"La formazione nutrizionale degli operatori sanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""La formazione nutrizionale degli operatori sanitari"

Transcript

1 Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda "La formazione nutrizionale degli operatori sanitari Prof. N. C. Battistini Cattedra di Scienze Tecniche Dietetiche Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Giornate di NUTRIZIONE CLINICA Corso di Aggiornamento 15a edizione Milano, 3-4 Settembre 005

2 Istituzioni Società Scientifiche Media promuove il sapere divulgazione del sapere E scientificamente colto colui il quale, di fronte all annuncio di una recente scoperta scientifica, è in grado di valutarne l effettiva ampiezza, e di tener conto dell esagerazione, sin troppo frequente, con cui i mezzi di divulgazione (e, a volte, persino le pubblicazioni scientifiche) parlano dell importanza di una scoperta. (René Thom L état des sciences; Ed. La Décuverte, Parigi 1991, pag. 147)

3 The Federation of European Nutrition Societies (FENS), has sent a questionnaire on the status of nutrition education in Europe to the Nutrition Societies of 3 countries. 3 societies have showed the absence of any uniform nutritional education. Widhalm K et al. (1997) Medical Education in Nutrition in Europe. Ann. Nutr. Metab. 41: 66-68

4 1. The teaching of Human and Clinical Nutrition in Medical Schools is frequently neglected, even though Hippocrates pointed out the relationship between food and health as far back as B.C Nevertheless, there are still numerous academic and economic barriers to the incorporation of nutrition in Medical School curricula.

5 Nutrition, in fact, is not considered a science by many physician, and academic medicine often sees it as soft, low-prestige area, indistinguishable from dietetics or other specialty area. Winick M (1993) Nutrition education in medical schools. Am J Clin Nutr 58: 85-87

6 During the University Degree the time space leaves to nutrition is really short, few hours in just one semeter. and we need to keep in mind how important the following relation is: Nutritional Status Healthy Status

7 Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens Nutrition Education in Medical Schools:

8 Current Situation in Italy 003 Nutrizione Umana/ Clinica Nella formazione universitaria le tematiche nutrizionali sono diffusamente presenti nei profili di molte lauree di primo livello, e lo stesso è atteso anche per le lauree di secondo livello. Per il post-laurea esistono specializzazioni (in primo luogo quella in scienze dell alimentazione),master, dottorati.. In tutti i casi l insegnamento della nutrizione umana/ecc. non soltanto presenta aspetti speculativi di rilievo ma ha anche importanti implicazioni per l attività professionale di operatori sanitari e non sanitari (insegnamento professionalizzante). Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens

9 La didattica relativa alla nutrizione umana/ecc. versa tuttavia in condizioni di notevole confusione sia in termini quantitativi che qualitativi: vale per i contenuti, per lo spazio ad essa riconosciuto, e per le competenze coinvolte. Tale problema coinvolge le Facoltà (e Corsi di Laurea) di Agraria, Biologia, Biotecnologie, Farmacia, Medicina, Scienze Motorie, nonché le strutture ospedaliere e territoriali che con l Università cooperano. Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens

10 In Italy every single Athenaeum has an independent management, which tries to answer to the job requestes of the local users in the areas where it s located. Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens

11 1. La formazione sia universitaria che postuniversitaria nel campo della nutrizione umana/ecc. a livello Europeo ha difficoltà nel riconoscimento formale,. poco definite appaiono le competenze delle diverse figure professionali che da essa scaturiscono Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens

12

13 FOOD AND NUTRITIONAL CARE IN HOSPITALS: HOW TO PREVENT UNDERNUTRITION Report and recommendations of the Committee of Experts on Nutrition, Food Safety and Consumer Protection Health protection of the consumer 00 Members of the ad hoc group on nutrition programmes in hospitals Italy Prof. Dr. Maria Gabriella GENTILE Chief of Clinical Nutrition Dept of Niguarda Hospital

14 COUNCIL OF EUROPE- COMMITTEE OF MINISTERS Resolution ResAP (003)3 on food and nutritional care in hospitals (Adopted by the Committee of Ministers on 1 November 003 at the 860th meeting of the Ministers' Deputies) Education and nutritional knowledge at all levels 1. A continuous education programme on general nutrition techniques of nutritional support for all staff involved in the feeding of patients should be implemented.. Clinical nutrition should be included in under- and post-graduate education of physicians 3. Chairs in clinical nutrition should be established. 4. Clinical nutrition for both adults and children should be recognised as a specialised discipline by medical schools. The teaching should cover preventive as well as therapeutic aspects of nutritional care and support. 5. The education of nurses in clinical nutrition, with special emphasis on nutritional risk assessment, monitoring, and feeding techniques, should be improved. 6. The education of clinical and general dieticians at national levels should be set at the highest undergraduate level to enable all European dieticians to assume a more central role in nutritional care and support.

15 COUNCIL OF EUROPE- COMMITTEE OF MINISTERS Resolution ResAP (003)3 on food and nutritional care in hospitals (Adopted by the Committee of Ministers on 1 November 003 at the 860th meeting of the Ministers' Deputies) Education and nutritional knowledge at all levels The education of administrative dieticians should be upgraded, especially in the field of management. The education and training of hospital food service managers/supervisors should differ from hotel management by preparing them to cater for sick people staff members, e.g. part-time care assistants and ward housekeepers and the definitions of their area of responsibility. Special emphasis should be given to educating and informing the public (including patients) regarding the importance of good nutrition. European initiatives on clinical nutrition education should be encouraged. Co-operation between clinical nutrition societies in different countries should be expanded.

16 Contributo FeSIN : responsabilità delle Società Federate ADI- SINPE- SINUPE - SISA - SINU

17 FeSIN Articolo dello Statuto: Obiettivi: 1. diffondere la cultura della sana alimentazione e della nutrizione clinica:. promuovere la ricerca nutrizionale di base ed applicata; 3. promuovere la formazione di base ed avanzata e l aggiornamento continuo degli operatori;

18 Gruppo di Studio permanente sulla Formazione (GSFo) Modalità operative Direttivo FeSIN Obiettivi, compiti e modalità operative generali del GSFo sono fissate dal Consiglio Direttivo FeSIN. Il GSFo ha due coordinatori nominati dal Consiglio Direttivo fra i soci di due diverse Società Federate.

19 Obiettivi (GSFo) Nella prima fase della sua attività il gruppo di studio permanente sulla formazione (GSFo) concentra il proprio interesse sulla formazione a livello universitario ed sull aggiornamento continuo degli operatori sanitari e non. I suoi principali obiettivi possono essere sintetizzati in: Provvedere ad una ricognizione, anche se non necessariamente esaustiva, degli insegnamenti di nutrizione umana/ecc. presenti nelle diverse Facoltà, anche sotto forma di moduli didattici integrati (per Lauree di primo livello, Lauree di secondo livello specialistiche, Specializzazioni, Master, ecc.). Fornire un quadro dettagliato delle Lauree di primo e secondo livello, specializzazioni e master che dichiarino o per loro essenza siano indirizzate alla formazione nel campo della nutrizione umana ecc Fornire una chiara e sostanziale definizione delle competenze didattiche delle diverse aree culturali nella formazione in nutrizione umana/ecc.

20 1. OBIETTIVI DEL GRUPPO PERMANENTE SULLA FORMAZIONE (GSFo) Viene stabilito che si intende per: 1. Formazione Universitaria. Formazione Extrauniversitaria 3. Valutazione a livello Europeo

21 1. OBIETTIVI DEL GRUPPO PERMANENTE SULLA FORMAZIONE (GSFo) Viene stabilito che si intende per: Formazione Universitaria : 1. Lauree I e II livello. Specializzazioni 3. Dottorati 4. Master

22 Formazione Universitaria : Step 1. Ricognizione situazione attuale in Italia. Step. Definizione ed ottimizzazione del percorso formativo indispensabile per le diverse figure professionali nell ambito dei diversi CdL, specializzazioni e master Step 3. Eventuali proposte formative Step 4. Riconoscimento delle diverse figure professionali e dei loro rispettivi compiti ed ambiti di attività. Sollecitazione alle Istituzioni dello Stato a riconoscere le diverse professionalità.

23 Le Facoltà su cui porre attenzione sono: Agraria, Biotecnologie, Farmacia, Medicina, Scienze Motorie, Veterinaria.. Step 1. Ricognizione situazione attuale in Italia. In ogni facoltà occorre rilevare: 1. in quali CdL ci sono insegnamenti di Nutrizione. nome dell insegnamento 3. numero di crediti assegnato all insegnamento 4. settore scientifico disciplinare 5. docente titolare. Lo stesso lavoro va fatto per Scuole di Specializzazione. Inoltre, per ogni sede, occorre rilevare se sono attivati Dottorati di Ricerca o Master inerenti la Nutrizione, a quale facoltà afferiscono e chi è il coordinatore

24 Formazione Universitaria : Step. Definizione ed ottimizzazione del percorso formativo indispensabile per le diverse figure professionali nell ambito dei diversi CdL, specializzazioni e master Step 3. Eventuali proposte formative

25 Core Curriculum del CL specialistica in Medicina e Chirurgia unità didattiche di base riconducibili alla Scienza dell'alimentazione ed alla Nutrizione clinica ambito culturale CON COM CC1 Biochimica Alimenti come vettori di nutrienti, antinutrienti e non nutrienti 1 P Biochimica Biochimica degli alimenti e descrittori biochimici e fisiopatologici degli alimenti (ad es. indice glicemico,.) 1 P Biochimica LARN e altri indicatori (ad es. bilancio calcico positivo o negativo): esempi pratici di utilizzazione in fisiologia e patologia P Biochimica Livelli di assunzione raccomandati dei principali nutrienti (LARN o RDA): principi generali e aspetti epidemiologici 1 P Biochimica Principi generali di impostazione di diete o di regimi nutrizionali. Principali tipi di regimi dietetici usati in medicina F Fisiologia umana Bioenergetica, metabolismo basale e d'attività: richiami e completamento del programma di biochimica 1 P Fisiologia umana Il ruolo del fegato nella nutrizione e nel metabolismo intermedio 0 P Igiene epidemiologia e sanità pubblica Gli alimenti come veicolo di agenti patogeni: infezioni, tossinfezioni, intossicazioni DS Malattie del sistema endocrino e del metabolismo Diabete di tipo I 1 SF Malattie del sistema endocrino e del metabolismo Diabete di tipo II e le sue complicanze acute e croniche DT Malattie del sistema endocrino e del metabolismo L'iperlipoproteinemia familiare combinata e le iperlipidemie miste FS Malattie del sistema endocrino e del metabolismo Sindrome metabolica e le malattie metaboliche complesse FS Malattie del sistema endocrino e del metabolismo Ipercolesterolemie a base genetica mono- e multi-fattoriale, le ipertrigliceridemie familiari e secondarie S Malattie del sistema endocrino e del metabolismo Fattori di rischio metabolici DT Malattie del sistema endocrino e del metabolismo La via metabolica dell'arteriosclerosi 1 F Malattie del sistema endocrino e del metabolismo Disturbi comportamento alimentare, obesità e magrezze 1 Dt Malnutrizione, maldigestione e malassorbimento 1 C Obesità e magrezze, primitive e secondarie; le variazioni lente del peso corporeo nel contesto delle grandi sindromi cliniche DC

26 Obesità e magrezze, primitive e secondarie; le variazioni lente del peso corporeo nel contesto delle grandi sindromi cliniche D C Ruolo dell'attività fisica (lavorativa ed extralavorativa) e delle modificazioni dello stile di vita nella terapia e nella prevenzione delle malattie (UDE provvisoria; descrittori provvisori) P F Mezzi farmacologici e non farmacologici per modificare le abitudini voluttuarie P I problemi nutrizionali dell'anziano e dell'anziano allettato; ipodisnutrizioni nel vecchio 1 1 C E Prescrivere la dieta in paziente con insufficienza renale cronica T Prescrivere la dieta nel paziente con urolitiasi 1 T Prescrivere la terapia dietetica e farmacologia nel paziente con nausea e vomito e nel paziente con diarrea non complicata T Prescrivere la dieta e la terapia farmacologica nel paziente diabetico di tipo II, controllandone gli effetti terapeutici e indesiderati T Prescrivere la dieta e la terapia insulinica nel paziente con diabete di tipo I 1 1 t Controllare nel tempo e regolare la somministrazione dell'insulina e della dieta nel paziente diabetico di tipo I a domicilio T Prescrivere la dieta e la terapia farmacologica, quando indicata, nel paziente ad alto rischio coronarico o cerebrovascolare T Prescrivere la dieta e la terapia farmacologica nei malati con iperlipoproteinemie genetiche e nel paziente con iperuricemia t

27 Prescrivere la dieta e la terapia insulinica nel paziente con diabete di tipo I 1 1 t Controllare nel tempo e regolare la somministrazione dell'insulina e della dieta nel paziente diabetico di tipo I a domicilio T Prescrivere la dieta e la terapia farmacologica, quando indicata, nel paziente ad alto rischio coronarico o cerebrovascolare T Prescrivere la dieta e la terapia farmacologica nei malati con iperlipoproteinemie genetiche e nel paziente con iperuricemia t Prescrivere la dieta e la terapia farmacologica nel paziente con alterazioni del metabolismo lipidico e glucidico in funzione del rischio cardiovascolare T Scegliere in funzione delle circostanze le soluzioni idrosaline o glucosate indicate nelle terapie infusive e.v. Valutare il rapporto rischio beneficio della somministrazione protratta di soluzioni per via parenterale o mista (anche enterale) nell'anziano T Correzione dietetica delle principali sindrome metaboliche e del sovrappeso/obesità (raccordo con terapia) PT

28 Formazione Universitaria : Step 4. Riconoscimento delle diverse figure professionali e dei loro rispettivi compiti ed ambiti di attività. Sollecitazione alle Istituzioni dello Stato a riconoscere le diverse professionalità.

29 The Nutritionist job opportunity Physician-Nutritionist: he can open a consulting room or work in a hospital Nutritionist: he can open a consulting room and prescribe diets with MD support PhD student: he wiil be able to do studies in sperimental and applaied nutrition and epidemiological field to oversee the nutritional status of different population Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens

30 Obiettivi Formazione Extraniversitaria : Gruppo di Studio permanente sulla Formazione (GSFo) Strutturare un documento sull aggionamento in nutrizione umana ecc. per la medicina di base, la medicina specialistica e le strutture ospedaliere. Identificare modalità di accreditamento e il riconoscimento delle professionalità acquisite e dell aggiornamento nel campo della nutrizione umana/ecc. Identificare un percorso formativo sulla nutrizione umana/ecc. attraverso il sistema ECM. Promuovere la formulazione e la diffusione di testi e manuali su nutrizione umana/ecc.

31 The Nutritionist job opportunity Dietician: he can organize and co-ordinate the nutrition activities in general, he can collaborate with MD to elaborate the diet of the patiens or with societies who regulate the higienic aspects of food Nutritional Technologist: he will be specialized to work in nutrition society which control the quality of food and drinks Nutrition in the European Union, /3 March 003 Athens

32 . OBIETTIVI DEL GRUPPO PERMANENTE SULLA FORMAZIONE EXTRAUNIVERSITARIA E per formazione extrauniversitaria : tutto ciò che è ECM mediato ospedali, ASL, CNR, Società Scientifiche, Associazioni Professionali, Agenzie Regionali e Provinciali

33 Formazione extrauniversitaria Step 1. Ricognizione situazione attuale in Italia Step. Coordinamento didattico metodologico sui corsi FeSIN intrafederativi Step 3. Raccomandazioni per i corsi ECM in ambito nutrizionale Step 4. Accreditamento dei formatori dei corsi ECM

34 Promozione della formulazione e diffusione di documenti di consenso FeSIN approvati dal Direttivo Nei primi quattro mesi di attività del gruppo, ci si propone di portare a termine lo Step 1, in attesa di riconferma del gruppo dopo insediamento del nuovo CD. Si occuperanno della ricognizione universitaria: Balzola, Bordoni, Porrini, Scaglioni,Dernini,Galvano,Carcassi Bordoni si occuperà della raccolta dei dati E della formazione extrauniversitaria Gallitelli, Gentile, Pittiruti, Quaglia.. Gallitelli e Gentile si occuperanno della raccolta dei dati Formazione Europea La necessità della costituzione di un gruppo di lavoro comune Battistini

35 Background: scarsa considerazione di cui il settore dell Alimentazione e Nutrizione Umana gode sia nei confronti delle altre branche della medicina, sia in ambito istituzionale, sia sui mass-media. Ai Presidenti della FeSIN e delle Società Scientifiche che operano in ambito nutrizionale Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione in Scienza dell Alimentazione Ai Presidenti dei Corsi di Laurea di Dietistica Al prof Luigi Frati ed ai Presidenti dei CL di Medicina e Chirurgia Prof. C. Cannella..

36 FeSIN : responsabilità delle Società Federate ADI - SINPE - SINUPE - SISA - SINU

La formazione dei nutrizionisti e dei dietisti nell ambito della prevenzione dei disordini da carenza iodica

La formazione dei nutrizionisti e dei dietisti nell ambito della prevenzione dei disordini da carenza iodica La formazione dei nutrizionisti e dei dietisti nell ambito della prevenzione dei disordini da carenza iodica Lorenzo M Donini Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Fisiopatologia Medica, Scienza

Dettagli

Gruppo di studio permanente sulla formazione

Gruppo di studio permanente sulla formazione Gruppo di studio permanente sulla formazione 1 Premessa Nella formazione universitaria le tematiche nutrizionali sono diffusamente presenti nei profili di molte lauree, e lo stesso è atteso anche per le

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI CORSO DI AGGIORNAMENTO LA SINDROME METABOLICA: ASPETTI NUTRIZIONALI, CLINICI, DIAGNOSTICI e STILI DI VITA Riferimento evento RES n. 15425 Crediti formativi 43,5 dal 14 ottobre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

Dr.ssa Lidia Maria Luisa Rovera

Dr.ssa Lidia Maria Luisa Rovera Dr.ssa Lidia Maria Luisa Rovera Nata a Torino il 27. 01. 1954. Curriculum formativo Conseguimento del Diploma di Maturità Classica nel luglio 1972 presso il Liceo C. Cavour di Torino. Conseguimento della

Dettagli

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI MEDICINA E DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA INVENTARIO DEGLI SKILLS 1) Osservare a) I Anno I Semestre 2) Collaborare b) I Anno II

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce Deborah Taddio Dietista ASL CN1 Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione MALNUTRIZIONE MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì rappresenta uno stato patologico che si stabilisce quando non vengono

Dettagli

RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia. rivelles@unina.it. Università degli Studi Federico II, Napoli

RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia. rivelles@unina.it. Università degli Studi Federico II, Napoli F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia Telefono 39-081-7462154 Fax 39-081-5466152 E-mail rivelles@unina.it

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE Università degli Studi di FIRENZE Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 1 Premessa Denominazione

Dettagli

UNIVERSITA di MODENA E REGGIO EMILIA Scuola Specializzazione di Medicina di Comunità Direttore Prof. Maria Angela Becchi

UNIVERSITA di MODENA E REGGIO EMILIA Scuola Specializzazione di Medicina di Comunità Direttore Prof. Maria Angela Becchi UNIVERSITA di MODENA E REGGIO EMILIA Scuola Specializzazione di Medicina di Comunità Direttore Prof. Maria Angela Becchi L inserimento della Formazione alla Promozione della Salute nei curricula universitari

Dettagli

Gianna Ferretti. Dal 1 Novembre 2012 è Professore Associato (BIO 10) presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell UNIVPM.

Gianna Ferretti. Dal 1 Novembre 2012 è Professore Associato (BIO 10) presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell UNIVPM. Gianna Ferretti Curriculum universitario e laurea Nata in Ancona il 7 Settembre 1957, ha frequentato la Facoltà di Scienze Biologiche dell'università degli Studi di Bologna dall'anno accademico 1975/76

Dettagli

Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico

Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico Corso di aggiornamento RES:128902 Provider n. 758 Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico Coordinamento scientifico Dott. Pietro Morini Crediti formativi 50 Partecipanti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita [06/09/1954] MELONI GIUSEPPINA MARIA TERESA Qualifica Amministrazione Incarico attuale e

Dettagli

Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico

Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico Corso di aggiornamento Provider n. 10 Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico Coordinamento scientifico Prof. Emilio Jirillo Crediti formativi n 25 Partecipanti

Dettagli

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE Pietro Vecchiarelli U.O.C. Rianimazione Ospedale Belcolle- AUSL Viterbo Viterbo 1 La Malnutrizione ha un impatto

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI RSOMNL63H59F205I. Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI RSOMNL63H59F205I. Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE M.04.P.01.064 rev.02/all. 04 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ORSI EMANUELA Indirizzo Telefono 0255033355 Fax 0250320605 E-mail e.orsi@policlinico.mi.it CODICE FISCALE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tonegutti Lorella Data di nascita 31/07/1966 Qualifica Dietista Amministrazione AUSL Valle d Aosta via Guido Rey, 1 11100 Aosta Incarico attuale Dietista Numero

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND Il Grande Salone della Pasta. W WW. PAS TATREND.COM Workshop Internazionale L ALIMENTAZIONE E LO STILE DI VITA ITALIANI INCONTRANO

Dettagli

ACCORDI INTERISTITUZIONALI IN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PER LA CONTINUITA DELLE CURE DI BAMBINI E ADOLESCENTI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI

ACCORDI INTERISTITUZIONALI IN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PER LA CONTINUITA DELLE CURE DI BAMBINI E ADOLESCENTI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI ACCORDI INTERISTITUZIONALI IN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PER LA CONTINUITA DELLE CURE DI BAMBINI E ADOLESCENTI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI DURANTE LA FREQUENZA SCOLASTICA Azienda Sanitaria dell

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Alimentazione e nutrizione umana

Alimentazione e nutrizione umana Alimentazione e nutrizione umana Docente: Dipartimento: Indirizzo: Prof. Anna Tagliabue Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense Via Bassi, 21 20124 Pavia Telefono: 0382 987868/69 E-mail: Ricevimento:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI IAF-Istituto di Alta Formazione Roma Pescara in collaborazione con il Centro PsicA di Pescara e il Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione Regione Abruzzo Presidio Sanitario di Giulianova ASL

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

IS.FOR.D.D. Istituto Formativo Disabili Disadattati Sociali

IS.FOR.D.D. Istituto Formativo Disabili Disadattati Sociali PIANO DI STUDIO E ORGANIZZAZIONE DIDATTICA PER IL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN BIOTECNOLOGIE PER LA SALUTE PER GLI STUDENTI ISCRITTI ANNO FORMATIVO 2012 1 Premessa Il corso di specializzazione in Biotecnologie

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

Infermieristica in Terapia del Dolore e. I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Infermieristica in Terapia del Dolore e. I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di I Livello in Infermieristica in Terapia del Dolore e Cure Palliative Art. 1 Attivazione del Master L Università degli Studi de L Aquila attiva, su proposta della Facoltà di Medicina e Chirurgia,

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer Viale Pieraccini, 24 - Firenze. Diploma di tirocinio Ospedaliero per diplomate Econome Dietiste

Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer Viale Pieraccini, 24 - Firenze. Diploma di tirocinio Ospedaliero per diplomate Econome Dietiste C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FINA FIORELLA BELLI Indirizzo Telefono 055 5662555 E-mail f.belli@meyer.it Nazionalità Italiana Data di nascita 01.08.1955 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Scienze Nutraceutiche

Scienze Nutraceutiche Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in Scienze Nutraceutiche le ragioni di una scelta www.farmacia.unina.it Scienze Nutraceutiche : le ragioni di una scelta

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

La sicurezza del sangue e degli emoderivati

La sicurezza del sangue e degli emoderivati La sicurezza del sangue e degli emoderivati Vincenzo de Angelis Coordinamento Regionale del Sistema Trasfusionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 QUALITY SYSTEM IN THE CLINICAL USE OF BLOOD GUIDE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II,

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, PARTITA IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale, Prof. Giovanni

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

ABRUZZO e DIETA MEDITERRANEA: tra futuro e tradizione.

ABRUZZO e DIETA MEDITERRANEA: tra futuro e tradizione. ABRUZZO e DIETA MEDITERRANEA: tra futuro e tradizione. Il giorno 8 giugno 2007 si è tenuto, in Avezzano, presso il Teatro comunale dei Marsi, un Convegno sul tema: "Abruzzo e Dieta Mediterranea: tra futuro

Dettagli

Via Monte di Dio 75, 80132 Napoli, Italia Telefono 0817464600 (Università), 347/0731901

Via Monte di Dio 75, 80132 Napoli, Italia Telefono 0817464600 (Università), 347/0731901 CURRICULUM VITAE TRIO ROSSELLA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo TRIO ROSSELLA Via Monte di Dio 75, 80132 Napoli, Italia Telefono 0817464600 (Università), 347/0731901 E-mail PEC Codice Fiscale Fax

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

Agenzia Italiana del Farmaco

Agenzia Italiana del Farmaco Iniziative per la qualità dell Ispettorato GCP Angela Del Vecchio Dirigente AIFA Ispettore Senior GCP 1 Scopo della normativa italiana ed europea è raggiungere e mantenere la qualità e l integrità degli

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI DOTT.SSA SILVIA CHIASSAI. Psicologa CURRICULUM FORMATIVO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI DOTT.SSA SILVIA CHIASSAI. Psicologa CURRICULUM FORMATIVO CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Psicologa Data e luogo di nascita Indirizzo Telefono DOTT.SSA SILVIA CHIASSAI 19/07/1978 FIRENZE 92, VIA MONTANINI, 53100, SIENA, ITALIA Cell 3393101473 E-mail silviachiassai@virgilio.it

Dettagli

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile?

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile? La sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale e le diseguaglianze Bologna, 20 novembre 2015 Mario Braga AGENAS Sviluppo della presentazione Sostenibilità Disuguaglianze Conclusioni Il nostro SS è Sostenibile?

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015

Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015 Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015 MASTER DI I LIVELLO IN Nefropatie, Dialisi e Patologie Cardiovascolari (CODICE 26769) DIRETTORE: PROF. GIANFRANCO RAIMONDI AVVISO DI CONFERIMENTO

Dettagli

1 Corso di Alta Formazione in Management dell Obesità

1 Corso di Alta Formazione in Management dell Obesità Centro Disturbi Comportamento Alimentare Università dell Aquila 1 Corso di Alta Formazione in Management dell Obesità L Aquila 20 e 21 maggio 2004 Sala Congressi Centro Ricerche e Produzione Dompé Spa

Dettagli

OBESITÀ, NUTRIZIONE E STILI DI VITA PROGRAMMA TRENTO, 31 MARZO 2007 CENTRO SERVIZI CULTURALI SANTA CHIARA

OBESITÀ, NUTRIZIONE E STILI DI VITA PROGRAMMA TRENTO, 31 MARZO 2007 CENTRO SERVIZI CULTURALI SANTA CHIARA 3 CONGRESSO SEZIONE REGIONALE TRIVENETO SOCIETÀ ITALIANA DELL OBESITÀ OBESITÀ, NUTRIZIONE E STILI DI VITA TRENTO, 31 MARZO 2007 CENTRO SERVIZI CULTURALI SANTA CHIARA PROGRAMMA www.sio-triveneto.it Il sovrappeso

Dettagli

Sostituzioni nell ambito della medicina di base, sostituzione presso USL n. 67 2 75/II nell ambito della medicina dei servizi.

Sostituzioni nell ambito della medicina di base, sostituzione presso USL n. 67 2 75/II nell ambito della medicina dei servizi. Curriculum Vitae Europass Laura Silvia Maria Menicatti Nata a Milano il 31/5/1962 Cittadinanza Italiana Esperienze professionali Sostituzioni nell ambito della medicina di base, sostituzione presso USL

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome/ Cognome Riccardo Battista Indirizzo Via Tiberina 75, Fiano Romano (RM), Cap 00065, Italia Telefono 0765-480246 Cellulare: 392 0963172 E-mail Dott.battista@nuvis.it

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

PROFESSIONALITÀ E COMPETENZE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA

PROFESSIONALITÀ E COMPETENZE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA PROFESSIONALITÀ E COMPETENZE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA A cura di: Pierluigi Pecoraro e Gianni Zocchi ONB Ordine Nazionale dei Biologi Consiglio dell Ordine Nazionale dei Biologi Presidente Vice Presidente

Dettagli

Il corso è volto a fornire ai Partecipanti le conoscenze per un corretto orientamento clinico e di laboratorio, per i soggetti in età adolescenziale

Il corso è volto a fornire ai Partecipanti le conoscenze per un corretto orientamento clinico e di laboratorio, per i soggetti in età adolescenziale I CORSO DI FORMAZIONE IN MEDICINA DELL ADOLESCENZA Ferrara, Maggio Ottobre 2011 Gruppo di Studio di Adolescentologia-Regione Emilia e Romagna Ospedale privato accreditato Quisisana-Ferrara Il corso è volto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 29/09/2014 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il Corso di perfezionamento in Diagnosi e Trattamento dei Disturbi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Qualifica GIOVANNI RIGNANESE Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Cremona Dirigente

Dettagli

Divisione Didattica e Studenti

Divisione Didattica e Studenti Divisione Didattica e Studenti Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Progetti per la Didattica Decreto del Rettore Repertorio n. 375/2011 Prot. n. 18895 del 28/09/2011 Tit. III Cl.

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

UOSD NUCLI Unità Operativa Semplice Dipartimentale Servizio di Nutrizione Clinica, Terapia Parenterale e Anoressia Nervosa

UOSD NUCLI Unità Operativa Semplice Dipartimentale Servizio di Nutrizione Clinica, Terapia Parenterale e Anoressia Nervosa Pagina 1 di 9 I SERVIZI SPECIALISTICI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI COME TROVARCI IL PERSONALE IL SERVIZIO AMBULATORIALE L ASCOLTO DEI PAZIENTI PER MIGLIORARE IL SERVIZIO Causale preparazione / modifica documento:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Castaldo Giuseppe CSTGPP50H18A024T Via Annarumma 33. dietaoloproteica@gmail.com ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Castaldo Giuseppe CSTGPP50H18A024T Via Annarumma 33. dietaoloproteica@gmail.com ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Castaldo Giuseppe CSTGPP50H18A024T Via Annarumma 33 E-mail dietaoloproteica@gmail.com Nazionalità italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO A. A. 1998-1999 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Siena, 21/04/1999 con la Tesi: "Ottimizzazione della tecnica

CURRICULUM FORMATIVO A. A. 1998-1999 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Siena, 21/04/1999 con la Tesi: Ottimizzazione della tecnica CURRICULUM FORMATIVO A. A. 1998-1999 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Siena, 21/04/1999 con la Tesi: "Ottimizzazione della tecnica RT-PCR (Reverse Transcription Polymerase Chain Reaction)

Dettagli

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI III EDIZIONE Aggiornamento Tecnico-Professionale in Dietologia e Nutrizione Clinica CORSO/MASTER IN METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI NELL'APPROCCIO MULTIDIMENSIONALE ALLE PATOLOGIE ALIMENTARI Sala Convegni

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

Date II sessione dell anno 2002 (Novembre) Nome e tipo di istituto Università degli Studi di Cagliari

Date II sessione dell anno 2002 (Novembre) Nome e tipo di istituto Università degli Studi di Cagliari CURRICULUM VITAE DOTT.SSA MANUELA ATZORI BIOLOGA NUTRIZIONISTA INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANUELA ATZORI Indirizzo Via Danubio 5 Cabras (OR) Telefono 3497529014 E-mail manuela.atzori@yahoo.it Nazionalità

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia

Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia Roma 24 febbraio 2015 Grand Hotel del Gianicolo Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia I Franca Filippi Patrizia Bigarelli U.O. DI Dietologia e Nutrizione Clinica A.O. San Camillo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail Nazionalità Data e Luogo di nascita Codice Fiscale ALBERTO BURLINA alberto.burlina@unipd.it Italiana

Dettagli

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982)

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SICILIANO GIOVANNI Data di nascita 28.07.1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Responsabile Direzione Medica di Presidio Ospedaliero

Dettagli

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo Scheda Valutativa Tirocinio Formativo PER STUDENTI ISCRITTI AL 5 ANNO CdL in MEDICINA E CHIRURGIA Data inizio tirocinio: Data conclusione tirocinio:.. Studente Tutor clinico (nome e cognome) (qualifica

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 148 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Sandri, Bond, Caner, Lazzarini, Toscani, Cappon, Bozza, Corazzari, Tosato, Cenci,

Dettagli

NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO

NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO Fulvio Muzio Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica A.O. Polo Universitario L. Sacco - Milano

Dettagli

BREVE CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

BREVE CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Annalisa Bargellini Ricercatore confermato - Settore Scientifico Disciplinare MED/45 (Settore Concorsuale 06/M1) afferente al Dipartimento di Medicina Diagnostica, Clinica e di Sanità Pubblica, Università

Dettagli

Ospedale San Raffaele di Milano

Ospedale San Raffaele di Milano Dott. Ennio La Rocca Ospedale San Raffaele di Milano Dati anagrafici nome Ennio La Rocca Data di nascita Luogo di nascita Cittadinanza Italiana Indirizzo Istituto di appartenenza: Ospedale San Raffaele

Dettagli

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA Per un approfondimento, sugli aspetti nutrizionali inerenti la malattia celiaca, si riporta abstract della lezione Aspetti dietetico-nutrizionali nella celiachia, tenuta dal dr. V. De Siena nel Master

Dettagli

MASTER IN RICERCA E SVILUPPO PRE- CLINICO E CLINICO DEI FARMACI UNIVERSITA DI MILANO-BICOCCA & SOCIETA DI SCIENZE FARMACOLOGICHE APPLICATE

MASTER IN RICERCA E SVILUPPO PRE- CLINICO E CLINICO DEI FARMACI UNIVERSITA DI MILANO-BICOCCA & SOCIETA DI SCIENZE FARMACOLOGICHE APPLICATE MASTER IN RICERCA E SVILUPPO PRE- CLINICO E CLINICO DEI FARMACI UNIVERSITA DI MILANO-BICOCCA & SOCIETA DI SCIENZE FARMACOLOGICHE APPLICATE LE EDIZIONI 1^ edizione, 2008-2009: 16 iscritti 2^ edizione,

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

Igiene degli alimenti e della nutrizione

Igiene degli alimenti e della nutrizione UNIVERSITA' DI SIENA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Laboratorio di Programmazione ed Organizzazione dei Servizi Sanitari MASTER HEALTH SERVICES MANAGEMENT Epidemiologia, Economia e Sociologia per l amministrazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PICCINOCCHI GAETANO Indirizzo Telefono 337855746 Fax 0817281287 E-mail 52, VIALE MARIA BAKUNIN, 80126, NAPOLI,

Dettagli

CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FLORIANA CARLINO

CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FLORIANA CARLINO CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FLORIANA CARLINO via Nicola Passero, 31 71016 San Severo (FG) +39 328 5468293 floriana.carlino88@gmail.com Luogo e Data di nascita S. Giovanni Rotondo (FG) 2 ottobre 1988

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

Governo Clinico. e HTA. Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo

Governo Clinico. e HTA. Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo Governo Clinico e HTA Alessandro Ozzello CoME faremo Misurare i processidi salute e

Dettagli

CURRICULUM VITAE et STUDIORUM della dott.ssa SERINO FRANCA nata a Pastorano (CE) il 01/12/1956, residente a Mondragone (CE) in via XI Febbraio 100

CURRICULUM VITAE et STUDIORUM della dott.ssa SERINO FRANCA nata a Pastorano (CE) il 01/12/1956, residente a Mondragone (CE) in via XI Febbraio 100 CURRICULUM VITAE et STUDIORUM della dott.ssa SERINO FRANCA nata a Pastorano (CE) il 01/12/1956, residente a Mondragone (CE) in via XI Febbraio 100 1. Laureata in Scienze Biologiche il 26/02/1981, presso

Dettagli

Il Diabete: Una Nuova Epidemia? Amedeo Vetere. Joslin Diabetes Center/Harvard Medical School, Boston USA

Il Diabete: Una Nuova Epidemia? Amedeo Vetere. Joslin Diabetes Center/Harvard Medical School, Boston USA a scuola di scienze della vita Liceo Scientifico N. Tron Schio (VI), 16 Dicembre 2008 Il Diabete: Una Nuova Epidemia? Amedeo Vetere Dip Scienze della Vita Universita degli Studi di Trieste Joslin Diabetes

Dettagli

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 Introduzione Nuove conoscenze fornite dalle biotecnologie Mappa del genoma

Dettagli

Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata

Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata Anno accademico 2013/2014 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con

Dettagli