DOCUMENTO INFORMATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO INFORMATIVO"

Transcript

1 DE LONGHI CLIMA S.P.A. Sede Sociale in Treviso, via Seitz 47 Capitale Sociale: ,00 i.v. Registro delle Imprese di Treviso C.F DE LONGHI S.P.A. Sede Sociale in Treviso, via Seitz 47 Capitale Sociale: ,00 i.v. Registro delle Imprese di Treviso C.F DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 57, comma 1, lett. d) del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato relativo alla SCISSIONE PARZIALE PROPORZIONALE DI DE LONGHI S.P.A. A FAVORE DI DE LONGHI CLIMA S.P.A. Sponsor 22 dicembre 2011

2 Disclaimer Il Documento Informativo è stato preparato ai sensi della normativa italiana e non potrà essere diffuso, né direttamente né indirettamente in altre giurisdizioni e, in particolare, in Australia, Giappone, Canada o Stati Uniti d America o in qualsiasi altro paese nel quale l emissione dei titoli citati nel Documento Informativo non sia consentita in assenza di specifiche autorizzazioni da parte delle autorità competenti e/o comunicato ad investitori residenti in tali paesi. La diffusione del Documento Informativo in qualsiasi giurisdizione diversa dall Italia può essere soggetta a specifiche normative e restrizioni. Ogni soggetto che entri in possesso del Documento Informativo dovrà preventivamente verificare l esistenza di tali normative e restrizioni ed attenersi alle stesse. I titoli citati nel Documento Informativo verranno emessi in occasione della scissione descritta e non sono stati, né si prevede saranno in futuro, registrati ai sensi dello United States Securities Act of 1933; pertanto, non possono essere offerti o venduti, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti eccetto in regime di deroga. Dichiarazioni di preminenza Il Documento Informativo contiene dichiarazioni di preminenza ed elaborazioni interne circa De Longhi S.p.A. e De Longhi Clima S.p.A. e le loro attività a Scissione conclusa. Queste dichiarazioni non rappresentano dati di fatto e sono basate sulle attuali aspettative e proiezioni delle società partecipanti alla Scissione relativamente ad eventi futuri e, per loro natura, sono soggette ad una componente intrinseca di rischiosità e incertezza. Sono dichiarazioni che si riferiscono ad eventi e dipendono da circostanze che possono, o non possono, accadere o verificarsi in futuro e, come tali, non si deve fare un indebito affidamento su di esse. I risultati effettivi potrebbero differire significativamente da quelli contenuti in dette dichiarazioni a causa di una molteplicità di fattori, incluse variazioni nei prezzi di materie prime, cambi nelle condizioni macroeconomiche e nella crescita economica e altre variazioni delle condizioni di business, mutamenti della normativa e del contesto istituzionale (sia in Italia che all estero), e molti altri fattori, la maggioranza dei quali è al di fuori del controllo delle società partecipanti alla Scissione. 2

3 DATI DI SINTESI PRO-FORMA CONSOLIDATI DELLA SOCIETÀ SCISSA E DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA E DATI PER AZIONE La Società Beneficiaria si avvale, con riferimento ai dati del presente paragrafo del Documento Informativo, del regime di inclusione mediante riferimento del Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010 del Gruppo De Longhi (il Bilancio Consolidato 2010 ) e del bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo De Longhi al 30 giugno 2011 incluso nella Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2011 del Gruppo De Longhi (il Bilancio Consolidato Semestrale Abbreviato ), ai sensi dell art. 11 della Direttiva Prospetti e dell art. 28 del Regolamento 809/2004. Tali documenti sono stati pubblicati e depositati presso la Consob e sono a disposizione del pubblico sul sito della Società Scissa (www.delonghi.com) e di Borsa Italiana (www.borsaitaliana.it), nonché presso la sede della Società Scissa. Per comodità di consultazione del Bilancio Consolidato 2010 e del Bilancio Consolidato Semestrale Abbreviato incorporati mediante riferimento nel Documento Informativo, si riporta di seguito la tabella con l indicazione delle pagine delle principali sezioni di tali documenti, nella versione pubblicata sul sito internet della Società Scissa (www.delonghi.com). BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2010 DEL GRUPPO DE LONGHI Relazione sulla gestione 15 Prospetti contabili consolidati 51 Conto economico 53 Conto economico complessivo 53 Situazione patrimoniale-finanziaria 54 Rendiconto finanziario 56 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 58 Note illustrative 61 Relazione della Società di Revisione al bilancio consolidato 133 BILANCIO SEMESTRALE CONSOLIDATO ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2011 Relazione intermedia sulla gestione 5 Conto economico consolidato 16 Conto economico consolidato complessivo 16 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 17 Rendiconto finanziario 18 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 19 Note illustrative 20 Relazione della Società di Revisione sulla revisione contabile limitata del 54 Bilancio consolidato semestrale abbreviato 3

4 Nelle tabelle sotto riportate si forniscono, in sintesi, i dati economici e patrimoniali consolidati del Gruppo De Longhi (in versione integrale) e pro-forma della Società Scissa e della Società Beneficiaria al 31 dicembre 2010 e al 30 giugno 2011, nonché i relativi indicatori per azione al 31 dicembre 2010 e al 30 giugno Trattandosi di rappresentazioni costruite su ipotesi, occorre tener presente che, qualora la Scissione fosse avvenuta alle date prese a riferimento per la predisposizione dei dati proforma anziché alla data effettiva, non necessariamente i dati storici sarebbero stati uguali a quelli pro-forma. I dati pro-forma, inoltre, non riflettono dati prospettici e non intendono rappresentare una previsione dei futuri risultati dei gruppi facenti capo alla Società Scissa e alla Società Beneficiaria in quanto sono predisposti in modo da rappresentare solamente gli effetti isolabili e oggettivamente misurabili della Scissione. Le informazioni di sintesi di seguito riportate sono state estratte dai dati pro-forma indicati nei Capitoli IV e VI del Documento Informativo e devono essere lette congiuntamente alla descrizione delle ipotesi e dei criteri utilizzati per la redazione dei dati pro-forma e delle altre informazioni ivi contenute. (in migliaia di Euro) Bilancio consolidato Gruppo De'Longhi Dati al 31 dicembre 2010 Situazione consolidata Società Scissa (dati proforma) Situazione consolidata Società Beneficiaria (dati proforma) Ricavi netti EBITDA (ante oneri non ricorrenti) Risultato operativo Risultato netto Risultato netto di pertinenza dei soci della controllante Totale attivo Patrimonio netto Patrimonio netto di Gruppo Passività Cassa/( Indebitamento netto) (4.709) (61.665) Indicatori per azione (in Euro) Risultato per azione 0,50 0,49 0,01 Patrimonio netto per azione (totale) 5,09 3,27 1,81 4

5 (in migliaia di Euro) Bilancio consolidato Gruppo De'Longhi Dati al 30 giugno 2011 Situazione consolidata Società Scissa (dati proforma) Situazione consolidata Società Beneficiaria (dati proforma) Ricavi netti EBITDA (ante oneri non ricorrenti) Risultato operativo Risultato netto Risultato netto di pertinenza dei soci della controllante Totale attivo Patrimonio netto Patrimonio netto di Gruppo Passività Cassa/( Indebitamento netto) (12.141) (69.988) Indicatori per azione (in Euro) Risultato per azione 0,23 0,20 0,03 Patrimonio netto per azione (totale) 5,03 3,20 1,83 DATI DI SINTESI STORICI CONSOLIDATI DELLA SOCIETÀ SCISSA E DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA E DATI PER AZIONE AL 30 SETTEMBRE 2011 La Società Beneficiaria si avvale, con riferimento ai dati del presente paragrafo del Documento Informativo, del regime di inclusione mediante riferimento del Resoconto Intermedio di gestione al 30 settembre 2011 del Gruppo De Longhi (il Resoconto Intermedio al 30 settembre 2011 ), ai sensi dell art. 11 della Direttiva Prospetti e dell art. 28 del Regolamento 809/2004. Tale documento è stato pubblicato e depositato presso la Consob ed è a disposizione del pubblico sul sito della Società Scissa (www.delonghi.com) e di Borsa Italiana (www.borsaitaliana.it), nonché presso la sede della Società Scissa. Per comodità di consultazione del Resoconto Intermedio al 30 settembre 2011 incorporato mediante riferimento nel Documento Informativo, si riporta di seguito la tabella con l indicazione delle pagine delle principali sezioni di tale documento, nella versione pubblicata nel sito internet della Società Scissa (www.delonghi.com). 5

6 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2011 Principali indicatori economico-patrimoniali 3 Conto economico consolidato 6 Conto economico consolidato complessivo 6 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 7 Rendiconto finanziario 8 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 9 Note esplicative 10 Si riportano di seguito i dati economici e patrimoniali consolidati del Gruppo De Longhi e i dati storici (senza rettifiche pro-forma) della Società Scissa e della Società Beneficiaria, così come riportati nel Resoconto Intermedio di gestione al 30 settembre 2011 (in relazione all informativa per settore operativo rispettivamente per la Divisioni Household che ricomprende anche la Divisione Corporate, e per la Divisione Professional), approvato dal consiglio di amministrazione di De Longhi S.p.A. in data 10 novembre (in migliaia di Euro) Bilancio consolidato Gruppo De'Longhi Dati storici al 30 settembre 2011 Situazione consolidata Società Scissa (dati storici divisione Household+ Corporate) Situazione consolidata Società Beneficiaria (dati storici divisione Professional) Ricavi netti EBITDA (ante oneri non ricorrenti) Risultato operativo Risultato netto (3.880) Risultato netto di pertinenza dei soci della controllante (3.881) Totale attivo Patrimonio netto Patrimonio netto di Gruppo Passività Cassa/( Indebitamento netto) (20.956) (62.953) Indicatori per azione (in Euro) Risultato per azione 0,35 0,38 ( 0,03) Patrimonio netto per azione (totale) 5,37 3,58 1,79 6

7 SOMMARIO DATI DI SINTESI PRO-FORMA CONSOLIDATI DELLA SOCIETÀ SCISSA E DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA E DATI PER AZIONE... 3 DATI DI SINTESI STORICI CONSOLIDATI DELLA SOCIETÀ SCISSA E DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA E DATI PER AZIONE AL 30 SETTEMBRE SOMMARIO... 7 DEFINIZIONI PREMESSA DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ CAPITOLO I - AVVERTENZE RISCHI RELATIVI ALLA SCISSIONE Rischi relativi ai dati pro-forma Rischi connessi alla disciplina applicabile alla Scissione Rischi connessi con la Scissione FATTORI DI RISCHIO RELATIVI AL GRUPPO DE LONGHI CLIMA DERIVANTI DALLA SCISSIONE Rischi connessi all operazione di Scissione Rischi connessi alla concentrazione delle attività nel business relativo alla Divisione Professional Rischi connessi al business dei radiatori (Divisione Professional) Rischi connessi alla dipendenza da partners industriali Rischi connessi ai rapporti con i principali fornitori Rischi connessi alla responsabilità solidale derivante dalla Scissione Rischi connessi all evoluzione tecnologica Rischi connessi ai contratti di servizi e alla commercializzazione di prodotti con marchi in licenza Rischi connessi all indebitamento del Gruppo De Longhi Clima a seguito della Scissione Rischi derivanti dalla dipendenza da un numero limitato di clienti Rischi connessi alla struttura di corporate governance della Società

8 Rischi connessi alle sanzioni amministrative comminate ai membri dell organo di amministrazione della Società Beneficiaria che sarà in carica alla data di efficacia della Scissione FATTORI DI RISCHIO RELATIVI AL GRUPPO DE LONGHI POST SCISSIONE DERIVANTI DALLA SCISSIONE Rischi connessi all operazione di Scissione Rischi connessi alla concentrazione delle attività del gruppo facente capo alla Società Scissa nel Settore Household Rischi connessi alla responsabilità solidale derivante dalla Scissione PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL'ATTIVITÀ DEL GRUPPO DE LONGHI Rischi connessi all andamento macroeconomico Rischi socio-politici, connessi all andamento dei mercati e della domanda, nonché alla presenza del Gruppo in mercati emergenti Rischi connessi all alta competitività nei settori in cui il Gruppo De Longhi opera Rischi connessi alla capacità del Gruppo De Longhi di continuare a realizzare innovazioni di prodotto Rischi connessi ai Brevetti e ai Marchi Rischi connessi al management e alla gestione delle risorse umane Rischi connessi all andamento dei costi delle materie prime e ai rapporti con fornitori Rischi connessi alla qualità dei prodotti e alla responsabilità da prodotto Rischi connessi alle dimensioni del magazzino e alla tempestività delle spedizioni Rischi connessi all andamento dei tassi di interesse Rischi connessi alla fluttuazione dei tassi di cambio Rischi connessi alla liquidità ed al fabbisogno di mezzi di finanziamento Rischi connessi al credito Rischi derivanti dalla stagionalità delle vendite Rischi connessi all evoluzione DEL QUADRO NORMATIVO, IN PARTICOLARE IN MATERIA DI TUTELA AMBIENTALE Rischi relativi ad eventuali danni ambientali Rischi connessi agli stabilimenti Rischi connessi alla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

9 1.5. FATTORI DI RISCHIO RELATIVI AGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI Rischi connessi alla liquidità delle azioni della Società Rischi connessi alla fissazione del prezzo di mercato delle azioni della Società Beneficiaria Rischi connessi alla non contendibilità della Società CAPITOLO II - INFORMAZIONI RELATIVE ALL OPERAZIONE DI SCISSIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLE MODALITÀ E DEI TERMINI DELL OPERAZIONE Descrizione delle società partecipanti all operazione Modalità, condizioni e termini dell'operazione Azioni che verranno assegnate agli azionisti di De Longhi S.p.A Azionariato rilevante e assetti di controllo Effetti della Scissione sui patti parasociali DESCRIZIONE DEGLI ELEMENTI PATRIMONIALI DA TRASFERIRE ALLA SOCIETÀ BENEFICIARIA Elementi patrimoniali oggetto di assegnazione MOTIVAZIONI E FINALITÀ DELL OPERAZIONE DI SCISSIONE Introduzione Obiettivi gestionali Prospettive e programmi della Società Scissa Prospettive e programmi della Società Beneficiaria FONDI PROPRI E INDEBITAMENTO Fondi propri Evoluzione della struttura finanziaria per effetto della Scissione DICHIARAZIONE RELATIVA AL CAPITALE CIRCOLANTE DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO E LUOGHI DI CONSULTAZIONE CAPITOLO III - EFFETTI SIGNIFICATIVI DELL OPERAZIONE SULLA SOCIETÀ SCISSA EFFETTI SIGNIFICATIVI SULL ATTIVITÀ E SULLA SOCIETÀ SCISSA EFFETTI SIGNIFICATIVI SUL GRUPPO DE LONGHI CAPITOLO IV - DATI PATRIMONIALI, ECONOMICI E FINANZIARI CONSOLIDATI PRO FORMA DELLA SOCIETÀ SCISSA CONTO ECONOMICO, CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO, SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA E RENDICONTO FINANZIARIO PRO-FORMA AL 31 DICEMBRE Gruppo De Longhi Post Scissione Conto Economico consolidato pro-forma

10 4.1.2 Gruppo De Longhi Post Scissione Conto Economico complessivo consolidato proforma Gruppo De Longhi Post Scissione Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata pro-forma al 31 dicembre Gruppo De Longhi Post Scissione Rendiconto finanziario consolidato pro-forma Gruppo De Longhi Post Scissione Note esplicative ai Prospetti Consolidati pro-forma al 31 dicembre INDICATORI CONSOLIDATI PRO FORMA PER AZIONE AL 31 DICEMBRE Dati storici e pro forma per azione della Società Scissa e del Gruppo ad essa facente capo Sintetico commento alle variazioni significative degli indicatori "pro forma" per azione rispetto ai dati storici per azione CONTO ECONOMICO, CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO, SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA E RENDICONTO FINANZIARIO PRO-FORMA AL 30 GIUGNO Gruppo De Longhi Post Scissione Conto Economico consolidato pro-forma 1 semestre Gruppo De Longhi Post Scissione Conto Economico complessivo consolidato proforma 1 semestre Gruppo De Longhi Post Scissione Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata pro-forma al 30 giugno Gruppo De Longhi Post Scissione Rendiconto finanziario consolidato pro-forma 1 semestre Gruppo De Longhi Post Scissione Note esplicative ai Prospetti Consolidati pro-forma al 30 giugno INDICATORI CONSOLIDATI PRO FORMA PER AZIONE AL 30 GIUGNO Dati storici e pro forma per azione della Società Scissa e del Gruppo ad essa facente capo Sintetico commento alle variazioni significative degli indicatori "pro forma" per azione rispetto ai dati storici per azione RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE SUI DATI PATRIMONIALI, ECONOMICI E FINANZIARI PRO FORMA Relazione della Società di Revisione sui dati patrimoniali, economici e finanziari consolidati pro-forma al 31 dicembre

11 4.5.2 Relazione della Società di Revisione sui dati patrimoniali, economici e finanziari consolidati pro-forma al 30 giugno CAPITOLO V - DESCRIZIONE DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA Elenco delle più importanti società controllate da De Longhi Clima S.p.A PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI E PATRIMONIALI DEL GRUPPO DE' LONGHI CLIMA S.P.A. RELATIVI AGLI ESERCIZI 2008, 2009 E INFORMAZIONI FINANZIARIE STORICHE DEL GRUPPO DE LONGHI RELATIVE AL TRIENNIO , AL 30 GIUGNO 2011 E AL 30 SETTEMBRE INFORMAZIONI FINANZIARIE STORICHE DEL GRUPPO DE LONGHI RELATIVE AL TRIENNIO , AL 30 GIUGNO 2011 E AL 30 SETTEMBRE PROCEDIMENTI GIUDIZIARI INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTROLLO E AL MODELLO DI CORPORATE GOVERNANCE ADOTTATO DALLA SOCIETÀ BENEFICIARIA Organi di amministrazione, di direzione e di vigilanza Remunerazioni e benefici Prassi del consiglio di amministrazione CAPITOLO VI - DATI PATRIMONIALI, ECONOMICI E FINANZIARI CONSOLIDATI PRO-FORMA DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA CONTO ECONOMICO, CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO, SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA E RENDICONTO FINANZIARIO PRO FORMA AL 31 DICEMBRE Gruppo De Longhi Clima Conto economico consolidato pro-forma Gruppo De Longhi Clima - Conto economico complessivo consolidato pro-forma Gruppo De Longhi Clima - Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata pro-forma al 31 dicembre Gruppo De Longhi Clima - Rendiconto finanziario consolidato pro-forma Gruppo De Longhi Clima - Note esplicative ai prospetti consolidati pro -forma al 31 dicembre INDICATORI CONSOLIDATI PRO-FORMA PER AZIONI AL 31 DICEMBRE Dati storici e pro-forma per azione della Società Beneficiaria e del Gruppo ad essa facente capo

12 6.2.2 Sintetico commento alle variazioni significative degli indicatori pro-forma per azione rispetto ai dati storici per azione CONTO ECONOMICO, CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO, SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA E RENDICONTO FINANZIARIO PRO FORMA AL 30 GIUGNO Gruppo De Longhi Clima Conto economico consolidato pro-forma 1 semestre Gruppo De Longhi Clima - Conto economico complessivo consolidato pro-forma 1 semestre Gruppo De Longhi Clima - Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata pro-forma al 30 giugno Gruppo De Longhi Clima - Rendiconto finanziario consolidato pro-forma 1 semestre Gruppo De Longhi Clima - Note esplicative ai prospetti consolidati pro -forma al 30 giugno INDICATORI CONSOLIDATI PRO-FORMA PER AZIONI AL 30 GIUGNO Dati storici e pro-forma per azione della Società Beneficiaria e del Gruppo ad essa facente capo Sintetico commento alle variazioni significative degli indicatori pro-forma per azione rispetto ai dati storici per azione RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE SUI DATI PATRIMONIALI, ECONOMICI E FINANZIARI CONSOLIDATI PRO- FORMA Relazione della Società di Revisione sui dati patrimoniali, economici e finanziari consolidati pro-forma al 31 dicembre Relazione della Società di Revisione sui dati patrimoniali, economici e finanziari consolidati pro-forma al 30 giugno OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE DEL GRUPPO DE LONGHI CLIMA Informativa sulle operazioni con parti correlate del Gruppo De Longhi Clima al 31 dicembre Informativa sulle operazioni con parti correlate del Gruppo De Longhi Clima al 30 giugno Informativa sulle operazioni con parti correlate del Gruppo De Longhi Clima al 31 dicembre 2009 e al 31 dicembre CAPITOLO VII - PROSPETTIVE DELLA SOCIETÀ SCISSA E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO220 12

13 7.1 PROSPETTIVE PER L ESERCIZIO IN CORSO STIME E DATI PREVISIONALI RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE SU STIME E DATI PREVISIONALI CAPITOLO VIII - PROSPETTIVE DELLA SOCIETÀ BENEFICIARIA E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO INDICAZIONI SULL ANDAMENTO DEGLI AFFARI DI DE LONGHI CLIMA S.P.A. E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO DALLA CHIUSURA DELL ESERCIZIO PROSPETTIVE PER L ESERCIZIO IN CORSO STIME E DATI PREVISIONALI RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE SUI DATI PREVISIONALI CAPITOLO IX - INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DA AMMETTERE A QUOTAZIONE TIPO E CLASSE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DA AMMETTERE ALLA NEGOZIAZIONE LEGISLAZIONE IN BASE ALLA QUALE LE AZIONI SARANNO EMESSE REGIME DI CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI VALUTA DI EMISSIONE DELLE AZIONI DESCRIZIONE DEI DIRITTI, COMPRESA QUALSIASI LORO LIMITAZIONE, CONNESSI ALLE AZIONI E PROCEDURA PER IL LORO ESERCIZIO DELIBERE, AUTORIZZAZIONI E APPROVAZIONI IN VIRTÙ DELLE QUALI GLI STRUMENTI FINANZIARI SONO STATI O SARANNO CREATI E/O EMESSI DESCRIZIONE DI EVENTUALI RESTRIZIONI ALLA LIBERA TRASFERIBILITÀ DELLE AZIONI APPLICABILITÀ DELLE NORME IN MATERIA DI OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E/O DI OFFERTA DI ACQUISTO RESIDUALE CAPITOLO X - AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE E MODALITÀ DI NEGOZIAZIONE MERCATI DI QUOTAZIONE PERIODO DI INIZIO DELLE NEGOZIAZIONI ALLEGATI

14 DEFINIZIONI Di seguito sono indicate le principali definizioni riguardanti l operazione di Scissione impiegate nel Documento Informativo, in aggiunta a quelle indicate nel testo. BORSA ITALIANA CLIMAVENETA S.P.A O CLIMAVENETA Borsa Italiana S.p.A., con sede in Milano, Piazza degli Affari n. 6. Climaveneta S.p.A., con sede legale in Treviso, Via Seitz 47, iscritta al Registro delle Imprese di Treviso, al numero , capitale sociale pari ad Euro ,00. CODICE DI AUTODISCIPLINA Codice di Autodisciplina delle società quotate predisposto dal Comitato per la Corporate Governance, promosso da Borsa Italiana e disponibile all indirizzo internet CONSOB Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, con sede in Roma, via G. B. Martini, n. 3. DATA DEL DOCUMENTO INFORMATIVO Data di pubblicazione del presente Documento Informativo. DATA D INIZIO DELLE NEGOZIAZIONI Data di inizio delle negoziazioni delle azioni di DeLclima S.p.A. sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana. DE LONGHI PROFESSIONAL O DL PROFESSIONAL DIRETTIVA PROSPETTI DL RADIATORS S.P.A. O DL RADIATORS De Longhi Professional S.A. - con sede legale in Granducato di Lussemburgo, iscritta al Registro delle Imprese del Granducato di Lussemburgo, al numero B , capitale sociale pari ad Euro ,00 titolare direttamente dell intero capitale sociale di Climaveneta S.p.A., RC Group S.p.A. e DL Radiators S.p.A. La direttiva 2003/71/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa ai prospetti da pubblicare per l offerta al pubblico o l ammissione a negoziazione di strumenti finanziari. DL Radiators S.p.A., con sede legale in Treviso, Via L. Seitz 47, iscritta al Registro delle Imprese di Treviso, al numero , capitale sociale pari ad Euro ,00. D. LGS. 231/2001 Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica entrato in vigore il 4 luglio 2001 in attuazione dell art. 11 della Legge Delega 29 settembre 2000, n. 300, come successivamente modificato ed integrato. DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente documento informativo redatto ai sensi dell articolo 57, comma 1, lett. d), del Regolamento Emittenti. 14

15 DOCUMENTO INFORMATIVO DE LONGHI Il documento informativo redatto ai sensi dell articolo 70, comma 4, del Regolamento Emittenti e approvato dal Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. nella riunione del 21 settembre EBITDA ANTE ONERI NON RICORRENTI Risultato operativo del periodo al lordo degli ammortamenti e svalutazioni e di eventuali oneri/proventi non ricorrenti. FUNZIONE CORPORATE GRUPPO O GRUPPO DE LONGHI GRUPPO DE LONGHI CLIMA GRUPPO DE LONGHI POST SCISSIONE ISTRUZIONI DI BORSA Insieme delle attività riconducibili ai c.d. servizi corporate rappresentate, in particolare, dalle attività di gestione centralizzata dei servizi finanziari e delle operazioni in derivati a copertura del rischio di cambio, nonché dalle attività di fornitura di servizi informatici per le società del Gruppo De Longhi Post Scissione e per clienti terzi. De Longhi S.p.A. e le società da questa controllate prima della Scissione ai sensi dell art del codice civile e dell art. 93 del TUF, attive nella Divisione Household, nella Divisione Professional, nonché nelle funzioni relative alla Divisione Corporate. De Longhi Clima S.p.A. e le società da questa controllate dopo la Scissione ai sensi dell art del codice civile e dell art. 93 del TUF, attive nella Divisione Professional. De Longhi S.p.A. e le società da questa controllate dopo la Scissione ai sensi dell art del codice civile e dell art. 93 del TUF, attive nella Divisione Household e nella Divisione Corporate. Le Istuzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A. in vigore dal 3 ottobre MERCATO TELEMATICO AZIONARIO O MTA MODELLO ORGANIZZATIVO MONTE TITOLI S.P.A. PARTI CORRELATE Il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana. Modello di organizzazione e gestione adottato ai sensi del D. Lgs. 231/2001 ( Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica ). Monte Titoli S.p.A., con sede legale in Milano, Via Andrea Mantegna n. 6. I soggetti individuati sulla base dei criteri definiti dallo IAS 24 Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate, ovvero dei criteri indicati nel Regolamento OPC. 15

16 PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI O IFRS RC GROUP S.P.A. O RC GROUP Tutti gli International Financial Reporting Standards, tutti gli International Accounting Standards (IAS), tutte le interpretazioni dell International Reporting Interpretations Committee (IFRIC), precedentemente denominate Standing Interpretations Committee (SIC) riconosciuti dalla Commissione Europa ai sensi del Regolamento (CE) n. 1606/2002. R.C. Group S.p.A., con sede legale in Valle Salimbene (PV), via Roma n. 5, iscritta al Registro delle Imprese di Pavia, al numero , capitale sociale pari ad Euro ,00. REGOLAMENTO 809/2004 Il Regolamento 809/2004/CE, approvato dalla Commissione Europea in data 29 aprile 2004, recante modalità di esecuzione della Direttiva Prospetti per quanto riguarda le informazioni contenute nei prospetti, il modello dei prospetti, l inclusione delle informazioni mediante riferimento, la pubblicazione dei prospetti e la diffusione di messaggi pubblicitari. REGOLAMENTO DI BORSA Il Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A. deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 28 giugno 2011, approvato dalla Consob con delibera n del 25 agosto 2011 e in vigore dal 3 ottobre REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO OPC SCISSIONE Il Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 concernente la disciplina degli emittenti, adottato dalla Consob con delibera n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni ed integrazioni. Il Regolamento operazioni con parti correlate adottato da Consob con delibera n del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato. L operazione di scissione parziale proporzionale di De Longhi S.p.A. a favore della società interamente controllata De Longhi Clima S.p.A., in virtù della quale la partecipazione detenuta dalla Società Scissa in De Longhi Professional S.A. verrà trasferita alla Società Beneficiaria. SEGMENTO O SETTORE O DIVISIONE HOUSEHOLD Insieme delle attività di produzione e commercializzazione di piccoli elettrodomestici per la preparazione dei cibi e loro cottura, pulizia della casa e stiro, condizionamento e riscaldamento portatile. SEGMENTO O SETTORE O DIVISIONE PROFESSIONAL Insieme delle attività di produzione e commercializzazione di macchine per impianti di climatizzazione e per la refrigerazione in processi ICT 16

17 (Information Communication Technology) destinati ad usi industriali, nonché di radiatori, attualmente svolta dalle società Climaveneta, DL Radiators e RC Group e dalle relative controllate. SETTORE O DIVISIONE CORPORATE SISTEMA MONTE TITOLI SOCIETÀ DI REVISIONE O RECONTA E & Y Insieme delle attività riconducibili ai c.d. servizi corporate rappresentate, in particolare, dalle attività di gestione centralizzata dei servizi finanziari e delle operazioni in derivati a copertura del rischio di cambio, nonché dalle attività di fornitura di servizi informatici per le società del Gruppo De Longhi e per clienti terzi. Il sistema di deposito accentrato, gestito da Monte Titoli. Reconta Ernst & Young S.p.A., con sede in Roma, via Po, n. 32. SOCIETÀ O SOCIETÀ BENEFICIARIA O DL CLIMA O DE LONGHI CLIMA S.P.A. De Longhi Clima S.p.A. (che dalla data di efficacia della Scissione assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.), con sede in Treviso, via Ludovico Seitz n. 47. SOCIETÀ SCISSA O DE LONGHI S.P.A. O DE LONGHI TESTO UNICO DELLA FINANZA O TUF De Longhi S.p.A., con sede in Treviso, via Ludovico Seitz n. 47. Il Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria) e successive modificazioni ed integrazioni. TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI O TUIR Il Decreto del Presidente della Repubblica del 22 dicembre 1986 n. 917 e successive modificazioni ed integrazioni. 17

18 PREMESSA De Longhi S.p.A. ha pubblicato in data 26 settembre 2011 il Documento Informativo De Longhi, redatto ai sensi dell art. 70, comma 4, del Regolamento Emittenti (conforme, per quanto occorrer potesse, ai contenuti previsti dallo schema n. 2 dell Allegato 3B del Regolamento Emittenti) al fine di fornire agli azionisti ed al mercato un completo quadro informativo sull operazione di scissione parziale proporzionale di De Longhi S.p.A. a favore della società interamente controllata De Longhi Clima S.p.A., in virtù della quale, la partecipazione totalitaria detenuta dalla Società Scissa nella società De Longhi Professional sarà trasferita alla Società Beneficiaria. La Scissione è stata approvata dalle assemblee degli azionisti di De Longhi S.p.A. e di De Longhi Clima S.p.A. in data 11 ottobre Il Documento Informativo, che ripropone ed integra le informazioni contenute nel Documento Informativo De Longhi, è stato predisposto ai sensi dell art. 57, comma 1, lett. d) del Regolamento Emittenti, ai fini dell ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana di tutte le azioni della Società Beneficiaria allo scopo di rendere disponibili informazioni considerate dalla Consob equivalenti a quelle di un prospetto di quotazione. In data 19 dicembre 2011 Borsa Italiana ha emesso il provvedimento di ammissione a quotazione sul MTA di tutte le azioni della Società Beneficiaria. In data 22 dicembre 2011 la Consob ha emesso il giudizio di equivalenza sul Documento Informativo ai sensi dell art. 57, comma 1, lett. d) del Regolamento Emittenti e ne ha autorizzato la pubblicazione. Il Documento Informativo è stato depositato presso la Consob ed è stato messo a disposizione del pubblico presso le sedi della Società Scissa e della Società Beneficiaria in Treviso, via Seitz n. 47, ed è inoltre consultabile sul sito internet e sul sito internet La Scissione ha uno scopo preminentemente industriale e tramite la stessa si intende procedere alla separazione delle attività riconducibili alle due distinte aree di business in cui opera il Gruppo De Longhi, ed in particolare allo scorporo delle attività di produzione e commercializzazione di macchine per impianti di climatizzazione e per la refrigerazione in processi ICT (Information Communication Technology) destinati ad usi industriali, nonché di radiatori (riconducibili alla Divisione Professional), dalle attività di produzione e commercializzazione di piccoli elettrodomestici per la preparazione dei cibi e la loro cottura, pulizia della casa e stiro, condizionamento e riscaldamento portatile (riconducibili alla Divisione Household). 18

19 SCHEMA DI SINTESI DEL GRUPPO DE LONGHI ANTE SCISSIONE AZIONISTI DE'LONGHI DE'LONGHI S.P.A. DE'LONGHI CAPITAL SERVICES S.R.L. E-SERVICES S.R.L. DE'LONGHI CLIMA S.P.A. DE'LONGHI APPLIANCES SRL DE'LONGHI HOUSEHOLD SA DE'LONGHI PROFESSIONAL S.A. Filiali commerciali GRUPPO KENWOOD CLIMAVENETA S.P.A. R.C.GROUP S.P.A. DL RADIATORS S.P.A. Filiali commerciali area APA Altre filiali commerciali europee Attività produttiva/sourcing Cina Filiali commerciali Gruppo Climaveneta Attività produttiva Cina/India Attività produttiva Cina Perimetro di attività oggetto di scissione SCHEMA DI SINTESI DEL GRUPPO DE LONGHI POST SCISSIONE E DEL GRUPPO DE LONGHI CLIMA AZIONISTI DE'LONGHI DE'LONGHI S.P.A. DE'LONGHI CLIMA S.P.A. DE'LONGHI CAPITAL SERVICES S.R.L. E-SERVICES S.R.L. DE'LONGHI PROFESSIONAL S.A. CLIMAVENETA S.P.A. R.C.GROUP S.P.A. DL RADIATORS S.P.A. DE'LONGHI APPLIANCES SRL DE'LONGHI HOUSEHOLD SA Filiali commerciali GRUPPO KENWOOD Filiali commerciali Gruppo Climaveneta Attività produttiva Cina Filiali commerciali area APA Attività produttiva Cina/India Altre filiali commerciali europee Attività produttiva/sourcing Cina 19

20 L obiettivo principale dell operazione di Scissione è quello di consentire uno sviluppo indipendente dei due distinti business in cui si articola l attività del Gruppo De Longhi ossia quello relativo alla Divisione Household (che, a seguito della Scissione comprenderà anche la Funzione Corporate) e quello relativo alla Divisione Professional. La decisione di dar corso alla Scissione trova infatti il suo principale fondamento nella considerazione che le suddette divisioni sono caratterizzate dall assenza di sinergie operative tra loro; l attività relativa alla Divisione Professional (oggetto della Scissione) presenta, infatti, caratteristiche sostanzialmente differenti da quelle relative alla Divisione Household, sia in termini di clientela, sia di mercato di riferimento. L obiettivo della Scissione è, inoltre, quello di garantire al mercato una maggior trasparenza e migliore informativa con riferimento alle prospettive strategiche ed economico-finanziarie delle due divisioni. Si ritiene, dunque, che la Scissione permetterà una più incisiva focalizzazione manageriale, a favore di una maggior flessibilità di esecuzione delle strategie di ognuno dei due business suindicati. All esito della Scissione emergeranno due gruppi distinti, ciascuno focalizzato sul proprio business e con obiettivi chiaramente identificati e percepibili dal mercato. Si ritiene che i due gruppi, dotati della necessaria autonomia ed efficienza, avranno a disposizione il potenziale per un miglior sviluppo strategico e, in particolare, avranno libertà di movimento e un profilo operativo ben preciso, che consentirà loro di esprimere pienamente il proprio valore. Da una parte De Longhi, con il business del piccolo elettrodomestico, avrà la possibilità di esprimere il valore inespresso della Divisione Household, focalizzando e semplificando la propria attività, e confermandosi leader mondiale nelle macchine da caffè di alta gamma. Dall altra De Longhi Clima avrà la possibilità di rafforzare il suo posizionamento tra i primari operatori internazionali nei prodotti ad alta efficienza energetica. Parallelamente, per effetto della Scissione, ciascun azionista di De Longhi S.p.A. verrà a detenere, in luogo dell azione De Longhi, due titoli azionari distinti, rappresentativi delle due differenti aree di business (Divisione Household che comprenderà anche le attività della Funzione Corporate e Divisione Professional) nelle quali si articola oggi l attività sociale. Per effetto della Scissione, agli azionisti De Longhi verranno assegnate, senza versamento di corrispettivo, azioni della Società Beneficiaria in pari numero di quelle della Società Scissa da ciascuno possedute al momento dell efficacia della Scissione. L assegnazione avverrà, quindi, in ragione di una azione della Società Beneficiaria per ogni azione De Longhi S.p.A. posseduta. La tempistica prospettata dell operazione prevede che la Scissione avrà presumibilmente effetto dal 1 gennaio

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 (2004/72/CE) TUF Regolamento Proposto Articolo 6, paragrafo 3, comma 3, Articolo 115-bis (Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate) Gli

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli