Aspetti clinici e medico legali della prescrizione dei farmaci. Dr Giorgio Cavallari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti clinici e medico legali della prescrizione dei farmaci. Dr Giorgio Cavallari"

Transcript

1 Aspetti clinici e medico legali della prescrizione dei farmaci Dr Giorgio Cavallari

2 BENZILPENICILLINA In Italia la Benzilpenicillina Benzatina non è più prodotta e commercializzata in flacone in polvere sterile, ma in siringa preriempita siringa preriempita da 2,5 ml " UI/2,5 ml sospensione iniettabile per uso intramuscolare"

3 Nota 92 benzilpenicillina Determinazione n del 24/05/2012 (GU n. 128 del 04/06/2012) La prescrizione e la dispensazione a carico del SSN, da parte di centri specializzati, Universitari e delle aziende sanitarie, secondo modalità adottate dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e Bolzano, è limitata alle seguenti condizioni: Profilassi della malattia reumatica in soggetti con infezioni delle prime vie respiratorie sostenute da streptococchi del gruppo A. Profilassi delle recidive della malattia reumatica Sifilide

4 Background 2.Sifilide Nota 92 AIFA L'infezione luetica aumenta la trasmissibilità dell HIV e la suscettibilità a tale infezione, in quanto le lesioni ulcerative della sifilide primaria fungono da più facile e veloce porta di ingresso per il virus dell'hiv. Il trattamento efficace della sifilide rappresenta dunque una strategia prioritaria ai fini di ridurre il diffondersi dell infezione da HIV (Zetola e coll., 2007). Alla luce di queste considerazioni epidemiologiche, si evince come il trattamento ottimale della sifilide rappresenti un obbligo inderogabile non solo per la tutela della salute delle singole persone colpite, ma anche un prioritario obiettivo di salute pubblica.

5 Evidenze disponibili 2.Sifilide Nota 92 AIFA Le principali Linee-guida considerano la Benzilpenicillina come trattamento di prima scelta, e regimi alternativi sono consigliati solo in casi di accertata allergia alle penicilline o perché i dati disponibili non sono sufficienti o perché il profilo di efficacia e tollerabilità non è ottimale. Inoltre, nei casi della sifilide congenita o della sifilide in gravidanza, la Benzilpenicillina è l unico trattamento di provata efficacia, per cui, nei casi di allergia, si consiglia in primo luogo la desensibilizzazione alla penicillina per poi procedere al trattamento opportuno.

6 Particolari avvertenze Nota 92 AIFA Il trattamento con benzilpencillina può determinare un significativo rischio di manifestazioni allergiche di varia gravità (eruzioni cutanee maculopapulari, dermatite esfoliativa, orticaria, reazioni tipo malattia da siero con brividi, febbre, edema, artralgia e prostrazione; edema di Quincke; eccezionalmente shock anafilattico). Il medico prescrittore deve informare i pazienti circa la possibile comparsa di tali reazioni e circa le eventuali misure da adottare. La somministrazione di benzilpenicillina benzatica nella formulazione di siringhe preriempite può presentare difficoltà legate alla tendenza del farmaco ad addensarsi nella siringa; è pertanto essenziale seguire scrupolosamente le istruzioni relative alla modalità di somministrazione

7 Benzilpenicillina Benzatinica Biopharma Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto 04.1 Indicazioni terapeutiche La Benzilpenicillina Benzatinica è indicata nel trattamento di infezioni sostenute da microrganismi sensibili alla Benzilpenicillina, che rispondono a bassi, ma molto prolungati, livelli serici dell antibiotico. Profilassi della malattia reumatica e delle recidive, lue.

8 04.2 Posologia e modo di somministrazione Infezioni delle prime vie respiratorie: (tonsillite acuta, faringite, ecc.) sostenute da streptococchi del gruppo A: una singola iniezione di unità per gli adulti e una dose variabile tra e unità nei bambini. Infezioni veneree: sifilide primaria, secondaria e latente: unità in un unica somministrazione; sifilide terziaria e neurosifilide: U.I. ad intervalli di 7 giorni per tre volte; blenorragia: unità in un unica somministrazione. Profilassi della febbre reumatica: U.I. da ripetersi ogni due settimane o U.I. ogni mese

9 ALDARA*CREMA 5% PRINCIPIO ATTIVO: imiquimod CLASSE A con Piano Terapeutico Centri autorizzati: Non ci sono determinazioni della Regione per i centri prescrittori. RICETTA RRL - medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, vendibile al pubblico su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti Prezzo 76.56

10 Aldara 5% Crema Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto Confezione da 12 bustine monouso in poliestere/alluminio. 250 mg di crema Ogni bustina da 250 mg di crema contiene 12,5 mg di imiquimod (5%).

11 04.1 Indicazioni terapeutiche Imiquimod crema è indicata per il trattamento topico di: Condilomi acuminati esterni genitali e perianali (condylomata acuminata) nei pazienti adulti Carcinomi basocellulari superficiali di piccola dimensione (sbcc) nei pazienti adulti Cheratosi attiniche (AK) non ipertrofiche, non ipercheratosiche, tipiche dal punto di vista clinico, presenti su viso e cranio, nei pazienti adulti immunocompetenti, quando le dimensioni o il numero delle lesioni limitino l efficacia e/o l accettabilità della crioterapia o quando altre opzioni terapeutiche topiche siano controindicate o meno appropriate

12 04.2 Posologia e modo di somministrazione Condilomi genitali esterni nei pazienti adulti: Imiquimod crema deve essere applicato 3 volte alla settimana (esempio: lunedì, mercoledì e venerdì, oppure martedì, giovedì e sabato) prima di coricarsi e deve rimanere sulla cute per un periodo di 6-10 ore. Il trattamento con imiquimod crema dovrà protrarsi fino alla scomparsa dei condilomi genitali o perianali visibili o per un massimo di 16 settimane per episodio di condilomi

13 Condilomi genitali esterni: Imiquimod crema deve essere applicata sulla zona affetta da condilomi, precedentemente lavata, in strato sottile, massaggiando fino a completo assorbimento. Applicare il prodotto solo sulle zone interessate evitando scrupolosamente l applicazione sulle superfici interne. Imiquimod crema deve essere applicata prima di coricarsi. Durante le 6 10 ore del trattamento dovranno essere evitati bagno e doccia. Dopo questo periodo è fondamentale che imiquimod crema sia eliminata con l uso di acqua e sapone delicato. L'applicazione di una quantità eccessiva di crema o il contatto prolungato della crema sulla pelle può causare gravi reazioni nella zona di applicazione. Una bustina monouso è sufficiente a coprire una zona di condilomi di 20 cm2. Una volta aperte le bustine non devono essere riutilizzate. Lavare accuratamente le mani prima e dopo l applicazione della crema.

14 Effetti collaterali Gli effetti indesiderati più comuni che possono presentarsi utilizzando Aldara (osservati in più di 1 paziente su 10) sono reazioni nella zona di applicazione della crema (dolore o prurito). le più comuni reazioni cutanee locali sono state eritema (61%), erosione (30%), escoriazione /desquamazione (23%)

15 Meccanismo d azione L imiquimod è un modificatore della risposta immunitaria. Gli studi sui legami di saturazione suggeriscono l esistenza di un recettore di membrana per l imiquimod sulle cellule immunitarie che ad esso rispondono. L imiquimod non svolge un attività antivirale diretta. Nei modelli animali l imiquimod è attivo sulle infezioni virali e agisce come agente antitumorale principalmente tramite induzione dell interferone alfa e altre citochine

16 PODOFILLOTOSSINA La podofillotossina è dotata di una spiccata attività antimitotica e citolitica che induce rapidamente la necrosi dei condilomi acuminati.

17 Podofillotossina Condyline 0,5% Soluzione Cutanea Wartec 1,5 mg/g Crema Prezzo Prezzo CLASSE C RICETTA RR

18 Condyline 0,5% Soluzione Cutanea Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto 04.1 Indicazioni terapeutiche Trattamento topico di condilomi acuminati esterni

19 04.2 Posologia e modo di somministrazione Applicare la soluzione sui condilomi servendosi di uno degli applicatori contenuti nella confezione, evitando il contatto con la pelle sana. L applicazione va effettuata 2 volte al giorno, mattina e sera, per 3 giorni consecutivi. Questo schema di trattamento può essere ripetuto settimanalmente fino a un massimo di 5 settimane consecutive, lasciando fra una settimana e l altra 4 giorni di intervallo senza trattamento.

20 Wartec 1,5 mg/g Crema Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto 04.1 Indicazioni terapeutiche Trattamento dei condilomi acuminati del pene e dei genitali femminili esterni

21 04.2 Posologia e modo di somministrazione La zona affetta deve essere lavata a fondo con acqua e sapone ed asciugata prima dell applicazione. Utilizzando la punta del dito, applicare la crema in quantità sufficiente a coprire ciascun condiloma, due volte al giorno per 3 giorni consecutivi. Trattare le verruche residue con altri cicli di due applicazioni al giorno per 3 giorni consecutivi, ad intervalli settimanali, se necessario fino ad un totale di 4 settimane di trattamento. Per lesioni maggiori di 4 cm² il trattamento con WARTEC crema deve essere effettuato da personale medico o sotto il loro diretto controllo

22 Nota 84 La prescrizione a carico del SSN in soggetti immunocompetenti è limitata alle seguenti condizioni: Virus Herpes simplex trattamento delle infezioni genitali acute aciclovir, famciclovir, valaciclovir profilassi e trattamento delle recidive a localizzazione genitale aciclovir, famciclovir, valaciclovir cheratite erpetica aciclovir trattamento della stomatite in età pediatrica aciclovir Virus varicella-zoster (VZV) trattamento della varicella aciclovir trattamento delle infezioni cutanee da VZV aciclovir, famciclovir, valaciclovir, brivudin. La prescrizione dei farmaci attivi sui virus erpetici è rimborsata dal SSN anche per le altre indicazioni autorizzate nei pazienti immunocompromessi.

23 Aciclovir Indicazioni registrate non rientranti nella nota 84 trattamento e profilassi di herpes labiale e gengivostomatite erpetica in pazienti adulti immunocompetenti

24 Famciclovir Non ha indicazioni non rientranti nella nota 84 Per le infezioni da herpes simplex indicazione solo per herpes genitale No indicazione per varicella

25 Valaciclovir Indicazioni registrate non rientranti nella nota 84 Infezioni da virus Herpes simplex (HSV) per il trattamento e la soppressione di infezioni oculari ricorrenti dell HSV Infezioni da Cytomegalovirus (CMV): per la profilassi dell infezione e della malattia da CMV conseguente a trapianto d organo solido negli adulti e negli adolescenti

26 Evidenze disponibili Herpes genitale L aciclovir è il farmaco di riferimento per la terapia dell Herpes simplex a localizzazione genitale, il primo ad essere introdotto negli anni 80, con dimostrata superiorità sul placebo. Valaciclovir e famciclovir sono farmaci più recenti, per i quali è dimostrata una efficacia pari all aciclovir in studi controllati comparativi con l aciclovir stesso (mentre non esistono trial comparativi tra i due). Nota 84 AIFA

27 schemi raccomandati di terapia prima infezione: aciclovir 400 mg x 3 / die per 7-10 gg; valaciclovir 500 mg x 2 / die per 7-10 gg; famciclovir 250 mg x 3 / die per 7-10 gg; recidive: aciclovir 400 mg x 3 / die per 5 gg; valaciclovir 500 mg x 2 / die per 3 gg; famciclovir 250 mg x 2 / die per 5 gg. Nota 84 AIFA

28 profilassi esistono trial che dimostrano l efficacia di aciclovir vs placebo per la profilassi delle recidive dell Herpes genitale, così come l equivalenza di valaciclovir e famciclovir con l aciclovir. Nota 84 AIFA

29 Gli schemi raccomandati di profilassi sono (in genere per 9 mesi, ripetibile): aciclovir 400 mg x 2 / die; valaciclovir mg / die; famciclovir 250 mg x 2 / die. Nota 84 AIFA

30 Il vantaggio di famciclovir e valaciclovir rispetto ad aciclovir è nella posologia, con un minor numero di assunzioni giornaliere e/o giorni di trattamento. Nota 84 AIFA

31 Cenni epidemiologici sulle MST

32 Agente Eziologico Infezione, malattia o sindrome correlata Batteri Chlamydia trachomatis Neisseria gonorrhoeae Treponema pallidum Cervicite, salpingite, malattia infiammatoria pelvica (MIP), congiuntivite e polmonite neonatale Cervicite, salpingite, congiuntivite neonatale, MIP Sifilide primaria, secondaria e latente, sifilide neonatale Infezioni non gonococciche non clamidiali (Gardnerella vaginalis, Mycoplasma hominis, Ureaplasma urealyticum, Streptococco di gruppo B, Stafilococco aureus, Escherichia coli) Vaginite, cervicite, salpingite, MIP, infertilità, parto pretermine, aborto spontaneo, rottura prematura delle membrane, infezioni amniocoriali, endometriti post-parto, neonati a basso peso, infezioni neonatali Haemophilus ducrey Calimmatobacterium granulomatis Chlamydia trachomatis sierotipi L1, L2, L3 Virus Herpes simplex virus di tipo 1 e 2 (HSV1 e HSV2) Virus epatite A, epatite B e epatite C Papillomavirus umano (HPV) Virus del mollusco contagioso (Pox) Virus HIV Ulcera molle Granuloma inguinale Linfogranuloma venereo Herpes genitale primario e ricorrente, herpes neonatale Epatite virale acuta e cronica Infezione cervicale, condilomi genitali Mollusco contagioso HIV e AIDS Protozoi Trichomonas vaginalis Vaginite, cervicite, uretrite Ectoparassiti Phtirus pubis Sarcoptes scabiei Pediculosi del pube Scabbia

33 MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE BATTERI PROTOZOI VIRUS ECTO PARASSITI Sifilide Treponema pallidum Trichomonas vaginalis Virus dell epatite HCV HBV Pidocchi e scabbia Gonorrea Neisseria gonorrhoeae Papilloma virus HPV Chlamydia Chlamydia trachomatis Herpes genitalis HSV HIV

34 Ragioni della rilevanza HIV / AIDS Complicanze apparato riproduttivo: Endometriti, salpingiti, malattia infiammatoria pelvica Sterilità Gravidanza ectopica Aborto spontaneo Epididimiti IST Infezioni congenite: Sifilide Gonorrea Clamidia HSV Tumori: Carcinoma collo utero, vulva, pene e ano (HPV) Epatocarcinoma (HBV)

35 Nuovi casi di IST* curabili in adulti (15-49 anni), OMS 2008 Regione delle Americhe 125,7 milioni Donne 65,6 milioni Uomini 60,1 milioni Regione Europea 46,8 milioni Donne 21,9 milioni Uomini 24,9 milioni Medio Oriente 27,5 milioni Donne 12,7 milioni Uomini 13,7 milioni Pacifico Occidentale 128,2 milioni Donne 57,4 milioni Uomini 70,8 milioni Regione Africana 92,6 milioni Donne 43,6 milioni Uomini 49 milioni Sud-Est Asiatico 78,5 milioni Donne 31,7 milioni Uomini 46,8 milioni *Totale: 498,9 milioni (donne 232,9 milioni, uomini 266,1 milioni) 276,4 milioni Trichomonas vaginalis, 106,1 milioni Neisseria gonorrhoeae, 105,7 milioni Chlamydia trachomatis, 10,6 milioni Treponema pallidum

36 Alta percentuale di soggetti asintomatici: stime del WHO Maschi Femmine Gonorrea 5% 95% Inf. da clamidia 20% 75% Trichomoniasi 90% 50%

37 Epidemiologia delle IST: fonti dei dati in Italia 1. Sito del Ministero della Salute: dati limitati alle sole malattie a notifica obbligatoria (gonorrea e sifilide) problema della sottonotifica 2. Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su centri clinici che segnalano pazienti con una diagnosi clinica di IST (avviato nel 1991, sotto il coordinamento dell ISS) 3. Secondo Sistema di Sorveglianza delle IST basato su una rete sentinella di laboratori di microbiologia clinica, che segnalano nuovi casi di infezione da Ct, da Ng e da Tv.

38 DATI ISTAT: Casi notificati di sifilide e gonorrea (Bollettino Epidemiologico Nazionale delle notifiche di malattie infettive, Ministero della Salute, ) 12 (migliaia) 10 8 GONORREA SIFILIDE n. casi

39 Sistema di Sorveglianza Sentinella delle Infezioni Sessualmente Trasmesse TO TN BS MI GO Rete di sorveglianza 12 Centri clinici pubblici IST Attiva dal 1991 GE BO FI RM BA CA Segnalazione di caso anonimo di IST Vengono segnalati pazienti con una IST in atto (primo episodio) Le diagnosi sono basate su criteri clinici e di laboratorio A tutti i pazienti viene offerto il test HIV WEB Istituto Superiore di Sanità

40 Soggetti con IST: genere (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su centri clinici, ) Totale casi riportati: ,3% 69,7% Uomini Donne

41 Andamento delle segnalazioni di IST batteriche (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su centri clinici, ) N. di casi Inf. da Chlamydia trachomatis Gonorrea Sifilide I-II Sifilide latente

42 Andamento delle segnalazioni di IST batteriche nelle donne (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su centri clinici, ) N. di casi Inf. da Chlamydia trachomatis Gonorrea Sifilide I-II Sifilide latente

43 Sifilide I-II per modalità di trasmissione, uomini (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su centri clinici, ) N. di casi Eterosessuali MSM

44 Tasso di positività per di clamidia, gonorreea e tricomoniasi (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su laboratori, Aprile 2009-Giugno 2012)

45 Sorveglianza delle resistenze a Neisseria gonorrhoeae a ciprofloxacina, penicillina, tetraciclina, ceftriaxone x anno e per meccanismo di resistenza % * CIPROFLOXACIN TRNG PPNG CMRNG CEFTRIAXONE

46 Prevalenza di Chlamydia trachomatis, per classe di età (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su laboratori, Aprile 2009-Giugno 2012) % p-value di X 2 for trend<0,001

47 Prevalenza delle infezioni di C. trachomatis e N. gonorrhoeae nella popolazione adolescente di Brescia Obiettivo : Misurare la prevalenza dell infezione Fornire le basi per una analisi di costo-efficacia di un programma di screening definire i fattori di rischio associati all infezione

48 Attività 16 Istituti di istruzione superiore di Brescia Incontro informativo sulle MST Distribuzione del kit per la raccolta delle urine e del questionariocomportamentale Analisi dei campioni di urine (metodo VERSANT CT/GC DNA 1.0 Assay kpcr Siemens AG) Caricamento dei questionari su database (Access 2007) analisi dei dati mediante software statistici (Stata 10) Gestione standard dei casi positivi

49 Risultati 3134 studenti contattati Prevalenza del 2.1% dell infezione da Chlamydia 1886 trachomatis partecipanti nella popolazione adolescente sessualmente attiva 1007 sessualmente attivi 77.1%) 21 positivi per C. trachomatis 0 positivi per N. gonorrhoeae adesione del 60.2% età media 18,4 anni 836 femmine e 745 maschi 90,2% residenti nella provincia di Brescia 91,7% nati in Italia età media del primo rapporto16,0 anni 26,5% usa sempre il preservativo

50 Risultati Femmine Popolazione sessualmente attiva: 81% Età media del primo rapporto: 15.9 anni Usano sempre il preservativo: 23,8% Prevalenza di C. trachomatis: 1,9% p<0,00 1 p= 0,001 p= 0,001 Maschi Popolazione sessualmente attiva: 70% Età media del primo rapporto: 16.2 anni Usano sempre il preservativo: 31,6% Prevalenza di C. trachomatis: 2,4%

51 Quali sono le IST più frequenti? (Sistema di Sorveglianza Sentinella delle IST basato su centri clinici, ) Uomini Donne n. segnalazioni condilomi genitali infezioni NG_NC gonorrea sifilide latente herpes genitale sifilide I-II inf. da Chlamydia trachomatis inf. da Trichomonas vaginalis

52 Patologie correlate all HPV in uomini e donne in Europa Cancro del pene Cancro anale Cancro testa/collo Cancro vulva e vagina Cancro anale Cancro testa/collo Cancro della cervice UOMINI Condilomi genitali DONNE Condilomi genitali Annual number of new cancer cases calculated based on crude incidence rates from IARC database ( ) and population estimate Eurostat 2008; estimate Globocan 2008 for cervical cancer; published HPV prevalence rates were applied (for Europe, when available); Genital warts estimates based on incidence rates in UK, HPA 2007

53 Quante sono e quanto costano i condilomi in Italia? Un ampio studio di popolazione ha stimato che i nuovi casi di condiloma in Italia ammonterebbe a circa 120,000 in donne sessualmente attive, e 240,000 nella popolazione maschile e femminile Vittori G, et al. It J Gynaecol Obstet 2008;20:33-42 Sulla base di tale stima di incidenza, e avendo misurato il costo per la terapia della condilomatosi nel range Euro, in Italia i costi annuali per il trattamento della condilomatosi superano i 60 milioni di euro all anno Merito M, et al Current Med Res Opinion 2008; 24: 3175

54 Caso clinico 1

55 Il nostro protagonista Maschio, 45 anni Sposato da 5 anni, in attesa del primo figlio Lavora come ingegnere presso una multinazionale Nulla di patologico in APR Recente viaggio (<3 mesi) in Russia al ritorno dal quale ha avuto IVU

56 Viene in ambulatorio per Febbre persistente da alcuni giorni, astenia, faringodinia, per cui ha assunto antibiotico non meglio precisato Da 2 gg ha sviluppato un esantema

57 All esame obiettivo: linfoadenopatia polistazionale non dolente (max 1,5cm) lieve epatomegalia (1 cm dall arcata costale) esantema maculo-papulare diffuso al palmo delle mani e pianta dei piedi

58 Sifilide secondaria

59

60

61 Esami ematochimici e sierologici Esami ematochimici: ALT 80, ALT 95, GB 6550, PCR 15 (v.n. <10) EBV IgG pos, IgM neg Toxo test: non immune Rubeo test: immune CMV test : immune TPHA: positivo, EIA positivo, VDRL positivo con titolo 1:32 HIV-Ab: negativo

62 sifilide secondaria!! Counselling: emerge dalla storia anamnestica che il paziente ha avuto rapporto eterosessuale a pagamento non protetto da preservativo durante il soggiorno in Russia. La moglie è gravida!!

63 34 aa La moglie viene in consultazione congiunta Primigravida, a 24 settimane gestazionali Allo screening all 8a settimana gestazionale TPHA e VDRL negative Asintomatica, in particolare non esantema maculo-papulare e non ulcerazioni genitali Agli esami sierologici TPHA positivo, RPR positivo con titolo 1:32 HIV Ab negativo Diagnosi di sifilide latente recente (rischio di trasmissione al feto dell infezione 30-80%)

64 Trattamento della sifilide (Sexually Transmitted DiseasesTreatment Guidelines, CDC 2010) Benzilpenicillina 2.4 MU i.m. in singola somministrazione Sifilide primaria, secondaria e latente recente (<2 aa) Benzilpenicillina 2.4 MU i.m. una volta a settimana per 3 settimane consecutive Sifilide latente tardiva (>2 aa) o di durata indeterminata Il trattamento di prima scelta è sempre quello a base di benzilpenicillina, considerato efficace e sicuro anche in gravidanza. In caso di riferita allergia alle penicilline o B- lattamine, utile visita allergologica ed eventuale effettuazione di desensibilizzazione.

65 I controlli della sierologia Il TPHA o l EIA (test treponemici) non devono più essere controllati nel soggetto con sifilide confermata à MEMORIA IMMUNOLOGICA (rimangono positivi per tutta la vita) A seguito della terapia è il test non treponemico (VDRL o RPR) che deve ridursi (da 1:32à1:16à1:8à1:4à1:2à negativo)

66 La signora deve controllare il test non treponemico prima del parto e al momento del parto RPR prima del parto: positivo 1:8 RPR al momento del parto: positivo 1:4 TPHA positivo 1:1280

67 Sierologia del neonato (da confrontare con quella materna) RPR: positivo, 1:4 EIA : positivo 0.5 TPHA: positivo 1:640 La sierologia è compatibile con passaggio transplacentare di Ab materni; la sierologia (sia RPR che TPHA) si negativizzerà in 6-9 mesi e si potrà escludere quindi infezione congenita.

68 Caso clinico 2

69 Uomo di 45 anni si reca nell ambulatorio del MMG e riferisce comparsa da due giorni di perdite uretrali, disuria e prurito uretrale All EO: fuoriuscita di materiale mucopurulento dall uretra, lieve linfoadenomegalia satellite, non altri segni

70

71 Il paziente viene trattato con ciprofloxacina 500 mg BID per 5 giorni con parziale beneficio nella sintomatologia ma dopo due settimane si ripresenta con lo stesso sintomo Viene quindi inviato presso centro MST per esecuzione dei tamponi uretrali, diagnosi e terapia

72 Viene eseguito tampone uretrale per coltura gonococco, ricerca in PCR di Clamidia, e coltura per micoplasmi Isolamento di N.gonorrhoeae resistente ai chinoloni Il paziente era stata trattato durante la prima consultazione con ceftriaxone 1 g + azitromicina 1 g in dose unica con completa remissione della sintomatologia Viene inoltre proposto di completare gli accertamenti con l esecuzione di sierologia per HIV e sifilide

73 Trattamento «sindromico» dell uretrite nel maschio CHLAMYDIA Azitromicina 1 g per os in monosomministrazione + GONOCOCCO Ceftriaxone 250 mg intramuscolo in monosomministrazione La terapia dovrebbe essere condotta sotto controllo medico!!! E dovrebbe essere estesa a tutti i partner sessuali!!!!!!!!!!!!

74 Percentuale di ceppi di NG resistenti a ciprofloxacina, penicillina, tetraciclina, ceftriaxone per anno e per meccanismo di resistenza % * CIPROFLOXACIN TRNG PPNG CMRNG CEFTRIAXONE

75 Possibile gestione ambulatoriale Se non sono disponibili mezzi diagnostici il paziente dovrebbe essere trattato con regimi terapeuti efficaci sia sulla Chlamydia che sul Gonococco Trattamento dei contatti dopo anamnesi comportamentale e contact tracing Sierologie di controllo per le altre infezioni a trasmissione sessuale: HIV-Ab, TPHA Centers for Disease Control and Prevention. Sexually Transmitted Diseases Treatment Guidelines, MMWR 2010;59

76 Altri agenti di uretrite: Mycoplasma e Trichomonas Mycoplasma genitalium: terapia con doxiciclina 100 mg bid per 7 giorni Trichomonas vaginalis: terapia con metronidazolo 2 g per os in monosomministrazione

77 Le sinergie tra IST ed HIV

78 Test HIV effettuati e prevalenza HIV in pazienti con MST nel Sistema Nazionale Sentinella Dei pazienti segnalati con una MST, (70,5%) hanno effettuato un test anti- HIV al momento della diagnosi di MST Notiziario dell ISS Febbraio 2012

79 Prevalenza HIV nei pazienti con IST: percentuale dei testati e dei positivi (Sistema Sorveglianza Sentinella MST, ) Testati Non testati (7,5%) sono risultati positivi / persone (32,1%) primo riscontro di HIV

80 Prevalenza di HIV per fattore di rischio e per MST diagnosticata Notiziario dell ISS Febbraio 2012

81 Prevalenza di HIV in pazienti con MST per categoria di esposizione % HIV Prevalenza media HIV+ = 8% Omosessuali maschi Femmine Eterosessuali maschi Sorveglianza Nazionale MST, 2008 ( pazienti testati)

82 Perché il medico di medicina generale dovrebbe riferire un suo paziente con IST presso una struttura specialistica di riferimento?

83 Il sistema di riferimento nella gestione di persone con IST Ragionevole nella fase di riduzione del numero dei casi Irrinunciabile tuttavia: facile accesso al servizio di riferimento evitare ogni ritardo nel trattamento

84 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente Quesiti diagnostici complessi Ulcera genitale atipica da HSV

85 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente Scarsa dimestichezza con la patologia Irsutio penis e piccola lesione condilomatosa dell asta del pene

86 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente Condilomatosi del fornice vaginale posteriore

87 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente Incertezza sugli standard di terapia Possibilità di eseguire accertamenti microbiologici Essudato uretrale purulenta in paziente con co-infezione gonococcica e clamidiale

88 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente Necessità di informazione e counselling specialistici

89 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente Ricerca e trattamento del/dei partner sessuale

90 Potenziali vantaggi nel riferire il paziente In alcune circostanze il MMG è in situazione svantaggiata nel discutere problematiche della sfera sessuale confidenzialità nucleo familiare rapporti di amicizia

91 Il centro aziendale MST degli Spedali Civili di Brescia Rapidità della risposta per interrompere la catena di trasmissione Padiglione Infettivi Spedali Civili è apertura tutti i giorni (LUN VEN) senza appuntamento in alternativa al CUP (con impegnativa del MMG)

92

93 Pagamento della prestazione Le MST rappresentano infezioni di interesse per la salute pubblica Le persone affette sono esentate dal pagamento della prestazione clinica e dagli accertamenti di laboratorio

94 Cosa garantisce il centro MTS? Attitudine non giudicante del personale sanitario Accettazione con personale esperto in couselling

95 Cosa garantisce il centro MTS? Utilizzo di algoritmi standardizzati che implicano il trattamento del paziente nel corso della seduta stessa

96 Che garantisce il centro MTS? Accesso a diagnosi microbiologica

97 Cosa garantisce il centro MTS? Canali preferenziali per riferimento a terzo livello diagnostiche: ginecologica (bartolinite, indagine colposcopica etc.) urologica (prostatite, etc.) Terapeutiche: dermatologia (exeresi chirurgica condilomi)

98 Cosa garantisce il centro MTS? Notifica a sistema di sorveglianza sentinella

99 Cosa garantisce il centro MTS? Screening per altre IST Emersione del sommerso rispetto all infezione da HIV Emersione del sommerso rispetto all infezione da HBV ed eventualmente anche HCV

100

101 Le malattie veneree nei secoli Le malattie veneree hanno accompagnato tutta la storia dell'uomo, e se ne parla, ad esempio, nelle cronache di epoca romana. Marco Valerio Marziale descrive probabilmente la sifilide definendola "una malattia vergognosa". Queste patologie hanno avuto momenti di recrudescenza con epidemie di sifilide e gonorrea in varie epoche, ad esempio, in Italia, dopo il 1494, con l'invasione di Carlo VIII di Francia. L'infezione fu probabilmente portata da soldati invasori. Gli spagnoli (conquistadores) e i portoghesi portarono la sifilide nelle Americhe, ma alcuni autori sostengono la tesi opposta, e cioè che furono gli indigeni a contagiare i conquistatori. In genere, comunque, queste epidemie seguirono gli eserciti di conquista, portando spesso più morte delle stesse armi.

102 Le malattie veneree sono state fonte spesso di forte riprovazione sociale, essendo spesso associate a comportamenti considerati immorali. Questo ha rallentato o limitato le misure adatte per contenere l'infezione (isolamento e anche emarginazione del soggetto coinvolto), o il ricorso alla stessa terapia, spesso praticata in clandestinità. La scarsa informazione e la prostituzione hanno poi peggiorato la situazione permettendo una diffusione talvolta epidemica di tali malattie.

La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di

La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di malattie infettive molto diffuse e le cui cure assorbono

Dettagli

Epidemiologia delle Infezioni Sessualmente Trasmesse

Epidemiologia delle Infezioni Sessualmente Trasmesse Epidemiologia delle Infezioni Sessualmente Trasmesse Maria Cristina Salfa Centro Operativo AIDS Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate Istituto Superiore di Sanità, Roma Corso

Dettagli

Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS).

Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di malattie infettive molto diffuse e le cui cure assorbono ingenti risorse finanziarie.

Dettagli

Infezioni sessualmente trasmesse e tumori

Infezioni sessualmente trasmesse e tumori Infezioni sessualmente trasmesse e tumori Ediz. 2016 Infezioni sessualmente trasmesse e tumori Le Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST) costituiscono un vasto gruppo di affezioni molto diffuse in tutto

Dettagli

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO Cosa sono le MST? Le malattie sessualmente trasmissibili, dette anche malattie veneree,

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse

Malattie sessualmente trasmesse Malattie sessualmente trasmesse Che cosa sono le malattie sessualmente trasmesse? Le malattie sessualmente trasmesse (MST) sono infezioni che si possono contrarre attraverso i rapporti sessuali. Sono causate

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Dati epidemiologici sulle patologie della sfera sessuale in adolescenza. Luisa Mondo

Dati epidemiologici sulle patologie della sfera sessuale in adolescenza. Luisa Mondo Dati epidemiologici sulle patologie della sfera sessuale in adolescenza Luisa Mondo I.S.T. INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sono infezioni che si contraggono attraverso rapporti sessuali con persone

Dettagli

LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE:

LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE: LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE: la conoscenza è il primo passo per combatterle www.aslbrescia.it A cura dell Azienda Sanitaria Locale di Brescia Servizio Medicina del Disagio Ambulatorio Malattie

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale Capitolo 7 Le malattie a trasmissione sessuale (MTS) sono causate da diversi microrganismi (batteri, virus, protozoi, parassiti o funghi), che si trasmettono da una persona

Dettagli

AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale (MTS) HIV e AIDS

AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale (MTS) HIV e AIDS Specialista in Medicina Legale Via Ragusa 4 20125 Milano Tel. 02 66 809 704 mariocorcelli@fastwebnet.it Articolo tratto dal sito: www.medico-legale.it Titolo: AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Le malattie sessualmente trasmesse

Le malattie sessualmente trasmesse Le malattie sessualmente trasmesse (nell adolescente sessualmente attivo) Maria Rita Govoni U.O. Pediatria e Adolescentologia Az. Ospedaliero-Universitaria Ferrara 1 Malattie sessualmente trasmesse Individuo

Dettagli

http://www.ginecolink.net/percorso_non_medici/mst.htm

http://www.ginecolink.net/percorso_non_medici/mst.htm Pagina 1 di 6 Guida alle risorse web dedicate alla salute della donna Web Directory Più di 2500 links, a siti web mondiali e a documenti scientifici News Articoli selezionati dalle migliori riviste full-text

Dettagli

Dr. Nunzio Minniti Centro di diagnosi e cura della Sterilità Clinica del Mediterraneo Ragusa

Dr. Nunzio Minniti Centro di diagnosi e cura della Sterilità Clinica del Mediterraneo Ragusa MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE Dr. Nunzio Minniti Centro di diagnosi e cura della Sterilità Clinica del Mediterraneo Ragusa MTS Comprendono un gruppo di patologie infettive che hanno come via contagio

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza e Chirurgia Il carcinoma cervicale è il primo tumore ad essere riconosciuto

Dettagli

Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse?

Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse? Salute Maria Bruna Pasticci Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse? Con il termine di malattie sessualmente trasmesse (MST) o si definiscono tutte le patologie che possono essere acquisite

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse

Malattie sessualmente trasmesse Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione Malattie sessualmente trasmesse XIX secolo Malattie veneree Ulcera molle Gonorrea Linfogranuloma

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CHE COSA SONO Sono malattie che vengono trasmesse da una persona all'altra prevalentemente per contatto sessuale. Vengono anche

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

HPV -PAP TEST- VIRA PAP E VACCINO PER IL PAPILLOMA VIRUS

HPV -PAP TEST- VIRA PAP E VACCINO PER IL PAPILLOMA VIRUS HPV -PAP TEST- VIRA PAP E VACCINO PER IL PAPILLOMA VIRUS HPV Il virus del papilloma umano o HPV appartiene al gruppo dei papova virus e puo causare malattie della pelle e delle mucose. Si trasmette direttamente

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto.

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. VAGINITI & MMG Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. La diagnosi e il trattamento spettano in prima istanza al mmg. Fra i miei assistiti le donne in età compresa fra

Dettagli

HPV papillomavirus umani

HPV papillomavirus umani HPV papillomavirus umani Oltre 100 tipi, alcuni dei quali responsabili del cancro del collo dell utero : l importanza del vaccino Quali lesioni sono provocate dagli HPV? Le infezioni da HPV sono estremamente

Dettagli

La malattie a trasmissione sessuale (MST) La scuola incontra i giovani dalla consapevolezza alla sessualità sicura

La malattie a trasmissione sessuale (MST) La scuola incontra i giovani dalla consapevolezza alla sessualità sicura La malattie a trasmissione sessuale (MST) La scuola incontra i giovani dalla consapevolezza alla sessualità sicura No ginnastica Si sentimento, emozione MST IST IST Epidemiologia delle MST nel mondo WHO

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

L'integrazione delle competenze nelle strategie di prevenzione: il ruolo del medico di Medicina Generale. Filippo Anelli

L'integrazione delle competenze nelle strategie di prevenzione: il ruolo del medico di Medicina Generale. Filippo Anelli L'integrazione delle competenze nelle strategie di prevenzione: il ruolo del medico di Medicina Generale Filippo Anelli L infezione da HPV L HPV è il papilloma virus umano. Conosciamo più di 100 tipi di

Dettagli

Affettività, sessualità e tutela della salute: io e gli altri. Dott. Carlo Brusati Specialista in Dermatologia e Venereologia

Affettività, sessualità e tutela della salute: io e gli altri. Dott. Carlo Brusati Specialista in Dermatologia e Venereologia Affettività, sessualità e tutela della salute: io e gli altri Dott. Carlo Brusati Specialista in Dermatologia e Venereologia Cosa si intende per malattie sessualmente trasmissibile? Una malattia infettiva,

Dettagli

Prevenzione Della Neoplasia Della Cervice Uterina Tra. Screening E Vaccinazione

Prevenzione Della Neoplasia Della Cervice Uterina Tra. Screening E Vaccinazione Prevenzione Della Neoplasia Della Cervice Uterina Tra Screening E Vaccinazione Papanicolau intuisce che Anno 1917 la facile accessibilità della portio può consentire lo studio delle cellule che da essa

Dettagli

Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..?

Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..? Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..? Non hai la più pallida idea di come si possa contrarre (e che cosa sia) la Chlamydia? Pensi che l AIDS

Dettagli

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS in 2 parole... HIV = virus che causa l infezione Human Immunodeficiency Virus AIDS = Malattia in atto Acquired Immuno Deficency Syndrome 2 SIEROPOSITIVO SIGNIFICA AVERE

Dettagli

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test Infezione da HPV Il Papilloma virus umano (HPV) è l'agente virale responsabile del carcinoma della cervice uterina (CCU). Il CCU è il primo tumore riconosciuto dall'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE

INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE Grafica: Pablo Comunicazione Gennaio 2014 info: Numero Verde 800 033033 Giorni feriali dalle ore 8,30 alle ore 17,30 sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,30 HTTP://GUIDASERVIZI.SALUTER.IT SCRIVENDO NEL CAMPO

Dettagli

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 Una grande sfida... 03 02 DOMANDE E RISPOSTE... 05 Quale è la causa del tumore del collo

Dettagli

PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE

PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE Lo screening come forma di prevenzione LE INFEZIONI DA HPV (PAPILLOMA VIRUS UMANO) Cos è l HPV? L HPV è una categoria di virus molto diffusa. La trasmissione

Dettagli

infezioni a trasmissione sessuale mi informo, mi proteggo, mi controllo

infezioni a trasmissione sessuale mi informo, mi proteggo, mi controllo infezioni a trasmissione sessuale mi informo, mi proteggo, mi controllo Infezioni a trasmissione sessuale Quando si parla di infezioni che si trasmettono attraverso i rapporti sessuali, si pensa all AIDS

Dettagli

PEER EDUCATION E PREVENZIONE DALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

PEER EDUCATION E PREVENZIONE DALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI PEER EDUCATION E PREVENZIONE DALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO AIDS L'AIDS è una sindrome clinica caratterizzata da un progressivo

Dettagli

PROTOCOLLO PER UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE IN PIEMONTE

PROTOCOLLO PER UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE IN PIEMONTE Regione Piemonte Assessorato Sanità Assistenza Direzione Sanità Pubblica Settore Igiene e Sanità Pubblica PROTOCOLLO PER UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE IN

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST Linee Guida per la gestione del paziente con infezione sessualmente trasmessa (IST). Italia, SIMAST 2010. DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST La prevenzione delle IST si rivolge ad un comportamento,

Dettagli

LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ!

LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ! LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ! J + a cura di Prof. Maria Rita Gismondo Под редакцией профессора

Dettagli

riconoscere Sai nemiche? letue

riconoscere Sai nemiche? letue Sai riconoscere letue nemiche? Se le conosci le eviti Con la supervisione scientifica di Vincenzina Bruni Professore Ordinario di Ostetricia e Ginecologia Università di Firenze le malattie a trasmissione

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Clinica'di'Mala*e'Infe*ve'' Azienda'Ospedaliera'di'Perugia' 31/10/2014' ' Dr.'Claudio'Sfara' Dr.ssa'Laura'Bernini' Carcinoma anale 2.5% delle neoplasie

Dettagli

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai SCABBIA Causata dall acaro Sarcoptes Scabiei var. hominis Contagio interumano (contatti fisici, via indiretta mediante lenzuola o vestiti è più rara) Prurito peggiora di notte, risparmia volto e cuoio

Dettagli

Unità Semplice di MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili) Responsabile Dott. Andrea Barelli

Unità Semplice di MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili) Responsabile Dott. Andrea Barelli Unità Semplice di MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili) Responsabile Dott. Andrea Barelli Azienda ULSS12 Veneziana U.O. di Malattie Infettive e Tropicali Dip. Medicina Clinica Ospedale dell Angelo

Dettagli

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV 4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV conosci 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

LE MALATTIE A TRASMISSION E SESSU ALE

LE MALATTIE A TRASMISSION E SESSU ALE LE MALATTIE A TRASMISSION E SESSU ALE Opuscolo Informativo Associazione Universitaria Koiné ONLUS LE MALATTIE A TRASMISSONE SESSUALE (MTS) Le malattie a trasmissione sessuale (MTS) sono causate da batteri,

Dettagli

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014 Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma Medolla, 11-10-2014 Come accedere alla colposcopia quando non inviata da screening Appuntamento telefonico Tel 0535602247 infermiera

Dettagli

D.G. Prevenzione Sanitaria Ufficio Malattie Infettive e Profilassi Internazionale

D.G. Prevenzione Sanitaria Ufficio Malattie Infettive e Profilassi Internazionale I PAPILLOMAVIRUS Sono virus Ne esistono oltre 120 tipi che infettano la specie umana Circa 40 tipi infettano le mucose genitali e di essi circa 15 sono definiti a rischio oncogeno HPV che infettano la

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

Human Papillomavirus (HPV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia dei Papovaviridae.

Human Papillomavirus (HPV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia dei Papovaviridae. Human Papillomavirus (HPV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia dei Papovaviridae. Induce lesioni iperproliferative degli epiteli cutanei e delle mucose. Sono stati identificati più di 100 genotipi

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

Asl Provincia di Milano 1. Programma di prevenzione del carcinoma della cervice uterina, due strumenti efficaci:

Asl Provincia di Milano 1. Programma di prevenzione del carcinoma della cervice uterina, due strumenti efficaci: Asl Provincia di Milano 1 Programma di prevenzione del carcinoma della cervice uterina, due strumenti efficaci: il pap test e la vaccinazione contro il papillomavirus umano (hpv) RISPOSTE AI QUESITI RICORRENTI

Dettagli

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE, HIV/AIDS E ECTOPARASSiTOSI

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE, HIV/AIDS E ECTOPARASSiTOSI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE, HIV/AIDS E ECTOPARASSiTOSI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO CENTRO DI RIFERIMENTO HIV MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CRH-MTS Milano - viale Jenner 44 Tel. 02 89578.9871

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

E SE MI CHIAMANO DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO DOPO IL PAP TEST? ììì REGIONE LAZIO A cura di: U.O. C. Screening Oncologici della ASL Roma C, Via Monza, 2 Servizio di Patologia Cervico - Vaginale e Vulvare Ospedale S. Eugenio tel. 06.51006600 - fax 06.51006630 e-mail

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Papillomavirus. Giovanni Bracchitta

Papillomavirus. Giovanni Bracchitta Papillomavirus Giovanni Bracchitta Caratteristiche del virus Famiglia: Papillomaviridae Genere: Papillomavirus Genoma: dsdna, circolare, 8.000 bp Capside: icosaedrico, diametro 45-55 nm Tropismo tissutale:

Dettagli

Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV

Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV ISIS ZENALE E BUTINONE - Treviglio Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV progetto di Alessia Salvatori classe 5bg - grafico coordinamento prof. Miriam Degani marzo 2012 Ricorda che.. Conoscerlo: Che cosa

Dettagli

Herpes Genitale. Come si previene?

Herpes Genitale. Come si previene? Herpes Genitale E una Malattia Sessualmente Trasmissibile molto diffusa causata da un virus (Herpes Virus) simile a quello che provoca le classiche vescicole sulla bocca. Una volta infettati, il virus

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Mycoplasmataceae Genere Mycoplasma: circa 100 specie Mycoplasma pneumoniae ( agente

Dettagli

Trichomonas vaginalis

Trichomonas vaginalis Trichomonas vaginalis Flagellato trasmesso per via sessuale Colpisce entrambi i sessi, le donne tendono a rimanere infettanti per molto tempo (se non trattate). Nell uomo la tricomoniasi determina una

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI...

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI... COSA CHIEDERSI... non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero REGIONE LAZIO COS'E' IL COLLO DELL'UTERO E' la parte dell'utero

Dettagli

PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO: SCREENING E VACCINAZIONE. Dr Claudio Lombardi Ospedale Alzano Lombardo

PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO: SCREENING E VACCINAZIONE. Dr Claudio Lombardi Ospedale Alzano Lombardo PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO: SCREENING E VACCINAZIONE Dr Claudio Lombardi Ospedale Alzano Lombardo SCREENING Un programma di screening per il cervicocarcinoma include: Scelta del test di

Dettagli

USA IL PRESERVATIVO SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

USA IL PRESERVATIVO SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV USA IL PRESERVATIVO SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV CONOSCI 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

4.3 Controindicazioni Ipersensibilità alprincipio attivo penciclovir, al famciclovir o ad uno qualsiasi degli eccipientielencati al paragrafo 6.1.

4.3 Controindicazioni Ipersensibilità alprincipio attivo penciclovir, al famciclovir o ad uno qualsiasi degli eccipientielencati al paragrafo 6.1. RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. Denominazione del medicinale Vectavir 1% crema 2. Composizione qualitativa e quantitativa Ogni grammo di crema contiene 10 mg di penciclovir Eccipienti con

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Corso Aspiranti Pionieri CRI Pisa San Frediano a Settimo 8 Nov. 2006 Monitore C.R.I. SPINELLI

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

Gli HPV sono virus con genoma a DNA. Questo tipo di virus spesso non viene completamente eliminato dall organismo infettato e resta nelle cellule.

Gli HPV sono virus con genoma a DNA. Questo tipo di virus spesso non viene completamente eliminato dall organismo infettato e resta nelle cellule. 1 Gli HPV sono virus con genoma a DNA. Questo tipo di virus spesso non viene completamente eliminato dall organismo infettato e resta nelle cellule. La permanenza dei virus nelle cellule infettate determina

Dettagli

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Proteggi l Amore Ausl_Mo_Opuscolo_MST.indd 1 07/09/15 12:50 Testo a cura di: Fabia Businco - Azienda USL di Modena Simona Casari - Azienda USL di Modena Commissione

Dettagli

LA MALATTIA, L INFEZIONE E LO STILE DI VITA: LA CENTRALITA DELL INTERVENTO CLINICO NEI PROGRAMMI DI PREVENZIONE.

LA MALATTIA, L INFEZIONE E LO STILE DI VITA: LA CENTRALITA DELL INTERVENTO CLINICO NEI PROGRAMMI DI PREVENZIONE. SESSIONE II LA MALATTIA, L INFEZIONE E LO STILE DI VITA: LA CENTRALITA DELL INTERVENTO CLINICO NEI PROGRAMMI DI PREVENZIONE. Dott.ssa Beltrame dell Università di Udine (che sostituisce il Dott. Alberto

Dettagli

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI La Vaccinazione contro il Papillomavirus: una vaccinazione nata per prevenire un cancro Il cancro del collo

Dettagli

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Michela Beccaglia DVM, PhD, Dipl. ECAR Libera Professionista, Lissone(MB) michela.beccaglia@libero.it 30 Ottobre

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Per la prevenzione del carcinoma della cervice uterina abbiamo due strumenti efficaci: il Pap test la vaccinazione contro il papillomavirus umano (hpv)

Dettagli

Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome).

Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). IL VIRUS HIV L AIDS Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). L Aids è causato dal virus Hiv (Virus

Dettagli

PREVENZIONE PRIMARIA del carcinoma del collo dell utero. 1. Stile di vita 2. Vaccino anti-hpv

PREVENZIONE PRIMARIA del carcinoma del collo dell utero. 1. Stile di vita 2. Vaccino anti-hpv PREVENZIONE PRIMARIA del carcinoma del collo dell utero 1. Stile di vita 2. Vaccino anti-hpv La Prevenzione Primaria basata sullo stile di vita non è immediata e ancora poco convincente Astinenza Abitudini

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

MTS : i problemi. ONDA 22 febbraio 20111. Precocizzazione dell attività sessuale. Maggior diffusione delle MTS

MTS : i problemi. ONDA 22 febbraio 20111. Precocizzazione dell attività sessuale. Maggior diffusione delle MTS MTS : i problemi Precocizzazione dell attività sessuale Maggior diffusione delle MTS Maggior vulnerabilità dell adolescente nei confronti delle MTS Scarse le protezioni contraccettive durante il rapporto

Dettagli

LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI

LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI Prof. S. Venturoli e Dott. L. Orazi U.O. Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Prof. S. Venturoli ANATOMIA LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI Introduzione.

Dettagli

STORIA NATURALE DEL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO (HPV)

STORIA NATURALE DEL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO (HPV) STORIA NATURALE DEL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO (HPV) Gabriele La Rosa Corso regionale sulla rosolia congenita e nuove strategie di prevenzione Villafranca, 05 ottobre 2007 HPV Più di 120 sottotipi, indicati

Dettagli

riconoscere Sai nemiche? letue

riconoscere Sai nemiche? letue Sai riconoscere letue nemiche? c Se le conosci le eviti Con la supervisione scientifica di Vincenzina Bruni e Annalisa Pieralli Università degli Studi di Firenze indice LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

Dettagli

STORIA NATURALE DEL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO (HPV)

STORIA NATURALE DEL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO (HPV) STORIA NATURALE DEL VIRUS DEL PAPILLOMA UMANO (HPV) Daria Minucci Corso regionale sulla rosolia congenita e nuove strategie di prevenzione Padova 11 giugno 2007 HPV Più di 120 sottotipi, indicati con un

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACKLAB 5% Crema. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Un grammo di crema contiene: Principio attivo: Aciclovir 50 mg Eccipienti:

Dettagli

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione GISCI Riunione operativa gruppo di lavoro di 2 livello Napoli 11 dicembre 2006 ADOLESCENTI

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

CONDILOMI: LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA E I COSTI DEL TRATTAMENTO

CONDILOMI: LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA E I COSTI DEL TRATTAMENTO CONDILOMI: LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA E I COSTI DEL TRATTAMENTO Carla M. Zotti Dip. di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche. Università di Torino Sergio Del Monte - Centro MST, Ospedale Dermatologico

Dettagli

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv)

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) HPV proteggiti davvero Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) Che cos è il Papillomavirus (hpv)? L hpv è un virus molto diffuso, che si trasmette in particolare attraverso

Dettagli