82 Capitolo 6. Il modello B & S: le basi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "82 Capitolo 6. Il modello B & S: le basi"

Transcript

1 82 Capitolo 6. Il modello B & S: le basi

2 Every financial axiom I ve ever seen is demonstrably wrong. (P. Wilmott, [53], p. 1) Capitolo 7 Il modello B & S: complementi 7.1 Introduzione Questo capitolo mescola problemi di taglio teorico e di taglio pratico sul modello b&s. Apro coi primi occupandomi del cosiddetto principio di linearità delle valutazioni. Passo poi ai secondi parlando di stima della volatilità, di alcuni parametri, detti i greci, usati per controllare il valore di un portafoglio, nonché della relazione di parità put-call e delle tecniche di copertura. Chiudo infine con qualche stringata riflessione teorica sollevata da alcune critiche alle ipotesi del modello. 7.2 Principio di linearità delle valutazioni Parlando del modello di b&s standard ho visto che è possibile replicare una call europea mediante un paf che contiene varie attività finanziarie in proporzioni opportune. Senza rendermene conto, per trovare un portafoglio del genere ho sfruttato il seguente Teorema (Proprietà di linearità delle valutazioni). Siano Φ 1 e Φ 2 le funzioni di contratto per i derivati semplici X 1 = Φ 1 (S T ) e X 2 = Φ 2 (S T ) esianoα 1 e α 2 numeri reali. Infine il mercato sia arb.free. Allora vale la seguente relazione di valutazione: F (t, α 1 Φ 1 + α 2 Φ 2 )=α 1 F (t, Φ 1 )+α 2 F (t, Φ 2 ). Dimostrazione. Mi basta usare la formula di valutazione arb.free (6.4.5) elalinearitàdie [ ]. Nel séguito utilizzerò a man bassa questa proprietà di linearità, almeno finché potrò. La stessa viene spesso usata anche per valutare un T -derivato 83

3 84 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi complesso, che viene decomposto in una opportuna combinazione lineare di attività semplici, che di solito comprendono: azioni, bond e opzioni europee call o put con vari prezzi di esercizio e/o scadenze. 7.3 Volatilità L utilizzo pratico della formula di b&s (6.5.4) richiede da un lato l osservazione di S t, r (dati che leggo sul mercato), (T t) e K (li leggo nel contratto), e dall altro la stima della volatilità σ dei rendimenti dell azione sottostante, 1.Semplificando, per quest ultima ci sono 4 approcci: quelli della volatilità storica, della volatilità implicita, della superficie di volatilità, della volatilità stocastica, che ora riassumo. Tornerò poi nel par sull argomento Volatilità storica Il 1 approccio stima σ sulla base della variabilità delle quotazioni in un recente passato. Per esempio, se la mia opzione scade tra 3 mesi, userò i dati storici del prezzo dell azione sottostante nell ultimo trimestre. Apro allora una parentesi. Riscrivo la solita eds che regge S t nella forma ds t = α dt + σ dw t, ovvero :dlns t = α dt + σ dw t, S t anzi, nella corrispondente equazione alle differenze cioè (ln S t )=α ( t)+σ ( W t ), ln (S t+ t /S t )=α ( t)+σ (W t+ t W t ). Oracalcolomediaevarianzadiln (S t+ t /S t ) ricordando che α e σ sono costanti e che (W t+ t W t ) ha media nulla e varianza t: E [ln (S t+ t /S t )] = α ( t), var [ln (S t+ t /S t )] = σ 2 ( t), dunque α = E [ln (S r t+ t/s t )] var [ln (St+ t /S t )], σ =. t t Io voglio fare i miei conti sulla quotazione S (t) alla chiusura di ciascuno degli ultimi n giorni lavorativi dell ultimo trimestre nei quali l azione è stata 1 Si tratta dello scarto quadratico medio non delle quotazioni dell azione, ma di quella dei rispettivi rendimenti. Accontentandomi di valutazioni a spanne, valori plausibili su base annua di σ per titoli azionari stanno tra 0.05 e 0.50 (di solito è σ 0.2).

4 7.3. Volatilità 85 quotata, sul totale degli N giorni lavorativi dell intero anno. Di solito si prende n =63e N = 252. Prendo allora t =1giorno, cioè di anno. Passo a calcolare gli n tassidirendimentogiornalieri α 1 =ln S (t 1) S (t 0 ), α 2 =ln S (t 2) S (t 1 ),..., α 63 =ln S (t 63) S (t 62 ), dei quali calcolo media m evarianzav 2 (giornaliere): m = E [α i ]= 1 63 dalle quali mi escono α e σ: α = P 63 i=1 α i, v 2 =var[α i ]= 1 P i=1 [α i m] 2, m 1/252 =4P 63 i=1 α i, σ = s v 2 1/252 =2 q P63 i=1 [α i m] 2, stavolta calcolati su base annua, come sempre intenderò salvo avviso contrario. Alcuni modificano questo metodo classico usando pesi che smorzano l effetto di rendimenti anomali (cioè troppo lontani da m) o troppo lontani dalla data della stima. I metodi di perequazione (smoothing) sono vari. Uno speciale, che era usato dalla J.P. Morgan [41], sceglie i pesi in modo da rendere minima la somma dei quadrati degli scarti tra la volatilità storica e quella implicita che ora vedo Volatilità implicita La volatilità storica riassume il comportamento passato della volatilità. Tuttavia essa di fatto non è per nulla costante, ma varia, e di parecchio, nel tempo. Qui salta fuori un problema di fondo. Al contrario di molti sistemi fisici chiusi nei quali le condizioni iniziali governano il futuro, nei mercati questo dipende pesantemente da eventi futuri che oggi sfuggono al mio controllo e da informazioni che oggi non conosco e non posso prevedere, sicché mi devo accontentare, almeno quando ci riesco, di capire ciò che la gente immagina possa succedere. A tale proposito, alcuni, dopo aver sottolineato che la storia non si ripete mai, affermano che è più serio trovare un modo per stimare σ che sia d accordo con le aspettative di mercato sulla volatilità, cioè la cosiddetta volatilità implicita. Con riferimento ad una call europea, si tratta di: rilevare tutti i dati (T t), r, S t e K, nonché il prezzo di call europee diverse per il prezzo di esercizio K e/oladiversadurata(t t), però per il resto eguali a quella che voglio valutare; supporre che il prezzo dell opzione sia sempre determinato con la formula di b&s (6.5.4);

5 86 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi trovare la volatilità implicita, cioè l unico σ che risolve quest equazione 2. Il successo della formula di b&s è testimoniato dal fatto che spesso alcune azioni sono proprio quotate in termini della rispettiva volatilità implicita. In teoria (cioè se ho una fiducia cieca nel modello di b&s enelmercato)lasoluzione σ non dovrebbe variare coi diversi valori di K. In pratica si osserva invece il fenomeno detto volatility smile (il sorriso mi ricorda quello del gatto di Cheshire in Alice nel Paese delle Meraviglie ), nel quale σ è descritto, al variare di K, da una curva a U chehaunminimoperleopzioniat the money (cioè con S t = K), mentre si alza man mano che mi sposto verso le opzioni sempre più out the money (S t <K)oin the money (S t >K). In qualche rara occasione la curva diventa invece a U rovesciato (cioè _ anziché ^, eallora si parla non di smile ma di frown: faccia di disapprovazione, smorfia), oppure crescente o decrescente, o anche irregolare. Infine, quasi sempre la volatilità implicita calcolata sui prezzi effettivi delle call è un po diversa da quella che esce dai prezzi delle put. In tutti questi casi emergono imperfezioni del modello di b&s, cioè sospetti sulla sua capacità di descrivere perfettamente l effettivo comportamento del mercato. O meglio: il modello magari funziona, ma non èpiùverocheσ è indipendente dal resto, in particolare da K, odalrapporto S t /K Superfici di volatilità Possosupporrechelavolatilitàσ varii nel tempo durante la vita dell opzione, però ancora in modo deterministico. In questo caso, se indico con σ z il valore di σ all istante z [t, T ], micalcololamedia( σ) 2 = 1 R T T t t (σ z) 2 dz enella formula di b&s (6.5.4) al posto di σ scrivo σ e con questa semplice variante tutto resta in piedi. Se σ z èdefinita soltanto per alcuni z [t, T ], ècomune ridefinire σ immaginando che σ z sia lineare a tratti sugli altri valori. Naturalmente, essendo ignota la legge che governa σ z, devo arrangiarmi cercando di estrarla dalle informazioni che ho, battendo la seguente strada, che è un po più raffinata di quella della volatilità implicita. Considero le quotazioni di tutte le call e le put europee, di varie scadenze T e con diversi valori del prezzo di esercizio K, che oggi vengono trattate sul mercato. Da ognuna delle quotazioni estraggo la rispettiva volatilità implicita σ, che dunque varia con la coppia (T,K), diciamoσ (T,K). Questa funzione misura la volatilità per una specifica coppia (T,K), e gli addetti ai lavori la battezzano forward volatility (termine un po ambiguo). Della funzione σ (T,K) conosco solo alcuni punti, quelli che corrispondono ai soli contratti che oggi sono conclusi. Il problema che a questo 2 La stretta monotonia del valore F della call e della put europea rispetto a σ (nel par vedrò infatti che è F/ σ > 0) garantisce che questa radice è unica. La posso calcolare anche per via breve usando i programmi freeware indicati nella nota di pag. 113.

6 7.3. Volatilità 87 punto mi si presenta è un problema di interpolazione, che dunque va risolto con tutti i trucchi e le ingenuità (palesi o nascoste) tipici di ogni problema del genere. Ad esempio, se la griglia dei valori disponibili di (T,K) presenta pochi buchi, posso costruire la cosiddetta superficie delle volatilità locali interpolando linearmente tra i valori noti di σ (T,K). In caso contrario sono costretto ad assumere una qualche ipotesi sul tipo di funzione che può descrivere σ (T,K) ed ecco che il problema iniziale, cacciato dalla porta (conoscere la legge che governa σ), rientra dalla finestra. Sia come sia, la superficie delle volatilità è un prodotto con scadenza molto più breve di quella del latte fresco. La colpa non sta nei difetti del metodo che posso usare per costruirla, bensì nel fatto che il punto di vista del mercato sulla volatilità futura può benissimo cambiare anche nel giro di un quarto d ora Volatilità stocastica Ovviamente, visto che l appetito vien mangiando, sono stati messi a punto modelli di volatilità stocastica, nel senso che il comportamento di questa viene descritto da una eds (modelli a due fattori), coi suoi bravi termini di deriva e di diffusione. Prendendo a prestito termini della teoria dei tassi di interesse, nei modelli con volatilità variabile la curva di σ al variare di t viene battezzata da quelli del mestiere volatility term structure: struttura a termine della volatilità. In una delle versioni più semplici ma già decenti, questo approccio associa all eds che regge S t un altra eds che regge σ t, per esempio ( dst = αs t dt + σ t S t dw t, h d (σ t ) 2i h = η (σ 0 ) 2 (σ t ) 2i dt + θ (σ t ) 2 dwt, (7.3.1) con Wh t e Wt p.s. di Wiener, η, θ e σ 0 parametri > 0. Il termine di deriva η (σ 0 ) 2 (σ t ) 2i dt segnala che la volatilità effettiva σ t può anche scostarsi dalla volatilità di lungo periodo (o volatilità media) σ 0,mavienerichiamata ³ verso questo valore grazie al parametro di aggiustamento η, 3. L addendo θ (σ t ) 2 dwt indica invece movimenti imprevedibili nella volatilità, stocasticamente indipendenti dal livello di S t.questoθ è, ridicolo a dirsi, la volatilità della volatilità. L unica cosa che posso dire per chiudere il discorso è che la volatilità resta, comunque e purtroppo, una variabile non osservabile o quasi, per giunta parecchio capricciosa (sinonimo di volatile), dunque sommamente instabile. Debbo anche osservare che, se la volatilità è stocastica, costruire un 3 Questo effetto di richiamo è tipico delle cosiddette eds del tipo mean reverting (ovvero dei processi di Ornstein-Uhlenbeck). Una caratteristica importante di queste eds è la positività di ogni traiettoria che parte da un valore iniziale S 0 > 0. Sono anche imparentate coi modelli econometrici del tipo garch(1, 1), cioè riconducibili all equazione alle differenze finite (σ t+1) 2 = ω + a (σ t) 2 + b ( r t) 2,con r t v.a. che definisce il tasso di rendimento, al netto del drift r, del sottostante, nella forma S t+1 /S t (1 + r) =σ t r t.

7 88 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi portafoglio di perfetta copertura diventa una grana: una miscela di derivato e di attività sottostante non basta più, occorre miscelare (ma la cosa è molto più semplice da dirsi che da farsi) diversi derivati. 7.4 I greci Cosa sono Considero il valore V = V (t, S t ) a t di un portafoglio che contiene un (unico) sottostante, il cui prezzo a t indico con S = S t,oltread1 opiùderivatisu quel sottostante. Ha forte interesse pratico misurare la sensitività di V rispetto sia a cambiamenti di prezzo nel sottostante (per misurare la mia esposizione alrischiorispettoavariazioniins), sia a mutamenti in t e nei parametri del modello (per capire cosa succede se ne ho specificato male i parametri). A questo scopo vengono introdotti i seguenti oggetti, detti igreci(qualcuno dice: le greche) perché battezzati tutti (salvo l ultimo, che si chiama anche k, κ o z) con lettere dell alfabeto greco: N delta Θ theta = V S, = V t, Γ gamma V vega = 2 V S 2, = V σ. ρ ro = V r, (7.4.1) Definiti questi simboli 4, posso divertirmi a riscrivere l edp (6.2.6) del modello di b&s, cioè nella forma stenografica F {z} t + rs (F S ) {z} σ2 S 2 (F SS ) {z } rf =0, Θ (theta) N (delta) Γ (gamma) Θ + rsn σ2 S 2 Γ rf =0. Un portafoglio insensibile a piccole variazioni in S (dico piccole perché, attenzione!, si tratta di un discorso soltanto locale!) è detto N-neutrale (leggi: delta-neutrale). Con N( ) e ϕ ( ) funzioni di distribuzione e di densità della gaussiana standardizzata, nel caso di una call europea ottengo (basta derivare 4 Come fanno tutti, ho usato un po dovunque il simbolo per indicare incrementi, ad esempio t o S t. Nel par. 6.1 ho poi introdotto con la (6.1.2) il simbolo N, chequiritrovo come stenografia di V/ S (o di F/ S, se il portafoglio contiene soltanto una call europea che vale F ). Lo so che N è un simbolo semplicemente orrendo (di solito si scrive per V/ S t e si tira via), ma ci tenevo ad evitare confusioni e non sapevo come regolarmi diversamente.

8 7.4. I greci 89 i 2 membri della formula di b&s (6.5.4), ma è noiosissimo): ln S t µr N =N(d 1 ) con d K + + σ2 (T t) 2 1 = σ T t, Γ = ϕ (d ³ 1) S t σ con ϕ (z) = 1 T t 2π e /2 z2, ³ ρ = K (T t) e r(t t) N(d 2 ) con d 2 = d 1 T t, Θ = σs tϕ (d 1 ) 2 rke r(t t) N(d 2 ), T t V = S t T t ϕ (d1 ). Nel caso dell esercizio (6.5.5) ho N ' , Γ ' , ρ ' , Θ ' , V' Per una put europea Γ e V sono gli stessi della call e gli altri greci sono N =N(d 1 ) 1, ρ = K (T t) e r(t t) N( d 2 ), Θ = σs tϕ ( d 1 ) 2 + rke r(t t) N( d 2 ). T t Delta- e gamma-hedging Ho il portafoglio P, che a t vale V = V (t, S), e voglio immunizzare il suo valore contro piccole variazioni nel prezzo S = S t del sottostante, nell ovvia ipotesi che il suo delta, che chiamo N P = V S, non sia nullo e, beninteso, senza liquidare tutto per investire il ricavato in bond privi di rischio. Un idea seria è di aggiungere al mio portafoglio P un nuovo prodotto (derivato o sottostante): essendo il suo prezzo correlato con S, posso forse dosare questa correzione in modo che il nuovo portafoglio sia N-neutrale. Indico con x la quantità di questo prodotto, con F = F (t, S) il suo prezzo e con N F = F/ S 6= 0il suo delta. Il valore V (t, S) del nuovo portafoglio è V (t, S)+xF (t, S)

9 90 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi e per averlo N-neutrale devo scegliere x in modo che sia [V (t, S)+xF (t, S)] =0, ovvero V S S + x F S =0, cioè: x = V/ S F/ S, diciamo x = N P. N F Mi metto in un esempio. Avendo sottoscritto un derivato (ne sono writer, perciò l ho scritto in Bilancio al Passivo) con la funzione di prezzo F (t, S), voglio ora coprirmi usando il sottostante, del quale acquisto x unità, con x da scegliere in modo che la variazione nel valore del mio portafoglio sia nulla. Poiché all Attivo ho xs ed al Passivo ho F (t, S), il valore del mio portafoglio è xf (t, S) V (t, S) ed imponendo che la sua derivata rispetto ad S sia nulla ottengo [xs F (t, S)] S =0, cioè: x = F (t, S) ; S ecco che il N del derivato, cioè F (t, S) / S, mi indica proprio la quantità del sottostante che devo detenere per immunizzare il mio portafoglio P: è esattamente lo stesso trucco usato da b&s nel modello b&s 73 (par. 6.1). Naturalmente, le variazioni che così riesco a controllare sono soltanto locali. Dunque, visto che tutti i valori cambiano man mano che il tempo passa, per fare le cose seriamente dovrei procedere con un ribilanciamento (N-hedging, N- copertura) continuo, cioè istante per istante. Trattandosi di cosa costosissima e di fatto impraticabile, mi accontento allora di un ribilanciamento discreto, cioè fatto ogni tanto (ne riparlo nel par. 7.6). Se il mio portafoglio P ha valore V (t, S), mi converrà sorvegliare anche il Γ di P, che è proprio 2 V (t, S) / S 2,e cercare di rendere P anche Γ-neutrale. Ci ragiono su.il N e il Γ del portafoglio integrativo, cioè dell azione sottostante, sono dati da N S =1, Γ S =0, perciò non posso usare l azione per controllare il Γ del portafoglio. Dunque, per rendere il portafoglio sia N- cheγ-neutrale ho bisogno di 2 diversi derivati, per esempio 2 call con valori diversi di K odit. Indico con: G (t, S) e H (t, S) i valori dei 2 diversiderivati(coin e Γ che sono N G, N H, Γ G, Γ H ), x G e x H le loro quantità, V = V (t, S) il valore del mio portafoglio originale da immunizzare, V = V (t, S) quello del portafoglio immunizzato. Ho dunque V (t, S) =V (t, S)+x G G (t, S)+x H H (t, S). Averlo N- eγ-neutralevuoldirechex G e x H devono rendere V S =0, 2 V S 2 =0,

10 7.5. Relazione di parità put-call 91 cioè che devono risolvere il sistemino lineare 2 2 nelle incognite (x G,x H ) ( NP + x G N G + x H N H =0, Γ P + x G Γ G + x H Γ H =0, che posso gestire senza diventare matto. Problemi analoghi sorgono per la neutralità rispetto ad altri parametri. Avverto che per una call o una put europea di solito il parametro Γ esplode quando si avvicina la scadenza dell opzione. 7.5 Relazione di parità put-call Un esempio ben noto che illustra il principio di linearità delle valutazioni del par. 7.2 è quello del seguente Teorema (parità put-call). Siano p (t, S t ) e c (t, S t ) i prezzi di una call e di una put europee, entrambe con scadenza T, prezzo di esercizio K e con S t quotazione a t del sottostante. Allora è p (t, S t ) valore a t della put = Ke r(t t) + c (t, S t ) valore a t del valore a t prezzo di esercizio della call S t valore a t del sottostante. (7.5.1) Dimostrazione. Considero il portafoglio in cui: sto lungo con un bond di scadenza T e valore nominale K; sto lungo con una call europea con scadenza T e prezzo di esercizio K; sto corto con una azione (cioè la vendo allo scoperto: è al Passivo). Questo portafoglio alla scadenza T mi dà ( K + K +max(s ST K S T =0, se S T K, T K, 0) S T = bond azione K +0 S T = K S T, se S T <K, ricavo dalla call esattamente quanto offre la put con le stesse caratteristiche, cioè: ( 0, se ST K, max (K S T, 0) = K S T, se S T <K, mentre a t il portafoglio vale Ke r(t t) + c (t, S t ) S t. Per evitare arbitraggi il prezzo a t della put deve eguagliare questo valore, perciò vale la (7.5.1). Ad esempio, nell esercizio (6.5.5) era S t = 100, K =105, (T t) =0.25, r =0.04, σ =0.1,

11 92 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi perciò il prezzo della call a t era c (t, S t ) ' ; usando questo risultato la (7.5.1) mi fornisce il prezzo (già anticipato alla fine del par ) dell analoga put: p (t, S t )=105e ' Copertura statica (buy and hold) e dinamica La valutazione di una opzione è parecchio delicata quando essa non è quotata su un mercato, sicché fallisce il trucco di immaginare un paf di replica. Per chi ha sottoscritto un opzione del genere emerge poi, come sempre, il problema di trovare una qualche forma di controllo e di copertura dei rischi assunti. Semplificando, le tecniche di copertura sono di 2 tipi: copertura statica e copertura dinamica. Si può usare una tecnica di copertura statica,fatta con un programma di acquisti e vendite iniziali di attività finanziarie, deciso una volta per sempre e inteso a creare un portafoglio il cui valore finale duplicherà quello dell opzione. Questo portafoglio viene anche detto del tipo buy and hold (compra e detieni, oppure copriti e dimentica) perché non necessita di alcun successivo ribilanciamento. Se mi chiedo quali derivati possono essere coperti con un portafoglio composto soltanto da bond, call, put e azioni, trovo la risposta nel seguente: Teorema Considero un derivato semplice la cui funzione di contratto Φ sia continua e con immagine chiusa e limitata. Allora esiste un portafoglio che lo replica con precisione arbitraria e che contiene soltanto bond, opzioni call e put e il sottostante. Usando anche opzioni binarie (par. 9.1) ciò vale anche per derivati con funzione di contratto Φ che, anziché essere continua, presenta un numero finito di salti (discontinuità di 1 a specie). Dimostrazione. Ogni funzione continua Φ del tipo indicato può essere approssimata bene quanto si vuole con funzioni lineari a tratti, come sono quelle dei contratti di base. Se Φ presenta salti, mi basta aggiungere alla cassetta dei ferri le opzioni binarie, proprio perché, come vedrò nel par. 9.1, la funzione di contratto di un opzione di questo tipo presenta un salto. Questo risultato consente di ottenere portafogli che replicano perfettamente qualunque funzione di contratto Φ che sia a tratti rettilinea. Dei profili più comuni, nonché dei relativi portafogli di replica dirò qualcosa nei par. 9.1 e 9.3. Il testo [32] li gestisce tutti ed è anche una vera e propria miniera per molti altri argomenti qui neppure sfiorati, (come, ad esempio, alcune notevoli

12 7.7. Critiche ed estensioni 93 limitazioni sui prezzi di opzioni call e put), oppure discussi in modo sbrigativo (ad esempio, i forward eifutures: par.9.7). Le tecniche di copertura dinamica prevedono invece la costruzione di un portafoglio che viene revisionato durante tutta la vita dell opzione, in rapporto al comportamento del sottostante e degli altri dati, esattamente come ho visto nei par. 6.1 su un portafoglio assoluto e 6.2 su un portafoglio relativo. Come si può immaginare, emerge subito la necessità di un compromesso decente tra l accuratezza della copertura, che è garantita soltanto da un ribilanciamento discreto molto frequente (ma quanto frequente? In teoria dovrebbe essere un ribilanciamento continuo, dunque da ripetere ad ogni istante: ipotesi del tutto impraticabile) ed un livello accettabile dei costi accessori di transazione che si incontrano ad ogni revisione. La distinzione tra copertura statica e dinamica è grossolana e di comodo. Nel par torno sull argomento. 7.7 Critiche ed estensioni Il modello di b&s si è rivelato nella pratica davvero flessibile (nel cap. 8 trovo alcune varianti) ed incredibilmente robusto, cioè capace di sopportarne di tutti i colori quanto a riformulazioni nelle ipotesi e nelle caratteristiche tecniche del contratto. Ciò nonostante, la critica alle sue ipotesi prosegue tuttora, nel tentativo di ottenere varianti più flessibili e/o più convincenti. Qui di séguito rendo conto, sia pure in modo molto sbrigativo, di alcune critiche ed estensioni del modello b&s standard in aggiunta a quelle che ho già presentato o almeno sfiorato Attenti alle scorciatoie! Di opzioni, intese in senso generico, ne trovo di tutti i colori in ogni momento. Ad esempio, se ho un automobile vecchia di 5 anni, ho sempre l opzione (cioè la possibilità ma non l obbligo) di comprarne una nuova, con tutti i costi e i vantaggi del caso. Anche se quest opzione ha un suo valore (controprova: è meglio averla che non averla), capisco subito che il modello di b&s non mi serve per valutarla. Per usarlo dovrei infatti controllare, una per una, tutte le ipotesi su cui esso si regge, ricevendo altrettante delusioni. Questa banale osservazione serve per invitare il mio prossimo a stare attento alle scorciatoie, cioè a rifiutare l idea che qualunque opzione possa essere valutata col modello di b&s (o con strade analoghe, per esempio col modello binomiale), pur di conoscere la relativa formula, cioè pur di sapere come si fa anche se non so perché: un po come voler curare qualunque malattia con un unico farmaco. Purtroppo, questa scorciatoia è diventata molto popolare. In altre parole, molti credono non solo alla Befana (poco male!), ma anche all idea che ogni opzione

13 94 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi la si possa valutare con una qualche formula, disinteressandosi di tutto quello che sta alle spalle di quest ultima. Per evitare illusioni è dunque bene che mi ponga sempre qualche domanda. Comincio subito: chi è il mio sottostante? Ce l ha o no un mercato arb.free sul quale osservare i suoi prezzi? È sensata l idea che questi si muovano con un moto browniano geometrico? Posso comprare e vendere (magari allo scoperto) il sottostante su quel mercato? Davvero posso costruire un portafoglio privo di rischio, che posso man mano ribilanciare per mantenerlo tale e che in ogni caso replica la mia opzione? E via di questo passo. Se la risposta ad ogni domanda è sì, allora la formula di b&s èilmio cacio per i miei maccheroni. In caso contrario è meglio che la lasci perdere. Caso particolare: se sono un ciarlatano, non mi faccio nessuna domanda e uso sempre quella formula non appena trovo qualcuna che la beve Copertura dinamica e costi di transazione Ho già accennato poche righe sopra sia ai problemi che sorgono quando si cerca la copertura dinamica di un portafoglio sorvegliando il comportamento del sottostante, sia alla necessità di trovare un compromesso tra accuratezza della copertura e costi di transazione. Analogo discorso vale per tecniche di monitoraggio e di copertura quali il delta- e il gamma-hedging del par e la regola di platino che vedrò nel par In ogni caso non posso scordare che in tutti questi casi si lavora sempre su risultati locali che devo augurarmi siano non troppo locali, dunque accettabili quando mi limito a variazioni comprese in una banda di valori plausibili Linearità addio? La presenza di costi di transazione tradisce le ipotesi di base del par , perché esalta il fenomeno del bid-ask spread e riduce la liquidità del mercato. Modellizzare i costi di transazione è anche possibile, tuttavia farlo in modo realistico non è proprio cosa facile (la proposta, forse un po ingenua, che vedrò nel par è solo una delle tante). Sia come sia, i costi di transazione hanno anche un effetto secondario importante, quello di alterare la linearità delle valutazioni (teorema 7.2.1) del modello di base. Devo infatti tener conto che quei costi provocano vere e proprie economie di scala, nel senso che i loro effetti sono relativamente moderati nei portafogli di grosse dimensioni, invece sensibili in quelli di dimensioni modeste, col risultato che l effettivo valore di un derivato o di un portafoglio finisce per dipendere dal soggetto che lo gestisce. Questa perdita di linearità si riflette anche nella non-linearità delle edp che descrivono la dinamica dei valori (ne dico qualcosa nel par ). Ma qui non è proprio il caso, come talvolta si legge, di sottolineare questo effetto in

14 7.7. Critiche ed estensioni 95 modo drammatico. In fondo, c è sempre gente disposta a guadagnarsi il pane risolvendo per via numerica edp rognose Sono tutti price-taker? Un altra grana molto seria nasce dal fatto che, nella pratica, in mercati non perfettamente liquidi, le stesse transazioni che gli operatori effettuano a scopo di copertura e ribilanciamento finiscono spesso per spostare il prezzo dei beni sottostanti. Ciò contrasta con l idea che quelle transazioni seguano le variazioni, per giunta del tutto casuali, in quei prezzi. In altre parole, nella realtà il meccanismo teorico S t cambia gli operatori reagiscono viene ad essere modificato inserendo una sorta di effetto di feed-back, cioè diventa S t cambia gli operatori reagiscono Specialmente in un mercato che ha già di suo problemi di liquidità, questo nuovo schema può diventare perverso, cioè creare non solo instabilità e oscillazioni, ma addirittura occasioni non banali di arbitraggio, bolle speculative e crolli Incertezza nei parametri Ho già avvertito nel par. 7.3 che, di fatto, il parametro σ del modello di b&s non solo è variabile col tempo e col prezzo del sottostante (poco male se questa dipendenza restasse deterministica), nonché col prezzo di esercizio K (fenomeni del tipo smile, frown e simili), ma è addirittura non deterministico, sicché andrebbe modellizzato in modo un po più credibile, cioè come un vero e proprio p.s.. In realtà osservazioni simili valgono anche per gli altri parametri del modello, in particolare per il tasso istantaneo di interesse r eperilflusso istantaneo di dividendi (li introduco nel par. 8.1). Anche senza definire nuovi modelli che li trattano non come parametri ma come p.s. ben definiti, è comunque prudente fare sempre i conti immaginando che ogni parametro si muova in una sua banda di valori plausibili, spesso chiamata banda di certezza (alcuni dicono banda di incertezza). In questo ordine di idee la prudenza suggerisce anche di esplorare un intero ventaglio di diversi scenari futuri che si possono presentare, dal peggiore al migliore (worst case e best case analysis). Le 5 Esistono parecchi metodi per risolvere edp, tutti curiosi e interessanti. Non potendo occuparmene qui, mi limito a rinviare ai cap di [53] ed ai testi [12] e [44].

15 96 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi idee che presenterò nel par per gestire un derivato o un portafoglio in condizioni di crash rientrano in questo schema, al pari di ciò che racconto nei prossimi 2 paragrafi Volatilità incerta Alcuni sostengono (e hanno ragioni da vendere!) che la volatilità è così bizzosa, imperscrutabile e non osservabile che è impossibile stimarla in modo appena appena affidabile, tanto meno modellizzarla in modo decente. Aggiungono perciò che l unica cosa da fare è questa: fisso, sulla base dell esperienza passata dei rendimenti del sottostante che mi interessa, una banda ragionevolmente ristretta di valori [σ, σ + ]; suppongo che in futuro σ non possa mai uscire da questa banda; suppongo che, di fatto, le cose vadano sempre nel peggiore dei modi, cioè che, ad ogni istante futuro, σ assuma il valore che, in quell istante, è per me il più sfortunato: come dire che vale sempre la legge di Murphy 6. Vedo di ragionarci sopra. Ritorno al modello b&s 73 del par All istante t il mio portafoglio ha queste caratteristiche: ho una posizione lunga (perciò all Attivo) su N azioni, ognuna di valore corrente S t, ed una corta (perciò al Passivo) su un T -derivato che ho venduto (cioè sottoscritto) su quelle azioni; questo derivato ha il valore F = F (t, S t ), ancora incognito, e scade a T col suo pay-off Φ (S T ); ho già fatto delta-hedging, cioè ho già provveduto a rendere privo di rischio il mio portafoglio scegliendo N = F/ S t, sicché il valore V (t) del portafoglio e il suo differenziale dv (t) sono descritti dalle (6.1.3)-(6.1.4), che qui ricopio: V (t) =F S S t F, (7.7.1) h dv (t) = F t 1 2 F SS (S t σ) 2i dt. (7.7.2) 6 Per quanto priva di fondamento razionale, è una legge popolarissima nella quale moltissimi credono. Ne esistono varie versioni, che tutte rispondono a domande come questa: se sto spalmando un po di burro su una fetta di pane e questa mi casca per terra, quale lato finirà a contatto col pavimento? Oppure: se al supermercato sono in coda davanti ad una cassa, con una coda come quelle delle altre casse, in quale cassa finirà il rotolo di carta, oppure un cliente cercherà di pagare con una carta di credito non valida bloccando la fila?

16 7.7. Critiche ed estensioni 97 A questo punto faccio il pessimista (per darmi delle arie: faccio della worst case analysis) supponendo che, ad ogni istante, σ assuma nella banda [σ, σ + ] il valore per me peggiore, cioè quello che più di tutti deprime dv (t), cioèquello che massimizza F SS (S t σ) 2. In altre parole suppongo sia σ = σ + se è F SS > 0, invece σ = σ se F SS < 0, infine un valore qualunque in [σ, σ + ] se F SS =0. Insomma, σ non è più una costante deterministica ma diventa una funzione σ (F SS ) fatta così: σ (F SS )= (posizione corta) ( σ +, se F SS 0, σ, se F SS < 0. (7.7.3) Per chiamare cose diverse con nomi diversi indico con F + il corrispondente valore del derivato e con Γ il suo gamma, cioè F + SS. Questa notazione può sembrare stravagante, ma mi serve proprio per sottolineare che σ viene scelto in modo da deprimere il valore V (t) della mia posizione netta, nel mio caso gonfiando il valore F (t, S t ) del derivato che sta al Passivo del mio Stato Patrimoniale,prospettochequiricopiodalpar.6.1: Stato Patrimoniale Attivo F + S S t Debiti F + Netto (F + S S t F + ) V (t) totale F + S S t totale F + S S t Ora proseguo come nel par. 6.1: per l ipotesi di non arbitraggio, il mio portafoglio dovrà avere lo stesso rendimento (tasso istantaneo r) di un titolo privodirischioediparivalorev (t), cioè impongo che sia dv (t) =rv (t) dt; poi riscrivo le (7.7.1)-(7.7.2) con F + al posto di F,semplifico quanto basta e arrivo al problema F t + + rf + S S t Γ [S tσ (Γ)] 2 rf + =0, F + (T,S T )=Φ (S T ), ( σ +, se Γ = F + SS σ (Γ) = 0, (7.7.4) (posizione corta) σ, se Γ = F + SS < 0. che è del tutto simile a quello di b&s (6.2.6), però col parametro di volatilità σ cheadessononèpiùcostantemaèσ (Γ), cioè si muove con la legge del pessimismo (7.7.3). Finora ho immaginato di stare corto (cioè debitore) su un derivato, e il mio pessimismo ha visto σ massimizzare il valore del derivato. Se invece avessi una

17 98 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi posizione lunga sul derivato (cioè se avessi: il suo valore F all Attivo e F S S t al Passivo), allora al posto delle (7.7.1) e (7.7.2) avrei V (t) =F F S S t, h dv (t) = F t F SS (S t σ) 2i dt. In questo caso il mio pessimismo mi spinge ancora a deprimere il valore di V (t), ma per ottenere questo risultato stavolta devo cercare il σ che minimizza F, valore che indicherei con F. In altre parole, con una posizione lunga sul derivato rovescerei la regola (7.7.3), ottenendo così, al posto del sistema (7.7.4), il sistema: Ft + rfs S t Γ [S tσ (Γ)] 2 rf =0, F (T,S T )=Φ (S T ), ( σ, se Γ = FSS σ (Γ) = 0, (7.7.5) (posizione lunga) σ +, se Γ = FSS < 0. Posso osservare quanto segue: se indico con F BS (t, S t ) il valore che il derivato assume nel consueto modello di b&s con un σ fisso scelto in [σ, σ + ], allora risulta F (t, S t ) F BS (t, S t ) F + (t, S t ); adottare una visione pessimista sul comportamento di σ mi assicura che, continuando a fare delta-hedging, il rendimento della mia posizione sarà almeno r; anzi, più di r se non avrò sfortuna massima in ogni istante futuro; il discorso che ho raccontato diventa delicato per le opzioni il cui gamma può cambiare segno; al contrario, nelle call e put europee, che hanno sempre questo greco positivo, posso usare la consueta formula di b&s con volatilità σ costante, cioè con σ = σ + o σ = σ a seconda dei casi (posizione corta o lunga), ritrovando in entrambi un caso particolare delle (7.7.4) e (7.7.5); non essendoci più un unico valore di σ ma un intera banda di valori [σ, σ + ], non esiste più il valore del derivato, ma esistono i due valori F (t, S t ) e F + (t, S t );inpiùèdiversanei2 casi l edp che devo risolvere per calcolare il valore del mio derivato; nei problemi (7.7.4) e (7.7.5) ho a che fare con una edp non lineare, dunque una sua soluzione per quadrature me la scordo, la devo trovare per via numerica;

18 7.7. Critiche ed estensioni 99 a questo punto devo dire addio anche al principio di linearità delle valutazioni (teorema 7.2.1); il problema (7.7.4), al pari di suo fratello (7.7.5), è stato costruito da Avellaneda e altri (in [4] e [5]) apposta per gestire il caso di volatilità incerta; tuttavia ad un problema dello stesso tipo vengo condotto anche quando l incertezza riguarda non σ ma il tasso di interesse r privo di rischio o il flusso di dividendi pagati dall azione sottostante, oppure per gestire la presenza di costi di transazione (vedi [3]); i sistemi (7.7.4) e (7.7.5) servono per valutare in modo pessimista il derivato sul quale mantengo, rispettivamente, una posizione corta (e allora è F = F + ) ed una lunga (e allora è F = F ); per gestire in modo unificato i 2 casi senza andare in oca, posso lavorare come segue: assegno a Φ (S T ) il suo segno naturale, cioè Φ (S T ) indica un incasso se Φ (S T ) > 0, un pagamento se Φ (S T ) < 0; definisco una posizione sul derivato come corta se F (t, S t ) < 0, come lunga se F (t, S t ) > 0; unifico i 2 sistemi nella forma F t + rf S S t Γ [S tσ (F Γ)] 2 rf =0, F (T,S T )=Φ (S T ), ( σ (7.7.6), se F Γ 0, σ (F Γ) = σ +, se F Γ < 0, nella quale, per farla corta, sono tornato alla notazione standard F per indicare il valore del derivato, in ogni caso calcolato sotto l ipotesi pessimista che vede σ comportarsi, ad ogni istante, in modo da rendere minimo il valore V (t) della mia posizione netta Copertura statica ottimale Fermo il resto, più è ampio l intervallo [σ, σ + ] e più ampio è lo scarto tra F (t, S t ) e F + (t, S t ). È però possibile adottare qualche contromisura per ridurre questo possibile spazio di contrattazione sul derivato. Ora vedo come. Suppongo che mi venga chiesto di definire: il minimo prezzo al quale vendere un derivato non quotato (lo si chiama prezzo del venditore, seller s price, bid price, short price, prezzo denaro), oppure: il massimo prezzo al quale comprare il derivato (prezzo del compratore, buyer s price, ask price, long price, prezzo lettera).

19 100 Capitolo 7. Il modello B & S: complementi Non avendo informazioni affidabili su σ (magari il derivato non è neppure quotato!), fisso una banda [σ, σ + ] di valori per la volatilità σ ecilavoro. Userò le convenzioni sul segno di F edelpayoff Φ già indicate poco prima della (7.7.6) e tratterò un entrata o un uscita di cassa derivanti da una compravendita di altri derivati con la stessa convenzione scelta per Φ. Riassumendo, userò queste convenzioni: ½ attività (crediti, posizioni lunghe) + per : entrate di cassa ½ passività (debiti, posizioni corte) per : uscite di cassa Per fissare le idee immagino che mi si chieda di vendere un derivato con pay-off Φ (S T ) 0 alla scadenza T. Correre rischi non è mai piacevole, perciò cerco di trovare una qualche forma di copertura. Suppongo che siano trattati sul mercato n derivati semplici con scadenza T, scritti anch essi sullo stesso sottostante quotato S t e che posso acquistare e/o vendere nelle quantità descritte dal vettore x =[x 1,...,x n ] con componenti di segno libero. Per farla corta, indico con Φ i (S T ) il pay-off del derivato i-esimo in quantità unitaria x i =1econc i il suo prezzo di mercato, elemento del vettore colonna c di R n. Una volta fissato il mio portafoglio integrativo di copertura x, esso genera il corrispondente flusso di cassa xc = P n i=1 x ic i, esaràxc > 0 o xc < 0 a seconda che in x prevalgano gli acquisti (cioè i costi) o le vendite (cioè i ricavi). Il pay-off finale generato da x, cioè P n i=1 x iφ i (S T ), va ad aggiungersi al pay-off Φ (S T ) del derivato che voglio vendere, sicché il pay-off della mia posizione (posizione complessiva, cioè: derivato di partenza + portafoglio integrativo x) è il cosiddetto pay-off integrato o residuale Φ (S T )+ P n i=1 x iφ i (S T ), (7.7.7) che, per semplicità, posso supporre non sia identicamente nullo e non cambi segno al variare di S T, in modo da capire subito se la mia posizione è lunga (Φ + P i x iφ i 0) oppure corta (Φ + P i x iφ i 0). Per valutare la mia posizione a t devo allora: Valutare il mio portafoglio di (n +1)derivati, al quale compete il pay-off (7.7.7). Beninteso, questa valutazione la condurrò con la stessa visione pessimista che ho esposto nel par , arrivando al valore, che chiamo

20 7.7. Critiche ed estensioni 101 G = G (t, S t ),cherisolveilsistema G t + rg S S t G SS [S t σ (GG SS )] 2 rg =0, G (T,S T )=Φ (S T )+ P n i=1 x iφ i (S T ), ( σ, se GG SS 0, σ (GG SS )= σ +, se GG SS < 0, (7.7.8) che ottengo dal sistema (7.7.6) usando G al posto di F (difatti ora c è un pay-off diverso) e scrivendo in chiaro G SS per Γ. Naturalmenteavrò G>0 o G<0 a seconda che la mia posizione sia lunga o corta. Visto che a G ci arrivo grazie al portafoglio integrativo x, non devo scordarmi di aggiungere a G il valore di x, cioèxc, ottenendo la somma f (x) = G (t, S t ) {z } valore (pessimista) a t della + ( xc) {z } ricavo (se >0) ocosto. (7.7.9) posizione coperta con x (se <0) dellacoperturax A questo punto il minimo prezzo di vendita del derivato che devo quotare non è altro che [ f (x)]. Finora x era fissato, ma posso farmi furbo, cioè cercare, tra tutte le possibili scelte di x, il portafoglio integrativo x che rende massimo f (x) (difatti devo rendere minimo [ f (x)]): f (x )=maxf (x). (7.7.10) x L idea che sta sotto a tutto quanto è: devo trovare un x che riduce, come meglio non potrei fare, il prezzo di vendita al quale offro il derivato. Resta inteso che sulla mia posizione complessiva dovrò poi fare, se lo desidero, copertura dinamica. È ovvio che il valore del mio portafoglio di (n +1)derivati risulterà tanto meno sensibile all incertezza della volatilità quanto più il pay-off residuo (7.7.7) è ridotto. Addirittura, se x rendesse nullo, S T,ilpay-off integrato, allora G (t, S t ) sarebbe nullo ed x sarebbe il (miglior) portafoglio che replica il derivato da vendere, derivato il cui valore sarebbe semplicemente x c. Una volta che conosco il prezzo minimo al quale offrire il derivato, posso anche calcolarmi la volatilità implicita σ nella quotazione alla quale lo offro. Beninteso, la vera volatilità σ era aleatoria e tale rimane, perciò questo σ ha, della vera volatilità implicita, l apparenza più che la sostanza. Nel caso che debba calcolare il massimo prezzo al quale acquistare il derivato, l unica cosa che cambia in quanto ho già detto è che questo prezzo è f (x ).

Black-Scholes: le Greche

Black-Scholes: le Greche Black-Scholes: le Greche R. Marfé Indice 1 Delta 2 2 Gamma 4 3 Theta 6 4 Vega 7 5 Rho 8 6 Applicazione in VBA 9 1 1 Delta Il delta di un opzione (o di un portafoglio di opzioni) indica la sensibilità del

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Modelli finanziari per i tassi di interesse

Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS Lecture 3 Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 3.1 Modelli per la struttura La ricerca di un modello finanziario che descriva l evoluzione della

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 =

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 = Volatilità implicita Abbiamo visto come sia possibile calcolare la volatilità di un titolo attraverso la serie dei log-return. In teoria però la volatilità di un sottostante può essere determinata dal

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Il calore nella Finanza

Il calore nella Finanza Il calore nella Finanza Franco Moriconi Università di Perugia Facoltà di Economia Perugia, 12 Novembre 2008 Quotazioni FIAT Serie giornaliera dal 6/11/2007 al 6/11/2008 F. Moriconi, Il calore nella Finanza

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Metodi Stocastici per la Finanza

Metodi Stocastici per la Finanza Metodi Stocastici per la Finanza Tiziano Vargiolu vargiolu@math.unipd.it 1 1 Università degli Studi di Padova Anno Accademico 2012-2013 Indice 1 Mercati finanziari 2 Arbitraggio 3 Conseguenze del non-arbitraggio

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

(Come noto, il risultato finale dell importo dei capitali, espresso in euro, deve essere arrotondato al centesimo più prossimo)

(Come noto, il risultato finale dell importo dei capitali, espresso in euro, deve essere arrotondato al centesimo più prossimo) MATEMATICA FINANZIARIA ISTITUZIONI L - Z) Pavia 11/ 11/004 COGNOME e NOME:... n.dimatricola:... CODICE ESAME:... Come noto, il risultato finale dell importo dei capitali, espresso in euro, deve essere

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes

Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes Capitolo 4 Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes Quanto è ragionevole pagare per entrare in un contratto d opzione? Per affrontare questo problema

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di (48 punti) Il Sig. Smith è responsabile per gli investimenti obbligazionari presso una società di consulenza finanziaria, e ha analizzato la curva di rendimento delle

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

I modelli fondati sul mercato dei capitali

I modelli fondati sul mercato dei capitali I modelli fondati sul mercato dei capitali Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA L approccio basato sugli spread

Dettagli

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Valore equo di un derivato. Contingent claim

Valore equo di un derivato. Contingent claim Contingent claim Ci occuperemo ora di determinare il prezzo equo di un prodotto derivato, come le opzioni, e di come coprire il rischio associato a questi contratti. Assumeremo come dinamica dei prezzi

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,...

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... Entropia Motivazione Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... ) s,s 2,s 3,... ognuno dei quali appartiene ad un alfabeto A di M elementi.? Quant è l informazione portata

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Finanza matematica - Lezione 01

Finanza matematica - Lezione 01 Finanza matematica - Lezione 01 Contratto d opzione Un opzione è un contratto finanziario stipulato al tempo, che permette di eseguire una certa transazione, d acquisto call o di vendita put, ad un tempo

Dettagli

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza NEMANJA RADIĆ 22/04/2009 AGENDA Introduzione I. I modelli basati sul cash flow mapping II. III. 2 Gli obiettivi del cash

Dettagli

Design of Experiments

Design of Experiments Design of Experiments Luigi Amedeo Bianchi 1 Introduzione Cominciamo spiegando cosa intendiamo con esperimento, ossia l investigare un processo cambiando i dati in ingresso, osservando i cambiamenti che

Dettagli

VI Esercitazione di Matematica Finanziaria

VI Esercitazione di Matematica Finanziaria VI Esercitazione di Matematica Finanziaria 2 Dicembre 200 Esercizio. Verificare la proprietà di scindibilità delle leggi del prezzo { v(t, s) = exp } 2 (s2 t 2 ) e v(t, s) = e t(s t) Soluzione. Possiamo

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Metodi Monte Carlo in Finanza

Metodi Monte Carlo in Finanza Metodi Monte Carlo in Finanza Lucia Caramellino Indice 1 Metodi Monte Carlo: generalità Simulazione di un moto Browniano e di un moto Browniano geometrico 3 3 Metodi numerici Monte Carlo per la finanza

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica

Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica A01 185 Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

Problemi di Programmazione Lineare Intera

Problemi di Programmazione Lineare Intera Capitolo 4 Problemi di Programmazione Lineare Intera La Programmazione Lineare Intera (PLI) tratta il problema della massimizzazione (minimizzazione) di una funzione di più variabili, soggetta a vincoli

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Francesco Menoncin Le zi one 24 /04/2006 Sommario Si presentano le principali problematiche di gestione dei fondi pensione nei due sistemi Pay-As-You-Go e

Dettagli

IL MIBO 30: VERIFICA DI ALCUNE RELAZIONI DI ARBITRAGGIO E SCOMPOSIZIONE DEL PREMIO

IL MIBO 30: VERIFICA DI ALCUNE RELAZIONI DI ARBITRAGGIO E SCOMPOSIZIONE DEL PREMIO IL MIBO 30: VERIFICA DI ALCUNE RELAZIONI DI ARBITRAGGIO E SCOMPOSIZIONE DEL PREMIO PELIZZARI CRISTIAN Sommario. Questo articolo analizza il funzionamento del mercato delle opzioni sull indice MIB 30 durante

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA SVOLTI

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA SVOLTI ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA SVOLTI Si ringrazia Davide Benza per il prezioso contributo Esercizi del 28/02/07 Esercizio 1 Determinare il M se C = 100 investito per un anno e 5 mesi, a tasso annuo

Dettagli

Prendendo spunto dalla mail di Giovanni da Reggio Calabria, abbiamo riepilogato le 6 equazioni di arbitraggio tra Future e Opzioni:

Prendendo spunto dalla mail di Giovanni da Reggio Calabria, abbiamo riepilogato le 6 equazioni di arbitraggio tra Future e Opzioni: OPT63 Opzioni sintetiche Hedging: un breve riepilogo per non perdere la testa Avete proprio ragione: l argomento Hedging fa un po perdere la testa e prima di procedere è giusto accontentare chi di voi

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

9. La distribuzione 2 e i test per dati su scala nominale

9. La distribuzione 2 e i test per dati su scala nominale 9. La distribuzione e i test per dati su scala nominale 9.1. La distribuzione 9. 1. 1. La statistica e la sua distribuzione In una popolazione distribuita normalmente con parametri e estraiamo un campione

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it LA CLASSIFICAZIONE CAP IX, pp.367-457 Problema generale della scienza (Linneo, ) Analisi discriminante Cluster Analysis

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00)

Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00) Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00) Richiami di matematica pag. 2 Definizione (moderatamente) formale di variabile aleatoria

Dettagli

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio:

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio: TEORIA DELL IMMUNIZZAZIONE FINANZIARIA Con il termine immunizzazione finanziaria si intende una metodologia matematica finalizzata a neutralizzare gli effetti della variazione del tasso di valutazione

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

Tiziano Vargiolu. Elementi di Probabilità e Statistica

Tiziano Vargiolu. Elementi di Probabilità e Statistica Tiziano Vargiolu Elementi di Probabilità e Statistica Ristampa: marzo 2014 ISBN 978 88 7178 349 9 ISBN 88 7178 349 2 2002 by CLEUP sc Coop. Libraria Editrice Università di Padova via Belzoni 118/3 Padova

Dettagli

RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI

RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI E. MONTANARO A.A. 2007-2008 RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI Premessa Il rischio di interesse per qualsiasi agente economico è associato alla intrinseca variabilità dei tassi di interesse di mercato, che rende

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

MANUALE MONEY MANAGEMENT

MANUALE MONEY MANAGEMENT 1 MANUALE MONEY MANAGEMENT BY SNIPERTRADING 2 Disclaimer Le opinioni qui espresse sono quelle dell autore e non sono da intendersi come un offerta o una sollecitazione alla vendita o all acquisto di strumenti

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

Appunti di Statistica Descrittiva

Appunti di Statistica Descrittiva Appunti di Statistica Descrittiva 30 dicembre 009 1 La tabella a doppia entrata Per studiare dei fenomeni con caratteristiche statistiche si utilizza l espediente della tabella a doppia entrata Per esempio

Dettagli

1a 1b 2a 2b 3 4 5 6 6 5 4 3

1a 1b 2a 2b 3 4 5 6 6 5 4 3 MATEMATICA FINANZIARIA A e B - Prova scritta del 30 maggio 2000 1. (11 pti) Un tale deve pagare un debito di ammontare D. L ammortamento viene strutturato su 3 anni valutando gli interessi coi tassi variabili

Dettagli

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Luigi De Giovanni Giacomo Zambelli 1 Problemi di programmazione lineare Un problema di ottimizzazione vincolata è definito dalla massimizzazione

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Appendice A Rappresentazione dei segnali A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Scomporre una generica forma d onda s(t) in somma di opportune funzioni base è operazione assai comune, particolarmente

Dettagli

Appunti di Calcolo finanziario. Mauro Pagliacci

Appunti di Calcolo finanziario. Mauro Pagliacci Appunti di Calcolo finanziario Mauro Pagliacci c Draft date 4 maggio 2010 Premessa In questo fascicolo sono riportati gli appunti dalle lezioni del corso di Elaborazioni automatica dei dati per le applicazioni

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli