Concetti base per la protezione dalle esplosioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concetti base per la protezione dalle esplosioni"

Transcript

1 Concetti base per la protezione dalle esplosioni 1

2 2

3 Direttiva 94/9/CE del 23/3/1994 Direttiva ATEX 95 detta anche nuovo approccio 3 Entrata in vigore l 1/3/1996 facoltativamente. Recepita in Italia con Decreto N. 126 del 23 marzo Dall 1 Luglio 2003 la sua applicazione è obbligatoria. Include tutti i rischi di esplosione sia di natura elettrica che non di natura elettrica

4 Atmosfere potenzialmente esplosive 4 Perché si formi un'atmosfera esplosiva, il materiale infiammabile deve essere presente in una determinata concentrazione. Se la concentrazione è troppo bassa (miscela povera) o troppo alta (miscela ricca) non si verifica alcuna esplosione; si produce solamente una lenta reazione di combustione, se non addirittura nessuna reazione. È solo nel range compreso tra i limiti minimo e massimo di esplosione che la miscela reagisce in modo esplosivo quando innescata. I limiti di esplosione dipendono dalla pressione dell'ambiente e dalla percentuale di ossigeno presente nell'aria.

5 Gruppi e categorie di apparecchi 5 Gruppo I Miniera ed impianti di superficie collegati Categoria M1 Livello di protezione molto elevato Categoria M2 Livello di protezione elevato Gruppo II Altri impianti di superficie Categoria 1 Livello di protezione molto elevato Categoria 2 Livello di protezione elevato Categoria 3 Livello di protezione normale

6 Gruppo II - Zone 6 GAS POLVERE Frequenza e durata della presenza di un atmosfera esplosiva 0 20 Sempre presente o per lunghi periodi o frequentemente 1 21 Occasionalmente 2 22 Improbabile CEI : Guida alla applicazione della Norma CEI EN (CEI 31-30) : Classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili CEI : Guida alla Classificazione dei luoghi dove sono o possono essere presenti polveri combustibili nel rispetto della Norma CEI EN (CEI 31-66)

7 Gruppo II Categorie - Zone 7 Categoria GAS POLVERE Frequenza e durata della presenza di un atmosfera esplosiva Sempre presente o per lunghi periodi o frequentemente Occasionalmente Improbabile Livello di protezione Molto elevata 2 Mezzi di prot. 2 difetti elevata 1 mezzo di prot. 1 difetto normale garantita in normali condizioni operative

8 Classe di temperatura (gruppo II) 8 Temperatura massima della superficie Codici T CENELC IEC 450 C T1 300 C T2 200 C T3 135 C T4 100 C T5 85 C T6 N.B. Per le applicazioni del Gruppo I l'apparecchio ha limiti di temperatura 150 C (con strato di polvere) e 450 C (senza strato di polvere) (non esistono classi T).

9 Gruppi di apparecchi & classi di temperature per materiali infiammabili comuni 9 Gas/vapore Gruppo apparecchi Classe di temperatura Acido acetico IIA T1 Acetone IIA T1 Acetilene IIC T2 Ammoniaca IIA T1 Butano IIA T2 Cicloesano IIA T3 Etanolo (alcol etilico) IIA T2 Etilene IIB T2 Idrogeno IIC T1 Cherosene IIA T3 Metano (gas naturale) (non minerario) IIA T1 Metanolo (alcol metilico) IIA T2 Metileltilchetone (MEK) IIB T2 Propano IIA T1 Propano-1-ol (alcol n-propilico) IIB T2 Propano-2-ol (alcol iso-propilico) IIA T2 Tetraidrofurano (THF) IIB T3 Toluene IIA T1 Xilene IIA T1

10 Procedura di valutazione della conformità 10

11 11 Elettrico Simbolo Gas/ Polvere Zona/e Tipica/e Sicurezza aumentata e 1 EN Tipo "n" (non scintillante ) na 2 EN A prova di esplosione d 1 EN Tipo "n" (Incapsulato) nc 2 EN Riempito di quarzo/sabbia Q 1 EN IEC/EN solo bozza con scadenza 2006 Norma (stato a Gen. 2006) Gas Polvere Concetto base di protezione Nessun arco, scintilla o superficie calda Contiene l'esplosione, spegne la fiamma Sicurezza intrinseca Ia/iaD 0,20 EN Intrinsecamente sicuro Ib/ibD 1,21 EN Tipo "n" (limitazione di energia) nl 2 EN EN Limita l'energia delle scintille e le temperature della superficie Pressurizzato p/pd 1,21,22 EN EN Tipo "n" (Respirazione Limitata) nr 2 EN Incapsulamento Ma/maD 0,20 EN Incapsulamento Mb/mbD 1,21 EN EN Tiene fuori il gas infiammabile Immersione in olio O 1 EN Involucro td 20,21,22 EN Protezione mediante involucro

12 12 Marcatura

13 13 Tipi di protezione Contenitore a prova di esplosione Marcatura "Ex d" II 2 G in conformità con IEC Principio In questo modo di protezione è consentito che l atmosfera esplosiva venga in contatto con i circuiti elettrici in tensione. Questi dovranno però essere racchiusi all interno di una custodia appositamente studiata per resistere alla pressione sviluppata a causa di un eventuale esplosione all interno della stessa e impedire il propagarsi della fiamma all esterno della custodia e di innescare l atmosfera esplosiva esterna ad essa. Importanti parametri di progettazione Determinazione della Pressione di esplosione Prova di sovrapressione (Statica o dinamica) Prova di tenuta alla fiamma I parametri per gli interstizi che prevengono la trasmissione dell'innesco, larghezza/lunghezza, sono differenti per i sottogruppi di esplosione IIA, IIB e IIC. I requisiti più severi per i parametri degli interstizi vengono applicati ai contenitori del sottogruppo di esplosione IIC. Applicazioni Apparecchi che durante il normale funzionamento generano scintille, archi elettrici e/o superfici calde, come interruttori, anelli di contatto, anelli del collettore, resistori regolabili, fusibili o lampade, elementi riscaldanti, freni ad attrito.

14 14 Tipi di protezione Protezione mediante contenitore Marcatura "Ex td" II 2 D (3D) in conformità con IEC Principio Il contenitore è sigillato in modo così ermetico da non consentire l'infiltrazione di polvere combustibile. La temperatura della superficie del contenitore esterno è limitata a valori che non innescano l esplosione. Importanti parametri di progettazione TI >20 C +Tmax(Zona 21), TI > 10 C +Tmax Zona 22 Lega Al con Mg < 7.5% Zona 21 IP 6X Zona 21, IP 5X zona 22 (polveri non conduttive), IP6X polveri conduttive Prese interbloccate (Zona 21 e Zona 22) Tmax con situazione di guasto (Zona 21), Tmax in condizioni funzionamento normale Invecchiamento + 20 C Tmax (Zona 21), +10 C Tmax per Zona 22 Resistenza raggi UV (Zona 21) secondo ISO4812 Prova invecchiamento guarnizioni per Zona 21 Urto 7 Joule (Zona 21, Zona 22) Applicazioni Vari apparecchi che durante il normale funzionamento producono scintille, archi elettrici o superfici calde e complessi disegni industriali (controller) che, grazie a questo tipo di protezione, possono essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva.

15 15 Tipi di protezione Protezione a sicurezza aumentata Marcatura "Ex e" II 2 G in conformità con IEC Principio In questo metodo di protezione vengono applicate determinate misure di protezione che devono impedire, con elevato coefficiente di sicurezza, la formazione di archi o scintille, o la possibilità di temperature tali da innescare la miscela esplosiva Importanti parametri di progettazione TI >20 C +Tmax Materiale antistatico (R< 1 Gohm) Lega Al Mg<7.5% IP 54 minimo Prese interbloccate Tmax < 5 C Classe Temp (T6,T5,T4,T3) <10 C classe temp (T2,T1) Resistenza raggi UV (ISO 4812) Invecchiamento : +20 C Tmax Urto 7 Joule Applicazioni Materiale impiantistico come cassette di distribuzione, armadi di connessione per sistemi di riscaldamento, batterie, trasformatori, reattori e motori a gabbia.

16 16 Tipi di protezione Apparecchi non scintillanti Marcatura "Ex na" II 3 G in conformità con IEC Principio Questo principio si applica ad apparecchiature non scintillanti, cioe che nel funzionamento ordinario non producono archi, scintille o punti caldi (cassette di derivazione, portafusibili, apparecchi illuminanti) Importanti parametri di progettazione TI = 10 C +Tmax IP 54 minimo Prese interbloccate Tmax < 5 C Classe Temp (T6,T5,T4,T3), Tmax Invecchiamento : +10 C Tmax Resistenza raggi UV (ISO 4812) Materiale antistatico (R< 1 Gohm) Urto 7 Joule <10 C classe temp (T2,T1) Applicazioni Materiale impiantistico come scatole di derivazione, armadi di connessione, macchine elettriche rotanti, fusibili speciali, lampade, celle e batterie, trasformatori e apparecchi a bassa energia.

17 17 Tipi di protezione Contenitore a respirazione limitata Marcatura "Ex nr" II 3 G in conformità con IEC Principio I contenitori sono progettati in modo da limitare l'ingresso di gas. Si applica ad apparecchiature scintillanti cioè che nel funzionamento ordinario producono archi o scintille o punti caldi (Interruttori, contattori, relè, resistenze calde, bimetalli, motori) Importanti parametri di progettazione TI > 10 C +Tmax IP54 Minimo Prese interbloccate Tmax < 5 C Classe Temp (T6,T5,T4,T3), Tmax <10 C classe temp (T2,T1) Temp aria interna temp aria esterna < 10 C Punto di verifica della pressione (3mBar 1.5 mbar, 80 sec) Materiale antistatico R< 1 Gohm Resistenza UV secondo ISO 4812 Invecchiamento guarnizioni Urto 7Joule Applicazioni Interruttori, strumenti di misurazione e monitoraggio.

18 18 Zone Ricarica batterie CEI EN (Guida CEI 31-35) Luoghi all aperto: attenzione tettoie Luoghi al chiuso: necessaria areazione artificiale (CEI 21-42) Mantenere la concentrazione idrogeno < 4% Zona 1: Sfiati Coperchi accumulatori Zona 2: Volume circostante (Sfera 0.5 m, CEI EN ) Ammesso modo protezione Ex nr

19 Autofficine 19 Considerare la possibilità di rischio di incendio (Luoghi MARCI CEI 64-8/7) Autofficine soggette a CPI (capienza superiore a 9 autoveicoli) Guida CEI ( CEI EN ) Altezza componenti elettrici dal pavimento > 1.5 m

20 Locali verniciatura 20 Deposito vernici superiore 500 kg (Locali soggetti a CPI) Luoghi MARCI ( CEI 64-8/7) Deposito Contenitori sigillati non sono considerati fonte di emissione Box di verniciatura : Zona 2 Guida CEI 31-35

21 Centrali Termiche 21 Potenza inferiore 35 kw : Luoghi ordinari Potenza superiore a 116 kw ( kcal/h) : CPI Norma CEI 64-8/7 (Luoghi a maggior Rischio in caso incendio) Ambiente ordinario : Apparecchi a gas conformi al DPR 661/96 e senza parte impianto con discontinuità Ambiente ordinario : Apparecchi a gas non conformi al DPR 661/96 ma rispondenti alla CEI variante 2, tabella GF-3.5.1(caratteristiche gas, pressione nominale, dimensione foro emissione, ventilazione tec.) Guida CEI per la classificazione ATEX

22 Grandi Cucine 22 Cucine fino a 35 kw (Senza dipendenti) : Luogo ordinario Cucine con potenza superiore a 116 kw ( kcal/h) : CPI Impianti a gas conformi al DM 661/96 e senza discontinuità : luogo ordinario Classificazione norme CEI (CEI EN ), Guida CEI Zona 2 : Dipende dalla areazione

23 Settori con pericolo Di esplosione per le polveri 23 Settore industria del legno ( Operazioni di lavorazione del legno che formano nei filtri, nei silos etc. miscele esplosive) Settore metallurgia (Produzione di pezzi stampati in metallo, durante il trattamento di smerigliatura possono formarsi polveri esplosive) Industria farmaceutica (Dove vengono utilizzate sostanze alcoliche in qualità di solventi, oppure si utilizzano polveri come il lattosio che può dar luogo a esplosione da polvere) Industria alimentare e mangimistica (nel trasporto e stoccaggio di cereali possono formarsi polveri esplosive. Settore produzione energia (Produzione da carbone in pezzi, non esplosivo, in miscela con aria possono formarsi polveri di carbone capaci di esplodere)

24 Falegnamerie 24 Da considerare la formazioni di nubi di polvere esplosive Deposito > 50 quintali legno (CPI) Luogo con pericolo di incendio ( Luogo MARCI) Prevedere mezzi di aspirazione polvere Classificazione zone pericolose secondo la norma CEI (CEI EN ) e guida CEI Zona 21 : utensile in lavorazione fino alla cappa Zona 22 : 1 metro distanza cono di aspirazione cappa

25 Forni - Pastifici 25 Da considerare la formazioni di nubi di polvere esplosive Produzione giornaliera > 500 quintali Luogo con pericolo di incendio ( Luogo MARCI) Prevedere mezzi di aspirazione polvere Classificazione zone pericolose secondo la norma CEI (CEI EN ) e guida CEI Zona 21 : origine di polvere combustibile (Versamento di farina) - Zona 22 : contorno della zona di lavorazione

26 Silos per Cereali 26 Luogo soggetto a CPI se deposito > 500 quintali Zona 20 : interno del sistema di contenimento Zona 21 : Bocche di carico e scarico (per 1 metro da SE) Zona 22 : area circostante le bocche di carico e scarico Classificazione zone pericolose secondo la norma CEI (CEI EN ) e guida CEI

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di.

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di. Direttiva ATEX 94/9/CE info@atexsafetyservice.it www.atexsafetyservice.it Ing. Maurizio Toninelli ATmosfera EXplosiva. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti LA COMBUSTIONE Combustibile Energia di innesco Comburente Un po di storia Inghilterra 1913: esplosione per cause

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

Guida alla marcatura ATEX delle apparecchiature Ex

Guida alla marcatura ATEX delle apparecchiature Ex Guida alla marcatura ATEX delle apparecchiature Ex 1 / 8 1 Aree con pericolo di Esplosione Classificazione ZONE Si definisce «atmosfera esplosiva» una miscela di aria, in condizioni atmosferiche, con sostanze

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

154 ATEX - ATmosphere EXplosive

154 ATEX - ATmosphere EXplosive 154 ATEX - ATmosphere EXplosive DIRETTIVA 94/9/CE (ATEX= ATMOSPHERE EXPLOSIVE) DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO (23-03 - 1994). Impatto sugli apparecchi per illuminazione APPLICAZIONI Le armature

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI Conoscere il rischio / Atmosfere esplosive CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI 1. Limiti di infiammabilità 1.1 Miscele di gas e vapori Le miscele comburente - combustibile si possono infiammare solo

Dettagli

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi DIRETTIVA ATEX 94/9/CE PER ATMOSFERE ESPLOSIVE - Obblighi di legge per le aziende con zone a rischio di esplosione. BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi ATMOSFERE ESPLOSIVE DIRETTIVE ATEX

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02) C 306/2 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

Mezzi Soccorso Bremach Eex

Mezzi Soccorso Bremach Eex Mezzi Soccorso Bremach Eex Presidi DPI Eliminazione Innesco Cause Innesco Contatto Fiamma Libera Contatto Scariche Elettriche Contatto Superfici Calde Contatto Scintille Zona Avanzamento Eliminazione Innesco

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano Corso di Formazione ATEX Modulo 3 Docenza: Gonzato Ing. Stefano Patrocinio Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Vicenza Associazione dei Periti Industriali della

Dettagli

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature. SOCIETÀ DI INGEGNERIA PER LE COSTRUZIONI, L AMBIENTE, LA SICUREZZA Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Dettagli

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX)

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) al 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell Unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione Guida agli impianti ATEX Normative, installazioni e soluzioni 20 13 I edizione Gewiss Group FRANCE Gewiss France - Les Ulis germany Gewiss Deutschland - Merenberg united kingdom Gewiss U.k. - Cambourne

Dettagli

Rischio Elettrico In Ambienti di Lavoro

Rischio Elettrico In Ambienti di Lavoro Rischio Elettrico In Ambienti di Lavoro Vademecum A cura del GRUPPO RISCHIO ELETTRICO ANNO 2010 Quest opuscolo rappresenta un estratto dei principali argomenti di autoformazione affrontati dal gruppo di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI. Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI)

CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI. Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI) CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI) Committente PROTEKNO S.r.l. Via Pavia n.10 MUGGIO (MB) Milano,

Dettagli

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm Dimensioni M12x1 4 17 32 35 0102 LED Codifica PEPPERL+FUCHS NCB2-12GM35-N0 Caratteristiche Linea comfort 2 mm allineato Applicabile fino a SIL 2 secondo IEC 61508 Allacciamento Schema elettrico N / N0

Dettagli

ebook Linee guida sul locale batterie Seguici su:

ebook Linee guida sul locale batterie Seguici su: ebook Linee guida sul Seguici su: Introduzione Le batterie di accumulatori stazionari sono la sorgente di energia di riserva più adeguata per l applicazione nei sistemi statici di continuità e possono

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE

MISURE DI PREVENZIONE MISURE DI PREVENZIONE 1. Inertizzazione Allo scopo di impedire che si verifichi l esplosione di una miscela aria/gas o vapori infiammabili o di una nube di polvere-aria è possibile aggiungere alla atmosfera

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E.

consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E. S T U D I O P I C A consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E. PICA 21 giugno 2013 Termoli (CB) 1 I PERSONAGGI EX

Dettagli

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Salvatore Iannello 30 giugno 2003 Ex Attrezzature esistenti Devono risultare

Dettagli

GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1

GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1 GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1 Involucri Funzioni dell involucro: proteggere i componenti dagli agenti nocivi esterni impedire l ingresso dell acqua e dei corpi solidi proteggere le persone dai contatti

Dettagli

MT MOTORI ELETTRICI. Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose

MT MOTORI ELETTRICI. Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose MT MOTORI ELETTRICI Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose 1-II-2G 21-II-2D INDICE 1. Introduzione 2. Ambito di applicazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE PER LA PRESENZA DI GAS, VAPORI, NEBBIE E POLVERI INFIAMMABILI

RELAZIONE TECNICA DI CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE PER LA PRESENZA DI GAS, VAPORI, NEBBIE E POLVERI INFIAMMABILI doglione p.i. flavio... progettazione e consulenza globale per l'impiantistica elettrica e fotovoltaica... via bonzanigo n.11, 14100 asti... tel/fax +39 0141595925 email doglione@libero.it... p.i. 01297560052

Dettagli

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi di Gianluca Saputi, Dipartimento Omologazione e Certificazione ISPESL Il pericolo di esplosioni dovute a polveri

Dettagli

Guida: impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - seconda parte -

Guida: impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - seconda parte - Guida: impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - seconda parte - Pubblicato il: 21/09/2003 Aggiornato al: 27/10/2003 di Gianfranco Ceresini Seconda parte della Guida sugli impianti elettrici

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Qualità Provata. Qualità Certificata

Qualità Provata. Qualità Certificata Qualità Provata Prova di diffusione Idrogeno: gas inodore, incolore e altamente infiammabile Contenitore saturo di idrogeno con quadro TAIS-EX I prodotti ATEX di Palazzoli sono immersi per più di 4 ore

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L (Ex d) e FLFE-...22L (Ex de)

Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L (Ex d) e FLFE-...22L (Ex de) SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 2 07/2014 Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L (Ex d) e FLFE-...22L (Ex de) 1 - Scheda Nuovo Prodotto - Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L

Dettagli

Sistemi di bonifica dell ambiente

Sistemi di bonifica dell ambiente Sistemi di bonifica dell ambiente Per definire il tipo di zona pericolosa generata dalla sorgente di emissione (per effetto della fuoriuscita della polvere dal sistema di contenimento) AtexPOLVERI chiede

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

ATEX LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX SOMMARIO CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE

ATEX LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX SOMMARIO CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE SOMMARIO LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX ATEX CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE PRINCIPI DI SICUREZZA CONTRO L ESPLOSIONE DIRETTIVA 1999/92/CE DIRETTIVA 94/9/CE PANORAMA NORMATIVO ESPLOSIVO

Dettagli

Modulo 5.1 Normativa ATEX

Modulo 5.1 Normativa ATEX Corso di Strumentazione e Automazione Industriale Modulo 5.1 Normativa ATEX Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Department of Industrial Engineering (DIN)

Dettagli

ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA

ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA 1999/9/CE 014/34/UE 1999/9/CE Luoghi con pericolo di esplosione, classificazione aree, misura di prevenzione e protezione contro le esplosioni. Valutazione a carico di chi

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

2 GLI ASPETTI TECNICI

2 GLI ASPETTI TECNICI INTRODUZIONE pag. 53 Cap.1 LA STORIA 1.1 - CENNI STORICI e CURIOSITA pag. 54 1.2 - BREVE STORIA NORMATIVA ITALIANA pag. 56 1.3 - LA PROGRESSIVA SOSTITUZIONE DELLA NORMA CEI 64-2 pag. 57 Cap. 2 GLI ASPETTI

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN Pag. 1/6 Motori asincroni SERIE LEN 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di polveri combustibili anche elettricamente conduttrici.

Dettagli

www.rechner-sensors.com

www.rechner-sensors.com www.rechner-sensors.com Catalogo Prodotti certificati atex Gas: Zona 0, 1 e 2 Polvere: Zona 20, 21 e 22 Per tutte le transizioni vengono applicate le più aggiornate Condizioni generali di vendita e di

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX Pag. 1/7 Motori asincroni SERIE LEX 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di: gas, vapori, nebbie infiammabili (II 3G) polveri

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE I FATTORI DI RISCHIO Ing. Guido SAULE I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO I rischi lavorativi presenti negli ambienti di lavoro, in conseguenza dello svolgimento delle attività lavorative in un determinato

Dettagli

Le direttive Europee di Prodotto

Le direttive Europee di Prodotto . Le direttive Europee di Prodotto Ing. Giorgio Zerboni Roma, 19 aprile 2011 1 Le Direttive Europee Le Direttive europee sono le regole generali che l Unione Europea si è data in ogni settore e, quindi,

Dettagli

Audit e verifiche di conformità in Enti dell Aeronautica Militare a rischio esplosione Cap. G.A.r.n. SPE Massimo VIRGA

Audit e verifiche di conformità in Enti dell Aeronautica Militare a rischio esplosione Cap. G.A.r.n. SPE Massimo VIRGA Aeronautica Militare Audit e verifiche di conformità in Enti dell Aeronautica Militare a rischio esplosione Cap. G.A.r.n. SPE Massimo VIRGA SOMMARIO ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO LOGISTICO CHIMICO-FISICO

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

99/92/CE ed i rischi legati alle atmosfere esplosive negli impianti di produzione

99/92/CE ed i rischi legati alle atmosfere esplosive negli impianti di produzione Le direttive ATEX 94/9/CE e 99/92/CE ed i rischi legati alle atmosfere esplosive negli impianti di produzione AMGAS MEETING Bari 06 dicembre 2010 1 INDICE 8 Riferimenti legislativi e riferimenti normativi

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri

Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Barbara Basso Art. 289 - Prevenzione e protezione contro le esplosioni Il datore di lavoro adotta le misure tecniche e

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

SLFE. Vano parti elettriche Ex de. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Facile accesso laterale per. sostituzione lampada

SLFE. Vano parti elettriche Ex de. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Facile accesso laterale per. sostituzione lampada Vano parti elettriche SLFE - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Facile accesso laterale per sostituzione lampada - Ottima resa alle basse temperature -50 C - Zona 1, 2, 21, 22 Vetro

Dettagli

Performance Chemicals Applicazione direttiva ATEX sul campo

Performance Chemicals Applicazione direttiva ATEX sul campo Applicazione direttiva ATEX sul campo Marco Sabattini Supervisore Manutenzione Elettro-strumentale 1 Location Site Italy Il maggiore sito produttivo di BASF in Italia 2 Overview L impianto di impiega ca

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

ASPIRATORI PER AMBIENTI AD ATMOSFERA POTENZIALMENTE ESPLOSIVA

ASPIRATORI PER AMBIENTI AD ATMOSFERA POTENZIALMENTE ESPLOSIVA ASPIRATORI PER AMBIENTI AD ATMOSFERA POTENZIALMENTE ESPLOSIVA Ventilazione sotto controllo LA SEDE VORTICE NEL MONDO La sede di Vortice France, Cretéil si trova a circa 1 Km da Parigi ed è operativa dal

Dettagli

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Giovanni Michele Sai La prevenzione delle esplosioni da polvere, La è uno strumento necessario

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

Nuova armatura illuminante con tecnologia LED a fosfori remoti serie EV...-50...L

Nuova armatura illuminante con tecnologia LED a fosfori remoti serie EV...-50...L SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 0 11/2012 Nuova armatura illuminante con tecnologia LED a fosfori remoti serie EV...-50...L 1 - Scheda Tecnica Nuovo Prodotto - Armatura illuminante serie EV...-50...L

Dettagli

Apparecchi di pesatura con protezione antideflagrante per tutte le aree di utilizzo direttiva europea (Atex)

Apparecchi di pesatura con protezione antideflagrante per tutte le aree di utilizzo direttiva europea (Atex) Apparecchi di pesatura con protezione antideflagrante per tutte le aree di utilizzo direttiva europea (Atex) La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Una tradizione di sicurezza Sartorius

Dettagli

SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX

SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX Manuale delle istruzioni di sicurezza La riproduzione parziale o totale di questo documento è proibita. Per ottenere copia di tale documento si prega di contattare ETEA

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione Nell industria dei costruttori di macchine, oltre alle macchine stesse, i produttori esportano verso i mercati globali anche gli standard

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

Il recepimento delle direttive comunitarie

Il recepimento delle direttive comunitarie SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IGIENE E SICUREZZA I metodi per la progettazione, la costruzione, le prove e la marcatura sono specificati nella norma EN 13463-1 Direttive ATEX: adempimenti e certificazione per

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

La ventilazione civile e industriale. La ventilazione delle abitazioni. Clima

La ventilazione civile e industriale. La ventilazione delle abitazioni. Clima La ventilazione civile e industriale Lo scopo primario della ventilazione è quello di assicurare la necessaria qualità dell aria negli ambienti (indoor air quality - IAQ) rimuovendo le sostanze nocive

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

Sicurezza per la produzione Sistemi di rilevazione ed estinzione scintille per l'industria realizzati in Finlandia

Sicurezza per la produzione Sistemi di rilevazione ed estinzione scintille per l'industria realizzati in Finlandia Sicurezza per la produzione Sistemi di rilevazione ed estinzione scintille per l'industria realizzati in Finlandia Gli incendi e le esplosioni di polveri possono essere prevenuti in modo affidabile usando

Dettagli

Arturo Cavaliere e Paolo Scardamaglia

Arturo Cavaliere e Paolo Scardamaglia Guida all applicazione delle direttive ATEX Il software allegato Atmosphere Explosive consente: la classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per presenza di gas e/o polveri; la valutazione

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi di Gianluca Saputi Dipartimento Omologazione e Certificazione ISPESL ISPESL l pericolo di esplosioni dovute

Dettagli

1985: RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ

1985: RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ 1985: RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE DEL 1985: DIRETTIVE TIPO "NUOVO APPROCCIO alleanza tra legislazione comunitaria e normazione Le istituzioni comunitarie si limitano ad armonizzare,

Dettagli

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE 15 SISTEMI DI CALDAIE IN CASCATA MODULI MULTIBLUE La semplicità della modularità 1 2 14 11 10 3 14 17 6 9 15 4 13 8 5 16 12 7 COMPONENTI PRINCIPALI 1. Kit collettore

Dettagli

SISTEMI RADIANTI PER TRATTAMENTI TERMICI

SISTEMI RADIANTI PER TRATTAMENTI TERMICI SISTEMI RADIANTI PER TRATTAMENTI TERMICI www.infragas.com CHI SIAMO INFRAGAS si dedica dal 1971 allo sviluppo ed alla diffusione della Tecnologia Catalitica dei pannelli infrarossi a gas per trattamenti

Dettagli

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Fabio Olivieri ATEX DAY Desenzano del Garda, 26 giugno 2015 DPR 462 del 22 Ottobre 2001

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli