La contrattualistica tra retailer e centri commerciali all estero: focus UK, Francia, Spagna e Germania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La contrattualistica tra retailer e centri commerciali all estero: focus UK, Francia, Spagna e Germania"

Transcript

1 La contrattualistica tra retailer e centri commerciali all estero: focus UK, Francia, Spagna e Germania 1

2 «C'era il rombo continuo della macchina in moto che portava dentro i clienti [ ]. Tutto questo, regolato, organizzato con la precisione di un meccanismo» Émile Zola, Al paradiso delle signore, 1883, descrivendo il primo grande magazzino parigino, Le Bon Marché 2

3 La contrattualistica tra retailer e centri commerciali all estero: focus UK, Francia, Spagna e Germania Contenuti Sommario Prefazione: il workshop del 29 gennaio La contrattazione tra retailers e centri commerciali: gli interessi coinvolti La situazione italiana Guardare all estero. Le tematiche rilevanti: durata, canone e concorrenza Schede di approfondimento Focus Francia Focus United Kingdom

4 4.3 Focus Spagna Focus Germania Risultati Ringraziamenti

5 Prefazione: il workshop del 29 gennaio 2015 Nati negli Stati Uniti a metà degli anni 50 del secolo scorso, i moderni centri commerciali sono stati oggetto nel corso degli ultimi sessant anni di una straordinaria diffusione anche nel vecchio continente. Prima in Francia, Germania e Gran Bretagna, poi nel resto d Europa 1, la graduale ed inarrestabile diffusione 2 dei centri commerciali ha progressivamente, ma inesorabilmente, spostato dai centri storici delle città verso i centri commerciali stessi il luogo dove avvengono i consumi e gli acquisti dei cittadini. Acquisire la disponibilità di spazi all interno di centri commerciali per la vendita al dettaglio, dunque, rappresenta oggi per i retailers una necessità, oltre che un opportunità. In Italia, tuttavia, i modelli contrattuali esistenti non offrono per i retailers una tutela adeguata dei relativi interessi. E all estero? L esame delle più significative esperienze europee (Francia, Regno Unito, Spagna e Germania) ci consegna un quadro sfaccettato. 1 I primi centri commerciali in Italia sono stati aperti nel 1971 a Bologna e nel 1974 a Cinisello Balsamo (MI). 2 È stata calcolata in mq la superficie complessivamente occupata dai centri commerciali in Europa, con una media di 425 mq per 000 abitanti (fonte: European Retail Guide Shopping Centres 2013). 4

6 Se taluni aspetti delle relative discipline appaiono interessanti, sino a costituire possibili spunti per interventi legislativi in Italia ed elementi di valutazione di possibili business all estero, l esame attento degli strumenti contrattuali ivi adottati mostra come anche fuori dall Italia vi siano inefficienze. Appare allora come gli interessi involti nei rapporti tra retailers e gestori dei centri commerciali risultino a livello europeo poco equilibrati e ciò, in ultima analisi, per l assenza di strumenti legali e contrattuali idonei ad una loro efficiente regolazione. Questo lo sfondo sul quale si è svolto il workshop dello scorso 29 gennaio 2015, tenutosi presso la sede milanese di Confimprese alla presenza dei suoi consociati ed intitolato La contrattualistica tra retailer e centri commerciali all estero: focus UK, Francia, Spagna e Germania. Durante il workshop sono stati messi in luce quelli che appaiono essere i principali interessi di cui retailers e gestori dei centri commerciali sono portatori in sede di negoziazione dei contratti per l uso degli spazi nei centri commerciali. A tale indicazione ha fatto seguito l illustrazione delle principali criticità incontro alle quali vanno i retailers italiani, a fronte degli strumenti contrattuali adoperati in Italia per la regolazione dell uso degli spazi nei centri commerciali. 5

7 Nel corso dell incontro sono state, quindi, individuate le tematiche di principale interesse da considerare nell analisi delle esperienze estere: durata dei contratti e relative possibilità di way-out unilaterali, determinazione del canone e dei relativi oneri accessori e gestione dei profili di concorrenza, anche tra prodotti. A ciò è seguita, dunque, l illustrazione, da parte dei relatori intervenuti, di come le suindicate tematiche sono affrontate in Francia, Regno Unito, Spagna e Germania: i Paesi europei che, per percentuale di centri commerciali e per prospettive di sviluppo futuro del settore, appaiono più significativi. Il workshop ha riscosso un grande successo. Grazie all organizzazione di Confrimprese è stato possibile raccogliere la presenza, in qualità di relatori, del Legal Counsel di Gruppo Percassi (marchio KIKO), del Direttore Administration & Finance di Value Retail Management Italy S.r.l., nota ed internazionale società titolare e gestore di centri commerciali, e dei professionisti esperti di real estate appartenenti al network internazionale Crowe Horwath International e Studio Associato Servizi Professionali Integrati (SASPI). 6

8 Il presente opuscolo intende raccogliere i principali passaggi del workshop dello scorso 29 gennaio Inoltre, attraverso i focus dedicati a Francia, Regno Unito, Spagna e Germania, è nostra ambizione fornire un valido strumento di confronto per l apprezzamento delle differenze, nella materia in parola, tra le varie realtà europee esaminate. Milano, 20 marzo 2015 Avv. Fabio Ambrosiani Partner Legal S.A.S.P.I. Crowe Horwath Milano - Via della Moscova 3 * * * 7

9 1. La contrattazione tra retailers e centri commerciali: gli interessi coinvolti In sede di negoziazione dei contratti per l uso degli spazi in centri commerciali, retailers e gestori dei centri commerciali sono portatori di diversi interessi, spesso confliggenti tra loro. Un approccio pragmatico, evidenzia come il retailer sia portatore dei seguenti interessi: durata del contratto adeguata al proprio progetto imprenditoriale e schema di business; esistenza di way-out unilaterali che gli assicurino una certa flessibilità in uscita; certezza relativamente alle way-out unilaterali e discrezionali in capo al locatore; previsione di un canone di locazione commisurato, almeno in parte, al proprio fatturato e non soggetto ad inaspettati aumenti; 8

10 previsione di agevolazioni, incentivi e/o riduzioni del canone in determinate ipotesi, quali lo start up o in contesti di elevato vacancy rate 3 nel centro commerciale; oneri accessori al canone (i.e. key money, spese comuni, assicurazione, fideiussioni obbligatorie, etc.) bassi; tutela dalla concorrenza da altri conduttori competitors nel centro commerciale; libertà nella commercializzazione dei propri prodotti o nell apertura punti vendita, anche nei pressi del centro commerciale (e, dunque, in concorrenza con esso). Viceversa, i gestori dei centri commerciali sono tendenzialmente portatori dei seguenti interessi: durata tendenzialmente prolungata del contratto; scarsa flessibilità in uscita per i conduttori, anche e soprattutto in presenza di ipotesi di uscita in blocco dei retailers dal centro commerciale; previsione di way-out in caso di inadempimento da parte del conduttore; 3 Per vacancy rate si intende la percentuale di spazi del centro commerciale non locati o affittati a retailers, e dunque inadoperati. 9

11 pattuizione di un canone di locazione predeterminato o predeterminabile, attualizzato ed indicizzato, da pagarsi in anticipo; oneri accessori al canone (i.e. key money, deposito/fideiussione, spese comuni, assicurazione; fideiussioni bancarie) elevati; raggiungimento di un numero elevato di retailers presenti nel centro, anche in spregio alle possibili difficoltà per questi ultimi frutto di una forte concorrenza tra prodotti; previsione di limitazioni imposte ai retailers alla facoltà di aprire nuovi punti vendita nei pressi del centro commerciale, alla possibilità di vendere determinati prodotti/marchi, alla possibilità di commercializzare mediante vendita on-line. In una certa prospettiva, gli interessi dei retailers e quelli dei gestori dei centri commerciali possono convergere: entrambi hanno interesse a massimizzare la redditività degli investimenti effettuati; sia i retailers che i gestori di centri commerciali di una certa notorietà hanno interesse a proteggere ed ad accrescere la rispettiva brand equity; 10

12 entrambi hanno come obiettivo l accrescimento della clientela, garantendo alla stessa elevati standard di servizio, prodotti, shop-fit, ospitalità. 2. La situazione italiana Dal punto di vista del retailer, il modello contrattuale italiano che più degli altri assicura il raggiungimento (di parte) degli interessi di cui è portatore è la locazione di immobili ad uso non abitativo, di cui alla L. 392 del Tale disciplina, infatti, è informata a principi di tutela dei conduttori. Tuttavia, nella quasi totalità dei casi il rapporto tra retailer e gestore del centro commerciale viene inquadrato nell ambito dell affitto d azienda (art cod. civ.). Adottando lo schema dell affitto d azienda, il retailer va incontro ad una serie di inconvenienti, tra cui in particolare: il rapporto non è sottoposto ad una durata minima; durante la pendenza del rapporto non esistono limitazioni all adeguamento del corrispettivo per l uso del locale; 11

13 alla cessazione del rapporto, l affittuario non ha diritto all indennità per la perdita di avviamento; l affittuario non ha alcun diritto di prelazione in caso vendita dello spazio ovvero di sua successiva locazione a terzi; il subentro da parte di un terzo nell attività esercitata nello spazio commerciale è sottoposto alla preventiva approvazione da parte del gestore del centro commerciale; non esistono limiti al deposito cauzionale che il locatore può richiedere. Oltre a quanto sopra, il principale inconveniente per il retailer derivante dall applicazione dello schema dell affitto d azienda è costituito dal fatto che la disciplina legale dell affitto d azienda è assolutamente scarna (ad esempio, non è fissato ex lege alcun vincolo di durata) e derogabile (le norme sulle successioni nei contratti, art cod. civ., nei crediti, art cod. civ., nei debiti, art cod. civ., inerenti l azienda, sono infatti derogabili): con la conseguenza che la quasi totalità del rapporto è rimessa all autonomia privata delle parti. Così, ad esempio, in tema di durata e di previsione di way-out, il gestore del centro commerciale sovente potrà ottenere condizioni a lui favorevoli, vincolando a sé il retailer per periodi di tempo prolungati. Allo stesso modo, in tema di canone, anche qualora quest ultimo sia pattuito in forma mista (fisso+% sul fatturato), l affittante potrà riservarsi ampli poteri ispettivi sulla contabilità dell affittuario. Non solo, il 12

14 canone potrà poi essere soggetto ad incrementi durante la vigenza del rapporto, in completata antitesi con i meccanismi calmieratori della L. 398/ 78. Ancora, le spese di manutenzione andranno sempre a gravare sull affittuario, insieme agli oneri accessori. Traendo le fila, il problema principale in Italia sembra essere rappresentato dalla rigidità di fatto di un sistema che lascia i retailers esposti alla maggior forza contrattuale dei gestori dei centri commerciali. 3. Guardare all estero. Le tematiche rilevanti: durata, canone e concorrenza E all estero? Ogni Paese regola in maniera parzialmente differente la materia in parola. A titolo di esempio: in Francia la legge fissa una durata minima per i contratti di locazione degli spazi commerciali, mentre in Inghilterra detta durata minima non è prevista ex lege. Ciò che però unifica le esperienze estere, tra di loro e con l Italia, è la centralità delle seguenti tematiche: durata dei contratti e possibilità di way-out unilaterali; 13

15 canone di locazione e relativi oneri accessori ; regolamentazione della concorrenza. Tali tematiche, infatti, costituiscono i principali nodi attorno cui si avviluppano gli interessi coinvolti nella negoziazione dei contratti per l uso degli spazi nei centri commerciali e di cui si è fatta indicazione nel primo paragrafo. In linea con quanto appena detto, un recente caso ha destato una certa attenzione nel settore: un noto colosso del retailing ha denunciato a mezzo stampa una serie di inefficienze nel sistema di gestione dei centri commerciali nel Regno Unito. In particolare, è stato denunciato: che la durata media dei contratti di locazione è troppo lunga; l assenza di adeguate way-out, soprattutto alla luce di un vacancy rate 4 mediamente alto; la carenza di meccanismi di riduzione del canone se il vacancy rate rimane invariato/aumenta ovvero se altri operatori rilevanti abbandonano il centro commerciale; 4 Cfr. supra nota 3 pag

16 il problema costituito dalla diffusione dei pop-up stores 5, i quali, non sottostando alle logiche tradizionali dei contratti di locazione, sottraggono profitto ai retailers; La denuncia evidenzia, in buona sostanza, la necessità di mutare il sistema inglese verso: una minore durata dei contratti, una maggiore flessibilità in uscita; canoni meno onerosi; una maggiore regolamentazione della concorrenza tra prodotti all interno dei centri commerciali. Quanto rappresentato offre una conferma di come le suesposte tematiche costituiscano i principali punti verso cui rivolgere l attenzione nei focus sulle esperienze estere e, più in generale, nelle riflessioni sulla materia in parola. 5 Altrimenti detti temporary shops: negozi a tempo ovvero esercizi commerciali temporanei, la cui durata può variare da pochi giorni a poco più di un mese, spesso in grado di attirare l'attenzione dei consumatori, proponendo le ultime novità in commercio e chiudendo improvvisamente, senza preavviso. 15

17 4. Schede di approfondimento 4.1 Focus Francia In Francia, solo nelle principali città del Paese 6, sono presenti circa 60 i centri commerciali. Il presente focus Francia si basa sull intervento al workshop dell avv. Caterina Panfilo, Legal Counsel e responsabile estero di Gruppo Percassi (marchio KIKO). Durata: In Francia i contratti di affitto sono soggetti al codice del commercio francese che prevede una loro durata di nove anni a pena di nullità. Le parti possono tuttavia negoziare durate più lunghe. Se dopo la scadenza del termine, il contratto continua ad essere eseguito si converte in un contratto a tempo indeterminato. E quindi consigliabile entro i 6 mesi dalla scadenza, che il conduttore invii domanda di rinnovo per 9 anni o un periodo più lungo, ma determinato, oppure disdetta. Se il locatore rifiuta il rinnovo, dovrà corrispondere al conduttore un indennità. 6 Fonte: European Retail Guide Shopping Centres

18 Spesso nei contratti il locatore impone che alla scadenza, il contratto si rinnovi automaticamente per pari durata, oppure inserisce eccezioni al regime legale del canone di rinnovo (v. infra). Way-out: In base al codice del commercio il conduttore ha la facoltà di recedere dal contratto ogni 3 anni, tramite disdetta da inviarsi almeno 6 mesi prima della scadenza con raccomandata r.r. o tramite ufficiale giudiziario. La disciplina del recesso è derogabile tra le parti. Pertanto i locatori cercano di limitare tale facoltà di recesso, vincolando il conduttore a termini fissi più lunghi, preavvisi più lunghi, o al pagamento di un indennizzo. In tal caso bisognerà negoziare affinché trovi applicazione la disciplina di legge. Oltre ad assicurarsi il recesso triennale, il conduttore può cercare di inserire in contratto delle way-out al verificarsi di casi concreti, ad esempio: co-tenancy clause; ritardo nella consegna del negozio; negozio chiuso per lavori del locatore o rovina; fatturato inferiore a un determinato ammontare; recesso in ogni tempo decorso un primo periodo fisso. 17

19 Il locatore può recedere esclusivamente nei seguenti casi: qualora intenda procedere alla costruzione, ricostruzione, o sopraelevazione dell immobile esistente, o eseguire dei lavori prescritti o autorizzati nell ambito di un operazione di restauro immobiliare; qualora vi sia un inadempimento da parte del conduttore. Per legge tale inadempimento deve essere grave ed il recesso preceduto da una diffida ad adempiere di almeno 30 giorni. Infine, la parti possono pattuire il recesso per mutuo consenso, dovendo in tal caso prevederne termini e condizioni. Canone: Il canone è liberamente pattuito tra le parti. Solitamente esso si compone di una duplice componente: canone fisso; canone variabile. A volte una delle suddette componenti viene meno. Il canone è soggetto ad attualizzazione e indicizzazione. Si possono negoziare la non applicazione dell attualizzazione nonché sconti sul canone per i primi anni. 18

20 Generalmente il canone viene pagato con prelievo diretto (mandato SEPA) trimestrale anticipato. Spesso è altresì possibile pattuire un periodo di free-rent. Qualora il contratto si sia rinnovato, la legge prevede che il canone di rinnovo sia soggetto all indice di riferimento (c.d. plafonnement ), salvo che la durata iniziale del contratto sia più lunga di 9 anni, non applicandosi in tal caso il plafonnement. Questa disciplina è derogabile, pertanto spesso i centri commerciali impongono ai retailers che il canone di rinnovo non sia soggetto al plafonnement a cui avrebbero diritto. Oneri accessori: Gli oneri accessori generalmente previsti a carico dei retailers sono: key money (diritto d ingresso); deposito o fideiussione; spese comuni; assicurazione. 19

21 Concorrenza: La materia non è regolata dalla legge. Nella prassi, i contratti di affitto contengono sovente una clausola in virtù della quale i centri commerciali non sono né possono essere in alcun modo limitati nella commercializzazione dei locali. Pertanto conduttori che vendono prodotti anche in diretta concorrenza tra loro potranno trovarsi fianco a fianco oppure in grande numero nello stesso centro commerciale. Il centro commerciale, inoltre, riesce spesso ad imporre al conduttore: di non vendere prodotti di determinati marchi magari già presenti nel centro commerciale; obblighi di non concorrenza, nel senso che quest ultimo non potrà aprire negozi per la stessa merceologia entro una certa distanza dal centro commerciale per un determinato periodo. Tutte tali clausole sono negoziabili tra le parti. 20

22 4.2 Focus United Kingdom Nel Regno Unito, solo nelle principali città del Paese 7, sono presenti circa 130 centri commerciali. Il presente focus United Kingdom si basa sull intervento al workshop dell avv. Caterina Panfilo, Legal Counsel e responsabile estero di Gruppo Percassi (marchio KIKO). Durata: I contratti di affitto del Regno Unito possono essere: a scadenza fissa; a tempo indeterminato. La legge non impone nessuna durata minima. I contratti di 7 anni o più devono però essere registrati presso il Land Registry. Per prassi, nei leses in centri commerciali, è pattuito un termine fisso. Way-out: Le parti sono libere di prevedere una facoltà di recesso ( break clause ) a favore di una o di entrambe le parti. 7 Fonte: European Retail Guide Shopping Centres

23 Il locatore ha diritto di recedere dal contratto o di rifiutare il rinnovo in un numero limitato di casi: qualora intenda procedere alla costruzione, ricostruzione, o sopraelevazione dell immobile esistente, o eseguire dei lavoro prescritti o autorizzati nell ambito di un operazione di restauro immobiliare; qualora vi sia un inadempimento da parte del conduttore. Per legge tale inadempimento deve essere grave ed il recesso preceduto da una diffida ad adempiere di almeno 30 giorni. Qualora il diritto di recesso non sia esercitato o non sia stato pattuito, il contratto: se il conduttore ha security of tenure, si rinnova; se le parti hanno concordato il contract out, termina automaticamente alla scadenza. In genere il locatore pretende questa clausola. In tal caso il conduttore è obbligato a liberare i locali. Qualora ciò non avvenga, il locatore può scegliere una delle seguenti ipotesi: il contratto si rinnova di mese in mese; 22

24 le parti pattuiscono un nuovo contratto; iniziare la procedura di sfratto del conduttore. Per il security of tenure, per il contract out e per esercitare il rinnovo bisogna in ogni caso usare specifici moduli. Canone: Il canone è liberamente pattuito tra le parti. Nei contratti con durata fissa, il canone non può subire variazioni, a meno che ciò non sia contrattualmente pattuito, come avviene però generalmente nella prassi. Il centro commerciale, infatti, spesso inserisce in contratto la facoltà a suo favore di aumentare il canone ogni 5 anni di contratto, in base: al valore di mercato dell immobile; o alla media dei canoni applicati nel centro commerciale per superfici simili; o al fatturato del negozio. Sebbene in UK non via sia molto spazio di manovra sul piano contrattuale per i retailers, qualora la soppressione di una tale clausola non fosse accettata, è possibile cercare di prevedere che, in caso di un tale aumento del canone, il conduttore abbia la facoltà di recedere dal contratto. 23

25 Oneri Accessori: Relativamente agli oneri accessori al canone locatizio, occorre distinguere tra tipologia di contratto: nel FRI lease: tutti i costi di manutenzione e riparazione e i costi assicurativi sono a carico del conduttore; nel Gross rent lease: il conduttore paga il canone e i costi specificati relativi al locale; il locatore paga i costi di manutenzione, assicurazione, utenze, e tasse. Il conduttore inoltre deve versare un deposito oppure emettere una fideiussione, oltre che accendere una propria polizza assicurativa. Infine, si tenga presente che spesso il locatore concede al conduttore una capital contribution per i lavori di fitting-out. Concorrenza: La materia non è regolata dalla legge. I centri commerciali sono tendenzialmente più forti dei retailers sul piano negoziale. Nella prassi sono spesso incluse nei contratti clausole: 24

26 con cui si vieta al retailer la commercializzazione di un prodotto, a vantaggio di un altro retailer con cui si vieta al retailer la vendita on-line di prodotti dallo stesso venduti nel centro commerciale che limitano la facoltà del retailer di pubblicizzare i propri prodotti 4.3 Focus Spagna Oltre 140 centri commerciali tra Madrid e Barcellona 8. Negli ultimi anni il vacancy rate medio è salito al 16%. Il presente focus Spagna si basa sull intervento al workshop di Victor Gené Tolnay, Associate e Responsabile IP&IT-Dipartimento Commerciale presso Crowe Horwath International a Barcellona. Durata: La disciplina dei contratti di locazione in Spagna è contenuta nell Urban Lease Act n. 29 del 1994, ispirato ad una larga autonomia contrattuale delle parti. Non è prevista ex lege una durata minima dei contratti. 8 Fonte: European Retail Guide Shopping Centres

27 Nella prassi: prima del 2007, i contratti erano tendenzialmente a medio-lungo termine (da 10 a 20 anni); oggi, la tendenza del mercato è verso contratti con short term (massimo 5 anni). Sovente è previsto il rinnovo automatico del contratto alla scadenza. In tali ipotesi: è comune predeterminare o fissare i criteri per determinare il canone applicabile in caso di rinnovo; altrimenti viene nominato un terzo indipendente per la determinazione del canone. Fuori da questo quadro, si collocano i pop-up stores, che sono ammessi. Way-out: Se non pattuito contrattualmente: il recesso unilaterale da parte del retailer comporta che questi debba risarcire il centro commerciale continuando a pagare le pigioni ancora dovute sino al termine di scadenza naturale del contratto; 26

28 in caso di mutuo recesso, le parti si accorderanno per la reciproca sopportazione dei costi. La giurisprudenza sembra acconsentire ad una riduzione del risarcimento da recesso anticipato, in casi di contratti di medio-lunga durata (oltre 10 anni). I gestori dei centri commerciali difficilmente accettano l inserimento nel contratto di clausole che riconoscono a favore del retailer il diritto di recesso per i casi di: fatturati inferiori a determinate soglie; vacancy rate elevato; scarsa qualità e reputazione degli altri retailers. La legge riconosce al retailer il diritto all indennità da avviamento: se il retailer ha condotto la stessa attività nel corso degli ultimi 5 anni; se, spirato il termine del contratto, il retailer ha espresso la volontà di rinnovare il contratto per almeno ulteriori 5 anni. 27

29 Tuttavia, i gestori dei centri commerciali spesso inducono i retailers a rinunciare a tale diritto. Canone: Le parti hanno ampia libertà nella fissazione del canone. Il canone può essere, dunque, fisso o composto da una misura fissa e una variabile. Generalmente, il canone composto fisso e variabile è così articolato: la componente fissa, di solito di importo inferiore ai canoni medi non composti da parte fissa e parte variabile; la componente variabile viene calcolata in base: al fatturato annuale del retailer; in alcuni casi, è collegato al vacancy rate del centro commerciale. Ove possibile, è bene pattuire con i centri commerciali clausole di aggiustamento del canone, alternativamente alla facoltà di recesso, per i casi di: fatturati inferiori a determinate soglie; vacancy rate elevato; scarsa qualità e reputazione degli altri retailers. 28

30 Sono possibili, inoltre, agevolazioni (sospensione, riduzione, contribuzione del canone) a favore del retailer in determinate ipotesi, quali la fase di start up ovvero per l allestimento degli spazi. Oneri accessori: Generalmente le spese per gli spazi comuni (acqua, energia, sicurezza, pulizie, ) sono addebitati separatamente ai retailers, proporzionalmente ai mq locati. I retailers sopportano i seguenti oneri: il rilascio di una caparra pari a due mensilità (imposta dalla legge); fideiussione bancaria; applicazione di elevati interessi in caso di ritardo nei pagamenti; licenze amministrative; applicazione di eventuali penali da parte del centro commerciale (ed es. per ritardo nell apertura del negozio). Concorrenza: In assenza di limitazioni legali alla materia, nella prassi è comune o possibile la previsione delle seguenti clausole. clausole di esclusività, legate alla durata del contratto, in virtù delle quali: 29

31 il centro commerciale si vincola a favore di determinati operatori a non far vendere nel centro commerciale generi specifici di prodotti concorrenti; conseguentemente, alcuni retailers vengono ad essere gravati da un divieto di cambiare il genere di prodotti venduti; clausole di divieto di vendita di determinati prodotti, per ragioni di tutela dei consumatori (ad es. armi); clausole di non-concorrenza, in virtù delle quali i centri commerciali vietano al retailer di aprire un proprio nuovo negozio in un determinato raggio intorno al centro commerciale. 30

32 4.4 Focus Germania Sono oltre 100 i centri commerciali presenti in Germania tra le principali città tedesche 9. Ciononostante si possono a tutt oggi trovare in alcune città del Paese tracce di retaggi culturali e tradizionali contrari alla diffusione di centri commerciali. Il presente focus Germania si basa sull intervento al workshop di Pierfranco Di Conza, Direttore Amministrazione & Finanza presso Value Retail Management Italy S.r.l. Durata: La durata standard dei contratti è di dieci anni. È possibile, inoltre, la conclusione di contratti temporanei, fino a 12 mesi, affinché il centro commerciale possa testare la performance di un determinato retailer. Nel corso della durata del contratto, generalmente il centro commerciale si riserva e conserva il diritto di ricollocare il retailer in uno spazio diverso da quello originariamente assegnato, facendosi carico delle relative spese. Way-out: Il diritto di recesso è sempre riconosciuto a favore del locatore. Il recesso deve essere esercitato con un minimo di 30 e fino a 180 giorni di preavviso. Fonte: European Retail Guide Shopping Centres

33 In caso di recesso, nessun diritto all avviamento viene riconosciuto al retailer. Raramente il diritto di recesso viene concesso anche all affittuario. E, comunque, è riconosciuto solo per determinate ipotesi quali un volume di vendite inferiori ad un livello prefissato. Canone: Il canone di affitto è strutturato in una parte fissa ed una variabile La componente variabile è spesso determinata quale percentuale sulle vendite. In linea tendenziale, il minimo garantito oscilla tra i 320 ed i 900 Euro/mq/anno, mentre la percentuale sulle vendite varia dall 8% al 13%. Talvolta, il locatore concede al conduttore un periodo di sospensione del canone per la fase iniziale di start up. Oneri accessori: A carico dei retailers gravano: una fideiussione bancaria a prima richiesta, alternativamente ad un deposito infruttifero di importo pari ad almeno 3 mensilità di canone; quota spese di servizi. 32

34 Relativamente alle spese di servizi, queste normalmente devono essere pagate in via anticipata unitamente al canone. Qualora si opti per una componente fissa ed una componente variabile del canone, la percentuale della quota variabile spesso include anche i costi di servizio. I costi di servizio oscillano, tendenzialmente, da 120 a 300 Euro/mq/anno. Concorrenza: Non esiste una regolamentazione dettagliata della materia, né una prassi uniforme. È comunque abbastanza comune l introduzione nei contratti di clausole che limitano o escludono la facoltà per i retailers di aprire nuovi punti vendita in strutture concorrenti a quelle del centro commerciale entro un determinato raggio. 33

35 5. Risultati Il quadro di sintesi dei temi trattati ci mostra come tanto in Italia, quanto in Francia, Regno Unito, Spagna e Germania, il retailing all interno dei centri commerciali rappresenti un opportunità, o meglio una necessità, di business, che non va affatto esente da problematiche. In Italia, l assenza di una cornice legale in grado di fornire un adeguata tutela ai retailers rispetto alla maggior forza contrattuale dei gestori dei centri commerciali frustra notevolmente gli interessi dei retailers stessi. E volgendo l attenzione all estero, il quadro non muta di molto, nella sostanza. Anche fuori dall Italia, infatti, la regolazione, legale o pattizia, degli aspetti salienti del rapporto tra retailers e gestori dei centri commerciali ovvero, durata e facoltà di recesso, determinazione del canone e presenza di oneri accessori, assetto dei profili di concorrenza non sempre risulta esauriente. Così nel Regno Unito, dove la durata dei leases appare troppo lunga rispetto alle esigenze di business dei retailers ad esempio. Così in Spagna, ove, accanto ad una prassi che si è orientata verso contratti con durata non eccessivamente lunga, si registrano di converso fitti oneri accessori al canone locatizio. 34

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli