Università degli Studi di Siena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Siena"

Transcript

1 Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici FLUTTUAZIONI DEL PREZZO DEL PETROLIO E INFLUENZA SUL PIL Prof relatore: Paolo Pin Candidata: Jessica Solari Anno Accademico 2012/13 1

2 INDICE Introduzione.Pag. 3 1.Analisi della domanda e dell offerta mondiale di petrolio. Pag domanda dei principali paesi.. Pag l Opec e l offerta mondiale del petrolio..... Pag.8 2.Fluttuazioni dei prezzi del petrolio e fattori determinanti. Pag fattore domanda e offerta.....pag il ruolo della seculazione finanziaria....pag influenza delle tensioni politiche sui prezzi del petrolio... Pag.18 3.Influenza dei prezzi del petrolio sull attività economica Pag le riserve mondiali di petrolio e la dipendenza energetica.. Pag il modello AS-AD ed il fenomeno della stagflazione... Pag gli effetti di un aumento del prezzo del petrolio sulla disoccupazione.. Pag gli effetti sull economia e sui prezzi...pag l impatto sui prezzi.. Pag.29 Conclusioni..Pag.33 2

3 Introduzione L idea di questo lavoro viene da una riflessione riguardante la profonda crisi economica ed il grande malcontento che sta colpendo il nostro paese. Un tema molto discusso è stato in questi anni il costo della benzina ed è proprio da questo fattore che nasce il desiderio di analizzare il modo in cui il petrolio, in particolare la variazione del prezzo petrolifero, incide sulla nostra economia. Molto spesso non ci accorgiamo come fatti che accadono a molta distanza da noi possano incidere sulla nostra economia e, più in generale, sulla nostra qualità di vita. Il petrolio, il cui utilizzo è antichissimo, prende il nome dal termine classico petra oleum cioè olio della pietra. Nella società attuale ha assunto una importanza fondamentale sia come materia prima sia come fonte energetica, ciò ha determinato la creazione di un mercato del petrolio con risvolti finanziari che toccano tutti i paesi e tutti i settori produttivi. Quello che propongo in questo lavoro è un analisi della domanda e dell offerta mondiale di petrolio, affrontata nel primo capitolo; nel secondo capitolo mi occuperò dei prezzi del petrolio e delle fluttuazioni che si sono susseguite a partire dagli anni 70 fino ai giorni nostri e cercherò di spiegare da cosa è determinato il prezzo e quali sono i fattori che ne influenzano l andamento. Infine, nell ultimo capitolo, interpreterò gli effetti che un rincaro petrolifero, a partire dal modello di domanda ed offerta aggregata, ha sull economia; in particolare analizzerò, in linea con le fluttuazioni del prezzo del petrolio, l andamento della produzione, disoccupazione, inflazione e quindi del PIL. 3

4 CAPITOLO 1. ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA MONDIALE DI PETROLIO Il petrolio rappresenta la principale fonte energetica a livello mondiale ed è difficilmente sostituibile sia nel breve che nel lungo periodo. La domanda di petrolio dipende da vari fattori: primo fondamentale è il reddito. Più reddito disponibile incoraggia i consumi facendo così aumentare la domanda di petrolio sia per usi civili (riscaldamento, trasporti ecc..) e sia per usi produttivi di beni e prodotti industriali. Recentemente diversi studi economici hanno però constatato la non rispondenza lineare tra reddito e domanda di petrolio; secondo un rapporto dell Agenzia Internazionale dell Energia la domanda di petrolio dei Paesi in via di sviluppo ha superato per la prima volta quella delle nazioni a larga industrializzazione in quanto nei Paesi emergenti è più elevata la crescita di settori ad alta intensità energetica. 1 In secondo luogo la domanda di petrolio varia in funzione del prezzo dello stesso. La legge di domanda ci dice che quando il prezzo di un bene aumenta la sua domanda diminuisce ;questo risultato dipende da due elementi: Effetto reddito; 2 Effetto sostituzione; 3 La curva di domanda individua per ogni livello di prezzo di un bene la quantità dello stesso che un consumatore è disposto ad acquistare. Essa è inclinata negativamente ed individua una relazione inversa tra la quantità desiderata di un bene ed il suo prezzo. 1 Fonte: Il Sole 24 Ore,10 settembre Effetto reddito: per effetto di un incremento del prezzo si riduce il potere di acquisto dei consumatori. 3 Effetto sostituzione: un aumento del prezzo di un bene rende più conveniente l acquisto dei suoi stretti sostituti. 4

5 Nel caso del petrolio questa dipendenza non è diretta in quanto il passaggio a tecnologie più efficienti dal punto di vista energetico è estremamente complesso. La non esistenza di beni perfettamente sostitutivi 4 fa sì che l elasticità 5 della domanda di petrolio alla variazione del prezzo è, almeno nel breve periodo, in valore assoluto piuttosto bassa. Questo varia però nel lungo periodo: i costosi impianti possono essere sostituiti e così anche le abitudini quotidiane dei consumatori 6 i quali si adeguano ad uno stile vita che vede ridotto, ad esempio, il consumo della benzina ( comprare auto piccole, utilizzare mezzi di trasporto pubblico, andare in bicicletta..). Infine, la determinazione della domanda di petrolio può essere riconducibile agli interessi politici ed alle decisioni politico-militari di un Paese, tenuto conto che interi settori civili, militari e industriali sono legati all utilizzo di questa fonte energetica. 4 Beni sostitutivi: sono beni che possono soddisfare il medesimo bisogno del bene in questione 5 Elasticità: indice utilizzato per misurare la sensibilità della domanda di un bene alla variazione del prezzo. 6 Fonte: agienergia.it 5

6 1.1 la domanda dei principali Paesi E comprensibile che i principali consumatori di petrolio sono da sempre le grandi economie mondiali : Stati Uniti, Europa, Cina, Giappone. Per analizzare la domanda di questi Paesi è necessario partire da un analisi degli ultimi anni dei consumi mondiali di benzina, gasolio, carburante, olio combustibile e altri prodotti petroliferi. Fonte Agenzia Internazionale dell Energia Nord America. La recessione economica del 2008 ha influenzato i consumi del petrolio; essi hanno avuto un declino durante quegli anni per poi ritrovare una maggiore stabilità nel 2010 a seguito dei miglioramenti delle condizioni economiche. Nel 2012 l aumento dei prezzi del petrolio e una maggiore efficienza del carburante dei veicoli leggeri 7 hanno contribuito alla riduzione del consumo che è stato di 18,6 milioni di barili al giorno ( MMbd).E importante considerare la quota di importazione di petrolio degli Stati Uniti che nel 2012 ha riguardato il 40% del consumo totale; importando petrolio 7 Fonte: mondoelettrico.blogspot.it, 28 agosto

7 grezzo e prodotti raffinati per 11.0 MMbd ed esportandone 3.2 MMbd le importazioni nette sono state infatti equivalenti a 7.4 MMbd. Il petrolio importato proviene dal Canada (28%), Arabia Saudita (13%), Messico (10%), Venezuela (9%) e Russia (5%).La dipendenza degli U.S. dalle importazioni ha iniziato ad inclinarsi a partire dal 2005 come conseguenza di diversi fattori. Un ruolo fondamentale ha giocato la crisi economico-finanziaria del 2008 la quale contribuì ad una riduzione dei consumi grazie a miglioramenti dell efficienza, alle diverse abitudini da parte dei consumatori e a diversi schemi di crescita economica. Inoltre, il crescente uso dei biofuels ( etanolo e biodiesel), i forti guadagni nella produzione domestica di petrolio grezzo e campagne di estrazione legate al gas e al petrolio da roccia hanno permesso di ridurre ulteriormente il bisogno d importazione. 8 Secondo uno studio condotto dall Agenzia Intaernazionale dell Energia, la produzione nord americana crescerà di 3,9 milioni di barili equivalenti al giorno tra la media 2012 e quella Da sola tale produzione riuscirà a ricoprire i due terzi della produzione mondiale dei paesi non Opec pari a circa 6 milioni di barili al giorno. 9 Europa. L utilizzo del petrolio ha iniziato il suo declino a partire dal 2006 e con la crisi economica si è notevolmente ridotto rilevando cali di b/d nel 2009 e di b/d nel E importante analizzare i consumi suddividendo l area in Europa Occidentale ed Europa Orientale. Nella prima il rapporto tra quantità prodotta di petrolio e quantità consumata ( P/C ) è pari a 0,45. Tale indice dimostra che l Europa industrializzata non è in grado di produrre la quantità di petrolio sufficiente a supportarne la domanda ed è quindi totalmente dipendente dalle importazioni estere. Nell Europa Orientale ( Bielorussia, Ucraina, Moldavia e Russia) tale indice sale a 2,5: la quantità prodotta è quindi due volte e mezzo superiore agli effettivi consumi e questo si può spiegare sia perché si tratta di Paesi con una bassa domanda di energia, sia perché l economia ruota intorno alle esportazioni ed alla massimizzazione dei profitti dell industria petrolifera russa. 11 La Russia è il terzo partner commerciale dell Unione 8 Fonte : eia.gov, How dependent are we on foreign oil? 9 Fonte: La Stampa, 14 maggio Fonte: mondoelettrico.blogspot.it, articolo 28 agosto Fonte : ambientediritto.it, Mercato del petrolio, geopolitica e fondamentali: uno scenario in cambiamento. 7

8 europea che, a sua volta, è il primo mercato per le esportazioni russe; nel 2010 il 63% delle importazioni provenienti dalla Russia era costituito dal petrolio 12. Questi rifornimenti sono di fondamentale importanza per l UE la quale, per cercare di risolvere il problema della dipendenza di idrocarburi da un numero limitato di Paesi, sta attuando politiche energetiche che rilancino la produzione interna di energia, in particolare attraverso le fonti rinnovabili. Asia. Il consumo di petrolio in alcune principali economie emergenti ( Cina, India e Medio Oriente) è aumentato notevolmente fino a superare quello degli Stati Uniti nel 2008 e raggiungere nel 2012 una crescita pari a 4,4 MMbd. Tale incremento può essere ricollegabile all industrializzazione, all aumento del reddito pro capite e alla rapida espansione demografica. 13 L Agenzia Internazionale dell Energia ha rilevato che la domanda di petrolio nei paesi in via di sviluppo ha recentemente superato per la prima volta quelle delle nazioni di lunga industrializzazione. Le ragioni di tale fenomeno possono essere attribuite alla produzione dei combustibili fossili degli Stati Uniti la quale ha creato increspature nel mercato mondiale del petrolio riducendone la domanda 14. È opportuno considerare nel particolare il caso della Cina. La crescita della classe media cinese, e quindi dei redditi pro capite, trascinerà in alto i consumi con conseguente aumento della domanda di materia prima per la produzione industriale. La crescita per il periodo è stimata intorno al 13%; il governo di Pechino a fronte di tale stima ha pianificato la sua strategia diversificando le proprie fonti di approvvigionamento e chiudendo un contratto da 270 miliardi di dollari che vede raddoppiate le esportazioni petrolifere russe verso la Cina L OPEC e l offerta mondiale del petrolio L OPEC ( Organization of the Petroleum Exporting Countries ) è un organizzazione fondata nel 1960 attualmente composta da 11membri : Algeria, Indonesia, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Venezuela; nasce con 12 Fonte: linkiesta.it, Gas e petrolio, quanto dipendiamo da Putin 13 Fonte: BCE, Bollettino mensile. Agosto Fonte: La Stampa, 9 settembre Fonte: valori.it, 13 agosto

9 l obiettivo di regolare la produzione petrolifera e di gestire quindi i prezzi del greggio, principalmente stabilendo quote per i suoi membri. Lo statuto dell Opec prevede inoltre che Ogni paese che abbia un alto livello di esportazioni nette di greggio, avendo interessi essenzialmente analoghi a quelli dei paesi membri, può divenire membro a pieno titolo a condizione di essere accettato da una maggioranza di almeno tre quarti dei membri a pieno titolo, inclusi i voti favorevoli di tutti i paesi fondatori. I paesi membri hanno una capacità produttiva molto elevata ;insieme controllano circa il 70% delle riserve mondiali di petrolio e producono il 41% dell offerta mondiale. Le entrate derivanti dal commercio di petrolio sono destinate non soltanto all espansione industriale ed allo sviluppo economico, ma vengono utilizzate anche per creare nuovi posti di lavoro, migliorare la sanità e l istruzione e garantire alla popolazione un tenore di vita dignitoso. La grande influenza dell Opec nel mercato petrolifero è di indubbia importanza e lo conferma il fatto che le sue esportazioni rappresentano il 60% del commercio del petrolio. 16 Un ruolo fondamentale nell offerta viene giocato dalla capacità inutilizzata di produzione 17 che permette di fronteggiare shock improvvisi petroliferi. Nel 2004 e nel 2005, le tensioni geopolitiche, affiancate da una domanda insolitamente alta, hanno sfruttato fino al limite la capacità produttiva dei paesi Opec, facendo decollare i prezzi; è stato solo grazie alla loro capacità inutilizzata che si è potuto ostacolare una possibile caduta globale dell offerta.la maggioranza di tali scorte è detenuta dall Arabia Saudita, la quale, nel 2010 rappresentò il 62% della domanda mondiale di petrolio. 18 L Opec è stata l unica organizzazione, al di fuori dell Occidente, in grado di influenzare la politica e l economia mondiale; nacque dall esigenza di far fronte alla forte riduzione del prezzo del petrolio decisa dalle grandi compagnie produttrici che spinse questi paesi molto differenti tra loro ad una coalizione per controllare la materia prima che producevano. Paesi fino ad allora sotto dominio coloniale, iniziarono quindi ad avere una propria autonomia ed un proprio status politico; l organizzazione iniziò subito ad instaurare rapporti di conflitto con i paesi consumatori, poiché, agendo da monopolista, aumentò i prezzi del petrolio. 16 Fonte : eia.gov Who are the major players supplying the world oil market? 17 La capacità inutilizzata viene definita dall EIA come la differenza tra i livelli annuali di produzione e quelli di capacità produttiva raggiungibili entro 30 giorni e sostenibili per 90 giorni. 18 Fonte: BCE bollettino mensile Agosto

10 La fase di scontro durò a lungo e toccò l apice nel 1973 quando l Oapec ( Organizzazione dei paesi arabi esportatori di petrolio) decise di appoggiare la parte araba nella guerra con Israele. L embargo fallì e da quel momento iniziò una lunga fase che vide salire i prezzi del petrolio costantemente; il controllo produttivo da parte dell Opec perse potere grazie all entrata nel mercato di nuovi concorrenti ( tra cui principale il Mare del Nord) e grazie al fatto che, la produzione dell Arabia Saudita, si contrasse fino a produrre meno del suo potenziale decidendo così di vendere il proprio greggio al prezzo di quello del Mare del Nord. L Opec si riconobbe quindi come un organizzazione volta a massimizzare i profitti ma senza agitare i rapporti con i paesi consumatori. Intanto, L Oapec, in seguito allo smacco dell embargo, organizzò con l Eni un grande convegno nel 1981 a Roma, nel quale venne esplicitato un mercato del greggio dominato dall Opec, con le grandi compagnie nel ruolo di free riders, cioè coloro che traggono benefici dal prezzo alto stabilito dagli altri produttori. Obiettivo da sempre primario dell organizzazione, è stato quello di combattere la volatilità del prezzo del petrolio, per garantire con maggiore chiarezza una previsione dell andamento degli introiti e quindi dell economia dei paesi membri. Per quanto riguarda l Opec futura sembra che non siano previsti profondi mutamenti all interno dell organizzazione: essa non è riuscita ad introdurre all interno della propria rete i paesi occidentale con maggiore produzione quali la Russia e i paesi del Mare del Nord. 10

11 Le previsioni sui consumi di petrolio, e quindi sulla sua domanda mondiale, segnalano andamenti positivi riconducibili ad un miglioramento atteso della crescita economica mondiale. L Agenzia Internazionale dell Energia stima per il 2014 un aumento dei consumi di 1,2 MMbd rispetto al 2013 raggiungendo un livello record di 92 MMbd. Non è solo lo scenario della domanda petrolifera a mutare, bensì anche quello 11

12 dell offerta. A soddisfare la crescita dei consumi mondiali un nuovo attore economico sta avanzando al fianco dei Paesi Opec ridimensionandone la domanda del greggio : gli Stati Uniti. Grazie allo shale oil ( greggio estratto da scisti o formazioni rocciose) gli USA hanno potuto incrementare notevolmente la loro capacità produttiva tanto che la domanda di greggio OPEC stimata dall AIE scenderà nel 2014 a 29,6 MMbd contro i 29,9 MMbd registrati nel Nel giro di un decennio l intero settore si modificherà sensibilmente: la produzione americana salirà di circa un milione di barili al giorno ed ulteriori incrementi verranno registrati anche in Paesi come Brasile e Kazakhstan 19. CAPITOLO 2. FLUTTUAZIONI DEI PREZZI DEL PETROLIO E FATTORI DETERMINANTI. Un elemento chiave che caratterizza il mercato del petrolio è la frequente fluttuazione del prezzo della materia prima attorno ad una media centrale. Tale volatilità influenza il livello di certezza economica creando quindi un clima di instabilità riguardante le previsioni future. Considerando che interi settori industriali basano la propria attività sull utilizzo del petrolio come fonte energetica primaria è plausibile trarre la conclusione che un elevata volatilità del prezzo ostacoli il regolare andamento della produzione, poiché rende impossibile pianificarne i costi. Ad esempio,in un azienda di trasporti o in una compagnia aerea, il petrolio rappresenta il costo principale del servizio e la fluttuazione del prezzo non facilita la determinazione del margine operativo 20 ; così anche per un produttore di automobili tale fenomeno non ha benefici,essendo difficile stimare la domanda futura dei consumatori a causa dell instabilità del costo della benzina. Il prezzo di una commodity 21, quale il petrolio, ha anche una funzione segnaletica riguardante il livello di domanda e offerta; esso indica infatti sia le condizioni di offerta ( costi di estrazione e stoccaggio, cartellizzazione, ecc..) sia le condizioni di domanda ( ad esempio crescita del PIL) prevalenti sul mercato. La volatilità del prezzo petrolifero può avere notevoli ripercussioni sull economia reale derivanti dall elasticità dei costi di produzione rispetto alla variazione dei prezzi; è dunque opportuno attuare una politica economica favorevole alla stabilizzazione dei prezzi e delle loro oscillazioni al fine di favorire un clima economico mondiale fondato 19 Fonte: Il Sole 24 Ore, 10 Agosto Margine operativo: indicatore di redditività di un azienda. 21 Commodity: termine inglese corrispondente ai beni indifferenziati. 12

13 sull equilibrio e sulla certezza. Per capire quali sono le determinanti del prezzo è utile analizzare le fluttuazioni dello stesso a partire dai decenni passati. Fonte: inflationdata.com Nel grafico vengono illustrati i prezzi del petrolio nel periodo andante dal 1946 fino al

14 E molto utile per capire come il petrolio abbia influito sulle spese delle persone poiché mette in evidenza sia i prezzi medi mensili che i prezzi medi mensili aggiustati all inflazione. I prezzi del petrolio al barile hanno sempre subito fluttuazioni a seconda delle fasi storiche che prevedevano periodi di espansione e recessione; negli anni 70 ci furono due crisi che portano i prezzi del petrolio a prezzi mai raggiunti prima registrando nel dicembre 1979 un prezzo medio mensile aggiustato all inflazione di MMbd calcolati in dollari di gennaio Nel giugno 2008 si registrò un ulteriore picco pari a MMbd riferito al prezzo medio mensile aggiustato all inflazione in dollari di gennaio 2010; con il susseguirsi della crisi economica e finanziaria nel dicembre del 2008 il prezzo del petrolio è sceso sotto i 40 dollari al barile per poi assestarsi sui livelli compresi tra 60 e 70 $/barile nei mesi di maggio e giugno La tendenza del lungo periodo prevede comunque un rialzo dei prezzi considerando la scarsità del petrolio e i sempre maggiori costi di estrazione. 22 La dipendenza dell economia mondiale dal petrolio ha posizionato la volatilità del prezzo dello stesso al centro di profondi studi ed osservazioni da parte degli accademici operanti nell economia dell energia, permettendo di individuare diversi fattori che influenzano tali variazioni. Le cause principali sono da attribuirsi sia a fattori deterministici( domanda ed offerta, decisioni geopolitiche ), sia a fattori non prevedibili ( investimenti speculativi); altri elementi possono comunque contribuire alla determinazione del prezzo del petrolio. Tra questi è importante considerare: - la capacità di accumulazione, divenuta pratica comune da circa trent anni. Negli anni 80,in seguito ad un forte innalzamento dei prezzi, la quantità di scorte crebbe notevolmente per far fronte alla previsione di contrazione produttiva. Dopo anni di investimenti la capacità di accumulazione è oggi ridotta ad un livello minimo e le attuali riserve sono stimate per 2mb/d detenute per la maggior parte dall Arabia Saudita. Gli stock commerciali garantiscono un immediata fonte di disponibilità per i venditori e si presume che questi possano influenzare i prezzi di mercato. Questo risulta vero quando le scorte sono ridotte ad un livello minimo e non esiste 22 Fonte: petrolioinborsa.com 14

15 quindi una offerta addizionale che possa mitigare l effetto di un aumento della volatilità del prezzo ; tuttavia, una previsione di una riduzione dell offerta, porta ad un aumento della domanda o dei prezzi che potrebbero conseguentemente incrementare il livello di scorte già esistenti; si può concludere quindi che i prezzi tendono a diminuire quando si costituiscono nuovi stock e viceversa; - i costi marginali; in un contesto economico dominato dall inflazione, l aumento degli investimenti in ricerca o costruzione di nuove raffinerie porta ad un aumento generalizzato dei costi, aiutato anche da un clima altamente competitivo: si basti pensare infatti che in passato i costi marginali di produzione erano vicini allo zero, mentre adesso sono stimati a circa 60-70/bbl $. L aumento dei costi aumenta il rischio e quindi i tempi di produzione; tutto ciò ha sicuramente diminuito la quantità output di greggio da parte delle industrie produttrici ed ha quindi permesso un aumento dei prezzi; - il dollaro; alcune teorie sono favorevoli a ritenere che un dollaro debole potrebbe influenzare negativamente il prezzo del petrolio; se quest ultimo viene determinato individuando il punto d incontro tra domanda ed offerta, il deprezzamento del dollaro dovrebbe allora portare ad un aumento dei prezzi, causando quindi cambiamenti della domanda della materia prima e dei suoi costi di produzione. La variazione del valore della valuta induce anche gli operatori del mercato della commodity a cambiare strategia, incrementando ad esempio il livello di scorte della materia prima in seguito ad un atteso rialzo dei prezzi Il fattore domanda e offerta Il petrolio è un bene, per cui il prezzo di tale materia prima è determinato dalla legge della domanda e dell offerta che ne regola il mercato. Come possiamo notare dal grafico sottostante, il prezzo è dato dal punto di equilibrio, nel quale la quantità domandata è pari alla quantità offerta. 23 Fonte: bankpedia.org 15

16 La curva di offerta rappresenta la quantità di un bene che i produttori sono disposti a vendere ad un dato prezzo, fermi restando tutti gli altri fattori che potrebbero influenzare la quantità offerta. Essa è inclinata positivamente, in quanto a prezzi più alti i produttori incrementano la produzione; La curva di domanda rappresenta la quantità di un bene che i consumatori sono disposti ad acquistare in corrispondenza del prezzo, fermi restando tutti gli altri fattori che potrebbero influenzare la quantità domandata; essa è inclinata negativamente. Può accadere, per varie cause, che il prezzo si allontani da quello stabilito nell equilibrio di mercato e possano verificarsi casi di eccedenza o carenza Nel caso in cui il prezzo di mercato sia al di sopra dell equilibrio siamo in presenza di un eccesso di offerta a seguito del quale i produttori diminuiscono il prezzo; la quantità domandata quindi aumenta e quella offerta diminuisce. - Se il prezzo di mercato è al di sotto di equilibrio c è eccesso di domanda; i produttori aumentano quindi il prezzo causando una riduzione della quantità domandata; il mercato continua così ad adeguarsi sino a che si raggiunge il prezzo di equilibrio. 24 Fonte: Microeconomia, quarta edizione Robert H. Frank 16

17 E importante notare come gli shock petroliferi degli ultimi 50 anni siano stati influenzati da variazioni della domanda e dell offerta che hanno caratterizzato lo scenario del mercato di questa fondamentale materia prima. Gli aumenti dei prezzi del 1973 e del 1979 sono riconducibili ad una riduzione dell offerta e della capacità operativa dell Opec, affiancata da una erosione della capacità inutilizzata degli Stati Uniti i quali, fino ad allora, erano stati il fornitore marginale di petrolio. Tutto questo portò ad una riduzione della quantità domandata e indusse diversi paesi non appartenenti all Opec ad accrescere la propria capacità produttiva. Tale situazione indebolì il controllo dell offerta da parte dei paesi membri del cartello e li incentivò ad un calo progressivo delle quotazioni. I prezzi del greggio sono tornati ad essere più volatili dalla 17

18 seconda metà degli anni novanta e dal 2004 al 2008 hanno registrato aumenti sempre più marcati, principalmente a causa della crescente domanda dei paesi emergenti quali Cina, India e Medio Oriente. Il boom dei prezzi si è poi esaurito a seguito della crisi economica e finanziaria del 2008, la quale ha causato una contrazione della produzione mondiale e quindi della domanda di petrolio Il ruolo della speculazione finanziaria Il prezzo del petrolio non sempre è regolato da fattori deterministici,esso può dipendere anche da elementi imprevedibili,quali la speculazione finanziaria. Gli speculatori tendono ad investire in petrolio attraverso l utilizzo di contratti futures; i futures sono titoli finanziari stipulati da due controparti aventi una visione differente del mercato. Ad esempio, per quanto riguarda il mercato del petrolio, una compagnia area può scommettere su un aumento del prezzo dello stesso; qualora la previsione si rivelasse esatta la compagnia avrà, incassando denaro dalla controparte, un guadagno sul mercato dei futures che andrà a controbilanciare l aumento del costo della benzina. Gli speculatori sono perciò coloro che desiderano investire il proprio capitale di rischio utilizzando derivati finanziari,garantendo quindi al mercato un enorme quantità di liquidità. 26 E facile intuire come i prezzi del petrolio vero siano interamente formati sul mercato finanziario, considerando che il valore delle transazioni dei barili di carta è superiore di circa 40 volte quelle dei barili reali e che l 80% dei futures sui prodotti energetici è posseduto da banche. Vi è però chi sostiene che questa attività finanziaria non sia causa di un rincaro petrolifero; è infatti difficile immaginare una speculazione folle ed incontrollata poiché ogni perdita nel mercato dei futures è controbilanciata da un guadagno della controparte ;più ragionevole è invece credere che nel lungo periodo i prezzi siano regolati dagli aggiustamenti della domanda e dell offerta. 25 Fonte: BCE Bollettino mensile, Agosto Fonte : energisauro.it 18

19 2.3 Influenze delle tensioni politiche sui prezzi del petrolio I prezzi del petrolio hanno un legame diretto con gli andamenti politici dei paesi del mondo arabo; essi svolgono un ruolo cruciale nella fornitura petrolifera producendo il 40% del petrolio commercializzato e possedendo i due terzi dei giacimenti di greggio a livello mondiale. Già agli inizi di gennaio 2011 le quotazioni del greggio sono salite di oltre il 25% a causa dei disordini sfociati in Tunisia raggiungendo livelli elevati sulla scia delle turbolenze in Libia. Il comportamento recente del mercato petrolifero riflette quindi il calo dell offerta causato dalle tensioni politiche dei paesi arabi e dalla costante assenza del greggio libico dal mercato. Analizzando in concreto un caso attuale, quello della Siria, notiamo come la sola ipotesi di intervento militare da parte di Washington è bastata a far schizzare i prezzi del petrolio 27 ;nel mese di agosto hanno toccato infatti un massimo di 116 mdb 28. Ciò che preoccupa maggiormente di una possibile guerra in Siria, non è tanto la sua offerta diretta, quanto la chiusura dello stretto di Hormutz, dal quale transitano 16,5 mbd ed il possibile intervento dei paesi vicini, produttori inestimabili di greggio. Il clima di tensioni si è attenuato a metà settembre, con l accordo russo-americano volto a mettere in sicurezza l arsenale chimico della Siria; tale accordo scongiura un possibile attacco da parte di Washington contro il regime di Assad e fa scendere i prezzi del barile di oltre un dollaro, raggiungendo quasi 110 dollari al barile 29. CAPITOLO 3. INFLUENZA DEI PREZZI DEL PETROLIO SULL ATTIVITA ECONOMICA Avendo in precedenza illustrato il quadro generale del mercato del petrolio, vorrei adesso soffermarmi sugli effetti che un aumento del prezzo petrolifero può causare all attività economica di un paese, riducendone lo sviluppo economico e diffondendo disagi tra la popolazione. 27 Fonte: euronews.it 28 Fonte Repubblica.it 29 Fonte: Il Sole 24 Ore, 16 settembre

20 3.1 le riserve mondiali di petrolio e la dipendenza energetica E chiaro che la misura con cui un aumento del prezzo si riversa nell economia dipenderà dal grado di dipendenza dei vari paesi dalle importazioni di petrolio. La distribuzione di riserve di greggio non è omogenea; si presentano quindi paesi molto ricchi di questa fondamentale materia prima ed altri che ne sono quasi o totalmente privi e sono perciò costretti ad importare petrolio per sopravvivere e svilupparsi sia economicamente che politicamente. Le riserve petrolifere mondiali sono distribuite nel seguente modo : il Medio Oriente ne possiede il 52%, Centro e Sud America circa il 16% ( solamente il Venezuela copre il 14,8% delle riserve mondiali), la Russia e l Asia centrale il 7,4%, l Africa l 8%, l Asia Pacifica il 3% ed infine l Europa, ultima in ordine di importanza nella fornitura mondiale di petrolio, che ne detiene solamente l 1%. 30 La produzione petrolifera è influenzata da molti fattori e non dipende quindi solamente dalla presenza di riserve e giacimenti nel territorio e dalla loro potenzialità. Ad esempio, la produzione degli Stati Uniti d America è molto elevata rispetto alle riserve stimate, mentre il Medio Oriente ha una produzione molto inferiore in rapporto alla enorme quantità di riserve petrolifere possedute. I giacimenti vengono classificati in base alla loro dimensione e alla quantità di idrocarburi che contengono; secondo una stima API ( America Petroleum Institute) fino ad oggi, sono stati scoperti 2 giacimenti megagiant, 40 supergiant e 330 giant. Quello più grande si trova in Arabia Saudita ed è il giacimento di Ghawar ( 83 miliardi di barili ), seguito dal giacimento di Greater Burgan in Kuwait ( 70 miliardi di barili ) e da Costanero Bolivar in Venezuela. Notiamo quindi come l Europa, possedendo solamente l 1% delle riserve petrolifere mondiali, sia totalmente dipendente dalle importazioni estere. Di seguito ho riportato una tabella che illustra la quantità di energia consumata dai vari paesi europei con la percentuale importata di tale energia. 30 Fonte: eniscuola.net 20

21 Fonte : Eurostat 21

22 Nel consumo di energia l Italia dipende per l 81,3% dalle importazioni estere; siamo quindi il sesto Paese come percentuale d importazioni dietro Malta (100,8%), Lussemburgo ( 97,4%), Cipro (92,6%), Irlanda (88,9%) e Lituania (81,8%). Dal grafico si può notare anche come ci sia stato un calo dei consumi registrato nel periodo che va dal 2008 al 2011, in seguito al verificarsi della crisi economica. Nel 2008 il consumo energetico interno lordo dell Ue era di 1800 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio ( Tep) che nel 2011 sono calate a 1700; mentre il tasso di dipendenza energetico è rimasto stabile ad una media del 54% dell Unione europea a 27. L Italia oltre ad essere un grande paese importatore di energia, è anche un gran consumatore, circa 173 milioni di toe. Preceduta dalla Germania 316 milioni toe 31, Francia 260 milioni e Gran Bretagna 199 milioni. I paesi con la minore dipendenza dall estero sono invece Estonia ( 12%), Romania ( 21%), Repubblica Ceca ( 29%), Paesi Bassi ( 30%) e Polonia ( 34%). 3.2 il modello AS-AD e il fenomeno della stagflazione Come già specificato, il petrolio è una fonte primaria di energia non facilmente sostituibile ed è inevitabile che i paesi con un forte grado di industrializzazione non possano che adeguarsi alle conseguenze di un aumento del prezzo, dovuto a vari motivi: la forte domanda, i limiti di capacità estrattiva e di raffinazione, il diffuso clima di incertezza politica che caratterizza l area mediorientale dei paesi arabi, le strategie adottate da alcuni produttori come il Venezuela che, recentemente, hanno nazionalizzato le compagnie petrolifere, la speculazione finanziaria etc.. Storicamente i periodi di recessione o di stagnazione dell attività economica sono stati determinati da shock petroliferi, con conseguente aumento delle quotazioni del petrolio. Il prezzo è una variabile esogena di notevole impatto sul sistema macroeconomico per gli effetti che produce sull attività economica, sull inflazione e quindi sul benessere generale globale. 31 Toe: tonnellate di energia 22

23 Vediamo adesso, nel pratico, che cosa succede all economia in seguito ad un aumento del prezzo del petrolio partendo dall analisi del modello di domanda e offerta aggregata. Il modello AS-AD descrive l andamento della produzione e dei prezzi; tenendo in considerazione l equilibrio sui mercati reali, finanziari e del lavoro. L equazione di offerta aggregata descrive gli effetti della produzione sul livello dei prezzi ed è derivata dall equilibrio nel mercato del lavoro; è una relazione tra il livello attuale dei prezzi, il livello atteso dei prezzi e il livello di produzione; un livello atteso dei prezzi si riflette interamente in un maggior livello effettivo dei prezzi. L equazione della domanda aggregata descrive l effetto dell aumento dei prezzi sul livello di produzione ed è derivata dall equilibrio nei mercati reali finanziari Fonte: Macroeconomia, Olivier Blanchard 23

24 Supponiamo adesso che, prima di un aumento del prezzo del petrolio, nel nostro modello di domanda e offerta aggregata l economia si trovasse nel punto E, con la produzione al suo livello naturale Y e un livello dei prezzi pari a P = P. Un aumento dei prezzi del petrolio può essere rappresentato con un aumento del markup; 33 dati i salari, infatti, i costi di produzione aumentano e le imprese sono costrette ad alzare i prezzi facendo aumentare di conseguenza il livello dei prezzi per ogni dato livello di produzione. La curva di offerta aggregata si sposta nel breve periodo 33 markup: rapporto tra il prezzo di un bene o servizio ed il suo costo. Può essere espresso come un importo fisso o come percentuale del totale del costo o del prezzo di vendita. 24

25 verso l alto; il nuovo punto di equilibrio non si trova più in E bensì in E vedendo un calo della produzione che passa da Y ad Yn ed aumento del livello dei prezzi da P a Pe. Per quanto riguarda la curva AD, curva cioè della domanda di offerta aggregata, supponiamo che essa non subisca spostamenti; un aumento del prezzo del petrolio potrebbe indurre le imprese ad attuare piani differenti di investimento affiancati da una possibile maggiore propensione al risparmio da parte dei consumatori che potrebbe annullare gli effetti dello spostamento della domanda aggregata. Riassumendo: l aumento del prezzo del petrolio induce le imprese ad aumentare i prezzi; a sua volta segue un calo della domanda con conseguente riduzione della produzione. Nel corso del tempo la produzione continua a diminuire ed il livello dei prezzi aumenta ulteriormente; questo fenomeno fu battezzato negli anni 70, a seguito del primo shock petrolifero che causò recessione e forte inflazione, con il termine stagflazione, che conia la parola inflazione con stagnazione economica. Vediamo nel grafico seguente la relazione tra il prezzo del petrolio, la produzione ed il GDP ( Gross Domestic Production), ovvero osserviamo come un aumento del prezzo petrolifero faccia calare la produzione e di conseguenza il GDP nell area dell Euro. La scelta di concentrare l osservazione su tale area sta nel fatto che l Europa è quasi totalmente dipendente dalle importazioni di greggio e quindi la sua crescita economica è maggiormente influenzata da un calo od un aumento del prezzo del petrolio. 25

26 Fonte: Lanxsatura.org grafico costruito con dati Eurostat. E evidente dal grafico che quando il prezzo del petrolio sale eccessivamente il PIL cala; infatti, prima che il prezzo cominciasse a scendere a seguito della crisi economica e finanziaria del 2008, il PIL ha iniziato a diminuire toccando i livelli minimi nel Dopo una ripresa della crescita economica, il picco dei prezzi petroliferi ha danneggiato nuovamente l incremento del PIL, il quale è in continua discesa a partire da maggio 2010 (soprattutto nell'area Euro, totalmente dipendente dalle importazioni). Per quanto riguarda la produzione industriale, un suo aumento richiede un maggiore utilizzo della fonte energetica (nel nostro caso il petrolio); un aumento del consumo comporta una maggiore domanda e di conseguenza il prezzo sale. Ma quando tale prezzo aumenta eccessivamente interviene la recessione e la produzione cala seguita dal prezzo, poiché cala la domanda, e dal PIL. Dal 2009 al 2011 la produzione è tornata a salire e con essa il prezzo del petrolio grazie alla domanda che è tornata ad aumentare, ma oggi siamo nuovamente ad un prezzo che l'economia non è in grado di supportare a lungo e la recessione inizia nuovamente a farsi avanti. La produzione industriale ha nuovamente iniziato a calare e con essa il PIL. 26

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la QUADRO CONGIUNTURALE DEL SETTORE MANIFATTURIERO, DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Primo semestre 2007 1. La congiuntura economica internazionale In questo primo semestre del

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio Seminario AIEE IL SISTEMA ENERGETICO ITALIANO NEL 2014 E VERSO IL 2015: SITUAZIONI E TENDENZE IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014 1 aprile 2015 Centro Studi Americani Via Michelangelo Caetani, 32

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Luigi Muzzioli L INFLUENZA DEL PREZZO DEL PETROLIO SUGLI INDICI AL CONSUMO NEGLI ULTIMI 10 ANNI

Luigi Muzzioli L INFLUENZA DEL PREZZO DEL PETROLIO SUGLI INDICI AL CONSUMO NEGLI ULTIMI 10 ANNI Luigi Muzzioli L INFLUENZA DEL PREZZO DEL PETROLIO SUGLI INDICI AL CONSUMO NEGLI ULTIMI 10 ANNI Roma - 2012 1 1. INTRODUZIONE Il petrolio, il cui utilizzo è antichissimo, prende il nome dal termine classico

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI PREZZI DELLA FILIERA DEI PRODOTTI PETROLIFERI, NONCHE SULLE RICADUTE DEI COSTI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE E SULLA COMPETITIVITÀ

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili Gli stadi dell attività energetica (in generale) Scoperta Estrazione Trasformazione

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Il grande vantaggio per l Italia del petrolio a basso costo

Il grande vantaggio per l Italia del petrolio a basso costo 7-02-2015 Numero 15-5 NOTA DAL CSC Il grande vantaggio per l Italia del petrolio a basso costo Con il greggio a 45 dollari al barile l Italia risparmia 24 miliardi di euro all anno, di cui 10 le famiglie.

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti Edgardo Curcio Presidente AIEE Milano, 20 maggio 2010 La produzione di biocarburanti

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili

Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili ANALISI ECONOMICA SULLE TENDENZE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili Nonostante in questi ultimi mesi il prezzo del petrolio sia calato, quello

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Le nozioni di base della domanda e dell offerta

Le nozioni di base della domanda e dell offerta Capitolo 2 Le nozioni di base della domanda e dell offerta A.A. 2005-2006 Microeconomia - Cap. 2 1 Questo file (con nome cap_02.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file Provvisoriamente anche

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

Rimini, 24 agosto 2006 ENERGIA AL DI LÀ E AL DI QUA DELLE ALPI

Rimini, 24 agosto 2006 ENERGIA AL DI LÀ E AL DI QUA DELLE ALPI Rimini, 24 agosto 2006 ENERGIA AL DI LÀ E AL DI QUA DELLE ALPI Buon pomeriggio a tutti, come potete immaginare, con il lavoro che faccio, di questi tempi non mi si parla d altro che di petrolio. Anche

Dettagli

NOTA DAL C.S.C. INTENSIT, DIPENDENZA E BOLLETTA PETROLIFERA. Ciro Rapacciuolo e Andrea Zazzarelli. LÊintensità petrolifera dellêeconomia

NOTA DAL C.S.C. INTENSIT, DIPENDENZA E BOLLETTA PETROLIFERA. Ciro Rapacciuolo e Andrea Zazzarelli. LÊintensità petrolifera dellêeconomia 28 settembre 2005 Numero 05-5 NOTA DAL C.S.C. INTENSIT, DIPENDENZA E BOLLETTA PETROLIFERA Ciro Rapacciuolo e Andrea Zazzarelli Per valutare gli effetti economici dellêaumento dei prezzi del petrolio è

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas.

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. FABBISOGNO ENERGETICO Il consumo interno lordo del Paese

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE L'industria italiana della raffinazione apporta un contributo sostanziale all economia italiana. Il settore impiega circa 7000 persone, con circa altre 7600 che lavorano

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 04.12.2015.

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Camera Commissione Attività Produttive Roma, 5 marzo 2014 Temi chiave 1) LA RAFFINAZIONE

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI

SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI LO SCENARIO INTERNAZIONALE PETROLIO: DOMANDA ANCORA IN CRESCITA, PREZZO DEL BARILE AI MINIMI Nel 2014 la domanda

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Petrolio 2.0. Di Roberto Meregalli 1 (meregalli.roberto@gmail.com) 22 luglio 2015

Petrolio 2.0. Di Roberto Meregalli 1 (meregalli.roberto@gmail.com) 22 luglio 2015 Petrolio 2.0 E passato un anno dall inatteso crollo delle quotazioni petrolifere che portò il prezzo del greggio dal valore di 116,7 dollari al barile del giugno 2014 a quello di 58 dollari del gennaio

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Macroeconomia II a parte

Macroeconomia II a parte Macroeconomia II a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Risparmio ed investimento; Propensione al consumo e al risparmio; Propensioni marginali; La determinazione

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Sezione 2: Macroeconomia Capitolo 10: Problemi 1, 2, 4; Capitolo 11: Problemi 4, 5, 9: Capitolo 12: Problemi

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli