. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ". miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di."

Transcript

1 Direttiva ATEX 94/9/CE Ing. Maurizio Toninelli ATmosfera EXplosiva. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di. gas, vapori e nebbie: metano, butano, etilene, idrogeno, acetilene, solfuro di carbonio, alcol etilico, ossido d etilene, acetone,... polveri : alluminio, zolfo, zinco, amido, cereali, carbone, zucchero, paracetamolo, destrina, lattosio... 1

2 LEL & UEL Misura della quantità di un gas infiammabile presente nell aria % Limiti di esplodibilità LEL UEL LEL: Lower Explosive Limit UEL: Upper Explosive Limit Zone pericolose Gas e Vapori Zona 0 Zona 1 Zona 2 Polveri Zona 20 Zona 21 Zona 22 2

3 Direttiva ATEX 94/9/CE Direttiva 94/9/CE del GUCE n L 100 del date di applicazione : 1 Marzo 1996 / 1 Luglio 2003 DPR n 126 del Regolamento recante le norme per l attuazione della direttiva 94/9/CE in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva Organismi Notificati ATEX in Italia Procedure per la verifica della conformità: prodotti elettrici e non elettrici, sistemi di protezione, notifica aziende ATEXQ Criteri minimi per notifica allegato XI Notifica ON responsabilità Stati Membri Direttiva ATEX 94/9/CE Pericolo di esplosione La direttiva si applica La direttiva non si applica Gas/vapori e/o POLVERI ai prodotti elettrici ai prodotti già in servizio al 30 giugno

4 Campo di applicazione ATEX 94/9/CE Apparecchiature Motori, strumenti, lampade, coclee, pompe, ecc.. Sistemi di protezione Sfogo (venting), soppressione, isolamento, tagliafiamma Componenti Custodie vuote, morsetti, relé, freni, leve, ecc Dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione installati fuori dall atmosfera esplosiva necessari per il sicuro funzionamento (rischio di esplosione) degli apparecchi e sistemi di protezione - Barriere di sicurezza a diodi, rilevazione gas ATEX 94/9/CE: gruppi & categorie GRUPPO I Miniere GRUPPO II Industrie di Superficie Categorie Categorie M1 M G D G D G D 4

5 ATEX 94/9/CE: gruppi & categorie Categoria 1 Livello di protezione molto elevato Categoria 2 Livello di protezione elevato Categoria 3 Livello di protezione normale Categoria M1 Livello di protezione molto elevato Alimentate in presenza di atmosfera esplosiva Categoria M2 Livello di protezione elevato Disalimentate in presenza di atmosfera esplosiva Classificazione - gruppi / sostanze Tabella sostanze infiammabili CEI I Miniere presenza di grisou IIC Suddivisione basata sulle caratteristiche dei gas IIB IIA acetone, alcool etilico, ammoniaca, benzina, butano, esano, etano, gas naturale, metanolo, nafta, propano, toluene, solventi in generale acetaldeide, ciclopropano, etere etilico, etilene acetilene, idrogeno, gas contenenti oltre il 30% di idrogeno, solfuro di carbonio 5

6 Classificazione delle apparecchiature GRUPPI gruppo I: miniere con grisou gruppo II: altre atmosfere esplosive (ambienti di superficie) SOSTANZE CARATTERISTICHE I: metano IIA: propano IIB: etilene IIC: idrogeno e acetilene CLASSI DI TEMPERATURA massima temperatura superficiale ( C) / classe di temperatura 450/T1 300/T2 200/T3 135/T4 100/T5 85/T6 temperatura ambiente -20 C / +40 C Le apparecchiature IIC sono idonee anche per i gruppi IIB e IIA; quelle del gruppo IIB sono idonee per il gruppo IIA => NON sono idonee per il gruppo IIC Classe di temperatura GAS E VAPORI Massima temperatura superficiale Temperatura di accensione delle sostanze T1 450 C > 450 C T2 300 C > 300 C T3 200 C > 200 C T4 135 C > 135 C T5 100 C > 100 C T6 85 C > 85 C POLVERI La temperatura di accensione in nube (T CL ) è diversa dalla temperatura di accensione in strato (T 5 mm ) Nubi di polvere => T max = 2/3 T CL Strati di polvere => T max = T 5mm 75 C 6

7 ATEX 94/9/CE: certificato SI o NO? apparecchio Categoria 1 Categoria 2 Categoria 3 (zone 0 e 20) (zone 1 e 21) (zone 2 e 22) SÌ elettrico o motore a combustione interna NO Certificato CE NB ATEX NON OCCORRE certificato CE (deposito FT ATEX, cat. 2 meccanico) ATEX 94/9/CE - Marcatura xxxx Unità di comando e controllo serie EJB II 2 GD EEx d IIB T5 IP 65 T100 C 7

8 ATEX 94/9/CE: materiale non elettrico Norma Modo di protezione Marcatura (simbolo) EN (*) Regole generali -- EN prova di esplosione d EN (#) sicurezza costruttiva c EN (#) controllo sorgenti di accensione b EN pressurizzazione p EN (#) immersione i in liquido id k EN respirazione limitata fr (*) EN diventerà ISO EN (#) EN EN EN diventerà ISO EN ATEX 94/9/CE: materiale non elettrico CONTENUTO DEL FASCICOLO TECNICO ATEX descrizione generale apparecchiatura; valutazione del rischio e misure di protezione; riferimento i norme applicate, soluzioni i adottate per soddisfare ESR; disegni, caratteristiche dei materiali, risultati di calcoli e/o di prove, ecc.. marcatura e istruzioni di sicurezza. Riferimenti Allegato VIII, direttiva ATEX 94/9/CE Controllo di fabbricazione interno Per le apparecchiature non elettriche di categoria 2, il costruttore deve predisporre un fascicolo tecnico deve essere depositato c/o un Organismo notificato ATEX che rilascia ricevuta di deposito. 8

9 ATEX 94/9/CE - Marcatura Riduttore Gruppo II Categoria 2 GD (zona 1 / 21) Modo Classe temperatura / Temperatura max di protezione Grado di Fascicolo tecnico protezione del costruttore II 2 GD ck IP 6X T4/T125 C Tech. File. XYZ Documentazione L utente ha diritto di ricevere: Dichiarazione di conformità Istruzioni per l uso (manuale) 9

10 Evoluzione normativa - ATEX DALLE NORME ARMONIZZATE EN ALLE NORME X (GAS) / EN X (DUST) Modo di protezione Atmosfera Simbolo Norma Flameproof-enclosures GAS Ex d EN Pressurized enclosures GAS DUST Ex p Ex pd EN EN Powder filling GAS Ex q EN Oil immersion GAS Ex o EN Increased safety GAS Ex e EN Intrinsic safety GAS Ex i EN DUST Ex id EN Type of protection n GAS Ex n EN Encapsulation GAS DUST Ex m Ex md EN EN Protection by enclosure DUST Ex td EN Evoluzione normativa marcatura XXXX EEx de IIB + H2 T3 IP 65 T200 C XXXX Ex de IIB + H2 T3 >> zona 1 Ex td A21 IP65 T200 C >> zona 21 10

11 Evoluzione normativa - ATEX dal Evoluzione normativa - ATEX EPL modi di protezione (GAS) EPL Modo di Protezione Simbolo Norma Ga Intrinsic safety Ex ia EN Zona 0 Encapsulation Ex ma EN Flameproof enclosures Ex d EN Pressurized enclosures Ex px EN Gb Increased safety Ex e EN Zona 1 Intrinsic safety Ex ib EN Encapsulation Ex mb EN Intrinsic safety Ex ic EN Gc Encapsulation Ex mc EN Zona 2 Non sparking Ex n EN

12 Evoluzione normativa - ATEX La norma EN/IEC (ed. 5) introduce il gruppo III relativo agli apparecchi per polveri. Le polveri sono suddivise in 3 sottogruppi: IIIA, IIIB, IIIC Gruppo Sostanza Pericolosa IIIA Sostanze volatili combustibili (fibre) IIIB Polveri non conduttive IIIC Polveri conduttive Evoluzione normativa - ATEX EPL modi di protezione (DUST) EPL Modo di protezione Simbolo Norma Da Zona 20 Db/Dc Zona 21/22 Intrinsic safety Ex id EN Encapsulation Ex md EN Protection by enclosure Ex t EN Pressurized enclosure Ex pd EN

13 Marcatura EPL apparecchiature OLD MARKING IEC/EN , 0, gas EC/EN , dust II 2 GD Ex de IIB+H2 T3 Ex td A21 IP 65 T200 C NEW EPL IEC/EN : 0: Gas & Dust NEW MARKING II 2 GD Ex de IIB + H2 T3 Gb Ex tb IIIC T200 C IP65 Db Ente Notificato per la sorveglianza Marcatura CE Ente Notificato per l'esame CE di tipo Marchio Comunitario XXXX Gruppo I Miniere II per Superficie CESI 12 ATEX 123 X Categoria : M1, M2 per Gruppo I 1, 2, 3 per Gruppo II NOTA: se (*) è riferito ad Apparecchiature Associate G Gas e/o D Polveri solo per Gruppo II II 1 G Ex ia IIC T4 Ga Marcatura modi di protezione, gruppo di gas (o polvere),classe di temperatura (o max temp. superficiale), EPL Anno Direttiva ATEX Numero progressivo nell'anno X per condizioni speciali oppure U per componenti 13

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Salvatore Iannello 30 giugno 2003 Ex Attrezzature esistenti Devono risultare

Dettagli

Concetti base per la protezione dalle esplosioni

Concetti base per la protezione dalle esplosioni Concetti base per la protezione dalle esplosioni 1 2 Direttiva 94/9/CE del 23/3/1994 Direttiva ATEX 95 detta anche nuovo approccio 3 Entrata in vigore l 1/3/1996 facoltativamente. Recepita in Italia con

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano Corso di Formazione ATEX Modulo 3 Docenza: Gonzato Ing. Stefano Patrocinio Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Vicenza Associazione dei Periti Industriali della

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi DIRETTIVA ATEX 94/9/CE PER ATMOSFERE ESPLOSIVE - Obblighi di legge per le aziende con zone a rischio di esplosione. BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi ATMOSFERE ESPLOSIVE DIRETTIVE ATEX

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione Guida agli impianti ATEX Normative, installazioni e soluzioni 20 13 I edizione Gewiss Group FRANCE Gewiss France - Les Ulis germany Gewiss Deutschland - Merenberg united kingdom Gewiss U.k. - Cambourne

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX)

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) al 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell Unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente

Dettagli

Le direttive ATEX e la direttiva macchine

Le direttive ATEX e la direttiva macchine Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO Le direttive ATEX e la direttiva macchine ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento, TANTE specializzazioni Un team di oltre 100 tecnici 5 sedi operative Friuli,

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN Pag. 1/6 Motori asincroni SERIE LEN 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di polveri combustibili anche elettricamente conduttrici.

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX Pag. 1/7 Motori asincroni SERIE LEX 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di: gas, vapori, nebbie infiammabili (II 3G) polveri

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

CHEP ATEX. IECEx. Custodia per telecamere antideflagrante. Prodotto Certificato

CHEP ATEX. IECEx. Custodia per telecamere antideflagrante. Prodotto Certificato CHEP Custodia per telecamere antideflagrante Prodotto Certificato ATEX e IECEx ANTIDEFLAGRANTE Più versioni disponibili per soddisfare le più diverse specifiche di pericolosità ambientale. FACILITA' DI

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1104 28-08-2012 31-56; V

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1104 28-08-2012 31-56; V N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1104 28-08-2012 Data Pubblicazione 2012- Classificazione 31-56; V Titolo Costruzioni per atmosfere esplosive per la presenza di polveri combustibili

Dettagli

MASTER SICUREZZA DIRETTIVE ATEX. Alberta Dal Col. Vicenza 10 giugno 2010

MASTER SICUREZZA DIRETTIVE ATEX. Alberta Dal Col. Vicenza 10 giugno 2010 MASTER SICUREZZA DIRETTIVE ATEX Alberta Dal Col Vicenza 10 giugno 2010 SOMMARIO DELLA GIORNATA PRIMA PARTE Introduzione D. LGS. N. 81/2008 E DIRETTIVA 99/92/CE Campo di applicazione e principi fondamentali

Dettagli

La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Per una pesatura versatile nelle aree a rischio di esplosione

La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Per una pesatura versatile nelle aree a rischio di esplosione La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Per una pesatura versatile nelle aree a rischio di esplosione La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Una tradizione di sicurezza Sartorius

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

Aprile 2008. EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1

Aprile 2008. EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1 Sensigas EsiWelma Sistema di rivelazione gas per applicazioni industriali EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1 Soluzione EW40: applicazioni Rivelazione di: Applicazioni per: Gas metano Centrali termiche

Dettagli

ALTAIR 5X Scheda Tecnica Prodotto

ALTAIR 5X Scheda Tecnica Prodotto Descrizione prodotto ALTAIR 5X Scheda Tecnica Prodotto Rivelatore multigas per la protezione personale da concentrazioni pericolose di gas combustibili, di gas tossici e dalla carenza o dall eccesso di

Dettagli

Sensepoint. Semplicità di utilizzo Configurato in fabbrica Sostituzione semplice Addestramento minimo

Sensepoint. Semplicità di utilizzo Configurato in fabbrica Sostituzione semplice Addestramento minimo Sensepoint La gamma Sensepoint di rivelatori di gas infiammabili, tossici e ossigeno offre soluzioni di alta qualità a basso costo per qualsiasi esigenza di monitoraggio nel settore industriale. Sensepoint

Dettagli

La prevenzione incendi nelle attività con pericolo di esplosione per la presenza di atmosfere esplosive

La prevenzione incendi nelle attività con pericolo di esplosione per la presenza di atmosfere esplosive SEMINARIO TECNICO La valutazione del rischio ATEX alla luce del D.Lgs. 81/08 nelle piccole e medie aziende VENARIA REALE (T0) 2 DICEMBRE 2011 La prevenzione incendi nelle attività con pericolo di esplosione

Dettagli

C a t a l o g o 2 0 1 3 R I L E V A T O R I F I S S I

C a t a l o g o 2 0 1 3 R I L E V A T O R I F I S S I C a t a l o g o 2 0 1 3 R I L E V A T O R I F I S S I 2 PRODOTTO Pagina Sensore %LEL 3 Sensore Gas tossici e Ossigeno 4 Sensore serie Adventure per applicazioni civili 5 Sensore I.R. Anidride Carbonica

Dettagli

M-0. Ex e. Settori di impiego: DATI DI CERTIFICAZIONE OPERATORI DI COMANDO M-0603, M-0604 e M-0605. Classificazione: 94/9/EC Gruppo II Categoria 2GD

M-0. Ex e. Settori di impiego: DATI DI CERTIFICAZIONE OPERATORI DI COMANDO M-0603, M-0604 e M-0605. Classificazione: 94/9/EC Gruppo II Categoria 2GD M-0 La nuova serie Cortem di operatori di comando, controllo e segnalazione M-0 vengono installati quali accessori esterni di custodie e di quadri utilizzati in tutti gli ambienti industriali dove può

Dettagli

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Pubblicato il: 03/07/2007 Aggiornato al: 03/07/2007 di Gianfranco Ceresini 1. Generalità Con la pubblicazione della nuova guida CEI 31-35/A,

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

Istruzioni del misuratore di gas MX-2100 per gas infiammabili, diossido di carbonio, solfuro di idrogeno e ossigeno

Istruzioni del misuratore di gas MX-2100 per gas infiammabili, diossido di carbonio, solfuro di idrogeno e ossigeno www.pce-italia.it Istruzioni del misuratore di gas MX-2100 per gas infiammabili, diossido di carbonio, solfuro di idrogeno e ossigeno Via Pesciatina 878 / B-Interno 6 Gragnano 55010 Capannori Lucca-Italia

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

LA SOLUZIONE AI PROBLEMI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

LA SOLUZIONE AI PROBLEMI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE 24050 GRASSOBBIO Via G. Donizetti 26/A Tel 035 335333 - Fax 035 4241733 - mail : info@quasarservicesrl.com ATEX NOTIFIED INERIS 03 ATEX Q412 LA SOLUZIONE AI PROBLEMI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

Dettagli

Sicurezza in aree pericolose

Sicurezza in aree pericolose Sicurezza in aree pericolose Indice 1.1 Caratteristiche di Sicurezza... 3 1.2 Rischio esplosioni... 4 1.3 La combustione... 4 1.4 Campo di infiammabilità... 5 1.5 Metodi di protezione... 10 1.6 Enti Formatori...

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

S003 Raccolta per Impianti e sicurezza di esercizio

S003 Raccolta per Impianti e sicurezza di esercizio 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

Modello D 440 IS. Caratteristiche generali

Modello D 440 IS. Caratteristiche generali Caratteristiche generali Terminale principale in acciaio Inox, corredato di alimentatore separato costituito da apposito contenitore, che può essere collocato in zona pericolosa fino ad una distanza di

Dettagli

3 fattori PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ESPLOSIONE III. Esplosione. Condizioni per un esplosione. ossigeno (aria) Zona d esplosività 7.

3 fattori PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ESPLOSIONE III. Esplosione. Condizioni per un esplosione. ossigeno (aria) Zona d esplosività 7. Bottoniere antideflagranti PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI Esplosione Si definisce esplosione una reazione improvvisa che genera una rapida ossidazione fisica o chimica. Questa reazione o corrosione genera

Dettagli

Lampade di emergenza portatili

Lampade di emergenza portatili Lampade di emergenza portatili Civili Mylight 420 Torce Granlux/Maxilux 421 Lampade Nitida/Ovalux/Fa6/Minirilux 422 Top 2 - Top 4 423 Professionali Team 425 Lux 2000 426 N. Jodiolux 428 Toplux 430 Techlux

Dettagli

99/92/CE ed i rischi legati alle atmosfere esplosive negli impianti di produzione

99/92/CE ed i rischi legati alle atmosfere esplosive negli impianti di produzione Le direttive ATEX 94/9/CE e 99/92/CE ed i rischi legati alle atmosfere esplosive negli impianti di produzione AMGAS MEETING Bari 06 dicembre 2010 1 INDICE 8 Riferimenti legislativi e riferimenti normativi

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

sicurezza abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Indoor venting...pag.

sicurezza abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Indoor venting...pag. sicurezza 157 Sistemi di soppressione e controllo esplosioni, abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Sui nostri filtri siamo in grado

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

Sistema 6000 Convertitori elettropneumatici (valvole proporzionali) Regolatori elettronici Convertitori di segnale

Sistema 6000 Convertitori elettropneumatici (valvole proporzionali) Regolatori elettronici Convertitori di segnale Sistema 6000 Convertitori elettropneumatici (valvole proporzionali) Regolatori elettronici Convertitori di segnale Edizione Febbraio 2009 Foglio riassuntivo T 6000 IT Valvole proporzionali Convertitori

Dettagli

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO MEDIO Il DLgs 81/2008 Il DM 10.03.1998 è la Legge di che tratta Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione

Dettagli

La prevenzione incendi

La prevenzione incendi La prevenzione incendi I temi della presente giornata di studio saranno: La combustione. Classi d'incendio. Comportamento al fuoco. Protezioni antincendio: attiva e passiva. Evoluzione dal D.M. 16/02/1982

Dettagli

Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni

Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni ing. Nicola Mazzei mazzei@ssc.it ing. Antonella Mazzei pf Enrico Alberti pm Angelo Gallorini pc Valerio Fenu pc Romina Cortella Campioni 2 Committenti - Campioni 3 Fatturato 2007-06.2011 4 Attività Determinazione

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

(Aggiornamento valevole per tutti gli ATECO) Torino, 21 Maggio 2015

(Aggiornamento valevole per tutti gli ATECO) Torino, 21 Maggio 2015 ISO 9001:2008 Certificato n. 4530 SICUREZZA SUL LAVORO CORSO DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO RSPP 8 ORE IL RISCHIO ATEX ((attmosffere espllosiive)) (Aggiornamento valevole per tutti gli ATECO) Torino, 21 Maggio

Dettagli

Monitor di posizione AVID. La gamma. Monitor di posizione tipo CR Monitor di posizione IP68 resistente alla corrosione.

Monitor di posizione AVID. La gamma. Monitor di posizione tipo CR Monitor di posizione IP68 resistente alla corrosione. AVID I monitor di posizione della linea AVID (Automated Valve Interface Devices) rappresentano quanto di più sofisticato la tecnologia possa offrire per il monitoraggio e il controllo di valvole motorizzate

Dettagli

Le Radio ATEX Della Serie Professionale Motorola. La scelta dei professionisti negli ambienti a rischio - GP340 EX, GP380 EX, GP580 EX e GP680 EX

Le Radio ATEX Della Serie Professionale Motorola. La scelta dei professionisti negli ambienti a rischio - GP340 EX, GP380 EX, GP580 EX e GP680 EX Le Radio ATEX Della Serie Professionale Motorola La scelta dei professionisti negli ambienti a rischio - GP340 EX, GP380 EX, GP580 EX e GP680 EX La scelta dei professionisti in ambienti a rischio Che sia

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

EVML Armatura a LED Low bay

EVML Armatura a LED Low bay Staffa di fissaggio EVML - Zona 1, 2, 21, 22 - Eccellente dissipazione del calore - Bassi consumi ed alta efficienza - Adatta a basse temperaure - Facile installazione - Ingombro ridotto Alette di raffreddamento

Dettagli

Impianti Tecnologici

Impianti Tecnologici Impianti Tecnologici OGGETTO: ELENCO DELLE PRINCIPALI NORME E GUIDE CEI Il presente Registro è redatto in n. 11 pagine (copertina presente) ver. 1.0 1 Elenco Norme e Guide CEI 0-1 Adozione di nuove norme

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

Cercafughe gas. www.testo.it. We measure it. Rapida ricerca delle perdite. testo 317-2 testo 316-1 testo 316-2 Rilevatore di gas testo testo 316-Ex

Cercafughe gas. www.testo.it. We measure it. Rapida ricerca delle perdite. testo 317-2 testo 316-1 testo 316-2 Rilevatore di gas testo testo 316-Ex Cercafughe gas Rapida ricerca delle perdite testo 317-2 testo 316-1 testo 316-2 Rilevatore di gas testo testo 316-Ex CH 4 C 3 H 2 Ricerca delle fughe di gas Incendi ed esplosioni devastanti causati da

Dettagli

pubblica in inchiesta Progetto PROGETTO C. 1080 09-01-2012 31-35 Atmosfere esplosive per la presenza di gas -

pubblica in inchiesta Progetto PROGETTO C. 1080 09-01-2012 31-35 Atmosfere esplosive per la presenza di gas - N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza Inchiesta C. 1080 09-01-2012 Data Pubblicazione 2011- Classificazione 31-35 Titolo 1 CEI COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO AEIT FEDERAZIONE ITALIANA DI ELETTROTECNICA,

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Giovanni Michele Sai La prevenzione delle esplosioni da polvere, La è uno strumento necessario

Dettagli

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti LA COMBUSTIONE Combustibile Energia di innesco Comburente Un po di storia Inghilterra 1913: esplosione per cause

Dettagli

PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO

PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO Norme e prove Le norme e le prove prese in considerazione, sono le norme tecniche armonizzate CENELEC che danno la presunzione di conformità alle direttive

Dettagli

Guida al mondo EX Come utilizzare le apparecchiature elettriche in zone a rischio di esplosione

Guida al mondo EX Come utilizzare le apparecchiature elettriche in zone a rischio di esplosione Guida al mondo EX Come utilizzare le apparecchiature elettriche in zone a rischio di esplosione Indice 1. Premessa pag. 5 2. La classificazione dei luoghi pericolosi pag. 13 3. Scelta delle apparecchiature

Dettagli

Consulenza nell ambito della conformità delle apparecchiature e dei sistemi

Consulenza nell ambito della conformità delle apparecchiature e dei sistemi Consulenza nell ambito della conformità delle apparecchiature e dei sistemi La marcatura CE delle apparecchiature (quadri, quadri comando, macchine, dispositivi, ecc) è regolamentata per mezzo delle direttive

Dettagli

GLI SPAZI CONFINATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AMBIETALE

GLI SPAZI CONFINATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AMBIETALE SICUREZZA NEGLI SPAZI CONFINATI Dalla rilevazione ambientale al piano di emergenza Workshop Spilimbergo 26 novembre 2012 GLI SPAZI CONFINATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AMBIETALE COSA TENERE IN CONSIDERAZIONE!

Dettagli

9 SICUREZZA INDUSTRIALE

9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9.1 Gestione dell impianto La Sedamyl si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza, ai sensi del D.L. 81/2008 conforme alla normativa OMSAS(18001). Insieme al sistema di

Dettagli

Tutela & Sicurezza. Informazioni importanti

Tutela & Sicurezza. Informazioni importanti Informazioni importanti Tutela & Sicurezza Informazioni importanti che tutti dovrebbero conoscere: 1. La legislazione in Italia: D.L. n. 81 del 9 aprile 2008 2. Soluzioni per adottare le corrette misure

Dettagli

Guida: impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - seconda parte -

Guida: impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - seconda parte - Guida: impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - seconda parte - Pubblicato il: 21/09/2003 Aggiornato al: 27/10/2003 di Gianfranco Ceresini Seconda parte della Guida sugli impianti elettrici

Dettagli

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella /I Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri Questo manuale di uso e manutenzione è valido solo per cilindri idraulici Atos e si propone di fornire utili informazioni

Dettagli

Xgard. Rilevatori di gas. Istruzioni per l'installazione, l'uso e la manutenzione. M07253 Aprile 2005 Edizione Seconda

Xgard. Rilevatori di gas. Istruzioni per l'installazione, l'uso e la manutenzione. M07253 Aprile 2005 Edizione Seconda Xgard Rilevatori di gas Istruzioni per l'installazione, l'uso e la manutenzione M07253 Aprile 2005 Edizione Seconda Informazioni per la sicurezza I rilevatori di gas Xgard devono essere installati, utilizzati

Dettagli

nella piccola e media azie

nella piccola e media azie ' ", nella piccola e media azie ea a organi del servi o ci! sieu interno aziendale GIUSEPPE SANTARSIERE PROTEZIONE CIVILE NELLA PICCOLA E MEDIA AZIENDA sistemi di prevenzione incendi ed antinfortunistica

Dettagli

Il rischio di esplosione, misure di protezione ed implementazione delle Direttive ATEX 94/9/CE e 99/92/CE

Il rischio di esplosione, misure di protezione ed implementazione delle Direttive ATEX 94/9/CE e 99/92/CE Il rischio di esplosione, misure di protezione ed implementazione delle Direttive ATEX 94/9/CE e 99/92/CE Ricerca Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischio d incendio d e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza emergenza Rischio da esplosioni Ing. Sabrina

Dettagli

SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA INTERRO

SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA INTERRO SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA INTERRO Serbatoi orizzontali e verticali per installazione interrata modello NATURA forniti completi delle strumentazioni di sicurezza standard, rivestimento epossidico

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio

INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio Importanza delle dimensioni delle valvole La scelta della dimensione delle valvole è molto

Dettagli

GLI SPAZI CONFINATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI DEL RISCHIO ANALISI DEL RISCHIO EVERY LIFE HAS A PURPOSE

GLI SPAZI CONFINATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI DEL RISCHIO ANALISI DEL RISCHIO EVERY LIFE HAS A PURPOSE COSA TENERE IN CONSIDERAZIONE! VALUTAZIONE DEL RISCHIO SCELTA DEL DPI IDONEO OPERAZIONE DI SOCCORSO GLI SPAZI CONFINATI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INFORMAZIONE FORMAZIONE ADDESTRAMENTO EVERY LIFE HAS A PURPOSE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Criteri di progettazione per le attività con pericolo di esplosione soggette a controllo

Dettagli

L IMPORTANZA DEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE PER GLI IMPIANTI DI DEPOLVERAZIONE

L IMPORTANZA DEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE PER GLI IMPIANTI DI DEPOLVERAZIONE NEW AERODINAMICA S.r.l. PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED INSTALLAZIONE IMPIANTI DI ASPIRAZIONE SCARTI DI PRODUZIONE E FILTRAZIONE POLVERI L IMPORTANZA DEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE PER GLI IMPIANTI

Dettagli

Protezione antideflagrante Principi. Sommario Aprile 2005

Protezione antideflagrante Principi. Sommario Aprile 2005 Protezione antideflagrante Principi Sommario Aprile 2005 1 Introduzione Indice del contenuto Durante il processo di produzione, lavorazione, trasporto o stoccaggio di materiali infiammabili, molte industrie

Dettagli

Xgard. Rilevatori di gas. Istruzioni per l installazione, l uso e la manutenzione. M07253 Marzo 2013 Edizione Decima

Xgard. Rilevatori di gas. Istruzioni per l installazione, l uso e la manutenzione. M07253 Marzo 2013 Edizione Decima Xgard Rilevatori di gas Istruzioni per l installazione, l uso e la manutenzione M07253 Marzo 2013 Edizione Decima Informazioni per la sicurezza I rilevatori di gas Xgard devono essere installati, utilizzati

Dettagli

LA RIVELAZIONE DELL AMMONIACA

LA RIVELAZIONE DELL AMMONIACA LA RIVELAZIONE DELL AMMONIACA Unità di controllo SFX100-4-20mA Trasmettitore SAF/4-20 ma/tox AMMONIACA: GENERALITA ; Pag. 2 IL POSIZIONAMENTO DEI SENSORI DI AMMONIACA Pag. 4, 5 SISTEMI DI RIVELAZIONE NH3

Dettagli

RU - STEEL I T A L I A

RU - STEEL I T A L I A GIUNTI LAMELLARI FLESSIBILI RU-STEEL Allegato ATEX 95 Indice: 1 Scelta del Giunto 2 Montaggio e allineamento 3 Controllo allineamento simultaneo 4 Protezione del Giunto 5 Intervalli di controllo 6 Disfunzioni

Dettagli

THERMOCOLOR MOBILETTO TERMICO PER PRODOTTI DI VERNICIATURA MANUALE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE

THERMOCOLOR MOBILETTO TERMICO PER PRODOTTI DI VERNICIATURA MANUALE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE THERMOCOLOR 980 MOBILETTO TERMICO PER PRODOTTI DI VERNICIATURA MANUALE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Leggere attentamente le istruzioni contenute nel presente manuale prima di iniziare ad operare con

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2 Istruzioni per l uso Interruttore salvamotore > Indice 1 Indice 1 Indice...2 2 Dati generali...2 2.1 Costruttore...2 2.2 Dati relativi alle istruzioni per l uso...2 2.3 Conformità a norme e disposizioni...3

Dettagli

PolyGard Single Point Controller SPC-X3-34XX per gas combustibili

PolyGard Single Point Controller SPC-X3-34XX per gas combustibili PolyGard Single Point Controller SPC-X-XX per gas combustibili DESCRIZIONE Centralina di misurazione, segnalazione e comando a base di microtecnologia moderna con sensore integrato e cicalino interno serve

Dettagli

GAS, VAPORI E POLVERI A RISCHIO DI ESPLOSIONE E INCENDIO

GAS, VAPORI E POLVERI A RISCHIO DI ESPLOSIONE E INCENDIO Norberto Piccinini * Paolo Cardillo * * *Politecnico di Torino **Stazione sperimentale dei combustibili, Milano GAS, VAPORI E POLVERI A RISCHIO DI ESPLOSIONE E INCENDIO Politecnico di Torino INDICE Introduzione

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

OM3 - EPI 2 Modulo Interfaccia Locale Manuale di istruzione e manutenzione. Importante. Importante. Avvertenza. Avvertenza. Avvertenza.

OM3 - EPI 2 Modulo Interfaccia Locale Manuale di istruzione e manutenzione. Importante. Importante. Avvertenza. Avvertenza. Avvertenza. KEYSTONE Il presente manuale è parte integrante del Manuale di istruzioni e funzionamento dell attuatore EPI 2 base (riferimento documento EBPRM-0091-IT). Indice 1 Modulo Opzionale OM3: Modulo Interfaccia

Dettagli

Misure per prevenire la formazione di atmosfere esplosive INERTIZZAZIONE AFFIDABILITÀ DEL SISTEMA. Esempio

Misure per prevenire la formazione di atmosfere esplosive INERTIZZAZIONE AFFIDABILITÀ DEL SISTEMA. Esempio 1/58 QUADERNO TECNICO Autore: Tecnico della Prevenzione Dott. Mauro Baldissin Responsabile scientifico: Dirigente Ingegnere Dott. Ing. Massimo Rho Misure per prevenire la formazione di atmosfere esplosive

Dettagli

DESCRIZIONE. REGOLATORE DI LIVELLO ATEX EX II 1G EEx ia IIC T6 CON CAVO 5 M. REGOLATORE DI LIVELLO ATEX EX II 1G EEx ia IIC T6 CON CAVO 10 M

DESCRIZIONE. REGOLATORE DI LIVELLO ATEX EX II 1G EEx ia IIC T6 CON CAVO 5 M. REGOLATORE DI LIVELLO ATEX EX II 1G EEx ia IIC T6 CON CAVO 10 M Accessori Regolatore di livello ATEX EX II 1G EEx ia IIC T6 Regolazione di gasolio, miscele di acqua e idrocarburi, olii motore, olio lavorazione macchine, ecc. Il regolatore è omologato EX secondo la

Dettagli

COMPOSITI EXPO-CONGRESS 2009

COMPOSITI EXPO-CONGRESS 2009 COMPOSITI EXPO-CONGRESS 2009 14-15 Ottobre Modena L APPLICAZIONE DELLE NORME ATEX NELLE PROBLEMATICHE DI FILTRAZIONE DELL ARIA NEI CANTIERI NAUTICI Relatore: Ing. Andrea Doardo Le polveri e le sostanze

Dettagli

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso di Prevenzione incendi (L. n. 818 del 1984) Ordine degli ingegneri della Provincia di Vicenza Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Relatore ing. Ermanno Andriotto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Relazione tecnica di classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili

RELAZIONE TECNICA. Relazione tecnica di classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili Studio Associato di Ingegneria NORDEST RELAZIONE TECNICA Relazione tecnica di classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili Dati del progettista:

Dettagli

Indicatori a sicurezza intrinseca EZ-LIGHT K30L e K50L

Indicatori a sicurezza intrinseca EZ-LIGHT K30L e K50L Indicatori a sicurezza intrinseca EZ-LIGHT K30L e K50L Per l'uso in aree pericolose con isolatori galvanici o barriere zener adatti Certificazioni ATEX, CSA c/us e IECEx Tenuta stagna e grado di protezione

Dettagli

Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n.

Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n. Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n. 661, disciplina gli apparecchi a gas per uso civile. Le amministrazioni

Dettagli

GUIDA PER LA RILEVAZIONE DI GAS INDUSTRIALI

GUIDA PER LA RILEVAZIONE DI GAS INDUSTRIALI GUIDA PER LA RILEVAZIONE DI GAS INDUSTRIALI sieger mda scientific neotronics lumidor Una pubblicazione tecnica della zellweger analytics La divisione Analytics della Zellweger Luwa AG è uno dei membri

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli