ANALISI DELL AZIONE CONDOTTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DELL AZIONE CONDOTTA"

Transcript

1 ANALISI DELL AZIONE CONDOTTA spese correnti spese in conto capitale investimenti tariffemutui tributi ICI trasferimenti imposte comunali entrate correnti contributi conto consuntivo alienazioni patto di stabilità prestiti trasferimenti tasse tassa rifiuti variazioni contabilità oneri stanziamento IMU entrate correnti avanzo di amministrazione bilancio risultati tassa rifiuti proventi perdita 1 55

2 ANDREA BALLARE - Sindaco L anno 2014 che si è concluso da pochi mesi è stato un anno in cui la Città, pur ancora sotto la pesante crisi economica, finanziaria e di fiducia del Paese, ha posto le basi per una ripresa su molti fronti, i cui dati iniziano oggi ad intravedersi. Il 2014 è stato un anno di importanti risultati raggiunti, sia sul fronte della risoluzione delle gravi criticità ricevute in eredità da chi ci ha preceduti, sia sul fronte delle cose fatte a favore della città, ma è stato anche un anno di impostazioni di nuovi progetti che si concretizzeranno nell anno in corso ed in quelli successivi. Tutte le azioni che sono state poste in essere rientrano, naturalmente, nell idea di Città che ispira la maggioranza consigliare e la Giunta Comunale, e cioè la costruzione di una città moderna, solidale, attrattiva per persone e imprese, allegra, certamente smart. Una Città che vuole essere veramente l hub del nord ovest del Piemonte, vale a dire un punto di riferimento per un area metropolitana di oltre un milione di abitanti oltre ai territori della vicina Lombardia che gravitano su Novara. Innanzitutto anche nel 2014 è proseguita l azione di risoluzione di grandi e gravi problemi ereditati consentendo a tutti i novaresi di poter mantenere il livello di qualità della vita al quale si sono abituati e che rappresenta un tratto distintivo della nostra città. La grande questione del Palasport del Terdoppio (Sporting) si è chiusa positivamente (dal punto di vista legale) con l accettazione di un lodo tra le parti, influenzando, però, decisamente il bilancio del Comune che si è dovuto accollare debiti del gestore per entrare in possesso e proprietà dell immobile. Il peso finanziario di questa operazione condizionerà negativamente i bilanci del comune per molti anni. Per fortuna oggi il palazzetto è stato pienamente recuperato al servizio della Città e alla sua funzione ed è luogo di sport di altissimo livello, di aggregazione e di eventi fieristici e culturali. Il Teatro Coccia e la sua Fondazione hanno proseguito con una programmazione di livello nazionale che ha visto tra gli altri la prima nazionale di molti eventi musicali, di cabaret e lirici, diventando un punto di riferimento culturale per l intera area del Nord-Ovest del Paese. Inoltre la Fondazione Coccia, nell ambito del suo oggetto sociale, è riuscita a locare gli spazi del Bar Coccia, adiacenti al teatro ad un operatore di primissimo piano del panorama nazionale ed internazionale della gastronomia, la cui presenza potrà certamente essere un ulteriore punto di forza dell offerta turistica 56

3 della Città, cosi come avverrà per l arrivo del Circolo dei Lettori, presso la Caffetteria del Broletto, a completamente di un progetto di uso completo ed organico del sito ristrutturato. Gli spettacoli svolti in prima nazionale di grande prestigio hanno consentito alla Città di farsi conoscere come luogo di cultura innovativa e moderna risalendo la classifica nazionale dei teatri di tradizione. Abbiamo sempre detto che la cultura e il turismo devono rappresentare per Novara e per il Paese uno dei punti di forza della vivibilità della Città ed anche della sua economia. Siamo passati dal dire al fare dando vita ed organizzando un vero e proprio sistema culturale insieme ad ATL, alla Provincia, alla Diocesi di Novara e a tanti altri interlocutori che si sono resi disponibili. E di questi giorni la notizia che Novara ha registrato sul fronte delle presenze turistiche un lusinghiero +22%, migliore risultato piemontese, raggiunto tra l altro in un contesto di crisi economica e quindi di contrazione della capacità di spesa dei cittadini. Se si prende ad esempio città come Torino che ha fatto della cultura e del turismo un nuovo fondamentale asset della sua economia e della sua immagine, si comprende come la via intrapresa debba essere considerata giusta. Il Sistema culturale novarese che è stato messo in campo e reso fruibile ha visto l apertura con regolarità della Cupola di San Gaudenzio, simbolo di Novara e della novaresità, l apertura di un nuovo museo a cura della Diocesi di Novara, l apertura e la promozione degli altri musei cittadini, del Battistero, del Broletto, divenuto anche nel 2014 sede di una mostra di altissimo livello In Principio che ha visto Novara meta di opere d arte provenienti dai maggiori musei nazionali ed esteri, a comprovare il guadagnato ruolo della Città di centro di cultura. Ancora una volta, dopo i successi di Homo Sapiens dello scorso anno, la Novara della cultura ha trovato posto su tutte le testate nazionali, sulle riviste specializzate e programmi televisivi. Il progetto di Sistema Culturale del territorio, che ci ha visti vincitori di due bandi indetto dalla Fondazione CARIPLO in grande sinergia con gli altri protagonisti della cultura novarese (Comitato d Amore di Casa Bossi, Provincia, Diocesi di Novara Fondazione Coccia), ha dato vita al biglietto unico dei musei cittadini, ad una riuscitissima mostra sul Caravaggio, alla esposizione di nuove opere d arte custodite nei magazzini del comune e mai godute dalla Città, e nel prossimo anno alla nascita di percorsi culturali della Città che completeranno l offerta generale. Il 2014 è stato un anno in cui si è dato corso ad un utilizzo sempre più intenso degli spazi culturali della Città, come il Broletto, la Galleria Giannoni, la Biblioteca, il Piccolo Coccia, la Sala del Compasso sulla Cupola di San Gaudenzio, anche come luoghi di eventi mondani. Nel corso del 2015, anche sfruttando la grande occasione di EXPO2105, l Amministrazione proseguirà nel programma di implementazione dell offerta culturale della Città, visti i positivi risultati ottenuti, sia in termini occupazionali e che turistici. L importanza attribuita alla Festa Patronale ed alla cerimonia dei Novaresi dell Anno, ai festival jazz, musicali, di danza, culturali, commerciali e l estensione dei giorni e degli orari di apertura di musei, gallerie e biblioteca della Città, danno il senso della direzione che è stata impressa alla Città. 57

4 E la cultura per noi si deve saldare con lo sport e il commercio, divenendo volano di attrattività di Novara. Gli eventi sportivi della Città, a cominciare da quelli popolari come gli Street Games, la Mezza Maratona di San Gaudenzio, la miriade di corse podistiche amatoriali e di beneficienza, di tornei, campionati italiani ed internazionali di varie discipline sportive, fino agli eventi di livello nazionale che interessano le squadre novaresi del Volley femminile in Serie A, del Novara Calcio, del basket femminile, del basket maschile e molto altro, rappresentano sempre più occasioni per molte persone per visitare Novara, riconoscendola come Città viva e dinamica. L aggiudicazione, quest anno, dei campionati Mondiali di Pattinaggio Artistico rappresentano il momento più alto di una strategia tesa a far riconoscere la nostra Città come città in grado di offrire eventi di alto livello, a seguito del quale vi sono investimenti, consumi e posti di lavoro. Il grande lavoro di aggregazione fatto tra le associazioni degli sport di base rappresenta il punto di partenza fondamentale del progetto dello sport novarese. Passando ai grandi progetti in grado di cambiare la città per i prossimi decenni il 2014 ha visto il grande confronto cittadino sul MUSA in Progetto di Mobilità sostenibile della Città, entrato in vigore a febbraio Si tratta di un progetto realizzato a favore del centro storico e dei suoi residenti, del centro commerciale naturale del centro storico, della mobilità alternativa, dell ambiente e della modernizzazione della Città. Il dibattito è stato ampio ed anche deciso; l Amministrazione, ascoltando le critiche ed i suggerimenti pervenuti, ha introdotto in questi ultimi periodi parecchie modifiche ed integrazioni al piano medesimo al fine di valorizzare gli aspetti positivi del piano riducendo al massimo quelli negativi. L applicazione di MUSA ha portato all introduzione di una nuova linea di autobus navetta che percorre la circonferenza del centro storico collegando i parcheggi nonché segnaletica luminosa per l indicazione dei parcheggi e diverse e moderne modalità di pagamento della sosta. Molte sono le opere pubbliche di rilievo che sono proseguite nel 2014 e che giungeranno a completamento del Tra le più importanti si citano velocemente la ristrutturazione del mercato coperto, che non rappresenta solamente il recupero di un edificio di pregio architettonico ma in particolar modo la nascita di un nuovo mercato coperto popolare, sull esempio di altri famosi mercati europei, che diverrà un nuovo centro di aggregazione, di vita sociale e commerciale della città. Parallelamente al mercato è stata completamente rifatta la via Alcarotti, sia nel manto stradale che nell illuminazione a led e nella circolazione delle auto. L altro grande progetto PISU a Sant Agabio sta vedendo sorgere il moderno edificio che ospiterà il Centro Traslazionale per le Malattie Autoimmuni e l incubatore d Impresa Enne3. Il centro di ricerca sarà in appoggio ai corsi di laurea in Medicina e Farmacia della Città, mentre l incubatore rappresenterà in necessario potenziamento al già ben funzionante incubatore oggi ospitato nello stabile di fronte. Anche in questo caso si coglie l occasione per riqualificare una intera zona di Città, introducendo una zona pedonale contigua alla sede di Farmacia. 58

5 Entrambe le operazioni termineranno entro l anno in corso. Passando ad altre grandi opere messe in campo nel 2014 vi è il proseguimento dei lavori di ristrutturazione del Castello Visconteo, destinato a diventare un ulteriore centro di aggregazione culturale della Città. Circa l utilizzo definitivo di questo edificio la Fondazione Castello e l Amministrazione sono intenzionate a promuovere una manifestazione di interesse nazionale ed internazionale al fine di intercettare operatori di alto livello in grado di impostare e sostenere una iniziativa imprenditoriale che rappresenti un valore aggiunto per la città e non un ulteriore onere finanziario. Anche il Castello dovrà veder terminare i lavori di ristrutturazione entro il Tra i lavori di ristrutturazione importanti per la città annoveriamo anche la ristrutturazione della stazione ferroviaria, opera a cura delle ferrovie ma fortemente voluta dall Amministrazione Comunale. Circa l azione di riqualificazione urbana di edifici pubblici e privati, il 2014 è stato un anno particolarmente intenso e proficuo. Ha preso il via la riqualificazione dell area ex Ferrovie Nord Milano, dietro la stazione ferroviaria FS. L area ospiterà un parcheggio a servizio della stazione, un parco, piste ciclabili ed edilizia residenziale convenzionata, restituendo alla città ed al quartiere di Sant Andrea una zona ad oggi dismessa. Altra importante operazione è quella, oggi in procinto di partire, della riqualificazione dell ex Carrefour di Corso della Vittoria, oggi chiuso e dismesso. In quella zona sorgerà, per iniziativa privata, un nuovo complesso commerciale destinato a produrre oltre 400 posti di lavoro nuovi. Inoltre, nascerà un nuovo asilo nido, piste ciclabili ed una area feste/parco attrezzato di cui la città sente particolare bisogno. Si segnala anche l avanzamento dei lavori di ristrutturazione dell operazione tutta privata di riqualificazione della ex Rotondi, oggi sede dell Agenzia delle Entrate e di Equitalia, nell ambito della costruzione del nuovo sistema di parcheggi in appoggio a MUSA. Tutta una area che, nei piani iniziali, doveva essere adibita a parcheggi è stata finalmente completata a cura del privato su fortissima spinta dell Amministrazione comunale. Grande importanza ha poi lo stato avanzato delle operazioni tese alla riqualificazione dell area dell ex macello comunale, rispetto alla quale è pubblicato ad oggi bando per vendita e riqualificazione dell area, il tutto a fronte di interessamenti manifestatisi negli anni scorsi. Sono in corso i lavori ultimativi che renderanno finalmente usufruibile il cinema teatro Faraggiana che si vorrebbe restituire alla città quanto prima. Nel 2014 poi si è entrati in possesso delle caserme Passalacqua, Cavalli e Gherzi Il recupero di spazi enormi in una zona adiacente il centro storico rappresenta per la città di Novara un momento di riqualificazione urbanistica di grandissimo rilievo. La caserma Gherzi è già oggi sottoposta a lavori di restauro e riqualificazione in quanto ospiterà di Catasto e la Guardia Forestale. La caserma Passalacqua è già utilizzata parzialmente dal Comune di Novara, nella parte fronte strada, ospitando il dormitorio d emergenza aperto nel 2013, mentre sono in corso i lavori di creazione di un nuovo parcheggio nella piazza d armi della caserma, nell ambito del piano MUSA. Relativamente a questi spazi immensi occorrerà che l intera città inizi una riflessione per il loro migliore utilizzo. 59

6 Anche il 2014, come i due anni precedenti, è stato un anno difficile dal punto di vista sociale. La crisi ha creato emergenze gravi che però la Città, insieme a tutti gli operatori ed in una grande operazione di rete, ha saputo affrontare con determinazione ed efficacia. A Novara (a differenza di molte altre città) nessuno dorme per strada o sotto i portici e nessuno soffre la fame; certo poi molte sono le emergenze che vengono quotidianamente affrontate a partire dall emergenza casa, rispetto alla quale, si sta operando per liberare le case occupate abusivamente per poterle poi assegnare a chi ne ha diritto. Però noi dobbiamo essere in grado di creare le condizioni perché il sistema economico produttivo della Città e del territorio sia in grado, nel futuro, di assorbire le inevitabili crisi che ci saranno in modo da non essere più impreparati come oggi. E allora occorre costruire le condizioni strutturali per creare occupazione e reddito, che è la condizione prima per uscire dall emergenza; questa Amministrazione ha finalmente dato avvio al piano per creare le condizioni necessarie alle imprese per venire ad insediarsi sul nostro territorio. Oggi solo le imprese possono creare lavoro, occupazione e ricchezza; di questo siamo convinti. Allora occorre mettersi nella condizione di essere attrattivi per le imprese, governando l insediamento produttivo e logistico senza soffocarlo nelle paure, dotandosi di una burocrazia positiva e non opprimente. Questo è quello che può fare un Comune e questo è quello che ha fatto e sta facendo Novara. Con il progetto dell Area Industriale di Agognate, Novara si presenta al Paese come un luogo che per storia, collegamenti viari, disponibilità politiche ed amministrative, mercato di lavoro disponibile e tempi di realizzazione, ove gli imprenditori possono insediare le proprie imprese. Noi siamo pronti. Noi siamo pronti e ci mettiamo anche del nostro. Infatti in Casa della Porta abbiamo creato, insieme all università del Piemonte Orientale ed all incubatore di imprese Enne3, la casa dei giovani e la casa delle idee, con il PISU di Sant Agabio diamo vita ad un nuovo centro di ricerca, abbiamo lavorato per potenziare l università avviando a Novara il corso di laurea in Giurisprudenza. Molti altri interventi sono indicati nelle relazioni dei singoli assessorati. L anno 2014 ha visto la prosecuzione convinta delle scelte strategiche intraprese nel 2013 finalizzate a dare alla Città una prospettiva di crescita di lungo periodo. Nei prossimi anni si vedranno i risultati di un percorso impegnativo ma fondamentale per una città che vuole crescere. Concludendo credo di poter dire che il Conto Consuntivo 2014 certifichi la rispondenza dell azione amministrativa al programma di mandato ed all idea di Città che abbiamo condiviso con il consiglio comunale e con i cittadini. 60

7 PROGRAMMA 1 - L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA Il Programma si articola nei seguenti progetti: 1 AMMINISTRAZIONE 2.0. PARTECIPAZIONE, COMUNICAZIONE E TRASPARENZA Utilizzare la leva delle tecnologie, della comunicazione e degli strumenti del web 2.0 per migliorare la performance organizzativa dell Ente e il dialogo con i cittadini. Rafforzare il sistema di governance locale. Sviluppare il dialogo con i cittadini e gli stakeholder. Assicurare una reale apertura della macchina istituzionale alla partecipazione diretta ed effettiva della popolazione. Rendere il Comune un luogo dove costruire nel tempo e in maniera collettiva il "bene comune 2 IL FISCO EQUO Attuare un sistema di pianificazione strategica per perseguire l'equità fiscale ed un corretto recupero dell'evasione fiscale. Implementare strumenti per l'ottimizzazione e la razionalizzazione di tutte le tipologie di entrata del Comune. Rimodulare tasse, tariffe e accesso ai servizi comunali in modo da porre al centro dell'attenzione la famiglia e il valore sociale ed economico del lavoro svolto dalle famiglie in termini di cura, educazione e coesione del tessuto sociale. Sviluppare politiche tariffarie e tributarie che consentano ai nuclei familiari (specie a quelli più numerosi) di ricevere le necessarie garanzie di equità, sostegno e solidarietà. Sancire il principio di rispetto e tutela del Contribuente, omettendo comportamenti palesemente penalizzanti 3 FORMAZIONE, CRESCITA E MIGLIORAMENTO DEL PERSONALE Promuovere lo sviluppo e la gestione delle risorse umane dell Ente 4 EFFICACIA, EFFICIENZA ED ECONOMICITA Adeguare l'organizzazione e la programmazione dell'ente a criteri di efficacia, efficienza ed economicità. Promuovere le relazioni con soggetti per l'attivazione di progetti di sponsorizzazione e per il reperimento di finanziamenti OBIETTIVI STATEGICI DEL PROGRAMMA, INDICATORI E TARGET anno 2014 Di seguito sono riassunti le principali attività svolte e i più significativi risultati conseguiti nel corso dell anno 2014 con riferimento ai progetti del programma 61

8 PROGETTO 1 AMMINISTRAZIONE 2.0. PARTECIPAZIONE, COMUNICAZIONE, TRASPARENZA Azione strategica Promuovere l'utilizzo dei canali digitali, diffondere e sviluppare i servizi on line al fine di incrementare la partecipazione degli stakeholder del territorio (cittadini, associazioni, operatori economici ecc). Introdurre modalità efficaci di comunicazione tra Comune e stakeholder OBIETTIVO: Sviluppare servizi online OBIETTIVO GESTIONALE: Sviluppo e realizzazione applicativi per pagamento online armonizzato con il sistema di contabilizzazione (IMU, illuminazione votiva, TARES, locazioni attive, sanzioni Codice della Strada) sviluppo e realizzazione almeno 4 applicativi (TARI, TASI, IUC, app I-NOVARA, accertamenti ICI): entro il 31/12/2014 predisposizione nuovi programmi TASI e IMU: entro il 30/6/2014 applicativo IMU, calcolo emissione saldo: entro il 30/11/2014 TASIservice (per il calcolo TASI) Il 14/05/2014 è stato caricato il calcolo nell'ambiente di produzione con accesso riservato ai soli utenti dello sportello. Il 19/05/2014 il calcolo è stato sbloccato per tutti gli utenti (incluso il calcolo in bianco). IMUService (per il calcolo IMU) Il 14/05/2014 è stato caricato il calcolo nell'ambiente di produzione con accesso riservato ai soli utenti dello sportello. Il 19/05/2014 il calcolo è stato sbloccato per tutti gli utenti (incluso il calcolo in bianco). Per quanto riguarda il calcolo del saldo non è stato necessario apportare modifiche ai due applicativi (IMUService e TASIService), l'unica modifica apportata è stata relativa al calcolo degli interessi per il ravvedimento, dovuta al cambio di tasso per il La modifica è stata completata e caricata il 18/12/2014. Nuovo applicativo gestionale TASI Sviluppato per la gestione e bonifica dei versamenti TASI ricevuti, consente di importare e gestire le situazioni contribuenti calcolando così un dovuto annuo, è anche collegato in visualizzazione con i calcoli TASI effettuati tramite TASIService sul portale "servizi on line". E' stato caricato in produzione e reso disponibile al servizio entrate il 25/06/2014. Accertamenti ICI Il software per la produzione ed emissione di accertamenti ICI è stato caricato nell'ambiente di produzione e reso così disponibile per l'uso al servizio entrate il 23/10/2014. Questa prima parte del software consentiva la completa gestione dell'accertamento fino alla sua notifica, era già disponibile anche la funzione di annullamento. L'applicativo accertamenti ICI è stato successivamente esteso inserendo tutte le funzioni necessarie per la gestione degli stati post notifica (quindi adesioni, autotutele, ricorsi, sospensioni, piani rateali etc). Queste nuove funzionalità sono state rese disponibili il 15/12/2014. Accertamenti IMU Il software per la produzione ed emissione di accertamenti IMU è stato caricato nell'ambiente di produzione e 62

9 reso così disponibile per l'uso al servizio entrate il 09/10/2014. Questa prima parte del software consentiva la completa gestione dell'accertamento fino alla sua notifica, era già disponibile anche la funzione di annullamento. TARI emissione a saldo conguaglio ruolo TARI 10/11/2014 con integrazione del sistema di invio cartelle tramite PEC di archiviazione; il gestionale TARI è stato adeguato a variazioni normative (eliminazione maggiorazione dello stato 2013 e adeguamento nuove tariffe); sono state aggiunte/ completate: nuove funzionalità per la gestione delle liste di controllo accertatori; le attività di emissione massiva ed invio SIN (servizio integrato notifiche) degli avvisi di accertamento per omesso, parziale e tardivo versamento o omessa/infedele denuncia; le funzionalità di rendicontazione esiti notifica e pagamenti; le funzionalità di compensazioni o rimborso pagamenti; è stato adeguato a SIATEL (nuovi tracciati) il sistema di allineamento recapito contribuenti non residenti. Riscossione coattiva è stata completata la funzionalità di generazione ed esportazione file da inviare a SOGET, per la fase esecutiva della riscossione; sono state adeguate nuove procedure di rateazione e rendicontazione pagamenti delle ingiunzioni; sono stati aggiunti nuovi filtri di selezione crediti, ingiunzioni e contribuenti; l'allineamento recapito contribuenti non residenti è stato adeguato alle nuove specifiche SIATEL. L app i-novara è stata distribuita sia in ambiente IOS che Android OBIETTIVO GESTIONALE: Sviluppo servizi online (certificazione demografica, progetto Reti Amiche ) avvio del servizio: entro il 31/12/2014 Integrazione sistema Anagrafe e certificazione on line nel portale Cartella unica in servizi >>autocertificazioni >>servizi anagrafici: completato in data 13 marzo Attivate Autocertificazioni, Consultazione stato pratiche, schedario anagrafico. Reti Amiche >> completata fase attivazione e predisposizione il 19 maggio 2014 e successivamente messa in servizio. 63

10 OBIETTIVO GESTIONALE: Implementazione e attivazione sistema unico di autenticazione degli utenti (single sign on) progetto di realizzazione software e librerie, test dell'applicazione: entro il 30/9/2014 omogeneizzazione delle credenziali di accesso degli applicativi (interni ed esterni): entro il 31/12/2014 Il sistema unico di autenticazione si estende dall utente del computer valido per Internet /Intranet anche agli applicativi disponibili in rete : MRP, Segnalazioni, DPI, Foglio Ore, Anagrafe Net, Cedolino, determinazioni web, Gestione pagamenti Edilizia Privata, Gestione Telefoni e SIM, Conservazione sostitutiva, Telemaco, GIS (anagrafe condominiale) ed altri Sistema Anagrafe Condominiale basate sul sistema GIS conta ad oggi (dopo un solo mese dall avvio) 47 amministratori attivi sui 98 presenti in città. OBIETTIVO GESTIONALE: elaborazione di un sistema unico per la raccolta e la gestione di segnalazioni di vario genere (suggerimenti, proposte, anomalie, interventi necessari, ecc) tramite interfaccia web, rivolto a cittadini e utenti interni elaborazione di un sistema unico per la raccolta e la gestione di segnalazioni di vario genere (suggerimenti, proposte, anomalie, interventi necessari, ecc) tramite interfaccia web, rivolto a cittadini e utenti interni: entro il 31/12/

11 Attivata sperimentazione con sistema OTRS, relativamente alle segnalazioni scolastiche e limitatamente all ufficio manutenzioni. Già predisposta definizione dei gruppi di lavoro per l intero Servizio (suddivisa tra SCUOLE, EDIFICI PUBBLICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE), e formulate proposte di gestione del sistema che dovranno essere condivise con tutti gli altri Servizi interessati, così come deciso nel corso delle varie riunioni sul tema. 65

12 Azione strategica Costruire metodi efficaci ed omogenei di relazione e comunicazione tra l Amministrazione e gli stakeholder. Facilitare la conoscenza degli atti del Comune e l esercizio dei diritti e delle prerogative dei cittadini. Coinvolgere i cittadini/gli stakeholder nelle scelte che riguardano le trasformazioni della città. Organizzare iniziative di coinvolgimento, comunicazione ed ascolto della cittadinanza su temi ritenuti strategici OBIETTIVO: Azioni a supporto della partecipazione e del decentramento OBIETTIVO GESTIONALE: Forum dell urbanistica ed edilizia privata attivazione del forum: entro il 31/5/2014 comunicazione agli stakeholder della attivazione del forum: entro il 30/9/2014 almeno 50 soggetti screditati entro il 31/12/2014 risposta alle richieste entro 3 giorni lavorativi. 100% delle richieste entro il 31/12/2014 Il Forum è stato attivato il 2/5/2014. In data 10/9/2014 è stata richiesta la pubblicazione del forum sul sito del Comune. Al 31/12/2014 risultano registrati n 12 utenti. Non risultano quesiti pervenuti da parte degli utenti alla data del 31/12/2014 OBIETTIVO GESTIONALE: Consiglio Comunale dei Bambini n. bambini coinvolti nell iniziativa: almeno 25 n. istituti coinvolti: almeno 10 n. iniziative promosse dal Consiglio Comunale dei Bambini ed effettivamente realizzate: almeno 3 In questo secondo e ultimo anno dell attuale mandato sono stati coinvolti ben 25 bambine/i e oltre 10 scuole, segno di un interesse crescente verso l iniziativa. Gli incontri cadono in genere una volta al mese per l intera durata dell anno scolastico (mediamente 8) e vedono i giovani Consiglieri impegnati nell elaborazione di proposte concrete, condivise poi con i gruppi classe di appartenenza in modo da estendere il più possibile la logica partecipativa del progetto. Il Consiglio dei Bambini è un organismo didattico-partecipativo, che opera attraverso un piano biennale di intervento e coinvolge bambine/i, delle classi quarte e quinte delle scuole primarie pubbliche e paritarie della città. Il lavoro dell anno 2014 si è concentrato su una serie di idee, che già lo scorso anno erano emerse in termine di riflessione, e che si sono tradotte in proposte serie e responsabili. Tali proposte vengono confrontate anche con la Giunta Comunale che accogliendo gli stimoli forniti, fa tesoro delle proposte stesse e quando possibile le rende concrete. Tracce di lavoro: 1. Verifica sugli interventi negli edifici storici novaresi - Coinvolgimento dei Giovani Consiglieri in una mattinata di visite presso Cupola di S. Gaudenzio, Casa Bossi, e Caffetteria Broletto (cantiere). In previsione, apertura simbolica dell evento La Scuola in Piazza 2015, presso il Castello, con Giunta Comunale, all inizio di maggio. 2. Lavoro di sensibilizzazione presso le scuole di appartenenza da parte dei GC, relativamente il progetto Pedibus e la sua valorizzazione/implementazione. 3. Segnalazioni di interventi di ripristino necessari, rilevati dai GC nel percorso casa scuola, e coinvolgimento del servizio lavori pubblici e segnaletica, per la successiva realizzazione. 4. Segnalazioni e relativi confronti sulla necessità di maggior sicurezza nelle aree di viabilità intorno ai 66

13 plessi scolastici 5. Primi contatti con alcune scuole superiori (liceo artistico), per l attivazione di laboratori creativi gratuiti, presso le scuole primarie 6. Previsione di partecipazione al secondo raduno regionale dei CdB che si terrà il 30 maggio a Colle Don Bosco (TO). 7. Effettuato visite presso Comando di PM per confronto su viabilità e sicurezza e presso CED, per confronto su tecnologie e funzionamento adsl nelle scuole. 8. E anche in preparazione in collaborazione con il CED il sito del CdB novarese, con un link di rimando che dal sito Comune di Novara, suggerirà la visita del nuovo sito. Il lavoro effettuato da quest ultimo mandato biennale del CdB crediamo sia stato davvero la naturale crescita in termini da lavoro di qualità, di un percorso ormai consolidato e riconosciuto anche a livello regionale. OBIETTIVO GESTIONALE: iniziativa di partecipazione INSIEME PER DECIDERE iniziativa di partecipazione INSIEME PER DECIDERE: almeno 20 tavoli tematici con gli stakeholder entro il 31/12/2014; almeno 200 cittadini e stakeholder coinvolti mobilità sostenibile: 21 incontri con stakeholder, 3 assemblee pubbliche con cittadini, 5 incontri con sportello mobile nei quartieri il Sindaco incontra: 13 giornate dedicate all'ascolto dei cittadini, commercianti, associazioni e altre realtà operanti nei quartieri Il progetto 'Insieme per decidere', nel 2014 ha modificato il suo format; il programma di consultazioni ha riguardato la mobilità sostenibile denominato C è Novara per te e il progetto 'Strada per strada' C È NOVARA PER TE Gli incontri si sono regolarmente svolti nei mesi da febbraio a maggio nel programma "C è Novara per te". L ampia consultazione, che ha portato alla definizione del nuovo piano della sosta, ha visto coinvolti almeno 150 stakeholder (21 giornate dedicate agli incontri con le parti sociali, associazioni di categoria, sindacati, associazioni ambientaliste ecc. per un totale di 30 sodalizi consultati) e circa 400 cittadini incontrati con lo sportello mobile presidiato dall URP (5 giorni presso i mercati cittadini) e nelle assemblee pubbliche organizzate in 3 quartieri. STRADA PER STRADA Gli incontri del Sindaco si sono svolti nei mesi da ottobre a dicembre nel programma 'Strada per strada'. Sindaco e Amministratori hanno incontrato commercianti, cittadini, visitato scuole, centri d incontro, associazioni ecc. raccogliendo osservazioni e confrontandosi sui progetti. Durante le 13 giornate programmate nei quartieri, l URP ha gestito e presidiato un infopoint, dando informazioni sul percorso del Sindaco e raccogliendo informazioni e segnalazioni dai cittadini. OBIETTIVO GESTIONALE: iniziative di coinvolgimento degli stakeholder su tematiche ambientali almeno 2 eventi annui (in tema di mobilità sostenibile e di riduzione dei rifiuti e miglioramento della raccolta differenziata Proseguite le attività relative al processo partecipato con la cittadinanza orientato al miglioramento della qualità ambientale e a mantenere alta l attenzione dei cittadini sul tema della mobilità sostenibile e della riduzione dei rifiuti con la progettazione, il coordinamento e l attuazione delle 2 manifestazioni: SETTIMANA EUROPEA MOBILITA SOSTENIBILE E SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI. 67

14 1 EVENTO Con deliberazione G.C. N. 222 del 30/7/2014 si è aderito alla Settimana Europea Mobilità Sostenibile Anno 2014 e approvato il programma delle iniziative. Attuate n. 12 Iniziative per n. 7 giorni consecutivi dal 16 al 22 settembre 2014: Concorso Fotografico "Il Traffico siamo noi" in collaborazione con il Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto - Bici sicura con operazione "Targa la bici" e agevolazioni per acquisto lucchetto/catena in collaborazione con FIAB Novara- Amici della Bici - Iniziativa "Manteniamola in forma" con dimostrazioni per l'automanutenzione della propria bicicletta " in collaborazione con FIAB Novara- Amici della Bici e SUN - "Novara Bike Night" Pedalata notturna in bici di 17 km. per le vie della città in collaborazione con Velo Club Novara e FIAB Novara-Amici della bici - Organizzazione del Convegno "Politiche di mobilità urbana sostenibile" presso il Conservatorio Cantelli - Esposizione di veicoli elettrici e ibridi e a pedalata assistita con dimostrazioni e percorsi prova in P.za Martiri - Evento "Flash Mob" e uso creativo degli spazi urbani con animazioni nelle piazze e strade del centro storico e nella ZTL con gli alunni del Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto e Istituto Ravizza - Caccia al Tesoro per riscoprire strade e piazze della nuova ZTL - Urban Trekking con ATL Novara visite guidate/2 itinerari - Prove di mobilità sostenibile casa-scuola. 1 settimana di car-pooling e non solo al Liceo Classico C. Alberto - Ripartenza del progetto PEDIBUS con l'avvio dell'anno scolastico nelle scuole primarie Rigutini, Buscaglia, Levi, Pier Lombardo - Sconti durante tutta la settimana nei negozi del centro con biglietto dell'autobus SUN e biglietto unico per circolazione tutto il giorno sabato 20 e domenica 21 settembre. 2 EVENTO Con deliberazione G.C. n. 296 del 5/11/2014 si è aderito alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti edizione 2014 e approvato il programma delle iniziative previste in città realizzate con sponsorizzazioni e in collaborazioe con Assa e Consorzio CBBN. Progettata e realizzata apposita campagna informativa e di sensibilizzazione. Attuate n. 5 Iniziative nella settimana dal 22 al 30 novembre 2014: Adesione al Progetto RAEE SCUOLA promosso da ANCI e Centro di Coordinamento RAEE, in collaborazione con gli istituti scolastici cittadini e l'azienda ASSA sul riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche - Iniziativa "Acqua gratis" con erogazione gratuita dell'acqua dalle 3 Case dell'acqua cittadine per tutta la settimana - Scambialibro in collaborazione con la Biblioteca e Legambiente - Iniziativa "No al termometro al mercurio" in collaborazione con L'azienda ASSA e le farmacie cittadine finalizzata alla raccolta e sostituzione dei termometri al mercurio con termometri non nocivi per l'ambiente - Prosecuzione del Progetto "Siticibo" avviato dall'assessorato Istruzione nell'anno per il recupero presso le mense scolastiche delle scuole primarie di prodotti non deperibili in collaborazione con il Banco Alimentare di Novara.. Politiche per il decentramento Con la scomparsa dei Consigli Circoscrizionali, è venuto a mancare il primo luogo dove era possibile da parte delle singole persone o delle associazioni presenti sul territorio, avere un momento di confronto, di stimolo, e di partecipazione alla vita del quartiere. Era stata prevista una commissione consiliare che studiasse una nuova forma di partecipazione, ma ad oggi non ha portato i risultati che si auspicavano. Molto positiva è stata l'esperienza dell'iniziativa "strada per strada" dove i cittadini hanno avuto modo di esprimere le proprie opinioni, direttamente all'interno del proprio quartiere con gli amministratori Comunali, e in particolare con il Sindaco. È stata mantenuta la destinazione pubblica degli immobili necessari a permettere tale nuova partecipazione singola ed associativa, nonché la prosecuzione degli attuali servizi ai cittadini, in quanto realizzabili secondo i dettami di legge, utili ed economicamente sostenibili secondo il principio di sussidiarietà. È stato portato a termine nella frazione di Pernate, il progetto di un centro aggregativo per i residenti, utilizzando i locali ex custode della scuola Coppino, all'interno è stata allestita una biblioteca pubblica, utilizzata dai ragazzi nell'orario scolastico, e gestiti nei restanti periodi della giornata e nel fine settimana dall associazionismo del territorio, garantendone la massima fruizione per i cittadini. È stato portato al termine la nuova organizzazione e utilizzo nelle sedi ex CDQ tramite un bando pubblico, che ha permesso a tutte le associazioni cittadine che ne hanno fatto richiesta la possibilità di svolgere le proprie attività per i prossimi 2 anni. 68

15 Coinvolgimento degli stakeholder sui temi del governo del territorio L incertezza legislativa nazionale e regionale che ha caratterizzato particolarmente questi ultimi anni si riflette da tempo sull assetto normativo e procedurale degli enti locali, costretti ad una continua revisione dei propri strumenti amministrativi. Su questo tema l Amministrazione è attiva in diversi campi d azione nell ambito dei temi del governo del territorio. Al fine di rendere ancora più trasparente l azione amministrativa e promuovere il coinvolgimento dei diversi stakeholders della filiera edilizia, si è predisposto un Forum on line attraverso il sito del Comune, nel quale è possibile porre quesiti di natura tecnica e procedurale in campo urbanistico ed edilizio, ottenendo risposte che diventano così accessibili a tutti gli operatori e costituiranno di fatto una risorsa estremamente utile di pareri, indirizzi e prassi che caratterizzano l operato condiviso degli uffici nei percorsi di istruttoria delle pratiche. Il Forum è stato attivato nel mese di Maggio 2014 e, dopo un periodo di sperimentazione tecnica, nel settembre 2014 è stato reso operativo con la pubblicazione sul sito del Comune. E' stata definitivamente approvata la variante normativa del PRG finalizzata a semplificare l'attuazione degli Ambiti di trasformazione urbana, rendendo maggiormente intellegibili, nelle schede e nel Glossario, parametri e prescrizioni attualmente inseriti in modo poco organico nell'articolato delle Norme di Attuazione, anche attraverso il coinvolgimento del Tavolo Permanente per l'edilizia e Urbanistica che vede riunite le diverse categorie coinvolte nella cosiddetta filiera dell edilizia (Artigiani, Industriali, Ingegneri, Architetti, Geometri e organi di controllo). Prosegue l implementazione dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP), anche tramite l'organizzazione di momenti di informazione e formazione rivolti ai professionisti e agli operatori del settore, nella consapevolezza che il passaggio alle procedure informatizzate per l inoltro e la gestione delle pratiche edilizie è l unica strada percorribile per il futuro. Prosegue la discussione al Tavolo permanente sul testo del Nuovo Regolamento Edilizio, anche in virtù delle mutevoli indicazioni che giungono dal governo centrale in relazione al Testo Unico dell Edilizia (Dpr 380/2001) e ad alcuni indirizzi prioritari di fondo, come è stata ad esempio l ipotesi di intervento sull articolo 17 del decreto Sblocca Italia, con l emendamento all articolo 4 del Testo unico che voleva gettare le basi per uniformare i regolamenti edilizi comunali. (Regolamento Edilizio Unico Nazionale). 69

16 OBIETTIVO: Indagine di Customer Satisfaction relativa ai principali sportelli comunali OBIETTIVO GESTIONALE: definizione e diffusione della metodologia delle indagini di Customer Satisfaction (analisi delle singole peculiarità) sportelli interessati: 100% del previsto (3 sportelli) somministrazione questionari di rilevazione ed elaborazione risultati URP: 100% entro il 31/3/2014 La definizione e la diffusione della metodologia delle indagini di Customer Satisfaction e l analisi delle peculiarità è stata conclusa nel OBIETTIVO GESTIONALE: definizione degli standard Anagrafe sportelli interessati: 1 sportello Anagrafe più uno sportello rispetto all anno 2013 L analisi ha riguardato il nuovo sportello iscrizioni. Lo standard del servizio è stato pubblicato i1 19 giugno 2015 OBIETTIVO GESTIONALE: realizzazione rilevazione di Customer Satisfaction Anagrafe-Polizia Locale somministrazione questionari di rilevazione Anagrafe: 100% entro il 30/6/2014 elaborazione questionari di rilevazione Anagrafe: entro il 31/7/2014 gestione delle azioni di miglioramento: 60% azioni di miglioramento evidenziate entro il 31/12/2014 somministrazione questionari di rilevazione Polizia Locale: 100% entro il 30/11/2014 elaborazione questionari di rilevazione Polizia Locale: entro il 31/12/2014 ANAGRAFE Oggetto dell indagine il gradimento del nuovo sportello iscrizioni su appuntamento. I questionari sono stati somministrati dal 26 giugno al 18 luglio 2014 su un campione di 123 persone. Lo slittamento dei tempi rispetto a quelli previsti (entro il 30/6/2015) è stato causato dalla disponibilità degli studenti in stage che hanno effettuato le rilevazioni. La relazione è stata pubblicata sul sito comunale il 18 agosto Dall'indagine è emerso uno leggero scostamento tra qualità attesa e qualità servita per quanto riguarda l'accessibilità. Si è provveduto ad implementare il numero degli appuntamenti per le iscrizioni anagrafiche fino a riportare nei limiti di una settimana i tempi di attesa POLIZIA LOCALE UNITA SEGRETERIA Oggetto dell indagine i gradimento dei servizi di segreteria relativi al rilascio di permessi di transito e sosta in ZTL e di sosta per i disabili. I questionari sono stati somministrati nel periodo 8 settembre / 25 novembre Gli operatori dello sportello hanno invitato direttamente gli utenti del servizio a compilare il questionario predisposto allo scopo. Non è stato infatti possibile avvalersi di studenti in stage per le interviste dal momento che, per l ubicazione della sede, troppo lontana dal centro cittadino, l istituto scolastico ha ritenuto inopportuno distaccare in quel luogo gli studenti. 70

17 La relazione è stata pubblicata sul sito comunale il 18 dicembre Il dato più negativo che è emerso, riguarda la facilità di raggiungere la sede, affermazione per la quale il 63,9% del campione si è espresso negativamente, contro il 25% di abbastanza soddisfatti e l 11,1% dei pienamente soddisfatti. OBIETTIVO: NOVARANET restiamo in contatto OBIETTIVO GESTIONALE: incremento del numero di cittadini inseriti nella rete incremento 5% rispetto all anno 2013 frequenza aggiornamento notizie sito Internet che alimentano la newsletter settimanale: quotidiana frequenza aggiornamento rassegna stampa per alimentare la newsletter settimanale: quotidiana n. settimane coperte dalla newsletter: 100% L incremento dei cittadini attivi sulla rete è stato pari al 20% passando dai 15 mila iniziali ai 18 mila circa al 31/12/2014. La frequenza di aggiornamento quotidiana delle notizie del sito che alimentano la newsletter e quella della rassegna stampa è stata rispettata, così come la copertura delle settimane di spedizione della newsletter è stata realizzata al 100% OBIETTIVO: valorizzazione della veicolazione delle informazioni attraverso sistemi informatici e social network OBIETTIVO GESTIONALE: implementazione e sviluppo della pagina Facebook Cosa succede in città incremento dei followers/amici della pagina: almeno entro il 31/12/2014 L incremento dei followers è stato superiore a quello previsto dall obiettivo (2.400): dai iniziali si è arrivati al 31/12/2014 a follower attivi OBIETTIVO GESTIONALE: implementazione e sviluppo della pagina Facebook Novara Musei incremento dei followers/amici della pagina: almeno Nel 2014, la pagina Facebook Novara Musei ha totalizzato 688 followers OBIETTIVO GESTIONALE: implementazione e sviluppo della pagina Facebook Novara è sport incremento dei followers/amici della pagina: almeno

18 La pagina Facebook Novara è Sport ha totalizzato 535 followers OBIETTIVO GESTIONALE: Implementazione e sviluppo della pagina Facebook Consiglio Comunale dei Bambini e delle Bambine incremento dei followers/amici della pagina: almeno 300 Sono stati raggiunti i 300 Mi piace, sulla pagina Facebook creata all inizio dell anno scolastico. La pagina ha lo scopo evidente di promuovere, valorizzare e informare tutti gli interessati o addetti ai lavori, rispetto il lavoro effettuato dal Consiglio Comunale dei Bambini e delle Bambine. L attivazione della pagina Facebook è il naturale passaggio a seguito dell incontro avvenuto lo scorso anno presso il santuario di Vicoforte (primo raduno dei Consiglio Comunali dei Bambini regionali). In questa occasione fu comunicata l attivazione della pagina Facebook regionale, come motore di iniziative analoghe da replicare a livello locale. L Amministrazione si è dunque attivata per la realizzazione della pagina Facebook novarese, verificando come l utilizzo consapevole e ragionato dei social network possa avere una funzione di primaria importanza anche nei giovanissimi. Inoltre questa modalità di promozione dell attività del Consiglio dei Bambini coinvolge indubbiamente anche famiglie, insegnanti e studenti, ampliando la rete di informazioni e rapporti in modo esponenziale, favorendo le connessioni con analoghe esperienze e generando nuove possibilità di sviluppo delle azioni stesse. Sempre in termini di utilizzo delle nuove tecnologie e nuove forme di comunicazione didattica, sociale, informativa e promozionale, l Amministrazione sta provvedendo alla realizzazione del sito del Consiglio dei Bambini novarese, con accesso dal sito del Comune di Novara. 72

19 Azione strategica Attuare un forte rinnovamento dell attività amministrativa con l obiettivo di rendere l azione del Comune più trasparente ed efficace e dare ai cittadini la maggiore semplificazione ed equità possibile nel rapporto con la Pubblica Amministrazione OBIETTIVO: Favorire la semplificazione e l accessibilità dei cittadini ai servizi OBIETTIVO GESTIONALE: revisione regolamento polizia mortuaria per adeguarlo a L.R. 5/2011 e relativo regolamento regionale 7/2012 invio enti competenti per acquisizione pareri; approvazione entro 30/5/2014 Sono stati acquisiti tutti i pareri richiesti all ASL per l approvazione del Regolamento.. Lo schema di deliberazione di approvazione del Regolamento, predisposto in tempo utile e munito dei pareri previsti, è stato trasmesso agli organi competenti. Lo schema di deliberazione e l allegato Regolamento è stato messo approvato data OBIETTIVO GESTIONALE: miglioramento della fruibilità ed accessibilità dei servizi demografici sposi nel week-end: sviluppo del progetto con incremento pari a n. 28 week-end a disposizione; incremento del 50% dei matrimoni rispetto al 2013 traduzione in lingua straniera dei documenti e della modulistica servizi anagrafici: arabo e cinese: entro il 31/12/2014 sviluppo traduzione in lingua francese e inglese lettera informativa dei diritti elettorali quale cittadino comunitario e pubblicazione sul sito: entro il 31/12/2014 servizi su appuntamento: nuove iscrizioni anagrafiche: n. giorni di attesa per ottenere l'appuntamento non superiore a 7 nonostante l'aggravio di istruttoria determinato dall'entrata in vigore della legge n. 80/2014 (lotta all'occupazione abusiva degli alloggi); ampliamento fruibilità: fattibilità per adattamento programma informatico e modalità di prenotazione aggiuntive (URP) progetto "Anagrafe a casa": almeno 50 servizi espletati a domicilio; ampliamento del servizio anche alle case di riposo: almeno 5 case di riposo progetto "Servizi a domicilio" - attivazione d'ufficio per consegna tessere elettorali con messi comunali: prosecuzione e ampliamento del servizio ai nuovi iscritti a seguito di immigrazioni, acquisto cittadinanza, riacquisto diritti politici progetto "lotta all'occupazione abusiva di immobili" - diniego residenza senza titolo: n. 4 momenti di formazione per sportellisti; attivazione controlli prima del rilascio della residenza: almeno controlli su titoli posseduti; predisposizione vademecum per sportellisti progetto "Anagrafe online" percorso riservato a professionisti per certificazioni anagrafiche e di stato civile: n. 2 ordini professionali convenzionati - 5% studi professionali con convenzioni attive sul totale degli studi professionali; studio di fattibilità progetto "Donazione organi" - dichiarazione presso sportelli anagrafici: studio di fattibilità, predisposizione schema di dichiarazione per raccolta consenso servizi funebri privati a prezzi calmierati: stesura, approvazione e stipula convenzione con imprese aderenti, predisposizione modulistica ristampa e rilegatura 60 volumi liste generali elettorali (in duplice copia): studio di fattibilità economica; analisi dei costi e richiesta finanziamento per economato progetto "Festa dei 18enni":studio di fattibilità per organizzazione eventi/incontri/spettacoli; stima del numero ragazzi anagrafica coinvolti progetto rilocalizzazione 91 sezioni elettorali: studio di fattibilità attribuzione cittadinanza a 18enni stranieri: istruttoria del 100% delle richieste di attribuzione di cittadinanza italiana 73

20 Sposi al week end: sono stati incrementati i week end disponibili per la celebrazione dei matrimoni portandoli da 11 da maggio 2013 a 30 per tutto il I matrimoni richiesti e celebrati nei week end sono stati 9 con un incremento maggiore del 50% rispetto al 2013 dove sono stati celebrati n. 5 matrimoni. Traduzione documenti e modulistica anagrafica: entro il tempo utile del sono stati tradotti in lingua cinese e arabo tutti i documenti e pubblicati sul sito istituzionale. Traduzione in lingua francese e inglese lettera per diritti elettorali cittadini comunitari: entro il tempo utile del è stata effettuata la traduzione della lettera informativa sui diritti elettorali. Al fine di garantire maggiore efficacia, sono stati utilizzati due canali di diffusione: l informativa oltre ad essere stata pubblicata sul sito è stata anche trasmessa ai singoli destinatari cittadini comunitari tramite posta in occasione della comunicazione di avvio procedimento per istanza di residenza anagrafica da parte dei cittadini comunitari. Servizi su appuntamento: il tempo di attesa per gli appuntamenti sulle nuove iscrizioni anagrafiche non ha superato i 7 giorni. E stata pure sperimentata la possibilità di ampliare il servizio su appuntamento anche per i cambi di indirizzo verificando l adattabilità del programma informatico e le modalità di prenotazioni aggiuntive tramite l URP. Lo studio di fattibilità ha dato esito positivo. In particolare: Indicatore: nr. di giorni di attesa per ottenere l appuntamento non superiore a 7 nonostante aggravio istruttoria determinata dall entrata in vigore della legge n.80. Alla data del risultano fissati circa nr appuntamenti a fronte dei quali sono state attivate nr pratiche di iscrizione con una media di 3,9 giorni di attesa per ottenere l appuntamento. Dall analisi si è riscontrato quanto segue: Settembre NR. PRENOTAZIONI 244 NR. PRATICHE ESPLETATE 161 PARI AL 66% NR. APPUNTAMENTI RIMANDATI PER MANCANZA DI DOCUMENTAZIONE 13 PARI AL 5% NR. APPUNTAMENTI PER CUI GLI INTERESSATI NON SI SONO PRESENTATI 70 PARI AL 29% Alla data del 30/09/2014 la media rilevata è di 4,3 giorni di attesa per ottenere l appuntamento Ottobre NR. PRENOTAZIONI 267 NR. PRATICHE ESPLETATE 151 PARI AL 57% NR. APPUNTAMENTI RIMANDATI PER MANCANZA DI DOCUMENTAZIONE 34 PARI AL 13% NR. APPUNTAMENTI PER CUI GLI INTERESSATI NON SI SONO PRESENTATI 78 PARI AL 29% NR. APPUNTAMENTI INCONGRUENTI 4 PARI 1% Alla data del la media rilevata è di 5,1 giorni di attesa per ottenere l appuntamento Novembre NR. PRENOTAZIONI 233 NR. PRATICHE ESPLETATE 150 PARI AL 64% NR. APPUNTAMENTI RIMANDATI PER MANCANZA DI DOCUMENTAZIONE 12 PARI AL 5% NR. APPUNTAMENTI PER CUI GLI INTERESSATI NON SI SONO PRESENTATI 71 PARI AL 31% Alla data del la media rilevata è di 5,9 giorni di attesa per ottenere l appuntamento Dicembre NR. PRENOTAZIONI 218 NR. PRATICHE ESPLETATE 156 PARI AL 72% NR. APPUNTAMENTI RIMANDATI PER MANCANZA DI DOCUMENTAZIONE 26 PARI AL 12% NR. APPUNTAMENTI PER CUI GLI INTERESSATI NON SI SONO PRESENTATI 36 PARI AL 16% Alla data del la media rilevata è di 6,7 giorni di attesa per ottenere l appuntamento. Vista l alta percentuale di persone che fissano un appuntamento e poi non si presentano, si è valutata l opportunità di inserire nel programma una segnalazione che permetta all operatore di venire a conoscenza che la persona aveva già effettuato una prenotazione a cui non si è presentato e non ha nemmeno avuto cura di 74

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI L AMMINISTRAZION E SEMPLICE E PARTECIPATA LA CITTA CHE SI MUOVE LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA PER IL TEMPO LIBERO LA CITTA CHE GUARDA AL FUTURO:

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

24 25 26 27 28 29 30 3 AGGIORNAMENTO DEI PROGRAMMI, DEI PROGETTI E DELLE AZIONI STRATEGICHE Programma 1 L Amministrazione semplice e partecipata Attività svolte Informatizzazione delle procedure; introduzione

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI Art. 1 - Oggetto del servizio associato 1. La gestione associata del servizio tributi, realizzata attraverso una struttura di coordinamento operativo a supporto

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI Il programma garantisce il funzionamento degli uffici e dei servizi di carattere generale: tra questi i più importanti riguardano: a) la segreteria generale dell ente per

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 23 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DI PIAZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ INDIRIZZI. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

SUN Novara. ACQUA NOVARA VCO spa Customersatisfactionaudit. Dicembre 2014

SUN Novara. ACQUA NOVARA VCO spa Customersatisfactionaudit. Dicembre 2014 SUN Novara ASSA spa ACQUA NOVARA VCO spa Customersatisfactionaudit Dicembre 2014 Metodologia 2 Universo di riferimento Cittadini maggiorenni residenti nel Comune di Novara Numerosità campionaria 800cittadini,

Dettagli

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati Azione Informatizzazione procedure ente e dematerializzazione progetti Nuovo Protocollo

Dettagli

Livorno città digitale

Livorno città digitale Comune di Livorno Livorno città digitale Livorno città digitale Uno degli adempimenti dei primi 100 giorni del mandato è stata l ideazione e la formalizzazione nel Libro Bianco dell Innovazione tecnologica,

Dettagli

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target miglioramento della sicurezza 2.01.01 rotatoria XXV Aprile: approvazione progetto esecutivo entro il 30/4/2015, avvio dei lavori

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA

L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA IL PROGRAMMA IN SINTESI Realizzare un modello organizzativo gestionale che: semplifichi i processi produttivi, individui le responsabilità sui risultati, premi

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

Piano di Valorizzazione Territoriale Integrato per la Valle di Susa

Piano di Valorizzazione Territoriale Integrato per la Valle di Susa Piano di Valorizzazione Territoriale Integrato per la Valle di Susa Liguria Heritage - 18 giugno 2015 Avv. Andrea Archinà Assessore Comune di Avigliana Da Dove Parte? 1. territorio transfrontaliero : l

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA

RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA L amministrazione comunale di Fabriano insediatasi nel mese di maggio 2012 ha intenzione di dare attuazione al programma un amministrazione moderna per i cittadini

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 Nel complesso quadro normativo di riferimento della programmazione e previsione economico-finanziaria degli enti locali, predisporre il bilancio di previsione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 ASSEMBLEA 26 OTTOBRE 2012 PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 PROGRAMMA GENERALE ALSOB 1. Start-up a) Tesseramento soci Con l evento Laureati Eccellenti si apre l opportunità per i soci

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

1.0 Premessa. 1.1 Tipologia degli incarichi

1.0 Premessa. 1.1 Tipologia degli incarichi 1.0 Premessa Da decenni assistiamo, dopo l esito elettorale, alla scelta della Giunta Comunale del partito vincente sulla base di convenienze, amicizie, alleanze, scambi di favori e bacini elettorali:

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

Area Immobili. Servizi attivi. Servizi da attivare (entro l estate 2005) Suolo pubblico Polizia municipale Ufficio cimiteri.

Area Immobili. Servizi attivi. Servizi da attivare (entro l estate 2005) Suolo pubblico Polizia municipale Ufficio cimiteri. Servizi attivi SERVIZI SPECIALIZZATI: Instradamento automatico delle richieste Servizi SMS Procedimenti amministrativi Servizi tributi Servizi edilizia Servizi istruzione Servizio finanze Pagamenti Servizi

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006 Premio alle migliori azioni per rendere accessibili le amministrazioni e i servizi ai disabili e alle fasce deboli una iniziativa promossa da Commissione Interministeriale Permanente per l'impiego delle

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

COMUNE di BRACIGLIANO BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2010 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1

COMUNE di BRACIGLIANO BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2010 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA 1 TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 1 1 Categoria 01 - IMPOSTE 1010020 I.C.I 354.100,00 374.003,00 6.731,37 367.271,63 1010021

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 1. PREMESSA La legge regionale n. 22/2002, recependo la normativa nazionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) Il seguente Programma Triennale della Trasparenza e Integrità si struttura attraverso le seguenti sezioni: 1) Premessa

Dettagli

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2 Numero : 01 Settore: AFFARI GENERALI E PIANIFICAZIONE SEGRETERIA E ORGANI COLLEGIALI Predisposizione informatizzata e relativa trasmissione agli uffici competenti delle proposte di delibere di giunta e

Dettagli

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Cara amica bergamasca, caro amico bergamasco, sono Franco Tentorio, Sindaco di Bergamo. Ho deciso di ricandidarmi alla guida della coalizione che comprende Forza

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

Collaboriamo insieme per una visione comune

Collaboriamo insieme per una visione comune Collaboriamo insieme per una visione comune OTTOBRE 2015 Servizio Progetti Speciali e Politiche per l Innovazione Comune di Savona Resp. Geom. ENNIO ROSSI AVVIO DI UN PERCORSO NUOVO Cosa si intende per

Dettagli

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015 Amministrazione trasparente Comune di Prato Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015 Ambito di Elenco attività/servizi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA CARTA

DESCRIZIONE DELLA CARTA PRESENTAZIONE Il Comune di Pisa, da sempre protagonista attivo del processo di riforma e di innovazione tecnologica della pubblica amministrazione, offre oggi ai propri cittadini un nuovo strumento per

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

7. I costi delle ICT negli enti locali e le aspettative in relazione ai servizi

7. I costi delle ICT negli enti locali e le aspettative in relazione ai servizi 7. I costi delle ICT negli enti locali e le aspettative in relazione ai servizi Il capitolo approfondisce il tema della valutazione dei costi e delle aspettative degli Enti locali piemontesi rispetto ai

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI VICOFORTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO ACUSTICO ai sensi del quinto comma dell articolo 5 della Legge Regionale 20/10/ 2000 n. 52 1 CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA DALL

Dettagli

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Adottato dalla Giunta Municipale con deliberazione n. 6 del 30.01.2014, dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 1 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

RICICLO LABOFFICINA SINTESI DI PROGETTO. 1. Oggetto e finalità del progetto. Premessa. Obiettivi

RICICLO LABOFFICINA SINTESI DI PROGETTO. 1. Oggetto e finalità del progetto. Premessa. Obiettivi RICICLO LABOFFICINA per dare una seconda possibilità alle biciclette, ai saperi ed alle competenze abbandonate SINTESI DI PROGETTO 1. Oggetto e finalità del progetto Premessa Il progetto RiCiclo si propone

Dettagli

Comune di Civitella in Val di Chiana

Comune di Civitella in Val di Chiana Comune di Civitella in Val di Chiana PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Anno 2011 Approvato con DCC n.38 del 30.4.2011 Comune di Civitella

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANZIO V Via Goldoni, 12-00042 ANZIO (RM) 06/9873230 fax 06/9873230 rmic8c600p@istruzione.it-

Dettagli

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO A

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

carta servizi dei dell Agenzia delle Entrate Il Cittadino al centro dell Agenzia delle Entrate Il Cittadino

carta servizi dei dell Agenzia delle Entrate Il Cittadino al centro dell Agenzia delle Entrate Il Cittadino Agenzia delle Entrate Il Cittadino al centro delle scelte dell Agenzia delle Entrate Il Cittadino al centro delle scelte dell Agenzia delle Entrate Il Cittadino al centro delle scelte dell Agenzia delle

Dettagli

SERVIZI PER I CITTADINI

SERVIZI PER I CITTADINI SERVIZI PER I CITTADINI MODULISTICA ON LINE Per compilare on line i moduli e inviarli all ufficio comunale di competenza. Tra i moduli disponibili: autocertificazioni, dichiarazioni ICI, accesso agli atti,

Dettagli

PER FACILITARE IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE I SERVIZI VERSO I CITTADINI

PER FACILITARE IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE I SERVIZI VERSO I CITTADINI Partner Tecnologico della Pubblica Amministrazione PER FACILITARE IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE I SERVIZI VERSO I CITTADINI SEMPLIFICHIAMO IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI

Dettagli

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

Mantova, città universitaria a misura di studente. Comune Universitario proponente/capofila: Comune di Mantova

Mantova, città universitaria a misura di studente. Comune Universitario proponente/capofila: Comune di Mantova ALLEGATO E PROGETTO ESECUTIVO Mantova, città universitaria a misura di studente Comune Universitario proponente/capofila: Comune di Mantova 1. DATI PROGETTO Nome del Progetto: Mantova, città universitaria

Dettagli

Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE

Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE Urbanistica Piano Strutturale Varianti. Edilizia privata- Edilizia Sociale Lavori pubblici Progettazione, Direzione Lavori Espropriazioni

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI PRINCIPALI SERVIZI

COMUNE DI PISTOIA TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI PRINCIPALI SERVIZI Procedure Negoziali Servizio Finanziario Servizi Demografici Tempi medi elaborazione e pubblicazione bandi di gara (dal ricevimento dello schema di capitolato da parte dei servizi) da 15 gg. ad un mese

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ prot. n. 5350 del 28.08.2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014 2015-2016. Via Vittorio Emanuele n 346 95124 Tel.: 095 6136325 fax 095 6136324 C.F.: 80011090877 Premessa Il

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO - Dati strutturali. Dati strutturali. Si/No. Numero. Numero giornate annue. Numero. Km lineari. Numero

FC10U QUESTIONARIO UNICO - Dati strutturali. Dati strutturali. Si/No. Numero. Numero giornate annue. Numero. Km lineari. Numero Dati strutturali Si/No giornate annue Mq Km lineari Mq Unione di comuni o Comunità Montana Consorzio Convenzione intercomunale e altre forme di gestione associata Nome Elenco Comuni che ricevono il Codice

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Comune di Pontassieve

Comune di Pontassieve Comune di Pontassieve PIANO TRIENNALE 2013-2015 PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA. PRIME MISURE ALLEGATO 1 MAPPATURA DEI RISCHI Legenda Rischio 1: Basso Rischio 2: Medio basso Rischio

Dettagli

AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO

AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI ISTRUZIONE - CULTURA SPORT ASSISTENZA DEMOGRAFICI - CIMITERIALI - PERSONALE TRATTAMENTO GIURIDICO UFFICIO SEGRETERIA Responsabile: Fabio Forlani - e.mail:sindaco@mondaino.com

Dettagli

OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete

OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete Risultati dell indagine Pro Loco del Veneto anno 2013 1 OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete 1.Premessa L

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

Polo funzionale 11 Università

Polo funzionale 11 Università Polo funzionale 11 Università Comune: Ravenna Fig.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 11-1 Fig.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r. 20/2000):

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO Provincia di NAPOLI. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2009

COMUNE DI POGGIOMARINO Provincia di NAPOLI. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2009 Provincia di NAPOLI BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2009 PARTE I - ENTRATA 14/05/2009 :00 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 1.147.632,00 1.698.132,00

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA

CENTRO DI RESPONSABILITA CENTRO DI RESPONSABILITA 06 - SERVIZI AL TERRITORIO RESPONSABILE: DOTT. POLENGHI STEFANO ELENCO DEI PROGETTI 1. GESTIRE IL PROTOCOLLO E L ARCHIVIO 2. GESTIONE GIURIDICA ED ECONOMICA DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ministro per la Pubblica Amministrazione e la semplificazione RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL ISTAT E DEGLI UFFICI DEL SISTEMA STATISTICO NAZIONALE E STATO

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE DENOMINATO IGLESI@S DIGIT@LE PER LA PARTECIPAZIONE AL RIUSO DEL PORTALE CITEL DEL COMUNE DI PISA

PROGETTO PRELIMINARE DENOMINATO IGLESI@S DIGIT@LE PER LA PARTECIPAZIONE AL RIUSO DEL PORTALE CITEL DEL COMUNE DI PISA IGLESI@S DIGIT@LE PROGETTO PRELIMINARE DENOMINATO IGLESI@S DIGIT@LE PER LA PARTECIPAZIONE AL RIUSO DEL PORTALE CITEL DEL COMUNE DI PISA. SERVIZI ONLINE PER I CITTADINI IMPRESE - TURISTI Progetto preliminare

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli