FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI POLITICHE E COGNITIVE (DISPOC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI POLITICHE E COGNITIVE (DISPOC)"

Transcript

1 FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI POLITICHE E COGNITIVE (DISPOC) PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al I. OBIETTIVI DEL DIPARTIMENTO Ai sensi dell art.2, 8 Comma della legge 240/2010, si propone di costituire il Dipartimento di Scienze Sociali, Politche e Cognitive (DISPOC). La legge 240/2010 pone al centro del nuovo assetto degli atenei, con competenze congiunte sull'attività didattica e di ricerca, i Dipartimenti, rinnovati nella funzione e nel profilo istituzionale. In questo contesto, i sottoscritti firmatari propongono di formare un nuovo dipartimento, capace di rispondere alle esigenze future a cui l Università deve far fronte sia nel campo della didattica (per reclutare studenti qualificati e motivati e per formarne cittadini culturalmente e scientificamente consapevoli e critici, specializzati professionalmente anche in aderenza con le esigenze del mercato del lavoro) che nel campo della ricerca (per rafforzare il confronto disciplinare in ambito internazionale, integrare filoni di ricerca spesso inconsapevolmente convergenti ed aumentare il tasso di interdisciplinarietà richiesto dalla complessità sociale del mondo contemporaneo). Il progetto vuole valorizzare quanto già esiste in un'ampia area di scienze umane, politiche e sociali al fine di costituire una comunità di ricerca capace di approntare un'ampia offerta didattica dalla laurea triennale sino al post-laurea integrandovi i contributi della ricerca avanzata, e nella quale le diverse aree disciplinari, pur nella loro autonomia metodologica, sappiano interagire su aree tematiche rilevanti, che ne caratterizzino anche all esterno la vocazione scientifica. Il Dipartimento si propone due obiettivi. In primo luogo, intende riunire i docenti che nell Ateneo di Siena fanno capo alle aree delle scienze umane, politiche,sociali e cognitive intese in senso ampio (spaziando dall antropologia al diritto, dalla scienza politica alla sociologia, dalla psicologia alla linguistica, dalla semiotica alla geografia, dalla storia alla filosofia, dall economia alla statistica, dalle scienze della formazione a quelle della comunicazione). Si tratta di un ampio numero di studiosi provenienti da sei aree scientifiche definite dal CUN, che mostrano tuttavia solide ragioni per lavorare assieme: l assunto fondante della complementarietà della dimensione individuale e di quella sociale, nessuna delle quali può essere ricondotta alle caratteristiche dell altra, bensì la loro necessaria 1

2 interdipendenza per affrontare lo studio dei fenomeni peculiarmente umani (dal linguaggio, alle istituzioni passando attraverso gli strumenti materiali e socioculturali, la creazione dei significati, e la storicità di tutti i fenomeni umani). Ciò crea una serie di oggetti di ricerca comuni che si rispecchia nella varianza di profili disciplinari già presente nell'offerta didattica di corsi di laurea connotati statutariamente da elevata interdisciplinarità (in particolare, i tradizionali corsi di laurea triennale in scienze politiche, scienza della comunicazione e scienze del servizio sociale costituiscono chiari esempi al proposito). Al di là della convergenza sugli assunti teorici e sui programmi didattici, un solido principio di coerenza disciplinare accomuna gli studiosi del presente dipartimento, e si riflette nelle metodologie di indagine dei fenomeni umani e delle loro basi naturali, e nei temi implicati dall esistenza di soggetti conoscenti e di organizzazioni sociali e politiche. Tutto ciò appare particolarmente coerente rispetto al dettato della legge 240/2010, che segnala nell omogeneità delle aree disciplinari un criterio organizzatore cardine dei Dipartimenti. In secondo luogo, il nuovo Dipartimento intende offrire una piattaforma comune a studiosi che, pur nel rispetto delle origini e di profili disciplinari diversi, appaiono oggi stimolati a far convergere la propria attività attorno ad alcuni campi concettuali che disegnino come insiemi intersecantisi ampie aree di interesse sul piano della ricerca, e al tempo stesso alcune necessarie proiezioni operative sul piano della didattica e della creazione di professionalità. Si tratta di campi concettuali che insistono su alcune aree di ricerca, che costituiranno gli assi portanti del dipartimento attraverso la costituzione di corrispondenti sezioni: II. AREE DI RICERCA Le aree di ricerca intorno alle quali ruota il dipartimento sono le seguenti: - Area delle scienze economiche. La ricerca si svolgerà a livello sia microeconomico sia macroeconomico, sulla base di modelli teorici, econometrici ed empirici, con riferimenti alle implicazioni di politica economica. La ricerca sarà anche indirizzata all analisi di come l'interazione strategica influenzi i comportamenti di tipo economico attraverso l'applicazione delle metodologie sperimentali e l'uso di modelli della teoria dei giochi. Tale programma è interdisciplinare: coinvolge infatti competenze scientifiche appartenenti all'area dell'economia, della psicologia cognitiva, dell'organizzazione aziendale e dell'informatica. Esso si avvale della consulenza e della collaborazione di esperti informatici e statistici per la predisposizione e la elaborazione dei dati sperimentali. Altrettanto ampio è l'ambito delle ricerche nel settore della statistica teorica e applicata. Le ricerche in campo statistico riguardano il disegno di database, l analisi della distribuzione del reddito, l inferenza basata sulla simulazione, l uso dei modelli statistici in finanza. Un altro filone di ricerca è relativo agli studi demografici sulla fecondità, l invecchiamento, la mortalità e sui relativi effetti economici. Infine una promettente linea di ricerca, che è in corso di sviluppo, riguarda la statistica, l'economia e la matematica applicata in relazione alla prevenzione dei rischi e delle situazioni di stress nei posti di lavoro. - Area delle scienze e tecnologie cognitive e della comunicazione. Le ricerche in quest area si incentrano sui rapporti tra mente, linguaggio e comunicazione, avendo come prevalente sfondo unificante la rete di concetti e metodi delle scienze cognitive. Tali rapporti sono studiati sia dal punto 2

3 di vista di scienze come la linguistica, la psicologia, la logica, sia da quello di discipline filosofiche come la filosofia della mente, la filosofia del linguaggio, l epistemologia e la filosofia pratica, sia da quello delle tecnologie cognitive e della comunicazione. L indagine scientifica è volta ad elaborare modelli teorici della conoscenza e delle sue forme, sia in generale, sia con specifico riferimento alla struttura, all'acquisizione e all'uso del linguaggio (anche in situazioni di multilinguismo); ed a verificare la capacità esplicativa dei modelli mediante ricerche sperimentali ed applicate. L indagine filosofica si avvale dei metodi dell'analisi concettuale, dell'argomentazione razionale e della ricostruzione storica per mettere a confronto teorie diverse della mente, del linguaggio, della comunicazione umana e della conoscenza, e le loro implicazioni epistemologiche ed etiche. L'indagine tecnologica è volta ad esplorare la natura duale degli strumenti, materiale e psicologica, al fine di contribuire da un lato all'analisi del loro ruolo nei sistemi produttivi (ad es. istruzione, sanità, trasporto, etc.), dall'altro alla loro innovazione e progettazione. - Area degli studi antropologici, semiotici e sociologici. L area di ricerca è caratterizzata da una forte integrazione delle discipline interessate. Ad esempio, l'etnografia, la comparazione inter-culturale, l analisi dei linguaggi, lo studio delle strutture sociali nei processi di mutamento, il pluralismo socioculturale, l analisi dei processi migratori e delle dinamiche di integrazione socio-culturale i fenomeni di migrazione, costituiscono alcuni tra i più significativi ambiti di ricerca antropologica, semiotica e sociologica. Infatti, la dimensione simbolica, cognitiva, politica, narrativa nell'approccio ai fatti di cultura, unitamente a quella audiovisiva (per quel che concerne la documentazione dei patrimoni narrativi e delle nuove forme di cultura di massa) con il ricorso a metodologie qualitative (interviste, storie di vita, focus groups) e quantitative (survey, indagini campionearie) verranno costantemente tenute presenti nei corsi, nei progetti di ricerca, nelle proposte di tesi per il dottorato di ricerca. Specifiche aree di indagine, già da tempo oggetto di programmi di ricerca, continueranno ad essere coltivate e a fornire nuovi spunti di studio: l individuo e la sua comunità di riferimento, la parentela, gli studi di genere, lo studio del visivo, dell'arte e dei linguaggi dell'immagine a quello dei diversi codici dell'oralità e della scrittura in rapporto alle categorie cognitive ed alle forme sociali di espressione del pensiero, gli aspetti cognitivi della comunicazione infra e inter-culturale (lingua, tassonomie locali, rituali, modelli comportamentali, analisi dei mezzi di comunicazione di massa, sistemi retorici e della persuasione), le forme sociali e istituzionale del potere, le "economie morali" in contesti dinamici di mutamento e di riequilibrio (post-coloniali, migratorie, metropolitane), i rapporti fra generazioni, le politiche e i servizi sociali e i testi che esprimono tutto questo. Non minore impegno si dedicherà alle tematiche legate ai problemi dello sviluppo, della cooperazione, della dipendenza, alle relazioni sociali e ai loro fondamenti comunicativi. La ricerca sul campo, sia nei contesti locali più prossimi, europei, mediterranei, sia in aree più lontane (Africa, Asia del Sud, America Latina) verrà incoraggiata, specie nei due livelli più avanzati di formazione (laurea magistrale e dottorato di ricerca), così come l'acquisizione e la circolazione dei risultati per mezzo dei laboratori e dei centri di ricerca. - Area degli studi politici. Si interessa agli aspetti storico-politici e istituzionali dei fenomeni a livello sub-nazionale, nazionale e sovra-nazionale. In particolare, la sezione incentra la sua attenzione sullo sviluppo politico in Europa e l esplorazione interdisciplinare della politica europea con particolare riferimento ai processi storici di integrazione ed Europeizzazione, l'evoluzione istituzionale dell UE, dei suoi paesi membri e di altre realtà europee, la storia delle dottrine politiche in Europa, l'evoluzione dei suoi sistemi di difesa e la politica militare, i rapporti tra Europa e attori della politica internazionale, con particolare riferimento ai rapporti Transatlantici, gli effetti della globalizzazione 3

4 sui sistemi politici nazionali, la trasformazione dei regimi politici in Europa e il rapporto con lo sviluppo della democrazia in Nord-America, l evoluzione del concetto di cittadinanza. Queste tematiche sono studiate a vari livelli: da quello individuale (lo studio del comportamento politico individuale - elettorale e non - e lo studio delle elite politiche, a quello delle istituzioni di governo e parlamentari a livello nazionale e sovra-nazionale e all analisi delle politiche pubbliche. Vari approcci disciplinari sono rappresentati nelle ricerche promosse dalla sezione. Tra questi, la storia contemporanea e del pensiero politico che affonda le sue radici nell epoca moderna,, la scienza politica comparata, l analisi linguistica. Questo progetto ha un carattere estremamente innovativo per la tradizione culturale italiana. Molto raramente, infatti, sono esistiti nei nostri Atenei Dipartimenti «trasversali» di questa natura. La presente proposta considera il Dipartimento nel suo senso originale: organo «servente» (cioè funzionalmente integrato nella gestione di risorse per la didattica e la ricerca) rispetto a organi «serviti» (i Corsi di Laurea, intesi come fisicamente non esistenti, ma orientati ai curricula didattici, i Masters e i dottorati). Il nuovo Dipartimento fotografa perfettamente una simile architettura, perché unifica temi e metodi di aree disciplinari coerenti, e alimenta con criterio di prevalenza corsi di laurea triennale e magistrale, nonché master e dottorati che gli sono in ogni caso trasversali per la presenza curriculare di altri tipi di insegnamento. Il Dipartimento si propone di sviluppare la ricerca in settori caratterizzati da un forte legame con lo sviluppo del territorio e da una forte internazionalizzazione. Una particolare attenzione sarà focalizzata sulle domande e sui bisogni del territorio, enfatizzando da un lato la dimensione delle competenze professionalizzanti e dall altro quella teorica nei settori disciplinari al centro dei progetti di ricerca. Da questo punto di vista, i docenti proponenti attribuiscono fondamentale importanza all ampliamento delle opportunità di finanziamento della ricerca a livello europeo e nazionale, nonché ai rapporti con le realtà economiche e sociali del territorio e nazionali. Il nuovo Dipartimento presenta infatti docenti con forte caratterizzazione internazionale, sistematicamente presenti nei bandi PRIN e attivi nella ricerca per Fondazioni, enti territoriali e associazioni. La costruzione di un Dipartimento connotato da un numero di studiosi incardinati ben al di sopra dei limiti legali previsti dalla recente riforma, oltre ad essere un segnale forte della volontà di contribuire a ridurre la frammentazione della governance, in un quinquennio decisivo per il risanamento senese, intende mettere in sicurezza anche quelle tematiche di ricerca di frontiera o di difficile attuazione per gli elevati costi di transazione, legati alla sporadicità della cooperazione. La presenza di un alto numero di settori e approcci disciplinari permetterà al personale del Dipartimento di sviluppare un notevole grado di autosufficienza nel reperimento delle competenze multidisciplinari richieste dai bandi per l'allocazione di fondi destinati sia alla ricerca pura che a quella applicata. Allo stesso tempo, un dipartimento con queste caratteristiche, che si candida ad ospitare un numero non indifferente di docenti, articolati su varie sezioni, molti centri e laboratori, vari poli e partecipazioni differenziate in un ampio numero di programmi didattici, deve poter contare su una massa critica di PTA con competenze molto diverse. III. OFFERTA FORMATIVA Dal punto di vista didattico, l offerta formativa del nuovo Dipartimento copre tutti i livelli della formazione universitaria: lauree triennali, lauree magistrali, Master di 1 e 2 livello, corsi di 4

5 perfezionamento e formazione continua, Dottorati di ricerca. Tutti i programmi che il Dipartimento intende attivare sono direttamente connessi a precedenti corsi di studio che hanno caratterizzato l'offerta didattica di alcune facoltà dell'ateneo senese negli ultimi anni, incontrando un buon successo in termini di iscrizioni e riscuotendo valutazioni elevate tra gli studenti e buoni risultati in termini di job placement. Il nuovo Dipartimento si configura, in conclusione, come luogo dal quale didattica e ricerca vengono interamente o parzialmente riorganizzate, a partire dal principio generale delle formazione delle future classi dirigenti nell ambito del settore pubblico, del settore privato e delle libere professioni di carattere umanistico.. Possono essere considerate tali le professioni concernenti la comunicazione, la direzione e amministrazione di centri di ricerca, la direzione di istituzioni pubbliche e private, l organizzazione di attività sociali e culturali, le relazioni pubbliche, le relazioni industriali, il terzo settore e la formazione per il servizio sociale e così via. Si tratta, in prevalenza, di profili che, allo stato attuale, non sono definite dal valore legale delle lauree, ma che certamente possono trovare nei profili dei Corsi di laurea di riferimento una solidissima base curriculare e un profondo interesse da parte della popolazione studentesca. Di seguito, verranno presentati i principali corsi di studio che faranno capo al Dipartimento, primariamente o in co-titolarità con altri Dipartimenti, e alcune proposte per eventuali corsi futuri, da realizzare quando le condizioni normative e la disponibilità di risorse umane lo consentiranno. 5

6 elenco dei SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI su cui si baseranno la programmazione scientifica e didattica e le politiche di reclutamento del Dipartimento Area 09 - Ingegneria Industriale e dell'informazione ING-INF/05 SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche L-LIN/01 GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA L-FIL-LET/12 LINGUISTICA ITALIANA L-LIN/10 LETTERATURA INGLESE L-LIN/12 LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE L-LIN (Altri) on demand Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche M-DEA/01 DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE M-FIL/01 FILOSOFIA TEORETICA M-FIL/02 LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA M-FIL/03 FILOSOFIA MORALE M-FIL/05 FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI M-GGR/01 GEOGRAFIA M-PSI/01 PSICOLOGIA GENERALE M-PSI/08 PSICOLOGIA COGNITIVA M-STO/04 STORIA CONTEMPORANEA Area 12 - Scienze giuridiche IUS/01 DIRITTO PRIVATO IUS/07 DIRITTO DEL LAVORO IUS/08 DIRITTO COSTITUZIONALE IUS/09 ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO IUS/10 DIRITTO AMMINISTRATIVO IUS/12 DIRITTO TRIBUTARIO IUS/13 DIRITTO INTERNAZIONALE IUS/17 DIRITTO PENALE IUS/19 STORIA DEL DIRITTO MEDIEVALE E MODERNO IUS/20 FILOSOFIA DEL DIRITTO IUS/21 DIRITTO PUBBLICO COMPARATO Area 13 - Scienze economiche e statistiche SECS-P/01 ECONOMIA POLITICA SECS P/02 POLITICA ECONOMICA SECS-P/03 SCIENZA DELLE FINANZE SECS-P/04 STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO SECS-P/12 STORIA ECONOMICA 8

7 SECS-S/01 STATISTICA SECS-S/03 STATISTICA ECONOMICA SECS-S/04 DEMOGRAFIA SECS-S/05 STATISTICA SOCIALE AGR/01 (ex G01X) ECONOMIA ED ESTIMO RURALE Area 14 - Scienze politiche e sociali SPS/01 FILOSOFIA POLITICA SPS/02 STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHE SPS/03 STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE SPS/04 SCIENZA POLITICA SPS/05 STORIA E ISTITUZIONI DELLE AMERICHE SPS/06 STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI SPS/07 SOCIOLOGIA GENERALE SPS/08 SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI SPS/09 SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO SPS/10 SOCIOLOGIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO SPS/11 SOCIOLOGIA DEI FENOMENI POLITICI SPS/12 SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALE SPS/13 STORIA E ISTITUZIONI DELL'AFRICA SPS/14 STORIA E ISTITUZIONI DELL'ASIA 9

8 NOTE FACOLTATIVE eventuali proposte sull uso di spazi, laboratori, grandi strumentazioni ed articolazioni in sezioni ( * 4) Il pluralismo disciplinare e metodologico di questo Dipartimento rende quasi naturale una articolazione in sezioni e nuclei di ricerca. Tuttavia, tale segmentazione non corrisponde a una mera giustapposizione di gruppi di studiosi. Al contrario, le sezioni hanno al loro interno una propria pluralità di approcci e potranno essere tra loro fortemente connesse, ritornando unite in forza dei caratteri cardine del dipartimento, ovvero l'attenzione per progetti interdisciplinari, la spinta all'internazionalizzazione, l'insistenza sulle continue connessioni tra ricerca pura e applicata, teorica ed empirica. Il Dipartimento intende articolarsi in un sistema di sezioni come segue: - Sezione di Scienze e Tecnologie della Cognizione e della Comunicazione.Le ricerche della sezione si incentrano sui rapporti tra mente, linguaggio e comunicazione, avendo come prevalente sfondo unificante la rete di concetti e metodi delle scienze cognitive. Tali rapporti sono studiati sia dal punto di vista di scienze come la linguistica, la psicologia, la logica, e di discipline filosofiche come la filosofia della mente e del linguaggio, l epistemologia, la filosofia pratica e la storia delle idee, sia da quello delle tecnologie cognitive e della comunicazione. Un ruolo centrale riveste, nei diversi approcci disciplinari, lo studio dei sistemi di conoscenza, con le loro specifiche forme e modalità di espressione in comportamenti e strumenti, e dei processi di creazione della conoscenza e di apprendimento. L indagine scientifica si sviluppa su più dimensioni: l elaborazione di modelli teorici della conoscenza e del linguaggio, con particolare riferimento alle interazioni tra processi cognitivi quali quelli percettivi, quelli relativi all apprendimento e alla rappresentazione della conoscenza; lo studio dell organizzazione sintattica delle lingue naturali e delle interfacce con i sistemi di suoni e significati; lo studio dell acquisizione della prima e della seconda lingua, anche in forme di sviluppo atipico e nelle patologie; lo studio comparativo dell organizzazione del linguaggio e di altri aspetti della cognizione umana; l analisi dell uso del linguaggio e dei rapporti tra lingua e società, anche in situazioni di multilinguismo e lingue a contatto, come nell Europa odierna. Necessario complemento dell indagine teorica e descrittiva è la verifica delle capacità esplicative dei modelli linguistici e psicologici mediante ricerche sperimentali e applicate (anche con valenze didattiche), quali quelle riferibili alla percezione di elementi figurali in diversi contesti, alle diverse modalità di apprendimento e alla elaborazione di elementi di conoscenza (ad esempio, nella valutazione del rischio). L indagine filosofica si avvale dei metodi dell analisi concettuale (anche di idee-chiave come conoscenza, rappresentazione, verità, dimostrazione, norma, ecc.), dell argomentazione razionale e della ricostruzione storica, per mettere a confronto teorie diverse del linguaggio, della comunicazione umana e della conoscenza, e le loro implicazioni epistemologiche ed etiche, per proporre analisi del significato e della competenza semantica, e per chiarire le basi della normatività, la natura dei fenomeni mentali e i rapporti tra mente e cervello. L'indagine tecnologica è volta ad esplorare la natura duale degli strumenti, materiale e psicologica, al fine di contribuire da un lato all'analisi del loro ruolo nei sistemi produttivi (ad es. istruzione, sanità, trasporto, etc.) dall'altro alla loro innovazione e progettazione. - Sezione di Studi Antropologici, Semiotici e Sociologici La sezione di studi antropologici, semiotici e sociologici aggrega studiosi provenienti 13

9 da diverse discipline quali la sociologia, l'antropologia socio-culturale, la geografia, la semiotica e la demografia. I loro interessi di ricerca spaziano dalle tradizioni popolari alle trasformazioni delle identità; dal terzo settore alla cooperazione internazionale; dai processi di de-colonizzazione ai movimenti politici e sociali; dalle differenze di genere ai processi di trasformazione delle forme di famiglia; dai fenomeni migratori allo sviluppo locale e culturalmente sostenibile; dallo studio del visivo, dell'arte e dei linguaggi dell'immagine a quello dei diversi codici dell'oralità e della scrittura; dallo studio dei segni e della cultura come sistema modellizzante (testi, immagini, comportamenti, linguaggi persuasivi) a quello dei diversi codici dell'oralità e della scrittura in rapporto alle categorie cognitive e alle forme sociali di espressione del pensiero; dalle dinamiche interculturali e della didattica delle differenze nell'insegnamento al mondo giovanile e alla sua socializzazione al lavoro; dagli usi linguistici come fatto sociale allo studio dei media come nuovo orizzonte della socializzazione. I contesti ed i terreni socio-culturali spaziano dall'italia e dall'europa, all'africa, all Asia e all America Latina. - Sezione di Studi Economici e Statistici; La Sezione di Studi Economici e Statistici rispecchierà la molteplicità delle competenze presenti al suo interno. Le ricerche che verranno svolte possono essere raggruppate in diverse aree. Nell'area economica la ricerca si svolgerà a livello sia microeconomico sia macroeconomico. Le ricerche saranno condotte sulla base di modelli teorici, econometrici ed empirici, con riferimenti alle implicazioni di politica economica. La ricerca sarà anche indirizzata all analisi di come l'interazione strategica influenzi i comportamenti di tipo economico attraverso l'applicazione delle metodologie sperimentali e l'uso di modelli della teoria dei giochi. Tale programma è interdisciplinare coinvolge infatti competenze scientifiche appartenenti all'area dell'economia, della psicologia cognitiva, dell'organizzazione aziendale e d'informatica. Esso si avvale della consulenza e della collaborazione di esperti informatici e statistici per la predisposizione e la elaborazione dei dati sperimentali. Altrettanto ampio è l'ambito delle ricerche nel settore della statistica teorica e applicata. Le ricerche in campo statistico riguardano il disegno di database, l analisi della distribuzione del reddito, l inferenza basata sulla simulazione, l uso dei modelli statistici in finanza, l analisi statistica del mondo del lavoro, e in particolare del terzo settore e i metodi statistici per la valutazione dei servizi sanitari e universitari. Un altro filone di ricerca è relativo agli studi demografici sulla fecondità, l invecchiamento, la mortalità e sui relativi effetti economici. Infine una promettente linea di ricerca, che è in corso di sviluppo, riguarda la statistica, l'economia e la matematica applicata in relazione alla prevenzione dei rischi e delle situazioni di stress nei posti di lavoro. All interno della Sezione opereranno sia il Laboratorio di Economia Sperimentale LabSi che il Centro Interuniversitario per l Economia Sperimentale fondato nel 2008 in consorzio con le Università di Firenze, la Seconda Università di Napoli e l Università di Salerno. - Sezione di Studi Politici La sezione di studi politici promuove e coordina le attività di ricerca del gruppo di studiosi che si interessano agli aspetti storico-politici e istituzionali dei fenomeni a livello sub-nazionale, nazionale e sovra-nazionale. In particolare, la sezione incentra la sua attenzione sullo sviluppo politico in Europa e l esplorazione interdisciplinare della politica europea con particolare riferimento ai processi storici di integrazione ed Europeizzazione, l'evoluzione istituzionale dell UE, dei suoi paesi membri e di altre realtà europee, la storia delle dottrine politiche in Europa, l'evoluzione dei suoi sistemi di difesa e la politica militare, i rapporti tra Europa e attori della politica internazionale, con particolare riferimento ai rapporti Transatlantici, gli effetti della globalizzazione sui sistemi politici nazionali, la 14

10 trasformazione dei regimi politici in Europa e il rapporto con lo sviluppo della democrazia in Nord- America, l evoluzione del concetto di cittadinanza. Queste tematiche sono studiate a vari livelli: da quello individuale (lo studio del comportamento politico individuale (elettorale e non) e lo studio delle elite politiche, a quello delle istituzioni di governo e parlamentari a livello nazionale e sovranazionale e all analisi delle politiche pubbliche. Vari approcci disciplinari sono rappresentati nelle ricerche promosse dalla sezione. Tra questi, la storia contemporanea e del pensiero politico che affonda le sue radici nell epoca moderna,, la scienza politica comparata, l analisi linguistica. Il carattere interdisciplinare di questi studi rende la sezione programmaticamente aperta alla collaborazione scientifica e didattica con tutte le componenti dell'ateneo che condividano gli stessi metodi e scopi nella ricerca e gli stessi obiettivi nell'insegnamento. La caratteristica principale della sezione è il ricorso a un approccio interdisciplinare utilizzato tanto nell'analisi di fenomeni microsociali quanto a quelli di carattere più generale attraverso il ricorso a metodologie sia qualitative che quantitative. Le sezioni potranno trovare spazi diversi all'interno dell'università, dato il carattere innovativo e l'origine diversa del personale che intende unirsi al presente progetto. Tuttavia, la ricerca dei nuclei che si formeranno all'interno e anche attraverso tali sezioni si concentrerà attorno ad alcuni spazi comuni della ricerca, e utilizzerà una serie di laboratori e strumentazioni (molte di queste ultime peraltro già presenti nell'ateneo) in modo da ottenere risultati rilevanti di medio-lungo periodo in termini di massimizzazione delle competenze e delle risorse, ottimizzazione degli spazi e socializzazione del personale. Un dipartimento con queste caratteristiche, che si candida ad ospitare un numero non indifferente di docenti, articolati su varie sezioni, molti centri e laboratori, vari poli e partecipazioni differenziate in un ampio numero di programmi didattici, deve poter contare su una massa critica di PTA con competenze molto diverse. In particolare, il progetto di dipartimento ruota attorno ad alcuni elementi strutturali, quali: 1. Centri di Ricerca Interdipartimentali e Interuniversitari: Centro Interdipartimentale di Ricerca sul Cambiamento Politico (CIRCaP). Il Centro è nato nel giugno del 1997, con l obiettivo di perseguire attività di ricerca, analisi, documentazione e formazione avanzata sui problemi ed i processi del cambiamento politico a livello sub-nazionale, nazionale ed internazionale. Fanno parte del Centro studiosi di scienza politica, in un vivace dialogo interdisciplinare con esponenti delle altre principali branche delle scienze sociali. Il sito è Centro Interdipartimentale di Semiotica del Testo Si tratta di un Centro che si appresta a divenire Interuniversitario (con Palermo e Urbino), e che è dotato di un sito con la bibliografia completa delle ricerche semiotiche, un archivio testi e tesi, e la raccolta dei documenti (anche inediti) dell antico Centro Internazionale di Semiotica e Linguistica di Urbino, ivi comprese le registrazioni di 40 anni di incontri e convegni. Centro Interdipartimentale di Studi Cognitivi sul Linguaggio (CISCL). Coordina studi sul linguaggio di carattere teorico, descrittivo e sperimentale in una prospettiva interdisciplinare di scienze cognitive. Consta di più unità operative: 15

11 - Il Laboratorio di cartografia delle strutture sintattiche, finanziato dal 1997 da PRIN dedicati al tema. - Il Laboratorio di linguistica sperimentale, dedicato a ricerche sperimentali di acquisizione del linguaggio, psicolinguistica e linguistica computazionale, finanziate tra l altro da progetti FIRB e FSE. - Il Centro di documentazione linguistica, la cui attività è finanziata in parte da un progetto FIRB; il centro raccoglie e mette a disposizione degli studiosi migliaia di preprints e documenti non pubblicati; raccoglie altresì corpora di produzioni di apprendenti della prima e della seconda lingua. Il CISCL produce gli STiL (Studies in Linguistics, CISCL working papers in linguistics), distribuiti dal servizio di working papers di linguistica del MIT (MITWPL) Il CISCL riceve regolarmente visiting scholars internazionali e coordina una intensa attività seminariale in linguistica, in filosofia del linguaggio, e in altri settori degli studi cognitivi. Informazioni più dettagliate sono disponibili sul sito <http://www.ciscl.unisi.it/>www.ciscl.unisi.it. Centro Interuniversitario sulla Cooperazione e l Intercultura (CISCOI) Il Centro interuniversitario sulla cooperazione e l intercultura CISCOI è nato su iniziativa di un gruppo di docenti della Facoltà di Scienze Politiche dell Ateneo senese che da anni si occupano delle tematiche relative ai processi migratori e alla cooperazione internazionale, con l obiettivo di aggregare colleghi e ricercatori di altri Dipartimenti e di altre Università che condividono le stesse idee e ambiti di studio. Il Ciscoi è stato creato a partire da una convenzione tra l Università di Siena, l Università di Padova e l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il Centro ha istituito un polo di ricerca e di studi sulle tematiche relative ai processi migratori nazionali e internazionali, alle trasformazioni sociali delle comunità locali e allo sviluppo del terzo settore. Inoltre il Centro ha costituito una struttura finalizzata alla raccolta, l elaborazione e la diffusione di dati e documenti relativi ai flussi migratori in ambito locale e nazionale e alla formazione e all aggiornamento relativo alle problematiche indotte dal multiculturalismo e multireligionismo nei vari ambiti della vita quotidiana. Fitta è la rete di collaborazioni intrattenuta con diversi Enti locali e istituti di ricerca. In particolare da alcuni anni il Ciscoi collabora con la Regione Toscana su un progetto denominato integrometro finalizzato alla misura dell integrazione degli immigrati e con le attività della Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità) di Milano. Sul versante della Cooperazione il Ciscoi è impegnato in alcune delle attività svolte dalla Ong Oxfam Italia e con il programma Art Universitas Unops (United Nations Office for Project Services). Centro Interunivesitario di Economia Sperimentale (LabSi) Il Centro è stato fondato nel 2008 dalle Università di Siena, dall Università di Firenze, dalla Seconda Università di Napoli e dall Università di Salerno. Il Centro si propone di: a) promuovere l utilizzo e la diffusione dei metodi sperimentali in economia attraverso il coinvolgimento di studiosi in possesso di competenze scientifiche diverse, appartenenti all'area dell'economia, delle scienze cognitive, della psicologia cognitiva, e dell'organizzazione aziendale; b) sviluppare e coordinare l attività di ricerca in ambito sperimentale mettendo a disposizione di studiosi e ricercatori gli strumenti utili allo svolgimento di ricerche di laboratorio nelle scienze economiche e cognitive; c) formare personale specializzato in grado di assicurare la consulenza e la collaborazione necessaria alla predisposizione e all elaborazione dei dati sperimentali; 16

12 d) organizzare convegni, workshop, seminari e attività didattiche relative all utilizzo dei metodi di laboratorio nelle scienze economiche e cognitive; e) stipulare contratti e convenzioni per progetti di ricerca o collaborazione scientifica con Enti pubblici e privati. Il Centro ha sede, ai fini amministrativi o organizzativi, presso l Università degli Studi di Siena. Le attività proprie del Centro sono svolte presso le sedi delle Università contraenti articolandosi in base ai piani ed ai programmi elaborati dal Comitato tecnico-scientifico. Informazioni sull attività del centro sono disponibili sul sito web 2. Laboratori Centro Televisivo Ars Videndi,Laboratorio di Antropologia visiva e tecnologie dell'immagine (già Centro Televisivo di Ateneo) Il Centro televisivo d'ateneo è stato attivato nel 1987, come centro di servizi, realizzando produzioni documentaristiche dirette alla realizzazione di programmi scientifici, didattici e di orientamento, anche in convenzione con enti. Dal 2003 diviene laboratorio del Dipartimento di Scienze della Comunicazione. Attualmente il Centro Televisivo fa ricerca nel campo dell'utilizzo sociale delle immagini e soprattutto nel campo dell antropologia visiva. Il Centro dispone di attrezzature digitali sia di editing che di ripresa in esterno, ed accoglie studenti che vogliono svolgere una attività di ricerca o una tesi nel campo degli audiovisivi applicati all'antropologia. Il centro svolge infatti attività di integrazione alla didattica e di supporto dei tesisti. Il centro è inoltre il perno di organizzazione della Summer School Ars Videndi in Antropologia visiva e tecnologie dell'immagine. Il Centro svolge anche attività di supporto alla comunicazione d'ateneo (ad es. Alla ricerca del Bosone di Higgs sito del centro: ; sintetica presentazione in video delle attività: Laboratorio Analisi Politiche e Sociali (LAPS) ll LAPS è una struttura in grado di fornire ad operatori socio-economici, opinion-makers ed istituzioni di carattere locale, nazionale ed internazionale analisi ed elementi conoscitivi sull evoluzione dei principali indicatori socio-politico-economici relativi sia al pubblico di massa che alle elite di una comunità politica o aziendale. Il LAPS unisce l esperienza di un gruppo di studiosi dell Università di Siena raccolti intorno al CIRCaP, un Centro di Eccellenza che può contare su un team di ricerca di livello internazionale con esperienze diversificate sia in termini metodologici che disciplinari. Partito operativamente nel 2007 grazie ad un contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, il LAPS ha ampie e stabili collaborazioni nazionali ed internazionali con enti e istituti di inchieste di mercato (German Marshall Fund of the US/Compagnia di San Paolo, TNS, ecc.), ed ha al suo attivo numerose esperienze di ricerca nazionale ed internazionale con l Unione Europea, Fondazioni private nazionali, europee ed americane, e di partecipazione a progetti universitari. Il sito è Laboratorio di Arti e Linguaggi in Antropologia (Arlian) Il sito web opera dal gennaio 2010 nell ambito dell attività didattica e di ricerca degli insegnamenti di Antropologia Cognitiva e di Antropologia dell Arte e delle Rappresentazioni con la doppia finalità di costituire da una parte un archivio del nostro lavoro di ricerca e dall'altra uno strumento di riferimento per la didattica con la presentazione di materiale di varia natura utile alla formazione nel settore e lungo percorsi prossimali e di strumentazione. Il sito è inteso come supporto e stimolo alla didattica e 17

13 di sperimentazione di nuove forme di comunicazione sulla produzione scientifica. U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I S I E N A Laboratorio Audiovisivi Il Laboratorio è costituito come archivio del materiale documentario audio-visivo, prodotto nel tempo dalle attività di ricerca promosse dagli insegnamenti demo-etno-antropologici. Ha uno spazio autonomo, in cui si svolge sia l attività tecnica operativa che quelle della didattica e della formazione (D10 terzo piano), contando su una postazione audiovisuale, una postazione audio, una postazione multimediale, una capienza per l attività didattica interna di circa 25 posti. E' dotato di una serie di attrezzature audio e video per la produzione, il trattamento e la fruizione dei documenti sui diversi supporti tecnici e linguaggi audiovisivi Laboratorio Dati Economici Storici Territoriali (LADEST) Il LADEST è una struttura complementare alle attività didattiche e di ricerca svolte in ambito sociogeografico. Offre una serie di servizi relativi alla raccolta, catalogazione e mappatura di dati territoriali attraverso strumenti GIS (geographical information systems) e recenti applicazioni Web 2.0 (Googlemaps, Openstreetmap), ecc. Attività svolta: - Creazione di database interattivi - Mappatura dati socio-economici - Rappresentazioni cartografiche digitali - Analisi di dati territoriali - Applicazioni Web Analisi territoriali con programmi Gis (Geographical information systems) - Applicazioni Web 2.0 e sperimentazione di immissione ed elaborazione dati socio economici relativi a contesti territoriali europei ed extraeuropei; - Creazione di strumenti per la gestione del laboratorio (manuali ad uso degli utenti; poster; ecc.); - Creazione di archivi fotografici - Catalogazione e preparazione di schede bibliografiche Laboratorio di Economia Sperimentale (LabSi) Il Laboratorio di Economia Sperimentale (LABSI) è sorto nel 1999 avendo come obiettivo iniziale quello di organizzare e promuovere l utilizzo e la diffusione dei metodi sperimentali in economia. Obiettivi e metodologie sono stati sviluppati sin dall' inizio in collaborazione con i visiting professor che hanno collaborato con il Dipartimento di Economia Politica dell Università di Siena. Nel 2000 è stata avviata l attività diretta di sperimentazione, che ha ripreso e sviluppato ampliato quella già svolta negli anni precedenti all interno del Dipartimento di Economia Politica. Questi esperimenti hanno permesso tra l'altro di affinare le tecniche di analisi sperimentale come testimoniano le pubblicazioni disponibili sul sito del Laboratorio. Il Laboratorio ha inoltre accumulato competenze nell'uso della piattaforma di sviluppo software di simulazione Z-Tree realizzata dall Institute for Empirical Research in Economics dell Università of Zurigo. Attualmente il programma sperimentale di LABSI è indirizzato all analisi di come l'interazione strategica influenzi i comportamenti di tipo economico attraverso l'applicazione delle metodologie sperimentali e l'uso di modelli della teoria dei giochi. Tale programma è interdisciplinare coinvolge infatti competenze scientifiche appartenenti all'area dell'economia, della psicologia cognitiva, dell'organizzazione aziendale e d'informatica. Esso si avvale della consulenza e della collaborazione 18

14 di esperti informatici e statistici esterni per la predisposizione e la elaborazione dei dati sperimentali. Il laboratorio è coordinato dal professor Alessandro Innocenti e dal professor Luigi Luini e prende parte dal 1999 ad una serie di progetti di ricerca finanziati dal MURST e dall Università di Siena che hanno l obiettivo di verificare con le tecniche dell economia sperimentale alcune teorie del comportamento economico. Il sito è Laboratorio EtnoAntropologico Promuove la ricerca, la sperimentazione di nuovi metodi di osservazione e di analisi, relativa ad oggetti di interesse etnologico ed antropologico, volta a produrre modelli di rappresentazione e di comparazione entro e tra contesti di cultura attuali, in un quadro di scambi di esperienze scientifiche con altri centri di ricerca, in Italia e all'estero Laboratorio di Interaction Design Il laboratorio è dedicato alla generazione di Mock-up per l esplorazione di concept di design e alla prototipazione di soluzioni hardware e software. Si avvale di strumentazione che spazia dal bricolage del cartone e del legno alla microelettronica basata su piattaforme arduino e qseven, passando per la stampa 3D con resine epossidiche. Il laboratorio offre inoltre opportunità di setting per l esplorazione delle soluzioni prototipali di basso livello attraverso il metodo del mago di Oz. Laboratorio Multimediale Didattico Questo laboratorio, che raccoglie le esperienze delle facoltà da cui provengono alcuni docenti promotori di questo progetto, consta in un comune lab ad uso degli studenti, dove poter combinare con i classici strumenti del sostegno informatico e linguistico a quei particolari mezzi utili alla formazione interculturale, alla simulazione delle arene decisionali internazionali, alla socializzazione con mezzi di comunicazione, all'uso professionale di internet, della statistica. Laboratorio Multimediale Didattico-Scientifico combinato Questo laboratorio si presenta come uno spazio di trasmissione e formazione del sapere attraverso vari strumenti, come la stazione (di ateneo) per la didattica a distanza di qualità, il centro di produzione di supporti media per la didattica e l'orientamento, la gestione di simulazioni di processi decisionali, la realizzazione di momenti di ricerca e analisi collettiva (focus group ecc.) e l'implementazione di pratiche di ricerca via internet oggi fondamentali per una serie di scienze umane e sociali (data mining, web-scraping ecc.). Il laboratorio potrebbe accogliere e rilanciare esperienze già presenti nell'esperienza dei "vecchi" dipartimenti connessi a questo progetto (a cominciare dal centro televisivo di ateneo). Laboratorio di Progettazione degli Ambienti di Lavoro Il laboratorio supporta l'attività didattica così come le attività e gli aspetti applicativi della ricerca relativa all'analisi delle attività e alla definizione dei requisiti per la progettazione di ambienti per la comunicazione, con un'attenzione particolare agli aspetti cognitivi e affettivi del comportamento umano e all'influenza che l'uso delle tecnologie ha sui contenuti delle attività lavorative e quotidiane e sulla formazione di nuove comunità di pratica Laboratorio di Robotica e Tecnologie dell Apprendimento Il Laboratorio è di supporto sia della didattica che della ricerca nell ambito della robotica e delle tecnologie per l apprendimento. Il laboratorio è dotato di tecnologie software e hardware sia 19

15 autonomamente prodotte (ad es. rolling pins, tiles) che acquisite nell ambito di iniziative open source o proprietarie di creazione di ambienti robotici. Inoltre il laboratorio è dotato di strumenti per l osservazione dei comportamenti d interazione. Laboratorio di Sperimentazione Psicologica Il laboratorio supporta l'attività didattica così come le attività e gli aspetti applicativi della ricerca relativa alla psicologia dei processi cognitivi, in particolare apprendimento, percezione e attenzione, memoria, ragionamento, sviluppo cognitivo,. Specifici ambiti di applicazione sono per esempio: processi decisionali e percezione del rischio, aspetti affettivi e aspetti cognitivi dei processi decisionali, sviluppo e processi decisionali, formazione e apprendimento, comunicazione e uso di tecnologie in ambito sanitario, analisi e definizione di contesti formativi per l'apprendimento. MindLab Il laboratorio offre strumentazione hardware e software per la produzione e postproduzione grafica e video, per lo sviluppo di soluzioni applicazioni per il mobile web, per la conduzione di indagini sul computer assistive learning e sul computer supported cooperative work. Il laboratorio inoltre accoglie i dottorandi, gli assegnisti di ricerca e i collaboratori ai progetti di ricerca afferenti all area psicotecnica. MultimediArt Struttura di eccellenza nella comunicazione multimediale che raggruppa il laboratorio di informatica, il laboratorio multimediale e il laboratorio di produzione e restauro audio. I servizi primari offerti sono la didattica (volta all'insegnamento dell'informatica, delle discipline inerenti la produzione musicale, delle discipline inerenti la produzione di sistemi multimediali) e la ricerca (volta alla sperimentazione di specifiche tecnologie hardware e software). I servizi secondari offerti sono attività didattico-formative rivolte a soggetti terzi. L'obbiettivo è quello di fornire agli utenti le conoscenze per l'utilizzo delle principali applicazioni informatiche e multimediali, in particolare le tecniche per la produzione di un video, per la produzione di un brano musicale, per la produzione di materiale informatico e multimediale, per il montaggio e la post produzione di materiali audio-visivi, per l'architettura e la produzione di un DVD, per la progettazione e l'editing di pagine WEB. 3. Centri di servizi Centro per la Gestione dei Server e dei Servizi di rete Il centro si occupa della gestione dei server sui quali si appoggiano i siti web relativi ai progetti di ricerca del Dipartimento e del supporto alla gestione di tutte le tecnologie digitali e delle infrastrutture necessarie alle attività svolte nella struttura. ( * 1) [...] al Dipartimento possono afferire i docenti che fanno parte di s.s.d. omogenei ed integrati dal punto di vista delle linee di ricerca o dell offerta formativa [...] (dalle Linee di indirizzo per la costituzione dei nuovi Dipartimenti, ai sensi dell art. 2, comma 8, della legge n. 240/2010, deliberate dal Senato Accademico nella riunione del 9 maggio, su proposta della Commissione modifiche Statuto ). ( * 2) professori, ricercatori di ruolo e ricercatori a tempo determinato. ( * 3) nel caso in cui il docente sia impossibilitato, per qualsiasi motivo (assenza, missione, malattia, ecc.), ad apporre in questo spazio la propria firma per adesione, dovrà essere allegata al format una comunicazione scritta (in forma di lettera, fax od ) con la quale il docente stesso dichiari espressamente la propria adesione alla proposta di costituzione del Dipartimento contenuta nel format. 20

16 ( * 4) [...] ai sensi del regolamento vigente delle strutture scientifiche, a ciascun Dipartimento verranno assegnate risorse e spazi adeguati, tenendo conto delle esigenze di contiguità dei docenti afferenti al Dipartimento e del miglior utilizzo delle attrezzature e della strumentazione esistente. Il Dipartimento può integrare il progetto di costituzione con una proposta in merito all utilizzo di spazi, attrezzature e strumentazioni [...] (dalle Linee di indirizzo per la costituzione dei nuovi Dipartimenti, ai sensi dell art. 2, comma 8, della legge n. 240/2010, deliberate dal Senato Accademico nella riunione del 9 maggio, su proposta della Commissione modifiche Statuto ). 21

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002)

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) TITOLO PRIMO CAPO PRIMO Natura e caratteristiche del Dipartimento Articolo 1

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Digital Humanities 2015: Studi umanistici digitali globali (Global Digital Humanities)

Digital Humanities 2015: Studi umanistici digitali globali (Global Digital Humanities) Digital Humanities 2015: Studi umanistici digitali globali (Global Digital Humanities) I. Informazioni Generali L Alliance of Digital Humanities Organisations (ADHO) invita la proposta di abstracts per

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli