IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems."

Transcript

1 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

2 IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

3 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti

4 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements 4 IQNet SR 10. Social responsibility management systems. Requirements IQNet, 2011 All rights reserved. Unless otherwise specified, no part of this publication may be reproduced or utilized in any form or by any means, electronic or mechanical, including photocopying and microfilm, without permission in writing from IQNet at the address below. IQNet Association The International Certification Network Bollwerk 31 P.O. Box 406 CH-3000 Bern 7 Switzerland Phone: Fax: Web:

5 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti 5 IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti IQNet, 2012 Tutti i diritti sono riservati. A meno di indicazioni differenti, nessuna parte del presente documento può essere riprodotta o diffusa in alcuna forma o con alcun mezzo, elettronico o meccanico, incluse fotocopie e microfilm, senza il consenso scritto di IQNet all indirizzo sotto indicato. IQNet Association The International Certification Network Bollwerk 31 P.O. Box 406 CH-3000 Bern 7 Switzerland Phone: Fax: Web: Traduzione ufficiale in lingua italiana. In caso di discrepanza tra la versione inglese e una qualsiasi delle altre versioni linguistiche del presente standard, la versione in lingua inglese prevarrà. Traduzione fornita da

6 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements 6 Contents 0. Introduction General Principles of social responsibility management systems Scope General Application Normative references Terms and definitions Consumer Customer Ethical behavior Impact of an organization International norms of behavior Organization Sphere of influence Social responsibility Social responsibility management Social responsibility manual Stakeholders Supplier Sustainability Sustainable development Top management Universal accessibility Value chain Social responsibility management system General requirements Documentation requirements General Social responsibility manual Control of documents Control of records Management responsibility Management commitment Social responsibility policy Planning Objectives, targets and programs Social responsibility management system planning Responsibility, authority and communication Responsibility and authority Management representative... 42

7 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti 7 Indice 0. Introduzione Generalità Principi dei sistemi di gestione per la responsabilità sociale Scopo e campo di applicazione Generalità Applicazione Riferimenti normativi Termini e definizioni Consumatore Cliente Comportamento etico Impatto di un organizzazione Norme internazionali di comportamento Organizzazione Sfera di influenza Responsabilità sociale Gestione della responsabilità sociale Manuale della responsabilità sociale Portatori di interessi (Stakeholder) Fornitore Sostenibilità Sviluppo sostenibile Alta direzione Accessibilità universale Catena del valore Sistema di gestione per la responsabilità sociale Requisiti generali Requisiti relativi alla documentazione Generalità Manuale della responsabilità sociale Tenuta sotto controllo dei documenti Tenuta sotto controllo delle registrazioni Responsabilità della direzione Impegno della direzione Politica della responsabilità sociale Pianificazione Obiettivi, traguardi e programmi Pianificazione del sistema di gestione per la responsabilità sociale Responsabilità, autorità e comunicazione Responsabilità e autorità Rappresentante della direzione... 43

8 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements Communication Legal and other requirements Management review of the system Review input Review output Resource management General Competence, training and awareness Requirements of the social responsibility management system regarding Stakeholders General Requirements to be fulfilled by the organization regarding owners, shareholders and investors Management effectiveness and efficiency Organizational governance Informative transparency Voting rights and representation Requirements to be fulfilled by the organization regarding employees Non-discrimination Right to privacy Forced labour Child labour Health and Safety (H&S) Accessible environments Association and bargaining Work conditions and wages Employment agreement Training, employability and career development Work-life balance Respect for employee dignity Requirements to be fulfilled by the organization regarding customers, users and consumers Promotions and advertising Contracts Confidentiality and privacy Honesty Customer service and after sales service Socially responsible goods and services Requirements to be fulfilled by the organization regarding product suppliers, service providers and partners Support for the principles of social responsibility in the supply chain Execution and performance of contracts Confidentiality and privacy Honesty Requirements to be fulfilled by the organization in its alliances and collaborative efforts Requirements to be fulfilled by the organization regarding competitors Requirements to be fulfilled by the organization regarding government Cooperation and transparency... 62

9 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti Comunicazione Requisiti legali e altri requisiti Riesame del sistema da parte della direzione Elementi in ingresso per il riesame Elementi in uscita dal riesame Gestione delle risorse Generalità Competenza, formazione-addestramento e consapevolezza Requisiti del sistema di gestione per la responsabilità sociale riguardanti gli Stakeholder Generalità Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto a proprietari, azionisti e investitori Efficacia ed efficienza di gestione Governo (Governance) dell organizzazione Trasparenza delle informazioni Diritti di voto e rappresentanza Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto ai dipendenti Non discriminazione Diritto alla riservatezza Lavoro forzato Lavoro minorile Salute e Sicurezza (H&S) Ambienti accessibili Associazione e contrattazione Salari e condizioni di lavoro Accordi di lavoro Formazione, occupabilità e sviluppo di carriera Bilanciamento tra lavoro e vita privata Rispetto della dignità del personale Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto a clienti, utilizzatori e consumatori Promozione e pubblicità Contratti Confidenzialità e riservatezza Onestà Servizi al cliente e altri servizi post vendita Beni e servizi socialmente responsabili Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto a fornitori di prodotti e servizi e partner Promozione dei principi di responsabilità sociale nella catena di fornitura Esecuzione e adempimento dei contratti Confidenzialità e riservatezza Onestà Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto a sue alleanze e iniziative di collaborazione Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto ai concorrenti Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto alle organizzazioni governative Cooperazione e trasparenza... 63

10 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements Non-interference Tax obligations Honesty Requirements to be fulfilled by the organization regarding the community and the society Engagement Promotion of local development Investment in the community and the society Requirements to be fulfilled by the organization regarding the environment Pollution and climate change prevention, and efficient use of resources Ecosystem and biodiversity conservation Respect for animal life Measurement, analysis and improvement General Monitoring and measurement of the social responsibility management system Analysis of data Evaluation of legal compliance Stakeholder expectations Nonconformity, corrective action and preventive action Internal audit Annex A (informative) International reference documents Annex B (informative) Correspondence between IS and IQNet SR

11 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti Non interferenza Doveri fiscali Onestà Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto alla comunità e alla società Coinvolgimento Promozione dello sviluppo locale Investimenti nella comunità e nella società Requisiti che l organizzazione deve soddisfare rispetto all ambiente Prevenzione dell inquinamento e dei cambiamenti climatici, e uso efficiente delle risorse Conservazione dell ecosistema e della biodiversità Rispetto per la vita degli animali Misurazione, analisi e miglioramento Generalità Monitoraggio e misurazione del sistema di gestione per la responsabilità sociale Analisi dei dati Valutazione della conformità legale Aspettative degli stakeholder Non conformità, azioni correttive e preventive Audit interno Appendice A (informativa) Documenti internazionali di riferimento Appendice B (informativa) Corrispondenza tra IS e IQNet SR

12 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements Introduction 0.1. General This specification establishes the requirements for a social responsibility management system for organizations that are committed to existing social responsibility principles and recommendations and, in particular, those set out in the ISO International Standard (see Annex B). On the basis of the criteria set out in this International Standard and the wide-ranging extant literature on social responsibility, this specification establishes a social responsibility management system based on the methodology known as Plan-Do-Check-Act (PDCA). The PDCA cycle can be briefly described as follows: Plan: establish the objectives and processes necessary to deliver results in accordance with the organization s social responsibility policy. Do: implement the requirements. Check: monitor and measure the requirements against social responsibility policy, objectives, targets and legal and other requirements, and report on the results. Act: take actions to continually improve the performance of the social responsibility management system. The basis of this approach is shown in figure 1. Continual improvement Management Review Social Responsibility Policy Planning Checking Implementation and operation Figure 1. Social responsibility management system model The requirements for the social responsibility management system set out in this specification are the elements of an instrument towards progress in social responsibility management that is compatible with other management tools such as the ISO 9001 quality standard, the ISO environment standard, the OHSAS occupational health and safety specification and the SA 8000 social accountability specification.

13 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti Introduzione 0.1. Generalità La presente norma stabilisce i requisiti di un sistema di gestione per la responsabilità sociale per le organizzazioni che si impegnano a rispettare i principi e le raccomandazioni in essere sulla responsabilità sociale e, in particolare, quelli contenuti nella Norma Internazionale ISO (vedere Appendice B). Sulla base dei criteri contenuti nella presente norma internazionale e dell ampia letteratura in essere sulla responsabilità sociale, la presente norma definisce i requisiti di un sistema di gestione per la responsabilità sociale basato sulla metodologia nota come PDCA Plan-Do-Check-Act (Pianificare- Attuare-Verificare-Agire). Il ciclo PDCA può essere brevemente descritto nel modo seguente: Plan: stabilire gli obiettivi e i processi necessari per fornire risultati conformi alla politica della responsabilità sociale dell organizzazione. Do: attuare i requisiti. Check: monitorare e misurare i requisiti rispetto alla politica della responsabilità sociale, ad obiettivi e traguardi, alle prescrizioni legali e alle altre prescrizioni, e riportarne i risultati. Act: intraprendere azioni per migliorare in continuo la prestazione del sistema di gestione per la responsabilità sociale. Il modello di base di tale approccio è illustrato in figura 1. Miglioramento continuo Riesame della direzione Politica della Responsabilità Sociale Pianificazione Verifica Attuazione e funzionamento Figura 1. Modello del sistema di gestione per la responsabilità sociale I requisiti del sistema di gestione per la responsabilità sociale contenuti nella presente norma sono gli elementi di uno strumento rivolto al progresso nella gestione della responsabilità sociale, compatibile con altri strumenti di gestione quali la norma ISO 9001 per la qualità, la norma ISO per l ambiente, la norma OHSAS per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e la norma SA 8000 per la responsabilità sociale.

14 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements 14 This specification has been prepared as the outcome of: a) An awareness that social responsibility is now an established concept in the economic, environmental and social debate, and the belief that it is a useful concept for the progress of society. b) The usefulness of providing an instrument enabling organizations to move forward in the field of social responsibility and communicate their progress, and particularly among small and mediumsized enterprises, in proportion to their scale. c) Demand from many organizations that use certification bodies services to improve in relation to a given objective such as quality, relationship with the environment or occupational health and safety and are willing to apply in the field of social responsibility those management techniques that have proved effective in those domains. These organizations implement their policies and set their social responsibility objectives in markets and environments that are becoming increasingly sensitive to social responsibility issues. These are markets that organizations cannot shun and whose demands they are called upon to meet, and which at the same time offer competitive advantages to those actors that best satisfy their expectations. As in the case of other management systems, this system contains auditable requirements that assure continual improvement of the social responsibility management system; however, it does not set absolute requirements in relation to social responsibility, other than: a) Legal duties applicable to an organization. b) The management system requirements set out in this specification and any other requirement to which the organization subscribes or establishes. c) The organization s own objectives. This specification establishes certifiable requirements. Note: Although ISO was used as a basis for the establishment of this specification; its implementation and certification cannot be used by the organization to claim conformity to ISO Principles of social responsibility management systems Actions taken in the realm of social responsibility management are based on a range of widely accepted general principles that apply regardless of the nature of the activities, the size of the organization, geographical location or other specific features, and which are additional to respect for universal rights and principles. An organization shall base their behaviour and conduct in the international recognised social responsibility principles. ISO provides guidance on seven principles of social responsibility. These principles are: a) Accountability.

15 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti 15 La presente norma è stata elaborata come risultato di: a) La consapevolezza che la responsabilità sociale è oggi un concetto affermato nel dibattito economico, ambientale e sociale, e la convinzione che sia un concetto utile per il progresso della società. b) L utilità di fornire alle organizzazioni uno strumento che consenta di avanzare nel campo della responsabilità sociale e comunicare i propri progressi, in particolare per le piccole e medie imprese, in proporzione alle loro dimensioni. c) La domanda proveniente dalle molte organizzazioni che utilizzano i servizi degli enti di certificazione per il miglioramento in riferimento a obiettivi definiti quali la qualità, i rapporti con l ambiente o la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e sono disposte ad applicare nel campo della responsabilità sociale quelle stesse tecniche di gestione che si sono dimostrate efficaci nelle suddette aree. Queste organizzazioni attuano le loro politiche e stabiliscono i propri obiettivi per la responsabilità sociale in mercati e ambienti che stanno diventando sempre più sensibili alle problematiche della responsabilità sociale. Questi sono mercati e domande che non possono essere ignorati dalle organizzazioni, anche in riferimento ai vantaggi competitivi che offrono a quegli attori che meglio soddisfano le loro aspettative. Come nel caso di altri sistemi di gestione, il presente sistema contiene requisiti verificabili che assicurano il continuo miglioramento del sistema di gestione per la responsabilità sociale; tuttavia, non stabilisce requisiti assoluti per la responsabilità sociale che vadano oltre: a) I doveri legali applicabili all organizzazione. b) I requisiti del sistema di gestione contenuti nella presente norma e altri requisiti che l organizzazione sottoscrive o stabilisce. c) Gli obiettivi propri dell organizzazione. La presente norma definisce requisiti certificabili. Nota: Sebbene la norma ISO sia stata utilizzata come base per la definizione della presente norma; la sua attuazione e certificazione non può essere usata da un organizzazione per rivendicare la propria conformità alla norma ISO Principi dei sistemi di gestione per la responsabilità sociale Le azioni intraprese nel campo della gestione della responsabilità sociale si basano su una serie di principi generali ampiamente accettati che si applicano a prescindere dalla natura delle attività, dalla dimensione dell organizzazione, posizione geografica o altre caratteristiche specifiche addizionali rispetto ai diritti e ai principi universali. Un organizzazione deve impostare il proprio comportamento e la propria condotta in riferimento ai principi della responsabilità sociale riconosciuti a livello internazionale. La norma ISO fornisce una guida sui sette principi della responsabilità sociale. Questi principi sono: a) Responsabilità di rendere conto (Accountability).

16 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements 16 b) Transparency. c) Ethical behaviour. d) Respect for stakeholder interests. e) Respect for the rule of law. f) Respect for international norms of behaviour. g) Respect for human rights. Note: For more information about these principles see ISO Guidance on social responsibility. In addition, leading and operating an organization successfully requires that it be managed in a systematic and transparent manner. Success can result from implementing and maintaining a management system that is designed to improve performance continually by addressing the needs of all the stakeholders. In addition to social responsibility principles outlined above, an organisation shall respect the following principles related to management system: a) Cross-disciplinary application Social responsibility should integrate with the organization s decision-making and actions as a whole, taking account of all its dimensions: social, economic and environmental. b) Leadership Leaders should establish and maintain the internal environment in which people can become involved in achieving the organization s objectives. c) Stakeholder approach The organization should be aware of and consider its stakeholders needs and expectations, with reference to the specific features of its business. Stakeholders involvement in social responsibility actions requires that they engage in a shared commitment, although this need not mean that they must relinquish the legitimate defence of their interests. d) Consistency with commitments The organization should take the steps required to honour its commitments and abstain from activities or practices that conflict with those commitments or with basic rights and principles or general principles. e) Voluntary basis The starting point of social responsibility must always be the organization s voluntary engagement with stakeholders, society and the market, without reference to any kind of normative imposition as to the application of social responsibility. f) Additionality The organization should voluntarily incorporate into its management and culture practices that go beyond legal requirements, and that cannot be treated as an alternative to legal compliance, or as a justification to ignore it.

17 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti 17 b) Trasparenza. c) Comportamento etico. d) Rispetto degli interessi degli stakeholder. e) Rispetto del principio di legalità. f) Rispetto delle norme internazionali di comportamento. g) Rispetto dei diritti umani. Nota: Per maggiori informazioni su questi principi vedi ISO Guida sulla responsabilità sociale. Inoltre, condurre e fare funzionare con successo un organizzazione richiede che la stessa sia gestita in modo sistematico e trasparente. Il successo può derivare dall attuazione e mantenimento di un sistema di gestione progettato per migliorare continuamente le prestazioni, rispondendo ai bisogni di tutti gli stakeholder. In aggiunta ai principi sulla responsabilità sociale sopra indicati, un organizzazione deve rispettare i seguenti principi riferiti ai sistemi di gestione: a) Applicazione multidisciplinare La responsabilità sociale dovrebbe integrarsi con l intero processo decisionale e operativo, prendendo in considerazione tutte le sue dimensioni: sociale, economica e ambientale. b) Leadership I leader dovrebbero stabilire e mantenere un ambiente interno che favorisca il coinvolgimento del personale nel raggiungimento degli obiettivi dell organizzazione. c) Approccio agli stakeholder L organizzazione dovrebbe essere a conoscenza e prendere in considerazione gli interessi e le aspettative dei propri stakeholder, in riferimento alla specificità delle proprie attività. Il coinvolgimento degli stakeholder in azioni di responsabilità sociale richiede un impegno comune, nonostante questa esigenza non significhi che gli stakeholder debbano rinunciare alla legittima difesa dei propri interessi. d) Coerenza rispetto agli impegni presi L organizzazione deve adottare le misure necessarie per onorare i propri impegni e astenersi da attività o pratiche che siano in conflitto con tali impegni o con i diritti e principi fondamentali o i principi generali. e) Volontarietà Il punto di partenza della responsabilità sociale deve essere sempre l impegno volontario dell organizzazione nei confronti degli stakeholder, la società e il mercato, senza riferimento ad alcun tipo di imposizione normativa per l applicazione della responsabilità sociale. f) Addizionalità L organizzazione dovrebbe integrare volontariamente, nella propria gestione e cultura, pratiche che vadano oltre i requisiti legali, che non possono però essere considerate un alternativa al rispetto della legge, né una giustificazione a ignorarla.

18 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements 18 g) Efficiency Social responsibility should be managed on a basis of efficiency that remains consistent with the creation of added value and helps the organization to improve in the medium and long term. h) Continual improvement The organization should make provision for the resources to be in place for continual improvement of the operation and outcomes of its social responsibility management system.

19 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti 19 g) Efficienza La responsabilità sociale dovrebbe essere gestita secondo criteri di efficienza coerentemente con la necessità di creare valore aggiunto e in modo da aiutare le organizzazioni a migliorare nel medio e lungo termine. h) Miglioramento continuo L organizzazione dovrebbe mettere a disposizione le risorse necessarie al continuo miglioramento delle attività e dei risultati del proprio sistema di gestione per la responsabilità sociale.

20 IQNet SR 10 Social responsibility management systems. Requirements Scope 1.1. General This specification establishes requirements for defining, implementing, maintaining and improving a social responsibility management system so as to integrate social responsibility within all the organization and to contribute to sustainable development, taking into account stakeholder s needs and expectations to show the capacity of an organization to fulfil, through an ethical and transparent behaviour: a) Applicable legal requirements. b) The requirements established in this specification. c) The social responsibility policy, the objectives and the requirements established by the organization with respect its stakeholders. d) Those other own voluntary requirements related to social responsibility adopted by the organization Application The implementation of a social responsibility management system must take account of: a) The characteristics and size of the organization, particularly if it is an Small or Medium Organization (SMO). b) The organization s value change and sphere of influence. Implementation and assessment must also take account of the system s compatibility with other management systems. Where any requirement(s) cannot be applied due to the nature of an organization, this can be considered for exclusion. Where exclusion is made, claims of conformity to this specification are not acceptable unless these exclusions are limited to the requirements of clause 7, and are justified accordingly.

21 IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti Scopo 1.1. Generalità La presente norma specifica i requisiti per la definizione, attuazione, mantenimento e miglioramento di un sistema di gestione per la responsabilità sociale che consenta di integrare la responsabilità sociale in tutta l organizzazione e contribuire allo sviluppo sostenibile, tenendo conto delle esigenze e delle aspettative degli stakeholder per mostrare la capacità di un organizzazione di soddisfare, attraverso un comportamento etico e trasparente: a) I requisiti legali applicabili. b) I requisiti definiti nella presente norma. c) La politica della responsabilità sociale, gli obiettivi e i requisiti stabiliti dall organizzazione per quanto riguarda i propri stakeholder. d) Tutti i requisiti volontari per la responsabilità sociale adottati dall organizzazione Applicazione L attuazione di un sistema di gestione per la responsabilità sociale deve tenere conto di: a) Le caratteristiche e le dimensioni dell organizzazione, in particolare se è una piccola o media organizzazione (PMI). b) La catena del valore dell organizzazione e la sua sfera di influenza. L attuazione e la valutazione devono anche tenere in considerazione la compatibilità del sistema con altri sistemi di gestione. Qualora alcuni requisiti della presente norma non possano essere applicati a causa della natura di un organizzazione, può essere presa in considerazione la possibilità di una loro esclusione. Qualora siano effettuate esclusioni, le dichiarazioni di conformità alla presente norma non sono accettabili a meno che queste esclusioni siano limitate ai requisiti di cui al punto 7, e siano giustificate di conseguenza.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione ISO 9001:2015 Il processo di revisione 1 Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione Marzo 2014: meeting ISO a Parigi ha completato la preparazione dell ISO/DIS 9001 (riesame dei commenti

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA Scopo dell intervento Una panoramica sulle modifiche dell edizione 2008 della ISO 9001 per visualizzare la portata del cambiamento. I primi passi Individuare i cambiamenti

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008. Confindustria Cuneo

UNI EN ISO 9001:2008. Confindustria Cuneo UNI EN ISO 9001:2008 Confindustria Cuneo 25 Febbraio 2009 1 Accesso alla Documentazione Nel portale di Confindustria Cuneo c è una pagina dedicata ad ogni argomento/servizio ed in questo caso la pagina

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2015

LA NUOVA ISO 9001:2015 Aspettative e confronto con la versione 2008 Vincenzo Paolo Maria Rialdi Lead Auditor IRCA Amministratore Delegato e Direttore Tecnico Vevy Europe S.p.A. 2/9 BREVE STORIA DELLA NORMA ISO 9000 standard

Dettagli

La serie di Norme ISO 10000

La serie di Norme ISO 10000 La serie di Norme ISO 10000 Giovanni Mattana Giugno 2010 2 PERCHÉ UNA NUOVA ATTENZIONE ALLA SERIE DI NORME ISO 10000? La Norma Iso EN UNI 9001:2008, in vari punti specifici, ora rimanda alle norme della

Dettagli

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE Invertire il TREND: l industria diventa efficiente 4 ottobre 2012, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa come strumento per l innovazione e lo sviluppo territoriale

La responsabilità sociale d impresa come strumento per l innovazione e lo sviluppo territoriale Sostenibilità e Territorio. Quale ruolo per istituzioni, banche e imprese? Martedì 10 Giugno 2008 Loggia dei Mercanti Ancona La responsabilità sociale d impresa come strumento per l innovazione e lo sviluppo

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

2 CONVEGNO NAZIONALE SECEM. La nuova professionalità del futuro: best practice progettuali degli Esperti in Gestione dell Energia certificati SECEM

2 CONVEGNO NAZIONALE SECEM. La nuova professionalità del futuro: best practice progettuali degli Esperti in Gestione dell Energia certificati SECEM 2 CONVEGNO NAZIONALE SECEM La nuova professionalità del futuro: best practice progettuali degli Esperti in Gestione dell Energia certificati SECEM BEST PRACTICE La certificazione ISO 50001 di un Impresa

Dettagli

Politica Ambientale del Gruppo Generali. Environmental Policy of the Generali Group

Politica Ambientale del Gruppo Generali. Environmental Policy of the Generali Group Politica Ambientale del Gruppo Generali Environmental Policy of the Generali Group Editore Responsabilità Sociale d Impresa Editing Corporate Social Responsibility Coordinamento Grafico Comunicazione di

Dettagli

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di successo. Non solo come risposta ad un adempimento di

Dettagli

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org International Organization for Standardization www.iso.org 1 Sistemi di Gestione della Qualità: il Modello ISO Daniele Gerundino Strategic Adviser to the Secretary-General Perugia, La qualità negli atenei

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT 1 Sviluppare competenze nel Singolo e nel Gruppo 2 Creare Sistemi per la gestione delle attività del Singolo nel Gruppo 3 Innescare dinamiche

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001. Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto

La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001. Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001 Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto 1) I Documenti di inquadramento per la revisione della norma

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA?

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Qualità 4-2013 CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Giovanni Mattana IL CONTESTO Scrivevamo due anni fa che il Risk Management porta a fattor comune molti aspetti finora trattati

Dettagli

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa Cosa fa IBM Cognos Scorecards & Dashboards Reports Real Time Monitoring Supporto? Decisionale Come stiamo andando? Percezione Immediate immediata

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Functional Safety Assessment e strumenti di supporto ai requisiti della norma ISO 26262 Carlo La Torre 4S Group - Management Systems & Functional Safety Senior Expert Renato Librino 4S Group

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale:

Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale: LA REVISIONE DELLE MSS Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale: ISO 9001:2008 ISO 14001:2004 BS OHSAS 18001:2007 ISO 9001:2015 ISO 14001:2015 ISO 45001:2016 sono attualmente

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

USER LICENSE LICENZA D USO

USER LICENSE LICENZA D USO LICENZA D USO UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (d ora in avanti denominati solo prodotto ) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente,

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

La condensazione della nuvola

La condensazione della nuvola La condensazione della nuvola BS ISO/IEC 27001: 2005 e cloud computing Come si trattano i gas? Rendendoli liquidi Comprimendoli e inserendoli in contenitori CONDENSANDOLI allora possono essere trattati,

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

L audit in incognito rif. ISO/TS 11312

L audit in incognito rif. ISO/TS 11312 Seminario AICQ SICEV SICEP Sessione di aggiornamento dedicata ai Registri AICQ SICEV SICEP Sistemi di Gestione per la Qualità e audit in incognito: un binomio possibile? Roma, 26 Settembre 2014 Milano,

Dettagli

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In Francesca Rulli 25 marzo 2015 - Dossobuono di Villafranca (Vr) DALLA DECISIONE STRATEGICA ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA L impresa SOSTENIBILE

Dettagli

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Raoul Savastano Responsabile Security Services Kpmg Information

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

L INFORMATIVA GRI (CORE)

L INFORMATIVA GRI (CORE) 90 TABELLA DI CORRISPONDENZA CON L INFORMATIVA GRI (CORE) La presente tabella di raccordo indica la corrispondenza tra l informativa standard richiesta dalle nuove linee guida del Global Reporting Initiative

Dettagli

Pannello LEXAN BIPV. 20 Novembre 2013

Pannello LEXAN BIPV. 20 Novembre 2013 Pannello LEXAN BIPV 20 Novembre 2013 PANELLO LEXAN BIPV Il pannello LEXAN BIPV (Building Integrated Photovoltaic panel) è la combinazione di una lastra in policarbonato LEXAN con un pannello fotovoltaico

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000

La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000 La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000 Autore: Maxime Sottini Consigliere itsmf Italia itsmf International IQC Officer CEO icons Innovative Consulting S.r.l. COBIT è un marchio registrato

Dettagli

COBIT. COBIT è un modello di riferimento che comprende una raccolta di best practice

COBIT. COBIT è un modello di riferimento che comprende una raccolta di best practice COBIT Il COBIT (Control Objectives for Information and related Technology ) e' un set (freamework) di best practices per il management dell'it creato dall'isaca (Information Systems Audit and Control Association

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Creating Your Future. Linee guida

Creating Your Future. Linee guida Creating Your Future IL CICLO DEL PERFORMANCE MANAGEMENT Un approccio sistematico Linee guida Il focus si sta spostando dal personale inteso come un costo al personale come fonte di valore 35% 30% 25%

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Professional: Management and Improvement of IT Service Management processes according to ISO/IEC 20000 (IS20PMI.IT)

Professional: Management and Improvement of IT Service Management processes according to ISO/IEC 20000 (IS20PMI.IT) Exam requirements Professional: Management and Improvement of IT Service Management processes according to ISO/IEC 20000 (IS20PMI.IT) Data di pubblicazione 01-12-2009 Data di inizio 01-12-2008 Esame Destinatari

Dettagli

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche AIM Italia: Membership: dal 1 febbraio 2010 Amendments to the AIM Italia: Membership:

Dettagli

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Cloud computing e processi di outsourcing dei servizi informatici La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Domenico Francavilla Dipartimento di Scienze Giuridiche Università

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

L applicazione della ISO 50001 e il cammino da percorrere Daniele Forni, FIRE

L applicazione della ISO 50001 e il cammino da percorrere Daniele Forni, FIRE L applicazione della ISO 50001 e il cammino da percorrere Daniele Forni, FIRE Gestione Energia: ISO 50001 ed energy management 10 ottobre 2012, Milano La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia

Dettagli

USER LICENSE LICENZA D USO

USER LICENSE LICENZA D USO LICENZA D USO UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (d ora in avanti denominati solo prodotto ) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente,

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

Studio I ng. Fab. rizio Di Crosta AGIRE 10/12/2008 1

Studio I ng. Fab. rizio Di Crosta AGIRE 10/12/2008 1 AGIRE 10/12/2008 1 Sommario 1.Perché misurare? 2.I KPI 3.Le Balanced Scorecard 4.Gli indicatori nelle ISO 9000:2008 5.Gli indicatori nel sistema di gestione 6.Esempi di indici 10/12/2008 2 Il contesto

Dettagli

Introduzione a COBIT 5 for Assurance

Introduzione a COBIT 5 for Assurance Introduzione a COBIT 5 for Assurance Andrea Pontoni 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 Agenda Obiettivi Assurance Definizione Drivers dell Assurance Vantaggi di

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012

I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012 I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner, ITIL V3 Foundation Indice PMI - A Guide to the Project

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

GIOVEDI 12 LUGLIO 2012 - ORE 18.00

GIOVEDI 12 LUGLIO 2012 - ORE 18.00 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TORINO Via Giovanni Giolitti, 1 10123 Torino Tel. 011.562.24.68 Fax 011.562.13.96 ordine.ingegneri@ording.torino.it - ordine.torino@ingpec.eu - www.ording.torino.it

Dettagli

Privacy e Sicurezza delle Informazioni

Privacy e Sicurezza delle Informazioni Privacy e Sicurezza delle Informazioni Mauro Bert GdL UNINFO Serie ISO/IEC 27000 Genova, 18/2/2011 Ente di normazione federato all UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) Promuove e partecipa allo

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CONTESTO - SCENARIO STRUMENTI NORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3 FOOD E GHG 4 2001 - LIBRO VERDE

Dettagli

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti Bando di gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di assistenza tecnica finalizzata al supporto alle attività di gestione, monitoraggio, valorizzazione e diffusione dei risultati del Programma

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Cesare Gallotti Milano, 14 marzo 2011 Agenda Presentazione

Dettagli

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Bologna, 29 aprile SAFER, SMARTER, GREENER Scenario normativo La prima edizione della norma ISO 9001 è stata pubblicata

Dettagli

Come la Certificazione IPMA sostiene l evoluzione del business Giuseppe Pugliese Direttore Certificazione IPMA Italy

Come la Certificazione IPMA sostiene l evoluzione del business Giuseppe Pugliese Direttore Certificazione IPMA Italy Come la Certificazione IPMA sostiene l evoluzione del business Giuseppe Pugliese Direttore Certificazione IPMA Italy TECNICHE MODERNE DI PROJECT CONTROL SEMINARIO - Roma 28.03.2013 IPMA 50 ANNI DI STORIA

Dettagli

Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE dei prodotti

Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE dei prodotti SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI 24 FEBBRAIO 2011 MILANO AFI e SSFA Barbara Paiola AFI Milano Classificazione del dispositivo Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso di studio: 3035 - ECONOMIA AZIENDALE Anno regolamento:

Dettagli

Nuova collezione / New collection

Nuova collezione / New collection Nuova collezione / New collection Edizione 01 / Edition 01 Polimor maniglie metallo, belle da vedere e da toccare Polimor metal handles, nice to be looked and to be touched Evoluzione del prodotto e del

Dettagli

Ing.Francesco Cecolin. Grisignano di Zocco 14 Febbraio 2009. Il rischio da stress lavoro correlato

Ing.Francesco Cecolin. Grisignano di Zocco 14 Febbraio 2009. Il rischio da stress lavoro correlato ZF MARINE Total Quality Management : Sistema di Gestione Manageriale Integrato (Strategie Processi-Valori) ZF Padova S.p.A. CERTIFICATION Ing. Francesco Cecolin ZF MARINE - Padova ZF MARINE - Padova ZF

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli