Comune di CARONNO PERTUSELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di CARONNO PERTUSELLA"

Transcript

1 Comune di CARONNO PERTUSELLA Titolo del progetto: Tempo a ruota libera ID Progetto: VA/CarPe-3 B Valore Progetto Contributo regionale Quota di cofinanziamento concesso 70% comunale 30%!"#$%&'()*+" " "! ,00!"',%('()*+"!! " " " " " RIEPILOGO VOCI DI SPESA DICHIARATE AMMISSIBILI QUOTA CONTRIBUTO CONCESSA 1) Azioni di indagine e ricerca 1.700,00 2) Formazione del personale comunale 0,00 3) Prestazioni professionali personale in staff 0,00 4) Prestazioni consulenziali e professionali ,00 5) Noleggio di strumenti e attrezzature strettamente funzionali e finalizzate al 0,00 progetto 6) Progettazione e gestione di servizi informatici e acquisizione di software specifici 0,00 7) Progettazione e realizzazione di azioni di informazione e comunicazione ,00 TOTALE ,00 " Azioni di progetto ammesse al contributo " azione 1 Ragazze e ragazzi in bicicletta azione 2 Caronno Pertusella a piedi e in bicicletta Si ricorda che la data di inizio del progetto è fissata dal decreto di concessione del contributo e la liquidazione del primo 30% (art 12 del bando) 2

2 Schede di ridefinizione da duplicare e compilare per ciascuna azione ammessa al contributo SCHEDA ANALITICA DELLE AZIONI PROGETTUALI FINANZIATE (art.12 6 capoverso n.1 del bando) SCHEDA AZIONE DI PROGETTO N 1 a. Comune responsabile: Caronno Pertusella b. Numero e titolo dell azione: AZIONE 1 Ragazzi e ragazze in bicicletta c. Obiettivo dell azione: L azione intende promuovere la qualità del tempo degli spostamenti sul territorio dei ragazzi e delle ragazze in età scolare (spostamenti casa-scuola, casa-parchi, casa-oratorio, casa-nonni, ecc.). La bicicletta è un veicolo che costa poco, usa energie rinnovabili, non inquina, occupa poco spazio, si parcheggia con facilità, richiede poca manutenzione, è facile da usare, è flessibile, piace ai ragazzi e alle ragazze. Obiettivi generali dell azione sono quelli di: incentivare l uso della bicicletta in ambito urbano tra gli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado per gli spostamenti casa-scuola, casa-parchi, casa-oratori ecc. superare gli stereotipi di genere tra gli studenti/studentesse a partire dal confronto tra le diverse esperienze sull uso della bicicletta da parte dei ragazzi e delle ragazze. Obiettivi specifici 1. Affiancare con iniziative di formazione, informazione, sensibilizzazione gli interventi strutturali previsti dal PGTU volti a creare le condizioni più favorevoli all uso della bicicletta per gli spostamenti dei ragazzi e delle ragazze della fascia di età anni sui percorsi casa-scuola. 2. Agevolare i tempi di conciliazione delle famiglie svincolandole, almeno in certi periodi o giorni dell anno, dall accompagnamento dei figli/figlie a scuola. 3. Riqualificare il tempo degli spostamenti dei ragazzi e delle ragazze di anni 4. Promuovere una mobilità più sostenibile dal punto di vista ambientale che riduca i consumi, l inquinamento atmosferico e acustico. 5. Accrescere la conoscenza e la consapevolezza dei vantaggi degli spostamenti ciclo-pedonali in termini di autonomia, salute, socializzazione. 6. Accrescere la conoscenza dei rischi/pericoli che si affrontano nel muoversi sulle strade urbane per saperle gestire in modo responsabile e consapevole. 7. Superare il divario di genere nell autonomia degli spostamenti di ragazzi e ragazze. d. Destinatari dell azione: Studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado (284 iscritti nell a.s di cui 153 maschi e 131 femmine) e loro famiglie E in particolare - Studenti/studentesse delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado (161 a.s ) - Studenti/studentesse che hanno continuato ad usufruire dello scuola-bus nell a.s anche dopo l aumento della tariffa: 13 maschi e 11 femmine. e. Modalità di realizzazione dell attività/fase* e tempistica dell azione: 3

3 (*) Descrivere le modalità con cui le singole attività/fasi verranno realizzate: convenzioni, affidamento di incarichi, costituzione di tavoli di partenariato o gruppi di lavoro (Indicare le date presunte di inizio e fine dei passaggi chiave e dell azione) Data presunta di avvio dell azione (mese/anno): aprile 2011 Data prevista di conclusione dell azione (mese/anno): luglio 2012 L azione si articola in: 1.A. Educare alle differenze pedalando. Laboratori rivolti alla scuola secondaria di primo grado. 1.B. In bici con la testa (e col casco): corso di guida sicura con la bicicletta. 1.C. La bici sul web comunale. Sviluppo di una sezione del sito web comunale dedicata agli spostamenti in bicicletta. Modalità di realizzazione dell attività/fase Affidamento di incarico per il coordinamento dell azione nel suo insieme (1A, 1B, 1C) (aprile 2011) In merito al punto 1A. Educare alle differenze pedalando Affidamenti di incarico a: - formatrice esperta in Pari Opportunità e mainstreaming di genere per i laboratori di de-costruzione degli stereotipi di genere (giugno 2011) - esperti di manutenzione della bicicletta (giugno 2011) - esperto ed educatore di comunicazione per i laboratori di costruzione video-clip (giugno 2011) In merito al punto 1B. In bici con la testa Accordo tra la Polizia Locale e la scuola secondaria di primo grado per la realizzazione del corso di guida sicura (in definizione per settembre 2010) In merito al punto 1C. La bici sul web comunale Affidamenti di incarico per organizzare la redazione da parte della scuola dei contenuti della sezione dedicata alla bicicletta del sito comunale e per la revisione dei testi (settembre 2011). Affidamento di incarico per la revisione, la pubblicazione e l aggiornamento dei materiali informativi prodotti dalla scuola sul sito web del comune e per l elaborazione dei dati del monitoraggio sull uso della bicicletta effettuato dagli studenti (settembre 2011). f. Descrizione delle principali attività/fasi e dei passaggi chiave: (Numerare e descrivere in maniera puntuale le attività/fasi necessarie e i passaggi chiave per il raggiungimento dell obiettivo dell azione. Per passaggi chiave si intendono provvedimenti, accordi, strumenti di programmazione individuati come funzionali e necessari al raggiungimento degli obiettivi dell azione. Ogni attività può comprendere più passaggi chiave) Attività/fasi preliminari alla realizzazione dell azione Coinvolgimento della scuola secondaria di primo grado 1. Incontro col dirigente e i docenti per la presentazione di dettaglio delle iniziative e una loro eventuale rimodulazione in accordo con la dirigenza e i docenti 2. Incontro coi docenti interessati a partecipare alle iniziative: programmazione delle attività, suddivisione dei ruoli, individuazione delle classi o dei gruppi di alunni/e da coinvolgere. 3. Incontro col Consiglio di Istituto per il coinvolgimento delle famiglie Attività/fasi e passaggi chiave relativi al punto 1A Educare alle differenze pedalando Descrizione dell attività. Laboratori destinati alle classi della scuola secondaria di primo grado volti ad approfondire in modo pratico la conoscenza della bicicletta. I laboratori permettono anche di riflettere sugli stereotipi di genere inerenti agli stili e alle abitudini di mobilità dei ragazzi e delle ragazze, indotti dai processi educativi. Il lavoro di decostruzione degli stereotipi di genere ha come obiettivo quello di favorire una maggiore autonomia negli spostamenti di ragazze e ragazzi. 4

4 La proposta sarà l occasione per contribuire ad educare alle pari opportunità, valorizzando da un lato, le differenze e, dall altro lato, promuovendo un nomadismo dell identità capace di superare una visione del maschile e femminile costruita sulla base di categorie culturali rigidamente definite. Laboratori proposti: - Laboratorio didattico che utilizza strumenti interattivi tra cui il metodo autobiografico sulle esperienze di uso della bicicletta e di autonomia negli spostamenti, al fine di contribuire a superare gli stereotipi di genere nelle pratiche quotidiane dei ragazzi e ragazze. Coinvolgimento degli anziani/e del Centro Auser nelle attività autobiografiche sull uso della bicicletta. (rivolto a n. 5 classi per 4 ore ciascuno). - Laboratori pratici di manutenzione della bicicletta con il contributo di meccanici, negozianti di biciclette locali, associazioni sportive Il pedale caronnese e ASD Pertusella Ciclismo, Centro Anziani Auser e Parco del Lura. Contenuti: 1. contributi teorici ed esercitazioni pratiche sulla meccanica della bicicletta e sui modi per ripararla e mantenerla sempre efficiente (rivolto a n. 10 classi per 4 ore ciascuno); 2. prove di abilità a coppie (studente-anziano) nella riparazione della bicicletta. - Realizzazione di 5 video-clip che promuovano l utilizzo della bicicletta nel contesto cittadino e diffondano messaggi capaci di superare gli stereotipi di genere da pubblicare nel sito comunale nell apposita sezione dedicata alla bicicletta (rivolto a n. 5 classi per 10 ore ciascuno). I video clip saranno diffusi tramite il sito del comune, youtube, e durante l evento di comunicazione del progetto La Festa della bicicletta (si veda Strumento di comunicazione previsti dell azione 2). Fasi e passaggi chiave: 1. Calendario dei laboratori nelle classi 2. Condivisione del piano di formazione con i docenti coinvolti e le associazioni partner 3. Realizzazione dei laboratori 4. Pubblicazione dei prodotti finali 5. Valutazione dei laboratori da parte degli studenti 6. Valutazione in base agli esiti dell azione, del suo inserimento nel POF come offerta educativa permanente Attività/fasi e passaggi chiave relativi al punto 1.B In bici con la testa (e col casco) Descrizione dell attività: Corso di guida sicura in bicicletta Fasi e passaggi chiave 1. Accordo tra la polizia locale e la dirigenza scolastica per lo svolgimento del progetto all interno della scuola secondaria di primo grado (passaggio chiave) 2. Organizzazione e svolgimento del corso articolato in contenuti teorici supportati da materiale appositamente predisposto e in una prova pratica sul territorio 3. Distribuzione di un attestato di frequenza a tutti gli alunni/e e di una paletta distanziatrice da applicare alla bicicletta 4. Accordo per l erogazione di un buono da 50 Euro per l acquisto di una bicicletta da destinare ai ragazzi e alle ragazze della scuola secondaria di primo grado che hanno conseguito con successo l attestato di guida sicura 5. Valutazione dell iniziativa 6. Valutazione in base agli esiti dell azione, del suo inserimento nel POF come offerta educativa permanente 7. Collocazione di nuove rastrelliere all interno degli spazi scolastici Attività/fasi e passaggi chiave relativi al punto 1.C. La bici sul web comunale Descrizione dell attività: - Realizzazione di materiali di comunicazione su aspetti pratici, culturali e scientifici relativi alla bicicletta da pubblicare all interno del sito del comune. I materiali saranno realizzati coinvolgendo la scuola, le associazioni locali sportive e culturali, la protezione civile e l associazione dei giovani Acchiappasogni Caronnese. 5

5 - Selezione da parte della biblioteca comunale di una bibliografia ragionata di testi su cui i ragazzi e le ragazze della scuola secondaria di primo grado pubblicano delle recensioni. Fasi e passaggi chiave: 1. Costituzione del gruppo di redazione tra gli studenti 2. Costituzione di un gruppo di redazione con le associazioni 3. Architettura delle pagine web del sito dedicate alla bici 4. Selezione di fonti, materiali e redazione testi in collaborazione con la biblioteca 5. Pubblicazione e aggiornamento g. Prodotti dell azione Descrivere dettagliatamente caratteristiche dei prodotti, qualità e quantità ecc) - Accordo con la scuola - Accordo con le associazioni ciclistiche, il Centro Anziani Auser, i negozianti di articoli sportivi per la realizzazione dei laboratori di manutenzione della bicicletta - Accordo con le associazioni ciclistiche, il Parco del Lura, il Centro Anziani Auser e l Acchiappasogni Caronnese per la redazione dei contenuti del sito - Laboratori per il corso Educare alle differenze pedalando e la manutenzione della bicicletta (20 laboratori) - Video clip realizzati dalle classi nel corso dei laboratori (n.5) - Corso di guida sicura per 200 studenti/studentesse - Manuale di guida sicura per studenti/studentesse (200 copie) - Attestato di partecipazione al corso di guida sicura (200 copie) - Buono da 50 Euro per l acquisto di una bicicletta per ragazzo/a (100 buoni) - Nuove rastrelliere collocate all interno dello spazio scolastico (n 5) - Architettura e contenuti della nuova sezione del sito comunale dedicata alla bici h. Descrivere come l azione si raccorda con altri strumenti di programmazione o piani comunali Il corso di guida sicura con la bicicletta è stato inserito tra gli obiettivi strategici del funzionario apicale della Polizia locale - anno Le altre azioni attuative (da 1B a 1C) risultano coerenti con le rilevazioni effettuate nell ambito del PGTU (2009) in merito alle criticità riscontrate per la mobilità ciclabile e si raccordano in particolare con l obiettivo dello stesso PGTU di promozione di un mobilità più sostenibile. i. Compiti dell Ufficio Tempi (es: coordinare, verbalizzare, convocare, ecc.) - Convocare, coordinare e verbalizzare dall Ufficio gli incontri dei gruppi di lavoro con i docenti con l ausili del consulente incaricato del coordinamento in sinergia con il Settore Istruzione, Sport e Tempo libero. - Redigere o supervisionare accordi, atti, convenzioni e capitolati di spesa. - Gestire i processi interni ed esterni necessari alla realizzazione dell azione facilitando l attività intersettoriale. - Coordinare le fasi dell azione. - Monitorare che i tempi vengano rispettati - Interfacciarsi con i soggetti incaricati della valutazione - Rendicontare le attività. j. Settore/struttura comunale responsabile dell azione (se diversa dall Ufficio Tempi) Istruzione Sport e tempo Libero k. Altri settori / uffici comunali coinvolti nella realizzazione dell azione Cura del Territorio, Urbanistica e Verde, Infrastrutture, Lavori pubblici e Viabilità, Polizia locale l. Partenariato territoriale attivato e coinvolto nell azione 6

6 (Elencare tutti i soggetti coinvolti: enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati organizzazioni sindacali e imprenditoriali ASL sistema scolastico ecc) - Scuola secondaria di primo grado - Associazione A.S.D. Pertusella Ciclismo - Associazione Acchiappasogni Caronnese - Associazione Commercianti - Parco del Lura - Lura Ambiente S.p.a..(è in fase di elaborazione l accordo di paternariato) - Centro Anziani Auser m. Attività di monitoraggio (Descrivere con quali strumenti e attività si intende verificare l attuazione delle azioni. Indicare con precisione cosa sarà oggetto di monitoraggio) La principale attività di monitoraggio dell azione 1 è realizzata attraverso metodologie partecipative che coinvolgono in un Osservatorio sugli stili di mobilità casa scuola gli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado, in particolare le classi seconde. Per la sua attuazione è previsto un ruolo attivo da parte di qualche docente di matematica con il coordinamento dell Ufficio Tempi. Un gruppo di ragazzi/e delle classe coinvolte avrà il compito di contare periodicamente quanti compagni e compagne raggiungono la scuola in bicicletta, e l andamento dell uso della bici nel corso dell anno. Inoltre in ogni classe sarà rilevato il numero di ragazzi/e distinti per genere che si recano a scuola da soli/e (a piedi o in bici) e la loro provenienza. Saranno effettuate interviste agli studenti/studentesse che si recano in bicicletta per rilevare il gradimento del mezzo utilizzato per raggiungere la scuola e un parere sull adeguatezza del tempo impiegato. I risultati del monitoraggio saranno presentati dagli stessi studenti/studentesse in occasione della Festa della bicicletta evento di comunicazione delle azioni (si veda azione 2) prima della proiezione dei video clip. A tutti gli studenti/studentesse della scuola sarà consegnato un adesivo che applicato sulla bicicletta permetterà di distinguere se appartiene ad una ragazza o ad un ragazzo. Strumenti di monitoraggio: - Schede di rilevazione dell uso della bicicletta negli spostamenti casa - scuola - Attività di valutazione sul gradimento dei laboratori (1A) - Focus group con osservatori privilegiati sulla diminuzione del traffico veicolare e delle auto in sosta davanti alla scuola Oggetto di monitoraggio : - Variazione dell utilizzo della bicicletta da parte degli studenti/studentesse - Interesse suscitato dai laboratori - Percezione della variazione del traffico e degli ingorghi veicolari fuori dalla scuola negli orari di ingresso e uscita - Differenza dei tempi necessari per compiere il tragitto casa scuola in bicicletta rispetto ad altri mezzi di trasporto - Livello di gradimento nel recarsi a scuola in bicicletta (tutte le rilevazioni saranno distinte in base al genere e all età). Compito dell Ufficio Tempi sarà il monitoraggio del processo e dell efficienza della realizzazione attraverso i seguenti indicatori Indicatori di efficienza nella realizzazione dell azione : - Rispetto dei tempi previsti per la realizzazione dell azione - Rispetto dei costi preventivati Indicatori di esito e raggiungimento degli obiettivi dell azione: - Numero di biciclette parcheggiate nel cortile della scuola nelle giornate di bel tempo (dati dal monitoraggio eseguito dagli studenti/studentesse trasmessi periodicamente all Ufficio Tempi) - Numero di ragazzi/e che si recano a scuola da soli/e (dati dal monitoraggio eseguito dagli studenti/studentesse trasmessi periodicamente all Ufficio Tempi) 7

7 - Diminuzione del gap % tra ragazzi e ragazze che si recano a scuola autonomamente (calcolato sulla base dei dati trasmessi dal monitoraggio eseguito dagli studenti/studentesse) n. Strumenti di comunicazione previsti (Descrivere le azioni di informazione e di comunicazione previste ed elencare tutti gli strumenti usati specificando caratteristiche qualità e quantità) - Brochure di presentazione dell azione Ragazzi e ragazze in bicicletta (in particolare delle attività proposte e della loro valenza educativa, sociale ed ambientale) destinata ai genitori degli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado - Nuova sezione del sito web comunale dedicata alla mobilità ciclopedonale. I contenuti di tale sezione saranno implementati principalmente da studenti/studentesse e docenti della scuola secondaria di primo grado - 5 video-clip per promuovere l uso della bicicletta sul territorio comunale realizzati dalla scuola nell ambito del progetto Educare alle differenze pedalando palette distanziatici per le biciclette (da distribuire agli studenti/studentesse nel corso di guida sicura) adesivi da distribuire a tutti gli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado da applicare alle biciclette ai fini del monitoraggio partecipato - manuale rivolto agli studenti/studentesse delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado contenente indicazioni pratiche relative alla guida sicura della bici e alla sua manutenzione con uno stile comunicativo attento a decostruire gli stereotipi di genere (200 copie) - n. 7 rastrelliere da n. 12 posti con pensilina e logo del progetto da posizionare nel cortile della scuola secondaria di primo grado. (cofinanziamento comunale) 8

8 o. Tabella di sintesi dei costi dell azione in relazione alle voci di spesa e ai prodotti (Mettere in relazione le voci di spesa con i prodotti individuati al punto g. Il costo di un prodotto può essere composto da più voci di spesa. Indicare le spese a carico dei partner) Vedere allegato 1 in excel 9

9 SCHEDA AZIONE DI PROGETTO N 2 a. Comune responsabile: (In caso di progetti sovracomunali indicare il comune responsabile della azione descritta b. Numero e titolo dell azione: AZIONE 2 - Muoversi in Caronno Pertusella a piedi e in bicicletta c. Obiettivo dell azione: - incentivare la mobilità ciclo-pedonale negli spostamenti quotidiani verso i servizi di interesse collettivo - riscoprire il piacere dell andare in bicicletta e il possibile risparmio di tempo negli spostamenti quotidiani Obiettivi specifici - introdurre misure che riducano il rischio di furto delle biciclette - migliorare le possibilità di sosta sicura - aiutare attraverso suggerimenti e prove pratiche le famiglie con bambini/e 6-11 anni ad acquisire più fiducia nell andare in bicicletta in paese con i figli/e. - sensibilizzare specifici target di cittadini e cittadine verso stili di mobilità più sostenibili. - ampliare l offerta di parcheggio sicuro delle biciclette nei pressi di alcuni dei principali attrattori della città (uffici comunali e stazione) in modo da favorirne l utilizzo. d. Destinatari dell azione: - Famiglie con figli/e 6-11 anni per piccoli spostamenti in città - Utenti dei servizi di interesse collettivo presenti sul territorio comunale (stazione FN, uffici e servizi pubblici) f. Modalità di realizzazione dell attività/fase* e tempistica dell azione: (*) Descrivere le modalità con cui le singole attività/fasi verranno realizzate: convenzioni, affidamento di incarichi, costituzione di tavoli di partenariato o gruppi di lavoro (Indicare le date presunte di inizio e fine dei passaggi chiave e dell azione) Data presunta di avvio dell azione (mese/anno): aprile 2011 Data prevista di conclusione dell azione (mese/anno): giugno 2012 L azione è articolata in: 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella 2.B. In bicicletta in sicurezza: uscite pratiche per le strada di Caronno Pertusella in bicicletta dedicate alle famiglie/e con figlie/e con figli nella scuola primaria posizionamento dei segnaletica per rendere più visibili e quindi più sicure i percorsi più idonei alla bicicletta Modalità di realizzazione dell attività/fase In merito al punto 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella: - Costituzione di un gruppo di lavoro intersettoriale (Ufficio Tempi, Urbanistica, Infrastrutture, Lavori Pubblici e Viabilità, Affari Istituzionali, Sviluppo economico e Comunicazione; Polizia locale, Biblioteca): aprile Convenzione tra Polizia locale e Registro Italiano biciclette: giugno Affidamento di incarico alla società per la produzione delle etichette targa : giugno Affidamento di incarico per l acquisto e il posizionamento delle rastrelliere: giugno 2011 In merito al punto 2.B. In bicicletta in sicurezza - Costituzione di un gruppo di lavoro intersettoriale Ufficio Tempi, Educazione sport e tempo libero, Polizia Locale: aprile Affidamento di incarico per la realizzazione del corso e dei materiali: maggio

10 f. Descrizione delle principali attività/fasi e dei passaggi chiave: (Numerare e descrivere in maniera puntuale le attività/fasi necessarie e i passaggi chiave per il raggiungimento dell obiettivo dell azione. Per passaggi chiave si intendono provvedimenti, accordi, strumenti di programmazione individuati come funzionali e necessari al raggiungimento degli obiettivi dell azione. Ogni attività può comprendere più passaggi chiave) Attività/fasi e passaggi chiave relative al punto 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella Descrizione dell attività: Le biciclette vengono dotate su richiesta del proprietario di una speciale targa indelebile e antieffrazione. Gli utenti avranno la possibilità di iscriversi (tramite sms, mms, numero verde, fax o internet) a un apposita anagrafe, il Registro Italiano Bici che facilita il ritrovamento in caso di furto. Ai possessori delle biciclette sarà dato uno specifico libretto, che riporterà dati e caratteristiche dei mezzi. Le famiglie che parteciperanno al corso previsto nell azione 2.B. In bicicletta in sicurezza sarà loro attivata la procedura per la dotazione della targa. Grazie a questo progetto, saranno fortemente disincentivati i furti e sarà agevolata la riconoscibilità dei mezzi in caso di ritrovamento. Fasi e passaggi chiave: 1. Accordo con il Registro Italiano Bici (passaggio chiave) 2. Promozione dell iniziativa 3. Raccolta di adesioni 4. Etichettatura L azione prevede anche l ampliamento del numero di rastrelliere per le biciclette presso le sedi degli uffici comunali, la stazione ferroviaria, la posta e il mercato. Fasi e passaggi chiave: 1. Mappatura delle rastrelliere già collocate 2. Individuazione delle criticità (numero di stalli insufficienti, condizioni del manufatto, problemi di accessibilità) 3. Acquisto e collocazione di nuove rastrelliere o sostituzione di quelle danneggiate ed eliminazione delle barriere architettoniche (es. marciapiedi alti) che rendono difficoltoso il loro utilizzo (passaggio chiave) 4. Diffusione e comunicazione. Attività/fasi e passaggi chiave relative al punto 2.B. In bicicletta in sicurezza: Descrizione dell attività:corso di guida sicura in strada per le famiglie/e con figli/e frequentanti la scuola primaria. Saranno organizzate prove pratiche in bicicletta con la polizia locale, durante le quali le famiglie impareranno a muoversi con i propri figli/e piccoli in bicicletta sul territorio del comune. Fasi e passaggi chiave: 1. Accordo con la Polizia Locale per la realizzazione dell iniziativa (passaggio chiave) 2. Accordo con la dirigenza scolastica per la distribuzione dei materiali di presentazione (passaggio chiave) 3. Distribuzione di una brochure informativa in tutte le scuole primarie di Caronno Pertusella che presenta l iniziativa, fornisce suggerimenti pratici utili alle famiglie con bambini/e piccoli che vogliono andare in bicicletta sulle strade comunali, il modulo di adesione al corso con la Polizia locale 4. Organizzazione di uscite e prove pratiche che verranno effettuate nei fine settimana anche con la collaborazione della Protezione Civile 5. Promozione del sistema targa sicura g. Prodotti dell azione Descrivere dettagliatamente caratteristiche dei prodotti, qualità e quantità ecc) 11

11 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella - Materiali di comunicazione dell iniziativa: messaggistica veloce, sito internet, manifesti presso i principali attrattori del territorio raggiungibili con la bicicletta (n 30) - Rastrelliere per le biciclette (n 5) e n. 20 targhe da applicare con il logo del progetto alle nuove rastrelliere presenti sul territorio comunale - Targhe applicate alle biciclette (n 250) - Strumenti di comunicazione (si veda sotto) 2.B. In bicicletta in sicurezza: corso di guida sicura in strada per le famiglie/e con figlie/e con figli nella scuola primaria - Accordo con le scuole primarie per l attuazione e la diffusione dell azione - Brochure sulle buone pratiche/consigli dell andare in bici con la famiglia + Scheda di iscrizione per le famiglie partecipanti (una per bambino: 700) - Corso di guida sicura per le famiglie (replicato in relazione alle richieste numero massimo di partecipanti per corso 10) - Strumenti di comunicazione (si veda sotto) h. Descrivere come l azione si raccorda con altri strumenti di programmazione o piani comunali L azione attuativa 2A In bicicletta in sicurezza verrà inserita tra gli obiettivi di PEG per il funzionario apicale della Polizia locale - anno 2011 L ampliamento di dotazione degli stalli per le biciclette e la campagna a favore della targa per le biciclette si raccorda con il PGTU approvato nel 2010 che da un lato aveva rilevato un insufficiente dotazione di rastrelliere per le biciclette in prossimità degli uffici comunali e della stazione con il conseguente aumento del rischio di furti (PGTU - Fase conoscitiva giugno 2009) e dall altro si propone di promuovere una mobilità più sostenibile (PGTU - Rapporto Propositivo e Regolamento Viario novembre 2009) i. Compiti dell Ufficio Tempi (es: coordinare, verbalizzare, convocare, ecc.) - Convocare, coordinare e verbalizzare gli incontri, con l ausilio dei consulenti in accordo con i responsabili delle singole iniziative. - Redigere o supervisionare accordi, atti, convenzioni e capitolati di spesa. - Gestire i processi interni ed esterni necessari alla realizzazione dell azione facilitando l attività intersettoriale. - Coordinare le fasi dell azione - Monitorare che i tempi vengano rispettati - Interfacciarsi con i soggetti incaricati della valutazione - Rendicontare le attività. j. Settore/struttura comunale responsabile dell azione (se diversa dall Ufficio Tempi) Per l azione attuativa 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella: Settore Infrastrutture, Lavori pubblici e Viabilità Per l azione attuativa 2.B. In bicicletta in sicurezza: Polizia locale k. Altri settori / uffici comunali coinvolti nella realizzazione dell azione Settore Affari Istituzionali, Sviluppo economico e Comunicazione Settore ecologia l. Partenariato territoriale attivato e coinvolto nell azione (Elencare tutti i soggetti coinvolti: enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati organizzazioni sindacali e imprenditoriali ASL sistema scolastico ecc) - Scuole primarie e secondaria di primo grado - Protezione Civile - Associazione ciclistiche Il pedale caronnese e A.S.D. Pertusella Ciclismo - Oratori - Fondazione Artos 12

12 - Gruppo Anziani Associazione Auser - ASL e/o pediatri (collaborazione per la diffusione di informazioni sulle ricadute positive dell andare in bicicletta sulla salute e sull autonomia) - Negozianti e in particolare negozi di articoli sportivi per sponsorizzare il materiale per le attività di manutenzione delle biciclette durante la Festa della bicicletta evento di comunicazione delle azioni (si veda negli strumenti di comunicazione). m. Attività di monitoraggio (Descrivere con quali strumenti e attività si intende verificare l attuazione delle azioni. Indicare con precisione cosa sarà oggetto di monitoraggio) Strumenti di monitoraggio: - Questionario di customer satisfaction alle famiglie partecipanti al corso di guida sicura - Focus group con alcuni osservatori privilegiati (vigili, insegnanti, genitori) Oggetto di monitoraggio del questionario: valutazione della praticabilità delle indicazioni fornite durante il corso di guida sicura e verifica della percezione della loro efficacia Oggetto di monitoraggio dei focus group: approfondimento delle percezioni del cambiamento degli stili di mobilità per gli spostamenti interni alla città Compito dell Ufficio Tempi sarà il monitoraggio del processo e dell efficienza della realizzazione attraverso i seguenti indicatori. Indicatori di processo: - Numero di incontri rispetto a quelli programmati - Partecipanti agli incontri rispetto agli invitati - Esito raggiunto rispetto agli obiettivi e all ordine del giorno di ogni singolo incontro Indicatori di efficienza realizzazione: - Rispetto dei tempi previsti - Rispetto dei costi preventivati Indicatori di esito e raggiungimento degli obiettivi dell azione: - Numero di richiedenti di etichettature (targhe antifurto per le biciclette) - Numero di partecipanti al corso di guida sicura per le famiglie (i dati saranno raccolti disaggregati per genere ed età) - Numero di rastrelliere installate n. Strumenti di comunicazione previsti (Descrivere le azioni di informazione e di comunicazione previste ed elencare tutti gli strumenti usati specificando caratteristiche qualità e quantità) Il principale evento di comunicazione delle azioni 1 e 2 riguarda l organizzazione della Festa della bicicletta, un evento di promozione l utilizzo della bicicletta come mezzo di spostamento sul territorio comunale. L evento sarà organizzato in collaborazione con diversi attori e partner del territorio, in particolare: 1. la scuola secondaria di primo grado per la promozione delle seguenti iniziative: - Attività di manutenzione della bicicletta per i cittadini che lo richiedono con la collaborazione dei negozianti di biciclette - Presentazione degli esiti del monitoraggio sull uso della bicicletta negli spostamenti casa-scuola - Proiezione dei videoclip realizzati dalle classi - Lancio della sezione del sito web comunale dedicata alla bicicletta. 2. la biblioteca la quale nel giorno dell evento effettuerà un apertura straordinaria e proporrà attività di animazione del libro a tema bicicletta rivolte a bambini 3-6 anni 3. gli oratori che in collaborazione con le associazioni Il pedale Caronnese e A.S.D. Pertusella Ciclismo organizzano una biciclettata. 4. i commercianti del centro effettuano un apertura straordinaria 13

13 Inoltre i centri storici verranno chiuso al traffico. Tutte le iniziative della festa saranno organizzate facendo particolare attenzione alla loro calendarizzazione, desincronizzazione e coordinamento orario. Per l organizzazione dell evento saranno essenziali incontri del tavolo di partenariato con le Associazioni locali culturali e sportive, la scuola, gli oratori, la Protezione Civile, i commercianti volti ad organizzare le iniziative della festa e a stilare un loro calendario. Esito degli incontri sarà un Protocollo di intesa sul ruolo e compiti che ciascun partner svolgerà durante la festa (passaggio chiave) Strumenti di comunicazione dell evento Festa della bicicletta : - Manifesti e locandine ( ) - Avviso da parte scuola ai genitori degli alunni/e delle scuole primarie e degli studenti/studentesse delle scuole secondarie di primo grado - Articoli sull Informatore comunale e sulla stampa locale - Comunicazione all interno del sito comunale - Messaggistica veloce Altri strumenti di comunicazione dell azione 2:i: Per l azione attuativa 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella - Manifesti da affiggere sul territorio comunale (n 30) - Articolo sull Informatore comunale - Comunicazione all interno del sito comunale - Rastrelliere (n 5) Per l azione attuativa 2.B. In bicicletta in sicurezza - Materiale di comunicazione del corso di guida sicura per le famiglie (brochure da distribuire a tutti gli alunni/alunne delle scuole primarie: n 700) - Articoli sull Informatore comunale e sulla stampa locale - Comunicazione all interno del sito comunale 14

14

15 o. Tabella di sintesi dei costi dell azione in relazione alle voci di spesa e ai prodotti (Mettere in relazione le voci di spesa con i prodotti individuati al punto g. Il costo di un prodotto può essere composto da più voci di spesa. Indicare le spese a carico dei partner) Vedere tabella allegato 2 excel 16

16 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Tabella di sintesi tra obiettivi delle azioni ed esiti attesi (Elencare sinteticamente l obiettivo di ogni azione (punto 5.c) e individuare uno o più esiti attesi con i relativi indicatori) Numero azione Obiettivo Esito atteso Indicatore di esito Azione 1 A Stimolare riflessioni tra gli studenti/studentesse attorno agli stereotipi di genere e alle modalità con cui questi condizionano gli stili di mobilità di ragazzi /e Interessare e motivare i ragazzi/e ai temi del laboratorio Educare alla differenza pedalando Gradimento del laboratorio Educare alla differenza pedalando : medio alto (misurato attraverso un questionario di customer satisfaction) Azione 1 A Conoscere il funzionamento della bicicletta e saperla mantenere efficiente Superare il divario conoscitivo e pratico nella manutenzione della bici tra ragazzi e ragazze Superamento delle prove di abilità nella riparazione della bicicletta sia da parte dei ragazzi che delle ragazze Buona riuscita della prova pratica: affrontata con successo dal 75% degli alunni/e sia da parte dei ragazzi che delle ragazze Azione 1A Promuovere con strumenti comunicativi innovativi l uso delle bicicletta negli spostamenti in città Azione 1B Muoversi con maggiore sicurezza e consapevolezza sulle strade in bicicletta Azione 1C Azione 2 A Azione 2 A Azione 2 B Informare la cittadinanza sulla mobilità ciclopedonale Aumentare la percezione di sicurezza rispetto al rischio di furto della propria bicicletta Ampliare l offerta di parcheggio sicuro e comodo delle biciclette Muoversi con sicurezza e consapevolezza sulle strade in bicicletta con i propri figli/e Diffusione di video-clip realizzati dai ragazzi e ragazze della scuola secondaria di primo grado Apprendimento delle principali norme di sicurezza e di comportamento stradale Costruzione di una sezione del sito comunale dedicata alla bicicletta Iscrizione al servizio della richiesta di targa per bicicletta Istallazione di rastrelliere presso i principali servizi di pubblico interesse Acquisizione di una certa sicurezza nel muoversi in bicicletta con i propri figli/e Numero di accessi su youtube (300) Verifica dell apprendimento tramite un uscita sul territorio; valore atteso: 95% degli studenti/studentesse supera la prova distribuito equamente per genere Numero di accessi nel sito comunale dedicato alla bicicletta (n. atteso confrontabile con quelli alle altre sezioni del sito) Sondaggio on line di gradimento del sito (voto atteso: medio alto) Numero di richiedenti di etichettature (indicatore della convinzione dell efficacia del sistema di protezione della bicicletta dal furto tramite la targa ) n. atteso 60% dei ragazzi/e delle scuole secondarie di primo grado; 80% delle famiglie partecipanti al corso di guida sicura Numero di rastrelliere installate Valutazione della praticabilità delle indicazioni fornite durante il corso (tramite questionario) 17

17 Tabella di sintesi della misurabilità delle azioni (Individuare indicatori quantitativi e qualitativi atti a misurare il raggiungimento degli obiettivi delle azioni) Numero. azione Azione 1 Incentivare l uso della bici negli spostamenti casa scuola secondaria di primo grado Azione 1 Rendere maggiormente autonomi i ragazzi/e nei loro spostamenti casa scuola Azione 1 Superare gli stereotipi di genere che condizionano gli stili di mobilità Azione 1 obiettivo Indicatori quantitativi Indicatori qualitativi Riqualificare il tempo degli spostamenti casa - scuola Azione 1 Risparmiare tempo negli spostamenti casa - scuola Azione 1 Azione 2 Diminuire il traffico veicolare davanti alla scuola secondaria di primo grado nell ora di ingresso ed uscita da scuola Aumentare la mobilità ciclopedonale quotidiana verso i servizi di interesse collettivo Numero di biciclette parcheggiate nel cortile della scuola nelle giornate di bel tempo: risultato atteso: incremento del 20% Numero di ragazzi/e che si recano a scuola da soli/e (a piedi o in bici): risultato atteso: 30% Diminuzione del gap tra ragazzi e ragazze che si recano a scuola autonomamente: risultato atteso: da un attuale forbice del 15% ad una del 10% (all interno di quelli che hanno frequentato il corso) Gradimento del compiere il tragitto in bici: tramite intervista effettuata nell ambito del monitoraggio partecipato condotto dagli studenti/studentesse sugli aspetti maggiormente apprezzati e più detestati nel percorso casa scuola effettuato in bicicletta Valutazione sul tempo necessario per compiere il tragitto casa scuola in bicicletta rispetto ad altri mezzi di trasporto (effettuata tramite intervista nell ambito del monitoraggio partecipato condotto dagli studenti/studentesse) Percezione da parte di osservatori privilegiati (vigile, insegnanti, genitori) della variazione del traffico (su scala ordinale): risultato atteso: medio Percezione da parte di osservatori privilegiati (vigile, insegnanti, genitori) dell aumento della mobilità ciclo-pedonale risultato atteso: medio 18

18 Tabella di sintesi delle voci di spesa VOCI DI SPESA AZIONE COSTO PREVISTO COSTO PREVISTO AZ 1 +AZ 2 CONTRIBUTO REGIONALE RICHIESTO QUOTA COFINANZIA MENTO COMUNALE 1) indagine e ricerca , , , ,00 2) prestazioni professionali personale in staff 1 00, ,00 00, ,00 3) prestazioni consulenziali e professionali , , , ,00 4) progettazione e realizzazione di azioni di informazione e comunicazione , , , , ,00 TOTALE , , , ,00 TOTALE , , ,57 Data 15/02/2011 Nome, cognome, timbro e firma del responsabile di progetto 19

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA

PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA Introduce: Roberto Ronco, Assessore all Ambiente Francesca Di Ciccio Il Bando Eleonora Vincelli - Il SIQUA Elena

Dettagli

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO Il progetto A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO (finanziato con Fondi Legge 285/97) Soggetto proponente Comune di Milano Enti Attuatori Arciragazzi e MeglioMilano in collaborazione

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013 Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 La mobilità nelle città è un tema cruciale che si è imposto con forza all attenzione dell opinione

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

Ti M.U.O.V.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini. Ti M.u.O.v.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini

Ti M.U.O.V.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini. Ti M.u.O.v.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini CIRC. USR Prot. 10204/p/c32 - Torino 30/10/2006 ALLEGATO 2 Progetto Pluriennale Ti M.u.O.v.I.? Orientamento verso forme di mobilità alternative e prevenzione del rischio stradale Interventi di Educazione

Dettagli

In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile per la scuola primaria

In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile per la scuola primaria Ciclobby onlus Via P Borsieri, 4/E 20159 Milano Tel e Fax 02-69311624 wwwciclobbyit segreteria@ciclobbyit amministrazione@ciclobbyit In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA La partecipazione ad attività extrascolastiche strutturate (organizzazioni sportive, culturali, politiche, di volontariato, giovanili),

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

Assessorato alle Politiche dei Disabili

Assessorato alle Politiche dei Disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, L.R. 41/1996 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili da Indagine conoscitiva 2012 proposte In

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS L adesione della Rete Italiana delle Città Sane OMS all ANCI, formalizzata nel 2006, rappresenta il segno e l occasione di una positiva

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

TREVISOCULTURECITY TREVISOBUSINESSCITY TREVISOGREENCITY PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO

TREVISOCULTURECITY TREVISOBUSINESSCITY TREVISOGREENCITY PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO Città di MOBILITÀ SICUREZZA AMBIENTE CULTURA TURISMO SPETTACOLO TERRITORIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE DEL CENTRO STORICO PROCESSO PARTECIPATO TREVISO COMMUNITY

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti Alla cortese attenzione - del Sindaco, la d.ssa Annamaria Morelli - dell Assessore alla cultura e pubblica istruzione, la d.ssa Perlita Serra - e.p.c. al dirigente scolastico, la d.ssa Daniela Carminati

Dettagli

Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati

Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati Titolo del progetto Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati Ente proponente Referente del progetto Comune di Mareno di Piave (TV) Assessorato Città

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto CEM_10_ 2015 2. Titolo del progetto Guida Sicura 3. Riferimenti del compilatore Nome Roberta Cognome Gottardi

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU DISCIPLINARE DI INCARICO DI SUPPORTO AGLI UFFICI TECNICI PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO E PER LA VALUTAZIONE DI INSERIMENTO DI NUOVE STRUTTURE COMMERCIALI SUL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Gianluigi Trento I Piedibus di Bassano SSL-ERATE ESPERIENZE E PERCORSI DI SOSTENIBILITA URBANA Bassano del Grappa 29/04/2014 Che cosa è un Piedibus

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

scuola secondaria di primo grado.

scuola secondaria di primo grado. Progetto di Educazione Stradale rivolto alle scuole : dell infanzia; primaria; scuola secondaria di primo grado. 1 PREMESSA La legge n. 53/03 riconosce alla Scuola Primaria il compito di promuovere lo

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE 3 1.1 Cos è il Gioco del Traffico? 3 1.2 Perché partecipare al Gioco del Traffico? 3 1.3 Tempistica

Dettagli

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena Provincia IL BILANCIO DI GENERE della 1 Lo sviluppo delle capacità umane nell attività di Gender Auditing Il ruolo della società e delle istituzioni dovrebbe essere quello di stimolare e promuovere la

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione INTRODUZIONE La proposta formativa attualmente disponibile in Campania vanta un numero ingente di possibilità di scelta, tra formazione finanziata e auto-finanziata in forma di corsi

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE 7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE Il Comune di Brugherio ha affidato al Centro Studi Traffico di Milano l incarico per la redazione del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), che rappresenta

Dettagli

Linee guida per la presentazione dei progetti:

Linee guida per la presentazione dei progetti: Linee guida per la presentazione dei progetti: Avviso pubblico Sostegno ai giovani talenti 1. INTERVENTO Con l Avviso Sostegno ai giovani talenti si intende sostenere i giovani nell espressione del proprio

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI

PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI PROPOSTA FORMATIVA Il presente Progetto di formazione sul tema della sicurezza

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

Stefania Elibani ADULTI E BAMBINI IN CITTA : EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITA

Stefania Elibani ADULTI E BAMBINI IN CITTA : EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITA Stefania Elibani ADULTI E BAMBINI IN CITTA : EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITA Nel titolo di questa giornata, Bambini e bambine nella loro città, si usa un aggettivo possessivo che suona improprio;

Dettagli

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE ITET E. FERMI LANCIANO RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE CURRICOLO E VALUTAZIONE Prof.ssa Mariella DI LALLO a.s. 2014-2015 Durante l anno scolastico 2014-2015 le principali attività svolte come funzione

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 Indice Premessa Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1 Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 L utilizzo delle bicicletta nella Città di Torino pag. 6 Bicicletta in Città gruppi a confronto

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Ipotesi di lavoro Un progetto di Legambiente, Euromobility, Fiab e movimento #salvaiciclisti Presentazione

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13 PROGETTO PIEDIBUS ad ARCORE 23/01/2009 pag. 1/13 INDICE del CONTENUTO 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI DEL PROGETTO 3. COS E E COME FUNZIONA IL PIEDIBUS 4. ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI COINVOLTI 5. LINEE GUIDA E

Dettagli

W lc l ome m to Genoa

W lc l ome m to Genoa Welcome to Genoa TAVOLA ROTONDA Mobilità? oppure accessibilità? Riflessioni sul tema delle differenti opportunità di accesso ai servizi tra aree forti e aree deboli. Numero di autovetture Traffico Vetture

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

RICICLO LABOFFICINA SINTESI DI PROGETTO. 1. Oggetto e finalità del progetto. Premessa. Obiettivi

RICICLO LABOFFICINA SINTESI DI PROGETTO. 1. Oggetto e finalità del progetto. Premessa. Obiettivi RICICLO LABOFFICINA per dare una seconda possibilità alle biciclette, ai saperi ed alle competenze abbandonate SINTESI DI PROGETTO 1. Oggetto e finalità del progetto Premessa Il progetto RiCiclo si propone

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI relativa a servizio di assistenza educativa per gli alunni con disabilità frequentanti scuole dell infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie milanesi

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita Milano 16 Dicembre 2014 A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita 31 marzo 2014 5 maggio 2014 4 giugno 2014 Sottoscrizione accordo per la valorizzazione

Dettagli

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM Centro Olimpico Federale Via dei Sandolini, 79 00122 Lido di Ostia/RM Tel. 06/56191513 Fax. 06/56191527 PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM IL RAPPORTO TRA SOCIETA E ISTITUTO SCOLASTICO Guida operativa per

Dettagli

BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015

BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015 Comune di Civezzano Comune di Baselga di Pinè Comune di Bedollo Comune di Fornace BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015 Raccolta proposte di progetto 1. OGGETTO DEL BANDO Il Piano Giovani di Zona dei Comuni

Dettagli

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali All. D REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali LEGGE REGIONALE 22 MAGGIO 2009 n. 26 PIANO REGIONALE PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE PERIODO 2007/2010

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale

Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale ClasseWeb, al fine di validare il format proprietario denominato Scuola Genitori Digitale ha realizzato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Mobility Management è un approccio ai problemi della mobilità; non si occupa della modifica della rete stradale

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI Organigramma P.O.F. 2011-2012 ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi.

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici Costruzione questionario a cura del gruppo di lavoro

Dettagli

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo Comune di Palermo Ufficio Traffico Progetto Car-pooling per la Città di Palermo 1 - Denominazione e referenti Il Progetto Car-pooling per la città di Palermo è sostenuto dal Comune di Palermo. 2 - Premesse

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli