. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ". miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di."

Transcript

1 Direttiva ATEX 94/9/CE Ing. Maurizio Toninelli ATmosfera EXplosiva. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di. gas, vapori e nebbie: metano, butano, etilene, idrogeno, acetilene, solfuro di carbonio, alcol etilico, ossido d etilene, acetone,... polveri : alluminio, zolfo, zinco, amido, cereali, carbone, zucchero, paracetamolo, destrina, lattosio... 1

2 LEL & UEL Misura della quantità di un gas infiammabile presente nell aria % Limiti di esplodibilità LEL UEL LEL: Lower Explosive Limit UEL: Upper Explosive Limit Zone pericolose Gas e Vapori Zona 0 Zona 1 Zona 2 Polveri Zona 20 Zona 21 Zona 22 2

3 Direttiva ATEX 94/9/CE Direttiva 94/9/CE del GUCE n L 100 del date di applicazione : 1 Marzo 1996 / 1 Luglio 2003 DPR n 126 del Regolamento recante le norme per l attuazione della direttiva 94/9/CE in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva Organismi Notificati ATEX in Italia Procedure per la verifica della conformità: prodotti elettrici e non elettrici, sistemi di protezione, notifica aziende ATEXQ Criteri minimi per notifica allegato XI Notifica ON responsabilità Stati Membri Direttiva ATEX 94/9/CE Pericolo di esplosione La direttiva si applica La direttiva non si applica Gas/vapori e/o POLVERI ai prodotti elettrici ai prodotti già in servizio al 30 giugno

4 Campo di applicazione ATEX 94/9/CE Apparecchiature Motori, strumenti, lampade, coclee, pompe, ecc.. Sistemi di protezione Sfogo (venting), soppressione, isolamento, tagliafiamma Componenti Custodie vuote, morsetti, relé, freni, leve, ecc Dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione installati fuori dall atmosfera esplosiva necessari per il sicuro funzionamento (rischio di esplosione) degli apparecchi e sistemi di protezione - Barriere di sicurezza a diodi, rilevazione gas ATEX 94/9/CE: gruppi & categorie GRUPPO I Miniere GRUPPO II Industrie di Superficie Categorie Categorie M1 M G D G D G D 4

5 ATEX 94/9/CE: gruppi & categorie Categoria 1 Livello di protezione molto elevato Categoria 2 Livello di protezione elevato Categoria 3 Livello di protezione normale Categoria M1 Livello di protezione molto elevato Alimentate in presenza di atmosfera esplosiva Categoria M2 Livello di protezione elevato Disalimentate in presenza di atmosfera esplosiva Classificazione - gruppi / sostanze Tabella sostanze infiammabili CEI I Miniere presenza di grisou IIC Suddivisione basata sulle caratteristiche dei gas IIB IIA acetone, alcool etilico, ammoniaca, benzina, butano, esano, etano, gas naturale, metanolo, nafta, propano, toluene, solventi in generale acetaldeide, ciclopropano, etere etilico, etilene acetilene, idrogeno, gas contenenti oltre il 30% di idrogeno, solfuro di carbonio 5

6 Classificazione delle apparecchiature GRUPPI gruppo I: miniere con grisou gruppo II: altre atmosfere esplosive (ambienti di superficie) SOSTANZE CARATTERISTICHE I: metano IIA: propano IIB: etilene IIC: idrogeno e acetilene CLASSI DI TEMPERATURA massima temperatura superficiale ( C) / classe di temperatura 450/T1 300/T2 200/T3 135/T4 100/T5 85/T6 temperatura ambiente -20 C / +40 C Le apparecchiature IIC sono idonee anche per i gruppi IIB e IIA; quelle del gruppo IIB sono idonee per il gruppo IIA => NON sono idonee per il gruppo IIC Classe di temperatura GAS E VAPORI Massima temperatura superficiale Temperatura di accensione delle sostanze T1 450 C > 450 C T2 300 C > 300 C T3 200 C > 200 C T4 135 C > 135 C T5 100 C > 100 C T6 85 C > 85 C POLVERI La temperatura di accensione in nube (T CL ) è diversa dalla temperatura di accensione in strato (T 5 mm ) Nubi di polvere => T max = 2/3 T CL Strati di polvere => T max = T 5mm 75 C 6

7 ATEX 94/9/CE: certificato SI o NO? apparecchio Categoria 1 Categoria 2 Categoria 3 (zone 0 e 20) (zone 1 e 21) (zone 2 e 22) SÌ elettrico o motore a combustione interna NO Certificato CE NB ATEX NON OCCORRE certificato CE (deposito FT ATEX, cat. 2 meccanico) ATEX 94/9/CE - Marcatura xxxx Unità di comando e controllo serie EJB II 2 GD EEx d IIB T5 IP 65 T100 C 7

8 ATEX 94/9/CE: materiale non elettrico Norma Modo di protezione Marcatura (simbolo) EN (*) Regole generali -- EN prova di esplosione d EN (#) sicurezza costruttiva c EN (#) controllo sorgenti di accensione b EN pressurizzazione p EN (#) immersione i in liquido id k EN respirazione limitata fr (*) EN diventerà ISO EN (#) EN EN EN diventerà ISO EN ATEX 94/9/CE: materiale non elettrico CONTENUTO DEL FASCICOLO TECNICO ATEX descrizione generale apparecchiatura; valutazione del rischio e misure di protezione; riferimento i norme applicate, soluzioni i adottate per soddisfare ESR; disegni, caratteristiche dei materiali, risultati di calcoli e/o di prove, ecc.. marcatura e istruzioni di sicurezza. Riferimenti Allegato VIII, direttiva ATEX 94/9/CE Controllo di fabbricazione interno Per le apparecchiature non elettriche di categoria 2, il costruttore deve predisporre un fascicolo tecnico deve essere depositato c/o un Organismo notificato ATEX che rilascia ricevuta di deposito. 8

9 ATEX 94/9/CE - Marcatura Riduttore Gruppo II Categoria 2 GD (zona 1 / 21) Modo Classe temperatura / Temperatura max di protezione Grado di Fascicolo tecnico protezione del costruttore II 2 GD ck IP 6X T4/T125 C Tech. File. XYZ Documentazione L utente ha diritto di ricevere: Dichiarazione di conformità Istruzioni per l uso (manuale) 9

10 Evoluzione normativa - ATEX DALLE NORME ARMONIZZATE EN ALLE NORME X (GAS) / EN X (DUST) Modo di protezione Atmosfera Simbolo Norma Flameproof-enclosures GAS Ex d EN Pressurized enclosures GAS DUST Ex p Ex pd EN EN Powder filling GAS Ex q EN Oil immersion GAS Ex o EN Increased safety GAS Ex e EN Intrinsic safety GAS Ex i EN DUST Ex id EN Type of protection n GAS Ex n EN Encapsulation GAS DUST Ex m Ex md EN EN Protection by enclosure DUST Ex td EN Evoluzione normativa marcatura XXXX EEx de IIB + H2 T3 IP 65 T200 C XXXX Ex de IIB + H2 T3 >> zona 1 Ex td A21 IP65 T200 C >> zona 21 10

11 Evoluzione normativa - ATEX dal Evoluzione normativa - ATEX EPL modi di protezione (GAS) EPL Modo di Protezione Simbolo Norma Ga Intrinsic safety Ex ia EN Zona 0 Encapsulation Ex ma EN Flameproof enclosures Ex d EN Pressurized enclosures Ex px EN Gb Increased safety Ex e EN Zona 1 Intrinsic safety Ex ib EN Encapsulation Ex mb EN Intrinsic safety Ex ic EN Gc Encapsulation Ex mc EN Zona 2 Non sparking Ex n EN

12 Evoluzione normativa - ATEX La norma EN/IEC (ed. 5) introduce il gruppo III relativo agli apparecchi per polveri. Le polveri sono suddivise in 3 sottogruppi: IIIA, IIIB, IIIC Gruppo Sostanza Pericolosa IIIA Sostanze volatili combustibili (fibre) IIIB Polveri non conduttive IIIC Polveri conduttive Evoluzione normativa - ATEX EPL modi di protezione (DUST) EPL Modo di protezione Simbolo Norma Da Zona 20 Db/Dc Zona 21/22 Intrinsic safety Ex id EN Encapsulation Ex md EN Protection by enclosure Ex t EN Pressurized enclosure Ex pd EN

13 Marcatura EPL apparecchiature OLD MARKING IEC/EN , 0, gas EC/EN , dust II 2 GD Ex de IIB+H2 T3 Ex td A21 IP 65 T200 C NEW EPL IEC/EN : 0: Gas & Dust NEW MARKING II 2 GD Ex de IIB + H2 T3 Gb Ex tb IIIC T200 C IP65 Db Ente Notificato per la sorveglianza Marcatura CE Ente Notificato per l'esame CE di tipo Marchio Comunitario XXXX Gruppo I Miniere II per Superficie CESI 12 ATEX 123 X Categoria : M1, M2 per Gruppo I 1, 2, 3 per Gruppo II NOTA: se (*) è riferito ad Apparecchiature Associate G Gas e/o D Polveri solo per Gruppo II II 1 G Ex ia IIC T4 Ga Marcatura modi di protezione, gruppo di gas (o polvere),classe di temperatura (o max temp. superficiale), EPL Anno Direttiva ATEX Numero progressivo nell'anno X per condizioni speciali oppure U per componenti 13

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Salvatore Iannello 30 giugno 2003 Ex Attrezzature esistenti Devono risultare

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

Guida alla marcatura ATEX delle apparecchiature Ex

Guida alla marcatura ATEX delle apparecchiature Ex Guida alla marcatura ATEX delle apparecchiature Ex 1 / 8 1 Aree con pericolo di Esplosione Classificazione ZONE Si definisce «atmosfera esplosiva» una miscela di aria, in condizioni atmosferiche, con sostanze

Dettagli

Concetti base per la protezione dalle esplosioni

Concetti base per la protezione dalle esplosioni Concetti base per la protezione dalle esplosioni 1 2 Direttiva 94/9/CE del 23/3/1994 Direttiva ATEX 95 detta anche nuovo approccio 3 Entrata in vigore l 1/3/1996 facoltativamente. Recepita in Italia con

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E.

consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E. S T U D I O P I C A consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E. PICA 21 giugno 2013 Termoli (CB) 1 I PERSONAGGI EX

Dettagli

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano Corso di Formazione ATEX Modulo 3 Docenza: Gonzato Ing. Stefano Patrocinio Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Vicenza Associazione dei Periti Industriali della

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

ATEX LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX SOMMARIO CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE

ATEX LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX SOMMARIO CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE SOMMARIO LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX ATEX CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE PRINCIPI DI SICUREZZA CONTRO L ESPLOSIONE DIRETTIVA 1999/92/CE DIRETTIVA 94/9/CE PANORAMA NORMATIVO ESPLOSIVO

Dettagli

154 ATEX - ATmosphere EXplosive

154 ATEX - ATmosphere EXplosive 154 ATEX - ATmosphere EXplosive DIRETTIVA 94/9/CE (ATEX= ATMOSPHERE EXPLOSIVE) DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO (23-03 - 1994). Impatto sugli apparecchi per illuminazione APPLICAZIONI Le armature

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA

ISTRUZIONI DI SICUREZZA ISTRUZIONI DI SICUREZZA N : SN/INOX/ATX/12U ARMADI MODULARI serie AM CASSETTE serie CS CASSETTE serie CSP SCATOLE serie PX ALDEGANI ANGELO e FIGLI s.r.l. Via Dell'Artigianato, 1 24068 SERIATE (BG) Tel.

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi DIRETTIVA ATEX 94/9/CE PER ATMOSFERE ESPLOSIVE - Obblighi di legge per le aziende con zone a rischio di esplosione. BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi ATMOSFERE ESPLOSIVE DIRETTIVE ATEX

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI Conoscere il rischio / Atmosfere esplosive CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI 1. Limiti di infiammabilità 1.1 Miscele di gas e vapori Le miscele comburente - combustibile si possono infiammare solo

Dettagli

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing.

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing. Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento,

Dettagli

SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX

SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX Manuale delle istruzioni di sicurezza La riproduzione parziale o totale di questo documento è proibita. Per ottenere copia di tale documento si prega di contattare ETEA

Dettagli

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione Guida agli impianti ATEX Normative, installazioni e soluzioni 20 13 I edizione Gewiss Group FRANCE Gewiss France - Les Ulis germany Gewiss Deutschland - Merenberg united kingdom Gewiss U.k. - Cambourne

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

Il recepimento delle direttive comunitarie

Il recepimento delle direttive comunitarie SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IGIENE E SICUREZZA I metodi per la progettazione, la costruzione, le prove e la marcatura sono specificati nella norma EN 13463-1 Direttive ATEX: adempimenti e certificazione per

Dettagli

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX)

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) al 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell Unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Le direttive ATEX e la direttiva macchine

Le direttive ATEX e la direttiva macchine Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO Le direttive ATEX e la direttiva macchine ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento, TANTE specializzazioni Un team di oltre 100 tecnici 5 sedi operative Friuli,

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX Pag. 1/7 Motori asincroni SERIE LEX 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di: gas, vapori, nebbie infiammabili (II 3G) polveri

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN Pag. 1/6 Motori asincroni SERIE LEN 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di polveri combustibili anche elettricamente conduttrici.

Dettagli

Nuova armatura illuminante con tecnologia LED a fosfori remoti serie EV...-50...L

Nuova armatura illuminante con tecnologia LED a fosfori remoti serie EV...-50...L SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 0 11/2012 Nuova armatura illuminante con tecnologia LED a fosfori remoti serie EV...-50...L 1 - Scheda Tecnica Nuovo Prodotto - Armatura illuminante serie EV...-50...L

Dettagli

La ventilazione civile e industriale. La ventilazione delle abitazioni. Clima

La ventilazione civile e industriale. La ventilazione delle abitazioni. Clima La ventilazione civile e industriale Lo scopo primario della ventilazione è quello di assicurare la necessaria qualità dell aria negli ambienti (indoor air quality - IAQ) rimuovendo le sostanze nocive

Dettagli

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature. SOCIETÀ DI INGEGNERIA PER LE COSTRUZIONI, L AMBIENTE, LA SICUREZZA Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02) C 306/2 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

P i n z a I S E O 1 - Istruzioni di sicurezza

P i n z a I S E O 1 - Istruzioni di sicurezza Istruzione Tecnica Codice documento: IT SAFPIN 1 Pagina 1 di 7 INDICE 1.0 Scopo e campo di applicazione... 2 2.0 Documenti di riferimento... 2 3.0 Definizioni ed acronimi... 2 4.0 Gestione del presente

Dettagli

Incontro tecnico per VV. F. APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX

Incontro tecnico per VV. F. APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX Incontro tecnico per VV. F. APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX Arturo Cavaliere SOMMARIO Unità 1 Unita 2 Unita 3 Unità 4 Unità 5 Unità 6 Atmosfere esplosive: pericoli da gas, vapori, nebbie infiammabili

Dettagli

MT MOTORI ELETTRICI. Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose

MT MOTORI ELETTRICI. Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose MT MOTORI ELETTRICI Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose 1-II-2G 21-II-2D INDICE 1. Introduzione 2. Ambito di applicazione

Dettagli

www.rechner-sensors.com

www.rechner-sensors.com www.rechner-sensors.com Catalogo Prodotti certificati atex Gas: Zona 0, 1 e 2 Polvere: Zona 20, 21 e 22 Per tutte le transizioni vengono applicate le più aggiornate Condizioni generali di vendita e di

Dettagli

Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L (Ex d) e FLFE-...22L (Ex de)

Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L (Ex d) e FLFE-...22L (Ex de) SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 2 07/2014 Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L (Ex d) e FLFE-...22L (Ex de) 1 - Scheda Nuovo Prodotto - Armature illuminanti con tubi LED serie FLF-...22L

Dettagli

2 GLI ASPETTI TECNICI

2 GLI ASPETTI TECNICI INTRODUZIONE pag. 53 Cap.1 LA STORIA 1.1 - CENNI STORICI e CURIOSITA pag. 54 1.2 - BREVE STORIA NORMATIVA ITALIANA pag. 56 1.3 - LA PROGRESSIVA SOSTITUZIONE DELLA NORMA CEI 64-2 pag. 57 Cap. 2 GLI ASPETTI

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

CHEP ATEX. IECEx. Custodia per telecamere antideflagrante. Prodotto Certificato

CHEP ATEX. IECEx. Custodia per telecamere antideflagrante. Prodotto Certificato CHEP Custodia per telecamere antideflagrante Prodotto Certificato ATEX e IECEx ANTIDEFLAGRANTE Più versioni disponibili per soddisfare le più diverse specifiche di pericolosità ambientale. FACILITA' DI

Dettagli

M-0530 M-0531. Operatori di comando e controllo SERIE M-0603, M-0604, M-0605, M-0612. Blocco contatti SERIE M-0530, M-0531

M-0530 M-0531. Operatori di comando e controllo SERIE M-0603, M-0604, M-0605, M-0612. Blocco contatti SERIE M-0530, M-0531 SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 6-03/2013 Operatori di comando e controllo SERIE M-0603, M-0604, M-0605, M-0612 Blocco contatti SERIE M-0530, M-0531 M-0530 M-0531 1 - Scheda Tecnica Prodotto - Operatori

Dettagli

Rischio Elettrico In Ambienti di Lavoro

Rischio Elettrico In Ambienti di Lavoro Rischio Elettrico In Ambienti di Lavoro Vademecum A cura del GRUPPO RISCHIO ELETTRICO ANNO 2010 Quest opuscolo rappresenta un estratto dei principali argomenti di autoformazione affrontati dal gruppo di

Dettagli

ASPIRATORI PER AMBIENTI AD ATMOSFERA POTENZIALMENTE ESPLOSIVA

ASPIRATORI PER AMBIENTI AD ATMOSFERA POTENZIALMENTE ESPLOSIVA ASPIRATORI PER AMBIENTI AD ATMOSFERA POTENZIALMENTE ESPLOSIVA Ventilazione sotto controllo LA SEDE VORTICE NEL MONDO La sede di Vortice France, Cretéil si trova a circa 1 Km da Parigi ed è operativa dal

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

Le direttive Europee di Prodotto

Le direttive Europee di Prodotto . Le direttive Europee di Prodotto Ing. Giorgio Zerboni Roma, 19 aprile 2011 1 Le Direttive Europee Le Direttive europee sono le regole generali che l Unione Europea si è data in ogni settore e, quindi,

Dettagli

Arturo Cavaliere e Paolo Scardamaglia

Arturo Cavaliere e Paolo Scardamaglia Guida all applicazione delle direttive ATEX Il software allegato Atmosphere Explosive consente: la classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per presenza di gas e/o polveri; la valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE PER LA PRESENZA DI GAS, VAPORI, NEBBIE E POLVERI INFIAMMABILI

RELAZIONE TECNICA DI CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE PER LA PRESENZA DI GAS, VAPORI, NEBBIE E POLVERI INFIAMMABILI doglione p.i. flavio... progettazione e consulenza globale per l'impiantistica elettrica e fotovoltaica... via bonzanigo n.11, 14100 asti... tel/fax +39 0141595925 email doglione@libero.it... p.i. 01297560052

Dettagli

CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9

CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9 CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9 Tel. (+39)0341/706.111 - Fax (+39)0341/706.299 www.cemb.com e-mail: stm@cemb.com Trasduttore Non Contatto T-NC/API Certificato secondo direttiva

Dettagli

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE ATEX 99/92/CE Decreto legislativo n 81/2008 Titolo XI - Protezione da atmosfere esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE Utilizzatori AREE PERICOLOSE ATEX 1999/92/CE Dlgs. 81/2008 titolo XI (già Dlgs. 233/2003)

Dettagli

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi di Gianluca Saputi, Dipartimento Omologazione e Certificazione ISPESL Il pericolo di esplosioni dovute a polveri

Dettagli

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1104 28-08-2012 31-56; V

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1104 28-08-2012 31-56; V N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1104 28-08-2012 Data Pubblicazione 2012- Classificazione 31-56; V Titolo Costruzioni per atmosfere esplosive per la presenza di polveri combustibili

Dettagli

CIAT. Prestazioni & Silenziosità HELIOTHERME 4000. Nuova gamma. L'esperienza di un grande costruttore NI 0812 B

CIAT. Prestazioni & Silenziosità HELIOTHERME 4000. Nuova gamma. L'esperienza di un grande costruttore NI 0812 B CIAT u n i v e r s a l p e r f o r m a n c e HELIOTHERME 4000 Nuova gamma Prestazioni & Silenziosità L'esperienza di un grande costruttore NI 0812 B Il perfetto controllo della diffusione Per CIAT, comfort,

Dettagli

La Direttiva ATEX: i rischi legati alle atmosfere esplosive nel Settore Metalmeccanico.

La Direttiva ATEX: i rischi legati alle atmosfere esplosive nel Settore Metalmeccanico. La Direttiva ATEX: i rischi legati alle atmosfere esplosive nel Settore Metalmeccanico. Valutazione del rischio e misure organizzative di prevenzione Relatore: Dott.Ing. Giustiniano Armenise Argomenti

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

Motori Antideflagranti. Ex d IIB. Serie ADPE ALLUMINIO. Motori per Dispenser di carburante. ADPE Ed.2008-01 1 di 20

Motori Antideflagranti. Ex d IIB. Serie ADPE ALLUMINIO. Motori per Dispenser di carburante. ADPE Ed.2008-01 1 di 20 Motori Antideflagranti Ex d IIB Serie ADPE ALLUMINIO Motori per Dispenser di carburante ADPE Ed.2008-01 1 di 20 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA La RAEL, nata a Genova nel 1969, è dal 1978 specializzata nello

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

MASTER SICUREZZA DIRETTIVE ATEX. Alberta Dal Col. Vicenza 10 giugno 2010

MASTER SICUREZZA DIRETTIVE ATEX. Alberta Dal Col. Vicenza 10 giugno 2010 MASTER SICUREZZA DIRETTIVE ATEX Alberta Dal Col Vicenza 10 giugno 2010 SOMMARIO DELLA GIORNATA PRIMA PARTE Introduzione D. LGS. N. 81/2008 E DIRETTIVA 99/92/CE Campo di applicazione e principi fondamentali

Dettagli

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.)

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) CENTRALE TERMICA A GAS METANO O (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) Sistema di alimentazione: TT Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori

Dettagli

Sistemi di Supervisione e Controllo

Sistemi di Supervisione e Controllo Sistemi di Supervisione e Controllo Argomento Docente - Schemi e standard per i sistemi di controllo - Prof. Elio USAI eusai@diee.unica.it Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università

Dettagli

Trasmettitore di pressione a sicurezza intrinseca per applicazioni in ambienti potenzialmente esplosivi Modelli IS-20-S, IS-21-S, IS-20-F, IS-21-F

Trasmettitore di pressione a sicurezza intrinseca per applicazioni in ambienti potenzialmente esplosivi Modelli IS-20-S, IS-21-S, IS-20-F, IS-21-F Misura di Pressione Elettronica Trasmettitore di pressione a sicurezza intrinseca per applicazioni in ambienti potenzialmente esplosivi Modelli IS-20-S, IS-21-S, IS-20-F, IS-21-F Scheda tecnica WIKA PE

Dettagli

La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Per una pesatura versatile nelle aree a rischio di esplosione

La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Per una pesatura versatile nelle aree a rischio di esplosione La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Per una pesatura versatile nelle aree a rischio di esplosione La nostra competenza a servizio della Vostra sicurezza Una tradizione di sicurezza Sartorius

Dettagli

GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE)

GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE) GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE) GUIDA ALL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 94/9/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, DEL 23 MARZO 1994, CONCERNENTE IL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

Modulo 5.1 Normativa ATEX

Modulo 5.1 Normativa ATEX Corso di Strumentazione e Automazione Industriale Modulo 5.1 Normativa ATEX Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Department of Industrial Engineering (DIN)

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

ALTAIR 5X Scheda Tecnica Prodotto

ALTAIR 5X Scheda Tecnica Prodotto Descrizione prodotto ALTAIR 5X Scheda Tecnica Prodotto Rivelatore multigas per la protezione personale da concentrazioni pericolose di gas combustibili, di gas tossici e dalla carenza o dall eccesso di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI. Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI)

CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI. Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI) CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI) Committente PROTEKNO S.r.l. Via Pavia n.10 MUGGIO (MB) Milano,

Dettagli

Sensepoint. Semplicità di utilizzo Configurato in fabbrica Sostituzione semplice Addestramento minimo

Sensepoint. Semplicità di utilizzo Configurato in fabbrica Sostituzione semplice Addestramento minimo Sensepoint La gamma Sensepoint di rivelatori di gas infiammabili, tossici e ossigeno offre soluzioni di alta qualità a basso costo per qualsiasi esigenza di monitoraggio nel settore industriale. Sensepoint

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

M-0. Ex e. Settori di impiego: DATI DI CERTIFICAZIONE OPERATORI DI COMANDO M-0603, M-0604 e M-0605. Classificazione: 94/9/EC Gruppo II Categoria 2GD

M-0. Ex e. Settori di impiego: DATI DI CERTIFICAZIONE OPERATORI DI COMANDO M-0603, M-0604 e M-0605. Classificazione: 94/9/EC Gruppo II Categoria 2GD M-0 La nuova serie Cortem di operatori di comando, controllo e segnalazione M-0 vengono installati quali accessori esterni di custodie e di quadri utilizzati in tutti gli ambienti industriali dove può

Dettagli

APPLICAZIONI SPECIALI AVVOLGICAVI PER

APPLICAZIONI SPECIALI AVVOLGICAVI PER 149 AVVOLGICAVI PER APPLICAZIONI SPECIALI AVVOLGICAVO PER TRASMISSIONI SEGNALI IP65 SERIE 67 SERIE 47 MATERIALE PLASTICO IP42 IP42 AL41/71205 150 applicazioni tipiche Robot, sistemi di misura e d ispezione

Dettagli

Aprile 2008. EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1

Aprile 2008. EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1 Sensigas EsiWelma Sistema di rivelazione gas per applicazioni industriali EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1 Soluzione EW40: applicazioni Rivelazione di: Applicazioni per: Gas metano Centrali termiche

Dettagli

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Pubblicato il: 03/07/2007 Aggiornato al: 03/07/2007 di Gianfranco Ceresini 1. Generalità Con la pubblicazione della nuova guida CEI 31-35/A,

Dettagli

Istruzioni del misuratore di gas MX-2100 per gas infiammabili, diossido di carbonio, solfuro di idrogeno e ossigeno

Istruzioni del misuratore di gas MX-2100 per gas infiammabili, diossido di carbonio, solfuro di idrogeno e ossigeno www.pce-italia.it Istruzioni del misuratore di gas MX-2100 per gas infiammabili, diossido di carbonio, solfuro di idrogeno e ossigeno Via Pesciatina 878 / B-Interno 6 Gragnano 55010 Capannori Lucca-Italia

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO

CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO Miscele di gas e gas puri per taratura, rilevazione gas, uso di laboratorio. Dispositivi di prelievo. Risam Gas srl Via Padova, 221-20127 Milano Uff.Comm./Operativo: Corso

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

Corso Atmosfere Esplosive DPR 462/01

Corso Atmosfere Esplosive DPR 462/01 LA FINALITÀ E L OBIETTIVO GENERALE DEL CORSO La finalità del progetto formativo è quella di fornire le conoscenze di base e di completamento per i verificatori che in ottemperanza al D.Lgs. 462/01 sono

Dettagli

La prevenzione incendi nelle attività con pericolo di esplosione per la presenza di atmosfere esplosive

La prevenzione incendi nelle attività con pericolo di esplosione per la presenza di atmosfere esplosive SEMINARIO TECNICO La valutazione del rischio ATEX alla luce del D.Lgs. 81/08 nelle piccole e medie aziende VENARIA REALE (T0) 2 DICEMBRE 2011 La prevenzione incendi nelle attività con pericolo di esplosione

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

C a t a l o g o 2 0 1 3 R I L E V A T O R I F I S S I

C a t a l o g o 2 0 1 3 R I L E V A T O R I F I S S I C a t a l o g o 2 0 1 3 R I L E V A T O R I F I S S I 2 PRODOTTO Pagina Sensore %LEL 3 Sensore Gas tossici e Ossigeno 4 Sensore serie Adventure per applicazioni civili 5 Sensore I.R. Anidride Carbonica

Dettagli

La direttiva ATEX. Coordinatore tecnico: Ing. Giuseppe Laricchiuta - TÜV Italia. www.tuv.it. Cellulare +39 340 5950913 E-mail dario.calcagni@tuv.

La direttiva ATEX. Coordinatore tecnico: Ing. Giuseppe Laricchiuta - TÜV Italia. www.tuv.it. Cellulare +39 340 5950913 E-mail dario.calcagni@tuv. La direttiva ATEX Relatore: Dott. Dario Calcagni - TÜV Italia Coordinatore Area Sud Div. Industrie Service Ispettore Materiali, Saldature, App. a Press. Auditor Sistemi di Gestione Cellulare +39 340 5950913

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I Cilindretti per chiusura fori Tipo A L Adatto Imballo per standard/minimo guarnizione (mm) (mm) TGM38 36A3M1623 3 8 5.000/100 TGM48 36A3M1624 + 36A3M2034 + 36A3M2554 4 8 5.000/100 TGM58 36A3M2025 5 8 5.000/100

Dettagli

Classificazione delle aree

Classificazione delle aree Classificazione delle aree con pericolo di esplosione Ing. Maurizio Toninelli Classificazione delle aree Metodo di analisi e di suddivisione convenzionale dei luoghi in ZONE PERICOLOSE e ZONE NON PERICOLOSE

Dettagli

Unità di controllo 4 20 ma compatibile HART serie 3490 Rosemount

Unità di controllo 4 20 ma compatibile HART serie 3490 Rosemount 00825-0202-4841, Rev. AA Unità di controllo 4 20 ma compatibile HART serie 3490 Rosemount AVVERTENZA La mancata osservanza delle istruzioni di sicurezza per l'installazione può causare infortuni gravi

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

sicurezza abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Indoor venting...pag.

sicurezza abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Indoor venting...pag. sicurezza 157 Sistemi di soppressione e controllo esplosioni, abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Sui nostri filtri siamo in grado

Dettagli

S ERIE IS OL ATORS-EX

S ERIE IS OL ATORS-EX S ERIE IS OL ATORS-EX Interruttori di manovra-sezionatori per applicazioni in atmosfera potenzialmente esplosiva - POLVERI [ ] II 2D [ II 2D] INTERRUTTORI DI MANOVRA-SEZIONATORI NORME DI RIFERIMENTO EN

Dettagli

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm Dimensioni M12x1 4 17 32 35 0102 LED Codifica PEPPERL+FUCHS NCB2-12GM35-N0 Caratteristiche Linea comfort 2 mm allineato Applicabile fino a SIL 2 secondo IEC 61508 Allacciamento Schema elettrico N / N0

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Evento organizzato da Partner tecnici Patrocinio

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Evento organizzato da Partner tecnici Patrocinio salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Evento organizzato da Partner tecnici Patrocinio Gestione del rischio ATEX: dagli interventi di adeguamento agli aspetti di controllo operativo del fattore umano

Dettagli

LA SOLUZIONE AI PROBLEMI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

LA SOLUZIONE AI PROBLEMI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE 24050 GRASSOBBIO Via G. Donizetti 26/A Tel 035 335333 - Fax 035 4241733 - mail : info@quasarservicesrl.com ATEX NOTIFIED INERIS 03 ATEX Q412 LA SOLUZIONE AI PROBLEMI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

Dettagli

Sicurezza in aree pericolose

Sicurezza in aree pericolose Sicurezza in aree pericolose Indice 1.1 Caratteristiche di Sicurezza... 3 1.2 Rischio esplosioni... 4 1.3 La combustione... 4 1.4 Campo di infiammabilità... 5 1.5 Metodi di protezione... 10 1.6 Enti Formatori...

Dettagli

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi

Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi Presenza di polveri combustibili o esplodenti base della classificazione dei luoghi pericolosi di Gianluca Saputi Dipartimento Omologazione e Certificazione ISPESL ISPESL l pericolo di esplosioni dovute

Dettagli

S003 Raccolta per Impianti e sicurezza di esercizio

S003 Raccolta per Impianti e sicurezza di esercizio 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli