Il Ministro saudita del ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO SCENARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Ministro saudita del ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO SCENARI"

Transcript

1 SCENARI di Ali Aissaoui* ASPETTI ETICI, ECONOMICI, POLITICI DEI PREZZI DEL PETROLIO Policy makers, not only in the Western world, have recognized since long time that moral philosophy can provide guidance on issues of public policy. This article revisits the notion of a «fair price» for oil and explores the extent to which such a price can be better determined by integrating social ethics with economics and politics. Da tempo i policy makers, non solo del mondo occidentale, hanno riconosciuto il ruolo della filosofia morale nel fornire una guida alle questioni di carattere politico. Questo articolo cerca di rivisitare il concetto di «prezzo equo» applicato al caso del petrolio e di esaminare come un simile prezzo può essere determinato al meglio integrando aspetti di etica sociale con aspetti economici e politici. * Senior Consultant, Arab Petroleum Investments Corporation (APICORP), Arabia Saudita Il Ministro saudita del Petrolio e delle Risorse Minerarie Ali al-naimi ha recentemente definito «bellissimi» gli attuali prezzi del petrolio ( 1 ). È accaduto all apertura del meeting OPEC di metà marzo, quando i prezzi si aggiravano sugli 80 doll./bbl. Più di recente, a Cancun in occasione dell International Energy Forum (un momento di dialogo tra produttori e consumatori), ha sostenuto che i prezzi sono «prossimi alla perfezione». Le dichiarazioni del Ministro Naimi sulla bellezza e quasi perfezione dei prezzi del petrolio riflettono la sua soddisfazione nei confronti di un mercato che converge verso quotazioni che i sauditi ritengono «adeguate». Chi ci legge forse ricorda che a dicembre 2008, quando l OPEC si trovava nel bel mezzo di una crisi gestionale, il Re saudita Abd Allah auspicava che i prezzi del petrolio «aumentassero e si stabilizzassero intorno ai 75 doll./bbl». Aggiungeva anche: «Dal nostro punto di vista, 75 doll./bbl rappresentano un prezzo giusto» ( 2 ). Da quel momento, le quotazioni sono significativamente aumentate e in un certo senso si sono stabilizzate: dal minimo di 40 doll./bbl risalente alla citata dichiarazione del Re saudita ai circa 80 di marzo-aprile Dimostrando leadership e fiducia, il Re e il Ministro del Petrolio sauditi hanno assunto una posizione etica che vale la pena di esaminare. Dai tempi di Aristotele, i policy makers non solo del mondo occidentale (anche i pensatori arabi, nei quali si ritrova una forte impronta dei lavori del filosofo greco, ne sono stati profondamente influenzati) hanno riconosciuto il ruolo dell etica (filosofia morale) nel fornire una guida alle questioni di carattere politico. In questo articolo ( 3 ) cercherò di rivisitare il concetto di «prezzo giusto» applicato al caso del petrolio e di esaminare in che misura un simile prezzo può essere determinato al meglio integrando aspetti di etica sociale con aspetti economici e politici. Concluderò la mia analisi offrendo la mia opinio- 14

2 ne su ciò che l equità dovrebbe significare per i Paesi esportatori di petrolio. 1. IL «PREZZO GIUSTO»: UN CONCETTO NON NUOVO Nonostante il crescente interesse per il ruolo svolto dal principio di equità nelle decisioni economiche, le principali scuole di pensiero tendono ad evitare i dibattiti sul prezzo ritenuto equo. Di recente ho avuto la preziosa opportunità di parlare con Martin Feldstein, Professore di economia di Harvard, presente alla Robeco Middle East Investor Conference tenutasi ad Abu Dhabi; in questa occasione, il Professore ha condiviso con i partecipanti la sua visione in merito alla «nuova normalità» dell economia statunitense. Una delle domande che gli sono state poste riguardava gli effetti sulla leadership mondiale americana del crescente riallineamento dei poteri e delle sfere di influenza a favore dei principali Paesi emergenti. La domanda postagli successivamente si riferiva invece alla capacità dell Arabia Saudita di ancorare le aspettative del mercato petrolifero attorno ad un prezzo che la stessa riconosce come equo e a come questa condizione potesse mettere in discussione il concetto di mercato che hanno gli Stati Uniti. In altre circostanze, il Professor Feldstein si sarebbe soffermato sulla politica del petrolio, ma non questa volta ( 4 ). Dopo aver brevemente riconosciuto il recuperato potere di mercato dell OPEC e il ruolo stabilizzatore del suo Paese leader, si è focalizzato sul concetto di «prezzo equo» da cui ha tuttavia preso le distanze. Quel che interessa agli economisti questo è quello che sembrava suggerire il Professore nel suo discorso non è se un prezzo è equo o meno, bensì se è un prezzo efficiente. Secondo i testi di economia, il prezzo efficiente è quello che mantiene in equilibrio il mercato bilanciando domanda e offerta e trasmette segnali corretti per investire e disinvestire. Non tutti gli economisti si dissociano da questo concetto «non-economico» di prezzo. Nel tanto acclamato Animal Spirit, Akerlof e Shiller si appellano all economia comportamentale (e al dimenticato concetto della Teoria Generale di Keynes da cui il loro libro mutua il titolo) per dedicare un capitolo intero all importanza, alle esperienze pratiche e alle teorie dell equità ( 5 ). Gli autori osservano che gli studi economici recenti hanno un punto di vista ambiguo circa il concetto di equità dal momento che «se da un lato esiste un ampia letteratura su ciò che è giusto e ciò che non lo è, dall altro esiste anche una lunga tradizione secondo la quale simili considerazioni hanno un ruolo secondario nello spiegare gli eventi economici». Per Akerlof e Shiller giustizia significa chiamare in causa argomenti di etica economica basati sulla teoria dell equità e più in generale su norme sociologiche. Sottolineando che «le considerazioni sull equità sono uno dei principali motori di molte decisioni economiche», incluse quelle relative ai prezzi, affermano che i decision makers possono essere influenzati secondo modalità che esulano dai metodi e dalle assunzioni proprie della teoria economica convenzionale. 2. MERCATI CHE NON FUNZIONANO BENE NON POSSONO PRODURRE UN PREZZO EQUO Per essere corretti nei confronti degli economisti tradizionali, bisognerebbe riconoscere i loro sforzi per allontanarsi dagli ideali di mercati efficienti e aspettative razionali. Nonostante un simile impegno, tuttavia, possono trovarsi alle prese con le imperfezioni del mercato. Nel caso di quello petrolifero, queste imperfezioni sono numerosissime. E ciò non sorprende data la natura strategica delle risorse naturali, la complessità delle attrezzature usate per la loro estrazione, la loro commercializzazione come commodities da un lato e i comportamenti e gli interessi dei principali attori del mercato dall altro. Questi ultimi comprendono l impatto dei regimi fiscali nei Paesi ospiti, le politiche produttive dell OPEC, le scorte strategiche e commerciali, la concentrazione del comparto raffinazione, la tassazione sui consumi finali, le esternalità di carattere sociale ed ambientale, la copertura e la speculazione nei mercati dei futures, nonché la velocità di elaborazione dell informazione e della comunicazione. In queste condizioni il mercato può raggiungere una posizione di equilibrio a qualsiasi livello di prezzo, molto probabilmente collocandosi tra il costo marginale di produzione e il prezzo di un bene sostituto; e i prezzi di oggi possono differire da quelli di domani. La Fig. 1 illustra l andamento erratico del mercato petrolifero degli ultimi anni riportando l evoluzione di due serie di indici di prezzo del West Texas Intermediate (WTI) scambiato sul più grande mercato mondiale dei futures petroliferi, il New York Mercantile Exchange (Nymex). Il primo indice è il prezzo futures per consegne ravvicinate nel tempo, mentre il secondo è il differenziale tra i contratti di prima e quarta scadenza, considerato come proxy dei futures 15

3 Fig. 1 - WTI: PREZZI SPOT E FUTURES (doll./bbl) Futures 1 a scadenza (sc. sn) Max giornaliero 125 Differenz. tra futures 1 a scadenza e 4 a scadenza 145,18 doll./bbl (sc. dx) il 14/7/ a scadenza Fonte: APICORP Research su dati DOE-IEA. Min giornaliero 33,87 doll./bbl il 19/12/ (per coerenza statistica, il contratto a un mese viene considerato come proxy del prezzo spot). Il diverso andamento seguito dai due indici è evidente. Per il primo, colpisce non tanto la normale volatilità inter-day dei prezzi quanto piuttosto le loro brusche oscillazioni. Nel secondo caso, spicca non tanto la normale alternanza tra backwardation (basi positive) e contango (basi negative) quanto la loro profondità. Molte sono state le spiegazioni proposte per chiarire i fattori alla base di questi atipici andamenti. Tra queste, l evoluzione della domanda e dell offerta e come su di esse agiscano parametri quali l anelasticità al prezzo, variabili macroeconomiche, incertezze di natura geopolitica, politiche dei Paesi produttori. Queste spiegazioni si sono estese a includere il significativo aumento delle attività di trading sui mercati dei futures e gli effetti di un eccessiva speculazione ( 6 ). Anche se nel complesso persuasive, queste motivazioni non sono risultate a posteriori del tutto convincenti. Semplicemente osservando la Fig. 1 si evince come le oscillazioni verificatesi negli ultimi anni nei prezzi a pronti siano state troppo forti per essere ascrivibili allo slittamento delle curve di domanda e di offerta e come i differenziali tra i futures siano stati troppo ampi per essere unicamente il riflesso di un cambiamento nel livello delle scorte di petrolio. Questo ci porta a ritenere che i mercati petroliferi non abbiano funzionato in modo corretto, in quanto hanno fallito nel riflettere i fondamentali reali. Ed è difficile che un mercato mal funzionante possa portare ad un prezzo equo. 3. L INCONTRO DI ETICA, ECONOMIA E POLITICA Se il mercato non è in grado di pervenire ad un prezzo equo, dobbiamo guardare oltre. Esattamente un anno fa, Fig. 2 - LA CONVERGENZA DI ETICA, ECONOMIA E POLITICA Fonte: APICORP Research. POLITICA sostenibilità fiscale) Differenziale ETICA equità) nell aprile 2009, tentavo di dimostrare che i prezzi del petrolio probabilmente si formano dall incontro di tecnologia, economia e politica ( 7 ). Ipotizzando che la tecnologia sia un fattore implicito dell economia, possiamo ricomporre la triade di cui sopra sostituendo l etica alla tecnologia (Fig. 2). Coerentemente con il nostro precedente processo di valutazione, il livello di prezzo del petrolio che dovrebbe considerarsi equo poggia su tre interrelati elementi che agiscono direttamente sulle quotazioni petrolifere: economia, politica ed etica. L economia è la parte relativamente più semplice di questa analisi. Fa riferimento alla fattibilità dei progetti upstream sotto predefinite condizioni geologiche, tecnologiche, ambientali e di rischio di mercato. Per ogni dato progetto, l attenzione è rivolta al ritorno atteso necessario a giustificare l investimento stesso. Questo dovrebbe riflettersi nei costi di esplorazione, sviluppo e produzione, così come nel costo del capitale e nel premio per il rischio. In questo caso, la determinante principale del prezzo è il costo ex-ante di un barile di petrolio ottenuto dal progetto. L elemento politico fa riferimento alla sovranità dei governi e include la definizione ECONOMIA fattibilità del progetto) 16

4 degli obiettivi, i processi decisionali e gli interventi in materia di legislazione, regolazione e questioni fiscali. L arena politica può arrivare a comprendere istituzioni come l OPEC. L attenzione è posta sulle politiche fiscali dei Paesi produttori. In questo caso, la determinante principale del prezzo è il valore fiscale delle risorse petrolifere che può essere facilmente stimato usando adeguati strumenti di analisi. Per contro, il terzo ed ultimo elemento è piuttosto elusivo. Trattandosi di un sotto-settore dell etica applicata, l etica sociale ha a che fare con gli obblighi morali delle istituzioni. Si discosta dall etica normativa (ovvero cosa gli individui pensano o credono sia giusto o sbagliato) e dalla meta-etica (ovvero la natura e il significato delle affermazioni morali e dei giudizi). Sfortunatamente questo elemento, che dovrebbe fornire una base concreta per presumere l equità, mette in dubbio l efficacia del contesto proposto. Qualunque sia la sua base filosofica, sociologica e religiosa, difficilmente può venire rappresentato con misure e specifiche precise. Il nostro contesto soffre anche di altri limiti. Da quando nel 2007 i prezzi sono entrati per la prima volta nella banda di oscillazione dei doll./ bbl, ne abbiamo valorizzato e migliorato considerevolmente i suoi principali elementi costitutivi ( 8 ). Tuttavia l approccio, nel suo complesso, rimane parziale nei confronti dei produttori, vale a dire sia delle compagnie coinvolte nella fattibilità dei progetti che dei governi preoccupati della sostenibilità fiscale. Un quadro più esaustivo comporterebbe inevitabilmente molte diverse percezioni di equità e, pertanto, difficilmente potrebbe portare ad una soluzione appropriata. 3. ALLA RICERCA DI UN PREZZO ACCETTABILE Al centro della questione vi è la dicotomia tra Paesi esportatori e Paesi importatori, ben rappresentata dall estrema differenza tra le rispettive strutture di commercio, PIL, introiti governativi. Ad esempio, secondo le statistiche più recenti, nei Paesi dell International Energy Agency (IEA) le importazioni di energia rappresentano circa il 21% delle importazioni complessive mentre il commercio di energia (sia import che export) rappresenta circa il 7% del PIL aggregato. Per contro, nei Paesi esportatori di petrolio dell OPEC, greggio, prodotti petroliferi, gas naturale e GNL rappresentano circa l 85% delle esportazioni totali e il commercio di petrolio contribuisce al 44% circa del PIL aggregato. Similmente, nonostante il fatto che da un barile di petrolio i Paesi IEA ottengano più ricavi grazie alla tassazione dei prodotti petroliferi consumati di quanto quelli OPEC ottengano dalla tassazione della produzione del greggio, la quota di queste rispettive entrate sul totale dei budget governativi è del 7% per l IEA e del 72% per l OPEC. Di conseguenza, i Paesi esportatori di petrolio che hanno un modello macroeconomico più costante risultano molto più vulnerabili a una riduzione dei prezzi del petrolio di quanto non lo siano i Paesi importatori di energia ad un aumento degli stessi. È importante notare a tale proposito che nel riesaminare la letteratura relativa all impatto delle quotazioni petrolifere nei Paesi consumatori, alcuni accademici di Oxford hanno recentemente reinterpretato le analisi che ne risultavano al fine di indagare l ampiezza dell impatto e spiegare il modesto contraccolpo che oggi provocano prezzi del petrolio relativamente più alti. A sostegno delle loro argomentazioni, hanno osservato che fino a metà 2008 si è verificato «un aumento stabile dei prezzi del petrolio sino al raggiungimento di record storici senza che ciò abbia comportato alcun impatto negativo osservabile sugli indicatori macroeconomici» ( 9 ). La recessione globale è stata causata dagli squilibri mondiali di parte corrente piuttosto che dai prezzi del greggio. Secondo le analisi empiriche convenzionali, questi autori hanno voluto fare una provocazione: i prezzi del petrolio sono la determinante del ciclo macroeconomico ed il protrarsi nel tempo di un loro alto livello influenza in modo significativo la bilancia dei pagamenti, la crescita, l inflazione e, da ultimo, la disoccupazione. È innegabile, tuttavia, che i Paesi in via di sviluppo che importano energia risentano negativamente degli effetti distributivi dei prezzi del petrolio e che dispongano di limitate capacità fiscali per moderare tali effetti. Nonostante queste grandi differenze in termini di vulnerabilità dei diversi Paesi, i prezzi attuali (sugli 80 doll./bbl al momento in cui scrivo) sembrano accettabili per tutti. «È un prezzo dolce», come lo definisce Kenneth S. Rogoff, Professore di finanzia internazionale ad Harvard. «Non è troppo basso da ostacolare la domanda di fonti energetiche rinnovabili o da provocare debiti o crisi di natura fiscale nei Paesi esportatori di petrolio. E non è così alto da impoverire ulteriormente i Paesi africani e da minacciare la ripresa economica negli Stati Uniti e in Europa» ( 10 ). Ma bisognerebbe fidarsi ciecamente di Rogoff per inferire che la definizione di «prezzo dolce» sia una metafora per intendere «prezzo equo». 17

5 4. CONCLUSIONI L introduzione dell etica nei discorsi sui prezzi del petrolio può essere interpretata come sintomo di fallimento sia del mercato che della politica basati sull economia tradizionale. Nell ambito degli sforzi compiuti dagli economisti comportamentali nel fornire un solido fondamento intellettuale ai principi etici, la caratterizzazione dei prezzi del petrolio in termini di equità può essere interpretata come esito di una sincera preoccupazione per i loro effetti economici negativi sui Paesi sia esportatori che importatori. Equità, tuttavia, non significa redistribuzione della ricchezza. Dal punto di vista dei Paesi produttori, ciò che interessa è la rendita petrolifera, vale a dire quella parte delle entrate, al netto dei costi degli input e di un normale tasso di ritorno, che potrebbe essere catturata attraverso un appropriato regime fiscale. In questo caso, un prezzo equo del petrolio dovrebbe scaturire dalla convergenza tra fattibilità dei progetti per le compagnie e sostenibilità fiscale per i governi. Fin quando avranno sufficiente potere di mercato, i Paesi produttori cercheranno e riusciranno ad influenzare il mercato per soddisfare le loro aspettative. Equità potrebbe ulteriormente significare che nessuna misura politica venga adottata senza tener in debito conto il suo impatto sui Paesi importatori di energia economicamente più vulnerabili. Questo articolo, pubblicato col titolo On Being Fair, Beautiful and Nearly Perfect: A Reflection On The Ethics, Economics And Politics Of Oil Prices sul numero di aprile 2010 di «Economic Commentary» di APICORP Research e sul «Middle East Economic Survey» del 12 aprile 2010, è qui riprodotto per gentile concessione dell Autore. NOTE ( 1 ) La citazione completa riportata dalla stampa è: «Domanda buona, offerta affidabile, prezzi bellissimi siamo molto felici». ( 2 ) Intervista del Re Abd Allah al quotidiano kuwaitiano «Al-Seyassah» del 29 novembre ( 3 ) Questo articolo riprende l argomento che ho sviluppato nel paper GCC Oil Price Preferences: At the Confluence of Global Energy Security and Local Fiscal Sustainability, di prossima pubblicazione in Emirates Centre for Strategic Studies and Research (ECSSR), Energy Security in the Gulf: Challenges and Prospects, Atti della XV Annual Energy Conference dell ECSSR svoltasi ad Adu Dhabi il novembre ( 4 ) Di solito gli argomenti politici vengono adattati all uditorio. Cfr. KISSINGER H.A. e FELDSTEIN M., The Power of Oil Consumers, in «The Washington Post», 18 settembre 2008, http//www.washingtonpost.com/wpdyn/content/article/2008/ 09/17/AR html ( 5 ) AKERLOF G.A. e SHILLER R.J. (2009), Animal Spirits: How Human Psychology Drives the Economy and Why It Matters for Global Capitalism, Princeton University Press, Princeton e Oxford. ( 6 ) Sul funzionamento dell attuale sistema di prezzi del petrolio, cfr. per esempio FATTOUH B. (2006), The Origins and Evolution of the Current International Oil Pricing System: A Critical Assessment, in MABRO R. (a cura di), Oil in the 21 st Century: Issues, Challenges, and Opportunities, Oxford University Press, Oxford, p Per i fattori responsabili delle variazioni dei prezzi, cfr. HAMILTON J.D. (2008), Understanding Crude Oil Prices, mimeo, University of California, San Diego, dicembre. ( 7 ) AISSAOUI A., What is a Fair Price for Oil and What Makes $ 75 a Barrel Seem Fair?, Op-Ed, in «MEES» del 6 aprile ( 8 ) AISSAOUI A., OPEC: Today s Market Dilemma and Tomorrow s Investment Challenge, relazione di presentazione al III Summit OPEC, Riyadh, novembre 2007; e successivi paper (ibid.). ( 9 ) SEGAL P. (2007), Why Do Oil Price Shocks No Longer Shock?, Working Paper 35, Oxford Institute for Energy Studies, ottobre, p. 2. Le argomentazioni di Segal sono state aggiornate in un articolo di commento sul «Financial Times» del 1 settembre 2009 intitolato Searching in Vain for the Oil Shock Effect, 09/01/comment-searching-in-vain-for-the-oil-shock-effect/ ( 10 ) KRAUS C., Oil Prices Find a Sweet Spot for World Economy, in «The New York Times», 31 marzo 2010, 18

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Caso 1 La politica monetaria negli USA Prof. Gianmaria Martini La congiuntura degli USA Il Sole-24 Ore utilizza frequentemente

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1 Canada Energia 2014 Nell ultima relazione della Commissione Nazionale Energetica Canadese (NEB) sono stati evidenziati i trend più importanti relativi alla produzione, al consumo, e agli interscambi di

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

In questo report volevo affrontare una opportunità di Trading di attualità sul mercato azionario, del tipo Long-Short, detto anche spread trading.

In questo report volevo affrontare una opportunità di Trading di attualità sul mercato azionario, del tipo Long-Short, detto anche spread trading. In questo report volevo affrontare una opportunità di Trading di attualità sul mercato azionario, del tipo Long-Short, detto anche spread trading. Andiamo direttamente a spiegare quale è l idea di fondo.

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

PROF. ING. ANGELO SPENA spena@uniroma2.it

PROF. ING. ANGELO SPENA spena@uniroma2.it PROF. ING. ANGELO SPENA spena@uniroma2.it INTELLIGENCE ECONOMICA E ATTIVITA STRATEGICHE 1 Gli usi delle risorse naturali: analisi e interpretazione di serie storiche pluridecennali di dati relativi alle

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione Prof. Gianmaria Martini Cosa studia l economia L economia è la scienza delle decisioni di soggetti razionali

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA CAPITOLO 2 Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA 2.1.Cosa muove i mercati? Il primo passo operativo da fare nel trading è l analisi del sentiment dei mercati. Con questa espressione faccio riferimento al livello

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Castellanza, 5 Ottobre 2009 Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Petrolio,Trading & Risk Management Fabio Di Benedetto Riferimenti

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Le determinanti sui tassi d'interesse sui mutui: un'analisi empirica per i paesi del'area Euro A cura di Carlo Milani Giugno 2010 - Numero 2 - Sintesi Centro Studi e Ricerche

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Macroeconomia. Lezione n.1 Introduzione al corso. Luca Deidda. UNISS, DiSEA, CRENoS e SOAS, Un. London

Macroeconomia. Lezione n.1 Introduzione al corso. Luca Deidda. UNISS, DiSEA, CRENoS e SOAS, Un. London Macroeconomia Lezione n.1 Introduzione al corso Luca Deidda UNISS, DiSEA, CRENoS e SOAS, Un. London Luca Deidda (UNISS, DiSEA, CRENoS e SOAS, Un. London) 1 / 17 Scaletta Scaletta della lezione Erasmus

Dettagli