I SEGRETI DI WARREN BUFFETT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SEGRETI DI WARREN BUFFETT"

Transcript

1 I SEGRETI DI WARREN BUFFETT Scopri come Warren Buffett è diventato l'uomo più ricco del mondo investendo in borsa 1

2 TITOLO I SEGRETI DI WARREN BUFFETT Scopri come Warren Buffett è diventato l'uomo più ricco del mondo investendo in borsa A CURA DI Brancozzi & Partners Consulting srl SITO WEB 2

3 BRANCOZZI & PARTNERS CONSULTING Ti ringraziamo per aver scelto il nostro ebook! Scegliendo il nostro ebook hai fatto un salto avanti nella tua formazione personale: i nostri ebook sono revisionati e pubblicati da professionisti di marketing e gestione aziendale, non da scrittori improvvisati Noi dello studio di Consulenza di direzione aziendale e marketing evolutivo, Studio Brancozzi (società Brancozzi & Partners Consulting srl), che pubblichiamo personalmente i nostri ebook, abbiamo infatti come attività principale l aiuto e la consulenza verso le piccole, medie e grandi aziende italiane, con oltre 20 anni di esperienza alle spalle in ambito di gestione aziendale. Nel nostro sito raccogliamo la nostra esperienza e la professionalità dei nostri consulenti, che fanno capo al nostro team leader, l imprenditore-consulente aziendale Simone Brancozzi ( clicca qui per il suo curriculum), e le mettiamo al servizio delle aziende e degli imprenditori italiani con questo obiettivo finale: FAR PASSARE ALL IMPRENDITORE IL SABATO E LE DOMENICA TRANQUILLO, LONTANO DAI PROBLEMI AZIENDALI! 3

4 Ti sei mai chiesto quanto produce al giorno la tua Azienda? Vorresti avere il controllo completo della tua Azienda? Ti piacerebbe essere affiancato da una persona di fiducia che sa consigliarti per il bene unico della tua Azienda? Vorresti sapere cosa è giusto fare tua Azienda senza avere il timore di sbagliare? per la Sogni di avere più tempo libero e passare il fine settimana in relax, con la certezza che la tua Azienda avrà un futuro sereno? 4

5 Per te abbiamo realizzato i servizi: CRUSCOTTO DI CONTROLLO Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli e TUTORAGGIO AZIENDALE Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli 5

6 Ti piacerebbe avere costantemente nuovi contatti di vendita? Ti piacerebbe fidelizzare con semplicità i tuoi clienti già acquisiti? Vorresti mettere la tua Azienda 20 anni avanti ai tuoi concorrenti? Vorresti tagliare totalmente i costi pubblicitari che stai sostenendo, rimanendo visibile sui nuovi canali del mercato? Sogni di avere il controllo completo della tua attività di marketing, sapendo con certezza chi ti ha cercato e per quanto tempo è stato a leggere informazioni sulla tua Azienda? 6

7 Per te abbiamo realizzato i servizi: TROVA CLIENTI Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli e SOCIAL NETWORK IMPRESA FACIL E Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli 7

8 Oltre a questi servizi il nostro studio di Consulenza e Marketing Aziendale ha al suo attivo una gamma completa di servizi personalizzati per l Azienda, con possibilità di effettuare corsi di formazione per il personale, il team vendite, l imprenditore di realizzare Piani Industriali, Diagnosi Aziendali e tanto altro ancora che puoi vedere sul nostro sito: w ww.controlloaziendale.it Oppure puoi chiederci informazioni ai nostri recapiti: Studio Brancozzi: Numero verde: Simone Brancozzi: E mail: Ci trovi al seguente indirizzo: Via campiglione 20, Fermo (FM) 8

9 ATTENZIONE DISCLAIMER: Il documento deve essere inteso come fonte d'informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un'offerta o una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di prodotti finanziari. Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti nell'e-book è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti come strumenti di informazione, analisi e supporto alle decisioni. Inoltre, si tiene a precisare che i rendimenti passati non sono garanzia di uguali rendimenti in futuro. Inoltre, tutti i nomi di prodotti o aziende citati nel testo sono marchi registrati appartenenti alle rispettive società, e sono usati a scopo illustrativo e a beneficio delle relative società. 9

10 SOMMARIO PASSO 1. W. B.: la sua filosofia di investimento... PASSO e la sua strategia di investimento PASSO 3. Investire conoscendo il ROE PASSO 4. Valore intrinseco di un titolo PASSO 5. Distribuzione dei dividendi PASSO 6. Crescita degli utili per azione e aumenti gratuiti PASSO 7. Riacquisto di azioni proprie PASSO 8. Come trattare con Mr. Market PASSO 9. Perché W. B. non ama gli alti volumi di scambio Conclusione Aforismi Bibliografia 10

11 Introduzione Secondo la rivista americana Forbes, Warren Buffett è attualmente (2008) l'uomo più ricco al mondo, con un patrimonio stimato intorno ai 62 miliardi di dollari. Non male, vero? Buffett è anche l'azionista di maggioranza, nonché amministratore delegato, della Berkshire Hathaway, un'azienda tessile che acquistò nel 1965 pagandola poco meno di 15 dollari per azione. Con questa acquisizione, Buffett diede inizio alla propria partecipazione azionaria nelle principali società americane, citiamo, tra le più note, Coca-Cola Company e American Express. Grazie a questi investimenti, Buffett ha trasformato una piccola azienda tessile in una delle holding (cioè una società finanziaria che possiede la maggioranza delle azioni, e quindi il controllo, di diverse imprese) più grandi del mondo, con un fatturato complessivo di circa 100 miliardi di dollari e un valore di mercato di 40 miliardi di dollari. 11

12 Pensate che per diventare azionisti della Berkshire dovreste essere in grado di spendere dollari. Infatti questa è la cifra da sborsare se si vuole entrare in possesso di una azione di 'tipo A' della holding di Buffett. Può sembrare curioso, ma Buffett, ovvero uno tra i più formidabili investitori di tutti i tempi, una leggenda vivente nell'ambiente della finanza internazionale, si tiene a debita distanza da Wall Street (vive a Omaha, Nebraska, nella stessa casa che acquistò agli inizi della carriera) e dai suoi indici ballerini. Warren Buffett, infatti, non è un giocatore di borsa, uno yuppie stile Michael Douglas nel film 'Wall Street' (appunto), ma deve la sua fortuna alla propria abilità di investitore, che è cosa completamente diversa dallo speculatore o, per dirla con un termine molto in voga, dal trader. La strategia dell'investitore Buffett è basata essenzialmente sull'acquisto di azioni (o, come nel suo caso, del pacchetto di maggioranza, se non addirittura dell'intera azienda) di alcune selezionatissime società. 12

13 Poiché Warren Buffett è un investitore razionale, le azioni che acquista sono destinate a rimanere nel portafoglio della sua società per un lungo periodo (a volte per tutta la vita, vedi, ad esempio, le azioni Coca-Cola). In altre parole, Buffett acquista le azioni per mantenerle nel portafoglio il più a lungo possibile, ovvero fino a quando permangono le condizioni che lo hanno indotto all'acquisto. Partendo da questo presupposto, seleziona accuratamente le aziende più solide seguendo pochi criteri (che vedremo in seguito) e vi investe il proprio denaro (e quello degli azionisti della Berkshire) ottenendo dei rendimenti fantascientifici: date un po' un'occhiata al portafoglio della Berkshire Hathaway al 31/12/

14 Portafoglio della Berkshire Hathaway al 31/12/2001 (in milioni di $) Fonte: Società Azioni Prezzo di acquisto Prezzo di mercato al 31/12/2001 American Express Coca-Cola Co Gillette Co H&R Block, Inc M&T Bank Moody's Corp Washington Post Co Wells Fargo & Co Altre Se guardiamo alla cifra totale del capitale investito per acquisire i vari pacchetti azionari e la confrontiamo con il valore di mercato delle quote detenute al 31 dicembre 2001, vediamo che il valore totale delle azioni è passato da milioni di dollari a milioni di dollari, ossia, è più che triplicato. Ho attirato la vostra attenzione? Bene. Allora continuate a leggere e scoprirete come investire i vostri soldi seguendo l'esempio di un uomo che è diventato 14

15 plurimilionario investendo in Borsa: Warren Edward Buffett, anche detto l'oracolo di Omaha. 15

16 INDICE PASSO 1 W.B e la sua filosofia di investimento Investimento razionale e diversificazione La parola d'ordine degli investitori non professionali, ossia dei comuni mortali che investono i propri risparmi in Borsa, è 'diversificare gli investimenti', ossia acquistare e tenere nel proprio portafoglio titoli di diverse società in modo da poter compensare le perdite di alcune di esse con i guadagni ottenuti dalle altre. Questo approccio è ben sintetizzato dall'espressione anglosassone don't put all your eggs in one basket (non mettere tutte le uova in un solo paniere). Si tratta di una corrente di pensiero piuttosto diffusa e che può anche produrre dei buoni risultati, ma la diversificazione degli investimenti è una strategia che Warren Buffett non ha mai 16

17 seguito. La sua storia di investitore di successo e le sue parole al riguardo sono molto chiare: Buffett investe i suoi soldi e quelli degli azionisti della Berkshire in settori che conosce e comprende e in aziende che hanno dimostrato di ottenere degli ottimi risultati. Per Buffett, quindi, la migliore assicurazione contro la volatilità del mercato borsistico (la tendenza dei titoli a subire bruschi rialzi e altrettanto bruschi ribassi) è data, non dalla diversificazione degli investimenti, bensì dalla scelta di investire nei titoli di poche aziende solide selezionate in base ad analisi indipendenti dall'andamento dei mercati Diversificazione 'industriale' Questa convinzione scaturisce dall'osservazione degli scarsi risultati ottenuti da quelle aziende che durante gli anni '80 e '90 hanno abbracciato la strategia della diversificazione: molte aziende americane, in seguito imitate dalle aziende della vecchia Europa, si sono trasformate in società conglomerate (conglomerates), ossia in holding finanziarie alle quali facevano 17

18 capo diverse società operanti in molti e diversi settori industriali. Una conglomerata è composta da aziende che operano in settori anche molto diversi tra loro: assicurazioni, industria manifatturiera, ristorazione, ecc.. La filosofia che ha ispirato questo tipo di operazioni è la stessa su cui si basa l'investimento diversificato: ridurre le perdite delle aziende operanti in un certo settore (poniamo, il tessile e abbigliamento), grazie ai guadagni ottenuti da quelle operanti in altri settori (ad esempio, nel comparto petrolifero). Sfortunatamente, ma anche prevedibilmente secondo Buffett, questi esperimenti di 'genetica finanziaria' invece di produrre delle 'supersocietà', hanno generato autentici mostri con tante teste ma senza un 'cuore'. Il cuore di una società è l'attività principale dell'azienda, il suo core business, cioè ciò che l'azienda sapeva fare bene prima di gettarsi a capofitto in settori dei quali non conosce pressoché nulla. 18

19 Questa ignoranza dei settori e dei meccanismi che li regolano ha portato le società conglomerate a registrare forti perdite nell'attività di quelle aziende che, in teoria, erano state acquisite per tamponare le perdite dell'impresa principale che alla fine, essendo l'unica in attivo, ha finito per essere sacrificata per tappare i 'buchi' prodotti da tutte le altre. Quale lezione ha ricavato Warren Buffett da questa esperienza? La diversificazione degli investimenti non funziona né nel campo industriale né in quello finanziario: non è possibile che lo stesso management sia capace di gestire una catena di ristoranti, un'azienda che produce cosmetici e una che si occupa di editoria, così come l'investitore medio non ha le conoscenze sufficienti per investire con cognizione di causa in modo diversificato i propri risparmi. Per farlo, infatti, dovrebbe conoscere perfettamente tutte le dinamiche dei diversi comparti del listino azionario, cosa che non si verifica praticamente mai. 19

20 Lo stesso Buffett, che investe da tutta la vita e che è considerato un investitore leggendario, evita accuratamente i titoli di società che operano in mercati che non comprende. La diversificazione, quindi, sostiene Warren Buffett, invece di ridurre il rischio di perdite, aumenta in modo esponenziale la possibilità di investire i propri soldi in titoli 'spazzatura' Remuneratività dell'investimento Inoltre, secondo Buffett, la supposta garanzia contro la volatilità del mercato azionario offerta dall'investimento differenziato, sarebbe una garanzia inutile. Per Buffett, infatti, la volatilità non è un problema ma un'occasione: quando prezzi dei titoli precipitano, invece di vendere, lui acquista le azioni che vuole a prezzi stracciati; quando invece si verifica un improvviso rialzo, ne approfitta per 'fare cassa' vendendo a caro prezzo quei titoli che non si sono dimostrati all'altezza delle sue aspettative, ma che gli investitori sprovveduti o gli speculatori a caccia di affari, vogliono comprare 20

21 a tutti i costi. Il rischio per l'investitore non è il deprezzamento dei titoli che ha nel suo portafoglio, ma l'insufficiente remuneratività del suo investimento, ossia il fatto che il valore dei proventi derivanti dal suo investimento, al netto del prelievo fiscale e scontato per il rendimento delle obbligazioni a tasso fisso (titoli di stato) sia inferiore rispetto a quanto aveva pagato per acquistare le azioni. In altre parole: quando acquisto un titolo, il mio investimento sarà stato 'azzeccato' se la remunerazione prodotta dal titolo eccede il totale delle imposte più la remunerazione che avrei ottenuto se avessi impiegato la stessa somma per comprare dei titoli di stato a tasso fisso... troppo complicato? Esemplifichiamo con i numeri: Rendimento netto di due titoli azionari scontato per il rendimento investimento alternativo in titoli di stato a tasso fisso di un titolo prezzo di acquisto rendimento lordo imposte 25% rendimento titoli di stato guadagno/ perdita A ,75 2,50-0,25 B 10 3,80 0,95 2,50 + 0,35 21

22 Adesso dovrebbe essere evidente: se guardassimo soltanto alle prime due colonne (prezzo di acquisto e rendimento lordo) vedremmo che la performance del titolo B è stata di poco superiore rispetto a quella del titolo A (per 80 centesimi di euro). Se poi paragonassimo il rendimento di entrambi rispetto a quello dei titoli di stato, vedremmo che sia il titolo A che il titolo B hanno prodotto un valore maggiore rispetto all'obbligazione (50 centesimi per A e 130 centesimi per B). La musica cambia quando andiamo a detrarre le imposte, in percentuale: 0,75 centesimi per il titolo A e 0,95 per il titolo B. Una volta sottratto l'ammontare del prelievo fiscale, infatti, vediamo che soltanto il titolo B ha guadagnato (+0,35 centesimi), mentre il titolo A è in perdita (-0,25 centesimi) anche se a prima vista sembrerebbe aver prodotto un rendimento del 30%. In sintesi, Buffett valuta le azioni come se fossero delle obbligazioni a tasso variabile: il capitale investito deve essere garantito, ossia il valore del titolo non deve scendere al disotto di 22

23 una soglia minima rappresentata dal prezzo pagato per acquistarlo e deve inoltre offrire delle buone prospettive di guadagno, ossia deve essere potenzialmente in grado di produrre un rendimento netto superiore rispetto a quello che si otterrebbe investendo la stessa somma in obbligazioni a tasso fisso Scegliere i titoli su cui investire A questo punto, potreste domandarvi come si faccia a prevedere che l'andamento del prezzo di un determinato titolo sarà in grado di assicurare una remunerazione che ecceda la somma delle imposte e del rendimento delle obbligazioni a tasso fisso, producendo così un reale guadagno per il suo possessore. Anche in questo caso, le idee di Warren Buffett sono molto chiare: bisogna prendere in esame alcuni parametri da cui si può ragionevolmente dedurre la buona performance futura dell'azienda di cui si intendono acquistare le azioni: prospettive di crescita degli utili nel medio e lungo termine; prospettive di lungo termine del mercato di riferimento; competenza del management, intesa come capacità di 23

24 impiegare le risorse finanziare per produrre ricchezza sfruttando le potenzialità dell'azienda e del mercato in cui opera; management shareholder oriented, ossia che privilegi gli interessi degli azionisti rispetto al proprio tornaconto; livelli di inflazione e imposizione fiscale correnti e stimati per i prossimi anni; prezzo di acquisto dei titoli. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, queste valutazioni non sono appannaggio degli esperti del settore, ma sono alla portata di chiunque possieda del buon senso e un po' di logica. Prendiamo il primo parametro (prospettive di crescita degli utili): gli esempi classici utilizzati da Buffett per evidenziare questo concetto sono due ben note società americane: Coca-Cola Company e Gillette Company (delle quali, non a caso, la Berkshire detiene un cospicuo numero di azioni). Entrambe detengono quote del mercato di riferimento che si aggirano intorno al 50% (rispettivamente, mercato mondiale delle bibite e delle lame da barba). 24

25 Inoltre, sono società in continua espansione che hanno dimostrato di saper conquistare sempre nuove fette di mercato grazie al proprio nome e/o al marchio, alla qualità eccellente dei propri prodotti e all'efficienza della catena distributiva. C'è di più: sia il mercato delle bibite che quello delle lamette da barba sono al riparo dalle turbolenze che ciclicamente interessano i vari comparti economici: sia in tempi di benessere che in tempi di crisi, dice Buffett, la gente continua a bere e a farsi la barba, cosicché chi decide di acquistare le azioni di queste aziende può ragionevolmente attendersi una crescita del valore del proprio investimento basandosi sulla ragionevole previsione che le vendite e gli utili di queste società cresceranno in modo costante nel tempo Valutare l'operato del management Dopo aver individuato le società che sono in grado di garantire una crescita futura costante degli utili, entra in gioco un'altra regola secondo la quale ogni dollaro di utile non pagato agli azionisti sotto forma di dividendo, e quindi trattenuto dall'azienda 25

26 per effettuare degli investimenti, deve produrre un dollaro di capitalizzazione di borsa. In termini più semplici: gli utili trattenuti dall'azienda devono essere utilizzati in modo proficuo per gli azionisti, ossia devono essere impiegati per effettuare degli investimenti che aumentino la competitività dell'azienda e quindi il suo valore intrinseco e quello del titolo. Tale aumento di valore viene riconosciuto dal mercato attraverso il relativo incremento del prezzo dei titoli di quella società, generando così per gli azionisti un guadagno uguale o superiore a quello che avrebbero percepito se tutti gli utili fossero stati distribuiti. Questa regola è particolarmente importante se si pensa che, generalmente, la pay-out ratio, ossia la percentuale degli utili netti distribuiti sotto forma di dividendo, non eccede il 50% del totale. Se l'azienda di cui siete azionisti trattenesse la metà della vostra partecipazione agli utili, vorreste avere la certezza che quei soldi 26

27 venissero impiegati per aumentare il valore del vostro investimento? Se la risposta è sì, non è necessario soffermarsi ulteriormente su questo punto. Vediamo ora come è possibile stabilire se gli utili non distribuiti di una società quotata in borsa sono stati investiti in maniera proficua, cioè hanno generato un dollaro di capitalizzazione di borsa per ogni dollaro di utili netti non distribuiti (one dollar for one-dollar premise). Procediamo nel modo seguente: dati alla mano, sottraiamo al totale degli utili netti dell'azienda XY il totale dei dividendi pagati agli azionisti. Otterremo così il totale degli utili netti non distribuiti. Calcolo degli utili netti non distribuiti dell'azienda XY nell'anno 2008 (in milioni di euro) totale utili netti totale dividendi pagati agli azionisti totale utili netti non distribuiti

28 Procediamo nello stesso modo con gli utili netti degli anni precedenti (almeno 5) e infine sommiamo i risultati ottenuti per ogni anno ottenendo così il totale degli utili netti non distribuiti per il periodo considerato. Totale utili netti non distribuiti dell'azienda XY nel periodo (in milioni di euro) totale utili netti non distribuiti Andiamo poi a verificare la differenza della capitalizzazione di borsa (valutazione globale della società che si ottiene moltiplicando la quotazione del titolo per il numero delle azioni in cui è diviso il capitale sociale) della società XY per lo stesso periodo e confrontiamola con il totale degli utili trattenuti: Differenza della capitalizzazione di borsa dell'azienda XY per il periodo (in milioni di euro) capitalizzazione di borsa 2004 capitalizzazione di borsa 2008 differenza

29 Se i nostri soldi sono stati spesi bene, la differenza della capitalizzazione di borsa sarà uguale o superiore al totale degli utili netti non distribuiti: Differenza tra la capitalizzazione di borsa e il totale degli utili netti non distribuiti dell'azienda XY nel periodo (in milioni di euro) diff. capitalizzazione di borsa totale utili netti non distribuiti differenza Nel nostro caso, il management ha operato saggiamente: tenendo conto dell'interesse degli azionisti, ha impiegato gli utili non distribuiti per effettuare degli investimenti che hanno aumentato il valore intrinseco della società e, conseguentemente, il prezzo di mercato delle sue azioni, producendo per gli azionisti un guadagno maggiore di quello che avrebbero ottenuto dalla distribuzione di tutti gli utili sotto forma di dividendi. Appare chiaro che ci troviamo difronte ad una società molto appetibile: buone prospettive di crescita e capacità di aumentare la capitalizzazione di borsa reimpiegando proficuamente gli utili 29

30 non distribuiti, non si potrebbe chiedere di meglio... o forse sì Prezzo di acquisto dei titoli Dobbiamo ancora parlare del prezzo di acquisto, già perché Warren Buffett non compra se non a prezzi ragionevoli: sceglie a quale prezzo conviene entrare nell'investimento e attende il momento propizio, ossia un ribasso che gli consenta di acquistare le azioni ad un prezzo inferiore rispetto al valore intrinseco del titolo, generalmente tra il 25% e il 30% in meno (vedremo in seguito come fare per determinare questo prezzo). Non si tratta di 'spendere il meno possibile'. Acquistare quando la quotazione del titolo è sensibilmente inferiore al suo valore intrinseco costituisce una sorta di assicurazione contro eventuali errori di valutazione. In parole povere, se la stima fatta da Buffett si rivela sbagliata per eccesso (ossia il valore del titolo è stato sovrastimato), aver acquistato ad un prezzo inferiore lo mette al riparo da perdite eccessive. 30

31 Un esempio? Ammettiamo che vogliate investire i vostri soldi acquistando un titolo X perché, dopo un'attenta valutazione, avete stabilito che il giro di affari della società in questione presenta buone prospettive di crescita. Grazie ad una formula matematica (che vedremo in seguito), avete stimato il suo valore intrinseco: un'azione X vale 50 euro. A questo punto, seguendo il consiglio di Buffett, attendete che la quotazione del titolo arrivi almeno al 25% in meno rispetto alla vostra stima. Poiché il 25% di 50 è 12,5, acquisterete il titolo X quando avrà raggiunto la quotazione di 37,5 euro (o una quotazione inferiore). In questo modo, anche se la vostra stima dovesse rivelarsi errata per eccesso, poniamo del 10%, avrete comunque fatto un affare. Infatti: 50-10% = 45, che tradotto vuol dire che anche se il valore intrinseco reale è di 45 e non di 50, avendolo acquistato a 37,50 ci avrete comunque guadagnato anche se un po' meno rispetto alle previsioni. 31

32 Se poi a causa di crisi economiche e/o finanziarie i listini cadono in picchiata travolgendo tutti i titoli, tanto meglio: potete acquistare le azioni che avete selezionato beneficiando di un'ulteriore sconto. 32

33 RIEPILOGO 1 REGOLA 1: put all your eggs in one basket Warren Buffett non diversifica gli investimenti, ma investe i suoi soldi e quelli degli azionisti della Berkshire in aziende che hanno dimostrato di ottenere ottimi risultati e che operano in settori che conosce e comprende. REGOLA 2: la volatilità dei titoli è un'occasione Quando i prezzi dei titoli precipitano, Buffett fa shopping sul mercato azionario portandosi a casa azioni di qualità a prezzi stracciati; quando si verifica un improvviso rialzo ne approfitta per vendere a caro prezzo quei titoli che non si sono dimostrati all'altezza delle sue aspettative. REGOLA 3: basta il buon senso Il saggio Buffett investe in aziende che dominano una buona fetta del mercato di riferimento, che sono in costante crescita e che producono beni o servizi che sfuggono alla mannaia delle crisi 33

34 economiche (tipo Coca-Cola e Gillette) REGOLA 4: un dollaro di capitalizzazione di borsa per ogni dollaro di utili netti non distribuiti Buffett decide di investire in una società solo se il management ha saputo reinvestire gli utili netti non distribuiti generando un aumento del valore dei titoli maggiore o uguale alla remunerazione che gli azionisti avrebbero ottenuto se tutti gli utili fossero stati distribuiti. REGOLA 5: comprare ottime azioni a prezzi ragionevoli Warren Buffett compra quando il prezzo delle azioni è inferiore al valore intrinseco del titolo di almeno il 25%. Questo margine costituisce un'efficace assicurazione contro il rischio di sopravvalutazione del titolo. 34

35 INDICE PASSO 2 e la sua strategia di investimento Società commodity based e consumer monopoly Abbiamo visto che Buffett analizza attentamente l'andamento e le prospettive future dei titoli allo scopo di identificare il migliore investimento possibile. Per comprendere il suo metodo di scelta delle azioni, partiamo da una distinzione fondamentale delle aziende quotate in due grandi gruppi: le aziende di prodotti massificati, le cosiddette commodity-based firms e le consumer monopoly, cioè quelle aziende che producono e vendono dei prodotti per i quali non esiste una vera concorrenza, poiché sono identificati da un marchio registrato (vedi Coca-Cola) o da qualsiasi altra caratteristica 35

36 per cui il mercato li percepisce come unici e non replicabili. Warren Buffett non compra mai azioni di aziende che producono prodotti massificati, in quanto il mercato di questi prodotti è molto competitivo ed è condizionato dall'idea di produrre al minor costo possibile. Le aziende la cui produzione è rivolta al mercato dei prodotti massificati impiegano tutte le proprie risorse finanziarie per migliorare la produzione (produrre di più ad un costo più basso) investendo poco o niente nell'innovazione del prodotto. Il risultato di questa politica è che i profitti di queste aziende sono bassi in quanto i loro prodotti vengono assorbiti dal mercato in misura proporzionale al prezzo (minore è il prezzo, maggiore è la richiesta) e non alla qualità del prodotto stesso, poiché questo non si differenzia in modo sostanziale da quello delle aziende concorrenti. Da quanto detto, risulta evidente che questo tipo di aziende, essendo fortemente esposte alla concorrenza, non possono 36

37 garantire una crescita degli utili costante nel tempo e quindi non costituiscono un buon investimento. Per identificare le società commodity based si può fare riferimento alla tipologia dei prodotti: sono aziende di prodotti massificati quelle che operano sul mercato automobilistico, quelle che producono materie prime per l'alimentazione (cereali), quelle che lavorano il legno, ecc.. Tuttavia, non è sempre così semplice distinguere una azienda commodity-based da una consumer monopoly. Per non sbagliare, Buffett si affida ad una serie indicatori: basso margine di utili (ricavi netti / ricavi) basso rendimento del capitale netto (ricavi netti / capitale netto) fidelizzazione scarsa o assente alto numero di aziende concorrenti il settore nel complesso produce più di quanto il mercato possa assorbire i profitti sono irregolari. 37

38 2.2 - Caratteristiche delle Consumer Monopoly L'interesse di Buffett si concentra su quelle aziende che producono prodotti o servizi che difficilmente possono essere copiati poiché sono 'protetti' da un'alta fidelizzazione del marchio e/o operano in una sorta di monopolio grazie allo sfruttamento di un brevetto. Queste società hanno il vantaggio di poter imporre al mercato il proprio prezzo e di adeguarlo all'aumento dell'inflazione perché non esiste una vera concorrenza, di conseguenza, i loro utili sono in costante aumento. Secondo Buffett, il valore di questi 'monopoli' è dato dalle loro 'caratteristiche non tangibili' come appunto la fidelizzazione della marca e la copertura offerta da licenze e brevetti. Le aziende che operano in una situazione di 'monopolio di fatto' (in quanto non si tratta di veri e propri monopoli, cioè di aziende che hanno ottenuto dallo Stato la concessione per produrre e commercializzare in esclusiva un particolare bene o servizio) non devono preoccuparsi della concorrenza, che è marginale o 38

39 completamente assente, e quindi non necessitano di grandi investimenti per aumentare la produttività (nuovi impianti, fabbricati, ecc.). Inoltre, i prodotti o servizi offerti sono di bassa tecnologia e non richiedono pertanto processi produttivi complicati e dispendiosi. Questi fattori determinano notevoli flussi di capitale in entrata e assenza o contenimento dei debiti. Esempi classici di società che operano in situazione di monopolio sono: Coca-Cola, che oltre a poter contare sulla forza del marchio e su una formidabile rete di distribuzione (supermercati, ristoranti, fast food, distributori automatici), commercializza un prodotto di consumo, che quindi viene acquistato frequentemente; McDonald's che come Coca-Cola è presente e conosciuto in tutto il mondo; aziende farmaceutiche che possiedono il brevetto di 39

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

Come guadagnare con gli investimenti immobiliari

Come guadagnare con gli investimenti immobiliari 1 di 8 23/04/2008 13.19 Come guadagnare con gli investimenti immobiliari Se ti sei lasciato sfuggire i sostanziosi profitti degli investimenti immobiliari degli anni scorsi, stavolta hai l'occasione per

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Titolo LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Autore Dove Investire Siti internet www.doveinvestire.com Servizi necessari: ADVFN dati in tempo reale gratuiti e indicatori ATTENZIONE: tutti i

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave.

UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave. UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave. UniCredit Green è la nuova gestione di portafogli dedicata ai Clienti del Private Banking di UniCredit. Noi crediamo che Green sia una gestione

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

SpeedWealth T.Harv Eker

SpeedWealth T.Harv Eker Appunti del libro: SpeedWealth T.Harv Eker Solo il succo dei bestseller del marketing mondiale in Italiano Francesco Diolosà Luca Datteo www.alchimiadigitale.com Principio: La saggezza popolare non funziona,

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video :

[NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video : [NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video : "Come essere pagato per generare contatti " Bene, oggi parliamo di soldi, e come farne di più, a partire proprio da ora, nel tuo business. Quindi,

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006 PURICELLI S.p.A. Al termine di una lunga discussione con i suoi principali collaboratori, il dr. Rossini -amministratore unico della PURICELLI S.p.A. - aveva deciso di acquistare nuovi macchinari e di

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Maurizio Del Corso. Internet CASH. I Segreti per guadagnare veramente dalla rete

Maurizio Del Corso. Internet CASH. I Segreti per guadagnare veramente dalla rete Maurizio Del Corso Internet CASH I Segreti per guadagnare veramente dalla rete 1 Titolo Internet CASH Autore Maurizio Del Corso Editore Top Ebook Sito internet http://www.top-ebook.it ATTENZIONE: questo

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC)

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Prontuario Intervista per l Investitore 2 Titolo Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

by MariaRomagnoli & Mauro Iacoangeli

by MariaRomagnoli & Mauro Iacoangeli 1 by MariaRomagnoli & Mauro Iacoangeli Cosa vogliono prima di tutto le persone in Europa Più SOLDI Più SCELTE Più TEMPO Nessuna PREOCCUPAZIONE Meno STRESS Migliore EQUILIBRIO LAVORO/VITA 2 Per la tua situazione

Dettagli

Investitore Immobiliare GLOSSARIO

Investitore Immobiliare GLOSSARIO InvestitoreInves Immobiliare InvImm App per iphone, Ipad, Mac Investitore Immobiliare http://bit.ly/invimm Tratta gli immobili da Professionista! GLOSSARIO ACCONTO: E' il capitale proprio iniziale da sborsare

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Giacomo Saver. Polizze Vita: Come Uscire VIVI dalla Morsa Stritola Soldi

Giacomo Saver. Polizze Vita: Come Uscire VIVI dalla Morsa Stritola Soldi Giacomo Saver Polizze Vita: Come Uscire VIVI dalla Morsa Stritola Soldi Perché Ci Sono Cascato/a? Questa guida nasce con un obiettivo preciso. Quello di aiutarti ad uscire da una polizza vita che hai sottoscritto

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

PENSARE (ED INVESTIRE) COME WARREN BUFFETT

PENSARE (ED INVESTIRE) COME WARREN BUFFETT Stefano Calicchio PENSARE (ED INVESTIRE) COME WARREN BUFFETT Il manuale che ti svela la forma mentis e le strategie di pensiero del più grande investitore di tutti i tempi. www.hedgefundonline.it 1 Tutti

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO.

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO Docente: Roberto M. Brioli Collaboratore: dott. Mirko Bisulli Alcune considerazioni sul finanziamento del progetto Cosa vi ricordate di quello che abbiamo

Dettagli

Metodo di gioco VINCENTE e GARANTITO. Non lasci possibilità per il bookmaker. Annienti le probabilità di perdere. Riduci il rischio del 100%

Metodo di gioco VINCENTE e GARANTITO. Non lasci possibilità per il bookmaker. Annienti le probabilità di perdere. Riduci il rischio del 100% Metodo di gioco VINCENTE e GARANTITO Non lasci possibilità per il bookmaker Annienti le probabilità di perdere Riduci il rischio del 100% da Zero a 50.000 Euro in meno di un anno Investimento a partire

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE!

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Report collegato a: FARE SOLDI ONLINE CON GOOGLE Il programma per inserire annunci pubblicitari su Google - Mini Ebook Gratuito - INVIALO GRATIS A TUTTI I TUOI

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Strategie di gestione di una asset class azionaria

Strategie di gestione di una asset class azionaria Strategie di gestione di una asset class azionaria Premessa: Il mercato azionario rappresenta la risorsa di investimento potenzialmente più remunerativa almeno tanto quanto la sua potenziale capacità di

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione 74 ESERCIZIO 6 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione di GIULIANO PAGANIN L attività aziendale può essere sostenuta attraverso le fonti, generatrici di

Dettagli

Sommario. Parte I Pensare da ricchi 2. Introduzione xi Ringraziamenti 1

Sommario. Parte I Pensare da ricchi 2. Introduzione xi Ringraziamenti 1 Sommario Introduzione xi Ringraziamenti 1 Parte I Pensare da ricchi 2 1 Chiunque può diventare ricco: basta impegnarsi 4 2 Stabilisci che cos è per te la ricchezza 6 3 Definisci i tuoi obiettivi 8 4 Non

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

MAKS De Luca Salvatore Forcina Andrea Saraniero Kevin Di Micco Maria. Crilaspalo Sparagna Riccardo Lombardi Antonio Lazzarotti Yari Cristiani Sara

MAKS De Luca Salvatore Forcina Andrea Saraniero Kevin Di Micco Maria. Crilaspalo Sparagna Riccardo Lombardi Antonio Lazzarotti Yari Cristiani Sara CONOSCERE LA BORSA COS È CONOSCERE LA BORSA? È un entusiasmante competizione internazionale nata dall idea di offrire ai giovani un approccio al funzionamento della borsa e al mondo finanziario. L iniziativa

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Giacomo Saver. Obbligazioni: Come Funzionano e Quali Vantaggi Ti Offrono

Giacomo Saver. Obbligazioni: Come Funzionano e Quali Vantaggi Ti Offrono Giacomo Saver Obbligazioni: Come Funzionano e Quali Vantaggi Ti Offrono Le ho ma non le ho Mica Capite! Non sei il solo (o la sola) ad aver acquistato delle obbligazioni in passato. Molti italiani le hanno

Dettagli

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Il calcolo della tariffa della manodopera di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Introduzione In ogni organizzazione aziendale vi è la necessità di verificare i risultati aziendali e di risalire

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore?

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore? L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L approccio del valore l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

SEGNALI COMMERCIALI PER LA RICCHEZZA

SEGNALI COMMERCIALI PER LA RICCHEZZA SEGNALI COMMERCIALI PER LA RICCHEZZA Autore : J. Larsen Se farete lo sforzo di annotare le vostre operazioni sugli indici o sulle azioni nei 12 mesi a venire, sia che operiate realmente sia che lo facciate

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM 12 SUGGERIMENTI PER AVERE SUCCESSO COL MARKETING MULTI LIVELLO 1 PARTE I IL NETWORK MARKETING MLM Una domanda che ci viene rivolta spesso è: Come si possono creare

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE AL TRADING

SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE AL TRADING SOMMARIO Parte prima INTRODUZIONE AL TRADING 1. LA SCOPERTA DEL TRADING Lo scopo di questo libro...13 Nuovi mondi e nuovi orizzonti...15 Tecniche di trading a breve termine...18 Tipi di trading...19 Perché

Dettagli

REX CERTIFICATE SG. Investire in azioni con un airbag di protezione

REX CERTIFICATE SG. Investire in azioni con un airbag di protezione REX CERTIFICATE REX CERTIFICATE SG Investire in azioni con un airbag di protezione I Rex consentono di acquistare un azione con uno sconto. A fronte di tale vantaggio, l investitore rinuncia a partecipare

Dettagli

PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI. In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti.

PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI. In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti. PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti. In modo rapido ma efficace saranno esaminati gli aspetti

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma di

i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma di J.AThePowerOfSponsorship'' Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare Network Marketing ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

Rendite da 32.400 al mese!

Rendite da 32.400 al mese! Giacomo Bruno Rendite da 32.400 al mese! NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare il testo, nè l'autore. Mandalo gratis ai tuoi amici. Puoi modificare

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli