CORSO INTEGRATO DI FISIOPATOLOGIA GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO INTEGRATO DI FISIOPATOLOGIA GENERALE"

Transcript

1 II anno CORSO INTEGRATO DI FISIOPATOLOGIA GENERALE Settori scientifico-disciplinari: MED/04 Elementi di fisiopatologia, MED/04 Fisiopatologia endocrina e del metabolismo, MED/06 Oncologia medica, MED/11 Malattie dell apparato cardiovascolare, MED/13 Endocrinologia Prof. Francesco Curcio Elementi di fisiopatologia Fisiopatologia del sangue: composizione e funzioni del plasma, caratteristiche, struttura e funzioni delle proteine plasmatiche; metodi di separazione delle proteine plasmatiche; alterazioni delle albumine; apoproteine; lipoproteine; struttura delle lipoproteine; metodi di separazione delle lipoproteine. Fisiopatologia del metabolismo lipoproteico: funzione delle lipoproteine; trasporto dei lipidi endogeni; trasporto dei lipidi esogeni; trasporto inverso del colesterolo; iperlipoproteinemie: ipercolesterolemie, ipertrigliceridemie, iperlipemia familiare combinata; iperlipoproteinemia di tipo III; dislipidemie secondarie. Fisiopatologia degli eritrociti: struttura e funzione degli eritrociti; eritropoiesi; regolazione dell eritropoiesi; metabolismo del ferro: assorbimento, captazione, trasporto, utilizzazione, deposito; metabolismo della vit. B12: assorbimento, trasporto, utilizzazione; metabolismo acido folico; modificazioni morfologiche degli eritrociti; Anemie: struttura funzione e sintesi della emoglobina; metemoglobina e carbossiemoglobina; emocataresi; anemia sideropenica, anemia megaloblastica, anemia sideroblastica. Fisiopatologia del metabolismo purinico e pirimidinico: gotta e iperuricemie; sindrome di Lesch-Nyhan; oroticoaciduria. Fisiopatologia dell apparato Gastro-Intestinale: ormoni gastro-intestinali; assorbimento intestinale; sindromi da malassorbimento: forme primarie, secondarie; malassorbimento globale, selettivo; morbo celiaco, sprue tropicale, sindrome Zollinger-Ellison. Fisiopatologia del fegato: struttura, organizzazione e vascolarizzazione del fegato; composizione della bile, biligenesi; circolo entero-epatico dei sali biliari; funzioni dei sali biliari; regolazione del metabolismo lipidico, protidico, omeostasi glicemica, funzione detossificante del fegato; esplorazione funzionale; lesioni epatiche forme primarie e secondarie; processi degenerativi; necrosi; rigenerazione; fibrosi; morbo di Wilson; aceruloplasminemia congenita; cirrosi. Fisiopatologia endocrina e del metabolismo Fisiopatologia del sistema endocrino. Il sistema endocrino. Meccanismi di controllo e di regolazione delle ghiandole endocrine. Definizione, caratteristiche e classificazione degli ormoni. Rapporti tra struttura e funzione degli ormoni: gli effetti ormonali. Biosintesi. Trasporto, catabolismo ed escrezione degli ormoni. Basi molecolari dell azione ormonale. Struttura e caratteristiche dei recettori presenti sulla membrana plasmatica (recettore di tipo adrenergico, tirosinochinasico, dei fattori di crescita). Meccanismi di trasduzione dell azione ormonale: attivazione delle chinasi (le G proteine e gli inositolo fosfati), fosforilazione di substrati specifici. Coperatività positiva e negativa; concetto di down regulation e di spill over. struttura dei recettori nucleari: caratteristiche dei recettori per gli ormoni steroidei e dei recettori per gli ormoni tiroidei; Meccanismi di regolazione della trascrizione ad opera degli ormoni steroidei e tiroidei. Definizione, classificazione, caratteristiche ed esempi delle sindromi da resistenza ormonale. Etiologia delle alterazioni del sistema endocrino. Infiammazioni acute e croniche (da virus, batteri o miceti). Patologie autoimmunitarie. Tumori benigni (adenomi - feocromocitoma) e maligni (adenocarcinomi). Patogenesi, epidemiologia e caratteristiche delle sindromi polighiandolari (MEN-1 e MEN-2). Il sistema neuroendocrino. I neurotrasmettitori: classificazione, regolazione della sintesi e secrezione. Controllo della sintesi degli ormoni ipofisari: azione stimolante (releasing factors) o inibente. Gli ormoni della neuroipofisi. Sede di sintesi, vie di trasporto diencefalo-ipofisi. Classificazione, struttura, funzioni. La vasopressina: meccanismi di regolazione della sintesi e secrezione (ruolo della ipovolemia e del volume plasmatico). Recettori, meccanismo d azione effetti a livello renale e cardiaco. Classificazione ed etiopatogenesi delle alterazioni del metabolismo idrico-salino. Diabete insipido vasopressina sensibile e forma vasopressina resistente o nefrogenico. Caratteristiche della sindrome da inappropiata secrezione di vasopressina.

2 Meccanismo d azione ed effetti dell ossitocina. L adenoipofisi. Classificazione e caratterizzazione istologica ed istochimica delle cellule dell adenoipofisi. Gli ormoni sintetizzati e secreti dalla adenoipofisi: classificazione. Rapporti tra struttura e funzione degli ormoni glicoproteici (TSH, FSH, LH). Regolazione della sintesi dell ormone della crescita (GH). Rapporti tra struttura e funzione del GH: effetti diretti ed indiretti. Cause genetiche (mutazioni del gene del GH o del gene dei fattori di trascrizione) o acquisite che Danno luogo ad una mancata o alterata sintesi di Gh: il nanismo ipofisario. Resistenza all azione del GH: difetto del recettore del GH, alterata sintesi delle somatomedine (IGF 1), difetto del recettore dell IGF 1. Etiopatogenesi del gigantismo e dell acromegalia: alterazioni metaboliche e scheletriche. La prolattina: struttura, funzione, sistemi di controllo della sintesi e della secrezione. I prolattinomi: classificazione, caratteristiche ed alterazioni funzionali. Fisiopatologia della ghiandola tiroide. Meccanismi di controllo: a) il fattore rilasciante la tireotropina (TRH): struttura e meccanismo d azione; b) sostanze inibenti la sintesi di TSH: feedback ipotalamico ed ipofisario. L ormone tireotropo (TSH): struttura, azione ed effetti sulla cellula tiroidea. La struttura del recettore del TSH e le modificazioni strutturali dovute alle mutazioni del gene. Struttura e sintesi degli ormoni tiroidei: ciclo dello iodio extra ed intratiroideo (la pompa degli ioduri, la formazione dello iodio organico). Biosintesi, iodazione, struttura, meccanismi di deposito e di degradazione della tireoglobulina. Concentrazione sierica degli ormoni liberi e legati: i sistemi di trasporto degli ormoni tiroidei, Alterazioni qualitative e quantitative delle proteine di trasporto. Gli effetti degli ormoni tiroidei: sulla crescita, sullo sviluppo del sistema nervoso, sul trofismo cellulare, sui sistemi cardiocircolatorio, gastrointestinale, sul metabolismo proteico e lipidico ed energetico. Struttura del recettore dell ormone tiroideo e meccanismo d azione. Meccanismi di desiodazione periferica della tiroxina: caratteristiche, sedi di sintesi e sindromi da alterata azione delle desiodasi. Le sindromi di resistenza agli ormoni tiroidei: classificazione etiopatogenetica e conseguenze funzionali. Ipotiroidismo primario o congenito: difetti dell ormonogenesi da alterata sintesi della tireoglobulina, da difetto della perossidasi o delle desiodasi. Ipotiroidismo secondario (gozzo endemico) da difetto di iodio ambientale: cause, epidemiologia, manifestazioni patologiche. Ipertiroidismo primario: classificazione ed etiopatogenesi delle forme. Ipertiroidismo secondario: - da alterato controllo dell asse ipotalamo-ipofisi-tiroide; - da produzione di autoanticorpi (l autoimmunità tiroidea: classificazione e meccanismo d azione degli anticorpi antitiroide) - il morbo di Graves o di Flajani-Basedow. Patogenesi e caratteristiche dell esoftalmo, della tireotossicosi e del gozzo. Etiopatogenesi, caratteristiche istologiche e alterazioni funzionali delle tiroiditi. Classificazione, cancerogenesi dei tumori tiroidei. Fisiopatologia della corticale del surrene. Meccanismi di controllo della sintesi degli ormoni della corticale del surrene: a - fattori ipotalamici che regolano la secrezione della corticotropina (ACTH). Meccanismi che controllano la sintesi dell aldosterone: il sistema renina-angiotensina, sintesi ed effetti delle angiotensine. Il precursore e le tappe della biosintesi degli ormoni steroidei. Classificazione, ereditarietà, incidenza e caratteristiche delle sindromi adiposo-genitali. Gli ormoni mineraloattivi: struttura e funzione. Trasporto e catabolismo dell aldosterone. Effetti dell aldosterone: la regolazione dell equilibrio idrico-salino. Etiopatogenesi dell iperaldosteronismo primario (morbo di Conn). Classificazione etiopatogenetica dell iperaldosteronismo secondario: le alterazioni dell equilibrio idrico-salino. L ipertensione da eccessiva produzione di renina. L ormone corticotropo (ACTH) struttura, azione ed effetti sulla cellula bersaglio. Gli ormoni glicoattivi: struttura e funzione. Trasporto, semivita biologica, organi bersaglio e catabolismo. Effetti: regolazione del metabolismo glicidico, proteico e lipidico. Etiologia dell ipercorticosurrenalismo primario (morbo di Cushing). Patogenesi delle alterazioni metaboliche. Etiopatologia dell ipercorticosurrenalismo secondario. Variazioni dei parametri endocrini e metabolici nella forma primaria e/o secondaria. Sindromi da cortisolo resistenza. L ipocorticosurrenalismo: etiologia della forma cronica (morbo di Addison) e patogenesi delle Alterazioni metaboliche ed endocrine. Etiopatogenesi dell insufficienza corticosurrenele acuta (morbo di Waterhouse-Friderichsen) e caratteristiche.

3 Fisiopatologia della midollare del surrene Tappe della biosintesi delle cate-colamine. L adrenalina e la nor-adrenalina: struttura e funzione. Meccanismi di controllo della secrezione dei due ormoni. Meccanismo d azione dell adrenalina: i recettori alfa e beta. Trasporto e catabolismo delle catecolamine. Effetti delle catecolamine: sul metabolismo glicidico, su organi ed apparati (cardiocircolatorio, gastrointestinale, respiratorio, ecc.). Etiopatogenesi dell alterata secrezione di catecolamine: lo shock. Iperproduzione delle catecolamine: i tumori ipersecernenti (il feocromocitoma), variazioni funzionali e metaboliche. Fisiopatologia della funzione gonadica. Le gonadotropine: classificazione, controllo ipotalamico della sintesi, meccanismo d azione ed effetti dell ormone follicolostimolante e luteinizzante. Gli ormoni gonadici maschili: testosterone, deidrotestosterone ed estradiolo. Meccanismi che controllano la sintesi degli ormoni gonadici maschili: ipotalamici (l ormone rilasciante la gonadotropina GnRH), ipofisari (LH e FSH), del testicolo (inibina, testosterone, deidrotestorone e estradiolo). Etiopatogenesi e caratteristiche dell ipogonadismo maschile primario: anorchia bilaterale, criptorchidismo, aplasia delle cellule del Leydig, Sindrome di Klinefelter, sindrome di Noonan (Turner), blocco della sintesi di ormoni steroidei. Etiopatogenesi e caratteristiche dell ipogonadismo maschile secondario - dovuto ad un alterazione dell asse ipotalamo-ipofisi-gonadi: panipopitituarismo, deficiente secrezione del solo LH o di LH ed anche FSH, atassia cerebellare, ecc. Correlato ad un difetto dell azione degli ormoni androgeni. Deficienza di 5-alfa reduttasi, resistenza agli androgeni, ecc. Definizione ed etiologia dell impotenza e dell infertilità. Classificazione e caratteristiche dei tumori del testicolo. Gli ormoni dell ovaio: meccanismo di regolazione della sintesi,effetti; e metabolismo. Controllo del ciclo mestruale: etiopatogenesi dei disordini del ciclo. etiopatogenesi e caratteristiche dell ipogonadismo femminile primario: agenesia dell ovaio, Disgenesia delle gonadi (sindrome di Turner), difetto di 17-alfa idrossilasi, alterata maturazione sessuale. Etiopatogenesi e caratteristiche dell ipogonadismo femminile secondario: difetto di gonadotropine, tumori del diencefalo, tumori ipofisari (prolattinomi). Etiopatogenesi delle alterazioni correlate ad eccessiva produzione di androgeni: sindrome dell ovaio policistico, l irsutismo. Classificazione e caratteristiche dei tumori ovarici: delle cellule germinali (germinomi, teratomi, gonadoblastomi), mesenchimali (della granulosa, arrenoblastomi e androblastomi, ecc.). Classificazione, etiopatogenesi e caratteristiche delle principali alterazioni della differenziazione sessuale. Fisiopatologia degli ormoni pancreatici. Le cellule che sintetizzano gli ormoni pancreatici. gli ormoni pancreatici: sintesi, meccanismi di controllo della secrezione, rapporti tra struttura e funzione. Meccanismi di secrezione dell insulina e del glucagone. Le proteine trasportatrici il glucosio (GLUT): classificazione caratteristiche e funzioni. Meccanismo d azione dell insulina, del glucagone e della somatostatina. Effetti dell insulina e del glucagone sul metabolismo dei substrati energetici: carboidrati, lipidi, aminoacidi. Gli ormoni iperglicemizzanti: ruolo e meccanismo d azione dei fattori di crescita insulino simili, delle catecolamine, dell ormone della crescita e degli ormoni corticosurrenali glicoattivi nel controllo del metabolismo energetico. Fisiopatologia del metabolismo. Fisiopatologia del metabolismo energetico. Fisiopatologia dell utilizzazione dei principi energetici (carboidrati, proteine e grassi). Modificazioni metaboliche in corso di digiuno e durante la gravidanza. Le ipoglicemie: classificazione e meccanismi patogenetici. La tolleranza al glucosio e l iperglicemia. Classificazione delle forme di alterata tolleranza al glucosio. Il diabete mellito: classificazione. Il diabete di tipo 1: eziologia e patogenesi. Fenomei autoimmuni nel diabete di tipo 1. Il diabete di tipo 2: eziologia e patogenesi. L insulino-resistenza: cause e meccanismi molecolari. La secrezione insulinica nel diabete di tipo 2. Patogenesi delle complicanze croniche del diabete mellito. La retinopatia, la nefropatia, la neuropatia, l arteriosclerosi accelerata. Patogenesi delle complicanze acute del diabete mellito. La chetoacidosi diabetica. Il coma diabetico. Patogenesi e significato fisiopatologico dell intolleranza al glucosio e del diabete gestazionale. sindromi genetiche di estrema insulino-resistenza. L insulino-resistenza in condizioni di normotollerante; l insulino-resistenza nell ipertensione arteriosa sistemica e nell obesità. Il diabete sperimentale. Modelli animali di diabete di tipo 1 e 2. Fisiopatologia del metabolismo dei Lipidi.

4 Dislipidemie. L obesità: definizione e patogenesi. Modelli animali per lo studio dell obesità. L aterosclerosi. Oncologia medica Acquisizione delle conoscenze sui meccanismi biologici alla base delle malattie neoplastiche. Acquisizione delle conoscenze sulla storia naturale dei tumori più frequenti. Acquisizione delle conoscenze sulle misure di prevenzione primaria e secondaria (screening) delle neoplasie. Acquisizione delle conoscenze sull iter diagnostico-terapeutico delle principali neoplasie. Principi di Oncologia generale. Biologia della cellula neoplastica (il modello genetico, basi molecolari della cancerogenesi multifasica, modalità di diffusione dei tumori). Epidemiologia dei tumori. Screening e concetti di prevenzione. Intenti ed obiettivi in oncologia. Management del paziente oncologico. Approccio diagnostico generale al paziente oncologico. Classificazione dei tumori e generalità sui fattori prognostici. Approccio terapeutico al paziente oncologico: principi generali di chirurgia, chemioterapia, endocrinoterapia e radioterapia oncologica. Finalità e benefici dell approccio terapeutico multidisciplinare integrato. Valutazione della risposta terapeutica agli agenti anti-tumorali. Principi di sperimentazione clinica. Effetti collaterali della chemioterapia e presidi di supporto. Aspetti psicologici del paziente neoplastico. Assistenza infermieristica in oncologia medica. Ai diversi obiettivi sono adeguati metodi didattici distinti: - lezioni ed autoapprendimento; - insegnamento tutoriale in aula/ambulatorio/corsia. CASCIATO, LOWITZ, Manuale di oncologia clinica, Masson. Malattie dell apparato cardiovascolare L obiettivo del corso è quello di fornire i mezzi per una adeguata conoscenza dei meccanismi fisiopatologici dei più comuni quadri di patologia cardiovascolare. Lo studio di tale patologia è il presupposto fondamentale per comprendere il razionale degli esami che vengono quotidianamente eseguiti dal Laboratorio di Analisi Chimico-Cliniche. Cenni di Anatomia macro e microscopica e di fisiologia del cuore. Arteriosclerosi, aterosclerosi. Ipertensione arteriosa (primitiva e secondaria). Cardiopatia ischemica (IMA, Angina pectoris): con particolare approfondimento sui nuovi marcatori di danno cardiaco). Insufficienza cardiaca, Marcatori per la diagnosi di laboratorio di Scompenso cardiaco. Edema polmonare acuto. Trapianto cardiaco (con particolare riguardo alle problematiche di laboratorio nel follow-up), shock. Tromboembolia della polmonare (TEP), cenni sulla metodica di analisi del monitoraggio dell Equilibrio acido- Base. Mal. reumatica, valvulopatie (cenni), endocarditi. Mal. del miocardio e del pericardio. (cenni) Dei suddetti quadri patologici lo studente deve conoscere l eziologia e la fisiopatologia, con particolare attenzione alle problematiche inerenti agli esami di Laboratorio. Lezione. PONTIERI, RUSSO, FRATI, Patologia Generale, III ed., Piccin, 2005: II vol., capp ROBBINS, COTRAN, The Pathologic Basis of Disease, 2004 (solo per consultazione, capitoli sulla patologia cardiovascolare: capp. 4, 11-12).

5 Appunti e diapositive dalle Lezioni. Endocrinologia Fisiopatologia degli ormoni. Principi indagini di Laboratorio e relative metodiche. Uso e significato in Medicina delle determinazioni analitiche. Diagnostica Differenziale e cenni di Clinica nei seguenti Organi o Sistemi o Patologie: - Ormoni del Sistema Ipotalamo Ipofisario (cenni); - Ormoni della Tiroide; - Ormoni delle Paratiroidi e metabolismo osseo; - Ormoni del Corticosurrene (glucocorticoidi e androgeni surrenalici); - Ormoni della Midollare del Surrene (catecolamine); - Ormoni e Ipertensione endocrina (mineralcorticoidi, renina, etc.); - Ormoni della Crescita (cenni); - Ormoni del Sistema Riproduttivo e della Gravidanza (cenni); GREENSPAN, STREWLER, Endocrinologia generale e clinica, Piccin, Padova. FAGLIA, Malattie del sistema endocrino e del metabolismo, McGraw-Hill, Milano. PONTIERI, Fisiopatologia Generale, Piccin, Padova. CORSO INTEGRATO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA, MEDICINA LEGALE E NORME DI SICUREZZA E RADIOPROTEZIONE Settori scientifico-disciplinari: MED/42 Igiene generale ed applicata, MED/44 Medicina del lavoro Dott. Paolo Andrian Igiene generale e applicata Epidemiologia. Concetti generali. Tassi, proporzioni, rischio, prevalenza, incidenza. Rischio relativo e odds ratio. Standardizzazione diretta e indiretta. Fonti dei dati. Tipi di studio (sorveglianza epidemiologica, di coorte, caso-controllo). Test di screening (sensibilità, specificità, VPP, VPN). Concetti generali di prevenzione: primaria, secondaria, terziaria. Prevenzione e malattie infettive. Meccanismi di trasmissione e sistemi di controllo delle stesse. Infezioni ospedaliere. Epidemiologia. Fattori di rischio. Sistemi di sorveglianza epidemiologica. Sistemi di prevenzione. Vaccinazioni. Immunoprofilassi attiva e passiva. Tipologie di vaccini. Schedule vaccinali. Approccio alla vaccinazione dal punto di vista della sanità pubblica. Prevenzione e alimentazione. La corretta nutrizione. Le tossinfezioni alimentari. La ristorazione in ospedale. Organizzazione sanitaria. SSN attuale organizzazione ed evoluzione storica. Classificazione delle malattie. Flussi informativi obbligatori. Cenni ai sistemi di misura dei prodotti sanitari. Qualità dell assistenza. Aspetti generali della qualità in ambito sanitario. Accreditamento. Medicina del lavoro Infortuni e Malattie Professionali: definizioni, quadro epidemiologico e statistico.

6 Il Rischio in Sanità: rischio di incidente, di infortunio, di malattia professionale, di evento avverso (definizioni ed esempi). La Prevenzione del Rischio nella normativa attuale. I doveri del datore di lavoro. I diritti e i doveri del dipendente nel campo della prevenzione infortuni e malattie professionali. Il sistema assicurativo nazionale e i comportamenti in caso di infortunio o malattia professionale. I rischi in ambiente ospedaliero. I rischi in laboratorio. Il rischio biologico. Il rischio chimico. Il documento di valutazione dei rischi. I dispositivi di prevenzione collettiva e individuale. CORSO INTEGRATO DI BIOETICA, DEONTOLOGIA ED ETICA PROFESSIONALE Settori scientifico-disciplinari: MED/02 Storia della Medicina di laboratorio, MED/02 Bioetica applicata, M-PED/01 Educazione permanente, SECS-P/07 Economia aziendale Prof. F. Saverio Ambesi Impiombato Storia della medicina di laboratorio Fornire allo studente un quadro organico dell iter storico della medicina di laboratorio. Far acquisire consapevolezza dell importanza dei laboratori medici con particolare riguardo alla figura del tecnico di Laboratorio Biomedico. Far comprendere l importanza delle indagini di laboratorio per la formulazione di diagnosi mediche. Introduzione alla materia. Percorso storico della biologia: da Talete all era moderna. La nascita dei primi laboratori. L evoluzione dei laboratori, del personale e della strumentazione. I laboratori nell era moderna. Rilevanti scoperte in ambito scientifico e tecnologico e loro applicazioni in laboratorio. Responsabilità degli operatori in laboratorio. L istituzione del Servizio sanitario nazionale, confronto con altri servizi sanitari esteri. Lezioni frontali con l utilizzo di tecniche interattive. A. SERENI, Il Servizio sanitario nazionale, Edizione Sanitaria, Firenze. W.R. TREVATHAN ET AL., Evolutionary Medicine, University Press, Oxford. Bioetica applicata Storia e concetto di Bioetica. Bioetica e qualità della vita. Diagnosi prenatale e diagnosi genetiche. Il controllo di fertilità. Il consenso informato e il diritto alla verità. I trapianti d organo, di tessuto e di cellule. Le biotecnologie in Medicina. I problemi dell anziano. L eutanasia. Educazione permanente Il corso ha lo scopo di fornire allo studente i concetti di base sulla formazione degli adulti, sulle modalità di apprendimento, sui processi di cambiamento, su come coltivare l apprendimento nell intero arco della vita e come diventare formatori di se stessi. Lezioni frontali con lavori di gruppo

7 Economia aziendale Il corso mira a fornire le conoscenze di base circa le finalità e le caratteristiche dei sistemi di controllo economico in organizzazioni di servizi ad elevata complessità. In particolare, vengono approfonditi i concetti di responsabilità economica e responsabilità professionale, secondo una cultura organizzativa orientata al risultato. Vengono quindi analizzati i principali strumenti metodologici e tecnici per il controllo di gestione, con riferimento al quadro normativo vigente. Introduzione alle discipline economiche. La logica economica. L attività economica organizzata in aziende di servizi. Il modello azienda in sanità. Il ruolo dei fattori economici nelle riforme del SSN. Criteri di efficienza, efficacia, economicità, equità, appropriatezza. Introduzione ai sistemi di programmazione e controllo. Tipologie di controllo. L articolazione dei controlli interni. Il controllo di gestione. Gli strumenti del controllo di gestione. Correlazione tra responsabilità economiche ed organizzative. Centri di responsabilità e di costo. Il concetto di costo. Configurazioni e tipologie di costo. Criticità nell adozione di sistemi di controllo nelle aziende sanitarie. Evoluzione dei sistemi di controllo. Articoli tratti da libri e riviste del settore. Articoli da: ZANETTI, MONTAGUTTI, Il medico ed il management. E. BORGONOVI, Il controllo economico nelle aziende sanitarie, EGEA. N. DIRINDIN, Elementi di economia sanitaria, Il Mulino. G. MOONEY, Problemi chiave dell economia sanitaria, Il Pensiero Scientifico. Normativa vigente. CORSO INTEGRATO DI MICROBIOLOGIA CLINICA Settori scientifico-disciplinari: MED/07 Microbiologia e microbiologia clinica, MED/07 Microbiologia clinica, MED/07 Analisi e diagnostica microbiologica e virologica, MED/46 Scienze tecniche di microbiologia Prof.ssa aggr. Alessandra Arzese Obiettivi generali del corso Fornire allo studente, ad integrazione di quanto già svolto al 1 anno: - le basi culturali per la comprensione del mondo microbico (batteri, virus, miceti, protozoi, elminti, macroparassiti, prioni) e le relazioni ospite uomo microorganismo; - l inquadramento generale aggiornato dei principali microrganismi di interesse medico, per organo o apparato, correlazione con quadri clinici, con particolare approfondimento dei settori virologia, micologia, protozoologia; - principi e competenze tecniche ed operative specifiche della microbiologia diagnostica dall idoneità di prelievo, principi e modalità di indagine laboratoristiche, interpretazione dei risultati, controlli di qualità, sino all elaborazione del referto clinico; approfondimento del settore diagnostico di virologia, micologia, parassitologia; - la conoscenza delle basi microbiologiche, principi e metodi di prevenzione (basi microbiologiche dei vaccini) e difesa contro le infezioni (antivirali, antimicotici), e meccanismi di resistenza dei microrganismi. Virologia medica: eziopatogenesi delle infezioni virali. Principi e metodi di diagnosi di infezione virale: virologia diagnostica colturale, diretta, indiretta, tecniche di biologia molecolare, determinazione della viremia, nuovi approcci diagnostici-strumentali. Inquadramento dei principali funghi di interesse medico: a practical working taxonomy - lieviti, dermatofiti, muffe dematiacee, ialine, funghi dimorfi. Modalità di trasmissione ed eziopatogenesi delle micosi: micosi esogene, endogene, superficiali, cutanee, sottocutanee, disseminate. Principi e metodi di micologia diagnostica: protocolli di indagine per diagnosi di micosi, metodi colturali, diretti, indiretti, algoritmo diagnostico generale. Basi microbiologiche dei vaccini. Principi e metodi per esecuzione di antimicogramma, antivirogramma: metodi tradizionali colturali ed avanzati di biologia molecolare. Fondamenti di parassitologia medica: protozoi, vermi, macroparassiti. Modalità di trasmissione delle parassitosi, concetti di vettore, serbatoio, habitat, ospite intermedio, ospite definitivo, cicli biologici esemplificativi, epidemiologia. La malaria ed altre parassitosi ematiche: agenti, ciclo biologico, epidemiologia, inquadramento clinico, principi e metodologie per la diagnosi. Inquadramento riassuntivo e correlazione con quadri clinici per i principali agenti di infezione per organo/apparato : cute ed annessi, apparato respiratorio, digerente, genito-urinario, sistema nervoso centrale, materno-fetali, agenti di infezione di interesse pediatrico. Algoritmi diagnostici esemplificativi degli agenti di infezione del SNC, virus epatotropi, HIV, Treponema pallidum, HPV, ed agenti correlati con complesso TORCH.

8 Approfondimento e protocolli specifici di tecniche tradizionali ed avanzate di caratterizzazione e tipizzazione di patogeni noti ed emergenti; controlli di qualità standardizzazione delle pratiche di laboratorio. Dispense delle lezioni (a cura del docente). Protocolli e dispense proposte da AMCLI, disponibili su rivista Microbiologia Medica e sul sito P.R. MURRAY ET AL., Microbiologia, Edises. MIMS ET AL., Medical Microbiology, Mosby ed.. SCHAECHTER, MEDOFF, EISENSTEIN, Microbiologia Medica, Ed. Ambrosiana. Testo per consultazione: P.R. MURRAY, E.J.BARON ET AL., Manual of Clinical Microbiology, VIII ed., ASM Press, Washington, D.C., USA. H.D. ISENBERG, Clinical Microbiology Procedures Handbook, ASM Press, Washington, D.C., USA. CORSO INTEGRATO DI IMMUNOLOGIA ED IMMUNOEMATOLOGIA Settori scientifico-disciplinari: MED/04 Immunologia, MED/05 Immunoematologia e medicina trasfusionale, MED/05 Emostasi, MED/46 Scienze tecniche di immunologia, MED/05 Metodologie in immunometria, MED/46 Scienze tecniche di immunoematologia e centro trasfusionale Prof. Carlo E.M. Pucillo Immunologia Le reazioni di ipersensibilità. Tipo I, II, III, IV. Reazioni di inibizione. Reazioni di stimolazione. Meccanismi, principali manifestazioni, metodi di valutazione. La tolleranza e l autoimmunità. Tolleranza naturale e tolleranza indotta. Meccanismi cellulari e molecolari della tolleranza dei linfociti T e B. Perdita della tolleranza: eziologia, patogenesi e genetica dei fenomeni autoimmunitari. Fondamenti di immunoematologia. Aspetti genetici, biochimici e immunologici dei sistemi gruppo-ematici eritrocitari, leucocitari e piastrinici. La trasfusione di sangue. Le aferesi. Immunologia dei trapianti. Tipizzazione degli antigeni d istocompatibilità. Meccanismi di rigetto. Meccanismi di elusione della reattività immunitaria. L immunità verso i microrganismi. Meccanismi di difesa naturali ed acquisiti. Immunità verso i virus, i batteri, i funghi, i protozoi ed i vermi. Vaccini naturali e sintetici. Principi di sieroterapia e sieroprofilassi. Meccanismi di elusione della reattività immunitaria. Immunologia dei tumori. Gli antigeni tumore-associati. Meccanismi naturali ed acquisiti di immunosorveglianza e di risposta immunitaria. Meccanismi di inibizione della risposta immunitaria anti-tumorale. Tentativi di immmunoterapia. Aspetti metodologici. Immunodeficienze congenite ed acquisite. Concetti fondamentali sulla patologia immunoproliferativa. Metodiche di labratorio per la ricerca di antigeni tumorali Tecniche di analisi della risposta immunitaria nel corso di processi infettivi Tecniche di analisi della risposta immunitaria nel corso di patologie autoimmunitarie. Qualsiasi testo che tratti gli argomenti del corso e che non sia antecedente al 1995 può essere utilizzato. I testi indicati di seguito sono tutti ugualmente validi: G. DORIA, L. ADORINI, Immunologia Generale, Piccin, ROITT, Immunologia, McGraw-Hill, 1997 (copre i concetti fondamentali di riconoscimento antigenico, attivazione e funzione del sistema immunitario in condizioni fisiologiche e patologiche. Sua caratteristica È di utilizzare un elevato numero di illustrazioni per esemplificare concetti complessi). A.E. ABBAS, A.H. LICHTMAN, J.S. POTER, Cellular and Molecular Immunology, Piccin, 1997 (eccellente testo introduttivo. Molto adatto allo studio dell immunologia per la chiarezza dell esposizione. Sufficientemente aggiornato e completo).

9 Immunoematologia e medicina trasfusionale Test di Coombs (diretto e indiretto): principi, reagenti, applicazioni Sistemi gruppoematici eritrocitari. Genetica, biochimica, determinazione (Ag ed Ab), criteri di trasfondibilità dei sistemi: AB0, Rh, Kell, Duffy, Kidd. Cenni su altri gruppi sanguigni clinicamente rilevanti e su Ag eritrocitari ad alta frequenza. Anticorpi antieritrocitari clinicamente significativi: Ab naturali, isoab, autoab. Caratteristiche biologiche, ricerca ed identificazione della specificità. Malattia emolitica del neonato (MEN). Immunoematologia piastrinica. HLA e trapianti. La legislazione inerente la donazione e la trasfusione di sangue. L accreditamento e certificazione delle strutture trasfusionali. Il donatore di sangue: la raccolta di sangue intero, plasma, piastrine e multicomponenti. Validazione biologica delle unità di sangue/emocomponenti. Autodonazione: predeposito, emodiluizione pre operatoria, recupero intra/post operatorio. Emocomponenti (conc. eritrocitari, conc. piastrinici, plasma fresco congelato, colla di fibrina, gel di piastrine): preparazione e conservazione (cenni), indicazioni trasfusionali (il buon uso del sangue). Emoderivati (albumina, antitrombina III, Immunoglobuline e.v., Immunoglobuline anti-d, fattori della coagulaione ): cenni sulle indicazioni terapeutiche. Cellule staminali emopoietiche da sangue periferico e da sangue cordonale: raccolta, manipolazione, conservazione e infusione. Indagini pretrasfusionali: richiesta trasfusionale; campioni di sangue; indagini sierologiche (prova di compatibilità crociata, Type and Screen, Immediate Spin, computer cross match); assegnazione e distribuzione del sangue (emocomponenti/emoderivati). La terapia trasfusionale nei neonati e nei pazienti immunoincompetenti. Complicanze trasfusionali. Emovigilanza. Technical Manual, XII ed., American Association of Blood Banks. Emostasi La bilancia emostatica. Caratteristiche dell endotelio: attività anticoagulamte e procoagulante. Studio della risposta endoteliale: tempo di emorragia. Studio delle piastrine: struttura e loro funzionalità. Cenni sulle patologie legate alla risposta piastrinica: piastrinopenie, piastrinosi, piastrinopatie. Test per lo studio piastrinico: conta piastrinica, test di adesività, aggregazione piastrinica, cenni per Lo studio di altri test (anticorpiantipiastrine, retrazione del coagulo, PF4, betatromboglobulina). Cascata coagulativa: via estrinseca e via intrinseca; caratteristiche dei fattori della coagulazione tra questi in particolare la struttura del fibinogeno e ruolo della trombina. Fattori vitamina K dipendenti, meccanismo della vitamina K ed azione degli anicoagulanti orali. Cenni su patologie emmoragiche per deficit di fattori e patologie acquisite. Meccanismi di controllo della cascata coagulativa: inibitori della coagulazione (antitrombina, proteina C e proteina S) e sistema fibrinolitico, cenni su coagulopatie ereditarie ed acquisite. Trombosi: patogenesi ed evoluzione del trombo. Cenni sulla Coagulazione Intravasale Disseminata. Modalità del prelievo del sangue per lo studio dell emostasi in laboratorio: anticoagulante specifico, centrifugazione, temperatura, conservazione del campione. (variabili preanalitiche). Variabili biologiche correlate ai test per lo studio dei meccanismi della coagulazione. Diversi tipi di coagulometri: foto-ottici e meccanici. Tipi di dosaggi: coagulativi, cromogenici ed immunologici (agglutinazione al lattice, immunodifusione radiale, ELISA). Studio della via estrinseca della coagulazione: tempo di protombina (PT), uso di diverse tromboplastine ñ ISI; modalità di espressione dei risultati ñ INR; cenni sul monitoraggio della terapia anticoagulanti orali. Studio del dosaggio del fibrinogeno: metodiche PT derivato, dosaggio di fibrinogeno di Clauss. Studio della via entrinseca della coagulazione: tempo di tromboplastina parziale attivato (APTT), uso di relativi diversi (acido ellagico, silice Ö). Cenni per i dosaggi dei singoli fattori. Modalità per i dosaggi specifici degli inibitori: antitrombina, proteina C, proteina S ed APC resistance. Cenni per i dosaggi specifici dello studio della fibrinolisi: in particolare t-pa, PAI-1 e Dimero ñ D. Cenni su alcuni marcatori di ipercoagulabilità: frammento 1+2, complesso TAT, FPA, presenza di anticoagulante lupico.

10 Cenni per la valutazione del controllo di qualità in coagulazione. Scienze tecniche di immunologia Obiettivo del corso è quello di fornire allo studente un adeguata conoscenza sulle tecniche diagnostiche nelle diagnosi di ipersensibilità e nelle malattie autoimmuni. Lezioni frontali con lettura critica di articoli scientifici con discussione. Metodologie in immunometria Apprendimento delle principali tecniche immunometriche. Uso della reazione antigene-anticorpo per determinazione di analiti. Grado di legame degli anticorpi e degli antigeni in funzione della loro quantità relativa. Curva di Heidelberger e Kendall. Amplificazione della reazione tramite particelle e loro caratteristiche. Tecnica dell immunonodiffusione radiale semplice. Dosaggi immunometrici in fase liquida:principi generali, distribuzione della luce diffusa(secondo Rayleigh- Debye e secondo Mie), parametri per la misurazione della quantità degli analiti. Turbidimetria:principi generali,esecuzione, fattori di disturbo e limiti del metodo. Nefelometria:principi generali,esecuzione, fattori di disturbo. Dosaggi immunometrici in fase solida. Dosaggio Radioimmunometrico (RIA): principi generali, dosaggio di tipo competitivo, dosaggio di tipo non competitivo, fasi operative, caratteristiche del tracciante, vantaggi e svantaggi del metodo. Dosaggi Immunoenzimatici (EIA): principi generali, tecniche di rilevazione della misura finale dell attività enzimatica, curve di calibrazione, vantaggi e inconvenienti dell uso di enzimi, immunodosaggio enzimatico eterogeneo di tipo competitivo e non competitivo. Esempio di tecnica: dosaggio immunoenzimatico a cattura di microparticelle (MEIA), immunodosaggio enzimatico omogeneo di tipo competitivo e non competitivo, caratteristiche del tracciante ideale. Esempi di tecniche EIA: immunodosaggio dell enzima moltiplicato(emit), immunodosaggio con substrato marcato in fluorescenza (SLFIA), immunodosaggio con donatore di enzima clonato (CEDIA), immunodosaggio omogeneo ad inibizione enzimatica (EIHIA). Immunodosaggio in Fluorescenza (FIA): principi generali, tecniche di tipo eterogenee (tipo indirettocompetitivo-sandwich indiretto-fluoroimmunometrico) e omogenee (dosaggio a smorzamento diretto, dosaggio a smorzamento indiretto, dosaggio immunologico con luce polarizzata (FPIA)). Immunodosaggio in Chemiluminescenza: principi generali, componenti essenziali di un luminometro, esempio di tecnica (immunodosaggio con esteri di acridinio come marcatori). Criteri di valutazione di un Kit immunodiagnostico. Lezioni accademiche. Saranno fornite agli studenti copie dei lucidi. Testo di riferimento COVELLI, SPANDRIO, ZATTI, Medicina di Laboratorio, Sorbona. Scienze tecniche di immunoematologia e centro trasfusionale Obiettivo del corso è quello di orientare lo studente sull organizzazione di un centro trasfusionale e dei suoi laboratori afferenti, fornendo le conoscenze di base sulle tecniche trasfusionali e immunoematologiche applicate. Metodi di raccolta, separazione e conservazione di emocomponenti ed emoderivati. Indagini pre-trasfusionali. Prove di compatibilità crociata e T&S. Modalità utilizzate per la distribuzione del sangue. Tecniche per la determinazione dei gruppi sanguigni. Test di Coombs Diretto ed Indiretto. Test utilizzati per la ricerca degli anticorpi irregolari. Tecniche immunoenzimatiche virus specifiche. Tecniche di biologia molecolare. Tecniche di esecuzione NAT.

11 Lezioni accademiche. Modalità d esame Il profitto sarà ottenuto tramite prova scritta nell ambito di una valutazione complessiva del corso integrato. R. SACHER, R. MCPHERSON, Interpretazione dei dati clinici di laboratorio. Compendio di scienze del laboratorio clinico, Verducci Editore. Technical Manual (American Association of Blood Banks, edizione italiana a cura della Ortho Diagnostic Systems). CORSO INTEGRATO DI ISTOPATOLOGIA E CITOPATOLOGIA Settori scientifico-disciplinari: MED/08 Anatomia ed istologia patologica, MED/08 Citopatologia e colpocitologia, MED/46 Scienze tecniche di istopatologia e citopatologia, MED/46 Scienze tecniche settorie Prof.ssa Carla Di Loreto Anatomia ed istologia patologica Anatomia Patologica. Storia, scopi, significato formativo e professionale, limiti, utilità attuale e linee di sviluppo. Introduzione: istologia e citologia. Uso di tecniche ancillari. Principi diagnostici elementari di patologia cellulare: degenerazione e morte cellulare, flogosi, rigenerazione, tesaurizzazione, iperplasia, atrofia, ipertrofia, lesioni preneoplastiche e neoplasie. Anatomia ed Istologia patologia dell apparato respiratorio: flogosi polmonari acute e croniche, neoplasie del polmone e della pleura. Anatomia ed Istologia patologica dell apparato gastroenterico: carcinoma esofageo, gastriti ed ulcera gastrica, neoplasie gastriche e processi infiammatori cronici dell intestino. Anatomia ed Istologia patologica del fegato: epatiti acute, epatiti croniche, cirrosi epatica, neoplasie del fegato e delle vie biliari. Anatomia ed Istologia patologica dell apparato urinario: neoplasie del rene e del tratto urinario. Anatomia ed Istologia patologica dell apparato cardiocircolatorio: arteriosclerosi, malattia ischemica del cuore, ipertensione. Anatomia ed Istologia patologica dell apparato genitale femminile: neoplasia della cervice uterina, carcinoma dell endometrio, carcinoma della mammella. Anatomia ed Istologia patologica della cute: carcinoma squamocellulare, epitelioma basocellulare, nevi, melanoma. Anatomia ed Istologia patologica della tiroide: tiroiditi, tumori. Citopatologia e colpocitologia Fornire allo studente gli elementi principali per la comprensione delle alterazioni cellulari. Far acquisire la capacità di trattare autonomamente un prelievo citologico, di scegliere il metodo più idoneo di allestimento e di applicare controlli adeguati. Fornire allo studente gli elementi per riconoscere le alterazioni cellulari principali in ambito patologico. Citopatologia. Struttura della cellula al microscopio ottico; divisione cellulare e differenziazione. Matrice cellulare. Alterazioni della cellula: proplasia, retroplasia e neoplasia. Atipia citologica, displasia e criteri di malignita. La citologia nella diagnostica clinica e nei programmi di screening. Valutazione del prelievo cellulare. Organizzazione del laboratorio di citopatologia, carichi di lavoro, controllo di qualità. Tipi di prelievo citologico: citologia esfoliativa (citologia cervicale, espettorato, broncoaspirato, brushing); citologia dei liquidi (urine, liquidi sierosi, liquor, liquidi di lavaggio, sangue e midollo); citologia agoaspirativa. Tecniche ancillari in citologia (M.E., immunoistochimica, citometria a flusso); Citopatologia del tratto respiratorio. Citopatologia del tratto urinario. Citopatologia in citologia agoaspirativa (tiroide, mammella, linfonodi, ghiandole salivari, fegato e pancreas). Citopatologia dei fluidi sierosi. Colpocitologia Anatomia e istologia dell utero e della vagina. Citologia cervico-vaginale normale: cellule squamose, cellule squamose metaplastiche, cellule squamose atrofiche, cellule endocervicali. Nomenclatura per la citologia cervico-vaginale: classificazione di Papanicolau, displasia-cis, CIN, il sistema di Bethesda.

12 Malattie della cervice uterina: infiammazioni, reazioni benigne proliferative, atipia citologica, lesioni intraepiteliali squamose, carcinoma squamocellulare, infezione da Papillomavirus. Lesioni dell epitelio ghiandolare endocervicale e endometriale. Citologia ormonale. Lesioni della vagina e della vulva. J.D. BANCROFT, M. GAMBLE, Theory and practice of histological techniques, V ed., Churchill, Livingstone, R. DEMAY, Pactical principles of cytopathology, ASCP Press, Scienze tecniche di istopatologia e citopatologia Apprendimento delle tecniche e dei processi di allestimento di un preparato istopatologico. Conoscere le varie fasi dell esame citologico, saper adottare le tecniche citologiche più appropriate in base alla natura del materiale da trattare ed essere in grado di valutare la qualità dei preparati allestiti Introduzione. Tutta la parte di attività preanalitica, l allestimento del materiale diagnostico è determinante per l esame al microscopio ottico. Le tecniche adottate portano ad ottenere dei preparati ben preservati, di spessore di 3-5 micron, con le strutture messe in evidenza per l esame al microscopio ottico. La valenza qualitativa della diagnosi finale è direttamente proporzionale alla corretta applicazione delle tecniche isto-patologiche. Contenuti: Il percorso del materiale biologico (campione) dal prelievo al preparato allestito. Accettazione: identificazione, registrazione, codificazione. Campionamento: prelievo bioptico e chirurgico, descrizione macroscopica, foglio di lavoro. La fissazione e fissativi: classificazione, tecniche, meccanismi. Decalcificazione: fisici, chimici, procedure. Conservazione del materiale biologico: tecniche di congelamento, fissazione chimica, mezzi i inclusione conservativi. La processazione e l inclusione: tecniche, apparecchiature, procedure. Il taglio delle sezioni: tecniche, apparecchiature, procedure più comuni. Colorazione e coloranti in istopatologia: principi generali e classificazione istomorfologica ed istochimica. Colorazioni istomorfologiche di routine: ematossilina/eosina, procedure, apparecchiature. Principi colorazioni e tecniche relative: tessuto connettivo, tessuto nervoso, tessuto emopoietico, sostanze inorganiche e pigmenti. Montaggio e consegna dei preparati: procedure, apparecchiature, assegnazione a lettura. L esame intra operatorio: tecniche, apparecchiatura. Tecniche di allestimento delle agobiopsie di pre- e postrapianto in regime di urgenza. Allestimento dei prelievi bioptici e chirurgici speciali: conoscenze di alcuni protocolli applicati in istopatologia. Postanalitica in istopatologia: refertazione, convalidazione, distribuzione del referto analitico. Archiviazione del materiale biologico: normative, procedure. Gestione dei reagenti e dei rifiuti nel laboratorio istopatologico. Rischi specifici e misure di prevenzione nelle varie fasi dell allestimento dei preparati istopatologici. Controllo di qualità e verifica di eventuali errori: i punti critici. Organizzazione nel laboratorio istopatologico: settori, interazione fra vari ruoli professionali. Accenni sulle nuove tecniche innovative in Anatomia Patologica, applicazioni di esse per la diagnosi e nel campo della ricerca: microdissezione con laser, tissue-array, microscopio confocale per analisi dell immagine-morfometria. Esame citologico: Principio, scopo e vantaggi. Iter dell esame citologico. Tecniche di raccolta del materiale. Citologia esfogliativa: Per esfoliazione diretta del campione (urine, liquidi cavitari ed espettorati) e attraverso manovre meccaniche (Brushing, Washing, Scraping, Imprinting). Citologia non esfogliativa (agoaspirativa): Aspirazione mediante ago sottile. Accettazione dei campioni. Tecniche di allestimento dei preparati. Striscio diretto del materiale. Tecniche di concentrazione: Centrifugazione, Citocentrifugazione, Filtrazione (Thin Prep). Citoinclusioni (Cell-blocks). Fissazione: Modalità d azione, scelta ed uso dei principali fissativi in citologia. Colarazioni: Scopo, principi ed utilizzo delle principali colorazioni in citologia (Papanicolaou, May-Gr nwald Giemsa ed Ematossilina Eosina). Monitoraggio e controllo al microscopio: scopo e utilizzo dei mezzi di montaggio e verifica dell idoneità dei preparati allestiti al microscopio ottico. Applicazione delle tecniche citologiche ai diversi campi biologici. Citologia vaginale: Pap-test ed Endometri.

13 Citologia extravaginale: urine, liquidi cavitari (liquor, liquido pleurico ascitico e peritoneale), espettoratibroncoaspirati, aspirati midollari, materiali purulenti ed agoaspirati d organo. Metodiche innovative Citologia endometriale con il sistema Thin Prep Allestimento dei liquidi di versamento mediante l impiego di nuove miscele prefissative, fissative (Cytorich). Controllo di qualità: errori in citologia (falsi positivi, falsi negativi) e procedure di controllo per monitorare la qualità del prodotto allestito. Durante lo svolgimento del corso prove in itinere e una breve relazione finale a scelta dello studente su uno degli argomenti proposti. Le lezioni teoriche in aula saranno alternate a dei seminari didattici in rapporto 4:1. Lezioni frontali con applicazioni in laboratorio. S. DANIEL, T. ZANIN, Manuale di tecnica cito-istologica, Documentazione Scientifica Editrice. M. MELIS, F. CARPINO, U. DI TONDO, Tecniche in Anatomia Patologica, Edi Ermes. C.M. KEEBLER, T.M. SOMRAK, The Manual of Cytotechnology. J.D. BANCROFT, M. GAMBLE, Theory and Practice of Histolgical Techniques, Churchill, Livingstone. Dispensa e copia delle slide. Scienze tecniche settorie Il corso si propone di far acquisire allo studente le conoscenze teorico-pratiche basilari per il corretto svolgimento di un esame autoptico. Lezioni. Generalità sulle autopsie. La sala anatomica e lo strumentario. Esame esterno del cadavere. Esame interno del cadavere. Tecniche autoptiche speciali. Autopsia del feto e del neonato. Metodiche di conservazione degli organi e dei prelievi. Legislazione. Esercitazioni Autopsie in sala anatomica. Lezioni ed esercitazioni. A. BUSINCO, A.M. MANCINI, P. SCARANI, Manuale di tecnica delle autopsie, Patron Editore. CORSO INTEGRATO DI PATOLOGIA CLINICA ED EMATOLOGIA Settori scientifico-disciplinari: MED/05 Citopatologia ematologica, MED/05 Tecniche immunologiche avanzate, MED/15 Malattie del sangue Prof.ssa Daniela Damiani Citopatologia ematologica Gli elementi corpuscolati del sangue. Il midollo osseo come produttore: le varie forme di differenziazione. Gli elementi staminali e la regolazione della produzione. I fattori di crescita ed i fattori di regolazione. Il riconoscimento degli elementi circolanti nel sangue da parte degli strumenti automatici di ematologia. Strategia di misura. I fattori fondamentali nella produzione dei globuli rossi: elementi di patologia clinica del globulo rosso. Il ferro: fabbisogno, assorbimento, utilizzo, eliminazione. Le proteine associate al metabolismo del ferro: ferritina, transferrina, recettore per la transferrina. La regolazione nella produzione in relazione al ferro. La produzione dell eme: sintesi biochimica, tappe importanti. Le alterazioni di alcun assi (le porfirie). La degradazione dell emoglobina, la formazione della bilirubina e le vie di eliminazione. Le biotrasformazioni: utilizzo dell eme nei citocromi P450. La famiglia dei citocromi P450, la inducibilità e le altre regolazioni. Le reazioni catalizzate. L emoglobina come molecola trasportatrice di ossigeno. I gas trasportati nel torente sanguigno e l equilibrio acido base.

14 Tecniche immunologiche avanzate Principi della Citofluorimetria a flusso. Basi biologiche dello studio dell immunofenotipo. Tecniche di marcatura cellulare. Tecniche dell analisi citofluorimetrica. Problematiche analitiche, preanalitiche, preparazione del campione, interferenze. Produzione ed interpretazione dei dati. Applicazioni clinico-diagnostiche. Automazione. Sorting cellulare. Altre applicazioni della citometria a flusso. Malattie del sangue Il Midollo osseo: anatomia, embriologia, microambiente emopoietico. Fisiologia delle cellule emopoietiche. Fattori che regolano la proliferazione delle cellule emopoietiche: stem cell factor, IL 3, eritropoietina, trombopoietina. Eritropoiesi, granulocitopoiesi, piastrinopoiesi, linfocitopoiesi. Le cellule del sangue periferico: globuli rossi, granulociti, linfociti, monociti, piastrine. Le anemie: classificazione cinetica. Approccio laboratoristico alla diagnosi di anemia. Anemie megaloblastiche: fisiologia della vit.b12 e dei folati. Anemie da carenza marziale: fisiologia del ricambio del ferro. Anemie da difettosa sintesi di emoglobina: alfa e beta talassemie. Anemie emolitiche: da difetto enzimatico (deficit di G-6 PDH), da farmaci, da autoanticorpi, malattia emolitica del neonato. Patologia da accumulo di ferro: emocromatosi primitiva e secondaria. Policitemia vera. Patologia dei globuli bianchi: leucemie acute mieloidi, leicemia mieloide cronica. Mielofibrosi idiopatica con metaplasia mieloide spleno-epatica. Patologia dei linfociti: leucemia acuta linfoblastica, leucemia linfatica cronica, leucemia a cellule capellute, linfoma di Hodgkin, Linfomi non Hodgkin. Mieloma multiplo, gammapatie monoclonali benigne. Fisiopatologia della coagulazione. Approccio laboratoristico al paziente emorragico. Patologia delle piastrine: piastrinopenie e piastrinopatie, trombocitemia. Patologia congenita della coagulazione: emofilia, malattia di Von Willebrand. Coagulazione intravascolare disseminata. Aplasia midollare. CORSO INTEGRATO DI BIOCHIMICA CLINICA Settori scientifico-disciplinari: BIO/12 Analisi biochimico cliniche, BIO/12 Biochimica clinica, MED/46 Scienze tecniche di biochimica clinica Prof.ssa Sabina Cauci Analisi biochimico cliniche Obiettivo del corso di Analisi Biochimico Cliniche è quello di fornire allo studente la conoscenza della modalità di esecuzione e dei principi di analisi dei principali parametri biochimici associati alla valutazione della funzionalità e/o delle condizioni patologiche degli organi principali. Al termine del corso lo studente deve dimostrare di conoscere le modalità di esecuzione nonché i valori di riferimento dei principali parametri biochimici impiegati per la valutazione dello stato funzionale e/o stato patologico. Elementi conoscitivi richiesti allo studente Gli elementi conoscitivi che lo studente deve possedere per la comprensione del corso di Analisi Biochimico Cliniche sono le conoscenze di chimica, biologia, biochimica e biochimica clinica del I anno di corso TLB. Principio di analisi, modalità di prelievo, conservazione del campione e intervalli di riferimento dei parametri associati a: profilo epatico:alanina aminotransferasi (ALT), aspartato aminotransferasi (AST), fosfatasi alcalina (ALP), gamma-glutamiltranspeptidasi (GGT), proteine totali, albumina, bilirubina totale e coniugata, latticodeidrogenasi (LDH), alfa1antitripsina, ceruloplasmina, alfafetoproteina, ammonio; profilo cardiaco:creatinfosfochinasi (CPK), CPK-MB, mioglobina, troponine, cenni alla proteina C reattiva, omocisteina; profilo renale: creatinina, creatininuria, clearance della creatinina, azotemia, azoto ureico, acido urico, cistatina C; profilo elettrolitico: calcio, calcio ionizzato, fosforo, sodio, potassio, cloro, magnesio;

15 profilo lipidico: colesterolo, trigliceridi, colesterolo HDL, colesterolo LDL, apolipoproteine, NEFA; profilo tiroideo: ormoni tiroidei T4, FT4, T3, FT3, T3uptake, FTI, TSH, anticorpi antitireoglobulina/perossidasi, tireoglobulina. Saranno fornite agli studenti copie dei lucidi. Testo di riferimento COVELLI, SPANDRIO, ZATTI, Medicina di Laboratorio, ed. Sorbona. Biochimica clinica Obiettivo del corso di Biochimica Clinica è quello di fornire allo studente le conoscenze necessarie per riconoscere le alterazioni biochimiche associate alle patologie degli organi principali. Al termine del corso lo studente deve dimostrare di conoscere quali parametri biochimici siano collegati alle principali funzioni e/o condizioni patologiche cellulari e/o di organo. Elementi conoscitivi richiesti allo studente Gli elementi conoscitivi che lo studente deve possedere per la comprensione del Corso di Biochimica Clinica sono le conoscenze di chimica, biologia, biochimica e biochimica clinica del I anno di corso TLB. Funzionalità epatica. Cenni sulle principali funzioni del fegato, parametri del metabolismo dei carboidrati nel fegato, formazione del pigmento biliare e processamento della bilirubina. Breve descrizione delle condizioni patologiche del fegato e definizione delle alterazioni biochimiche associate. Test di funzionalità epatica: esami di primo livello. Significato della misura ed intervalli di riferimento della bilirubina totale e frazionata; aspartato amminotransferasi (AST); alanina amminotransferasi (ALT); fosfatasi alcalina (ALP); gammaglutamiltranspeptidasi (GGT); 5 nucleotidasi (5 NT). Funzione e significato diagnostico delle proteine presenti nel siero derivate dal fegato. Significato della misura ed intervalli di riferimento della alfa 1 - antitripsina, alfa-fetoproteina (AFP), anticorpi antimitocondrio (AMA). Indicatori di colestasi. Differenze fra ittero intra- ed extra-epatico. Parametri diagnostici di epatopatia acuta e cronica, insufficienza epatica, cirrosi, e cirrosi biliare primitiva. Profilo biochimico in casi clinici di epatopatie. Malattie cardiache. Elenco dei parametri proteici ed enzimatici (incluse isoforme e isoenzimi) che sono abitualmente misurate nel siero per la valutazione delle patologie del cuore. Marcatori biochimici precoci e tardivi di infarto acuto del miocardio: mioglobina, troponine cardiache ctni, ctnt, creatin chinasi, CK-MB, latticodeidrogenasi, e miosina. Combinazioni di parametri biochimici utili per la diagnosi ed il decorso dell infarto acuto del miocardio. Marcatori di rischio di malattie cardiovascolari e di ictus: omocisteina, proteina C reattiva (CRP), significato della misura della CRP ad alta sensibilità (hscrp). Disordini del metabolismo lipidico. Classificazione delle lipoproteine. Significato della misura, intervalli di riferimento e valori di allarme del colesterolo totale, colesterolo HDL, colesterolo LDL, e dei trigliceridi. Implicazioni cliniche delle iper- e dislipidemie. Parametri associati alla formazione delle placche arteriosclerotiche. Funzionalità renale. Breve descrizione delle principali condizioni patologiche del rene e loro relazione con le alterazioni biochimiche misurabili. Marcatori di funzionalità renale. Significato della determinazione della creatinina nel siero e nelle urine, clearance della creatitina. Misura della cistatina C, e della eritropoietina. Disordini metabolici del calcio, fosforo e magnesio. Indicatori nel siero per la valutazione del metabolismo osseo. Calcio totale e calcio libero nel siero. Omeostasi del calcio, funzione e significato del dosaggio del paratormone PTH e della vitamina D. Parametri diagnostici della iper-calcemia. Iper-paratiroidismo. Ipo-calcemia. Diagnosi differenziale della ipo-calcemia. Disordini dell equilibrio del fosfato: iper- ed ipo-fosfatemia. Omestasi del magnesio. Valutazione della ipomagnesemia. Parametri di laboratorio della funzionalità tiroidea. Cenni sul metabolismo dello iodio, sintesi e meccanismi di azione degli ormoni tiroidei. Significato del dosaggio degli ormoni tiroidei totali T4, T3 ed in forma libera FT4 ed FT3 nell ipo- ed iper-tiroidismo. Significato del dosaggio dell ormone tireotropo TSH. Parametri utilizzati per lo screening neonatale di patologie tiroidee. Dosaggio degli anticorpi anti-tiroperossidasi (TPO-Ab) e anti-tireoglobulina (Tg-Ab). Parametri biochimici nella tiroidite di Hashimoto, tiroidite post-partum, tiroidite dolorosa e non, malattia di Graves, cancro tiroideo e resistenza periferica agli ormoni tiroidei. Lezioni accademiche. G. FEDERICI, P. CIPRIANI, C. CORTESE, A. FUSCO, P. IALONGO, C. DILANI, Medicina di Laboratorio, II ed., McGraw-Hill, 2003.

16 Scienze tecniche di biochimica clinca Obiettivo del corso di Tecniche di Biochimica Clinica è quello di fornire allo studente le conoscenze necessarie per praticare e valutare alcune tecniche per il riconoscimento di specifiche alterazioni biochimiche associate alle patologie degli organi principali. Elementi conoscitivi richiesti allo studente Gli elementi conoscitivi che lo studente deve possedere per la comprensione del Corso di Biochimica Clinica sono le conoscenze di chimica, biologia, biochimica e biochimica clinica del I anno di corso TLB. Tecniche di separazione cromatografiche ed elettroforetiche; generalità e panorama delle principali applicazioni, con particolare attenzione ad HPLC ed elettroforesi capillare. L applicazione delle tecniche suddette alla separazione delle proteine sieriche ed il loro valore diagnostico costituisce l esemplificazione di approfondimento. Metabolismo glucidico: determinanti di ipo/iperglicemia. Meccanismi di glicazione proteica e metodi analitici di rilevazione. HbA1c: tecniche di determinazione e significato clinico. Peptidi Natriuretici Cardiaci: biochimica; fisiologia, metodi analitici ed uso clinico di BNP e NT-proBNP Sedimento urinario: fisiopatologia; tecniche microscopiche ed automatizzate di riconoscimento dei sedimenti organizzati; morfologia in rapporto alle principali patologie. Lezioni accademiche. Saranno fornite agli studenti copie delle diapositive e di altro materiale bibliografico selezionato.

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Distribuzione codifiche anemia macrocitica PREVALENZA ANEMIA MACROCITICA Rete UNIRE 2.6 1.6 0.7 0.3 codificata folati

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli