piano triennale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "piano triennale 2011-2012 - 2013"

Transcript

1 piano triennale

2

3 Premessa Con l approvazione della proposta di bilancio consuntivo 2010 si formalizzerà un primo elemento di giudizio sul lavoro svolto nell ambito del rinnovamento della governance di Terremerse. È stato un anno difficile, volto da un lato alla necessità di guadagnare e consolidare la fiducia dei soci e dei collaboratori e, dall altro, a mettere in campo la necessaria apertura alle esigenze di innovazione che il mercato e le mutate condizioni della concorrenza manifestano già da tempo, anche in relazione alla crisi economica generale che il nostro Paese sta attraversando e che ancora non lascia spazio a margini di ripresa evidenti. Abbiamo una forza in più che dobbiamo far valere. Apparteniamo al mondo cooperativo, che è storia e tradizione insieme in questa terra, e che è stato sempre impegnato per salvaguardare il lavoro, i soci, i lavoratori in generale, i consumatori, oltre il profitto, con un attenzione distintiva al reinvestimento delle risorse nel territorio di appartenenza affinché potesse e possa crescere economicamente, culturalmente e socialmente. Sappiamo bene che per cercare di continuare a garantire stabilità, innovazione e sviluppo alla nostra Cooperativa e, di conseguenza, benessere e progresso al nostro territorio, in momenti di difficoltà come questo la posta della sfida si alza e noi vogliamo esserci e contare, vogliamo saper cogliere la sfida per essere sempre competitivi e allargare gli spazi di mercato. In anni come quelli che stiamo attraversando, il nostro sistema virtuoso può essere fragile o indebolirsi. Ma la responsabilità, le competenze, il fare insieme - valori che appartengono al mondo cooperativo - sapranno valere ancora anche per Terremerse e se cercheremo di operare sempre più in sinergia, riempiendo di concretezza questa parola, i pilastri su cui poggia l attuazione del piano triennale saranno ancor più saldi. A partire dalla conferma dell utilità cooperativa per i soci, attraverso liquidazioni per i prodotti conferiti e prezzi per le agroforniture in linea con le migliori performance dei concorrenti di mercato. Dobbiamo fare leva sulla forza e sulla vitalità del mondo cooperativo, sulla capacità di farsi interprete da sempre dei bisogni reali dei soci, quindi delle persone e del territorio, cercando di favorirne la crescita e far compiere a Terremerse un balzo in avanti verso l ingresso in reti globali, per essere protagonista dei nuovi scenari che si andranno a delineare. Questo è possibile rafforzando ulteriormente il radicamento nel territorio e il legame con la base sociale, intraprendendo una politica coraggiosa e lungimirante, quanto oculata, che attraverso le giuste alleanze tenga monitorate le possibilità di crescita che si potranno riscontrare sul mercato. Il mondo cooperativo sta governando con grande attenzione la crisi in atto e ne sta reggendo l urto. Deve però al tempo stesso essere pronto a cambiare per crescere ancora, per interpretare i nuovi bisogni, per creare nuove occasioni di lavoro, in un sistema dove la coesione tra efficienza, eccellenza e solidarietà sia comunque sempre più forte. Il tutto in omaggio alla mission cooperativa che vuole che chi amministra oggi le risorse ricevute in eredità dai cooperatori del passato si adoperi per trasferire un patrimonio accresciuto alle generazioni future. il Presidente di Terremerse Soc. Coop. Marco Casalini

4

5 Presentazione Cari soci, cari amici, Autorità, nel presentarvi il documento di sintesi del Piano Triennale della Cooperativa Terremerse vorrei richiamare la Vostra attenzione su alcuni elementi fondamentali. Le nostre proiezioni e le nostre aspettative per il prossimo triennio sono decisamente orientate verso lo sviluppo. La fatica gestionale dell esercizio 2010 si è imperniata su un azione di contenimento dei costi che ci ha permesso, nelle agroforniture e nella lavorazione delle carni, di recuperare elementi di competitività e margini. Abbiamo ottenuto risultati importanti e su quelli abbiamo potuto costruire l acquisizione di spazi incrementali di mercato, fatturato e redditività. Nelle filiere nelle quali Terremerse è percettrice di conferimenti, l azione di contenimento dei costi ci ha aiutato a sviluppare la nostra capacità di servizio ai clienti finali e ai mercati di destinazione, valorizzando al meglio la produzione dei soci e le liquidazioni dei prodotti. In conclusione oggi Terremerse rilancia la propria capacità di accumulazione, in armonia con la sua rinnovata utilità per i soci e per il territorio. Tutto questo ci permette di guardare al futuro con serenità e fiducia in noi stessi, consapevoli delle eccezionali difficoltà di scenario in cui ci troveremo a operare. I dati consuntivi del 2010, proiettati sulle annualità future, al netto dell inserimento di forti elementi prudenziali, danno conto di una condizione di equilibrio e capace di produrre reddito. Gli investimenti programmati verranno sostenuti attingendo alle normali disponibilità di Cash Flow della Cooperativa. Da questa linea di comportamento ci aspettiamo il consolidamento della nostra utilità ai soci e della nostra capacità di produrre reddito, senza stravolgere il posizionamento di mercato che, ad oggi, ci riserva ancora soddisfazioni interessanti. Va però considerato che Terremerse, forte della solidità dei propri fondamenti, orienta decisamente la propria barra verso il monitoraggio del mercato e verso quelle opportunità di acquisizioni d impresa e di spazi di mercato, che possano permettere di risalire di alcuni gradini nella scala del posizionamento strategico sui mercati globali. Abbiamo sperimentato con successo una filosofia aziendale costantemente orientata alla costruzione di partnership, anche nelle condizioni apparentemente più ardue. Così operiamo nelle agroforniture, verso i nostri soci imprenditori agricoli, ma anche verso le multinazionali fornitrici. Così operiamo nei confronti di quei soggetti della Grande Distribuzione che si sono dimostrati più sensibili alla ricerca di un corretto legame con i territori, la loro cultura e i valori esprimibili di sicurezza e qualità alimentare. Così intendiamo operare anche nei confronti di possibili partner d impresa e della finanza, a cui potersi collegare per dare vita a reti capaci di giocar da protagonisti in un mercato sempre più globalizzato. I risultati non mancheranno e comunque, se potranno esistere occasioni di crescita, potremo trovarle solo in questa direzione. l Amministratore Delegato di Terremerse Soc. Coop. Gilberto Minguzzi

6

7 Piano Triennale L'esercizio del 2010 di Terremerse, al netto delle liquidazioni erogate ai soci per i prodotti conferiti e di significative convenienze offerte nella distribuzione delle Agroforniture, si chiuderà con un'importante risultato, frutto di un attività gestionale i cui tratti salienti sono stati: 1. la conferma del trend eccezionalmente positivo nel margine contributivo delle agroforniture, nonostante l andamento climatico che ha comportato la perdita di 5 mesi di operatività nei consumi delle aziende agricole; 2. il consolidamento del know how e del sistema di relazioni di mercato realizzate nel processo cerealicolo, che ha consentito di cogliere in pieno le positività del mercato, compensando abbondantemente la flessione nei conferimenti, dovuta alle avversità climatiche; 3. il sostanziale recupero di costi diretti di lavorazione nel settore frutta garantendo liquidazioni ai soci in linea con le migliori performance dei concorrenti cooperativi, senza dover ricorrere a risorse patrimoniali; 4. nel settore carni si registra un importante recupero di fatturato, di marginalità ed efficienza, ottenuta sia attraverso una nuova politica degli acquisti sia attraverso una rinnovata organizzazione del lavoro portando ad importanti economie sui costi di produzione; 5. la razionalizzazione dell impiego delle risorse umane, l ottimizzazione della produttività e dell efficacia nei processi e nei servizi generali. 7

8 I budget del triennio A partire dai dati gestionali di preconsuntivo del 2010, decisamente prudenziali rispetto al valore definitivo del risultato di gestione caratteristica, è stata effettuata una proiezione per ricavarne il budget Dalla proiezione si evince un aspettativa di gestione caratteristica a pareggio e poi in leggero utile: ciò dimostra che la correzione gestionale effettuata nel 2010 ha colto nel segno! Va sottolineato che la proiezione effettuata si basa su una previsione di volumi di ritiri e di conferimenti tarata sulle performance di annate normali, tagliando le punte sia in alto sia in basso. Ai volumi citati sono stati applicati previsioni di margini definite con criteri prudenziali, sulla base dei risultati di annate standard. Aver tarato i costi in ragione di un significativo recupero di competitività, consente ora di neutralizzare l effetto della volatilità dei prezzi e dei mercati, tipica dell agroalimentare: al variare dei prezzi, varieranno i ricavi di mercato e i costi delle materie prime, ma l importante e che i margini restino impregiudicati. Da qui discende la previsione di equilibrio gestionale e sostenibilità economica di Terremerse per il triennio. Infine va sottolineato che il trend della Posizione finanziaria netta di Terremerse, dopo lo spin off immobiliare effettuato nel 2007, si è attestato stabilmente intorno ai 40 milioni di euro, nonostante l incremento del fatturato, l incorporazione di Capca e della sua posizione debitoria e alcuni investimenti straordinari effettuati nel fotovoltaico. 8

9 Trend dell indebitamento finanziario Mutui a MT in euro Finanziamenti a BT in euro Prestito da soci in euro Tot. indebitamento in euro Tabella "Trend dell indebitamento finanziario" dicembre dicembre dicembre dicembre 2008 consuntivo dicembre il budget approvato per il 2010 prevedeva: Budget invece grazie all'attuazione di un'azione di contenimento di costi, di recupero crediti e di cautele adottate nei confronti dei rischi commerciali, il Bilancio 2010 ha fatto registrare: Bilancio Piano Triennale Conto economico Budget 2011 in euro anno 2012 in euro anno 2013 in euro Tabella "Piano Triennale" Valore della produzione Consumi ( ) ( ) ( ) Utile lordo industriale Costi operativi ( ) ( ) ( ) Reddito operativo lordo Reddito Operativo Gestione accessoria Proventi ed oneri finanziari ( ) ( ) ( ) Utile ante imposte Imposte (IRES+IRAP) ( ) ( ) ( ) Utile d'esercizio

10 L orientamento alla crescita del Piano Triennale di Terremerse Premessa Lo scenario generale dell economia e del mercato per gli anni di attuazione del piano prospetta: continua erosione del potere d acquisto di ceti popolari e intermedi; incertezze sul futuro: andamento calante dei consumi alimentari (-1,7% nel 2009 sul 2008 e -0,9% nel 2010 sul 2009) con particolare riferimento ai beni di non primaria necessità: vini, bevande, frutta, ecc.; crescono le economie di Paesi emergenti (area BRIC, Indonesia, ecc.), cresce la domanda di sviluppo ed equità in Nord Africa e America Latina. Il motore dello sviluppo si sposta stabilmente a oriente; cresce la domanda mondiale di beni alimentari primari, anche se gli shock congiunti delle rivolte sociali in Nord Africa, del terremoto in Giappone e del disastro nucleare di Fukushima, hanno determinato il blocco di flussi commerciali strategici, con conseguenze drastiche sul volume degli scambi e sui prezzi; l agroalimentare ripropone il suo ruolo strategico anche in Europa, in controtendenza con gli orientamenti volti al taglio netto delle poste di Bilancio UE dedicate all agroalimentare e alla riduzione della PAC a pura politica di tutela del paesaggio rurale; prosegue la stagnazione dell economia Nazionale, in atto ininterrottamente dal lontano 2001; le proporzioni del debito pubblico nel nostro paese, oltrechè in quelli del gruppo Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna, mantengono esposta l Italia ai capricci della speculazione finanziaria; l applicazione del nuovo Patto di stabilità dell Eurozona, con: - l adozione di cospicui piani di rientro dal debito per i Paesi che superano la soglia del 60% di debito sul PIL; - gli stress test sul sistema creditizio, contestuali al passaggio al sistema di regole Basilea III comporteranno una correzione nel rapporto coperture patrimoniali/impieghi, con la conseguenza di ulteriori restrizioni nell accesso al credito e turbolenza dei mercati finanziari. Tutto ciò comporta la necessità di sostenere, con robuste dotazioni di risorse proprie, l attuazione di Piani d impresa orientati allo sviluppo. 10

11 Criticità specifiche del comparto Agroalimentare Nel 2013 si avvierà un nuovo ciclo nella PAC (Politica Agricola Comune), attraverso un ulteriore riforma della quale debbono essere ancora definiti i capisaldi, a cominciare dalle future disponibilità di bilancio. I punti salienti che si prospettano del nuovo ciclo della PAC possono essere così sintetizzati: - regionalizzazione dei PUA (Pagamento Unico Aziendale). Si delinea il passaggio da un assegnazione dei fondi da "base storica" a "base regionale". In pratica, gli attuali PUA assegnati per azienda sui terreni ammissibili a finanziamento degli agricoltori, verranno spalmati in modo uniforme su territori omogenei, a prescindere dai livelli di spesa storica erogati nei periodi di riferimento; - si attuerà il disaccoppiamento totale degli aiuti anche nei settori del pomodoro, della frutta e del foraggio disidratato; - si attuerà l'estensione della regolazione dei mercati sulla base della disciplina delle O.P. anche nei settori non ancora assoggettati (cereali, vino, ecc.). Dal censimento 2011 emerge un quadro di forte riduzione e concentrazione del numero delle imprese agricole professionali: ne rimarranno attive non più di 3/ Nel 2007, dati Nomisma, erano le aziende da 40 UDE/oltre, su aziende da 40 UDE/oltre che erano state censite nel 2000 (una UDE, Unità di Dimensione Economica, corrisponde ad un Reddito lordo standard aziendale di Euro l anno). Dunque si riduce il numero complessivo delle imprese agricole professionali e, fra queste, si incrementa il numero di imprese che raggiungono lo standard minimo di reddito. In definitiva, la massima produzione di valore aggiunto si concentra in un numero decrescente di grandi aziende. Ne deriva che: - cambia la struttura dell impresa agricola; - emerge una nuova generazione d imprenditori, con atteggiamenti più esigenti nei confronti della cooperazione e della sua utilità. Le direttrici del Piano Triennale La struttura multibusiness di Terremerse comporta un forte consumo di servizi e costi generali di struttura, in particolare: - costo delle Immobilizzazioni (ammortamenti, manutenzioni, sicurezza, assicurazioni, ecc); - servizi generali. A fronte di questi dati, l imperativo del piano è sviluppare il core business ed il relativo fatturato, consolidando il valore assoluto dei costi citati al livello attuale, così da diminuirne l incidenza. 11

12 Nel mercato globale da protagonisti, costituendo reti globali L orientamento del Piano di Terremerse è indirizzato a raggiungere i volumi di massa critica necessari, sia dal lato economico, mettendosi in condizione di spesare agevolmente i costi delle immobilizzazioni attraverso lo sviluppo del giro d affari e dei margini, sia in quello delle relazioni di mercato, attraverso la costruzione di partnership e il riposizionamento strategico, in funzione di un livello d'integrazione al mercato progressivamente sempre migliore. Così nella: gestione delle Agroforniture, in relazione alle multinazionali fornitrici; gestione dell integrazione al mercato di Ortofrutta, Cereali e Carni, ricercando partnership con i soggetti dell'industria e della GD interessati a fidelizzare i propri clienti su specifici target, attraverso l offerta di servizi avanzati, capaci di creare valore nuovo: - dalla sicurezza alimentare, alla garanzia degli standard di qualità e gusto; - all attestazione dell origine territoriale; - alla pura convenienza di prezzo. Tabella "Fonti finanziarie" Le Fonti finanziarie Euro Per finanziare il Programma d'investimenti di sostituzione e di rinnovo degli impianti e delle immobilizzazioni, Terremerse utilizzerà le risorse derivanti dal Cash flow stimato di periodo e le risorse aggiuntive derivanti da possibili entrate straordinarie: Cash Flow nel triennio Acquisizione di partecipazioni cooperative Contratto di cessione dei diritti di superficie sulle coperture dei fabbricati di Terremerse per l installazione di pannelli fotovoltaici, con opzione di riacquisto in caso di necessità di smobilizzo di beni patrimoniali Totale Tabella "Fabbisogno finanziario" Il fabbisogno finanziario per investimenti nel triennio Euro Comparto cerealicolo Nuovi impianti di frutteto e rinnovo impianti di lavorazione Nuovi punti vendita di Agroforniture Comparto carni Varie Totale Alle azioni di incremento del P.N. e della liquidità, si aggiungeranno ulteriori azioni di attenuazione dell impatto del debito (rimozione e/o sostituzione di ipoteche su beni patrimoniali con altre di minore impatto). 12

13 Un programma di acquisizioni per accedere a un più robusto posizionamento di mercato Le cifre indicate vanno considerate come indicative della volontà di Terremerse di procedere ai necessari investimenti di sostituzione e consolidamento. Nel corso del triennio Terremerse eserciterà un continuo monitoraggio sulle opportunità offerte dal mercato per eventuali acquisizioni di impianti, immobili, società dotate di avviamento, per sviluppare le attività di core business più suscettibili di sviluppo, ovvero attività di: stoccaggio e commercializzazione di cereali; distribuzione di agroforniture. Per realizzare tali acquisizioni Terremerse si riserva di: ricorrere anche all utilizzo di leva finanziaria ottenuta a debito, da porre a carico dei volumi complessivi di attività che si potranno realizzare in seguito alle acquisizioni stesse; realizzare progetti di fusioni cooperative e/o realizzare accordi societari per la costituzione di sistemi d impresa a rete capaci di renderci protagonisti sul mercato globale, grazie al raggiungimento di dimensioni di massa critica, alla specializzazione e competitività. 13

14 Le direttrici dello sviluppo Filiera Cerealicola Il trend registrato nel 2008 e poi ripetuto nel 2010, attesta il fatto che un modesto incremento della domanda mondiale, determinato anche dall apporto di consumi delle agroenergie, accompagnato da avversità naturali nelle grandi regioni esportatrici (siccità in Australia e in America latina, incendi in Russia, ulteriore siccità in Cina, ecc.), aprono le porte ad azioni speculative che spingono in alto i prezzi, creando forti tensioni nei Paesi più poveri, per le rinnovate difficoltà di accesso al cibo. Terremerse deve mettersi in condizione di aggregarsi in reti in grado di assumere le caratteristiche di player globali, così da poter offrire servizi all approvvigionamento nel mercato globale, ricavandone la giusta remunerazione per sé e per i soci della Cooperativa. Il Progetto A questo scopo Terremerse ha attivato strumenti societari e partnership di servizio, fra i quali: la costituzione del Consorzio I.S.A. - Italiana Stoccaggi Agricoli, finalizzata alla condivisione programmi d investimento nel settore; la promozione di una rete di collegate in regioni d'italia, nelle quali la presenza di Terremerse non è ancora strutturata, in Serbia e in Romania. É allo studio la costituzione di ulteriori società collegate in altri paesi; l alleanza con Axcereal, colosso cooperativo Francese del comparto cerealicolo, capace di 5 milioni di tonnellate di movimentazione di prodotto a livello mondiale, per; - l ottenimento di servizi di logistica ; - l ottimizzazione delle relazioni di mercato, anche per l ingresso nel mercato dei Futures. È su questi fondamenti che poggia il progetto di Terremerse di dare vita ad una rete integrata, nazionale ed internazionale, di Centri stoccaggi. Il progetto prevede investimenti in Italia e all estero per di euro. 14

15 Filiera Agroforniture L organizzazione del processo Agroforniture non apporterà alterazioni al modello gestionale consolidato in Terremerse, articolato in: mantenimento dei rapporti di partnership con le Ditte fornitrici; presidio del territorio attraverso la rete tecnico/commerciale e i punti vendita; ricerca di rapporti di partnership anche con altre strutture che operano nei territori limitrofi; lo sviluppo della rete di vendita di Agroforniture in territori e sedi nuove rispetto a quelle consolidate, seguirà il percorso di costruzione di nuovi centri di stoccaggio cereali di Terremerse e di I.S.A., monitorando ogni eventuale opportunità di acquisire collaborazioni con professionisti e/o società in dismissione dotate di avviamento proprio. Il Budget previsto per investimenti nel triennio è di di euro. Comparto macchine agricole Si perseguirà il reintegro dell assistenza post-vendita e della ricambistica nella gestione diretta Terremerse, nonché l integrazione del presidio del territorio e dell attività commerciale con altri soggetti qualificati; si ricercheranno sinergie con la caratteristica domanda di mercato dei nuovi territori d insediamento I.S.A. e/o Terremerse (vedi in Serbia e Romania) per acquisire nuovi sbocchi per la vendita dell usato. Filiera Ortofrutta Le linee strategiche del progetto ortofrutta poggiano sulla constatazione che la crisi di questi anni, con il calo del potere d acquisto e della propensione ai consumi, non ha colpito orizzontalmente l intero settore, ma solo alcune specie e varietà, in particolare pesche e nettarine medio tardive. Susine Angeleno e Kiwi hanno risentito delle conseguenze derivanti dall azione spregiudicata di alcuni soggetti che ne hanno compromesso l immagine. Altre specie e varietà innovative hanno difeso il proprio contenuto di valore e hanno fornito risultati soddisfacenti ai produttori. Terremerse si propone di: aggiornare il regolamento di conferimento per ritararne l orientamento premiale, così da ottenere: - l incremento della percentuale di prodotto valorizzabile sul totale dei conferimenti; - lo sviluppo delle azioni di selezione e confezionamento in campagna, così da tagliare lavorazioni accessorie non indispensabili, tagliare i costi e accorciare la filiera logistica, valorizzando la freschezza e la qualità; elevare la qualità del servizio alla distribuzione (valorizzazione della freschezza e della qualità, contenimento dei costi, attestazione d origine) così da rendere attrattiva la Cooperativa nei confronti dei soggetti della GD interessati a fidelizzare la propria clientela con l offerta di specifici valori. Costituire partnership con i soggetti della GD disponibili. Il miglioramento della qualità dell integrazione al mercato è condizione per accrescere l utilità della Cooperativa nei confronti dei soci e per recuperare una maggiore marginalità. 15

16 A questo scopo è necessario promuovere la diversificazione della base produttiva, verso specie e varietà apprezzate dal mercato. Per ottenere rapidamente questo riallineamento Terremerse: - continuerà a riservare il 50% delle disponibilità di ciascun Piano Operativo della OP a finanziare gli investimenti dei produttori per nuovi impianti; - si accollerà gli oneri finanziari della parte d investimento da coprire con risorse proprie di ciascun produttore, così da ottenere mutuo a tasso 0 per i soci investitori; - promuoverà 200 ettari di nuovi impianti, da realizzare e gestire direttamente, tramite la costituzione di una Newco, con preferenza per le specie: Tabella "Frutticole per i nuovi impianti" Frutticole per i nuovi impianti albicocche nuove varietà pere Abate mele Fuji pesche nettarine nuove varietà kaki di Romagna Terremerse promuoverà il consolidamento della coltura del pomodoro da industria, dopo l avvio del disaccoppiamento totale del contributo UE, ricercando accordi commerciali con le migliori industrie in grado di valorizzare la qualità del prodotto delle zone più vocate, come la nostra. Progetto nuovi frutteti a conduzione diretta della Cooperativa Terremerse Motivazione del progetto: incentivare Specie e Varietà strategiche per il posizionamento commerciale della Cooperativa; necessità di produzioni effettuate su lotti omogenei per trattamenti e per qualità in modo da agevolare le operazioni di tracciabilità e di risposta ai capitolati dei Clienti e per ridurre i costi di certificazione; riduzione progressiva degli approvvigionamenti di prodotti con minori rischi per la Cooperativa; mantenimento della produzione frutticola su territori vocati e in ambiti dove la Cooperativa è già presente. 16

17 Filiera Carni I brillanti risultati gestionali ottenuti nel 2010 propongono ora la necessità di un consolidamento in termini di fatturato, volumi e margine. A questo scopo si rendono indispensabili ulteriori azioni strategiche rivolte a: lavorazione del suino pesante porzionato (alla luce delle nostre competenze acquisite con la lavorazione del suino leggero che è esclusiva di Coop) per soddisfare le esigenze del retail allo scopo di incrementare le vendite del nostro core-business (salsiccia), in tal caso è possibile sfruttare sinergie produttive e commerciali ricercabili nelle fasi comuni ai diversi processi di lavorazione. Non necessita di nuovi investimenti e può essere un'azione immediata, coglie l opportunità di ampliamento della gamma produttiva; ampliamento della gamma delle referenze nel Salumificio, sul fresco e sullo stagionato, realizzando ampliamenti di gamma e incrementi di volumi, acquisendo nuovi spazi di mercato (espansione territoriale dell attuale business) attraverso la ricerca di accordi con nuove catene distributive. Per raggiungere l obiettivo dell ampliamento del mercato Comacar dispone di importanti asset competitivi: - un Know-how di ricette regionali a prezzi competitivi; - un marchio riconosciuto dal mercato locale e, oggi, grazie alle partnership con alcune catene della GDO, anche a livello extra-locale: - nel 2012 Comacar inserirà propri prodotti nel prontuario dell A.I.C. dei Salumi per Celiaci. Il Prosciuttificio Ulteriore spinta alla diversificazione produttiva nel mix tra osso, disosso e mattonella; monitoraggio e modulazione dei trend dei mercati di riferimento (costo materie prime, ricavi e marginalità); trading di prodotto stagionato (attraverso l individuazione di fornitori garanti di costanza di qualità) con cicli di compravendita ravvicinati per ridurre il rischio di oscillazioni del prezzo di mercato; espansione delle vendite dirette con l apertura nel 2011 di un nuovo punto di vendita a Ravenna, e una ulteriore apertura a Forlì nel Tali attività saranno complementari all area attualmente controllata. 17

18 Altri investimenti Sono inoltre da prevedere investimenti riguardanti principalmente: ammodernamento degli impianti; apertura dei nuovi punti vendita di Ravenna e Forlì; interventi di manutenzione sulla struttura dell immobile - rifacimento tetti; - pavimentazioni celle e corridoi di collegamento; - rivestimenti celle e strutture di lavorazione carni; sicurezza degli ambienti di lavoro e formazione del personale: - certificazione di prodotto: BRC IFS da ottenere a giugno 2011; - mantenimento Certificazione di processo ISO

19

20 Via Cà del Vento, Bagnacavallo (Ra) Tel Fax

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO L ALLEVAMENTO OVICAPRINO La fotografia La rilevanza del comparto. L allevamento ovicaprino ha una scarsa rilevanza nell economia agricola nazionale: l offerta di latte e carni ovicaprine incide per circa

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf Reggio Emilia, 13 febbraio 2014 Presentazione è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), iscritta agli artt.

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA La fotografia La rilevanza del comparto L elevata vocazione produttiva del territorio nazionale ed il consolidarsi di tradizioni colturali hanno consentito

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Relazione del Presidente ANICAV ANTONIO FERRAIOLI

Relazione del Presidente ANICAV ANTONIO FERRAIOLI Relazione del Presidente ANICAV ANTONIO FERRAIOLI Foggia, 26 novembre 2013 IL FILO ROSSO DEL POMODORO FOGGIA 26 Novembre 2013 Intervento del Presidente Antonio Ferraioli L incontro di oggi rappresenta

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 a cura di: Bologna, INDICE 2 IL CAMPIONE DELLA «COOPERAZIONE AVANZATA» pag. 4 «COOPERAZIONE AVANZATA»: IL FATTURATO pag. 8 «COOPERAZIONE AVANZATA»:

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

9 RAPPORTO SOCIALE DI CONAD CENTRO NORD

9 RAPPORTO SOCIALE DI CONAD CENTRO NORD 9 RAPPORTO SOCIALE DI CENTRO NORD Il Rapporto Sociale è la sintesi del Bilancio Sociale di Conad Centro Nord Società cooperativa. Sono entrambi strumenti che vogliono documentare la Responsabilità Sociale

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

IL MERCATO DELLE ARANCE

IL MERCATO DELLE ARANCE IL MERCATO DELLE ARANCE tendenze recenti e dinamiche attese Catania, 11 luglio 2013 QUALI ELEMENTI DI CRITICITÀ dimensione aziendale medio-bassa, impianti poco moderni, problemi fitosanitari (virosi) filiera

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Auchan Italia ALIMENTARI Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Marco ANNOVAZZI Servizio Qualità Auchan Sma marco.annovazzi@auchan.it

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

CREDITO E COOPERAZIONE

CREDITO E COOPERAZIONE CREDITO E COOPERAZIONE PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO 2 L Osservatorio e l analisi sul credito 3 Osservatorio della cooperazione agricola italiana Istituito presso il Mipaaf(legge 11/11/2005 n. 231) Sostenuto

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti Chi siamo Fruttagel è un consorzio cooperativo, il cui scopo è dare valore a tutti gli stadi della filiera agroindustriale. A monte vi è il socio produttore, o il fornitore, che viene assistito per garantire

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE E PIANO PROGRAMMA TRIENNIO

BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE E PIANO PROGRAMMA TRIENNIO di CREMA Sede legale in Crema (CR), P.zza Duomo n. 25 C.F. e P.I. 01141210193 BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE E PIANO PROGRAMMA TRIENNIO 2015-2016-2017 INDICE Stati Patrimoniali di previsione 2015-2016-2017

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato La gestione del rischio Gregorio Rigotti Dipartimento Territorio, Agricoltura, Ambiente e Foreste Trento, 6 marzo 2014 Contenuti La

Dettagli

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Signori consiglieri, i risultati del bilancio consuntivo 2010 evidenziano

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il mercato nazionale dei cereali Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il contesto di riferimento Il settore cerealicolo opera in un quadro caratterizzato da diversi aspetti difficilmente

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Sintetico

ALFA BETA SRL. Report Sintetico Report Sintetico Trend su base biennale dei principali indici di bilancio Confronto con trend della media di settore registrata nel medesimo periodo Legenda: Anno 1 (2008) > Data inizio: 01/01/2008 - Data

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Business Plan per tutti

Business Plan per tutti Business Help! Business Plan per tutti Scrivere il proprio Business Plan in maniera semplice e rapida Brogi & Pittalis srl Consulenza di direzione e organizzazione aziendale www.direzionebp.com Business

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE La fotografia La rilevanza del comparto: l offerta di carne bovina incide circa il 40% sul valore della produzione degli allevamenti da carne e circa ¼ su quello de totale

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN)

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ALLEGATO F ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) TEL. 071.9331161 FAX. 071.9330376 Ufficio Urbanistico e Territoriale e-mail: urbanistica@parcodelconero.eu

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A.

Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A. Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A. di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Si presenta il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio, è riuscita ad individuare la via migliore

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

AUTOMOTIVE DEALER REPORT

AUTOMOTIVE DEALER REPORT AUTOMOTIVE DEALER REPORT Classifica bilanci dei concessionari auto AUTOMOTIVE DEALER REPORT è un magazine a numero unico con l'analisi dei bilanci dei concessionari, classificati per dimensioni e per performance.

Dettagli