LE PRELAZIONI. A cura di Giovanni Rizzi. studio notarile Rizzi & Trentin

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE PRELAZIONI. A cura di Giovanni Rizzi. studio notarile Rizzi & Trentin www.notairizzitrentin.it"

Transcript

1 ! LE PRELAZIONI A cura di Giovanni Rizzi 1

2 Le prelazioni Rapporto tra un sogge-o ("obbligato ) ed un altro sogge-o ("beneficiario ), in forza del quale l'obbligato, qualora intenda concludere un negozio giuridico, deve darne preven=va comunicazione al beneficiario, che ha diri-o di essere preferito ai terzi a parità di condizioni Fonte contra-uale: PRELAZIONE CONVENZIONALE Fonte norma=va: PRELAZIONE LEGALE Si tra-erà della prelazione connessa all alienazione di beni: dalla prelazione nascono a carico dell'obbligato due obbligazioni : - una posi=va: l'obbligato è tenuto a comunicare al beneficiario la propria intenzione ad alienare il bene - una nega=va (l'obbligato non può alienare il bene a terzi sino a che il beneficiario non abbia dichiarato di voler esercitare il proprio diri-o di prelazione

3 Le prelazioni - la prelazione limita solo le modalità di esercizio del potere di alienazione del sogge-o obbligato - la prelazione non pregiudica la libertà dell'obbligato di decidere se alienare o meno il bene - la prelazione non pregiudica le facoltà dell'obbligato di godimento del bene; in questo senso Cass. 22 luglio 1993 n (nella specie si tra-ava di trasformazione di un ampio appartamento in 2 piccoli appartamen=)

4 LA PRELAZIONE CONVENZIONALE disciplina, questioni e problematiche 4

5 La prelazione convenzionale Non esiste nell'ordinamento alcuna norma specifica che disciplina la prelazione convenzionale; tu-avia la stessa è generalmente ammessa in quanto dire-a a realizzare interessi meritevoli di tutela (art c.c. ) Il pa-o di prelazione può consistere: - in un pa-o accessorio inserito nell'ambito di un contra-o (ad esempio in una compravendita Tizio vende a Caio un immobile col diri-o ad essere preferito nell'acquisto a parità di condizioni quando Caio intenda rivenderlo) - in un contra-o autonomo (sia a =tolo oneroso che a =tolo gratuito) (in mancanza di un corrispe[vo contra-o gratuito a=pico e non donazione mancando l arricchimento del beneficiario)

6 La prelazione convenzionale La prelazione può derivare da un negozio a causa di morte (legato obbligatorio a carico di un erede ovvero onere apposto all is=tuzione di erede o ad un legato) E possibile una prelazione volontaria a favore di terzo Si ri=ene debba essere contenuta entro precisi limi$ di tempo (in applicazione analogica dell'art c.c., quello di 5 anni fissato per la somministrazione) Non manca chi esclude la necessità di un termine massimo di durata tra-andosi di un pa-o che non "ostacola" né "impedisce" la alienazione del bene (contrariamente a quanto avviene invece per il divieto di alienazione che limita la libertà contra-uale) in questo senso Cass. 28 luglio 1983 n , Cass. 13 maggio 1982 n. 3009; Per Cass. 21 giugno 2013 n deve ritenersi ammissibile, ai sensi dell art c.c., un intervento del giudice che su istanza di una delle par=, stabilisca un termine finale, ritenuto congruo per l esercizio della prelazione)

7 Le prelazione convenzionale Il pa-o di prelazione ha efficacia puramente obbligatoria limitata tra le par= (secondo la disposizione generale in tema di efficacia dei contra> di cui all'art c.c.) la domanda giudiziale volta ad o-enere l accertamento dell esistenza di un pa-o di prelazione in caso di vendita di immobile, in assenza di una specifica previsione norma=va al riguardo, non è susce[bile di essere trascri5a (in questo senso Cass. Sez. Unite civili n che ha escluso l assimilazione della prelazione al preliminare)

8 Le prelazione convenzionale Circa la sua trasmissibilità problemi si pongono sia nei trasferimen= mor=s causa sia in quelli inter vivos Nell'ambito della successione mor$s causa bisogna dis=nguere: - posizione dell'obbligato: si nel caso di erede; no nel caso di legatario (salvo onere imposto del testatore) - posizione del beneficiario: si nel caso di erede; si anche per il caso di legato. Cessione inter vivos: ricorso alla schema della cessione del contra-o (art. 1406cc); è neccesario il consenso del contraente ceduto (l obbligato)

9 La prelazione convenzionale SANZIONI: l'eventuale contra-o s=pulato in dispregio del diri-o di prelazione è valido ed efficace, ed il beneficiario potrà agire solo per il risarcimento dei danni subi=; non trovano pertanto applicazione: - né l'is=tuto del risca5o (che può discendere solo dalla legge; vedasi al proposito le varie figure di prelazioni legali) - né l'is=tuto dell'esecuzione in forma specifica di cui all'art c.c. (in quanto il bene non può essere trasferito dall'obbligato che lo ha ormai alienato né dal terzo acquirente che come de-o non è sogge-o a risca-o). In questo senso Cass. 20 giugno 1986 n. 4116, Cass. 12 aprile 1999 n. 3571, Cass. 21 giugno 2013 n Tutela per il beneficiario: - apposizione di apposita clausola penale ex art previsione di condizione risolu=va al contra-o principale (per il caso di prelazione come pa-o accessorio ad altro contra-o); clausola ritenuta legi[ma: non equivale a risca-o avendo effe-o retroa[vo

10 La prelazione convenzionale La denun=a=o è l'a-o con il quale l'obbligato concre=zza il suo obbligo di preferire il beneficiario Deve riguardare la proposta nella sua completezza contenendo gli elemen= essenziali del contra-o Sulla natura giuridica della denun=a=o tre teorie: 1. Proposta contra:uale: per alcuni tra-asi di una vera e propria proposta contra-uale irrevocabile con conseguente automa=ca conclusione del contra-o se segue l'acce-azione da parte del beneficiario 2. A:o di interpellanza: per altri ancora si tra-a di un semplice a-o di interpellanza in esecuzione dell'obbligo di comunicazione che grava sull'obbligato, ma che non vincolerebbe l'obbligato alla conclusione del contra-o, rimanendo questo libero di decidere se concludere o meno il contra-o o addiri-ura di formulare una nuova interpellanza variando alcune condizioni del contra-o.

11 La prelazione convenzionale 3. Comunicazione vincolante: per altri trajasi di ajo non formale di adempimento di un obbligo di comunicazione, peraltro vincolante per l'obbligato percui, nel caso di accejazione da parte del beneficiario, pur non avendosi la conclusione del contrajo, tujavia sorge un vincolo legale per entrambe le paro di addivenire entro un preciso termine alla sopulazione del contra-o Resta fermo peraltro il diri-o dell'obbligato di revocare la sua denun=a=o prima di avere no=zia dell'acce-azione da parte del beneficiario secondo le regole generali degli ar e 1328 c.c. In tema di prelazione immobiliare, la "denun=a=o" deve essere fa-a, a pena di nullità, in forma scri:a e, quindi, non può essere provata con tes=moni (Cass n ) Quale termine va riconosciuto al beneficiario per pronunciarsi sulla denun=a=o? O viene fissato dalle par= col pa-o di prelazione o può essere stabilito, ex post, dal giudice, in relazione alla natura dell affare o secondo gli usi (art c.c.)

12 Esempi di prelazioni convenzionali Prelazione in ERP (edilizia convenzionata) ossia nelle convenzioni per trasferimento di aree PEEP ex art. 35 legge 865/1971 sia in diri-o di superficie che in piena proprietà e per il caso di successiva alienazione da parte degli aggiudicatari degli alloggi realizza= su tali aree SANZIONI: il risarcimento dei danni subi= dal Comune ovvero se espressamente previs= in convenzione la decadenza dal diri-o (in caso di superficie) o la risoluzione della convenzione (in caso di cessione in proprietà) Non è invece riconosciuto al Comune il diri-o di risca-o che può essere previsto solo dalla legge. Né la violazione della prelazione comporta la nullità del contra-o che può discendere solo da espresse disposizioni di legge

13 Esempi di prelazioni convenzionali PRELAZIONE nel trasferimento di AZIONI di s.p.a. o di quote di s.r.l. E assai frequente l inserimento negli statu= societari (specie nelle s.r.l. o nelle spa a ristre-a base azionaria) di clausole di prelazione (con riconoscimento ai soci del diri-o di prelazione nel caso alienazione da parte di altri soci di quote societarie o azioni) Do-rina e giurisprudenza prevalen= ritengono che In caso di violazione del diri-o di prelazione la sanzione consista nell'inefficacia del trasferimento verso la società (per cui l'acquirente non potrà esercitare i diri[ sociali) Non può, invece, essere riconosciuto il diri-o di risca-o ai soci pretermessi ( vedasi Trib. Roma 18 marzo 1998) Necessità di disciplinare in maniera completa il diri-o di prelazione negli statu= societari (termini, modalità di esercizio, ecc.), mancando una disciplina di legge alla quale fare riferimento per integrare eventuali lacune

14 LE PRELAZIONI LEGALI Disciplina e caratteristiche delle varie fattispecie di prelazione legale 14

15 Le prelazioni legali Nel nostro ordinamento manca una disciplina generale ed organica della prelazione legale capace di regolamentare tu-e le diverse fa[specie; esistono infa[ ipotesi $pizzate dal Codice Civile e dalla legislazione speciale in un panorama generale che appare assai complesso Deve, al riguardo, parlarsi di "PRELAZIONI LEGALI" in quanto il contenuto della prelazione legale non può essere ricompreso in una categoria unitaria

16 Prelazione agraria Disciplina: art. 8 legge 26 maggio 1965 n. 590 (affi-uario) e art. 7 legge 14 agosto 1971 n. 817 (confinan= col=vatori dire[) Beneficiari: - condu-ori col=vatori dire[ (affi-o- mezzadria colonia compartecipazione) (art.8 legge n. 590) (ad essi sono preferi=, se col=vatori dire[, i coeredi del venditore) - col=vatori dire[ proprietari di terreno confinante con quello offerto in vendita purché sullo stesso non siano insedia= mezzadri, coloni, affi-uari, compartecipan= o enfiteu= col=vatori dire[ (art. 7 legge n. 817)

17 Prelazione agraria Condizioni: - col=vatore del fondo da almeno 2 anni - non siano sta= vendu= altri fondi rus=ci nel biennio precedente - il fondo in vendita più i fondi già in proprietà non superino il triplo della superficie corrispondente alla capacità lavora=va della sua famiglia.

18 Prelazione agraria Esclusioni: - in caso di PERMUTA VENDITA FORZATA liquidazione fallimento Espropriazione per pubblica u=lità COATTA - per terreni che in base a PRG, anche se solo ado-a= con delibera del Consiglio Comunale e quindi non ancora approva=, siano des=na= ad u=lizzazioni edilizia, industriale o turis=ca - per i CONFINANTI: qualora sul fondo in vendita siano insedia= mezzadri, coloni, affi-uari, compartecipan= o enfiteu= col=vatori dire[

19 Prelazione agraria Modalità per l esercizio della prelazione: - trasmissione mediante le-era raccomandata del preliminare di compravendita nel quale debbono essere indica= il nome dell acquirente, il prezzo, le altre clausole pa-uite e la clausola per l eventualità della prelazione. - Esercizio nei 30 gg. - In caso di violazione possibilità di RISCATTO entro 1 anno dalla trascrizione presso l acquirente o altro successivo avente causa. - In caso di esercizio della prelazione il prezzo va pagato entro 3 mesi decorren= dal 30mo giorno della no=fica del proprietario. E' consen=ta la sospensione del termine in caso di richiesta di MUTUO agrario

20 Prelazione agraria In caso di più affi5uari: - la prelazione non può essere esercitata che da tu[ congiuntamente; - qualora qualcuno abbia rinunciato la prelazione può essere esercitata congiuntamente dagli altri affi-uari. Si considera rinunciatario l'avente =tolo che entro 15 giorni dalla no=fica non abbia comunicato agli altri aven= diri-o la sua intenzione di avvalersi della prelazione - tu-avia è ammesso l'esercizio della prelazione separatamente da ciascun affi-uario per la porzione da ciascuno col=vata a condizione che siano sta= s=pula= contrac separad ognuno avente per ogge-o una porzione di fondo funzionalmente autonoma (in questo senso Cass n e Cass n. 6402)

21 Prelazione Agraria PRELAZIONE e SOCIETA' AGRICOLE: il Dlgs. 99/2004 ha stabilito che la prelazione agraria "speja anche alla società agricola di persone qualora almeno la metà dei soci sia in possesso della qualifica di colovatore direjo come risultante dall'iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese il dlgs 99/2004 ha esteso la qualificazione di società agricola a tu[ =pi di società (di persone, di capitali, coopera=ve) a condizione che: - nella denominazione/ragione sociale vi sia l inciso società agricola - che lo statuto preveda come ogge-o sociale "l'esercizio esclusivo delle a>vità agricole di cui all'art c.c."; La società potrà qualificarsi IAP se tale qualifica è riconosciuta al cd. sogge-o qualificante (almeno un socio per le società di persone; almeno un amministratore per le società di capitali e le coopera=ve).

22 Prelazione Agraria RATIO DELLA PRELAZIONE AGRARIA: Prelazione del condu:ore: esigenza di tutela del lavoro e di incremento delle a[vità agricole incen=vando la riunione nella stessa persona della =tolarità del dominio e della responsabilità della ges=one dell azienda agricola Prelazione del confinante: esigenza di favorire lo sviluppo ed il consolidamento dell impresa agricola già esistente favorendone l ampliamento e l accorpamento.

23 Prelazione urbana Disciplina: ar legge 27 febbraio 1978 n. 392 (immobili commerciali): beneficiari sono: - condu:ore di immobili u=lizza= per a[vità che compor=no conta[ dire[ con il pubblico degli uten= e consumatori esclusi quelli des=na= all esercizio di a[vità professionale quelli complementari ed interni a stazioni, por=, aeropor=, aree di servizio stradali, o autostradali, alberghi e villaggi turis=ci (art. 38 legge 392/1978) - condu:ore di immobili residenziali qualora ricorrano tu-e e tre le seguen= condizioni: * si sia alla prima scadenza del contra-o di locazione * qualora il locatore si sia avvalso della facoltà di diniego del rinnovo automa=co del contra-o * che il mancato rinnovo sia mo=vato dall'intenzione del locatore di vendere l'immobile a terzi e lo stesso non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abita=vo oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione (art. 3 L. 431/1998 che rinvia agli arj. 38 e 39 legge 392/1978)

24 Prelazione Urbana Comunicazione: con a-o (non necessariamente il preliminare) contenente il prezzo e le altre condizioni da no$ficare a mezzo Ufficiale Giudiziario) Esercizio: - entro 60 giorni dalla comunicazione con a-o no=ficato a mezzo Ufficiale Giudiziario offrendo condizioni uguali a quelle proposte; il prezzo va versato entro 30 giorni dal 60mo giorno successivo a quello della no=fica, contestualmente alla s=pula del contra-o di compravendita o del preliminare; - in caso di più locatori: la prelazione va esercitata CONGIUNTAMENTE o dai rimanen= in caso di rinuncia da parte di alcuni (si intendono rinunciante chi non comunica agli altri l intenzione di esercitare la prelazione entro 30 giorni

25 Prelazione Urbana Esclusioni: - nel caso di cessioni a favore di coerede a sensi dell art. 732 c.c. (prevalenza della prelazione ereditaria) - nel caso di cessione a favore del coniuge o di altri paren$ entro il secondo grado; Risca:o: entro 6 mesi dalla trascrizione della vendita se: - non preceduta dalla no=fica della prelazione - il prezzo è inferiore a quello comunicato nei confron= dell acquirente o ogni altro successivo avente causa;

26 Prelazione Urbana Ra$o della prelazione commerciale: - far coincidere nella stessa persona la proprietà dell immobile e la =tolarità dell a[vità aziendale che ivi si svolge; - tutela dell avviamento - esigenza di preservare il modo di essere di una determinata zona a-raverso il mantenimento degli esisten= pun= di vendita

27 Prelazione ereditaria Disciplina: art. 732 C.C. ; beneficiari sono: - i COEREDI nel caso in cui un erede intenda alienare ad un estraneo la sua quota o parte di essa (ART. 732 C.C.) - i partecipan= all'impresa familiare in caso di divisione ereditaria o di trasferimento dell'azienda (art. 230/bis c.c.) Condizioni PER LA PRELAZIONE EREDITARIA: - che vi sia una comunione ereditaria - che venga ceduta una quota ereditaria o parte di essa (non sussiste pertanto la prelazione nel caso di cessione di una quota di un singolo bene) Condizioni PER LA PRELAZIONE ex 230bis - che via sia un'impresa familiare: prestazione in modo con=nua=va di a[vità di lavoro nella famiglia o nell'impresa del coniuge, di paren= entro il 3 grado e di affini entro il 2 grado) - sia prevista una divisione o un trasferimento dell'azienda

28 Prelazione ereditaria Modalità: - l'intenzione a cedere va comunicata all'avente diri-o e NOTIFICATA allo stesso (la norma parla solo di "no=ficazione" ma non precisa le modalità con cui va fa-a la comunicazione - Esercizio nei due mesi dall'ul=ma delle no=ficazioni In caso di più aven$ diri5o: la quota è assegnata a tu[ in par= uguali (e non quindi in proporzione alle eventuali diverse quote di comproprietà) In caso di violazione possibilità di RISCATTO non solo dall'acquirente ma anche da ogni successivo avente causa finché dura lo stato di comunione Si ri=ene che l'esercizio di tale diri-o di risca-o sia comunque sogge-o al termine ordinario di prescrizione decennale (cfr. Cass n. 3465)

29 Prelazione ereditaria In caso di esercizio della prelazione NON è precisato entro quale termine va pagato il prezzo contrariamente a quanto previsto in tema di Prelazione agraria e Prelazione urbana In caso di prelazione ex 230/bis per la do-rina prevalente deve escludersi il DIRITTO DI RISCATTO (non essendovi "compa=bilità" con il retra-o successorio che presuppone il permanere della comunione ereditaria; solo risarcimento danni) RATIO DELLA PRELAZIONE EREDITARIA: - favorire la concentrazione dei beni ogge-o di comunione nella mano di pochi sogge[ per agevolare le operazioni divisorie e per ridurre l insorgere di li= tra coeredi. Cass n. 4345: nel contrasto tra prelazione agraria e prelazione ereditaria prevale quest ul=ma

30 Prelazione nell E.R.P. Edilizia sovvenzionata (art. 8 legge 513/1977) Decorsi i 10 anni del divieto di alienazione (o il più lungo termine nel caso di pagamento rateale) spe-a all ATER (già IACP) il diri5o di prelazione al prezzo pari a quello di acquisto rivalutato in base agli indici ISTAT La norma in tema di prelazione prevede inoltre: - l obbligo della comunicazione all ATER (ex IACP) dell intenzione di alienare (senza specificare la forma e le modalità di de-a comunicazione) - l obbligo dell Is=tuto di esercitare la prelazione entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione - la nullità delle pa-uizioni s=pulate in violazione della norma (quindi non risca-o ma nullità del contra-o)

31 Prelazione nell E.R.P. Edilizia sovvenzionata (legge 560/1993) Art. 1 comma 20: - prelazione a favore degli ATER (già IACP) scaduto il termine per il divieto di alienazione in caso di vendita (nella legge 513 invece si parla di prelazione in caso di alienazione) - Manca qualsiasi disciplina Art. 1 comma 16: - in caso di cessione di unità ad uso non abita$vo ricomprese in edifici di ERP spe-a all affi-uario il diri-o di prelazione a sensi dell art. 38 legge 392/1978.

32 Prelazione beni culturali Art. 60 dlgs 42/2004: "il Ministero la regione o l'altro ente pubblico territoriale interessato, hanno facoltà di acquistare in via di prelazione i beni culturali alienao a Otolo oneroso al medesimo prezzo stabilito nell'ajo di alienazione". La prelazione spe-a in caso di ac di alienazione a Dtolo oneroso compresi la dado in solutum (espressamente prevista all'art. 60, ult. Comma) e la permuta,(espressamente prevista dall'art. 60, 2 co.). Non danno luogo a prelazione, ad esempio: - gli a[ a =tolo gratuito - i contra[ preliminari - gli a[ di fusione e scissione di società proprietarie di beni culturali.

33 Prelazione beni culturali Esercizio della prelazione: nel termine di 60 giorni decorren= dalla denuncia che l'alienante deve effe-uare alla competente Soprintendenza entro i 30 gg. dall a-o, il provvedimento di prelazione è "no=ficato all'alienante e all'acquirente", e "la proprietà passa allo Stato (o a all'ente che esercita la prelazione) Conseguenze sull'a5o del diri5o di prelazione. In pendenza del termine di 60 gg. l a-o di alienazione rimane condizionato sospensivamente all'esercizio della prelazione ed all alienante è vietato effe-uare la consegna della cosa Le clausole del contra-o di alienazione non vincolano lo Stato Lo Stato può esercitare la prelazione su una parte delle cose alienate

34 Prelazione beni culturali Sanzioni: Nel caso di denuncia omessa o ritardata: - nullità del contra-o (intesa come inefficacia nei confron= dello Stato e degli en= locali) - non è previsto il risca-o - il termine per l esercizio della prelazione si allunga (da 60 a 180 gg.) - sanzioni penali (reclusione + ammenda)

35 LE PRELAZIONI LEGALI Questioni e problematiche comuni a tutte le figure di prelazione legale 35

36 CASI DI ESCLUSIONE Casi di esclusione sono previste dalla norma=va solo per la PRELAZIONE AGRARIA e la PRELAZIONE URBANA PRELAZIONE AGRARIA: - in caso di PERMUTA VENDITA FORZATA liquidazione COATTA fallimento Espropriazione per pubblica u=lità - per terreni che in base a PRG, anche se solo ado-a= con delibera del Consiglio Comunale e quindi non ancora approva=, siano des=na= ad u=lizzazioni edilizia, industriale o turis=ca (esclusa la prelazione anche per spazi complementari ad es. fasce di rispejo: Cass n ) PRELAZIONE URBANA: - nel caso di cessioni a favore di coerede a sensi dell art. 732 c.c. - nel caso di cessione a favore del coniuge o di paren= entro il II grado;

37 CASI DI ESCLUSIONE Do5rina e giurisprudenza hanno peraltro previsto altre ipotesi di esclusione CONFERIMENTI IN SOCIETA La prestazione del conferitario è infungibile e preferire il terzo significherebbe alterare il contenuto contra-uale; il corrispe[vo è cos=tuto dalla partecipazione societaria e non dal suo valore monetario (salvo il caso di azioni quotate) (in questo senso per la prelazione urbana Cass n , Cass n , Cass n ) CONFERIMENTO DI AZIENDA Ogge-o del trasferimento è un complesso di beni e rappor= (l immobile ne è solo un elemento) (prelazione urbana Cass n ) Contra Cass. 7838/1991: prelazione si estende al complesso di cose organizzate per l impresa agricola

38 CASI DI ESCLUSIONE CESSIONE DI QUOTE SOCIALI O AZIONI Ogge-o della cessione è bene diverso dall immobile (terreno, negozio, ) mentre l immobile è di proprietà dell ente e non è comproprietà dei soci (per un caso di cessione azioni s.p.a. Cass n. 1523) SCIOGLIMENTO SOCIETA ED ASSEGNAZIONE La mancanza di controprestazione nell assegnazione in sede di liquidazione porta ed escludere la prelazione DATIO IN SOLUTUM Opinioni controverse: do-rina esclude prelazione avendo per ogge-o l es=nzione di precedente obbligazione; giurisprudenza la amme-e includendo tale fa[specie nei negozi a =tolo oneroso

39 CASI DI ESCLUSIONE CESSIONE DEI BENI AI CREDITORI Si tra-a di negozio equiparato al mandato in rem propria. Manca il cara-ere trasla=vo quindi non c è prelazione (che torna ad operare nel momento della vendita fa-a dai creditori in forza del mandato ) PERMUTA (per prelazione Agraria dispone la legge) 1 teoria: la prelazione va sempre esclusa 2 teoria: la prelazione va esclusa solo nel caso di permuta tra beni immobili (fondo rusoco con fondo rusoco) 3 teoria: la prelazione va esclusa solo nel caso di permuta dell immobile con bene infungibile Cass n. 5519: in tema di prelazione urbana esclude la prelazione nel caso di permuta con beni infungibili (idem Cass n. 6867)

40 CASI DI ESCLUSIONE VITALIZIO ALIMENTARE Tra-asi di contra-o a =tolo oneroso. Tu-avia il facere insos=tuibile del vitaliziante (cd. infungibilità sogge[va) e l assenza di corrispe[vo escludono la prelazione. TRANSAZIONE Le concessioni per porre fine ad una lite (o per prevenirla) non possono scindersi, pena l alterazione dell intero rapporto DONAZIONE (anche modale) La mancanza di onerosità esclude la prelazione Cass n. 6711: esclude la prelazione nel caso di negooum mixtum cum donaoone ossia di compravendita a prezzo di favore

41 CASI DI ESCLUSIONE VENDITA FORZATA Si esclude la prelazione in quanto sull interesse del beneficiario prevale quello dei creditori a conseguire il maggior ricavo ipo=zzabile nel minor tempo possibile. Per la prelazione Agraria dispone la legge. ESPROPRIAZIONE FORZATA E esclusa dato il prevalente interesse pubblico. Per la prelazione Agraria dispone la legge. Idem anche per il caso di cessione volontaria. COMUNIONE LEGALE FONDO PATRIMONIALE La assoluta infungibilità delle prestazioni dei due coniugi (nel trasferimento del bene) esclude la prelazione

42 OPERATIVITA DELLA PRELAZIONE VENDITA CON PATTO DI RISCATTO Cass n ha ritenuto inefficace il pa-o di risca-o nei confron= del beneficiario della prelazione (agraria) VENDITA DI QUOTA DI COMPROPRIETA La Cassazione (Cass n. 591, Cass n , Cass n ) ha riconosciuto la prelazione agraria: meritevole di tutela è la prospe[va di un acquisto futuro dell intera proprietà. Cass. S.U n ha invece escluso la prelazione urbana (per mancanza di iden=tà del quantum locato e venduto)

43 OPERATIVITA DELLA PRELAZIONE VENDITA AI PUBBLICI INCANTI Cass n ha ammesso la prelazione. L aggiudicazione defini=va del bene va subordinata al mancato esercizio del diri-o di prelazione. Deve tra-arsi di incanto che non cos=tuisca strumento di vendita forzata ma di vendita volontaria CONCORDATO PREVENTIVO Cass n ha riconosciuto la prelazione anche nel caso di vendita nell ambito di concordato preven=vo con cessione di beni ai creditori, considerata come normale ipotesi di alienazione volontaria. L interesse del ceto creditorio non può prevalere su quello, cos=tuzionalmente garan=to, del col=vatore nella formazione della proprietà contadina.

44 VENDITA IN BLOCCO (TERRENI) FATTISPECIE: vendita di terreni cos=tuen= un corpo unico solo alcuni dei quali sono affi-a= e sogge[ a prelazione agraria. Teoria negatrice: si esclude la prelazione stante la diversità dell ogge-o venduto rispe-o a quello ogge-o di prelazione Teoria posi$va (prevalente): la prelazione spe-a con riguardo ai soli terreni affi-a= (il prezzo va discriminato per consen=re l esercizio della prelazione; cfr. Cass n )

45 VENDITA IN BLOCCO (TERRENI) Cass n : ha escluso la prelazione del col=vatore dire-o confinante solo con alcuni dei fondi messi in vendita, nel caso di vendita di più fondi tu[ funzionali all esercizio di un azienda agricola unitaria Cass n. 1940: ha ammesso la prelazione anche per parte dell intero fondo trasferito se la parte trasferita risulta comunque dotata di autonomia giuridica e economico- colturale - Cass n. 3727: il col=vatore può esercitare la prelazione non su tu-o il fondo, ma solo sulla parte di esso avente des=nazione agricola, fermo restando il potere del proprietario di esigere che la prelazione si estenda all'intero fondo, se le par= non des=nate a scopi agricoli, staccate dalle restan=, diverrebbero reli[ inu=lizzabili.

46 Cass. 22 gennaio 2004 n FATTISPECIE: affi-uario di parte di un fondo agricolo cui è stato no=ficato preliminare indicante il prezzo riferito all intero fondo 1: la prelazione sussiste per la parte del fondo affi-ata (e non si estende all intero fondo) 2: se non è indicato il prezzo riferito alla parte affi-ata la denunoaoo non è valida, i termini per la prelazione restano sospesi e quindi non si ha decadenza dalla prelazione (e può essere esercitato il risca-o) 3: la dichiarazione dell affi-uario di voler acquistare l intero fondo vale come proposta di acquisto e non come esercizio della prelazione (in quanto la prelazione può essere esercitata solo sulla porzione in affi-o).

47 VENDITA IN BLOCCO (fabbricati) FATTISPECIE: vendita di un intero stabile comprendente un unità (ad uso commerciale) locata sulla quale al condu-ore spe-a il diri-o di prelazione. Teoria estensiva: la prelazione spe-a al condu-ore sull intero edificio: Equa mediazione dei reciproci interessi (si evita al venditore il deprezzamento dovuto alla vendita frazionata ed al condu-ore di perdere la prelazione) cri=ca: prelazione riguarderebbe beni diversi da quelli previs= dalla legge; inoltre la prelazione diverrebbe più formale che reale in quanto il condu-ore dovrebbe sopportare un esborso il più delle volte insostenibile

48 VENDITA IN BLOCCO (fabbricati) Teoria della prelazione parziale : la prelazione spe-a al condu-ore solo sull unità locata: La prelazione risponde a finalità di interesse generale e mira a tutelare il lavoro svolto dal condu-ore; ciò gius=fica la limitazione al potere di disposizione del proprietario cri=ca: la disposizione in tema di prelazione, in quanto incidente sull autonomia contra-uale, non amme-e applicazione estensive e presuppone esa-a coincidenza tra bene venduto e bene locato Teoria dell esclusione della prelazione (prevalente): La prelazione non spe-a se viene venduto un bene (l intero stabile) che non coincide con il bene locato (la singola unità). Al riguardo si dis=ngue tra VENDITA IN BLOCCO e VENDITA CUMULATIVA

49 VENDITA IN BLOCCO La prelazione è esclusa solo in caso di VENDITA IN BLOCCO mentre sussiste in caso di VENDITA CUMULATIVA VENDITA IN BLOCCO: si è in presenza di vendita in blocco : - quando viene alienato l intero edificio in cui è compresa l unità locata - ovvero quando vengono cedute più unità (oltre quella locata) che presen=no elemen= ogge[vi di coordinamento stru-urale e funzionale si da perdere la propria autonomia e da presentarsi come complesso funzionalmente unitario - in ques= casi il bene trasferito (compendio unitario) è diverso dal bene locato e viene meno il presupposto stesso della prelazione

50 VENDITA CUMULATIVA VENDITA CUMULATIVA: si è in presenza di vendita cumula=va (ovvero plurima ) quando vengono cedute più unità (oltre quella locata) che peraltro conservino la loro autonomia ossia di unità dis=nte per connotazioni e funzioni In questo potrà parlarsi di a-o trasla=vo ad ogge-o plurimo ed al condu-ore spe-erà la prelazione in quanto il bene locato non ha perso la propria individualità ACCERTAMENTO: diventa fondamentale, pertanto, l accertamento della sussistenza o meno del coordinamento stru-urale e funzionale fra le unità immobiliari vendute, da effe-uarsi sulla base di circostanze ogge[ve. In giurisprudenza si ricorre alla Consulenza tecnica d Ufficio al fine di compiere tale accertamento.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Paolo Tonalini - Notaio Nuove imposte di registro dal primo gennaio 2014 Dal primo gennaio 2014 sono entrate in vigore alcune modifiche alle imposte di registro,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI di Andrea De Crecchio 1. Profili generali A) Nozione Nel nostro diritto ereditario sono presenti due principi in apparente contrasto: da un lato la libertà di disporre

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

Timbro UR. Alienante (i) Acquirente (i) Cognome, nome / Ditta, altri enti 1 Domicilio / Sede Nazionalità 2 Quota di comproprietà

Timbro UR. Alienante (i) Acquirente (i) Cognome, nome / Ditta, altri enti 1 Domicilio / Sede Nazionalità 2 Quota di comproprietà Dichiarazione dei dati per gli acquisti di proprietà fondiarie a norma degli art. 970a CCS e 43 e ss. LRF (da allegare all'istanza di iscrizione) da compilare dall'alienante Timbro UR Alienante (i) Cognome,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE AREE COMPRESE NEI PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE

REGOLAMENTO PER LE AREE COMPRESE NEI PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE Comune di Rimini Area Gestione del Territorio Unità di Progetto Programma d Area ed Edilizia Residenziale Pubblica Via F. Rosaspina, 21-47900 Rimini tel. 0541704883-704896 - fax 0541704810 www.comune.rimini.it

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli