa annuale sull attuazione delle politiche di remunerazione nell esercizio 2014; deliberazioni inerenti e conseguenti; 9) proposta di piano di compensi, ex art. 114-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, in attuazione delle politiche di remunerazione per l esercizio 2015 del Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna; deliberazioni inerenti e conseguenti. IN PARTE STRAORDINARIA 1) proposta di modifica degli articoli 6, 24, 30, 32, 34, 37, 40, 41, 44, 45, 48 e 49 dello Statuto, nonché di abrogazione della vigente norma attuativa e transitoria e sua sostituzione con nuovo articolo 57; deliberazioni inerenti e conseguenti.

2 sommario 5 cariche sociali della Capogruppo alla data di approvazione del Bilancio 9 relazione degli Amministratori sulla gestione del Gruppo Bilancio dell esercizio stato patrimoniale 138 conto economico 139 prospetto della redditività consolidata complessiva 140 prospetto delle variazioni del patrimonio netto 141 rendiconto finanziario 143 nota integrativa consolidata Allegati 419 corrispettivi di revisione legale e dei servizi diversi dalla revisione 421 informativa al pubblico Stato per Stato al 31 dicembre 2014 Attestazioni e altre relazioni 425 attestazione del Bilancio ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento CONSOB n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 427 relazione della società di revisione ai sensi degli articoli 14 e 16 del D.Lgs. n.39 del 27 gennaio 2010 sul Bilancio

3 sommario 429 relazione degli Amministratori sulla gestione Bilancio dell esercizio stato patrimoniale 505 conto economico 506 prospetto della redditività complessiva 507 prospetto delle variazioni del patrimonio netto 508 rendiconto finanziario 511 nota integrativa Allegati 761 rendiconto finanziario del fondo di quiescenza del personale 762 prospetto delle rivalutazioni degli immobili di proprietà 781 prospetto dei possessi azionari rilevanti in società non quotate ai sensi dell art. 126 del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 784 corrispettivi di revisione legale e dei servizi diversi dalla revisione Attestazioni e altre relazioni 787 attestazione del Bilancio d esercizio ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 789 relazione della società di revisione ai sensi degli articoli 14 e 16 del D.Lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010 sul Bilancio d esercizio 791 relazione del Collegio sindacale Altri allegati 807 schemi di banche e società controllate 857 prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell ultimo approvato delle partecipate rilevanti 865 organizzazione territoriale del Gruppo 869 elenco dei principi contabili IAS/ IFRS omologati dalla Commissione Europea al 31 dicembre deliberazioni dell Assemblea dei Soci

4 Banca popolare dell Emilia Romagna Società cooperativa con sede legale in Modena Via San Carlo, 8/20 Tel. 059/ Fax 059/ Numero di Matricola Albo delle Banche 4932 Numero di Codice Meccanografico (codice ABI) Capogruppo del Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Iscrizione all Albo dei Gruppi con codice del 7 agosto Codice Fiscale, Partita Iva e Numero di iscrizione al Registro Imprese C.C.I.A.A. Modena n Capitale Sociale al 31/12/ ,00 Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Azioni ordinarie quotate sul Mercato Telematico Azionario (MTA)

5 Cariche sociali della Capogruppo alla data di approvazione del Bilancio 5 cariche sociali cariche sociali Consiglio di amministrazione Presidente: rag. Ettore Caselli Vice Presidenti: * dott. Alberto Marri * rag. Giosuè Boldrini * dott. Luigi Odorici Amministratore Delegato: * dott. Alessandro Vandelli Consiglieri: avv. Antonio Angelo Arru dott.ssa Mara Bernardini ing. Giulio Cicognani dott.ssa Cristina Crotti * ing. Pietro Ferrari prof.ssa Elisabetta Gualandri avv. Giovampaolo Lucifero prof. dott. Giuseppe Lusignani avv. Valeriana Maria Masperi cav. lav. Giuseppina Mengano avv. Daniela Petitto * rag. Deanna Rossi prof. Angelo Tantazzi I Consiglieri contrassegnati con un asterisco sono membri del Comitato esecutivo. Il 29 settembre 2014 è venuto a mancare il dott. Fioravante Montanari, componente del Consiglio di amministrazione di BPER e noto imprenditore bolognese. Nell esprimere profondo cordoglio per la prematura scomparsa, il Consiglio di amministrazione ne ricorda la professionalità, il prezioso contributo e supporto resi alla Banca in questi anni. Collegio sindacale Presidente: Sindaci effettivi: Sindaci supplenti: dott. Romano Conti dott. Carlo Baldi dott. Guglielmo Cacchioli dott. Fabrizio Corradini dott. Pier Paolo Ferrari dott. Luigi Fontana dott. Luigi Attilio Mazzocchi

6 6 cariche cariche sociali sociali Collegio dei probiviri Presidente: Effettivi: dott.ssa Miranda Corradi avv. Federico Ferrari Amorotti dott. Roberto Bernardi avv. Vittorio Rossi avv. Massimo Turchi Supplenti: Direzione generale avv. Pier Luigi Cerutti dott. Philip Bergamini Direttore generale: Vice Direttori generali: rag. Fabrizio Togni dott. Eugenio Garavini dott. Pierpio Cerfogli dott. Gian Enrico Venturini Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Dirigente preposto: rag. Emilio Annovi Società di revisione PricewaterhouseCoopers s.p.a.

7 Signori Soci, nel 2014 non si è interrotta la fase recessiva che ha provocato negli ultimi anni il deterioramento della redditività delle imprese. Le principali dinamiche economiche sono sostenute solo dai settori orientati all export, mentre la domanda interna resta debole, salvo alcuni segnali positivi riguardanti il settore dei mutui residenziali, e, le prospettive di lenta e graduale ripresa dell attività economica, che parevano delinearsi nei primi mesi dell anno, non hanno corrisposto alle aspettative. Il contesto congiunturale appare ancora difficile e condizionato da rilevanti fattori di incertezza, la debolezza della domanda per investimenti produttivi continua a limitare le possibilità di ripresa del credito e il sistema bancario, nonostante una positiva situazione sul fronte della liquidità, sconta forti pressioni sui ricavi. La qualità del credito, inoltre, condiziona ancora le prospettive di redditività del settore, seppur in misura minore rispetto al recente passato. Nonostante queste problematiche, l ultimo scorcio dell anno appena trascorso ha visto segnali di progresso sul fronte politico-istituzionale e novità strutturali importanti nell ambito dell Eurozona, che hanno riguardato direttamente il nostro Paese. Ci riferiamo, in particolare, al passaggio delle principali Banche italiane, tra cui BPER, sotto la Vigilanza diretta della Banca Centrale Europea, una storica novità che è operativa dal 4 novembre 2014 dopo la conclusione delle attività previste dal Comprehensive Assessment, e alle importanti decisioni di politica monetaria adottate dalla BCE per immettere liquidità nel sistema, allontanando i rischi incombenti di deflazione. Questi progressi proiettano sull immediato futuro la speranza di vedere consolidati i segnali di miglioramento, anche se permangono molte incognite. La nostra Banca è dunque ricompresa tra gli enti creditizi di maggior rilevanza su cui la Banca Centrale Europea ha assunto la responsabilità della Vigilanza diretta. È un passo importante verso una maggiore armonizzazione a livello europeo e rappresenta al tempo stesso il riconoscimento della significatività assunta dal nostro Istituto, anche nel panorama continentale, grazie alla realizzazione di un forte progetto strategico di crescita. Il passaggio sotto la Vigilanza diretta della Banca Centrale Europea è stato preceduto da un articolato e complesso processo di analisi condotta dalla BCE stessa in collaborazione con le Autorità Nazionali competenti degli Stati membri partecipanti al Meccanismo di Vigilanza Unico, durato circa dodici mesi. Tale processo, appunto il Comprehensive Assessment, si è basato su due pilastri fondamentali: un esame della qualità degli attivi di e un esame di stress per verificare la resistenza patrimoniale delle Banche in funzione di diversi scenari macroeconomici, anche di particolare severità. Ebbene, i risultati di questa valutazione approfondita, resi noti lo scorso 26 ottobre, sono stati per BPER molto soddisfacenti e attestano un ottimo livello di solidità patrimoniale. Il lusinghiero risultato ottenuto dimostra che BPER continua ad affrontare questa complessa fase storica con crescente senso di responsabilità, cosciente del ruolo da svolgere per il sostegno e lo sviluppo economico delle aree servite. Il carattere cooperativo che ci ispira si pone quale primo obiettivo la qualità del servizio al cliente, insieme con una gestione aziendale efficiente. Merita ricordare come il nostro personale, a tutti i livelli, abbia lavorato con grande intensità e spirito di squadra per rendere la vostra Banca sempre più efficiente e moderna, semplificando la struttura del Gruppo e cercando di massimizzare le sinergie di costi e ricavi. Concluse con successo nel 2013 le operazioni di incorporazione nella Capogruppo delle tre Banche dell Italia centrale, un impegno altrettanto importante è stato profuso nel 2014 per realizzare un ampio progetto di riorganizzazione interna. I tempi, ancora una volta, sono stati rispettati, con la fusione per incorporazione, avvenuta il 24 novembre 2014, di tre Banche controllate Banca Popolare del Mezzogiorno s.p.a., Banca della Campania s.p.a. e Banca Popolare di Ravenna s.p.a. che ha coinciso con l avvio del nuovo modello distributivo di BPER sulla penisola, imperniato su nove Direzioni Territoriali a loro volta suddivise in trenta Aree Territoriali, per un totale di circa n. 800 filiali. 7 cariche sociali

8 8 cariche sociali Gli obiettivi prioritari del Gruppo BPER sono il mantenimento di un adeguata solidità patrimoniale, il consolidamento della redditività bancaria tradizionale e il contenimento dei costi operativi. Crediamo di poter ribadire che le risorse e le energie profuse, volte a consegnarci un Istituto che si confermi tra le più importanti e migliori realtà bancarie del Paese, pongano solide basi per guidare il nostro Istituto nel percorso di uscita da una difficile fase economica e per cogliere le opportunità di ripresa che cominciano lentamente a delinearsi. La nostra Banca è solida patrimonialmente, si fa apprezzare in sede di comparazione con altre banche di analoghe dimensioni e prosegue in un percorso di efficientamento che riceverà ulteriore impulso dal nuovo Piano industriale triennale , alla cui realizzazione ha contribuito negli ultimi mesi l impegno condiviso e convinto di tutte le strutture dell Istituto. Ci sono quindi le premesse perché BPER possa proseguire anche per il futuro, con grandi soddisfazioni, in un percorso di crescita.

9 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE DEL GRUPPO Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna

10

11 Sommario 1. Il contesto di riferimento 1.1 Cenni sull'economia 1.2 La Finanza pubblica 1.3 Il mercato finanziario e i tassi 1.4 Il sistema bancario e i tassi interni 2. Dati di sintesi 11 relazione degli amministratori sulla gestione del gruppo sulla gestione del gruppo 2.1 Mappa del Gruppo al 31 dicembre Premessa 2.3 Indicatori di performance 2.4 Schemi sintetici 3. I fatti di rilievo e le operazioni strategiche 3.1 Aumento di Capitale sociale a pagamento della Capogruppo 3.2 Operazioni strategiche 3.3 Single Supervisory Mechanism - Comprehensive Assessment 3.4 Il Piano industriale di Gruppo Operazioni di finanza strutturata 3.6 Recupero credito deteriorato: cartolarizzazioni ed altre operazioni finanziarie 3.7 Altri fatti di rilievo 4. Quadro di sintesi delle attività ad indirizzo strategico 4.1 Il posizionamento di mercato del Gruppo 4.2 Le politiche commerciali 4.3 Le politiche creditizie 4.4 L'informatica e l'organizzazione 4.5 Le risorse umane di Gruppo 4.6 L'ambiente 5. L'area di consolidamento del Gruppo BPER 5.1 Composizione del Gruppo al 31 dicembre Variazioni nell'area di consolidamento 6. I risultati della gestione 6.1 Aggregati patrimoniali 6.2 I Fondi Propri e i ratios patrimoniali 6.3 Raccordo utile/patrimonio netto consolidati 6.4 Aggregati economici 6.5 I dipendenti del Gruppo 6.6 Organizzazione territoriale del Gruppo

12 7. Principali rischi ed incertezze 12 relazione degli degli amministratori sulla gestione amministratori del gruppo sulla gestione del gruppo 7.1 La gestione dei rischi 7.2 Comunicazione in merito alle esposizioni detenute dalle società quotate nei titoli di debito sovrano 7.3 Principali contenziosi ed azioni giudiziarie pendenti 8. Il Sistema dei controlli interni 8.1 Premessa 8.2 Governo dei rischi (RAF) 8.3 Processo di sviluppo del Sistema dei controlli interni 8.4 Livelli di controllo previsti dalla Vigilanza 8.5 Ruoli e compiti di controllo attribuiti alle funzioni del Gruppo Revisione interna Direzione rischi di Gruppo Antiriciclaggio Compliance 8.6 Controlli di linea 8.7 Altre funzioni di controllo 9. Altre informazioni 9.1 Azioni proprie in portafoglio 9.2 Rating al 31 dicembre Accertamenti ispettivi degli Organi di Vigilanza sulle Banche e Società del Gruppo 9.4 Informazioni sui rapporti infragruppo e con parti correlate 9.5 Informazioni su operazioni atipiche o inusuali, ovvero non ricorrenti 9.6 Politiche di remunerazione 9.7 Comunicazione CONSOB n /2015 in merito ai temi di maggior rilevanza delle relazioni finanziarie al 31 dicembre Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell'esercizio e prevedibile evoluzione della gestione 10.1 Fatti di rilievo avvenuti dopo il 31 dicembre Prevedibile evoluzione della gestione

13 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Cenni sull economia L espansione dell economia mondiale nel corso del 2014 è stata caratterizzata da un andamento altalenante, con un primo trimestre modesto, un accelerazione nei mesi estivi e un nuovo lieve rallentamento sul finire dell anno. La ripresa è avvenuta in maniera disomogenea e differenziata tra le diverse aree, con quelle emergenti in rallentamento nel tasso di crescita (rispetto al 2013) e quelle industrializzate che, grazie alla spinta propulsiva degli USA, hanno visto ridursi il gap rispetto ai Paesi in via di sviluppo. Attori primari delle sorti dei mercati finanziari e delle rispettive economie sono stati nuovamente le Banche Centrali. La differenziazione dello stato di salute tra le diverse aree ha comportato in alcuni paesi, USA su tutti, l avvio di un primo piano di rientro dalle misure eccezionali di politica monetaria ultra-espansiva mentre, in altri paesi, la necessità di proseguire sulla strada delle misure monetarie non convenzionali rafforzandole e affiancandole a riforme, per la verità non ancora incisive, per uscire dalla trappola del debito e della deflazione (Giappone ed Eurozona). relazione degli amministratori relazione degli sulla gestione amministratori del gruppo sulla gestione del gruppo Nello specifico nel 2014 il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3,3% a/a (proiezioni del FMI di gennaio 2015), in linea con il Parlando delle principali aree non si può non iniziare dagli Stati Uniti. Dopo un primo trimestre deludente (PIL reale trimestrale annualizzato in calo del 2,1%) a causa prevalentemente di condizioni meteorologiche particolarmente avverse inverno molto rigido che hanno bloccato i consumi e gli investimenti, l economia a stelle e strisce ha visto una progressiva accelerazione con livelli di PIL superiori al 4%. I miglioramenti nel mercato del lavoro, sia in termini di calo del tasso di disoccupazione, che di progressivo incremento della qualità dei dati, i rialzi degli indici di fiducia di imprese e famiglie che hanno sostenuto i consumi e gli investimenti e, infine, un mercato immobiliare in discreta salute, hanno consentito all economia locale di toccare nel terzo trimestre livelli di crescita che non si vedevano dal settembre 2003, nonostante la debolezza della domanda estera e la forza del Dollaro, che ha determinato un freno per le esportazioni. L inflazione ancora su livelli contenuti ha poi consentito alla Banca Centrale americana (Fed) di mantenere una politica monetaria supportiva. Se l economia americana sorride, non altrettanto si può dire di quella del Giappone. L Abenomics, il programma del premier Abe di sostegno all economia volto a farla uscire dalle sabbie mobili della deflazione, non pare aver dato finora i risultati sperati. Troppo poche le riforme strutturali implementate, troppo pochi gli investimenti aziendali e deludente l andamento dei salari. Ad affossare i consumi ha poi contribuito l aumento dell IVA dal 5% all 8% implementato ad aprile Il risultato è stato un PIL crollato del 6,7% nel secondo trimestre del 2014 e dell 1,9% nel terzo (dati trimestrali annualizzati). Il governo e la Banca Centrale giapponese sono corsi ai ripari con nuovi piani di stimolo fiscale e monetario ma, al di là dei risultati palpabili sui mercati finanziari (rialzo dell azionario e calo dello Yen) l incertezza sul fronte economico è destinata a permanere. Sui Paesi emergenti non è mancata la volatilità e soprattutto, a seguito del calo marcato del prezzo delle commodities (petrolio in primis), non sono mancate le forti differenziazioni di crescita tra le diverse aree geografiche. In palpabile difficoltà soprattutto la Russia (anche per le note tensioni geopolitiche con l Ucraina a cui sono seguite numerose sanzioni bilaterali) che ha visto chiudere il 2014 con un PIL reale praticamente invariato e che entra nel 2015 con stime di un calo del Prodotto Interno Lordo. Il calo delle materie prime e del greggio in primis ha pesato anche sui Paesi

14 14 relazione degli amministratori sulla gestione del gruppo sulla gestione del gruppo del Sud America (Venezuela, Colombia e Brasile) oltre che su alcuni paesi africani (soprattutto la Nigeria). La Cina continua ad essere alle prese con un un importante e pluriennale processo di ristrutturazione dei motori della crescita (dagli investimenti pubblici e le esportazioni ai consumi interni) che, per essere maggiormente sostenibile, richiede un riequilibrio. Questo si è riflesso in un calo del tasso di crescita sceso al 7,3% nel terzo trimestre 2014, un valore invidiabile per qualsiasi paese industrializzato ma il più basso, per la Cina, dal settembre Per quanto riguarda l Eurozona, il contesto macroeconomico ha visto una moderata risalita del PIL (le stime sul 2014 parlano di un +0,8%) dopo il calo degli ultimi due anni che si è materializzato in un contesto di debolezza della domanda interna, elevata disoccupazione, sottoutilizzo degli impianti e calo costante del tasso di inflazione attuale e delle relative aspettative future. L indice CPI a dicembre ha perfino rotto al ribasso la linea dello zero registrando un -0,2% a/a sancendo l entrata del continente nella tanto temuta deflazione. Nonostante la Banca Centrale Europea (BCE) sia intervenuta a più riprese per stimolare la domanda di imprese e famiglie nonché il credito al tessuto produttivo attraverso stimoli monetari più o meno convenzionali (riduzione del tasso ufficiale refi, di quello sui depositi e sulle operazioni di rifinanziamento marginale, acquisto di Asset Backed Securities e Covered Bond nonché aste T-LTRO) il motore dell economia stenta a ripartire. Il credito, specie nei paesi periferici, fatica a riprendersi e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria sono poco oliati. In aiuto viene la forza americana, l interventismo della BCE e la debolezza dell Euro che, oltre a stimolare e rendere più competitive le esportazioni, aiutano a controbilanciare gli effetti deflattivi del crollo del greggio attraverso una maggior inflazione importata. La speranza è che questi fattori fungano da scintilla per accendere il motore dell Eurozona. L Italia, in attesa dei dati ufficiali del PIL dei primi mesi del 2015, visti in miglioramento, ha alle spalle 14 trimestri di variazioni trimestrali del PIL decisamente deludenti (1 solo con segno positivo). La recessione erode i consumi delle famiglie e gli investimenti delle imprese. La disoccupazione a novembre ha toccato il massimo storico (13,3%) anche se poi, il mese seguente, ha visto un miglioramento (12,7%), il settore immobiliare arranca e l indice dei prezzi al consumo (variazione tendenziale) è sceso più volte in territorio negativo dipingendo un quadro deflazionistico (il tasso medio del 2014 si è assestato al +0,2%, è il livello più basso dal 1959 secondo Il Sole24 Ore). Le riforme effettuate, pur avendo iniziato a produrre un piccolo miglioramento strutturale, non sono ancora state in grado di invertire la tendenza ciclica e il debito pubblico, eccessivamente elevato, continuano a calmierare le prospettive di crescita dell economia. Solo sul finire del 2014 è apparso un raggio di luce, anche grazie ai fattori esterni sopra elencati (calo dell Euro, del greggio e politica ultra-espansiva della BCE) che lascia sperare, per il 2015, in una revisione al rialzo delle stime di crescita del PIL recentemente formulate dal FMI (+0,4%).

15 (valori %) Prodotto Interno Lordo Inflazione (media annua) Disoccupazione (media annua) s 2015p s 2015p s 2015p Stati Uniti 2,2 2,4 3,6 1,5 1,6 1,1 7,4 6,2 5,3 Giappone 1,6 0,1 0,6 0,3 2,7 1,2 4,0 3,3 34,2 Unione Monetaria Europea (0,5) 0,8 1,2 1,3 0,4 (0,1) 11,9 11,6 11,2 Italia (1,9) (0,4) 0,4 1,2 0,2 (0,2) 12,2 12,8 12,8 Germania 0,2 1,5 1,3 1,6 0,8 0,3 5,2 5,0 5,0 Francia 0,3 0,4 0,9 1,0 0,6 (0,1) 10,3 10,2 10,1 Spagna (1,2) 1,4 2,0 1,5 (0,2) (0,6) 27,0 24,7 22,9 Regno Unito 1,7 2,6 2,7 2,6 1,5 0,9 7,6 6,2 5,7 Cina 7,8 7,4 6,8 0,6 2,2 0,8 n.d. n.d. n.d. India 5,0 5,8 6,3 6,5 8,0 6,9 n.d. n.d. n.d. Nel 2014 lo stock del debito pubblico dovrebbe attestarsi a circa il 131,6% del Prodotto Interno Lordo, un valore significativamente inferiore a quello stimato nel DEF di aprile pari a 134,9%, dovuto in larga parte alla revisione delle serie del PIL dal 2009 al 2013 operata dall ISTAT in virtù dell adozione del SEC In base a quest ultimo, infatti, già per l anno 2013 il rapporto in questione è passato da un livello di consuntivo pari a 132,6%, riportato nel DEF, al 127,9% benefi- 15 relazione degli amministratori relazione degli amministratori sulla gestione sulla gestione del gruppo del gruppo Legenda s: stima p: previsione Fonte: FMI per Prodotto Interno Lordo, Prometeia per stime e previsioni su inflazione e disoccupazione. 1.2 La Finanza pubblica L evoluzione del quadro di finanza pubblica tendenziale inserito nell aggiornamento del Documento di Economia e Finanza del 30 settembre 2014 riflette gli effetti derivanti dall aggiornamento del quadro macroeconomico, tiene conto dell impatto dei provvedimenti adottati dal Governo successivamente al DEF 2014 e considera i risultati dell attività di monitoraggio sulla finanza pubblica. Da notare inoltre come il passaggio alle nuove linee metodologiche del Sistema dei Conti Nazionali e Regionali (SEC 2010) costituisce un innovazione ulteriore rispetto al DEF di aprile in quanto il nuovo sistema ha rivisto i criteri contabili per taluni flussi di entrata e di spesa del Conto Economico delle Amministrazioni pubbliche e per le stime del PIL comportando importanti revisioni dei dati di consuntivo degli anni passati e un effetto di trascinamento sulle previsioni per gli anni futuri. Tenuto conto quanto sopra esposto e in base a quanto si legge nella nota di aggiornamento al DEF diffusa a settembre 2014, il Governo stima l indebitamento netto per il 2014 al 3% del PIL, in lieve peggioramento sul 2013 (2,8%), con un avanzo primario dell 1,7% rispetto ad un 2% del Nel 2015 l indebitamento netto tendenziale è previsto attestarsi al 2,2% del PIL per poi ridursi gradualmente nel triennio successivo.

16 16 relazione degli amministratori sulla gestione del gruppo sulla gestione del gruppo ciando di una riduzione quasi interamente dovuta alla revisione del PIL nominale dello stesso anno. Saldi di finanza pubblica (in percentuale del PIL) s 2015p Indebitamento netto (2,8) (3,0) (2,9) Debito 127,9 131,6 133,4 Legenda s: stima p: previsione Successivamente, in data 28 ottobre 2014, il Consiglio dei Ministri deliberava la Relazione di variazione alla nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza Tale documento si è reso necessario a fronte delle osservazioni formulate dalla Commissione Europea. Considerate le misure aggiuntive che il Governo italiano ha inteso adottare per rafforzare lo sforzo fiscale, il miglioramento del deficit atteso nel 2015, rispetto a quanto sopra, è pari a circa 4,5 miliardi; questo determina un indebitamento netto nominale pari al 2,6% del PIL e un miglioramento dell indebitamente netto strutturale (sempre nel 2015) di poco superiore a 0,3 punti percentuali di PIL. Coerentemente con questo, nel 2015 l obiettivo del saldo di cassa indicato nella Nota di Aggiornamento del DEF 2014 e, conseguentemente, il debito pubblico, sono rivisti. Ulteriori dettagli verranno rilasciati con un emendamento al disegno di legge di Stabilità per il Gli effetti macroeconomici attesi dalle misure aggiuntive non sono previsti alterare sostanzialmente le previsioni programmatiche presentate nella Nota di Aggiornamento del DEF. Fonte: "Nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza 2014 Presentata dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi e dal Ministro dell'economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan il 30 settembre Il mercato finanziario e i tassi Anche nel corso del 2014, seppur inframmezzata da periodi di estrema volatilità, è proseguita la fase di rialzo dei mercati finanziari internazionali, all interno di un contesto macroeconomico fatto di crescita bassa e disomogenea, e di politiche monetarie che, seppur sempre meno convergenti col passare dei mesi, siano state - quantomeno nelle maggiori economie avanzate - assolutamente accomodanti. Proprio gli ampi stimoli monetari hanno alimentato la propensione al rischio degli investitori e incoraggiato la ricerca di attività a più alto rendimento; i mercati azionari principali hanno fatto registrare rialzi più o meno generalizzati, mentre i rendimenti dei Titoli di Stato, arrivando a livelli eccezionalmente bassi, hanno spinto verso l alto anche le valutazioni di attività più rischiose, quali le obbligazioni governative emergenti e quelle societarie. I maggiori trend che hanno caratterizzato in modo più significativo l anno appena trascorso sui mercati finanziari sono stati sostanzialmente due: la forza del dollaro americano, che si è apprezzato nei confronti di tutte le altre principali divise; il violento calo del prezzo del petrolio. Tra i mercati azionari chi ha meglio performato, all interno dei Paesi sviluppati, è stato il listino americano (+11,39% lo S&P500): negli Stati Uniti l economia, dopo un primo trimestre deludente dovuto alle avverse condizioni atmosferiche, ha dato forti segnali di ripresa, tant è che la Fed a fine ottobre ha messo termine al suo terzo programma di Quantitative Easing, una manovra che

17 dal settembre 2012 ha dilatato fortemente il della Banca Centrale americana portandolo a miliardi di Dollari. Altrove, invece, e ci riferiamo in particolare a Giappone ed Eurozona, le prospettive di ripresa di crescita e inflazione si sono fatte decisamente più cupe. Il Paese nipponico è di nuovo tornato in recessione e, per quanto concerne l Area Euro, a dicembre si è materia- relazione degli 17 lizzata la tanto temuta deflazione, tant è che soprattutto nel corso degli ultimi mesi del 2014 si sono registrati ulteriori stimoli di politica monetaria sia da parte della Banca Centrale giapponese amministratori sulla gestione sulla gestione del gruppo del gruppo che, seppur in maniera meno risoluta e consistente, della BCE. In attesa di verificare se tutte queste manovre espansive riusciranno effettivamente a sospingere il binomio crescita e inflazione, a trarne parziale beneficio sono stati comunque i mercati: l indice azionario giapponese ha chiuso l anno con un rialzo di oltre l 8%, mentre riguardo all Europa, a causa dei troppi tentennamenti e delle divisioni politiche all interno del board BCE, gli investitori si sono dimostrati decisamente più freddi (l indice Euro Stoxx 50 ha fatto registrare un modesto +1,20%, mentre l indice italiano FTSE MIB ha chiuso l anno con un mero +0,23%). Da segnalare, sempre in tema di performance azionarie, gli exploit positivi di due importanti Paesi emergenti, Cina e India, che hanno visto i loro listini crescere rispettivamente del 52,87% e del 29,89%. In tema di mercati obbligazionari, i rendimenti dei Titoli di Stato hanno raggiunto i minimi storici in molte economie dell Area Euro, anche in quelle ritenute più fragili a causa di conti pubblici non particolarmente brillanti. L abbondante liquidità (certa o anche solo promessa, ma comunque scontata dai mercati) e la frenetica ricerca di rendimento hanno fatto dimenticare agli investitori qualsiasi tipo di rischio di credito (rischio paese), e nemmeno il riaffiorare dello spettro Grecia, riemerso proprio nell ultimo mese dell anno, ha scalfito questa tendenza. Così, se il tasso governativo decennale tedesco ha chiuso l anno allo 0,54% lordo, l omologo italiano (BTP decennale) ha raggiunto il ragguardevole rendimento dell 1,89% (ad inizio 2014 al 4,12%). Anche oltreoceano, contro le previsioni dei maggiori analisti, i rendimenti dei Titoli di Stato sono scesi: il decennale americano, seppur non tornato sui minimi storici, ha chiuso il 2014 al 2% lordo, beneficiando anch essi dell orientamento di politica monetaria ultra-accomodante della Fed e dell assenza di pressioni inflazionistiche di rilievo. Nonostante un movimento di storno avvenuto nell ultima parte dell anno, anche le obbligazioni più rischiose (i Corporate bond societari, sia Investment Grade che High Yield, e le obbligazioni dei Paesi emergenti) hanno chiuso il 2014 in positivo, seppur decisamente sotto tono rispetto ad una prima parte dell anno ben più promettente. Infine, anche per quanto concerne i tassi del mercato interbancario, l anno trascorso ha registrato una loro permanenza su livelli estremamente contenuti: le manovre espansive di politica monetaria convenzionale targate BCE (in particolare il taglio dei tassi deciso a settembre) hanno fatto precipitare i tassi Euribor, che chiudono l anno sui rispettivi minimi storici (0,078% per l Euribor a 3 mesi e 0,171% per l omologo a 6 mesi). I diversi orientamenti, già in essere ma soprattutto attesi per il futuro, delle maggiori banche centrali del mondo hanno dato luogo a drastici movimenti dei tassi di cambio. Il Dollaro americano, in particolare, si è apprezzato rispetto alla maggior parte delle altre valute, ma a risentirne maggiormente, fra le divise delle economie avanzate, è stato indubbiamente lo Yen giapponese. Anche i principali Paesi in via di sviluppo hanno visto le loro monete nazionali svalutarsi rispetto al dollaro, e in alcuni casi i fattori internazionali hanno interagito con vulnerabilità specifiche a singole realtà. Il deprezzamento del Real brasiliano, ad esempio, è avvenuto in un contesto di incertezza per le elezioni presidenziali e la debolezza delle prospettive economiche generali, mentre le sanzioni economiche contro la Russia e l aggravarsi del conflitto in Ucraina (la fonte di tensione geopolitica che ha maggiormente preoccupato nel corso del 2014) hanno fatto precipitare il Rublo di oltre l 80% nei confronti del Dollaro. E proprio la Russia, in qualità di importante esportatore energetico, è una (se non la principale) diretta interessata dall altro grande movimento di mercato che, come ricordavamo all inizio, ha caratterizzato l anno appena trascorso: il pesante calo del

18 18 relazione degli amministratori sulla gestione del gruppo sulla gestione del gruppo prezzo del petrolio. Nel corso del 2014, infatti, e in particolare nella seconda metà dell anno, il greggio WTI americano ha dimezzato il suo valore lasciando sul terreno quasi il 46%, arrivando a toccare l impensabile (fino a qualche mese prima) quotazione di 53 Dollari al barile. Il motivo principale alla base di questa caduta va ricercato senza dubbio nella dinamica domanda/offerta: la prima è certamente stagnante e non è vista riprendersi con forza nel breve. In termini di offerta, al contrario, si è registrato un costante e progressivo aumento, e lo dimostra il fatto che diversi paesi produttori di greggio hanno, durante il 2014, incrementato considerevolmente la produzione; tra questi il più importante è rappresentato senza dubbio dagli Stati Uniti che, grazie alla crescita del fenomeno Shale Oil, è diventato uno dei maggiori produttori di oro nero a livello mondiale. Un parziale freno a questa discesa del prezzo del petrolio sarebbe forse potuto arrivare dai paesi OPEC (capitanati dall Arabia Saudita) se solo avessero deciso, come già fatto altre volte in passato, di tagliare la produzione, ma la cosa (e non sono da escludere sottostanti ragioni geopolitiche) non è avvenuta. 1.4 Il sistema bancario e i tassi interni Il sistema bancario nazionale ha dovuto affrontare un 2014 che, oltre ad essere caratterizzato da una congiuntura economica ancora debole e alquanto incerta, prevedeva l attuazione del primo pilastro dell'unione Bancaria: la Vigilanza Unica da parte della BCE. Da novembre 2014, infatti, l istituto di Francoforte ha assunto ufficialmente il compito di supervisore unico del sistema bancario dell'eurozona con un numero di n. 15 istituti italiani inizialmente coinvolti. In previsione di ciò la Banca Centrale Europea ha condotto un esercizio di Comprehensive Assessment attraverso, in particolare, una revisione della qualità degli attivi (Asset Quality Review) presenti nei bilanci delle banche, e non a caso diverse realtà italiane hanno preferito presentarsi all appuntamento dopo aver rafforzato i propri requisiti patrimoniali grazie, soprattutto, ad aumenti di capitale. I risultati di questi CA effettuati dalla BCE, resi pubblici alla fine di ottobre, hanno evidenziato una debolezza della posizione patrimoniale delle banche italiane rispetto a quella delle banche degli altri Paesi europei; a fine 2013 lo shortfall di capitale complessivo era pari ad Euro 9,7 miliardi, tant è che n. 9 delle n. 15 banche nazionali non avrebbero superato l esame se nel corso del 2014 non avessero fatto ricorso agli aumenti di capitale (grazie ai quali, infatti, lo shortfall ha riguardato alla fine solo n. 2 istituti). Ciò che ha contribuito in misura significativa alla determinazione di questa carenza di capitale delle Banche italiane è stata sia la pesante svalutazione degli attivi, resasi necessaria dopo l attività di Asset Quality Review e nettamente la più consistente tra i sistemi bancari sottoposti al CA, e sia un livello di capitalizzazione, a fine 2013, mediamente tra i più bassi delle banche del campione. Tutte queste incertezze legate alle attività di revisione e controllo del sistema da parte delle istituzioni sovranazionali, unite ad un contesto macroeconomico che, soprattutto in Eurozona, ha deluso qualsiasi aspettativa di ripresa, hanno sì comportato un allontanamento degli investitori dai titoli del settore finanziario a livello europeo (nel 2014 l indice settoriale è diminuito del 4,89%), ma non hanno più di tanto intaccato il settore bancario italiano: a Piazza Affari, anzi, l indice rappresentativo del comparto ha guadagnato il 6,80%. Nei primi nove mesi del 2014 i risultati dei maggiori gruppi bancari italiani hanno registrato segnali di miglioramento del conto economico, non tutti confermati nei dati finali relativi all intero esercizio 2014: a incidere negativamente, in particolare, saranno con ogni probabilità le politiche di accantonamento sul portafoglio crediti, poiché la stessa BCE ha richiesto (in termini di valutazione crediti) l adozione di criteri prudenziali e ha invitato piuttosto esplicitamente a recepire il massimo possibile delle rettifiche nei risultati di del 2014.

19 Analizzando più nel dettaglio i vari aspetti dell attività bancaria, le statistiche ci dicono che nel 2014 è proseguito il graduale miglioramento della dinamica dei crediti al settore privato, che tuttavia risulta ancora in contrazione; la debolezza dell attività di credito continua ad essere più evidente in particolare in Italia, ma quantomeno si è ristretto il differenziale rispetto alla media dei Paesi dell Area Euro. La flessione, per ciò che concerne il nostro Paese, è particolarmente pronunciata per il settore delle imprese (-2,6%), mentre per i prestiti alle famiglie si registra una stabilizzazione del ritmo di contrazione (-0,5%). Dal lato della domanda di prestiti il 2014 ha fornito, dopo diversi anni, un indicazione positiva sul dato proveniente dalle imprese, ma limitatamente a quelle di maggiori dimensioni e per prestiti a lungo termine, mentre permangono ancora negativi i segnali sulla domanda delle PMI. Anche da parte delle famiglie vi è stato un aumento della domanda di finanziamenti, sia per prestiti finalizzati all acquisto di abitazioni sia, seppur in misura meno marcata, per credito al consumo e altre tipologie di prestiti. Dal lato dell offerta si sono registrati, da parte del sistema bancario e specie nell ultimo trimestre del 2014, criteri più accomodanti. Questo grazie in particolare al miglioramento della posizione di liquidità (sostenuta dalle misure non convenzionali di politica monetaria), all aumento della concorrenza e a prospettive più favorevoli relative a particolari settori produttivi. Il tutto si è riflesso in modo significativo sul tasso di interesse medio sui prestiti (attraverso una riduzione del margine applicato dalle banche) che si è via via ridotto nel corso dell anno. Il tasso applicato ai nuovi prestiti per le imprese si è ridotto in maniera significativa soprattutto per i finanziamenti di importo superiore ad Euro 1 milione, anche se il 2014 ha comunque visto un restringimento del differenziale rispetto ai tassi applicati ai prestiti di importo inferiore. Condizioni più favorevoli si sono anche registrate sia in termini di ammontare che di durata dei finanziamenti accordati. In miglioramento anche le condizioni di offerta verso le famiglie, in particolare sui prestiti per l acquisto di immobili, mentre sul segmento del credito al consumo si sono mantenute stabili. Anche per le famiglie questo si è riflesso in una riduzione del pricing. Permane, tuttavia, il trend negativo della qualità del portafoglio crediti con il rapporto sofferenze/impieghi che si avvicina, inesorabilmente, al 10%. Sul fronte della raccolta bancaria, nel 2014 si registra una flessione per circa Euro 134 miliardi. In particolare, si sono contratti i depositi con durata prestabilita, i PCT e le emissioni obbligazionarie. Bene i depositi in conto corrente, in aumento di oltre Euro 63 miliardi nell anno. A fine 2014 i depositi rappresentavano il 60% della raccolta complessiva, in aumento del 4,4% rispetto a fine A fronte di una riduzione della raccolta, il 2014 ha fatto registrare un aumento (per quasi Euro 30 miliardi) di capitale, riserve e fondi rettificativi. Le banche hanno ridotto lo stock di crediti per circa Euro 17 miliardi, le riserve presso l Eurosistema per Euro 6 miliardi, il portafoglio titoli per quasi Euro 68 miliardi e, in misura marginale, le attività sull estero. La forbice bancaria, infine, a causa della continua flessione dei tassi bancari (sia attivi che passivi) registrata nel corso del 2014, si è ridotta fino ad arrivare, a fine anno, ad un livello indicativo di 375 b.p. 19 relazione degli amministratori sulla gestione del gruppo sulla gestione del gruppo

20 2. DATI DI SINTESI 20 relazione degli amministratori relazione degli sulla gestione amministratori del gruppo sulla gestione del gruppo 2.1 Mappa del Gruppo al 31 dicembre 2014 Vi presentiamo la mappa del Gruppo al 31 dicembre 2014.

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA * * *

COMUNICATO STAMPA * * * COMUNICATO STAMPA Si confermano solidi e in crescita gli indici patrimoniali Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 marzo 2015 pari al 12,45% (non include l autofinanziamento di periodo) rispetto al

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO CREDEM: RISULTATI PRELIMINARI (1) CONSOLIDATI 2015: UTILE +9,5% A/A, PRESTITI +5,3% A/A, ELEVATA SOLIDITA CON CET1 (2) A 13,52% AMPIAMENTE SOPRA AL REQUISITO MINIMO SREP (7%) COSTANTE REDDITIVITA E GENERAZIONE

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI COMMERCIALI IN ULTERIORE ACCELERAZIONE: I MUTUI A PRIVATI EROGATI

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Comunicato stampa. BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo bancario Banca Popolare di Sondrio, esercizio 2015

Comunicato stampa. BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo bancario Banca Popolare di Sondrio, esercizio 2015 Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

GRUPPO VENETO BANCA: APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2015

GRUPPO VENETO BANCA: APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2015 GRUPPO VENETO BANCA: APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2015 IN UNA LOGICA DI AVVICINAMENTO ALLA QUOTAZIONE SUL MERCATO AZIONARIO, IL GRUPPO VENETO BANCA HA SCELTO DI RENDERE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3)

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3) CREDEM, RISULTATI PRELIMINARI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MLN EURO; PRESTITI (1) +7,9% A/A VALUTAZIONE BCE Stress test scenario avverso Prima banca italiana per CET1 Ratio REDDITIVITA Utile netto 151,8

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010 COMUNICATO STAMPA Risultati al 31 Marzo 2010 Vendite di cemento e di calcestruzzo preconfezionato in diminuzione rispettivamente del 19,6% e del 14,1% La domanda debole e le avverse condizioni climatiche

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2015

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2015 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2015 1. COMMON EQUITY TIER1 RATIO A 13,5% FULLY LOADED, TRA I LIVELLI PIÙ ELEVATI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO, TOTAL CAPITAL RATIO PARI A 15,2% AMPIO MARGINE PATRIMONIALE

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Banca Carige chiude i primi nove mesi con un risultato consolidato netto in pareggio

Banca Carige chiude i primi nove mesi con un risultato consolidato netto in pareggio PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 1 Banca Carige chiude i primi nove mesi con un risultato consolidato netto in

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015. Approvato il risultato semestrale e deliberato l avvio di un programma di rafforzamento

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 1 30 2015 13% 12,94% 30.06.2015 15,31% (15,62% 30.06.2015) 1 12,56%1 (12,33% 30.06.2015) 6,22% 6,04% NSFR

COMUNICATO STAMPA 1 30 2015 13% 12,94% 30.06.2015 15,31% (15,62% 30.06.2015) 1 12,56%1 (12,33% 30.06.2015) 6,22% 6,04% NSFR COMUNICATO STAMPA Confermato il solido assetto patrimoniale del Gruppo Common Equity Tier 1 ratio phased in al 30 settembre 2015 pari al 13% rispetto al 12,94% del 30.06.2015 Total capital ratio phased

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE Al 31 marzo 2015

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE Al 31 marzo 2015 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE Al 31 marzo 2015 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 31 marzo 2015 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865 Capogruppo del Gruppo Bancario

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli