GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA"

Transcript

1 GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA ANTONIO IORIO MANUELA NORCIA IVA LE PRINCIPALI RECENTI INTERPRETAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Dal 1 gennaio 2005 al 28 febbraio 2006) LIDO DI OSTIA, MARZO 2006

2 2 Raccolta arricchita degli articoli di commento pubblicati sulla rivista telematica Fisco oggi Impaginazione M.A. MARCO BOCCOLINI M.C. VINCENZO CILIBERTI FIN.SC. GIANCARLO NAPOLI FIN. PIETRO AMORUSO Stampa BRIG.C. RAFFAELLO FANTONI BRIG. GIUSEPPE FINOCCHIARO APP. MARIO CRUCIANI APP. NATALINO PALERMO APP. MUNZI ANDREA

3 INDICE CAP. I OPERAZIONI IMPONIBILI Operazioni di project financing: il caso dei contributi erogati per la progettazione e la realizzazione di un ospedale Settore immobiliare Corresponsione di un indennità di avviamento a seguito di risoluzione di un contratto di locazione per decorrenza dei termini Riacquisto di un complesso immobiliare precedentemente conferito a un azienda bancaria Attività di leasing immobiliare Locazione di un fabbricato abitativo da parte di una cooperativa costruttrice dell alloggio Contratti di associazione in partecipazione Sponsorizzazioni realizzate da un amministrazione pubblica Vendite porta a porta: l iva scatta al superamento della soglia dei euro annuali Profili civilistici Riflessi in materia previdenziale e contributiva Aspetti fiscali Lavorazione di metalli preziosi Cessione di manufatti in oro Trasformazione in prodotti finiti di rottami di oro e argento forniti dalla clientela Cessione del marchio di uno studio professionale Il caso esaminato Il trattamento fiscale dei marchi La posizione dell Agenzia delle Entrate CAP. II OPERAZIONI NON IMPONIBILI Attività legate a trattati e accordi internazionali: il caso delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi relativi alla formazione di ricercatori europei Vendite a domicilio in ambito europeo Il fatto Interpretazione dell Agenzia Modalità di certificazione delle operazioni di tentata vendita Cessione all esportazione: il contratto di consignment stock CAP. III OPERAZIONI ESENTI Giochi e intrattenimenti Apparecchi che consentono vincite in denaro di cui all articolo 110, comma 6, del Tulps... 47

4 II 1.2 Raccolta di scommesse ippiche Settore sanitario Le prestazioni mediche tra esenzione e imponibilità Esenzione per la residenza sanitaria per disabili Attività a contenuto didattico e formativo Corsi di recupero punti tenuti da autoscuole Contributi destinati al finanziamento di corsi di formazione Prestazioni di servizi rese nell ambito delle attività di carattere ausiliario all attività bancaria: quando spetta l esenzione Prestazioni rese da consorzi costituiti tra banche Servizi relativi al patrimonio di un fondo di investimento immobiliare costituito da immobili conferiti da società appartenenti a un gruppo bancario CAP. IV OPERAZIONI FUORI DAL CAMPO DI APPLICAZIONE DELL IMPOSTA Attività legate a una convenzione per la lottizzazione di terreni Attività di consulenza tecnica I limiti di demarcazione tra consulenza e perizia Contributi ricevuti dalla stabile organizzazione in Italia di un GEIE Vendita giudiziaria di immobili a seguito di procedura concorsuale Gli sms solidali Conferimenti non proporzionali in società per azioni CAP. V ALIQUOTE IVA APPLICABILI A PARTICOLARI ATTIVITÀ Attività di smaltimento dei rifiuti Beni e servizi destinati a persone affette da particolari patologie invalidanti Cessione di materassi antidecubito Cessione di sussidi tecnico-informatici Cessione di optional relativi ad autovetture per disabili Attività di somministrazione di alimenti e bevande: il caso delle card per i pasti destinati al personale Pedaggi autostradali: l aliquota applicabile al pedaggio per il transito del traforo del Fréjus Cessioni di paste alimentari prodotte con amido di mais Trasferimento di immobili appartenenti alla categoria catastale C CAP. VI REGIMI DI DETRAZIONE DELL IMPOSTA Acquisto di servizi di telefonia mobile da parte di un consorzio mandatario Acquisti effettuati da istituti che si occupano di formazione CAP. VII DISPOSIZIONI RELATIVE A PARTICOLARI SETTORI Editoria: cessione gratuita di periodici Settore agricolo: le ultime pronunce dell Agenzia Rottami e materiali di recupero: applicazione del riverse charge alla cessione di graniglie

5 III 4. Attività spettacolistiche CAP. VIII ADEMPIMENTI E OBBLIGHI DEI CONTRIBUENTI Modelli intrastat Periodicità con cui presentare i modelli per il 2005 alla luce dell ingresso di nuovi Paesi nell UE Quale sanzione per i modelli presentati tardivamente Dichiarazione Iva di gruppo: ammesse anche le società non residenti identificate in Italia Società non residenti: rimborso iva per il periodo precedente alla nomina del rappresentante fiscale Note di variazioni: le regole da seguire La fattura elettronica Operazioni rilevanti ai fini della fatturazione Soggetti obbligati a emettere la fattura Soggetti esonerati Soggetti obbligati Soggetti diversi dal cedente Reverse charge e autofattura L emissione della fattura da parte del cliente o di un terzo (outsourcing) Incarico a un soggetto residente in un Paese extra-ue Comunicazione preventiva Inizio attività Atti impositivi Contenuto della fattura Emissione della fattura Fatturazione immediata Fatturazione differita Momento di emissione della fattura Fattura riepilogativa Modalità di emissione Fattura cartacea Fattura elettronica Invio della fattura Registrazione delle fatture Fatture di vendita Fatture di acquisto Altri documenti Archiviazione delle fatture Conservazione delle fatture Conservazione delle fatture emesse, trasmesse e ricevute in formato digitale o analogico Localizzazione dell archiviazione Controllo dei documenti archiviati elettronicamente Poteri e limiti di cui all articolo

6 IV 6. Gli adempimenti del custode giudiziario La solidarietà passiva ai fini iva Ambito soggettivo Ambito oggettivo Circostanza esimente Individuazione dei beni Finalità della norma Deposito merci presso terzi: le regole da seguire per regolarizzare le difformità tra le merci esistenti in magazzino e quelle desumibili dalle scritture contabili Il fatto Parere dell Agenzia Differenze inventariali negative Differenze inventariali positive Rimborso dell iva relativa all acquisto di beni ammortizzabili Agevolazioni per le imprese della grande distribuzione: i chiarimenti dell Agenzia

7 CAPITOLO I OPERAZIONI IMPONIBILI Sommario: 1. Operazioni di project financing: il caso dei contributi erogati per la progettazione e la realizzazione di un ospedale; 2. Settore immobiliare; 2.1 Corresponsione di un indennità di avviamento a seguito di risoluzione di un contratto di locazione per decorrenza dei termini; 2.2 Riacquisto di un complesso immobiliare precedentemente conferito a un azienda bancaria; 2.3 Attività di leasing immobiliare; 2.4 Locazione di un fabbricato abitativo da parte di una cooperativa costruttrice dell alloggio; 3. Contratti di associazione in partecipazione; 4. Sponsorizzazioni realizzate da un amministrazione pubblica; 5. Vendite porta a porta: l iva scatta al superamento della soglia dei euro annuali; 5.1 Profili civilistici; 5.2 Riflessi in materia previdenziale e contributiva; 5.3 Aspetti fiscali; 6. Lavorazione di metalli preziosi; 6.1 Cessione di manufatti in oro; 6.2 Trasformazione in prodotti finiti di rottami di oro e argento forniti dalla clientela; 7. Cessione del marchio di uno studio professionale; 7.1 Il caso esaminato; 7.2 Il trattamento fiscale dei marchi; 7.3 La posizione dell Agenzia delle Entrate. 1. OPERAZIONI DI PROJECT FINANCING: IL CASO DEI CONTRIBUTI EROGATI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN OSPEDALE L Agenzia delle Entrate, confermando il proprio orientamento interpretativo, ha precisato il corretto trattamento ai fini Iva applicabile ai contributi di cui all articolo 19, comma 2, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 ( legge Merloni ) corrisposti alla società incaricata della progettazione e realizzazione di una opera ospedaliera con le modalità del project financing. Con la risoluzione n. 21/E del 16 febbraio 2005, l Agenzia delle Entrate, in risposta a un istanza d interpello, ha riconosciuto l imponibilità Iva ai predetti contributi in quanto corrisposti dal concedente a fronte di una specifica obbligazione - contrattualmente assunta dalla società - consistente nella realizzazione della struttura ospedaliera. La fattispecie oggetto dell interpello riguarda una società intenzionata a stipulare con l Asl una convenzione ai sensi dell articolo 37-bis della citata legge Merloni, avente a oggetto la

8 2 IVA - LE PRINCIPALI RECENTI INTERPRETAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE progettazione, costruzione e gestione di un complesso sanitario pubblico. In particolare, come indicato nella bozza di convenzione allegata all istanza di interpello, la società si assume l impegno di progettare e realizzare l opera e, successivamente, di gestire i relativi servizi non medicali, medicali e commerciali per tutta la durata della concessione. A fronte di tali attività, invece, l Asl erogherà alla società un contributo a fondo perduto concesso ai sensi del citato articolo 19, comma 2, per finanziare la realizzazione dell opera e un canone di disponibilità, annuale, (da assoggettare a Iva), da erogare per l utilizzo della struttura sanitaria e come corrispettivo per i servizi, sanitari e non, resi dalla società per conto dell Asl. Il contributo a fondo perduto, inoltre, è finanziato in parte attraverso un trasferimento monetario a valere sui fondi pubblici di cui all articolo 20 della legge 11 marzo 1988, n. 67, e in parte con il ricavato derivante dalla vendita a terzi di alcuni beni immobili dell Asl nonché con il trasferimento in proprietà alla società di altri beni immobili dell Asl. Ciò posto, la società ha interpellato l Agenzia perché chiarisca se le somme ottenute dalla Asl come contributo a fondo perduto per la copertura delle spese di realizzazione del complesso ospedaliero rilevino ai fini Iva e, in tal caso, quale sia l aliquota d Iva da applicare. L Agenzia delle Entrate, in linea con l interpretazione fornita con la risoluzione n. 183/E dell 11 giugno 2002, rinvenendo nel caso di specie un rapporto obbligatorio a prestazioni corrispettive, ha riconosciuto al contributo in esame la natura sinallagmatica e, quindi, la rilevanza agli effetti dell Iva. A parere dell Agenzia, più precisamente, il contributo è da assoggettare a Iva se tra le parti intercorre un rapporto giuridico sinallagmatico nel quale il contributo ricevuto dal beneficiario costituisce il compenso per il servizio effettuato o per il bene ceduto. L esclusione dal campo d applicazione dell Iva, invece, sarebbe configurabile se la società che riceve il contributo non fosse obbligata a dare, fare, non fare o permettere alcunché in controprestazione. Nel caso di specie, esaminata la bozza di convenzione, l Agenzia ha sottolineato che le parti interessate si assumono degli obblighi reciproci, diretti da un lato alla effettuazione dell opera e, dall altro, al finanziamento delle spese sostenute per la realizzazione della struttura.

9 OPERAZIONI IMPONIBILI 3 Alla luce di tali considerazioni, pertanto, è stato affermato che il predetto contributo a fondo perduto costituisce il corrispettivo di una specifica prestazione di servizi (la realizzazione dell opera ospedaliera), resa dalla società, da assoggettare regolarmente a imposta. Quanto all individuazione dell aliquota Iva applicabile, l Agenzia ha precisato che nel caso in questione si è in presenza di attrezzature sanitarie ricomprese nell elenco contenuto nell articolo 4 della legge 29 settembre 1964, n. 847, così come integrato dalla legge 11 marzo 1988, n. 67. Pertanto, trattandosi di opere di urbanizzazione secondaria, il relativo contratto di appalto sarà da assoggettare ad aliquota ridotta del 10 per cento ai sensi del punto n. 127-septies) della tabella A, parte III, allegata al DPR 26 ottobre 1972, n Con riferimento alle ulteriori modalità di finanziamento del predetto contributo, l Agenzia ha affermato che il medesimo trattamento Iva si applica anche al ricavato delle dismissioni dei beni immobili di proprietà della Asl, retrocesso alla società, in quanto tali somme costituiscono parte integrante del prezzo pagato dall Asl alla società per la realizzazione dell opera. Nella risoluzione in commento è stato infine evidenziato che il trasferimento della proprietà di alcuni immobili da parte dell Asl alla società configura un pagamento in natura da assoggettare a Iva in base al valore normale dei beni che formano oggetto del trasferimento, ai sensi dell articolo 13, secondo comma, lettera d), del DPR n. 633 del Tale operazione, inoltre, ha natura permutativa e, pertanto, è soggetta a Iva ai sensi dell articolo 11, primo comma, del DPR n. 633/1972, separatamente rispetto alla prestazione cui si riferisce. 2. SETTORE IMMOBILIARE 2.1 CORRESPONSIONE DI UN INDENNITÀ DI AVVIAMENTO A SEGUITO DI RISOLUZIONE DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE PER DECORRENZA DEI TERMINI Come noto, l articolo 13 del DPR 633/72 individua come base imponibile l ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al

10 4 IVA - LE PRINCIPALI RECENTI INTERPRETAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE cedente o al prestatore secondo le condizioni contrattuali, in relazione alle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate. L articolo 15 del DPR 633/72, nel comma 1 e nei suoi 5 numeri, in un certo senso concorre a definire la base imponibile. Invero, tale articolo determina le esclusioni dal computo della base imponibile e fra queste le somme dovute a titolo di interessi moratori o di penalità per ritardi o altre irregolarità nell adempimento degli obblighi del cessionario o del committente. Da questo punto di vista, risulta particolarmente interessante la risoluzione 73/E del 3 giugno 2005, con la quale si affronta la problematica connessa alla corresponsione dell indennità di avviamento da parte del proprietario di un immobile a una società, a seguito della risoluzione del contratto di locazione per decorrenza di termini. Premesso che l indennità, prevista per legge, rappresenta il giusto risarcimento per la perdita di quella particolare collocazione commerciale dell impresa costituita appunto dalla locazione dei locali in questione, si pone la necessità di determinare se il medesimo rientra o meno nella previsione di esclusione dell articolo 15 e se essa, in ogni caso, rientri nel campo di applicazione dell imposta (requisito oggettivo). In relazione al primo punto, la risoluzione rileva come presupposto del numero 1) del comma 1 del citato articolo 15 sia l inadempimento degli obblighi del cessionario o del committente. In tale ambito, si considera escluso dalla base imponibile, il risarcimento in senso proprio, dovuto a ritardi o inadempimento di obblighi contrattuali. Viceversa, nel caso di specie, non si verifica nessuna delle suddette ipotesi, in quanto il contratto non viene interrotto anticipatamente dal proprietario, ma cessa per decorrenza dei termini. Per quanto riguarda il secondo aspetto, la risoluzione 73 ricorda come già in passato l Amministrazione finanziaria abbia affermato, da un lato, il principio che l indennità in questione non può assumere natura meramente risarcitoria e, dall altro, che, se pur si voglia considerarla tale, non è possibile escludere che la stessa possa sottendere un operazione di cessione di beni o prestazione di servizi. In tal senso, per esempio, l indennità di esproprio per pubblica utilità pur mantenendo il carattere di indennizzo per la perdita di un bene da parte dell espropriato, dà origine ad un operazione

11 OPERAZIONI IMPONIBILI 5 imponibile in quanto si sostanzia, in un certo senso, in una cessione di beni. In realtà, la situazione che si verifica tra le parti, sia pure per disposizione di legge, appare riconducibile a un vero e proprio rapporto sinallagmatico, in cui oggetto dello scambio è di fatto quell incremento di valore che il conduttore, riconsegnando il bene, rimette nella disponibilità del proprietario. Partendo da tali considerazioni, la risoluzione 73 considera l indennità per perdita di avviamento, anche in caso di cessazione naturale del rapporto, come il corrispettivo dell aumento di valore dell immobile, realizzatosi attraverso l utilizzo del medesimo per l esercizio dell attività imprenditoriale. Tale utilizzo, infatti, costituisce un elemento caratterizzante l immobile che trae parte del suo valore proprio dalla suddetta utilizzazione. Questo principio, rilevato peraltro anche in sede comunitaria, fa sì che debba riconoscersi la natura sinallagmatica dell emolumento, ancorché esso scaturisca da una disposizione di legge, come del resto riconosciuto nella citata risoluzione ( del 10/10/90) a proposito della indennità dovuta in caso di espropriazione per pubblica utilità. Si può, pertanto, concludere, che l indennità per perdita di avviamento qualora corrisposta in seguito alla naturale cessazione della locazione, costituisca il corrispettivo di un obbligazione che come affermato dalla stessa Corte di giustizia, ai fini dell IVA, deve essere considerata alla stregua di una prestazione di servizi ex art. 3 comma 1 del D.P.R. 633 del 1972, imponibile in presenza del requisito soggettivo. 2.2 RIACQUISTO DI UN COMPLESSO IMMOBILIARE PRECEDENTEMENTE CONFERITO A UN AZIENDA BANCARIA Con la risoluzione n. 116 dell 8 agosto 2005, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti circa l ambito di applicazione di talune agevolazioni fiscali previste dal D.lgs. n. 153/1999, che, in attuazione della legge delega n. 461 del 1998 relativa al riordino della disciplina fiscale delle operazioni di ristrutturazione del settore bancario, ha introdotto alcune norme

12 6 IVA - LE PRINCIPALI RECENTI INTERPRETAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE tributarie di favore a vantaggio di banche e fondazioni bancarie, al fine di favorire il riordino e il consolidamento del settore. In particolare, nella risoluzione in commento, vengono fornite precisazioni circa l applicazione della norma contenuta nell articolo 16, comma 3, del D.lgs. n. 153/1999, che dispone la non applicazione dell Iva alle operazioni di scorporo di beni immobili non strumentali effettuate, mediante scissione o retrocessione, in favore delle fondazioni o delle società conferenti da parte di banche conferitarie, intendendo con tale espressione le società che - nell ambito del processo di privatizzazione del settore bancario sono state destinatarie del conferimento dell azienda bancaria da parte degli enti pubblici creditizi, successivamente trasformatisi in fondazioni bancarie di diritto privato. Più in dettaglio, nella fattispecie sottoposta all attenzione dell amministrazione finanziaria, una fondazione bancaria aveva chiesto di conoscere se l esclusione dall applicazione dell Iva potesse essere applicata a un operazione di riacquisto di un immobile che la stessa fondazione (nella precedente veste giuridica di ente pubblico creditizio) aveva conferito, come previsto dalle norme introdotte al fine di attuare la privatizzazione del settore bancario, a una società per azioni esercente attività bancaria (banca conferitaria). In proposito, l Agenzia delle Entrate ha avuto modo di precisare che, ai fini della risoluzione del quesito in commento, occorre considerare le decisioni con cui la Commissione europea ha esaminato le agevolazioni tributarie introdotte dal D.lgs. n. 153/1999, al fine di valutarne la compatibilità con la disciplina comunitaria degli aiuti di stato. L esecutivo europeo ha, infatti, affrontato l argomento con una prima decisione dell 11 dicembre 2001, la numero 2002/581/CE relativa al caso C54/A/2000/CE, sancendo l incompatibilità delle agevolazioni destinate alle banche conferitarie, contenute nel D.lgs. n. 153/1999 con le disposizioni comunitarie in materia di aiuti di stato. Chiamata successivamente a pronunciarsi sulle nome agevolative previste dal medesimo decreto a favore delle fondazioni bancarie, la Commissione ha reso, in data 22 agosto 2002, un articolata decisione (la numero 2003/146/CE relativa al caso C54/B/2000/CE), con la quale, con opportuni distinguo, è stata riconosciuta la compatibilità di talune disposizioni con disciplina sugli aiuti di stato. In particolare,

13 OPERAZIONI IMPONIBILI 7 nella decisione in parola viene stabilito che non costituiscono aiuti di stato le disposizioni destinate alle fondazioni bancarie contenute, tra l altro, nell articolo 16, commi 4 e 5 del D.lgs. n. 153/1999; non costituiscono, inoltre, aiuti di stato si legge nell articolo 2 della citata decisione - le disposizioni contenute nell articolo 16, comma 6, e nell articolo 17 del D.lgs. n. 153/1999, che, benché, destinate alle banche conferitarie, rappresentano di fatto agevolazioni di cui beneficiano essenzialmente le fondazioni bancarie. Tra le norme di favore destinate direttamente o indirettamente alle fondazioni bancarie, pertanto legittimamente applicabili in quanto ritenute compatibili con la normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato, non viene, quindi, ricompressa nella decisione comunitaria del 22 agosto 2002 la disposizione contenuta nell articolo 16, comma 3, del D.lgs. n. 153/1999; ne deriva che, essendo tale norma diretta alle banche conferitarie e essendo le agevolazioni destinate a tali banche incompatibili con la disciplina comunitaria ai sensi della decisione datata 11 dicembre 2001, non può trovare applicazione nel caso di specie. Il riacquisto dell immobile da parte della fondazione deve, pertanto, essere regolarmente assoggettato a Iva. 2.3 ATTIVITÀ DI LEASING IMMOBILIARE L articolo 19-bis1, comma 1, lettera i), del DPR n. 633 del 1972, che legittima le sole imprese - aventi per oggetto esclusivo o principale dell attività esercitata la costruzione o la rivendita dei fabbricati o delle porzioni di fabbricati a destinazione abitativa (cioè quelle classificate o classificabili nelle categorie da A1 a A11, esclusa la categoria A10) - alla detrazione dell imposta relativa all acquisto degli stessi, trova applicazione alle società che, su indicazione dei propri clienti, acquistino immobili a uso abitativo, destinati ad attività di agriturismo o di turismo rurale, al fine di concedere loro tali beni in locazione finanziaria, con clausola di riscatto al termine del rapporto a un prezzo inferiore al loro valore residuo. Le aliquote d imposta applicabili ai canoni di locazione finanziaria e al prezzo di riscatto dei beni sono quelle previste in caso di cessione dei beni medesimi e cioè 10 per cento nel caso che l impresa cliente

14 8 IVA - LE PRINCIPALI RECENTI INTERPRETAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE riceva in locazione finanziaria un unità abitativa non di lusso (ex Tabella A, parte II, n. 127-undecies, allegata al DPR Iva) e del 20 per cento, nel caso l impresa cliente riceva in locazione finanziaria un unità abitativa di lusso. Queste le due conclusioni cui è giunta l Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 119/E del 12 agosto 2005, conclusioni sostanzialmente adesive alle soluzioni interpretative prospettate dal contribuente in sede di presentazione di istanza di interpello. Ciò posto, vanno evidenziate le condizioni cui l Agenzia delle Entrate subordina la concessione della rilevanza ai fini dell Iva delle predette operazioni. Infatti, solo il rispetto delle stesse evita che imprese che si limitino a svolgere attività di mero godimento di fabbricati a destinazione abitativa concessi in locazione finanziaria beneficino dell applicazione dell Iva, a monte e a valle, evitando in tal modo di incorrere nell indetraibilità oggettiva e quindi nell assolvimento dell imposta in via definitiva. Invero, fondamentali sono due condizioni: 1. l assimilabilità dell attività di leasing immobiliare all attività di compravendita degli immobili 2. l esercizio di tale attività in modo esclusivo o prevalente. Con riferimento al punto sub 1., l assimilazione operata dall Agenzia tra l attività di leasing immobiliare esercitata dalla società e l attività di compravendita degli immobili prevista dal citato articolo 19-bis1 è operata sul presupposto che il leasing sia da qualificarsi - in base al consolidato orientamento della Corte di cassazione - come leasing traslativo di natura immobiliare, ricorrendo la fondamentale condizione che i canoni costituiscano un anticipazione del prezzo che verrà corrisposto al momento dell eventuale riscatto. Tale condizione, infatti, distingue il predetto leasing traslativo dal leasing di godimento, in cui il canone di locazione viene pattuito come mero corrispettivo dell utilizzazione del bene e non come anticipazione del prezzo di vendita. Ulteriore presupposto da cui desumere la predetta assimilazione è rinvenuto dalla risoluzione in esame nel disposto dell articolo 16 del DPR Iva, il quale prevede che per le prestazioni di servizi dipendenti (...) da contratti di locazione finanziaria (...) l imposta si applica con la stessa aliquota che sarebbe applicabile in caso di cessione dei beni prodotti, dati con contratti di locazione finanziaria (...), anche se - è

15 OPERAZIONI IMPONIBILI 9 precisato - tale disposizione fa esclusivo riferimento a cessioni soggette a imposta, con la conseguenza che non potrà operarsi l assimilazione ogniqualvolta la cessione del bene non rientra nel campo di applicazione dell IVA. Ciò posto, l Agenzia può concludere che con riferimento al caso in esame, si evince che la società istante, che usualmente acquista gli immobili su incarico del cliente e procede alla locazione finanziaria finalizzata alla vendita, realizza un attività che, per quanto detto sopra, è assimilabile alla compravendita immobiliare. Ciò è comprovato anche dal fatto che, in base alle previsioni contrattuali, la società medesima si vincola alla cessione dell immobile. Passando al punto sub 2., cioè l esercizio dell attività di leasing traslativo immobiliare in modo esclusivo o prevalente, la risoluzione in esame richiama la circolare n. 182/E del 1996, secondo cui assume rilevanza l attività effettivamente svolta dall impresa, a nulla rilevando le generiche indicazioni contenute negli atti societari. Ebbene, secondo l Agenzia delle Entrate dagli atti societari e dai dati risultanti dal bilancio dell anno precedente allegato all istanza di interpello, appare altresì manifesto che l attività di locazione finanziaria da leasing traslativo immobiliare assume carattere prevalente rispetto alla restante gestione. Da ultimo, con specifico riferimento alle aliquote d imposta applicabili ai canoni di locazione finanziaria e al prezzo di riscatto dei beni immobili, è precisato che - come chiarito nella citata risoluzione n. 182/E del a tali operazioni non può applicarsi il trattamento di esenzione previsto dal n. 8-bis) dell articolo 10 del DPR Iva, in quanto operazioni poste in essere da soggetto assimilabile ad impresa che ha per oggetto esclusivo o principale dell attività esercitata la compravendita di fabbricati. Come può notarsi, condizioni decisive per l applicazione del regime Iva più favorevole - cioè la detrazione a monte e l imponibilità a valle, rispetto all indetraibilità a monte e l esenzione a valle - sono due: che il leasing sia traslativo e che l esercizio dell attività di locazione finanziaria sia effettivamente prevalente o esclusivo. Ebbene, entrambe le predette condizioni risultano di difficile accertamento in concreto: 1. la prima perché, basandosi la differenza tra leasing traslativo e leasing di godimento sulla qualificazione dei canoni come

16 10 IVA - LE PRINCIPALI RECENTI INTERPRETAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE anticipazione del prezzo che verrà corrisposto al momento dell eventuale riscatto, solo sui contratti di leasing che non prevedano alcuna clausola di riscatto del bene non potranno sussistere dubbi sulla loro natura di leasing di godimento; in ogni altro caso, occorre procedere, da un lato, a una delicata indagine delle clausole contrattuali e, dall altro lato, alla perizia del bene al momento del riscatto, al fine di verificare se il prezzo di vendita sia effettivamente inferiore al valore residuo di mercato 2. la seconda perché richiede un indagine fattuale della complessiva attività d impresa esercitata. 2.4 LOCAZIONE DI UN FABBRICATO ABITATIVO DA PARTE DI UNA COOPERATIVA COSTRUTTRICE DELL ALLOGGIO L articolo 3 del DPR 633/72 individua, tra le varie prestazioni di servizi che determinano il requisito oggettivo necessario all applicazione dell Iva, anche le concessioni di beni in locazione, affitto, noleggio e simili. Il numero 8 dell articolo 10 inserisce, tuttavia, determinate locazioni tra le operazioni per le quali è stata prevista l esenzione. Sono, infatti, considerate in genere esenti le locazioni non finanziarie di fabbricati (quindi non il leasing) con le seguenti esclusioni: le locazioni degli immobili strumentali, non diversamente utilizzabili le locazioni di civili abitazioni poste in essere da imprese che le avevano costruite per la successiva rivendita. In tal senso, la circolare 54 del 19/6/2002 precisa che la disposizione non consente di adottare soluzioni interpretative diverse da quelle desumibili dallo stretto tenore letterale. Ma più interessante risulta la conseguente individuazione dei soggetti che possono accedere, in occasione della locazione, al titolo di esenzione dell operazione. Specifica, infatti, la circolare che tutte le imprese che concedono in locazione fabbricati abitativi, sia che si tratti di imprese che hanno proceduto alla ristrutturazione degli stessi, che di imprese di compravendita immobiliare o di altro tipo di imprese, ad

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE CON ESAME DELLE DIVERSE E PIU RECENTI CASISTICHE a cura del Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) Disciplina

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli