dei beni Capitolo 3 I contratti per il godimento Parte seconda I contratti commerciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dei beni Capitolo 3 I contratti per il godimento Parte seconda I contratti commerciali"

Transcript

1 1. La locazione Parte seconda I contratti commerciali A) Nozione e caratteri (art. 1571) Capitolo 3 I contratti per il godimento dei beni Sommario 1. La locazione La locazione commerciale L affitto Il leasing Il comodato. La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all altra una cosa mobile o immobile, per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo (art. 1571). La locazione (locatio-conductio) si distingue per i seguenti caratteri: è un contratto consensuale, e produce effetti obbligatori tra le parti: difatti, colui che prende in locazione un bene non diviene titolare di alcun diritto reale sul medesimo, bensì solo del diritto a godere del bene nei confronti del locatore, per un dato tempo e per un uso determinato; ha per oggetto una cosa mobile o un immobile; una particolare forma (atto pubblico o privato) è richiesta, a pena di nullità, solo per le locazioni immobiliari per durata superiore ai nove anni (art. 1350, n. 8); quanto alla durata, la locazione non può eccedere i trent anni: si riduce a tale tempo quello, eventualmente superiore, convenuto tra le parti. Se il proprietario aliena il bene locato, l acquirente è tenuto a rispettare i diritti del locatore, purché la locazione risulti avente data certa anteriore all alienazione («emptio non tollit locatum»). B) Obblighi del locatore (art. 1575) Il locatore (art. 1575) è obbligato: alla consegna della cosa in buono stato di manutenzione, nel senso che la cosa deve essere priva di vizi che possano diminuirne l idoneità all uso convenuto; al mantenimento in buon uso, con il correlativo obbligo delle necessarie riparazioni; a garantire il pacifico godimento del conduttore, per l ipotesi che un terzo pretenda di avere diritti sulla cosa (ad. es.: una servitù di passaggio).

2 122 C) Obblighi del conduttore (art. 1587) Obblighi del conduttore sono: Parte seconda I contratti commerciali prendere in consegna la cosa; servirsene per l uso stabilito, osservando la diligenza del buon padre di famiglia; corrispondere il canone stabilito, commisurato alla durata del godimento del bene; restituire la cosa nello stato in cui l aveva ricevuta, alla scadenza del contratto. 2. La locazione commerciale La locazione commerciale è il contratto con cui una parte (locatore) si obbliga a far godere all altra (conduttore) un immobile urbano o parte di esso, con la previsione di destinarlo ad un uso diverso da quello abitativo, caratterizzato da un attività economica produttiva di reddito. Si tratta di un contratto di durata, che ha natura consensuale, onerosa, a prestazioni corrispettive disciplinato oltre che da norme generali dettate dal codice civile per la locazione ordinaria, anche da una disciplina particolare (L. 392/1978, cd. Legge sull equo canone). Le parti del contratto possono essere persone fisiche e società, soggetti privati, pubblici ed enti collettivi. Il locatore è la parte che attribuisce in godimento il bene ad altri avendone la disponibilità, in quanto proprietario o titolare di un diritto reale. Il conduttore è chi stipula il contratto di locazione ed a cui viene attribuito il godimento dell immobile oggetto del contratto. A) Immobile oggetto del contratto La locazione commerciale può avere ad oggetto un edificio o un altra costruzione o anche un terreno o un area nuda. L immobile deve essere urbano, nel senso di immobile che può essere destinato ad un uso commerciale, professionale, artigianale o industriale e anche quello in cui si svolge un attività diretta alla trasformazione o alla vendita di prodotti agricoli. L immobile deve essere destinato ad attività economiche produttive di reddito sia di impresa che di lavoro autonomo, con esclusione di tutti gli immobili destinati ad un uso abitativo. La legge considera attività economiche (art. 27 L. 392/1978): le attività commerciali dirette alla produzione o allo scambio di beni e servizi, le attività industriali e quelle artigianali; le attività di interesse turistico, anche se prive di fini di lucro; l esercizio abituale e professionale di un attività di lavoro autonomo, che comprende sia le prestazioni d opera intellettuale, sia le forme di collaborazione coordinate

3 Capitolo 3 Il contratto per il godimento dei beni 123 e continuative, senza vincolo di subordinazione, come le attività di ricerca e di studio. B) Forma del contratto La forma del contratto dipende dalla sua durata, infatti: se è di durata uguale o inferiore ai 9 anni, la legge non detta alcuna disposizione e le parti sono libere di scegliere la forma, che generalmente è quella scritta; se è di durata superiore ai 9 anni, il contratto deve essere redatto con atto pubblico o con scrittura privata autenticata, a pena di nullità. C) Contenuto del contratto Il contratto identifica le parti, l immobile da locare, il canone dovuto e la durata della locazione, che deve essere compresa tra un minimo ed un massimo di legge. Le parti possono inserire nel contratto una regolamentazione particolare dei loro rapporti, inserendo ad esempio: il divieto di sublocazione; clausole sulla rinnovazione del contratto; clausole che addossano al conduttore le spese di manutenzione straordinaria dell immobile; clausole risolutive in caso di inadempimento del conduttore nel pagamento dei canoni o di un qualsiasi altro inadempimento. D) Obblighi delle parti Il locatore deve consegnare al conduttore l immobile in buono stato di manutenzione, con gli accessori e le pertinenze strumentali al suo uso. Lo stato dell immobile ricevuto dal conduttore è generalmente descritto nel contratto e, in mancanza, si presume che il conduttore lo abbia ricevuto in buono stato di manutenzione. Per far riconoscere al conduttore il buono stato dell immobile, le parti, generalmente, inseriscono nel contratto una clausola in cui il conduttore dichiara di aver preso visione dell immobile, di averlo trovato adatto al proprio uso ed in buono stato di manutenzione. Le parti possono prevedere che, in caso di esito negativo dell esame, il canone di locazione sia ridotto in proporzione alle parti del bene che non possono essere utilizzate. Il conduttore ha l obbligo di prendere in consegna l immobile e, se si rifiuta di ricevere la cosa, il locatore può liberarsi della propria obbligazione secondo le regole sulla mora del creditore, oppure può agire per la risoluzione del contratto. Il conduttore che ha preso in consegna l immobile ne fa l uso stabilito dal contratto, lo custodisce e ne cura la manutenzione, pagando, oltre al canone, le spese relative. Il locatore deve assicurarsi il pacifico godimento del bene da parte del conduttore durante la locazione, garantendolo e tutelandolo dalle eventuali molestie di diritto arrecate da terzi.

4 124 Parte seconda I contratti commerciali Quali sono le differenze tra locazione commerciale e affitto di azienda? Nella locazione, oggetto del contratto è l immobile con gli eventuali beni accessori, mentre oggetto dell affitto d azienda è un complesso unitario di beni organizzato per l esercizio dell attività imprenditoriale, in cui può rientrare l immobile ma solo come uno dei beni aziendali. È locazione commerciale, ad esempio, e non affitto di azienda, quella in cui una parte cede in godimento all altra i locali in cui esercitare l attività commerciale e non anche i beni strumentali per detto esercizio. 3. L affitto Quando il contratto di locazione ha come oggetto una cosa produttiva, mobile o immobile, esso prende il nome di affitto, e l affittuario ha l obbligo di curare la gestione della cosa in conformità della sua destinazione economica e dell interesse della produzione, facendo propri i frutti e le altre utilità della cosa. La normativa è quasi interamente dettata da leggi speciali (in particolare dalla L. 203/ 1982 e successive modificazioni) che limitano la autonomia privata in tale materia. 4. Il leasing Il leasing secondo la nozione generale comunemente accolta (MIRABELLI, TA- BET) è un operazione finanziaria con la quale una parte concede ad un altra il godimento di un bene, dietro corrispettivo di un canone periodico, per un certo periodo di tempo, alla scadenza del quale è prevista, a favore della parte che ha ricevuto il godimento, la possibilità di scelta tra vari comportamenti, e cioè: o restituire il bene, o proseguire nel godimento, versando un canone notevolmente ridotto, o acquistarne la proprietà, pagando un ulteriore somma, o richiederne la sostituzione con altro bene meglio utilizzabile, o agire in altre forme contrattualmente stabilite. Con la denominazione «leasing» sono nella pratica definiti due differenti istituti: il leasing c.d. «operativo»: che ha come finalità principale quella di evitare all utilizzatore il rischio della proprietà del bene e di garantirgli alcuni servizi collaterali; il leasing c.d. «finanziario»: che ha come finalità principale quella di finanziare l utilizzatore, il quale può servirsi del bene per tutta la durata della sua vita tecnicoeconomica pur senza acquistarne la proprietà e senza dover quindi ricorrere alle forme consuete di finanziamento. A) Il leasing operativo Il leasing operativo è la prima forma storicamente assunta dall istituto in esame. Allo stesso l impresa utilizzatrice fa ricorso per ottenere la temporanea disponibilità di beni strumentali standardizzati per un periodo di tempo inferiore alla loro vita eco-

5 Capitolo 3 Il contratto per il godimento dei beni 125 nomica (il che ne consente la riutilizzazione al termine del contratto) senza sopportare i rischi connessi alla obsolescenza di essi. Tale forma di contratto si è diffusa prevalentemente nei settori dei calcolatori elettronici, degli strumenti per esami clinici, dei mezzi di trasporto (automezzi, container, carri ferroviari), dei beni strumentali per l edilizia e l agricoltura. L impresa concedente, di regola, è anche produttrice del bene concesso e in ogni caso si impegna a fornire un servizio di assistenza e manutenzione per conservare in perfetta efficienza il bene medesimo. Altre caratteristiche del leasing operativo sono le seguenti: la parte che dà il bene in godimento lo ha già a disposizione nel momento in cui stipula il contratto (non importa a che titolo); la durata del contratto è solitamente breve: spesso inferiore ad un anno e solo in rari casi superiore a tre; l impresa utilizzatrice può esercitare la facoltà di recesso prima del termine, dando adeguato preavviso; il canone pattuito costituisce il corrispettivo del godimento del bene, sia pure con il computo del deterioramento, ma non comprende, sotto nessun aspetto, una porzione di prezzo o di valore capitale del bene stesso; al termine del contratto, i beni dati in godimento devono essere restituiti (sono previste, pertanto, varie clausole, rivolte a garantire il corretto uso e la diligente conservazione dei beni medesimi, alle quali l impresa utilizzatrice deve rigidamente attenersi). Può essere prevista, però, per l impresa utilizzatrice, la facoltà di optare a favore di una delle tre seguenti alternative: a) rinnovare il contratto; b) sostituire il bene con altro più confacente alle proprie esigenze; c) riscattare il bene con il pagamento di una somma prefissata. Dottrina La dottrina generalmente riconduce il leasing operativo entro lo schema codicistico della locazione, sia pure con qualche marginale contrasto di specificazione: secondo FOSSATI, GARGIULO e VAILA- TI, il contratto può essere assimilato, con una certa approssimazione, al noleggio o all affitto di beni produttivi; B) Il leasing finanziario di contrario avviso è, invece, MIRABELLI, secondo cui il leasing operativo costituisce una figura di locazione di beni strumentali, poiché consiste nell attribuzione del godimento di beni in cambio di un corrispettivo commisurato a tale godimento. Il leasing finanziario può definirsi sostanzialmente un operazione mediante la quale una società finanziaria acquista, per conto di un impresa industriale o commerciale, un bene a questa necessario per lo svolgimento del processo produttivo, ed alla stessa lo cede in godimento per un periodo in genere corrispondente alla sua intera vita economica (GALIMBERTI).

6 126 Nell ambito di tale rapporto: Parte seconda I contratti commerciali a) la società di leasing non è produttrice del bene, ma si obbliga ad acquistarlo dal produttore; essa, pertanto, non ha beni a disposizione, bensì capitali da impiegare (si tratta di vere e proprie società finanziarie, costituite con la partecipazione di istituti di credito, compagnie di assicurazione e privati investitori); b) l impresa utilizzatrice non ha interesse ad ottenere la disponibilità temporanea di un bene ma ricerca il finanziamento necessario per l acquisizione di un bene strumentale, che prevede di mantenere inserito a lungo nella propria struttura produttiva. Da ciò deriva che mentre nel leasing operativo la necessità di assicurare il successivo godimento del bene presso una serie di utilizzatori può essere soddisfatta solo a condizione che il bene concesso sia standardizzato o abbia un ampio mercato qualsiasi bene mobile o immobile può essere oggetto del rapporto di leasing finanziario. L operazione di leasing si svolge, pertanto, nel modo seguente (MIRABELLI): l imprenditore che ha bisogno di un certo bene (per lo più altamente specializzato) si rivolge ad una società di leasing, che possiede il capitale, e le chiede di acquistare il bene medesimo; questa, se accetta, si impegna ad effettuare tale acquisto ed a fare entrare l altra parte nella detenzione del bene; come corrispettivo di tali due prestazioni l altra parte si impegna a versare periodicamente alla prima delle somme calcolate in misura che, alla scadenza prevista, la prima delle parti riceva dalla seconda il rimborso completo del prezzo pagato al terzo, gli interessi sulla somma versata a tale titolo, nonché di solito un indennizzo forfettario per il rischio finanziario. Il leasing finanziario è una tecnica di finanziamento delle imprese, largamente utilizzata nei paesi anglosassoni, che solo in epoca abbastanza recente si è diffusa negli altri paesi del mercato comune europeo. In Italia l istituto ha trovato applicazione nell ultimo ventennio; tuttora, però benché varie siano ormai le imprese operanti nel settore manca una regolamentazione legislativa che ne definisca organicamente i caratteri e ne stabilisca la disciplina. Riferimenti al leasing finanziario sono stati introdotti dal D.Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico bancario), il quale all art. 1 ricomprende espressamente il leasing finanziario tra le «attività ammesse al mutuo riconoscimento», nonché dagli artt. 2425bis e 2427 c.c. (come modificati dal D.Lgs. 310/2004) i quali prevedono una disciplina contabile delle operazioni di locazione finanziaria che comportano il trasferimento al locatario della parte prevalente dei rischi e dei benefici inerenti i beni che ne costituiscono oggetto e le iscrizioni delle plusvalenze secondo il criterio della competenza. Da ultimo, si deve rilevare che la riforma delle procedure concorsuali (D.Lgs. 5/2006) ha previsto una specifica disciplina (all art. 72quater L.F.) del contratto di locazione finanziaria in corso al momento del fallimento di una delle parti. Altri riferimenti al leasing finanziario sono poi presenti nel codice delle assicurazioni private (D.Lgs. n. 209/2005) e nella disciplina sulla tutela degli immobili da costruire (D.Lgs. n. 122/2005). Il leasing finanziario ha avuto poi un ampia diffusione, perché fondato sull esatto presupposto che per gli imprenditori è determinante non tanto la proprietà dei beni, quanto la loro disponibilità. Esso, inoltre, si presenta particolarmente vantaggioso per la installazione di macchinari di notevole valore, poiché permette una rateizzazione piuttosto lunga degli oneri relativi (parallela ai ratei di ammortamento) e consente di superare le difficoltà burocratiche del ricorso ai tradizionali canali del credito.

7 Dottrina Diverse sono le posizioni dottrinarie circa la natura giuridica del leasing finanziario: secondo GARGIULO trattasi di un contratto atipico, con causa, oggetto e caratteristiche peculiari, nel quale confluiscono elementi propri di diversi schemi giuridici tradizionali, quali il mutuo, la vendita, la locazione; Capitolo 3 Il contratto per il godimento dei beni 127 secondo VAILATI trattasi di negozio misto; TABET inquadra l istituto nello schema normativo del contratto di locazione; MIRABELLI e DE NOVA ritengono che l istituto rientri nello schema della vendita con riserva di proprietà o, quanto meno, realizzi gli effetti tipici di tale contratto. La più recente giurisprudenza della Cassazione qualifica il contratto di leasing finanziario come «contratto di finanziamento, nel quale confluiscono sia l interesse del concedente ad investire il capitale disponibile, sia l interesse dell utilizzatore a conseguire il godimento di un bene strumentale alla sua impresa attraverso il finanziamento del concedente, che gli consenta di non immobilizzare per l acquisto una rilevante somma di danaro». Nell ambito del leasing finanziario la Cassazione individua, poi, due distinte figure contrattuali: nella prima, l utilizzazione del bene da parte del concessionario, dietro versamento dei canoni previsti, si inquadra in una funzione di finanziamento a scopo esclusivo di godimento del bene per la durata del contratto, per cui i canoni costituiscono soltanto il corrispettivo di tale godimento. È questo un contratto ad esecuzione continuata o periodica, come tale non soggetto, in sede di risoluzione per inadempimento dell utilizzatore, alla retroattività dell effetto risolutivo disposta dall art. 1458, 1 comma; nella seconda, invece, le parti prevedono che il bene, avuto riguardo alla sua natura, all uso programmato ed alla durata del rapporto, è destinato a conservare, alla scadenza contrattuale, un valore residuo particolarmente apprezzabile per l utilizzatore, sicché i canoni corrisposti dall utilizzatore medesimo non trovano più un autonoma giustificazione nel mero godimento del bene, ma costituiscono anche il corrispettivo anticipato di una parte del prezzo (effetto traslativo a favore dell utilizzatore). In questo ultimo tipo di contratto (a differenza del primo) i rapporti tra i contraenti sono regolati dall art in tema di risoluzione per inadempimento della vendita con riserva di proprietà, e tale norma viene ritenuta applicabile in via analogica (così Cass., 13 dicembre 1989, dal n al n. 5574, e Sezioni Unite, 7 gennaio 1993, n. 65). Quali sono le differenze tra leasing operativo e finanziario? Appare opportuno a questo punto, per rendere più chiara l esposizione, fornire uno schema riassuntivo delle principali differenze intercorrenti tra il leasing operativo e quello finanziario. Il leasing operativo: ha per oggetto beni strumentali standardizzati che, al termine del contratto, conservano un rilevante valore residuale e possono essere destinati a nuova utilizzazione; i beni generalmente sono concessi in godimento dallo stesso produttore;

8 128 Parte seconda I contratti commerciali il concedente si obbliga altresì a fornire servizi collaterali, fra cui si pone come principale il mantenimento del bene in perfetta efficienza; la durata del contratto è solitamente breve ed in rari casi supera i tre anni; l impresa utilizzatrice ha facoltà di recesso prima del termine, dando adeguato preavviso; il canone non è correlato al costo del bene ma al valore dell uso di esso e comprende altresì le remunerazioni per i servizi collaterali. Il leasing finanziario: ha per oggetto beni, mobili o immobili, anche non standardizzati; l impresa di leasing non è mai produttrice del bene: essa lo acquista o lo fa costruire dal produttore, dietro specifica indicazione dell impresa richiedente, e poi lo concede in godimento a quest ultima; non è prevista l assunzione di obblighi collaterali a carico dell impresa di leasing; la durata del contratto è superiore a quella del leasing operativo e, per i beni mobili, per lo più corrisponde alla vita tecnico-economica di essi; all impresa utilizzatrice non è consentito recedere prima del termine; il canone è comprensivo dell ammortamento del bene, dell interesse sul capitale investito, delle spese e dell'utile dell impresa di leasing. C) Disciplina Il procedimento di stipulazione ha inizio, generalmente, con una domanda di leasing, redatta dall imprenditore richiedente su appositi formulari predisposti dalla società finanziatrice, con indicazione specifica di tutte le caratteristiche sia del bene da acquistare sia dell impresa che ne richiede l acquisto, e con particolare riferimento alle condizioni economiche di quest ultima ed alle garanzie che essa è in grado di fornire. All accettazione da parte della società di leasing segue la sottoscrizione congiunta di un documento che contiene pattuizioni contrattuali estremamente particolareggiate circa l attuazione del rapporto. I documenti anzidetti sono formulati come se venisse stipulata una cessione di godimento a titolo di locazione del bene che ha formato oggetto della domanda di leasing, ma il loro contenuto deroga ampiamente alla normativa posta dalla legge per il rapporto di locazione. Ed infatti: la consegna del bene deve essere compiuta non dalla società finanziatrice, ma dal terzo fornitore, ad iniziativa e con la collaborazione diretta dell imprenditore richiedente; la garanzia per eventuali vizi del bene è data dal terzo fornitore e non dalla società finanziatrice; tutte le riparazioni, sia ordinarie che straordinarie, sono a carico dell imprenditoreutilizzatore; a carico dell utilizzatore viene posto, altresì, il rischio del deterioramento e del perimento del bene (anche per caso fortuito): egli, infatti, è tenuto a pagare l intero corrispettivo anche se il bene non esiste più. Inoltre: la durata del contratto è commisurata alla vita economica utile del bene ovvero è stabilita in funzione del previsto effetto traslativo;

9 Capitolo 3 Il contratto per il godimento dei beni 129 in caso di inadempimento dell utilizzatore il contratto si risolve di diritto e: a) nel leasing finalizzato esclusivamente all uso del bene, i canoni versati restano acquisiti al finanziatore e vengono previste anche penali, fissate nella somma dei canoni non ancora scaduti o in una somma comunque assai vicina all intero; b) nel leasing finalizzato all effetto traslativo del bene in favore dell utilizzatore, il rapporto contrattuale inter partes è regolato dall art cod. civ. (secondo il più recente orientamento della Cassazione); alla scadenza del contratto l utilizzatore può scegliere fra: l acquisto del bene (per un importo predeterminato); la proroga della locazione, per un canone notevolmente ridotto; la restituzione del bene. L opzione di acquisto concessa all utilizzatore costituisce un elemento qualificante del contratto stesso. Differenze da figure affini Il leasing finanziario si differenzia da: mutuo Lo scopo di finanziamento, che caratterizza il leasing finanziario, non consente di ricondurre tale contratto al mutuo. Nel leasing, invero, non si ha trasferimento della proprietà di una somma di denaro, né obbligo di restituire il tantundem. Nessuna norma della disciplina legale del mutuo può essere utilmente richiamata per disciplinare il leasing; locazione L attività dell impresa di leasing, invero, è essenzialmente rivolta al finanziamento di un investimento produttivo in un bene prodotto da terzi. Il canone viene fissato non in ragione dei vantaggi offerti dal bene, ma in relazione al suo costo ed alla durata del contratto, così da consentire all impresa di leasing al termine del contratto di recuperare integralmente il prezzo sborsato per acquistare il bene e gli ulteriori costi, nonché di conseguire un utile; si tratta, quindi, di un canone sostanzialmente corrispondente al valore economico del bene e non al valore d uso (LUMINOSO). L utilità economica residua del bene dato in leasing, inoltre, è quasi nulla al termine del contratto; vendita con riserva di proprietà Nel leasing finanziario non si ha acquisto automatico della proprietà al momento del pagamento dell ultima rata; si ha soltanto la facoltà dell impresa utilizzatrice di acquistare il bene, al termine del contratto, pagando una somma residua. D) Il leasing immobiliare Con tale operazione finanziaria una parte concede all altra per un tempo determinato e verso un corrispettivo da pagarsi a scadenze periodiche il godimento di un bene immobile, acquistato o fatto costruire dall impresa di leasing su scelta ed indicazione della parte utilizzatrice, con facoltà per quest ultima di acquistare la proprietà dell immobile stesso alla scadenza del contratto (o anche prima, se convenuto tra le parti) contro versamento di un prezzo stabilito, o determinabile in base a parametri contrattualmente fissati. Con la stipulazione del contratto tutti i rischi connessi alla costruzione ed all esistenza dell immobile sono trasferiti alla parte utilizzatrice. Ad essa spetta la responsabilità di seguire i lavori di costruzione fino alla consegna; nonché ogni altra incombenza relativa all immobile (manutenzione ordinaria e straordinaria; stipulazione delle polizze assicurative; pagamento di imposte e tasse etc.).

10 130 Parte seconda I contratti commerciali Il contratto può configurarsi secondo una gamma di schemi ispirati alla disciplina legale della locazione pura o a quella della vendita con riserva di proprietà. Sulla disciplina del leasing immobiliare è intervenuta la L. 244/2007 (finanziaria per il 2008) che, ai fini essenzialmente fiscali, ha innalzato, a partire dal 1 gennaio 2008, la durata minima del contratto di leasing da metà ai due terzi del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito dalle tabelle ministeriali per tutte le categorie di beni. E) Il lease back È questa un operazione finanziaria con la quale un bene (frequentemente un immobile) viene alienato dal proprietario ad un impresa di leasing, che si impegna a concedere lo stesso bene in godimento al venditore ed a riconoscergli un diritto di riscatto, trascorso un determinato periodo di tempo. Attraverso un operazione siffatta le imprese che attraversino crisi momentanee di liquidità possono accedere a fonti di finanziamento senza contraccolpi. Il lease-back (o locazione di ritorno) consente, infatti, di usufruire della somma corrispondente al prezzo di vendita di un bene strumentale senza privarsene, poiché contestualmente alla vendita viene stipulato un contratto di leasing per il riacquisto del bene: il corrispettivo della cessione viene così restituito in forma di canoni sul leasing. La vendita del bene è funzionale alla stipula del contratto di leasing sul medesimo, al cui termine lo stesso bene sarà riscattato: l impresa venditrice-locataria accede al danaro fresco senza impegnarsi con terzi e senza privarsi di beni indispensabili; l acquirente-locatrice, dal canto suo, realizza un investimento di risorse, con la garanzia (costituita dalla proprietà del bene concesso in leasing) della loro restituzione. Quanto alla natura giuridica, la prevalente dottrina (CASELLI, DE NOVA, FERRARINI) individua nel lease-back un ipotesi di contratti collegati, cioè due distinti rapporti il contratto di compravendita ed il leasing finanziario unificati in capo allo stesso soggetto tramite un collegamento economico-funzionale, che non altera la specifica disciplina dei rapporti medesimi. Il problema fondamentale, però, riguarda la liceità del lease-back nel nostro ordinamento; ciò in quanto potrebbe qualificarsi il prezzo pagato dall impresa di leasing come un mutuo garantito dal trasferimento della proprietà di un bene in capo al finanziatore. L orientamento fondamentale della Corte di Cassazione, invero, è nel senso che debbono considerarsi nulle le vendite a scopo di garanzia, sia nel caso in cui esse siano condizionate sospensivamente all inadempimento del debitore, sia nel caso in cui esse siano immediatamente traslative. Allorché, dunque, si tenga essenzialmente conto della funzione di garanzia esercitata dalla proprietà del bene nella complessa operazione di lease-back, quest istituto risulterà integrare una vera e propria ipotesi di patto commissorio, la cui nullità è sancita dall art L opinione contraria, invece, si basa sulla considerazione che, nel collegamento negoziale attuato attraverso il lease-back, la vendita del bene non assume il ruolo accessorio di garanzia a favore del creditore-acquirente: la negoziazione configurerebbe, infatti, l esercizio di normale

11 Capitolo 3 Il contratto per il godimento dei beni 131 attività di impresa sia da parte del concedente il finanziamento che da parte dell utilizzatorevenditore. In questa prospettiva si afferma che dovranno verificarsi, caso per caso, gli scopi effettivamente perseguiti dalle parti non potendosi procedere a classificazioni in astratto e rientreranno nel divieto del patto commissorio soltanto quelle operazioni indirizzate a realizzare mere forme di garanzia reale. La Suprema Corte con pronunce successive ha riconosciuto che il lease-back è costituito da due distinti contratti, uno di compravendita e uno di leasing, e ne ha definitivamente affermato la legittimità e la deducibilità dei canoni dalle imposte sui redditi (nonché la detraibilità dell IVA sul prezzo di acquisto). Ha infatti precisato che un operazione di lease back non costituisce necessariamente una forma di finanziamento con contestuale elusione del divieto del patto commissorio: ciò non esclude che anche tale contratto, come qualsiasi altro, possa essere impiegato per scopi illeciti e fraudolenti, anche se tale ultima ipotesi si realizza solo se sia in concreto accertata l esistenza delle condizioni di fatto dalle quali risulti che la funzione di garanzia costituisca causa esclusiva o prevalente dell intervenuta cessione del bene oggetto del contratto di leasing. 5. Il comodato Il comodato è «il contratto con il quale una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta» (art. 1803). Trattasi di un contratto essenzialmente gratuito. Nell ambito della più generale configurazione del comodato quale contratto a titolo gratuito, GAL- GANO distingue: un comodato per causa di liberalità, che realizza un interesse non patrimoniale del comodante (es.: il prestito ad un amico del proprio appartamento al mare, affinché vi trascorra qualche giorno di vacanza); un comodato non liberale, giustificato dai rapporti di affari intercorrenti tra le parti (es.: un imprenditore dà in comodato un macchinario ad altra impresa, avendo un proprio interesse economico a che questa ne faccia uso). Soltanto qualora sia certa l esclusiva causa di liberalità, la Suprema Corte in analogia con quanto è legislativamente previsto per la donazione (art. 793) ammette la possibilità di una prestazione a carico del comodatario, a titolo di modus o onere, precisando che deve trattarsi di un sacrificio modestissimo e tale da non snaturare il rapporto. Allorquando, invece, intercorrano rapporti di affari tra le parti, la previsione di un sia pure esiguo compenso comporterà la qualificazione del contratto come contratto a titolo oneroso (locazione). Ai fini della capacità delle parti, la prevalente dottrina (FRAGALI, MIRABELLI, TAM- BURRINO) classifica il comodato tra gli atti eccedenti l ordinaria amministrazione. Oggetto del comodato possono essere immobili, beni mobili registrati e cose mobili. Le cose mobili devono essere inconsumabili, poiché solo per esse è possibile attuare l obbligo di restituzione dell eadem res. Possono essere oggetto di comodato anche cose consumabili, purché considerate infungibili, e cose fungibili, purché considerate inconsumabili (MESSINEO). Viene anche citato, in proposito, il caso del comodato ad pompam vel ostentationem, avente per oggetto merci di consumo perché se ne faccia soltanto esposizione (ipotesi di inconsumabilità convenzionale).

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli