The student route Studenti internazionali: presenza e impatto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The student route Studenti internazionali: presenza e impatto"

Transcript

1 The student route Studenti internazionali: presenza e impatto Conferenza promossa da EMN Italia/Ministero dell Interno e Università Ca Foscari di Venezia, in collaborazione con Prefettura, Questura, Comune e Caritas di Venezia e Regione Veneto e, a livello di ricerca, Centro Studi e Ricerche Idos, Cnr/Irpps, Fondazione Leone Moressa e Intersos Venerdì 8 giugno 2012, ore Sede dei lavori: Aula Magna di Ca Dolfin, Dorsoduro 3825/E Background e obiettivi del convegno Un aspetto molto importante del fenomeno migratorio sono gli studenti internazionali, da considerare una delle espressioni più significative del fenomeno della mobilità, non da ultimo per il potenziale impatto sulla concorrenza e sulla costruzione di società interculturali. La Commissione Europea, cosciente di questa posta in gioco, ha proposto uno studio specifico ai 27 Stati membri che fanno parte dell European Migration Network, un programma istituzionale che in Italia fa capo al Ministero dell Interno, Direzione Centrale delle Politiche per l Immigrazione e per l Asilo e che si avvale del supporto del Centro Studi e Ricerche Idos. Non è estraneo a questo interesse l aver constatato che i paesi più sviluppati sono quelli che accolgono il maggior numero di studenti, per cui merita di essere approfondito l impatto di questa presenza. Gli studenti internazionali si propongono, insomma, come un fattore di propulsione anche a livello economico. Nell area Ocse gli studenti internazionali sono stati stimati pari a 3,7 milioni (e nell UE a 27 oltre un milione e 200mila), con un assoluta prevalenza dei cinesi (incidenza del 18%), mentre come paesi ricettori si sono segnalati, insieme agli Stati Uniti, diversi paesi europei, anche per la capacità di inserirli nel mercato interno. Nell area Ocse la Gran Bretagna primeggia con mezzo milione di studenti esteri. Segue un gruppo di paesi con / presenze: Australia, Germania e Francia. Quindi si incontra un un gruppo di due paesi con più di studenti: Canada e Giappone. Il quarto gruppo è quello dei paesi che superano le presenze: Spagna, Nuova Zelanda, Austria, Italia, Corea del Sud e Svizzera. In Italia, dove i dati provvisori dell Anagrafe Nazionale Studenti per l a.a. 2011/2012 hanno registrato presenze e l incidenza degli stranieri sulla popolazione studentesca totale risulta pari al 3,8%, quota decisamente bassa se rapportata sia alla media dei Paesi UE (8,6%), sia al 10,7% che si registra in Germania e al 21,6% nel Regno Unito, solo per citare alcuni esempi relativi al 2010 (tab.3.1). Nell UE a 27 nel 2010 i permessi di soggiorno per motivi di studio sono stati 510mila, pari ad un quinto di tutti i permessi rilasciati nel corso dell anno (21,8%) e ciò dà un idea dell importanza degli ingressi per studio (tab.1.1). A questi e ad altri approfondimenti è finalizzato il convegno sugli studenti internazionali in Italia e in Europa, programmato a Venezia per l 8 giugno 2012 presso l'università Ca' Foscari, che coinvolge le delegazioni di otto Stati membri (Austria, Estonia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Svezia e Ungheria) e, a livello locale, la Regione Veneto, la Prefettura, la Questura, il Comune di Venezia e la Caritas diocesana. In preparazione del convegno e in collaborazione con il Centro Nazionale delle Ricerche/Istituto per la ricerca sulla popolazione e le politiche sociali, si è svolto il 22 maggio un seminario di approfondimento con una delegazione finlandese, i rappresentanti di diverse Università romane e pontificie, il Forum per l Intercultura della Caritas di Roma e diversi stranieri che hanno studiato in Italia. In tale occasione è stato lanciato un questionario per ampliare la conoscenza sulla situazione e le prospettive degli studenti internazionali, disponibile per la compilazione sia su formato cartaceo sia online (www.irpps.cnr.it/it/eventi/indagine-sugli-studentiuniversitari-non-comunitari). Per il convegno di Venezia il Centro Studi e Ricerche Idos e la Fondazione Leone Moressa hanno operato congiuntamente per preparare una scheda di introduzione al convegno, sia quanto ai dati statistici che all approfondimento degli aspetti economici implicati, mentre l ong Intersos ha messo a disposizione i suoi approfondimenti sugli studenti internazionali e la fuga dei cervelli. Dati sugli studenti internazionali in Italia Non manca in Italia una certa diversificazione dell offerta formativa, trainata anche dalla crescente presenza immigrata nel nostro Paese e dalla creazione di un portale internet unico chiamato Study in Italy. L internazionalizzazione dello studio sta diventando più concretamente visibile, però - nonostante i passi in avanti - l Italia rimane notevolmente attardata rispetto agli altri paesi, dove - come si è visto - l incidenza di 1

2 questi studenti è notevolmente più alta. Tra i fattori ostativi si possono annoverare, da una parte, le difficoltà di programmazione e di rilascio dei permessi di soggiorno per motivi di studio, l'incertezza del loro rinnovo annuale, il complesso meccanismo di riconoscimento dei titoli di studio conseguiti all'estero, il basso numero di borse di studio erogate, la carenza di residenze universitarie (i posti letto disponibili sono pari al 2,8% della popolazione universitaria) e, infine, lo scarso livello di corsi in inglese, fortunatamente da ultimo in forte aumento: già ora in oltre 100 atenei sono attivi corsi o insegnamenti in lingua inglese. Inoltre, dall'anno accademico l intera offerta formativa magistrale, cioè bienni specialistici e dottorati, del Politecnico di Milano sarà data in lingua inglese e forse non sarà l unico caso. Dall'altra parte, il Testo Unico delle leggi sull immigrazione sancisce la parità di diritto nell accesso alle borse di studio, alle residenze per studenti, ad eventuali riduzioni delle tasse universitarie e ad altri interventi di sostegno. Nella metà degli anni 60 gli studenti esteri erano , diventati il doppio nei primi anni 70. All inizio dei primi anni 80 si fece un significativo passo in avanti e si arrivò a studenti, scesi nuovamente a all inizio degli anni 90, periodo in cui furono notevoli le oscillazioni e netto l aumento di quelli europei con diminuzione delle altre aree continentali. Nel corso del tempo è cambiato il protagonismo delle diverse collettività. Nella prima fase il protagonismo spettava a tedeschi, svizzeri e specialmente greci, che trovavano in Italia un rimedio al numero chiuso praticato in alcune facoltà delle loro università. Poi è stata la volta degli albanesi, non solo per il forte afflusso di persone dal paese delle aquile ma anche per l iscrizione all università dei figli degli immigrati. Negli ultimi anni il dinamismo più significativo spetta alla Romania e alla Cina, paese quest ultimo che, così come sta facendo in Italia, manda i suoi studenti nelle diverse parti del mondo. I maggiori protagonisti dello studio universitario in Italia non sono coloro che appartengono alle collettività più consistenti, seppure con alcune eccezioni. L eccezione più significativa è quella dell Albania che, seppure sia un piccolo paese, continua a rimanere al vertice. Anche il Camerun è un paese che incoraggia lo studio all estero e ritiene l Italia uno sbocco interessante visto che, tra quelli africani, è il paese che conta il maggior numero di studenti in Italia (cfr. Raymond Siebetcheu, L immigrazione camerunense in Italia, in Caritas/Migrantes, Dossier Statistico Immigrazione 2011, Edizioni Idos, Roma, 2011, pp ). Attualmente gli iscritti del Camerun sono più di 2.000, pressoché triplicati nel corso di un decennio. Notevole è anche il fatto che negli ultimi quattro anni un migliaio di cittadini di questo paese abbia conseguito la laurea in Italia. Lo sbocco più ricorrente è il politecnico di Torino, mentre l università di Modena è quella dove hanno raggiunto l incidenza più elevata (18%). Come gli altri immigrati, i camerunensi sono una risorsa non solo per l apporto economico, ma soprattutto perché costituiscono una ricchezza plurima che favorisce il plurilinguismo e l internazionalizzazione nella società italiana, con il suo assetto sociale che ne deriva (Raymond Siebetcheu, cit., p. 55). In Italia, nel periodo , anche a seguito dell introduzione della laurea triennale (a.a ), gli studenti internazionali sono aumentati del 160% (da a ), ma più sorprendente è stata l evoluzione della Corea del Sud, dove questi studenti sono più che triplicati solo nel periodo (da a ). Notevole difficoltà persiste, invece, soprattutto per gli studi post-laurea, come per esempio le scuole di specializzazione medica, essendo richiesta la cittadinanza italiana, ostacolo che vale anche per i giovani immigrati di seconda generazione residenti in Italia. I dati disaggregati disponibili per l a.a mostrano che le donne hanno inciso per il 59,2% sui iscritti stranieri (contro il 56,9% tra gli studenti italiani). Gli iscritti sono soprattutto europei e asiatici, con prevalenza di queste collettività: Albania , Cina 5.102, Romania 4.642, Grecia 3.068, Camerun e Marocco 1.656, rispetto alle quali, con la sola eccezione della Cina, l Italia rappresenta una meta privilegiata nell ambito dei paesi UE (tab. 4.2). Nell'a.a , secondo i dati provvisori dell Anagrafe Studenti Universitari del Miur, nelle università italiane si sono iscritti studenti internazionali, un livello pressoché costante nell ultimo quinquennio (tab.4.1). Queste sono le proporzioni: 1 cittadino straniero ogni 22 immatricolati, 1 ogni 26 iscritti complessivi, 1 ogni 37 laureati (oltre 7mila). Questi valori sono in aumento: nell anno accademico i laureati stranieri erano solo 1 ogni 100 e gli immatricolati e gli iscritti all incirca 1 ogni 60 (tab. 4.1). Alla fine del 2011, secondo l archivio del Ministero dell Interno, il maggior numero di permessi di soggiorno per motivi di studio (complessivamente ) spetta ai cinesi (7.589), seguiti dagli albanesi (5.889), dagli statunitensi (2.842), dagli iraniani (2.520) e dai camerunensi (2.088). Segue un folto gruppo di paesi con più di permessi per motivo di studio: Turchia, Russia, Israele, Corea del Sud, Giappone. A differenza di quanto avvenuto nel triennio precedente, non troviamo più nella graduatoria dei primi dieci paesi l India, il Brasile, il Marocco, la Serbia e la Croazia (tab ). Quanto ai rilasci di un permesso di soggiorno per studio a persone direttamente provenienti dall estero (complessivamente ), nel corso del 2011 i primi sono gli statunitensi (5.684), seguiti dai cinesi (3.243) e dagli albanesi (1.029). Per numero di nuovi permessi si segnala anche il Messico. Nel 2011 risultano, invece, ridotti i permessi di soggiorno per motivi di studio 2

3 rilasciati a persone provenienti dai paesi di origine degli immigrati. Si è trattato di poco più di 200 permessi per la Tunisia, il Marocco, la Serbia, l Egitto, il Pakistan e la Croazia, e di poco più di 100 per l Argentina, la Moldova, il Venezuela e la Nigeria (tab.2.2). Si deve avere l accortezza di non equiparare i permessi di soggiorno per studio in vigore allo stock degli universitari stranieri registrati in Italia, così come i nuovi permessi non vanno equiparati alle immatricolazioni, perché si iscrivono alle università anche i figli degli immigrati, seppure presenti per motivi di famiglia o di lavoro, aspetto sul quale si ritornerà, e anche perché molti stranieri che arrivano dall estero per studiare, dunque con visto e permesso di soggiorno, frequentano università private che non rientrano nella competenza del Miur (è il caso per esempio delle università americane). La mobilità studentesca non ricalca esattamente la mobilità per lavoro, perché un terzo degli studenti internazionali è concentrato nel Centro Italia, dove fungono da fattore di attrazione le università di Roma (oltre 8mila iscritti, di cui oltre 5mila alla Sapienza), Firenze (3mila), Pisa (1.500), come anche quelle per stranieri di Perugia (492) e Siena (136). Sedi universitarie importanti, nelle altre aree del paese, sono Milano (9.800 iscritti, distribuiti tra numerosi atenei), Torino (6.600), Bologna (4.900), Padova (2.400), Trieste (1.500) e, nel Sud, Bari e Napoli (quasi 800 ciascuna città distribuiti in più atenei). Approfondimenti condotti negli anni passati hanno posto in evidenza che i greci frequentano maggiormente gli atenei di Camerino, Urbino e Bari, i romeni Torino, i tedeschi Palermo e Bolzano, i camerunensi Modena-Reggio Emilia, Padova e Parma, i cinesi il Politecnico di Milano. Economia, Medicina e Chirurgia e Ingegneria sono le facoltà che gli stranieri trovano maggiormente interessanti e che, perciò, totalizzano quasi la metà degli iscritti. Al quarto posto si colloca, con un valore attorno al 10% (e nel passato a livello ancora più alto), la facoltà di Lettere e Filosofia. Più richiesta sta diventando anche la laurea in Infermieristica, per la quale peraltro sono scarsi i posti anche per gli italiani che vogliano iscriversi. Nel 2011 nell Unione Europea, su nuovi permessi di soggiorno per studio, il 5% è stato rilasciato in Italia (26.676). Alcune nazionalità sentono verso l Italia una maggiore attrattiva, tenendo conto della percentuale di propri studenti che sceglie il nostro paese: Stati Uniti 9,7%, Giappone 10,1%, Argentina 11,0%, Serbia 12,2%, Libano 12,5%, Iran 13,9%, Egitto 14,1%, Camerun 17,9%, Croazia 18,3%, Israele 27,9% (molti dei quali sono in realtà studenti di origine palestinese con cittadinanza israeliana) e, infine, Albania 52,1% (tab.1.2). Si tratta di una sorta di gemellaggi di fatto che meritano approfondimenti. Come anche un attenta riflessione va dedicata alla scarsa propensione allo studio in Italia che caratterizza diversi paesi che vi hanno consistenti collettività immigrate, ma una ridottissima quota di studenti: Pakistan 0,9%, India 1,4%, Turchia e Ucraina 3,1%, Marocco 3,8%, Cina 4,1%, Moldova 5,1%, Venezuela 5,6%, Brasile 5,9%, Russia 6,4%, Tunisia 7,8%. Se il fenomeno migratorio è chiamato a fungere da ponte, questo - come si vede - non sempre avviene per quanto riguarda lo scambio a livello universitario. L archivio dei permessi di soggiorno del Ministero dell Interno consente di evidenziare che un decimo di quanti nel 2011 sono entrati in Italia per motivi di studio (3.309 su ) si sono fermati per periodi tra i 3 e i 6 mesi, presumibilmente per seguire corsi di lingua italiana o aggiornamenti di breve periodo (tab. 2.1). Non mancano quelli che seguono la formazione postlaurea: dottorati, scuole di specializzazione e master. Per una esatta lettura dei dati statistici, è importante ribadire che tra gli studenti stranieri sono inclusi anche i giovani che risiedono in Italia e, dopo aver ottenuto il diploma, si iscrivono all università. Essi non possono essere considerati veri e propri studenti internazionali, dal momento che l Italia è il loro paese di residenza e anche per il fatto che il loro comportamento è molto simile a quello degli studenti italiani. Dagli archivi del Miur si rileva che tra gli studenti stranieri iscritti all università il 58,0% ha conseguito il diploma all estero, il 31,0% in Italia e il rimanente 10,9% in un luogo non specificato; di conseguenza, si può ipotizzare che gli studenti internazionali in senso proprio siano solo , per cui l incidenza prima calcolata diminuisce notevolmente. Di questa distinzione si terrà conto nell ipotizzare la dimensione economica dello studio in Italia, senza trascurare che anche i figli degli immigrati possano decidere di studiare fuori sede. Quanto costa a uno straniero studiare in Italia Di questo tema si è occupata la Fondazione Leone Moressa nell approfondimento condotto sugli aspetti economici degli studenti internazionali. Distinguere tra studenti stranieri internazionali e studenti stranieri non internazionali risulta fondamentale nel momento in cui si stimano i costi e le spese sostenute per la frequenza universitaria e per il mantenimento quotidiano degli studenti fuori sede. Bisogna poi considerare come quelli che chiamiamo studenti stranieri non internazionali in alcuni casi decidano di allontanarsi dalla propria famiglia per studiare, scegliendo una facoltà lontana dalla propria residenza. Considerando che il 26,3% degli universitari in Italia studia fuori sede, come attesta la Sesta indagine Eurostudent sulle condizioni di studio degli studenti universitari (2011), si ipotizza che una percentuale leggermente più bassa possa interessare anche gli studenti stranieri non internazionali ; in questo modo si stima la loro presenza in soggetti (il 26,3% 3

4 riferito a tutti gli studenti è stato ridotto del 30%, ipotizzando così pari al 18% il numero di studenti stranieri fuori sede che hanno preso il diploma in Italia). Il comportamento economico di questi soggetti potrebbe essere paragonato a quello degli studenti internazionali; quindi, nello stimarne la numerosità, occorre prendere in considerazione anche questo dato. Si tratta così di soggetti (tab.5.1). Gli studenti internazionali affrontano delle spese per il loro percorso di studi e per il loro mantenimento: si tratta delle tasse e dei contributi universitari, dei libri di testo e del materiale didattico, dell affitto dell alloggio (sia esso alloggio universitario o appartamento o stanza privata), delle spese per la casa (come le bollette di luce, acqua, gas ), delle spese per alimenti, trasporto, abbigliamento, comunicazione, tempo libero, i viaggi che sostengono amici e parenti che vengono a trovare in Italia lo studente e i viaggi che gli studenti stessi fanno per tornare a casa. Inoltre sono previste spese per l assicurazione sanitaria e per il permesso di soggiorno. Ma per riuscire a comprendere l effettivo impatto economico degli universitari stranieri, non si può non considerare che anche gli studenti stranieri non internazionali sostengono delle spese, contribuendo così a rafforzare il loro peso sull economia nazionale. Per costoro le spese considerate includono le tasse universitarie, il costo dei libri di testo, le spese di trasporto, il permesso di soggiorno e l assicurazione sanitaria. Per quantificare queste voci, e in mancanza di voci specifiche, sono stati applicati alcuni accorgimenti metodologici, che cercheremo di descrivere per ciascuna voce di spesa. Tasse e contributi universitari. Le tasse universitarie sono diverse se si tratta di facoltà pubbliche o private. Nell a.a in media la retta per iscriversi ad un università pubblica è stata di 993 euro procapite, contro i euro dell università privata (stima su dati Miur). Considerando che il 94,3% degli studenti stranieri è iscritto all università pubblica e il rimanente 5,7% all università privata, si calcola un ammontare di contributi e tasse universitarie pagate dagli iscritti stranieri di quasi 71 milioni di euro. Alloggio. Le spese per l alloggio sono sicuramente quelle che incidono di più sul bilancio complessivo di uno studente straniero internazionale o fuori sede. Il costo per l affitto di un alloggio varia sulla base dell area geografica e sulla distribuzione degli studenti nel territorio nazionale. Se si considera che in media affittare al Nord un alloggio costa euro, al Centro euro e al Sud euro e che gli studenti stranieri si distribuiscono per il 60,4% al Nord, per il 31% al Centro e per l 8,6% al Sud, si calcola una spesa complessiva di 147,8 milioni di euro all anno (questa stima si basa sulla media del costo dell affitto di una stanza singola e di una stanza doppia, come desunto dal, 2 Rapporto nazionale sui costi degli atenei italiani curato da Federconsumatori, ottobre 2011). Altre spese per la casa. Le spese accessorie per la casa (in cui entrano a far parte i costi delle bollette della luce, dell acqua, del gas, del condominio, del riscaldamento ) sono state stimate partendo dall elaborazione dei microdati Istat sui Consumi delle Famiglie, considerando come famiglia tipo quella costituita da un unico componente, studente e con un età inferiore ai 35 anni. In questo caso si calcola una spesa media annua di euro che, moltiplicato per il numero di studenti stranieri internazionali e gli studenti stranieri fuori sede, porta ad una spesa complessiva di 70,2 milioni di euro. Libri di testo e materiale didattico. Ipotizzando un costo medio annuo di 350 euro per il materiale didattico (fonte: Università Politecnico di Torino), si calcola un ammontare complessivo per questa voce di 22,3 milioni di euro considerando nel computo complessivo anche gli studenti stranieri non internazionali. Trasporto. Tra biglietti, abbonamenti e spese di benzina un giovane spende all anno euro (fonte: elaborazioni su dati Istat, Rilevazione sui Consumi delle Famiglie, anno 2008, considerando una famiglia con un componente studente under 35). Questo significa che tutti gli studenti stranieri sborsano all anno 114,8 milioni di euro per questa voce. Alimentari, abbigliamento, comunicazioni, tempo libero (fonte come sopra). Considerando che tra spese di mensa, ristoranti, pizzerie e alimentari al supermercato uno studente under 35 spende mediamente all anno euro, si calcola un ammontare complessivo di 96,2 milioni di euro. Per l abbigliamento si tratta di 53,2 milioni di euro, per le comunicazioni (internet, abbonamento del telefono ) di 15,6 milioni di euro e per il tempo libero di 30,1 milioni di euro. Permesso di soggiorno e assicurazione sanitaria. Gli studenti stranieri non comunitari spendono 72,12 euro all anno in permesso di soggiorno (fonte: Università degli studi di Milano, Welcome, Piccola guida per gli studenti internazionali. 2011/2012 ) e per l assicurazione sanitaria 155,97 euro (fonte: Informagiovani Online, Assistenza sanitaria per gli studenti stranieri fuori sede ). Si perviene ad costo annuo stimato di quasi 11 milioni di euro, considerando che gli studenti stranieri non comunitari sono 47mila. Visite di parenti e amici. Può capitare che gli studenti stranieri internazionali ricevano visite da parenti o amici. L indagine della Banca d Italia sul turismo internazionale calcola che mediamente un viaggiatore che viene in Italia spende 410 euro se viene a trovare un parente e 252 euro se viene a trovare un amico. Ipotizzando che lo studente riceva la visita dei propri genitori una volta all anno e quattro amici, si 4

5 tratta di un importo complessivo che si aggira attorno ai 67,4 milioni di euro. Viaggi per tornare a casa. L ammontare dei costi sostenuti dagli studenti per tornare nel proprio Paese dipende dalla destinazione e dalla disponibilità e dall economicità dei trasporti. Ipotizzando un unico viaggio all anno nel periodo estivo e considerando la provenienza dei soli studenti internazionali, si è pervenuto ad un costo medio annuo di 500 euro che, moltiplicato per il numero di studenti, raggiunge la cifra di 18,4 milioni di euro. Il dato è stato calcolato considerando un viaggio aereo da Roma alla capitale del Paese di origine dello studente. È stata considerata la tariffa più bassa ricavata dal sito internet per un viaggio che ha come data di partenza il 30 luglio La stessa tariffa è stata applicata anche al viaggio di ritorno (i dati sono stati estrapolati in data 31 maggio 2012). In questo modo si perviene a calcolare una spesa complessiva sostenuta annualmente dagli studenti stranieri di 718,5 milioni di euro, una parte minimale del Pil italiano (0,5 per mille) che nel 2011 ha superato i miliardi di euro, ma comunque consistente. Se si considerano i veri e propri studenti internazionali si può pervenire ad una stima del costo da loro sostenuto annualmente per studiare in Italia: tra tasse, costi di vitto, alloggio, tempo libero e viaggi si ipotizza una spesa media di euro a testa, pari a euro al mese (tab.5.2). Dato questo che fa riflettere, non solo sulla capacità di spesa di uno studente che decide di frequentare l università in Italia, ma anche sul potenziale che potrebbe esprimere il nostro Paese se fosse in grado di essere più attrattivo nei confronti degli studenti internazionali. Il volano economico che comporta la scelta di venire in Italia farebbe aumentare i consumi nelle aree che accolgono gli studenti, sia che si tratti di spese per l affitto, che di tempo libero o di tasse e contributi universitari: un microsistema che, se ben gestito, potrebbe solo che apportare positività al nostro sistema economico. Dallo spreco dei cervelli alla loro valorizzazione L ong Intersos ha posto in evidenza che ogni anno migliaia di immigrati qualificati entrano in Italia per dedicarsi a mansioni non in linea con il loro profilo educativo e professionale, mentre altri immigrati o figli di immigrati si formano sul posto. Laureati in fisica che fanno i portieri, specialisti in materie tecniche impiegati come badanti, un esercito di competenze che alimentano un fenomeno internazionalmente noto come brain waste, spreco di cervelli. Secondo i dati, pubblicati nel 2010 da EMN Italia, il 54,1% degli stranieri è in possesso di un diploma o della laurea, circa i tre quarti (73,4%) svolgono una professione operaia o non qualificata, con percentuali minime per i lavori maggiormente qualificati (dirigenziali o tecnici). Diversi studi dell Istituto Irpps del Cnr hanno evidenziato che in Italia meno della metà degli immigrati con diploma o formazione universitaria svolge un attività confacente al proprio livello di formazione e che neppure venga percepita la presenza di questi immigrati altamente qualificati. L immigrato laureato, a causa dei pregiudizi diffusi, trova maggiori ostacoli alla mobilità sociale rispetto agli italiani e non sempre i suoi sforzi hanno un esito positivo, per cui sia l Italia che il paese di origine perdono gli effetti potenzialmente positivi dei flussi migratori qualificati. Il settore della cooperazione allo sviluppo ha denunciato i rischi connessi al brain drain, ovvero alla sottrazione di risorse altamente qualificate a paesi in via di sviluppo (PVS), con conseguenti effetti depressivi per le loro economie. La fuga massiccia del capitale umano da un paese, senza alcuna possibilità di ritorno, ne determina una contrazione anche in termini economici. Studi condotti nella metà degli anni Duemila hanno posto in evidenza che circa un terzo degli emigrati africani ha ricevuto una formazione universitaria contro il 3,6% di quelli rimasti in patria; proporzioni analoghe sono state evidenziate per i flussi dall America Latina e addirittura superiore per i flussi dall Asia, con effetti devastanti specialmente nel settore sanitario. Tuttavia, recentemente diverse analisi hanno iniziato a mettere in evidenza come, in presenza di alcune essenziali precondizioni, l emigrazione dei lavoratori qualificati dai PVS possa potenzialmente avere un impatto positivo sulle economie locali, stimolando circoli virtuosi di sviluppo sia nelle comunità di origine che in quelle di accoglienza. La teoria della brain circulation infatti non confuta le osservazioni precedenti, ma le approfondisce individuando alcune variabili che porterebbero in determinati casi a un vantaggio in termini economici e sociali per il paese d origine degli emigranti altamente qualificati. Si perviene, così, all ipotesi del brain gain, del guadagno, degli effetti positivi che potrebbero avere le migrazioni qualificate, valorizzando le competenze dei migranti sia nei paesi di accoglienza che nei paesi di origine. In concreto, si tratta di stabilire a quali condizioni l emigrazione di laureati qualificati da paesi a basso livello di reddito possa creare circoli virtuosi di sviluppo e di individuare le possibili iniziative da mettere in campo per ridurre al massimo gli impatti negativi attuali e privilegiare la crescita economica tanto nel paese d origine quanto in quello di accoglienza. L idea stessa di poter emigrare costituisce una molla importante per spingere i giovani ad avanzare sino ai gradini più avanzati dell educazione formale. La presenza all estero di personale altamente qualificato può essere un veicolo positivo per favorire l adozione di soluzioni tecnologiche avanzate nei paesi 5

6 d origine e, soprattutto, può favorire lo sviluppo di relazioni commerciali tra il paese d origine e quello di destinazione (ad esempio la diaspora cinese per il settore manifatturiero e quella indiana per il settore dei servizi di tecnologia informatica). La diaspora è in grado di svolgere un importante ruolo di stimolo per adottare soluzioni politiche ed istituzionali avanzate o per supportare cambiamenti di regime nei paesi di origine. Gli emigranti maggiormente qualificati tendono a investire più rimesse nei paesi di origine rispetto a quelli privi di istruzione universitaria. Tuttavia, il canale privilegiato per assicurare un apporto positivo dell immigrazione qualificata allo sviluppo dei paesi di origine è chiaramente il ritorno, secondo una concezione circolare dei flussi favorita dagli accordi bilaterali e dal varo di appositi programmi. Anche oggi è possibile promuovere circoli virtuosi di brain circulation, ma bisogna volerlo e, quindi, promuovere azioni concrete al riguardo, a livello individuale, con ritorni volontari assistiti e, a livello comunitario, con accordi bilaterali. La presenza degli studenti internazionali costituisce una base promettente per perseguire queste nuove prospettive, facendo perno, oltre sulle strutture pubbliche, anche sulle ong che operano a livello internazionale. Tra di esse, diverse hanno avviato specifici programmi di ritorno, di sostegno alle regioni di origine coinvolgendo gli stessi migranti, di indirizzo all efficace utilizzo delle rimesse, fino ad iniziative di co-sviluppo tra realtà territoriali italiane e realtà di provenienza dei migranti. Nell insieme si può ancora sperare in una brain circulation più promettente per il paese di origine e quello di arrivo. Linee di interpretazione della presenza in Italia per motivi di studio Dall andamento degli studenti riscontrato in Italia si possono desumere alcune linee di lettura. Non è molto accentuata la collaborazione interuniversitaria con i paesi dai quali provengono gli immigrati e l Albania deve essere considerata un eccezione, seppure per questa collettività una consistente quota di studenti sia costituita da figli di immigrati soggiornanti in Italia per motivi familiari. Non sembra fondato ritenere che lo studio sia un pretesto per aggirare la normativa sugli stranieri, con l intento di venire in Italia per poi restarvi come lavoratori, anche perché la conversione del motivo del permesso può avvenire solo nei limiti consentiti dai decreti sulle quote. Nel 2011 i casi di conversione (da studio in lavoro) sono stati 825, mentre negli anni precedenti si è trattato di appena 27 casi nel 2008, 44 nel 2009 e 46 nel Lo studio presso le università in Italia spesso coinvolge aree dalle quali si sono originati flussi di richiedenti asilo, come è il caso dell Iran (dove, tra l altro, all inizio della rivoluzione negli anni 80 vennero chiuse le università) e del Medio Oriente. Un certo impatto è stato esercitato dai flussi dell emigrazione italiana, per cui nei paesi dove sono insediate le maggiori collettività si riscontra un interesse degli oriundi a studiare in Italia. Gli americani sono un caso a sé perché i soggiornanti per studio (2.842 nel 2011) sono poco più di un terzo di quelli che entrano in Italia per motivo di studio (6.273 i nuovi rilasci). Ciò avviene perché in Italia operano molti college di università americane (oltre cento sedi tra Roma e Firenze), che consentono ai propri studenti di condurre in Italia un semestre di studio, per cui il loro permesso di soggiorno, in quanto scaduto, non viene rilevato a fine anno. Inoltre, la loro frequenza non avviene presso le università italiane bensì presso i citati college, il che non consente la registrazione nelle statistiche sulle frequenze universitarie, riservate al sistema nazionale pubblico e privato. Qualcosa di simile avviene anche per gli studenti inviati in Italia dalle diocesi e dagli istituti religiosi di paesi esteri. Sono, in prevalenza, sacerdoti e suore che ricevono un permesso per motivi religiosi (valido anche per la frequenza universitaria), concentrati quasi esclusivamente a Roma, presso le facoltà e le università pontificie. L Yearbook Unesco censiva, per l anno accademico , studenti presso queste università, dei quali circa esteri. Successivamente, una ricerca condotta dall Ufficio Centrale Studenti Esteri in Italia (UCSEI), e presentata presso l Università Gregoriana il 15 aprile 2005 in collaborazione con il Dossier Statistico Immigrazione Caritas e Migrantes, rilevava che su circa studenti universitari iscritti alle strutture pontificie, circa la metà era costituita da stranieri, per la maggior parte religiosi (i laici erano solo 1.279). Tenuto conto del potenziale beneficio arrecato al sistema nazionale dagli studenti internazionali che si trattengono, si dovrebbe essere meno diffidenti nei loro confronti e far leva sugli incentivi, sia con borse di studio nella fase previa, sia con contributi per chi intenda successivamente promuovere un attività. Inoltre bisognerebbe anche rivedere gli ostacoli finora non superati: inadeguatezza dei servizi di sostegno agli studenti, onerosità dei requisiti per la concessione e il rinnovo del permesso di soggiorno per studio (obbligo di dare gli esami per tempo, mentre gli italiani arrivano alla laurea con uno o due anni fuori corso), necessità di politiche di accoglienza più incisive, incentivazione all apprendimento dell italiano già all estero e sostegno al perfezionamento in Italia. Infine, la presenza di studenti internazionali e di immigrati qualificati porta a insistere sulla necessità di promuovere una circolazione virtuosa che eviti le perdite e incentivi i benefici tanto per l Italia che per i paesi di origine. 6

7 1. Permessi di soggiorno a livello dell Unione Europea TAB UNIONE EUROPEA. Andamento dei permessi di soggiorno per motivo di studio e totale (2010) Primo rilascio Stock Studio Di cui studio Di cui altri Totale Studio Totale tout court motivi di studio** Belgio Bulgaria : : Ceca Rep Danimarca : : Germania Estonia 399 : : Irlanda Grecia Spagna Francia Italia Cipro Lettonia Lituania 422 : : Lussemburgo : : : : : : Ungheria Malta : Paesi Bassi : Austria Polonia Portogallo Romania Slovenia Slovacchia Finlandia : Svezia Regno Unito : : : : Unione Europea * * * * *Il dato Eurostat non include diversi paesi membri, tra cui il Regno Unito, paese che accoglie più della metà dei nuovi flussi per motivi di studio e il cui stock della presenza di studenti stranieri è stimato dall Ocse pari a circa 500 mila. ** Gli altri motivi di studio sono rappresentati da tirocinio non retribuito e volontariato. Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Eurostat TAB UNIONE EUROPEA. Permessi per motivo di studio: primi 10 paesi di primo rilascio e stock (2010) Primo rilascio Stock Cina Cina Stati Uniti Marocco India Stati Uniti Pakistan Russia Brasile Turchia Turchia Brasile Corea del Sud India Nigeria Ucraina Bangladesh Cameron Russia Corea del Sud Totale (senza Regno Unito) Totale (senza Regno Unito) Totale Totale nd Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Eurostat 7

8 2. Permessi di soggiorno a livello italiano TAB ITALIA. Andamento dei permessi di soggiorno per motivo di studio: primo rilascio e stock ( ) Primo rilascio Stock Studio nd nd nd nd Altri motivi di studio * nd nd nd nd Totale Studio Da 3 a 5 mesi Da 6 a 11 mesi Oltre 12 mesi Tot. Permessi di Soggiorno Da 3 a 5 mesi Da 6 a 11 mesi Oltre 12 mesi *Tirocinio non retribuito e volontariato. Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Eurostat/Ministero dell Interno TAB ITALIA. Primo rilascio per motivo di studio: primi 10 paesi ( ) Cina Stati Uniti Stati Uniti Stati Uniti Stati Uniti Cina Cina Cina Albania Albania Albania Turchia India Turchia Giappone 953 Iran Giappone Giappone Brasile 952 Brasile Camerun Brasile Iran 939 Russia Brasile 999 India Russia 764 Giappone Turchia 961 Iran India 740 Corea del Sud 961 Corea del Sud 808 Corea del Sud 980 Corea del Sud 736 Messico 767 Iran 774 Russia 896 Camerun 615 Albania 702 Totale Totale Totale Totale Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Eurostat/Ministero dell Interno TAB ITALIA. Stock per motivo di studio: primi 10 paesi ( ) Albania Albania Albania Cina Stati Uniti Cina Cina Albania Cina Stati Uniti Stati Uniti Stati Uniti Marocco Camerun Iran Iran India Turchia Camerun Camerun Serbia Iran Turchia Turchia Camerun Giappone Giappone Russia Giappone Brasile India Israele Brasile India Brasile Corea del Sud Croazia Marocco Russia 994 Giappone Totale Totale Totale Totale Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Eurostat/Ministero dell Interno 8

9 3. Le statistiche sugli studenti internazionali a livello dell UE TAB UNIONE EUROPEA. Studenti internazionali e tasso di inbound ( ) Anno * v.a. v.a. v.a. v.a. v.a. v.a. Tasso di inbound Belgio ,4% Bulgaria ,6% Rep. Ceca ,0% Estonia ,7% Ungheria ,7% Lettonia ,6% Lituania ,5% Polonia ,9% Romania ,7% Slovacchia ,6% Slovenia ,9% Austria ,6% Cipro ,6% Danimarca ,9% Finlandia ,6% Francia ,6% Germania ,7% Grecia ,2% Irlanda ,1% Italia ,5% Lussemburgo : : Malta ,3% Paesi Bassi ,5% Portogallo ,0% Spagna ,3% Svezia ,9% Regno Unito ,6% TOTALE ,6% NB. Il tasso di inbound è l incidenza del numero di studenti dall estero che studiano in un determinato paese sul totale degli iscritti nel settore post-secondario in quel paese. Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Unesco (internationally mobile students or International students: ); Eurostat (foreign students: 2010) TAB UNIONE EUROPEA. Studenti internazionali: continenti di provenienza ( ) % Africa 17,2% 16,6% 15,9% 15,5% 15,4% % Nord e Centro America 4,4% 5,0% 4,6% 4,4% 4,5% % Sud America 2,6% 2,7% 2,8% 3,5% 4,0% % Asia 30,5% 27,8% 28,6% 28,6% 30,3% % Europa 38,8% 39,6% 40,0% 38,9% 39,8% % Oceania 0,4% 0,4% 0,4% 0,3% 0,3% % non spec. 6,2% 8,0% 6,7% 8,8% 5,6% Totale v.a Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Unesco 9

10 4. Le statistiche sugli studenti internazionali a livello italiano TAB ITALIA. Studenti stranieri in Italia: immatricolati, iscritti e laureati (2003/ /2012) Immatricolati Iscritti Laureati e Diplomati a.a. v.a. % v.a. % v.a. % 2003/ , , ,6 2004/ , , ,7 2005/ , , ,8 2006/ , , ,0 2007/ , , ,2 2008/ , , ,5 2009/ , , ,7 2010/ , ,6 nd nd 2011/ , ,8 - - Nota: Dati 2011/2012 provvisori (aggiornamento del 4 giugno 2012). Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Anagrafe Studenti Universitari Miur TAB ITALIA. Caratteristiche dei primi 10 paesi di studenti internazionali iscritti nell a.s. 2010/2011 Totale Iscritti in Italia 2010/2011 Totale iscritti all estero 2009 (outbound) Di cui primi 5 paesi Totale iscritti dall estero 2009 (inbound) Albania Italia (11.787), Grecia (4.253), U.S.A. (745), Germania nd (633), Turchia (590) Cina U.S.A. ( ), Giappone (79,394), Australia (70.357), U.K. (47.033), Corea del Sud (39.309) Romania Francia (3.950), Germania (3.249), Italia (3,151), U.S.A (2.569), Ungheria (2.307) Grecia U.K. (12.034), Italia (4.537), Germania (2.699), Francia (1.868), U.S.A. (1.865) Camerun Francia (5.826), Germania (5.039), Italia (1.915), U.S.A (1.796), Belgio (503) Iran U.S.A. (3.475), Malaysia (3.475), U.K. (2.849), Germania (2.561), Canada (2.086) Perù U.S.A. (3.539), Spagna (3.489), Cile (1.490), Italia nd (1.430), Cuba (1.422) Marocco Francia (27.051), Germania (3.748), Spagna (3.165), Canada (1.587), Italia (1.207) Israele Giordania (3.086), U.S.A. (3.010), Germania (1.348), nd Italia (1.209) Ungheria (795) Moldavia Russia Fed. (3.771), Romania (3.389), Ucraina (1.297), Francia (884), Italia (685) Fonte: EMN Italy. Elaborazioni su dati Anagrafe Studenti Universitari Miur e Unesco 10

11 5. Study and Money: studenti internazionali e aspetti economici TAB ITALIA. Studenti stranieri iscritti all università nell a.a. 2010/2011 Chi Valore assoluto Studenti iscritti stranieri Studenti iscritti stranieri con diploma preso in Italia e np (a) Studenti iscritti stranieri con diploma preso all estero (b) Studenti iscritti stranieri con diploma preso in Italia e fuori sede (stima) (c) Fonte: Elaborazioni Fondazione Leone Moressa su dati Miur e stime su dati Eurostudent TAB.5.2. ITALIA. Voci di spesa degli stranieri iscritti all università nell a.a. 2010/2011 Voci di spesa Ammontare annuo (in milioni di ) Chi è stato coinvolto nel calcolo Tasse e contributi 71,7 a + b Alloggio 147,8 b + c Altre spese per la casa 70,2 b + c Libri di testo e materiale didattico 22,3 a + b Alimentari 96,2 b + c Trasporto 114,8 a + b Abbigliamento 53,2 b + c Comunicazioni 15,6 b + c Tempo libero 30,1 b + c Permesso di soggiorno 3,4 a + b Assicurazione sanitaria 7,4 a + b Viaggi di parenti 30,2 b Viaggi di amici 37,2 b Viaggio per tornare a casa 18,4 b Totale 718,5 Impatto economico degli studenti internazionali sul Pil 0,5 Spesa procapite annua degli studenti internazionali Fonte: Elaborazioni Fondazione Leone Moressa su dati Miur, Eurostudent, Istat, Federconsumatori, Politecnico di Torino, Università degli Studi di Milano, Informagiovani, Banca d Italia, L EMN (European Migration Network), operativa dal 2003, è una rete comunitaria istituita dalla Commissione europea nei 27 Stati Membri per rispondere alle esigenze di informazione in materia di immigrazione e asilo delle istituzioni UE e delle autorità nazionali, così come per informare l opinione pubblica con notizie e dati aggiornati sul tema. Per informazioni: EMN Italy c/o IDOS Centro Studi e Ricerche, Strutture coinvolte: CNR/Irpps Fondazione Leone Moressa Intersos Caritas diocesana di Venezia Università Ca Foscari 11

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio Regione Toscana Bando di concorso a.a. 2014/2015 Borse di studio Posti alloggio Luglio 2014 Pubblicazione a cura del Servizio Comunicazione Impaginazione a cura di: Leda Lazzerini Redazione testo: Servizi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro

Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA Da 900 anni al servizio dei pellegrini Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro Editorial Managers: Eugenio

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana Tra difficoltà e successi

Alunni con cittadinanza non italiana Tra difficoltà e successi Quaderni Ismu 1/2015 Alunni con cittadinanza non italiana Tra difficoltà e successi ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA. Tra difficoltà e successi Rapporto nazionale A.s. 2013/2014 Pubblicato da Fondazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli