IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING"

Transcript

1 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Anno Accademico Corso di Marketing Industriale e dei Servizi prof. Marco Daz 6 IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING

2 INFORMAZIONE COME NUTRIMENTO Per vivere l impresa si nutre (anche) di informazioni per: Pianificare Agire Comtrollare Seguire il cambiamento/ /guidare il cambiamento Sapere che sta succedendo Necessita un sistema per gestire in maniera ordinata le informazioni Sistema informativo (rif. Sistema sociotecnico) Sistema informatico Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 2

3 IL MONDO CAMBIA AD UNA VELOCITA SEMPRE MAGGIORE > turbolenza, > frequenza aggiornamento info int. ext. > info ieri Oggi Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 3

4 Piccoli esempi Una variazione di prezzo di un concorrente, se non intercettata tempestivamente, può spiazzare completamente un prodotto. Un trend negativo delle vendite deve essere rilevato immediatamente Modifica tasso di cambio Non ci sono più posizioni garantite: no speranza di successo domani con ciò che si è fatto ieri. Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 4

5 IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING Sistema (strutture, procedure, strumenti) finalizzato alla raccolta classificazione analisi Distribuzione di informazioni quantitative e qualitative di Mktg Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 5

6 LE COMPONENTI DEL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING Sistema di reporting interno Sistema di marketing intelligence Sistema di analisi dei dati (Business Analytics) Sistema di ricerche di mercato Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 6

7 1. SISTEMA DI REPORTING INTERNO sistema che raccoglie e consolida i dati di interesse per la Funzione Commerciale e Marketing generati all interno dell impresa per esercitare controllo, individuare problemi, opportunità, ecc. E presente in varie forme in tutte le imprese Fornisce al informazioni su vendite ordini scorte natalità / mortalità Clienti prezzi di vendita Situazione contabile clienti Attenzione al rischio troppe informazioni Vedi controllo di MKTG Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 7

8 DALLA TRANSAZIONE ALL INFORMAZIONE: UNA BUONA DOSE DI INFORMATICA. Schema logico semplificat o di un sistema informatico gestionale Sistemi di Supporto Reportistica direzionale Sistemi Transazionali operations (ERP) Data base per reporting Sistemi di Query e Reporting: - Executive Information System - Cruscotti aziendali - Decision SUpport System - Office Automation Reportistica di primo livello Reportistica direzionale Altri sistemi CRM Business Analytics Sistema Informaztivo Gestionale: - Ciclo Attivo - CIclo Passivo - CIclo Logistico - CIclo Amministativo ordine-spedizione-fatturazione-pagamento Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 8

9 2 - MARKETING INTELLIGENCE Sistema di Marketing Intelligence fornisce dati su condizion i/situazioni /accadimenti dell ambiente di marketing esterno per cogliere i fatti significativi, le evoluzioni, le tendenze precoci Concorrenti Mercato Macroambiente Si tratta di informazioni prevalentemente non strutturate, che non hanno cadenza fissa Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 9

10 LE FONTI per IL MARKETING INTELLIGENCE Conversazioni e visite con Venditori, Clienti, Distributori, Esperti, Fornitori, Concorrenti Ns addetti agli acquisti Analisi prodotti concorrenza Brevetti, Web.. Fiere e conversazioni con loro addetti Relazioni annuali di bilancio Pubblicazioni specializzate aziendali Analisi cataloghi e pubblicazioni concorrenza Convegni Periodici specializzati, studi, casi aziendali ed universitari Forum internet annunci ricerca personale Panel clienti Fornitori specializzati di dati Motori ricerca sistemi on line di feedback bizrate com,amazon.com, zdnet.com,complaints.com Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz I

11 ESEMPI DI FATTORI DA MONITORARE alleanze, joint venture o acquisizioni investimenti dei concorrenti: indicano un trend e un intensificarsi della competizione cambiamenti nei prezzi Deposito brevetti Intensità campagne comunicazione cambiamenti sociali e politici e legislativi che fan variare il contesto Nuove tecnologie Emergere bisogni Nuovi modelli Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 11

12 Problemi attenzione costante saper selezionare e valutare le fonti Memo: la telecamera!!! Saper Archiviare e trasmettere Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 12

13 Il sistema analisi di marketing Business Analytics strumenti e modelli alimentati da dati provenienti da Sistema transazionali marketing intelligence ricerche di mercato Social media 3 - ANALISI DATI MARKETING STRUMENTI ANALITICO- STATISTICI analisi, sintesi, ordinamenti, classificazioni, relazioni tra variabii, statistica di base analisi delle correlazioni analisi fattoriale analisi congiunt sentiment analysis a MODELLI rappresentazioni semplificate di realtà complese atte a comprende e/o a prendere decisioni DSS- an interactive flexible adaptable computer information system for supporting the solution of non strucured management problems (CRM) Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 13

14 LA LOGICA NON CAMBIA, MA LA TECNOLOGIA SÌ Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 14

15 Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 15

16 Trattative in atto ESEMPIO COSA SI VEDE IN UN SISTEMA CRM B2B? Corrispondenti previsioni Soluzione tecnica proposta (offerta tecnica) Persone coinvolte nelle trattative / progetti Prodotti offerti (per linee) Come si è chiusa la trattativa Perché è stata perduta Gestione sconti forniture enterprise attraverso i dealer Info non istituzionali su cliente Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 16

17 Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 17

18 CATEGORIE DI MODELLI/1 A.PER SCOPO Descrittivi Descrivono connessione tra le variabili per simulazioni Normativi offrono la soluzione ottimale della funzione obiettivo matematicamente dimostrati, validati per analisi statistica o sorretti da ricerche sul campo B.PER PROCEDIMENTO DI SOLUZIONE Matematico: ottimizzante Euristico: non ottimizzante a priori Simulazione: si sperimenta virtualmente l effetto di diverse combinazioni di variabili Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 18

19 CATEGORIE DI MODELLI/2 C. PER METODO DI ASTRAZIONE/RAPPRESENTAZ IONE Verbali utilizzo frequente quasi sempre prima rappresentazione verbale poi quella matematica teorie importanti (evoluzione, dottrine filosofiche, algebra di Diofanto) no matematizzazione prematura Iconici fisicamente simili alla realtà: mappamondo, plastici, ecc. Analogici si comportano come il mondo reale elettrici elettronici meccanici in scala Matematici di solito normativi in base natura problema lineari / non lineari deterministici / stocastici statici / dinamici Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 19

20 ESEMPI MODELLI DECISIONALI PERT/GANNT ma anche voi avete fatto uso di modelli Marketing engineering!! PROGRAMMAZION E LINEARE DECISION TREE Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 20

21 Esempi modelli decisionali / 2 Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 21

22 CRITERI PER LA MODELLISTICA MANAGERIALE Un modello manageriale deve essere: Comprensibile nella logica sottostante all interlocutore Robusto, ovvero non mostrare instabilità a fronte di modesti cambiamenti delle variabili di governo (salvo il caso che prprio il fenomeno abbia quest caratteristiche) Adattativo, aggiornabile e parametrizzabile Sufficientemente concreto, per potere essere credibile User friendly, usando il linguaggio dell utente.. Altrimenti rischio di rifiuto Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 22

23 4 - LE RICERCHE DI MERCATO Raccolta finalizzata di dati ed informazioni su un problema di Marketing Non è soltanto questionari È un progetto Frequenza una tantum o ricorrente Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 23

24 ESEMPI DI APPLICAZIONI Determinare le caratteristiche di un mercato numero dei Clienti e loro potenziale di spesa Numero E caratteristiche dei concorrenti canali distributivi Studio delle motivazioni di acquisto Studio dei prodotti dei concorrenti Studio dei canali distributivi Studio dei gusti dei consumatori Studio dell evoluzione di un mercato Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 24

25 LE FASI DI UNA RICERCA DI MERCATO Definizione del problema e degli obiettivi Definizione del piano di ricerca tipologia e fonte dei dati metodo di indagine metodo di contatto strumenti per la raccolta dei dati scelta del campionemento Raccolta delle informazioni (fase sul campo) Analisi delle informazioni (solitamente metodi statistici) Presentazione dei risultati: chiarezza e sintesi perché obiettivo di uno studio è ridurre l incertezza Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 25

26 TIPOLOGIE DI DATI PER LE RICERCHE DI MERCATO Unità di rilevazione Impresa Unità locale Famiglie, individui Prodotti Caratteri delle variabili oggetto di rilevazione quantitativi qualitativi Metrica unità di misura classi di misura Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 26

27 FONTI DI DATI PER LE RICERCHE DI MERCATO Primarie: informazioni originali raccolte specificamente per la ricerca Secondarie: informazioni disponibili perché già raccolte da altri Raccolte per altri scopi Raccolte anche per essere «vendute» Raccolte per motivi istituzionali di informazione Tecnica più veloce e molto spesso più economica Affidabilità e consistenza dei dati già raccolti da verificare Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 27

28 ESEMPIO FONTE SECONDARIA / 1 FONTE: Registro Ditte della Camera di Commercia, Industria, Artigianato ed Agricoltura; Anagrafe nazionale delle imprese UNITA DI RILEVAZIONE: Imprese ed unità locali del Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura CARATTERI RILEVATI: Denominazione Natura giuridica Data di costituzione Capitale Sociale Natura (sede legale, amministrativa, operativa) Attività svolte Localizzazione Sedi periferiche Numero addetti Dati anagrafici degli amministratori Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 28

29 ESEMPIO FONTE SECONDARIA / 2 FONTE: Indice della produzione industriale ISTAT (base 2010) UNITA DI RILEVAZIONE: Imprese, con copertura settoriale rami 1-4 secondo classificazione Ateco asetcode=dcsc_indxprodi ND_1 CARATTERI RILEVATI: Impresa Classificazione Ateco 5 cifre Risorse beni ad uso singolo impianti macchinari attrezzature mezzi di trasporto Produzione produzione industriale: indice a base 1980 produzione industriale: quantità assoluta Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 29

30 ESEMPIO FONTE SECONDARIA / 3 FONTE: Fatturato ed ordinativi ISTAT - IND002 (indice base 2009) UNITA DI RILEVAZIONE: Imprese, con copertura settoriale rami 1-4 secondo classificazione Ateco 2007 CARATTERI RILEVATI: Impresa Classificazione Ateco 3 cifre Fatturato (indice base 100) Ordinativi (indice base 100) Portafoglio ordini (indice base 100) Divisi per acquirente nazionale acquirente estero totale atasetcode=dcsc_ordfatt Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 30

31 ORGANISMI CHE EFFETTUANO RILEVAZIONI UTILI PER IL MARKETING INDUSTRIALE CCIAA (Banca dati Infocamere - ISTAT - Istituto centrale di statistica Uffici Studi di Confederazioni o Associazioni di categoria Confindustria Confcommercio ANIE per gli apparati elettrici, elettronici.. Associazioni territoriali degli imprenditori Assolombarda Confindustria Bergamo.. Ministeri (Ministero delle Attività Produttive,..) Banca d Italia, Banche, Mediocredito AZIENDE SPECIALIZZATE Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 31

32 ESEMPI FONTI SECONDARIE SU INTERNET L'Istituto Nazionale di Statistica (www.istat.it) raccolte di dati ed alcuni dei report più importanti degli ultimi anni. interessante in quanto diffonde anche notizie sulle proprie metodologie e classificazioni. Censimento (www.censimento.it) sito ISTAT, i censimenti sulla popolazione, sull'industria ed i Servizi e sull'agricoltura. Con file scaricabili. Il centro studi R&S di Mediobanca (www.mbres.it) download a pagamento di studi e dati. Confindustria (www.confindustria.it) studi e dati sull'andamento congiunturale dell'economia italiana e la sua evoluzione strutturale. Assinform (www.assinform.it) Associazione Italiana del settore informaticoi elabora ogni anno un rapporto sul mercato IT in Italia. Scaricabile dal sito. Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 32

33 QUANDO SI USANO LE FONTI SECONDARIE Selezione dei campioni (liste di riferimento) Informazioni e caratteristiche dei prodotti (cataloghi) Analisi quote di mercato Analisi struttura del mercato numero Competitori e consistenza numero Clienti potenziali Informazioni di massima su imprese Clienti o Concorrenti Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 33

34 ESEMPIO: DETERMINARE QUOTA DI MERCATO Esame pubblicazioni Istat OK insuccesso Esame pubblicazioni Associazioni Catagoria insuccesso OK Ricerca su riviste specializzate insuccesso OK Ricerca presso istituti di ricerca che abbiano già raccolto dati OK insuccesso Costruzione elenco concorrenti e stima rispettive vendite OK insuccesso OK Correlare vendite con fatturato di prodotti simili o altre grandezze insuccesso Totale vendite Passaggio a fonte primaria Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 34

35 PIANO DI RICERCA CON DATI PRIMARI Tipologia dei dati Fonti dei dati Metodo di indagine Sviluppo del questionario Pre test questionario e livello di collaborazione Obiettivi precisione attesa Raccolta dati Trattamento e controllo dati Memorizzazione ed analisi Universo Statistico di riferimento Liste di riferimento Scelta del campione Metodi di contatto piano di campionamento Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 35

36 METODO DI INDAGINE Ricerca per osservazione si osservano i comportamenti spontanei dei soggetti (comportamento di acquisto, esecuzione delle procedure, ecc.) non si interagisce direttamente con i soggetti Ricerca per sondaggio si interrogano direttamente i soggetti importanza della scelta del campione importanza del metodo di contatto Ricerca sperimentale si osservano i comportamenti dei soggetti a fronte di variazioni ad uno stimolo eliminare o controllare i fattori esterni gruppi di controllo / gruppi di esperimento Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 36

37 IL QUESTIONARIO Varie tipologie Questionario non strutturato Questionario strutturato Tipologie di domande Aperte Chiuse (risposte predefinite) Con ausilio di immagini, altri supporti Alcuni consigli: Brevi!! Test del questionario No domande retoriche, con risposta scontata Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

38 DOMANDA SCONTATA / DOMANDA SENSATA - 1 La Commissione europea: rendere più progressiva l Imu affinché sia più giusta. Siete d accordo? Sì % No % Numero votanti: 2304 I sondaggi online di Corriere.it non hanno un valore statistico, si tratta di rilevazioni non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità. Le percentuali non tengono conto dei valori decimali. In alcuni casi, quindi, la somma può risultare superiore a 100 Corriere.it 11/07/2013 Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

39 DOMANDA SCONTATA / DOMANDA SENSATA - 2 Domanda scontata Siete d accordo sull abolizione dell IMU sulla prima casa? Domanda sensata: Ritenete più urgente l abolizione dell IMU sulla prima casa L adeguamento delle pensioni minime L inserimento di altre unità nelle Forze dell ordine? Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

40 ESEMPIO DOMANDE A RISPOSTA CHIUSA I T I P O D I D O M A N D A E S E M P I O D ic o t o m ic a E ' la p r i m a v o lt a c h e a c q u is t a t e q u e s t o p r o d o t t o? [ ] S ì [ ] N o A s c e lt a m u lt i p la A t t r a v e r s o q u a l e f o n t e a v e t e c o n o s c iu t o q u e s t o p r o d o t t o? [ ] P r e s e n t a z i o n e d i v e n d it o r i [ ] M o s t r e, f i e r e ( q u a l e. ) [ ] P u b b l ic it à s u s t a m p a s p e c ia l iz z a t a [ ] C o n s i g l i o d i c o l l e g h i o c o n o s c e n t i [ ] C a ta lo g h i, m a t e r i a l e p u b b l i c it a r io [ ] I n t e r n e t S c a la d i L ik e r t ( 1 ) Q u e s t o p r o d o t t o h a p r e s t a z io n i s u p e r i o r i a q u e l l i d e l la c o n c o r r e n z a [ 5 ] S o n o p i e n a m e n t e d 'a c c o r d o [ 4 ] S o n o d 'a c c o r d o [ 3 ] N o n s o n o n é d 'a c c o r d o n é i n d is a c c o r d o [ 2 ] S o n o i n d is a c c o r d o [ 1 ] S o n o c o m p l e t a m e n t e i n d is a c c o r d o S c a la d e l d if f e r e n z ia l e s e m a n t ic o S c a la d i m p o r t a n z a S c a la d i v a lu t a z i o n e P r o p e n s i o n e a l l'a c q u is t o Q u e s t o p r o d o t t o è E c c e z i o n a l e S c a d e n t e M o lt o c a r o M o lt o e c o n o m i c o A v a n z a t o S u p e r a t o L a m a n u t e n i b i lit à p e r q u e s t o t ip o d i p r o d o t t i è [ 5 ] F o n d a m e n t a l e [ 4 ] I m p o r t a n t e [ 3 ] A b b a s ta n z a im p o r t a n t e [ 2 ] N o n m o lt o i m p o r t a n t e [ 1 ] P e r n u l la i m p o r t a n t e L a m a n u t e n i b i lit à d i q u e s t o p r o d o t t o è [ 5 ] E c c e ll e n t e [ 4 ] M o l t o b u o n a [ 3 ] B u o n a [ 2 ] S u f f ic i e n t e [ 1 ] S c a r s a N e i p r o s s i m i s e i m e s i [ ] S ic u r a m e n t e r ia c q u is t e r ò q u e s t o p r o d o t t o [ ] P r o b a b il m e n t e a c q u i s t e r ò q u e s t o p r o d o t t o [ ] N o n s o [ ] P r o b a b il m e n t e n o n r i a c q u i s t e r ò q u e s t o p r o d o t t o [ ] S ic u r a m e n t e n o n r ia c q u is t e r ò q u e s t o p r o d o t t o ( 1 ) Q u e s t o m e t o d o, g r a z i e a i v a l o r i a s s o c i a b i l i a l l e r i s p o s t e, p e r m e t t e d i t r a s fo r m a r e i n d a t i t r a t t a b i l i m a t e m a t i c a m e n t e l e v a l u t a z i o n i f a t t e d a l l 'i n t e r v i s t a t o Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 40

41 ESEMPIO DOMANDE A RISPOSTA CHIUSA II Scala di confronto a coppie Scala cumulativa di Guttman Scala Q-sorting Scala a somma definita Tra le seguenti coppie di prodotto, quale preferite? [ ] Prodotto A [ ] Prodotto B [ ] Prodotto A [ ] Prodotto C [ ] Prodotto A [ ] Prodotto D Scegliere le affermazioni rispetto alle quali L ei è d'accordo Questo prodotto è valido Devo seriamente considerare di definire questo prodotto come standard per gli acquisti della nostra impresa Questo prodotto è decisamente superiore alla media dei concorrenti Questo prodotto presenta delle ottime prestazioni Non ho mai provato un prodotto come questo Da domani non comprerò che questo prodotto Esistono anche prodotti concorrenti migliori La superiorità tecnologica del prodotto è evidente [ +4 ] Si addice propriamente al prodotto in analisi [ +3 ] [ +2 ] [ +1 ] [ 0 ] [ - 1 ] [ - 2 ] [ - 3 ] [ - 4 ] Non si addice per nulla al prodotto in analisi Dovendo distribuire 100 punti, quale giudizio date delle seguenti caratteristiche del prodotto in analisi [ ] Innovatività [ ] Affidabilità [ ] Prezzo [ ] Prestazioni Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 41

42 ESEMPIO DOMANDE A RISPOSTA APERTA Tipologia Descrizione Esempio Completamente destrutturata Associazione di parole Completamento di frase Completamento di storie Domanda con modalità illimitata di risposta All intervistato vengono presentate delle parole e viene chiesta la prima parola che viene in mente Viene presentata un frase da completare Viene presentata una storia da completare Cosa ne pensa del prodotto X? Cosa le viene in mente se dico Prodotto X Prodotto Y Robustezza del prodotto Quando ho provato il prodotto X sono stato impressionato da. L altro giorno abbiamo avuto un problema in produzione. La scarsa robustezza dei prodotti ricevuti dai fornitori di componenti è ormai insopportabile. Abbiamo tenuto una riunione di emergenza. Ora completi la storia Completamento di immagine Viene presentato un fumetto da completare E arrivato un carico di Prodotto X Viene presentata Test di un immagine e viene appercezione chiesto di costruire una storia su quello che viene tematica mostrato Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 42

43 METODI DI CONTATTO CONTATTO PERSONALE + interviste in profondità + elevato livello di precisione ed accuratezza nelle risposte Costi Tempi CONTATTO TELEFONICO + Costi contenuti + Tempi brevi + assenza barriere geografiche no interviste in profondità possibili difficoltà di comunicazione mancanza supporti visivi per intervistato risposte immediate CONTATTO ASINCRONO No contatto intervistatore / intervistato: via web, postale o fax + Costi contenuti + supporto visivo per intervistato + dati e risposte non devono essere forniti immediatamente e possono essere raccolti o verificati non consente interviste semi strutturate o in profondità caduta di collaborazione (bassa redemption, anche 2%) tempi di risposta Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 43

44 METODI DI CONTATTO: SEMPRE PIÙ WEB Il WEB permette di supportare a costi contenuti e tempi brevi sondaggi di tipo postale Strumenti di costruzione semplici https://docs.google.com/#h ome / Dopodiché serve una mailing list a cui inviare il link per il sondaggio Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

45 ESEMPIO DI LINK PER SONDAGGIO Garantire la privacy C è anche un incentivo per aumentare la redempion Pronti via. Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

46 QUESTIONARIO E METODO DI CONTATTO Tipo di informazione Qualitativa Quantitativa Tipo di questionari Questionari non strutturati Questionari semi strutturati Questionari stutturati Metodo di contatto Contatto personale Contatto telefonico Contatto asincrono Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 46

47 LA POPOLAZIONE ED IL CAMPIONE Una analisi può essere effettuata Sull intera POPOLAZIONE oggetto di studio Censimento Su un CAMPIONE ovvero sottoinsieme della popolazione estratto con un metodo preordinato Sondaggio Problema: come estrarre un campione SIGNIFICATIVO, ma che sia analizzabile in modo Rapido Economico Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz Popolazione Campione

48 SCELTA DEL CAMPIONE CAMPIONE NON PROBABILISTICO il ricercatore sceglie le unità che apparterranno al campione campione per convenienza: scelta unità di più facile ed immediato accesso campione ragionato: ricercatore usa il proprio giudizio per selezionare le unità campione per quota: popolazione divisa in gruppi mutuamente esclusivi. Si sceglie un numero assegnato di unità da ciascun gruppo Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz CAMPIONE PROBABILISTICO ogni unità appartenente all universo statistico di riferimento ha una probabilità nota di essere selezionata Lista delle unità che appartengono all universo statistico di riferimento piano probabilistico di campionamento definizione della strategia di campionamento 48

49 PIANI PROBABILISTICI DI CAMPIONAMENTO CAMPIONE CASUALE SEMPLICE: ad ogni unità appartenente alla popolazione statistica di riferimento viene assegnata una probabilità uguale e nota di essere scelto. Sostanzialmente un estrazione da una urna unica CAMPIONE A GRAPPOLO (CLUSTER): la popolazione viene divisa in gruppi mutuamente esclusivi e si estraggono casualmente alcuni gruppi di unità Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz CAMPIONE CASUALE STRATIFICATO: popolazione suddivisa in gruppi mutuamente esclusivi e da ogni gruppo è estratto un campione casuale allocazione proporzionale: il numero di sorteggi da ogni gruppo è proporzionale al peso di quel gruppo sul totale dell universo allocazione ottima: il numero di sorteggi da ogni gruppo è deciso in base all interesse di quel gruppo per la ricerca in corso (carattere soggettivo) 49

50 DIMENSIONAMENTO DEL CAMPIONE Indaghiamo un carattere di una popolazione (es: consumi, reddito, acquisti, ecc.) identificato con la variabile x Potendo misurare tutta la popolazione, vengono definite le seguenti misure sommarie (dove N è la numerosità della popolazione) Quando invece si lavora su un campione (sottoinsieme della popolazione) si utilizzano le misure campionarie (dove n è la numerosità del campione) media N x 1 N i x 1 media campionaria X n n i 1 deviazione std N ( xi ) 2 N deviazione std camp s n 1 ( x i n 1 X ) 2 Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 50

51 DIMENSIONAMENTO DEL CAMPIONE / 2 quanto deve essere grande il campione (n) affinché la media campionaria e la deviazione standard campionaria misurate siano attendibili? Dipende da E = margine di errore concesso (= errore quadratico medio standard error) tn -1 parametro che dipende dall intervallo di confidenza atteso, ovvero la probabilità di conseguire tale margine sn deviazione standard (= variabilità) del carattere osservato misurata su un campione n Si esegue un carotamento su un campione di dimensione n, si rilevano le misure campionarie e quindi si applica la seguente formula: tn 1 * sn n E Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 2 51

52 LA T DI STUDENT (dimensionamento con deviazione std non nota) Il valore tn -1 è legato ad una distribuzione t di Student. Dalla tabella a fianco v = n -1 la colonna deve essere scelta pari alla metà del complemento ad 1 dell intervallo di confidenza es: volendo intervallo confidenza del 95% è necessario scegliere la colonna 0,05/2 = 0,025 Tanto più n è alto (tanto più il carotamento è stato profondo), tanto più T sarà basso e quindi il campione totale sarà contenuto Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 52

53 ESEMPIO DI NUMEROSITA DEL CAMIPIONE Supponiamo di volere conoscere la media delle quantità acquisite di un determinato prodotto da una popolazione elevata di Clienti in una regione. Su un campione di n = 11 soggetti si è verificata una dev std pari a 20 Vogliano ottenere un errore massimo di 3 unità con un grado di confidenza del 90%. La dimensione del campione deve essere: 2 2 tn 1 * sn 1,812 * 20 n 146 E 3 Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz 53

54 ESEMPIO 1 DI PIANO DI CAMPIONAMENTO: SONDAGGIO POLITICO CON CONTATTO TELEFONICO CON SELEZIONE A PRIORI DEL CAMPIONE Nota metodologica Periodo di effettuazione delle interviste: Ottobre 2008 Modalità di somministrazione questionari: interviste con l'ausilio del sistema Telematico "Tempo Reale" Panel cittadini residenti in Italia, disaggregati per sesso, età ed area di residenza Committente: Repubblica.it Istituto Fornitore: IPR Marketing (www.iprmarketing.it) Percentuale di rispondenti: 93% Direttore dell'istituto: Antonio Noto Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

55 ESEMPIO 2 DI PIANO DI CAMPIONAMENTO: SONDAGGIO POLITICO CON UTILIZZO WEB E CORREZIONE A POSTERIORI DEL CAMPIONE Nota metodologica Indagine demoscopica, realizzata online dall Istituto Nazionale di Ricerche Demopolis tra i lettori di famigiacristiana.it dal 5 al 7 dicembre Al sondaggio, condotto dall Istituto Demopolis con metodologia CAWI tra i navigatori del sito hanno risposto cittadini. Al campione demoscopico in rientro è stata applicata una ponderazione sulle variabili di quota in relazione al genere ed alla fascia di età degli intervistati. Approfondimenti sul sito: Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

56 ESEMPIO 3 DI PIANO DI CAMPIONAMENTO E METODO SOMMINISTRAZIONE QUESTIONARIO / 1 Metodologia Il nostro Istituto ha realizzato un'indagine quantitativa per mezzo di un questionario strutturato. L'indagine è stata condotta sia telefonicamente (sistema CATI - Computer Assisted Telephone Interview) che online (C.A.W.I. - Computer Assisted Web Interview) Nel corso dell'intervista telefonica i dati sono riportati immediatamente sull'elaboratore elettronico (sistema C.A.T.I. - Computer Assisted Telephone Interview) e sono sottoposti a una procedura di correzione a posteriori al fine di correggere eventuali incongruenze e di sostituire eventuali dati mancanti. Contestualmente alla rilevazione dei dati viene attivato un meccanismo di controllo esterno, che permette di correggere eventuali errori sfuggiti all'attenzione del rilevatore. Ogni rilevazione è preceduta da una fase pilota volta a mettere in luce e ad eliminare eventuali problemi nella somministrazione del questionario. I campioni da noi contattati sono campioni per quote, estratti dalla lista dei nominativi riportati sugli elenchi telefonici dell'intera rete nazionale. I metodi usati per l'individuazione delle unità finali sono di tipo casuale, come per i campioni probabilistici, e riguardano tre livelli di stratificazione: zona geografica; classe di ampiezza demografica del comune; sesso. Tutti e tre i parametri sono uniformati ai dati forniti dall'istat (Censimento Generale della Popolazione e Annuario Statistico Italiano). In modo analogo, il sistema di rilevazione CAWI prevede la somministrazione del questionario sulla piattaforma di SWG cui possono accedere solo le persone regolarmente invitate. Queste persone vengono estratte in modo statisticamente appropriato ai fini della ricerca e sono riconosciute dal sistema grazie all'immissione di una login (unica ed univoca per ciascun rispondente) e una password. Una volta entrati nel sistema di rilevazione online i soggetti vengono sottoposti ad una fase di screening. Sulla base di questi parametri sono stati localizzati dei Comuni-campione, all'interno dei quali i rilevatori svolgono le interviste prefissate, nell'ambito delle indicazioni emerse dalla stratificazione di cui sopra. Le quote riguardano quindi le unità finali (il singolo individuo) da intervistare. Questa indagine è stata condotta all'interno di un campione nazionale di 2500 soggetti di età superiore ai 18 anni. Marketing Industriale e dei Servizi - A.A prof. Marco Daz

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda Capire i mercati Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca Agenda w Quali sono le componenti di un moderno sistema informativo di marketing?

Dettagli

Corso di Analisi Statistica per le Imprese (9 CFU) Prof. L. Neri a.a. 2011-2012

Corso di Analisi Statistica per le Imprese (9 CFU) Prof. L. Neri a.a. 2011-2012 Corso di Analisi Statistica per le Imprese (9 CFU) Prof. L. Neri a.a. 2011-2012 1 Riepilogo di alcuni concetti base Concetti di base: unità e collettivo statistico; popolazione e campione; caratteri e

Dettagli

Save the children Rapporto quantitativo Milano, Settembre 2010

Save the children Rapporto quantitativo Milano, Settembre 2010 Save the children Rapporto quantitativo Milano, Settembre 2010 Rif. 1517v110 Indice 2 Obiettivi e metodo Pag. 3 Consapevolezza sulla mortalità infantile 4 Sensibilità verso la mortalità infantile 11 Key

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

INDAGINI SUL CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE

INDAGINI SUL CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE 30 marzo 2015 NDAGN SUL CLMA D FDUCA DELLE MPRESE Le nuove serie in base 20=0 A partire dal mese di marzo 2015, l stituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione delle nuove serie dell indice composito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2012 l 80% delle famiglie colpite direttamente dalla crisi, quasi il 90% dei nostri concittadini ha ridotto le spese

COMUNICATO STAMPA. Nel 2012 l 80% delle famiglie colpite direttamente dalla crisi, quasi il 90% dei nostri concittadini ha ridotto le spese Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA PROSPETTIVE 2013, SONDAGGIO CONFESERCENTI SWG: CRISI DI FIDUCIA, QUASI NOVE SU DIECI NON CREDONO IN UN MIGLIORAMENTO DELLA SITUAZIONE ECONOMICA ITALIANA. SEI SU DIECI VOGLIONO

Dettagli

UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA ELETTRODOMESTICO ROTTO? LO RIPARO, NON LO CAMBIO CASA. agosto 2013

UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA ELETTRODOMESTICO ROTTO? LO RIPARO, NON LO CAMBIO CASA. agosto 2013 UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA ELETTRODOMESTICO ROTTO? LO RIPARO, NON LO CAMBIO CASA agosto 2013 Elettrodomestico fa le bizze? Non si cambia più. Si ripara. Cresce il ricorso agli artigiani

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

AUTOMOBILE: BOOM DI RIPARAZIONI E DI IMPIANTI A GAS

AUTOMOBILE: BOOM DI RIPARAZIONI E DI IMPIANTI A GAS UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA AUTOMOBILE: BOOM DI RIPARAZIONI E DI IMPIANTI A GAS agosto 2013 L auto non si cambia, si va dal meccanico Boom di impianti a gas L auto che si cambia a ogni

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Progetto della Organizzato da Indagine realizzata da Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 22 gennaio 2008 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

SONDAGGIO Censis Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO

SONDAGGIO Censis Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO SONDAGGIO Censis Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia Questionario ai docenti

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 novembre 2014 Indice Indice... 2 Disegno campionario

Dettagli

SONDAGGIO censis 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione. NOTA INFORMATIVA SONDAGGIO 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione

SONDAGGIO censis 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione. NOTA INFORMATIVA SONDAGGIO 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione SONDAGGIO censis 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione Autore: Censis GfK-Eurisko Committente e Acquirente: Ucsi Oggetto del sondaggio: monitoraggio dell

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI IN PUGLIA

ELEZIONI REGIONALI IN PUGLIA per ELEZIONI REGIONALI IN PUGLIA INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELLE CANDIDATURE E SUGLI ORIENTAMENTI DI VOTO ALLE ELEZIONI REGIONALI 24 APRILE 2015 Gradimento dei candidati tra chi li conosce Lei ha molta,

Dettagli

Tabella per l'analisi dei risultati

Tabella per l'analisi dei risultati Vai a... UniCh Test V_Statistica_Eliminatorie Quiz V_Statistica_Eliminatorie Aggiorna Quiz Gruppi visibili Tutti i partecipanti Info Anteprima Modifica Risultati Riepilogo Rivalutazione Valutazione manuale

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale

Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale Università degli Studi di Udine Laboratorio di Ricerca Economica e Manageriale Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale Milano, 10 marzo 2011 Considerazioni di metodo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La misurazione e previsione della domanda

La misurazione e previsione della domanda La misurazione e previsione della domanda Alessandro De Nisco Università del Sannio denisco@unisannio.it Introduzione COME PUO ESSERE DEFINITA LA DOMANDA DEL MERCATO? La domanda del mercato per un prodotto

Dettagli

LA STATISTICA AZIENDALE

LA STATISTICA AZIENDALE LA STATISTICA AZIENDALE (Sintesi da Prof.ssa M.R. Ferrante www2.stat.unibo.it/ferrante/stataziendale.htm) Insieme dei metodi statistici utilizzabili per la raccolta, l organizzazione e l analisi dei dati

Dettagli

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003 Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013 Seconda edizione CONFERENZA STAMPA Indagine presso le famiglie Torino, 13 settembre 2013 (Rif. 1621v112) Partner dell Osservatorio 2 Patrocinio 3 Cap.1 - Il

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

L opinione dei consumatori sulle aperture domenicali

L opinione dei consumatori sulle aperture domenicali L opinione dei consumatori sulle aperture domenicali degli esercizi commerciali c Il confronto dei risultati riferiti al campione di popolazione italiana Milano, gennaio 2013 Per 6 italiani su 10 si tratta

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

La gestione dei Clienti è una disciplina, che solo chi vende conosce veramente

La gestione dei Clienti è una disciplina, che solo chi vende conosce veramente La gestione dei Clienti è una disciplina, che solo chi vende conosce veramente L arte di Bigblue nasce dall unione di 1. anni di esperienza di marketing e vendita in multinazionali come IBM 2. grande esperienza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO Il volto poco amico delle banche Metodologia Indagine quantitativa condotta mediante somministrazione telefonica (sistema C.A.T.I. Computer Assisted Telephone Interview)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company La nuova voce del verbo CRM La soluzione ideale per il marketing e le vendite A WoltersKluwer Company Player il cliente al centro della nostra attenzione. Player: la Soluzione per il successo nelle vendite,

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

PON 2007-2013. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Distretto Scolastico n. 49 - GINOSA (TA)

PON 2007-2013. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Distretto Scolastico n. 49 - GINOSA (TA) PON 2007-2013 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Distretto Scolastico n. 49 - GINOSA (TA) Di cosa si occupa questo indirizzo? Si occupa di studiare i contenuti delle competenze economiche, giuridiche

Dettagli

SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I. SoftwareSirio V10 SIDIS per il settore della distribuzione

SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I. SoftwareSirio V10 SIDIS per il settore della distribuzione SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I SoftwareSirio V10 SIDIS per il settore della distribuzione A CHI SI RIVOLGE Alle Piccole e Medie Imprese Italiane del settore merceologico della distribuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Matematica Corsi di laurea in: MATEMATICA - triennale (Classe n. 32 Scienze Matematiche) MATEMATICA - specialistica (Classe n. 45/S Matematica) Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEI MUTUI

LE NUOVE REGOLE DEI MUTUI TAB. 1.1 Classi di età Considera l acquisto di un immobile un investimento o un indebitamento? Investimento 66 74 59 66 Indebitamento 21 14 28 19 Non mi pongo il problema 13 12 13 15 TAB. 1.2 Considera

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati)

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati) Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DI RICERCHE DI MERCATO, DI TIPO QUALITATIVO E QUANTITATIVO, SULLA COMUNICAZIONE E LA BRAND IMAGE PER LE SOCIETÀ DEL GRUPPO FERROVIE DELLO STATO pag. 1 1. PREMESSA

Dettagli

Attila getting leadership

Attila getting leadership Attila Il gestionale operativo disegnato per le piccole e medie imprese - Vilcor Multimedia srl, tutti i diritti riservati Introduzione Attila è una piattaforma gestionale che integra strumenti di marketing

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Plurimpresa/e-commerce. soluzione di commercio elettronico

Plurimpresa/e-commerce. soluzione di commercio elettronico Plurimpresa/e-commerce soluzione di commercio elettronico Plurimpresa/e-commerce Plurimpresa/e commerce è la soluzione di Commercio Elettronico di Plurima Software utilizzabile, sia dal cliente consumer

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

L IT a supporto degli intermediari e del servizio al cliente

L IT a supporto degli intermediari e del servizio al cliente L IT a supporto degli intermediari e del servizio al cliente Claudio Belletti Direttore Commerciale - Unipol Assicurazioni Milano, 24 11 2011 Forum della distribuzione assicurativa AGENDA Da Informatica

Dettagli

Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet

Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet Human Highway Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet Milano, 14 1 Obiettivi dell indagine Analisi delle valutazioni sul prossimo voto politico La ricerca si pone l obiettivo

Dettagli

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA Marzo 2011 Indagine sui tempi medi di pagamento nelle transazioni commerciali tra piccole imprese, privati e Pubblica Amministrazione

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli