APPLICAZIONI GEODETICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPLICAZIONI GEODETICHE"

Transcript

1 APPLICAZIONI GEODETICHE Applicazioni Geodetiche - Strumenti di Misura Grado di protezione degli involucri International Protection - Codice IP - Laboratorio Topografico Via Giovanni XXIII, Cantù CO - Italia Tel Fax Http: PI Pubblicazione curata e redatta da. E' vietata la riproduzione, anche parziale, del presente documento.

2 - Applicazioni Geodetiche Pagina 2 Internal Protection Codice IP Codice IP - Internal Protection Premessa Definire l attitudine di un apparecchiatura a proteggere le parti in esso contenute. Questo è il presupposto a cui gli Enti normatori si sono preoccupati di emanare una normativa, CEI-EN (CEI 70-1) Grado di Protezione degli Involucri (Codice IP), in grado di stabilire un grado di protezione delle parti interne di una qualsivoglia apparecchiatura. 1.0 Struttura del Codice IP STRUTTURA CODICE IP IP 2 3 C H Lettere caratteristiche (Protezione Internazionale) Lettera supplementare (opzionale) (lettere H,M,S,W) Prima cifra caratteristica (cifra da 0 a 6 o lettera X) Lettera addizionale (opzionale) (lettere A,B,C,D) Seconda cifra caratteristica (cifra da 0 a 6 o lettera X)

3 - Applicazioni Geodetiche Pagina 3 Internal Protection Codice IP 1.1 Significato della prima cifra caratteristica Prima cifra Codice IP Protezione delle persone i corpi estranei Prove da effettuarsi 0 IP Nessuna protezione. Nessuna protezione Nessuna prova 1 IP pericolose del dorso della mano. uguale a 50 mm. Il calibro (sfera con un diametro di 50 una forza di 50N. 2 IP pericolose del dito. uguale a 12.5 mm. Il calibro (sfera con un diametro di 12.5 una forza di 50N. Il dito di prova articolato (diametro 12 mm, lunghezza 80 mm) deve rimanere ad una adeguata distanza dalle parti pericolose. 3 IP pericolose con un attrezzo (es. cacciavite). uguale a 2.5 mm. diametro di 2.5 mm e lunghezza 100 una forza di 3N. 4 IP pericolose con un filo. uguale a 1.0 mm. 5 IP pericolose con un filo. Parziale protezione contro la polvere. La polvere non deve penetrare in quantità tale da nuocere agli apparecchi installati. 6 IP Totale protezione contro la polvere. La polvere non deve penetrare. Il diametro massimo del calibro di prova non deve penetrare attraverso l involucro. Qualora il codice IP sia composto da almeno due cifre, si può, in luogo della prima cifra, riportare la lettera X quando non è necessario indicare uno specifico grado di protezione. Tabella 1

4 - Applicazioni Geodetiche Pagina 4 Internal Protection Codice IP 1.2 Significato della seconda cifra caratteristica Seconda Cifra Caratteristica Gradi di Protezione Descrizione Sintetica Descrizione Completa 0 Non protetto Protetto contro la caduta verticale di gocce d acqua. Le gocce d acqua che cadono verticalmente non devono provocare effetti dannosi. 2 Protetto contro la caduta verticale di gocce d acqua con una inclinazione dell apparecchio fino a 15. Le gocce d acqua che cadono verticalmente non devono provocare effetti dannosi quando l apparecchio e inclinato fino a 15 rispetto alla sua posizione verticale. 3 Protetto contro la pioggia. L acqua che cade a pioggia da una direzione facente con la verticale un angolo fino a 60 non deve provocare effetti dannosi. 4 Protetto contro gli spruzzi d acqua. L acqua spruzzata sull apparecchio da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi. 5 Protetto contro i getti d acqua. L acqua proiettata con un getto sull apparecchio da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi. 6 Protetto contro i getti d acqua potenti. L acqua proiettata con un getti potenti sull apparecchio da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi. 7 Protetto contro gli effetti dell immersione temporanea. Non deve essere possibile la penetrazione d acqua in quantità dannosa quando l involucro è immerso temporaneamente in acqua in condizioni specificate di pressione e di durata. 8 Protetto contro gli effetti dell immersione continua. Non deve essere possibile la penetrazione d acqua in quantità dannosa quando l involucro è immerso in acqua con continuità nelle condizioni concordate tra il costruttore e l utente, ma che sono più severe di quelle previste per la seconda cifra caratteristica 7. La lettera X viene utilizzata al posto della 1ma e/o 2da cifra caratteristica quando non è necessario indicare uno specifico grado di protezione. Tabella 2

5 - Applicazioni Geodetiche Pagina 5 Internal Protection Codice IP 1.3 Significato della prima lettera addizionale Lettera Addizionale Gradi di Protezione Descrizione Sintetica Descrizione Completa A Protetto contro l accesso con il dorso della mano. Il calibro di accessibilità di diametro 50mm e di lunghezza 50mm B Protetto contro l accesso con un dito. Il dito di prova articolato di diametro 12mm e di lunghezza 80mm C Protetto contro l accesso con un attrezzo. Il calibro di accessibilità di diametro 2.5mm e di lunghezza 100mm D Protetto contro l accesso con un filo. Il calibro di accessibilità di diametro 1.0mm e di lunghezza 100mm La prima lettera addizionale consente di definire lo specifico grado di protezione delle persone contro pericolose, per cui può essere utilizzata ( a seconda delle esigenze ) in aggiunta alla prima cifra (es. IP2XB) o senza la prima cifra (es. IPXXB). 1.3 Significato della prima lettera addizionale Tabella 3 Lettera Addizionale Significato H Apparecchiatura ad alta tensione M Provato contro gli effetti dannosi dovuti all ingresso d acqua, quando le parti mobili dell apparecchiatura (per es. rotore di una macchina rotante) sono in moto. S Provato contro gli effetti dannosi dovuti all ingresso d acqua, quando le parti mobili dell apparecchiatura (per es. rotore di una macchina rotante) sono in moto. W Adatto all uso in condizioni atmosferiche specificate e dotato di misure o procedimenti protettivi addizionali. Tabella 4

Protezione dai Contatti Diretti

Protezione dai Contatti Diretti Contatto Diretto Protezione dai Contatti Diretti La protezione delle persone contro i contatti diretti può essere ottenuta mediante: Isolamento delle parti attive. La parti attive devono essere ricoperte

Dettagli

Asso@eraulica. Titolo: gradi di protezione degli involucri (Codice IP-International Protection)

Asso@eraulica. Titolo: gradi di protezione degli involucri (Codice IP-International Protection) OGGETTO: gradi di protezione degli involucri NORMA: CEI 70-1 NORME CORRELATE : nazionali CEI 70-3, europee EN 60529, internazionali IEC 529 Data di pubblicazione: 06/1997 seconda edizione Validità: in

Dettagli

3 Protetto contro i corpi solidi superiori a 2,5mm (arnesi, fili) GENERALITA'

3 Protetto contro i corpi solidi superiori a 2,5mm (arnesi, fili) GENERALITA' GENERALITA' Il codice IP (International Protection) identifica i gradi di protezione degli involucri per apparecchiature elettriche. La prima codifica comparve sulla norma CEI 70-1 (1980), cui fece seguito

Dettagli

GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP

GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP Avremo tutti sentito molte volte, riferendosi ad apparecchiature elettriche in genere, la dicitura "protezione IP";facciamo dunque un pò di chiarezza sul significato di

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

Dossier tecnico n 7. Involucri e gradi di protezione

Dossier tecnico n 7. Involucri e gradi di protezione Dossier tecnico n 7 Involucri e gradi di protezione Involucri e gradi di protezione Dossier tecnico n 7 Redatto a cura del Attività Bassa Tensione La protezione delle persone contro i contatti diretti

Dettagli

Orac Decor Illuminazione

Orac Decor Illuminazione Orac Decor Illuminazione Sezione 1 Informazioni generali 1. Quale è la temperatura massima per i profili Orac Decor abbinati all illuminazione? I profili Orac Decor possono raggiungere la temperatura massima

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1

GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1 GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1 Involucri Funzioni dell involucro: proteggere i componenti dagli agenti nocivi esterni impedire l ingresso dell acqua e dei corpi solidi proteggere le persone dai contatti

Dettagli

Presentazione. Westelettric 55050 Quiesa (LU) Italy tel. ++39 058497361 fax ++39 0584975956 e-mail: info@westelettric.it http://www.westelettric.

Presentazione. Westelettric 55050 Quiesa (LU) Italy tel. ++39 058497361 fax ++39 0584975956 e-mail: info@westelettric.it http://www.westelettric. Presentazione La Westelettric S.r.l. una societ operante livello internazionale dal 1987, con una struttura composta da: Venditori-tecnici che propongono soluzioni individuate in vari settori. Uffici tecnici

Dettagli

PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO

PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO Norme e prove Le norme e le prove prese in considerazione, sono le norme tecniche armonizzate CENELEC che danno la presunzione di conformità alle direttive

Dettagli

caratteristiche generali

caratteristiche generali caratteristiche generali Serie CG/MG La nuova serie CG/MG di custodie fisse e mobili per connettori abbina la tenuta stagna IP68 e l elevata robustezza meccanica ai requisiti di protezione da disturbi

Dettagli

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione dott. ing. Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Note sulla protezione degli strumenti secondo DIN EN 60529 e NEMA

Note sulla protezione degli strumenti secondo DIN EN 60529 e NEMA Informazioni tecniche Note sulla protezione degli strumenti secondo DIN EN 60529 e NEMA Scheda tecnica WIKA IN 00.18 Informazioni generali Le presenti informazioni tecniche descrivoano le misure per impedire

Dettagli

Francesco Campanella Tecnico di Emodialisi Qualificato Esperto Iscritto col n 2 nel Registro Nazionale dei Tecnici di Emodialisi Qualificati

Francesco Campanella Tecnico di Emodialisi Qualificato Esperto Iscritto col n 2 nel Registro Nazionale dei Tecnici di Emodialisi Qualificati Modulo di formazione per il Tecnico di Emodialisi 16 18 aprile 2012 Hotel Corallo Riccione Normative di riferimento in ambito dialitico Francesco Campanella Tecnico di Emodialisi Qualificato Esperto Iscritto

Dettagli

Rapporto di prova n. R-IP-509-0910-01B GRADO DI PROTEZIONE IP54. Contenitore materiale Plastico CEI EN 60529; CEI EN 60529/A1

Rapporto di prova n. R-IP-509-0910-01B GRADO DI PROTEZIONE IP54. Contenitore materiale Plastico CEI EN 60529; CEI EN 60529/A1 Rapporto di prova n. GRADO DI PROTEZIONE IP54 Committente PLASTIROMA srl Via Palombarese Km 19, 10 00012 Guidonia Montecelio (Roma) Oggetto Contenitore materiale Plastico Marca: PLASTIROMA Cat.: 831/097

Dettagli

Gradi di protezione (IP) degli involucri secondo Normative CEI EN 60529 e CEI EN 60670-1

Gradi di protezione (IP) degli involucri secondo Normative CEI EN 60529 e CEI EN 60670-1 . Gradi di protezione (IP) degli involucri secondo Normative CEI EN 60529 e CEI EN 60670-1 Cosa significa il grado di pr GRADI DI PROTEZIONE DEGLI INVOLUCRI (CODICE IP) La norma CEI EN 60529 1997-06 (IEC529

Dettagli

Le verifiche degli impianti elettrici

Le verifiche degli impianti elettrici Corso di Strumentazione Elettronica e Collaudi Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Le verifiche degli impianti Luigi Ferrigno ferrigno@unicas.it Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Università

Dettagli

Fornitura dei dispositivi illuminotecnici per l'illuminazione scenografica e di emergenza della Scuderia Juvarriana

Fornitura dei dispositivi illuminotecnici per l'illuminazione scenografica e di emergenza della Scuderia Juvarriana ELENCO DEI CORPI ILLUMINANTI QUANTITA' PREZZO UNITARIO TOTALE 1 NP. 01 CORPO ILLUMINANTE TIPO A - APPARECCHIO PER FACCIATE 2 NP. 02 Profilato in alluminio anticorrosione, verniciato a polvere a doppio

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

STRUMENTI DI MISURA E CONTROLLO

STRUMENTI DI MISURA E CONTROLLO SONDA HENNESSY RESA CARNE SUINA PH-METRO K21 COMPUTERIZZATO DATA LOGGERS PH-METRI PORTATILI TERMOMETRI TERMOIGROMETRI CANNULA ASPORTAZIONE MIDOLLO 53 4 TERMOMETRI PORTATILI, AD INFRAROSSI - TERMOIGROMETRI

Dettagli

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1 2 IMPIANTI DI MESSA A TERRA INTRODUZIONE Il momento più opportuno per iniziare l installazione dell impianto di messa a terra coincide con le fasi di scavo delle fondamenta.

Dettagli

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 INDICE INSTALLAZIONE...3 INTERRUTTORE DI SICUREZZA...3 SCHEMA ELETTRICO...4 GRAFICI PORTATE......5

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Scheda tecnica. Art. 3215. Lampadina a risparmio energetico. Tipologia di lampadina: fluorescente compatta

Scheda tecnica. Art. 3215. Lampadina a risparmio energetico. Tipologia di lampadina: fluorescente compatta Art. 3215 15W 110 ma 800 lm Dimensioni (lungh. x diametro): 132x49 mm Art. 3220 20W 140 ma 1160 lm Dimensioni (lungh. x diametro): 157x49 mm Art. 3411 E14 11W 80 ma 600 lm Dimensioni (lungh. x diametro):

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE Sommario 1. Definizione 2. Fonti normative 3. Questioni interpretative 4. Caratteristiche e modalità di installazione 5. Adempimenti amministrativi 6. Voci di

Dettagli

Si può classificare quattro fenomeni:

Si può classificare quattro fenomeni: Il rischio elettrico è certamente uno degli aspetti più complessi e concreti della prevenzione agli infortuni, il 4-5% di questi ha esito mortale, deriva dagli effetti dannosi che la corrente elettrica

Dettagli

enclosing innovation Utilizzare una cassetta FIBOX significa...

enclosing innovation Utilizzare una cassetta FIBOX significa... enclosing innovation Utilizzare una cassetta FIBOX significa......48 anni di esperienza nella produzione di cassette termoplastiche Nel 1966 inizia la produzione di cassette in policarbonato FIBOX. Da

Dettagli

Vedere bene, lavorare meglio. Torce di ispezione a LED

Vedere bene, lavorare meglio. Torce di ispezione a LED Vedere bene, lavorare meglio Torce di ispezione a LED LPL19B1 Penlight Professional Lo strumento di ispezione portatile LPL03RECHX1 / LPL04RECHX1 Penlight Premium LED LUXEON Rebel ad alta potenza in un

Dettagli

Sistema 6000 Convertitori elettropneumatici (valvole proporzionali) Regolatori elettronici Convertitori di segnale

Sistema 6000 Convertitori elettropneumatici (valvole proporzionali) Regolatori elettronici Convertitori di segnale Sistema 6000 Convertitori elettropneumatici (valvole proporzionali) Regolatori elettronici Convertitori di segnale Edizione Febbraio 2009 Foglio riassuntivo T 6000 IT Valvole proporzionali Convertitori

Dettagli

Quaderni di applicazione tecnica N.11 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI EN 61439 Parte 1 e Parte 2

Quaderni di applicazione tecnica N.11 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI EN 61439 Parte 1 e Parte 2 Quaderni di applicazione tecnica N.11 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI EN 61439 Parte 1 e Parte 2 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SICUREZZA ELETTRICA

Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SICUREZZA ELETTRICA Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza SICUREZZA ELETTRICA Elementi informativi N.

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

Guida semplificata 0 Determinare il grado di protezione

Guida semplificata 0 Determinare il grado di protezione Guida semplificata 0 Determinare il grado di protezione La norma IEC 60364-5-51 ha raccolto e codificato un gran numero di influenze esterne alle quali può essere sottoposto un impianto elettrico: presenza

Dettagli

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi Il rischio Elettrico Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi 1 Sommario L elettricità e i suoi rischi In cosa consiste l elettricità (corrente, tensione) Quali gli effetti

Dettagli

Quadri per bassa tensione a tenuta d arco interno

Quadri per bassa tensione a tenuta d arco interno Dicembre 2007 SDC00705G090 Quadri per bassa tensione a tenuta d arco interno Indice Generalità sui quadri elettrici in bassa tensione. Introduzione.... 2.2 Le norme relative ai quadri e applicabilità...

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI COSMEC secondo le norme CEI EN 61386. 4 CIFRA Temperatura massima di utilizzo. 5 CIFRA Resistenza alla curvatura

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI COSMEC secondo le norme CEI EN 61386. 4 CIFRA Temperatura massima di utilizzo. 5 CIFRA Resistenza alla curvatura CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI COSMEC secondo le norme CEI EN 61386 1 CIFRA alla compressione 2 CIFRA all urto 3 CIFRA Temperatura minima di utilizzo 4 CIFRA Temperatura massima di utilizzo 5 CIFRA alla curvatura

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

Fate tutto quello che volete. Con questo laser potete.

Fate tutto quello che volete. Con questo laser potete. Completamente sporco e polveroso? Basta lavarlo ed è pulito. Estremamente robusto Il set di STABILA per uso interno ed esterno: Laser rotante LAR 250 con ricevitore REC 300 Digital. Fate tutto quello che

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

2011/2012 CATALOGO GENERALE MOTORI ASINCRONI. Via Lenin 32 41012 Carpi (Modena) www.amre.it. Via Lenin N 32 41012 Carpi (MO)

2011/2012 CATALOGO GENERALE MOTORI ASINCRONI. Via Lenin 32 41012 Carpi (Modena) www.amre.it. Via Lenin N 32 41012 Carpi (MO) Via Lenin N 32 41012 Carpi (MO) Tel.: 059-690055 Fax: 059-641469 2011/2012 CATALOGO GENERALE MOTORI ASINCRONI La ditta A.M.R.E S.r.l è presente nel settore Elettromeccanico da più di 50 anni. Ha iniziato

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

CENTRO DI LAVORO VETRICALE

CENTRO DI LAVORO VETRICALE MetalMacchine 2 S.r.l. Via Provinciale, 126 40056 Valsamoggia Loc. Crespellano BOLOGNA C.F. e P.IVA 03316641202 REA BO (4): 509453 Capitale Sociale 10.000 i.v. Tel./Fax: 051.6722411; Cell. 338.884.54.45

Dettagli

Bracci di pressione SERIE 1500 ACCESSORI. TESSILMARKET srl MOLLA PORTA PULITORE FRONTALE PFE0996685 LATERALE PK1500-0962604 PK1500-0962602

Bracci di pressione SERIE 1500 ACCESSORI. TESSILMARKET srl MOLLA PORTA PULITORE FRONTALE PFE0996685 LATERALE PK1500-0962604 PK1500-0962602 SERIE 1500 ACCESSORI PFE0996685 PPH0727593 MOLLA PORTA PULITORE FRONTALE MOLLA PORTA PULITORE LATERALE PK1500-0962604 Per cilindri di uscita diametro = 28 mm. PK1500-0962602 Per cilindri di uscita diametro

Dettagli

GUIDA TECNICA INDICE. pagina

GUIDA TECNICA INDICE. pagina GUIDA TECNICA INDICE Norme di riferimento 2 Classificazione 2 o Grado di protezione IP 2 o Grado di protezione meccanica IK 5 o La protezione contro gli effetti termici 5 o La protezione contro gli incendi

Dettagli

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica 10. CARATTERISTICHE E DIMENONI MODELLO Metodo di rilevazione Copertura Zone di rilevazione Sensibilità Velocità rilevabile Tensione Alimentazione Corrente assorbita Tempo allarme Uscite a relè Antiapertura

Dettagli

Trasmettitore di pressione per applicazioni ad altissima pressione Fino a 15.000 bar Modello HP-2

Trasmettitore di pressione per applicazioni ad altissima pressione Fino a 15.000 bar Modello HP-2 Misura di pressione elettronica Trasmettitore di pressione per applicazioni ad altissima pressione Fino a 15.000 bar Modello HP-2 Scheda tecnica WIKA PE 81.53 Applicazioni Costruzione del banco-prova Taglio

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

Manuale dei Servomotori Asincroni HDP ad Elevate Prestazioni Dinamiche

Manuale dei Servomotori Asincroni HDP ad Elevate Prestazioni Dinamiche Manuale dei Servomotori Asincroni HDP ad Elevate Prestazioni Dinamiche Manuale dei Servomotori Asincroni HDP ad Elevate Prestazioni Dinamiche MANUM5.711 I EFFETTIVO: 9.11.27 SOSTITUISCE: 3.6.27 27 ABB

Dettagli

Pressostato di sovrapressione per gas, aria, gas di combustione GW A4/2 HP

Pressostato di sovrapressione per gas, aria, gas di combustione GW A4/2 HP di sovrapressione per gas, aria, gas di combustione 5.04 Printed in Germany Edition 07. Nr. 4 656 6 Caratteristiche tecniche Il pressostato GW A4 HP è un pressostato regolabile secondo EN 854 (GW 6000

Dettagli

Quaderni di applicazione tecnica N.11 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI EN 61439 Parte 1 e Parte 2

Quaderni di applicazione tecnica N.11 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI EN 61439 Parte 1 e Parte 2 Quaderni di applicazione tecnica N.11 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI EN 61439 Parte 1 e Parte 2 Guida alla realizzazione di un quadro elettrico secondo le Norme CEI

Dettagli

REC 410 Line RF. Istruzioni per l uso. REC 410 Line RF

REC 410 Line RF. Istruzioni per l uso. REC 410 Line RF it Istruzioni per l uso 2015 Istruzioni per l uso Lo STABILA è un ricevitore facile da usare per la rilevazione veloce di linee laser. Con il ricevitore possono essere ricevuti solo raggi laser a modulazione

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40 RI 83 315/2001-01 Rev.2 Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere Sistema di azionamento MHS 40 L'

Dettagli

Saldatura e taglio ossigas Macchine ossitaglio portatili

Saldatura e taglio ossigas Macchine ossitaglio portatili PRATIC MACCHINE OSSITAGLIO PORTATILE Particolarmente versatile e funzionale è adatta per effettuare in modo semplice ed agevole tagli rettilinei, tagli di strisce, tagli circolari, tagli sagomati, tagli

Dettagli

L'impianto elettrico per il bagno

L'impianto elettrico per il bagno OBIETTIVO PROFESSIONE L'impianto elettrico per il bagno Nella progettazione degli impianti elettrici per le nuove abitazioni, da tempo si sono affermate due linee guida: una attenzione alle soluzioni che

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Catalogo 2014. System pro E comfort MISTRAL Crea il tuo capolavoro

Catalogo 2014. System pro E comfort MISTRAL Crea il tuo capolavoro Catalogo 2014 System pro E comfort MISTRAL Crea il tuo capolavoro Indice Introduzione System pro E comfort MISTRAL 2 System pro E comfort MISTRAL41F Introduzione System pro E comfort MISTRAL41F 6 System

Dettagli

ES-CAM3A Telecamera IP da esterno

ES-CAM3A Telecamera IP da esterno ES-CAM3A Telecamera IP da esterno www.etiger.com Specifiche App per e - Sensore immagine: 1/3 CMOS, 3.15 MP - Risoluzione video: 160x90, 320x180, 640x360, 1280x720 (H.264) - Zoom digitale: 2x (1,8x in

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio VASCHE: -BOLLA 160Q - BOLLA R 162x112 -BOLLA 190Q - BOLLA R 200x150 -BOLLA 190Q - BOLLA R 200x150 : Con sistema automatico di ricircolo acqua con controllo temperatura e disinfezione

Dettagli

Modulo B/4 - B/8 Analisi dei rischi Rischio infortuni

Modulo B/4 - B/8 Analisi dei rischi Rischio infortuni Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro L approccio prestazionale Modulo B/4 - B/8 Analisi dei rischi Rischio infortuni DIMeG CISQ Politecnico di Bari 20 gennaio 2012 PRECETTI

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose.

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 3. Contatti pericolosi 4. Metodi di protezione 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della

Dettagli

Laser rotante LAR 120 G

Laser rotante LAR 120 G Laser verde per una visibilità ottimale. Ideale per le rifiniture d interni. P R E C I S I O N E. R O B U S T E Z Z A. A F F I D A B I L I T À. F A C I L I T À D U S O. : Green Power il primo laser verde

Dettagli

KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED

KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED COMPONENTI KIT SINGOLA ARMATURA LED Armatura stradale a led Struttura testa palo con sbraccio per armatura stradale Ø 60mm Moduli FV policristallino

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

www.gisaitalia.it MOD. HAWAII HD progettazioni costruzioni elettroniche ASCIUGACAPELLI ASCIUGACAPELLI MOD HAWAII HD CON SALISCENDI

www.gisaitalia.it MOD. HAWAII HD progettazioni costruzioni elettroniche ASCIUGACAPELLI ASCIUGACAPELLI MOD HAWAII HD CON SALISCENDI ASCIUGACAPELLI ASCIUGACAPELLI MOD HAWAII HD CON SALISCENDI www.gisaitalia.it modello HAWAII HD 1 Asciugacapelli da parete ad aria calda modello HAWAII HD. Questo apparecchio è stato costruito con cura

Dettagli

0125.IP Terminale di chiusura IP 65. 0113 Radiocomando 0114 Ricevitore per Radiocomando. Schemi elettrici

0125.IP Terminale di chiusura IP 65. 0113 Radiocomando 0114 Ricevitore per Radiocomando. Schemi elettrici dati tecnici 239 240 accessori e collegamenti per faretti rgb accessori 0120 Driver e controllo colore 24V 350mA max 27 led 0121 Cavo di partenza con connettore 0122.1 Prolunga di collegamento mm 1000

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione di densità

Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione di densità KERN & Sohn GmbH Ziegelei 1 D-72336 Balingen E-mail: info@kern-sohn.com Tel.: +49-[0]7433-9933-0 Fax: +49-[0]7433-9933-149 Sito web: www.kern-sohn.com Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione

Dettagli

SUHNER to go - senza fili per la levigatura più fine. Potatili, durature e potenti SUHNER presenta le nuove levigatrici a batteria

SUHNER to go - senza fili per la levigatura più fine. Potatili, durature e potenti SUHNER presenta le nuove levigatrici a batteria Comunicato stampa SUHNER to go - senza fili per la levigatura più fine Potatili, durature e potenti SUHNER presenta le nuove levigatrici a batteria SUHNER Abrasive Expert amplia la propria gamma di prodotti

Dettagli

www.mchale.net ROTOPRESSA A CAMERA VARIABILE SERIE V6 La Scelta Professionale

www.mchale.net ROTOPRESSA A CAMERA VARIABILE SERIE V6 La Scelta Professionale V6 www.mchale.net ROTOPRESSA A CAMERA VARIABILE SERIE V6 La Scelta Professionale LE NOSTRE SPECIFICHE 1 1. Scatola di rinvio - V640 & V660 La scatola principale comanda con il rinvio sinistro le cinghie

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

seriev6 Rotopressa a camera variabile La scelta professionale

seriev6 Rotopressa a camera variabile La scelta professionale seriev6 Rotopressa a camera variabile La scelta professionale 1 Le nostre specifiche: 1. Scatola di rinvio La scatola principale comanda con il rinvio sinistro le cinghie e i rulli della camera di pressatura,

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs.81/08 Scheda informativa GENERALE I MPI ANTI ELETTRI CI

Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs.81/08 Scheda informativa GENERALE I MPI ANTI ELETTRI CI 04/ 03/ 2015 rev.2 Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs.81/08 Scheda informativa GENERALE I MPI ANTI ELETTRI CI Scheda Gen/ 4 I L RI SCHI O ELETTRI CO Un impianto

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Trasmettitore di pressione in miniatura Modello M-10, versione standard Modello M-11, versione con membrana affacciata

Trasmettitore di pressione in miniatura Modello M-10, versione standard Modello M-11, versione con membrana affacciata Misura di pressione elettronica Trasmettitore di pressione in miniatura Modello M-10, versione standard Modello M-11, versione con membrana affacciata Scheda tecnica WIKA PE 81.25 Applicazioni per ulteriori

Dettagli

Contatore di calore diretto Conteca Solar - Trasmissione M-bus

Contatore di calore diretto Conteca Solar - Trasmissione M-bus Contatore di calore diretto Conteca Solar - Trasmissione M-bus serie 75525 REGI STERED BSI EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 000 01146/08 sostituisce dp 01146/07 Funzione Conteca

Dettagli

WiCOS L-6. WiCOS Charger. Istruzioni brevi. Am Labor 1, 30900 Wedemark, Germany Publ. 10/09 www.sennheiser.com 535385/A01

WiCOS L-6. WiCOS Charger. Istruzioni brevi. Am Labor 1, 30900 Wedemark, Germany Publ. 10/09 www.sennheiser.com 535385/A01 Istruzioni brevi WiCOS Charger WiCOS L-6 Le istruzioni per l uso dettagliate del sistema per conferenze WiCOS completo sono disponibili: in Internet all indirizzo www.sennheiser.com oppure sul CD-ROM in

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL QUADRO

CARATTERISTICHE DEL QUADRO CARATTERISTICHE DEL QUADRO ARCHITETTURA DI PRODOTTO Nei quadri elettrici si distinguono, dal punto di vista funzionale, le seguenti tre parti fondamentali: - parti meccaniche destinate a sostenere, proteggere

Dettagli

SA-1. Seghetto alternativo. Manuale d uso

SA-1. Seghetto alternativo. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

LINEA GUIDA. Consigli per il Camino multistrato versione 2007. Elaborazione congiunta delle categorie artigiani

LINEA GUIDA. Consigli per il Camino multistrato versione 2007. Elaborazione congiunta delle categorie artigiani LINEA GUIDA Consigli per il Camino multistrato versione 2007 Elaborazione congiunta delle categorie artigiani lattonieri edili ed artistici conciatetti fumisti installatori di impianti termosanitari spazzacamini

Dettagli

S180-22I S181-22I. Rivelatore a doppio infrarosso antimascheramento per protezione di varchi, porte e finestre. Manuale di installazione.

S180-22I S181-22I. Rivelatore a doppio infrarosso antimascheramento per protezione di varchi, porte e finestre. Manuale di installazione. IT Manuale di installazione Rivelatore a doppio infrarosso antimascheramento per protezione di varchi, porte e finestre S180-22I bianco S181-22I marrone Sommario 1. Presentazione...2 2. Preparazione...4

Dettagli

P-CHARGE STAND-ALONE La stazione di ricarica universale per veicoli elettrici

P-CHARGE STAND-ALONE La stazione di ricarica universale per veicoli elettrici P-CHARGE STAND-ALONE La stazione di ricarica universale per veicoli elettrici Conservare in un posto sicuro ed a portata di mano per riferimento futuro! P-CHARGE STAND-ALONE La stazione di ricarica universale

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

Lubrificazione automatica per piastre e lamierati

Lubrificazione automatica per piastre e lamierati Lubrificazione automatica per piastre e lamierati Lubrificazione settoriale a spruzzo Sistemi speciali per settore auto Progettazione Costruzione Avviamento Full Service La tecnologia microjet Singolo

Dettagli

4. TERMINI, DEFINIZIONI

4. TERMINI, DEFINIZIONI PREMESSA Normalmente si defi nisce camino una componente della casa. Il sistema fumario è l insieme di tutti i sistemi per l espulsione dei fumi dall apparecchio di combustione al comignolo. Il camino

Dettagli

Risposta dell ESTI Messa a terra di rivestimenti in acciaio al cromonichel: cosa preconizza la norma?

Risposta dell ESTI Messa a terra di rivestimenti in acciaio al cromonichel: cosa preconizza la norma? 01/2012 Domanda formulata da un costruttore di cucine in merito alla messa a terra di rivestimenti in acciaio al cromonichel o relativa alla messa a terra di canali metallici. Durante i controlli di impianti

Dettagli