Centro Commerciale CITTA' FIERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Commerciale CITTA' FIERA"

Transcript

1 Centro Commerciale CITTA' FIERA Regolamento Interno DEC

2 CENTRO COMMERCIALE CITTÀ FIERA DEC Torreano di Martignacco (Udine) Regolamento Interno 15/05/2010

3 INDICE: Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 15 bis Art. 16 Art. 17 Art. 18 Art. 19 Art. 20 Art. 21 Art. 22 Art. 23 PREMESSE EFFICACIA ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO ORARI DI PERMANENZA DEL PERSONALE NEL CENTRO COMMERCIALE NEGLI ORARI DI CHIUSURA AL PUBBLICO CARICO E SCARICO MERCI PARTI COMUNI ORARI PER LE MANUTENZIONI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA CARRELLI SONORIZZAZIONE MISURE DI SICUREZZA CHIUSURA ECCEZIONALE GESTIONE DELLE SINGOLE ATTIVITA ESTETICA, INSEGNE ED ALTRI MEZZI INFORMATIVI VISIVI ILLUMINAZIONE RAPPORTO CON IL CONSORZIO DEGLI OPERATORI DEL COMPLESSO COMMERCIALE CITTA FIERA PULIZIA DELLE SINGOLE ATTIVITA CORRETTEZZA COMMERCIALE COMUNICAZIONE DEI DATI SALDI ASSICURAZIONE PUBBLICITA PENALITA CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TABELLE MILLESIMALI DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE

4 REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - PREMESSE Il presente Regolamento Interno, predisposto dalla S.p.A. D.E.C. e solo dalla stessa modificabile, contiene le norme che regolano i rapporti tra gli imprenditori che svolgono l'attività, a qualunque titolo, nel Centro Commerciale Città Fiera -DEC di Torreano di Martignacco (UD). Costituiscono elemento d interpretazione delle norme del presente Regolamento Interno le seguenti premesse: a) che la Società D.E.C. S.p.A., in seguito denominata "Proprietà/Promotore", é proprietaria del Centro Commerciale di nuova realizzazione fisicamente e, in parte, anche funzionalmente integrato nel Complesso commerciale denominato Città Fiera, sito nel Comune di Martignacco, località Torreano; b) che il progetto complessivo del Centro Commerciale Città Fiera DEC prevede, e potrà ulteriormente prevedere in futuro, la realizzazione in adiacenza al Centro Commerciale di altri edifici a destinazione commerciale e/o di servizi; c) che il Centro Commerciale Città Fiera DEC costituisce, insieme con il Centro Commerciale Città Fiera - CCDF, il Complesso Commerciale Città Fiera e attua la gestione comune dei parcheggi e degli oneri relativi a manutenzione ordinaria, sorveglianza e pulizia del Parco e delle aree pedonali esterne di connessione tra i vari settori; d) che il Centro Commerciale Città Fiera DEC ha stipulato e intende stipulare contratti d affitto/locazione e d affidamento in gestione di reparto riguardanti l'esercizio all'interno del proprio Centro Commerciale di numerose attività, commerciali, paracommerciali, di servizio; e) che la Proprietà/Promotore ha il diritto/dovere di assicurare il miglior funzionamento del Centro Commerciale a tutela dei propri interessi e di quelli degli operatori economici insediati, diritto/dovere che eserciterà, tra l'altro, attraverso la figura e l'opera del Direttore/Gestore del Centro Commerciale, sia egli incaricato dalla Proprietà/Promotore ovvero dalla Società a cui la Proprietà/Promotore affiderà la conduzione del Centro Commerciale stesso; f) che i comportamenti, individuali e collettivi, degli operatori del Centro Commerciale risultano influenti sia sul mantenimento nel tempo dell'immagine e dell'efficacia del Centro Commerciale nonché dell intero Complesso Commerciale Città Fiera e, conseguentemente, del valore degli stessi, sia sul raggiungimento degli obiettivi economici e di immagine delle diverse imprese insediate sia nel Centro Commerciale che nel Complesso Commerciale, da cui l'esigenza imprescindibile di regolamentare puntualmente i principali aspetti di detti comportamenti. Art. 2 - EFFICACIA Le norme del presente Regolamento valgono per tutti gli Imprenditori del Centro Commerciale Città Fiera - DEC ed i loro collaboratori o dipendenti; esse hanno effetto anche per i loro successori a titolo universale e particolare, con l'obbligo di osservarlo e farlo osservare.

5 Art. 3 - ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO Il Centro Commerciale dovrà effettuare la massima apertura consentita dall Autorità competente (nei giorni feriali e/o festivi), per l'intero arco dei dodici mesi, senza chiusura annuale per ferie, salvo diverse indicazioni previste dal Direttore/Gestore al quale spetta l applicazione degli orari d apertura al pubblico così come determinati dalla Proprietà/Promotore. Compatibilmente alle norme vigenti sarà possibile in occasione di festività o ricorrenze particolari, modificare temporaneamente gli orari di apertura al pubblico; dette modificazioni saranno decise e comunicate dal Direttore/Gestore agli Imprenditori del Centro Commerciale, tramite lettera, almeno 15 giorni prima della data di attuazione della temporanea modifica o non appena deliberato dall'autorità competente. Art. 4 - ORARI DI PERMANENZA DEL PERSONALE NEL CENTRO COMMERCIALE NEGLI ORARI DI CHIUSURA AL PUBBLICO Gli Imprenditori delle attività insediate nel Centro Commerciale ed il loro personale potranno accedere al Centro Commerciale al mattino nell'orario fissato dal Direttore/Gestore e potranno rimanervi fino ad un'ora successiva alla chiusura al pubblico del proprio esercizio, ad eccezione delle attività che dispongono di un proprio accesso indipendente. Per ragioni di sicurezza viene stabilito che: l'accesso e l'uscita degli Imprenditori e del loro personale deve avvenire dall'ingresso che verrà indicato dal Direttore/Gestore, ad eccezione delle attività che dispongono di un accesso autonomo, per accedere al Centro Commerciale negli orari in cui lo stesso è chiuso al pubblico gli Imprenditori ed il personale dovranno presentare all'addetto responsabile apposita tessera personale di riconoscimento, rilasciata dal Direttore/Gestore. Nel caso si verificassero esigenze particolari che giustifichino deroghe a quanto sopra previsto, l'interessato dovrà essere munito di uno speciale permesso rilasciato dal Direttore/Gestore del Centro Commerciale. Art. 5 - CARICO E SCARICO MERCI I veicoli adibiti a carico e scarico delle merci potranno accedere all'area del Centro Commerciale unicamente dall'entrata indicata dal Direttore/Gestore. Gli orari in cui è possibile effettuare i rifornimenti sono quelli di chiusura al pubblico del Centro Commerciale, ad eccezione delle attività che dispongono di una propria area di carico e scarico. In deroga -e dopo avere ottenuto il consenso del Direttore/Gestore del Centro Commerciale- sarà possibile effettuare operazioni di scarico in orario d apertura, a condizione che queste non costituiscano intralcio per il pubblico. Durante le operazioni di carico e scarico deve essere garantita la libera circolazione pedonale, veicolare e dei carrelli, e non dovranno ingombrarsi le aree in cui sono collocati i sistemi di sicurezza ed antincendio. L'area di carico e scarico dovrà essere ripulita il più velocemente possibile dagli utilizzatori e liberata da eventuali scarti o rifiuti. Le operazioni di carico e scarico dovranno essere effettuate nel pieno rispetto dell'attività del

6 Centro Commerciale e delle sue attrezzature; in particolare viene stabilito che qualsiasi movimentazione di merce nelle parti comuni, anche quelle esterne alle aree di ricevimento, deve svolgersi con l'utilizzo di mezzi dotati di ruote di gomma in modo da non arrecare danno alle pavimentazioni. Gli Imprenditori saranno responsabili degli eventuali danni arrecati al Centro Commerciale o agli altri Imprenditori, che derivino dalle operazioni di carico e scarico dei beni da e per l unità immobiliare. Gli Imprenditori sono tenuti a far conoscere e rispettare le norme sopra stabilite a tutti i loro fornitori e addetti alle consegne. Il Direttore/Gestore potrà, altresì, far interrompere le operazioni di qualunque Affittuario e Conduttore, che ostacoli il regolare funzionamento del Centro Commerciale o contravvenga alle norme indicate. Art. 6 - PARTI DI USO COMUNE Sono considerate parti di uso comune (a titolo indicativo e non esaustivo): la galleria, il parcheggio, i servizi igienici pubblici, gli uffici destinati all'attività del Centro Commerciale, i locali tecnici del Centro Commerciale, il parco e le aree pedonali esterne comprensive di impianti, l'impianto di sonorizzazione del Centro Commerciale, l'impianto di climatizzazione del Centro Commerciale, l'impianto antincendio del Centro Commerciale, tutti gli altri impianti e gli spazi disponibili per uso comune, altre successivamente individuate e comunicate dalla Proprietà/Promotore. La Proprietà/Promotore si riserva il diritto di utilizzare a propria discrezione le parti di uso comune e di cambiare la loro destinazione, anche temporaneamente, nei limiti in cui tali diverse destinazioni non compromettano il normale funzionamento del Centro Commerciale. Gli Imprenditori sono tenuti a fare un uso appropriato delle parti comuni, in particolare: a mantenere tutte le eventuali opere comuni in perfetto stato di conservazione; a non utilizzare e fare utilizzare per scopi diversi da quelli indicati dalla Proprietà/Promotore: le vie d'accesso, di servizio, i marciapiedi, la galleria, i parcheggi, il verde; a consentire che i frequentatori della Multisala formino file per l accesso alla Multisala nelle aree comuni. Gli Imprenditori e i loro dipendenti e collaboratori sono tenuti a parcheggiare le proprie autovetture, negli spazi indicati dal Direttore/Gestore del Centro Commerciale. In caso di infrazione verrà applicata una penale di 30,00 (trenta Euro) per ogni giorno di permanenza del veicolo e, qualora l intralcio sia ritenuto grave, si potrà far rimuovere l automezzo a spese del contravventore. Negli spazi comuni gli Imprenditori non potranno, salvo espressa autorizzazione del

7 Direttore/Gestore del Centro Commerciale: lasciare ingombri e/o collocare cartelli promozionali esporre prodotti o macchinari, effettuare volantinaggio o altre attività promozionali. E' obbligo degli Imprenditori segnalare tempestivamente al Direttore/Gestore eventuali guasti, inconvenienti, anomalie e trasgressioni che si dovessero verificare nelle parti comuni. Art. 7 - ORARI PER LE MANUTENZIONI Nel caso in cui si rendessero necessarie manutenzioni nei singoli locali, nella galleria del Centro Commerciale e/o in altre aree a disposizione del pubblico, i lavori dovranno essere eseguiti nei tempi e modi concordati con il Direttore/Gestore del Centro Commerciale. Art. 8 - LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Nel caso si rendessero necessari lavori di manutenzione straordinaria, ristrutturazione od ammodernamento nelle parti comuni il Direttore/Gestore potrà decidere la chiusura eccezionale del Centro Commerciale informando tutti gli Imprenditori almeno quindici giorni prima, salvo cause di forza maggiore. Art. 9 - CARRELLI I carrelli, di Proprietà di alcuni degli imprenditori del Centro, potranno circolare liberamente in tutte le aree comuni a disposizione del pubblico; essi dovranno essere radunati e custoditi a spese dei proprietari nelle zone allo scopo predisposte. Art SONORIZZAZIONE L'uso del sistema di sonorizzazione di cui è dotato il Centro Commerciale è gestito dal Direttore/Gestore per i messaggi quotidiani inerenti all'attività complessiva del Centro Commerciale e per qualsiasi altra comunicazione. E' fatto divieto agli Imprenditori di utilizzare ogni mezzo di diffusione dei suoni che possa essere udito all'esterno dei locali affittati. Art MISURE DI SICUREZZA Al fine di assicurare la massima sicurezza alle persone, all'immobile, agli impianti, alle attrezzature ed alle attività insediate nel Centro Commerciale, viene stabilito quanto segue: le uscite di sicurezza, le aree che contengono i sistemi anti-incendio e più in generale tutte le parti comuni dovranno essere sempre tenute libere da qualunque oggetto ingombrante per garantire il pronto intervento in caso di necessità; gli Imprenditori saranno ritenuti responsabili di qualsiasi danno arrecato agli impianti di sicurezza; gli Imprenditori non dovranno gettare prodotti corrosivi o infiammabili nelle tubature.

8 Art CHIUSURA ECCEZIONALE Il Direttore/Gestore può decidere la chiusura immediata del Centro Commerciale nel caso si dovessero verificare situazioni di necessità che mettano in pericolo la clientela, gli operatori, gli impianti e le attrezzature del Centro Commerciale stesso (ad esempio: risse, tumulti e simili). Peraltro, rimane espressamente esclusa la possibilità per gli imprenditori di richiedere, a qualunque titolo, ogni e qualsivoglia forma di risarcimento che possa essere connesso alla suddetta chiusura. ART GESTIONE DELLE SINGOLE ATTIVITA' Poiché il Centro Commerciale costituisce una aggregazione organizzata di attività, dove l'organizzazione dell'insieme serve a garantire il buon funzionamento dello stesso e la sua integrazione nel Complesso Commerciale Città Fiera, si rende indispensabile che ogni singola attività sia sempre, nell'insieme delle sue parti, in buone condizioni di manutenzione, funzionamento e pulizia. Perciò il comportamento degli Imprenditori e del loro personale non dovrà essere in contrasto con le norme del presente regolamento e non dovrà dar luogo a reclami da parte di nessuno. Il Direttore/Gestore direttamente o tramite terzi dallo stesso autorizzati, può con preavviso accedere in qualsiasi momento ai locali d ogni singolo operatore allo scopo di effettuare misurazioni, riparazioni ed ogni altro controllo ritenuto utile. Il Direttore/Gestore, previa diffida scritta e ferma restando ogni responsabilità in capo all Imprenditore per le conseguenze dannose, può sostituirsi allo stesso per l esecuzione degli interventi necessari ed addebitandone il costo relativo all Imprenditore. Ciascun Imprenditore è tenuto ad attivare l impianto di riscaldamento e climatizzazione nei locali in cui svolge la propria attività. La regolazione di detto impianto deve essere tale da assicurare un adeguato e gradevole ambiente alla clientela, non superando le temperature minime e massime comunicate dal Direttore/Gestore, che ne cura la verifica. Gli operatori non possono effettuare nella loro unità immobiliare alcun cambiamento nella distribuzione dei locali, demolizioni, perforazioni di muri o di volte, costruzioni, addizioni e migliorie in genere, salvo quanto preventivamente concordato ed autorizzato dalla Proprietà/Promotore. Art ESTETICA, INSEGNE ED ALTRI MEZZI INFORMATIVI VISIVI In ogni caso tutto quello che è suscettibile di influire sull'estetica del Centro Commerciale dovrà essere sottoposto all'approvazione della Proprietà/Promotore. Inoltre gli Imprenditori del Centro Commerciale potranno apporre nomi commerciali, insegne e cartelli indicatori sulle vetrine, sulle facciate o sulle parti comuni ed installare sistemi audio, video, computerizzati (compresi terminal) all interno delle vetrine, soltanto dopo aver ottenuto preventivamente l'autorizzazione scritta della Proprietà/Promotore promotore o del Direttore/Gestore del Centro Commerciale; detta autorizzazione, salvo il caso di durata determinata con precisione, conserverà un carattere precario e revocabile. Tutte le attività commerciali e di servizio insediate nel Centro Commerciale devono essere segnalate da un insegna.

9 Al riguardo gli Imprenditori dovranno ottenere l'autorizzazione della Proprietà/Promotore, chiamata a verificare che l'insegna progettata sia compatibile con l'estetica generale ed il livello qualitativo generale del Centro Commerciale e del Complesso Commerciale per quanto riguarda il tipo, la dimensione ed il luogo di installazione; resta convenuto che le insegne o marchi depositati nazionalmente ed internazionalmente non potranno essere modificati, per quanto riguarda l aspetto grafico, da parte della Proprietà/Promotore. E' obbligo degli Imprenditori, in tutti i casi in cui utilizzino direttamente materiali di diffusione pubblicitaria di qualunque tipo, inserire negli stessi il nome il marchio del Centro Commerciale. Art ILLUMINAZIONE Gli Imprenditori dovranno tenere illuminate, durante il periodo di apertura al pubblico del Centro Commerciale, ovvero dall apertura mattutina della prima attività alla chiusura serale dell ultima le vetrine, le insegne e tutte le parti del loro esercizio visibili dalla galleria. In casi del tutto eccezionali il Direttore/Gestore può autorizzare deroghe parziali. Art. 15 BIS RAPPORTO CON IL CONSORZIO DEGLI OPERATORI DEL COMPKLESSO COMMERCIALE CITTA FIERA Gli Imprenditori insediati nel complesso commerciale Città Fiera Dec partecipano al Consorzio degli Operatori del Complesso commerciale Città Fiera attraverso il quale essi gestiscono lo smaltimento dei rifiuti e lo scarico degli eventuali reflui prodotti nello svolgimento della loro attività Ciascuna attività insediata nel Centro Commerciale può conferire nello spazio appositamente destinato ed individuato quale deposito temporaneo i seguenti rifiuti: imballaggi di carta e cartone (CER ) imballaggi in plastica (CER ) imballaggi in legno (CER ) imballaggi metallici (CER ) imballaggi in materiali misti (CER ) imballaggi in vetro (CER ) rifiuti urbani non differenziati (CER ) Per le altre tipologie di rifiuti ciascun insediato dovrà provvedere in proprio. I rifiuti di cui all elenco sopra citato dovranno essere depositati negli appositi cassoni etichettati con il codice CER e la descrizione del rifiuto. Il trasporto dei rifiuti dalle unità di vendita al luogo di raccolta deve essere effettuato normalmente prima dell apertura e/o dopo la chiusura del Centro Commerciale al pubblico, eventuali trasporti che si rendessero necessari durante gli orari di apertura al pubblico dovranno essere effettuati senza arrecare intralcio allo stesso. E vietato depositare i rifiuti in cassoni diversi da quelli indicati con il codice CER appropriato. E vietato introdurre nei singoli cassoni rifiuti diversi da quelli di cui alla lista sopra. Lo smaltimento dei rifiuti viene effettuato mediante convenzioni e/o contratti con operatori autorizzati, che il Consorzio stipula per gli imprenditori consorziati. Ciascun Imprenditore insediato nel Complesso Commerciale può scaricare i propri reflui industriali nella fognatura gestita dal Consorzio degli Operatori del Complesso Commerciale Città Fiera purchè sia a ciò autorizzato dal Consorzio stesso, mediante stipula di apposita convenzione

10 Art PULIZIE DELLE SINGOLE ATTIVITA' Il trasporto dei rifiuti dalle unità di vendita al luogo di raccolta deve essere effettuato normalmente prima della apertura e/o dopo la chiusura del Centro Commerciale al pubblico; eventuali trasporti che si rendessero necessari durante gli orari di apertura al pubblico dovranno essere effettuati senza arrecare intralcio allo stesso. In un area comune verrà individuato lo spazio destinato allo smaltimento e compattamento dei rifiuti per tutti gli operatori del Centro Commerciale che non sono dotati di autonomi dispositivi di raccolta. Le pulizie delle attrezzature esterne delle attività del Centro Commerciale (vetrine, insegne) dovranno essere effettuate in orario di chiusura al pubblico in modo da non causare nessun disagio alla clientela. E' vietato l'uso di detergenti o prodotti similari di pulizia che emanino odori sgradevoli sulla galleria. Ogni sgocciolamento d'acqua o altri liquidi sulla pavimentazione della galleria dovrà essere tolto immediatamente terminate le operazioni di pulizia; i vetri ed ogni altro componente della vetrina dovranno essere ben asciugati. Per lavori di pulizia interna ed esterna, come per ogni altra attività di manutenzione, gli Imprenditori non potranno usare le parti comuni come deposito di materiali, rifiuti, o simili. In caso di non osservanza di questa norma il Direttore/Gestore procederà allo sgombero a spese e rischio del contravventore. Art CORRETTEZZA COMMERCIALE Il comportamento degli Imprenditori non deve generare controversie e reclami sia verso persone esterne che verso colleghi del Centro Commerciale e del Complesso Commerciale Città Fiera. E' obbligo degli Imprenditori non inserire in assortimento merceologie diverse da quelle indicate nel contratto di affitto/locazione o di gestione a qualsiasi titolo. È altresì obbligo degli imprenditori non inserire nelle proprie campagne promozionali, pubblicitarie, informative (e simili), marchi, insegne o comunicazioni relative ad attività analoghe e/o concorrenti con quelle esistenti all interno del Centro Commerciale e del Complesso Commerciale Città Fiera. Nel caso vi siano controversie interne tra gli Imprenditori, il Direttore/Gestore deve esserne informato; egli, sentiti i pareri di tutte le parti in causa, tenderà alla conciliazione amichevole della controversia. Il trasgressore ritenuto responsabile di aver causato danni alle strutture oppure all'immagine dell'attività di altri Imprenditori avrà l'obbligo di risarcire i danni. Art. 18 COMUNICAZIONE DATI Agli Imprenditori è fatto obbligo di fornire mensilmente, i dati giornalieri relativi al numero di scontrini ed al volume di affari della propria attività con indicazione dell imponibile. Si precisa che tali dati vengono utilizzati avendo riguardo alle esigenze di riservatezza di ogni operatore ed hanno l'unico scopo di consentire l ottimizzazione delle attività promozionali e/o delle altre iniziative ritenute utili per il Centro Commerciale e per il Complesso Commerciale Città Fiera. In caso inadempimento a quanto sopra il Direttore/Gestore è autorizzato ad applicare le penalità di cui al successivo art. 22.

11 Art SALDI Gli Imprenditori possono effettuare saldi e vendite promozionali esclusivamente nei tempi e modi previsti dalle norme vigenti e il Direttore/Gestore cercherà, se possibile, una uniformità di comportamento. In ogni caso gli esercizi con marchio commerciale nazionale od internazionale possono partecipare autonomamente alle attività promozionali effettuate dal proprio gruppo. Sono possibili liquidazioni complete solo nel caso in cui vi sia cessazione dell'attività; il Direttore/Gestore dovrà esserne informato preventivamente e con esso dovranno esserne concordate le modalità. Art ASSICURAZIONE Gli Affittuari e i Conduttori sono tenuti a sottoscrivere una polizza assicurativa contro rischi vari inerenti l'attività svolta con i criteri e le modalità contenute nel contratto di affitto/locazione o di gestione a qualsiasi titolo sottoscritto ed a partecipare pro-quota alle spese per la stipula di una assicurazione RCT per le parti comuni. E fatto obbligo di utilizzare gli indennizzi assicurativi pagati ai sensi delle polizze di cui al precedente paragrafo per ricostruire le unità danneggiate. Art PUBBLICITA Al fine di sviluppare l attività del Centro Commerciale dovranno essere organizzate con sistematicità iniziative di animazione e campagne pubblicitarie comuni. Il Direttore/Gestore del Centro Commerciale predisporrà tali iniziative promo-pubblicitarie e le illustrerà al Comitato per la pubblicità. Il Comitato è nominato dagli operatori del Centro Commerciale ed è composto da cinque membri: a) Uno di diritto nella persona del Direttore/Gestore con funzioni di Presidente. b) Un rappresentante della Proprietà/Promotore. c) Un rappresentante dell impresa esercente l Ipermercato d) Due eletti tra gli operatori che svolgono le restanti attività (uno per le attività con superficie inferiore a 150 mq., uno per le attività con superficie superiore a 150 mq.) I membri di cui al punto d) saranno eletti solamente dagli operatori appartenenti a tale gruppo. Per la nomina del Comitato ogni operatore ha diritto ad un solo voto. Risultano eletti i candidati che riportano il maggior numero di voti. Il Comitato resterà in carica per un anno e i membri potranno essere rieletti. Ogni anno, entro il mese di febbraio, il Direttore riunirà il Comitato per la illustrazione del programma pubblicitario per l anno in corso.

12 Art SANZIONI Nel caso di inosservanza da parte degli Imprenditori (e loro incaricati, dipendenti o fornitori) delle norme del presente Regolamento, il Direttore/Gestore è autorizzato ad applicare i seguenti provvedimenti sanzionatori: 1 - richiamo verbale, 2 - diffida scritta e contemporanea applicazione delle contravvenzioni sotto indicate, 3 - interruzione immediata delle attività non regolamentari, richiesta di risarcimento dei danni e/o ripristino della situazione pre-esistente. La recidiva nell'inosservanza delle norme, riscontrabile qualora esistano almeno tre diffide scritte nel termine di due anni, può costituire motivo di revoca del contratto di affitto/locazione o di gestione a qualsiasi titolo. Ogni infrazione al presente Regolamento comporterà un ammenda forfettaria e irriducibile di 200,00 (Duecento Euro). Nel caso in cui l'imprenditore non garantisca per qualunque causa l'apertura della propria attività per l'intero orario di apertura del Centro Commerciale, o per ogni giorno di apertura non rispettata, verrà applicata un'ammenda pari a 500,00 (Cinquecento Euro) per ogni giorno o frazione di giorno di infrazione, vista la gravità delle trasgressioni che danneggiano l'immagine complessiva del Centro Commerciale. Le ammende suddette sono espresse a valori riferiti al ; esse verranno indicizzate nella misura del 100% dell'aumento dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo delle famiglie di impiegati ed operai verificatosi nell'anno precedente, verranno riscosse dal Direttore/Gestore e andranno in diminuzione delle spese pubblicitarie del Centro Commerciale. Il controllo sull'applicazione ed il rispetto delle norme contenute nel presente Regolamento è affidato al Direttore/Gestore del Centro Commerciale, al quale è anche demandato il potere di comminare provvedimenti disciplinari e pecuniari irrevocabili ed incontestabili. Oltre alle penalità di cui sopra sono fatti salvi i diritti per ulteriori maggiori danni. Art CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TABELLE MILLESIMALI DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE DEL COMPLESSO COMMERCIALE CITTA FIERA I criteri per la determinazione delle tabelle millesimali per il riparto delle spese sono i seguenti: TABELLA A (spese riguardanti l intero Complesso Commerciale Città Fiera ) Sarà relativa alle spese:. pulizie parcheggi. personale per assistenza parcheggio clienti. illuminazione parcheggi. manutenzioni ordinarie parcheggi. Amministrazione/Gestione. spese telefoniche. cancelleria. assicurazione RCT. pulizie galleria e parti comuni. illuminazione galleria e parti comuni

13 . manutenzioni ordinarie galleria e parti comuni. quota riscaldamento aree comuni (da Tab. C). quota condizionamento aree comuni (da Tab. D). vigilanza e portineria superficie superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. fino a 100 mq occupati Gla X 1,2. da 101 a 250 mq occupati Gla X 1. da 251 a 400 mq occupati Gla X 0,70. da 401 a 1000 mq occupati Gla X 0,40. da 1001 a 2000 mq occupati Gla X 0,35. oltre 2000 mq occupati Gla X 0,30 TABELLA B (spese riguardanti l intero Complesso Commerciale Città Fiera ) Sarà relativa alle spese:. pubblicità superficie superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. fino a 100 mq occupati Gla X 1,5. da 101 a 250 mq occupati Gla X 1,2. da 251 a 400 mq occupati Gla X 0,70. da 401 a 1000 mq occupati Gla X 0,40. da 1001 a 2000 mq occupati Gla X 0,35. oltre 2000 mq occupati Gla X 0,30 TABELLA C1 (spese riguardanti la sola parte del Centro Commerciale Città Fiera CCDF realizzata nel 1992) Sarà relativa alle spese:. olio combustibile. energia elettrica centrale termica. manutenzioni centrale termica tipologia esercizio superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. tutte le attività mq Gla riscaldata. attività autonome 0 TABELLA C2 (spese riguardanti l intero Complesso Commerciale Città Fiera ad eccezione della parte indicata nella Tabella C1) Sarà relativa alle spese:. olio combustibile. energia elettrica centrale termica. manutenzioni centrale termica tipologia esercizio superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. tutte le attività mq Gla riscaldata. attività autonome 0

14 TABELLA D1 (spese riguardanti la sola parte del Centro Commerciale Città Fiera CCDF realizzata nel 1992) Sarà relativa alle spese:. energia elettrica centrale condizionamento e ricambio aria. manutenzione e spese centrale condizionamento tipologia esercizio superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. tutte le attività mq Gla condizionata. attività autonome 0 TABELLA D2 (spese riguardanti l intero Complesso Commerciale Città Fiera ad eccezione della parte indicata nella Tabella D1) Sarà relativa alle spese:. energia elettrica centrale condizionamento e ricambio aria. manutenzione e spese centrale condizionamento tipologia esercizio superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. tutte le attività mq Gla condizionata. attività autonome 0 TABELLA E (spese riguardanti l intero Complesso Commerciale Città Fiera ) Sarà relativa alle spese:. prelievo e smaltimento rifiuti tipologia esercizio superf. utilizzata per il calcolo dei mill.mi. tutte le attività mq Gla. ipermercato 0 Attività escluse dall applicazione delle suddette tabelle:. chioschi in galleria. attività di servizi per il tempo libero. attività artigianali e di servizio. uffici. tavolini in galleria. attività con finalità solidaristiche e di pubblica utilità ed interesse. magazzini distaccati. attività esterne al centro. nuove attività aggiuntive rispetto ai volumi attuali. nuove tipologie di attività non attualmente presenti Tali attività contribuiranno nella misura concordata con la Proprietà/Promotore. Si precisa che l importo determinato per le attività a forfait verrà ogni anno incrementato della stessa percentuale di incremento del budget del Centro Commerciale. Si precisa che i consumi individuali (quali ad es. acqua) nonché quelli eventuali per servizi a beneficio solo di alcune attività (ad. es. per smaltimento cartoni) verranno ripartiti solo fra queste ultime.

15 Si precisa inoltre che con riferimento a locali privi di operatori stabili, saranno a carico della Proprietà/Promotore i contributi dovuti per le spese di cui alla Tabella A, saranno inoltre a carico della Proprietà/Promotore i contributi dovuti da operatori morosi e diventati inesigibili. In caso di insolvenza e/o inadempimento del versamento di quanto dovuto, la Proprietà/Promotore sarà autorizzata a rivalersi sulla fidejussione a titolo di penale per il ritardo, oltre all eventuale ulteriore richiesta di risarcimento del maggior danno. La Proprietà/Promotore ha facoltà di modificare, per singoli operatori, le tabelle risultanti dai criteri sopra esposti, per situazioni particolari determinate dall ubicazione dei locali e dalla attività esercitata.

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena.

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL ESERCIZIO INTERNO DI BAR Art. 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO VAN SHARING. Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da:

REGOLAMENTO SERVIZIO VAN SHARING. Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da: Pagina 1 di 6 Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da: AREA BLU S.P.A REGOLAMENTO Indice 1. Tariffe pag. 1 2. Modalità di prenotazione pagg.

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA L ASP(Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) RETE - Reggio Emilia Terza Età con

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE Approvato con delibera del C.C. n 30 del 05/05/2010 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle palestre

Regolamento per l utilizzo delle palestre Allegato A) Regolamento per l utilizzo delle palestre Art. 1 Destinazione d uso palestre scolastiche 1. Le palestre comunali e scolastiche di proprietà od in disponibilità del Comune di Trento o della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE

NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO ECOLOGIA NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE Ottobre 2008 IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO ing. SILVANO ONGARO 0 Art. 1

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito BENICOMUNI SRL Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Imola CONCESSIONE COMMERCIALE Atto n. del Premesso che: - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE LOCALI SCOLASTICI

REGOLAMENTO CONCESSIONE LOCALI SCOLASTICI REGOLAMENTO CONCESSIONE LOCALI SCOLASTICI Considerato che sempre più di frequente pervengono richieste di utilizzo di locali scolastici da parte di terzi, il dirigente scolastico informa i presenti circa

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA C O M U N E D I M O N Z A CONTRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE DELL UNITÀ IMMOBILIARE SITA IN VIA LUCA DELLA ROBBIA, 17 - MONZA

REPUBBLICA ITALIANA C O M U N E D I M O N Z A CONTRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE DELL UNITÀ IMMOBILIARE SITA IN VIA LUCA DELLA ROBBIA, 17 - MONZA REPUBBLICA ITALIANA C O M U N E D I M O N Z A Prot. n. Rep. n. CONTRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE DELL UNITÀ IMMOBILIARE SITA IN VIA LUCA DELLA ROBBIA, 17 - MONZA L anno 2015 duemilaquaindici addì del

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze Il presente capitolato d oneri disciplina la concessione d uso

Dettagli

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIO DELL EDIFICIO ADIBITO A NUOVA SEDE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA DI TRENTO, UBICATO IN VIA S.G. BOSCO SCUOLE EX CRISPI Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO Stipulato oggi , in TRA: il Sig. ------------------------------------------------------------------ ----------------------------------- nato a

Dettagli

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L.

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. TERMINALE FERROVIARIO INTERPORTO REGIONALE DELLA PUGLIA REGOLAMENTO GENERALE Pagina 1 di 11 INDICE 1. - Premesse 2. - Utilizzo delle aree e modalità 3. - Viabilità

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI

CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 29-11-2014 Art. 1 FINALITA'

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare Pag. 1 Art. 2 Criterio disciplinare Pag. 1 Art. 3 Tipi di concessione Pag.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

REGOLAMENTO. Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato

REGOLAMENTO. Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato * * * ADOTTATO con delibera Consiliare n 51 del 14.04.1994 RIPUBBLICATO in data

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE (approvato con delibera Consiglio comunale n. 50 del 11.09.2014) ART. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

CONTRATTO DI GESTIONE TEMPORANEA STAGIONALE. Oggi, in Recoaro Terme, fra le parti:

CONTRATTO DI GESTIONE TEMPORANEA STAGIONALE. Oggi, in Recoaro Terme, fra le parti: CONTRATTO DI GESTIONE TEMPORANEA STAGIONALE DELL ATTIVITA DEL BAR FONTI Oggi, in Recoaro Terme, fra le parti: Terme di Recoaro S.p.A., in persona del legale rappresentante pro-tempore Sig. Arrigo Abalti,

Dettagli

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Art. 1 Finalità Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Scopo del presente regolamento è quello di regolare l'attività

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, con sede in

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

CONVENZIONE TRA SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Art. 1 - OGGETTO

CONVENZIONE TRA SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Art. 1 - OGGETTO CONVENZIONE TRA Il Condominio Teatro Sociale di Mantova con sede in c.so Umberto I, 2B, P.IVA 80001690207 C.F. 00522860204, in persona del proprio rappresentante legale pro tempore (d ora in avanti e per

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI PARCHEGGI DEL COMUNE DI NEMBRO ALLA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L.

CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI PARCHEGGI DEL COMUNE DI NEMBRO ALLA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. COMUNE DI NEMBRO SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI PARCHEGGI DEL COMUNE DI NEMBRO ALLA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. Pagina 1 di 10 PREMESSA Il

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

COMUNE DI BADIA POLESINE

COMUNE DI BADIA POLESINE COMUNE DI BADIA POLESINE Prot. n. CONCESSIONE IN LOCAZIONE DELL'AREA DI VERDE PUBBLICO DELL'EX ZUCCHERIFICIO PER ATTIVITA' RICREATIVE PARCO AVVENTURA L anno duemilaquindici il giorno ---- del mese di --------,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per la gestione del centro comunale di raccolta rifiuti urbani e assimilati * * * * * (Approvato con deliberazione consiliare n 36 del 30/05/2014)

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI 1. CONSEGNA DEGLI SPAZI ESPOSITIVI Gli spazi espositivi saranno messi a disposizione degli Espositori per l'introduzione e la sistemazione dei

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO.

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. ARTICOLO 1 (OGGETTO E FINALITA ) Il presente disciplinare

Dettagli

SCIOVIA A FUNE ALTA FONTANACCE (2150) COMBOLINA

SCIOVIA A FUNE ALTA FONTANACCE (2150) COMBOLINA COMUNE DI TEGLIO PROVINCIA DI SONDRIO Oggetto: CAPITOLATO DI CONCESSIONE PER L ESERCIZIO DELL IMPIANTO DI RISALITA DENOMINATO: SCIOVIA A FUNE ALTA FONTANACCE (2150) COMBOLINA (2493) IN COMUNE DI TEGLIO.

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Premessa La Camera di Commercio di Cagliari, compatibilmente con le proprie esigenze, mette a disposizione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n.

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n. CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n. 431) Il/La/Soc, di seguito denominata/a locatore, nato a ( )

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE CASE COMUNALI DATE IN LOCAZIONE A TERZI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE CASE COMUNALI DATE IN LOCAZIONE A TERZI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE CASE COMUNALI DATE IN LOCAZIONE A TERZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale Prot. N. 12784/59 del 29.04.1997 REGOLAMENTO DELLE LOCAZIONI Art. 1 Disposizioni

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI OGGETTO Fornitura professionale di manodopera a termine COMMITTENTE/CONTRAENTE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Area 02 Organizzazione e sviluppo Dott.ssa Marte Guglielmi DEFINIZIONI

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola L anno, nel giorno ( ) del mese di, presso la sede del Comune di Capannori (LU), con il presente atto da valere ad ogni effetto

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 7 DEL 27 FEBBRAIO 2007 1 INDICE CAPO I OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Piazza Libertà n. 1 24036 Ponte San Pietro (Bg) tel. n. 035 6228411 Rep. atti n. 2497

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Piazza Libertà n. 1 24036 Ponte San Pietro (Bg) tel. n. 035 6228411 Rep. atti n. 2497 COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Piazza Libertà n. 1 24036 Ponte San Pietro (Bg) tel. n. 035 6228411 Rep. atti n. 2497 CONTRATTO D APPALTO IN MODALITA ELETTRONICA: SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI E DEI LOCALI

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO MENSILE AL SERVIZIO DI CAR-SHARING BRESCIA (PER PERSONA FISICA)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO MENSILE AL SERVIZIO DI CAR-SHARING BRESCIA (PER PERSONA FISICA) RICHIESTA DI ABBONAMENTO MENSILE AL SERVIZIO DI CAR-SHARING BRESCIA (PER PERSONA FISICA) SPAZIO RISERVATO AL GESTORE: CONTRATTO MENSILE N. NUMERO CLIENTE (WEB) NUMERO OMNIBUS CARD PASSWORD DECORRENZA CONTRATTO

Dettagli

COMUNE DI MONTEGRANARO Provincia di Fermo Servizio cultura istruzione turismo

COMUNE DI MONTEGRANARO Provincia di Fermo Servizio cultura istruzione turismo BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE PALESTRA DI VIA GANDHI (S.Liborio) E VIA MARTIRI D UNGHERIA (Palazzetto dello sport) (All.A determina n.126 del 3.12.2013 del responsabile del servizio

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA

COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo Regolamento comunale per l utilizzo delle palestre comunali e degli spazi pubblici adibiti all attività sportiva (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza ALLEGATO A COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE INDICE CRONOLOGICO SCRITTURE PRIVATE N. CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978 TRA: COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia

Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia PREMESSA Il Direttore Generale dell Agenzia Regionale per l Ambiente della Sicilia ha approvato il

Dettagli

Contratto di locazione ad uso non abitativo

Contratto di locazione ad uso non abitativo Contratto di locazione ad uso non abitativo Il presente Contratto di Locazione viene stipulato in...il.., tra: (1) con sede legale in, Via. n.. Numero di Iscrizione presso il Registro Imprese di..rea,

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ARTICOLO N.1 Oggetto Il presente Capitolato speciale concerne la prestazione del servizio di reception alla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, da

Dettagli

E-BANKING SERVIZIO POS / Point of Sale

E-BANKING SERVIZIO POS / Point of Sale Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. E-BANKING SERVIZIO POS / Point of Sale Sezione I - Informazioni sulla Banca Cassa Rurale di Trento -

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione, integra il Regolamento di sede in ossequio a quanto stabilito dallo Statuto

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL'EX MERCATO COPERTO. TRA IL COMUNE DI POLISTENA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL'EX MERCATO COPERTO. TRA IL COMUNE DI POLISTENA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL'EX MERCATO COPERTO. TRA IL COMUNE DI POLISTENA: - Sede legale: 89024 Polistena (RC), via G. Lombardi - Cod.Fisc. 00232920801 P.IVA: 00232920801 - rappresentato da:, nato a il,

Dettagli

Questionario Danni Indiretti

Questionario Danni Indiretti Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno.

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno. Oggetto Il presente Regolamento, redatto secondo le direttive stabilite dall'aeeg con deliberazione n. 229/01 e successive modificazioni e integrazioni, disciplina la somministrazione e la fornitura di

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA MODELLO D: Fac- simile contratto di locazione (il presente modello può essere soggetto a eventuali modifiche da parte dell Azienda). AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Allegato 3 PREMESSO CHE:

Allegato 3 PREMESSO CHE: CAPITOLATO DI GESTIONE ALLA SOCIETA DEL PALAZZETTO DELLO SPORT DENOMINATO PALABONATE SITO A BONATE SOPRA IN VIA SALVO D ACQUISTO CONVENZIONE DI GESTIONE PREMESSO CHE: - con atto n. del.. è stato approvato

Dettagli

REGOLA MENTO INTERNO TOSCANA HOTEL & RESTAURANT FIGLINE VALDARNO (FI) ALBERGO TOSCANA S.R.L VIA SAN BIAGIO 2 50063 FIGLINE VALDARNO (FI)

REGOLA MENTO INTERNO TOSCANA HOTEL & RESTAURANT FIGLINE VALDARNO (FI) ALBERGO TOSCANA S.R.L VIA SAN BIAGIO 2 50063 FIGLINE VALDARNO (FI) REGOLA MENTO INTERNO ALBERGO TOSCANA S.R.L VIA SAN BIAGIO 2 50063 FIGLINE VALDARNO (FI) TEL. 055 951424 FAX: 055 9029858 INFO@ALBERGO-TOSCANA.COM WWW.ALBERGO-TOSCANA.COM Regolamento Interno Versione del

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA

COMUNE DI MASSA DI SOMMA COMUNE DI MASSA DI SOMMA PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio nello spirito della più ampia collaborazione e cooperazione

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria ALLEGATO A1.4 AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO COMUNALE DI ACQUI TERME CAPITOLATO TECNICO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO ART. 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Forma oggetto della concessione la gestione del complesso dei beni

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI ARTICOLO 1 Generalità 1. La Regione Puglia favorisce lo sviluppo e la presenza su tutto il territorio

Dettagli

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna.

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. ART. 1 OGGETTO DELL ARTICOLATO L articolato individua la natura

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO AUTOMEZZI AZIENDALI (aggiornamento del 26/11/2013)

REGOLAMENTO UTILIZZO AUTOMEZZI AZIENDALI (aggiornamento del 26/11/2013) REGOLAMENTO UTILIZZO AUTOMEZZI AZIENDALI (aggiornamento del 26/11/2013) Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto o al noleggio degli

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Patrimonio, relativa al seguente oggetto: UFFICIO PATRIMONIO. APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DEGLI ASSEGNATARI. ASSEGNAZIONE

Dettagli

APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 26.07.2001

APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 26.07.2001 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI LIQUAMI E/O RIFIUTI LIQUIDI AL DEPURATORE COMUNALE MEDIANTE AUTOBOTTE ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CAORLE VIA TRAGHETE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

COMUNE DI BARLASSINA (Milano) SETTORE SOCIO CULTURALE REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI

COMUNE DI BARLASSINA (Milano) SETTORE SOCIO CULTURALE REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI COMUNE DI BARLASSINA (Milano) SETTORE SOCIO CULTURALE REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 52 del 28/9/1999 COMUNE DI BARLASSINA REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI ART.

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio

COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio Piazza S.Eufemia, 7-23036 Teglio (S0) - Tel. 0342/789.011 - Telefax 0342/781336- C/c postale 11837234 P.IVA 00114190143 - Cod.fisc. 83000770145 SETTORE AFFARI GENERALI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER USO ABITATIVO AI SENSI DELL ART. 2 COMMA 1 L. 431/98. Tra il/la sig./sig.ra... nato/a a... il...,

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER USO ABITATIVO AI SENSI DELL ART. 2 COMMA 1 L. 431/98. Tra il/la sig./sig.ra... nato/a a... il..., CONTRATTO DI LOCAZIONE PER USO ABITATIVO AI SENSI DELL ART. 2 COMMA 1 L. 431/98 Tra il/la sig./sig.ra... nato/a a... il..., residente a..., via...n...., Cod. Fiscale:...; d ora innanzi denominato/a LOCATORE

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

Coperture assicurative

Coperture assicurative Coperture assicurative Ogni fornitore e/o sub concessionario (di seguito denominato soggetto ) deve stipulare un adeguata copertura assicurativa a garanzia di tutti i danni arrecati a persone e/o cose

Dettagli

SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE

SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE Art. 1 L Associazione Culturale "Amici di Liberi sulla Carta" (in seguito denominate Gli Organizzatori ) organizza Lib(e)ri sulla Carta Fiera dell editoria indipendente

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. N. atto DN-19 / 1145 del 09/12/2014 Codice identificativo 1087505

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. N. atto DN-19 / 1145 del 09/12/2014 Codice identificativo 1087505 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-19 / 1145 del 09/12/2014 Codice identificativo 1087505 PROPONENTE Area Sviluppo Territorio OGGETTO ASSEGNAZIONE SPAZI ORARI EXTRACURRICULARI

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli