Giovani di oggi pensionati di domani: povertà future?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovani di oggi pensionati di domani: povertà future?"

Transcript

1 Giovani di oggi pensionati di domani: povertà future? di Giuseppe Argentino Introduzione Capita sovente, quando si discute di pensioni al futuro, di pensioni che riguarderanno domani coloro che sono giovani oggi, che i diretti interessati liquidino il problema con battute sarcastiche, che non si discostano quasi mai da luoghi comuni : «tanto io in pensione non ci andrò mai», oppure, «tanto noi non avremo mai la pensione», e via di seguito con espressioni disincantate. Se ironizzare può rallegrare l esistenza, non per questo coniugare ironia amara, disincanto, e luoghi comuni, aiuta ad affrontare e risolvere problemi complessi, come complesso è il problema della costruzione del reddito per l età postlavorativa. Compito di chi riveste posizioni di responsabilità è ricondurre il dibattito in un alveo di scientificità, indagando per dare risposte alle domande delle giovani generazioni, che se da un lato paiono informate a luoghi comuni, non per questo vanno minimizzate, conservando intatti il loro peso politico e la loro rilevanza sociale. Si tratta in sostanza di affrontare la complessità, osservando gli intrecci tra le diverse e numerose variabili che devono fare i conti con una fase di crisi economico-finanziaria internazionale, e delle sue conseguenti ripercussioni sul mercato del lavoro nelle diverse aree del mondo. Per dipanare i nodi della complessità occorre dunque che l indagine sia guidata dalla consapevolezza che nel sistema pensionistico sono presenti elementi di variabilità, alcuni dei quali si evidenziano di seguito: la variabile reddito da lavoro : il sistema pensionistico si finanzia mediante una percentuale del reddito prodotto mediante il lavoro, pertan- focus Giuseppe Argentino Capo Servizio Studi Patronato Acli Enaip Formazione & Lavoro 2/

2 to i cali o gli incrementi dei redditi da lavoro hanno un incidenza determinante sull equilibrio della spesa pensionistica; la variabile demografica, essenziale per comprendere l andamento futuro della spesa pensionistica: ad un progressivo innalzamento della durata della vita media, corrisponderà un progressivo aumento della spesa pensionistica perché significherà pagare trattamenti pensionistici per periodi più lunghi; la variabile politica si intreccia con la variabile demografica nei processi riformatori finalizzati ad ottenere risparmi di spesa: gli anziani sono anche elettori, ne consegue che più alto è il numero degli anziani, meno disponibile sarà il Legislatore a votare norme che possano essere sgradite alla maggior parte dell elettorato (cosiddetto rischio politico ) 1 ; la variabile consumi, che consiste nella necessità di parametrare le esigenze del periodo di vita post-lavorativa al connesso livello reddituale, nella convinzione che con il progredire dell età anziana appare incoerente ipotizzare il mantenimento dello stesso livello dei consumi che normalmente si registra nel corso della vita lavorativa. Nell indagare sugli elementi sopra accennati si seguirà un itinerario che dopo aver osservato gli scenari attuali, si soffermerà sugli scenari futuri mediamente ipotizzati dai più autorevoli istituti di ricerca, non senza tener conto delle suggestioni recentemente dettate dal Libro verde 2 dalla Commissione europea. Si esporranno in particolare alcuni dati relativi all evoluzione demografica, focalizzando l attenzione su un quadro di prospettiva che vede la riduzione del tasso di sostituzione 3 delle pensioni di primo pilastro 4. Nel corso delle conclusioni si intrecceranno valutazioni problematiche con alcune riflessioni e proposte operative. Indagare sugli scenari attuali e sulle prospettive future del sistema pensionistico, significa dunque andare oltre i luoghi comuni, e cercare di capire lo stato dei lavori in corso, nella consapevolezza che periodicamente il quadro normativo viene sottoposto a cambiamenti, dettati in parte dall andamento della situazione economico-finanziaria, e in parte da condizionamenti di natura socio-politica. Scenari attuali Per comprendere la situazione attuale occorre partire dalle regole alla base dell ordinamento pensionistico, soffermandosi di seguito sui grandi numeri del sistema, per soppesarne i costi in vista dei cambiamenti in atto. 116 focus

3 L ordinamento pensionistico italiano prevede l iscrizione ad un assicurazione obbligatoria pubblica per tutti coloro che prestano attività lavorativa come dipendenti, o in forma autonoma, con la sola eccezione degli imprenditori delle imprese medio-grandi. L iscrizione si perfeziona mediante il pagamento di una determinata contribuzione, alla quale farà seguito la corresponsione di una pensione, in presenza di determinati requisiti, di età, di contribuzione, o di riduzione della capacità di lavoro dovuta a motivi di salute. Il sistema pensionistico italiano è stato profondamente modificato nel 1992 dalla Riforma Amato 5, e ancor più nel 1995 dalla Riforma Dini 6, che ha istituito il metodo di calcolo contributivo per tutti coloro che sarebbero stati iscritti nell assicurazione generale obbligatoria a partire dall anno Il metodo già in vigore, denominato retributivo, è stato conservato per coloro che alla data del 31 dicembre 1995 avessero già maturato un anzianità contributiva di almeno diciotto anni, mentre per coloro che avessero maturato un anzianità inferiore, la pensione sarebbe stata calcolata secondo un metodo misto: in parte retributivo, e in parte contributivo. Poiché la presente trattazione ha per oggetto le pensioni al futuro, ci si soffermerà solo sul metodo contributivo. La contribuzione assicura contro tre rischi, due a favore del lavoratore (invalidità e vecchiaia), e uno a favore dei suoi superstiti: si parla infatti normalmente di pensioni di invalidità, vecchiaia e superstiti (IVS). focus Le pensioni di vecchiaia e anzianità La pensione di vecchiaia viene erogata ad una determinata età, detta età pensionabile (sessantacinque anni per gli uomini e sessanta per le donne), in presenza di un anzianità contributiva di almeno cinque anni. Il calcolo contributivo considera tutta la contribuzione versata lungo l arco dell intera vita lavorativa: la contribuzione viene annualmente rivalutata in base ad un tasso di capitalizzazione determinato dalla variazione media quinquennale del Pil. Il montante contributivo accumulato al termine della vita lavorativa viene poi parametrato con un coefficiente di trasformazione che sarà tanto più elevato quanto più elevata sarà l età di pensionamento, tenendo presente che oltre il sessantacinquesimo anno si usa comunque il coefficiente corrispondente a tale età, di modo che se un lavoratore scegliesse di prolungare l attività lavorativa oltre il sessantacinquesimo anno di età, vedrebbe la sua pensione calcolata comunque con il coefficiente corrispondente all età di sessantacinque anni. Enaip Formazione & Lavoro 2/

4 La pensione di vecchiaia ha una variante nella pensione di anzianità, che consiste in una pensione, calcolata come la pensione di vecchiaia, ma erogata ad un età precedente l età pensionabile e in presenza di un requisito di anzianità contributiva non inferiore a trentacinque anni di contribuzione: i due requisiti, di età e di contribuzione, devono combinarsi in modo da dare luogo ad una quota senza il raggiungimento della quale non è possibile ottenere la pensione. Il perfezionamento dei requisiti non consente, tuttavia, ad una persona, di ottenere immediatamente il pagamento della pensione: perché ciò avvenga è necessario che trascorra un certo periodo di tempo, al termine del quale si aprirà la cosiddetta finestra pensionistica, vale a dire la data a decorrere dalla quale una persona potrà ottenere il pagamento della pensione. Proprio nei giorni di stesura delle presenti note il Parlamento sta discutendo la conversione in Legge di un Decreto legge 7 che determina le nuove finestre delle pensioni di vecchiaia e anzianità, fissandone la decorrenza dopo che sia trascorso un periodo compreso tra dodici e diciotto mesi dalla data di perfezionamento dei requisiti, a seconda che si tratti di lavoratori dipendenti o autonomi. I trattamenti previdenziali di inabilità/invalidità, e le pensioni ai superstiti Nell assicurazione generale obbligatoria, il verificarsi di una riduzione della capacità di lavoro, può dare luogo alla liquidazione di due diversi tipi di trattamenti previdenziali: l assegno di invalidità, se la capacità di lavoro è ridotta a meno di un terzo, e la pensione di inabilità, se vi è totale incapacità a qualsiasi attività lavorativa a causa di difetto fisico o mentale. Per ottenere uno dei due trattamenti, che sono calcolati secondo i criteri già esposti, non è richiesta una determinata età, ma è invece necessario che sia stata versata contribuzione per almeno cinque anni in tutta la vita lavorativa, di cui non meno di tre nei cinque anni immediatamente precedenti la domanda di prestazione. In caso di morte di lavoratore o pensionato viene liquidata la pensione ai superstiti: normalmente al coniuge, in casi determinati anche ai figli, e in casi molto particolari ai genitori o alle sorelle nubili e ai fratelli celibi. Tale pensione è erogata al coniuge superstite nella misura del 60% della pensione che sarebbe spettata al defunto; in presenza di figli tale percentuale viene incrementata, ma è pagata in misura inferiore nel caso in cui i superstiti siano altri soggetti. 118 focus

5 Sistema a ripartizione Restando nel quadro delle regole, è necessario a questo punto osservare che il sistema pensionistico viene finanziato mediante la contribuzione periodicamente prelevata dai redditi da lavoro: si tratta del sistema cosiddetto a ripartizione, che consiste nel ripartire, cioè nel suddividere, tra i pensionati, i contributi di coloro che prestano attività lavorativa. È un sistema che si regge su una sorta di patto di solidarietà intergenerazionale, che vede porre i pensionati a carico dei lavoratori: in un certo senso si può affermare che i figli mantengono i padri nella loro età post-lavorativa, dopo che da essi sono stati mantenuti nell età pre-lavorativa. Tale sistema sta in equilibrio finanziario quando ci sono molti lavoratori e pochi pensionati: alcuni esperti ritengono che il sistema stia in equilibrio quando vi sono quattro lavoratori per un pensionato. Ma nel momento in cui tale rapporto vede aumentare il numero dei pensionati, come in effetti è progressivamente accaduto a partire dalla metà degli anni Settanta, che percepiscono pensioni per tempi sempre più lunghi, l equilibrio finanziario non può che essere garantito dallo Stato che ripiana i conti dell Inps mediante un contributo, prelevato dalla fiscalità generale, normalmente stanziato con Legge finanziaria. focus Il sistema a capitalizzazione e la previdenza complementare Al quadro di osservazione vanno aggiunte alcune considerazioni sul sistema di previdenza complementare, disciplinato dal D.Lgs. 5 dicembre 2005, entrato in vigore a decorrere dall anno Nata con l obiettivo di incentivare la costituzione di una seconda pensione, in grado di riequilibrare la riduzione dei tassi di sostituzione del primo pilastro per coloro che otterranno la pensione con il calcolo contributivo, la previdenza complementare fa leva sulla disponibilità dei lavoratori dipendenti a dirottare il Tfr dal mero accantonamento aziendale, verso Fondi pensionistici istituiti per gestire il risparmio previdenziale, secondo moderni criteri di capitalizzazione. Si tratta di una pensione da costituirsi dunque su base volontaria, e proprio per questo il sistema necessita di essere ben spiegato ai lavoratori, e da questi ben compreso, tanto più che si basa sul sistema a capitalizzazione, secondo il quale gli accantonamenti contributivi vengono gestiti sul mercato dei capitali, con i rischi connessi all andamento di tali mercati. Attualmente la previdenza complementare vede poco più di cinque milioni di persone iscritte a Fondi pensione, presso i quali risultano accantonati circa settantatrè di euro (quasi il 5% del Pil) 8 : si tratta di numeri ancora Enaip Formazione & Lavoro 2/

6 molto esigui, se si considera che il solo mondo del lavoro dipendente è composto da circa 12 milioni di persone, e che in alcuni Paesi esteri gli accantonamenti ammontano ad oltre la metà del Pil, e in certi altri Paesi sono perfino superiori ad esso. Scenari di previsione Per comprendere gli scenari di previsione bisogna partire dall andamento demografico, aiutandoci con i dati pubblicati nella Tabella 1, tratti da una recente pubblicazione della Ragioneria generale dello Stato 9. Tabella 1 Previsioni sull allungamento del tempo medio di vita Anno Donne Uomini ,6 79, ,1 80, ,5 82, ,6 83, ,5 84, ,3 85,5 Fonte: Ragioneria generale dello Stato Dunque, stando alle previsioni, la vita media di una donna crescerà di oltre quattro anni nei quarant anni compresi tra il 2020 e il 2060, e quella di un uomo di quasi cinque nello stesso periodo: ciò significa che occorrerà pagare pensioni per periodi di tempo più lunghi, ma significa anche che occorrerà predisporre strutture atte a far fronte alle necessità di tutela sanitaria di una popolosa schiera di cittadini ultraottantenni. Di fronte a tali scenari, è lecito porsi a questo punto alcune domande: Se si camperà di più, sarà necessario elevare ancora l età pensionabile? A quanto ammonteranno le pensioni in futuro? Nella Tabella 2, di seguito pubblicata, si espongono i tassi di sostituzione, previsti fino all anno 2060: si tratta di dati contenuti nel citato Rapporto della Ragioneria generale dello Stato, che ha effettuato delle proiezioni sulla base della legislazione vigente, ipotizzando i tassi di sostituzione degli importi pensionistici da corrispondere a persone (senza distinzione di genere) di età pari a sessantacinque anni, e che abbiano versato contribuzione per trentacinque anni focus

7 Tabella 2 Tassi di sostituzione Dipendenti settore privato Lavoratori Autonomi Anno Pensione di base Pens. Base + Pens. Compl Pensione di base Pens. Base + Pens. Compl ,2 70,2 69,4 69, ,3 67,6 46,1 50, ,3 67,1 36,7 44, ,5 67,8 34,3 45, ,6 67,7 33,7 45, ,3 66,2 32,9 44,9 Il quadro non si presenta roseo, soprattutto per i lavoratori autonomi (che risentono maggiormente dell aliquota contributiva più bassa di quella pagata dai lavoratori dipendenti), e per i lavoratori in genere, che risentiranno sempre più, in particolare dopo gli anni Venti, degli effetti del sistema di calcolo contributivo. Si noti, in particolare la riduzione al di sotto del 60%, per i dipendenti, già nel 2030, quando si compiranno i trentacinque anni dalla data di entrata in vigore della Riforma Dini. Si noti inoltre la ulteriore riduzione a partire dal 2040, quando andranno in pensione le generazioni che hanno mediamente cominciato a prestare attività lavorativa nel primo decennio degli anni I tassi di sostituzione del primo pilastro indicano la necessità di provvedere per tempo a costruirsi una seconda pensione, usufruendo delle opportunità previste dal D.Lgs. 252/2005 in tema di previdenza complementare. Per favorire l adesione ai piani pensionistici individuali, sono stati previsti tra l altro, sgravi fiscali: sia nella fase di accantonamento della contribuzione (fino a 5.164,57 euro all anno), sia nella fase dei rendimenti (11%, contro il 12,5% delle rendite finanziarie), sia in sede di liquidazione delle prestazioni, con aliquota unica (15%), non cumulabile con altri redditi, e riducibile nel caso in cui l iscrizione alla previdenza complementare sia durata per più di quindici anni. Di fronte a tali scenari di previsione, la spesa pensionistica non è destinata a calare, almeno per i prossimi 30 anni: solo dal 2040 si inizierà un inversione di tendenza, e nonostante tale inversione, nel 2060 si prevede un livello di spesa pensionistica sul Pil (13,2%) che sarà ancora superiore a quello registratosi al momento di apertura del cantiere nel 1992 (12,5%). focus Enaip Formazione & Lavoro 2/

8 Come dimostra il quadro di seguito pubblicato, la spesa pensionistica si manterrà sostanzialmente stabile per i prossimi trenta anni, disegnando una gobba tra il 2030 e il 2040: a quell epoca il sistema contributivo avrà dispiegato i suoi effetti in modo pressoché totale sulle nuove pensioni, ma saranno ancora in pagamento pensioni calcolate con i sistemi retributivo e misto. Grafico 1 Previsioni del rapporto tra spesa pensionistica e PIL Valori percentuali Proiezioni della Ragioneria generale dello Stato Il futuro è dunque solo a tinte fosche? Non tutte le voci sono concordi, anzi uno Studio pubblicato lo scorso anno a cura del CER e del CNEL, fa prevalere le tinte chiare sulle tinte scure 11. Pur considerata la sostanziale identicità con i dati della Ragioneria generale dello Stato per quanto riguarda il rapporto tra la spesa pensionistica e il Pil, il Rapporto CER-CNEL vede conseguenze positive, sull equilibrio dei conti delle pensioni, a partire dalla ripresa della natalità, e dall incremento dell occupazione prevista per effetto della crescita del Pil che seguirà dopo il superamento dell attuale crisi economica. L incremento della popolazione, soprattutto ad opera delle popolazioni immigrate, e il conseguente aumento occupazionale, farà aumentare l ammontare contributivo, apportando ossigeno alle casse degli enti previdenziali ai quali tocca, in definitiva, pagare le pensioni. Alle medesime conclusioni sembrano anche condurre alcune espressioni contenute nel Libro bianco del Ministero del lavoro 12, in particolare laddove si legge che «la demografia è il fattore di cambiamento dei prossimi decenni», e che «saranno gli andamenti della natalità, il mutare della aspet- 122 focus

9 tativa di vita e i flussi migratori a riorientare le caratteristiche del Welfare del futuro», considerato che «i già precari equilibri del sistema previdenziale saranno sempre più messi in discussione dall invecchiamento della popolazione». Conclusioni: problemi e prospettive Le questioni che si sono esposte rappresentano solo una parte del più complesso sistema di welfare, che non riguarda solo la tutela dei redditi nell età post-lavorativa, ma anche questioni connesse alla tutela delle condizioni della salute psicofisica della popolazione anziana, senza dimenticare altri aspetti, e in particolare gli aspetti sociali e relazionali. Nella prospettiva di un futuro sviluppo della previdenza complementare, una prima considerazione riguarda la necessità di cambiare il paradigma interpretativo del sistema pensionistico, passando a considerare la pensione sempre meno come un qualcosa di dovuto, ma sempre più come un qualcosa da costruire giorno per giorno. Tale considerazione appare come una conseguenza delle mutate condizioni economiche e demografiche, che impegnano ciascuno a farsi carico sempre più della tutela del proprio reddito nella fase di vita post-lavorativa, sia perché i tassi di sostituzione del primo pilastro sono destinati ad abbassarsi, sia perché il ricorso alla previdenza complementare comporta la necessità di effettuare scelte consapevoli, scarsamente delegabili. In questo senso il futuro del sistema pensionistico va inquadrato all interno di un contesto volto a favorire il risparmio previdenziale: si tratta di un cambio di paradigma per la realizzazione del quale è necessario un salto culturale da mediare lungo adeguati percorsi di formazione, specialmente rivolti alle generazioni più giovani, che affianchino alla figura del lavoratore la figura del risparmiatore di lungo periodo. Va quindi promosso il rilancio della cultura del risparmio, favorendo la conoscenza dei moderni strumenti messi a disposizione dalla scienza finanziaria, non già nella loro versione destinata alla speculazione di breve periodo, ma come opportunità per la capitalizzazione costante di risorse monetarie, periodicamente accantonate al fine di procurarsi le risorse finanziarie per la vita post-lavorativa. Nella prospettiva di creare una nuova cultura del risparmio previdenziale di lungo periodo, sarà necessario che il lavoratore-risparmiatore impari a identificare il profilo di rischio finanziario e demografico coerente con i tempi e dia attuazione nel tempo a piani di manutenzione del proprio risparmio. Occorre, come afferma un passaggio del Libro verde 13 della Commissione europea pubblicato lo scorso 7 luglio focus Enaip Formazione & Lavoro 2/

10 Fermo restando che non si parla di eliminare il primo pilastro obbligatorio, ma prendendo comunque atto che il dibattito si è ormai aperto a ipotesi di riduzione delle aliquote contributive al fine di ridurre il costo del lavoro, e allo stesso tempo di omogeneizzazione dei sistemi tra chi presta lavoro subordinato, o in forma autonoma o parasubordinata, si potrebbe ammettere - ed esprimo una seconda considerazione - che l eventuale riduzione della contribuzione del primo pilastro possa essere destinata ad incrementare la contribuzione del pilastro della previdenza complementare. Con riferimento poi alla gestione del secondo pilastro complementare, si avanza l ipotesi di un rafforzamento, sul piano giuridico, delle condizioni di adesione ai Fondi negoziali, che paiono poter meglio tutelare gli interessi dei lavoratori iscritti, sia per la loro immediata prossimità ai lavoratori stessi, che necessiteranno sempre più di consulenza libera da interessi di parte (per riprendere uno slogan adottato dal Patronato Acli), sia per la possibilità dei lavoratori stessi di eleggere gli amministratori di tali Fondi. Occorrerebbe, in altre parole, distinguere tra secondo e terzo pilastro, favorendo l adesione ai Fondi negoziali ad adesione collettiva, da considerare secondo pilastro, mediante condizioni, soprattutto fiscali, di miglior favore, vista la loro origine collettiva e la loro natura solidale. I Fondi ad adesione individuale potrebbero invece costituire, come già avviene in altri Paesi, il terzo pilastro previdenziale, che dovrebbe essere disciplinato da regole specifiche, data la sostanziale diversità dal pilastro costituito dai Fondi ad adesione collettiva. Si tratterebbe tuttavia di avviare un processo di revisione normativa che le attuali condizioni politiche non rendono comunque possibile. Per dare sviluppo alla previdenza complementare sarebbe inoltre opportuno che il Tfr venisse destinato obbligatoriamente alla costruzione della seconda pensione: tale disposizione non risolverebbe comunque il problema delle categorie che non dispongono del Tfr, per le quali occorrerebbe trovare diverse soluzioni. Per quanto riguarda infine il primo pilastro si ritiene doverosa la revisione dei meccanismi di perequazione automatica, che annualmente adeguano gli importi pensionistici in base all andamento del costo della vita. Da anni si discute se modificare il paniere alla base dell indice di riferimento, differenziandone i contenuti in modo specifico per l età anziana. Considerato il continuo progredire della durata della vita media, non pare fuori luogo prevedere revisioni periodiche (triennali? quinquennali?) con modificazioni dei contenuti del paniere al compimento di determinate età, so- 124 focus

11 prattutto quando si aprono stagioni della vita nelle quali è più necessitato l uso di determinati farmaci costosi. Ancora con riferimento alle pensioni di primo pilastro pare necessario reintrodurre l istituto dell integrazione al trattamento minimo sulle pensioni contributive, agganciandolo, come già avviene per le pensioni retributive, sia al perfezionamento di almeno venti anni di anzianità contributiva, sia alla mancata percezione di altri redditi personali o coniugali, che si collochino al di sopra di una determinata soglia. Ma al di là di singoli strumenti di aggiustamento, ciò che pare necessario per riequilibrare in modo strutturale i conti della spesa pensionistica è l allungamento della vita lavorativa. Ritorna spesso la discussione su tale argomento, sul quale è bene fare chiarezza, considerando innanzi tutto che non tutti i lavori sono eguali: ci sono lavori più faticosi e usuranti che necessitano di energie di cui non si dispone in misura illimitata. Per i lavoratori dediti a tali lavori occorrerà prevedere età pensionabili più basse, con meccanismi di recupero della perdita sul trattamento pensionistico, dovuta alla minore anzianità di lavoro. Dopo avere stabilito delle soglie di età, che si ritiene equo equiparare tra uomini e donne, così come, del resto, aveva fatto la Riforma Dini, sarà bene che i coefficienti di trasformazione non si fermino a sessantacinque anni, ma crescano di anno in anno, in modo da incentivare la permanenza al lavoro, nella consapevolezza, oltre tutto, che se un lavoratore resta per un tempo più lungo in attività lavorativa, più breve sarà di conseguenza il periodo del suo pensionamento. Si tratta quindi di avviare politiche attive di formazione e lavoro per elevare i tassi di occupazione, soprattutto femminile: in questa prospettiva si situa anche la questione dell età pensionabile delle donne che va affrontata rifuggendo da suggestioni demagogiche o ideologiche, ma collocandola nel corretto alveo della complessità della vita di lavoro femminile, che storicamente si è dibattuta nella difficile ricerca di equilibri tra ruoli familiari e funzioni professionali. Per quanto appaia complesso, non si può tralasciare di considerare, tra i tempi della vita lavorativa di una donna, i tempi di lavoro dedicati alla cura della crescita e dell educazione dei figli e alla gestione della vita familiare. A conclusione di tutto va affermato che di fronte all incalzare dei numeri non c è molto tempo; non c è soprattutto per le giovani generazioni che hanno già iniziato a lavorare, magari saltuariamente, e che, a bocce ferme, tra una trentina d anni, otterranno pensioni, che non supereranno la metà dell ultimo reddito da lavoro. focus Enaip Formazione & Lavoro 2/

12 Occorre pertanto agire, e agire in fretta, portando a compimento i lavori del cantiere aperto, nella consapevolezza che in presenza di mutate condizioni, non sarà possibile riprodurre modelli che si dimostrano improponibili dal punto di vista degli equilibri economico-finanziari e dell evoluzione demografica. Agire non significa automaticamente tagliare le spese sociali, ma ridistribuirle in modo più equo, tenendo comunque presente - per quanto ovvio, non si può non rammentare - che per distribuire risorse occorre prima produrle. note 1 Per un analisi approfondita del rischio politico si veda il testo di G.Amato e M.Marè, Il gioco delle pensioni: rien ne va plus?, Il Mulino, Bologna, Green paper -Towards adequate, sustainable and safe European pension systems, European Commission, Brussels, 7/7/ Con l espressione tasso di sostituzione si intende il rapporto tra l importo della prima rata di pensione e l ultimo reddito da lavoro precedente il pensionamento. 4 L espressione pensione di primo pilastro indica la pensione erogata dal sistema pensionistico obbligatorio (Inps, Inpdap, ecc.); si distingue dalla pensione di secondo pilastro, costituito su base volontaria mediante l adesione ad un Fondo pensionistico complementare. 5 Legge 23 ottobre 1992, n Legge 8 agosto 1995, n Si tratta del D.L. 31 maggio 2010, n I dati sono ripresi da: Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione), Relazione per l anno 2009, presentata il 15 giugno Le tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico e socio-sanitario Rapporto n.11, con dati aggiornati all anno 2009, a cura della Ragioneria generale dello Stato - 16 marzo I tassi di sostituzione sono esposti al lordo delle imposte e sono stati calcolati in base ad un tasso di crescita del Pil nominale del 3,48% dal 2010, e del tasso di inflazione del 2%, anch esso dal Modello previsionale della spesa pensionistica in Italia - Ricerca a cura del CER, elaborata per il CNEL, 6 maggio La vita buona nella società attiva, Libro bianco sul futuro del modello sociale - Ministero del Lavoro della salute e delle politiche sociali - 6 maggio «Informed decisions go hand in hand with adequate pension provision. When making saving decisions it is important that individuals be offered appropriate options. There could therefore be a case for defining what exactly the desirable features of pensions are: if they lack certain key characteristics, not only could this lead to confusion, but it could also lead to under provision in retirement, for example if early withdrawals lead to a depletion of savings or if no steady income is generated from the accumulated assets. Member States may consider putting in place a reliable pensions advice service to facilitate consumer choices». In Green paper - Towards adequate, sustainable and safe European pension systems, European Commission, cit. 126 focus

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI

L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI Facoltà Economia Cattedra Economia Pubblica L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI RELATORE: Prof. Andrea Monorchio CORRELATORE: Prof. Pietro Reichlin CANDIDATO:

Dettagli

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE.

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. Whitehall Reply ha supportato INPS nell arricchimento dell offerta online di servizi al cittadino rendendo

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LO SAI CHE? Il Vademecum del giornalista pubblico

LO SAI CHE? Il Vademecum del giornalista pubblico LO SAI CHE? Il Vademecum del giornalista pubblico a cura di Renzo Santelli (FNSI - Federazione della Stampa Italiana) e Claudia Cichetti (TelePA Com, la tv della comunicazione pubblica) 1 INTRODUZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino I Pilastri della Previdenza pag. 01 Legge 23 agosto 2004, n. 243 pag. 04 Legge 24 dicembre 2007, n. 247 pag. 14 Legge 06 agosto 2008, n. 133 art. 72 pag. 20 Circolare

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli