N Ò L I A N S O F T I N G

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N Ò L I A N S O F T I N G"

Transcript

1 N Ò L I A N 1 >> ALL IN ONE

2 N Ò L I A N 1 >> ALL IN ONE

3 Nòlian All In One NÒLIAN ALL IN ONE è una nuovissima architettura software della Softing che consente di far convivere molti ambienti dedicati alla soluzione di specifici problemi strutturali, in un unico oggetto software. Il vantaggio di questa architettura è quella di garantire la chiarezza propria di un ambiente dedicato ad un problema specifico insieme alla interoperabilità di tali ambienti che hanno di fatto molti dati in comune. >> TUTTI GLI AMBIENTI PER LA PROGETTAZIONE STRUT- TURALE A PORTATA DI... MENU. Il passaggio da un ambiente all altro è immediato ed automatico: basta accedere al menù degli ambienti e scegliere quello voluto. Ci si troverà in un ambiente standardizzato come modalità operative ma specifico per applicare al proprio modello strutturale le specifiche operazioni volute. Infatti l ingegneria richiede una grande flessibilità perché spesso il progetto strutturale non ha come oggetto le stesse tipologie, ma varia incredibilmente di temi da dovere affrontare, temi che non sempre sono riconducibili a schemi di strutture edili o civili. Basta che un committente chieda la semplice verifica alla spinta della folla di una semplice balaustra di forma complessa che si esce dagli schemi e occorre tutta la flessibilità e la potenza di NÒLIAN ALL IN ONE. Inoltre NÒLIAN ALL IN ONE è dotato di un ambiente di configurazione che consente di configurare, secondo la normativa prescelta, tutti gli ambienti contemporaneamente e congruentemente. La configurazione può avvenire anche una tantum se si opera nella stessa zona siismica e con la stessa tipologia strutturale. NÒLIAN ALL IN ONE ha anche uno strumento essenziale: Quilian. Quilian può essere visto come un pilota automatico che può essere attivato in qualsiasi momento. Se cioè la procedura progettuale è tipica si può affidare a Quilian tutta l esecuzione del processo progettuale, dalla analisi sismica secondo normativa fino alla produzione della relazione di calcolo e degli esecutivi da cantiere (solo strutture il calcestruzzo). Se Quilian rileva un problema (ad esempio un elemento sottodimensionato), lo segnala. A questo punto il progettista può liberamente intervenire e, se riattiverà Quilian, questo rileverà il punto necessario dove riprendere il percorso e lo condurrà automaticamente a termine. Gli ambienti sono quelli che tradizionalmente sono stati i programmi modulari della Softing oltre agli ambienti che ne facilitano la gestione: Configuratore >> Configurazione generale per requisiti anche di normativa. Nòlian >> Generazione della mesh ed analisi lineari e dinamiche e di instabilità. Earthquake Engineering (Nòlian pro) >> Analisi non lineari dedicate al progetto antisismico inmod >> Ambiente per la generazione del modello solido di strutture edili con modalità CAD 3D. Un mesher genererà automaticamente la mesh per Nòlian. EasyBeam >> Ambiente specializzato per progetto verifica, modifica della armature, produzione di esecutivi, per elementi strutturali monodimensionali in calcestruzzo armato. EasyWall >> Come EasyBeam, ma per membrature piane. Indispensabile per vasche, platee di fondazione etc. EasySteel >> Dedicato alla verifica ed al disegno di membrature in acciaio e dei nodi. EasyQuill >> Il sistema personalizzato per generare relazioni tecniche. Quilian >> Il sistema esperto per la gestione automatica del percorso progettuale. Altri ambienti sono stati resi possibili da questa nuova architettura e presto si aggiungeranno a quelli prima elencati: >> Verifica murature. >> Verifica strutture esistenti in calcestruzzo armato. >> Verifica all incendio. Inoltre, NÒLIAN ALL IN ONE dispone di una potentissima funzionalità unica: il MultiStage. Questa tecnologia, che non è un ambiente ma una tecnologia di base di tutti gli ambienti, consente di far convivere più modelli della stessa struttura modificati in ogni possibile caratteristica. Dai vincoli, alla topologia, ai carichi. Ciò consente di operare su un modello singolo ma su tutte le sue varianti in modo da studiare la variabilità delle sollecitazioni, sollecitazioni che possono anche essere inviluppate per il progetto e la verifica delle membrature. Solo con pochi esempi: fasi di costruzione di un ponte, carichi mobili, demolizioni per fasi etc. Un esempio più banale che però non è fortunatamente necessario risolvere in questo modo, è quello che scaturisce dalle quattro possibilità di decentrazione delle masse in analisi sismica che da luogo a quattro indipendenti modelli dinamici. 2 > > Nòlian All In One Nòlian All In One << 3

4 Nòlian NÒLIAN è un ambiente completo per la modellazione e l analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti. In NÒLIAN la mesh di elementi finiti si genera con modalità CAD 3D operando direttamente sulla geometria della mesh e quindi in modo del tutto trasparente e professionale. Se però si desidera generare mesh FEM di strutture edili in modo più semplice, è possibile usare l ambiente inmod (vedi dopo) che consente una modellazione solida con le tecniche del CAD per architettura. Un potente mesher provvederà a fornire a NÒLIAN la mesh di elementi finiti. NÒLIAN, per consentire una rapida generazione di mesh complesse, ha degli strumenti molto potenti. Qui accenniamo solo al generatore frontale di mesh piane in contorni di superfici anche forate (vedi immagine a lato). NÒLIAN gestisce poi l attribuzione delle caratteristiche agli oggetti grafici tramite il paradigma predicato oggetto tipico delle linee guida, mai superate in qualità, che introdusse Apple Computer negli anni 80. Quindi è possibile scegliere una operazione, ad esempio interrogare o assegnare le caratteristiche di una sezione, e quindi selezionare gli oggetti a cui applicare l azione. Questi concetti di interfaccia grafica, molto ergonomici e sperimentati da più di 25 anni, sono stati certificati da Apple Computer e poi da Microsoft quando NÒLIAN ricevette la certificazione Designed for Windows. Tutti i risultati sono interrogabili sia per via numerica che per via grafica anche tramite animazioni in caso di analisi nel dominio del tempo. Inoltre NÒLIAN supporta un sistema di script che consente di attuare una serie di azioni programmate per ottenere da Nòlian delle prestazioni personalizzate. >> NÒLIAN CONSENTE LA GENERAZIONE AUTOMATICA DI MESH. QUI LA GENERAZIONE FRONTALE NEL CONTORNO DI UNA SUPERFICIE A CONTORNI CURVI CON APERTURE. SI PUÒ NOTARE CHE I CONTORNI CURVILINEI POSSONO ANCHE ESSERE GESTITI TRAMITE SPLINE. NÒLIAN consente analisi lineari: >> Statica >> Modale >> Spettro di risposta >> Instabilità (buckling) >> UNA MESH DI CIRCA ELEMENTI COMPLETAMENTE REALIZZATA CON GLI STRUMENTI GRAFICI INTERATTIVI DI NÒLIAN. SI TRATTA DI UNA GRU RADIALE DI 32 METRI DI DIAMETRO. SI NOTI IL TOOLTIP CHE FORNISCE INFORMAZIONI ANCHE PERSONALIZZATE SULL OGGETTO SOTTOSTANTE. (Le analisi non lineari saranno descritte nel capitolo sull ambiente Earthquake Engineering). NÒLIAN nasce alla fine del 1983 con il nome di MacSap, su una commessa della Apple Computer e quindi è storicamente non solo il primo programma per strutture ad interfaccia grafica interattiva, ma anche uno dei primi programmi a rendere disponibile il metodo degli elementi finiti su un personal computer. FATTORIZZAZIONE NÒLIAN IMPIEGA UNO SPECIALE METODO DI FATTORIZ- ZAZIONE PER MATRICI A COEFFICIENTI SPARSI CHE CON- SENTE DEI TEMPI DI CALCOLO INCREDIBILMENTE BREVI. >> ATTESTATO DI VALIDAZIONE OTTENUTO DA NÒLIAN (AL- LORA MACSAP) DAL POLITECNICO DI MILANO NEL > > Nòlian Nòlian << 5

5 >> NÒLIAN: MOLTO ALTRO ANCORA In un testo di presentazione come questo non è possibile, e forse nemmeno utile soffermarsi su tutte le funzionalità dei programmi, ma ovviamente NÒLIAN ha moltissime funzioni che paiono ausiliarie in quanto non strettamente connesse con la soluzione del modello ad elementi finiti, ma utilissime per la gestione produttiva del progetto. Molte di queste funzioni sono invocate in automatico da Quilian per fare delle scelte operative. Ad esempio una funzione valuta in modo numerico la regolarità della struttura, oppure i torcenti di piano vengono generati automaticamente per modellare la disposizione accidentale delle masse, una funzione molto potente consente di avere la risultante delle forze in un piano qualsiasi, oppure è possibile assegnare automaticamente carichi da pressione idrostatica e così via. ANCHE QUELLO CHE NON TROVATE QUI DESCRITTO PROBABILMENTE LO TROVERETE IN NÒLIAN. INFATTI PIÙ DI 6000 PROGETTISTI HANNO SCELTO NÒLIAN IN QUESTI PIÙ DI 25 ANNI DI VITA. QUINDI NÒLIAN È PROFONDAMENTE TESTATO ANCHE SUL CAMPO COME STRUMENTO COMPLETO E PRODUTTIVO. >> LA TECNICA DEL MULTISTAGE È STATA IMPIEGATA NELLE QUATTRO FASI DI COSTRUZIONE DI QUESTO PONTE SUL SAMOGGIA PROGETTATO DALL ING. GIANLUIGI CAMPAGNA QUI IN UNA RAPPRESENTAZIONE COMBINATA DI TENSIONI SULLA DEFORMATA SOLIDA DEL MODELLO. L analisi con la tecnica dello spettro di risposta è prevista dalla corrente normativa e si basa su spettri di risposta legati al rischio sismico di ogni zona. NÒLIAN ha un sofisticato sistema di gestione degli spettri che, oltre a consentire di generarli automaticamente secondo i parametri di normativa, consente di visualizzarli, modificarli, importarli o esportarli per cui, accanto ad un uso standard legato alla normativa, non vengono preclusi impieghi avanzati che richiedono modifiche degli spettri o spettri legati ad altre normative. NÒLIAN è dotato di elementi finiti a 2, 3, 4 e 8 nodi e di elementi solidi a 8 nodi. Tutti gli elementi hanno rigidezza completa (gli elementi piani e i brick, cioè, hanno rigidezza >> ESEMPIO DI ANALISI D INSTABILITÀ CHE MOSTRA IL FENOMENO DI IMBOZZAMENTO DELL ANIMA DI UNA TRAVE DI GRANDI DIMENSIONI. 6 > > Nòlian Nòlian << 7

6 >> NÒLIAN HA UN SOFISTICATO SISTEMA DI GESTIONE DEGLI SPETTRI CHE, OLTRE A CONSENTIRE DI GENE- RARLI AUTOMATICAMENTE SECONDO I PARAMETRI DI NORMATIVA, CONSENTE DI VISUALIZZARLI, MODIFICAR- LI, IMPORTARLI O ESPORTARLI. anche per il drilling). Gli elementi ad 8 nodi piani possono avere lati curvi. NÒLIAN produce la completa documentazione del modello e dei risultati delle analisi secondo gli schemi di esposizione dei dati e dei risultati più impiegati nei modelli ad elementi finiti. La completezza della documentazione ha anche la finalità di consentire la ripetizione della analisi come previsto dalla normativa. La stampa avviene su file (html o rtf) ed è tematica consentendo di produrre i dati e i risultati voluti. La produzione dei tabulati su file, benché già impaginati ed a pagine numerate, ne consente l eventuale modifica o successiva elaborazione con semplici editor di testo. EasyQuill (si veda dopo) può recepire questi dati in tutto o in parte per includerli intelligentemente nella relazione di calcolo. InMod INMOD è un ambiente di Nòlian All In One specificamente dedicato a chi desideri un approccio alla modellazione ad elementi finiti maggiormente orientata alla descrizione solida, di tipo architettonico.inmod provvede poi alla costruzione automatica della mesh ad elementi finiti. Come costantemente nella filosofia del software della Softing, INMOD non impone un approccio procedurale specifico ed avulso dal contesto degli altri ambienti, ma è un potentis- MATERIALI NÒLIAN CONSENTE ANALISI LINEARI INDIPENDENTE- MENTE DAL TIPO DI MATERIALE PURCHÉ NEI LIMITI DEL COMPORTAMENTO ELASTICO LINEARE. >> GLI ELEMENTI FINITI DI NÒLIAN SONO I PIÙ AVAN- ZATI OGGI DISPONIBILI. HANNO RIGIDEZZA COMPLETA PER UN IMPIEGO PIÙ IMMEDIATO POSSIBILE E CON LATI ANCHE CURVI PER EVITARE APPROSSIMAZIONI IN STRUTTURE A LATI CURVILINEI. PERTANTO SI POSSONO ANALIZZARE STRUTTURE IN LEGNO, ALLUMINIO OLTRE CHE ACCIAIO E CALCE- STRUZZO. MA LA VERIFICA DEI GIUNTI E DELLE MEMBRATURE SONO SOGGETTE SPESSO A METODOLOGIE SPECIFI- CHE E NORMATIVE SPECIFICHE E PERTANTO, MENTRE A LIVELLO DI ANALISI, NEI TERMINI SUDDETTI, NON VI SONO LIMITI SUI MATERIALI, PER LE VERIFICHE NON TUTTI I MATERIALI HANNO IN NÒLIAN ALL IN ONE DE- GLI SPECIFICI POST PROCESSORI. MOLTO SPESSO, PERÒ, PER ALCUNE TIPOLOGIE, LE VERIFICHE SONO ABBASTANZA SEMPLICI DA POTERSI ESEGUIRE CON FOGLI ELETTRONICI. >> INMOD È UNO SPECIFICO AMBIENTE DI NÒLIAN ALL IN ONE PER LA GENERAZIONE AUTOMATICA DELLA MESH AD ELEMENTI FINITI TRAMITE LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO SOLIDO CON CRITERI TIPICI DEI CAD ARCHITETTONICI. 8 > > InMod << Nòlian 9

7 >> IL MESHER DI INMOD Il mesher, o mesciatore è un programma che genera una mesh di elementi finiti partendo da una descrizione geometrica generale di un oggetto. Con mesh (o maglia di rete, in inglese) si intende la geometria che identifica gli elementi finiti che sono i tasselli di un sistema, quello appunto degli elementi finiti, per integrare equazioni differenziali tramite discretizzazione del continuo. Pertanto la mesh non sempre coincide con la geometria naturale dell oggetto ma ne è un astrazione che forma il modello di calcolo in quale ovviamene ha caratteristiche molto diverse da quello geometrico o volumetrico. Il programma appunto che deve fare questa difficile traduzione è il mesher. Il metodo di analisi ad elementi finiti quindi non opera sulla geometria iniziale assegnata per oggetti strutturali, ma occorre prima fare una traduzione. La qualità di questa traduzione è essenziale per la qualità dei risultati e per la produttività tutta dell iter progettuale. >> INMOD HA MOLTISSIMI STRUMENTI GRAFICO-INTERATTIVI PER LA COSTRUZIONE DEL MODELLO SOLIDO DELLA STRUTTURA CON METODOLOGIE DI CAD ARCHITETTONICO. simo strumento per generare la mesh, tipicamente di strutture edili, con un approccio più consueto e che richiede minore conoscenza della specificità del metodo degli elementi finiti. Si noti però che con inmod ci si trova poi in Nòlian, con la mesh generata dal mesher di inmod, e ci si innesta nel sistema tutto di Nòlian All In One senza rinunciare a nulla. La mesh ottenuta con inmod infatti può essere modificata o arricchita con gli strumenti tipici di Nòlian ed il modello, ovviamente, può essere trattato con tutti i metodi di analisi di Nòlian e di Earthquake Engineering. Il compito quindi del mesher è tutt altro che semplice e non sempre è in grado di giungere alla soluzione migliore. Molti programmi generano mesh semplificate per evitare a monte problemi di connessione tre elementi ed altro. Il mesher di INMOD è molto sofisticato ed in grado di affrontare con esattezza problemi geometrici anche complessi. La mesh di elementi finiti è poi subito disponibile in Nòlian dove si possono impiegare tutti gli strumenti di visualizzazione e modifica tipici di Nòlian per migliorare, se lo si desidera, o arricchire la mesh anche con nuovi elementi. Si nota infine che il mesher di INMOD è anche in grado di costruire un telaio equivalente partendo da pareti continue individuando automaticamente le aperture e quindi semplificando molto il compito del progettista. Quest ultima modalità è utile con al nuova normativa che assimila le pareti a dei pilastri e quindi di fatto ne scoraggia, rendendola inutilmente gravosa, la più accurata analisi tramite elementi finiti piani. >> NELLE ILLUSTRAZIONI CHE SEGUONO, ALCUNI ESEMPI DI PROBLEMI NON FACILI DA RISOLVERE. 10 > > InMod InMod << 11

8 >> IL MESHER DI INMOD >> MODELLO IN INMOD COSTITUITO DA ELEMENTI PIANI CONNESSI TRA LORO IN MODO NON SEMPLICE. SOTTO, LA MESH IN NÒLIAN DI ELEMENTI A 4 E 3 NODI RAFFIGURATA CON LO SHRINK PER CONSENTIRE LA CHIARA VISUALIZ- ZAZIONE DEI SINGOLI ELEMENTI. SI NOTI LA CHIAREZZA DELLE CONNESSIONI SENZA DISCONTINUITÀ E LE CAPACITÀ DEL MESHER DI ADATTARE PASSI DIVERSI DI MESH TRAMITE RACCORDI MOLTO REGOLARI. >> SEMPLICISSIMA PARETINA MODELLATA IN INMOD A SCOPO ESEMPLIFICATIVO. LE APERTURE SONO REALIZZATE CON L AIUTO DEI FILI DI RIFERIMENTO MA POSSONO ESSE- RE POLIGONALI IRREGOLARI INCLINATE ETC. >> MESH DI ELEMENTI FINITI PIANI DI TIPO LASTRA- PIASTRA A QUATTRO NODI. LA DENSITÀ DELLA MESH VIENE SCELTA DAL PROGETTISTA. >> LA MESH A TELAIO EQUIVALENTE. IN VERDE LA TRAVI O FASCE DI PIANO SE LA STRUTTURA FOSSE IN MURATURA. I SEGMENTI ROSSI SONO I COLLEGAMENTI RIGIDI TRA GLI ELEMENTI ELASTICI E SONO RAPPRESENTATI IN MODO DA EVIDENZIARE IL REALE TIPO DI CONNESSIONE RIGIDA EF- FETTUATO. SI EVITA, IN UN MODELLA AD ELE MENTI FINITI, LA RAPPRESENTAZIONE ARTEFATTA CONCIO RIGIDO CHE IN EFFETTI NON HA CORRISPETTIVI DI CALCOLO NEL MO- DELLO AD ELEMENTI FINITI. PER GLI OSSERVATORI ATTENTI, LA LUNGHEZZA DEI RIGEL È DETERMINATA DA VARIE OPZIO- NI. IN QUESTA IMMAGINE GLI ELEMENTI SONO A FILO PER RENDERE PIÙ CHIARO L ESEMPIO. LA PARETE È IN ORIGINE UN CONTINUUM CHE IL MESHER HA DIVISO IN MASCHI E FASCE AUTOMATICAMENTE. >> SOPRA IL PROBLEMA DELL INNESTO DI UNA TRAVE IN UNA PARETE COME È MODELLATA IN INMOD. SOTTO, A SI- NISTRA, UN MESH RADA DOVE UN ELEMENTO RIGEL CON- SENTE AL MODELLO DI CALCOLO DI CONSIDERARE COR- RETTAMENTE L ALLINEAMENTO DELL ESTRADOSSO DELLA TRAVE AL FILO SUPERIORE DELLA PERETE. A DESTRA, LO STESSO DISASSAMENTO VIENE MANTENUTO, MA UNA MESH PIÙ FINE CONSENTE DI ADATTARE LA MESH DELLA PARETE MURO ALL ASSE DI CALCOLO DELLA TRAVE. IL MESHER OPE- RA NELLA MANIERA PIÙ INTELLIGENTE PER COSTRUIRE IL MIGLIOR MODELLO DI CALCOLO. 12 > > InMod InMod << 13

9 Earthquake Engineering EARTHQUAKE ENGINEERING è un ambiente dedicato ai metodi di analisi non lineare particolarmente orientati al progetto antisismico. Questo ambiente è stato volutamente reso autonomo, benché condivida lo stesso modello di calcolo dell ambiente lineare, per evitare incertezze operative in chi opera principalmente nell ambiente lineare dove il più oneroso trattamento delle caratteristiche non lineari potrebbe portare a una certa mancanza di chiarezza. Infatti i materiali non lineari sono definiti in questo specifico ambiente. ALCUNI MATERIALI ALCUNI MATERIALI MONOASSIALI: ELASTICO, ELASTICO PERFETTAMENTE PLASTICO, ELASTICO PERFETTAMENTE PLASTICO CON GAP, NO TENSION, CAVO, HARDENING, VI- SCOSO, ISTERETICO, UNIONE SERIE, UNIONE PARALLELO. ARMATURA, SCORRIMENTO ARMATURA, CALCESTRUZZO. >> LA SEZIONE A FIBRE È UNA DELLE SEZIONI PIÙ USATE PER LE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO ARMATO, IN FIGURA IL DIALOGO CHE CONSENTE LA GESTIONE DI SEZIONI A FIBRE ANCHE DESCRITTE DA POLIGONI IRREGOLARI. EARTHQUAKE ENGINEERING è stato strutturato in modo eccezionalmente elegante. Infatti si è sfruttato a pieno ed in modo informaticamente efficace il concetto do oggetto proprio dei linguaggi strutturati (il C++ nel nostro caso) per individuare gli oggetti che costituiscono il problema strutturale. Così non si hanno, ad esempio degli elementi ai quali assegnare delle caratteristiche, ma si ha una gerarchia di oggetti che consente la massima flessibilità d uso e la massima crescita di questo ambiente. NÒLIAN PRO LA VERSIONE DI NÒLIAN GIÀ DOTATA DELL AMBIENTE EARTHQUAKE ENGINEERING È CHIAMATA NÒLIAN PRO. Si hanno in particolare: >> Materiali, uniassiali o pluriassiali >> Sezioni, formate dall aggregazione di più materiali >> Elementi, formati da più sezioni Quindi risulta chiaro ed immediato assegnare, ad esempio, ad una sezione a fibre un materiale uniassiale elastico o elastoplastico o con i legami costitutivi del calcestruzzo. Così sono possibili moltissime altre aggregazioni. Una sezione può essere aggregata tramite materiali uniassiali che descrivono i legami diversi per ogni grado di libertà, oppure gli elementi possono avere estremi costituiti da sezioni costruite ad hoc, come cerniere elasto-plastiche. Poiché operare con legami costitutivi non lineari non è sempre agevole, uno strumento straordinario, il MatTest, consente di avere dei grafici che relazionano quantità prescelte (forza assiale, momento) per verificare che il legame costitutivo sia quello voluto. Questo ambiente opera su un modello reale di sezione predefinita e quindi offe una possibilità davvero eccezionale di studio del modello. ALCUNI MATERIALI PLURIASSIALI: ELASTICO, ELASTO PLASTICO: DRUCKER-PRAGER, VON MISES, CAM-CLAY. J2. MATERIALI A LAYER PER SHELL 8 NODI: ELASTICO, ELASTOPLASTICO, ARMATURA, CALCESTRUZZO. ALCUNE SEZIONI: OMOGENEA, FIBRE, SEZIONE AGGRE- GATA, CERNIERA DI ESTREMITÀ. Altri due concetti innovativi, sempre derivati dal paradigma dei linguaggi di programmazione strutturati, sono le azioni e i registratori. Tramite le azioni si possono descrivere le azioni che agiscono sulla struttura, i registratori invece consentono di memorizzare o graficizzare particolari risultati sia finali che al passo. ALCUNI PARTICOLARI ELEMENTI FINITI NON LINEARI TRA GLI ELEMENTI FINITI DI MAGGIOR O PIÙ INTERES- SANTE IMPIEGO È UTILE SEGNALARE L ELEMENTO A FIBRE CON L EFFICIENTE FORMULAZIONE BASATA SULL EQUILI- BRIO INTERNO, GLI ELEMENTI PER ANALISI GEOTECNI- CHE TRA I QUALI IL MODELLO CAM-CLAY E GLI ELEMENTI GUSCIO A LAYER CON LAYER ANCHE DI CALCESTRUZZO. >> IN FIGURA, IL CICLO ISTERETICO DI UNA SEZIONE A FIBRE IN CALCESTRUZZO ARMATO OTTENUTA NEL DIALOGO MATTEST. >> DIAGRAMMA TEMPO-SPOSTAMENTO IN UN ANALISI DINAMICA NON LINEARE IN TRANSITORIO (IN ROSSO L ACCELEROGRAMMA DEL SISMA DI EL CENTRO, IN BLU LA RISPOSTA DELLA STRUTTURA). Vi sono molti tipi sia di azioni che di registratori. Vi è anche un registratore specializzato per l analisi di capacità eseguita su un analisi pushover. Si può attivare un numero virtualmente illimitato di registratori. L operatività dell ambiente è potenziata da funzioni di restart e dalla possibilità di assegnare una storia di carico tramite una lista che consente di definire storie di carico anche complesse. 14 > > Earthquake Engineering Earthquake Engineering << 15

10 >> GRAFICO OTTENUTO TRAMITE UN REGISTRATORE CONFIGURATO PER AVERE IL DIAGRAMMA REAZIONE- SPOSTAMENTO. QUI UN PILASTRO IN COMPRESSIONE MOSTRA LA CAPACITÀ DELL ALGORITMO DI COGLIERE IL RAMO DISCENDENTE (DOWNLOADING). QUESTA È UN CLASSICA CURVA DI ANALISI DI SPINTA O PUSHOVER. Le possibilità disponibili sono le seguenti: SOLUTORI: >> Matrici sparse simmetriche. >> Matrici sparse non simmetriche. METODI DI SOLUZIONE NON LINEARE: >> Newton-Raphson. >> Newton-Raphson con line search. INTEGRATORI STATICI: >> Controllo di carico. >> Controllo di spostamento. >> Arch length. INTEGRATORI IN TRANSITORIO: >> Newmark. METODI DI TEST: >> Spostamento. >> Equilibrio. >> Energia. EasyBeam EASYBEAM nasce nel 1996 come evoluzione di MacBeam, programma per il progetto delle armature in travi e pilastri. Allora gli Eurocodici sembravano una certezza e quindi era indispensabile un approccio che tenesse conto del fatto che il problema del progetto delle armature in travi e pilastri non è affatto riconducibile ad un problema piano. Così EASYBEAM fu dotato di algoritmi molto sofisticati per gestire l analisi non lineare di sezioni di qualsiasi contorno e comunque sollecitate. Oggi la nuova normativa antisismica ha reso di fatto indispensabili questi metodi già sviluppati per gli Eurocodici, che hanno così quindici anni già di validazione sul campo. Quindi possiamo affermare che EASYBEAM è il programma più sofisticato per questo problema. Con la nuova normativa l approccio progettuale è divenuto più procedurale e EASYBEAM è stato adeguato per consentire un uso più procedurale ma, basato questo, sulla ineguagliabile potenza di calcolo di base di EASYBEAM e, inoltre, la proceduralizzazione non ha tolto a EASYBEAM la flessibilità tipica dei programmi della Softing. >> IL DIALOGO DI CONFIGURAZIONE DEI METODI DI CALCOLO NON LINEARE. ANALISI NON LINEARI DI NORMATIVA L AMBIENTE EARTHQUAKE ENGINEERING, OLTRE A FORNIRE UN AMBIENTE COMPLETO PER ANALISI NON LINEARI ALLO STATO DELL ARTE CONSENTE DI ESE- GUIRE OTTIMAMENTE ANALISI DI TIPO PUSHOVER COME PREVISTE ANCHE DALLA NORMATIVA ITALIANA TRAMITE STRUMENTI DI INTERFACCIA CHE NE FACILI- TANO LA CONFIGURAZIONE. EASYBEAM è in grado di rispondere ai requisiti della normativa 14 gennaio 2008 (in considerazione della complessità del tema, si consulti il manuale per vedere in dettaglio come e cosa della normativa è supportato), quindi non elenchiamo qui le caratteristiche di EASYBEAM tipiche appunto della normativa, dandole per acquisite (gerarchia delle resistenze, progetto del nodo, zone critiche, bilanciamento armatura, traslazione delle azioni, gestione differenziata delle pareti etc.) >> I COEFFICIENTI PER LE COMBINAZIONI DI CARICO SONO QUELLI DEL DM DEL 14 GENNAIO 2008, MA SI POSSONO MODIFICARE E AGGIUNGERE ALTRE TIPOLOGIE DI CARICO CON NOME VOLUTO ASSEGNANDO SPECIFICI FATTORI DI COMBINAZIONE PER NON FERMARSI MAI DAVANTI A NESSUNA SPECIFICA ESIGENZA. EASYBEAM opera sulle sollecitazioni in elementi monodimensionali ottenute dall analisi in Nòlian. Le combinazioni vengono eseguite secondo i dettami della normativa 14 gennaio I coefficienti delle combinazioni sono assegnati, per ogni tipo di carico, come valori di default a quelli della suddetta normativa, ma possono essere modificati per essere adeguate a qualsiasi situazione. Anzi si posso generare nuovi tipi di carico con tutti i parametri in combinazione voluti. Il sistema delle combinazioni, negli ambienti per i quali è necessario, è unificato e molto flessibile. 16 > > Earthquake Engineering EasyBeam << 17

11 >> EASYBEAM >> EASYBEAM IMPIEGA UN ANALISI NON LINEARE DELLA SEZIONE SOGGETTA A FLESSIONE BIASSIALE ED AZIONE ASSIALE E QUINDI È IN GRADO DI CALCOLARE LE TENSIONI (O LE DEFORMAZIONI) IN QUAL- SIASI PUNTO DELL ELEMENTO. IN FIGURA UNA ELOQUENTE TESTIMONIANZA DELLA POTENZA E GENERALITÀ DELL ALGORITMO DI ANALISI SEZIONALE. >> IN EASYBEAM UN CLASSICO ESEMPIO DELLA FILOSOFIA DI INTERFACCIA A DUE LIVELLI ADOTTATA DALLA SOFTING. SONO DEFINIBILI TUTTI I PARAMETRI DI PROGETTO FINO AI COEFFICIENTI DI SICUREZ- ZA PARZIALE (A SINISTRA, MA AD UN LIVELLO DI AUTOMAZIONE SUPERIORE È POSSIBILE CHE TUTTO VENGA CONFIGURATO SEMPLICEMENTE SCEGLIENDO LA NORMATIVA VOLUTA (A DESTRA). DUE LIVELLI PER DUE DIFFERENTI ESIGENZE: UNA SOLUZIONE PRODUTTIVA E INSIEME FLESSIBILE. >> NEL CASO DEL TAGLIO BIASSIALE, IL PROBLEMA FISICO È ANCORA PIÙ COM- PLESSO DI QUELLO DELLA FLESSIONE, MA RICORRENDO AD UNA INTEGRAZIONE NUMERICA, È POSSIBILE CONOSCERE CON MOLTA PRECISIONE LE TENSIONI NEL- LA SEZIONE IN CALCESTRUZZO. QUESTO METODO CONSENTE DI CALCOLARE CON ESATTEZZA ANCHE IL TAGLIO ULTIMO PER SOLLECITAZIONI BIASSIALI. IN FIGURA, IN OCRA, IL DIAGRAMMA DEL TAGLIO LUNGO UNA RETTA PERPENDICOLARE ALL ASSE NEUTRO INCLINATO. >> LE COMBINAZIONI DELLE AZIONI, IN CONSIDERAZIONE DELLA LORO IMPORTANZA NEL PROGETTO, SONO PARTICOLARMENTE CURATE, CONTROLLABILI A DIALOGO, PERSONALIZZABILI, MODIFICABILI. 18 > > EasyBeam EasyBeam << 19

12 >> LE ARMATURE POSSONO ESSERE COMPLETAMENTE MODIFICATE (E INSERITE SE LO SI DESIDERA) TRAMITE UN POTENTE STRUMENTO GRAFICO INTERATTIVO. CIÒ SIA PER L ARMATURA LONGITUDINALE CHE TRASVERSALE. IL GRAFICO SUPERIORE RAPPRESENTA IL COEFFICIENTE DI SFRUTTAMENTO PER CUI ANCHE IN CASO DI FLESSIONE BIASSIALE E SFORZO ASSIALE, IL DIAGRAMMA FEDELMENTE INDICA GLI EFFETTI DELLE MODIFICHE EFFETTUATE. >> IL DIAGRAMMA MOMENTO-CURVATURA CONSENTE DI AVERE UNA VERA E PROPRIA FOTOGRAFIA DEL COMPORTAMENTO DUTTILE DELLA SEZIONE. Per un uso più flessibile e potente, sono stati inoltre introdotti i metamateriali e cioè una descrizione del materiale che comprenda anche i metodi di lavorazione e quindi nel materiale associato ad una trave si possono assegnare non solo le caratteristiche meccaniche del calcestruzzo, ad esempio, ma anche i diametri delle barre impiegabili per armarlo ed altre simili specifiche. Ciò consente anche un progetto diversificato da elemento ad elemento. Inoltre EASYBEAM è completamente configurabile per cui, virtualmente, si possono soddisfare i requisiti di qualsiasi normativa. Nella consueta logica della Softing, uno strato di interfaccia superiore può rendere non necessaria la capillare configurazione perché lo strato superiore vi provvede tramite una semplice scelta della normativa da applicare. Usando, in ogni caso, il configuratore di Nòlian All In One, queste configurazioni, seppur sempre modificabili e controllabili in situ, sono impostate con molta facilità tutte insieme per tutti gli ambienti di Nòlian All In One. Come detto, EASYBEAM è in grado di eseguire il completo progetto delle armature secondo normativa offrendo un amplissima diagnostica in caso di situazioni non rispondenti alla normativa o non strutturalmente accettabili, il sistema di diagnostica consente non solo di segnalare con semplicità il problema e l elemento dove si è verificato, ma anche di accedere allo specifico testo della guida che tratta l errore per aiutare a risolverlo. Nonostante l automatismo avanzato, il progettista può intervenire nel progetto in qualsiasi sua fase, decidendo di: >> Immettere a dialogo le armature volute. >> Immettere graficamente nuove armature o modificare quelle esistenti. >> Usare un diagramma a colori del fattore di sicurezza per essere interattivamente guidato nelle modifiche. Inoltre dispone delle seguenti verifiche a dialogo o per rappresentazione a colori che quindi precedono l uso dei risultati stampati per avere sempre il polso della situazione : >> Verifica delle tensioni o delle deformazioni nel calcestruzzo. >> Come sopra per le barre di armatura. >> Valore del momento ultimo biassiale, sia a dialogo che in rappresentazione a colori >> Come sopra per il taglio biassiale. >> Verifica degli stati di esercizio, fessurazione e tensioni. >> Verifica allo stato limite di danno. >> Calcolo della duttilità con rappresentazione anche a colori sul modello. >> Diagramma di interazione momento-forza assiale anche tridimensionale. >> Diagramma momento-curvatura e calcolo della duttilità. >> Verifica della capacità di rotazione. Inoltre quasi tutte queste verifiche possono essere fatte, ovviamente, cliccando su un elemento per verificare la sezione all ascissa cliccata, ma si possono anche applicare ad una sezione generata sul momento con lo scopo di documentare o studiare una soluzione. Quest ultima potente funzionalità consente anche, se si vuole, con un semplice clic di applicare la soluzione trovata agli elementi della struttura. Gli esecutivi vengono automaticamente generati ed impaginati da EASYBEAM su foglio del formato voluto dal progettista, dotando il foglio di note, di cartiglio e di distinta delle armature. Se lo si desidera si può anche comporre manualmente la tavola incollando il disegno di ogni elemento nel punto desiderato del foglio. È anche disponibile una innovativa rappresentazione a foglio unico di formato A4 a libretto: un elemento per libretto A4 consente una facile archiviazione ed un impiego più razionale in cantiere. Gli esecutivi vengono impaginato in un CAD interno, il BIC, comune a tutti gli ambienti Softing che necessitino della produzione di disegni. In questo ambiente, un vero CAD bidimensionale, è possibile eseguire eventuali aggiustamenti e arricchimenti grafici, dal BIC gli esecutivi possono essere inviati su plotter o salvati in vari formati grafici. Le stampe dei dati e dei risultati avvengono in modo tematico, a temi selezionabili e ordinabili, e per gli elementi voluti. Anche tutti, ovviamente. Una particolare formattazione LA SEMPLICITÀ ATTRAVERSO LA COMPLESSITÀ >> UNA RAPPRESENTAZIONE TRIASSIALE (MOMENTO Y, MOMENTO X, FORZA ASSIALE) DEL DOMINIO DI ROT- TURA. I COLORI DEI PUNTI DI SOLLECITAZIONE SONO FUNZIONE DELLA DISTANZA DAL LIMITE. NONOSTANTE QUI, DOVEROSAMENTE, SI ILLUSTRINO LE CARATTERISTICHE NUMERICHE MOLTO SOFISTICATE DI EASYBEAM, L UTENTE USUFRUISCE SEMPLICEMENTE DI QUESTA POTENZA E ROBUSTEZZA SENZA CHE IL SUO LAVORO RISULTI PIÙ COMPLESSO. ANZI, ALGORITMI ROBUSTI BASATI SU CRITERI DI ANALISI NUMERICA COME QUELLI DI EASYBEAM GARANTISCONO UNA NOTEVOLE STABILITÀ E ACCURATEZZA DEI RISULTATI IN OGNI SITUAZIONE. 20 > > EasyBeam EasyBeam << 21

13 EasyWall EASYWALL è nato alla fine degli anni 90 su suggerimento dell ENEL, nostro cliente dai primi momenti. Il problema quindi fu impostato e studiato in modo rigoroso in quanto i metodi semplificati di verifica dell elemento in calcestruzzo soggetto a flessione biassiale e a sollecitazione membranale contemporanea non si sono rivelati affidabili in una soluzione automatica dove non può essere il buon senso a decidere, caso per caso, sulla praticabilità delle semplificazioni. Il metodo adottato è un metodo allo stato limite dovuto soprattutto a Gupta che è molto completo e si è dimostrato molto affidabile. Il metodo è descritto nel manuale di EASYWALL. >> LA SEZIONE LONGITUDINALE DI UNA PISCINA CON- SENTE UNA CHIARA VISUALIZZAZIONE DELLE ARMATURE. >> UN ESECUTIVO COME APPARE NEL BIC, GIÀ DOTATO IN AUTOMATICO DI CARTIGLIO, NOTE E DISTINTA ARMATURE. NEL BIC, UN VERO CAD BIDIMEN- SIONALE, È POSSIBILE ESEGUIRE EVENTUALI ULTERIORI AGGIUSTAMENTI ED ARRICCHIMENTI GRAFICI DEI DISEGNI >> NONOSTANTE NEL BIC SIA POSSIBILE OGNI MODIFI- CA GRAFICA, ALL ATTO DELLA GENERAZIONE DEGLI ESE- CUTIVI È POSSIBILE PERSONALIZZARE GLI ATTRIBUTI GRAFICI DALLE DIMESIONI DEL TESTO AI COLORI, AGLI SPESSORI DI LINEA E COSÌ VIA. si aggiunge a quelle standard consentendo di produrre una scheda per ogni elemento. La stampa avviene su file in formato html o rtf. EASYBEAM dispone anche di una funzionalità per effettuare il computo dei materiali che può sia essere consultato a dialogo, sia riportato su un file in formato CSV per essere usato su un tabellone elettronico. Inoltre le barre possono essere riportate anch esse in una tavola di taglio secondo il British Standard. EASYWALL opera sulle sollecitazioni in elementi piani (a 3, 4 o 8 nodi) ottenute dall analisi in Nòlian. Le combinazioni, come in EasyBeam, vengono eseguite secondo i dettami della normativa del DM del 14 gennaio I coefficienti delle combinazioni sono assegnati, per ogni tipo di carico, come valori di default a quelli della suddetta normativa ma possono essere modificati per adeguarsi a qualsiasi situazione. Anzi si posso generare nuovi tipi di carico con tutti i parametri in combinazione voluti. Il sistema delle combinazioni nei programmi che ne fanno uso, è unificato e molto flessibile. Oltre al progetto ed alla verifica della stabilità delle armature, EASYWALL esegue la verifica della ampiezza delle fessure, cosa particolarmente utile per i manufatti importanti quali i serbatoi, e delle tensioni per stato limite di danno. EASYWALL, nella fase di progetto, individua automaticamente ogni parete piana del modello e la progetta indipendentemente. L ancoraggio avviene piegando l armatura considerata come uno strato. Vi sono varie tipologie di armatura impiegabili, dalle barre singole ai fogli predefiniti. Un editor grafico consente non solo di modificare i fogli e gli ancoraggi, ma di tagliarli e aggiungerne altri. >> VI SONO MOLTI ALTRI METODI DI RAPPRESENTAZIONE DELLE ARMATURE. >> ANCORA UN ALTRO METODO. 22 > > EasyBeam EasyWall << 23

14 Le rappresentazioni grafiche in EASYWALL sono molto potenti e versatili per consentire di visualizzare accuratamente e valutare la disposizione ottenuta automaticamente dal progetto. EasySteel >> UN EDITOR GRAFICO CONSENTE NON SOLO DI MO- DIFICARE I FOGLI DI ARMATURA E GLI ANCORAGGI, MA ANCHE DI TAGLIARLI ED AGGIUNGERNE ALTRI. >> LA VERIFICA A COLORI DEL FATTORE DI SFRUTTA- MENTO CONSENTE DI VALUTARE SE EVENTUALI MODI- FICHE APPORTATE DAL PROGETTISTA ALLE ARMATURE SONO SICURE. LA RAPPRESENTAZIONE SOLIDA CON LA SEZIONE RIMOSSA CONSENTE ANCHE DI CONTROLLARE VISIVAMENTE LE SUPERFICI MENO ACCESSIBILI. Le verifiche, sempre numeriche o a dialogo, consentono di valutare gli effetti di eventuali modifiche effettuate alle armature. Le stampe e la produzione degli esecutivi sono molto simili a quelli già illustrati per EasyBeam. LIMITI IN EASYWALL NON SONO APPLICATI ALTRI PARAME- TRI DI NORMATIVA IN QUANTO NON SONO PREVISTI PER IL TIPO DI MANUFATTI AI QUALI EASYWALL SI INTENDE DEDICATO. PER SETTI PORTANTI, LA DISCRETIZZAZIONE CON ELEMENTI BIDIMENSIONALI È SCORAGGIATA DALLA RECENTE NORMATIVA CHE LI CONSIDERA COMUN- QUE ELEMENTI INFLESSI PER CUI SI CONSIGLIA IN QUESTO CASO DI RICORRERE ALLO SCHEMA A TELA- IO EQUIVALENTE (VEDI INMOD). EASYSTEEL è un ambiente dedicato alla verifica di membrature in acciaio. Nasce anch esso con gli Eurocodici in quanto solo gli Eurocodici hanno fornito dei punti di riferimento certi soprattutto sulla verifica dei giunti, argomento affidato a metodi piuttosto empirici e pertanto attuabili con tranquillità solo su metodologie asseverate. Infatti EasySteel tratta i giunti standard previsti dagli Eurocodici. Pertanto EASYSTEEL, con la entrata in vigore della nuova normativa antisismica, si è trovato in pool position con i suoi quindici anni di esperienza sulle verifiche agli stati limite ultimo di membrature e giunti e pertanto è un programma già maturo per l attuale normativa. In ogni caso, vista la complessità dell argomento, si rimanda alla apposita sezione del manuale per una completa informazione sulle modalità di supporto della normativa. Recentemente EASYSTEEL è stato oggetto di un notevole sviluppo teso alla definizione automatica dei giunti tramite un innovativo sistema ricorsivo che, ad ogni modifica di un parametro di un giunto che possa alterare lo schema dei giunti vicini, cerca automaticamente una riparametrizzazione che assicuri, ragionevolmente, una soluzione costruttiva ammissibile. Se, ad esempio, si cambia lo spessore >> UN APPOSITO DIALOGO CONSENTE DI MODIFICARE GLI ACCESSORI DEL GIUNTO CONTROLLANDO NELLA IMMAGINE SULLA DESTRA LA CONFIGURAZIONE OTTENUTA. DI OGNI MODIFICA SI TIENE CONTO NELLE SUCCESSIVE VERIFICHE. CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI. PER CHI AMA LA BELLEZZA DELLE SOLUZIONI NUME- RICHE ELEGANTI, SARÀ INTERESSANTE SAPERE CHE LA CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI VIENE ESE- GUITA IN EASYSTEEL SUPERANDO LE INCOMPLETEZ- ZE DELLA NORMATIVA CHE NON CONSIDERA AZIONI BIASSIALI, TRAMITE IL CALCOLO NON LINEARE DEL DIAGRAMMA MOMENTO-CURVATURA CONSIDERANDO AD OGNI PASSO I FATTORI DI INSTABILITÀ DEI COM- PONENTI DEL PROFILO. >> I RISULTATI DELLA VERIFICA A DIALOGO, OLTRE A FOR- NIRE I COEFFICIENTI DI SICUREZZA PER TUTTE LE VERIFI- CHE, SIMULTANEAMENTE, CONSENTONO DI AVERE ANCHE INFORMAZIONI DETTAGLIATE SUI COEFFICIENTI DI SICU- REZZA DI TUTTI I COMPONENTI DEL GIUNTO PER CONSEN- TIRE UN PROGETTO MIRATO E CONSAPEVOLE DEL GIUNTO. 24 > > EasyWall EasySteel << 25

15 della piastra di un giunto, la membratura collegata viene disassata e ciò comporta una modifica al giunto opposto e così via. EasyQuill >> I RISULTATI DELLA VERIFICA A DIALOGO, OLTRE A FOR- NIRE I COEFFICIENTI DI SICUREZZA PER TUTTE LE VERIFI- CHE, SIMULTANEAMENTE, CONSENTONO DI AVERE ANCHE INFORMAZIONI DETTAGLIATE SUI COEFFICIENTI DI SICU- REZZA DI TUTTI I COMPONENTI DEL GIUNTO PER CONSEN- TIRE UN PROGETTO MIRATO E CONSAPEVOLE DEL GIUNTO. I giunti infatti in EASYSTEEL sono configurabili, nell ambito della tipologia decisa, fino all ultimo dei componenti del giunto. Le verifiche, successive alle modifiche, tengono ovviamente conto di queste. Le verifiche dei giunti espongono i risultati sia graficamente che a dialogo. Il dialogo fornisce anche i criteri di resistenza di tutti i componenti del giunto per poter intervenire, se necessario sui componenti del giunto inadeguati. EASYSTEEL produce la documentazione sia dei dati che dei risultati in forma tabellare tematica sia per le verifiche delle membrature che dei giunti, produce, esportandole come gli altri ambienti, nel sistema BIC l insieme dell assemblaggio delle membrature e il disegno dei giunti con LIMITI ALLO STATO ATTUALE EASYSTEEL NON VERIFICA LE MEMBRATURE DI CLASSE 4 ECCETTO LE IPE CON SOLA ANIMA IN CLASSE 4. LE MEMBRATURE SI IN- TENDONO IN ACCIAIO. EASYSTEEL NON È PROGETTA- TO PER PROFILI IN ALTRI MATERIALI. EASYQUILL è uno straordinario programma per redigere relazioni tecniche basate su uno schema, un template, definibile che viene completato dinamicamente riempiendo le parti variabili tramite delle apposite funzioni di reperimento di dati. Facciamo un esempio banale. Scriviamo: Caro Sig. <nome> e facciamo elaborare questo schema da una versione sempre immaginaria di EasyQuill. Il programma cercherà nella sua base di conoscenza se ha un valore per <nome> e se non lo trova potrà, ad esempio, chiederlo all operatore. Così uno schema di base può essere personalizzato fino al più minuto dettaglio. Ora, se la semplice espressione tra parentesi acute dell esempio, la facciamo diventare la potentissima capacità di EASYQUILL di interrogare il data base di Nòlian All In One, di scattare fotografie a schermate degli ambienti, di risolvere espressioni algebriche, di inserire tabelle e così via, comprendiamo che con EASYQUILL, una volta programmato il template che vogliamo, potremo avere una relazione tecnica personalizzata, completa e sicura perché l automaticità del procedimento assicura che non vi siano parti incongruenti (così spesso causate dalle operazioni di taglia-incolla ). >> UNA TIPICA SCHERMATA DI PROGRAMMAZIONE DI UN TEMPLATE IN EASYQUILL DOVE LA PROGRAMMAZIONE È GRAFICA INTERATTIVA PER ESSERE MOLTO SEMPLICE. I QUADRATINI INDICANO I BRANI E LE PARI VARIABILI LE QUALI POSSONO ESSERE COORDINATE TRAMITE SCELTE LOGICHE (QUADRATINI BLU): SE SI VERIFICA LA CON- DIZIONE, VIENE ESEGUITA LA PARTE SOTTOSTANTE, AL- TRIMENTI VIENE SALTATA. SULLA DESTRA LE FUNZIONI DEL BRANO SINTETIZZATO DAL QUADRATINO VENGONO ESPANSE PER ESSERE PROGRAMMATE O MODIFICATE. EASYQUILL quindi con un template idoneo (ne vengono già forniti alcuni con il programma) può redigere una relazione di calcolo assolutamente congruente e non generica e con una logica sofisticata per documentare anche in modo sintetico e con immagini quanto si vuole esporre. Un altro vantaggio di questa soluzione innovativa è che la relazione di calcolo non è più programmata nel software e quindi di difficile modifica, ma è personalizzabile dal progettista stesso o da altri che non siano necessariamente i produttori del software. Inoltre, e non è cosa da poco, chiunque abbia una modulistica da redigere spesso, può tradurla in un template in modo che la produzione dei documenti sia più facile e sicura. Così si possono avere un template per il modulo di presentazione al Genio Civile di zona, uno per il modulo di Manutenzione del Fabbricato e così via. 26 > > EasySteel EasyQuill << 27

16 >> EASYQUILL Quilian La nuova normativa ha imposto un iter molto stringente e procedurale del progetto per cui può essere poco produttivo seguire mentalmente questo iter che richiede procedure condizionate da scelte fatte in precedenza. Ad esempio: se il fattore di struttura usato per formare lo spettro... allora i limiti di armatura... etc. Cioè vi sono legami logici che certamente hanno validità tecnica, ma che attengono ad ambiti procedurali così diversi che possono sfuggire. >> UNA PAGINA TIPICA DELLA RELAZIONE DI CALCOLO, DEBITAMENTE NUMERATA ED IM- PAGINATA, VISUALIZZATA PER CONTROLLO DIRETTAMENTE IN EASYQUILL. UN DOCUMEN- TO PRODOTTO DA EASYQUILL È IN GRADO ANCHE DI RIPORTARE, ESTRATTE IN AUTO- MATICO, DELLE IMMAGINI (QUI RELATIVE AL COEFFICIENTE DI SICUREZZA ALLO STATO LIMITE) E INSIEME DEI VALORI NUMERICI (RIPORTATI IN QUESTO CASO IN DIDASCALIA). >> L ALBERO DI CONTROLLO DI QUILIAN IN UNA FINESTRA FLUTTUANTE VISIBILE IN TUTTI GLI AMBIENTI CHE NE FACCIANO USO. L ALBERO DI CON- TROLLO CONSENTE DI VEDERE L ITER DEL PROGETTO ED IL SUO STATO, LE LUCI VERDI INDICANO CHE IL PROCESSO RELATIVO È ANDATO A BUON FINE, QUELLE ROSSE (NELL IMMAGINE NON ACCESE) CHE È STATO INVECE INVALIDATO. 28 > > EasyQuill Quilian << 29

17 Così è nato QUILIAN che fa da supervisore (pilota automatico a noi piace chiamarlo) proprio per controllare al posto nostro che tali passi imposti dalla normativa siano rispettati. Però, quando noi della Softing ci siamo posti il problema, non volevamo assolutamente rinunciare alla flessibilità tipica dei nostri prodotti e così abbiamo inventato QUILIAN. QUILIAN non è un programma con una sua logica procedurale, ma un pilota automatico al quale, quando e se si vuole, si cede la guida. Pilota automatico che può essere in qualsiasi momento disattivato per prendere il controllo noi e fare quei passi che riteniamo necessari. Perché i piloti siamo noi, e il pilota automatico, QUILIAN, lo innestiamo noi se ci occorre. Affermare che QUILIAN sa sempre tutto quello che stiamo facendo può apparire inquietante, ma è così. Quando è disinserito, monitorizza tutti gli eventuali cambiamenti che noi stiamo facendo perché, quando lo innestiamo, deve sapere cosa debba fare per ripristinare la congruenza di tutto il percorso e di tutti gli elaborati. Con un esempio banale, voi producete gli esecutivi, poi vi viene un dubbio e modificate un armatura: gli esecutivi saranno incongruenti rispetto alla vostra modifica a meno che voi non vi ricordiate di aggiornarli. A QUILIAN invece la vostra operazione non è sfuggita e se lasciate a lui il comando verificherà di nuovo le modifiche e se la verifica passa, formerà di nuovo gli esecutivi. Ciò diminuisce il vostro stress, vi garantisce un risultato congruente del vostro lavoro e in molti casi, potete lasciare la guida a lui per tutto il percorso sapendo però sempre che in ogni istante potete prendere voi la guida, se volete... QUILIAN PUÒ GUIDARE L INTERO PROGETTO IN EFFETTI QUILIAN È IN GRADO, UNA VOLTA CONFIGURATO NÒLIAN ALL IN ONE, DI CONDURRE A BUON FINE IL PROGETTO. I VOSTRI INTERVENTI SONO NECESSARI SE VI SONO DEI DIMENSIONAMENTI INSUFFI- CIENTI O ALTRI PROBLEMI SIMILI DI PROGETTO. IN ALCUNI CASI LA MESH PUÒ DOVER ESSERE MIGLIORATA, OPPURE SI POSSONO VOLE- RE DELLE SOLUZIONI PERSONALI IN ALCUNI ELEMENTI MA, SOSTANZIALMENTE, QUILIAN È IN GRADO, GENERALMENTE, DI PORTARE COMPLETAMENTE A BUON FINE UN MODELLO BEN FATTO IN INMOD DI UNA STRUTTURA CORRETTAMENTE DIMENSIONATA. >> DIAMO I NUMERI 46,336,123 I caratteri che formano i file sorgenti di Nòlian All In One. 1,930,713 Le linee di codice. 179,703 La complessità cicomatica secondo McCabe. 58,462 I punti funzione. 6,237 I progettisti che in questi 28 anni hanno usato ed usano Nòlian e i sui post-processori. 5,387 I file di testo che formano l insieme dei sorgenti di Nòlian All In One. 319 I giorni lavorativi che occorrerebbero ad una dattilografa esperta da 300 battute/minuto per ricopiare tutti i sorgenti. 193 Sono i volumi di 200 pagine con 50 righe per pagina per stampare i sorgenti. 124 Sono gli anni-uomo di lavoro che ha richiesto giungere ora a Nòlian All In One: come tre persone che dedichino la loro intera vita lavorativa ad un solo progetto. 62 I programmatori che hanno lavorato al software che ora forma Nòlian All In One. 28 Gli anni dal 12 dicembre 1983, giorno in cui con una firma su un accordo di sviluppo, la Apple Computer fece nascere Nòlian (allora MacSap). 10 Gli anni che è durata la pubblicazione di FloatingPoint, il periodico della Softing, forse l unico italiano, dedicato alla progettazione strutturale. 30 > > Quilian Nòlian All In One << 31

18 FAQ >> LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI Nòlian è facile da usare? Nòlian non si sostituisce al progettista quindi per un progettista che abbia la dovuta conoscenza del suo mestiere Nòlian non solo è molto chiaro ed ordinato nei suoi comandi, ma è in grado di dare sempre qualcosa in più rispetto ai programmi che si sostituiscono al progettista in alcune importanti scelte di fondo per sembrare più semplici. Come funziona l assistenza all uso? Su contratto annuale a rinnovo automatico. Gratuito il primo anno. Prevede l assistenza via tramite un sistema dedicato che consente di seguire tutto l iter della richiesta e tramite l assistenza telefonica due giorni alla settimana. E se nel programma ci sono dei malfunzionamenti? Il software per sua natura non può essere totalmente esente da malfunzionamenti, e ciò nonostante il nostro sforzo per dare un prodotto più stabile possibile. In ogni caso i malfunzionamenti possono essere segnalati via e, con procedura analoga a quella della assistenza, si può seguire tutto l iter di trattamento dell anomalia. In genere vengono rilasciati degli aggiornamenti periodici su internet con versioni che contengono migliorie e bug rimossi. L aggiornamento è completamente automatico tramite un sistema di patching del programma e quindi è molto veloce. In caso di modifiche di normativa come vi comportate? L adeguamento alla presente normativa, nonostante sia stato molto oneroso, è stato completamente gratuito per i nostri utenti abbonati al servizio di assistenza e continueremo a comportarci in questo modo. Che vantaggi mi dà il contratto di assistenza-aggiornamento? Oltre ovviamente all assistenza all uso del programma e agli aggiornamenti periodici via internet, consente di avere delle nuove versioni, tipicamente semestrali, con nuove funzionalità. Ad esempio Nòlian All In One è completamente gratuito per chi, oltre al contratto, abbia già acquisito la licenza per le funzionalità previste in Nòlian All In One nelle precedenti versioni modulari. Che altre possibilità ho per cominciare ad usare nel modo meno stressante il programma? Innanzitutto con la licenza di uno dei nostri programmi lei inizia un percorso con noi dove il software è la parte di un servizio, e non un prodotto, quindi sarà sempre aggiornato ed assistito. Poi ha un corso personale gratuito presso la nostra sede e la possibilità di iniziare un suo vero progetto con l assistenza di un nostro progettista esperto (chieda di EasyStartup). Come posso fare per capire se il programma è adatto ai miei scopi? Niente di più facile. Scarichi dal nostro sito la versione FreeLite che è una versione limitata solo nelle dimensioni del modello e nelle stampe e dotata dei manuali digitali completi. Con essa potrà effettuare le verifiche che ritiene opportune. Anzi è molto consigliabile fare questa verifica gratuita prima dell acquisizione della licenza. Il programma fa tutto quello che mi occorre per un progetto? La domanda andrebbe riformulata. L ingegneria è un campo vastissimo. Nòlian All In One fornisce gli strumenti più necessari ed in modo eccellente per svolgere la maggior parte dei compiti di un progettista. Certo, se ci limitiamo a tipologie ricorrenti come strutture edili in calcestruzzo armato, Nòlian All In One è sicuramente produttivo e completo ed in grado ovviamente di fare molto di più e questo margine di produttività è proprio quello che è indispensabile al progettista nei momenti difficili. Nòlian All In One ha esattamente questa marcia in più. Perché dovrei scegliere Nòlian All In One Perché è una soluzione eccezionale e se lei ne condivide la filosofia, è LA soluzione per lei. Nòlian è un programma lineare e non lineare a elementi finiti che non ha nulla da invidiare a altri programmi stranieri ed è l unico programma italiano con tali funzionalità evolute necessarie per una seria progettazione. Ma, mentre i programmi stranieri si fermano qui, Nòlian All In One ha una serie di programmi perfettamente coordinati, unitariamente progettati e prodotti per affrontare con una unica filosofia di progetto tutto l iter progettuale di una struttura. Dalla concezione, agli esecutivi, alla relazione tecnica. Certe tipologie strutturali o certi materiali voi non li trattate. Come fare? La verifica delle strutture in legno, ad esempio? Ormai il software per la progettazione è divenuto un mondo complesso con offerte anche molto specializzate. Pensare di avere un solo fornitore o un solo programma è abbastanza limitativo. E poi ogni programma ha il suo punto di eccellenza in particolari funzionalità quindi occorre sempre pensare di dotarsi di più programmi di calcolo, alcuni dedicati a problemi specifici. Per i disegni esecutivi delle strutture in legno, ad esempio, alcuni produttori austriaci, dove questo mercato è molto ampio, hanno prodotti eccellenti. Noi siamo eccellenti in altri campi. 32 > > Nòlian All In One Nòlian All In One << 33

19 Poiché oggi il progetto strutturale viene sempre meno retribuito, quale è la produttività dei vostri programmi? La produttività va misurata su tutto lo spettro della produzione di uno studio professionale. In tal caso Nòlian All In One è sicuramente uno dei programmi più produttivi perché copre aree che sono lasciate scoperte da programmi, ad esempio, dedicati solo alle strutture edili. Consente di acquisire progetti anche non banali che sono meglio retribuiti e con la sua configurabilità a laboratorio consente di sperimentare tecniche di calcolo, e di progettazione e quindi di crescere professionalmente nel settore del calcolo strutturale, cosa che programmi chiusi e procedurali non consentono. Poi, per i compiti banali, Nòlian All In One non ha da invidiare nulla a programmi dedicati solo che, al momento giusto ha sempre una risorsa in più. Mi risulta che voi non rendiate disponibili i valori delle combinazioni delle azioni. Come fare? Qualcuno si illude di poterle usare in un foglio Excel per verificare, ad esempio, con una sua procedura, particolari problemi strutturali. Si tratta, a nostro avviso di un fatto illusorio. Immaginiamo una struttura di 1000 elementi con 100 (non infrequenti) combinazioni delle azioni. Avremmo un foglio Excell di righe! A noi non pare una scelta sensata... Non dimenticate poi che Nòlian è scrittabile e quindi se avete speciali necessità potete scrivere uno script in Lua o VBasic o Pyton per rendere automatiche le vostre specifiche esigenze. Pertanto le combinazioni vengono eseguite on fly solo quando occorrono. Con Nòlian si può fare l analisi pushover? Con l ambiente Earthquake Engineering non solo si può fare l analisi pushover secondo normativa per strutture in calcestruzzo, ma presto anche per la muratura grazie ad una Convenzione in corso con l Università di Roma La Sapienza. Per le strutture esistenti in calcestruzzo, cosa posso fare? Consigliamo un analisi con spettro elastico e poi impiegare l ambiente apposito di verifica (non ancora disponibile al momento della redazione di questo opuscolo, ma in via di test). Ovviamente in casi particolari si può fare l analisi non lineare pushover o addirittura l analisi dinamica non lineare. Per la geotecnica che supporto ho? Per la verifica delle fondazioni superficiali, le funzioni relative sono già presenti nei programmi, per opere di particolare rilievo abbiamo, tra i pochi, elementi a comportamento non lineare per analisi di interazione con il terreno di manufatti speciali. Posso conoscere il nome di qualche vostro utente di riferimento? Acquedotto Lucano, Atac Roma, Ater Pescara, Ater Potenza, Autorità Portuale Civitavecchia, Azienda Risorse Idriche Napoli, Blaser (Svizzera), BNA, Bocoge S.p.A., Calzavara S.p.A., Collegio Vescovile Barbarigo, C.N.R. Napoli, Comm. Straord. Governo per Castelvolturno,Comune di Barga, Comune di Bari, Comune di Fano, Comune di Firenze, Comune di Gioia Tauro, Comune di Morrovalle, Comunità Montana Alta Irpinia, Comunità Montana Alto e Medio Metauro, Consorzio di Bonifica Ufita, Delta Serre S.p.A., Depurimpianti S.p.A., De Sio Costruzioni S.p.A., Dir. Comp. - Infr. Roma, Edilpianoro S.p.A., Emini Costruzioni S.p.A., Enea Roma, Enea BolognaEnea Vercelli, Enel Roma, Enel Torino, Enelpower, Enel.si, Engeco S.p.A., EnteAutonomo Acquedotto Pugliese, Ente Irrigazione Bari, ERP Massa Carrara S.p.A., Fedrigo S.p.A., Ferrovie dello Stato Roma, Ferrovie dello Stato Napoli, Ferrovie dello Stato Milano, Ferrovie dello Stato Caserta, Gestione Governativa Navigazione Laghi, Gilardoni S.p.A., GRTN - Gest. Rete Trasm. Naz. S.p.A., Impregilo S.p.A., Inail, Ismes S.p.A., Istituto Nazionale Fisica Nucleare, Lamaro S.p.A., Magazzù Yachting, Masuda Construction Japan, Merloni S.p.A., Morando Impianti S.p.A., Musi.Net. S.p.A., Obem S.p.A., Oil & Gas S.p.A., Osima Group Company (Iran), Ospedale Oncologico Rionero, Pircher Oberland S.p.A., Plastedil (Svizzera), Poligrafico e Zecca dello Stato, Progin S.p.A., Provincia di Catanzaro, Provincia di Cremona, Provincia di Napoli, Provincia di Palermo, Provincia di Pesaro e Urbino, Provveditorato Opere Pubbliche, PP.TT. Napoli, PP.TT. Roma, Regione Marche, Rete Ferroviaria Italiana Milano, Rete Ferroviaria Italiana Roma, Rete Ferroviaria Italiana Salerno, Sadam Zuccherifici S.p.A., Saiseb S.p.A., SEI S.p.A., Serv. Naz. Dighe - Cons. dei Ministri, Siderpali S.p.A., Snamprogetti, Sogeme S.p.A., Sogin S.p.A., Sovr. Beni Culturali Cagliari, Theatre Opèra de Paris, Tirrena Scavi S.p.A., TPL - Technipetrol, Trenitalia S.p.A., Università Bari, Università Bologna, Università Catanzaro, Università Cosenza, Università Ferrara, Università Firenze, Università L Aquila, Università Milano, Università Napoli, Università Roma, Università Salerno, University of Bahrein, Urbam S.p.A., V.D.C. S.p.A. Posso avere un idea di qualche struttura fatta con i vostri programmi? Sul nostro sito alcune case history illustrano progetti fatti dai nostri utenti con i nostri programmi, potrà ritrovare casistiche forse che confermano l aderenza dei nostri programmi alle sue specifiche esigenze. >> Quanto descritto in questo opuscolo è soggetto a variazioni senza che Softing srl debba dare di ciò avviso. La Softing non garantisce il soddisfacimento di requisiti impliciti, neanche relativi alle normative in vigore. L acquirente deve controllare accuratamente tramite le versioni dimostrative gratuite dei programmi la rispondenza alle proprie esigenze. Le informazioni verbali da parte di addetti della Softing in merito alle funzionalità dei programmi non sono riconosciute dalla Softing. Copyright 2011, Softing srl 34 > > Nòlian All In One Nòlian All In One << 35

20

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli