VERBALE N. 2 (I Riunione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE N. 2 (I Riunione)"

Transcript

1 PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA AD UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI II FASCIA PRESSO LA FACOLTA' DI PSICOLOGIA 2 Settore M-PSI/06 - Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Pubblicato sulla Gazzetta n. 97 del 12/12/2008 VERBALE N. 2 (I Riunione) Il giorno 10 gennaio 2011, alle ore 11:00, presso i locali del Rettorato dell Università di Roma La Sapienza, si è riunita in prima seduta la Commissione Giudicatrice della procedura di valutazione comparativa ad 1 posto di Professore Universitario di ruolo di II fascia presso la Facoltà di Psicologia 2, per il settore Scientifico disciplinare M-PSI/06 Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, bandito dall Università degli Studi di Roma La Sapienza con D.R. del 27/11/2008, pubblicato sulla G.U. n. 97 del 12/12/2008. La Commissione, costituita per il concorso di cui in premessa con D.R. n. 376/10 del 19/07/2010, pubblicato su G.U. n. 63 del 10/08/2010, è composta dai seguenti professori: Prof. Francesco Avallone - Presidente Prof. Giovanni Briante - Membro Prof. Nicola De Carlo - Membro Prof. Franco Fraccaroli - Membro Prof. Giuseppe Ruvolo - Segretario Il Presidente, poiché tutti i membri della Commissione sono presenti, dichiara validamente aperta la riunione. Il Presidente, accertato che i criteri di massima fissati nella precedente riunione sono stati resi pubblici per più di sette giorni senza che l'università abbia comunicato la ricezione di osservazione alcuna, informa la Commissione che il Segretario ha acquisito copia dell'elenco dei candidati, delle domande, dei titoli e delle pubblicazioni. Ciascun membro della Commissione, presa visione dell'elenco dei candidati, dichiara di non aver relazioni di parentela o affinità, entro il 4 grado incluso, con i candidati stessi (art. 5 comma 2 D.lgs 1172/48) e conferma che i candidati sono i seguenti: AMOLINI PATRIZIA CORTINI MICHELA DI NOCERA FRANCESCO GHENO STEFANO La Commissione, quindi, procede ad aprire i plichi dei candidati e a prendere visione solo dei titoli e delle pubblicazioni corrispondenti agli elenchi allegati alla domanda e consegnati al Segretario. In ottemperanza ai principi di trasparenza negli atti della Pubblica Amministrazione, l elenco delle pubblicazioni presentate da ciascun candidato è allegato al presente verbale. La Commissione prende atto che non vi sono lavori in collaborazione di nessun candidato con uno o più Commissari. I membri della Commissione iniziano seduta stante a consultare i curricula e le pubblicazioni dei candidati. Dopo ampia ed attenta valutazione del materiale la Commissione passa a stendere, per ciascun candidato, un breve profilo curriculare e il giudizio individuale. 1

2 CURRICULUM DI AMOLINI PATRIZIA Nata il 13/06/1960. Laureata in Psicologia con voto 104/110 (Università degli Studi di Roma La Sapienza, 1983). Corso di Specializzazione quadriennale in Psicoterapia ad orientamento relazionale (1985) Corso di Specializzazione quadriennale in Psicoterapia ad orientamento cognitivo (1991). Corso di Perfezionamento post lauream in Psicologia dell orientamento e career planning: bilancio di competenze, relazione d aiuto, counseling e coaching (Università di Firenze, 2006) Attestati di partecipazione a diverse attività di formazione e corsi di aggiornamento. Dal 2001 è consulente per la funzione di orientatore presso i Servizi per l Impiego della Provincia di Terni ed è integrata, con la qualifica di psicologo, nel Comitato Tecnico L. 68/99 della Provincia di Terni. Dal 2004 partecipa al progetto di ricerca dell ISFOL Modelli Organizzativi ed Operativi dei servizi di orientamento nei CPI per conto del Centro per l impiego di Terni. La candidata non allega l elenco delle pubblicazioni da sottoporre a valutazione. Dal suo curriculum si evincono le seguenti pubblicazioni, non allegate: 1 articolo pubblicato su Journal of Social Psichology (vol. 14, ), 2 articoli, privi di riferimenti, pubblicati nel Rapporto sul Mercato del Lavoro della Provincia di Terni nel 2004 e nel 2005, articoli, privi di riferimenti, pubblicati su Onda Tivù ; Benessere ; Quaderni della Sanità della Regione Umbria. La candidata non presenta un curriculum scientifico e accademico apprezzabile, mentre intenso è stato l impegno professionale. Le poche pubblicazioni indicate e non presentate non consentono un giudizio positivo ai fini della presente valutazione comparativa. La candidata presenta un curriculum apprezzabile da un punto di vista professionale, ma inadeguato per il ruolo di professore associato. Il curriculum scientifico e accademico presentato risulta assai limitato e non sono disponibili pubblicazioni che permettano di articolare un giudizio di sufficienza per il concorso in atto. 2

3 La candidata presenta un curriculum vitae con varie esperienze professionali, svolte in ambito pubblico, nel contesto dell orientamento professionale e dei servizi psicologici per l impiego. Non sono elencate specifiche attività scientifiche e di ricerca in ambito accademico. Non sono allegate le pubblicazioni da sottoporre a valutazione. La candidata non ha fatto pervenire alcuna pubblicazione a stampa, pertanto non è possibile esprimere un giudizio di merito sulla produzione scientifica. Il curriculum ed i titoli presentati appaiono insufficienti per il profilo del bando. CURRICULUM DI MICHELA CORTINI Nata il 6/03/1971. Laureata in Filosofia con lode (Università degli Studi di Bologna, 1995). Specializzata in Communication Studies: Working in Media Genres presso il Birkbeck College, University of London (1996). Dottore di Ricerca in Psicologia della Comunicazione. Processi Cognitivi, Affettivi, Linguistici, presso l Università degli Studi di Bari (2002); Dottore di Ricerca in Psicologia Sociale presso l Università degli Studi di Parigi8 (2002). Ricercatore del settore M-PSI/06 dal 2002 presso l Università di Bari, è succesivamente ricercatore confermato presso l Università di Chieti e Pescara G. D Annunzio. Dal 2005/2006 al 2007/2008 ha tenuto il corso di Psicologia dell Orientamento nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche psicologiche dell Università di Bari. Dal 2005/2006 al 2007/2008 ha tenuto il corso di Psicologia della Pubblicità e del Marketing nel Corso di Laurea Magistrale in Psicologia dell organizzazione e della Comunicazione dell Università di Bari. Nel 2008/2009 insegna Psicologia del Lavoro nel Corso di Laurea Triennale e Psicologia delle Organizzazioni nel Corso di Laurea Magistrale di Psicologia dell Università G. D Annunzio di Chieti e Pescara. Attività organizzativa: svolta a livello nazionale e internazionale in ambito accademico, di associazioni, di editoria scientifica. L attività di ricerca non è esplicitata nel curriculum prodotto, dal quale si evince che gli interessi di ricerca della candidata riguardano i diversi aspetti della comunicazione, l analisi della conversazione, la psicologia turistica. I 15 lavori presentati per la valutazione sono: 2 capitoli su volumi stranieri, 1 come primo autore e 1 come secondo autore (Benjamin Publishing, Max Niemeyer); 3

4 3 volumi italiani come curatrice, 1 come unico autore e 2 come coautore (Guerini, Carocci Aracne); 3 capitoli in volumi italiani, 2 come autore unico e 1 come secondo autore (Laterza, Meltemi, Ponte delle Grazie Longanesi); 3 articoli su rivista straniera, di cui 1 come unico autore, 1 come secondo autore e 1 come terzo autore (International Journal of Knowledge, Culture & Change Management; Qwerty. Journal of Technology, Culture and Education; Argumentation); 4 articoli su rivista italiana, tutti come unico autore (Turismo e Psicologia. Rivista Interdisciplinare di Studi, Ricerche e Formazione, Studi Organizzativi; Sociologia e Ricerca Sociale; Rassegna Italiana di Psicolinguistica Applicata); Per quanto concerne i lavori in collaborazione presentati, la commissione ha potuto individuare l apporto personale della candidata. La produzione scientifica della candidata è pertinente e congruente con il settore scientifico disciplinare M-PSI/06. I lavori presentati per la valutazione solo alcuni di carattere empirico riguardano i diversi aspetti della comunicazione in particolare veicolata dal web, l analisi della conversazione e la psicologia del marketing e della pubblicità. Discreta la visibilità internazionale e la collocazione editoriale dei lavori. Apprezzabile il curriculum didattico. La candidata si caratterizza per un profilo di discreto livello. I lavori della candidata spaziano in diversi ambiti: da quello organizzativo a quello della formazione, dalla psicologia dei consumi a quella dello sport e del turismo ed evidenziano i vasti interessi della candidata. Si tratta di lavori certamente originali, congruenti con il settore a concorso. Buona, e in qualche caso ottima la sede di pubblicazione. Il contributo individuale è riconoscibile anche dalla posizione occupata dalla candidata nei lavori a più autori. La continuità di produzione scientifica è pienamente verificata. L attività didattica della candidata è ampia, svolta nel settore concorsuale e in quello affine M-PSI/05 sia in corsi di laurea sia in corsi di perfezionamento. L attività organizzativa ben sviluppata in ateneo ma pure in ambito nazionale e internazionale. Da segnalare, infine, l attività di editing nazionale e internazionale della candidata. Il giudizio complessivo è buono Curriculum scientifico accademico articolato su vari interessi, in molti casi riconducibili ai diversi aspetti della comunicazione. Gli elementi di merito e metodologici caratterizzanti la sua produzione scientifica, in relazione al presente concorso, appaiono, positivi. La candidata presenta un curriculum scientifico coerente con il raggruppamento scientifico disciplinare oggetto della valutazione comparativa. Oltre a ricoprire il ruolo di ricercatrice dal 2002 ed aver conseguito il titolo di dottore di ricerca in psicologia sociale, vanta esperienze di formazione e ricerca in ambito internazionale e una significativa attività associativa e di editoria scientifica coerente con il raggruppamento. Le pubblicazioni presentate ai fini della valutazione comparativa affrontano svariati temi, per lo più pertinenti 4

5 con il raggruppamento. Alcune di esse sono apparse su riviste o sedi editoriali con visibilità internazionale e sono presenti sui principali indici bibliometrici del settore (Psycinfo; Scopus). Nel complesso l attività scientifica svolta dalla candidata registra un discreto livello di originalità e buona competenza in ambito metodologico. Il percorso scientifico intrapreso merita di essere maggiormente focalizzato su alcune linee autonome di ricerca. La produzione scientifica è abbastanza pertinente il settore M-PSI/06. Le pubblicazioni presentano un intensa continuità temporale, la collocazione editoriale è di prevalente rilievo nazionale con alcune pubblicazioni in altri paesi europei. Il filone di ricerca principale è individuabile nell analisi testuale, della comunicazione e conversazionale. La candidata presenta anche un apprezzabile curriculum di attività didattica universitaria. La valutazione complessiva del profilo scientifico ed accademico è sufficiente. CURRICULUM DI FRANCESCO DI NOCERA Nato il Laureato in Psicologia (Università di Roma La Sapienza, 1995). Dottore di ricerca in Psicologia (Università di Roma La Sapienza, 2001). Research Associate presso il Cognitive Science Laboratory, Catholic University of America, Washington - USA ( ). Assegnista di Ricerca presso il Dipartimento di Psicologia, Università di Roma La Sapienza, ( ). Ricercatore nel settore M-PSI/01 dal 2004 presso il Dipartimento di Psicologia, Università di Roma La Sapienza. Dal 2004 ha svolto in affidamento le seguenti attività didattiche: Introduzione all Ergonomia (Corso di Laurea triennale, 4 CFU); Modelli cognitivi per l analisi degli errori (Corso di Laurea Magistrale, 4 CFU); Ergonomia cognitiva e processi decisionali (Corso di Laurea Magistrale, 12 CFU). Ha svolto attività di ricerca nel Laboratorio di Ergonomia Cognitiva del Dipartimento di Psicologia, dedicandosi allo studio dell interazione individui-tecnologie. In particolare si è occupato dell esame dei processi implicati nella realizzazione di sistemi di automazione adattiva, della metodologia di analisi dei dati oculari impiegati come misura del carico di lavoro mentale e dell interazione con le tecnologie per il Personal Information Management. Ha fatto parte di gruppi di ricerca internazionali del National Aeronautics and Space Administration dell ESA, della Lund University ed è membro del NATO HFM-133 working group anche con funzioni di coordinamento e di responsabilità scientifica. I 15 lavori presentati per la valutazione sono: 5

6 1 volume italiano, di cui è unico autore (Carocci); 4 capitoli in volumi stranieri, di cui 1 come unico autore, 2 come primo autore, 1 come secondo autore (editori: Shaker Publishing (2); LIT Publisher Group; IOS Press); 6 articoli su rivista straniera, 3 come primo autore, 1 come secondo autore, 1 come terzo autore, 1 come quarto autore (pubblicati su Accident Analysis and Prevention; Behavior research Metods; Journal of Cognitive Engineering and Decision Making; Aviation, Space & Enviromental Medicine (2); Quarterly Journal of Experimental Psychology); 4 articoli su rivista italiana, tutti come primo o unico autore (pubblicati su Giornale Italiano di Psicologia; Ergonomia; Rassegna di Psicologia; Ricerche di Psicologia) Per quanto concerne i lavori in collaborazione presentati, la commissione ha potuto individuare l apporto personale del candidato. Ha partecipato a numerosi congressi italiani e internazionali. La produzione scientifica del candidato è pertinente e congruente con il settore scientifico disciplinare M-PSI/06. I lavori presentati per la valutazione per la maggior parte di carattere empirico riguardano l interazione con le tecnologie, i processi implicati nella realizzazione di sistemi di automazione adattiva, la misura del carico del lavoro mentale. Sul tema dell analisi dell errore umano, il candidato ha acquisito una buona visibilità nella comunità scientifica internazionale, offrendo contributi in relazione sia alle conoscenze, sia allo sviluppo dei metodi. Buona la collocazione editoriale dei lavori. Apprezzabile il curriculum didattico. Il candidato si caratterizza per un profilo di buon livello. Gli interessi di ricerca del candidato sono centrati sullo studio dell interazione individuitecnologie, la produzione scientifica è ampia e di ottimo livello. Le pubblicazioni presentate per la valutazione comparativa sono, nella quasi totalità pertinenti con il settore disciplinare a concorso. Molto buona e in qualche caso ottima la loro collocazione editoriale. L attività didattica del candidato si è svolta in ambiti attinenti al settore M-PSI/06. Nel complesso, il candidato dimostra autonomia e una raggiunta maturità scientifica. Curriculum scientifico accademico coerente e approfondito, con esperienze rilevanti di ricerca anche a livello internazionale. Le pubblicazioni sono di elevato livello. Il giudizio, per il presente concorso, è molto positivo. Il candidato presenta un percorso formativo molto denso, caratterizzato da esperienze in sedi accademiche nazionali e internazionali (dottorato di ricerca; assegno di ricerca; research associate; ricercatore). Sebbene alcuni lavori presentati non risultino pienamente coerenti con il raggruppamento scientifico disciplinare oggetto della valutazione comparativa, si ritiene che nel complesso l attività scientifica risulti intensa e internamente coerente. Essa è dedicata all ergonomia cognitiva, all errore umano, al carico di lavoro mentale in rapporto alle tecnologie dell automazione. Si tratta di uno spazio interdisciplinare compreso tra ergonomia, psicologia, scienze cognitive e scienze computazionali. Tale attività è ben 6

7 valorizzata in una produzione scientifica di qualità, presente su riviste e volumi di carattere nazionale e internazionale quotati nelle banche dati di riferimento (Psycinfo; Scopus; ISI). Si sottolinea un buon indice di impatto citazionale di alcuni lavori. Il candidato inoltre risulta responsabile o coordinatore di progetti scientifici finanziati anche da strutture non accademiche e con un potenziale impatto applicativo. Complessivamente i titoli e la produzione scientifica del candidato sono di buon livello qualitativo. La produzione scientifica del candidato, del tutto pertinente il settore scientifico disciplinare M-PSI/06, si presenta continuativa e collocata in prevalenza in contesti editoriali internazionali e nazionali di medio-alto profilo. Gli interessi di ricerca sono molto ben individuati, anche con riferimento all indagine empirica e riguardano i processi di integrazione uomo-tecnologia e le tematiche connesse all ergonomia e ai processi decisionali. Il candidato presenta esperienza didattica universitaria del tutto coerente con il profilo dei suoi interessi di ricerca. La valutazione complessiva è di buona maturità scientifica e valido impegno accademico. CURRICULUM DI STEFANO GHENO Nato il 16/01/1964. Laureato in Lettere Moderne (Università Cattolica del S. Cuore di Milano, 1987). Specializzato in Psicologia del Lavoro, (Università Cattolica del S. Cuore di Milano, 1990). Dal 2001 al 2008 professore a contratto di Psicologia Sociale e Psicologia dei Gruppi presso la Facoltà di Sociologia dell Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. I suoi principali interessi di ricerca riguardano: comportamento organizzativo, transizione al lavoro, metodologie formative, orientamento e formazione professionale, valutazione del self-empowerment. I 15 lavori presentati per la valutazione sono: 1 dispensa in lingua russa come unico autore di cui manca la traduzione italiana asseverata (Novosibirsk State University); 3 volumi italiani, 2 come unico curatore e 1 come co curatore (F. Angeli); 6 capitoli in volumi italiani, di cui 4 come unico autore, 1 come secondo autore, 1 come terzo autore (F. Angeli, [4]; Unicopli [2]). 5 articoli su riviste italiane, di cui 4 come unico autore e 1 come primo autore (FOR Rivista AIF (2); IKON; Risorsa Uomo; Psicologia della Salute); Per quanto concerne i lavori in collaborazione presentati, la commissione ha potuto individuare l apporto personale del candidato. Ha partecipato a numerosi congressi italiani e internazionali. La produzione scientifica del candidato è pertinente e congruente con il settore scientifico disciplinare M-PSI/06. I lavori presentati per la valutazione solo in misura modesta di 7

8 carattere empirico riguardano prevalentemente temi del comportamento organizzativo, della transizione al lavoro, dell orientamento e della formazione La rilevanza delle pubblicazioni è circoscritta all ambito nazionale. Da segnalare l impegno del candidato in attività di formazione e di docenza a contratto. Il candidato si caratterizza per un profilo scientifico ancora in evoluzione. Il curriculum del candidato evidenzia il suo interesse per gli aspetti applicativo-professionali della disciplina. In particolare le metodologie della formazione e dell orientamento professionale. Tutte le pubblicazioni sono congruenti con il settore concorsuale, buona la loro collocazione editoriale. L attività didattica, come professore a contratto, è stata svolta nell ambito del settore oggetto della presente valutazione. Nel complesso, il candidato risulta promettente dal punto di vista scientifico. Curriculum scientifico accademico adeguato pur con la prevalenza di aspetti essenzialmente professionali. I contenuti delle pubblicazioni danno luogo ad una valutazione positiva. Il candidato presenta un curriculum didattico e scientifico coerente con il settore scientifico disciplinare oggetto di valutazione comparativa. Vanta numerose esperienze didattiche come contrattista e alcune attività di ricerca svolte nell ambito della psicologia della formazione e dell orientamento professionale. Le pubblicazioni presentate ai fini della valutazione sono in gran parte costituite da volumi e capitoli di volumi a livello nazionale e da articoli su riviste nazionali del settore. Nel complesso la produzione scientifica risulta originale per quanto concerne la ricostruzione di esperienze professionali in ambiti organizzativi, mentre risulta carente sul piano delle metodologie di ricerca. Nel complesso il profilo scientifico del candidato risulta coerente con il raggruppamento scientifico disciplinare, con una produzione scientifica limitata al contesto nazionale. La produzione scientifica del candidato è pertinente il settore scientifico M-PSI/06. Le pubblicazioni presentano una continuità temporale ininterrotta collocata editorialmente in ambito nazionale. La produzione scientifica espressa nei lavori riguarda inquadramenti teorici e metodologici relativi ai processi di formazione, orientamento, valutazione e intervento nelle organizzazioni di lavoro, nella produzione e qualità dei servizi. Ha svolto attività didattica universitaria nel settore della psicologia sociale, anche in alcuni Master universitari. Ha svolto anche attività didattica in Russia e Kazakstan. La produzione scientifica risulta non abbastanza sviluppata nella ricerca empirica. La Commissione procede quindi a stendere per ciascun candidato il giudizio collegiale, tenendo conto dei giudizi individuali. AMOLINI PATRIZIA 8

9 Il profilo della candidata non risulta idoneo ai fini della valutazione comparativa del settore M-PSI/06. CORTINI MICHELA Il profilo della candidata sul piano scientifico è discreto e congruente con il settore concorsuale. Discreta la collocazione editoriale dei lavori presentati. Buona l attività didattica svolta. La candidata si caratterizza, complessivamente, per un profilo di discreto livello. DI NOCERA FRANCESCO Il profilo del candidato sul piano scientifico è buono e sostanzialmente congruente con il settore concorsuale. Buona la collocazione editoriali dei lavori presentati. Buona l attività didattica svolta. Il candidato si caratterizza, complessivamente, per un profilo di buon livello. GHENO STEFANO Il profilo del candidato sul piano scientifico è sufficiente e sostanzialmente congruente con il settore concorsuale. La collocazione editoriale dei lavori presentati riguarda solo l ambito nazionale. Discreta l attività didattica svolta. Il candidato si caratterizza, complessivamente, per un profilo sufficiente. Esaurita questa fase della procedura il Presidente, alle ore 14:30, dichiara chiusa la seduta e riconvoca la Commissione alle ore 16:00 per la discussione sulle pubblicazioni e l assegnazione ai candidati dell argomento della prova didattica Roma, 10 gennaio 2011 Letto, approvato e sottoscritto seduta stante La Commissione: Presidente: Prof. Francesco Avallone Membro: Prof. Giovanni Briante Membro: Prof. Nicola De Carlo Membro: Prof. Franco Fraccaroli Segretario: Prof. Giuseppe Ruvolo 9

10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA AD UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI II FASCIA PRESSO LA FACOLTA' DI PSICOLOGIA 2 Settore M-PSI/06 - Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Pubblicato sulla Gazzetta n. 97 del 12/12/2008 VERBALE N. 3 (II Riunione) Il giorno 10 gennaio 2011, alle ore 16:00, presso i locali del Rettorato dell Università di Roma La Sapienza, si è riunita in seconda seduta la Commissione Giudicatrice della procedura di valutazione comparativa ad 1 posto di Professore Universitario di ruolo di II fascia presso la Facoltà di Psicologia 2, per il settore Scientifico disciplinare M-PSI/06 Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, bandito dall Università degli Studi di Roma La Sapienza con D.R. del 27/11/2008, pubblicato sulla G.U. n. 97 del 12/12/2008. La Commissione, costituita per il concorso di cui in premessa con D.R. n. 376/10 del 19/07/2010, pubblicato su G.U. n. 63 del 10/08/2010, è composta dai seguenti professori: Prof. Francesco Avallone - Presidente Prof. Giovanni Briante - Membro Prof. Nicola De Carlo - Membro Prof. Franco Fraccaroli - Membro Prof. Giuseppe Ruvolo - Segretario Il Presidente, poiché tutti i membri della Commissione sono presenti, dichiara validamente aperta la riunione. Si procede quindi all appello nominale dei candidati: AMOLINI PATRIZIA CORTINI MICHELA DI NOCERA FRANCESCO GHENO STEFANO La candidata Patrizia Amolini risulta assente. La Commissione identifica i candidati come segue: Candidato Documento di identificazione Firma per accettazione del calendario-orario delle prove MICHELA CORTINI C.I rilasciata a Pescara il 16/11/2009 (vedi foglio allegato 1) FRANCESCO DI NOCERA PASS. AA rilasciato a Castellammare di Stabia il 9/6/2009 STEFANO GHENO C.I. A rilasciata a Milano il 7/8/2007 La Commissione procede quindi alla scelta di cinque argomenti, tenendo conto che la prova

11 didattica deve essere relativa ad una area tematica ricompresa nella declaratoria del settore scientifico-disciplinare a concorso (vedi busta all. 2). I candidati sono invitati a verificare l integrità delle buste sigillate e firmate dai Commissari contenenti gli argomenti. La seduta è pubblica. Ciascun candidato è invitato a sorteggiare, al termine della discussione, tre dei cinque argomenti di cui uno sarà oggetto della prova didattica. Viene quindi dato inizio alla discussione sulle pubblicazioni scientifiche ed al sorteggio degli argomenti per la prova didattica, con l esito di seguito verbalizzato per ciascun candidato: Candidata MICHELA CORTINI a) discussione sulle pubblicazioni scientifiche La Commissione discute con il candidato gli argomenti: comunicazione organizzativa, responsabilità sociale d impresa, metodi di analisi della conversazione. b) sorteggio argomenti della prova didattica Al termine della discussione si procede all estrazione di tre fra le cinque buste. Tra le tre prove estratte (n. 1, 2, 5) il candidato sceglie la prova n. 5: Psicologia del marketing La Commissione, quindi esprime il seguente giudizio individuale e collegiale, secondo i criteri indicati nella seduta preliminare del 10 novembre Giudizio individuale espresso da ciascun Commissario: La candidata ha un buon background culturale e mostra padronanza dei temi di studio affrontati. Manifesta grande propensione alla ricerca e sta raggiungendo più maturi approcci metodologici e più lucidi itinerari di indagine. Il giudizio è complessivamente discreto. La candidata dimostra buona capacità nell esporre in modo organico la sua attività di ricerca, indicandone con sufficiente chiarezza gli obiettivi, le metodologie utilizzate, i risultati ottenuti, le linee di sviluppo, e la loro rilevanza rispetto al settore concorsuale. Abbastanza buona la capacità della candidata di contestualizzare le proprie ricerche rispetto a quanto noto nella letteratura di riferimento del settore scientifico a concorso. La candidata espone le sue linee di ricerca in modo analitico. Interessanti alcune considerazioni metodologiche pur se taluni contenuti sulle tecniche di ricerca sono stati appena abbozzati. La discussione dei titoli è complessivamente positiva. 2

12 La candidata discute i propri titoli e le esperienze di ricerca con competenza e discreta sicurezza indicando modelli di riferimento teorici appropriati. Centra la propria esposizione sul tema della comunicazione organizzativa in rapporto alle nuove tecnologie informatiche. Inoltre, espone gli aspetti innovativi delle proprie ricerche sulla responsabilità sociale di impresa. Infine discute le prospettive di ricerca intraprese mettendo in evidenza anche delicati aspetti metodologici. Nel complesso la prova può essere giudicata discreta. Discreta la capacità di esporre i risultati della ricerca. Discreta la chiarezza degli obiettivi e delle metodologie impiegate. La capacità di contestualizzare le proprie ricerche rispetto alla letteratura di riferimento è buona. Giudizio collegiale espresso dalla Commissione La candidata mostra padronanza dei temi di studio affrontati. Abbastanza buona la capacità di contestualizzare le proprie ricerche rispetto a quanto noto nella letteratura di riferimento del settore scientifico a concorso. La discussione dei titoli è complessivamente discreta. Candidato FRANCESCO DI NOCERA a) discussione sulle pubblicazioni scientifiche La Commissione discute con il candidato gli argomenti: ambiti e prospettive degli studi ergonomici; carico di lavoro mentale; rapporto tra ergonomia cognitiva e psicologia del lavoro e delle organizzazioni. b) sorteggio argomenti della prova didattica Al termine della discussione si procede all estrazione di tre fra le cinque buste. Tra le tre prove estratte (n. 1, 2, 4) il candidato sceglie la n 2: Il carico di lavoro mentale e l uso di tecnologie informatiche. La Commissione, quindi esprime il seguente giudizio individuale e collegiale, secondo i criteri indicati nella seduta preliminare del 10 novembre Giudizio individuale espresso da ciascun Commissario: Il candidato discute i propri titoli e le esperienze di ricerca con competenza e sicurezza indicando modelli di riferimento teorici appropriati. Manifesta grande propensione alla ricerca e dimostra di aver raggiunto maturi approcci metodologici e lucidi itinerari di indagine. Il giudizio è complessivamente buono. 3

13 Il candidato dimostra ottime capacità nell esporre in modo organico la sua attività di ricerca, indicandone con molta chiarezza gli obiettivi, le metodologie utilizzate, i risultati ottenuti, le linee di sviluppo, e la loro rilevanza rispetto al settore concorsuale. Ottima la capacità del candidato di contestualizzare le proprie ricerche rispetto a quanto noto nella letteratura ergonomica di riferimento. Il candidato illustra in modo ampio e articolato le sue linee di ricerca evidenziando sicure capacità di giudizio e autonomia sul piano sia teorico che metodologico. La prova è molto positiva. Il candidato presenta il filo conduttore dei propri lavori scientifici, con particolare riferimento agli studi ergonomici e sul carico di lavoro mentale. Sviluppa la propria posizione sul rapporto tra ergonomia cognitiva e psicologia del lavoro e delle organizzazioni in modo ricco e con interessanti riferimenti teorici. Infine disegna le linee di ricerca in corso e future con precise indicazioni operative e obiettivi strategici chiari. Nel complesso la prova può essere considerata più che buona. Buona la capacità di esporre i risultati della ricerca. Più che buona la chiarezza degli obiettivi e la padronanza delle metodologie impiegate. La capacità di contestualizzare le proprie ricerche rispetto alla letteratura di riferimento è buona. Giudizio collegiale espresso dalla Commissione Il candidato dimostra ottime capacità nell esporre in modo organico la sua attività di ricerca, indicandone con molta chiarezza obiettivi, metodologie, risultati ottenuti, linee di sviluppo. Ottima la capacità del candidato di contestualizzare le proprie ricerche rispetto a quanto noto nella letteratura di riferimento. Nel complesso la prova può essere considerata più che buona. Candidato STEFANO GHENO a) discussione sulle pubblicazioni scientifiche La Commissione discute con il candidato gli argomenti: empowerment, psicologia del lavoro e psicologia di comunità, rapporto tra ricerca scientifica e attività professionale. b) sorteggio argomenti della prova didattica Al termine della discussione si procede all estrazione di tre fra le cinque buste. Tra le tre prove estratte (n. 1, 3, 5) il candidato sceglie la n. 3 Psicologia della formazione. La Commissione, quindi esprime il seguente giudizio individuale e collegiale, secondo i criteri indicati nella seduta preliminare del 10 novembre Giudizio individuale espresso da ciascun Commissario: 4

14 Il candidato dimostra discrete capacità nell esporre gli esiti della sua attività di ricerca ancora circoscritta all ambito nazionale. Sufficiente la capacità del candidato di contestualizzare le proprie ricerche e le relative metodologie rispetto a quanto noto nella letteratura di riferimento. Nel complesso la prova può essere considerata discreta. Il candidato dimostra discrete possibilità nell esporre la sua attività di ricerca, indicandone con sufficiente chiarezza gli obiettivi, le metodologie utilizzate, le linee di sviluppo e la loro rilevanza rispetto al settore concorsuale. Non sempre adeguata la capacità del candidato di contestualizzare le proprie ricerche rispetto a quanto noto nella letteratura di riferimento del settore scientifico a concorso. Il candidato descrive con competenza le sue linee di ricerca, approfondendone taluni aspetti soprattutto sul piano applicativo. La prova complessivamente è positiva. Il candidato indica i principali filoni di studio intrapresi nel corso degli ultimi anni, con particolare riferimento ai modelli teorici utilizzati e alle applicazioni in diversi contesti. In particolare sviluppa la nozione di empowerment e le implicazioni organizzative e di psicologia di comunità. Discute con posizioni ben strutturate la questione del rapporto tra ricerca scientifica e attività professionale, con riferimento alle competenze necessarie nei due campi distinti. Nel complesso la discussione può essere considerata positivamente. Discreta la capacità di esporre i risultati della ricerca. Sufficiente la chiarezza degli obiettivi e la padronanza delle metodologie impiegate. La capacità di contestualizzare le proprie ricerche rispetto alla letteratura di riferimento è sufficiente. Giudizio collegiale espresso dalla Commissione Il candidato dimostra discrete capacità nell esporre gli esiti della sua attività di ricerca ancora circoscritta all ambito nazionale. Sufficiente la chiarezza degli obiettivi e la padronanza delle metodologie impiegate. Nel complesso la discussione può essere considerata positivamente. Il Presidente ricorda ai candidati che la successiva riunione, per la prova didattica, si terrà il 5

15 giorno 11 gennaio 2011 alle ore 16, e riconvoca la Commissione per il giorno 11 gennaio 2011 alle ore 15,45. Dichiara tolta la seduta alle ore 19 e procede alla chiusura del verbale firmato e siglato in tutte le sue parti. Roma, 10 gennaio 2011 Letto, approvato e sottoscritto seduta stante La Commissione: Presidente: Prof. Francesco Avallone Membro: Prof. Giovanni Briante Membro: Prof. Nicola De Carlo Membro: Prof. Franco Fraccaroli Segretario: Prof. Giuseppe Ruvolo 6

16 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA AD UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI II FASCIA PRESSO LA FACOLTA' DI PSICOLOGIA 2 Settore M-PSI/06 - Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Pubblicato sulla Gazzetta n. 97 del 12/12/2008 VERBALE N. 4 (III Riunione) Il giorno 11 gennaio 2011, alle ore 15:45, presso i locali del Rettorato dell Università di Roma La Sapienza, si è riunita in terza seduta (prova didattica) la Commissione Giudicatrice della procedura di valutazione comparativa ad 1 posto di Professore Universitario di ruolo di II fascia presso la Facoltà di Psicologia 2, per il settore Scientifico disciplinare M-PSI/06 Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, bandito dall Università degli Studi di Roma La Sapienza con D.R. del 27/11/2008, pubblicato sulla G.U. n. 97 del 12/12/2008. La Commissione, costituita per il concorso di cui in premessa con D.R. n. 376/10 del 19/07/2010, pubblicato su G.U. n. 63 del 10/08/2010, è composta dai seguenti professori: Prof. Francesco Avallone - Presidente Prof. Giovanni Briante - Membro Prof. Nicola De Carlo - Membro Prof. Franco Fraccaroli - Membro Prof. Giuseppe Ruvolo - Segretario Il Presidente, poiché tutti i membri della Commissione sono presenti, dichiara validamente aperta la riunione. Il Presidente, constatato che sono trascorse 24 ore dal sorteggio degli argomenti per le prove didattiche, invita la Commissione a procedere con i lavori. Candidato MICHELA CORTINI La candidata MICHELA CORTINI viene identificata alle ore 16 ed invitata a sostenere la prova didattica. Argomento della prova didattica: Psicologia del marketing Al termine della prova, ciascun Commissario, secondo i criteri indicati nella seduta preliminare del giorno 10/11/2010, esprime il seguente giudizio individuale seguito dal giudizio collegiale dell intera Commissione. Nello svolgimento della lezione, la candidata solo in parte resta attinente all argomento assegnato privilegiando il tema del marketing rispetto a quello della psicologia del marketing. Nell esposizione dimostra una discreta padronanza dei temi trattati e una

17 sufficiente competenza espositiva e didattica mentre completa la sua esposizione nel tempo assegnato. La discussione non evidenzia una esauriente considerazione delle domande formulate. La valutazione complessiva della prova didattica è sufficiente. La candidata svolge in modo abbastanza adeguato il tema proposto per la lezione, discreto l inquadramento nel più ampio panorama della disciplina, discreta la capacità di strutturare i contenuti in modo organico, buona la chiarezza espositiva e discreta la capacità espositiva. Nello svolgimento della lezione la candidata espone le linee portanti del tema assegnato in modo diligente evidenziando buona competenza espositiva all interno di una trattazione di taglio essenzialmente manualistico. La prova è complessivamente positiva. La candidata svolge una lezione sul tema della psicologia del marketing. L esposizione è centrata in modo pertinente sul tema assegnato, soprattutto nella seconda parte in cui effettivamente sono affrontate alcune problematiche psicologiche. I riferimenti teorici e gli schemi concettuali risultano appropriati, ma sono mancati alcuni approfondimenti relativi a teorie fondamentali della psicologia cognitiva e della psicologia sociale applicate al marketing. Nel complesso la prova risulta discreta. La candidata ha dimostrato attinenza al tema assegnato, discreta competenza espositiva e sufficiente capacità di evidenziare connessioni ed aspetti critici nell ambito disciplinare. La valutazione complessiva della prova didattica è sufficiente. Giudizio collegiale espresso dalla Commissione: La candidata svolge una lezione sul tema della psicologia del marketing. Nell esposizione dimostra discreta padronanza dei temi trattati e competenza espositiva e didattica. Completa la sua esposizione nel tempo assegnato. Nel complesso la prova risulta discreta. Candidato FRANCESCO DI NOCERA Il candidato FRANCESCO DI NOCERA viene identificato ed invitato a sostenere la prova didattica. Argomento della prova didattica: Il carico di lavoro mentale e l uso di tecnologie informatiche.

18 Al termine della prova, ciascun Commissario, secondo i criteri indicati nella seduta preliminare del giorno 10/11/2010, esprime il seguente giudizio individuale seguito dal giudizio collegiale dell intera Commissione. Nello svolgimento della lezione, il candidato rispetta puntualmente l argomento assegnato. Nell esposizione dimostra ottima padronanza dei temi trattati e una buona competenza didattica e completa la sua esposizione nel tempo assegnato. La discussione evidenzia cura e competenza nel rispondere alle domande formulate e, in taluni casi, l opportunità di integrare il discorso ergonomico entro approcci teorici più articolati. La valutazione complessiva della prova didattica è buona. Il candidato svolge in modo adeguato il tema proposto per la lezione, discreto l inquadramento nel più ampio panorama della disciplina, molto buona la capacità di strutturare i contenuti in modo organico. Il candidato dimostra buona chiarezza espositiva e buona capacità espositiva anche se, in qualche occasione, indulge in ridondanza. Nel corso della lezione il candidato evidenzia attinenza all argomento assegnato, padronanza dei temi trattati, competenza didattica e capacità di coinvolgere l interlocutore, anche con riferimenti teorici e applicativi adeguati ed efficaci. La valutazione complessiva della prova è molto positiva. Il candidato presenta una lezione sul tema del carico di lavoro e sistemi automatizzati. L approccio adottato risulta molto pragmatico, utilizzando come punto di riferimento problemi ed esperienze di progettazione di sistemi automatizzati piuttosto che teorie e modelli concettuali. I temi della usabilità e dell interazione persona-tecnologia sono trattati in modo competente, anche se è mancato un approfondimento del ruolo dell ergonomo come consulente organizzativo. Tuttavia, l esposizione risulta efficace e stimolante e nel complesso buona. Il candidato ha dimostrato attinenza al tema assegnato e ottima padronanza dei temi trattati, competenza espositiva e capacità di coinvolgere l interlocutore. Sufficiente la capacità di evidenziare ed ampliare connessioni ed aspetti critici nell ambito disciplinare. La valutazione complessiva della prova didattica è discreta. Giudizio collegiale espresso dalla Commissione: Il candidato presenta una lezione sul tema del carico di lavoro e sistemi automatizzati. Il candidato ha dimostrato attinenza al tema assegnato e ottima padronanza dei temi trattati.. Il tema della usabilità e dell interazione persona-tecnologia sono trattati in modo competente, anche se è mancato un approfondimento del ruolo dell ergonomo come consulente organizzativo. La valutazione complessiva della prova didattica è buona.

19 Candidato STEFANO GHENO Il candidato STEFANO GHENO viene identificato ed invitato a sostenere la prova didattica. Argomento della prova didattica: Psicologia della formazione Al termine della prova, ciascun Commissario, secondo i criteri indicati nella seduta preliminare del giorno 10/11/2010, esprime il seguente giudizio individuale seguito dal giudizio collegiale dell intera Commissione. Nello svolgimento della lezione, il candidato rispetta l argomento assegnato. Nell esposizione dimostra buona padronanza dei temi trattati e buona competenza didattica e completa la sua esposizione nel tempo assegnato. La discussione evidenzia cura e competenza nel rispondere alle domande formulate e, in taluni casi, l opportunità di integrare il discorso trattato entro approcci teorici più articolati e approfonditi. La valutazione complessiva della prova didattica è discreta. Il candidato svolge in modo abbastanza adeguato il tema proposto per la lezione, discreto l inquadramento nel più ampio panorama disciplinare. Sufficiente la capacità del candidato di strutturare i contenuti della lezione, discreta la chiarezza e la capacità espositiva. Nella sua lezione, il candidato manifesta buona conoscenza dei temi trattati, competenza espositiva, capacità di evidenziare connessioni e aspetti critici. La valutazione complessiva della prova è positiva. Il candidato presenta una lezione sul tema della psicologia della formazione. L esposizione risulta chiara e focalizzata sulla traccia assegnata. Dopo una sezione introduttiva in cui vengono richiamati alcuni contributi sul tema, sono presentati alcuni modelli di riferimento relativi al self-empowerment. Tali riferimenti appaiono talvolta non sufficientemente problematizzati e contestualizzati. Nel complesso la prova didattica può essere giudicata discreta. Il candidato ha dimostrato attinenza al tema assegnato, padronanza dei temi trattati e competenza espositiva unita alla capacità di dialogare su aspetti critici nell ambito disciplinare. La valutazione complessiva della prova didattica è sufficiente.

20 Giudizio collegiale espresso dalla Commissione: Il candidato presenta una lezione sul tema della psicologia della formazione. il candidato manifesta buona conoscenza dei temi trattati e competenza espositiva. Alcuni riferimenti appaiono talora non sufficientemente problematizzati e contestualizzati. La Commissione, in considerazione dell orario di chiusura degli uffici, decide di rinviare al giorno successivo la valutazione comparativa finale. Il Presidente dichiara tolta la seduta alle ore 20; procede alla chiusura del verbale firmato e siglato in tutte le sue parti e riconvoca la Commissione per mercoledì 12 gennaio alle ore 9 Roma, 11 gennaio 2011 Letto, approvato e sottoscritto seduta stante La Commissione: Presidente: Prof. Francesco Avallone Membro: Prof. Giovanni Briante Membro: Prof. Nicola De Carlo Membro: Prof. Franco Fraccaroli Segretario: Prof. Giuseppe Ruvolo

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale.

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale. PROCEDUM VALUTATIVA DI CHIAMATA RISERVATA PER I.A COPERTUM DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ORDINARIO AI SENSI DELL',ART. 24 CO. 6 DEL -A LEGGE N.240l2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/G1, SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

\ L v. VERBALE N. l (SedutaPreliminare)

\ L v. VERBALE N. l (SedutaPreliminare) ' PROCEDURA PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE ALLE FUNZION DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI PRIMA E SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE10/G1GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA INDETTA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D.R. n. 1000 del 16.7.2013 Master di I Livello in MANAGEMENT DEI PRODOTTI E SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE I L R E T T O R E VISTO lo Statuto dell'università degli Studi di Cagliari, emanato con D.R. n. 339

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA Premesso che l attività scientifica e di ricerca nei settori MAT/01-09 e INF/01 consiste principalmente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto.

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto. BANDO DI SELEZIONE N.. 27/2014 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO DI RICERCA POST-DOT TTORATO SCADENZAA BANDO: ore o 12.00 del 29 settembre 2014 DOMANDA DI AMMISSIONE Al Direttore del CIMeCC IL/LA SOTTOSCRITTO/A

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

La valutazione dei corsi di dottorato

La valutazione dei corsi di dottorato La valutazione dei corsi di dottorato Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 15 Dicembre 2014 1 Premessa Questo documento illustra i criteri e gli indicatori che l ANVUR intende utilizzare

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in International Management - MIEX Sede di Bologna codice: 8367 Anno Accademico 2014-2015 Scadenza bando: 14 luglio 2014 ore 13,00

Dettagli

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto.

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto. BANDO DI SELEZIONE N.. 35/2014 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO DI RICERCA POST-DOT TTORATO SCADENZA BANDO: ore 12.000 del 15 gennaio 2015 DOMANDA DI AMMISSIONE Al Direttore del CIMeCC IL/LA SOTTOSCRITTO/A

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II;

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI INCARICHI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI DOCENZA NELL AMBITO DEL PRECORSO FORMATIVO DAL TITOLO FORMAZIONE DI ESPERTI NELL'IDENTIFICAZIONE E NELLO SVILUPPO DI NUOVI

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli