Comune di CARONNO PERTUSELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di CARONNO PERTUSELLA"

Transcript

1 Comune di CARONNO PERTUSELLA Titolo del progetto: Tempo a ruota libera ID Progetto: VA/CarPe-3 B Valore Progetto Contributo regionale Quota di cofinanziamento concesso 70% comunale 30%!"#$%&'()*+" " "! ,00!"',%('()*+"!! " " " " " RIEPILOGO VOCI DI SPESA DICHIARATE AMMISSIBILI QUOTA CONTRIBUTO CONCESSA 1) Azioni di indagine e ricerca 1.700,00 2) Formazione del personale comunale 0,00 3) Prestazioni professionali personale in staff 0,00 4) Prestazioni consulenziali e professionali ,00 5) Noleggio di strumenti e attrezzature strettamente funzionali e finalizzate al 0,00 progetto 6) Progettazione e gestione di servizi informatici e acquisizione di software specifici 0,00 7) Progettazione e realizzazione di azioni di informazione e comunicazione ,00 TOTALE ,00 " Azioni di progetto ammesse al contributo " azione 1 Ragazze e ragazzi in bicicletta azione 2 Caronno Pertusella a piedi e in bicicletta Si ricorda che la data di inizio del progetto è fissata dal decreto di concessione del contributo e la liquidazione del primo 30% (art 12 del bando) 2

2 Schede di ridefinizione da duplicare e compilare per ciascuna azione ammessa al contributo SCHEDA ANALITICA DELLE AZIONI PROGETTUALI FINANZIATE (art.12 6 capoverso n.1 del bando) SCHEDA AZIONE DI PROGETTO N 1 a. Comune responsabile: Caronno Pertusella b. Numero e titolo dell azione: AZIONE 1 Ragazzi e ragazze in bicicletta c. Obiettivo dell azione: L azione intende promuovere la qualità del tempo degli spostamenti sul territorio dei ragazzi e delle ragazze in età scolare (spostamenti casa-scuola, casa-parchi, casa-oratorio, casa-nonni, ecc.). La bicicletta è un veicolo che costa poco, usa energie rinnovabili, non inquina, occupa poco spazio, si parcheggia con facilità, richiede poca manutenzione, è facile da usare, è flessibile, piace ai ragazzi e alle ragazze. Obiettivi generali dell azione sono quelli di: incentivare l uso della bicicletta in ambito urbano tra gli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado per gli spostamenti casa-scuola, casa-parchi, casa-oratori ecc. superare gli stereotipi di genere tra gli studenti/studentesse a partire dal confronto tra le diverse esperienze sull uso della bicicletta da parte dei ragazzi e delle ragazze. Obiettivi specifici 1. Affiancare con iniziative di formazione, informazione, sensibilizzazione gli interventi strutturali previsti dal PGTU volti a creare le condizioni più favorevoli all uso della bicicletta per gli spostamenti dei ragazzi e delle ragazze della fascia di età anni sui percorsi casa-scuola. 2. Agevolare i tempi di conciliazione delle famiglie svincolandole, almeno in certi periodi o giorni dell anno, dall accompagnamento dei figli/figlie a scuola. 3. Riqualificare il tempo degli spostamenti dei ragazzi e delle ragazze di anni 4. Promuovere una mobilità più sostenibile dal punto di vista ambientale che riduca i consumi, l inquinamento atmosferico e acustico. 5. Accrescere la conoscenza e la consapevolezza dei vantaggi degli spostamenti ciclo-pedonali in termini di autonomia, salute, socializzazione. 6. Accrescere la conoscenza dei rischi/pericoli che si affrontano nel muoversi sulle strade urbane per saperle gestire in modo responsabile e consapevole. 7. Superare il divario di genere nell autonomia degli spostamenti di ragazzi e ragazze. d. Destinatari dell azione: Studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado (284 iscritti nell a.s di cui 153 maschi e 131 femmine) e loro famiglie E in particolare - Studenti/studentesse delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado (161 a.s ) - Studenti/studentesse che hanno continuato ad usufruire dello scuola-bus nell a.s anche dopo l aumento della tariffa: 13 maschi e 11 femmine. e. Modalità di realizzazione dell attività/fase* e tempistica dell azione: 3

3 (*) Descrivere le modalità con cui le singole attività/fasi verranno realizzate: convenzioni, affidamento di incarichi, costituzione di tavoli di partenariato o gruppi di lavoro (Indicare le date presunte di inizio e fine dei passaggi chiave e dell azione) Data presunta di avvio dell azione (mese/anno): aprile 2011 Data prevista di conclusione dell azione (mese/anno): luglio 2012 L azione si articola in: 1.A. Educare alle differenze pedalando. Laboratori rivolti alla scuola secondaria di primo grado. 1.B. In bici con la testa (e col casco): corso di guida sicura con la bicicletta. 1.C. La bici sul web comunale. Sviluppo di una sezione del sito web comunale dedicata agli spostamenti in bicicletta. Modalità di realizzazione dell attività/fase Affidamento di incarico per il coordinamento dell azione nel suo insieme (1A, 1B, 1C) (aprile 2011) In merito al punto 1A. Educare alle differenze pedalando Affidamenti di incarico a: - formatrice esperta in Pari Opportunità e mainstreaming di genere per i laboratori di de-costruzione degli stereotipi di genere (giugno 2011) - esperti di manutenzione della bicicletta (giugno 2011) - esperto ed educatore di comunicazione per i laboratori di costruzione video-clip (giugno 2011) In merito al punto 1B. In bici con la testa Accordo tra la Polizia Locale e la scuola secondaria di primo grado per la realizzazione del corso di guida sicura (in definizione per settembre 2010) In merito al punto 1C. La bici sul web comunale Affidamenti di incarico per organizzare la redazione da parte della scuola dei contenuti della sezione dedicata alla bicicletta del sito comunale e per la revisione dei testi (settembre 2011). Affidamento di incarico per la revisione, la pubblicazione e l aggiornamento dei materiali informativi prodotti dalla scuola sul sito web del comune e per l elaborazione dei dati del monitoraggio sull uso della bicicletta effettuato dagli studenti (settembre 2011). f. Descrizione delle principali attività/fasi e dei passaggi chiave: (Numerare e descrivere in maniera puntuale le attività/fasi necessarie e i passaggi chiave per il raggiungimento dell obiettivo dell azione. Per passaggi chiave si intendono provvedimenti, accordi, strumenti di programmazione individuati come funzionali e necessari al raggiungimento degli obiettivi dell azione. Ogni attività può comprendere più passaggi chiave) Attività/fasi preliminari alla realizzazione dell azione Coinvolgimento della scuola secondaria di primo grado 1. Incontro col dirigente e i docenti per la presentazione di dettaglio delle iniziative e una loro eventuale rimodulazione in accordo con la dirigenza e i docenti 2. Incontro coi docenti interessati a partecipare alle iniziative: programmazione delle attività, suddivisione dei ruoli, individuazione delle classi o dei gruppi di alunni/e da coinvolgere. 3. Incontro col Consiglio di Istituto per il coinvolgimento delle famiglie Attività/fasi e passaggi chiave relativi al punto 1A Educare alle differenze pedalando Descrizione dell attività. Laboratori destinati alle classi della scuola secondaria di primo grado volti ad approfondire in modo pratico la conoscenza della bicicletta. I laboratori permettono anche di riflettere sugli stereotipi di genere inerenti agli stili e alle abitudini di mobilità dei ragazzi e delle ragazze, indotti dai processi educativi. Il lavoro di decostruzione degli stereotipi di genere ha come obiettivo quello di favorire una maggiore autonomia negli spostamenti di ragazze e ragazzi. 4

4 La proposta sarà l occasione per contribuire ad educare alle pari opportunità, valorizzando da un lato, le differenze e, dall altro lato, promuovendo un nomadismo dell identità capace di superare una visione del maschile e femminile costruita sulla base di categorie culturali rigidamente definite. Laboratori proposti: - Laboratorio didattico che utilizza strumenti interattivi tra cui il metodo autobiografico sulle esperienze di uso della bicicletta e di autonomia negli spostamenti, al fine di contribuire a superare gli stereotipi di genere nelle pratiche quotidiane dei ragazzi e ragazze. Coinvolgimento degli anziani/e del Centro Auser nelle attività autobiografiche sull uso della bicicletta. (rivolto a n. 5 classi per 4 ore ciascuno). - Laboratori pratici di manutenzione della bicicletta con il contributo di meccanici, negozianti di biciclette locali, associazioni sportive Il pedale caronnese e ASD Pertusella Ciclismo, Centro Anziani Auser e Parco del Lura. Contenuti: 1. contributi teorici ed esercitazioni pratiche sulla meccanica della bicicletta e sui modi per ripararla e mantenerla sempre efficiente (rivolto a n. 10 classi per 4 ore ciascuno); 2. prove di abilità a coppie (studente-anziano) nella riparazione della bicicletta. - Realizzazione di 5 video-clip che promuovano l utilizzo della bicicletta nel contesto cittadino e diffondano messaggi capaci di superare gli stereotipi di genere da pubblicare nel sito comunale nell apposita sezione dedicata alla bicicletta (rivolto a n. 5 classi per 10 ore ciascuno). I video clip saranno diffusi tramite il sito del comune, youtube, e durante l evento di comunicazione del progetto La Festa della bicicletta (si veda Strumento di comunicazione previsti dell azione 2). Fasi e passaggi chiave: 1. Calendario dei laboratori nelle classi 2. Condivisione del piano di formazione con i docenti coinvolti e le associazioni partner 3. Realizzazione dei laboratori 4. Pubblicazione dei prodotti finali 5. Valutazione dei laboratori da parte degli studenti 6. Valutazione in base agli esiti dell azione, del suo inserimento nel POF come offerta educativa permanente Attività/fasi e passaggi chiave relativi al punto 1.B In bici con la testa (e col casco) Descrizione dell attività: Corso di guida sicura in bicicletta Fasi e passaggi chiave 1. Accordo tra la polizia locale e la dirigenza scolastica per lo svolgimento del progetto all interno della scuola secondaria di primo grado (passaggio chiave) 2. Organizzazione e svolgimento del corso articolato in contenuti teorici supportati da materiale appositamente predisposto e in una prova pratica sul territorio 3. Distribuzione di un attestato di frequenza a tutti gli alunni/e e di una paletta distanziatrice da applicare alla bicicletta 4. Accordo per l erogazione di un buono da 50 Euro per l acquisto di una bicicletta da destinare ai ragazzi e alle ragazze della scuola secondaria di primo grado che hanno conseguito con successo l attestato di guida sicura 5. Valutazione dell iniziativa 6. Valutazione in base agli esiti dell azione, del suo inserimento nel POF come offerta educativa permanente 7. Collocazione di nuove rastrelliere all interno degli spazi scolastici Attività/fasi e passaggi chiave relativi al punto 1.C. La bici sul web comunale Descrizione dell attività: - Realizzazione di materiali di comunicazione su aspetti pratici, culturali e scientifici relativi alla bicicletta da pubblicare all interno del sito del comune. I materiali saranno realizzati coinvolgendo la scuola, le associazioni locali sportive e culturali, la protezione civile e l associazione dei giovani Acchiappasogni Caronnese. 5

5 - Selezione da parte della biblioteca comunale di una bibliografia ragionata di testi su cui i ragazzi e le ragazze della scuola secondaria di primo grado pubblicano delle recensioni. Fasi e passaggi chiave: 1. Costituzione del gruppo di redazione tra gli studenti 2. Costituzione di un gruppo di redazione con le associazioni 3. Architettura delle pagine web del sito dedicate alla bici 4. Selezione di fonti, materiali e redazione testi in collaborazione con la biblioteca 5. Pubblicazione e aggiornamento g. Prodotti dell azione Descrivere dettagliatamente caratteristiche dei prodotti, qualità e quantità ecc) - Accordo con la scuola - Accordo con le associazioni ciclistiche, il Centro Anziani Auser, i negozianti di articoli sportivi per la realizzazione dei laboratori di manutenzione della bicicletta - Accordo con le associazioni ciclistiche, il Parco del Lura, il Centro Anziani Auser e l Acchiappasogni Caronnese per la redazione dei contenuti del sito - Laboratori per il corso Educare alle differenze pedalando e la manutenzione della bicicletta (20 laboratori) - Video clip realizzati dalle classi nel corso dei laboratori (n.5) - Corso di guida sicura per 200 studenti/studentesse - Manuale di guida sicura per studenti/studentesse (200 copie) - Attestato di partecipazione al corso di guida sicura (200 copie) - Buono da 50 Euro per l acquisto di una bicicletta per ragazzo/a (100 buoni) - Nuove rastrelliere collocate all interno dello spazio scolastico (n 5) - Architettura e contenuti della nuova sezione del sito comunale dedicata alla bici h. Descrivere come l azione si raccorda con altri strumenti di programmazione o piani comunali Il corso di guida sicura con la bicicletta è stato inserito tra gli obiettivi strategici del funzionario apicale della Polizia locale - anno Le altre azioni attuative (da 1B a 1C) risultano coerenti con le rilevazioni effettuate nell ambito del PGTU (2009) in merito alle criticità riscontrate per la mobilità ciclabile e si raccordano in particolare con l obiettivo dello stesso PGTU di promozione di un mobilità più sostenibile. i. Compiti dell Ufficio Tempi (es: coordinare, verbalizzare, convocare, ecc.) - Convocare, coordinare e verbalizzare dall Ufficio gli incontri dei gruppi di lavoro con i docenti con l ausili del consulente incaricato del coordinamento in sinergia con il Settore Istruzione, Sport e Tempo libero. - Redigere o supervisionare accordi, atti, convenzioni e capitolati di spesa. - Gestire i processi interni ed esterni necessari alla realizzazione dell azione facilitando l attività intersettoriale. - Coordinare le fasi dell azione. - Monitorare che i tempi vengano rispettati - Interfacciarsi con i soggetti incaricati della valutazione - Rendicontare le attività. j. Settore/struttura comunale responsabile dell azione (se diversa dall Ufficio Tempi) Istruzione Sport e tempo Libero k. Altri settori / uffici comunali coinvolti nella realizzazione dell azione Cura del Territorio, Urbanistica e Verde, Infrastrutture, Lavori pubblici e Viabilità, Polizia locale l. Partenariato territoriale attivato e coinvolto nell azione 6

6 (Elencare tutti i soggetti coinvolti: enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati organizzazioni sindacali e imprenditoriali ASL sistema scolastico ecc) - Scuola secondaria di primo grado - Associazione A.S.D. Pertusella Ciclismo - Associazione Acchiappasogni Caronnese - Associazione Commercianti - Parco del Lura - Lura Ambiente S.p.a..(è in fase di elaborazione l accordo di paternariato) - Centro Anziani Auser m. Attività di monitoraggio (Descrivere con quali strumenti e attività si intende verificare l attuazione delle azioni. Indicare con precisione cosa sarà oggetto di monitoraggio) La principale attività di monitoraggio dell azione 1 è realizzata attraverso metodologie partecipative che coinvolgono in un Osservatorio sugli stili di mobilità casa scuola gli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado, in particolare le classi seconde. Per la sua attuazione è previsto un ruolo attivo da parte di qualche docente di matematica con il coordinamento dell Ufficio Tempi. Un gruppo di ragazzi/e delle classe coinvolte avrà il compito di contare periodicamente quanti compagni e compagne raggiungono la scuola in bicicletta, e l andamento dell uso della bici nel corso dell anno. Inoltre in ogni classe sarà rilevato il numero di ragazzi/e distinti per genere che si recano a scuola da soli/e (a piedi o in bici) e la loro provenienza. Saranno effettuate interviste agli studenti/studentesse che si recano in bicicletta per rilevare il gradimento del mezzo utilizzato per raggiungere la scuola e un parere sull adeguatezza del tempo impiegato. I risultati del monitoraggio saranno presentati dagli stessi studenti/studentesse in occasione della Festa della bicicletta evento di comunicazione delle azioni (si veda azione 2) prima della proiezione dei video clip. A tutti gli studenti/studentesse della scuola sarà consegnato un adesivo che applicato sulla bicicletta permetterà di distinguere se appartiene ad una ragazza o ad un ragazzo. Strumenti di monitoraggio: - Schede di rilevazione dell uso della bicicletta negli spostamenti casa - scuola - Attività di valutazione sul gradimento dei laboratori (1A) - Focus group con osservatori privilegiati sulla diminuzione del traffico veicolare e delle auto in sosta davanti alla scuola Oggetto di monitoraggio : - Variazione dell utilizzo della bicicletta da parte degli studenti/studentesse - Interesse suscitato dai laboratori - Percezione della variazione del traffico e degli ingorghi veicolari fuori dalla scuola negli orari di ingresso e uscita - Differenza dei tempi necessari per compiere il tragitto casa scuola in bicicletta rispetto ad altri mezzi di trasporto - Livello di gradimento nel recarsi a scuola in bicicletta (tutte le rilevazioni saranno distinte in base al genere e all età). Compito dell Ufficio Tempi sarà il monitoraggio del processo e dell efficienza della realizzazione attraverso i seguenti indicatori Indicatori di efficienza nella realizzazione dell azione : - Rispetto dei tempi previsti per la realizzazione dell azione - Rispetto dei costi preventivati Indicatori di esito e raggiungimento degli obiettivi dell azione: - Numero di biciclette parcheggiate nel cortile della scuola nelle giornate di bel tempo (dati dal monitoraggio eseguito dagli studenti/studentesse trasmessi periodicamente all Ufficio Tempi) - Numero di ragazzi/e che si recano a scuola da soli/e (dati dal monitoraggio eseguito dagli studenti/studentesse trasmessi periodicamente all Ufficio Tempi) 7

7 - Diminuzione del gap % tra ragazzi e ragazze che si recano a scuola autonomamente (calcolato sulla base dei dati trasmessi dal monitoraggio eseguito dagli studenti/studentesse) n. Strumenti di comunicazione previsti (Descrivere le azioni di informazione e di comunicazione previste ed elencare tutti gli strumenti usati specificando caratteristiche qualità e quantità) - Brochure di presentazione dell azione Ragazzi e ragazze in bicicletta (in particolare delle attività proposte e della loro valenza educativa, sociale ed ambientale) destinata ai genitori degli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado - Nuova sezione del sito web comunale dedicata alla mobilità ciclopedonale. I contenuti di tale sezione saranno implementati principalmente da studenti/studentesse e docenti della scuola secondaria di primo grado - 5 video-clip per promuovere l uso della bicicletta sul territorio comunale realizzati dalla scuola nell ambito del progetto Educare alle differenze pedalando palette distanziatici per le biciclette (da distribuire agli studenti/studentesse nel corso di guida sicura) adesivi da distribuire a tutti gli studenti/studentesse della scuola secondaria di primo grado da applicare alle biciclette ai fini del monitoraggio partecipato - manuale rivolto agli studenti/studentesse delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado contenente indicazioni pratiche relative alla guida sicura della bici e alla sua manutenzione con uno stile comunicativo attento a decostruire gli stereotipi di genere (200 copie) - n. 7 rastrelliere da n. 12 posti con pensilina e logo del progetto da posizionare nel cortile della scuola secondaria di primo grado. (cofinanziamento comunale) 8

8 o. Tabella di sintesi dei costi dell azione in relazione alle voci di spesa e ai prodotti (Mettere in relazione le voci di spesa con i prodotti individuati al punto g. Il costo di un prodotto può essere composto da più voci di spesa. Indicare le spese a carico dei partner) Vedere allegato 1 in excel 9

9 SCHEDA AZIONE DI PROGETTO N 2 a. Comune responsabile: (In caso di progetti sovracomunali indicare il comune responsabile della azione descritta b. Numero e titolo dell azione: AZIONE 2 - Muoversi in Caronno Pertusella a piedi e in bicicletta c. Obiettivo dell azione: - incentivare la mobilità ciclo-pedonale negli spostamenti quotidiani verso i servizi di interesse collettivo - riscoprire il piacere dell andare in bicicletta e il possibile risparmio di tempo negli spostamenti quotidiani Obiettivi specifici - introdurre misure che riducano il rischio di furto delle biciclette - migliorare le possibilità di sosta sicura - aiutare attraverso suggerimenti e prove pratiche le famiglie con bambini/e 6-11 anni ad acquisire più fiducia nell andare in bicicletta in paese con i figli/e. - sensibilizzare specifici target di cittadini e cittadine verso stili di mobilità più sostenibili. - ampliare l offerta di parcheggio sicuro delle biciclette nei pressi di alcuni dei principali attrattori della città (uffici comunali e stazione) in modo da favorirne l utilizzo. d. Destinatari dell azione: - Famiglie con figli/e 6-11 anni per piccoli spostamenti in città - Utenti dei servizi di interesse collettivo presenti sul territorio comunale (stazione FN, uffici e servizi pubblici) f. Modalità di realizzazione dell attività/fase* e tempistica dell azione: (*) Descrivere le modalità con cui le singole attività/fasi verranno realizzate: convenzioni, affidamento di incarichi, costituzione di tavoli di partenariato o gruppi di lavoro (Indicare le date presunte di inizio e fine dei passaggi chiave e dell azione) Data presunta di avvio dell azione (mese/anno): aprile 2011 Data prevista di conclusione dell azione (mese/anno): giugno 2012 L azione è articolata in: 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella 2.B. In bicicletta in sicurezza: uscite pratiche per le strada di Caronno Pertusella in bicicletta dedicate alle famiglie/e con figlie/e con figli nella scuola primaria posizionamento dei segnaletica per rendere più visibili e quindi più sicure i percorsi più idonei alla bicicletta Modalità di realizzazione dell attività/fase In merito al punto 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella: - Costituzione di un gruppo di lavoro intersettoriale (Ufficio Tempi, Urbanistica, Infrastrutture, Lavori Pubblici e Viabilità, Affari Istituzionali, Sviluppo economico e Comunicazione; Polizia locale, Biblioteca): aprile Convenzione tra Polizia locale e Registro Italiano biciclette: giugno Affidamento di incarico alla società per la produzione delle etichette targa : giugno Affidamento di incarico per l acquisto e il posizionamento delle rastrelliere: giugno 2011 In merito al punto 2.B. In bicicletta in sicurezza - Costituzione di un gruppo di lavoro intersettoriale Ufficio Tempi, Educazione sport e tempo libero, Polizia Locale: aprile Affidamento di incarico per la realizzazione del corso e dei materiali: maggio

10 f. Descrizione delle principali attività/fasi e dei passaggi chiave: (Numerare e descrivere in maniera puntuale le attività/fasi necessarie e i passaggi chiave per il raggiungimento dell obiettivo dell azione. Per passaggi chiave si intendono provvedimenti, accordi, strumenti di programmazione individuati come funzionali e necessari al raggiungimento degli obiettivi dell azione. Ogni attività può comprendere più passaggi chiave) Attività/fasi e passaggi chiave relative al punto 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella Descrizione dell attività: Le biciclette vengono dotate su richiesta del proprietario di una speciale targa indelebile e antieffrazione. Gli utenti avranno la possibilità di iscriversi (tramite sms, mms, numero verde, fax o internet) a un apposita anagrafe, il Registro Italiano Bici che facilita il ritrovamento in caso di furto. Ai possessori delle biciclette sarà dato uno specifico libretto, che riporterà dati e caratteristiche dei mezzi. Le famiglie che parteciperanno al corso previsto nell azione 2.B. In bicicletta in sicurezza sarà loro attivata la procedura per la dotazione della targa. Grazie a questo progetto, saranno fortemente disincentivati i furti e sarà agevolata la riconoscibilità dei mezzi in caso di ritrovamento. Fasi e passaggi chiave: 1. Accordo con il Registro Italiano Bici (passaggio chiave) 2. Promozione dell iniziativa 3. Raccolta di adesioni 4. Etichettatura L azione prevede anche l ampliamento del numero di rastrelliere per le biciclette presso le sedi degli uffici comunali, la stazione ferroviaria, la posta e il mercato. Fasi e passaggi chiave: 1. Mappatura delle rastrelliere già collocate 2. Individuazione delle criticità (numero di stalli insufficienti, condizioni del manufatto, problemi di accessibilità) 3. Acquisto e collocazione di nuove rastrelliere o sostituzione di quelle danneggiate ed eliminazione delle barriere architettoniche (es. marciapiedi alti) che rendono difficoltoso il loro utilizzo (passaggio chiave) 4. Diffusione e comunicazione. Attività/fasi e passaggi chiave relative al punto 2.B. In bicicletta in sicurezza: Descrizione dell attività:corso di guida sicura in strada per le famiglie/e con figli/e frequentanti la scuola primaria. Saranno organizzate prove pratiche in bicicletta con la polizia locale, durante le quali le famiglie impareranno a muoversi con i propri figli/e piccoli in bicicletta sul territorio del comune. Fasi e passaggi chiave: 1. Accordo con la Polizia Locale per la realizzazione dell iniziativa (passaggio chiave) 2. Accordo con la dirigenza scolastica per la distribuzione dei materiali di presentazione (passaggio chiave) 3. Distribuzione di una brochure informativa in tutte le scuole primarie di Caronno Pertusella che presenta l iniziativa, fornisce suggerimenti pratici utili alle famiglie con bambini/e piccoli che vogliono andare in bicicletta sulle strade comunali, il modulo di adesione al corso con la Polizia locale 4. Organizzazione di uscite e prove pratiche che verranno effettuate nei fine settimana anche con la collaborazione della Protezione Civile 5. Promozione del sistema targa sicura g. Prodotti dell azione Descrivere dettagliatamente caratteristiche dei prodotti, qualità e quantità ecc) 11

11 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella - Materiali di comunicazione dell iniziativa: messaggistica veloce, sito internet, manifesti presso i principali attrattori del territorio raggiungibili con la bicicletta (n 30) - Rastrelliere per le biciclette (n 5) e n. 20 targhe da applicare con il logo del progetto alle nuove rastrelliere presenti sul territorio comunale - Targhe applicate alle biciclette (n 250) - Strumenti di comunicazione (si veda sotto) 2.B. In bicicletta in sicurezza: corso di guida sicura in strada per le famiglie/e con figlie/e con figli nella scuola primaria - Accordo con le scuole primarie per l attuazione e la diffusione dell azione - Brochure sulle buone pratiche/consigli dell andare in bici con la famiglia + Scheda di iscrizione per le famiglie partecipanti (una per bambino: 700) - Corso di guida sicura per le famiglie (replicato in relazione alle richieste numero massimo di partecipanti per corso 10) - Strumenti di comunicazione (si veda sotto) h. Descrivere come l azione si raccorda con altri strumenti di programmazione o piani comunali L azione attuativa 2A In bicicletta in sicurezza verrà inserita tra gli obiettivi di PEG per il funzionario apicale della Polizia locale - anno 2011 L ampliamento di dotazione degli stalli per le biciclette e la campagna a favore della targa per le biciclette si raccorda con il PGTU approvato nel 2010 che da un lato aveva rilevato un insufficiente dotazione di rastrelliere per le biciclette in prossimità degli uffici comunali e della stazione con il conseguente aumento del rischio di furti (PGTU - Fase conoscitiva giugno 2009) e dall altro si propone di promuovere una mobilità più sostenibile (PGTU - Rapporto Propositivo e Regolamento Viario novembre 2009) i. Compiti dell Ufficio Tempi (es: coordinare, verbalizzare, convocare, ecc.) - Convocare, coordinare e verbalizzare gli incontri, con l ausilio dei consulenti in accordo con i responsabili delle singole iniziative. - Redigere o supervisionare accordi, atti, convenzioni e capitolati di spesa. - Gestire i processi interni ed esterni necessari alla realizzazione dell azione facilitando l attività intersettoriale. - Coordinare le fasi dell azione - Monitorare che i tempi vengano rispettati - Interfacciarsi con i soggetti incaricati della valutazione - Rendicontare le attività. j. Settore/struttura comunale responsabile dell azione (se diversa dall Ufficio Tempi) Per l azione attuativa 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella: Settore Infrastrutture, Lavori pubblici e Viabilità Per l azione attuativa 2.B. In bicicletta in sicurezza: Polizia locale k. Altri settori / uffici comunali coinvolti nella realizzazione dell azione Settore Affari Istituzionali, Sviluppo economico e Comunicazione Settore ecologia l. Partenariato territoriale attivato e coinvolto nell azione (Elencare tutti i soggetti coinvolti: enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati organizzazioni sindacali e imprenditoriali ASL sistema scolastico ecc) - Scuole primarie e secondaria di primo grado - Protezione Civile - Associazione ciclistiche Il pedale caronnese e A.S.D. Pertusella Ciclismo - Oratori - Fondazione Artos 12

12 - Gruppo Anziani Associazione Auser - ASL e/o pediatri (collaborazione per la diffusione di informazioni sulle ricadute positive dell andare in bicicletta sulla salute e sull autonomia) - Negozianti e in particolare negozi di articoli sportivi per sponsorizzare il materiale per le attività di manutenzione delle biciclette durante la Festa della bicicletta evento di comunicazione delle azioni (si veda negli strumenti di comunicazione). m. Attività di monitoraggio (Descrivere con quali strumenti e attività si intende verificare l attuazione delle azioni. Indicare con precisione cosa sarà oggetto di monitoraggio) Strumenti di monitoraggio: - Questionario di customer satisfaction alle famiglie partecipanti al corso di guida sicura - Focus group con alcuni osservatori privilegiati (vigili, insegnanti, genitori) Oggetto di monitoraggio del questionario: valutazione della praticabilità delle indicazioni fornite durante il corso di guida sicura e verifica della percezione della loro efficacia Oggetto di monitoraggio dei focus group: approfondimento delle percezioni del cambiamento degli stili di mobilità per gli spostamenti interni alla città Compito dell Ufficio Tempi sarà il monitoraggio del processo e dell efficienza della realizzazione attraverso i seguenti indicatori. Indicatori di processo: - Numero di incontri rispetto a quelli programmati - Partecipanti agli incontri rispetto agli invitati - Esito raggiunto rispetto agli obiettivi e all ordine del giorno di ogni singolo incontro Indicatori di efficienza realizzazione: - Rispetto dei tempi previsti - Rispetto dei costi preventivati Indicatori di esito e raggiungimento degli obiettivi dell azione: - Numero di richiedenti di etichettature (targhe antifurto per le biciclette) - Numero di partecipanti al corso di guida sicura per le famiglie (i dati saranno raccolti disaggregati per genere ed età) - Numero di rastrelliere installate n. Strumenti di comunicazione previsti (Descrivere le azioni di informazione e di comunicazione previste ed elencare tutti gli strumenti usati specificando caratteristiche qualità e quantità) Il principale evento di comunicazione delle azioni 1 e 2 riguarda l organizzazione della Festa della bicicletta, un evento di promozione l utilizzo della bicicletta come mezzo di spostamento sul territorio comunale. L evento sarà organizzato in collaborazione con diversi attori e partner del territorio, in particolare: 1. la scuola secondaria di primo grado per la promozione delle seguenti iniziative: - Attività di manutenzione della bicicletta per i cittadini che lo richiedono con la collaborazione dei negozianti di biciclette - Presentazione degli esiti del monitoraggio sull uso della bicicletta negli spostamenti casa-scuola - Proiezione dei videoclip realizzati dalle classi - Lancio della sezione del sito web comunale dedicata alla bicicletta. 2. la biblioteca la quale nel giorno dell evento effettuerà un apertura straordinaria e proporrà attività di animazione del libro a tema bicicletta rivolte a bambini 3-6 anni 3. gli oratori che in collaborazione con le associazioni Il pedale Caronnese e A.S.D. Pertusella Ciclismo organizzano una biciclettata. 4. i commercianti del centro effettuano un apertura straordinaria 13

13 Inoltre i centri storici verranno chiuso al traffico. Tutte le iniziative della festa saranno organizzate facendo particolare attenzione alla loro calendarizzazione, desincronizzazione e coordinamento orario. Per l organizzazione dell evento saranno essenziali incontri del tavolo di partenariato con le Associazioni locali culturali e sportive, la scuola, gli oratori, la Protezione Civile, i commercianti volti ad organizzare le iniziative della festa e a stilare un loro calendario. Esito degli incontri sarà un Protocollo di intesa sul ruolo e compiti che ciascun partner svolgerà durante la festa (passaggio chiave) Strumenti di comunicazione dell evento Festa della bicicletta : - Manifesti e locandine ( ) - Avviso da parte scuola ai genitori degli alunni/e delle scuole primarie e degli studenti/studentesse delle scuole secondarie di primo grado - Articoli sull Informatore comunale e sulla stampa locale - Comunicazione all interno del sito comunale - Messaggistica veloce Altri strumenti di comunicazione dell azione 2:i: Per l azione attuativa 2.A. Bici più sicure a Caronno Pertusella - Manifesti da affiggere sul territorio comunale (n 30) - Articolo sull Informatore comunale - Comunicazione all interno del sito comunale - Rastrelliere (n 5) Per l azione attuativa 2.B. In bicicletta in sicurezza - Materiale di comunicazione del corso di guida sicura per le famiglie (brochure da distribuire a tutti gli alunni/alunne delle scuole primarie: n 700) - Articoli sull Informatore comunale e sulla stampa locale - Comunicazione all interno del sito comunale 14

14

15 o. Tabella di sintesi dei costi dell azione in relazione alle voci di spesa e ai prodotti (Mettere in relazione le voci di spesa con i prodotti individuati al punto g. Il costo di un prodotto può essere composto da più voci di spesa. Indicare le spese a carico dei partner) Vedere tabella allegato 2 excel 16

16 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Tabella di sintesi tra obiettivi delle azioni ed esiti attesi (Elencare sinteticamente l obiettivo di ogni azione (punto 5.c) e individuare uno o più esiti attesi con i relativi indicatori) Numero azione Obiettivo Esito atteso Indicatore di esito Azione 1 A Stimolare riflessioni tra gli studenti/studentesse attorno agli stereotipi di genere e alle modalità con cui questi condizionano gli stili di mobilità di ragazzi /e Interessare e motivare i ragazzi/e ai temi del laboratorio Educare alla differenza pedalando Gradimento del laboratorio Educare alla differenza pedalando : medio alto (misurato attraverso un questionario di customer satisfaction) Azione 1 A Conoscere il funzionamento della bicicletta e saperla mantenere efficiente Superare il divario conoscitivo e pratico nella manutenzione della bici tra ragazzi e ragazze Superamento delle prove di abilità nella riparazione della bicicletta sia da parte dei ragazzi che delle ragazze Buona riuscita della prova pratica: affrontata con successo dal 75% degli alunni/e sia da parte dei ragazzi che delle ragazze Azione 1A Promuovere con strumenti comunicativi innovativi l uso delle bicicletta negli spostamenti in città Azione 1B Muoversi con maggiore sicurezza e consapevolezza sulle strade in bicicletta Azione 1C Azione 2 A Azione 2 A Azione 2 B Informare la cittadinanza sulla mobilità ciclopedonale Aumentare la percezione di sicurezza rispetto al rischio di furto della propria bicicletta Ampliare l offerta di parcheggio sicuro e comodo delle biciclette Muoversi con sicurezza e consapevolezza sulle strade in bicicletta con i propri figli/e Diffusione di video-clip realizzati dai ragazzi e ragazze della scuola secondaria di primo grado Apprendimento delle principali norme di sicurezza e di comportamento stradale Costruzione di una sezione del sito comunale dedicata alla bicicletta Iscrizione al servizio della richiesta di targa per bicicletta Istallazione di rastrelliere presso i principali servizi di pubblico interesse Acquisizione di una certa sicurezza nel muoversi in bicicletta con i propri figli/e Numero di accessi su youtube (300) Verifica dell apprendimento tramite un uscita sul territorio; valore atteso: 95% degli studenti/studentesse supera la prova distribuito equamente per genere Numero di accessi nel sito comunale dedicato alla bicicletta (n. atteso confrontabile con quelli alle altre sezioni del sito) Sondaggio on line di gradimento del sito (voto atteso: medio alto) Numero di richiedenti di etichettature (indicatore della convinzione dell efficacia del sistema di protezione della bicicletta dal furto tramite la targa ) n. atteso 60% dei ragazzi/e delle scuole secondarie di primo grado; 80% delle famiglie partecipanti al corso di guida sicura Numero di rastrelliere installate Valutazione della praticabilità delle indicazioni fornite durante il corso (tramite questionario) 17

17 Tabella di sintesi della misurabilità delle azioni (Individuare indicatori quantitativi e qualitativi atti a misurare il raggiungimento degli obiettivi delle azioni) Numero. azione Azione 1 Incentivare l uso della bici negli spostamenti casa scuola secondaria di primo grado Azione 1 Rendere maggiormente autonomi i ragazzi/e nei loro spostamenti casa scuola Azione 1 Superare gli stereotipi di genere che condizionano gli stili di mobilità Azione 1 obiettivo Indicatori quantitativi Indicatori qualitativi Riqualificare il tempo degli spostamenti casa - scuola Azione 1 Risparmiare tempo negli spostamenti casa - scuola Azione 1 Azione 2 Diminuire il traffico veicolare davanti alla scuola secondaria di primo grado nell ora di ingresso ed uscita da scuola Aumentare la mobilità ciclopedonale quotidiana verso i servizi di interesse collettivo Numero di biciclette parcheggiate nel cortile della scuola nelle giornate di bel tempo: risultato atteso: incremento del 20% Numero di ragazzi/e che si recano a scuola da soli/e (a piedi o in bici): risultato atteso: 30% Diminuzione del gap tra ragazzi e ragazze che si recano a scuola autonomamente: risultato atteso: da un attuale forbice del 15% ad una del 10% (all interno di quelli che hanno frequentato il corso) Gradimento del compiere il tragitto in bici: tramite intervista effettuata nell ambito del monitoraggio partecipato condotto dagli studenti/studentesse sugli aspetti maggiormente apprezzati e più detestati nel percorso casa scuola effettuato in bicicletta Valutazione sul tempo necessario per compiere il tragitto casa scuola in bicicletta rispetto ad altri mezzi di trasporto (effettuata tramite intervista nell ambito del monitoraggio partecipato condotto dagli studenti/studentesse) Percezione da parte di osservatori privilegiati (vigile, insegnanti, genitori) della variazione del traffico (su scala ordinale): risultato atteso: medio Percezione da parte di osservatori privilegiati (vigile, insegnanti, genitori) dell aumento della mobilità ciclo-pedonale risultato atteso: medio 18

18 Tabella di sintesi delle voci di spesa VOCI DI SPESA AZIONE COSTO PREVISTO COSTO PREVISTO AZ 1 +AZ 2 CONTRIBUTO REGIONALE RICHIESTO QUOTA COFINANZIA MENTO COMUNALE 1) indagine e ricerca , , , ,00 2) prestazioni professionali personale in staff 1 00, ,00 00, ,00 3) prestazioni consulenziali e professionali , , , ,00 4) progettazione e realizzazione di azioni di informazione e comunicazione , , , , ,00 TOTALE , , , ,00 TOTALE , , ,57 Data 15/02/2011 Nome, cognome, timbro e firma del responsabile di progetto 19

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE Pag 1 di 10 Provincia Progetto n. 1 Siena DATI DI SINTESI Titolo progetto : Relazioni di genere: dall infanzia all adolescenza 3 Acronimo: ReGen 3 Durata progetto: Anno scolastico 2013/2014 Costo complessivo

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli