Il Ministro saudita del ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO SCENARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Ministro saudita del ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO SCENARI"

Transcript

1 SCENARI di Ali Aissaoui* ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO Policy makers, not only in the Western world, have recognized since long time that moral philosophy can provide guidance on issues of public policy. This article revisits the notion of a «fair price» for oil and explores the extent to which such a price can be better determined by integrating social ethics with economics and politics. Da tempo i policy makers, non solo del mondo occidentale, hanno riconosciuto il ruolo della filosofia morale nel fornire una guida alle questioni di carattere politico. Questo articolo cerca di rivisitare il concetto di «prezzo equo» applicato al caso del petrolio e di esaminare come un simile prezzo può essere determinato al meglio integrando aspetti di etica sociale con aspetti economici e politici. * Senior Consultant, Arab Petroleum Investments Corporation (APICORP), Arabia Saudita Il Ministro saudita del Petrolio e delle Risorse Minerarie Ali al-naimi ha recentemente definito «bellissimi» gli attuali prezzi del petrolio ( 1 ). È accaduto all apertura del meeting OPEC di metà marzo, quando i prezzi si aggiravano sugli 80 doll./bbl. Più di recente, a Cancun in occasione dell International Energy Forum (un momento di dialogo tra produttori e consumatori), ha sostenuto che i prezzi sono «prossimi alla perfezione». Le dichiarazioni del Ministro Naimi sulla bellezza e quasi perfezione dei prezzi del petrolio riflettono la sua soddisfazione nei confronti di un mercato che converge verso quotazioni che i sauditi ritengono «adeguate». Chi ci legge forse ricorda che a dicembre 2008, quando l OPEC si trovava nel bel mezzo di una crisi gestionale, il Re saudita Abd Allah auspicava che i prezzi del petrolio «aumentassero e si stabilizzassero intorno ai 75 doll./bbl». Aggiungeva anche: «Dal nostro punto di vista, 75 doll./bbl rappresentano un prezzo giusto» ( 2 ). Da quel momento, le quotazioni sono significativamente aumentate e in un certo senso si sono stabilizzate: dal minimo di 40 doll./bbl risalente alla citata dichiarazione del Re saudita ai circa 80 di marzo-aprile Dimostrando leadership e fiducia, il Re e il Ministro del Petrolio sauditi hanno assunto una posizione etica che vale la pena di esaminare. Dai tempi di Aristotele, i policy makers non solo del mondo occidentale (anche i pensatori arabi, nei quali si ritrova una forte impronta dei lavori del filosofo greco, ne sono stati profondamente influenzati) hanno riconosciuto il ruolo dell etica (filosofia morale) nel fornire una guida alle questioni di carattere politico. In questo articolo ( 3 ) cercherò di rivisitare il concetto di «prezzo giusto» applicato al caso del petrolio e di esaminare in che misura un simile prezzo può essere determinato al meglio integrando aspetti di etica sociale con aspetti economici e politici. Concluderò la mia analisi offrendo la mia opinio- 14

2 ne su ciò che l equità dovrebbe significare per i Paesi esportatori di petrolio. 1. IL «PREZZO GIUSTO»: UN CONCETTO NON NUOVO Nonostante il crescente interesse per il ruolo svolto dal principio di equità nelle decisioni economiche, le principali scuole di pensiero tendono ad evitare i dibattiti sul prezzo ritenuto equo. Di recente ho avuto la preziosa opportunità di parlare con Martin Feldstein, Professore di economia di Harvard, presente alla Robeco Middle East Investor Conference tenutasi ad Abu Dhabi; in questa occasione, il Professore ha condiviso con i partecipanti la sua visione in merito alla «nuova normalità» dell economia statunitense. Una delle domande che gli sono state poste riguardava gli effetti sulla leadership mondiale americana del crescente riallineamento dei poteri e delle sfere di influenza a favore dei principali Paesi emergenti. La domanda postagli successivamente si riferiva invece alla capacità dell Arabia Saudita di ancorare le aspettative del mercato petrolifero attorno ad un prezzo che la stessa riconosce come equo e a come questa condizione potesse mettere in discussione il concetto di mercato che hanno gli Stati Uniti. In altre circostanze, il Professor Feldstein si sarebbe soffermato sulla politica del petrolio, ma non questa volta ( 4 ). Dopo aver brevemente riconosciuto il recuperato potere di mercato dell OPEC e il ruolo stabilizzatore del suo Paese leader, si è focalizzato sul concetto di «prezzo equo» da cui ha tuttavia preso le distanze. Quel che interessa agli economisti questo è quello che sembrava suggerire il Professore nel suo discorso non è se un prezzo è equo o meno, bensì se è un prezzo efficiente. Secondo i testi di economia, il prezzo efficiente è quello che mantiene in equilibrio il mercato bilanciando domanda e offerta e trasmette segnali corretti per investire e disinvestire. Non tutti gli economisti si dissociano da questo concetto «non-economico» di prezzo. Nel tanto acclamato Animal Spirit, Akerlof e Shiller si appellano all economia comportamentale (e al dimenticato concetto della Teoria Generale di Keynes da cui il loro libro mutua il titolo) per dedicare un capitolo intero all importanza, alle esperienze pratiche e alle teorie dell equità ( 5 ). Gli autori osservano che gli studi economici recenti hanno un punto di vista ambiguo circa il concetto di equità dal momento che «se da un lato esiste un ampia letteratura su ciò che è giusto e ciò che non lo è, dall altro esiste anche una lunga tradizione secondo la quale simili considerazioni hanno un ruolo secondario nello spiegare gli eventi economici». Per Akerlof e Shiller giustizia significa chiamare in causa argomenti di etica economica basati sulla teoria dell equità e più in generale su norme sociologiche. Sottolineando che «le considerazioni sull equità sono uno dei principali motori di molte decisioni economiche», incluse quelle relative ai prezzi, affermano che i decision makers possono essere influenzati secondo modalità che esulano dai metodi e dalle assunzioni proprie della teoria economica convenzionale. 2. MERCATI CHE NON FUNZIONANO BENE NON POSSONO PRODURRE UN PREZZO EQUO Per essere corretti nei confronti degli economisti tradizionali, bisognerebbe riconoscere i loro sforzi per allontanarsi dagli ideali di mercati efficienti e aspettative razionali. Nonostante un simile impegno, tuttavia, possono trovarsi alle prese con le imperfezioni del mercato. Nel caso di quello petrolifero, queste imperfezioni sono numerosissime. E ciò non sorprende data la natura strategica delle risorse naturali, la complessità delle attrezzature usate per la loro estrazione, la loro commercializzazione come commodities da un lato e i comportamenti e gli interessi dei principali attori del mercato dall altro. Questi ultimi comprendono l impatto dei regimi fiscali nei Paesi ospiti, le politiche produttive dell OPEC, le scorte strategiche e commerciali, la concentrazione del comparto raffinazione, la tassazione sui consumi finali, le esternalità di carattere sociale ed ambientale, la copertura e la speculazione nei mercati dei futures, nonché la velocità di elaborazione dell informazione e della comunicazione. In queste condizioni il mercato può raggiungere una posizione di equilibrio a qualsiasi livello di prezzo, molto probabilmente collocandosi tra il costo marginale di produzione e il prezzo di un bene sostituto; e i prezzi di oggi possono differire da quelli di domani. La Fig. 1 illustra l andamento erratico del mercato petrolifero degli ultimi anni riportando l evoluzione di due serie di indici di prezzo del West Texas Intermediate (WTI) scambiato sul più grande mercato mondiale dei futures petroliferi, il New York Mercantile Exchange (Nymex). Il primo indice è il prezzo futures per consegne ravvicinate nel tempo, mentre il secondo è il differenziale tra i contratti di prima e quarta scadenza, considerato come proxy dei futures 15

3 Fig. 1 - WTI: PREZZI SPOT E FUTURES (doll./bbl) Futures 1 a scadenza (sc. sn) Max giornaliero 125 Differenz. tra futures 1 a scadenza e 4 a scadenza 145,18 doll./bbl (sc. dx) il 14/7/ a scadenza Fonte: APICORP Research su dati DOE-IEA. Min giornaliero 33,87 doll./bbl il 19/12/ (per coerenza statistica, il contratto a un mese viene considerato come proxy del prezzo spot). Il diverso andamento seguito dai due indici è evidente. Per il primo, colpisce non tanto la normale volatilità inter-day dei prezzi quanto piuttosto le loro brusche oscillazioni. Nel secondo caso, spicca non tanto la normale alternanza tra backwardation (basi positive) e contango (basi negative) quanto la loro profondità. Molte sono state le spiegazioni proposte per chiarire i fattori alla base di questi atipici andamenti. Tra queste, l evoluzione della domanda e dell offerta e come su di esse agiscano parametri quali l anelasticità al prezzo, variabili macroeconomiche, incertezze di natura geopolitica, politiche dei Paesi produttori. Queste spiegazioni si sono estese a includere il significativo aumento delle attività di trading sui mercati dei futures e gli effetti di un eccessiva speculazione ( 6 ). Anche se nel complesso persuasive, queste motivazioni non sono risultate a posteriori del tutto convincenti. Semplicemente osservando la Fig. 1 si evince come le oscillazioni verificatesi negli ultimi anni nei prezzi a pronti siano state troppo forti per essere ascrivibili allo slittamento delle curve di domanda e di offerta e come i differenziali tra i futures siano stati troppo ampi per essere unicamente il riflesso di un cambiamento nel livello delle scorte di petrolio. Questo ci porta a ritenere che i mercati petroliferi non abbiano funzionato in modo corretto, in quanto hanno fallito nel riflettere i fondamentali reali. Ed è difficile che un mercato mal funzionante possa portare ad un prezzo equo. 3. L INCONTRO DI ETICA, ECONOMIA E POLITICA Se il mercato non è in grado di pervenire ad un prezzo equo, dobbiamo guardare oltre. Esattamente un anno fa, Fig. 2 - LA CONVERGENZA DI ETICA, ECONOMIA E POLITICA Fonte: APICORP Research. POLITICA sostenibilità fiscale) Differenziale ETICA equità) nell aprile 2009, tentavo di dimostrare che i prezzi del petrolio probabilmente si formano dall incontro di tecnologia, economia e politica ( 7 ). Ipotizzando che la tecnologia sia un fattore implicito dell economia, possiamo ricomporre la triade di cui sopra sostituendo l etica alla tecnologia (Fig. 2). Coerentemente con il nostro precedente processo di valutazione, il livello di prezzo del petrolio che dovrebbe considerarsi equo poggia su tre interrelati elementi che agiscono direttamente sulle quotazioni petrolifere: economia, politica ed etica. L economia è la parte relativamente più semplice di questa analisi. Fa riferimento alla fattibilità dei progetti upstream sotto predefinite condizioni geologiche, tecnologiche, ambientali e di rischio di mercato. Per ogni dato progetto, l attenzione è rivolta al ritorno atteso necessario a giustificare l investimento stesso. Questo dovrebbe riflettersi nei costi di esplorazione, sviluppo e produzione, così come nel costo del capitale e nel premio per il rischio. In questo caso, la determinante principale del prezzo è il costo ex-ante di un barile di petrolio ottenuto dal progetto. L elemento politico fa riferimento alla sovranità dei governi e include la definizione ECONOMIA fattibilità del progetto) 16

4 degli obiettivi, i processi decisionali e gli interventi in materia di legislazione, regolazione e questioni fiscali. L arena politica può arrivare a comprendere istituzioni come l OPEC. L attenzione è posta sulle politiche fiscali dei Paesi produttori. In questo caso, la determinante principale del prezzo è il valore fiscale delle risorse petrolifere che può essere facilmente stimato usando adeguati strumenti di analisi. Per contro, il terzo ed ultimo elemento è piuttosto elusivo. Trattandosi di un sotto-settore dell etica applicata, l etica sociale ha a che fare con gli obblighi morali delle istituzioni. Si discosta dall etica normativa (ovvero cosa gli individui pensano o credono sia giusto o sbagliato) e dalla meta-etica (ovvero la natura e il significato delle affermazioni morali e dei giudizi). Sfortunatamente questo elemento, che dovrebbe fornire una base concreta per presumere l equità, mette in dubbio l efficacia del contesto proposto. Qualunque sia la sua base filosofica, sociologica e religiosa, difficilmente può venire rappresentato con misure e specifiche precise. Il nostro contesto soffre anche di altri limiti. Da quando nel 2007 i prezzi sono entrati per la prima volta nella banda di oscillazione dei doll./ bbl, ne abbiamo valorizzato e migliorato considerevolmente i suoi principali elementi costitutivi ( 8 ). Tuttavia l approccio, nel suo complesso, rimane parziale nei confronti dei produttori, vale a dire sia delle compagnie coinvolte nella fattibilità dei progetti che dei governi preoccupati della sostenibilità fiscale. Un quadro più esaustivo comporterebbe inevitabilmente molte diverse percezioni di equità e, pertanto, difficilmente potrebbe portare ad una soluzione appropriata. 3. ALLA RICERCA DI UN PREZZO ACCETTABILE Al centro della questione vi è la dicotomia tra Paesi esportatori e Paesi importatori, ben rappresentata dall estrema differenza tra le rispettive strutture di commercio, PIL, introiti governativi. Ad esempio, secondo le statistiche più recenti, nei Paesi dell International Energy Agency (IEA) le importazioni di energia rappresentano circa il 21% delle importazioni complessive mentre il commercio di energia (sia import che export) rappresenta circa il 7% del PIL aggregato. Per contro, nei Paesi esportatori di petrolio dell OPEC, greggio, prodotti petroliferi, gas naturale e GNL rappresentano circa l 85% delle esportazioni totali e il commercio di petrolio contribuisce al 44% circa del PIL aggregato. Similmente, nonostante il fatto che da un barile di petrolio i Paesi IEA ottengano più ricavi grazie alla tassazione dei prodotti petroliferi consumati di quanto quelli OPEC ottengano dalla tassazione della produzione del greggio, la quota di queste rispettive entrate sul totale dei budget governativi è del 7% per l IEA e del 72% per l OPEC. Di conseguenza, i Paesi esportatori di petrolio che hanno un modello macroeconomico più costante risultano molto più vulnerabili a una riduzione dei prezzi del petrolio di quanto non lo siano i Paesi importatori di energia ad un aumento degli stessi. È importante notare a tale proposito che nel riesaminare la letteratura relativa all impatto delle quotazioni petrolifere nei Paesi consumatori, alcuni accademici di Oxford hanno recentemente reinterpretato le analisi che ne risultavano al fine di indagare l ampiezza dell impatto e spiegare il modesto contraccolpo che oggi provocano prezzi del petrolio relativamente più alti. A sostegno delle loro argomentazioni, hanno osservato che fino a metà 2008 si è verificato «un aumento stabile dei prezzi del petrolio sino al raggiungimento di record storici senza che ciò abbia comportato alcun impatto negativo osservabile sugli indicatori macroeconomici» ( 9 ). La recessione globale è stata causata dagli squilibri mondiali di parte corrente piuttosto che dai prezzi del greggio. Secondo le analisi empiriche convenzionali, questi autori hanno voluto fare una provocazione: i prezzi del petrolio sono la determinante del ciclo macroeconomico ed il protrarsi nel tempo di un loro alto livello influenza in modo significativo la bilancia dei pagamenti, la crescita, l inflazione e, da ultimo, la disoccupazione. È innegabile, tuttavia, che i Paesi in via di sviluppo che importano energia risentano negativamente degli effetti distributivi dei prezzi del petrolio e che dispongano di limitate capacità fiscali per moderare tali effetti. Nonostante queste grandi differenze in termini di vulnerabilità dei diversi Paesi, i prezzi attuali (sugli 80 doll./bbl al momento in cui scrivo) sembrano accettabili per tutti. «È un prezzo dolce», come lo definisce Kenneth S. Rogoff, Professore di finanzia internazionale ad Harvard. «Non è troppo basso da ostacolare la domanda di fonti energetiche rinnovabili o da provocare debiti o crisi di natura fiscale nei Paesi esportatori di petrolio. E non è così alto da impoverire ulteriormente i Paesi africani e da minacciare la ripresa economica negli Stati Uniti e in Europa» ( 10 ). Ma bisognerebbe fidarsi ciecamente di Rogoff per inferire che la definizione di «prezzo dolce» sia una metafora per intendere «prezzo equo». 17

5 4. CONCLUSIONI L introduzione dell etica nei discorsi sui prezzi del petrolio può essere interpretata come sintomo di fallimento sia del mercato che della politica basati sull economia tradizionale. Nell ambito degli sforzi compiuti dagli economisti comportamentali nel fornire un solido fondamento intellettuale ai principi etici, la caratterizzazione dei prezzi del petrolio in termini di equità può essere interpretata come esito di una sincera preoccupazione per i loro effetti economici negativi sui Paesi sia esportatori che importatori. Equità, tuttavia, non significa redistribuzione della ricchezza. Dal punto di vista dei Paesi produttori, ciò che interessa è la rendita petrolifera, vale a dire quella parte delle entrate, al netto dei costi degli input e di un normale tasso di ritorno, che potrebbe essere catturata attraverso un appropriato regime fiscale. In questo caso, un prezzo equo del petrolio dovrebbe scaturire dalla convergenza tra fattibilità dei progetti per le compagnie e sostenibilità fiscale per i governi. Fin quando avranno sufficiente potere di mercato, i Paesi produttori cercheranno e riusciranno ad influenzare il mercato per soddisfare le loro aspettative. Equità potrebbe ulteriormente significare che nessuna misura politica venga adottata senza tener in debito conto il suo impatto sui Paesi importatori di energia economicamente più vulnerabili. Questo articolo, pubblicato col titolo On Being Fair, Beautiful and Nearly Perfect: A Reflection On The Ethics, Economics And Politics Of Oil Prices sul numero di aprile 2010 di «Economic Commentary» di APICORP Research e sul «Middle East Economic Survey» del 12 aprile 2010, è qui riprodotto per gentile concessione dell Autore. NOTE ( 1 ) La citazione completa riportata dalla stampa è: «Domanda buona, offerta affidabile, prezzi bellissimi siamo molto felici». ( 2 ) Intervista del Re Abd Allah al quotidiano kuwaitiano «Al-Seyassah» del 29 novembre ( 3 ) Questo articolo riprende l argomento che ho sviluppato nel paper GCC Oil Price Preferences: At the Confluence of Global Energy Security and Local Fiscal Sustainability, di prossima pubblicazione in Emirates Centre for Strategic Studies and Research (ECSSR), Energy Security in the Gulf: Challenges and Prospects, Atti della XV Annual Energy Conference dell ECSSR svoltasi ad Adu Dhabi il novembre ( 4 ) Di solito gli argomenti politici vengono adattati all uditorio. Cfr. KISSINGER H.A. e FELDSTEIN M., The Power of Oil Consumers, in «The Washington Post», 18 settembre 2008, http//www.washingtonpost.com/wpdyn/content/article/2008/ 09/17/AR html ( 5 ) AKERLOF G.A. e SHILLER R.J. (2009), Animal Spirits: How Human Psychology Drives the Economy and Why It Matters for Global Capitalism, Princeton University Press, Princeton e Oxford. ( 6 ) Sul funzionamento dell attuale sistema di prezzi del petrolio, cfr. per esempio FATTOUH B. (2006), The Origins and Evolution of the Current International Oil Pricing System: A Critical Assessment, in MABRO R. (a cura di), Oil in the 21 st Century: Issues, Challenges, and Opportunities, Oxford University Press, Oxford, p Per i fattori responsabili delle variazioni dei prezzi, cfr. HAMILTON J.D. (2008), Understanding Crude Oil Prices, mimeo, University of California, San Diego, dicembre. ( 7 ) AISSAOUI A., What is a Fair Price for Oil and What Makes $ 75 a Barrel Seem Fair?, Op-Ed, in «MEES» del 6 aprile ( 8 ) AISSAOUI A., OPEC: Today s Market Dilemma and Tomorrow s Investment Challenge, relazione di presentazione al III Summit OPEC, Riyadh, novembre 2007; e successivi paper (ibid.). ( 9 ) SEGAL P. (2007), Why Do Oil Price Shocks No Longer Shock?, Working Paper 35, Oxford Institute for Energy Studies, ottobre, p. 2. Le argomentazioni di Segal sono state aggiornate in un articolo di commento sul «Financial Times» del 1 settembre 2009 intitolato Searching in Vain for the Oil Shock Effect, 09/01/comment-searching-in-vain-for-the-oil-shock-effect/ ( 10 ) KRAUS C., Oil Prices Find a Sweet Spot for World Economy, in «The New York Times», 31 marzo 2010, 18

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

2. LE DEFINIZIONI DI SICUREZZA ENERGETICA

2. LE DEFINIZIONI DI SICUREZZA ENERGETICA 2. LE DEFINIZIONI DI SICUREZZA ENERGETICA Prima di affrontare le principali proposte di definizione del concetto di sicurezza energetica, è necessario capire in che misura l accesso all energia presenti

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit

Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit Danielle Zwarthoed Come possono coesistere nella sfera pubblica identità differenti, in particolare religiose? Per rispondere

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

OIL & BIO TRADING. Guida al trading petrolifero, biocarburanti e price risk management. FrancoAngeli. Nuova edizione ampliata. Fabio Di Benedetto

OIL & BIO TRADING. Guida al trading petrolifero, biocarburanti e price risk management. FrancoAngeli. Nuova edizione ampliata. Fabio Di Benedetto Fabio Di Benedetto OIL & BIO TRADING Guida al trading petrolifero, biocarburanti e price risk management Nuova edizione ampliata FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli