SIMEUP RACCOMANDAZIONI. Percorso clinico-assistenziale in emergenza della vittima di violenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIMEUP RACCOMANDAZIONI. Percorso clinico-assistenziale in emergenza della vittima di violenza"

Transcript

1 SIMEUP RACCOMANDAZIONI Percorso clinico-assistenziale in emergenza della vittima di violenza

2 INDICE PREMESSA LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE... 7 Premessa Percorso clinico assistenziale L accoglienza Il Triage La visita medica Esame obiettivo generale Esame ginecologico La repertazione nel corso della visita medica Intercezione post coitale L intervento infettivologico nel caso di violenza sessuale Lo screening e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse Profilassi Segnalazione all autorità giudiziaria (referto) Principi generali di descrizione delle lesioni Conseguenze psicopatologiche Suggerimenti per l avvio di un percorso psicoterapeutico L ABUSO SUI MINORI Premessa Percorso clinico assistenziale La rilevazione L accoglienza L anamnesi L esame obiettivo Gli accertamenti Il ricovero MODALITÀ DI INVIO AI SERVIZI EXTRA OSPEDALIERI Premessa I centri presenti sul territorio ALLEGATI

3 Coordinatrici del Gruppo di Lavoro: Sara Farchi, Maria Pia Ruggieri Hanno redatto il documento (in ordine alfabetico): Simona Asole, Laziosanità Costantino Ciallella, Policlinico Umberto I Enrica Delfini, Policlinico Casilino Sara Farchi, Laziosanità Valentina Levidi, Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Donatella Livoli, Ospedale Sandro Pertini Paola Lopizzo, Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Antonino Reale, Ospedale Bambin Gesù, Loredana Sarmati, Policlinico Torvergata Maria Pia Ruggieri, Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Hanno collaborato (in ordine alfabetico): Pamela Bruni (Policlinico Umberto I), Antonio De Santis (Direttore Generale ARES 118), Massimo De Simone (DEA Ospedale Sant Eugenio), Helen Fioretti (Laziosanità), Valeria Masciullo (Servizio ADa Policlinico A. Gemelli), Massimiliano Mazzotta (Policlinico Umberto I), Carla Paganelli (DEA Policlinico TorVergata), Silvia Riccardi (Servizio ADa Policlinico A. Gemelli), Silvia Scelsi (UOS Formazione ARES 118),Federica Straccamore (DEA Policlinico Casilino) Revisione a cura di (in ordine alfabetico): Patrizia Auriemma, Asl Roma B Mauro Bacci, Medicina Legale Università degli Studi di Perugia Elena Calabrò, SVSeD Ospedale Maggiore Policlinico di Milano Luisa Cirella, SVSeD Ospedale Maggiore Policlinico di Milano Domenico Di Lallo, Regione Lazio Pietro Ferrara, Docente di Pediatria Policlinico Gemelli e Campus Biomedico di Roma Paola Giuntini, DEA Ospedale San Martino di Genova Alessandra Kustermann, Soccorso Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano Vincenzo Puro, UOC Servizio Prevenzione e Protezione e UOC Infezioni Emergenti e Centro di Riferimento AIDS I.R.C.C.S. L. Spallanzani di Roma 2

4 PREMESSA La violenza di genere è un fenomeno diffuso e sottostimato insieme. L'Organizzazione Mondiale della Sanità indica la violenza come una tra le maggiori cause di morte a livello mondiale per le persone di età compresa tra 15 e 44 anni. Più di un milione di persone è vittima di lesioni a seguito di atti di violenza autoinflitta (suicidio o autolesionismo), interpersonale (violenza domestica e violenza nella comunità, ossia fra persone che non necessariamente si conoscono) o collettiva (violenza sociale, politica ed economica) (WHO, 2002). Ricerche condotte in Europa evidenziano che la violenza è la prima causa di morte delle donne tra i 16 e i 50 anni; in Italia si stima che una su 3 morti violente riguarda donne uccise dal partner. Nel nostro Paese la violenza ed in particolare quella domestica richiamano sempre più l'attenzione dei media, delle associazioni di volontariato, della comunità scientifica ed infine da ultimi ma non meno importanti dei servizi sanitari. Dai dati forniti dal Ministero di Grazia e Giustizia e dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato Servizio Centrale Operativo Divisione Analisi emerge che in Italia, negli ultimi anni, c è stato un aumento esponenziale degli atti di violenza nei confronti delle donne e dei bambini. Nel 2006 è stata condotta dall Istituto Nazionale di Statistica una indagine con interviste telefoniche a un campione di 25mila donne fra i 16 e i 70 anni sul fenomeno della violenza contro le donne. Le stime elaborate a partire da tale campione indicano che 6 milioni di donne nel nostro Paese hanno subito nel corso della loro vita almeno una forma di violenza fisica o sessuale (o entrambe), dalle più lievi alle più gravi, ripetutamente o come un singolo episodio. Tra queste, quasi 4 milioni di donne hanno subito violenza fisica (il 18.8%, il 16% se si esclude la sola minaccia di violenza) e circa 5 milioni (23.7%) hanno subito violenza sessuale. Se fra le violenze sessuali si considerano solo lo stupro e il tentato stupro, la percentuale di vittime è pari al 4.8%, che corrisponde a oltre un milione di donne. L analisi a livello territoriale mette in luce una maggiore diffusione della violenza fisica e sessuale nel Nord e Centro Italia, in particolare in Emilia Romagna e nel Lazio. La violenza è da più parti descritta come un fenomeno invisibile, specie quella ripetuta e perpetuata all interno delle pareti domestiche. La quota di donne che non parla con altri delle violenze subite è consistente (34% per le violenze subite dal partner e 24% per quelle subite da non partner). Il tasso di denuncia è basso (12%), ed è più elevato in caso di donne che si sono rivolte ad operatori del pronto soccorso (62%), piuttosto che ad avvocati, magistrati e forze dell'ordine (47%); per quanto riguarda gli stupri si riconferma che la quasi totalità non denuncia il fatto (91.6%). Hanno subito violenze ripetute da partner e avevano figli al momento della violenza 674 mila donne. Il 61.4% ha dichiarato che i figli hanno assistito ad uno o più episodi di violenza. Prima dei 16 anni 1 milione 400 mila donne hanno subito violenza sessuale. Hanno subito comportamenti persecutori (stalking) 2 milioni 77 mila donne. Dal 1996 l'organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha cominciato a lanciare l'allarme sulla violenza come fattore eziologico e di rischio in una serie di patologie di rilevanza per la popolazione femminile, riconoscendo, in tutto il mondo, la violenza di genere come il più rilevante problema di salute pubblica e di diritti umani violati. Sulla scorta di questi dati epidemiologici, la Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Lazio (SIMEU), nel 2008 ha condotto, nell ambito dei Pronto Soccorso (PS) e dei Dipartimenti di Medicina d Urgenza/Accettazione (DEA) della Regione Lazio, una indagine volta a valutare la consapevolezza del problema violenza da parte degli operatori sanitari, la loro capacità umana e professionale a gestirlo e a promuovere la creazione di percorsi atti alla sensibilizzazione/formazione degli attori coinvolti ed alla implementazione di protocolli/procedure da utilizzare in caso di vittime di violenza, attraverso la distribuzione di un questionario agli operatori sanitari dell area critica, medici ed infermieri. 3

5 Hanno aderito allo studio 11 strutture su un totale di 18 (61%), di cui 2 PS, 7 DEA I livello, 2 DEA II livello, 4 di esse situate nella provincia di Roma e 7 in città; la popolazione degli operatori che ha aderito allo studio era rappresentata da medici, infermieri e ostetriche, con un età media di 40 anni e un anzianità di servizio in area critica di 9 anni. Analizzando l attribuzione del codice colore, che secondo il Triage Modello Lazio (TML) dovrebbe essere giallo o rosso per la violenza riferita o conclamata, il 49.8% attribuiva il codice giallo, il 25.9% il codice rosso, il 6.1% il codice verde, con una evidente sottostima della priorità, il 18.2% attribuiva un codice colore in base all evidenza delle lesioni fisiche; anche l attribuzione del codice colore alla violenza sospetta presentava errori nella codifica tenuto conto che secondo il TML alla violenza sospetta corrisponde un codice di priorità giallo, mentre dalle risposte analizzate emerge che il 47.4% attribuiva il codice giallo, il 5.4% il codice rosso, il 25.2% il codice verde, 1.3% il codice bianco, il 20.7% attribuiva un codice colore in base all evidenza delle lesioni fisiche. Dallo studio inoltre è emerso che 7 strutture di PS/DEA su 11 non avevano un protocollo di gestione della vittima di violenza e che nelle strutture ove esso esisteva non tutti gli operatori ne erano a conoscenza. Solo il 21.8% degli operatori sanitari aveva ricevuto una adeguata formazione in merito al problema, il 53.9% affermava di avere un atteggiamento psicologico adeguato ad accogliere la vittima, soltanto il 25.5% suggeriva e proponeva alternative al miglioramento della gestione della vittima di violenza (Ruggieri et al., 2011). La frequenza degli abusi e dei maltrattamenti in età pediatrica non è nota, ma fortemente sottostimata; rispetto alla popolazione adulta, può apparire molto più difficile identificare maltrattamenti fisici, patologie delle cure, o abusi psicologici. Lo stesso abuso sessuale, che in ambito pediatrico di norma intrafamiliare, si presenta nella maggior parte dei casi di tipo non intrusivo e senza lesioni evidenti. Numerosi studi dimostrano che, in particolare sotto i due anni di vita, siano frequenti gli eventi lesivi conseguenti ad abuso. Un analisi delle diagnosi d accettazione evidenzia inoltre che i traumi rappresentano, con oltre il 16%, il più frequente motivo d accesso nei PS pediatrici. Tali dati ci inducono a ritenere fondamentale l utilizzo di un sistema di screening, atto ad intercettare il più elevato numero di abusi, identificare quelle patologie che potrebbero simularli, cercare di ottenere la massima appropriatezza possibile nell esecuzione di accertamenti e nella necessità di effettuare ricoveri. Per raggiungere questi scopi è indispensabile che l approccio al bambino maltrattato/abusato sia di tipo multidisciplinare, utilizzando un linguaggio comune, con standardizzazione degli interventi diagnostici attraverso l utilizzo di linee guida. È auspicabile infine che, sul modello della rete dell emergenza, venga costituito almeno un centro di riferimento regionale per il bambino maltrattato/abusato, con presenza di un team dedicato e formato dalle diverse figure professionali coinvolte: gli infermieri, i pediatri, i medici legali, i neuropsichiatri infantili e gli psicologi e, a seconda dei casi, da altri specialisti quali i ginecologi, gli ortopedici, i chirurghi, gli oculisti, ecc. Dell esistenza di questi centri dovrebbe esserne data capillare informazione a tutti coloro che operano nell urgenza, e ai Pediatri ed ai Medici di Famiglia per poter indirizzare i bambini con casi accertati o sospetti di violenza. Alla luce di questi dati di carattere regionale, ma sovrapponibili a quelli pubblicati dall ISTAT, è stato elaborato questo documento, da parte di un gruppo di lavoro multidisciplinare, rivolto agli operatori di pronto soccorso, con il fine di fornire uno strumento per la gestione clinico assistenziale in emergenza delle donne e dei minori vittime di abuso e violenza. Sono diverse le esperienze nazionali ed internazionali che hanno portato alla stesura di linee guida; in ambito internazionale l OMS nel 2003 ha pubblicato le Linee Guida sull assistenza medico legale per le vittime di violenza sessuale (WHO, 2003), finalizzate a migliorare i servizi sanitari per le persone vittime di violenza aggiornando le conoscenze e competenze degli operatori sanitari e definendo uno standard per poter fornire un assistenza sia sanitaria che legale alla persona vittima di violenza sessuale. Anche nel contesto nazionale sono presenti diverse esperienze di stesura di protocolli finalizzati a migliorare le risposte dei servizi sanitari al problema della violenza. Un documento di riferimento è stato stilato dal personale del Soccorso Violenza Sessuale nel 2006, costituito della Fondazione IRCCS Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, dell ASL Città di Milano e dell Istituto di Medicina Legale dell Università degli Studi di Milano. Tale documento rappresenta le Linee Guida che favoriscano la conoscenza dei comportamenti da adottare per rispondere all iniziale richiesta d aiuto delle donne, delle adolescenti e dei 4

6 bambini (LG SVS, 2006). Altra esperienza importante è stata fatta nel Veneto nel 2010, che ha portato alla realizzazione di un manuale per la gestione delle vittime di violenza domestica, rivolto agli operatori sanitari e non (regione Veneto, 2010). Nella regione Molise sono state elaborate linee guida per la rilevazione e la presa in carico di bambini e bambine vittime di maltrattamenti, abuso e sfruttamento sessuale (regione Molise). Esistono inoltre, esperienze e documenti stilati dai singoli presidi ospedalieri della regione Lazio e di altre regioni. Il manuale qui presentato, strumento di formazione ed informazione per gli operatori sanitari dei PS/DEA, nasce nel contesto di un Progetto più ampio della SIMEU Lazio e di Laziosanità che, oltre alla formazione, si propone gli obiettivi di conoscere e studiare dal punto di vista epidemiologico il fenomeno partendo dai dati presenti negli archivi di PS e monitorare con indicatori specifici la qualità dell attività clinicoassistenziale erogata in materia, nonché una collaborazione con i centri antiviolenza e i distretti sanitari per l accoglienza della vittima dopo il percorso ospedaliero. I DATI REGIONALI Sono stati analizzati i dati riguardanti gli accessi in Pronto Soccorso (PS) attraverso l utilizzo del Sistema Informativo dell Emergenza Sanitaria (SIES), attivo nel Lazio dal Nel 2010, donne di età superiore ai 15 anni (35.1 per donne residenti nel Lazio) sono ricorse alle cure di pronto soccorso per aggressione o violenza sessuale e fra queste, il 9% si era precedentemente presentato in Pronto soccorso per gli stessi motivi. Solo il 55% delle donne aggredite nel 2010, è al primo accesso in Pronto soccorso nello stesso anno, le altre, oltre ad aver subito aggressioni ripetute, avevano subito precedentemente, altri traumi o erano ricorse alle cure di pronto soccorso per altri motivi, spesso legati a stati d ansia, sintomi relativi all addome, bacino, tratto genitale, testa e collo e altri stati morbosi spesso mal definiti. Tali indicatori mettono in luce una realtà fosca, fatta di richieste ripetute di cura da parte di una popolazione vulnerabile ad alto rischio di ripetitività del fenomeno. Il 58% delle donne sono italiane mentre le straniere rappresentano il 42%. L 89% degli accessi al PS per aggressione ha avuto come codice colore di priorità il codice verde non urgente. Tra gli accessi che hanno esitato in un ricovero ospedaliero, pari al 2.6% del totale degli accessi per aggressione, il 60% delle pazienti riceveva codice colore verde non urgente. Circa il 7% degli accessi esita in un rifiuto del ricovero e la stessa quota esita nell abbandono prima della visita del PS. Le donne vittime di violenza sessuale sono state 114, nella maggioranza delle quali (32.5%) di età compresa tra i 25 e i 34 anni. Il codice colore attribuito durante il triage in caso di violenza sessuale è stato nel 40% dei casi verde. Anche il numero delle violenze registrate sui bambini (0 14 anni) descrive una realtà preoccupante: nel 2010 i bambini vittime di aggressione curati nei PS del Lazio sono stati 923 (11.4 per bambini residenti): 96 nella fascia da 0 a 3 anni (4.4 per ) 83 nella fascia da 4 a 6 anni (5.1 per ) 165 nella fascia da 7 a 10 anni (8.0 per ) 579 nella fascia da 11 a 14 anni (28.2 per ) La grande maggioranza di questi bambini sono italiani (91%) e residenti a Roma e provincia (70%). Anche nel caso della popolazione in età pediatrica vi è un alto indice di ripresentazione al PS. Infatti solo il 60% dei bambini visitati per aggressione si sono presentati al PS una volta sola nel 2010, mentre il 16% si è presentato in PS almeno tre volte nell anno. Alta, anche in questo caso è la quota di accessi triagiati con codice verde, indicazione di visita non urgente. Le diagnosi principali assegnate agli accessi per aggressione sono con maggior frequenza: contusioni alla testa, al viso, al collo, a spalle, braccia e arti inferiori e sono le stesse per le donne e per i bambini. (elaborazione dati SIES Laziosanità). 5

7 Bibliografia World report on violence and health. Geneva, World Health Organization, 2002 Guidelines for medico legal care for victims of sexual violence. Geneva, World Health Organization, 2003 Linee Guida assistenza sanitaria, medico legale, psico sociale nelle situazioni di violenza alle donne e ai bambini. A cura del Soccorso Violenza Sessuale. Clinica L. Mangiagalli, 2006 Violenza alle donne. Linee guida e procedure da applicare presso l ospedale di Bolzano. Azienda Sanitaria dell Alto Adige. Comprensorio Sanitario di Bolzano, 2011 Donne e Violenza domestica: diamo voce al silenzio. Raccomandazioni sulla violenza sulle donne (Intimate partner violence) per operatori sanitari. Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna; Ospedale Fatebenefratelli oftalmico di Milano; Associazione Italiana Medici di Famiglia Ruggieri MP, Santa Guzzo A, Magnanti M, Cerqua G. Victims of violence in Accident & Emergency: Reporting Survey of Eleven Emergency Structures Out of Eighteen. Em Care J 2011; VII(2):13 15 Linee guida regionali per la rilevazione e la presa in carico di bambini e bambine vittime di maltrattamenti, abuso e sfruttamento sessuale Regione Molise ?OpenDocument Individuare la violenza domestica. Manuale per operatori. Guardiamo avanti con sicurezza. Regione Veneto,

8 1. LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE 7

9 PREMESSA Con il termine violenza di genere si definisce qualsiasi atto di violenza rivolto a donne e bambine e che mette in luce la dimensione sessuata de fenomeno. L assemblea generale delle Nazioni Unite che ha stilato la Dichiarazione sulla eliminazione della violenza contro le donne (1993) la definisce come: ogni atto fondato sul genere che abbia come risultato, o che possa probabilmente avere come risultato, un danno o sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce di tali atti, le coercizioni o la privazione arbitraria della libertà, che avvengono nella vita pubblica o privata. Tale definizione riconosciuta nella Dichiarazione delle Nazioni Unite nel 1993 ha finalmente portato ad una consapevolezza sociale del fenomeno e della sua multidimensionalità. L OMS definisce la violenza come l uso intenzionale della forza fisica o del potere o la minaccia di tale uso rivolto contro se stessi, contro un altra persona, o contro un gruppo o una comunità, che determini o che abbia un elevato grado di probabilità di determinare lesioni, morte, danno psicologico, cattivo sviluppo o privazione. La violenza sulle donne è un fenomeno trasversale che può colpire donne di ogni condizione culturale o sociale, non circoscrivibile in precisi contesti socio economici. Di seguito alcune definizioni. VIOLENZA FISICA È graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata, l essere colpita con un oggetto, schiaffeggiata, presa a calci, a pugni o a morsi, il tentativo di strangolamento, di soffocamento, ustione e la minaccia con armi. VIOLENZA SESSUALE Violenza sessuale è qualunque atto, approccio o commento a sfondo sessuale perpetrato utilizzando coercizione fisica o psicologica da parte di chiunque, indipendentemente dalla relazione con la vittima. Copre uno spettro assai ampio che va dalla molestia allo sfruttamento della prostituzione passando per lo stupro. È un modo per dominare l altro, non ha niente a che vedere con l espressione di un desiderio sessuale. In un simile contesto di prevaricazione, il sesso viene usato come un arma; è il mezzo e non il fine. VIOLENZA PSICOLOGICA È l insieme degli atteggiamenti e dei comportamenti che mirano a denigrare, umiliare, atterrire e rendere insicuro l altro. Questi comportamenti hanno lo scopo di instillare tensione ed insicurezza al fine di sottomettere, controllare e mantenere il potere sull altro. VIOLENZA ECONOMICA Consiste nel mantenere la donna in posizione economica totalmente dipendente dall uomo, al fine di privarla della sua autonomia. STALKING Il termine stalking deriva dal verbo inglese to stalk che letteralmente significa fare le poste e viene utilizzato nella lingua italiana per intendere gli atti persecutori. Questo termine indica tutti quegli atteggiamenti reiterati messi in atto da un individuo per affliggere un altra persona, spesso di sesso opposto, perseguitandola e provocandole lo sviluppo di uno stato di ansia e paura che il più delle volte compromette il normale svolgimento della propria vita quotidiana. Conseguenze sulla salute della violenza contro le donne Recentemente diversi studi internazionali hanno messo in evidenza che le donne vittime di violenza sono a più alto rischio di esiti di salute acuti, ma anche di esiti di salute cronici. Da tempo è assodato che esiste un nesso di causalità tra i disturbi che riguardano la sfera psichica e la violenza (Dearwater, 1998, McCauley,1995) mentre solo più recentemente è stata osservata una relazione tra violenza e peggioramento della qualità della vita in generale. Altri studi hanno evidenziato che le donne 8

10 che hanno subito violenza nel corso della loro vita presentano più frequentemente disturbi ginecologici, gastroenterici, disturbi mentali, depressione, ipertensione, disturbi alimentari, ed hanno una percezione negativa del proprio stato di salute. In particolare, gli effetti sulla salute fisica sono rappresentati da: qualsiasi tipo di lesione: contusioni, ematomi, danni oculari, rottura del timpano, fratture, ferite da taglio, bruciature, trauma cranico, lesioni addominali e toraciche; malattie sessualmente trasmesse compreso l HIV malattia infiammatoria pelvica dolori pelvici infezioni urinarie infezioni vaginali dismenorrea sanguinamenti vaginali dolori addominali disturbi gastroenterici sindrome del colon irritabile; dolori cronici emicranie invalidità permanenti asma ipertensione; comportamenti autolesionisti (tabagismo, rapporti sessuali senza protezione). Gli effetti sulla vita sessuale e riproduttiva consistono in: difficoltà nell utilizzo della contraccezione; gravidanze indesiderate; interruzioni volontarie di gravidanza, soprattutto ripetute; aborti spontanei; infiammazioni pelviche, dolori pelvici; dispareunia, mancanza di desiderio sessuale; emorragie in gravidanza; basso peso fetale. Gli effetti sulla salute mentale riguardano: Depressione Ansia Attacchi di Panico Fobie Scarsa autostima Disfunzioni sessuali Disturbi dell alimentazione Disturbo dissociativo Disturbi ossessivo compulsivi Disturbo di somatizzazione Disturbi da stress post traumatico Dipendenze da sostanze (alcool e droghe). Inoltre sono stati osservati esiti fatali in conseguenza di atti di violenza come: Suicidio, Omicidio, Mortalità in gravidanza. È fondamentale che medici e operatori sanitari, dopo aver ricevuto una formazione adeguata, riconoscano questi problemi e sappiano farli emergere. Il ricorso ai servizi sanitari per tutte le condizioni sopra descritte potrebbero nascondere una storia di violenza domestica e/o di violenza sessuale o di abuso sessuale anche pregresso, per cui è necessario prestare attenzione e approfondire situazioni in cui: è noto un ricorso ripetuto al pronto soccorso per ferite o traumi; c è un racconto di dolore pelvico cronico, di continue infezioni genito urinarie, di patologie gastrointestinali croniche; vi è una storia di depressione, abuso di droga o farmaci, tentati suicidi. 9

11 1.1 PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE L accoglienza Medici ed infermieri/e sono spesso le prime e non raramente le uniche persone, esterne al nucleo familiare, che arrivano a vedere le conseguenze fisiche e psichiche della violenza. Il loro intervento è funzionale a riconoscere e svelare la violenza subita, rilevare lesioni e disturbi, accogliere e legittimare i vissuti connessi alla violenza, offrire aiuto concreto per far fronte alle conseguenze della violenza. Nella fase di accoglienza bisogna tener conto che la persona potrà giungere con un quadro generale complesso in atteggiamenti, emozioni, comportamenti: presentare una estrema fragilità e vulnerabilità; riferire un vissuto di disvalore, un senso di impotenza, di inferiorità per non aver saputo agire e difendersi dall aggressore; provare sentimenti di colpa e vergogna; offrire un immagine deteriorata di sé; essere o sentirsi confusa, disorientata; avere un amnesia su alcuni aspetti importanti dell evento; piangere continuamente; restare apatica, come se non provasse alcun tipo di emozione; ripetere in modo ossessivo alcuni particolari dell evento traumatico o dei momenti precedenti all aggressione; mettere in atto atteggiamenti difensivi non congrui con il racconto, compreso il riso o l autoironia, la minimizzazione di quanto occorsole o un attribuzione di corresponsabilità dell accaduto; essere perseguitata dai ricordi, dai flash back, dall odore dell aggressore; evidenziare uno stato di ansia, depressione o angoscia. Tali sintomi possono essere presenti anche senza che la vittima abbia vissuto un esperienza di una minaccia grave, ossia non necessariamente fisica, per la propria esistenza e per il proprio benessere. I valori che stanno alla base dell accoglienza sono: un atteggiamento empatico e disponibile; l ascolto partecipato; la sospensione di qualunque giudizio; la restituzione alla vittima del suo valore di persona e di protagonista in ogni fase dell accoglienza e degli accertamenti: la possibilità di scegliere che cosa dire o non dire, che cosa accettare o non accettare delle proposte di cura sanitaria e psicosociale; la possibilità di rinviare senza essere incalzati dalla fretta e dall urgenza. Di fronte a episodi di violenza sessuale avvenuta da poco tempo è molto importante un intervento sanitario in emergenza, che tenga conto sia degli aspetti più clinici che delle implicazioni medico legali. È fondamentale spiegare le fasi successive e le finalità degli accertamenti e richiedere il consenso della paziente per ogni singolo intervento. È raro che le pazienti rifiutino alcune o tutte le procedure proposte, ma la possibilità per le pazienti di negare il consenso ad alcune procedure mediche consente di ripristinare quei limiti e confini che la violenza ha annullato. Gli accertamenti sanitari, le eventuali terapie, la profilassi per le malattie sessualmente trasmesse possono avere il significato di restituire l immagine di un integrità fisica ancora presente o comunque recuperabile e aiutare a superare il senso di frantumazione che la violenza può causare. L operatore sanitario che svolge il proprio lavoro presso il Pronto Soccorso deve essere a conoscenza di alcune accortezze da attuare elencate di seguito: offrire alla donna un luogo riservato in quanto non sempre la vittima esplicita il suo bisogno di riservatezza nel raccontare l accaduto poiché la situazione emotiva che si trova a vivere la colloca in 10

12 una posizione di fragilità. Accogliere la persona in un luogo strutturante e in un modo strutturato può essere il primo aiuto necessario per iniziare un percorso di superamento del trauma; tener conto del fatto che la persona che racconta di avere subito una violenza ha bisogno di essere ascoltata; valutare il danno fisico e psichico attraverso il racconto della donna dando piena credibilità alla soggettività femminile ed alla sua esperienza; nominare la violenza come reato; la paziente non ha alcuna responsabilità per la violenza subita; nessuno ha il diritto di maltrattare una persona, nessuno si merita di essere maltrattato; se la persona non riesce immediatamente a raccontare quanto successo per l intensità dei vissuti e le gravi conseguenze della violenza, non è utile forzare un racconto. In tali circostanze potrebbe essere molto importante che l operatore sanitario si limiti a raccogliere, almeno inizialmente, solo quelle informazioni utili alla visita, ma che lasci ad un secondo momento e ad altri operatori un eventuale approfondimento; Il Triage Il primo momento di contatto con l ambiente circostante da parte della vittima di abuso sessuale dopo la violenza subita è in pronto soccorso con l infermiere di triage. Il Triage Modello Lazio, per la prima volta, ha affrontato nella regione Lazio, il problema dell attribuzione del codice colore alla vittima di violenza, considerando lo stato psicologico prioritario. Una paziente che si presenta ad un servizio di emergenza dopo aver subito un aggressione sessuale può non essere di facile inquadramento. La persona potrebbe essere incapace di ricordare o di riferire l accaduto, potrebbe fornire una storia non chiara circa i modi e i tempi dell evento. Il momento dell accoglienza al triage è pertanto una fase fondamentale nella quale l operatore di Triage deve accogliere la paziente ed accompagnarla il prima possibile in un luogo riservato, confortevole e lontano da possibili intrusioni; esplicitare in modo chiaro il proprio ruolo, limitarsi a raccogliere le informazioni necessarie alla registrazione dei dati (se la paziente vuole fornirli), avvertire immediatamente il medico in PS ed il servizio di assistenza psicologica lì ove esiste, rendersi disponibile, in attesa dell arrivo della psicologa, all ascolto della vittima senza cercare di approfondire l accaduto. Si ribadisce che l atteggiamento del personale sanitario che accoglie la vittima deve essere empatico, ove l empatia è la risultanza dell astensione dal giudizio e delle competenze intese come conoscenza della condizione delle vittime di violenza; l atteggiamento del personale sanitario solo con empatia è in grado di esprimere un atteggiamento di ascolto attivo e di sospensione di qualsiasi giudizio, non interpretativo, non minimizzante, non enfatizzante, di apertura e di rispetto nei confronti della vittima e della sue scelte, ricordando sempre che non è compito dei sanitari accertare la veridicità del racconto o l attendibilità della vittima. Nella fase di triage bisogna tenere presente le necessità di tipo legale che sono connesse ad un caso di violenza sessuale, in particolare, la raccolta e conservazione di eventuali prove del reato subito dalla donna. Nell attribuzione del codice colore devono, pertanto essere considerati non solo gli aspetti clinicipsicologici, ma anche gli aspetti forensi, tenendo presente che le prove raccolte oltre le 72 ore dall evento difficilmente potranno essere utilizzabili in ambito laboratoristico. La violenza sessuale è un evenienza con evidenti risvolti giuridici. Già nella fase di triage si può rendere necessario: raccogliere i vestiti della vittima e conservarli in un contenitore specifico per fini legali; evitare di lavare la paziente; evitare di far bere la paziente; allontanare l assistita dai familiari/accompagnatori qualora vi siano elementi che possano ingenerare il sospetto che questi ultimi siano coinvolti nella dinamica. 11

13 Successivamente alla fase di triage dovranno essere raccolte, nel modo più completo possibile e per iscritto, tutte le informazioni inerenti la dinamica dell evento, le lesioni riportate, la sintomatologia sia fisica che psichica riportata dalla paziente o le valutazioni psicologico/psichiatrica; sarà rilevata in maniera obiettiva dall operatore; sarà, inoltre, necessario eseguire i prelievi obbligatori per la successiva fase giudiziaria secondo le indicazioni che vengono fornite nel paragrafo relativo alla repertazione in corso di visita medica. Si rammenta, inoltre, che l obbligo del referto all autorità giudiziaria è a carico di tutti i professionisti sanitari che hanno prestato a vario titolo assistenza alla paziente, e che solo per convenzione e prassi il referto è redatto dal sanitario che chiude la cartella di Pronto Soccorso. VALUTAZIONE SULLA PORTA È necessario fare la valutazione dell ABCD e a cosa la paziente è stata esposta. Inoltre, bisogna porre particolare attenzione alla capacità della paziente di relazionarsi appropriatamente con l ambiente. Una persona che ha subito una violenza sessuale può presentarsi ansiosa, agitata, sudata, quindi in uno stato di iperattivazione psicofisica in cui può anche essere presente un comportamento bizzarro (amnesia, labilità emotiva ). Tuttavia non è insolito che, le persone che hanno subito un evento traumatico quale la violenza sessuale possano rispondere a tale shock mettendo in atto meccanismi di difesa (quali la dissociazione, la minimizzazione ecc.) che le portano ad assumere un atteggiamento freddo, controllato e distaccato anche nella narrazione dell evento. RACCOLTA DATI MIRATA Qualora venga espressamente riferita l evenienza di una violenza sessuale il fatto può essere inquadrato con minori difficoltà. Bisogna indagare se le eventuali lesioni hanno riguardato esclusivamente le aree genitali o se sono stati coinvolti altri distretti corporei. Nella fase di triage è anche possibile far emergere eventuali informazioni che, in caso di lesioni fisiche traumatiche, possano far sospettare più in generale una condizione di violenza, quali: un inesplicabile ritardo nella richiesta di assistenza sanitaria; la ritrosia a raccontare le circostanze dell evento; la vaghezza delle risposte. Nel caso venga riferita una violenza sessuale appare della massima importanza, sempre ma soprattutto in questa circostanza, assicurare la riservatezza alle operazioni di triage. Particolare attenzione va posta nel caso dei minori, laddove la raccolta anamnestica potrebbe risultare ancora più difficile. RILEVAZIONE DEI PARAMETRI VITALI E BREVE ESAME FISICO MIRATO Vanno naturalmente rilevati i parametri vitali (PA, FC, FR, TC, SpO2) e valutate le eventuali lesioni traumatiche determinatesi nell evento. In generale, quando si osserva obiettivamente un paziente per qualsiasi tipo di condizione, esistono alcuni tipi di lesioni che possono far sospettare un eziologia non accidentale del danno: bruciature di sigarette o ustioni in genere, morsi umani, fratture delle ossa lunghe nei bambini, lesioni a carico delle guance, delle orecchie, del tronco, delle natiche, dei genitali. ATTRIBUZIONE DEI CODICI DI COLORE Riferita o conclamata violenza sessuale >>> ROSSO Sospetta violenza sessuale >>> GIALLO Per quanto concerne il percorso clinico assistenziale della vittima di violenza, l infermiere di triage, dopo l attribuzione del codice colore la affida allo specialista ginecologo in tutte le circostanze, fatta eccezione per quei casi in cui le lesioni traumatiche fisiche, percosse, traumi in altre sedi del corpo, sono tali da 12

14 rappresentare un potenziale pericolo per la vita della paziente oppure hanno comunque priorità di trattamento specialistico (vaste ferite sanguinanti, evidenti fratture esposte, vasti ematomi del volto, ecc.), chirurgico e/ortopedico e/o medico. In entrambi i casi l assistenza della paziente, lì ove è possibile, deve avvalersi di un team medico infermieristico dedicato, comprendente quelle figure professionali di cui può necessitare: medico chirurgo, ginecologo, psicologo, psichiatra, ortopedico, rianimatore, infettivologo. Sarebbe auspicabile che tutte le figure professionali preposte fossero in servizio in ospedale, ma ove non disponibili si potrebbe ipotizzare un organizzazione di reperibilità. Certamente si auspica che la vittima non venga trasferita presso altro presidio ospedaliero in regime di consulenza specialistica onde evitare ulteriori spostamenti e traumi psicologici La visita medica L anamnesi deve essere svolta dal medico che ha in carico la paziente ed in particolare: dal ginecologo se la paziente è stata avviata dal triage direttamente al box ginecologico; dal medico di Pronto Soccorso (Box chirurgico) se presente una priorità traumatologica; dal pediatra se la vittima ha meno di 14 anni. È fondamentale evitare qualsiasi ripetizione dell atto anamnestico. La paziente non deve in alcun modo sentirsi costretta a ripetere dati o informazioni già comunicati in momenti diversi o a persone differenti. Per tale motivo l anamnesi, una volta raccolta, deve essere redatta in modo accurato e dettagliato. Come prima cosa il medico deve presentarsi ed esplicitare in modo chiaro il proprio ruolo. Identificare una persona di sostegno, preferibilmente di sesso femminile, formata e qualificata, che accompagni la vittima in tutto il suo percorso (Unità Rosa): infermiere di triage o di box visita o, se presente, volontario CRI o ARVAS che opera presso il Pronto Soccorso. Limitare al minimo le presenze in sala durante la raccolta anamnestica e durante la visita, chiedendo prima alla vittima se desidera una persona di supporto di sua fiducia. CONSENSO INFORMATO Prima di iniziare la raccolta anamnestica e il successivo esame obiettivo è fondamentale l acquisizione del consenso informato. Il medico deve spiegare con cura ogni fase del percorso che la paziente andrà ad affrontare, rendendolo edotto sull importanza medico legale delle procedure proposte, ma rassicurandolo sia sulla riservatezza delle stesse sia sulla libera possibilità di scelta, in particolare nel caso si verta nell ambito di delitti perseguibili a querela della persona offesa. È necessario creare un contesto opposto a quello della violenza, restituendo quindi alla vittima la possibilità di acconsentire o meno ad ogni fase dell iter clinico. È importante che il processo di informazione non sia unidirezionale e che la vittima abbia piena comprensione dell iter proposto; pertanto l informazione deve essere modulata in funzione del contesto e del livello socioculturale della vittima, non avvenire attraverso canali stereotipati ed essere sottoposta a continua verifica dell effettiva comprensione da parte del soggetto. È, inoltre, opportuno che la vittima sia invitata ad esplicitare le eventuali domande ed i dubbi che possono sorgere nelle varie fasi del processo. Accanto alla informazione verbale, alcune procedure sarà necessario vengano documentate per iscritto; in particolare: la compilazione della scheda anamnestica (con specifico riferimento alle modalità di accadimento della violenza) e la visita medica; la raccolta di materiale biologico sia a scopo clinico sia per le successive indagini di interesse giudiziario; la documentazione fotografica delle lesioni presenti; i trattamenti terapeutici specifici. Per questa documentazione scritta del consenso sarà possibile prevedere una scheda precompilata. 13

15 ANAMNESI PATOLOGICA PROSSIMA Deve comprendere: le circostanze dell aggressione, ossia: data, ora e luogo; dinamica: numero degli aggressori, conosciuti o no, presenza di testimoni; minacce o lesioni fisiche (specificando la tipologia e la sede del corpo offesa); furto o rapina, utilizzo di armi, sequestro in ambiente chiuso e per quanto tempo; ingestione di alcolici o altre sostanze (volontaria o obbligata); perdita di coscienza; modalità di penetrazione (tentata o completa): vaginale e/o anale e/o orale, unica e ripetuta; utilizzo di oggetti; uso del preservativo, avvenuta eiaculazione. il tempo trascorso fra la violenza e la visita gli eventi avvenuti dopo la violenza, ossia: precedenti visite presso altre strutture e procedure praticate; avvenuta pulizia delle zone lesionate o penetrate (specificando con quale mezzo); avvenuto cambio degli slip o degli indumenti; avvenuta minzione, defecazione, vomito o pulizia del cavo orale (a seconda delle diverse modalità della penetrazione); assunzione di cibo o bevande; assunzione di farmaci (specificando la tipologia ed il dosaggio). segnalare rapporti sessuali consenzienti prima e dopo l aggressione (ai fini di una corretta tipizzazione genetica dell aggressore) una descrizione dettagliata della sintomatologia riferita dalla paziente: disturbi genito urinari; disturbi gastrointestinali; disturbi cardio respiratori; disturbi neurologici; disturbi psichici. ANAMNESI GINECOLOGICA epoca del menarca e caratteri dei cicli; data e caratteri dell ultima mestruazione, eventuale stato di gravidanza (segnalare se in menopausa); data dell ultima visita ginecologica; parità e modalità dei parti; precedenti rapporti sessuali e ultimo rapporto consenziente; metodo contraccettivo utilizzato; anamnesi positiva per patologie ginecologiche; pregressi interventi chirurgici ginecologici; precedente diagnosi di malattie sessualmente trasmesse; precedenti episodi di violenza. ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA patologie note; pregressi interventi chirurgici; terapia domiciliare; allergie. 14

16 1.1.4 Esame obiettivo generale Verificare le condizioni generali cliniche della paziente; eseguire la valutazione primaria con la raccolta dei parametri vitali (pressione arteriosa, FC, TC, FR o Sat.O2). Eseguire quindi la valutazione secondaria, comprensiva di esame obiettivo generale e dei singoli apparati. Porre estrema attenzione ai quadri clinici che richiedono trattamento d urgenza: trauma maggiore (trauma cranico, trauma regione genitale, toracico o addominale); presenza di deficit neurologici; distress respiratorio; alterazione dei parametri vitali. Verificare sempre lo stato mentale della paziente, con il supporto dello psicologo, ove presente in ospedale. È molto probabile che la paziente, di propria volontà, si rivolgerà solo in alcuni casi e con molto ritardo al servizio territoriale; l anticipo della conoscenza e l offerta attiva di accompagnamento del servizio territoriale psicologico, pertanto, è indispensabile affinché la paziente, all atto della dimissione, possa essere affidata, per una assistenza psico sociale, ai servizi territoriali. Nei casi in cui in ospedale non sia presente la figura dello psicologo, si rende necessario l intervento e la valutazione dello specialista psichiatra. Descrivere dettagliatamente e documentare con materiale fotografico apponendo un riferimento metrico a tutte le lesioni presenti specificandone la sede, il tipo, la forma, le dimensioni e il colore. Eseguire sempre l ispezione del cavo orale. Per le modalità descrittive e la tipologia delle lesioni fare riferimento a quanto riportato nella parte medico legale. Nei casi di violenza sessuale le lesioni coinvolgono più frequentemente il capo, il collo e le estremità (tipiche ad esempio le ecchimosi sulla superficie interna delle cosce, dovute alla forzata divaricazione degli arti inferiori). Possono riscontrarsi segni di morsicature, sottoforma di ecchimosi o di escoriazioni in base agli elementi dentari rappresentati e alla forza esercitata, o di franche lacerazioni. Nei casi di morsi è opportuno prelevare materiale genetico dell aggressore (attraverso tamponi per dettagli si veda il paragrafo 1.1.6), e descrivere dettagliatamente forma e dimensioni dell arcata dentaria dell aggressore per una successiva comparazione. Altrettanto rilevante è fotografare la lesione con un riferimento metrico. Valutare sempre la necessità di esami radiologici nel sospetto di fratture o di raccolte ematiche (Rx, Ecografia o TAC). Particolare importanza assume la ricerca delle lesioni da maltrattamento: ecchimosi a carico degli arti superiori (in genere nelle sedi di afferramento, in particolare dei polsi e degli avanbracci); escoriazioni lineari, seriate e parallele a carico degli arti superiori ( a binario ); segni di legatura dei polsi o delle caviglie; ustioni di I e II grado rotondeggianti ( bruciature di sigaretta ). Utilizzare sempre una cartella clinica guidata corredata da schemi corporei per la sede della lesione (vedi a titolo esemplificativo le schede in allegato) Esame ginecologico L esame ginecologico occupa una posizione centrale nell ambito del protocollo di intervento per violenza sessuale, sia per la raccolta dei dati clinici che per le possibili ripercussioni sulla salute sessuale e le particolari implicazioni psicologiche di carattere generale e individuale. Per questi motivi, la visita ginecologica necessita di particolari condizioni quali l ambiente riservato, strutturante e strutturato e la capacità del personale sanitario di instaurare un clima psicologico favorevole e una particolare abilità per superare l imbarazzo e la reticenza della paziente. 15

17 Posizionata la paziente sul lettino ginecologico, si procede alla visualizzazione e alla descrizione sistematica delle seguenti regioni anatomiche: regione vulvare (conformazione, trofismo, colorito delle mucose all interno delle grandi labbra, clitoride, presenza di perdite ematiche, escoriazioni, ecchimosi, soluzioni di continuo, perdite di sostanza, iperemie, cicatrici, secrezioni e condizione igienica complessiva); imene (forma, integrità, elasticità, caratteristiche del bordo, attenuazione del margine posteriore, sanguinamenti, arrossamenti, ecchimosi, sinechie, cicatrici); meato uretrale (dilatazione, bande periuretrali); forchetta e perineo (friabilità della forchetta, discromie, edemi, sanguinamenti, ipervascolarizzazioni, ecchimosi, escoriazioni, soluzioni di continuo, perdite di sostanza, cicatrici); regione anale (presenza o assenza di lesioni analoghe come sopra e ancora: congestione venosa, ragadi, pliche cutanee appianate, perdita di tono dello sfintere, aspetto imbutiforme con visualizzazione del canale anale); cavità orale. Sempre utile il ricorso a uno schema corporeo specifico per la sede della lesione (vedi schema in figura 1). FIGURA 1 Il secondo tempo della visita ginecologica prevede l esame con lo speculum che va eseguito prima dell esplorazione vaginale. Con questo accorgimento si eviterà che la manipolazione alteri il quadro visivo e/o modifichi il contenuto vaginale in caso di prelievi per esami speciali: esame batterioscopico, esame colturale, esame citologico, prelievi per la ricerca degli spermatozoi dal canale cervicale, sede in cui permangono più a lungo anche nei casi in cui la donna si sia lavata dopo la violenza. In presenza di lesioni meno evidenti può essere utilizzata una lente di ingrandimento e dove possibile un colposcopio, che consente anche una documentazione fotografica. Si passerà quindi all esplorazione vaginale o esplorazione bimanuale addomino pelvica. Riportare sempre la data dell ultima mestruazione e il metodo contraccettivo eventualmente utilizzato. 16

18 Descrivere anche brevemente l atteggiamento della donna durante la visita e le difficoltà incontrate dall operatore. In tutte le fasi della visita, che può rappresentare per la paziente un ulteriore trauma, il personale sanitario deve dare prova di atteggiamento derivato da una puntuale conoscenza del quadro psichico indotto dalla violenza, cui deve conseguire il comportamento più idoneo allo svolgimento del compito stesso. L atteggiamento/comportamento del personale sanitario, deve pertanto essere frutto, non solo della personale disponibilità, ma soprattutto delle competenze professionali acquisite. Tenendo conto che non tutte le donne violentate sono in grado di reagire e che la maggioranza delle vittime non oppone resistenza anche per paura di essere uccise, solo raramente l esame ginecologico è in grado di dimostrare segni incontrovertibili di una avvenuta violenza. Nella maggior parte dei casi le lesioni a livello genitale sono lievi e un esame ginecologico negativo non può da solo smentire il racconto della violenza sessuale La repertazione nel corso della visita medica Ai fini della repertazione grande importanza riveste il tempo trascorso dal fatto e le modalità secondo le quali l aggressione si è verificata; in generale la probabilità di rinvenire materiale biologico estraneo sono maggiori se sono trascorse meno di 72 ore dal fatto. Anche gli indumenti indossati vanno sottoposti all indagine medico legale, in quanto le tracce di interesse forense possono essere rinvenute proprio su indumenti e su tessuti venuti a contatto con l aggressore, in particolare in caso di abuso sessuale su minori. REPERTAZIONE NEL CORSO DELLA VISITA MEDICA Indumenti far spogliare la vittima su due lenzuola pulite; fotografare gli indumenti; conservare gli indumenti esterni e quelli intimi singolarmente; far asciugare gli indumenti bagnati; inserire ciascun indumento in un sacchetto di carta diverso; sigillare ciascun sacchetto ed etichettarlo; piegare il lenzuolo ed inserirlo in un sacchetto a parte (materiale estraneo); conservare il tutto a temperatura ambiente in un luogo asciutto; nel caso in cui la vittima si fosse cambiata, informare l accompagnatore della necessità di recuperare gli indumenti indossati al momento del fatto e repertare comunque quelli indossati; fotografare gli indumenti. Tampone genitali esterni e vaginale genitali esterni: eseguire due tamponi a livello delle grandi e piccole labbra. Strisciare parte del materiale raccolto con i tamponi su vetrini e fissarli per valutare la presenza di spermatozoi. Asciugare per circa 1 ora a temperatura ambiente i tamponi; segnalare se la vittima si è lavata; tampone vaginale e cervicale (entro 7 10 giorni): prelevare il materiale dalla vagina e dalla cervice uterina con due tamponi. Strisciare parte del materiale raccolto con i tamponi su vetrini e fissarli per valutare la presenza di spermatozoi. Asciugare per circa 1 ora a temperatura ambiente i tamponi. Tampone ano rettale in caso di penetrazione anale (entro 5 giorni): passare due tamponi inumiditi con soluzione fisiologica sulla cute anale e prelevare con altri due tamponi il materiale presente nel canale rettale. Strisciare parte del materiale raccolto su vetrini e fissarli per valutare la presenza di spermatozoi. Asciugare per circa 1 ora a temperatura ambiente. Tampone orale 17

19 in caso di contatto oro genitale (entro 24 ore): prelevare mediante l utilizzo di due tamponi l eventuale materiale presente avendo cura di spazzolare gli spazi interdentali. Strisciare parte del materiale raccolto su vetrini e fissarli per valutare la presenza di spermatozoi. Asciugare per circa 1 ora a temperatura ambiente i tamponi. Tampone cutaneo se vi è positività anamnestica e se la vittima non si è lavata: inumidire un tampone con soluzione fisiologica sterile e strisciarlo sulla cute delle regioni indicate o sulle lesioni cutanee. Asciugare per circa 1 ora a temperatura ambiente. Unghie se vi è indicazione anamnestica effettuare una revisione del letto subungueale con oggetto smusso ( scraping evitare se possibile l utilizzo di bisturi). Inserire il materiale raccolto da ciascuna unghia in un unico contenitore sterile. Peli pubici far stendere la vittima su della carta pulita. in presenza di peli pubici, con un pettine pulito (meglio se sterile) pettinare più volte verso il basso, avendo cura di far cadere i peli sulla carta. Ripiegare la carta con il materiale biologico ed il pettine. Inserire il tutto in una busta di carta. Peli/capelli prelevare con pinzette pulite (possibilmente sterili) eventuali peli/capelli presenti sul corpo della vittima o sugli indumenti della stessa. Inserire ciascuna formazione pilifera in singole bustine di carta. ETICHETTATURA E CONSERVAZIONE Il principio generale è di univocità (un reperto un contenitore) qualunque sia la natura del materiale. Le modalità di conservazione sono invece diverse se si tratta di materiale biologico prelevato mediante tampone, ovvero, di formazioni pilifere e/o di indumenti. Solo nel primo caso è necessaria la conservazione a 20/ 80 C, mentre le formazioni pilifere e gli indumenti (e i tessuti in generale) potranno essere conservati a temperatura ambiente; per gli indumenti (e i tessuti) è necessario che la conservazione sia preceduta da una eventuale asciugatura (se umidi o bagnati). È necessario che nella raccolta dei reperti il personale adotti idonei dispositivi di protezione individuali di barriera fino alla sigillatura del reperto. Sull etichetta è necessario che sia riportato: il nome ed il cognome dell operatore; un numero progressivo relativo al caso; la data della procedura (giorno ed ora); una breve descrizione del reperto; la sede ove è stato prelevato. Utile una eventuale documentazione fotografica della procedura. Ulteriori trasmissioni del reperto etichettato dovranno avvenire secondo una procedura che consenta di identificare l ulteriore destinatario del reperto e la data in cui avviene la trasmissione, la firma degli operatori coinvolti vale a garantire la provenienza e l integrità del reperto Intercezione post coitale Se sono trascorse meno di 72 ore proporre l intercezione post coitale con LEVONOGESTREL (Lonel, Norlevo) 1500 mcg per os in unica somministrazione o con Ulipristal acetato (ellaone) 1 compressa per os entro 5 giorni dalla violenza (in questo secondo caso va prima effettuato il test di gravidanza sulle urine). 18

20 1.2 L INTERVENTO INFETTIVOLOGICO NEL CASO DI VIOLENZA SESSUALE Premessa La possibilità di acquisire una malattia a trasmissione sessuale in caso di violenza dipende da diversi fattori quali il tipo di rapporto sessuale, lo stadio clinico dell'infezione nell'aggressore, la presenza di altre malattie a trasmissione sessuale, in particolare quelle ulcerative nell aggressore o nella vittima, la presenza di lesioni traumatiche con conseguente esposizione delle mucose al sangue. Per la trasmissione delle infezioni batteriche spesso è sufficiente il contatto avvenuto tramite rapporto sessuale senza protezione, pertanto è importante l esecuzione del tampone vaginale e la prevenzione con la profilassi antibiotica. Alcuni dei fattori favorenti la trasmissione sessuale dell'hiv e dell HBV sono peculiari degli atti di violenza sessuale, in particolare il mancato utilizzo del condom, i rapporti anali, la possibilità che in occasione dell'aggressione sia le vittime che gli aggressori riportino lesioni traumatiche genitali ed extragenitali che possono favorire la trasmissione dei virus. Inoltre, È stato riportato che fino al 25% delle vittime di violenza sessuale sia aggredita da più persone; in questi casi, tutti i fattori sopra riportati sono amplificati. Sebbene sia stato stimato che il rischio di contrarre l'hiv a seguito di un episodio di violenza sessuale sia molto più basso rispetto a quello di contrarre altre malattie sessualmente trasmesse ( pari a 1/500 1/2000 relativamente al tipo di rapporto) non è possibile indicare le reali dimensioni del problema in quanto è sottostimato sia il numero di atti di violenza sessuale, sia la prevalenza dell'infezione da HIV negli stupratori. Casi di infezione da HIV sono stati comunque descritti in letteratura sia in adulti che in minori che avevano subito violenza sessuale Lo screening e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse In soggetti vittime di abuso sessuale è indicato eseguire lo screening delle malattie sessualmente trasmesse mediante: Tamponi vaginali e/o cervicali per la ricerca di: Neisseria gonhorrea; Trichomonas vaginale; Clamydia trachomatis; Batteriosi vaginale. Prelievi ematici (da ripetere nel follow up successivo) per: Sifilide; HIV; Markers epatite B e C. Per quanto riguarda il test per la ricerca degli anticorpi per HIV si rammenta che in Italia è obbligatoria la richiesta di un consenso per chi viene sottoposto al test. Ove possibile, deve essere effettuata la valutazione dello stato dell aggressore nei confronti delle infezioni sessualmente trasmesse, incluso l HIV Profilassi Nei casi in cui sia rilevabile un rischio di possibile trasmissione di malattie sessualmente trasmesse correlato alle modalità dell aggressione va prescritta una profilassi per i diversi agenti a trasmissione di sessuale. Profilassi antibiotica (da effettuarsi al momento della visita ginecologica) Ceftriaxone (Rocefin ) (250mg i.m.) o Spectinomicina (Trobicin ) (2gr. i.m.) + Doxiciclina (Bassado ) (100 mg x 2 per os per 7 gg) 19

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Monica Pecorino Meli, Onorina Passeri, Paola Bosco, E. Corona, Serena Battista, Alessia Cazzaniga, Barbara Landi,

Dettagli

LE COMPETENZE DELL INFERMIERE LEGALE FORENSE NELLA GESTIONE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE

LE COMPETENZE DELL INFERMIERE LEGALE FORENSE NELLA GESTIONE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE l Professione Infermieristica e recenti innovazioni giurisprudenziali Senigallia 11-12 marzo 2011 LE COMPETENZE DELL INFERMIERE LEGALE FORENSE NELLA GESTIONE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE Luisa Cirella

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE ASPETTI METODOLOGICI 1. GLI OBIETTIVI CONOSCITIVI DELL INDAGINE La violenza contro le donne e, in particolare, la violenza domestica rappresentano fenomeni

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria

LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria SerSS corso di laurea in Servizio sociale e Sociologia LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria Dott. Egidio Sesti Direttore UOC Qualità

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

I segni fisici dell abuso

I segni fisici dell abuso I segni fisici dell abuso L abuso è una patologia Frequente Prevalenza stimata attorno al 2,5-5 nei Paesi europei con diversa composizione percentuale delle tipologie di abuso nei diversi Paesi Grave Patologia

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Presidio Ospedaliero Riunito Ciriè-Lanzo

Presidio Ospedaliero Riunito Ciriè-Lanzo Progetto formativo Aziendale Ivrea, 30 settembre 2010 La violenza domestica e sessuale contro le donne Linee guida per l intervento integrato ospedaliero a tutela delle donne vittime di violenza. Gruppo

Dettagli

Corso di alta formazione sulla prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza di genere e stalking

Corso di alta formazione sulla prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza di genere e stalking Corso di alta formazione sulla prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza di genere e stalking Programma didattico e modalità di partecipazione 1. Introduzione Il Dipartimento per le Pari Opportunità

Dettagli

TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO

TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO MORENA CAVALIERE INFERMIERE FORENSE SI INTENDE OGNI FORMA DI MALTRATTAMENTO DI UN BAMBINO O UN ADOLESCENTE DA PARTE DI UN GENITORE, PARENTE, GUARDIANO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SOCCORSO EMERGENZA CODICE ROSA Per donne e minori vittime di violenza sessuale e/o domestica

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SOCCORSO EMERGENZA CODICE ROSA Per donne e minori vittime di violenza sessuale e/o domestica Pagina 1 di 12 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SOCCORSO Per donne e minori vittime di violenza sessuale e/o domestica IN ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO D INTESA TRA L AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I DI ROMA

Dettagli

l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set

l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set La Sorveglianza Ospedaliera degli Incidenti in Italia e in Europa Genova 16-17 Maggio 2014 l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set Stefania Trinca

Dettagli

Colposcopia e Biopsia cervicale

Colposcopia e Biopsia cervicale Colposcopia e Biopsia cervicale Che cosa sono la Colposcopia e la Biopsia cervicale? A cosa serve la Colposcopia? Come prepararsi alla Colposcopia? Come si fa la Colposcopia? Fare la Colposcopia è doloroso?

Dettagli

DIFESA PERSONALE FEMMINILE

DIFESA PERSONALE FEMMINILE DIFESA PERSONALE FEMMINILE A cura di : Adolfo Bei Direttore Tecnico Nazionale Settore Difesa Personale Responsabile Centro Italia I Dati e le tabelle riportati sono stati presi dal sito dell Istituto Nazionale

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Indice. Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03. Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP...

Indice. Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03. Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP... Indice Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03 E. Piccotti Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP...03 P. Di Pietro, A. Vitale Presentazione a cura del

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte

L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI Roma, 20 febbraio 2015 L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di

Dettagli

METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA. Roma 3 dicembre 2007

METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA. Roma 3 dicembre 2007 METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA Roma 3 dicembre 2007 VALUTAZIONE CLINICA E GESTIONE DEI PAZIENTI CHE HANNO

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria COMPITI GENERALI IL DOVERE DI INFORMARE L AUTORITA LE DENUNCE OBBLIGATORIE SANITARIE: comunicazione all Autorità competente (Sindaco, in

Dettagli

IL CENTRO ADOLESCENTI

IL CENTRO ADOLESCENTI 06/12 Disegni di Norberto Cenci IL CENTRO ADOLESCENTI ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA COSA È UN CONSULTORIO

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

Programma dettagliato

Programma dettagliato N. 50 crediti ECM per Medici e Psicologi Evento accreditato da Ordine degli Avvocati di Monza - N. 20 crediti formativi Programma dettagliato MODULO 1: L'agente di primo intervento e la gestione della

Dettagli

Documento organizzativo Progetto Aziendale Codice Rosa

Documento organizzativo Progetto Aziendale Codice Rosa Data Redatto Verificato Approvato Controllato 19/01/2015 Sonia Gasperini (PO Coordinatore Infermieristico -Agenzia per la Formazione UOC Formazione Universitaria e a valenza extra aziendale) Rosario spina

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

LINEE GUIDA. assistenza sanitaria, medico-legale, psico-sociale nelle situazioni di violenza alle donne e ai bambini. Soccorso Violenza Sessuale

LINEE GUIDA. assistenza sanitaria, medico-legale, psico-sociale nelle situazioni di violenza alle donne e ai bambini. Soccorso Violenza Sessuale LINEE GUIDA assistenza sanitaria, medico-legale, psico-sociale nelle situazioni di violenza alle donne e ai bambini a cura del SVS Soccorso Violenza Sessuale a cura del SVS Provincia di Milano I Continue

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE LA PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE Padova, 16 Giugno 2008 Vianello Liviano, medico del lavoro Sarto Franco, medico del lavoro Zanella Donata, psicologa del lavoro TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO (Legge

Dettagli

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati Silvia Guerra Note introduttive/1 Nella medicina cinese, la pelle è l organo che nel neonato media tutti i processi fisiologici ed i rapporti con l esterno, assumendo grandi potenzialità terapeutiche.

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico.

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. Vito Ferro Infermiere Strumentista Blocco Operatorio Ch.Gen. E Ch.Ped. A.O.P.C. Catanzaro Premessa La SIC definisce il Trauma una Malattia

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ACCOGLIENZA E LA REPERTAZIONE IN PRESENZA DI IPOTESI DI VIOLENZA SESSUALE SU ADULTI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ACCOGLIENZA E LA REPERTAZIONE IN PRESENZA DI IPOTESI DI VIOLENZA SESSUALE SU ADULTI ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI CAGLIARI COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA CONSIGLIO ORDINE AVVOCATI PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ACCOGLIENZA E LA REPERTAZIONE IN PRESENZA

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO

CONTRATTO DI TIROCINIO Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione 27.01.2014 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - I semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Direttori Attività

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA. 20 novembre 2012. Rassegna Stampa a cura di

FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA. 20 novembre 2012. Rassegna Stampa a cura di FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA 20 novembre 2012 Rassegna Stampa a cura di RASSEGNA STAMPA Giornata Internazionale dell Infanzia L abuso psico-fisico sui minori. Unicef e Fimp: Una realtà

Dettagli

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale Comportamento violento e istituzioni di cura: i rischi del curare venerdì, 28.09.2007 Aula Magna Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Bicocca Un nuovo modello organizzativo:

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

6^ Forum Risk Management Arezzo, 22 25 novembre 2011

6^ Forum Risk Management Arezzo, 22 25 novembre 2011 6^ Forum Risk Management Arezzo, 22 25 novembre 2011 Implementazione della Raccomandazione per prevenire gli atti di violenza a danno degli operatori sanitari : resoconto dell esperienza di un Azienda

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

L ascolto nel contesto di cura: raccogliere gli indizi per agganciare la violenza sulle donne

L ascolto nel contesto di cura: raccogliere gli indizi per agganciare la violenza sulle donne L ascolto nel contesto di cura: raccogliere gli indizi per agganciare la violenza sulle donne 1 livello: ascolto degli indizi di contesto Progetto O.N.Da. ''Donne e violenza domestica: diamo voce al silenzio'

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

DAY SURGERY. Interruzione Volontaria di Gravidanza

DAY SURGERY. Interruzione Volontaria di Gravidanza DAY SURGERY Interruzione Volontaria di Gravidanza Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.) A Niguarda si effettua l Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.) con un percorso dedicato. L intervento

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico all interno dei DEA deve essere prevista la funzione di triage, come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti in base

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

DONNE E VIOLENZA DOMESTICA: DIAMO VOCE AL SILENZIO Raccomandazioni sulla violenza sulle donne (Intimate partner violence) per operatori sanitari

DONNE E VIOLENZA DOMESTICA: DIAMO VOCE AL SILENZIO Raccomandazioni sulla violenza sulle donne (Intimate partner violence) per operatori sanitari DONNE E VIOLENZA DOMESTICA: DIAMO VOCE AL SILENZIO Raccomandazioni sulla violenza sulle donne (Intimate partner violence) per operatori sanitari Alessandra Bramante Giovanni Filocamo Claudio Mencacci Introduzione

Dettagli

INDICE 1 Professione medica e diritti del paziente

INDICE 1 Professione medica e diritti del paziente INDICE Parte I La responsabilità del medico 1 Professione medica e diritti del paziente 1.1 La professione medica 1.2 I diritti del malato nella Carta di Nizza 1.3 Il diritto alla salute e all assistenza

Dettagli

Gruppo Nazionale AOGOI su violenza sessuale MODENA 29/3/2912

Gruppo Nazionale AOGOI su violenza sessuale MODENA 29/3/2912 Violenza sessuale e domestica: il percorso AOGOI V.DUBINI Dir. SC GINECOLOGIA E OSTETRICIA SGD -Firenze Gruppo Nazionale AOGOI su violenza sessuale MODENA 29/3/2912 GRUPPO NAZIONALE AOGOI SU VIOLENZA SESSUALE

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più Che cosa è Cam più CAM PIU è un servizio sanitario polispecialistico finalizzato all incremento della qualità di vita in soggetti sani: di chi cioè sta bene, ma vorrebbe stare meglio e ritardare gli effetti

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Focus territoriale Modalità di intervento a favore di minori vittime di violenza: come gli psicologi del Servizio Psicologico della Azienda Sanitaria

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

La visita ginecologica: come prepararsi al meglio

La visita ginecologica: come prepararsi al meglio Prof.ssa Alessandra Graziottin Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano Indice Come scegliere il medico? pag. 1 Come inizia una buona visita? pag. 1 Come

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli