PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO"

Transcript

1 PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PREFETTURA DI SIENA, GLI ISTITUTI DI CREDITO DELLA PROVINCIA, LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E LE ASSOCIAZIONI ANTIUSURA E ANTIRACKET PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO SIENA, 23 FEBBRAIO 2010

2 PREMESSA Il presente Protocollo, in applicazione dell Accordo-Quadro per la prevenzione dell usura, sottoscritto il 31 luglio 2007 presso il Ministero dell Interno, ha la finalità di: - intensificare la collaborazione tra i soggetti firmatari in funzione di prevenzione del fenomeno dell usura; - attivare procedure operative più snelle ed efficaci per la migliore utilizzazione dei fondi antiusura di cui all art.15 della Legge n. 108/96; - potenziare il rapporto tra Banche, Fondazioni ed Associazioni antiusura nella prospettiva di una maggiore operatività degli anzidetti fondi per le famiglie ed altri soggetti che non hanno accesso ai Confidi. Sono innegabili la valenza sociale della legislazione antiusura e l impatto negativo che ogni forma di criminalità economica produce nel libero fluire del mercato dei beni e dei servizi per le imprese e le famiglie, nonché del clima di collaborazione registrato tra il settore bancario e quello dei consorzi di garanzia collettiva fidi. Il contenuto del presente Protocollo, e in particolare la necessità di ridefinire l iter per la concessione di finanziamenti, è stato annunciato nel corso della riunione dell Osservatorio provinciale per il credito e l economia, tenutasi il 19 ottobre 2009, anche per uniformarsi a quanto già sottoscritto presso le Prefetture di Firenze, Prato e Arezzo dalle Associazione di categoria e dagli Istituti di credito di quelle province. Per le finalità in precedenza richiamate viene quindi sottoscritto il presente Protocollo d intesa, che si compone delle disposizioni di seguito riportate. 1

3 ART. 1 (Referente per i finanziamenti) Le banche aderenti al presente protocollo si impegnano ad individuare al proprio interno uno o più soggetti con adeguata capacità professionale con il compito di seguire l iter istruttorio delle pratiche di fido relative all utilizzo dei Fondi di prevenzione dell usura (art. 15 della Legge n. 108/1996) e di interloquire con i Confidi, nonché con le Fondazioni e le Associazioni antiusura e antiracket (di seguito denominate Fondazioni e Associazioni) in convenzione con la Banca stessa. ART. 2 (Attività istruttoria) Le Banche aderenti al presente Protocollo si impegnano, tenendo nella massima considerazione le relazioni dei Confidi, nonché della Fondazione Toscana per la prevenzione dell usura, per quanto riguarda, in particolare, il rapporto garanzia/credito erogato, ad assumere le decisioni sulle proposte di finanziamento in tempi rapidi, rapportabili, in media, a 15 giorni e comunque non superiori a 30 giorni e, acquisita la necessaria documentazione, ad erogare negli stessi tempi le relative somme. (Nota) ART. 3 (Moltiplicatore) Le Banche, i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni aderenti al presente Protocollo si impegnano a prevedere, all interno delle singole convenzioni già stipulate, i moltiplicatori da applicare, con riferimento ai fondi antiusura, nella misura minima di 2 per i prestiti a privati e, nella misura minima di 4 per i prestiti ad imprese (ivi comprese le ditte individuali e le imprese familiari), salvo specifiche situazioni che potranno essere aggiornate soltanto in misura crescente. 2

4 ART.4 (Soggetti beneficiari) Le Banche, i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni convengono che, nell esame del merito creditizio del soggetto richiedente l affidamento, non possa essere considerata di per sé pregiudizievole la condizione di protestato, dovendo effettuare una valutazione approfondita dei singoli casi, con particolare riferimento a quelli in cui la garanzia complessivamente offerta copra il 100% del rischio. Le Banche, i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni si impegnano altresì a prestare una particolare attenzione nella valutazione del merito creditizio nei confronti di quegli operatori economici che si siano opposti al racket e che abbiano presentato una domanda di elargizione, anche sulla base di una segnalazione alle associazioni riconosciute ai sensi dell art. 13 della legge n. 44/1999. ART.5 (Promozione) I firmatari del presente Protocollo si impegnano a promuovere iniziative di informazione allo scopo di far conoscere l opportunità di utilizzo di detti fondi antiusura, recependo l eventuale disponibilità dei mass media operanti sul territorio. Art. 6 (Soggetti firmatari) Al presente protocollo possono aderire, anche successivamente, tutti i soggetti riconosciuti ai sensi dell art. 15 della citata legge 108/96. (Nota) La Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A., in relazione all organizzazione ed alla complessità delle procedure interne, conferma l impegno del rispetto dei tempi stabiliti di cui all art. 2 - Attività istruttoria sulle proposte di finanziamento, con le seguenti ulteriori disposizioni di dettaglio: Sono fatti salvi i ritardi derivanti da: 3

5 acquisizione di documentazione tecnico e/o legale necessaria alla istruttoria/erogazione fornita da professionisti esterni alla Banca Monte dei Paschi di Siena Spa; società e/o soggetti ricadenti nell ambito di cui alle disposizioni dell art. 136 T.U.B., che comportano la necessità di delibere esclusivamente da parte del Consiglio di Amministrazione della Banca (che si riunisce con cadenza, di regola, quindicinale); finanziamenti in pool (congiunti) con altri Istituti di credito; soggetti ricadenti nei dettami di cui alla Legge Fallimentare Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 così come coordinato ed aggiornato con le modifiche introdotte dal D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5 e dal D.Lgs. 12 Settembre 2007, n. 169 (Ristrutturazioni finanziarie); soggetti appartenenti a Gruppi Economici che richiedono un esame congiunto con altri soggetti economici; entità e complessità delle concessioni proposte che comportano gradi di autonomie diverse con il coinvolgimento di altrettante figure all interno della Banca. Prefetto della provincia di Siena Dr.ssa Gerarda Maria Pantalone Banca Monte dei Paschi di Siena Unicredit - Banca di Roma Banca CRAS - Credito Cooperativo Chianciano Terme - Sovicille Banca Monteriggioni - Credito Cooperativo Banca Credito Cooperativo Montepulciano Banca Valdichiana Credito Cooperativo Cariparma 4

6 Cassa di Risparmio di Firenze Cassa di Risparmio di Prato ABI - Delegazione provinciale di Siena Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena Associazione Industriali di Siena Confidi Assindustria Associazione Commercianti - Confcommercio Confederazione Provinciale Esercenti Siena Confederazione Nazionale Artigiani - Siena Confartigianato - Siena Fondazione Toscana per la Prevenzione dell Usura Siena, 23 febbraio

PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PREFETTURA DI AREZZO, LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI AREZZO, GLI ISTITUTI DI CREDITO DELLA PROVINCIA, LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E LE ASSOCIAZIONI

Dettagli

PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO

PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PREFETTURA DI SIENA, GLI ISTITUTI DI CREDITO DELLA PROVINCIA, LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E LE ASSOCIAZIONI ANTIUSURA E ANTIRACKET PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA

Dettagli

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PREFETTURA DI CREMONA, L ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA, LE BANCHE ED I CONFIDI DELLA PROVINCIA DI CREMONA, LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA PRRI dell area di crisi industriale complessa del Polo produttivo ricompreso nel territorio dei Comuni di Livorno, Collesalvetti

Dettagli

PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI

PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI - 1 - PREMESSA L art. 15 della legge 7 marzo 1996, n. 108, recante Disposizioni in materia di

Dettagli

Alle Direzioni generali delle Banche operanti nella Regione Abruzzo 9 gennaio 2012 Loro Sedi Prot. U/ABR/01/12

Alle Direzioni generali delle Banche operanti nella Regione Abruzzo 9 gennaio 2012 Loro Sedi Prot. U/ABR/01/12 COMMISSIONE REGIONALE ABRUZZO Pescara Alle Direzioni generali delle Banche operanti nella Regione Abruzzo 9 gennaio 2012 Loro Sedi Prot. U/ABR/01/12 Nuovo Protocollo d Intesa tra l ABI, la Federazione

Dettagli

Protocolli aggiuntivi. Protocollo d'intesa tra gli Istituti bancari ed i Consorzi Fidi aderenti al Patto Territoriale

Protocolli aggiuntivi. Protocollo d'intesa tra gli Istituti bancari ed i Consorzi Fidi aderenti al Patto Territoriale 1999 Protocolli aggiuntivi Protocollo d'intesa tra gli Istituti bancari ed i Consorzi Fidi aderenti al Patto Territoriale Patto Territoriale della Zona Ovest di Torino Protocollo di Intesa tra gli Istituti

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 611 del 21 aprile 2015 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 611 del 21 aprile 2015 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 611 del 21 aprile 2015 pag. 1/5 PROTOCOLLO D INTESA PER LA TUTELA DEL VETRO ARTISTICO DI MURANO, DEI MERLETTI DI BURANO, DELLE MASCHERE VENEZIANE E

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito Art. 1 Finalità R E G O L A M E N TO La Camera di Commercio di Como, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Provincia di Chieti. Articolo 1

Provincia di Chieti. Articolo 1 Provincia di Chieti CONTRIBUTI A FAVORE DEI CONFIDI PER AGEVOLARE L'ACCESSO AL CREDITO ALLE IMPRESE ARTIGIANE, PICCOLA INDUSTRIA, COMMERCIALI, TURISTICHE, DEI SERVIZI ED AGRICOLE Articolo 1 Il presente

Dettagli

Decreto dirigenziale n. 376 del 24 dicembre 2009

Decreto dirigenziale n. 376 del 24 dicembre 2009 A.G.C. 01 - Gabinetto Presidente Giunta Regionale - Settore Rapporti con Province, Comuni, Comunità Montane e Consorzi - Delega e Subdelega Comitato Regionale di Controllo (CO.RE.CO.) - Decreto dirigenziale

Dettagli

Questo Pizzino è rilasciato con Licenza Creative Commons 3.0 Attribuzione - Non Commerciale - Non Opere Derivate

Questo Pizzino è rilasciato con Licenza Creative Commons 3.0 Attribuzione - Non Commerciale - Non Opere Derivate I Pizzini della Legalità sono un progetto editoriale di contrasto alle mafie. Inventati da Salvatore Coppola in Sicilia, oggi sono prodotti interamente da Scampia nella Fabbrica dei Pizzini della Legalità,

Dettagli

"4 Risorse per la Tua Impresa"

4 Risorse per la Tua Impresa "4 Risorse per la Tua Impresa" I nuovi strumenti per favorire l'accesso al credito della Camera di Commercio di Prato 4 Risorse per la Tua Impresa GLI STRUMENTI 1. Bando per la concessione di contributi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96)

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96) FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96) Premessa Il Fondo di garanzia per le PMI (di seguito Fondo) è stato costituito presso MCC con Legge 662/96.

Dettagli

REGOLAMENTO. Per LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A CONSORZI E COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI IN PROVINCIA DI CASERTA

REGOLAMENTO. Per LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A CONSORZI E COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI IN PROVINCIA DI CASERTA ato alla REGOLAMENTO Per LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A CONSORZI E COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI IN PROVINCIA DI CASERTA TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 - Finalità 1. La Camera di Commercio

Dettagli

Servizi offerti da MitiGo

Servizi offerti da MitiGo Servizi offerti da MitiGo Agenda Chi è MitiGo I servizi offerti da MitiGo per l accesso alla controgaranzia del FG Principali caratteristiche della controgaranzia FG per PMI Contesto di riferimento Mitigo

Dettagli

Finimpresa s.r.l. ACCORDO QUADRO REGIONALE TESORERIA Condizioni accordo del 15 ottobre Associati C.N.A. Modena e Imola

Finimpresa s.r.l. ACCORDO QUADRO REGIONALE TESORERIA Condizioni accordo del 15 ottobre Associati C.N.A. Modena e Imola ACCORDO QUADRO REGIONALE TESORERIA Condizioni accordo del 15 ottobre 2013 Associati C.N.A. Modena e Imola Aggiornato 30/06/2017 Valido nel mese LUGLIO 2017 ISTITUTI DI CREDITO CONVENZIONATI ACCORDO REGIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI

PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI SOTTOSCRITTO A VARESE IL 24 FEBBRAIO 2009 Premesso che: l attuale momento caratterizzato da una difficile congiuntura

Dettagli

Fondo Rotativo Piccolo Credito. Fondo di Riassicurazione. Garanzia Equity. Voucher Garanzia

Fondo Rotativo Piccolo Credito. Fondo di Riassicurazione. Garanzia Equity. Voucher Garanzia FARE LAZIO La Regione dà credito ai tuoi progetti 62,5 milioni di euro per l accesso al credito di piccole e medie imprese e liberi professionisti CON FARE CREDITO QUATTRO STRUMENTI INNOVATIVI PER OFFRIRE

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO

DOMANDA DI CONTRIBUTO Al Presidente della CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. di VERONA C.so Porta Nuova, 96 37122 VERONA IMPOSTA DI BOLLO 16,00* (L imposta di bollo non è dovuta dalle imprese agricole, ai sensi dell art. 21/bis del

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL 13 DICEMBRE 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL 13 DICEMBRE 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 2193 DEL 13 DICEMBRE 2012 Proroga al 31 dicembre 2013 del Protocollo di intesa per il sostegno ai Lavoratori ed alle Imprese nelle situazioni di crisi Il giorno del mese di dicembre

Dettagli

INTERVENTO STRAORDINARIO DIRETTO AD AGEVOLARE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA

INTERVENTO STRAORDINARIO DIRETTO AD AGEVOLARE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA INTERVENTO STRAORDINARIO DIRETTO AD AGEVOLARE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA Convenzione fra Camera di Commercio di Parma, Provincia di Parma e Consorzi Fidi provinciali L

Dettagli

Legge Regionale Toscana 28 dicembre 2005, n. 73

Legge Regionale Toscana 28 dicembre 2005, n. 73 Legge Regionale Toscana 28 dicembre 2005, n. 73 Norme per la promozione e lo sviluppo del sistema cooperativo della Toscana 04/01/2006 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - N. 1 Art. 1 (Principi

Dettagli

COMUNE DI CITTA DI CASTELLO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CITTA DI CASTELLO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI CITTA DI CASTELLO PROVINCIA DI PERUGIA CONTRIBUTI PER FAVORIRE LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE DI IMPRESE DEI SETTORI:INDUSTRIA, ARTIGIANATO, COMMERCIO, SERVIZI E TURISMO OPERANTI NEL TERRITORIO

Dettagli

ABI ACCORDOTRA PREFETTURA DI NAPOLI E SISTEMA BANCARIO. BA~l\ D'ITAUA. , ' F\,r!, l I! lt lr

ABI ACCORDOTRA PREFETTURA DI NAPOLI E SISTEMA BANCARIO. BA~l\ D'ITAUA. , ' F\,r!, l I! lt lr BA~l\ D'ITAUA ABI, ' F\,r!, l I! lt lr ACCORDOTRA PREFETTURA DI NAPOLI E SISTEMA BANCARIO Napoli, Palazzo di Governo Mercoledl, 30 Novembre 2011 Protocollo d'intesa tra Prefettura di Napoli Banca d'ltalia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA FRA

PROTOCOLLO DI INTESA FRA PROTOCOLLO DI INTESA FRA BANCA POPOLARE FRIULADRIA e PROVINCIA DI PORDENONE CAMERA DI COMMERCIO DI PORDENONE UNIONE INDUSTRIALI PROVINCIA DI PORDENONE ASCOM PORDENONE UNIONE DEGLI ARTIGIANI E P.M.I. DI

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DEL FONDO DI PREVENZIONE ANTIUSURA.

REGOLAMENTAZIONE DEL FONDO DI PREVENZIONE ANTIUSURA. REGOLAMENTAZIONE DEL FONDO DI PREVENZIONE ANTIUSURA. "Regolamento di attuazione dell'articolo 15 della legge 7 Marzo 1996 n. 108, recante disposizioni in materia di usura"- Approvato dal Consiglio dei

Dettagli

CONFIDIFRIULI CONFINDUSTRIA FOLLOW UP MEETING

CONFIDIFRIULI CONFINDUSTRIA FOLLOW UP MEETING CONFIDIFRIULI CONFINDUSTRIA FOLLOW UP MEETING ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Chi siamo Dati operativi Sito internet Il sistema dei CONFIDI Organismi che offrono garanzie agli Istituti di Credito al fine

Dettagli

Fidiprof Centro Sud Regolamento interno

Fidiprof Centro Sud Regolamento interno Fidiprof Centro Sud Regolamento interno Art. 1 Operatività i Fidiprof Centro Sud Il presente regolamento interno, previsto dall'art. 4 dello Statuto Sociale, è stato predisposto al fine di coordinare e

Dettagli

Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a)

Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a) Capitolo 13 Credito Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a) Cuneo Piemonte Italia Sedi Sportelli bancari Banche S.p.a.

Dettagli

ANTICIPAZIONE SOCIALE PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI

ANTICIPAZIONE SOCIALE PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI ANTICIPAZIONE SOCIALE PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI 2011 Banca di Rimini Credito cooperativo S.C. Istituti di credito aderenti al 06/04/2011 Biis Banca Infrastrutture

Dettagli

Agli Associati. 8 agosto 2012. Accordo ABI-ANCE per la definizione di un Addendum al Plafond Crediti PA

Agli Associati. 8 agosto 2012. Accordo ABI-ANCE per la definizione di un Addendum al Plafond Crediti PA Roma 8 agosto 2012 Prot. UCR/001915 Agli Associati Loro Sedi Accordo ABI-ANCE per la definizione di un Addendum al Plafond Crediti PA Lo scorso 3 agosto l ABI e l ANCE hanno sottoscritto un addendum al

Dettagli

AVVISO COMUNE. Per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio

AVVISO COMUNE. Per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio AVVISO COMUNE Per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio 1. PREMESSA E OBIETTIVI La contrazione stimata per il 2009 del Prodotto Interno Lordo reale è dell

Dettagli

LO STRUMENTO IMPRESAPIU. Daniela Canepa - Camera di Commercio di Genova

LO STRUMENTO IMPRESAPIU. Daniela Canepa - Camera di Commercio di Genova LO STRUMENTO IMPRESAPIU Daniela Canepa - Camera di Commercio di Genova IL PROGETTO IMPRESAPIU Obiettivo promuovere l avvio di nuove imprese e potenziare le imprese già esistenti per attività di investimento

Dettagli

Tutto ciò premesso e considerato, LE PARTI CONCORDANO E STIPULANO QUANTO SEGUE

Tutto ciò premesso e considerato, LE PARTI CONCORDANO E STIPULANO QUANTO SEGUE Protocollo d intesa per l istituzione di un Servizio di ascolto e sostegno dei soggetti che versano in situazioni di disagio originate da motivi economici o comunque riconducibili alla situazione di crisi

Dettagli

VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE. Prot. n. 140/8L/2007 Genova,

VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE. Prot. n. 140/8L/2007 Genova, Atti consiliari Regione Liguria VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E RELAZIONI REGIONE LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE Prot. n. 140/8L/2007 Genova, 11.09.2007 di iniziativa dei Consiglieri regionali

Dettagli

CONSORZIO GARANZIA COLLETTIVA FIDI

CONSORZIO GARANZIA COLLETTIVA FIDI CONSORZIO GARANZIA COLLETTIVA FIDI Aderente alla Federazione tra i Consorzi di Garanzia Collettiva dei Fidi Iniziativa realizzata in partenariato con la Provincia di Reggio Calabria Assessorato Attività

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO

COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO DETERMINAZIONE N DetSet 00274/207 del 06/0/207 Responsabile dell'area: SIMONA AULICINO Istruttore proponente: ANGELA NOTO OGGETTO:

Dettagli

Prefettura di Alessandria Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Alessandria Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Alessandria Ufficio Territoriale del Governo COLLABORAZIONE RIGUARDANTE I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DELLO SPORTELLO UNICO PER L IMMIGRAZIONE Premesso che: - Il D.P.R. 18.10.2004 n. 334,

Dettagli

Regione Puglia QUATTRO MOSSE CONTRO IL CREDIT CRUNCH

Regione Puglia QUATTRO MOSSE CONTRO IL CREDIT CRUNCH Regione Puglia QUATTRO MOSSE CONTRO IL CREDIT CRUNCH Bari, lì 16 luglio 2012 1 Regione Puglia PRESENTAZIONE I. QUADRO CONGIUNTURALE II. INTERVENTI IN ITINERE III. POLITICHE PROGRAMMATICHE IV. PRINCIPI

Dettagli

FONDO PREVENZIONE USURA - Articolo 15, Legge 7 marzo 1996, n.108. RELAZIONE SULL OPERATIVITA (non compilare a mano) ANNO 20

FONDO PREVENZIONE USURA - Articolo 15, Legge 7 marzo 1996, n.108. RELAZIONE SULL OPERATIVITA (non compilare a mano) ANNO 20 FONDO PREVENZIONE USURA - Articolo 15, Legge 7 marzo 1996, n.108 RELAZIONE SULL OPERATIVITA (non compilare a mano) ANNO 20 Pos n. /_ / DENOMINAZIONE SEDE LEGALE IN PROV. VIA C.A.P. TEL. FAX _ SEDE AMM.VA

Dettagli

La garanzia si può richiedere anche per il breve: fido di cassa, SBF e anticipi fatture.

La garanzia si può richiedere anche per il breve: fido di cassa, SBF e anticipi fatture. Accesso al Credito. UFFICIO CREDITO E SERVIZIO DI CONSULENZA BANCARIA L'area intrattiene rapporti con le istituzioni e gli Istituti bancari in esecuzione delle linee politiche sul credito. L'ufficio è

Dettagli

Nuove misure per il credito alle PMI: Anticipazione dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Nuove misure per il credito alle PMI: Anticipazione dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione. Nuove misure per il credito alle PMI: Anticipazione dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione Premesso che Il 28 febbraio è stato stipulato un nuovo accordo tra ABI,

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge , n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge , n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2016 Codice A1507A D.D. 29 giugno 2016, n. 412 Contributi semestrali a favore degli Istituti Mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle legge 457/78, 25/80,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLA SICUREZZA E SULLA LEGALITA PER LA PREVENZIONE DEI TENTATIVI DI INFILTRAZIONE DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

PROTOCOLLO SULLA SICUREZZA E SULLA LEGALITA PER LA PREVENZIONE DEI TENTATIVI DI INFILTRAZIONE DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA PROTOCOLLO SULLA SICUREZZA E SULLA LEGALITA PER LA PREVENZIONE DEI TENTATIVI DI INFILTRAZIONE DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA PREMESSO CHE - solo un contesto di legalità e sicurezza garantisce i principi

Dettagli

ACCORDO DI RETE ex art 7 D.P.R. 275/99

ACCORDO DI RETE ex art 7 D.P.R. 275/99 Ministero dell istruzione, dell Università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la toscana Ufficio Scolastico Territoriale di Lucca ACCORDO DI RETE ex art 7 D.P.R. 275/99 tra gli ISTITUTI SCOLASTICI

Dettagli

Finanziamenti Piccole e medie Imprese: Fondo di Garanzia

Finanziamenti Piccole e medie Imprese: Fondo di Garanzia Finanziamenti Piccole e medie Imprese: Fondo di Garanzia Il Fondo di Garanzia Si tratta di uno strumento a sostegno dell attività imprenditoriale che, grazie alla Legge 662 del 1996, apporta un importante

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Energia, Reti e infrastrutture materiali per lo sviluppo

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Energia, Reti e infrastrutture materiali per lo sviluppo Allegato 1 Il presente allegato è composto da n. 2 pagine REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Energia, Reti e infrastrutture materiali per lo sviluppo AVVISO

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO NUOVE IMPRESE 2016

SCHEDA TECNICA PRODOTTO NUOVE IMPRESE 2016 SCHEDA TECNICA PRODOTTO NUOVE IMPRESE 2016 Allegato a) Scheda raffronto operazione partner e non partner La presente iniziativa si pone l obiettivo favorire l accesso al credito per i nuovi imprenditori,

Dettagli

Provvedimento n. 13 del 19 gennaio CREDITO FONDIARIO DELLE VENEZIE/MEDIOCREDITO DELLE VENEZIE-FEDERALCASSE BANCA LA BANCA D ITALIA

Provvedimento n. 13 del 19 gennaio CREDITO FONDIARIO DELLE VENEZIE/MEDIOCREDITO DELLE VENEZIE-FEDERALCASSE BANCA LA BANCA D ITALIA Provvedimento n. 13 del 19 gennaio 1995 - CREDITO FONDIARIO DELLE VENEZIE/MEDIOCREDITO DELLE VENEZIE-FEDERALCASSE BANCA LA BANCA D ITALIA VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO il Regolamento del

Dettagli

ACCORDO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DEL CREDITO D IMPRESA

ACCORDO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DEL CREDITO D IMPRESA PROVINCIA DI PIACENZA ACCORDO TRA LA PROVINCIA DI PIACENZA E I CONFIDI ACCORDO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DEL CREDITO D IMPRESA Piacenza, 28 luglio 2010 PROVINCIA DI PIACENZA TRA La Provincia di Piacenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA NUOVI IMPEGNI PER EMERGENZA ECONOMIA. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale , rappresentata dal

PROTOCOLLO D INTESA NUOVI IMPEGNI PER EMERGENZA ECONOMIA. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale , rappresentata dal PROTOCOLLO D INTESA NUOVI IMPEGNI PER EMERGENZA ECONOMIA Oggi,.. 2012, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata dal Presidente della Giunta Regionale, Enrico Rossi e

Dettagli

Il sottoscritto. Codice Fiscale e residente in Prov. C.A.P all indirizzo. dell Azienda

Il sottoscritto. Codice Fiscale e residente in Prov. C.A.P all indirizzo. dell Azienda Spazio riservato all ufficio CONFIDI REGIONE CAMPANIA Protocollo n. Data GAFI SUD Protocollo n. Data Spett. le SCpA Vico Santa Maria a Cappella Vecchia, 8 Napoli Spett. le SCpA Galleria Umberto I, 8 Palazzina

Dettagli

26 30.5.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 DELIBERAZIONE 14 maggio 2012, n. 390

26 30.5.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 DELIBERAZIONE 14 maggio 2012, n. 390 26 30.5.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 DELIBERAZIONE 14 maggio 2012, n. 390 Progetto GiovaniSì - Prestito d onore - Modifica modalità e condizioni. LA GIUNTA REGIONALE Vista

Dettagli

SETTORE PRODUZIONI AGRICOLE, VEGETALI E ZOOTECNICHE. PROMOZIONE GILIBERTI GENNARO

SETTORE PRODUZIONI AGRICOLE, VEGETALI E ZOOTECNICHE. PROMOZIONE GILIBERTI GENNARO REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE PRODUZIONI AGRICOLE, VEGETALI E ZOOTECNICHE. PROMOZIONE Il Dirigente Responsabile: GILIBERTI GENNARO Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio

Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio 1 Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio Attività Produttive- CONVENZIONE SOSTEGNO allo SVILUPPO SCHEDA INFORMATIVA Marzo 2011

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 agosto 1996, n. 69

LEGGE REGIONALE 13 agosto 1996, n. 69 LEGGE REGIONALE 13 agosto 1996, n. 69 Disciplina delle strade del vino in Toscana. Finalità Finalità Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Finalità e definizione di "Strada

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2010 Presentazione 28 aprile 2010 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO EDIZIONE 2010 Le iniziative a sostegno dell

Dettagli

La relazione tra banca e piccola impresa nella Provincia di Bologna a seguito di Basilea 2. Con il contributo di

La relazione tra banca e piccola impresa nella Provincia di Bologna a seguito di Basilea 2. Con il contributo di La relazione tra banca e piccola impresa nella Provincia di Bologna a seguito di Basilea 2 Con il contributo di Le motivazione della ricerca In Italia il rapporto tra banche e piccole imprese è stato oggetto

Dettagli

FONDO UNICO PER LO SVILUPPO DEL MOLISE

FONDO UNICO PER LO SVILUPPO DEL MOLISE Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO PER LO SVILUPPO DEL MOLISE Regolamento di attuazione del Fondo di Garanzia per il Consolidamento dei debiti a lungo termine (oltre 5 anni), di cui alla D.G.R. n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 01-12-2004 REGIONE BASILICATA "Interventi regionali in materia di prevenzione e lotta ai fenomeni dell usura e dell estorsione" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA

Dettagli

nella pubblica amministrazione PROTOCOLLO D INTESA

nella pubblica amministrazione PROTOCOLLO D INTESA Il Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione Il Ministro della Giustizia PROTOCOLLO D INTESA Per la realizzazione di interventi di digitalizzazione, evoluzione ed integrazione

Dettagli

BANCHE CONVENZIONATE

BANCHE CONVENZIONATE BANCHE CONVENZIONATE L elenco è suddiviso per gruppo bancario di appartenenza. Cliccare sul nome della banca per visualizzare le agevolazioni su cui è convenzionata. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11.

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELL ECONOMIA

ASSESSORATO REGIONALE DELL ECONOMIA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO REGIONALE FINANZE E CREDITO -------------- Servizio 7 F Agevolazioni nelle operazioni creditizie di garanzia consorzifidi@regione.sicilia.it

Dettagli

INVESTMENT PLAN TOUR. Genova, 23 Maggio Gianluca Guaitani Commissione regionale Liguria ABI

INVESTMENT PLAN TOUR. Genova, 23 Maggio Gianluca Guaitani Commissione regionale Liguria ABI INVESTMENT PLAN TOUR Genova, 23 Maggio 2017 Gianluca Guaitani Commissione regionale Liguria ABI Il ruolo delle banche nel piano investimenti per l Europa La politica di coesione europea e il Piano Juncker

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-12-2013 (punto N 40 ) Delibera N 1034 del 02-12-2013 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

(c.d. moratoria debiti PMI) al nuovo termine del

(c.d. moratoria debiti PMI) al nuovo termine del Prorogato l Accordo per il Credito 2013 (c.d. moratoria debiti PMI) al nuovo termine del 31.03.2015 Prorogato fino al 31 marzo 2015 l Accordo per il credito-2013, lo strumento - la cui scadenza era fissata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 0573/22265 Fax 0573/22265 E-mail Vicolo Brontola 15 51100 PISTOIA morandifratelli@virgilio.it

Dettagli

PROGETTO MICROCREDITO BANDO ANNO 2016

PROGETTO MICROCREDITO BANDO ANNO 2016 PROGETTO MICROCREDITO BANDO ANNO 2016 Art.1 PREMESSA 1.1 L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto, ai sensi

Dettagli

Comune di Portoferraio Provincia di Livorno AREA 2

Comune di Portoferraio Provincia di Livorno AREA 2 Comune di Portoferraio Provincia di Livorno AREA 2 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE AREA 2 N. 197 del 21/12/2010 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2011/31.12.2015. AGGIUDICAZIONE

Dettagli

>> Indice Alfabetico delle Convenzioni > Pagina 01 Banca della Campania > Pagina 01 Banca di Credito Cooperativo di Conversano > Pagina 01 Banca di

>> Indice Alfabetico delle Convenzioni > Pagina 01 Banca della Campania > Pagina 01 Banca di Credito Cooperativo di Conversano > Pagina 01 Banca di >> Indice Alfabetico delle Convenzioni > Pagina 01 Banca della Campania > Pagina 01 Banca di Credito Cooperativo di Conversano > Pagina 01 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle > Pagina 01

Dettagli

DANNI SUBITI DAI PRIVATI PER IL TERREMOTO COME ATTIVARE LE PROCEDURE DI RECUPERO

DANNI SUBITI DAI PRIVATI PER IL TERREMOTO COME ATTIVARE LE PROCEDURE DI RECUPERO DANNI SUBITI DAI PRIVATI PER IL TERREMOTO COME ATTIVARE LE PROCEDURE DI RECUPERO Carpi, aprile 2013 1 UNA MATERIA IN EVOLUZIONE i criteri e le modalità di assegnazione di contributi per la riparazione

Dettagli

SPORTELLO REGIONALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DELLE IMPRESE REGIONE TOSCANA PROTOCOLLO OPERATIVO

SPORTELLO REGIONALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DELLE IMPRESE REGIONE TOSCANA PROTOCOLLO OPERATIVO SPORTELLO REGIONALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DELLE IMPRESE REGIONE TOSCANA PROTOCOLLO OPERATIVO Il Ministero delle Attività Produttive, con sede in Roma, Viale Boston n.25, in persona del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE. dell UNIVERSITÀ DI PISA

PROTOCOLLO D INTESA. tra L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE. dell UNIVERSITÀ DI PISA Autorità Nazionale Anticorruzione - SG - UPROT Ufficio Protocollo - Prot. Ingresso N.0172394 del 18/12/2015 PROTOCOLLO D INTESA tra L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE e IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE

Dettagli

Convenzione CONFLAVORO PMI. Offerta condizioni dedicata alle imprese aderenti a Conflavoro pmi Confederazione Piccole e Medie Imprese

Convenzione CONFLAVORO PMI. Offerta condizioni dedicata alle imprese aderenti a Conflavoro pmi Confederazione Piccole e Medie Imprese Marzo 2016 - Pubblicità Fogli informativi in filiale e sul sito web della banca - Codice Banca 1030.6 - Codice Gruppo 1030.6 Convenzione CONFLAVORO PMI Offerta condizioni dedicata alle imprese aderenti

Dettagli

ACCORDO DI PROGETTO GIOVANI PROFESSIONISTI. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

ACCORDO DI PROGETTO GIOVANI PROFESSIONISTI. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata ACCORDO DI PROGETTO GIOVANI PROFESSIONISTI Oggi, 13 maggio 2009, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata dall Assessore competente in materia di Professioni Agostino

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 16 ) Delibera N.183 del DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 16 ) Delibera N.183 del DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 03-03-2003 (punto N. 16 ) Delibera N.183 del 03-03-2003 Proponente TOMMASO FRANCI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI

Dettagli

cüxyxààâüt w e Å Ç hyy v É àxüü àéü täx wxä ZÉäxÜÇÉ

cüxyxààâüt w e Å Ç hyy v É àxüü àéü täx wxä ZÉäxÜÇÉ PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DEI FENOMENI DELL USURA E DELL ESTORSIONE NELLA PROVINCIA DI RIMINI La Prefettura di Rimini U.t.G. La Provincia di Rimini La Camera di Commercio Industria

Dettagli

Osservatorio Regionale sul credito a famiglie e imprese. Protocollo d intesa per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno criminale dell usura

Osservatorio Regionale sul credito a famiglie e imprese. Protocollo d intesa per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno criminale dell usura Osservatorio Regionale sul credito a famiglie e imprese Protocollo d intesa per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno criminale dell usura Cagliari 19 maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 59 DEL 02/07/2015

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 59 DEL 02/07/2015 COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 59 DEL 02/07/2015 Oggetto: Presa d atto di gara, con procedura negoziata per l affidamento in Concessione del Servizio di Tesoreria Comunale

Dettagli

CONTRATTI DI FINANZIAMENTI CONTRO CESSIONE DEL QUINTO: LE NUOVE REGOLE PER LA SEGNALAZIONE IN CENTRALE RISCHI

CONTRATTI DI FINANZIAMENTI CONTRO CESSIONE DEL QUINTO: LE NUOVE REGOLE PER LA SEGNALAZIONE IN CENTRALE RISCHI CONTRATTI DI FINANZIAMENTI CONTRO CESSIONE DEL QUINTO: LE NUOVE REGOLE PER LA SEGNALAZIONE IN CENTRALE RISCHI Febbraio 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - n / Uffici dell'amministrazione finanziaria - Direzione Regionale della Toscana

RISOLUZIONE N. 61/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - n / Uffici dell'amministrazione finanziaria - Direzione Regionale della Toscana RISOLUZIONE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 Luglio 2016 OGGETTO: Consulenza giuridica - n. 954-52/2015 - Uffici dell'amministrazione finanziaria - Direzione Regionale della Toscana Con la

Dettagli

L impegno dei CIF. per il credito alle imprenditrici

L impegno dei CIF. per il credito alle imprenditrici L impegno dei CIF Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile di Trento per il credito alle imprenditrici Patrizia Montermini rappresentante ABI del Comitato per la promozione dell Imprenditoria

Dettagli

dirette a fornire, con la contribuzione degli stessi soggetti, servizi specialistici, finalizzati ad incrementare la sicurezza pubblica ; gli artt.

dirette a fornire, con la contribuzione degli stessi soggetti, servizi specialistici, finalizzati ad incrementare la sicurezza pubblica ; gli artt. PROTOCOLLO D INTESA Il Ministero dell Interno, con sede a Roma, piazza del Viminale 1, rappresentato dal Ministro dell Interno On. Roberto Maroni Confcommercio Imprese per l Italia, con sede in Roma, piazza

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA DI PATROCINIO DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA PER LA REALIZZAZIONE DELL INIZIATIVA DENOMINATA:......;

OGGETTO: DOMANDA DI PATROCINIO DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA PER LA REALIZZAZIONE DELL INIZIATIVA DENOMINATA:......; Al Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Via Fabio Filzi, 22 20124 MILANO OGGETTO: DOMANDA DI PATROCINIO DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA PER LA REALIZZAZIONE DELL INIZIATIVA DENOMINATA:..

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. Regione Toscana. Provincia di Pisa. Provincia di Livorno. Comune di Cascina. Comune di Pontedera

Protocollo di intesa. tra. Regione Toscana. Provincia di Pisa. Provincia di Livorno. Comune di Cascina. Comune di Pontedera Protocollo di intesa tra Regione Toscana Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Cascina Comune di Pontedera Comune di Rosignano Marittimo Comune di Cecina CCIAA di Lucca (di seguito le parti

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA. Indirizzo AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

PROGETTO AUTONOMIA. Indirizzo AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PROGETTO AUTONOMIA Indirizzo AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO DI SERVIZI ALLE IMPRESE Classe 5 AL - Prof. Marilina Saba A.S. 2010-2011 MODULI 1. I rapporti con le banche 40 2. I rapporti con

Dettagli

Sottoscrizione non autenticata, ma corredata da copia fotostatica del documento di identità del firmatario (art. 38, c. 3, del D.P.R. n.

Sottoscrizione non autenticata, ma corredata da copia fotostatica del documento di identità del firmatario (art. 38, c. 3, del D.P.R. n. MODELLO P1 ZIONE AI SENSI DELL ART. 8, CLAUSOLA 1 DEL PROTOCOLLO DI Secondo quanto previsto dall art. 8 clausola 1 del Protocollo di Legalità, sottoscritto il 15 novembre 2007 dal Comune di Portici con

Dettagli

ESAME PARTECIPAZIONE MEF

ESAME PARTECIPAZIONE MEF ESAME PARTECIPAZIONE MEF Patto 2000 Società Consortile A R.L. NATURAGIURIDICA: S.R.L. PARTITA IVA: 02322700549 CODICE FISCALE: 02322700549 DATA COSTITUZIONE: 01/01/2000 DATA SCADENZA: CAMERA DI COMMERCIO:

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond ottobre 2012 0 MISSIONE - I Fondi Mutualistici I Fondi mutualistici nascono con la Legge 59 del 1992. Le risorse necessarie per

Dettagli

BANDO IO VIVO SICURO IN VALTIBERINA

BANDO IO VIVO SICURO IN VALTIBERINA BANDO IO VIVO SICURO IN VALTIBERINA Al presente Bando partecipano: COMUNE DI SANSEPOLCRO, COMUNE DI ANGHIARI, COMUNE DI MONTERCHI, COMUNE DI PIEVE SANTO STEFANO, COMUNE DI BADIA TEDALDA, COMUNE DI SESTINO,

Dettagli

Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) per l erogazione delle somme del Fondo regionale ;

Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) per l erogazione delle somme del Fondo regionale ; Allegato B Schema di Protocollo d intesa per l erogazione dei contributi del Fondo di solidarietà per le famiglie dei lavoratori vittime di incidenti mortali sul lavoro. TRA la Regione Lazio (di seguito

Dettagli

RISOLUZIONE N.127/E QUESITO

RISOLUZIONE N.127/E QUESITO RISOLUZIONE N.127/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 dicembre 2011 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trattamento fiscale applicabile ai contributi erogati dalla Regione e dagli

Dettagli

Prefettura di Firenze Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Firenze Ufficio Territoriale del Governo Ufficio Territoriale del Governo Visto I' Accordo-Quadro sottoscritto il 31 Iuglio 2007 dal Ministero dell' Interno, dall' Associazione Bancaria Italiana, dalla Banca d' Italia, unitamente a UNPI, ANCI,

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- ------------------------------------------------------------------------------------------------------- Approvato con Deliberazione del Comitato dell Accordo di Programma n. 01 del 22.02.2005 -------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Definizioni)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Definizioni) Criteri e modalità per l organizzazione, adesione e partecipazione a convegni, congressi ed altre manifestazioni a carattere locale, regionale, nazionale o internazionale. Istituzione Albo dei beneficiari

Dettagli

TRA. Il Nuovo Circondario Imolese (BO), rappresentato dal Presidente, Daniele Manca;

TRA. Il Nuovo Circondario Imolese (BO), rappresentato dal Presidente, Daniele Manca; SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO SPORTELLO ANTIRACKET-ANTIUSURA E CONTRASTO AL GIOCO D AZZARDO A SERVIZIO DEL CIRCONDARIO IMOLESE E DEL TERRITORIO DELLA ROMAGNA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 15 aprile 2005 - Deliberazione N. 496 - Area Generale

Dettagli

Garanzia Giovani: Finanziamenti Zero Interessi. Scritto da Dott. Antonio Ferraioli Mercoledì 24 Febbraio 2016 14:02

Garanzia Giovani: Finanziamenti Zero Interessi. Scritto da Dott. Antonio Ferraioli Mercoledì 24 Febbraio 2016 14:02 Dal 1 marzo 2016 partono i finanziamenti agevolati per le start-up e nuove imprese per incentivare iniziative imprenditoriali di soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro. I prestiti saranno concessi

Dettagli

STATUTO CAMERA ARBITRALE DEL PIEMONTE

STATUTO CAMERA ARBITRALE DEL PIEMONTE STATUTO CAMERA ARBITRALE DEL PIEMONTE Art. 1 Istituzione e compiti E istituita dalle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Piemonte la Camera Arbitrale del Piemonte (in seguito

Dettagli