RESOCONTO STENOGRAFICO n. 17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO STENOGRAFICO n. 17"

Transcript

1 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 17 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) INTERROGAZIONI 92ª seduta: mercoledì 9 luglio 2014 Presidenza del presidente MATTEOLI IN 0346 TIPOGRAFIA DEL SENATO

2 2 INDICE INTERROGAZIONI PRESIDENTE... Pag. 3, 5, 8 e passim CALEO (PD)... 7 CANTINI (PD)... 7 CIOFFI (M5S)... 9 GRANAIOLA (PD)... 5 NENCINI, vice ministro delle infrastrutture e dei trasporti... 3, 5, 8 ALLEGATO (contiene i testi di seduta) N.B. L asterisco accanto al nome riportato nell indice della seduta indica che gli interventi sono stati rivisti dagli oratori. Sigle dei Gruppi parlamentari: Forza Italia-Il Popolo della Libertà : FI-PdL XVII; Grandi Autonomie e Libertà: GAL; Lega Nord e Autonomie: LN-Aut; Movimento 5 Stelle: M5S; Nuovo Centrodestra: NCD; Partito Democratico: PD; Per le Autonomie (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE: Aut (SVP, UV, PATT, UPT)PSI-MAIE; Per l Italia: PI; Scelta Civica per l Italia: SCpI; Misto: Misto; Misto-Italia Lavori in Corso: Misto-ILC; Misto-Liguria Civica: Misto-LC; Misto-Sinistra Ecologia e Libertà: Misto-SEI.

3 3 Interviene il vice ministro delle infrastrutture e dei trasporti Nencini. I lavori hanno inizio alle ore 9. INTERROGAZIONI PRESIDENTE. L ordine del giorno reca lo svolgimento di interrogazioni. Sarà svolta per prima l interrogazione , presentata dalla senatrice Granaiola. NENCINI, vice ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Con riferimento a quanto richiesto dall onorevole senatrice, sono state assunte dettagliate informazioni presso Rete Ferroviaria italiana (RFI), la quale ha rappresentato che il processo della gestione degli alloggi in relazione alle leggi n. 392 del 1978 (equo canone), n. 431 del 1998 (locazioni) e alle leggi speciali per la dismissione del patrimonio alloggiativo, quale la legge n. 560 del 1993, ha permesso a Ferrovie di provvedere alla formulazione dei necessari rinnovi contrattuali e di dare impulso ai processi di dismissione. In particolare, si è proceduto nel 1994 alla sottoscrizione, con dipendenti del gruppo, di circa contratti di locazione ad equo canone; nel 1999, sulla base di accordi sindacali, alla sottoscrizione di circa contratti con contratto, 5 più 5, più proroga tacita di ulteriori 5 anni; nel 2008 alla sottoscrizione di circa contratti e di circa tra disdette e diffide per morosità e occupazione senza titolo; alla vendita di circa alloggi occupati con ti to l o a partire dal L attuale situazione alloggiativa residenziale, al 31 dicembre 2013, è di circa alloggi (di cui solo riferibili a dipendenti del gruppo e i rimanenti riferibili a pensionati, vedove di pensionati e legittimi eredi), con un valore medio della locazione in essere di circa 150 euro mensili ad alloggio. Rete Ferroviaria Italiana ha riferito inoltre che la politica del gruppo sul tema abitazione è stata sempre rispettosa dell aspetto sociale che il tema riveste, nonostante la gravosa incidenza sui ricavi dei costi tecnico-amministrativi, nonché le fiscalità (IMU) sostenute per la relativa gestione degli alloggi locati siti in circa Comuni. Entrando nel merito dell interrogazione, RFI ha evidenziato che le disdette con efficacia al 31 dicembre 2013 hanno interessato 423 alloggi, (circa il 7 per cento del totale), i quali ricadono su 263 Comuni ed hanno un canone medio di circa 120 euro mensili. Sono condotti per il 12 per cento da personale ancora in servizio. Gli alloggi in parola formarono og-

4 4 getto di due processi massivi di rinnovi contrattuali: nel 1994 con la legge equo canone e nel 1999 con la legge n. 431 del I contratti stipulati nel rinnovo del 1999 hanno assunto come schema contrattuale quello convenuto con le organizzazioni sindacali che, prevedeva come fine locazione il 31 dicembre 2008, qualora disdettato entro giugno 2008, oppure una proroga fino al 31 dicembre 2013, quale scadenza finale del contratto, se non disdettato entro il richiamato giugno 2008, condizione questa intervenuta per i 423 alloggi in parola. La disdetta per fine locazione esercitata da Ferservizi è quindi stata una formalità contrattuale, che non andava corredata da alcuna motivazione, considerato che si trattava di fine contratto. Infatti, per le 423 disdettate, al 30 giugno 2014, la situazione risulta la seguente: 263 posizioni il cui casello ferroviario è a distanza inferiore di 4,5 metri lineari e l alloggio è utilizzato come prima casa; 26 alloggi utilizzati come seconda abitazione e nella condizione di distanza inferiore ai 4,5 metri lineari; 14 alloggi condotti da soggetti in contenzioso o con morosità conclamata da tempo; 51 alloggi riconsegnati in quanto prevalentemente adibiti a seconda abitazione; 18 alloggi i cui detentori hanno manifestato l intenzione di rilasciare; 48 posizioni che verranno assoggettate ad un nuovo contratto di locazione avendo oggi accertato il rispetto dei requisiti soggettivi attuali dell occupante e di quelli tecnici dell immobile; 3 caselli da demolire per immediate esigenze della infrastruttura ferroviaria. Il processo gestionale è ancora in corso, anche per gli aspetti emersi nel corso ai una riunione sul tema che si è svolta presso la prefettura di Lucca il 13 gennaio 2014, alla, quale hanno partecipato il presidente dell Unione dei Comuni della Versilia, l assessore al patrimonio del Comune di Camaiore, l assessore alle politiche sociali e il capo di gabinetto del Comune di Pietrasanta, il vice sindaco di Viareggio, rappresentanti di RFI e Ferservizi, responsabili del Sunia, Fil-CGIL, la stessa senatrice Granaiola e il prefetto, in particolare per 14 alloggi distribuiti su 7 Comuni della Provincia. Nel corso della riunione è stata rappresentata l esigenza di individuare ipotesi solutorie per la conseguente ricollocazione delle famiglie tenendo conto delle eventuali disponibilità di immobili sia nel Gruppo FS che nei Comuni stessi, prevedendo la necessità di istituire un tavolo tecnico dedicato presso la prefettura. È necessario chiarire, inoltre, che, all origine, l utilizzazione dei caselli ferroviari era riferita a particolari servizi e figure professionali quali i «cantonieri»: ferrovieri deputati al controllo a piedi della linee ferroviarie. Proprio in ragione di quel servizio, i richiamati immobili erano posti a ridosso delle linee e a ridotta distanza l uno dall altro. Oramai, da moltissimi anni questi beni hanno perso la loro funzione originaria. Nel tempo, poi, queste case cantoni ere sono state utilizzate da dipendenti con diverse mansioni aziendali, senza più nessuna relazione tra posto di lavoro e luogo di residenza, ponendo quindi gli utilizzatori alla stregua di normali cittadini, senza competenze specifiche, a convivere con una situazione intimamente legata all esercizio ferroviario.

5 5 In merito alla scelta di Ferservizi (che ricordo opera in nome e per conto delle società del Gruppo FS proprietarie di alloggi) di procedere all eventuale demolizione, RFI evidenzia che scopo principale sarebbe quello di evitare occupazioni abusive e, quindi, rischi alle. persone e all esercizio ferroviario e, qualora fattibile, proporre la vendita dei diritti edificatori agli attuali utilizzatori. Infatti, gli alloggi in questione, qualora non si fossero trovati nello stato di incompatibilità con l esercizio ferroviario, sarebbero stati posti in vendita agli occupanti, come già è intervenuto, a partire dal 1995, per i citati alloggi occupati con titolo. Con particolare riferimento alla vendita di ex caselli all interno del Parco dell Uccellina, RFI ha precisato che alla società Ferservizi risulta siano state effettuate limitate vendite in zone limitrofe al parco e sempre in base alle legge n. 560 del 1993, con un prezzo, medio di euro. Ricordo, infine, che una materia di estrema delicatezza ed importanza, quale la sicurezza dell esercizio ferroviario, è anche regolata dal decreto del Presidente della Repubblica n. 753 del 1980 che stabilisce sia il limite di 30 metri lungo i tracciati per costruzioni, ricostruzioni e ampliamenti degli edifici o manufatti di qualsiasi specie (articolo 49), sia la deroga all accennato limite, quando la sicurezza pubblica.1o consenta, che può essere espressa solo dagli Uffici lavori compartimentali di Ferrovie, oggi RFI gestore della rete, che nel 2004 ha ridotto i franchi a 4,5 metri tra la parete verticale e la più vicina rotaia, per problemi di sicurezza, di geometria della piattaforma della sede ferroviaria, nonché per problemi connessi alla manutenzione straordinaria dei fabbricati, che qualora posti ad,una distanza inferiore ai 4,5 metri dal binario comporterebbero la sospensione della linea elettrica con ricadute sull esercizio ferroviario. GRANAIOLA (PD). Ringrazio il Vice ministro Nencini per la sua disponibilità e per la puntuale relazione, ma non posso assolutamente dichiararmi soddisfatta, perché a me risultano, proprio a seguito delle riunioni che ci sono state in Prefettura, situazioni diverse. Se non mi è consentito aggiungere altro, mi riservo, sulla base di un esame puntuale della relazione che lei ci ha presentato in questa sede, di fare le mie controdeduzioni a Ferservizi, posto che la situazione mi risulta essere, allo stato dei fatti, diversa da quella da lei descritta. PRESIDENTE. Seguono le interrogazioni e , su identico argomento, rispettivamente presentate dalla senatrice Cantini e dal senatore Caleo e dal altri senatori, cui il vice ministro Nencini risponderà congiuntamente. NENCINI, vice ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Con le interrogazioni in esame Viene evidenziata la circostanza che la società Autostrade per l Italia ha dato disdetta, nei confronti delle associazioni di volontariato, tra cui ANP AS (Associazione nazionale pubbliche assistenza) e Confederazione delle Misericordie, dell accordo relativo alla for-

6 6 nitura di telepass per consentire l esenzione dai pedaggi autostradali ai mezzi di soccorso. Al riguardo, evidenzio che l esenzione dal pagamento del pedaggio autostradale ai veicoli delle associazioni di volontariato è regolata dalla circolare interpretativa del Ministero dei lavori pubblici n del 5 agosto L esenzione, in base alle indicate disposizioni, viene concessa esclusivamente quando SI verifichino contemporaneamente le seguenti condizioni: il veicolo è immatricolato a nome di associazioni di volontariato o di organismi similari non aventi scopi di lucro, legittimati ai sensi della legge n. 266 del 1991 (legge quadro sul volontariato); il veicolo è adibito al soccorso, con equipaggiamento ed attrezzature che ne identifichino con evidenza tale destinazione; il veicolo è impegnato nell espletamento del relativo specifico servizio; il veicolo è provvisto dell apposito contrassegno previsto dal decreto ministeriale del 15 aprile 1994, emanato dall allora Ministro dei trasporti e della navigazione di concerto con il Ministro dei lavori pubblici. La mancanza di una sola delle condizioni appena descritte fa decadere il diritto all esenzione. Nella suddetta circolare, che ripercorre le tappe normative che hanno portato alla formulazione della norma di esenzione contenuta nel citato articolo 373, è inoltre testualmente specificato che l intento del legislatore è evidente: si vuole favorire un attività di volontariato in evidenti condizioni di emergenza e nel contempo evitare possibili situazioni di abuso che si potrebbero tradurre in un danno economico per le società che gestiscono l autostrada. Ricordo che il predetto accordo fa parte di una serie di convenzioni, rinnovabili di anno in anno, che Autostrade per l Italia ha stipulato tra la fine degli anni Novanta e i primi del Duemila, con diverse associazioni di volontariato per il rilascio di telepass esenti, che consentono di transitare ai caselli, senza corrispondere il pedaggio autostradale, ai veicoli adibiti al soccorso per agevolare il transito nelle situazioni di emergenza. Tuttavia, Autostrade per l Italia riferisce che negli ultimi anni sono state riscontrate numerose irregolarità nell uso dei suddetti telepass con transiti in esenzione non riconducibili alle evidenti condizioni di emergenza: utilizzo del telepass esente per transiti di semplice trasferimento, per convenzioni stipulate dalle associazioni con ASL e/o le Regioni, oppure per trasporti richiesti da privati e, nei casi più gravi, l utilizzo su autovetture di privati. Insomma, nulla a che vedere con le condizioni previste al riguardo dal codice della strada e dalla citata circolare. Pertanto, le suddette convenzioni per il rilascio di telepass esenti non sono state rinnovate dalla società Autostrade per l Italia. Ad ogni modo, la medesima società, che come è noto gestisce l utilizzo di telepass su tutta la rete, con comunicato stampa del 2 aprile scorso, ha però informato che fornirà gli apparati telepass in comodato gratuito ai veicoli di soccorso delle associazioni di volontariato, le quali dovranno autocertificare i transiti avvenuti in emergenza e quindi esenti, che saranno successivamente stornati dalla concessionaria autostradale.

7 7 Per facilitare la comunicazione di queste informazioni Autostrade per l Italia ha predisposto un apposita piattaforma web. Nel concludere, tengo ad evidenziare che con successivo comunicato del 26 giugno scorso, la società Autostrade per l Italia, al fine di favorire ulteriormente una corretta e facile applicazione del nuovo modello di gestione dei transiti esenti da parte delle associazioni aderenti, ha prorogato ulteriormente, fino al prossimo 2 ottobre, le convenzioni già scadute e quelle in scadenza con le associazioni di volontariato. CANTINI (PD). Vorrei ringraziare il Vice Ministro per la risposta della quale mi dichiaro soddisfatta, e sottolineare un solo aspetto: abbiamo appreso di questa ulteriore proroga che credo conceda un pò di tempo fondamentalmente per analizzare la migliore procedura da adottare per far sì che chi usa correttamente e per reale necessità il telepass in esenzione non sia poi più penalizzato rispetto a chi invece o ha abusato di questa previsione o addirittura in qualche caso come abbiamo capito l ha piegata a fini assolutamente privati e personali. La sollecitazione che mi sentirei di fare, nel tempo che abbiamo ancora a disposizione, è di non gravare le procedure burocratiche e favorire invece l azione di controllo, sempre nella logica della semplificazione su cui tutti stiamo cercando di misurarci e che riteniamo necessaria. Anche in questo caso, infatti, il dubbio che sorge è che, alla fine, chi viola le regole non avrà problemi anche ad autocertificare il falso, mentre chi svolge regolarmente la propria attività si troverà invece a dover compilare, Sia pure informaticamente, masse di fogli (informatici o cartacei). Questa è la mia sollecitazione, di cui spero il Vice Ministro che ringrazio per aver favorito questa ulteriore proroga al fine di meglio analizzare la situazione e accordarsi con le associazioni del volontariato possa tenere conto. CALEO (PD). Ringrazio anch io il vice ministro Nencini per la risposta della quale mi dichiaro soddisfatto, e per l impegno che ha profuso dinanzi a questo accadimento spiacevole. Si tratta di volontariato: come lei sa, Vice Ministro, spesso il volontariato, che dovrebbe svolgere un azione complementare rispetto al pubblico, svolge invece un azione supplementare, sostituendo il pubblico in incombenze e problemi che da solo non riesce a risolvere. L interrogazione mirava proprio a ristabilire un pò di chiarezza. Riteniamo che, come in tutte le realtà, ci siano stati degli abusi, ma non tali da far decadere questa convenzione. Pensiamo che ci possano essere stati dei problemi, che le ANP AS e le Misericordie si erano impegnate a risolvere, ma non si può eliminare il telepass gratuito per servizi che sono importanti. Lei che come me ama il ciclismo sa che molte volte le corse ciclistiche si svolgono solo se c è il mezzo di soccorso e i volontari che per otto ore stanno lungo le strade; potrei citare i trasporti di dializzati e i trasporti

8 8 di quei malati, che hanno bisogno di determinate cure, da un ospedale all altro: la problematica è veramente articolata. Ben venga la risposta, sono contento delle sue precisazioni e che Società Autostrade abbia deciso di prorogare ulteriormente, fino al prossimo 2 ottobre, questa convenzione, ma auspico questo è un invito che rivolgo a lei che si faccia interprete, assieme ai numerosi senatori che hanno firmato l interrogazione e ad Autostrade per l Italia, della necessità di definire meglio le regole e tutti gli aspetti burocratici attualmente vigenti, che non devono generare sperequazioni e penalizzare associazioni di volontariato che lavorano in condizioni veramente imbarazzanti, perché alcune Misericordie non hanno accesso alla piattaforma web e devono fare tutto manualmente. Le saremmo grati se in futuro ci si sedesse ad un tavolo insieme alle ANP AS, per ragionare, con la sua regia, su come perfezionare e migliorare questo aspetto. PRESIDENTE. Segue l interrogazione , presentata dal senatore Cioffi e da altri senatori. NENCINI, vice ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha introdotto una procedura di esame di teoria per il conseguimento della patente di guida delle categorie A e B, diversa da quella in precedenza predisposta: proposizione di nuovi quiz, diverso meccanismo di risposta, diversa percentuale di errori consentita ai fini del superamento dell esame. Con la circolare del 22 giugno 2010, che anticipava tale novità, era stato altresì precisato che detti quiz sarebbero stati tradotti solo nelle lingue francese e tedesca per tutelare le minoranze linguistiche della Valle d Aosta e dell Alto Adige: al contrario, non sarebbero state più previste le traduzioni in inglese, spagnolo, arabo, russo e cinese, già in precedenza adottate. Tale nuovo sistema si è basato su diverse ordini motivazioni. In primo luogo, è stata considerata la necessità di contenere la spesa pubblica: si rendeva infatti necessario razionalizzare le risorse economiche a disposizione per utilizzarle sia per prioritari interventi di miglioramento della sicurezza della circolazione stradale, sia per ottimizzare il livello dei servizi resi dall Amministrazione agli utenti. Infatti, la traduzione dei questionari d esame in altre lingue, differenti da quelle suddette, ed il conseguente «speakeraggio» per consentirne l ascolto in cuffia, aveva nel tempo comportato costi decisamente notevoli per l amministrazione. È stata inoltre rilevata l inadeguatezza del risultato realizzato rispetto alle aspettative attese: a fronte dei suddetti eccessivi costi, le traduzioni in lingua cinese, araba, russa, inglese e spagnola ancorché asseverate risultavano spesso imprecise, tanto che l amministrazione aveva più volte doverosainente ricordato che il testo facente fede era l italiano e che la traduzione costituiva solo un ausilio per la miglior comprensione delle domande da parte del candidato straniero. Inoltre, considerato che talune lin-

9 9 gue, quali il cinese, l arabo e lo spagnolo, assumono connotati differenti in base alle diverse aree geografiche in cui sono parlate, sovente il candidato straniero non comprendeva il tenore letterale del quesito perché le proprie influenze dialettali gli impedivano la piena comprensione delle traduzioni. Occorreva quindi individuare uno strumento agile per corrispondere all esigenza di disporre di un database aperto: i questionari d esame sono raccolti in un database che l amministrazione deve poter, in ogni momento, modificare, integrare o implementare, sia per intervenute modifiche normative sia per affinare il sistema di valutazione dei candidati. Alla luce delle considerazioni appena esposte si è avuta conferma che la Spesa in precedenza affrontata per la traduzione in altre lingue era stata sicuramente eccessiva rispetto al miglior servizio reso ai candidati stranieri; valutazione questa che si aggrava ancor più in una situazione, quale quella attuale, che vede progressivi tagli alle risorse di bilancio ed ti impone all amministrazione una scelta ancora più cogente tra priorità di spesa, alla «luce dei risultati attesi, e priorità dei compiti istituzionali alla stessa affidati. Inoltre la situazione appena descritta era a discapito di un soddisfacente sistema di valutazione del candidato, che si riflette su un delicato settore, quale quello della sicurezza stradale, che invece impone ai conducenti di aver un ottima conoscenza delle regole del codice della strada. In tale quadro, dunque, non è ravvisabile l opportunità di procedere alla traduzione dei test in parola in almeno una delle lingue ONU; ciò in quanto una scelta simile in un sistema conformato al principio giuridicamente doveroso di riconoscimento e garanzia sul territorio nazionale delle minoranze linguistiche ufficiali oltre ad introdurre un eccezione, priva di ratio giuridica, a vantaggio dei soli candidati a conoscenza di tale lingua, costituirebbe un precedente fori ero di analoghe richieste da parte di candidati conoscitori di altre lingue. Per completezza di informazione, concludo precisando che per i titolari di patenti rilasciate in Stati non appartenenti all Unione europea o allo spazio economico europeo e con i quali non sussistono condizioni di reciprocità l obbligo dr doversi sottoporre a esami di teoria e di guida per poter condurre veicoli a motore in Italia, quando hanno ivi acquisito la residenza da oltre un anno, non deriva dalla citata circolare del giugno 2010 ma dalla Convenzione internazionale sulla circolazione stradale di Vienna del 1995, ratificata in Italia con legge n. 308 del 5 luglio CIOFFI (M5S). Signor Presidente, ciò che mi interessa evidenziare è il problema dal punto di vista concettuale. Quando non si fa qualcosa perché costa, si dovrebbe riflettere sulle tante cose che si fanno, che hanno un costo e sono inutili. Lo dico per sottolineare quello che dovrebbe essere un approccio generale nell affrontare le diverse questioni. Mi rendo conto che possono esserci dei costi, ma esistono anche strumenti informatici idonei che consentono di inserire tutta la documentazione in un database facendo la traduzione un unica volta.

10 10 Comprendo anche l obiezione, essendovi un problema giurisprudenziale, che la lingua ufficiale è l italiano e la traduzione costituisce un semplice ausilio; tuttavia se in via generale lediamo un diritto perché comporta un costo, la stessa obiezione può essere rivolta a spese sulle quali noi non siamo d accordo e che invece lo Stato sostiene. Non voglio entrare nel dettaglio e interagire su questioni specifiche, ma per come la vedo non si può ledere un diritto per motivi economici. Bisogna trovare il modo di garantire quel diritto al minimo costo. Su questo credo che siamo tutti d accordo. Pertanto, la risposta è comprensibile In via teorica, ma vorrei stimolare il Governo a riflettere in generale sulla necessità di garantire i diritti a tutti. Quindi, se un cittadino arabo vive in Italia ma non ha ancora imparato a sufficienza l italiano e per vivere decide di fare il camionista occorre aiutarlo a prendere la patente. Questo vale per chiunque, indipendentemente dall origine. Per le ragioni anzi dette mi dichiaro insoddisfatto della risposta. PRESIDENTE. Lo svolgimento delle interrogazioni all ordine del giorno è così esaurito. I lavori terminano alle ore 9,25. Licenziato per la stampa dall Ufficio dei Resoconti

11 11 Allegato INTERROGAZIONI GRANAIOLA. Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Premesso che: le Ferrovie dello Stato a suo tempo hanno assegnato i caselli in disuso a capistazione, macchinisti e capitreno per garantirne la reperibilità fuori orano; gli assegnatari li hanno trasformati in abitazioni, accollandosi ingenti spese, ristrutturando gli immobili, spendendo molti soldi e pagando un affitto a equo canone; Ferservizi, che gestisce il patrimonio immobiliare di Rete ferroviaria italiana (Rfi), intende ora estromettete gli assegnatari da tali immobili, in quanto le case, secondo nuove disposizioni di sicurezza, devono stare ad almeno 4,5 metri di distanza dai binari e le abitazioni di cui trattasi sarebbero quindi troppo vicino e ai binari; fra maggio e giugno del 2013, un centinaio di famiglie toscane (432 in tutta, Italia) hanno ricevuto una raccomandata di disdetta e hanno appreso in tal modo che dal 31 dicembre 2013 dovranno lasciare le proprie case; tra gli interessati, che hanno fatto domanda di acquisto dei caselli senza avere mai alcuna risposta, ci sono vedove di 90 anni, capistazione in attività e ferrovieri in pensione; secondo alcune notizie di stampa gli ex caselli posti all interno del parco dell Uccellina sono stati venduti a caro prezzo, nonostante anche per essi valgano le norme di sicurezza che si vorrebbero applicare agli altri ex caselli; nel corso del programma «Mi manda Raitre» del 4 dicembre 2013, l amministratore delegato di Ferservizi, Francesco Rossi, ha dichiarato di voler demolire le case e, laddove, possibile, vendere il diritto edificatorio; gli ex caselli verrebbero abbattuti per poi essere ricostruiti pochi passi più indietro, poiché risulta sufficiente, infatti, che siano ricostruiti a 4,5 metri di distanza dai binari, una distanza che comunque non garantisce la sicurezza in caso di deragliamento di un treno; gli inquilini dei caselli saranno dunque considerati abusivi dal 1º gennaio 2014, nonostante siano stati rassicurati sul fatto che avrebbero potuto rimanere lì per sempre e che a seguito di tale rassicurazione abbiano richiesto mutui e speso molti soldi per ristrutturare i caselli; la fascia di rispetto tra le case e la ferrovia dovrebbe essere di 30 metri; sotto tale fascia sono tuttavia sempre state concesse,deroghe, tanto che le ferrovie in tutto il Paese attraversano le città con distanze dalle abitazioni private spesso molto inferiori;

12 12 non è chiaro se si tratti di un problema di sicurezza o di una volontà da parte di Ferservizi di recuperare risorse vendendo le stesse aree ove oggi sorgono gli ex caselli al miglior offerente, si chiede di sapere quali misure il Ministro in indirizzo intenda assumere per evitare che Ferservizi porti a compimento l iniziativa di estromettere gli assegnatari degli ex caselli, e se corrisponda al vero che, per i proprietari degli edifici collocati nei pressi dei binari, sia prevista una deroga alle norme in materia di sicurezza. ( ) CANTINI. Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Premesso che: l articolo 373, comma 2, lettera c), del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, recante «Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada», e successive modifiche, dispone l esenzione dal pagamento del pedaggio autostradale per «i veicoli con targa C.R.I., nonché i veicoli delle associazioni di volontariato e degli organismi similari non aventi scopo di lucro, adibiti al soccorso nell espletamento del relativo specifico servizio e provvisti di apposito contrassegno approvato con decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione e del Ministro dei lavori pubblici»; la circolare ministeriale 5 agosto 1997; n. 3973, ha chiarito, conformemente al parere espresso dal Consiglio di Stato nell adunanza. generale del 17 maggio 1993, che l esenzione è riconosciuta quando i veicoli siano immatricolati a nome di organizzazioni di volontariato legittimate ai sensi della legge 11 agosto 1991, n. 266 recante «legge-quadro sul volontariato», siano adibiti al soccorso con equipaggiamento ed attrezzature che ne. identifichino con evidenza tale destinazione, siano impegnati nell espletamento del relativo specifico servizio e siano muniti dell apposito contrassegno; l articolo 2, comma 4, del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 43, recante «Attuazione della direttiva 2011/76/UE, che modifica la direttiva 1999/62/CE relativa alla tassazione a carico di autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci su strada per l uso di alcune infrastrutture», prevede che «Ferme restando le disposizioni di cui all articolo 373 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modificazioni, possono essere previste aliquote dei pedaggi ridotte, diritti di utenza ridotti o esoneri dall obbligo di pagare il pedaggio o il diritto di utenza per (...) autoveicoli di pronto intervento, ivi compresi quelli effettuati mediante ambulanza per il trasporto ed il soccorso di feriti o malati; secondo quanto segnalato dalla Confederazione nazionale delle misericordie d Italia e dall Associazione nazionale pubbliche assistenze, AN- PAS, la società Autostrade per l Italia SpA, in data 8 luglio 2013, ha dato disdetta, a partire da maggio 2014, dell accordo per la fornitura di telepass esenti in comodato d uso gratuito, stipulato nel La disdetta ha riguardato anche altre organizzazioni nazionali di volontariato;

13 13 i mezzi di soccorso sanitario delle associazioni di volontariato coprono il 70 per cento, dei servizi di emergenza e trasporto di malati ed infermi sull intero territorio nazionale; il loro ruolo risulta fondamentale in regioni come la Toscana e l Emilia Romagna, dove circa la metà degli interventi coordinati dal 118 è svolto da donne e uomini delle Misericordie; considerato inoltre che le associazioni ANPAS e Misericordie d Italia hanno organizzato una manifestazione a Roma il 3 aprile 2014 per protestare contro i «troppi e nuovi vincoli imposti da istituzioni nazionali, enti locali, concessionarie pubbliche e private». Nello specifico, denunciano il sistema di rimborsi e alcune disposizioni normative, come quelle che regolano l esenzione del pedaggio autostradale, la portata delle ambulanze e la definizione dei veicoli speciali che rendono particolarmente difficoltoso il lavoro di tali associazioni di volontariato, si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno porre in essere ogni atto necessario a garantire l esenzione del pedaggio autostradale ai veicoli, di soccorso delle associazioni di volontariato, pubbliche assistenze e misericordie e se non ritenga altresì opportuno aprire un tavolo di confronto al fine di definire le necessarie semplificazioni normative, anche alla luce della rilevanza del ruolo svolto nell interesse sociale. ( ) CALEO, VACCARI, GATTI, Stefano ESPOSITO, Rita GHEDINI, FILIPPI, BORROLI, FAVERO, D ADDA, SOLLO, DE MONTE, PIGNE- DOLI, GRANAIOLA, VATTUONE, PUPPATO, CANTINI, MANAS- SERO, CARDINALI, FORNARO, RUSSO, PAGLIARI, LUCHERINI, PEZZOPANE, COLLINA, MATTE SINI, MORGONI, VALENTINI, CHITI. Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Premesso che: a luglio 2013 la società Autostrade ha dato ad ANPAS la disdetta dell accordo per il rilascio di telepass esenti a far data dal 24 maggio 2014, termine successivamente prorogato al 1º luglio 2014; nei giorni scorsi la società Autostrade ha confermato la scadenza dell accordo precisando che non sarà concessa nessuna nuova ulteriore proroga; i numerosi incontri e le pressanti sollecitazioni rivolte al Governo da parte di ANPAS non hanno avuto risultati positivi tanto che la Direzione nazionale ANPAS del 15 febbraio 2014, in accordo col Consiglio nazionale e con i Comitati regionali ANPAS decise di organizzare, insieme alla confederazione delle Misericordie d Italia, la manifestazione nazionale «fermi tutti» a Roma il 3 aprile 2014; in tale occasione ANP AS chiese di attivare una nuova convenzione per il rilascio di telepass gratuiti per le ambulanze e la società Autostrade comunicò a mezzo stampa la proroga della convenzione esistente fino al 1º luglio 2014, la totale disponibilità ad una collaborazione e che era allo studio una piattaforma web per consentire alle associazioni di autocertificare, i transiti esenti;

14 14 il 25 marzo 2014 l interrogante ha presentato al Ministro in indirizzo un interrogazione ( ) in cui si chiedeva di sapere «come e quando il Ministro in indirizzo riterrà opportuno porre in essere gli atti necessari affinché si continui a garantire l esenzione del pedaggio autostradale ai veicoli di soccorso delle associazioni da volontariato (pubbliche assistenze e misericordie); considerato che: dal 2 luglio 2014 gli apparati telepass esenti in dotazione alla associazioni sulla base del suddetto accordo saranno disattivati e dovranno essere restituiti alla società Autostrade attraverso ANPAS; ciò comporterà un aggravio di lavoro e di burocrazia per ogni associazione che utilizza i telepass; considerato inoltre che: la scelta della società Autostrade di non rinnovare gli accordi stipulati ormai da oltre 15 anni, non ha riguardato solo ANPAS ma anche altre reti nazionali (confederazione delle Misericordie) e singole associazioni (fra cui la Croce bianca di Bolzano e di Milano, la Sogit di Trieste); lo scorso 21 giugno il Consiglio nazionale e i Presidenti regionali ANPAS hanno deliberato in un incontro a Firenze da inviare una lettera di protesta al Governo con la quale si denuncia la scarsa attenzione e volontà, in particolare del Ministero dei trasporti, nell attuazione delle modifiche al Codice della strada, da tempo richieste, necessarie per consentire alle associazioni di volontariato di continuare a svolgere i loro servizi garantendo il soccorso e la tutela della salute dei cittadini e delle comunità, con, particolare riferimento alla esenzione del pedaggio autostradale; sempre nel medesimo incontro, i suddetti soggetti hanno stabilito di dare indicazione alle associazioni aderenti, considerando inaccettabile la nuova procedura proposta da Autostrade per l Italia per il rilascio e la gestione di telepass in sostituzione della precedente convenzione, di non sottoscrivere nessun contratto con la società Autostrade e di non utilizzare la nuova, piattaforma web per il rilascio dei telepass per le ambulanze e per i veicoli di soccorso, si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno intervenire in maniera tempestiva con una proroga della convenzione tra la società Autostrade e ANPAS. ( ) CIOFFI, PUGLIA, CATALFO, BOTTICI, MANGILI, LEZZI, BUC- CARELLA, PAGLINI, MORRA, ENDRIZZI. Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Premesso che: in riferimento al conseguimento della patente di guida di categoria A e B da parte dei cittadini stranieri residenti in Italia la procedura, fino all anno 2010, contemplava, per la parte riguardante il quiz teorico, la traduzione delle domande nelle 7 lingue ufficiali ONU (inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, cinese, arabo); il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, con circolare protollo n /8.3 del 22 giugno 2010, dispose che dal 3 gennaio 2011 i nuovi questionari sarebbero stati tradotti solamente in tedesco e francese,

15 15 per venire incontro alle esigenze linguistiche delle comunità del Trentino- Alto Adige e della Val d Aosta; inoltre, per gli immigrati già in possesso di patente conseguita nel proprio Paese, ha stabilito che le patenti straniere non convertibili (perché il Paese di origine non ha un accordo in tal senso con l Italia) siano valide per la guida in Italia soltanto per un anno (a partire dalla richiesta di residenza e permesso di soggiorno in Italia), trascorso il quale, gli stranieri dovranno sostenere l esame per ottenere la patente in Italia; considerato che: a seguito dei cambiamenti imposti dalla circolare si è verificato un crollo nel superamento degli esami da parte degli allievi stranieri; allo stesso tempo si è registrato un aumento di cittadini stranieri che ricorrono al mercato «nero» o «parallelo» delle patenti di guida, tramite operatori compiacenti; la scelta operata dal Ministero viola l articolo 5 della direttiva 2000/43/CE in materia di contrasto alle discriminazioni etnico-razziali, che prevede: «Allo scopo di assicurare l effettiva e completa parità» uno Stato deve adottare «misure specifiche dirette a evitare o compensare svantaggi connessi con una determinata razza o origine etnica»; la traduzione nelle principali «lingue madri» degli stranieri residenti dei test per il conseguimento della patente di guida è in uso presso la maggior parte dei Paesi di immigrazione europei ed extraeuropei e costituisce espressione dei principi di uguaglianza di opportunità e di non discriminazione, in quanto il divieto di discriminazione è violato non solo quando un trattamento diverso viene imposto irragionevolmente a persone che si trovano in situazioni analoghe, ma anche quando senza una giustificazione obiettiva e ragionevole, un trattamento uguale viene applicato a persone le cui situazioni di partenza sono obiettivamente diverse. Inoltre i questionari per il conseguimento della patente di guida utilizzano una terminologia tecnica e specialistica che richiede un adeguato livello di conoscenza della lingua italiana; considerato che, a parere degli interroganti: è opportuno osservare che il ritorno al sistema precedente con la traduzione dei questionari nelle lingue ONU permetterebbe: 1) ai numerosi aspiranti autisti stranieri di conseguire in maniera regolare la patente di guida, spesso indispensabile per ottenere un posto di lavoro o per esercitare un attività autonoma; 2) di favorire l integrazione sociale dei lavoratori stranieri presenti nel nostro Paese, dando pari opportunità e uguaglianza sostanziale agli immigrati per accedere alla patente di guida; 3) di combattere il mercato nero delle patenti; 4) di apportare un beneficio economico sia alle casse dello Stato (bolli e oneri vari legati al,conseguimento della patente), sia agli operatori del settore (scuole guida) in seguito all incremento dei corsi e delle patenti rilasciate, preso atto che per recuperare i maggiori oneri causati dalla traduzione dei quiz, si potrebbe, ad esempio, legare la domanda per effettuare l esame teorico in una lingua straniera al versamento di un contributo supplementare; 5) a tuoi di effettuare l esame teorico per il conseguimento delle patenti delle categorie A

16 16 e B con questionario informatizzato e che la prova si svolga con l ausilio di postazioni di esame dotate di personal computer con schermo di tipo touch screen, pertanto la traduzione dei quiz, da effettuare una tantum, avrebbe un costo. irrisorio ed il sistema informatizzato adottato non comporterebbe problemi di traduzione in fase di correzione, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di quanto esposto; se intenda assumere iniziative al fine di consentire di effettuare gli esami teorici di guida per il conseguimento delle patenti di guida di categoria A e B in una delle 7 lingue ONU. ( ) E 1,00

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 47

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 47 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 47 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) INTERROGAZIONI 100ª seduta: martedì

Dettagli

ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI

ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA Art.373 Pedaggi (Art.176 del codice della strada) 1. Al pagamento del pedaggio, quando esso è dovuto,

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 12

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 12 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 12 11ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavoro, previdenza sociale) INTERROGAZIONI 43ª seduta: giovedì 12 dicembre 2013 Presidenza della vice presidente

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 26

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 26 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 26 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) INTERROGAZIONI 69ª seduta (antimeridiana): mercoledì 4 giugno 2014 Presidenza del vice presidente DIVINA

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 10

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 10 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 10 3ª COMMISSIONE PERMANENTE (Affari esteri, emigrazione) INTERROGAZIONI 79ª seduta: martedì 16 giugno 2015 Presidenza del presidente CASINI

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 38

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 38 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 38 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) INTERROGAZIONI 112ª seduta: mercoledì 21 gennaio 2015 Presidenza del presidente LATORRE IN 0487 TIPOGRAFIA

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 5

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 5 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 5 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) INTERROGAZIONI 17ª seduta: mercoledì 31 luglio 2013 Presidenza del vice presidente CONTI IN 0061 TIPOGRAFIA

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 17

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 17 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 17 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) INTERROGAZIONI 91ª seduta: martedì 6 ottobre 2009 Presidenza del presidente CANTONI IN 0497 TIPOGRAFIA

Dettagli

Senato della Repubblica. n. 120. RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati. Giunte e Commissioni GIUNTE E COMMISSIONI XVII LEGISLATURA

Senato della Repubblica. n. 120. RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati. Giunte e Commissioni GIUNTE E COMMISSIONI XVII LEGISLATURA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati n. 120 GIUNTE E COMMISSIONI Sedute di domenica 24 novembre 2013 24 novembre 2013 Indice 2 INDICE Commissioni

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 69

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 69 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 69 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) INTERROGAZIONI 155ª seduta: mercoledì

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 9

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 9 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 9 12ª COMMISSIONE PERMANENTE (Igiene e sanità) INTERROGAZIONI 140ª seduta: giovedì 17 luglio 2014 Presidenza della presidente DE BIASI IN

Dettagli

Immigrati? LA CASA. Sportello Immigrazione. Provincia di Grosseto. Progetto Il Ponte. I Comuni della provincia di Grosseto

Immigrati? LA CASA. Sportello Immigrazione. Provincia di Grosseto. Progetto Il Ponte. I Comuni della provincia di Grosseto la casa Italiano 5-02-2003 13:40 Pagina 1 Provincia di Grosseto Regione Toscana I Comuni della provincia di Grosseto Progetto Il Ponte Sportello Immigrazione Provincia di Informazioni Grosseto Immigrati?

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 18

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 18 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 18 2ª COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) INTERROGAZIONI 202ª seduta: mercoledì 22 aprile 2015 Presidenza del presidente PALMA IN 0544 TIPOGRAFIA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 86

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 86 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 86 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) INTERROGAZIONI 417ª seduta: mercoledì

Dettagli

2ª COMMISSIONE PERMANENTE

2ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 2ª COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) Seduta n. 548 DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 90º Resoconto stenografico SEDUTA DI MARTEDÌ 17 GENNAIO 2006 (Notturna)

Dettagli

VI COMMISSIONE PERMANENTE

VI COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 11 settembre 2013 32 Commissione VI VI COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze) S O M M A R I O INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA: Variazione nella composizione della Commissione... 32 5-00974 Busin:

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 11ª COMMISSIONE PERMANENTE

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA VIII Al presidente dell Assemblea Legislativa Progetto di legge di iniziativa del Consigliere Leonardo Masella avente ad oggetto: "Norme dirette a favorire l inserimento

Dettagli

I PRINCIPALI CONTENUTI DEL CONTRATTO STIPULATO TRA RFI E TRENITALIA

I PRINCIPALI CONTENUTI DEL CONTRATTO STIPULATO TRA RFI E TRENITALIA AS265 - SEPARAZIONE TRA GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE E SERVIZI DI TRASPORTO FERROVIARIO Roma, 13 agosto 2003 Presidente del Senato della Repubblica Prof. Marcello Pera Presidente della Camera dei Deputati

Dettagli

UFFICIO DEI RESOCONTI

UFFICIO DEI RESOCONTI UFFICIO DEI RESOCONTI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. versione solo per Internet COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DEGLI INFORTUNI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE Con la presente si intende rispondere al quesito sottoposto all attenzione dello scrivente studio legale in merito alla legittimità o meno del noto Avviso pubblico, con

Dettagli

Contratto di locazione

Contratto di locazione Contratto di locazione Registrazione Imposte di registro Cedolare secca Tutto quello che c è da sapere Ed_1-Rev_0 del 20 marzo 2014 PREMESSA In generale la locazione costituisce il contratto con il quale

Dettagli

Senato della Repubblica. n. 312 Supplemento. RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati. Giunte e Commissioni GIUNTE E COMMISSIONI XVII LEGISLATURA

Senato della Repubblica. n. 312 Supplemento. RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati. Giunte e Commissioni GIUNTE E COMMISSIONI XVII LEGISLATURA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati n. 312 Supplemento GIUNTE E COMMISSIONI Sedute di mercoledì 19 novembre 2014 19 novembre 2014 Indice

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 11 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavoro, previdenza sociale) 3 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI GIOVEDÌ 3 OTTOBRE

Dettagli

7ª COMMISSIONE PERMANENTE

7ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) INTERROGAZIONI 63º Resoconto stenografico SEDUTA DI GIOVEDÌ

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 481 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CASTELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 1996 Norme a favore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa 1. Finalità L'agenzia casa è un servizio pubblico del Comune di Modena volto istituzionalmente ad assicurare l'accesso alla casa ai cittadini

Dettagli

6ª COMMISSIONE PERMANENTE

6ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) Seduta n. 263 INTERROGAZIONI 25º Resoconto stenografico SEDUTA DI MERCOLEDÌ 9 MARZO 2005 Presidenza del vice presidente

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile PROVINCIA DI LIVORNO COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DISCIPLINARE Premessa Le attività di protezione civile, così come definite dall art. 1 della Legge 24 febbraio 1992,

Dettagli

XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 6 11ã COMMISSIONE PERMANENTE (Lavoro, previdenza sociale) INTERROGAZIONI 27ã seduta: giovedõá 26 settembre 2013 Presidenza della vice presidente

Dettagli

comunicazione al conduttore; esercizio dell Opzione all Agenzia delle Entrate; versamento degli acconti 2011 sulla cedolare secca;

comunicazione al conduttore; esercizio dell Opzione all Agenzia delle Entrate; versamento degli acconti 2011 sulla cedolare secca; Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Cedolare secca: istruzioni per l uso Introduzione La cedolare secca sulle locazioni abitative è adesso operativa a tutti gli effetti. La disciplina normativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO. Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza degli immobili

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO. Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza degli immobili Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5550 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 241/19.12.2008 In vigore

Dettagli

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA.

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 07.04.2014

Dettagli

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese.

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese. Guida pratica e giuridica per la ricerca di un alloggio in Italia Affittare una casa 1 Leggi di riferimento Legge 27 Luglio 1078 n. 392 (equo canone) Legge 8 Agosto 1992, n.359 (patti in deroga) Legge

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO Art. 1 Soggetto attuatore Soggetto attuatore del progetto, è Casa e Provincia Spa, che metterà a disposizione le proprie competenze acquisite nello svolgimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 05 04.02.2014 Contratti di locazione Novità e aspetti rilevanti Categoria: Contratti Sottocategoria: Locazione Dal 2014 i contratti di locazione sono stati

Dettagli

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI SISTEMI TERRITORIALI SPA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI SISTEMI TERRITORIALI SPA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI SISTEMI TERRITORIALI SPA Art.1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l utilizzo dei mezzi di servizio a disposizione di Sistemi Territoriali Spa in adesione

Dettagli

Scheda di trasporto. La scheda dovrà essere compilata dal committente e conservata a bordo del veicolo, a cura del vettore.

Scheda di trasporto. La scheda dovrà essere compilata dal committente e conservata a bordo del veicolo, a cura del vettore. Scheda di trasporto CNA Fita Trasporto Dal 19 Luglio le imprese di autotrasporto sono tenute alla compilazione della scheda di trasporto. L istituzione del nuovo documento si inserisce all interno del

Dettagli

C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI

C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI Ufficio Servizi Sociali Oggetto: Progetto CONTRATTI ASSISTITI Premesso che: Relazione istruttoria/illustrativa Quello della casa non è un problema

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5659 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONTENTO Disposizioni per la tutela del consumatore nell ambito del mercato dell energia

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 20

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 20 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 20 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) INTERROGAZIONI 104ª seduta (antimeridiana): mercoledì 8 ottobre 2014 Presidenza

Dettagli

7ª COMMISSIONE PERMANENTE

7ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) Seduta n. 461 INTERROGAZIONI 91º Resoconto stenografico

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. 2011/55394 Modalità di esercizio dell opzione per l applicazione del regime della cedolare secca, modalità di versamento dell imposta e altre disposizioni di attuazione dell articolo 3 del decreto

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) INTERROGAZIONI 385ª seduta: mercoledì 24 ottobre 2012 Presidenza del presidente BALDASSARRI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO Io sottoscritto Lucio Malan, nato a Luserna San Giovanni il giorno 30 luglio 1960, ivi residente in strada vecchia di Bricherasio 8, Senatore

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA ROMA, N. 2 DESTINATO

Dettagli

Oggetto: parere sulla legittimità dell erogazione ai magistrati di buoni pasto del valore di 7 Euro nel periodo anteriore al 15 luglio 2010.

Oggetto: parere sulla legittimità dell erogazione ai magistrati di buoni pasto del valore di 7 Euro nel periodo anteriore al 15 luglio 2010. Roma, 1 aprile 2014 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Oggetto: parere sulla legittimità dell erogazione ai magistrati di buoni pasto del valore di 7 Euro nel periodo anteriore al 15 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO Premessa Il Comune di Casalgrande proprietario dell immobile, sito nella frazione di Casalgrande Alto, all incrocio tra Via Statutaria

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Direttiva sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve Prot. RU \ 1580 16.01.2013 A tutti gli Enti proprietari di strade

Dettagli

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali Progetto Lo.ca.re. : Locazione a canone responsabile, concordato e garantito PREMESSA. Il Comune di Saronno è stato da tempo classificato tra quelli ad Alta tensione abitativa

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO 30 dicembre 2002 Criteri generali per la realizzazione gli Accordi da definire in sede locale per la stipula dei contratti di locazione agevolati

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011, CHE MODIFICA IL REGOLAMENTO (CE) N. 2006/2004, RELATIVO AI DIRITTI DEI PASSEGGERI

Dettagli

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Art. 1 1. Il presente regolamento

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà Dipartimento per i trasporti la navigazione ed i sistemi informativi e statistici Direzione Generale Motorizzazione Divisione 5 Prot. n. 13647 del 2.5.2011

Dettagli

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti?

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti? 1 Alloggio Lo straniero per soggiornare in Italia necessita della garanzia di un alloggio. L alloggio può essere ottenuto grazie all ospitalità di qualcuno oppure affittando o acquistando una casa. In

Dettagli

Catene da neve: regole uniformi in tutto lo Stivale con la direttiva ministeriale Diritto e giustizia.it

Catene da neve: regole uniformi in tutto lo Stivale con la direttiva ministeriale Diritto e giustizia.it Catene da neve: regole uniformi in tutto lo Stivale con la direttiva ministeriale Diritto e giustizia.it di Stefano Manzelli Le ordinanze che impongono l obbligo di catene o pneumatici da neve a bordo

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Febbraio 2015 INDICE 1. Premessa 2. Fondo di Garanzia per le PMI 3. Liquidazione TFR in busta paga 4. Moratoria dei mutui 5. Pagamento debiti

Dettagli

Novità del modello 730/2012 redditi 2011

Novità del modello 730/2012 redditi 2011 Novità del modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta Frontespizio e Familiari a carico E stata introdotta una casella denominata situazioni particolari per evidenziare particolari condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Disposizioni in merito alla disciplina dei rapporti con le libere forme associative

Dettagli

Bando per il finanziamento dei progetti speciali

Bando per il finanziamento dei progetti speciali Allegato al Decreto n.764 /LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015 Art. 1 Finalità Bando per il finanziamento dei progetti speciali 1. Il presente bando viene emanato al fine di promuovere l integrazione tra le

Dettagli

UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE

UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE Loris Zaffra, Presidente ALER Milano UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE Proposta in materia di defiscalizzazione dell housing sociale. Premessa La scarsa quantità di

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

CONGRUITA MODIFICHE FUNZIONALI SU S.O.L.D.O.

CONGRUITA MODIFICHE FUNZIONALI SU S.O.L.D.O. Pag.: 1/19 CONGRUITA MODIFICHE FUNZIONALI SU S.O.L.D.O. Autore/i: S. Fiore CFP Informatica S.r.l. V. Menascì Rivisto Da: Approvato da: DESTINATARI: A: tutte le casse edili che utilizzano SOLDO C.C.: imprese

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) I1/ La sig./soc. (1). di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di.) concede

Dettagli

RISPOSTA Ass. Reg.le LL.PP. Per leggere organicamente le norme invocate ritengo che vada fatta una distinzione per il caso:

RISPOSTA Ass. Reg.le LL.PP. Per leggere organicamente le norme invocate ritengo che vada fatta una distinzione per il caso: Per leggere organicamente le norme invocate ritengo che vada fatta una distinzione per il caso: che venga individuato RUP dei lavori un soggetto munito di qualifica dirigenziale ; Dr.ssa Agata Consoli.

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1209 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PUGLISI, FEDELI, MATTESINI, LUMIA, AMATI, ASTORRE, BERTUZZI, CIRINNÀ, COLLINA, D ADDA, Stefano ESPOSITO, FABBRI,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE. la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente rappresentata

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE. la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente rappresentata BOZZA n.9 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente rappresentata dal Parroco don, nato a, il, C.F. (d ora in poi "locatrice") e il Sig.

Dettagli

Quando si applica il decreto

Quando si applica il decreto Quando si applica il decreto L applicazione nel caso degli interventi sugli edifici esistenti I fabbricati esclusi dall applicazione del decreto Le disposizioni contenute nel decreto ai fini del contenimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAUSI, MISIANI Modifica all articolo 11-quaterdecies del decreto-legge 30 settembre 2005,

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE capitolo DODICESIMO DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE In questo capitolo si esamina e si approfondisce la detrazione spettante agli inquilini che hanno stipulato un contratto di locazione di un immobile

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli