Tribunale di Verona, 28 marzo 2008, ordinanza(1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tribunale di Verona, 28 marzo 2008, ordinanza(1)"

Transcript

1 Tribunale di Verona, 28 marzo 2008, ordinanza(1) Il Giudice, sciogliendo la riserva, osservato che si ha riguardo ad istanza ex art. 675 c.p.c. di inefficacia di sequestro conservativo emesso in corso di causa societaria e, più precisamente durante la fase dei c.d. scambi; ritenuta la pendenza della lite di merito e osservato che ancora non vi è stata pronuncia del Collegio sul reclamo interposto da Caio avverso il predetto sequestro; che, dunque, l istanza odierna colpisce necessariamente la cautela emessa dallo scrivente, l unica allo stato esistente; ritenuto che la lettura coordinata dell art. 669-novies c.p.c. propone, come questione del tutto preliminare, quella della verifica del presupposto processuale di capacità dell odierno giudicante, tenuto conto per le caratteristiche speciali del giudizio societario pendente dell attuale assenza di un giudice designato alla trattazione del merito, non essendovi ancora stata la designazione di cui all art. 12 d.lgs. 5/2003; osservato, ancora, che l art. 669-novies c.p.c. non disciplina espressamente il caso in esame, avendosi qui riguardo si a contestazione dell eccepita inefficacia del provvedimento cautelare, e tuttavia all interno della causa di merito ancora positivamente radicata e pendente; che neppure giova alla definizione della questione l art. 669-decies, comma 1, c.p.c. in tema di revoca della cautela da parte del giudice istruttore della causa del merito, non essendovi nel processo societario detta figura né essendo ancora stato nominato il giudice relatore ex art. 12 d.lgs. 5/2003; che, dunque, non appare innanzitutto idoneo a risolvere la questione preliminare esposta il comma 2 dell art. 669-novies lì dove individua la competenza a provvedere sull istanza di inefficacia il giudice che ha emesso il provvedimento, sul diverso presupposto della mancata proposizione del giudizio di merito ovvero della sua estinzione; che, di contro, utili indicazioni giungono dal comma 3 dell art. 669-novies c.p.c., relativo ad ipotesi di vizi invalidanti (mancata prestazione della cauzione ex art. 669-undecies c.p.c. ovvero declaratoria con sentenza dell inesistenza del diritto di garanzia del quale la misura era stata concessa) inerenti - come nel caso non al processo ma alla cautela stessa; che, del resto, la soluzione prescelta trova positivo conforto proprio nell art. 24, comma 4, dlgs. 5/2003 che parrebbe omogeneizzare la trattazione di tutte le ipotesi di inefficacia della cautela verificatesi in pendenza di lite secondo il rito del comma 3 dell art. 669-novies c.p.c.; osservato così che il comma in questione individua alternativamente la competenza del giudice del merito che ha emesso la sentenza di rigetto della domanda cautelata ovvero in mancanza del giudice che ha emesso la cautela contestata; che, pertanto, non essendosi ancora giunti alla sentenza nella causa di merito di che trattasi, deve ritenersi la competenza residuale dell odierno giudicante - quale giudice che emise la cautela a pronunciare sull istanza con semplice ordinanza, pur in presenza come nel caso di contestazioni; ritenuta la fondatezza dell addotta inefficacia del sequestro conservativo nei confronti di Caio ex art. 675 c.p.c. per radicale mancata esecuzione della misura concessa contro il medesimo; 29

2 osservato che non vi è motivo di ritenere abrogato per regolamento dell intera materia ovvero per incompatibilità il disposto sanzionatorio dell art. 675 c.p.c., la cui specialità non risulta lambita dalla riforma del rito cautelare unificato di cui gli artt. 669-bis ss. c.p.c. e la cui ratio (volta chiaramente a non mantenere a tempo indeterminato il sequestrato sotto minaccia di sequestro) è ancora della massima attualità, ponendosi essa su di un piano diverso e distinto da quello dell inefficacia per mancata instaurazione del giudizio di merito volto ad accertare la fondatezza del diritto soggettivo sottostante. P.Q.M dichiara l inefficacia ex art. 675 c.p.c. del sequestro concesso contro Caio. (1)Inefficacia del sequestro concesso nel corso di giudizio societario per mancata esecuzione nel termine perentorio ex art. 675 c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Profili problematici dell art. 675 c.p.c. rispetto al procedimento cautelare uniforme di cui alla novella del Individuazione del giudice competente a pronunciare l inefficacia ex art. 675 c.p.c. nel rito societario e relativo procedimento. 4. Cenni sulle questioni di illegittimità costituzionale dell art. 675 c.p.c. 1. L ordinanza del Tribunale di Verona in commento, pronunciatasi sull inefficacia di un sequestro conservativo concesso nel corso di un giudizio societario per sua mancata esecuzione entro il termine perentorio di trenta giorni offre alcuni interessanti spunti di riflessione, sia con riferimento alla perdurante vigenza nel nostro ordinamento dell art. 675 c.p.c. questione che, peraltro, presenta aspetti alquanto controversi, esaurientemente trattati dalla dottrina sia in tema di giudice competente per la decisione su cause estintive della cautela concessa in corso di causa nel rito societario, sia infine circa il procedimento applicabile alla declaratoria di inefficacia del sequestro per sua mancata tempestiva esecuzione. Da ultimo verranno affrontati brevemente alcuni dubbi di legittimità costituzionale che la norma manifesta. 2. Punto di partenza della nostra indagine è l art. 675 c.p.c. che così recita testualmente il provvedimento che autorizza il sequestro perde efficacia, se non è eseguito entro il termine di trenta giorni dalla pronuncia. Il codice di rito prevede quindi una causa speciale di inefficacia, riferita esclusivamente al provvedimento di sequestro cautelare 1, di cui può senz altro affermarsi la peculiarità: non esiste infatti nel nostro ordinamento altra causa speciale di inefficacia di un provvedimento cautelare, né per il sequestro, né per altre cautele. 1 Sul sequestro cautelare in generale V. ANDRIOLI, Del sequestro conservativo, in AA.VV., Commentario Scialoja, Branca, Tutela dei diritti, Libro IV, Bologna-Roma, 1959, p. 272 ss.; CANTILLO, SANTANGELI, Il sequestro nel processo civile, Milano, 2003; SCAGLIONI, Il sequestro nel processo civile, Milano, 1941; CONIGLIO, Il sequestro giudiziario e conservativo, Milano, 1949; PROTETTI, Il sequestro civile (rassegna di giurisprudenza e dottrina), Napoli, 1982; FERRI, Sequestro, in Dig. disc. priv. sez. civ., XVIII, Torino, 1998, p. 460 ss.; COSTA, Sequestro conservativo, in Noviss. Dig. it., XVII, Torino, 1970, p. 44 ss.; FORTINO, Sequestro conservativo e convenzionale, in Enc. dir., XLII, Milano, 1990, p. 58 ss.; POTOTSCHNIG, Il sequestro conservativo, in Il nuovo processo cautelare, TARZIA (a cura di), Padova, 1993, p. 1 ss.; CONTE, Il sequestro conservativo nel processo civile, Torino,

3 Le cause di inefficacia dei provvedimenti cautelari sono invece elencate all art. 669-novies c.p.c. 2 e sono riferibili indistintamente a tutti i provvedimenti cautelari. Come è noto, infatti, la disciplina dei procedimenti cautelari civili è stata radicalmente modificata ed uniformata con la L. 26 novembre 1990 n. 353, che ha sostituito al previgente sistema, caratterizzato da discipline autonome per ogni singolo procedimento, una nuova disciplina uniforme 3 che regola il rito cautelare dalla sua instaurazione alla sua esecuzione 4 e sino alle sue vicende estintive, e che deve coordinarsi con le disposizioni normative dedicate alle peculiarità delle singole cautele. Proprio in ragione di tale nuovo procedimento cautelare uniforme, alcune norme codicistiche sono state abrogate dalla novella di cui sopra in quanto ritenute incompatibili con il nuovo sistema. Si pensi ad esempio agli artt. 673 e 674 c.p.c. che regolavano il procedimento per sequestro rispettivamente anteriore alla causa ed in corso di causa. Poiché, invece, l art. 675 c.p.c. non fu espunto dal codice è necessario verificare se ciò costituì una espressa volontà del legislatore oppure una sua dimenticanza. Supponendo che tale sopravvivenza corrisponda ad una precisa intenzionalità del legislatore della riforma, viene però da chiedersi se tale norma sia dotata ancora di una sua funzione all interno del sistema dei procedimenti per sequestro. A tal fine è necessario verificare la ratio dell art. 675 c.p.c. nel quadro del sistema previgente, per rendersi conto che la stessa era molto più chiara e coerente con il vecchio contesto dell istituto. Infatti, prima della riforma del 1990, il sequestro richiesto ante causam, ex art. 672 c.p.c., ora abrogato, era sempre concesso inaudita altera parte, cosicché il sequestrante doveva notificare il provvedimento entro quindici giorni dal primo atto esecutivo, promuovendo, al tempo stesso, il giudizio di convalida e di merito. La previsione di un termine perentorio per il compimento degli atti esecutivi del sequestro, ex art. 675 c.p.c., aveva pertanto un ruolo determinante nel passaggio alla successiva fase di convalida e di cognizione, ove si andava a costituire un valido contraddittorio tra sequestrante e sequestrato. Nella normativa previgente, quindi, la fissazione del termine di trenta giorni per l avvio della esecuzione era essenziale per poter accedere, nei quindici giorni successivi al primo atto esecutivo, alla fase di accertamento in ordine alla fondatezza o meno della misura 2 In particolare l art. 669-novies prevede che qualora il procedimento di merito non sia iniziato nel termine perentorio di cui all'articolo 669-octies, ovvero se successivamente al suo inizio si estingue, il provvedimento cautelare perde la sua efficacia. Il provvedimento cautelare perde, altresì, efficacia se non è stata versata la cauzione di cui all'articolo 669-undecies, ovvero se con sentenza, anche non passata in giudicato, è dichiarato inesistente il diritto a cautela del quale era stato concesso. Infine, nel caso in cui la causa di merito sia devoluta alla giurisdizione di un giudice straniero o ad arbitrato italiano o estero, il provvedimento cautelare perde efficacia: 1) se la parte che l'aveva richiesto non presenta domanda di esecutorietà in Italia della sentenza straniera o del lodo arbitrale entro i termini eventualmente previsti a pena di decadenza dalla legge o dalle convenzioni internazionali; 2) se sono pronunciati sentenza straniera, anche non passata in giudicato, o lodo arbitrale che dichiarino inesistente il diritto per il quale il provvedimento era stato concesso. Per la dichiarazione di inefficacia del provvedimento cautelare e per le disposizioni di ripristino si applica il secondo comma del presente articolo. 3 Sul procedimento cautelare uniforme V. SALVANESCHI, Il nuovo processo cautelare, TARZIA (a cura di), Padova, 1993; RECCHIONI, Il processo cautelare uniforme, I procedimenti speciali e sommari, II, Torino, 2005; CECCHELLA, Il processo cautelare, Commentario, Torino, 1997; CONSOLO, Il nuovo processo cautelare. Problemi e casi, Torino, 1998; FRUS, Le riforme del processo civile, CHIARLONI (a cura di), Bologna, In particolare con la L. 26 novembre 1990 n. 353, ha introdotto gli artt. 669-bis 669-quaterdecies c.p.c. 31

4 cautelare concessa. In tal modo il legislatore aveva scongiurato l eventualità che il sequestrato rimanesse in balia dell arbitrio del sequestrante per un tempo indefinito, garantendo l instaurazione, nel più breve tempo possibile, del contraddittorio al fine di consentire al sequestrato di poter svolgere le proprie difese. Ma il sistema normativo attuale, che ha fatto della preventiva instaurazione del contraddittorio una regola generale per tutti i procedimenti cautelari, ha istituito delle forme di tutela ben più vantaggiose rispetto alla previsione di inefficacia di cui si discute, a garanzia della parte più debole del giudizio a cognizione sommaria. Oggi, infatti, è il Giudice della cautela che fissa l udienza di comparizione delle parti nel caso solo eventuale di sequestro concesso con decreto inaudita altera parte - art. 669-sexies - garantendo l instaurazione del contraddittorio 5. Sulla scorta di tali osservazioni, la prevalente dottrina e giurisprudenza affermano che l art. 675 c.p.c. avrebbe attualmente la funzione di assicurare che il soggetto passivo del sequestro non rimanga esposto alla misura restrittiva cautelare per un tempo indefinito, imponendo al sequestrante di eseguirla nel termine perentorio di trenta giorni 6. Al riguardo, tuttavia, non sono mancate e non mancano tutt ora delle voci contrastanti in dottrina, che si sono domandate se la ratio attribuita alla norma di cui si discute dopo la riforma del 1990 sia effettiva o solamente un ipotesi volta a cercare di dare un senso ad una norma vecchia e ormai fuori luogo 7. Basti infatti pensare che secondo orientamento costante della giurisprudenza è sufficiente, per non incorrere nella perenzione del provvedimento cautelare, semplicemente dare inizio agli atti esecutivi del sequestro, e non anche portarli a compimento 8. Tale situazione, però, non offre al soggetto sequestrato la certezza che la fase esecutiva del sequestro si compia nei trenta giorni stabiliti dalla legge. Quindi, da un lato la norma fissa il dies a quo per avviare la fase esecutiva del sequestro, e dall altro fissa un dies ad quem per individuare non tanto l esaurimento della fase esecutiva del sequestro ma per sanzionare l efficacia del provvedimento. A ben guardare, quindi, nessuna particolare tutela è offerta al sequestrato per garantirgli che la fase di esecuzione del 5 L art. 669-sexies c.p.c. prevede infatti che qualora la convocazione della controparte possa pregiudicare l'attuazione del provvedimento, il giudice provvede con decreto motivato, assunte ove occorra sommarie informazioni. In tal caso egli fissa, con lo stesso decreto, l'udienza di comparizione delle parti davanti a sé entro un termine non superiore a quindici giorni assegnando all'istante un termine perentorio non superiore a otto giorni per la notificazione del ricorso e del decreto. A tale udienza il giudice, con ordinanza, conferma, modifica o revoca i provvedimenti emanati con decreto. 6 Cfr. CASSANO, Il sequestro conservativo alla luce del nuovo processo cautelare uniforme, Relazione all incontro del CSM La tutela sommaria cautelare, Frascati marzo Cfr. FARINA, L inefficacia del sequestro per mancata esecuzione fra abrogazione tacita e problemi applicativi, in Giur. mer., 2004, p. 485 ss. il quale sostiene che le tutele offerte al soggetto passivo delle misura cautelare anticipatoria dalla riforma del 1990 ha fatto venire meno ogni ragione per mantenere in vita una norma che anzi si atteggia come sanzionatoria per il creditore. 8 Così Cass. civ., sez. II, 14 aprile 1999, n. 3679, in Giust. civ. Mass., 1999, p. 847 ha statuito che al fine di evitare l inefficacia del sequestro sancita dall art. 675 c.p.c. è sufficiente dare inizio all esecuzione entro il termine di trenta giorni e ciò anche se l esito sia infruttuoso e venga quindi redatto un verbale negativo di sequestro, restando sempre ferma la possibilità di compiere successivamente ulteriori atti di esecuzione, volti a realizzare appieno la cautela. In modo conforme V. anche Cass. civ., sez. I, 29 novembre 1993, n , in Corr. giur., 1994, p. 746 con nota di GUARNIERI, Esecuzione del sequestro e giudizio di convalida. In dottrina Cfr. VERDE, Il sequestro nel diritto processuale civile, Padova, 2006, pp. 538 ss. che riporta altresì l orientamento secondo cui anche il solo compimento dell atto esecutivo infruttuoso, se avvenuto entro trenta giorni, è valido ed efficace ad evitare la perenzione del provvedimento. 32

5 sequestro si esaurisca in un predeterminato periodo di tempo, nonostante l inizio della fase esecutiva debba cadere entro il termine dei trenta giorni. Il sequestrato, pertanto, rimane a tutti gli effetti sottoposto per un tempo indefinito alla misura restrittiva, una volta avviata la sua esecuzione. Ci si è anche domandato quale pregiudizio fattuale possa derivare al sequestrato dalla mancata concretizzazione di un vincolo sui propri beni entro un termine perentorio 9. Se quindi, stando all orientamento giurisprudenziale prevalente, all ordinamento non interessa quando deve concludersi la fase di esecuzione del sequestro, per dare certezza alla nuova situazione giuridica, sembra coerente pensare che nemmeno dovrebbe interessare se il provvedimento di sequestro viene o meno eseguito entro il termine perentorio di cui sopra, dato che il Giudice, con la fissazione dell udienza per l instaurazione del contraddittorio tra le parti, ha già predisposto la massima garanzia offerta dalla legge al sequestrato. Sotto un profilo di interpretazione sistematica, non dovrebbe più potersi accreditare all art. 675 c.p.c. alcuna nuova chiave di lettura dopo la riforma del 1990, in virtù delle modalità di tutela previste dalla più recente e più omogenea normativa e dopo il superamento, per effetto della riforma del 1990, della fase di convalida del sequestro. Alla luce di quanto sinora esposto si potrebbe anche concludere che la norma in questione, ormai priva di ratio, sia stata tacitamente superata e quindi abrogata dall intervento riformatore del 1990, in assenza di coordinamento con gli artt. 669-bis ss. c.p.c. ed alla luce delle già sufficienti garanzie in essi contenute 10. Trattasi comunque di una tesi che, per quanto convincente, rimane minoritaria nel panorama dottrinale, e sino ad ora non è stata mai esaminata dalla giurisprudenza, che continua al contrario a seguire l opinione prevalente 11, nonostante la stessa presenti non poche contraddizioni per le ragioni sopra esaminate. Senz altro l ordinanza in commento coglie un aspetto non ancora sviluppato, ove implicitamente cerca di salvare l art. 675 c.p.c. dai rischi di incoerenza con il sistema e quindi di una sua possibile abrogazione tacita. Il giudice veronese, infatti, sembra voler affermare che l innegabile carattere di specialità della norma - la quale avrebbe contenuto sanzionatorio - rispetto ad altre cause di inefficacia di misure cautelari non fa venir meno l attualità della sua ratio, da identificare non tanto nell offerta al destinatario della misura cautelare di una tutela di carattere temporale 12, quanto nella necessità che il sequestrato non sia mantenuto a tempo indeterminato sotto minaccia di sequestro - per utilizzare le parole del giudice. Questa soluzione è certamente dotata di una logica, ma non sembra fornire una risposta adeguata all interrogativo: perché per i destinatari del sequestro è prevista questa forma 9 Cfr. VERDE, Il sequestro nel processo civile, Padova, 2003, p Il tema è stato diffusamente e compiutamente trattato da DE CRISTOFARO, La consulta fa salvo un frammento della vecchia disciplina procedimentale dei sequestri, nota a Corte Cost., 13 giugno 1995, n. 237, in Resp. civ. prev., 1995, p. 896 ss., e BRUNELLI, Note sull esecuzione del sequestro, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1997, p. 119 ss. 11 Nonostante i problemi applicativi, la dottrina prevalente ritiene, infatti, che l art. 675 c.p.c. sia tutt ora in vigore. In tal senso V. MANDRIOLI, Corso di diritto processuale civile, IV, Torino, 2006, p. 261, spec. nota 21; SANTULLI, Sequestro. I) Sequestro giudiziario e conservativo (dir. proc. civ.), Enc. giur., VIII, Roma, 1991, p. 21 ss.; MONTESANO, ARIETA, Diritto processuale civile, III, Torino, 1999, p. 291; CONTE, Il sequestro conservativo tra competenza del giudice delegato e termine ex art. 675 c.p.c.(anche nel caso di condebitori solidali), in Giur. it., 1999, p. 1205; VULLO, L attuazione dei provvedimenti cautelari, Torino, 2001, p Si è infatti visto che l art. 675 c.p.c. sanziona con l inefficacia il sequestro che non viene iniziato entro trenta giorni ma non quello che, nello stesso termine, seppur iniziato non è ancora concluso. 33

6 di tutela aggiuntiva, e non anche per chi è sottoposto ad altre misure di carattere strumentale o sommario? La sopravvivenza dell art. 675 c.p.c pone, di fatto, il sequestrante, in una posizione decisamente deteriore rispetto a chi abbia richiesto una qualsiasi altra misura cautelare, al punto che si potrebbe come è stato autorevolmente proposto in dottrina 13 considerarne l incompatibilità con gli articoli 3 e 24 Cost. 3. Altro tema di interesse sul quale l ordinanza in commento si è pronunciata è quello dell individuazione del giudice competente a decidere la questione di inefficacia ex art 675 c.p.c., nonché del procedimento da seguire per giungere a siffatta declaratoria. Si consideri innanzitutto che il dato normativo manca di chiarezza e di certo non aiuta lo scioglimento dei dubbi su quale sia il giudice competente a pronunciarsi sull inefficacia di un provvedimento cautelare. L art. 669-novies c.p.c. al comma 2 disciplina il procedimento per la declaratoria di inefficacia della misura cautelare nelle ipotesi di mancata instaurazione della causa di merito nel termine perentorio di 60 giorni e di estinzione della causa di merito dopo il suo inizio. L inefficacia qui sarà dichiarata con ordinanza dal giudice che ha emesso il provvedimento se non vi sono contestazioni, diversamente la declaratoria in oggetto sarà pronunciata con sentenza dall ufficio giudiziario a cui il giudice che ha emesso la cautela appartiene. Il comma terzo dell art. 669-novies c.p.c., invece, stabilisce che l inefficacia della misura cautelare per mancato versamento dell eventuale cauzione disposta dal giudice o per dichiarata inesistenza del diritto a tutela del quale la cautela era stata concessa sia pronunciata con ordinanza dal giudice che ha emesso il provvedimento. Nulla si dice in merito all ipotesi di inefficacia che ci interessa. La costante giurisprudenza di merito 14 ritiene che l art. 669-novies c.p.c. non vada applicato alle sole cause di inefficacia in esso previste ma costituisca una norma di carattere generale, applicabile quindi anche all inefficacia di cui all art. 675 c.p.c. Tuttavia, non viene precisato se andrà applicata la procedura di cui al secondo comma dell art. 669-novies c.p.c. o quella disciplinata dal successivo comma 3. Bisogna osservare, peraltro, che solo per le due ipotesi di inefficacia di cui al primo comma è contemplata un eventuale fase di contestazione che si conclude con sentenza. Quanto poi al giudice competente, dall art. 669-novies c.p.c. la dottrina maggioritaria 15 trae il principio generale secondo cui il giudice che ha emesso la cautela sarà poi competente anche a pronunciarsi sull accertamento delle cause di inefficacia della stessa. Il ricorso dovrebbe essere, perciò, indirizzato al medesimo magistrato che ha emesso il provvedimento, o comunque rimanere ferma la designazione originaria Vedi in proposito DE CRISTOFARO, op.cit., p. 900 ss. 14 V. tra le altre Trib. Verona ord., 19 giugno 2003 in Giur. it., 2003, p. 2067; Trib. Roma, 23 marzo 2007, in Corr. mer., 2007, p. 841; Trib. Ivrea, 8 settembre 2004, in Giur. mer., 2005, p. 55; Trib. Torre Annunziata, 17 marzo 2004, in Giur. mer., 2004, p. 1995; Trib. Reggio Calabria, 8 agosto 2003, in Giur. mer., 2004, p. 483 con nota di FARINA, L inefficacia del sequestro per mancata esecuzione fra abrogazione tacita e problemi applicativi. 15 PICARDI (a cura di), Codice di Procedura Civile commentato, Milano, 1994; PROTO PISANI, Procedimenti Cautelari, Roma, 1991, p. 24; VACCARELLA, CAPPONI, CECCHELLA, in Processo Civile dopo le riforme, Napoli, 1992, p Così MERLIN, in TARZIA, CIPRIANI, Provvedimenti urgenti per il processo civile, in Commentario n.l.c., 1992, p

7 La giurisprudenza di merito 17 si è però posizionata anche su orientamenti differenti, affermando che la declaratoria di inefficacia vada pronunciata dal giudice della causa di merito nel frattempo introdotta anche qualora il provvedimento cautelare sia stato reso ante causam. Da questo punto di vista il procedimento da seguire per la declaratoria di inefficacia della misura cautelare, quando sorgano contestazioni fra le parti, ha sempre la struttura e le caratteristiche di un giudizio ordinario di cognizione 18. Una menzione merita anche l orientamento 19 secondo cui, nella pendenza del provvedimento di reclamo ex art. 669-terdecies c.p.c., competente a dichiarare l inefficacia del provvedimento autorizzativo del sequestro sarebbe, per ragioni di economia processuale, il giudice del reclamo stesso. In dottrina viene sostenuta tale soluzione considerando che il giudice del reclamo nell esaminare il provvedimento cautelare impugnato, ben dovrà interrogarsi preliminarmente sulla sua validità o sulla sua efficacia, pena l inutilità di tutto il procedimento instaurato davanti a lui 20. La questione poi si complica nel rito societario 21, specialmente nella fase che la dottrina chiama degli scambi, ovverosia la fase antecedente la fissazione dell udienza di discussione di cui all art. 12 D.lgs. 5 del 17 gennaio In tale fase, invero, l art. 24 D.lgs. n. 5/2003 prevede che in seguito alla proposizione di una domanda cautelare 23 in corso di causa il presidente dell ufficio giudiziario competente nomini senza indugio un magistrato al quale venga affidata la trattazione del procedimento 24. Ciò perché non esiste ancora un magistrato designato per la trattazione 17 Trib. Trani, 30 settembre 1996, in Giur. it., 1997, p. 150 ss., con nota di CARRATTA, A proposito dell onere di prendere posizione ; Trib. Verona, 4 agosto 2001, in Giur. mer., 2002, p Così Trib. Trani, 30 settembre 1996, cit. 19 Cfr. Trib. Cagliari, 6 ottobre 1997, in Riv. giur. Sarda, 1998, p Così LOTTI, Il Reclamo, Milano, 2002, p Si evidenzia che a seguito della L. 18 giugno 2009, n. 69 in G.U. 19 giugno 2009, n. 140, in vigore a decorrere dal 04 luglio 2009, il rito societario è stato abrogato. In particolare sono stati abrogati gli articoli da 1 a 33, 41, comma 1, e 42 del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5. Gli articoli da 1 a 33, 41, comma 1, e 42 del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5, continuano ad applicarsi alle controversie pendenti alla data di entrata in vigore della presente legge. 22 Peraltro, fin dai primi commenti alla disciplina dei processi in materia societaria è stata messa in rilievo la mancanza di raccordo tra l art. 23, che regola le misure cautelari richieste ante causam, ed il successivo art. 24 relativo invece alle cautele in corso di causa. Solo la prima delle due norme, infatti, compie un espresso richiamo alla disciplina codicistica di cui agli artt. 669-bis e seguenti c.p.c. per quanto non espressamente derogato V. CARPI, COLESANTI, TARUFFO, Commentario breve al Codice di Procedura civile e alle disposizioni sul processo societario, Padova, 2006, sub art. 24 D. Lgs. n. 5/2003. Tuttavia, l ostacolo è stato agevolmente aggirato dalla maggioranza degli Autori considerando alcune disposizioni dell art. 23 come aventi portata generale e quindi applicabili a tutte le domande cautelari nel rito societario, a prescindere dal momento in cui sono presentate. Cfr. RUBINO, in La riforma del diritto societario. I procedimenti, LO CASCIO (a cura di), Milano, 2003, sub art. 24, p. 270 ss.; BESSO, CANAVESE, Il nuovo processo societario, CHIARLONI (a cura di), Bologna, 2004, sub art. 24, p. 732; DALMOTTO, Il nuovo diritto societario, COTTINO, BONFANTE, CAGNASSO E MONTALENTI (a cura di), Bologna, 2004, sub artt , p In tema di tutela cautelare nel rito societario V. DE MATTEIS, Il procedimento cautelare in materia commerciale, in Riv. dir. proc., 2006, p. 903 ss.; COSTANTINO, Il nuovo processo commerciale: la tutela cautelare, in Riv. dir. proc., 2003, p. 651 ss.; TISCINI, I nova del procedimento cautelare societario: la c.d. strumentalità attenuata e il c.d. giudizio abbreviato, in Giur. it., 2004, p ss. 24 Che, si ritiene, sarà il medesimo a comporre il collegio giudicante dopo la fissazione dell udienza di discussione. Cfr. CRISTIANO, I nuovi procedimenti in materia di diritto societario (Il procedimento cautelare delineato dagli art. 23 e 24 del D. Lgs. n. 5 del 2003) in Giur. mer., 2004, p ss.; secondo ARIETA, DE SANTIS, Commentario dei processi societari, Torino, 2004, sub art. 24, p. 733, ragioni di economia processuale, derivanti dalla pregressa conoscenza del giudizio da parte del giudice della cautela e l assenza di alcuna incompatibilità endopocessuale fanno propendere per la coincidenza tra le due figure. 35

8 del merito della controversia. E già da sola questa disposizione mal si concilia con il Codice di rito - art. 669-quater c.p.c. -, che concentra nel giudice competente per il merito della causa anche l autorità destinata a decidere sulla domanda cautelare proposta in corso di causa. Il Tribunale di Verona giunge ad affermare la competenza a dichiarare l inefficacia ex art. 675 c.p.c. del giudice che ha disposto la cautela, seguendo tale iter argomentativo: l art. 669-novies c.p.c., che disciplina le ipotesi di inefficacia del provvedimento cautelare ed il relativo procedimento, è norma di natura paradigmatica, utilizzabile anche per risolvere questioni analoghe sempre attinenti alla persistente efficacia della misura cautelare, e pertanto applicabile anche all ipotesi di inefficacia ex art. 675 c.p.c. Non appare, tuttavia, applicabile la norma di cui all art. 669-novies, comma 2, c.p.c. la quale individua il giudice competente a provvedere sull inefficacia della cautela per mancata proposizione del giudizio di merito o di estinzione dello stesso, trattandosi di ipotesi differenti. Possono invece essere tratte utili indicazioni dal comma terzo della norma testé richiamata, che riguarda vizi invalidanti inerenti non al processo di merito ma alla cautela stessa 25. E poiché in queste ultime ipotesi la competenza a pronunciarsi sull inefficacia è attribuita al giudice del merito o, in mancanza, al giudice che ha emesso la cautela, non rimane che attribuire la questione di inefficacia per mancata esecuzione del sequestro ex art. 675 c.p.c. all unico giudice sino ad ora nominato nel corso del procedimento di merito, ovvero il giudice designato ai sensi dell art. 24 D.lgs. 5/2003 a pronunciarsi sulla domanda cautelare. Va da sé, quindi, che il giudice che ha emesso la cautela dovrà pronunciarsi con ordinanza, e non con sentenza, anche per dichiarare l inefficacia del sequestro ai sensi dell art. 675 c.p.c. Invero l art. 669-novies, commi 1 e 2, c.p.c. non è applicabile in via analogica ad ipotesi di vizi invalidanti che non ineriscono al processo di merito bensì alla cautela stessa, e pertanto tali ipotesi di inefficacia non possono essere decise con sentenza ma solo con una ordinanza. La scelta dell ordinanza in luogo della sentenza appare coerente con il carattere di strumentalità proprio del sequestro in corso di causa. Si consideri, infatti, che il provvedimento cautelare è concesso rebus sic stantibus, ossia sulla base, oltre dell esistenza del fumus, di una situazione di periculum esistente in un preciso momento temporale, ma che può naturalmente venir meno. Le parti possono infatti, in un momento successivo all emanazione della misura cautelare, chiedere che il provvedimento sia modificato o revocato. Va poi ricordato che la declaratoria di inefficacia del sequestro non ne precluderebbe la riproposizione e concessione, in aperta contraddizione con il carattere di definitività di una sentenza, qual è il provvedimento di cui all art. 669-novies, commi 1 e 2, c.p.c. L ulteriore conferma dell inadeguatezza di una sentenza in luogo di un ordinanza risiede, a ben vedere, nel fatto che i due soli casi per i quali trova espressa applicazione la procedura ex art 669-novies, commi 1 e 2, c.p.c. sono ipotesi in cui il Giudice deve decidere, in caso di contestazione, su questioni quali l effettiva tardività dell introduzione del giudizio di merito o l accertamento della sua sopravvenuta estinzione - da cui dipende la stessa persistenza/esistenza o meno del giudizio di merito. 25 Nello specifico, si tratta della mancata prestazione della cauzione disposta dal giudice e della declaratoria di inesistenza del diritto a cautela del quale il provvedimento era stato concesso. 36

9 Da qui, pertanto, la giustificata esigenza, od opportunità, di un procedimento che termini non con ordinanza ma con sentenza. Si noti peraltro che nelle suddette ipotesi - mancata instaurazione del procedimento di merito, estinzione del medesimo - non può nemmeno configurarsi la pendenza di un giudizio di merito idoneo a concludersi in maniera definitiva con una sentenza, e che pertanto non si pone nemmeno il problema di una possibile influenza del giudicato sulla questione di inefficacia rispetto al giudicato sul merito della vicenda, problema che invece si porrebbe se si pretendesse di definire con sentenza una questione di inefficacia in pendenza del giudizio di merito. Il dato letterale della norma, che delimita l applicazione del procedimento de quo ai soli due casi citati, trova quindi corrispondenza nella ratio normativa 26, che non estende la decisione con sentenza a quelle cause di inefficacia che non spiegano alcun effetto estintivo sul giudizio di merito già in corso 27. La giurisprudenza di merito 28 ha rilevato, inoltre, che la nomina di un giudice che debba appositamente decidere una questione di inefficacia del sequestro con sentenza non è necessaria ogni qualvolta non sia ancora concluso il procedimento cautelare ovvero sia stato già iniziato il giudizio di merito. In entrambe le situazioni, infatti, il giudice che deve pronunciarsi sul merito o sulla cautela è competente a conoscere di tutti i profili del provvedimento cautelare concesso. 4. Un ultimo aspetto merita di essere sottolineato, nonostante il provvedimento commentato l abbia scansato affermandone l irrilevanza per la decisione in questione. Nelle more dell esecuzione del provvedimento, come è noto, è data facoltà al sequestrato, ai sensi dell art. 669-terdecies c.p.c., di proporre reclamo 29 al collegio entro il breve termine di dieci giorni dalla sua comunicazione di cui all art. 23, comma 5, D.lgs 5 del 17 gennaio Nella prassi, tuttavia, accadrà sovente che il termine assegnato dall art. 675 c.p.c. al ricorrente venga naturalmente ristretto a soli venti giorni ove, per ovvie ragioni di prudenza, il ricorrente attenda il decorso del termine per reclamare prima di dare esecuzione al sequestro. Termine questo che pone non pochi ostacoli allorché si vada a porre in esecuzione, ad esempio, un sequestro all estero. Per limitarsi a quanto avviene in territorio comunitario, si consideri che per il riconoscimento e l esecuzione in un Paese dell Unione Europea di un provvedimento cautelare emesso da un autorità giudiziaria di altro Paese membro devono essere rispettate una serie di formalità previste dal Regolamento CE 44/2001, si parla della c.d. procedura di exequatur. In particolare: a) proposizione dell istanza al giudice competente 26 Cfr. Trib. Ivrea, 8 settembre 2004, in D.&G., 2004, p. 46 ss., con nota di DI MARZIO. 27 V. PICARDI (a cura di), Codice di Proc. civile commentato, Milano, 1994, p. 1689, ove tra i casi in cui la causa di inefficacia si produca senza determinare l estinzione del giudizio si contempla la mancata esecuzione del sequestro entro il termine di trenta giorni ex art. 675 c.p.c., ed ancora l ipotesi di mancato versamento della cauzione. 28 Trib. di Palmi, 9 luglio 1998, in Giur. it., 1999, p. 1212, con nota di GENNARI, Arbitrato internazionale, arbitrato estero, competenza del giudice cautelare in presenza di una clausola compromissoria per «arbitrato estero» e altre questioni sul nuovo processo cautelare. 29 Sul reclamo in generale V. CORSINI, Il reclamo cautelare, Torino, 2002, passim. 30 Si tratta di una peculiarità del rito societario rispetto al termine di quindici giorni previsto dall art terdecies c.p.c. previsto per il processo cautelare uniforme. 37

10 nello Stato richiesto; b) copia della decisione che presenti tutte le condizioni di autenticità, inclusa traduzione asseverata nella lingua dello Stato richiesto (art. 53); c) attestato rilasciato dal giudice o autorità competente in conformità al formulario di cui all allegato V del Regolamento (art. 54). Il rispetto del breve termine previsto dall art. 675 c.p.c. (trenta/venti giorni) verrebbe facilmente vanificato dalla necessità di assolvere alle suindicate formalità, per facilmente comprensibili ragioni legate al funzionamento delle procedure amministrative richieste. Basti pensare come possa essere operazione non esauribile in breve tempo la traduzione in altra lingua - e la sua asseverazione - di un ordinanza di sequestro. Non si può non osservare, pertanto, come la situazione possa presentarsi alquanto anomala, con riferimento da un lato al principio di economia processuale, dall altro al grado di prudenza che necessariamente deve incombere su chi si attiva in sede giudiziaria, determinando conseguenze di particolare rilievo nei confronti dei soggetti destinatari della misura cautelare. Quanto al primo profilo - economia processuale - il mancato rispetto del termine di trenta-venti giorni e la conseguente inefficacia del sequestro che ne deriva determinerebbe la necessità di introdurre un nuovo procedimento cautelare che riproporrebbe, però, lo stesso identico problema una volta concessa la misura cautelare, con il rischio, tra l altro, di vedersi opporre dalla controparte il rilievo della sopravvenuta assenza di un periculum in mora tale da giustificare l emissione del nuovo sequestro, stante il tempo ormai trascorso. Quanto al secondo profilo prudenza - è da sottolineare che se il provvedimento cautelare viene eseguito prontamente e in parallelo il sequestrato propone reclamo, con lo scopo di revocare o modificare il provvedimento concesso, si potrebbe creare la seguente situazione: il ricorrente sequestra i beni per permettere al provvedimento di mantenere i suoi effetti e, successivamente, tale provvedimento, per effetto del reclamo, viene revocato. Il sequestrante in tale ipotesi rischierebbe di esporsi ad una richiesta di danni per azione cautelare temeraria, ma non avrebbe potuto fare altrimenti per evitare la caducazione del provvedimento ottenuto. Ne consegue che la scelta del ricorrente di attendere la definitiva pronuncia del collegio in caso di reclamo ovvero il decorso del termine per la sua proposizione prima di procedere alla esecuzione del sequestro, appare essere la via che meglio soddisfa il principio costituzionale del giusto processo. Si dovrebbe altrimenti concludere che l ordinamento favorisce l esecuzione di misure cautelari generando potenziali situazioni di danno a carico della parte gravata della misura cautelare, ed altresì potenziali azioni di risarcimento danni in caso di revoca del provvedimento. Il ricorrente, quindi, potrebbe vedersi dichiarato inefficace il provvedimento di sequestro a causa del mancato espletamento di formalità il cui tempestivo completamento sfugge alla sua disponibilità. E l impossibilità obiettiva di rispettare il termine di cui all art. 675 c.p.c. vanificherebbe il suo pieno diritto a proteggere il credito, seppur accertato in via sommaria, attraverso l esecuzione della misura cautelare. Ciò costituisce una chiara disparità di trattamento tra chi deve eseguire il provvedimento in Italia e chi lo deve eseguire all estero. Una possibile via d uscita sarebbe far decorrere il termine per l esecuzione del provvedimento cross-border, previo suo riconoscimento, dalla pronuncia di conferma dello stesso da parte del giudice del reclamo, ovvero in assenza di impugnazione, dalla 38

11 scadenza del termine per proporre il reclamo. Ciò consentirebbe di provare avanti l autorità giudiziaria dello Stato richiesto, al di là di ogni dubbio, la vincolatività e definitività, fino alla sentenza di merito, del provvedimento. Non solo: consentirebbe, soprattutto, di porre in esecuzione un provvedimento non più soggetto a impugnazione evitando inutile dispendio di tempo e di costi. In questo modo verrebbe ripristinata la piena parità di trattamento tra chi esegue la misura cautelare entro i confini nazionali e chi la voglia o debba eseguirla all estero 31. Si consideri, inoltre, che in taluni casi il legislatore processuale ha sentito la necessità di compiere una distinzione, concedendo termini più lunghi per compiere determinati atti all estero. Ciò, evidentemente, nella consapevolezza del fatto che una determinata attività processuale, per essere perfezionata in un Paese straniero, richiede ulteriori adempimenti non esauribili nel medesimo arco di tempo concesso per compiere la stessa attività sul territorio nazionale. Si pensi al termine per la notificazione del decreto d ingiunzione ai sensi dell articolo 644 c.p.c. 32, ed ancora, proprio in materia cautelare, al termine per la notifica del decreto inaudita altera parte di cui all art. 669-sexies, commi 2 e 3, c.p.c. 33. In tali casi, il legislatore ha concesso alla parte che ha dato impulso all atto processuale un termine più lungo in vista del fatto che l atto deve portare i suoi effetti in un Paese straniero. La fattispecie di cui all art. 675 c.p.c. dispone che il provvedimento di sequestro perde efficacia se non viene eseguito entro un determinato termine: in modo analogo, l art. 644 c.p.c. prevede che il decreto ingiuntivo perda efficacia se non viene notificato entro un detto termine. Le fattispecie si presentano omogenee; entrambe, infatti, prevedono un atto di impulso ad opera della stessa parte che aveva dato avvio al procedimento, rispettivamente di sequestro e di ingiunzione. Nondimeno, l art. 644 c.p.c. prevede espressamente un diverso termine nel caso in cui l atto di impulso (la richiesta di notifica del provvedimento) debba eseguirsi all estero. Nulla, invece, viene disciplinato dall art. 675 c.p.c. ove l atto di impulso (l esecuzione del provvedimento) debba eseguirsi all estero. Tale disparità di trattamento potrebbe originare un profilo di incostituzionalità della norma in parola 34. L art. 675 c.p.c., invero, non concedendo un termine più lungo nell ipotesi in cui il provvedimento di sequestro debba eseguirsi all estero, pregiudica chi esegue la misura cautelare all estero rispetto a chi la voglia o debba eseguire entro i confini nazionali. Ciò pone la norma di cui all art. 675 c.p.c. in contrasto, in particolare, con l art. 3 della Costituzione che richiede uniformità di trattamento di situazioni omogenee. Non solo: il 31 Si tratta di una situazione per certi versi analoga a quella trattata dalla Corte Costituzionale in materia di notifiche all estero e che ha portato alla declaratoria di incostituzionalità del combinato disposto dell art. 149 c.p.c. e art. 4, comma terzo, L. 20 novembre 1982, n. 890; V. Corte Cost., 22 novembre 2002, n In particolare l art. 644 c.p.c. prevede che il decreto ingiunzione debba essere notificato a pena di inefficacia del provvedimento stesso, nel termine di sessanta giorni, se la notifica debba avvenire in Italia, diversamente nel termine di novanta giorni negli altri casi. 33 In tale ipotesi il termine per la notifica è di otto giorni se in Italia e di ventiquattro giorni se all estero (termine triplicato). 34 La Consulta ha già avuto modo di pronunciarsi, con una sentenza di rigetto, Corte Cost., 13 giugno 1995, n. 237, sulla compatibilità dell art. 675 c.p.c. con gli artt. 3 e 24 della Carta Costituzionale sotto il diverso profilo della decorrenza del termine dei trenta giorni dalla pronuncia del provvedimento anziché dalla sua comunicazione. 39

12 conflitto si palesa anche con l art. 24 e 111 Cost. in quanto viene reso particolarmente difficoltoso se non addirittura frustrata la posizione del creditore nell attuazione del proprio diritto attraverso un processo che dia le necessarie e opportune garanzie. Nella disposizione di cui all art. 675 c.p.c. sarebbe, pertanto, individuabile un omissione legislativa, cioè la mancata previsione di un diverso termine per il caso di esecuzione all estero del provvedimento cautelare, ovvero un termine maggiore a quello di trenta giorni previsto dalla disposizione de qua. Omissione legislativa che porterebbe conseguentemente a valutare le summenzionate ipotesi di incostituzionalità della norma in esame. Nell ordinanza di cui si discute il giudice nel pronunciare l inefficacia della misura cautelare ha ritenuto irrilevante l esame della adeguatezza o meno del termine per l esecuzione all estero della cautela richiesta. Non ci resta, quindi, che attendere nel futuro adeguata risposta della giurisprudenza o, nella migliore delle ipotesi, un intervento adeguatore del legislatore. 40

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE Relatore: dr.ssa Antonella MAGARAGGIA pretore presso la Pretura circondariale di Venezia SOMMARIO: I. Introduzione. II. Disciplina del procedimento

Dettagli

LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA.

LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA. LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA. Piacenza, 23 febbraio 2008. Introduzione. Tratti comuni degli istituti in oggetto: natura anticipatoria, ma non cautelare.

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss.

L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss. MICHELE FORNACIARI www.judicium.it L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss.) SOMMARIO: 1. Il nuovo testo

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1.

Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1. Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1. Sommario: 1. Tassi di elasticità della nuova disciplina. 2. La prima udienza di trattazione. Le verifiche

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI CAPITOLO TERZO IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI VIRGINIA PETRELLA SOMMARIO: 3.1. Inquadramento e ratio del rito licenziamenti. 3.2. La conciliazione obbligatoria nei licenziamenti

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Rapporti tra mediazione e giudizio contenzioso nel d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28

Rapporti tra mediazione e giudizio contenzioso nel d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28 MARIA PIA GASPERINI Rapporti tra mediazione e giudizio contenzioso nel d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28 Sommario. 1. Premessa. 2. La mediazione obbligatoria ex lege e i profili di legittimità costituzionale.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Cap. I. Gli incombenti del giudice designato ex art. 168 bis anteriori alla 1a udienza di comparizione.

Cap. I. Gli incombenti del giudice designato ex art. 168 bis anteriori alla 1a udienza di comparizione. GLI INCOMBENTI DELL ISTRUTTORE ALL UDIENZA EX ART. 180 C.P.C. Relatore: dott.ssa Maria ACIERNO pretore di Bologna Introduzione La soluzione definitivamente accolta (1) dal legislatore di codificare la

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli