Perugia, maggio 2013 Enrico Carloni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perugia, maggio 2013 Enrico Carloni"

Transcript

1 Perugia, maggio 2013 Enrico Carloni

2 LEZIONE 13 L Open data government Dal riutilizzo delle informazioni all agenda digitale Sommario: 1. Principi e definizioni. 2. Il fenomeno open data e il Memorandum Obama I paradigmi dell open data.- 4. Le leggi sull open data government Il riutilizzo delle informazioni di fonte pubblica Fruibilità e disponibilità dei dati nell amministrazione digitale Open data e decreto trasparenza Open data e qualità dei dati Il problema della privacy 1. Principi e definizioni Per dare attuazione ai principi di trasparenza, partecipazione e collaborazione propri della dottrina dell Open Government è necessario mettere il cittadino nelle condizioni di disporre degli

3 strumenti conoscitivi indispensabili per poter prendere decisioni o comunque valutare le decisioni prese dall Amministrazione. Tali strumenti sono costituiti dai dati e dalle informazioni dei quali la Pubblica Amministrazione dispone e che le sono indispensabili per la gestione dei processi che gestisce nell assolvimento dei suoi compiti istituzionali e di servizio: dati ed informazioni, come visto, sempre più spesso previsti come pubblici, vale a dire disponibili per chiunque e suscettibili di essere diffusi da parte delle singole amministrazioni (o per espresso obbligo legislativo, o per scelta delle stesse amministrazioni). I dati pubblici compongono, nel loro complesso, il patrimonio conoscitivo delle pubbliche amministrazioni e costituiscono un fondamentale giacimento conoscitivo, dal quale è possibile ricavare conoscenza per finalità di trasparenza ma anche per finalità di tipo economico. I dati detenuti dalle Pubbliche Amministrazioni rappresentano un enorme patrimonio e stanno acquisendo un'importanza sempre crescente; infatti, grazie all'uso delle tecnologie info-telematiche, è possibile sia utilizzarli per rendere l'amministrazione più trasparente ed erogare servizi ancor più efficienti sia riutilizzarli in ambiti differenti da quelli per i quali sono stati raccolti. In passato, questi dati dovevano rimanere relegati nell ambito dei procedimenti amministrativi per i quali erano stati formati; in tempi più recenti, invece, si è affermata a livello comunitario la tendenza a rendere queste informazioni conoscibili anche ad altri soggetti. Mettere a disposizione del cittadino e delle imprese l insieme dei dati pubblici gestiti dall Amministrazione in formato aperto rappresenta un passaggio culturale necessario per il rinnovamento delle istituzioni nella direzione di apertura e trasparenza proprie dell Open Government, a tutti i livelli amministrativi. La prospettiva è in primo

4 luogo, ma non esclusivamente, quella di un controllo continuo e costante sull operato e sui processi decisionali dei soggetti istituzionali. Attraverso l attuazione di politiche di apertura reale delle informazioni e dei dati pubblici, i cittadini sono in condizione di verificare l efficienza dell apparato burocratico. In questo contesto, l open data costituisce uno sviluppo della trasparenza, dal momento che la disponibilità di informazioni consente forme di collaborazione e di rielaborazione della conoscenza. Distribuire i dati pubblici in un formato aperto e libero da restrizioni sia dal punto di vista dell accesso che dell integrazione e del riutilizzo, rappresenta, infatti, il presupposto di base affinché possa svilupparsi un vero e proprio processo di collaborazione tra le istituzioni e la comunità dei cittadini sulle scelte di governo, anche la rielaborazione in forma nuova e diversa dei dati messi a disposizione. È dunque bene differenziare il concetto di trasparenza da quello di apertura (openess). Il concetto di apertura include quello di trasparenza, ma non necessariamente è vero il contrario. In altri termini, non è sufficiente la trasparenza così come definita nel nostro ordinamento giuridico perché si possa parlare di Open data. I dati aperti, comunemente chiamati con il termine inglese open data anche nel contesto italiano, sono alcune tipologie di dati liberamente accessibili a tutti, privi di brevetti o altre forme di controllo che ne limitino la riproduzione e le cui restrizioni di copyright eventualmente si limitano ad obbligare di citare la fonte o al rilascio delle modifiche allo stesso modo. Nonostante la pratica e l'ideologia che caratterizzano i dati aperti siano da anni ben consolidate, con la locuzione "open data" si identifica una nuova accezione piuttosto recente e maggiormente legata a Internet come canale principale di diffusione dei dati stessi.

5 Open Knowledge Foundation utilizza la seguente frase per definire dati (e contenuti) aperti: un contenuto o un dato si definisce aperto se chiunque è in grado di utilizzarlo, ri-utilizzarlo e ridistribuirlo, soggetto, al massimo, alla richiesta di attribuzione e condivisione allo stesso modo. Il contesto culturale, e giuridico, entro il quale inserire il tema dell open data è quello del crescente ruolo dei cittadini e dei privati (singoli ed associati, con finalità puramente solidaristiche o commerciali) nello svolgimento di attività che rivestono un interesse pubblico, o generale. Il tema si inserisce, dunque, pienamente dentro le riflessioni intorno all idea di sussidiarietà (orizzontale), ma anche in quella di libera iniziativa (anche economica) dei privati, da favorire (da parte dei soggetti pubblici) perché foriera di assicurare, anche se non sempre direttamente, ma comunque complessivamente, una migliore realizzazione di taluni interessi della collettività nel suo complesso. Alcune delle più interessanti riflessioni sul fenomeno open data lo collocano dentro un contesto che è fatto non solo di amministrazione aperta, ma di società aperta (open society) In estrema sintesi si possono individuare alcuni aspetti che caratterizzano un insieme di dati come "aperto": i dati aperti devono essere indicizzati dai motori di ricerca; i dati aperti devono essere disponibili in un formato aperto, standardizzato e leggibile da un'applicazione informatica per facilitare la loro consultazione ed incentivare il loro riutilizzo anche in modo creativo ; i dati aperti devono essere rilasciati attraverso licenze libere che non impediscano la diffusione e il riutilizzo da parte di tutti i soggetti interessati.

6 L evoluzione del fenomeno si articola su basi tecnologiche, esperienze comparate, sollecitazioni per via legislativa, politiche promosse da istituzioni pubbliche: è soprattutto a queste ultime prospettive che faremo riferimento, ed in questo quadro va evidenziato il collegamento tra le questioni del riutilizzo dei dati e quelle dell open data government. 2. Il fenomeno open data e il Memorandum Obama. Una significativa spinta all'affermarsi del movimento Open data in ambito governativo è stata data dall'attuale presidente degli Stati Uniti d'america, Obama, con la promulgazione della Direttiva sull'open government nel dicembre 2009 nella quale si legge testualmente: Fin dove possibile e sottostando alle sole restrizioni valide, le agenzie devono pubblicare le informazioni on line utilizzando un formato aperto (open) che possa cioè essere recuperato, soggetto ad azioni di download, indicizzato e ricercato attraverso le applicazioni di ricerca web più comunemente utilizzate. Per formato open si intende un formato indipendente rispetto alla piattaforma, leggibile dall elaboratore e reso disponibile al pubblico senza che sia impedito il riuso dell informazione veicolata Alla direttiva sopra citata è stato dato un seguito attraverso il sito pubblico Data.gov, lanciato nel maggio 2009 dal "Chief nformation Officer" (CIO) dell'amministrazione pubblica statunitense Vivek Kundra. Il sito è stato creato con l'obiettivo principale di raccogliere in un unico portale tutte le informazioni rese disponibili dagli enti statunitensi in formato aperto. Questa politica di diffusione di dati e promozione dell open government è stata recentemente integrata da un nuovo executive order

7 del Presidente (del 9 maggio 2013), cd. Memorandum open data (Executive Order -- Making Open and Machine Readable the New Default for Government Information). In questo Memorandum sono definite le caratteristiche essenziali degli Open Data (che devono essere accessibili, cioè disponibili in nonproprietary formats ; documentati, anche attraverso data dictionaries ; riusabili, completi, with the finest possible level of granularity ), tempestivi ed aggiornati ( timely ). Vengono, inoltre, anche indicati i principi per la costruzione di sistemi informativi in grado di supportare l interoperabilità e l accessibilità delle informazioni: tali sistemi devono consentire dia massimizzare data reuse opportunities and incorporation of future application or technology capabilities. Un elemento di specifico interesse di questa iniziativa risiede nel metodo proposto per realizzare questa nuova Open Data Policy: si prevede, infatti, un elaborazione condivisa e decentrata delle sue specifiche operative e delle sue concrete applicazioni. Per assistere questa evoluzione l Order del presidente prevede, infatti, la pubblicazione di an open online repository of tools and best practices to assist agencies in integrating the Open Data Policy into their operations. 3. I paradigmi dell open data. [Da Vademecum Open Data] Partendo dal concetto di conoscenza aperta così come delineato dalla Open Knowledge Foundation 4, anche l Open Data può essere caratterizzato dai seguenti principi:

8 - Disponibilità e accesso: i dati devono essere disponibili nel loro complesso, per un prezzo non superiore a un ragionevole costo di riproduzione, preferibilmente mediante scaricamento da Internet. I dati devono essere inoltre disponibili in un formato utile e modificabile. - Riutilizzo e ridistribuzione: i dati devono essere forniti a condizioni tali da permetterne il riutilizzo e la ridistribuzione. Ciò comprende la possibilità di combinarli con altre basi di dati. - Partecipazione universale: tutti devono essere in grado di usare, riutilizzare e ridistribuire i dati. Non devono essere poste discriminazioni di ambiti di iniziativa in riferimento a soggetti o gruppi. Per esempio, il divieto di utilizzare i dati per scopi commerciali o le restrizioni che permettono l uso solo per determinati fini (quale quello educativo) non sono contemplabili. Per garantire i principi sopra elencati è necessario che i dati per considerarsi aperti in base agli standard internazionali siano: Completi. I dati devono comprendere tutte le componenti (metadati) che consentano di esportarli, utilizzarli on line e off line, integrarli e aggregarli con altre risorse e diffonderli in rete. che i dati siano presentati in maniera sufficientemente granulare, così che possano essere utilizzate dagli utenti per integrarle e aggregarle con altri dati e contenuti in formato digitale; - Tempestivi. Gli utenti devono essere messi in condizione di accedere e utilizzare i dati presenti in rete in modo rapido e immediato, massimizzando il valore e l utilità derivanti da accesso e uso di queste risorse;

9 - Accessibili. I dati devono essere resi disponibili al maggior numero possibile di utenti senza barriere all utilizzo, quindi preferibilmente attraverso il solo protocollo Hypertext Transfer Protocol (HTTP) e senza il ricorso a piattaforme proprietarie. Devono essere inoltre resi disponibili senza alcuna sottoscrizione di contratto, pagamento, registrazione o richiesta. - Leggibili da computer. Per garantire agli utenti la piena libertà di accesso e soprattutto di utilizzo e integrazione dei contenuti digitali, è necessario che i dati siano machine-readable, ovvero processabili in automatico dal computer In formati non proprietari. I dati devono essere codificati in formati aperti e pubblici, sui quali non vi siano entità (aziende o organizzazioni) che ne abbiano il controllo esclusivo. Sono preferibili i formati con le codifiche più semplici e maggiormente supportati. - Liberi da licenze che ne limitino l uso. I dati aperti devono essere caratterizzati da licenze che non ne limitino l uso, la diffusione o la redistribuzione. - Riutilizzabili. Affinché i dati siano effettivamente aperti, gli utenti devono essere messi in condizione di riutilizzarli e integrarli, fino a creare nuove risorse, applicazioni e servizi di pubblica utilità. - Ricercabili. I dati devono essere facilmente identificabili in rete, grazie a cataloghi e archivi facilmente indicizzabili dai motori di ricerca. - Permanenti. Le peculiarità fino ad ora descritte devono caratterizzare i dati nel corso del loro intero ciclo di vita.

10 Per mettere a disposizione del pubblico i dati di un Amministrazione può essere utilizzata una grande varietà di formati. Non tutti, tuttavia, rispondono ai prerequisiti elencati nel paragrafo precedente. Qualora l Amministrazione si trovi nella possibilità di scegliere il formato nel quale pubblicare i dati da aprire, è bene che identifichi formati che siano rispondenti al maggior numero di requisiti possibile. Se tuttavia la scelta fosse tra il pubblicare dati non completamente rispondenti ai requisiti indicati o non pubblicarli affatto, allora la logica dell Open Data indirizza la risposta verso latra il pubblicare dati non completamente rispondenti ai requisiti indicati o non pubblicarli affatto, allora la logica dell Open Data indirizza la risposta verso la prima soluzione (per questo si usa l espressione Raw Data Now, a significare che nella peggiore delle ipotesi, quella di disporre di dati non aperti, è comunque preferibile distribuirli, anche se appunto in formato raw, cioè grezzo). L auspicio è che se i dati pubblicati sono sufficientemente interessanti, la comunità degli utenti si preoccuperà di identificare un processo di conversione efficace (si parla, in questo caso, di data scraping). Per distinguere i diversi formati utilizzabili nella codifica dei set di dati, è stato proposto in seno al W3C7 un modello di catalogazione che li classifica in base alle loro caratteristiche su una scala di valori da 1 (una stella) a 5 (cinque stelle) a seconda della facilità di fruizione e riutilizzo.

11 4. Le leggi sull open data government A livello legislativo, i principi dell open data government e la tensione verso un amministrazione che coniughi trasparenza e riutilizzabilità delle informazioni, favorendo forme di partecipazione e collaborazione a vantaggio di un ampliamento della conoscenza (pubblica e privata), si affermano nel corso dell ultimo decennio, andando componendosi intorno a tre architravi. La prima, è la normativa in materia di riutilizzo dei documenti e delle informazioni del settore pubblico (Public sector information PSI), posta, sulla base di una direttiva comunitaria del 2003, dal d.lgs. n. 36 del La seconda, è il Codice dell amministrazione digitale, nel cui contesto troviamo (anche in virtù delle modifiche del codice via via intervenute), alcune delle premesse fondamentali per una fruizione aperta dei dati sia tra amministrazioni che da parte dei cittadini. In questo contesto si inseriscono, dopo le recenti riforme, anche le regole dell agenda digitale, nel cui ambito si pongono le premesse

12 organizzative dell open data, attraverso il ruolo riconosciuto, in particolare, all Agenzia per l Italia digitale. La terza, decisiva, è la disciplina relativa alla trasparenza totale : sviluppando le premesse già presenti nelle riforme Brunetta, il Codice della trasparenza (d.lgs. n. 33 del 2013) pone regole volte espressamente a favorire l affermazione di un modello di amministrazione aperta rispondente ai paradigmi dell open data governement. 5. Il riutilizzo delle informazioni di fonte pubblica.. A livello comunitario, al fine di agevolare il riutilizzo delle informazioni in possesso degli enti pubblici degli Stati membri, l Unione Europea ha adottato la Direttiva 2003/98/CE del 17 novembre 2003 (recepita dall ordinamento italiano con il Decreto Legislativo 24 gennaio 2006 n. 36, Attuazione della direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo di documenti nel settore pubblico ) che ha attribuito a ciascuna Amministrazione la possibilità di autorizzare il riutilizzo delle informazioni che vengono raccolte, prodotte, e diffuse nell ambito del perseguimento dei propri compiti istituzionali. L ottica del decreto n. 36 è quella di una valorizzazione delle informazioni pubbliche, sia di tipo economico che conoscitivo (e, quindi, di un loro riutilizzo a fini commerciali e non). Per riutilizzo s intende l uso di documenti in possesso di enti pubblici da parte di persone fisiche o giuridiche a fini commerciali o non commerciali diversi dallo scopo iniziale nell ambito dei compiti di servizio pubblico per i quali i documenti sono stati prodotti. Lo scambio di documenti tra enti pubblici esclusivamente in adempimento

13 dei loro compiti di servizio pubblico non costituisce riutilizzo (art. 2, comma 1, lett. e) D. Lgs. n. 36/2006). Ai sensi del decreto, le pubbliche amministrazioni devono favorire il maggiore riutilizzo di informazioni e documenti, ma resta rimessa alle singole amministrazioni la scelta: infatti (art. 1, comma 2) Le pubbliche amministrazioni e gli organismi di diritto pubblico non hanno l'obbligo di consentire il riutilizzo dei documenti dal momento che la decisione di consentire o meno tale riutilizzo spetta all'amministrazione. Nell esercizio del proprio potere di consentire o meno il riutilizzo, le amministrazioni assicurano, in ogni caso, parità di trattamento tra tutti i riutilizzatori (art. 1, comma 3) e perseguono la finalità di rendere riutilizzabile il maggior numero di informazioni, in base a modalità che assicurino condizioni eque, adeguate e non discriminatorie. Il decreto n. 36 prevede una serie di limiti alla riutilizzabilità, sia definendo una serie di informazioni e documenti che esulano dal campo di applicazione del decreto (ad esempio, i dati e documenti detenuti da biblioteche pubbliche, università, dalla Rai tv..: come previsto dall art. 3), sia individuando una serie di interessi che devono in ogni caso non essere compromessi dal riutilizzo (privacy, copyright, segreto e divieti di divulgazione: art. 4) Per favorire il riutilizzo, le amministrazioni pubblicizzano i documenti e le informazioni (i dataset) suscettibili di riutilizzo, e definiscono delle licenze standard nelle quali sono definiti; a ben vedere, però, la normativa contiene una serie di limiti che, rispetto alle aspettative ed alla stessa direttiva comunitaria, hanno contribuito a rallentare i fenomeni di riutilizzo. Detto in altri termini, il decreto si pone l obiettivo di regolare, più che di favorire, il riutilizzo: non incentiva in modo significativo le amministrazioni a produrre dati e documenti in

14 formati più agevolmente riutilizzabili (art. 6: Il titolare del dato mette a disposizione i documenti richiesti nella forma in cui sono stati prodotti.2. Il titolare del dato fornisce i documenti, ove possibile in formato elettronico, nel rispetto delle regole tecniche di cui all'articolo 11, e non ha l'obbligo di adeguare i documenti o di crearne per soddisfare la richiesta, né l'obbligo di fornire estratti di documenti se ciò comporta attività eccedenti la semplice manipolazione ); prevede un costo per il riutilizzo che comprende anche le spese sostenute per la produzione dei documenti ( i costi di raccolta, di produzione, di riproduzione e diffusione maggiorati, nel caso di riutilizzo per fini commerciali, di un utile ), il che può disincentivare dal riutilizzare i documenti. Al fine di favorire il riutilizzo, in ogni caso (art. 9) le pubbliche amministrazioni [ ] promuovono forme di adeguata informazione e comunicazione istituzionale relativamente ai documenti oggetto di riutilizzo, anche attraverso i propri siti istituzionali e prevedono modalità pratiche per facilitare la ricerca di documenti disponibili per il riutilizzo quali elenchi, portali e repertori collegati ad elenchi decentralizzati : è anche su questa base che assistiamo, nel corso del tempo, al diffondersi di repertori di dati riutilizzabili. 6. Fruibilità e disponibilità dei dati nell amministrazione digitale. Un altro tassello fondamentale è, per più ragioni, il Codice dell Amministrazione Digitale (D. Lgs. n. 82/2005). Qui, come visto, è stato introdotto l importante principio di disponibilità dei dati pubblici (enunciato all art. 2, comma 1, e declinato dall art. 50, comma 1, dello stesso Codice) che consiste nella possibilità, per

15 soggetti pubblici e privati, di accedere ai dati senza restrizioni non riconducibili a esplicite norme di legge (art.1, lett. o). In questa ottica, con la riforma del Codice dell Amministrazione Digitale e più recentemente con il decreto Crescita 2.0 (d.l. 179 del 2012), il Legislatore ha inteso recepire espressamente la dottrina dell Open Data, sollecitando le Amministrazioni ad aprire il proprio patrimonio informativo; nella sua attuale formulazione, infatti, l art. 52, comma 1-bis, D. Lgs. n. 82/2005, prevede espressamente che le pubbliche amministrazioni, al fine di valorizzare e rendere fruibili i dati pubblici di cui sono titolari, promuovono progetti di elaborazione e di diffusione degli stessi anche attraverso l uso di strumenti di finanza di progetto, utilizzando formati aperti che ne consentano il riutilizzo. La disponibilità del dato in formato digitale presuppone, infatti, che lo stesso dato sia formato, raccolto e conservato con l uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione che consentano la fruizione e riutilizzazione da parte di cittadini, imprese ed altri uffici pubblici. Sempre l art. 52 del Cad, nella prospettiva di favorire l accesso ai dati ed il loro riutilizzo, prevede che le pubbliche amministrazioni pubblichino nel loro sito web il catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in loro possesso ed i regolamenti che ne disciplinano l'esercizio della facoltà di accesso telematico e il riutilizzo (comma 1). In sostanza, attraverso il proprio sito ogni amministrazione dovrebbe rendere conoscibili i dataset che detiene, e le condizioni per la loro fruizione. Sempre per favorire al massimo il riutilizzo dei dati, si prevede che, salva diversa espressa indicazione

16 (della necessità di una apposita licenza), i dati e i documenti che le amministrazioni titolari pubblicano [ ] si intendono rilasciati come dati di tipo aperto. Si tratta di uno sviluppo delle previsioni del decreto n. 36 del 2006, sia perché la disponibilità di dataset ha la prospettiva dell accesso oltre che quella del riutilizzo, sia perché è più marcata la responsabilizzazione delle p.a. verso la messa a disposizione di informazioni e dati. Su questa base si innestano iniziative del Ministero per la funzione pubblica (si v. il sito dati.gov.it) che ha promosso la definizione di licenze open data (Open Data License - IODL) volte alla liberazione e valorizzazione dei dati pubblici. In questo contesto, l Agenzia per l'italia digitale svolge un ruolo rilevante, dal momento che il Codice dell amministrazione digitale (sempre all art. 52) le affida il compito di promuovere le politiche di valorizzazione del patrimonio informativo pubblico nazionale, ed in tal senso ogni anno definisce contenuti e gli obiettivi delle politiche di valorizzazione del patrimonio informativo pubblico e un rapporto annuale sullo stato del processo di valorizzazione in Italia. Scorrendo l elenco dei dataset disponibili, e delle applicazioni per la loro fruizione (a fini commerciali e non: sempre in dati.gov.it) si può meglio cogliere la portata di queste previsioni, in primo luogo per lo sviluppo di iniziative imprenditoriali ma non meno in un ottica di trasparenza (pensiamo, in quest ultimo senso, ad esperienze di data gov come wheremymoneygoes.com ). Il codice dell amministrazione digitale, infine, all art. 68 fornisce una serie di definizioni (tra le quali quella di dato aperto, utili per comprendere la normativa ma anche il fenomeno in sé). Art. 68, comma 3. Ai fini del presente decreto si intende:

17 b) dati di tipo aperto, i dati che presentano le seguenti caratteristiche: 1) sono disponibili secondo i termini di una licenza che ne permetta l'utilizzo da parte di chiunque, anche per finalità commerciali, in formato disaggregato; 2) sono accessibili attraverso le tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche pubbliche e private, in formati aperti ai sensi della lettera a), sono adatti all'utilizzo automatico da parte di programmi per elaboratori e sono provvisti dei relativi metadati; 3) sono resi disponibili gratuitamente attraverso le tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche pubbliche e private, oppure sono resi disponibili ai costi marginali sostenuti per la loro riproduzione e divulgazione. L'Agenzia per l'italia digitale deve stabilire, con propria deliberazione, i casi eccezionali, individuati secondo criteri oggettivi, trasparenti e verificabili, in cui essi sono resi disponibili a tariffe superiori ai costi marginali 7. Open data e decreto trasparenza Il recente decreto trasparenza articola ulteriormente le prospettive dell open data government, sia rinforzando la prospettiva di un ampia disponibilità di informazioni fruibili da chiunque, sia definendo il regime di questa forma di pubblicità on line: un regime coerente con i paradigmi dell open data government. In termini di principio, il nuovo concetto di trasparenza, che concorre ad attuare i principi costituzionali (di eguaglianza, imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza nell utilizzo di

18 risorse pubbliche, integrità e lealtà nel servizio alla nazione), é condizione di garanzia delle libertà individuali e collettive, nonché dei diritti civili, politici e sociali, integra il diritto ad una buona amministrazione e concorre alla realizzazione di una amministrazione aperta, al servizio del cittadino (art. 1, comma 2). Una trasparenza, dunque, strumento dell amministrazione aperta, che si traduce nel diritto di chiunque di disporre dei dati pubblici: tutti i dati e documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria in base al decreto sono pubblici, ed assoggettati ad un regime che comporta (art. 3) il fatto che chiunque ha diritto di conoscerli, di fruirne gratuitamente e di utilizzarli e riutilizzarli. Questa riutilizzabilità è più ampiamente regolata dall art. 7 (titolato Dati aperti e riutilizzo ): Art. 7, comma 1. I documenti, le informazioni e i dati oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente, resi disponibili anche a seguito dell'accesso civico di cui all'articolo 5, sono pubblicati in formato di tipo aperto ai sensi dell'articolo 68 del Codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e sono riutilizzabili ai sensi del decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, senza ulteriori restrizioni diverse dall'obbligo di citare la fonte e di rispettarne l'integrità. Questa previsione si integra, peraltro, con quanto previsto in via generale dall art. 3.

19 Art. 3, comma 1. Tutti i documenti, le informazioni e i dati oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente sono pubblici e chiunque ha diritto di conoscerli, di fruirne gratuitamente, e di utilizzarli e riutilizzarli ai sensi dell'articolo 7. In sostanza, rispetto alle limitazioni che caratterizzano il riutilizzo come definito in via generale dal d.lgs. 36 del 2006, i dati obbligatoriamente pubblici perché assoggettati al regime di trasparenza totale del d.lgs. 33 del 2013: per questi dati vengono meno i difetti del regime del riutilizzo (il fatto di dipendere da scelte delle singole amministrazioni, di essere nel formato in cui si trovano, di essere soggetti a licenze anche eccessivamente onerose): i dati individuati dal decreto 33 sono, infatti pubblicati in formato di tipo aperto e riutilizzabili senza restrizioni (sostanzialmente, sulla base di limitati vincoli propri delle esperienze di creative commons: i soli obblighi di citare la fonte e rispettare l integrità del dato). Dei paradigmi dell open data, il decreto riprende quindi tanto la partecipazione universale (chiunque ha diritto di disporre dei dati pubblici), la piena riutilizzabilità ( senza ulteriori restrizioni diverse dall obbligo di citare la fonte e di rispettarne l integrità ), in formato che ne renda agevole la fruizione (un formato di tipo aperto ). 8. Open data e qualità dei dati pubblici Perché sia possibile, e fruttuosa, una strategia di riutilizzo ed open data (sia per finalità di trasparenza che di valorizzazione anche economica dei dati), è necessario disporre di dati di qualità. Questa questione è rilevante sotto più prospettive: in primo luogo, la qualità va intesa

20 come effettiva, agevole e semplice riutilizzabilità, ed in questo senso integra i paradigmi dell open data (come linked oper data). La qualità va intesa, inoltre, come standardizzazione ed omogeneità, dal momento che questo è condizione di confrontabilità delle diverse situazioni (a fini di trasparenza), integrazione delle basi di dati, costruzione di un sistema di informazioni relative ad un ambito che vada oltre il recinto delle singole amministrazione. L Agenzia per l Italia digitale svolge un ruolo importante in questa prospettiva, dal momento che definisce e aggiorna annualmente le linee guida nazionali che individuano gli standard tecnici, compresa la determinazione delle ontologie dei servizi e dei dati, le procedure e le modalità di attuazione [ ] l'obiettivo di rendere il processo omogeneo a livello nazionale, efficiente ed efficace. Le pubbliche amministrazioni [ ] si uniformano alle suddette linee guida. Complessivamente, rispetto a queste tematiche risulta decisiva la definizione delle regole tecniche previste dall art. 71 del Codice dell amministrazione digitale. La qualità comprende, infine, tutti i requisiti attesi da parte dei fruitori delle informazioni (che, nella prospettiva del decreto trasparenza sono in primo luogo i cittadini, ma possono essere anche le altre amministrazioni od operatori economici). Rientrano in quest ambito la completezza, l integrità, l aggiornamento dei dati, la loro semplicità di consultazione. Quanto alle questioni relative all aggiornamento ed alla stabilità dei dati, l art. 8 del decreto trasparenza prevede che i documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria sono pubblicati tempestivamente sul sito istituzionale dell'amministrazione, sono pubblicati e mantenuti aggiornati e restano pubblici per un periodo di 5 anni, decorrenti dal

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Approvato con Delibera di G.P. n. 141775/456 del 06/12/2013

Dettagli

Vademecum. Open Data. Come rendere aperti i dati delle. pubbliche amministrazioni

Vademecum. Open Data. Come rendere aperti i dati delle. pubbliche amministrazioni Vademecum Open Data Come rendere aperti i dati delle pubbliche amministrazioni Versione Beta 2011 2 3 Il presente documento, realizzato nell ambito delle attività finalizzate alla elaborazione delle Linee

Dettagli

LA TRASPARENZA DELLA PA SUI SITI WEB Open data e riutilizzo nel d.lgs. n. 33/2013 Roma, 15 ottobre 2014 Chiara Romano

LA TRASPARENZA DELLA PA SUI SITI WEB Open data e riutilizzo nel d.lgs. n. 33/2013 Roma, 15 ottobre 2014 Chiara Romano LA TRASPARENZA DELLA PA SUI SITI WEB Open data e riutilizzo nel d.lgs. n. 33/2013 Roma, 15 ottobre 2014 Chiara Romano "Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

Comune di Lograto. Provincia di Brescia

Comune di Lograto. Provincia di Brescia Comune di Lograto Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) (approvato con la deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) INDICE Pagina TITOLO I Disposizioni Generali

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

web: http://sardiniaopendata.org/ e-mail: sardiniaopendata@gmail.com twitter: sard_opendata facebook: Sardinia Open Data (pagina)

web: http://sardiniaopendata.org/ e-mail: sardiniaopendata@gmail.com twitter: sard_opendata facebook: Sardinia Open Data (pagina) web: http://sardiniaopendata.org/ e-mail: sardiniaopendata@gmail.com twitter: sard_opendata facebook: Sardinia Open Data (pagina) Make a beautiful website, but first give us the unadulterated data, we

Dettagli

Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015

Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015 Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015 REGOLAMENTO: Modalità di pubblicazione del catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati e per l esercizio della facoltà di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 18 del 24/03/2015

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 18 del 24/03/2015 CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati

Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati COMUNE DI LUSIANA Provincia di Vicenza Progetto: Regolamento Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati Redatto ai sensi dell art. 52, comma 1, del D.Lgs. 82/2005 e successive

Dettagli

COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati

COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati Versione 1.0.0 1 SOMMARIO 1 APPROVAZIONI...3 2 LISTA DI DISTRIBUZIONE...3 3 REVISIONI...3 4

Dettagli

DATI GEOGRAFICI liberi occasione di crescita e sviluppo

DATI GEOGRAFICI liberi occasione di crescita e sviluppo DATI GEOGRAFICI liberi occasione di crescita e sviluppo - m.fodera@studiotopografia.it http://www.gsidibiella.com/files/digitalizzazione.gif http://www.interworldna.com/images/gtco/gtco-acculit.jpg 2 http://www.slideshare.net/jhoechtl/open-linked-data-as-part-of-a-government-enterprise-architecture

Dettagli

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Massa Carrara ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

D.G. Semplificazione e digitalizzazione

D.G. Semplificazione e digitalizzazione Bollettino Ufficiale 51 D.G. Semplificazione e digitalizzazione D.d.g. 10 luglio 2012 - n. 6115 Approvazione del Piano di governance Open Data per il sistema regionale, in attuazione della d.g.r. n. 2904

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Il presente regolamento è emanato ai sensi dell art. 2 comma 2 bis del D.L. 31 agosto 2013 n. 101, convertito nella L. 30 ottobre 2013 n. 125.

Il presente regolamento è emanato ai sensi dell art. 2 comma 2 bis del D.L. 31 agosto 2013 n. 101, convertito nella L. 30 ottobre 2013 n. 125. Regolamento recante obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte dell Ordine degli avvocati presso l ex Tribunale di Sanremo Il presente regolamento è emanato ai sensi dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Allegato 1) PTPC del Comune di Panicale PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL'AMMINISTRAZIONE Accanto al diritto di accesso

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T.

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 7 I siti web delle scuole dopo il D. Lgs. n. 33/2013 1 of 20 Nel corso degli anni i siti web

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dei Consigli territoriali

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Verona ai

Dettagli

OPENDATA & SOCIALMEDIA: risorse per le startup. #legalsupersummit

OPENDATA & SOCIALMEDIA: risorse per le startup. #legalsupersummit OPENDATA & SOCIALMEDIA: risorse per le startup #legalsupersummit mi presento !! La tecnologia... è una cosa curiosa. Ti dà grandi doni in una mano, e ti pugnala alle spalle con l'altra. (Charles Percy

Dettagli

LINEE GUIDA RELATIVE AL RIUTILIZZO E ALL'INTERSCAMBIO DEL PATRIMONIO INFORMATIVO REGIONALE

LINEE GUIDA RELATIVE AL RIUTILIZZO E ALL'INTERSCAMBIO DEL PATRIMONIO INFORMATIVO REGIONALE Allegato 1 LINEE GUIDA RELATIVE AL RIUTILIZZO E ALL'INTERSCAMBIO DEL PATRIMONIO INFORMATIVO REGIONALE 1. Premessa L Unione Europea attribuisce al riutilizzo delle informazioni del settore pubblico un ruolo

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Smart City Exhibition 2013 Dall informazione pubblica alla crescita economica: gli open data come veicolo di sviluppo

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

Software libero, hardware libero e bene comune

Software libero, hardware libero e bene comune Software libero hardware libero e bene comune Ivrea, 26 Giugno 2015 Bene Comune Casa Comune Beni Comuni Laudato si Bene Comune: 28 occorrenze Casa Comune: titolo e 12 occorrenze Laudato si IV. IL PRINCIPIO

Dettagli

Privacy vs Trasparenza

Privacy vs Trasparenza F I R E N Z E 2 0 1 4 E-Privacy 5 aprile 2014 Firenze - Palazzo Vecchio Privacy vs Trasparenza Image s credits http://www.flickr.com/photos/eldave/ L. 190/2012 art. 1. comma 35 Il Governo è delegato ad

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA L'art. 10 del Decreto legislativo 14.3.2013, n. 33, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5.4.2013, prescrive

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015. (Ai sensi dell art. 10 del D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015. (Ai sensi dell art. 10 del D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (Ai sensi dell art. 10 del D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013) Sommario PREMESSA... 3 RIFERIMENTI NORMATIVI: PRINCIPIO GENERALE DI TRASPARENZA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

Comune di AVELLA. Relazione del 18 novembre 2010. Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione

Comune di AVELLA. Relazione del 18 novembre 2010. Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione Provincia di Avellino Relazione del 18 novembre 2010 Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione 1 1. Contesto normativo e strategico 2. La progettazione dell albo pretorio elettronico

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Capo I Definizioni e principi generali Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte

Dettagli

Luca Milani Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Affari istituzionali - Servizio archivistico

Luca Milani Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Affari istituzionali - Servizio archivistico Tracce digitali Trasparenza e accessibilità dei siti web della PA Luca Milani Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Affari istituzionali - Servizio archivistico 10 giugno 2015 Archivisti *el web

Dettagli

e Pubblica Amministrazione

e Pubblica Amministrazione Open Data e Pubblica Amministrazione SOMMARIO L Open data esprime l idea che i dati dovrebbero essere liberamente disponili a tutti per essere utilizzati, senza restrizioni legate a copyright, licenze

Dettagli

1- Premessa... 2. 2- Riferimenti normativi... 2. 3- Obiettivi del programma triennale. 3. 5- Sanzioni. 4. 6- Dati da pubblicare. 5

1- Premessa... 2. 2- Riferimenti normativi... 2. 3- Obiettivi del programma triennale. 3. 5- Sanzioni. 4. 6- Dati da pubblicare. 5 CONSORZIO CIMITERO CARDITO-CRISPANO Provincia di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE N. 28 DEL 14.11.2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA - 2014-2016 -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA - 2014-2016 - Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA - 2014-2016 - del 1. INTRODUZIONE 1.1 ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura

Dettagli

Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015

Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 1 INDICE PREMESSA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA 1. INTRODUZIONE 2. I Dati 3. PROCEDIMENTO DI ELABORAZIONE E DI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

Il paradigma dei dati aperti

Il paradigma dei dati aperti ETICA 2013-2015 Migliorare la performance e accrescere la trasparenza attraverso le nuove tecnologie Il paradigma dei dati aperti Autore: Gianluigi Cogo, Ernesto Belisario Creatore: Formez PA, Progetto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013 2015 PREMESSA II presente documento ha l'intento di fornire una visione d'insieme sui compiti istituzionali e sull'organizzazione di questo Comune

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2016-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2016-2017 Città di Tortona Provincia di Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2016-2017 (Art. 10 del D.Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Consigli territoriali dell Ordine degli ingegneri ai sensi

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017 Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 2015 2017 1. Introduzione Il decreto legislativo n.150/2009 stabilisce che le Pubbliche Amministrazioni devono assicurare l'accessibilità totale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALBENGA II di ALBENGA (SV) Via Mameli, n 24 (0182/541610 Fax 0182/571971

ISTITUTO COMPRENSIVO ALBENGA II di ALBENGA (SV) Via Mameli, n 24 (0182/541610 Fax 0182/571971 ISTITUTO COMPRENSIVO ALBENGA II di ALBENGA (SV) Via Mameli, n 24 (0182/541610 Fax 0182/571971 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA AI SENSI DELL ARTICOLO 10 DEL D.Lgs. 33/2013 ANNI 2014-2015

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ RELATIVO AL TRIENNIO 2015/2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ RELATIVO AL TRIENNIO 2015/2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ RELATIVO AL TRIENNIO 2015/2017 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. del / /2015. Il presente documento costituisce l aggiornamento del

Dettagli

Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale

Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale Servizi di Staff della Direzione Generale Servizio Affari Generali e Normativa Istituzionale AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI CONTENUTI ANCHE IN ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI,

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Testo corredato da note esplicative

Testo corredato da note esplicative DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33 Recante Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni Normativa

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-2013-2014 (Attuazione dell art.11, comma 8, lett.a, D.Lgs 27 ottobre 2009, n.150) 1. PREMESSA Con la redazione del presente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA EL' INTEGRIT À (2014-2016)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA EL' INTEGRIT À (2014-2016) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA EL' INTEGRIT À (2014-2016) Consiglio Nazionale Econo mia e Lavoro 363-13.6-28/01 /2014-CNEL-SG-P PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (2014-2016)

Dettagli

COMUNE DI SAN MAURO FORTE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016

COMUNE DI SAN MAURO FORTE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 COMUNE DI SAN MAURO FORTE PROVINCIA DI MATERA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 A cura del dott. Giuseppe Romano Segretario comunale Responsabile della trasparenza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA

ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA 1 ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Nazionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane

Dettagli

I siti web pubblici. Ing. Elena Tabet DigitPA. Perugia, 11 aprile 2011

I siti web pubblici. Ing. Elena Tabet DigitPA. Perugia, 11 aprile 2011 I siti web pubblici Ing. Elena Tabet DigitPA Perugia, 11 aprile 2011 Contesto Necessita di integrare la realtà del web all interno di una comunicazione istituzionale e/o finalizzata a certi servizi Regole

Dettagli

PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY

PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY (AGGIORNATO AL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI N. 243 DEL 15/05/2014) Aggiornamento: 20 giugno 2014 Sommario PREMESSA...3 PUBBLICAZIONI

Dettagli

I principi fondanti della rete si possono dividere in cinque sezioni, che identificano gli ambiti a cui tali principi afferiscono:

I principi fondanti della rete si possono dividere in cinque sezioni, che identificano gli ambiti a cui tali principi afferiscono: La posizione italiana sui principi fondamentali di Internet Preambolo Internet ha sostanzialmente trasformato, se non addirittura rivoluzionato, il nostro modo di comunicare, di scambiare informazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI ALLEGATO GCN 166/2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013 2014-2015 (Approvato con delibera di giunta comunale n.166 del 03/10/2013) 1.PREMESSA Le recenti e numerose modifiche

Dettagli

PA: opportunità e competenze per e con gli Open Data

PA: opportunità e competenze per e con gli Open Data PA: opportunità e competenze per e con gli Open Data Nello Iacono Presidente Istituto Italiano Open Data Vicepresidente Associazione Stati Generali dell Innovazione 1 L Istituto Italiano Open Data: quale

Dettagli

Questi sistemi hanno le tipiche caratteristiche di tutti i sistemi software custom:

Questi sistemi hanno le tipiche caratteristiche di tutti i sistemi software custom: 3.9 NORMATIVA SUL RIUSO DEL SOFTWARE NELLA PA La Commissione propone che la commmissione tecnico-giuridica che studi la revisione della normativa, di cui alla proposta n. 3.1, valuti anche la problematica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2016-2017 SOMMARIO

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2016-2017 SOMMARIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2016-2017 SOMMARIO 1 - Premessa pag. 2 2 - Organizzazione e funzioni dell'ente pag. 3 3 - Il programma Triennale della Trasparenza del Comune

Dettagli

Comune di Faenza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI FAENZA 2014-2016

Comune di Faenza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI FAENZA 2014-2016 Comune di Faenza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI FAENZA 2014-2016 PREMESSA Con la redazione del presente Programma triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

SETA SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 16.02.2015

SETA SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 16.02.2015 SETA SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 16.02.2015 1 Sommario Fonti di riferimento pag. 3 I contenuti del Programma pag. 3

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 - PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016-1 1. Introduzione: organizzazione e funzioni del Comune. Con l approvazione del presente Programma Triennale della Trasparenza e dell

Dettagli

Accesso ai documenti amministrativi informatici

Accesso ai documenti amministrativi informatici Accesso ai documenti amministrativi informatici Circolo Giuristi Telematici 1 Definizione di documento amministrativo art. 22 l. 241/90: ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica

Dettagli

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 1 2 INDICE 1- PREMESSA 2- NORMATIVA 3- ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE 4- SITO WEB ISTITUZIONALE

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

ODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 37 del 12.10.2013

ODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 37 del 12.10.2013 COPIA PER ALBO ON-LINE ODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 15 novembre 2014 Daniela Sangiovanni Comunicazione e Ufficio stampa Policlinico S,Orsola ACCESSIBILITÀ Gli Stati dovrebbero riconoscere l importanza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1 - INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura organizzativa dell Ente prevede la presenza

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE PORTALE INTERNET

REGOLAMENTO GESTIONE PORTALE INTERNET COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG Provincia di Trento REGOLAMENTO GESTIONE PORTALE INTERNET INDICE Art. 1 - Scopo ed oggetto Art. 2 - Principi Art. 3 - Contenuti del portale internet Art. 4 - Accesso e responsabilità

Dettagli

Audizione. Assinform

Audizione. Assinform Audizione di Assinform Associazione italiana dell Information Technology presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) del Senato della Repubblica nell ambito dell esame del disegno

Dettagli

Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia

Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia 1 Costruzione della Comunità DoQui Indice dei Contenuti principi, regole e modelli organizzativi licensing del software open source nella PA opportunità,,

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCHIO Provincia di Mantova PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA - 2013-2015 -

COMUNE DI CASTELLUCCHIO Provincia di Mantova PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA - 2013-2015 - COMUNE DI CASTELLUCCHIO Provincia di Mantova PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA - 2013-2015 - Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 9 del 31/01/2014 INTRODUZIONE 1.1 ORGANIZZAZIONI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. Comune di Arnesano

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. Comune di Arnesano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Comune di Arnesano Approvato con deliberazione di GC n. 09 del 30/01/2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PREMESSE

Dettagli

Documentazione di Sistema D. Lgs. 196/2003. PRIVACY POLICY PER IL SITO WEB www.algherohostel.com

Documentazione di Sistema D. Lgs. 196/2003. PRIVACY POLICY PER IL SITO WEB www.algherohostel.com PERCHE QUESTO AVVISO Pagina 5 In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016. Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016. Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con deliberazione di Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20 marzo 2014 1 Indice 1. Definizioni e normativa di riferimento... 3 Definizioni

Dettagli

OPEN DATA L ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA

OPEN DATA L ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA OPEN DATA L ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Ferdinando Ferrari Programmazione integrata e Finanza Semplificazione Attuazione delle agende regionali di semplificazione e digitalizzazione Giugno 2013 L AGENDA

Dettagli

Linee guida per la fruibilità di dati delle pubbliche amministrazioni - art. 58 comma 2 del CAD ALLEGATI

Linee guida per la fruibilità di dati delle pubbliche amministrazioni - art. 58 comma 2 del CAD ALLEGATI Linee guida per la fruibilità di dati delle pubbliche amministrazioni - art. 58 comma 2 del CAD ALLEGATI 22 aprile 2011 Allegato 1 Principali norme di riferimento Decreto Legislativo 30 dicembre 2010 n.

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

Guida Utente Open Data - Provincia di Pisa

Guida Utente Open Data - Provincia di Pisa Guida Utente Open Data - Provincia di Pisa Gli Open Data sono consultabili sul sito web della Provincia nella pagina Open Data all interno della Sezione Innovazione e Statistica, al seguente link: http://www.provincia.pisa.it/interno.php?id=47866&lang=it

Dettagli

Delibera: 36 / 2014 del 29/04/2014. Comune di Cagliari PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

Delibera: 36 / 2014 del 29/04/2014. Comune di Cagliari PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Comune di Cagliari PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 INDICE 1. Premessa Quadro normativo. 2. Organizzazione del Comune 3. Trasparenza e programma amministrativo 4. Programma

Dettagli

Open data, per una infrastruttura dell economia della conoscenza. 1 di 140

Open data, per una infrastruttura dell economia della conoscenza. 1 di 140 Open data, per una infrastruttura dell economia della conoscenza 1 di 140 Con dati aperti (Open Data) si fa riferimento ad una filosofia e al tempo stesso una pratica - che implica che alcune tipologie

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

COMUNE DI SOVERZENE Provincia di Belluno

COMUNE DI SOVERZENE Provincia di Belluno COMUNE DI SOVERZENE Provincia di Belluno Via Val Gallina, 5-32010 Soverzene 0437/998118 - fax 0437/998942 e-mail: soverzene@clz.bl.it - PEC: comune.soverzene.bl@pecveneto.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli