Il Ministro saudita del ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO SCENARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Ministro saudita del ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO SCENARI"

Transcript

1 SCENARI di Ali Aissaoui* ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO Policy makers, not only in the Western world, have recognized since long time that moral philosophy can provide guidance on issues of public policy. This article revisits the notion of a «fair price» for oil and explores the extent to which such a price can be better determined by integrating social ethics with economics and politics. Da tempo i policy makers, non solo del mondo occidentale, hanno riconosciuto il ruolo della filosofia morale nel fornire una guida alle questioni di carattere politico. Questo articolo cerca di rivisitare il concetto di «prezzo equo» applicato al caso del petrolio e di esaminare come un simile prezzo può essere determinato al meglio integrando aspetti di etica sociale con aspetti economici e politici. * Senior Consultant, Arab Petroleum Investments Corporation (APICORP), Arabia Saudita Il Ministro saudita del Petrolio e delle Risorse Minerarie Ali al-naimi ha recentemente definito «bellissimi» gli attuali prezzi del petrolio ( 1 ). È accaduto all apertura del meeting OPEC di metà marzo, quando i prezzi si aggiravano sugli 80 doll./bbl. Più di recente, a Cancun in occasione dell International Energy Forum (un momento di dialogo tra produttori e consumatori), ha sostenuto che i prezzi sono «prossimi alla perfezione». Le dichiarazioni del Ministro Naimi sulla bellezza e quasi perfezione dei prezzi del petrolio riflettono la sua soddisfazione nei confronti di un mercato che converge verso quotazioni che i sauditi ritengono «adeguate». Chi ci legge forse ricorda che a dicembre 2008, quando l OPEC si trovava nel bel mezzo di una crisi gestionale, il Re saudita Abd Allah auspicava che i prezzi del petrolio «aumentassero e si stabilizzassero intorno ai 75 doll./bbl». Aggiungeva anche: «Dal nostro punto di vista, 75 doll./bbl rappresentano un prezzo giusto» ( 2 ). Da quel momento, le quotazioni sono significativamente aumentate e in un certo senso si sono stabilizzate: dal minimo di 40 doll./bbl risalente alla citata dichiarazione del Re saudita ai circa 80 di marzo-aprile Dimostrando leadership e fiducia, il Re e il Ministro del Petrolio sauditi hanno assunto una posizione etica che vale la pena di esaminare. Dai tempi di Aristotele, i policy makers non solo del mondo occidentale (anche i pensatori arabi, nei quali si ritrova una forte impronta dei lavori del filosofo greco, ne sono stati profondamente influenzati) hanno riconosciuto il ruolo dell etica (filosofia morale) nel fornire una guida alle questioni di carattere politico. In questo articolo ( 3 ) cercherò di rivisitare il concetto di «prezzo giusto» applicato al caso del petrolio e di esaminare in che misura un simile prezzo può essere determinato al meglio integrando aspetti di etica sociale con aspetti economici e politici. Concluderò la mia analisi offrendo la mia opinio- 14

2 ne su ciò che l equità dovrebbe significare per i Paesi esportatori di petrolio. 1. IL «PREZZO GIUSTO»: UN CONCETTO NON NUOVO Nonostante il crescente interesse per il ruolo svolto dal principio di equità nelle decisioni economiche, le principali scuole di pensiero tendono ad evitare i dibattiti sul prezzo ritenuto equo. Di recente ho avuto la preziosa opportunità di parlare con Martin Feldstein, Professore di economia di Harvard, presente alla Robeco Middle East Investor Conference tenutasi ad Abu Dhabi; in questa occasione, il Professore ha condiviso con i partecipanti la sua visione in merito alla «nuova normalità» dell economia statunitense. Una delle domande che gli sono state poste riguardava gli effetti sulla leadership mondiale americana del crescente riallineamento dei poteri e delle sfere di influenza a favore dei principali Paesi emergenti. La domanda postagli successivamente si riferiva invece alla capacità dell Arabia Saudita di ancorare le aspettative del mercato petrolifero attorno ad un prezzo che la stessa riconosce come equo e a come questa condizione potesse mettere in discussione il concetto di mercato che hanno gli Stati Uniti. In altre circostanze, il Professor Feldstein si sarebbe soffermato sulla politica del petrolio, ma non questa volta ( 4 ). Dopo aver brevemente riconosciuto il recuperato potere di mercato dell OPEC e il ruolo stabilizzatore del suo Paese leader, si è focalizzato sul concetto di «prezzo equo» da cui ha tuttavia preso le distanze. Quel che interessa agli economisti questo è quello che sembrava suggerire il Professore nel suo discorso non è se un prezzo è equo o meno, bensì se è un prezzo efficiente. Secondo i testi di economia, il prezzo efficiente è quello che mantiene in equilibrio il mercato bilanciando domanda e offerta e trasmette segnali corretti per investire e disinvestire. Non tutti gli economisti si dissociano da questo concetto «non-economico» di prezzo. Nel tanto acclamato Animal Spirit, Akerlof e Shiller si appellano all economia comportamentale (e al dimenticato concetto della Teoria Generale di Keynes da cui il loro libro mutua il titolo) per dedicare un capitolo intero all importanza, alle esperienze pratiche e alle teorie dell equità ( 5 ). Gli autori osservano che gli studi economici recenti hanno un punto di vista ambiguo circa il concetto di equità dal momento che «se da un lato esiste un ampia letteratura su ciò che è giusto e ciò che non lo è, dall altro esiste anche una lunga tradizione secondo la quale simili considerazioni hanno un ruolo secondario nello spiegare gli eventi economici». Per Akerlof e Shiller giustizia significa chiamare in causa argomenti di etica economica basati sulla teoria dell equità e più in generale su norme sociologiche. Sottolineando che «le considerazioni sull equità sono uno dei principali motori di molte decisioni economiche», incluse quelle relative ai prezzi, affermano che i decision makers possono essere influenzati secondo modalità che esulano dai metodi e dalle assunzioni proprie della teoria economica convenzionale. 2. MERCATI CHE NON FUNZIONANO BENE NON POSSONO PRODURRE UN PREZZO EQUO Per essere corretti nei confronti degli economisti tradizionali, bisognerebbe riconoscere i loro sforzi per allontanarsi dagli ideali di mercati efficienti e aspettative razionali. Nonostante un simile impegno, tuttavia, possono trovarsi alle prese con le imperfezioni del mercato. Nel caso di quello petrolifero, queste imperfezioni sono numerosissime. E ciò non sorprende data la natura strategica delle risorse naturali, la complessità delle attrezzature usate per la loro estrazione, la loro commercializzazione come commodities da un lato e i comportamenti e gli interessi dei principali attori del mercato dall altro. Questi ultimi comprendono l impatto dei regimi fiscali nei Paesi ospiti, le politiche produttive dell OPEC, le scorte strategiche e commerciali, la concentrazione del comparto raffinazione, la tassazione sui consumi finali, le esternalità di carattere sociale ed ambientale, la copertura e la speculazione nei mercati dei futures, nonché la velocità di elaborazione dell informazione e della comunicazione. In queste condizioni il mercato può raggiungere una posizione di equilibrio a qualsiasi livello di prezzo, molto probabilmente collocandosi tra il costo marginale di produzione e il prezzo di un bene sostituto; e i prezzi di oggi possono differire da quelli di domani. La Fig. 1 illustra l andamento erratico del mercato petrolifero degli ultimi anni riportando l evoluzione di due serie di indici di prezzo del West Texas Intermediate (WTI) scambiato sul più grande mercato mondiale dei futures petroliferi, il New York Mercantile Exchange (Nymex). Il primo indice è il prezzo futures per consegne ravvicinate nel tempo, mentre il secondo è il differenziale tra i contratti di prima e quarta scadenza, considerato come proxy dei futures 15

3 Fig. 1 - WTI: PREZZI SPOT E FUTURES (doll./bbl) Futures 1 a scadenza (sc. sn) Max giornaliero 125 Differenz. tra futures 1 a scadenza e 4 a scadenza 145,18 doll./bbl (sc. dx) il 14/7/ a scadenza Fonte: APICORP Research su dati DOE-IEA. Min giornaliero 33,87 doll./bbl il 19/12/ (per coerenza statistica, il contratto a un mese viene considerato come proxy del prezzo spot). Il diverso andamento seguito dai due indici è evidente. Per il primo, colpisce non tanto la normale volatilità inter-day dei prezzi quanto piuttosto le loro brusche oscillazioni. Nel secondo caso, spicca non tanto la normale alternanza tra backwardation (basi positive) e contango (basi negative) quanto la loro profondità. Molte sono state le spiegazioni proposte per chiarire i fattori alla base di questi atipici andamenti. Tra queste, l evoluzione della domanda e dell offerta e come su di esse agiscano parametri quali l anelasticità al prezzo, variabili macroeconomiche, incertezze di natura geopolitica, politiche dei Paesi produttori. Queste spiegazioni si sono estese a includere il significativo aumento delle attività di trading sui mercati dei futures e gli effetti di un eccessiva speculazione ( 6 ). Anche se nel complesso persuasive, queste motivazioni non sono risultate a posteriori del tutto convincenti. Semplicemente osservando la Fig. 1 si evince come le oscillazioni verificatesi negli ultimi anni nei prezzi a pronti siano state troppo forti per essere ascrivibili allo slittamento delle curve di domanda e di offerta e come i differenziali tra i futures siano stati troppo ampi per essere unicamente il riflesso di un cambiamento nel livello delle scorte di petrolio. Questo ci porta a ritenere che i mercati petroliferi non abbiano funzionato in modo corretto, in quanto hanno fallito nel riflettere i fondamentali reali. Ed è difficile che un mercato mal funzionante possa portare ad un prezzo equo. 3. L INCONTRO DI ETICA, ECONOMIA E POLITICA Se il mercato non è in grado di pervenire ad un prezzo equo, dobbiamo guardare oltre. Esattamente un anno fa, Fig. 2 - LA CONVERGENZA DI ETICA, ECONOMIA E POLITICA Fonte: APICORP Research. POLITICA sostenibilità fiscale) Differenziale ETICA equità) nell aprile 2009, tentavo di dimostrare che i prezzi del petrolio probabilmente si formano dall incontro di tecnologia, economia e politica ( 7 ). Ipotizzando che la tecnologia sia un fattore implicito dell economia, possiamo ricomporre la triade di cui sopra sostituendo l etica alla tecnologia (Fig. 2). Coerentemente con il nostro precedente processo di valutazione, il livello di prezzo del petrolio che dovrebbe considerarsi equo poggia su tre interrelati elementi che agiscono direttamente sulle quotazioni petrolifere: economia, politica ed etica. L economia è la parte relativamente più semplice di questa analisi. Fa riferimento alla fattibilità dei progetti upstream sotto predefinite condizioni geologiche, tecnologiche, ambientali e di rischio di mercato. Per ogni dato progetto, l attenzione è rivolta al ritorno atteso necessario a giustificare l investimento stesso. Questo dovrebbe riflettersi nei costi di esplorazione, sviluppo e produzione, così come nel costo del capitale e nel premio per il rischio. In questo caso, la determinante principale del prezzo è il costo ex-ante di un barile di petrolio ottenuto dal progetto. L elemento politico fa riferimento alla sovranità dei governi e include la definizione ECONOMIA fattibilità del progetto) 16

4 degli obiettivi, i processi decisionali e gli interventi in materia di legislazione, regolazione e questioni fiscali. L arena politica può arrivare a comprendere istituzioni come l OPEC. L attenzione è posta sulle politiche fiscali dei Paesi produttori. In questo caso, la determinante principale del prezzo è il valore fiscale delle risorse petrolifere che può essere facilmente stimato usando adeguati strumenti di analisi. Per contro, il terzo ed ultimo elemento è piuttosto elusivo. Trattandosi di un sotto-settore dell etica applicata, l etica sociale ha a che fare con gli obblighi morali delle istituzioni. Si discosta dall etica normativa (ovvero cosa gli individui pensano o credono sia giusto o sbagliato) e dalla meta-etica (ovvero la natura e il significato delle affermazioni morali e dei giudizi). Sfortunatamente questo elemento, che dovrebbe fornire una base concreta per presumere l equità, mette in dubbio l efficacia del contesto proposto. Qualunque sia la sua base filosofica, sociologica e religiosa, difficilmente può venire rappresentato con misure e specifiche precise. Il nostro contesto soffre anche di altri limiti. Da quando nel 2007 i prezzi sono entrati per la prima volta nella banda di oscillazione dei doll./ bbl, ne abbiamo valorizzato e migliorato considerevolmente i suoi principali elementi costitutivi ( 8 ). Tuttavia l approccio, nel suo complesso, rimane parziale nei confronti dei produttori, vale a dire sia delle compagnie coinvolte nella fattibilità dei progetti che dei governi preoccupati della sostenibilità fiscale. Un quadro più esaustivo comporterebbe inevitabilmente molte diverse percezioni di equità e, pertanto, difficilmente potrebbe portare ad una soluzione appropriata. 3. ALLA RICERCA DI UN PREZZO ACCETTABILE Al centro della questione vi è la dicotomia tra Paesi esportatori e Paesi importatori, ben rappresentata dall estrema differenza tra le rispettive strutture di commercio, PIL, introiti governativi. Ad esempio, secondo le statistiche più recenti, nei Paesi dell International Energy Agency (IEA) le importazioni di energia rappresentano circa il 21% delle importazioni complessive mentre il commercio di energia (sia import che export) rappresenta circa il 7% del PIL aggregato. Per contro, nei Paesi esportatori di petrolio dell OPEC, greggio, prodotti petroliferi, gas naturale e GNL rappresentano circa l 85% delle esportazioni totali e il commercio di petrolio contribuisce al 44% circa del PIL aggregato. Similmente, nonostante il fatto che da un barile di petrolio i Paesi IEA ottengano più ricavi grazie alla tassazione dei prodotti petroliferi consumati di quanto quelli OPEC ottengano dalla tassazione della produzione del greggio, la quota di queste rispettive entrate sul totale dei budget governativi è del 7% per l IEA e del 72% per l OPEC. Di conseguenza, i Paesi esportatori di petrolio che hanno un modello macroeconomico più costante risultano molto più vulnerabili a una riduzione dei prezzi del petrolio di quanto non lo siano i Paesi importatori di energia ad un aumento degli stessi. È importante notare a tale proposito che nel riesaminare la letteratura relativa all impatto delle quotazioni petrolifere nei Paesi consumatori, alcuni accademici di Oxford hanno recentemente reinterpretato le analisi che ne risultavano al fine di indagare l ampiezza dell impatto e spiegare il modesto contraccolpo che oggi provocano prezzi del petrolio relativamente più alti. A sostegno delle loro argomentazioni, hanno osservato che fino a metà 2008 si è verificato «un aumento stabile dei prezzi del petrolio sino al raggiungimento di record storici senza che ciò abbia comportato alcun impatto negativo osservabile sugli indicatori macroeconomici» ( 9 ). La recessione globale è stata causata dagli squilibri mondiali di parte corrente piuttosto che dai prezzi del greggio. Secondo le analisi empiriche convenzionali, questi autori hanno voluto fare una provocazione: i prezzi del petrolio sono la determinante del ciclo macroeconomico ed il protrarsi nel tempo di un loro alto livello influenza in modo significativo la bilancia dei pagamenti, la crescita, l inflazione e, da ultimo, la disoccupazione. È innegabile, tuttavia, che i Paesi in via di sviluppo che importano energia risentano negativamente degli effetti distributivi dei prezzi del petrolio e che dispongano di limitate capacità fiscali per moderare tali effetti. Nonostante queste grandi differenze in termini di vulnerabilità dei diversi Paesi, i prezzi attuali (sugli 80 doll./bbl al momento in cui scrivo) sembrano accettabili per tutti. «È un prezzo dolce», come lo definisce Kenneth S. Rogoff, Professore di finanzia internazionale ad Harvard. «Non è troppo basso da ostacolare la domanda di fonti energetiche rinnovabili o da provocare debiti o crisi di natura fiscale nei Paesi esportatori di petrolio. E non è così alto da impoverire ulteriormente i Paesi africani e da minacciare la ripresa economica negli Stati Uniti e in Europa» ( 10 ). Ma bisognerebbe fidarsi ciecamente di Rogoff per inferire che la definizione di «prezzo dolce» sia una metafora per intendere «prezzo equo». 17

5 4. CONCLUSIONI L introduzione dell etica nei discorsi sui prezzi del petrolio può essere interpretata come sintomo di fallimento sia del mercato che della politica basati sull economia tradizionale. Nell ambito degli sforzi compiuti dagli economisti comportamentali nel fornire un solido fondamento intellettuale ai principi etici, la caratterizzazione dei prezzi del petrolio in termini di equità può essere interpretata come esito di una sincera preoccupazione per i loro effetti economici negativi sui Paesi sia esportatori che importatori. Equità, tuttavia, non significa redistribuzione della ricchezza. Dal punto di vista dei Paesi produttori, ciò che interessa è la rendita petrolifera, vale a dire quella parte delle entrate, al netto dei costi degli input e di un normale tasso di ritorno, che potrebbe essere catturata attraverso un appropriato regime fiscale. In questo caso, un prezzo equo del petrolio dovrebbe scaturire dalla convergenza tra fattibilità dei progetti per le compagnie e sostenibilità fiscale per i governi. Fin quando avranno sufficiente potere di mercato, i Paesi produttori cercheranno e riusciranno ad influenzare il mercato per soddisfare le loro aspettative. Equità potrebbe ulteriormente significare che nessuna misura politica venga adottata senza tener in debito conto il suo impatto sui Paesi importatori di energia economicamente più vulnerabili. Questo articolo, pubblicato col titolo On Being Fair, Beautiful and Nearly Perfect: A Reflection On The Ethics, Economics And Politics Of Oil Prices sul numero di aprile 2010 di «Economic Commentary» di APICORP Research e sul «Middle East Economic Survey» del 12 aprile 2010, è qui riprodotto per gentile concessione dell Autore. NOTE ( 1 ) La citazione completa riportata dalla stampa è: «Domanda buona, offerta affidabile, prezzi bellissimi siamo molto felici». ( 2 ) Intervista del Re Abd Allah al quotidiano kuwaitiano «Al-Seyassah» del 29 novembre ( 3 ) Questo articolo riprende l argomento che ho sviluppato nel paper GCC Oil Price Preferences: At the Confluence of Global Energy Security and Local Fiscal Sustainability, di prossima pubblicazione in Emirates Centre for Strategic Studies and Research (ECSSR), Energy Security in the Gulf: Challenges and Prospects, Atti della XV Annual Energy Conference dell ECSSR svoltasi ad Adu Dhabi il novembre ( 4 ) Di solito gli argomenti politici vengono adattati all uditorio. Cfr. KISSINGER H.A. e FELDSTEIN M., The Power of Oil Consumers, in «The Washington Post», 18 settembre 2008, http//www.washingtonpost.com/wpdyn/content/article/2008/ 09/17/AR html ( 5 ) AKERLOF G.A. e SHILLER R.J. (2009), Animal Spirits: How Human Psychology Drives the Economy and Why It Matters for Global Capitalism, Princeton University Press, Princeton e Oxford. ( 6 ) Sul funzionamento dell attuale sistema di prezzi del petrolio, cfr. per esempio FATTOUH B. (2006), The Origins and Evolution of the Current International Oil Pricing System: A Critical Assessment, in MABRO R. (a cura di), Oil in the 21 st Century: Issues, Challenges, and Opportunities, Oxford University Press, Oxford, p Per i fattori responsabili delle variazioni dei prezzi, cfr. HAMILTON J.D. (2008), Understanding Crude Oil Prices, mimeo, University of California, San Diego, dicembre. ( 7 ) AISSAOUI A., What is a Fair Price for Oil and What Makes $ 75 a Barrel Seem Fair?, Op-Ed, in «MEES» del 6 aprile ( 8 ) AISSAOUI A., OPEC: Today s Market Dilemma and Tomorrow s Investment Challenge, relazione di presentazione al III Summit OPEC, Riyadh, novembre 2007; e successivi paper (ibid.). ( 9 ) SEGAL P. (2007), Why Do Oil Price Shocks No Longer Shock?, Working Paper 35, Oxford Institute for Energy Studies, ottobre, p. 2. Le argomentazioni di Segal sono state aggiornate in un articolo di commento sul «Financial Times» del 1 settembre 2009 intitolato Searching in Vain for the Oil Shock Effect, 09/01/comment-searching-in-vain-for-the-oil-shock-effect/ ( 10 ) KRAUS C., Oil Prices Find a Sweet Spot for World Economy, in «The New York Times», 31 marzo 2010, 18

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1 Canada Energia 2014 Nell ultima relazione della Commissione Nazionale Energetica Canadese (NEB) sono stati evidenziati i trend più importanti relativi alla produzione, al consumo, e agli interscambi di

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti rubrica a cura di Martino Conserva VALUTAZIONE DI RISCHIO Nonostante il «cuscinetto» rappresentato dalle ingenti attività finanziarie estere degli Emirati, la recessione

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione Prof. Gianmaria Martini Cosa studia l economia L economia è la scienza delle decisioni di soggetti razionali

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili Gli stadi dell attività energetica (in generale) Scoperta Estrazione Trasformazione

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

Obbligazioni: i migliori rendimenti sul Mot. E poi occasioni di bond con alti yield più le relative azioni: l oil americano è a sconto!

Obbligazioni: i migliori rendimenti sul Mot. E poi occasioni di bond con alti yield più le relative azioni: l oil americano è a sconto! Cedole & dividendi Obbligazioni: i migliori rendimenti sul Mot. E poi occasioni di bond con alti yield più le relative azioni: l oil americano è a sconto! Volatilità non solo in ambito azionario, ma anche

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky

Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky Presentazione a cura di Elisabetta Pellini e Greta Vitali 1 Introduzione Contesto specifico: determinazione di un nesso causale fra

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Castellanza, 5 Ottobre 2009 Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Petrolio,Trading & Risk Management Fabio Di Benedetto Riferimenti

Dettagli

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime?

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? 11 Aprile, 2011 L aumentare della Violenza fa Salire il Prezzo del Petrolio Le continue e crescenti crisi tra le nazioni produttrici di petrolio

Dettagli

-13.9% -17.7% -20.9% Migliori -28.3% -30.0% -30.9%

-13.9% -17.7% -20.9% Migliori -28.3% -30.0% -30.9% P Mirko. maglia nera delle commodity Settimana negativa per l indice generale GSCI ER (-3,1) penalizzato dalle vendite sul comparto energia. In calo anche gli altri settori ad eccezione dei metalli preziosi.

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

RIPENSARE IL MANAGEMENT IN UN MONDO INTERCONNESSO

RIPENSARE IL MANAGEMENT IN UN MONDO INTERCONNESSO La scienza della complessità applicata al management Newton Management Innovation Training Center Corso Sempione, 68 Milano Docenti Alessandro Cravera Partner Newton Management Innovation Marinella De

Dettagli

ULISSE E LE SIRENE DEL PETROLIO. Enrico Moretti Festival dell Economia 2008 Trento

ULISSE E LE SIRENE DEL PETROLIO. Enrico Moretti Festival dell Economia 2008 Trento ULISSE E LE SIRENE DEL PETROLIO Enrico Moretti Festival dell Economia 2008 Trento Introduzione Il prezzo del petrolio e delle materie prime e molto alto Molti paesi produttori sono in via di sviluppo

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 23 agosto 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

NBER Working Paper 4587. 5 Bond, S., M. Hawkins, and A. Klemm, 2004, Stamp Duty on Shares and Its Effect on Share

NBER Working Paper 4587. 5 Bond, S., M. Hawkins, and A. Klemm, 2004, Stamp Duty on Shares and Its Effect on Share exuberance, bolle e successive implosioni sono da ricondursi a eccessi nel ciclo del credito (leverage): crescita della leva nelle fasi espansive, seguita poi da implosioni della stessa (deleverage) con

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Panorama sull Energia

Panorama sull Energia Panorama sull Energia I Fondamentali permetteranno prezzi del petrolio più elevati? 21 Febbraio 2011 Venerdì i futures sul petrolio Brent sono scesi sul NYMEX a $102,52, scivolando dal recente massimo

Dettagli

I crescenti collegamenti fra mercati delle materie prime e mercati finanziari

I crescenti collegamenti fra mercati delle materie prime e mercati finanziari mercato sembra abbondante, ma evapora rapidamente quando i mercati entrano in tensione. In particolare, nei periodi di grossi squilibri negli ordini, i gestori di portafogli e gli investitori istituzionali

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Caso 1 La politica monetaria negli USA Prof. Gianmaria Martini La congiuntura degli USA Il Sole-24 Ore utilizza frequentemente

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

La sicurezza dell approvvigionamento energetico

La sicurezza dell approvvigionamento energetico La sicurezza dell approvvigionamento energetico * L urgenza di un azione comune e coordinata Durante il programma europeo di ricerca sulla sicurezza dell approvvigionamento energetico, Coordinating Energy

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

In questo report volevo affrontare una opportunità di Trading di attualità sul mercato azionario, del tipo Long-Short, detto anche spread trading.

In questo report volevo affrontare una opportunità di Trading di attualità sul mercato azionario, del tipo Long-Short, detto anche spread trading. In questo report volevo affrontare una opportunità di Trading di attualità sul mercato azionario, del tipo Long-Short, detto anche spread trading. Andiamo direttamente a spiegare quale è l idea di fondo.

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Conferences 2004. Le risorse fossili: nuove frontiere, nuovi modelli di business e nuove tecnologie. Palazzo Brancaccio, Roma venerdì, 11 giugno 2004

Conferences 2004. Le risorse fossili: nuove frontiere, nuovi modelli di business e nuove tecnologie. Palazzo Brancaccio, Roma venerdì, 11 giugno 2004 Conferences 2004 Le risorse fossili: nuove frontiere, nuovi modelli di business e nuove tecnologie Palazzo Brancaccio, Roma venerdì, 11 giugno 2004 PROGRAMMA ITALIANO INGLESE Contenuti della Conferenza

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

Energy Efficiency Policies around the World: Review and Evaluation Gilberto Callera Presidente WEC Italia

Energy Efficiency Policies around the World: Review and Evaluation Gilberto Callera Presidente WEC Italia Energy Efficiency Policies around the World: Review and Evaluation Gilberto Callera Presidente WEC Italia 25 febbraio 2008 World Energy Council 2007 Perché Efficienza Energetica? 1. Grande volatilità dei

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Il tight oil USA ed i suoi effetti sul mercato petrolifero

Il tight oil USA ed i suoi effetti sul mercato petrolifero Il tight oil USA ed i suoi effetti sul mercato petrolifero Lo sfruttamento dei giacimenti non convenzionali negli USA ha rappresentato la maggiore discontinuità nel mercato petrolifero degli ultimi decenni.

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Energy price instability

Energy price instability Settembre 215 1 Energy price instability Milan, Axpo 21 settembre 215 Davide Tabarelli, Nomisma Energia Settembre 215 2 Agenda Price instability Future energy demand OPECs and supply paradoxes Big revolutions

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

WHAT IS THIS THING CALLED CONFIDENCE?

WHAT IS THIS THING CALLED CONFIDENCE? WHAT IS THIS THING CALLED CONFIDENCE? A COMPARATIVE ANALYSIS OF CONSUMER CONFIDENCE INDEXES IN AUSTRALIA, EUROPE AND THE USA di Roberto Golinelli * e Giuseppe Parigi ** * Department of Economics, University

Dettagli

NOTA DAL C.S.C. INTENSIT, DIPENDENZA E BOLLETTA PETROLIFERA. Ciro Rapacciuolo e Andrea Zazzarelli. LÊintensità petrolifera dellêeconomia

NOTA DAL C.S.C. INTENSIT, DIPENDENZA E BOLLETTA PETROLIFERA. Ciro Rapacciuolo e Andrea Zazzarelli. LÊintensità petrolifera dellêeconomia 28 settembre 2005 Numero 05-5 NOTA DAL C.S.C. INTENSIT, DIPENDENZA E BOLLETTA PETROLIFERA Ciro Rapacciuolo e Andrea Zazzarelli Per valutare gli effetti economici dellêaumento dei prezzi del petrolio è

Dettagli

Lezione 8. Politica Economica Avanzata A.A 2009-10

Lezione 8. Politica Economica Avanzata A.A 2009-10 Lezione 8 Politica Economica Avanzata Alcuni approfondimenti sul concetto di complementarietà/sostituibilità Abbiamo visto che il grado di concorrenza sembra favorire la crescita della produttività dell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop ed il SOCIAL HOUSING Buongiorno a tutti, oggi abbiamo ascoltato molte cose interessanti; abbiamo

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Ancora vendite sulle materie prime

Ancora vendite sulle materie prime Ancora vendite sulle materie prime L indice generale GSCI ER (-2,1) ha chiuso in calo per la quinta settimana consecutiva aggiornando i minimi dal 1999 con ribassi generalizzati ad eccezione dei preziosi.

Dettagli

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015 P al massimo del 2015 20 aprile 2015 La scorsa settimana l indice generale GSCI ER (4,2) è salito fortemente, tornando al massimo da quasi 2 mesi, grazie al forte recupero delle quotazioni petrolifere.

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Applicazione dell articolo 5 del d. lgs. n.164/2000. Criteri di valutazione per il riconoscimento della marginalità economica di un giacimento di idrocarburi. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PREMESSA Con

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.11. Combustibili e carburanti liquidi P.11

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.11. Combustibili e carburanti liquidi P.11 Combustibili e carburanti liquidi 129 Situazione attuale La dipendenza da combustibili e carburanti fossili di derivazione petrolifera (olio combustibile, benzina, diesel, cherosene per aviazione e navigazione)

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli