Modulo di Progettazione II anno - Esperienza didattica avanzata LA PROGRAMMAZIONE LINEARE A DUE VARIABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo di Progettazione II anno - Esperienza didattica avanzata LA PROGRAMMAZIONE LINEARE A DUE VARIABILI"

Transcript

1 Modulo di Progettazione II anno - Esperienza didattica avanzata LA PROGRAMMAZIONE LINEARE A DUE VARIABILI OVVERO DEL COME E DEL PERCHÉ I SISTEMI DI DISEQUAZIONI LINEARI MI PERMISERO DI DIMAGRIRE Corsista: Maria Cristina Scanu - I9 RELAZIONE FINALE ABSTRACT Si tratta di un Modulo di Matematica per una terza di un Istituto Professionale per i Servizi dell'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera che prevede l introduzione di semplici problemi di Programmazione Lineare a due variabili, nei quali l obiettivo è soggetto a vincoli espressi da un sistema di disequazioni lineari. La possibilità di conoscere il massimo (o il minimo) valore assunto da tale obiettivo dipende dalla soluzione del sistema. Il modulo introduce nella tradizionale attività didattica l uso delle Nuove Tecnologie: la lezione frontale è accompagnata da alcune video-lezioni predisposte dalla docente e dall uso del software applicativo Derive 6 utilizzato per la risoluzione del modello matematico dei problemi di Programmazione Lineare considerati. 1 IL CONTESTO L Istituto Professionale per i Servizi dell'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera D.A. Azuni sito a Pula in via Nora, dall anno scolastico 1994/95 è una sezione associata dell Istituto d Istruzione Superiore Domenico Alberto Azuni di Cagliari. La cittadina di Pula conta circa abitanti, molti di più durante la stagione estiva, ed è conosciuta in ambito nazionale e internazionale per il suo patrimonio naturalistico 1 Nel progetto iniziale era prevista la creazione da parte dei ragazzi di un ipertesto sulla programmazione lineare secondo le indicazione di una mia WebQuest, ma la decisione di autogestione dell Istituto e dell attività didattica da parte degli studenti nel mese di dicembre ha impedito il completamento del progetto. Pagina 1

2 (il mare e le innumerevoli spiagge, le grandi distese boschive regno del cervo sardo, la laguna, ) e storico-artistico. [ ] L Istituto Alberghiero [ ] opera in una realtà che favorisce il confronto e la collaborazione con tutti i soggetti che a vario titolo operano in questo territorio offrendo nuove prospettive all Offerta Formativa dell Istituto grazie ad una proficua collaborazione con tutte le Aziende e le Istituzioni. Ne consegue che chi si iscrive a questa scuola ha la concreta opportunità di integrare e affinare le conoscenze e competenze apprese in ambito scolastico in contesti lavorativi/produttivi di indubbia qualità. Una collaborazione di assoluta rilevanza per lo sviluppo professionale dell Istituto nel suo complesso ha avuto inizio nell anno scolastico 2008/2009 con il Forte Village Resort nell ambito di un intesa che coinvolge anche l Assessorato Pubblica Istruzione della Provincia di Cagliari, la Direzione Scolastica Regionale e il Comune di Pula. Ci si propone di far ricadere sul personale e sugli alunni dell Istituto qualità, esperienze, e competenze di formazione professionale grazie alle sinergie attivabili intorno al Master in Five Stars Hotel Management di altissima formazione internazionale, funzionante presso la Hotel Business School, Divisione dell Università LUISS Guido Carli di Roma, che ha sede in un ala dell Istituto Alberghiero. [ ] 2 La classe III A - Enogastronomia è costituita da 20 studenti: 11 ragazzi e 9 ragazze tutti frequentanti. Dieci risultano ripetenti la terza A di questo istituto, quattro provengono dalla II A e tre dalla II B dell istituto, uno proviene da un altro Istituto Professionale Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera del Trentino, uno da un Liceo Artistico di Cagliari e una ha già un diploma di Tecnico per Geometri, per cui le età degli studenti variano dai 16 ai 31 anni! Solo tre studenti vivono a Pula. In altre tipologie di scuole una classe così potrebbe apparire atipica, ma è quasi lo standard per un istituto professionale, quale l I.P.S.E.O.A. di Pula, i cui studenti sono caratterizzati da problematicità maggiori rispetto a quelle dei loro coetanei di altre scuole superiori e che richiedono, pertanto, strategie d intervento che contrastino gli alti tassi di dispersione scolastica e che promuovano, nello stesso tempo, la crescita culturale e la formazione di competenze di base e professionali. Sono, infatti, caratteri ricorrenti tra gli studenti della scuola: L alta percentuale di alunni che provengono da famiglie economicamente e socialmente svantaggiate e disagiate; L alta percentuale di alunni che provengono da famiglie culturalmente deboli e deprivate; I fortissimi tassi di pendolarità, con conseguenti disagi e difficoltà o impossibilità a beneficiare d iniziative che tendano ad aprire la scuola anche in orari pomeridiani per attività d integrazione; L elevata percentuale di alunni con precedenti insuccessi scolastici in altre scuole; Lo scarso interesse da parte di molti studenti per la riflessione teorica; La scarsa motivazione allo studio; La mancata costruzione di un metodo di studio efficace. L inadeguata costruzione di competenze matematiche di base rappresenta una caratteristica diffusa negli studenti in ingresso e tale problema permane, spesso, anche negli anni successivi. 2 Tratto dal POF dell Istituto Professionale per i Servizi dell'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera D.A. Azuni di Pula Pagina 2

3 IL PROGETTO Il progetto iniziale si proponeva di sfruttare strumenti quali la LIM e i suoi tools, il PC e l applicativo Derive 6, per cercare di facilitare il percorso di costruzione delle competenze logico-matematiche in un tipo di scuola che è spesso scelta perché professionalizzante e quindi più volta alla pratica che non all apprendimento di concetti che richiedono un maggiore impegno cognitivo. Dato che la Dirigenza continuava a non fornire risposte relativamente al ripristino di un aula con la LIM e che il tempo passava, dopo metà ottobre ho deciso di rivedere il progetto iniziale convertendo l uso della LIM nella semplice proiezione e discussione in classe di alcune videolezioni e files. Raramente gli studenti che si iscrivono negli istituti professionali si rendono conto che la matematica è nella loro quotidianità e la vivono come puro meccanicismo o come un incubo causa di frustrazione. La scelta della Programmazione Lineare e dei Sistemi di disequazioni lineari in due incognite nasce proprio dalla considerazione che, invece, ci si trova a dover prendere decisioni su problemi in cui compaiono grandezze variabili legate da relazioni date o da scoprire, e la risoluzione di tali problemi è facilitata dalla schematizzazione delle relazioni fra le grandezze incognite mediante il linguaggio dell algebra (in particolare disequazioni). Una tecnica molto utilizzata per la risoluzione di problemi in due incognite è quella che fa ricorso al metodo grafico. Dopo aver identificato le condizioni che le variabili del problema devono rispettare, si passa alla loro rappresentazione grafica che permette di determinare l insieme delle soluzioni cercate. I DESTINATARI I venti studenti di una classe terza - settore Enogastronomia, dell Istituto Professionale per i Servizi dell'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera D.A. Azuni di Pula (CA). I DOCENTI COINVOLTI La docente di Matematica, Maria Cristina Scanu (io), trasferita d ufficio dal 01/09/2012 nel suddetto Istituto e quindi nuova docente della classe. IL PRODOTTO ATTESO Repository di files e materiali utilizzati e prodotti durante l attività. Nell ultima fase del progetto i ragazzi produrranno un ipertesto dedicato alla Programmazione Lineare a due variabili. I PREREQUISITI Disequazioni: conoscere la definizione di disequazione; conoscere e saper applicare gli enunciati dei principi di equivalenza per le disequazioni. Pagina 3

4 Sistemi di equazioni lineari in due incognite: Conoscere e saper applicare almeno un metodo di risoluzione fra sostituzione, confronto, riduzione e Cramer. Il piano cartesiano: sapere cos è e com è fatto; conoscere l equazione di una retta; saper rappresentare nel piano cartesiano punti e rette; saper determinare le coordinate del punto d intersezione fra due rette. Nuove Tecnologie: saper utilizzare in modo elementare un software di videoscrittura e un software per presentazioni multimediali (Office Word e PowerPoint), saper navigare in rete. GLI OBIETTIVI GENERALI Lo studente dovrà rafforzare la motivazione per costruire un apprendimento efficace, cioè imparare facendo. Il docente dovrà ricercare e sperimentare interventi didattici più efficaci. GLI OBIETTIVI DISCIPLINARI E DIDATTICI L obiettivo disciplinare primario era quello di offrire agli studenti un nuovo modello matematico di rappresentazione della realtà, un altro strumento che permetta loro di valutare l attendibilità di alcune informazioni. Sono stati motivati gli studenti ad un apprendimento efficace attraverso un percorso in cui si potessero sentire parte attiva. Avrebbero dovuto utilizzare la LIM, ma a causa di problemi logistici non è stato possibile, hanno utilizzato l applicativo Derive 6, le video-lezioni e i files predisposti dalla docente per il raggiungimento dei seguenti obiettivi didattici: acquisire capacità nell analisi del testo di un problema; individuare e mettere in relazione i dati; acquisire abilità per risolvere problemi lineari; acquisire operatività nel piano cartesiano; sapere rappresentare il grafico di un semipiano e di un dominio poligonale; saper valutare la funzione obiettivo nei vertici del poligono determinandone il massimo o il minimo. Le capacità operative non sono state perseguite come fine ultimo perché gli strumenti elettronici sono stati il mezzo per il superamento delle difficoltà. GLI OBIETTIVI TRASVERSALI Motivazionali: migliorare l autostima e la motivazione allo studio della disciplina per creare atteggiamenti positivi verso le attività scolastiche. Relazionali: Migliorare la capacità di lavorare cooperativamente in gruppo; migliorare il rapporto fra gli allievi e fra la docente e la classe; Sviluppare la capacità di utilizzare correttamente il linguaggio formale matematico e la capacità di comunicare con le NT. Tecnologici: Sviluppare abilità nell uso delle NT come supporto all apprendimento e alla cooperazione e collaborazione fra studenti; Sviluppare la capacità di scegliere e organizzare i contenuti digitali. Pagina 4

5 LE MODALITÀ FORMATIVE Poiché ciò che si ascolta si dimentica, ciò che si vede si ricorda e ciò che si fa s impara si è cercato di fare matematica con gli allievi. Le metodologie didattiche utilizzate sono state, oltre alla tradizionale lezione frontale, il problem solving e la didattica laboratoriale. GLI SPAZI Aula, casa e Laboratorio multimediale GLI STRUMENTI A SCUOLA Per le prime tre fasi, che si sono svolte in aula: 3 Hardware: Una postazione mobile con un computer notebook, un videoproiettore e degli altoparlanti; pendrive. Software: Il video player Windows Media, il software applicativo di matematica Derive 6, il software di videoscrittura Office Word. Altro: Calcolatrici, righelli, appunti, quaderni, penne. A CASA Hardware: notebook o pc con connessione alla rete; pendrive. Software: un software di videoscrittura, un software per creare presentazioni multimediali, l applicativo Derive 6. Altro: Libri, quaderni, appunti, penne, calcolatrice. I TEMPI Le prime tre fasi del modulo disciplinare sono state svolte in aula in 12 ore (4 settimane) + 2 ore dedicate alla verifica sommativa. 4 VERIFICHE E VALUTAZIONE Nelle prime due fasi sono state effettuate prove di verifica formativa e alla fine della terza fase una verifica sommativa sul raggiungimento degli obiettivi didattici e disciplinari. Questa comprendeva l analisi del testo di un semplice problema di Programmazione Lineare a due variabili, lo studio grafico del modello, la valutazione dell obiettivo nei vertici del poligono delle soluzioni, la validazione del risultato. 3 Per l ultima fase che si svolgerà interamente nel laboratorio multimediale: Hardware: una postazione PC ogni 2 studenti con connessione a Internet; una stampante ed un videoproiettore per la postazione docente. Software: il software di videoscrittura Office Word; il software per la creazione di presentazioni multimendiali Office PowerPoint; motore di ricerca; il software applicativo Derive 6. Altro: quaderni, appunti, penne. 4 La fase 4 di approfondimento relativa alla creazione dell ipertesto richiederà altre 9-16 ore. Pagina 5

6 La valutazione è stata coerente con la metodologia adottata, che ha visto il coinvolgimento degli studenti nella realizzazione di attività basate sulla risoluzione di problemi. Ho preso in considerazione i seguenti criteri: situazione di partenza e progressi mostrati rispetto a essa; osservazione dei comportamenti: lo studente partecipa attivamente al lavoro, assume il ruolo stabilito, sviluppa capacità e competenze; raggiunge gli obiettivi previsti. FASI E ATTIVITA SVOLTE FASE 0: PREMESSA ATTIVITÀ Progettazione da parte della docente delle attività didattiche di classe e acquisizione di competenze nell uso dei software: Creazione del video la dieta di Patsy (contenente un semplice problema PL) utilizzando alcune immagini scaricate dalla rete, modificate con il software di fotoritocco Gimp e PowerPoint per l inserimento dei fumetti. Creazione dei dialoghi con Audacity ed infine montaggio del video con MovieMaker. Correzioni al progetto iniziale. Predisposizione delle prove formative il problema e Disequazioni lineari e sistemi con Office Word. Creazione con PowerPoint delle immagini-base e con Audacity registrazione dell audio per le due video-lezioni, Disequazioni lineari e Sistemi di disequazioni lineari in due incognite (montate sempre con MovieMaker e convertite successivamente in formato mp4 per il DOL). Ricerca in rete di materiale relativo alla Programmazione Lineare, alla sua storia e alle sue applicazioni e predisposizione di un file riassuntivo adattato al contesto. Ricerca di problemi PL adatti al contesto da utilizzare anche per le verifica sommativa. Creazione di una WebQuest che guidi gli studenti nella costruzione di un ipertesto dedicato alla PL. Svolgimento delle prime parti della programmazione disciplinare e creazione dei prerequisiti per lo svolgimento del Progetto. 1: IL PROBLEMA Presentazione del progetto alla classe e proiezione, utilizzando la postazione pc mobile della scuola, del video la dieta di Patsy. La docente fa alcune domande-stimolo finalizzate all analisi del testo del problema contenuto nel video, all individuazione dei dati e delle variabili, delle relazioni e del modello matematico guidando la discussione verso una formulazione corretta delle risposte. A partire dal problema del video, gli studenti, utilizzando la prova Pagina 6

7 formativa il problema, analizzano il testo evidenziando i dati essenziali e gli eventuali dati superflui, le variabili, individuando le relazioni, l obiettivo e il modello matematico del problema. 2: LE DISEQUAZIONI E I SISTEMI DI DISEQUAZIONI LINEARI Prima analisi del modello matematico del problema, guidata dalla docente. La classe, divisa in piccoli gruppi, analizza una sola disequazione lineare in due incognite. Guidati individuano nel metodo grafico la risoluzione più semplice ed efficace per visualizzare chiaramente l insieme delle soluzioni. Visione della video-lezione Disequazioni lineari (messa a disposizione degli studenti e/o passata tramite pendrive in modo che possano utilizzarla a casa per lo studio). A casa, gli studenti svolgono i seguenti compiti: rappresentare nel piano cartesiano i semipiani soluzione di alcune disequazioni lineari. Analisi del modello matematico del problema guidata dalla docente. Gli studenti discutono sull intero sistema di disequazioni lineari in due incognite per capirne il metodo di risoluzione. In questa fase può essere utilizzato il software applicativo Derive 6 per una rapida validazione delle risposte formulate dagli allievi. Visione della video-lezione Sistemi di disequazioni lineari in due incognite (messa a disposizione degli studenti e/o passata tramite pendrive in modo che possano utilizzarla a casa per lo studio), con spiegazione puntuale dell algoritmo risolutivo da parte della docente. Esame e risoluzione di alcuni semplici sistemi di disequazioni lineari in 2 incognite. A casa, gli studenti svolgono i seguenti compiti: risolvere la prova formativa Disequazioni lineari e sistemi. 3: ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE LINEARE A DUE VARIABILI La docente presenta a livello elementare 5 la Programmazione Lineare a due variabili come parte della ricerca operativa fornendo definizioni formali e precisando, senza dimostrarlo, che l obiettivo assume il valore massimo (minimo) nei vertici del poligono delle soluzioni del sistema. Analisi dei primi tre semplici problemi di PL presenti nel file Problemi. Per la risoluzione del modello si utilizza il software Derive 6 (In cucina, Scorte di merce, Scorte di vino): gli studenti calcolano le coordinate dei vertici del poligono delle soluzioni e vi valutano la funzione obiettivo individuandone il valore di massimo (o minimo). A casa, gli studenti svolgono i seguenti compiti: risolvere i problemi presenti nel file Problemi. 5 Perché l argomento rientra formalmente nei programmi della quinta. Pagina 7

8 Verifica Sommativa (un solo problema per ciascun alunno!) Visione e analisi delle Soluzioni della verifica. La docente, in base alle indicazioni fornite dagli studenti sulle difficoltà ed i problemi avuti in fase di studio rivede e corregge il progetto ed il materiale creato per le attività. 4: APPROFONDIMENTO E/O RECUPERO: L IPERTESTO Una fase di approfondimento e/o recupero avrebbe dovuto chiudere il progetto ma la protesta degli studenti sfociata nell autogestione dell Istituto ha prima rallentato e poi impedito il completamento del progetto che sarà comunque portato a termine nel mese di gennaio. In questa fase gli allievi, seguendo le istruzioni della mia WebQuest, dovranno creare un ipertesto dedicato alla Programmazione Lineare a due variabili. Gli alunni dovranno analizzare il materiale che troveranno su alcuni siti indicati nella pagina Risorse della WQ e, divisi in tre gruppi, dovranno predisporre una presentazione PowerPoint relativa ai Compiti assegnati. Un gruppo si occuperà della ricerca di informazioni relative alla PL, della sua storia e delle sue applicazioni alle varie discipline; uno si dedicherà alla ricerca di problemi di PL a due variabili e all analisi e transcodifica del testo di quattro di essi; il terzo gruppo dovrà risolvere cinque modelli matematici di problemi individuati in rete e per la risoluzione grafica utilizzerà il software didattico Derive 6. DIFFICOLTÀ INCONTRATE E STRATEGIE MESSE IN ATTO PER IL SUPERAMENTO Nonostante le mie richieste di attrezzare un aula con la LIM SmartBoard che l Istituto ha in dotazione dal (ma che da allora giace inutilizzata in uno sgabuzzino!) siano state fatte fin dal mese di Settembre prima oralmente e poi per iscritto sia alla Direttrice della sede che al Dirigente Scolastico, a metà Ottobre ho deciso di rivedere il progetto iniziale convertendo l uso della LIM nella semplice proiezione e discussione in classe di alcune video-lezioni e file proiettati utilizzando la postazione PC mobile della sede. Non ho potuto far installare il software applicativo Derive 6 nella postazione pc mobile perché richiede una licenza che la scuola non ha mai acquistato, per cui spesso e volentieri portavo il mio portatile che collegavo al proiettore della postazione mobile. Le maggiori difficoltà incontrate dagli alunni sono state riscontrate nella prima fase del progetto, relativamente alla transcodifica del testo dei problemi, dal linguaggio naturale al linguaggio matematico. Per aiutarli a superare il disagio che si stava creando nella prima parte delle attività progettuali ho ritenuto opportuno richiamare alcuni concetti di grammatica italiana e di logica di base. Questi interventi e le difficoltà degli allievi mi hanno indotto a variare in parte le modalità didattiche di gestione delle fasi successive. ABILITÀ E COMPETENZE ACQUISITE DAGLI ALUNNI E DAGLI INSEGNANTI Alunni: Hanno sviluppato la capacità di interpretazione della realtà attraverso la modellizzazione geometrica; hanno acquisito competenze nell uso del software applicativo Derive 6; hanno imparato ad analizzare e rielaborare un testo transcodificandolo dal linguaggio naturale al linguaggio matematico; hanno acquisito abilità nell analisi e nella risoluzione di problemi, nell interpretazione dei dati e nello 6 anno in cui io, nonostante non fossi titolare nella sede ma fossi solo in utilizzazione, seguii il Progetto DIGISCUOLA dell allora MPI pur di far ottenere alla sede IPSAR Azuni di Pula una LIM! Pagina 8

9 sviluppo di ragionamenti. Motivazione e coinvolgimento sono aumenti col proseguire delle attività progettuali. Docente: ho migliorato le competenze acquisite con gli esami del DOL sia nell organizzazione e gestione dell esperienza didattica con le nuove tecnologie sia nell uso dei software. Ho acquisito ulteriori competenze relativamente alla metodologia didattica del cooperative learning. MODALITÀ DI RELAZIONE OSSERVATE TRA ALUNNO E DOCENTE (analogie e differenze con le altre situazioni d apprendimento) L uso dell applicativo Derive ha permesso il superamento delle difficoltà di calcolo, favorendo una maggiore comprensione degli argomenti disciplinari trattati che sono stati affrontati con maggiore apertura dagli studenti. MODALITÀ DI RELAZIONE OSSERVATE TRA ALUNNO ED ALUNNO (analogie, differenze con le altre situazioni d apprendimento) La collaborazione fra gli studenti è migliorata e le attività svolte per piccoli gruppi hanno favorito la diminuzione dei conflitti interni alla classe. VALUTAZIONE DELLE TECNOLOGIE E DEL MATERIALE UTILIZZATO Gli strumenti disponibili nella scuola, sia hardware che software, sono stati appena sufficienti per la realizzazione del progetto. Infatti non è stato possibile far installare il software applicativo Derive 6 nella postazione pc mobile perché richiede una licenza che la scuola non ha mai acquistato, per cui ho dovuto portare il mio portatile (ho dato ai ragazzi la mia copia per installarla nel loro pc a casa). Gli altri software utilizzati a scuola (Media Player, Office Word e Acrobat Reader) e che saranno utilizzati per la chiusura del progetto (Firefox, Word e PowerPoint) risultano installati nelle postazioni del laboratorio multimediale e validi per le attività programmate. Non è stato concessa l installazione di software free. L altro materiale utilizzato (files e video) è stato fatto e scelto in base al contesto e corretto in itinere adattandolo alle esigenze e alle necessità dei miei studenti. VALUTAZIONE DELL ESPERIENZA IN TERMINI DI ARRICCHIMENTO PROFESSIONALE Un modo di fare scuola sicuramente non tradizionale. L esperienza è stata molto faticosa, soprattutto nella predisposizione dei lavori da far svolgere ai ragazzi in classe e a casa. Il lavoro cooperativo e l uso di software applicativi hanno permesso e favorito diverse modalità di approccio agli argomenti trattati. In particolare, l uso dell applicativo Derive 6 ha permesso il superamento delle difficoltà di calcolo, per cui gli allievi hanno capito che fare matematica non significa solo fare calcoli ma piuttosto acquisire ragionamenti corretti e modelli che permettono di rappresentare la realtà di ogni giorno. Pagina 9

10 VALUTAZIONE DELL ESPERIENZA DA PARTE DEI RAGAZZI Positiva, soprattutto relativamente alle video-lezioni rese disponibili per l attività di studio. Alcuni studenti che nella tradizionale attività didattica erano restii all impegno hanno partecipato alle attività, assumendo un atteggiamento propositivo e costruttivo. La maggior parte della classe ha raggiunto gli obiettivi prefissati, mostrando capacità che precedentemente non erano state messe in atto. INDICAZIONI CIRCA UN EVENTUALE PROSECUZIONE DELL ESPERIENZA Il progetto permette di affrontare l insegnamento della disciplina utilizzando metodologie diverse e diversificate oltre che migliorare la familiarità con strumenti e software didattici. Può essere facilmente proposto, adattandolo, come modulo interdisciplinare (matematica-economia, matematica-alimentazione ecc), sia a livello di terza superiore sia, approfondito, a livello di quinta superiore in istituti in cui l argomento è trattato come parte della Ricerca Operativa (Istituti professionali, Tecnici, Turistici ecc). Come già detto le proteste studentesche sfociate nell autogestione dell Istituto hanno inizialmente rallentato e poi bloccato la regolare attività didattica per cui è stato impedito il completamento della Fase 4 del progetto che proseguirà nel mese di gennaio. Maria Cristina Scanu - I9 MP04 - ESPERIENZA DIDATTICA AVANZATA Pagina 10

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INSEGNARE O FAR APPRENDERE? RAGIONI ED ESPERIENZE PER UNA DIDATTICA LABORATORIALE

INSEGNARE O FAR APPRENDERE? RAGIONI ED ESPERIENZE PER UNA DIDATTICA LABORATORIALE INSEGNARE O FAR APPRENDERE? RAGIONI ED ESPERIENZE PER UNA DIDATTICA LABORATORIALE di Paolo Corbucci Dirigente Scolastico ITCS L.B. Alberti, San Donà di Piave (Ve) paolo.corbucci@gmail.com RAGIONI. Partiamo

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli