I SEGRETI DI WARREN BUFFETT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SEGRETI DI WARREN BUFFETT"

Transcript

1 I SEGRETI DI WARREN BUFFETT Scopri come Warren Buffett è diventato l'uomo più ricco del mondo investendo in borsa 1

2 TITOLO I SEGRETI DI WARREN BUFFETT Scopri come Warren Buffett è diventato l'uomo più ricco del mondo investendo in borsa A CURA DI Brancozzi & Partners Consulting srl SITO WEB 2

3 BRANCOZZI & PARTNERS CONSULTING Ti ringraziamo per aver scelto il nostro ebook! Scegliendo il nostro ebook hai fatto un salto avanti nella tua formazione personale: i nostri ebook sono revisionati e pubblicati da professionisti di marketing e gestione aziendale, non da scrittori improvvisati Noi dello studio di Consulenza di direzione aziendale e marketing evolutivo, Studio Brancozzi (società Brancozzi & Partners Consulting srl), che pubblichiamo personalmente i nostri ebook, abbiamo infatti come attività principale l aiuto e la consulenza verso le piccole, medie e grandi aziende italiane, con oltre 20 anni di esperienza alle spalle in ambito di gestione aziendale. Nel nostro sito raccogliamo la nostra esperienza e la professionalità dei nostri consulenti, che fanno capo al nostro team leader, l imprenditore-consulente aziendale Simone Brancozzi ( clicca qui per il suo curriculum), e le mettiamo al servizio delle aziende e degli imprenditori italiani con questo obiettivo finale: FAR PASSARE ALL IMPRENDITORE IL SABATO E LE DOMENICA TRANQUILLO, LONTANO DAI PROBLEMI AZIENDALI! 3

4 Ti sei mai chiesto quanto produce al giorno la tua Azienda? Vorresti avere il controllo completo della tua Azienda? Ti piacerebbe essere affiancato da una persona di fiducia che sa consigliarti per il bene unico della tua Azienda? Vorresti sapere cosa è giusto fare tua Azienda senza avere il timore di sbagliare? per la Sogni di avere più tempo libero e passare il fine settimana in relax, con la certezza che la tua Azienda avrà un futuro sereno? 4

5 Per te abbiamo realizzato i servizi: CRUSCOTTO DI CONTROLLO Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli e TUTORAGGIO AZIENDALE Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli 5

6 Ti piacerebbe avere costantemente nuovi contatti di vendita? Ti piacerebbe fidelizzare con semplicità i tuoi clienti già acquisiti? Vorresti mettere la tua Azienda 20 anni avanti ai tuoi concorrenti? Vorresti tagliare totalmente i costi pubblicitari che stai sostenendo, rimanendo visibile sui nuovi canali del mercato? Sogni di avere il controllo completo della tua attività di marketing, sapendo con certezza chi ti ha cercato e per quanto tempo è stato a leggere informazioni sulla tua Azienda? 6

7 Per te abbiamo realizzato i servizi: TROVA CLIENTI Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli e SOCIAL NETWORK IMPRESA FACIL E Clicca sull immagine seguente per leggere tutti i dettagli 7

8 Oltre a questi servizi il nostro studio di Consulenza e Marketing Aziendale ha al suo attivo una gamma completa di servizi personalizzati per l Azienda, con possibilità di effettuare corsi di formazione per il personale, il team vendite, l imprenditore di realizzare Piani Industriali, Diagnosi Aziendali e tanto altro ancora che puoi vedere sul nostro sito: w ww.controlloaziendale.it Oppure puoi chiederci informazioni ai nostri recapiti: Studio Brancozzi: Numero verde: Simone Brancozzi: E mail: Ci trovi al seguente indirizzo: Via campiglione 20, Fermo (FM) 8

9 ATTENZIONE DISCLAIMER: Il documento deve essere inteso come fonte d'informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un'offerta o una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di prodotti finanziari. Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti nell'e-book è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti come strumenti di informazione, analisi e supporto alle decisioni. Inoltre, si tiene a precisare che i rendimenti passati non sono garanzia di uguali rendimenti in futuro. Inoltre, tutti i nomi di prodotti o aziende citati nel testo sono marchi registrati appartenenti alle rispettive società, e sono usati a scopo illustrativo e a beneficio delle relative società. 9

10 SOMMARIO PASSO 1. W. B.: la sua filosofia di investimento... PASSO e la sua strategia di investimento PASSO 3. Investire conoscendo il ROE PASSO 4. Valore intrinseco di un titolo PASSO 5. Distribuzione dei dividendi PASSO 6. Crescita degli utili per azione e aumenti gratuiti PASSO 7. Riacquisto di azioni proprie PASSO 8. Come trattare con Mr. Market PASSO 9. Perché W. B. non ama gli alti volumi di scambio Conclusione Aforismi Bibliografia 10

11 Introduzione Secondo la rivista americana Forbes, Warren Buffett è attualmente (2008) l'uomo più ricco al mondo, con un patrimonio stimato intorno ai 62 miliardi di dollari. Non male, vero? Buffett è anche l'azionista di maggioranza, nonché amministratore delegato, della Berkshire Hathaway, un'azienda tessile che acquistò nel 1965 pagandola poco meno di 15 dollari per azione. Con questa acquisizione, Buffett diede inizio alla propria partecipazione azionaria nelle principali società americane, citiamo, tra le più note, Coca-Cola Company e American Express. Grazie a questi investimenti, Buffett ha trasformato una piccola azienda tessile in una delle holding (cioè una società finanziaria che possiede la maggioranza delle azioni, e quindi il controllo, di diverse imprese) più grandi del mondo, con un fatturato complessivo di circa 100 miliardi di dollari e un valore di mercato di 40 miliardi di dollari. 11

12 Pensate che per diventare azionisti della Berkshire dovreste essere in grado di spendere dollari. Infatti questa è la cifra da sborsare se si vuole entrare in possesso di una azione di 'tipo A' della holding di Buffett. Può sembrare curioso, ma Buffett, ovvero uno tra i più formidabili investitori di tutti i tempi, una leggenda vivente nell'ambiente della finanza internazionale, si tiene a debita distanza da Wall Street (vive a Omaha, Nebraska, nella stessa casa che acquistò agli inizi della carriera) e dai suoi indici ballerini. Warren Buffett, infatti, non è un giocatore di borsa, uno yuppie stile Michael Douglas nel film 'Wall Street' (appunto), ma deve la sua fortuna alla propria abilità di investitore, che è cosa completamente diversa dallo speculatore o, per dirla con un termine molto in voga, dal trader. La strategia dell'investitore Buffett è basata essenzialmente sull'acquisto di azioni (o, come nel suo caso, del pacchetto di maggioranza, se non addirittura dell'intera azienda) di alcune selezionatissime società. 12

13 Poiché Warren Buffett è un investitore razionale, le azioni che acquista sono destinate a rimanere nel portafoglio della sua società per un lungo periodo (a volte per tutta la vita, vedi, ad esempio, le azioni Coca-Cola). In altre parole, Buffett acquista le azioni per mantenerle nel portafoglio il più a lungo possibile, ovvero fino a quando permangono le condizioni che lo hanno indotto all'acquisto. Partendo da questo presupposto, seleziona accuratamente le aziende più solide seguendo pochi criteri (che vedremo in seguito) e vi investe il proprio denaro (e quello degli azionisti della Berkshire) ottenendo dei rendimenti fantascientifici: date un po' un'occhiata al portafoglio della Berkshire Hathaway al 31/12/

14 Portafoglio della Berkshire Hathaway al 31/12/2001 (in milioni di $) Fonte: Società Azioni Prezzo di acquisto Prezzo di mercato al 31/12/2001 American Express Coca-Cola Co Gillette Co H&R Block, Inc M&T Bank Moody's Corp Washington Post Co Wells Fargo & Co Altre Se guardiamo alla cifra totale del capitale investito per acquisire i vari pacchetti azionari e la confrontiamo con il valore di mercato delle quote detenute al 31 dicembre 2001, vediamo che il valore totale delle azioni è passato da milioni di dollari a milioni di dollari, ossia, è più che triplicato. Ho attirato la vostra attenzione? Bene. Allora continuate a leggere e scoprirete come investire i vostri soldi seguendo l'esempio di un uomo che è diventato 14

15 plurimilionario investendo in Borsa: Warren Edward Buffett, anche detto l'oracolo di Omaha. 15

16 INDICE PASSO 1 W.B e la sua filosofia di investimento Investimento razionale e diversificazione La parola d'ordine degli investitori non professionali, ossia dei comuni mortali che investono i propri risparmi in Borsa, è 'diversificare gli investimenti', ossia acquistare e tenere nel proprio portafoglio titoli di diverse società in modo da poter compensare le perdite di alcune di esse con i guadagni ottenuti dalle altre. Questo approccio è ben sintetizzato dall'espressione anglosassone don't put all your eggs in one basket (non mettere tutte le uova in un solo paniere). Si tratta di una corrente di pensiero piuttosto diffusa e che può anche produrre dei buoni risultati, ma la diversificazione degli investimenti è una strategia che Warren Buffett non ha mai 16

17 seguito. La sua storia di investitore di successo e le sue parole al riguardo sono molto chiare: Buffett investe i suoi soldi e quelli degli azionisti della Berkshire in settori che conosce e comprende e in aziende che hanno dimostrato di ottenere degli ottimi risultati. Per Buffett, quindi, la migliore assicurazione contro la volatilità del mercato borsistico (la tendenza dei titoli a subire bruschi rialzi e altrettanto bruschi ribassi) è data, non dalla diversificazione degli investimenti, bensì dalla scelta di investire nei titoli di poche aziende solide selezionate in base ad analisi indipendenti dall'andamento dei mercati Diversificazione 'industriale' Questa convinzione scaturisce dall'osservazione degli scarsi risultati ottenuti da quelle aziende che durante gli anni '80 e '90 hanno abbracciato la strategia della diversificazione: molte aziende americane, in seguito imitate dalle aziende della vecchia Europa, si sono trasformate in società conglomerate (conglomerates), ossia in holding finanziarie alle quali facevano 17

18 capo diverse società operanti in molti e diversi settori industriali. Una conglomerata è composta da aziende che operano in settori anche molto diversi tra loro: assicurazioni, industria manifatturiera, ristorazione, ecc.. La filosofia che ha ispirato questo tipo di operazioni è la stessa su cui si basa l'investimento diversificato: ridurre le perdite delle aziende operanti in un certo settore (poniamo, il tessile e abbigliamento), grazie ai guadagni ottenuti da quelle operanti in altri settori (ad esempio, nel comparto petrolifero). Sfortunatamente, ma anche prevedibilmente secondo Buffett, questi esperimenti di 'genetica finanziaria' invece di produrre delle 'supersocietà', hanno generato autentici mostri con tante teste ma senza un 'cuore'. Il cuore di una società è l'attività principale dell'azienda, il suo core business, cioè ciò che l'azienda sapeva fare bene prima di gettarsi a capofitto in settori dei quali non conosce pressoché nulla. 18

19 Questa ignoranza dei settori e dei meccanismi che li regolano ha portato le società conglomerate a registrare forti perdite nell'attività di quelle aziende che, in teoria, erano state acquisite per tamponare le perdite dell'impresa principale che alla fine, essendo l'unica in attivo, ha finito per essere sacrificata per tappare i 'buchi' prodotti da tutte le altre. Quale lezione ha ricavato Warren Buffett da questa esperienza? La diversificazione degli investimenti non funziona né nel campo industriale né in quello finanziario: non è possibile che lo stesso management sia capace di gestire una catena di ristoranti, un'azienda che produce cosmetici e una che si occupa di editoria, così come l'investitore medio non ha le conoscenze sufficienti per investire con cognizione di causa in modo diversificato i propri risparmi. Per farlo, infatti, dovrebbe conoscere perfettamente tutte le dinamiche dei diversi comparti del listino azionario, cosa che non si verifica praticamente mai. 19

20 Lo stesso Buffett, che investe da tutta la vita e che è considerato un investitore leggendario, evita accuratamente i titoli di società che operano in mercati che non comprende. La diversificazione, quindi, sostiene Warren Buffett, invece di ridurre il rischio di perdite, aumenta in modo esponenziale la possibilità di investire i propri soldi in titoli 'spazzatura' Remuneratività dell'investimento Inoltre, secondo Buffett, la supposta garanzia contro la volatilità del mercato azionario offerta dall'investimento differenziato, sarebbe una garanzia inutile. Per Buffett, infatti, la volatilità non è un problema ma un'occasione: quando prezzi dei titoli precipitano, invece di vendere, lui acquista le azioni che vuole a prezzi stracciati; quando invece si verifica un improvviso rialzo, ne approfitta per 'fare cassa' vendendo a caro prezzo quei titoli che non si sono dimostrati all'altezza delle sue aspettative, ma che gli investitori sprovveduti o gli speculatori a caccia di affari, vogliono comprare 20

21 a tutti i costi. Il rischio per l'investitore non è il deprezzamento dei titoli che ha nel suo portafoglio, ma l'insufficiente remuneratività del suo investimento, ossia il fatto che il valore dei proventi derivanti dal suo investimento, al netto del prelievo fiscale e scontato per il rendimento delle obbligazioni a tasso fisso (titoli di stato) sia inferiore rispetto a quanto aveva pagato per acquistare le azioni. In altre parole: quando acquisto un titolo, il mio investimento sarà stato 'azzeccato' se la remunerazione prodotta dal titolo eccede il totale delle imposte più la remunerazione che avrei ottenuto se avessi impiegato la stessa somma per comprare dei titoli di stato a tasso fisso... troppo complicato? Esemplifichiamo con i numeri: Rendimento netto di due titoli azionari scontato per il rendimento investimento alternativo in titoli di stato a tasso fisso di un titolo prezzo di acquisto rendimento lordo imposte 25% rendimento titoli di stato guadagno/ perdita A ,75 2,50-0,25 B 10 3,80 0,95 2,50 + 0,35 21

22 Adesso dovrebbe essere evidente: se guardassimo soltanto alle prime due colonne (prezzo di acquisto e rendimento lordo) vedremmo che la performance del titolo B è stata di poco superiore rispetto a quella del titolo A (per 80 centesimi di euro). Se poi paragonassimo il rendimento di entrambi rispetto a quello dei titoli di stato, vedremmo che sia il titolo A che il titolo B hanno prodotto un valore maggiore rispetto all'obbligazione (50 centesimi per A e 130 centesimi per B). La musica cambia quando andiamo a detrarre le imposte, in percentuale: 0,75 centesimi per il titolo A e 0,95 per il titolo B. Una volta sottratto l'ammontare del prelievo fiscale, infatti, vediamo che soltanto il titolo B ha guadagnato (+0,35 centesimi), mentre il titolo A è in perdita (-0,25 centesimi) anche se a prima vista sembrerebbe aver prodotto un rendimento del 30%. In sintesi, Buffett valuta le azioni come se fossero delle obbligazioni a tasso variabile: il capitale investito deve essere garantito, ossia il valore del titolo non deve scendere al disotto di 22

23 una soglia minima rappresentata dal prezzo pagato per acquistarlo e deve inoltre offrire delle buone prospettive di guadagno, ossia deve essere potenzialmente in grado di produrre un rendimento netto superiore rispetto a quello che si otterrebbe investendo la stessa somma in obbligazioni a tasso fisso Scegliere i titoli su cui investire A questo punto, potreste domandarvi come si faccia a prevedere che l'andamento del prezzo di un determinato titolo sarà in grado di assicurare una remunerazione che ecceda la somma delle imposte e del rendimento delle obbligazioni a tasso fisso, producendo così un reale guadagno per il suo possessore. Anche in questo caso, le idee di Warren Buffett sono molto chiare: bisogna prendere in esame alcuni parametri da cui si può ragionevolmente dedurre la buona performance futura dell'azienda di cui si intendono acquistare le azioni: prospettive di crescita degli utili nel medio e lungo termine; prospettive di lungo termine del mercato di riferimento; competenza del management, intesa come capacità di 23

24 impiegare le risorse finanziare per produrre ricchezza sfruttando le potenzialità dell'azienda e del mercato in cui opera; management shareholder oriented, ossia che privilegi gli interessi degli azionisti rispetto al proprio tornaconto; livelli di inflazione e imposizione fiscale correnti e stimati per i prossimi anni; prezzo di acquisto dei titoli. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, queste valutazioni non sono appannaggio degli esperti del settore, ma sono alla portata di chiunque possieda del buon senso e un po' di logica. Prendiamo il primo parametro (prospettive di crescita degli utili): gli esempi classici utilizzati da Buffett per evidenziare questo concetto sono due ben note società americane: Coca-Cola Company e Gillette Company (delle quali, non a caso, la Berkshire detiene un cospicuo numero di azioni). Entrambe detengono quote del mercato di riferimento che si aggirano intorno al 50% (rispettivamente, mercato mondiale delle bibite e delle lame da barba). 24

25 Inoltre, sono società in continua espansione che hanno dimostrato di saper conquistare sempre nuove fette di mercato grazie al proprio nome e/o al marchio, alla qualità eccellente dei propri prodotti e all'efficienza della catena distributiva. C'è di più: sia il mercato delle bibite che quello delle lamette da barba sono al riparo dalle turbolenze che ciclicamente interessano i vari comparti economici: sia in tempi di benessere che in tempi di crisi, dice Buffett, la gente continua a bere e a farsi la barba, cosicché chi decide di acquistare le azioni di queste aziende può ragionevolmente attendersi una crescita del valore del proprio investimento basandosi sulla ragionevole previsione che le vendite e gli utili di queste società cresceranno in modo costante nel tempo Valutare l'operato del management Dopo aver individuato le società che sono in grado di garantire una crescita futura costante degli utili, entra in gioco un'altra regola secondo la quale ogni dollaro di utile non pagato agli azionisti sotto forma di dividendo, e quindi trattenuto dall'azienda 25

26 per effettuare degli investimenti, deve produrre un dollaro di capitalizzazione di borsa. In termini più semplici: gli utili trattenuti dall'azienda devono essere utilizzati in modo proficuo per gli azionisti, ossia devono essere impiegati per effettuare degli investimenti che aumentino la competitività dell'azienda e quindi il suo valore intrinseco e quello del titolo. Tale aumento di valore viene riconosciuto dal mercato attraverso il relativo incremento del prezzo dei titoli di quella società, generando così per gli azionisti un guadagno uguale o superiore a quello che avrebbero percepito se tutti gli utili fossero stati distribuiti. Questa regola è particolarmente importante se si pensa che, generalmente, la pay-out ratio, ossia la percentuale degli utili netti distribuiti sotto forma di dividendo, non eccede il 50% del totale. Se l'azienda di cui siete azionisti trattenesse la metà della vostra partecipazione agli utili, vorreste avere la certezza che quei soldi 26

27 venissero impiegati per aumentare il valore del vostro investimento? Se la risposta è sì, non è necessario soffermarsi ulteriormente su questo punto. Vediamo ora come è possibile stabilire se gli utili non distribuiti di una società quotata in borsa sono stati investiti in maniera proficua, cioè hanno generato un dollaro di capitalizzazione di borsa per ogni dollaro di utili netti non distribuiti (one dollar for one-dollar premise). Procediamo nel modo seguente: dati alla mano, sottraiamo al totale degli utili netti dell'azienda XY il totale dei dividendi pagati agli azionisti. Otterremo così il totale degli utili netti non distribuiti. Calcolo degli utili netti non distribuiti dell'azienda XY nell'anno 2008 (in milioni di euro) totale utili netti totale dividendi pagati agli azionisti totale utili netti non distribuiti

28 Procediamo nello stesso modo con gli utili netti degli anni precedenti (almeno 5) e infine sommiamo i risultati ottenuti per ogni anno ottenendo così il totale degli utili netti non distribuiti per il periodo considerato. Totale utili netti non distribuiti dell'azienda XY nel periodo (in milioni di euro) totale utili netti non distribuiti Andiamo poi a verificare la differenza della capitalizzazione di borsa (valutazione globale della società che si ottiene moltiplicando la quotazione del titolo per il numero delle azioni in cui è diviso il capitale sociale) della società XY per lo stesso periodo e confrontiamola con il totale degli utili trattenuti: Differenza della capitalizzazione di borsa dell'azienda XY per il periodo (in milioni di euro) capitalizzazione di borsa 2004 capitalizzazione di borsa 2008 differenza

29 Se i nostri soldi sono stati spesi bene, la differenza della capitalizzazione di borsa sarà uguale o superiore al totale degli utili netti non distribuiti: Differenza tra la capitalizzazione di borsa e il totale degli utili netti non distribuiti dell'azienda XY nel periodo (in milioni di euro) diff. capitalizzazione di borsa totale utili netti non distribuiti differenza Nel nostro caso, il management ha operato saggiamente: tenendo conto dell'interesse degli azionisti, ha impiegato gli utili non distribuiti per effettuare degli investimenti che hanno aumentato il valore intrinseco della società e, conseguentemente, il prezzo di mercato delle sue azioni, producendo per gli azionisti un guadagno maggiore di quello che avrebbero ottenuto dalla distribuzione di tutti gli utili sotto forma di dividendi. Appare chiaro che ci troviamo difronte ad una società molto appetibile: buone prospettive di crescita e capacità di aumentare la capitalizzazione di borsa reimpiegando proficuamente gli utili 29

30 non distribuiti, non si potrebbe chiedere di meglio... o forse sì Prezzo di acquisto dei titoli Dobbiamo ancora parlare del prezzo di acquisto, già perché Warren Buffett non compra se non a prezzi ragionevoli: sceglie a quale prezzo conviene entrare nell'investimento e attende il momento propizio, ossia un ribasso che gli consenta di acquistare le azioni ad un prezzo inferiore rispetto al valore intrinseco del titolo, generalmente tra il 25% e il 30% in meno (vedremo in seguito come fare per determinare questo prezzo). Non si tratta di 'spendere il meno possibile'. Acquistare quando la quotazione del titolo è sensibilmente inferiore al suo valore intrinseco costituisce una sorta di assicurazione contro eventuali errori di valutazione. In parole povere, se la stima fatta da Buffett si rivela sbagliata per eccesso (ossia il valore del titolo è stato sovrastimato), aver acquistato ad un prezzo inferiore lo mette al riparo da perdite eccessive. 30

31 Un esempio? Ammettiamo che vogliate investire i vostri soldi acquistando un titolo X perché, dopo un'attenta valutazione, avete stabilito che il giro di affari della società in questione presenta buone prospettive di crescita. Grazie ad una formula matematica (che vedremo in seguito), avete stimato il suo valore intrinseco: un'azione X vale 50 euro. A questo punto, seguendo il consiglio di Buffett, attendete che la quotazione del titolo arrivi almeno al 25% in meno rispetto alla vostra stima. Poiché il 25% di 50 è 12,5, acquisterete il titolo X quando avrà raggiunto la quotazione di 37,5 euro (o una quotazione inferiore). In questo modo, anche se la vostra stima dovesse rivelarsi errata per eccesso, poniamo del 10%, avrete comunque fatto un affare. Infatti: 50-10% = 45, che tradotto vuol dire che anche se il valore intrinseco reale è di 45 e non di 50, avendolo acquistato a 37,50 ci avrete comunque guadagnato anche se un po' meno rispetto alle previsioni. 31

32 Se poi a causa di crisi economiche e/o finanziarie i listini cadono in picchiata travolgendo tutti i titoli, tanto meglio: potete acquistare le azioni che avete selezionato beneficiando di un'ulteriore sconto. 32

33 RIEPILOGO 1 REGOLA 1: put all your eggs in one basket Warren Buffett non diversifica gli investimenti, ma investe i suoi soldi e quelli degli azionisti della Berkshire in aziende che hanno dimostrato di ottenere ottimi risultati e che operano in settori che conosce e comprende. REGOLA 2: la volatilità dei titoli è un'occasione Quando i prezzi dei titoli precipitano, Buffett fa shopping sul mercato azionario portandosi a casa azioni di qualità a prezzi stracciati; quando si verifica un improvviso rialzo ne approfitta per vendere a caro prezzo quei titoli che non si sono dimostrati all'altezza delle sue aspettative. REGOLA 3: basta il buon senso Il saggio Buffett investe in aziende che dominano una buona fetta del mercato di riferimento, che sono in costante crescita e che producono beni o servizi che sfuggono alla mannaia delle crisi 33

34 economiche (tipo Coca-Cola e Gillette) REGOLA 4: un dollaro di capitalizzazione di borsa per ogni dollaro di utili netti non distribuiti Buffett decide di investire in una società solo se il management ha saputo reinvestire gli utili netti non distribuiti generando un aumento del valore dei titoli maggiore o uguale alla remunerazione che gli azionisti avrebbero ottenuto se tutti gli utili fossero stati distribuiti. REGOLA 5: comprare ottime azioni a prezzi ragionevoli Warren Buffett compra quando il prezzo delle azioni è inferiore al valore intrinseco del titolo di almeno il 25%. Questo margine costituisce un'efficace assicurazione contro il rischio di sopravvalutazione del titolo. 34

35 INDICE PASSO 2 e la sua strategia di investimento Società commodity based e consumer monopoly Abbiamo visto che Buffett analizza attentamente l'andamento e le prospettive future dei titoli allo scopo di identificare il migliore investimento possibile. Per comprendere il suo metodo di scelta delle azioni, partiamo da una distinzione fondamentale delle aziende quotate in due grandi gruppi: le aziende di prodotti massificati, le cosiddette commodity-based firms e le consumer monopoly, cioè quelle aziende che producono e vendono dei prodotti per i quali non esiste una vera concorrenza, poiché sono identificati da un marchio registrato (vedi Coca-Cola) o da qualsiasi altra caratteristica 35

36 per cui il mercato li percepisce come unici e non replicabili. Warren Buffett non compra mai azioni di aziende che producono prodotti massificati, in quanto il mercato di questi prodotti è molto competitivo ed è condizionato dall'idea di produrre al minor costo possibile. Le aziende la cui produzione è rivolta al mercato dei prodotti massificati impiegano tutte le proprie risorse finanziarie per migliorare la produzione (produrre di più ad un costo più basso) investendo poco o niente nell'innovazione del prodotto. Il risultato di questa politica è che i profitti di queste aziende sono bassi in quanto i loro prodotti vengono assorbiti dal mercato in misura proporzionale al prezzo (minore è il prezzo, maggiore è la richiesta) e non alla qualità del prodotto stesso, poiché questo non si differenzia in modo sostanziale da quello delle aziende concorrenti. Da quanto detto, risulta evidente che questo tipo di aziende, essendo fortemente esposte alla concorrenza, non possono 36

37 garantire una crescita degli utili costante nel tempo e quindi non costituiscono un buon investimento. Per identificare le società commodity based si può fare riferimento alla tipologia dei prodotti: sono aziende di prodotti massificati quelle che operano sul mercato automobilistico, quelle che producono materie prime per l'alimentazione (cereali), quelle che lavorano il legno, ecc.. Tuttavia, non è sempre così semplice distinguere una azienda commodity-based da una consumer monopoly. Per non sbagliare, Buffett si affida ad una serie indicatori: basso margine di utili (ricavi netti / ricavi) basso rendimento del capitale netto (ricavi netti / capitale netto) fidelizzazione scarsa o assente alto numero di aziende concorrenti il settore nel complesso produce più di quanto il mercato possa assorbire i profitti sono irregolari. 37

38 2.2 - Caratteristiche delle Consumer Monopoly L'interesse di Buffett si concentra su quelle aziende che producono prodotti o servizi che difficilmente possono essere copiati poiché sono 'protetti' da un'alta fidelizzazione del marchio e/o operano in una sorta di monopolio grazie allo sfruttamento di un brevetto. Queste società hanno il vantaggio di poter imporre al mercato il proprio prezzo e di adeguarlo all'aumento dell'inflazione perché non esiste una vera concorrenza, di conseguenza, i loro utili sono in costante aumento. Secondo Buffett, il valore di questi 'monopoli' è dato dalle loro 'caratteristiche non tangibili' come appunto la fidelizzazione della marca e la copertura offerta da licenze e brevetti. Le aziende che operano in una situazione di 'monopolio di fatto' (in quanto non si tratta di veri e propri monopoli, cioè di aziende che hanno ottenuto dallo Stato la concessione per produrre e commercializzare in esclusiva un particolare bene o servizio) non devono preoccuparsi della concorrenza, che è marginale o 38

39 completamente assente, e quindi non necessitano di grandi investimenti per aumentare la produttività (nuovi impianti, fabbricati, ecc.). Inoltre, i prodotti o servizi offerti sono di bassa tecnologia e non richiedono pertanto processi produttivi complicati e dispendiosi. Questi fattori determinano notevoli flussi di capitale in entrata e assenza o contenimento dei debiti. Esempi classici di società che operano in situazione di monopolio sono: Coca-Cola, che oltre a poter contare sulla forza del marchio e su una formidabile rete di distribuzione (supermercati, ristoranti, fast food, distributori automatici), commercializza un prodotto di consumo, che quindi viene acquistato frequentemente; McDonald's che come Coca-Cola è presente e conosciuto in tutto il mondo; aziende farmaceutiche che possiedono il brevetto di 39

INDICE Capitolo1 Capitolo2 Capitolo3 Capitolo4 Capitolo5 Capitolo6 Capitolo7 Capitolo8 Capitolo9 Capitolo10 Capitolo11 Capitolo12 Capitolo13

INDICE Capitolo1 Capitolo2 Capitolo3 Capitolo4 Capitolo5 Capitolo6 Capitolo7 Capitolo8 Capitolo9 Capitolo10 Capitolo11 Capitolo12 Capitolo13 INDICE Introduzione dell autore 4 Glossario 6 Premessa 7 Capitolo1. La regola d oro dell investimento azionario 8 Capitolo2. Il settore in cui l azienda opera è di gran lunga l elemento più importante

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA.

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. MUSICA PER IL PUNTO VENDITA FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. DALL'EUROPA ARRIVA SOUNDREEF. EVOLUTA, CONVENIENTE, TUA. www.soundreef.com Finalmente sei libero di scegliere. Soundreef rivoluziona il settore

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

guida giocare in borsa

guida giocare in borsa guida giocare in borsa Dedicato a chi vuole imparare a giocare in borsa da casa e guadagnare soldi velocemente. Consigli per sfruttare l'andamento dei mercati finanziari investendo tramite internet. Guida

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

HA ANCORA SENSO INVESTIRE IN BORSA GUARDANDO SOLO I FONDAMENTALI?

HA ANCORA SENSO INVESTIRE IN BORSA GUARDANDO SOLO I FONDAMENTALI? Articolo pubblicato sulla rivista Money Report il 10 maggio 2012 HA ANCORA SENSO INVESTIRE IN BORSA GUARDANDO SOLO I FONDAMENTALI? C hi si può fidare ancora dell analisi fondamentale tout court? Comprare

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Aperto nel Mondo Intero! Supporto in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo. Ovunque tu sia, approfitta di questa eccezionale opportunità! copyright Support

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli