CONTRATTI COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTI COMMERCIALI"

Transcript

1 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 13/11/2014. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario aprire il singolo allegato e stamparlo. File PDF creato in data 13/11/2014 Per maggiori informazioni rivolgersi: Servizio Legale e Urbanistica Piazza Castello, Vicenza tel fax CONTRATTI COMMERCIALI Introduzione Capitolo n. 1. I contratti di utilizzo di macchinari (comodato, locazione) Capitolo n. 2. I contratti della proprietà industriale (ricerca, design, licenza di brevetto, marchio e know-how) Capitolo n. 3. Contratto di concessione di vendita Capitolo n. 4. Contratto di locazione ad uso non abitativo Capitolo n. 5. Contratto di subfornitura Capitolo n. 6. I contratti d'impresa: contratto di appalto, di subappalto e d'opera all interno dell azienda committente Introduzione Contratti commerciali Nell'ambito di questa guida vengono riportate alcune bozze standardizzate di contratti commerciali. Naturalmente sono riportati i testi di alcuni tra i principali contratti, scelti in base al criterio dell'utilizzazione generalizzata o dalla presenza di leggi speciali che dettano una disciplina molto particolare del rapporto contrattuale. Trattandosi di testi standardizzati, si ricorda che va evitata l'utilizzazione dei modelli proposti senza un'attenta valutazione da parte di un esperto delle situazioni ed esigenze particolari.

2 Capitolo n. 1 I contratti di utilizzo di macchinari (comodato, locazione) Nell'ambito dei rapporti commerciali e di collaborazione tra imprese, sorge spesso la necessità di regolamentare l'utilizzo di macchinari produttivi. Questi rapporti sono sostanzialmente riconducibili ai due contratti tipici disciplinati dal codice civile: la locazione ed il comodato di bene mobile. La differenza fondamentale tra i due contratti è data dalla presenza, nella locazione, di un canone quale corrispettivo dell'utilizzo del macchinario, mentre nel comodato la gratuità (quindi l'assenza di uno specifico canone) nella concessione del macchinario ne costituisce l elemento caratterizzante. A volte (e sopratutto per il comodato) tali contratti sono strumentali ed economicamente connessi ad un rapporto di conto lavorazione sottostante o ad altri rapporti contrattuali che direttamente interessano le medesime parti (es. contratto di appalto nel quale è il committente a concedere in uso all appaltatore un proprio macchinario ai fini esecutivi del rapporto stesso). In questi contratti, oltre agli elementi tipici ed essenziali di ogni contratto (oggetto, durata, obblighi reciproci), assume particolare rilevanza, anche per le eventuali responsabilità penali che possono derivarne, la specifica disciplina concernente la conformità alle norme di sicurezza del macchinario concesso in uso, nonché il rispetto delle disposizioni sulla prevenzione degli infortuni. I modelli di contratto vogliono costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potr à consentire la predisposizione di un contratto che tenga conto delle effettive esigenze delle parti. In ogni caso, è opportuno, in fase di stesura del contratto, prestare particolare attenzione alle note per approfondire adeguatamente gli aspetti pi ù delicati relativi al contratto stesso. A cura del coordinamento legale triveneto Comodato macchinario doc Locazione macchinario doc

3 Capitolo n. 2 I contratti della proprietà industriale (ricerca, design, licenza di brevetto, marchio e know-how) Vengono di seguito proposti alcuni esempi di contratti in materia di proprietà industriali già presentati, in forma commentata, nel terzo capitolo della guida sulla Tutela contrattuale del know how e dei diritti di proprietà industriale ed intellettuale, anch essa pubblicata nel presente canale Diritto d impresa. I contratti presi in considerazione sono, rispettivamente, i contratti di ricerca, aventi per oggetto lo svolgimento di attività di ricerca ed inventiva affidata, dietro compenso, ad un ricercatore o gruppo di ricercatori organizzati o, ancora, ad un ente privato o pubblico che normalmente svolge tali attività su commessa; i contratti con designer, aventi per oggetto lo svolgimento, da parte di un designer, di attività creative finalizzate al settore industriale della committente, vale a dire alla creazione di disegni e modelli che la committente andrà a sfruttare nell ambito della propria attività, venendo a caratterizzare la propria produzione; i contratti di licenza di brevetto, con i quali il titolare dello stesso brevetto concede ad un terzo (licenziatario) lo sfruttamento dell invenzione ai fini produttivi e di commercializzazione; i contratti di licenza di marchio, aventi invece per oggetto l utilizzo del marchio di altra azienda, da apporre sui propri prodotti, e normalmente connessi anche ad obblighi di fabbricazione specificatamente disciplinati nel medesimo contratto. Infine, viene presentato un esempio di contratto di licenza del know -how, avente per oggetto il trasferimento di particolari conoscenze o nozioni da ritenersi segrete (normalmente, di particolari metodi di fabbricazione di prodotti o di erogazione di servizi - si parla di know-how di prodotto e di know-how di processo) al fine del loro sfruttamento per la ricerca di nuovi prodotti o servizi, o per la produzione dei prodotti medesimi (secondo un rapporto che comprende, quindi, la licenza di produzione e, eventualmente, di marchio). Come già evidenziato nella presentazione dei modelli contenuta nella citata guida, questi sono stati redatti secondo la legge italiana e presuppongono che entrambe le parti siano italiane. Nel caso di contratti fra parti non della stessa nazionalità, si dovrà di conseguenza tener conto degli aspetti di internazionalizzazione che il contratto presenta. I modelli di contratto vogliono costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potr à consentire la predisposizione di un contratto che tenga conto delle effettive esigenze delle parti. In ogni caso, è opportuno, in fase di stesura del contratto, prestare particolare attenzione alle note per approfondire adeguatamente gli aspetti pi ù delicati relativi al contratto stesso. A cura del Coordinamento Legale Triveneto

4 Capitolo n. 3 Contratto di concessione di vendita Nell ambito della commercializzazione dei beni attuata per il tramite di intermediari, le figure contrattuali più frequentemente utilizzate dai produttori sono senza dubbio quelle dell agente di commercio e del concessionario di vendita o distributore. La differenza fra le due citate figure è ben evidente: l agente di commercio assume l incarico stabile di promuovere in una zona determinata i contratti che verranno conclusi dal suo preponente con il cliente finale, dietro riconoscimento all agente della provvigione per l attività di intermediazione svolta; il concessionario assume invece l incarico di curare in una determinata zona la distribuzione dei prodotti in veste però di acquirente-rivenditore dei prodotti stessi, non svolgendo infatti attività di intermediazione in senso stretto (se non in quei casi nei quali di regola, per importanza economica dell affare preferisca agire non più come distributore bensì come intermediario, venendosi riconosciuta la sola percentuale sul valore dell affare). Inoltre, mentre il contratto di agenzia è un contratto tipico, regolamentato dal nostro codice civile dagli articoli 1742 e seguenti, il contratto di concessione di vendita, seppur particolarmente diffuso nella pratica commerciale, non riceve alcuna specifica disciplina, cosa che peraltro avviene anche in quasi tutti gli ordinamenti stranieri. Per individuare una normativa di riferimento è quindi necessario, per analogia, ricercare quelle disposizioni normative inerenti i contratti tipici che più si avvicinano al contratto in commento (vedi, in particolare, i contratti estimatori, di agenzia, di commissione e mediazione). Il modello di contratto di seguito riportato è stato comunque predisposto tenendo conto delle normative comunitarie in materia di accordi verticali (fra i quali rientrano chiaramente le concessioni di vendita), con i riflessi che queste comportano sulle disposizioni contrattuali riguardanti, ad esempio, l esclusiva prevista a favore del distributore, il patto di non concorrenza a carico dello stesso, o ancora la determinazione di prezzi di rivendita dei prodotti oggetto della distribuzione. Il modello di contratto vuole costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potr à consentire la predisposizione di un contratto che tenga conto delle effettive esigenze delle parti. In ogni caso, è opportuno, in fase di stesura del contratto, prestare particolare attenzione alle note per approfondire adeguatamente gli aspetti pi ù delicati relativi al contratto stesso. A cura del coordinamento legale triveneto concessione di vendita vers. sito doc

5 Capitolo n. 4 Contratto di locazione ad uso non abitativo La locazione di immobili urbani adibiti ad uso diverso da quello abitativo è regolata dagli articoli 27 e ss. della Legge 27 luglio 1978, n Tale disciplina è applicabile ai contratti di locazione di immobili destinati ad attività industriale, commerciale ed artigianale, ad attività di interesse turistico comprese tra quelle di cui all art. 2 della Legga 12 marzo 1968, n. 326, nonché all esercizio abituale e professionale di qualsiasi attività di lavoro autonomo. Non è previsto un criterio legale di determinazione del canone, che è rimesso alla libera determinazione delle parti. La legge prevede, invece, una durata minima del contratto fissata in almeno sei anni (se nell immobile locato viene svolta un attività alberghiera il termine minimo viene elevato a nove anni). Il contratto si intende tacitamente rinnovato, salvo disdetta da comunicarsi all altra parte, a mezzo di lettera raccomandata, almeno 12 mesi prima della scadenza (18 mesi nel caso di locazione alberghiera). Peraltro, al fine di garantire una certa stabilità del rapporto la legge ha altresì disposto che, alla prima scadenza contrattuale, il locatore possa negare il rinnovo solo nei casi tassativamente indicati all art. 29 della Legge 392/78. Nelle locazioni di immobili ad uso commerciale sono ammesse sia la cessione del contratto che la sublocazione, salvo la diversa volontà delle parti. Tratti salienti della disciplina normativa sono altresì, nelle locazioni commerciali il cui svolgimento comporta contatto diretto con il pubblico, il riconoscimento del diritto del conduttore a ricevere un indennità per la perdita dell avviamento, nonché il riconoscimento del diritto di prelazione a favore dell attuale conduttore nel caso in cui il locatore voglia trasferire a titolo oneroso l immobile locato o intenda (alla seconda scadenza) locare a terzi l immobile. Completano la disciplina legale della fattispecie gli art. 7, 8, 9, 10 e 11, contenuti nel capo I della Legge 392/78, relativo alla locazione di immobili destinati ad uso abitativo, espressamente richiamati dall art. 41, comma I, del medesimo testo di legge. Il modello di contratto sotto riportato è stato elaborato sulla base delle norme sopra succintamente descritte, integrate con le previsioni di cui alla Legge , n. 818 e d.p.r. n. 37/1998 in tema di prevenzione degli incendi, alla Legge , n. 46 Norme per la sicurezza degli impianti, al relativo regolamento di attuazione (D.P.R. 447/91) e successive norme ( D.M. 37/2008) relativamente ai certificati di conformità degli impianti, ed al d.lgs n. 192/2005, e successive modifiche, relativamente alla certificazione energetica degli edifici. Il modello di contratto vuole costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potr à consentire la predisposizione di un contratto che tenga conto delle effettive esigenze delle parti. In ogni caso, è opportuno, in fase di stesura del contratto, prestare particolare attenzione alle note per approfondire adeguatamente gli aspetti pi ù delicati relativi al contratto stesso. A cura del coordinamento legale triveneto Locazione commerciale liberalizzazione grandi locazioni.doc

6 Capitolo n. 5 Contratto di subfornitura Il contratto di subfornitura viene disciplinato nell ordinamento nazionale dalla Legge 18 giugno 1998 n L art. 1 della legge definisce il contratto di subfornitura come quel contratto con il quale un imprenditore si assume nei confronti di un impresa committente, attenendosi ai progetti esecutivi, alle conoscenze tecniche e tecnologiche, ai modelli o prototipi forniti dalla stessa committente, uno dei seguenti impegni: 1. effettuare lavorazioni su prodotti semilavorati o su materie prime fornite dall impresa committente (c.d. subfornitura di lavorazione); 2. fornire all Impresa committente prodotti o servizi destinati ad essere incorporati od utilizzati nell ambito dell attività economica del committente o nella produzione di un bene complesso (c.d. subfornitura di prodotto o servizio), che possiamo quindi meglio così riassumere: a. fornitura di componenti realizzati ad hoc dal subfornitore e destinati ad essere incorporati in un bene complesso; b. fornitura di prodotti completi destinati ad essere utilizzati nell ambito dell attività economica del committente, purché diversi dalle materie prime o dai beni strumentali non riconducibili ad attrezzature (es. prodotti acquisiti dal committente per essere rivenduti tali e quali sul mercato, i c.d. materiali di consumo, ecc ); c. fornitura di servizi destinati ad essere utilizzati nell ambito dell attività economica del committente (es. servizi accessori alla fornitura di impianti e macchinari, ecc ). I modelli di contratto di subfornitura proposti sono stati redatti nelle due versioni, di lavorazione e di prodotto, considerate dalla definizione sopra ricordata. In ogni caso, l ambito d applicazione della legge sulla subfornitura necessita della presenza di un essenziale elemento: uno stato di soggezione /minorità tecnologica del subfornitore rispetto al committente, nel senso che le prestazioni sopra descritte (sia quelle relative alla subfornitura di lavorazione che alla subfornitura di prodotto o servizio) dovranno essere eseguite in conformità alle conoscenze, ai progetti e/o modelli messi a disposizione dal committente; si può accompagnare a tale elemento anche uno stato di soggezione economica del subfornitore rispetto al committente La legge, incidendo profondamente nell autonomia negoziale delle parti, detta specifiche disposizioni in merito alla forma del contratto, agli elementi minimi che questo deve contenere, ai termini di pagamento. Il contratto di subfornitura deve innanzitutto essere stipulato in forma scritta a pena di nullità. Costituiscono forma scritta le comunicazioni degli atti di consenso alla conclusione o modifica dei contratti effettuati a mezzo telefax o altra via telematica. L accettazione di una proposta può avvenire anche di fatto qualora il committente trasmetta una proposta scritta di contratto alla quale il subfornitore dia esecuzione senza richiedere la modificazione di alcuno dei suoi elementi; nel qual caso la proposta del committente si considera accettata per iscritto. Gli ordinativi del committente relativi a singole forniture nell ambito di contratti ad esecuzione continuata o periodica devono anch essi essere comunicati in forma scritta. Gli elementi minimi che devono essere specificati nel contratto di subfornitura sono: i requisiti specifici del bene o del servizio da fornire; il prezzo; i termini e le modalità di consegna, di collaudo e di pagamento. Circa i termini di pagamento, decorrenti dal momento della consegna del bene o dal momento della comunicazione dell'avvenuta esecuzione della prestazione, la Legge impone l applicazione di termini non eccedenti i 60 giorni. Il mancato rispetto dei termini potrà comportare l applicazione a favore del subfornitore, senza bisogno di costituzione in mora, di un interesse moratorio determinato secondo quanto disposto dal D.lgs. n. 231 del 2002 sui ritardati pagamenti nelle transazioni commerciali. Ove il ritardo nel pagamento ecceda di trenta giorni il termine convenuto, il committente incorrerà, inoltre, in una penale pari al 5 per cento dell importo in relazione al quale non sono stati rispettati i termini. La mancata corresponsione del prezzo entro i termini pattuiti costituirà infine titolo per l'ottenimento di ingiunzione di pagamento provvisoriamente esecutiva. I modelli di contratto vogliono costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potr à consentire la predisposizione di un contratto che tenga conto delle effettive esigenze delle parti. In ogni caso, è opportuno, in fase di stesura del contratto, prestare particolare attenzione alle note per approfondire adeguatamente gli aspetti pi ù delicati relativi al contratto stesso.

7 A cura del Coordinamento Legale Triveneto subfornitura lavorazioni - agg doc subfornitura prodotti agg doc

8 Capitolo n. 6 I contratti d'impresa: contratto di appalto, di subappalto e d'opera all interno dell azienda committente Con il contratto di appalto (art del Codice civile) una parte, l appaltatore, assume il compimento di un opera o di un servizio, su incarico di un committente ed in cambio di un corrispettivo, organizzando i mezzi necessari e assumendone il rischio della gestione al fine di produrre il risultato concordato. Gli schemi di contratto (quello principale, ma anche il sub contratto, nonché quello d opera) sono in particolare predisposti per attività di appalto da compiersi all'interno dell'azienda committente e può venir utilizzato anche come contratto di appalto privato d'opera e non solo di servizi (es. manutenzioni, facchinaggio, pulizie, etc.). L affidamento del compimento di un opera o di un servizio all'interno dell'azienda ovvero delle unità produttive, quali cantieri o sedi distaccate, ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, rappresenta la situazione più complessa e delicata per il committente ; infatti, introduce di fatto obblighi precisi a carico dei datori di lavoro committenti, oltre che dei datori di lavoro delle ditte incaricate della esecuzione dei lavori. Tali contratti sono, infatti, caratterizzati da diverse ipotesi di responsabilità di filiera in capo al committente in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, di regolarità retributiva e contributiva rispetto ai dipendenti dell appaltatore, oltre che di regolarità fiscale in ordine all IVA ed alle ritenute sul reddito dei dipendenti dell appaltatore. Questi obblighi consistono, ancora, nella verifica da parte del committente dell idoneità tecnico-professionale dell appaltatore attraverso l applicazione di una serie di disposizioni normative volte a garantire la corretta esecuzione del servizio e/o dell opera. Inoltre, l appaltatore è di norma tenuto ad eseguire direttamente il contratto essendo vietato il subappalto, salvo qualora intervenga un espressa autorizzazione da parte del committente. Il rispetto di tali disposizioni introdotte dal Codice civile e approfondite da apposita normativa in materia di sicurezza del lavoro e regolarità contributiva forniscono alle parti contraenti uno strumento di tutela volto al corretto e regolare svolgimento delle prestazioni oggetto del contratto. In particolare, nel modello di contratto predisposto, assume rilievo la disciplina introdotta in materia dal D. Lgs 276/2003 cd. Legge Biagi che oltre a ridefinire i limiti di liceità del contratto d appalto, introduce un regime di solidarietà tra committente ed appaltatore, per quanto riguarda i trattamenti retributivi, i contributi previdenziali ed assicurativi dovuti, oltre che per gli accantonamenti del T.F.R., entro il limite dei due anni successivi alla cessazione dell appalto stesso. Vengono inoltre proposti, considerata l assonanza fra il contratto di appalto ed il contratto di subappalto e quello d opera ex art del Codice civile, due ulteriori modelli riferibili appunto a queste due tipologie contrattuali. Al riguardo, ricordiamo, per completezza gli elementi distintivi esistenti fra i vari contratti. Con il contratto di subappalto, l appaltatore affida ad un terzo (subappaltatore) l incarico di eseguire, in tutto o, come di regola avviene, in parte, l opera o il servizio che si è originariamente impegnato ad eseguire nei confronti del committente. Il subappalto potrà aversi (art del Codice civile) solo a seguito di espressa autorizzazione del committente; questa potrà essere data già con la stipulazione del contratto di appalto, oppure essere resa successivamente, comunque prima che l appaltatore si serva del subappaltatore per l esecuzione di quella specifica parte di appalto. Come detto, il contratto di appalto si caratterizza per l organizzazione dei mezzi di produzione di cui si avvale l appaltatore, ai fini della realizzazione del risultato finale, opera o servizio, al quale si è obbligato dietro corrispettivo. L appaltatore si impegna, quindi, a compiere una prestazione a favore del committente in una posizione di autonomia rispetto a quest ultimo, mediante un organizzazione ad impresa. L elemento che contraddistingue questa figura contrattuale rispetto al contratto d opera - mediante il quale, ai sensi dell art del Codice civile, una parte si obbliga dietro corrispettivo a compiere un opera o un servizio senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente - è dato dal fatto che in questo secondo caso il risultato finale è raggiunto mediante l impiego di lavoro proprio o di quello dei propri familiari o di quello di qualche collaboratore, secondo il modulo organizzativo della piccola impresa, in particolar modo dell impresa artigiana. Il carattere distintivo tra questi contratti è rappresentato, pertanto, dal profilo organizzatorio del soggetto che assume l obbligazione nei confronti del committente, fermo restando la possibilità, in entrambi i casi, dell impiego di materiale fornito dallo stesso esecutore dell opera (purché nelle considerazioni delle parti l obbligazione di fare prevalga su quella di dare e il valore attribuito alla prima sia superiore a

9 quello riconosciuto alla seconda). I modelli di contratto vogliono costituire uno strumento di aiuto per le imprese, fermo restando che solo il concreto intervento di un professionista potr à consentire la predisposizione di un contratto che tenga conto delle effettive esigenze delle parti. In ogni caso, è opportuno, in fase di stesura del contratto, prestare particolare attenzione alle note per approfondire adeguatamente gli aspetti pi ù delicati relativi al contratto stesso. A cura del Coordinamento Legale Triveneto Appalto interno- cooordinamento - rev doc Subappalto - coordinamento rev doc opera - coordinamento rev doc

10 Confindustria Vicenza

Le principali novità fiscali 2015

Le principali novità fiscali 2015 Le principali novità fiscali 2015 Disciplina degli appalti e novità in materia di autotrasporto Avv. PAOLO DEL GRANDE DEL GRANDE NINCI Associati paolo.delgrande@delgrandeninci.it Porcari, 12 febbraio 2015

Dettagli

Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1

Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1 Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1 L anno a questo giorno del mese di, in - il Sig./la Sig.ra 2, nato/a a, il, residente in via, C.F./ Partita IVA, in proprio quale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE. la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente rappresentata

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE. la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente rappresentata BOZZA n.9 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente rappresentata dal Parroco don, nato a, il, C.F. (d ora in poi "locatrice") e il Sig.

Dettagli

Contratto-tipo di locazione a uso commerciale

Contratto-tipo di locazione a uso commerciale Contratto-tipo di locazione a uso commerciale L anno a questo giorno del mese, in il sig./la sig.ra 1, nato/a, il, residente in via, CF/ partita IVA, quale legale rappresentante di, con sede in, CF/ partita

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y OLANDA CONTRATTI COMMERCIALI IN OLANDA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia Il contratto d agenzia è disciplinato negli articoli 401-445 del Libro 7, Titolo 7, del Nuovo Codice civile olandese

Dettagli

Contratto di locazione

Contratto di locazione Contratto di locazione Registrazione Imposte di registro Cedolare secca Tutto quello che c è da sapere Ed_1-Rev_0 del 20 marzo 2014 PREMESSA In generale la locazione costituisce il contratto con il quale

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. OGGETTO: Contratto mediante scrittura privata per la locazione da... di

PROVINCIA DI PISA. OGGETTO: Contratto mediante scrittura privata per la locazione da... di Allegato B PROVINCIA DI PISA OGGETTO: Contratto mediante scrittura privata per la locazione da... di immobile posto in Pisa, via Località.., da destinare ad uso uffici della Provincia di Pisa Reg. Gen.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO: Modifiche alla disciplina del leasing immobiliare Articolo 1, commi 15 e 16, della legge 13 dicembre 2010, n.220 (legge di stabilità

Dettagli

CORSO INTEGRATIVO Parte 3 Il contratto di affiliazione commerciale. Franchising

CORSO INTEGRATIVO Parte 3 Il contratto di affiliazione commerciale. Franchising UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Diritto per il marketing anno accademico 2013/2014 primo semestre - seconda parte CORSO INTEGRATIVO Parte 3 Il contratto di affiliazione commerciale.

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

Approvato con deliberazione di CC n. 28 del 23.04.2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA NOTARILE DEL SEGRETARIO COMUNALE

Approvato con deliberazione di CC n. 28 del 23.04.2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA NOTARILE DEL SEGRETARIO COMUNALE COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Approvato con deliberazione di CC n. 28 del 23.04.2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA NOTARILE DEL SEGRETARIO COMUNALE 1 Art. 1 Oggetto Premessa

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO, APPALTO DI SERVIZI E DISTACCO LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI di Nicola Sernia Risorse umane >> Gestione e organizzazione del personale PREMESSA La riforma del mercato del lavoro

Dettagli

Fiscal News N. 46. La circolare di aggiornamento professionale 11.02.2014. I controlli negli appalti tra privati

Fiscal News N. 46. La circolare di aggiornamento professionale 11.02.2014. I controlli negli appalti tra privati Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 46 11.02.2014 I controlli sugli appalti tra privati La norma in caso di inadempienza chiama sempre in ballo il committente, anche se non ha commesso

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE Con la presente scrittura privata la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, con sede in Milano (CAP 20122),

Dettagli

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI IN USO A TERZI I Venerdì dell Avvocatura 10-11 aprile 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Elisabetta Mapelli IMMOBILI: USO DIRETTO E CESSIONE A TERZI

Dettagli

Contratto di locazione di beni immobili a destinazione commerciale / artigianale Con la presente scrittura privata, l anno duemila il mese di il

Contratto di locazione di beni immobili a destinazione commerciale / artigianale Con la presente scrittura privata, l anno duemila il mese di il Contratto di locazione di beni immobili a destinazione commerciale / artigianale Con la presente scrittura privata, l anno duemila il mese di il giorno, tra (A) l ente Comune di (di seguito Locatore) con

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza ALLEGATO A COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE INDICE CRONOLOGICO SCRITTURE PRIVATE N. CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978 TRA: COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO mediante scrittura privata per l affidamento del servizio triennale di brokeraggio assicurativo a favore dell

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA, PER IL PERIODO 01.07.2011 30.06.

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA, PER IL PERIODO 01.07.2011 30.06. CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA, PER IL PERIODO 01.07.2011 30.06.2014 BRESCIA CIG: 10142097BC ART.1 OGGETTO DELL INCARICO L incarico

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Circolare Informativa n. 10 n. 52 del del 1512 dicembre 2012 Tutela contro i ritardi nei pagamenti delle transazioni commerciali - Nuova disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2

Dettagli

Pertanto, con la presente scrittura privata, da valere a tutti gli effetti di legge tra le Parti,

Pertanto, con la presente scrittura privata, da valere a tutti gli effetti di legge tra le Parti, Contratto di Affiliazione Commerciale Franchising Documento redatto ai sensi: Regolamento (UE) N. 330/2010 della Commissione del 20 aprile 2010: relativo all applicazione dell art. 101, paragrafo 3, del

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

Contratti di appalto e responsabilità del committente

Contratti di appalto e responsabilità del committente a cura di Alessandro Millo Contratti di appalto e responsabilità del committente Il contratto d appalto Con il contratto d appalto, l appaltatore si impegna a compiere un opera o un servizio, con organizzazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, con sede in

Dettagli

Allegato 1 al Vademecum per le locazioni sperimentali (EXPO 2015)

Allegato 1 al Vademecum per le locazioni sperimentali (EXPO 2015) Allegato 1 al Vademecum per le locazioni sperimentali (EXPO 2015) CONTRATTO TIPO SPERIMENTALE DI LOCAZIONE DI IMMOBILE e SERVIZI INTEGRATI CONNESSO A MANIFESTAZIONE DI PRIMARIO INTERESSE PUBBLICO Con la

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dipartimento dell organizzazione Giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Schema di contratto di locazione dell

Dettagli

Contratto di locazione ad uso non abitativo

Contratto di locazione ad uso non abitativo Contratto di locazione ad uso non abitativo Il presente Contratto di Locazione viene stipulato in...il.., tra: (1) con sede legale in, Via. n.. Numero di Iscrizione presso il Registro Imprese di..rea,

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci:

Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci: Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci: Franchising Impresa coniugale Impresa familiare Impresa individuale Lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO AI SENSI DELLA LEGGE N. 392/1978

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO AI SENSI DELLA LEGGE N. 392/1978 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO AI SENSI DELLA LEGGE N. 392/1978 L anno 201xxx il giorno xxx del mese di xxx presso xxxx, con la presente scrittura privata fatta valere a tutti gli effetti

Dettagli

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA MODELLO D: Fac- simile contratto di locazione (il presente modello può essere soggetto a eventuali modifiche da parte dell Azienda). AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI

Dettagli

LEASING IN COSTRUENDO Avv. Daniele Spinelli. La locazione finanziaria

LEASING IN COSTRUENDO Avv. Daniele Spinelli. La locazione finanziaria LEASING IN COSTRUENDO Avv. Daniele Spinelli La locazione finanziaria Il leasing è uno strumento di finanziamento utilizzato da diversi decenni nel settore privato, e che ha avuto importanti riconoscimenti

Dettagli

TITOLO I Del contratto di locazione

TITOLO I Del contratto di locazione Legge 392/78 - Equo Canone. Disciplina delle locazioni di immobili urbani Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 1978, n. 211- Articoli ancora in vigore riferiti sia alle locazioni abitative

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna delle parti contraenti, ed uno per l Ufficio del Registro, tra il Comune di Verbania

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA PER LA COSTRUZIONE DEL NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI BARGA (LOC.

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA PER LA COSTRUZIONE DEL NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI BARGA (LOC. SCHEMA DI CONTRATTO PER LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA PER LA COSTRUZIONE DEL NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI BARGA (LOC. CHITARRINO) E DI VARI SCARICHI NEL COMUNE DI BARGA NUMERO GARA: - CIG:

Dettagli

PRELIMINARE DI CONTRATTO DI LOCAZIONE NON ABITATIVO

PRELIMINARE DI CONTRATTO DI LOCAZIONE NON ABITATIVO Repertorio n PRELIMINARE DI CONTRATTO DI LOCAZIONE NON ABITATIVO L anno duemiladieci (2010) e questo giorno ( ) del mese di febbraio, in una sala del palazzo comunale di Empoli t r a : SATI s.r.l. con

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. All. n. 3. Locazione di immobile da adibire a sede provvisoria della Scuola Primaria in loc. Scalo. del Comune di Torano Castello

SCHEMA DI CONTRATTO. All. n. 3. Locazione di immobile da adibire a sede provvisoria della Scuola Primaria in loc. Scalo. del Comune di Torano Castello All. n. 3 COMUNE DI TORANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Via G. Marconi 122, 87010 0984/504007 0984/504875 C.F. 80005730785 P.I. 01165330786 E-mail info@comune.toranocastello.cs.it Sito: www.comune.toranocastello.cs.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) La sig.ra..nata a.. e residente a in corso. (c.f..), di seguito denominata locatore, concede in locazione

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani Consulenza fiscale, amministrativa e societaria P.le Martesana, 10-20128 Milano - Tel. (02) 2552761 r.a. - Fax. (02) 2552692 E MAIL studio.professionale@apiesse.com www.apiesse.com Via Della Valle, 46B

Dettagli

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI FINANZIATO DALL U.P.I. ALL INTERNO DEL PROGRAMMA AZIONE

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO L Impresa con sede legale in Via n C.F. n. P. I.V.A. nella persona del legale rappresentate nato a il, in appresso per brevità denominata APPALTATORE E L Impresa

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 47 09.12.2013 La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci/familiari e finanziamenti ricevuti Le istruzioni

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

SETTORE 5 - Servizio di Gestione del Territorio ed alle Imprese Ufficio Ambiente

SETTORE 5 - Servizio di Gestione del Territorio ed alle Imprese Ufficio Ambiente SETTORE 5 - Servizio di Gestione del Territorio ed alle Imprese Ufficio Ambiente (05-54 tetto fotovoltaico cantiere affidamento Polo Navacchio.doc) DETERMINAZIONE N. 54 DEL 26 luglio 2011 N. Registro generale

Dettagli

Allegato E Schema di contratto di locazione

Allegato E Schema di contratto di locazione Società di Area Terre di Faenza Corso Matteotti, 40 48025 Riolo Terme RA Telefono: 0546/71044 Fax 0546/71932 P.I. 01204400392 - Cap. Soc. 97.008,00 euro i.v. E-mail: iat.rioloterme@racine.ra.it Sito internet:

Dettagli

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento, da parte della Bari Multiservizi S.p.a. (in seguito, per semplicità, denominata società),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REP. COMUNE DI PISTOIA CONTRATTO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA

REPUBBLICA ITALIANA REP. COMUNE DI PISTOIA CONTRATTO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA REPUBBLICA ITALIANA REP. COMUNE DI PISTOIA CONTRATTO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA DEI CONDIZIONATORI PORTATILI E FISSI AD ESPANSIONE DIRETTA INSTALLATI PRESSO EDIFICI

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA. Lo spesometro. Bruno Munzone Dottore Commercialista. Catania, 9 novembre 2011

FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA. Lo spesometro. Bruno Munzone Dottore Commercialista. Catania, 9 novembre 2011 FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA Lo spesometro Bruno Munzone Dottore Commercialista Catania, 9 novembre 2011 RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI ART. 21 D.L. 31.5.2010 N. 78 PROVVEDIMENTO DIR. AGENZIA

Dettagli

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia)

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia) COMUNE DI ACCADIA (Provincia di Foggia) PROGETTO PER LA DOTAZIONE DI IMPIANTO DI VODEOSORVEGLIANZA E FORNITURE ARREDI PER GLI IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE DENOMINATI "CASONE PADULI" E "CASONE DIFESA".

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Commercio e Finanza spa Leasing e Factoring. Sede Legale ed Amministrativa: Napoli, Via F.Crispi

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PERIODO: 01/10/2015 30/09/2020. Art.1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PERIODO: 01/10/2015 30/09/2020. Art.1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PERIODO: 01/10/2015 30/09/2020 Art.1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio ha per oggetto lo svolgimento dell attività di brokeraggio assicurativo

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

Procedura Negoziata. Allegato 5: Schema Contrattuale

Procedura Negoziata. Allegato 5: Schema Contrattuale Progetto AGRO-ENVIRONMED Techno-Environmental Platform for the Agro-food Sector in the Mediterranean Progetto cofinanziato dalla UE Fondo FESR attraverso il Programma MED Procedura Negoziata Allegato 5:

Dettagli

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n.

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n. CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n. 431) Il/La/Soc, di seguito denominata/a locatore, nato a ( )

Dettagli

STUDIO MANENTI RAYNERI

STUDIO MANENTI RAYNERI DOTTORI COMMERCIALISTI Sede: corso Re Umberto n 65-10128 TORINO Telefono: (+39) 011.19702231 r.a. - Fax: (+39) 011.19702371 e.mail: info@studiomrv.it ANDREA MANENTI Commercialista Collaboratori: CINZIA

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

IMPIEGO DI LAVORATORI STRANIERI

IMPIEGO DI LAVORATORI STRANIERI 1di 10 00 02/08/12 Emissione Protocollo Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione DISTRIBUZIONE CONTROLLATA: SI NO Autori: Maurizio Arena Mia Rupcic Ciro Strazzeri La riproduzione ed utilizzazione

Dettagli

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery Cos è il franchising Il franchising è un sistema di collaborazione commerciale tra due imprese indipendenti: da una parte c è il produttore o un offerente di servizi, detto affiliante o Franchisor, e dall

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER FINALITA' TURISTICA. TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato locatore,

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER FINALITA' TURISTICA. TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato locatore, CONTRATTO DI LOCAZIONE PER FINALITA' TURISTICA TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato locatore, assistito (2) dell'associazione territoriale della , di , in

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE SCOLASTICO Sede Amm.va Segreteria Viale dei Mille n. 158 47042 Cesenatico (FC) DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato U.O. Economato SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI RIMINI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile (Dott.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN

CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN 1 Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO - CANONE LIBERO. ai sensi dell'art. 2, comma 1, della L. 9-12-1998 - n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO - CANONE LIBERO. ai sensi dell'art. 2, comma 1, della L. 9-12-1998 - n. 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO - CANONE LIBERO ai sensi dell'art. 2, comma 1, della L. 9-12-1998 - n. 431 (escluse le fattispecie di cui all'art. 1, commi 2 e 3) Con la presente scrittura privata

Dettagli

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE Tra la Gruppo360 s.r.l., corrente in Palermo (PA), Via Marchese Ugo,56, P.I. 06033530822 nella persona del suo legale rappresentante David Sangiorgio; (di seguito

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

ALLEGATO B CONVENZIONE

ALLEGATO B CONVENZIONE ALLEGATO B CONVENZIONE 1 Convenzione per la gestione del servizio di brokeraggio assicurativo del Comune di Carlino Quadriennio 2004-2007 L anno duemiladue, il giorno 28 del mese di ottobre, nella sede

Dettagli

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1 Bando per l accesso agli Innovation Voucher DOMANDE FREQUENTI Modalità di presentazione delle domande 1. La marca da bollo ogni 4

Dettagli

Roma, 12 novembre 2008

Roma, 12 novembre 2008 RISOLUZIONE N. 432/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 novembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA SRL - Interpretazione dell art. 17, sesto

Dettagli

2) Il depositario può servirsi della cosa depositata? A) Sempre. B) Mai. C) Solo nel deposito irregolare.

2) Il depositario può servirsi della cosa depositata? A) Sempre. B) Mai. C) Solo nel deposito irregolare. Questionario n. 3 Comodato, deposito, Assicurazione, franchising Leasing, factoring e altri contratti 1) Il deposito è: A) Il contratto con il quale una parte si obbliga a far godere all altra una cosa

Dettagli

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito BENICOMUNI SRL Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Imola CONCESSIONE COMMERCIALE Atto n. del Premesso che: - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012

Dettagli

Il/la sottoscritto/a residente in. della Ditta quale TITOLARE. in seguito denominato CEDENTE

Il/la sottoscritto/a residente in. della Ditta quale TITOLARE. in seguito denominato CEDENTE www.house4all.it Via C. Ferrari, 2 20841 Carate B.za Tel. 0362.1482371 info@house4all.it Il/la sottoscritto/a residente in alla via n. nato/a a il cod fisc in qualità di della Ditta quale TITOLARE EFFETTIVO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO D) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ESTERNO DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE NEL LUOGO DI LAVORO PER IL TRIENNIO 2011/2013. ART. 1 OGGETTO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA. la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193,

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA. la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193, SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193, codice fiscale e Partita IVA 07019070015, in persona del suo legale rappresentante, nato

Dettagli