RELAZIONE TECNICA DI P R E S C R I Z I O N I I N M A T E R I A D I CONSUMO ENERGETICO C I T T À D I C H I E R I

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA DI P R E S C R I Z I O N I I N M A T E R I A D I CONSUMO ENERGETICO C I T T À D I C H I E R I"

Transcript

1 C I T T À D I C H I E R I C I T T À M E T R O P O L I T A N A D I T O R I N O Ristrutturazione edificio di proprietà comunale Via Albussano 19 / Angolo via della Pace PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA DI RISPONDENZA ALLE P R E S C R I Z I O N I I N M A T E R I A D I CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO NOVEMBRE 2015 F m a r c o m a c c a g n o a r c h i t e t t u r a & t e r r i t o r i o BUTTIGLIERA D'ASTI / VIA VALENTINO 37 / / AT / w w w. s t u d i o m a c c a g n o. i t

2 "Unità 1" RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI intervento edilizio con incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda complessiva comprendente la ristrutturazione degli impianti termici asserviti all'intero edificio 1. INFORMAZIONI GENERALI Comune di CHIERI Edificio pubblico Edificio a uso pubblico Sito in Via Albussano 19/ Angolo Via della Pace Mappale: Sezione: Foglio: Particella: Subalterni: Richiesta Permesso di Costruire n. _, Permesso di Costruire n. _, del / / Variante Permesso di Costruire n. / /, del _ Provincia TORINO Classificazione dell'edificio in base alla categoria di cui al punto 1.2 dell allegato 1 del decreto di cui all art. 4, comma 1 del Dlgs 192/2005 Committente(i): Comune di Chieri (TO) Progettista(i) degli impianti di climatizzazione (invernale ed estiva), dell'isolamento termico e del sistema di ricambio dell'aria dell'edificio: Conte Per. Ind. Massimiliano, da comunicare ad inizio lavori Direttore(i) dei lavori degli impianti di climatizzazione (invernale ed estiva), dell'isolamento termico e del sistema di ricambio dell'aria dell'edificio: Maccagno Arch. Marco, Progettista(i) dei sistemi di illuminazione dell'edificio: da comunicare ad inizio lavori Direttore(i) dei lavori dei sistemi di illuminazione dell'edificio: da comunicare ad inizio lavori Tecnico incaricato per la redazione dell'attestato di Prestazione Energetica (APE): da comunicare ad inizio lavori NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

3 2. FATTORI TIPOLOGICI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) Gli elementi tipologici da fornire, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti (punto 8): - piante di ciascun piano degli edifici con orientamento e indicazione d'uso prevalente dei singoli locali e definizione degli elementi costruttivi - prospetti e sezioni degli edifici con evidenziazione dei sistemi fissi di protezione solare e definizione degli elementi costruttivi - elaborati grafici relativi ad eventuali sistemi solari passivi specificatamente progettati per favorire lo sfruttamento degli apporti solari 3. PARAMETRI CLIMATICI DELLA LOCALITÀ Gradi Giorno (della zona d'insediamento, determinati in base al D.P.R. 412/93): 2778 GG Temperatura minima di progetto (dell'aria esterna, secondo norma UNI 5364 e successivi aggiornamenti): C Temperatura massima estiva di progetto (dell'aria esterna, secondo norma UNI 5364): C PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

4 "Unità 1" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.59 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 1": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:2.04% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:0.83 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: NO NO NO NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

5 - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K "Unità 2" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.50 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 2": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 2" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

6 Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:4.05% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:2.17 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: NO NO NO NO NO Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

7 "Unità 3" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.51 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 3": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 3" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. NO NO NO NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

8 Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:3.58% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:1.34 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

9 "Unità 4" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.61 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 4": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 4" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) NO Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: NO NO NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

10 - acqua calda sanitaria:2.19% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:0.90 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K "Unità 5" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.68 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 5": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

11 Non presente Zona Termica "Unità 5" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) NO Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:3.04% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:1.27 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: NO NO NO NO Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

12 legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K "Unità 6" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.51 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 6": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 6" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

13 Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:1.80% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:0.79 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: NO NO NO Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

14 "Unità 7" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.54 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 7": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 7" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) NO Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. NO NO NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

15 Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:3.67% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:1.14 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

16 "Unità 8" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.56 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 8": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 8" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) NO Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. NO NO NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

17 Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:1.66% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:0.69 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

18 "Unità 9" 4.DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) DELLE RELATIVE STRUTTURE Climatizzazione invernale Volume delle parti di edificio abitabili al lordo delle strutture che li delimitano (V) m 3 Superficie disperdente che delimita il volume riscaldato (S) m 2 Rapporto S/V (fattore di forma) 0.79 m -1 Superficie utile riscaldata dell'edificio m 2 Zona Termica "Unità 9": Valore di progetto della temperatura interna invernale C Valore di progetto dell'umidità relativa interna invernale 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del calore NO Climatizzazione estiva Non Presente Zona Termica "Unità 9" Valore di progetto della temperatura interna estiva C Valore di progetto dell'umidità relativa interna estiva 50 % Presenza sistema di contabilizzazione del freddo SI - metodo indiretto Informazioni generali e prescrizioni Presenza di reti di teleriscaldamento/raffreddamento a meno di 1000 m NO Livello di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell edificio e degli impianti termici (BACS): CLASSE A - Sistema con prestazioni elevate (min = classe B - UNI EN 15232) Adozione di materiali ad elevata riflettenza solare per le coperture Valore di riflettenza solare coperture piane = 0.00 (> 0.65 per le coperture piane) Valore di riflettenza solare coperture a falda = 0.00 (> 0.30 per le coperture a falda) NO Adozione di tecnologie di climatizzazione passiva per le coperture Adozione di misuratori d energia (Energy Meter) Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del calore Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta del freddo Adozione di sistemi di contabilizzazione diretta dell A.C.S. Utilizzazione di fonti di energia rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione, le modalità e le decorrenze di cui all allegato 3, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28. NO NO NO NO NO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

19 Produzione di energia termica Indicare la % di copertura tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, dei consumi previsti per: - acqua calda sanitaria:3.38% - acqua calda sanitaria, climatizzazione invernale, climatizzazione estiva:1.05 % Produzione di energia elettrica Indicare la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: - superficie in pianta dell'edificio a livello del terreno S: 0.00 m 2 - potenza elettrica P=(1/K)*S: 0.00 kw Descrizione e potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili: Adozione sistemi di regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Adozione sistemi di compensazione climatica nella regolazione automatica della temperatura ambiente singoli locali o nelle zone termiche servite da impianti di climatizzazione invernale SI Valutazione sull efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate sia esterni che interni presenti: Verifiche di cui alla lettera b) del punto del decreto di cui all articolo 4, comma 1 del decreto legislativo 192/2005. Il dettaglio delle singole pareti è contenuto nelle schede tecniche. Tutte le pareti opache verticali ad eccezione di quelle comprese nel quadrante nord-ovest/nord/nord-est: Verificato valore della massa superficiale parete M S > 230 kg/m 2 valore del modulo della trasmittanza termica periodica Tutte le pareti opache orizzontali e inclinate: Verificato valore del modulo della trasmittanza termica periodica Y IE < 0,10 W/m 2 K Y IE = < 0,18 W/m 2 K PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

20 5. DATI RELATIVI AGLI IMPIANTI DELLE NOVE UNITA ABITATIVE 5.1 Impianti termici Impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale e/o estiva e/o produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato. a) Descrizione impianto - Tipologia: Impianto termico autonomo, destinato al riscaldamento degli appartamenti ed alla produzione di acqua calda sanitaria - Sistemi di generazione: generatore di calore ad acqua calda a condensazione, alimentato a Metano - Sistemi di termoregolazione: gruppo di termoregolazione in centrale termica, pilotato dalla temperatura esterna ed operante sulla temperatura dell acqua in uscita del generatore di calore, il gruppo è dotato di programmatore che consente la regolazione della temperatura ambiente su due livelli nell arco delle 24 h - Sistemi di contabilizzazione dell'energia termica: non presente, in quanto solo per imp. centralizzati - Sistemi di distribuzione del vettore termico: Impianto termico autonomo, dotato di colonne montanti fino al collettore di zona di ogni appartamento e distribuzione tramite pannelli radianti annegati a pavimento e termo arreda di integrazione a bassa temperatura nei bagni - Sistemi di ventilazione forzata: Assente - Sistemi di accumulo termico: Assente - Sistema di produzione e di distribuzione dell'acqua calda sanitaria: l acqua calda sanitaria è prodotta dallo stesso generatore di calore impiegato per il riscaldamento. Trattamento di condizionamento chimico per l'acqua, norma UNI 3065: SI (Filtro con polifosfati) Durezza dell'acqua di alimentazione dei generatori di calore per potenza installata maggiore o uguale a 100 kw: 0.00 gradi francesi Filtro di sicurezza: NO b) Specifiche dei generatori di energia a servizio dell'eodc Installazione di un contatore del volume di acqua calda sanitaria: NO Installazione di un contatore del volume di acqua di reintegro dell'impianto: NO Impianto "PRINCIPALE" Servizio svolto: Climatizzazione Invernale combinato con ACS c) Specifiche relative ai sistemi di regolazione dell'impianto termico Tipo di conduzione invernale prevista: Continua con attenuazione notturna Tipo di conduzione estiva prevista: Non prevista Sistema di gestione dell'impianto termico: Sistema di regolazione climatica in centrale termica - centralina climatica: Centralina climatica che regola la temperatura di mandata in funzione della temperatura esterna - numero di livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: 3 Regolatori climatici e dispositivi per la regolazione automatica della temperatura ambiente nei singoli locali o nelle singole zone o unità immobiliari PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

21 Zona Termica "Unità 1" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 2" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 3" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 4" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

22 Zona Termica "Unità 5" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 6" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 7" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 8" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna Zona Termica "Unità 9" Sistema di regolazione - tipo di regolazione: Zona più climatica - caratteristiche della regolazione: Proporzionale 1 C Numero di apparecchi: 1 termostato Descrizione sintetica delle funzioni: accensione e spegnimento a seconda della temperatura e dell orario impostati PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

23 Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: la programmazione èsuddivisa in tre livelli di temperatura: locale occupato, locale non occupato e attenuazione notturna d) Dispositivi per la contabilizzazione del calore/freddo nelle singole unità immobiliari Solo per impianti centralizzati e) Terminali di erogazione dell'energia termica Il tipo e la potenza termica nominale sono elencati per zona termica: IMPIANTO "PRINCIPALE" AD ACQUA Zona Termica "Unità 1": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 2": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 3": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 4": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 5": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 6": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 7": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 8": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. Zona Termica "Unità 9": Tipo terminale: Pannelli annegati a pavimento. f) Condotti di evacuazione dei prodotti della combustione Descrizione e caratteristiche principali: Condotti in plastica circolari, con camino in muratura a camino singolo Norma di dimensionamento: UNI EN g) Sistemi di trattamento dell'acqua Descrizione e caratteristiche principali: Trattamento dell'acqua conforme alla UNI 8065, mediante condizionamento chimico con ammine alifatiche filmanti, di composizione compatibile con la legislazione sulle acque di scarico h) Specifiche dell'isolamento termico della rete di distribuzione L isolamento sarà eseguito secondo l allegato B, tabella 1 del DPR 412/93. i) Schemi funzionali degli impianti termici Allegati alla presente relazione, gli schemi unifilari degli impianti termici con specificato: - il posizionamento e le potenze dei terminali di erogazione; - il posizionamento e tipo di generatori; PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

24 - il posizionamento e tipo degli elementi di distribuzione; - il posizionamento e tipo degli elementi di controllo; - il posizionamento e tipo degli elementi di sicurezza. 5.2 Impianti fotovoltaici Non pesente 5.3 Impianti solari termici Non pesente 5.4 Impianti di illuminazione Descrizione con caratteristiche tecniche e schemi funzionali in allegato 5.5 Altri impianti Non Presenti PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

25 6. PRINCIPALI RISULTATI DEI CALCOLI UNITA 1 Edificio a energia quasi zero: NO a) Involucro edilizio e ricambi d'aria Nelle schede tecniche allegate sono riportati: trasmittanza termica (U) degli elementi divisori tra alloggi o unità immobiliari confinanti di pareti verticali e solai, confrontando con il valore limite pari a 0,8 W/m 2 K verifica termoigrometrica Per ogni zona termica: Zona Termica "Unità 1" Numero di ricambi d'aria (media nelle 24 ore): 0.18 vol/h b) Indici di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ed estiva, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e l'illuminazione Coefficiente medio globale di scambio termico per trasmissione per unità di superficie disperdente H' T 0.40 W/K H' T,lim 0.65 W/K VERIFICATA Area solare equivalente estiva dei componenti finestrati A sol,est /A sol,est 0.03 (A sol,est /A sol,est ) lim 0.04 NON RICHIESTO Indice di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale dell'edificio EP H,nd kwh/m 2 EP H,nd,lim kwh/m 2 NON RICHIESTO Indice di prestazione termica utile per la climatizzazione estiva dell'edificio EP C,nd kwh/m 2 EP C,nd,lim kwh/m 2 NON RICHIESTO Indice di prestazione energetica globale dell'edificio (energia primaria) EP gl,tot kwh/m 2 EP gl,tot,lim kwh/m 2 NON RICHIESTO Efficienza media stagionale dell'impianto di riscaldamento η H 0.86 η H,lim 0.73 VERIFICATA Efficienza media stagionale dell'impianto di produzione dell'acqua calda sanitaria η W 0.81 η W,lim 0.57 VERIFICATA Efficienza media stagionale dell'impianto di raffrescamento η C 0.00 η C,lim 0.00 VERIFICATA PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

26 c) Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria Non Presente d) Impianti fotovoltaici Non Presente e) Consuntivo energia Energia consegnata o fornita (E del ): kwh/m²anno Energia rinnovabile (EP gl,ren ): 1.15 kwh/m 2 anno Energia esportata: 0.00 kwh Energia rinnovabile in situ: 0.00 kwhel Fabbisogno globale di energia primaria (EP gl,tot ): kwh/m 2 anno f) Valutazione della fattibilità tecnica, ambientale ed economica per l'inserimento di sistemi ad alta efficienza Schede in allegato 6. PRINCIPALI RISULTATI DEI CALCOLI UNITA 2 Edificio a energia quasi zero: NO a) Involucro edilizio e ricambi d'aria Nelle schede tecniche allegate sono riportati: trasmittanza termica (U) degli elementi divisori tra alloggi o unità immobiliari confinanti di pareti verticali e solai, confrontando con il valore limite pari a 0,8 W/m 2 K verifica termoigrometrica Per ogni zona termica: Zona Termica "Unità 2" Numero di ricambi d'aria (media nelle 24 ore): 0.18 vol/h b) Indici di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ed estiva, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e l'illuminazione Coefficiente medio globale di scambio termico per trasmissione per unità di superficie disperdente H' T 0.13 W/K H' T,lim 0.65 W/K VERIFICATA Area solare equivalente estiva dei componenti finestrati A sol,est /A sol,est 0.03 (A sol,est /A sol,est ) lim 0.03 NON RICHIESTO Indice di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale dell'edificio EP H,nd kwh/m 2 EP H,nd,lim kwh/m 2 NON RICHIESTO Indice di prestazione termica utile per la climatizzazione estiva dell'edificio EP C,nd kwh/m 2 EP C,nd,lim kwh/m 2 NON RICHIESTO PROGETTOUNICO Strada Bianchi Villanova d Asti (AT) Tel/Fax:

RELAZIONE ENERGETICA

RELAZIONE ENERGETICA RELAZIONE ENERGETICA RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO

Dettagli

Comune di PRATO. Provincia di PRATO RELAZIONE TECNICA

Comune di PRATO. Provincia di PRATO RELAZIONE TECNICA Comune di PRATO Provincia di PRATO RELAZIONE TECNICA di cui al c. 1 dell art. 8 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del

Dettagli

Comune di NETTUNO. Provincia di ROMA

Comune di NETTUNO. Provincia di ROMA Comune di NETTU Provincia di ROMA RELAZIONE TECNICA di cui al c. 1 dell art. 8 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del

Dettagli

ALLEGATO E (Allegato I, comma 19)

ALLEGATO E (Allegato I, comma 19) ALLEGATO E (Allegato I, comma 19) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Egregio Signor SINDACO del comune di Aosta, (AO) e p.c. all'ufficio tecnico del comune di Aosta, (AO)

Egregio Signor SINDACO del comune di Aosta, (AO) e p.c. all'ufficio tecnico del comune di Aosta, (AO) Egregio Signor SINDACO del comune di Aosta, (AO) e p.c. all'ufficio tecnico del comune di Aosta, (AO) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA

Dettagli

Progetto per la realizzazione di:

Progetto per la realizzazione di: Progetto per la realizzazione di: Impianto di condizionamento per completamento Palazzo di Giustizia di Vibo Valentia RELAZIONE TECNICA COME DISPOSTO DALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Pacchetto Energia (art.28 L.10/1991 e s.m.)

RELAZIONE TECNICA Pacchetto Energia (art.28 L.10/1991 e s.m.) COMUNE DI SOLIERA Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio AL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO Relazione pacchetto energia Ultimo aggiornamento 28.11.2009 RELAZIONE TECNICA Pacchetto Energia

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DLgs 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DLgs 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DLgs 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E DPR 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : Comune di Marliana EDIFICIO : Ampliamento della scuola elementare di Marliana

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 (allegato 4 della delibera dell Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, che ha approvato l atto di indirizzo

Dettagli

CENTRO SERVIZI INTEGRATO ALLE IMPRESE

CENTRO SERVIZI INTEGRATO ALLE IMPRESE REGIONE SICILIANA Presidenza del Consiglio dei Ministri ASSESSORATO REGIONALE DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE Questo elaborato è di proprietà dell'ing. Francesco Freni tutti i diritti sono riservati. I disegni

Dettagli

Istruzioni per la generazione della Relazione Tecnica ex Legge 10:

Istruzioni per la generazione della Relazione Tecnica ex Legge 10: Istruzioni per la generazione della Relazione Tecnica ex Legge 10: - nella modalità Bozza premere il pulsante in alto a destra Evidenzia campi per visualizzare le caselle da compilare; - compilare i corrispondenti

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL SS 97 per Spinazzola Km

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di MONOPOLI. Provincia di BARI. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di MONOPOLI. Provincia di BARI. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di MONOPOLI Provincia di BARI RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo 29 dicembre

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEI CORPI DI FABBRICA E DELL AREA DI PERTINENZA IN VIA PREALPI n 26 IN LOCALITA STALLAVENA

RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEI CORPI DI FABBRICA E DELL AREA DI PERTINENZA IN VIA PREALPI n 26 IN LOCALITA STALLAVENA RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEI CORPI DI FABBRICA E DELL AREA DI PERTINENZA IN VIA PREALPI n 26 IN LOCALITA STALLAVENA RELAZIONE TECNICA COME DISPOSTO DALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991,

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI Supplemento ordinario n. 39 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 162

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI Supplemento ordinario n. 39 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 162 ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Gli adempimenti della nuova disciplina regionale in materia di efficienza energetica degli edifici

Gli adempimenti della nuova disciplina regionale in materia di efficienza energetica degli edifici Gli adempimenti della nuova disciplina regionale in materia di efficienza energetica degli edifici D.d.u.o. 6480/2015 maggio 2016 - Documento ad uso del Sistema associativo lombardo - Si riportano nel

Dettagli

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero ALLEGATO 1 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 4 agosto 2009, n D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 4 agosto 2009, n D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 4 agosto 2009, n. 46-11968 D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO : Palazzina 2 unità Uffici - 4 Residenziali

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. RR 6 marzo 2015, n. 1

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. RR 6 marzo 2015, n. 1 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E RR 6 marzo 2015, n. 1 COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO : Palazzina 2 unità Uffici - 4 Residenziali INDIRIZZO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. RR 13 novembre 2012, n. 6

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. RR 13 novembre 2012, n. 6 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E RR 13 novembre 2012, n. 6 COMMITTENTE : Società cooperativa edilizia S. Stefano del Ponte EDIFICIO : Case di civile

Dettagli

Art. 28 legge 10/91 1. INFORMAZIONI GENERALI

Art. 28 legge 10/91 1. INFORMAZIONI GENERALI RELAZIONE TECNICA ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI DI CUI ALL ART. 28 DELLA LEGGE 10/91 con riferimento a: D.P.R. n 412 del 26

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 17 Luglio 2015 n DGR 30 Luglio 2015 n. 6480

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 17 Luglio 2015 n DGR 30 Luglio 2015 n. 6480 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 17 Luglio 2015 n. 3868 DGR 30 Luglio 2015 n. 6480 COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO : Palazzina 2 unità Uffici - 4 Residenziali INDIRIZZO : Via Verdi

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. Decreto 26 giugno 2015

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. Decreto 26 giugno 2015 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA Decreto 26 giugno 2015 COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO INDIRIZZO COMUNE INTERVENTO : Palazzina 2 unità Uffici - 4 Residenziali : Via Verdi 1, Roma : Roma

Dettagli

RELAZI ONE TECNI CA. Comune di Robeccheto con Induno. Provincia di MILANO

RELAZI ONE TECNI CA. Comune di Robeccheto con Induno. Provincia di MILANO Comune di Robeccheto con Induno Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZI ONE TECNI CA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : Provincia di Novara EDIFICIO : Istituto Magistrale Bellini INDIRIZZO

Dettagli

Comune di NAPOLI Provincia NAPOU. RELfiZIONE TECNICA. RisDondenza alle or scdtoni in materia di contsnlmento ene djco

Comune di NAPOLI Provincia NAPOU. RELfiZIONE TECNICA. RisDondenza alle or scdtoni in materia di contsnlmento ene djco Comune di NAPOLI Provincia NAPOU RELfiZIONE TECNICA RisDondenza alle or scdtoni in materia di contsnlmento del @rsuno ene djco D, Eú 19 46to 2!t0s n.rt2..m,l, D.t R. n.59/ltt - o.ir. 26.6,Oe o.l.lr. 3

Dettagli

Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici

Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici Arch. Erika Favre - COA energia Finaosta S.p.A. L edificio oggetto di intervento

Dettagli

RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ART. 28 DELLA LEGGE N. 10 DEL 9/1/1991, REDATTA SECONDO L ALL. B DELLA D.G.R. LOMBARDIA 8-5018/2007 E S.M.I., CON PROCEDURA DI CALCOLO DA D.D.G. LOMBARDIA 5796/2009 E 14006/2009

Dettagli

COMUNE DI RIVARA PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI RIVARA PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE TECNICA 1 COMUNE DI RIVARA PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

DECRETA. Art. 1 (Ambito di intervento e finalità) Art. 2 (Relazioni tecniche di progetto)

DECRETA. Art. 1 (Ambito di intervento e finalità) Art. 2 (Relazioni tecniche di progetto) Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Vista la direttiva 2010/31/UE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SEZIONE PRIMA - VERIFICA DEI REQUISITI

RELAZIONE TECNICA SEZIONE PRIMA - VERIFICA DEI REQUISITI RELAZIONE TECNICA Relazione tecnica di progetto attestante la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e dei relativi impianti termici (art. 8 comma 2) SEZIONE

Dettagli

Intervento di efficientamento energetico edificio

Intervento di efficientamento energetico edificio REGIONE LAZIO Città Metropolitana di Roma Capitale COMUNE DI CIVITAVECCHIA AZIENDA TERRITORIALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA Intervento di efficientamento energetico

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 D.P.P. 13 luglio 2009, n. 11-13/Leg D.P.P. 15 marzo 2012, n. 5-80/Leg COMMITTENTE

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1di 3 17/07/2015 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 26 giugno 2015 Schemi e modalita' di riferimento

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario 1 di 3 04/10/2015 11.06 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 26 giugno 2015 Schemi e modalita' di riferimento

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/ ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/ ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 - ALLEGATO B COMMITTENTE : AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MONTE MARENZO EDIFICIO : RISTRUTTURAZIONE PALAZZO MUNICIPALE P. TERRA

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA LEGGE 3 APRILE 2014 N. 48 ALLEGATO 4

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA LEGGE 3 APRILE 2014 N. 48 ALLEGATO 4 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA LEGGE 3 APRILE 2014 N. 48 ALLEGATO 4 COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO : Palazzina INDIRIZZO : COMUNE : San Marino Rif.: Esempio.E0001 Software di calcolo : Edilclima

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di ROVIGO. Provincia di ROVIGO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di ROVIGO. Provincia di ROVIGO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di ROVIGO Provincia di ROVIGO RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico D. Lgs. 19 agosto 2005 n.192 e s.m.i. D.P.R. n.59/09 - D.M. 26.6.09

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO Area Lavori Pubblici

COMUNE DI FOLIGNO Area Lavori Pubblici COMUNE DI FOLIGNO Area Lavori Pubblici Nuova scuola dell infanzia di Scafali Relazione impianto idrico RELAZIONE IMPIANTO IDRICO Lo scopo del presente paragrafo consiste nell illustrare le scelte progettuali

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. ELAB. A1a- RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

PROGETTO ESECUTIVO. ELAB. A1a- RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE VIA TRINCHESE 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI COMPLETAMENTO DI 22 ALLOGGI FABB.1 FABB.2

Dettagli

1/6 1 - DATI GENERALI INTERVENTO. Titolare (cognome e nome, ragione sociale) Tipo procedimento Perm. di costruire si DIA / SUPERDIA.

1/6 1 - DATI GENERALI INTERVENTO. Titolare (cognome e nome, ragione sociale) Tipo procedimento Perm. di costruire si DIA / SUPERDIA. COMUNE DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Sportello Unico per l Edilizia Servizio Monitoraggio del Territorio e Condono Ufficio Contenimento Risorse Energetiche in edilizia Modello

Dettagli

1/ DATI GENERALI INTERVENTO. Titolare (cognome e nome, ragione sociale) Tipo procedimento Perm. di costruire si DIA / SUPERDIA.

1/ DATI GENERALI INTERVENTO. Titolare (cognome e nome, ragione sociale) Tipo procedimento Perm. di costruire si DIA / SUPERDIA. COMUNE DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Sportello Unico per l Edilizia Servizio Monitoraggio del Territorio e Condono Ufficio Contenimento Risorse Energetiche in edilizia Modello

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. Decreto interministeriale 26 giugno 2015

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. Decreto interministeriale 26 giugno 2015 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA Decreto interministeriale 26 giugno 2015 COMMITTENTE : Comune di Fabbrico EDIFICIO : Palazzetto dello sport FABBRICO INDIRIZZO : via dello Sport COMUNE : Fabbrico

Dettagli

Comune di Campi Salentina. Provincia di Lecce

Comune di Campi Salentina. Provincia di Lecce Comune di Campi Salentina Provincia di Lecce RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 - ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 - ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 - ALLEGATO B COMMITTENTE : COMUNE di SEREGNO EDIFICIO : ABITAZIONI CIVILI - N. 10 APPARTAMENTI INDIRIZZO : VIA SAN GIUSEPPE

Dettagli

Comune di SAN REMO Provincia di IMPERIA RELAZIONE TECNICA. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

Comune di SAN REMO Provincia di IMPERIA RELAZIONE TECNICA. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di SAN REMO Provincia di IMPERIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 N.192 Decreto Legislativo 29

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Gobbi Frattini Srl EDIFICIO : Zona uffici - Stabilimento Gobbi-Frattini INDIRIZZO : località Pigna,

Dettagli

APPALTO MISTO DI LAVORI E SERVIZI PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DEL 1 STRALCIO FUNZIONALE DELLA NUOVA SCUOLA PRIMARIA

APPALTO MISTO DI LAVORI E SERVIZI PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DEL 1 STRALCIO FUNZIONALE DELLA NUOVA SCUOLA PRIMARIA 1. INFORMAZIONI GENERALI Comune di: Monteveglio Provincia: BO Progetto per la realizzazione di: (specificare il tipo di opere) Realizzazione della nuova scuola primaria Sito in: Monteveglio (BO) Capoluogo

Dettagli

Comune di Tradate Edilizia Privata

Comune di Tradate Edilizia Privata Comune di Tradate Edilizia Privata Adempimenti D.Lgs. 192/05 e D.Lgs. 311/06 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA del Ministero dell Economia Conforme all Allegato A al D.M. 19 febbraio 2007 Dati riferiti

Dettagli

Allegato C RELAZIONE TECNICA

Allegato C RELAZIONE TECNICA Allegato C RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA DI CUI AL PUNTO 4.8 DELLE DISPOSIZIONI ALLEGATE AL DECRETO ATTUATIVO DELLA DGR 3868 DEL 17.7.2015 Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo

Dettagli

Ridurre i consumi energetici per la climatizzazione invernale e per la produzione di ACS.

Ridurre i consumi energetici per la climatizzazione invernale e per la produzione di ACS. ESIGENZA DA SODDISFARE Ridurre i consumi energetici per la climatizzazione invernale e per la produzione di ACS. CAMPO D'APPLICAZIONE Usi di cui all'art. 3, DPR 412/93 e s.m.: Tutte le destinazioni d'uso

Dettagli

REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA

REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA A seconda del tipo di intervento ai sensi dell art. 2 bis del decreto del Presidente della Provincia 13 luglio 2009, n. 11-13/Leg. e s.m. Ristrutturazione importante

Dettagli

Linee guida verifiche DGP n. 162 del Provincia di Trento

Linee guida verifiche DGP n. 162 del Provincia di Trento Linee guida verifiche DGP n. 162 del 12.2.2016 Provincia di Trento 1) Impostare nella scheda regime normativo il decreto nazionale D. Interm. 26/06/2015 per quanto riguarda le verifiche di legge; 2) Abilitare

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA (dati riferiti alla situazione successiva agli interventi)

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA (dati riferiti alla situazione successiva agli interventi) Comune di Bubbiano Provincia di Milano N.P.G. Area Tecnica Piazza Vittorio Veneto,16 C.A.P. 20080 Tel. 02 90848838 Fax 02 90849018 e-mail: tecnico@comune.bubbiano.mi.it ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero ALLEGATO 1 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO SUPERIORE M. BUONARROTI SEDE STACCATA

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO SUPERIORE M. BUONARROTI SEDE STACCATA Novembre 2013 Pagina 1 di 10 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di BRUSCIANO. Provincia di NAPOLI. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di BRUSCIANO. Provincia di NAPOLI. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di BRUSCIANO Provincia di NAPOLI RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo 29

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005 N.192 così come modificato dal Decreto Legislativo 29 dicembre 2006 N.311 OGGETTO: Fabbricato a destinazione sito a in Via.. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 4. DGR 26 settembre 2011, n RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

ALLEGATO 4. DGR 26 settembre 2011, n RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 ALLEGATO 4 DGR 26 settembre 2011, n. 1366 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : Pluto COMUNE : BOLOGNA INTERVENTO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/ ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/ ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 - ALLEGATO B COMMITTENTE : COMUNE DI CASTELLEONE EDIFICIO : SCUOLA DELL INFANZIA COMUNE : CASTELLEONE INTERVENTO : Edificio

Dettagli

Opere relative a: Ospedale SS Cosma Damiano Spostamento Pronto Soccorso Località :

Opere relative a: Ospedale SS Cosma Damiano Spostamento Pronto Soccorso Località : RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI. APPLICAZIONE DECRETI

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO INDIRIZZO COMUNE : Scuola Secondaria : Rogeno,Via vecchia

Dettagli

COMUNE DI ROMA PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ROMA PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ROMA PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Obblighi normativi sui requisiti minimi di efficienza energetica in edilizia. Sandro Scansani (Dipartimento ABC Politecnico di Milano)

Obblighi normativi sui requisiti minimi di efficienza energetica in edilizia. Sandro Scansani (Dipartimento ABC Politecnico di Milano) Obblighi normativi sui requisiti minimi di efficienza energetica in edilizia Sandro Scansani (Dipartimento ABC Politecnico di Milano) QUADRO TEMPORALE LEGISLATIVO 17 gen 1991 16 ago 2005 L10/91 e decreti

Dettagli

Gli impianti e la direttiva 2010/31/UE

Gli impianti e la direttiva 2010/31/UE EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO Gli impianti e la direttiva 2010/31/UE Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino 1/41 Italia Domanda di energia primaria Italia: domanda di energia primaria

Dettagli

Modulo REE Ristrutturazione o Demolizione e ricostruzione di Edifici Esistenti

Modulo REE Ristrutturazione o Demolizione e ricostruzione di Edifici Esistenti Modulo -REE Modulo REE Ristrutturazione o Demolizione e ricostruzione di Edifici Esistenti Dati generali dell edificio Permesso di costruire/ Denuncia inizio attività n. del Committente Categoria di edificio

Dettagli

Il progetto del nuovo: problematiche Certificazione energetica: norme e pratica professionale. Napoli, 28 marzo

Il progetto del nuovo: problematiche Certificazione energetica: norme e pratica professionale. Napoli, 28 marzo prof. ing. Vincenzo Corrado Politecnico di Torino Il progetto del nuovo: problematiche Regole per il progetto energetico del nuovo - Legislazione energetica - Legge 10/1991 + decreti di attuazione - Decreto

Dettagli

Comune di GENONI. Provincia di ORISTANO

Comune di GENONI. Provincia di ORISTANO Comune di GENONI Provincia di ORISTANO RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico D. Lgs. 19 agosto 2005 n.192 e s.m.i. D.P.R. n.59/09 - D.M. 26.6.09

Dettagli

ALLEGATO 3. Legge 3 aprile 2014, n. 48 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ALLEGATO 3 DELLA LEGGE 3 APRILE 2014, N. 48

ALLEGATO 3. Legge 3 aprile 2014, n. 48 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ALLEGATO 3 DELLA LEGGE 3 APRILE 2014, N. 48 ALLEGATO 3 Legge 3 aprile 2014, n. 48 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ALLEGATO 3 DELLA LEGGE 3 APRILE 2014, N. 48 COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO : Palazzina 2 unità Uffici - 4 Residenziali INDIRIZZO

Dettagli

Studio Tecnico DIESSE Pordenone (PN)

Studio Tecnico DIESSE Pordenone (PN) Studio Tecnico DIESSE Pordenone (PN) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

La nuova legge 10 e le verifiche di progetto. Esempi svolti con TERMOLOG EpiX 7

La nuova legge 10 e le verifiche di progetto. Esempi svolti con TERMOLOG EpiX 7 La nuova legge 10 e le verifiche di progetto Esempi svolti con TERMOLOG EpiX 7 Obblighi normativi sui requisiti minimi di efficienza energetica in edilizia Sandro Scansani (Dipartimento ABC Politecnico

Dettagli

ALLEGATO 4 SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA

ALLEGATO 4 SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 4 SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA Il presente Allegato riporta lo schema di relazione tecnica di progetto attestante la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli

Dettagli

Allegato C RELAZIONE TECNICA

Allegato C RELAZIONE TECNICA Allegato C RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA DI CUI AL PUNTO 4.8 DELL ALLEGATO 1 DEL DECRETO ATTUATIVO DELLA DGR 3868 DEL 17.7.2015 Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. (Provincia di Firenze) D.L.vo n ALLEGATO E

COMUNE di EMPOLI. (Provincia di Firenze) D.L.vo n ALLEGATO E MPS COMUNE di EMPOLI (Provincia di Firenze) D.L.vo 19.08.2005 n.192 - ALLEGATO E VERIFICA del SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO e PROGETTO dell'impianto di RISCALDAMENTO Legge 09 gennaio 1991 n. 10 D.P.R. 26 agosto

Dettagli

Comune di VILLA DI BRIANO. Provincia di CASERTA

Comune di VILLA DI BRIANO. Provincia di CASERTA Comune di VILLA DI BRIANO Provincia di CASERTA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo

Dettagli

Esempi e applicazioni di architettura sostenibile

Esempi e applicazioni di architettura sostenibile Esempi e applicazioni di architettura sostenibile Comune: Montopoli in Val d Arno PI Progetto: Fabbricato per civile abitazione Committente: Anfima sas Zona Climatica: D Gradi Giorno: 1714 Superficie:

Dettagli

PARCO NATURALE ADAMELLO-BRENTA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO ESECUTIVO CENTRO DIDATTICO - FAUNISTICO

PARCO NATURALE ADAMELLO-BRENTA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO ESECUTIVO CENTRO DIDATTICO - FAUNISTICO PARCO NATURALE ADAMELLO-BRENTA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO ESECUTIVO CENTRO DIDATTICO - FAUNISTICO del Parco Naturale Adamello Brenta acqua terra aria in C.C. Spiazzo I Lotto Modulo Acqua Committente:

Dettagli

Comune di VILLASIMIUS Provincia di CAGLIARI

Comune di VILLASIMIUS Provincia di CAGLIARI ====================================================================== Comune di VILLASIMIUS Provincia di CAGLIARI ====================================================================== RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Il progetto degli edifici nzeb: novità in Lombardia

Il progetto degli edifici nzeb: novità in Lombardia Il progetto degli edifici nzeb: novità in Lombardia Il progetto degli edifici nzeb: novità in Lombardia Il quadro normativo in merito agli nzeb Cosa si intende per edificio nzeb I casi di Regione Lombardia

Dettagli

ESEMPI COSTRUTTIVI CON SISTEMA A SECCO IN T O S C A N A

ESEMPI COSTRUTTIVI CON SISTEMA A SECCO IN T O S C A N A ESEMPI COSTRUTTIVI CON SISTEMA A SECCO IN T O S C A N A arch. Alessandro Panichi Docente di TECNICHE DEL CONTROLLO AMBIENTALE Dipartimento TAeD Universita di Firenze D. LEG.VI 192 2005 / 311 2006 Allegato

Dettagli

RELAZIONE ENERGETICA

RELAZIONE ENERGETICA COMMITTENTE: COMUNE DI ALBIANO OGGETTO: LAVORI SUPPLEMENTARI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO EDIFICIO ADIBITO A SCUOLA PRIMARIA LOCALITÀ DELL'INTERVENTO: COMUNE DI ALBIANO, VIA RICCARDI, N FASE PROGETTUALE:

Dettagli

INDICE. PREMESSA... p. 1

INDICE. PREMESSA... p. 1 III INDICE PREMESSA... p. 1 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. UNI/TS 11300-1... 3 1.2. UNI/TS 11300-2... 4 1.3. UNI/TS 11300-3... 5 1.4. UNI/TS 11300-4... 5 1.5. UNI/TS 11300-5... 5 1.6. UNI/TS 11300-6... 5 1.7.

Dettagli

Cagliari, 5 aprile Edifici ad Energia Quasi Zero (nzeb) Claudio Del Pero

Cagliari, 5 aprile Edifici ad Energia Quasi Zero (nzeb) Claudio Del Pero Efficienza energetica e comfort abitativo Tecnologie non invasive e sicurezza Sostenibilità economica e ambientale Cagliari, 5 aprile 2016 Edifici ad Energia Quasi Zero (nzeb) Claudio Del Pero Direttiva

Dettagli

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB)

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) 3 VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) I nuovi decreti sull efficienza energetica degli edifici L entrata in vigore del D.Lgs 192 nell ottobre 2005 ha portato alla ribalta anche nel nostro Paese il

Dettagli

di cui è composto l'edificio: Subalterni da a da a da a da a Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

di cui è composto l'edificio: Subalterni da a da a da a da a Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Gruppo di unità immobiliari Ristrutturazione

Dettagli

di cui è composto l'edificio: Altro: Subalterni da a da a da a da a Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

di cui è composto l'edificio: Altro: Subalterni da a da a da a da a Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Gruppo di unità immobiliari Ristrutturazione

Dettagli

EDIFICI A CONSUMO ENERGETICO QUASI ZERO

EDIFICI A CONSUMO ENERGETICO QUASI ZERO ECO-CASE EDILCLIMA EDIFICI A CONSUMO ENERGETICO QUASI ZERO PLANIMETRIA PRELIMINARE Tenendo conto dei vincoli legati al lotto si è definita una soluzione planimetrica di massima. SCELTA DELLA TIPOLOGIA

Dettagli

Gruppo di unità immobiliari. Numero di unità immobiliari Riqualificazione energetica. di cui è composto l'edificio: Altro:

Gruppo di unità immobiliari. Numero di unità immobiliari Riqualificazione energetica. di cui è composto l'edificio: Altro: DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Dati identificativi Intero edificio Unità immobiliare Gruppo di unità immobiliari Nuova

Dettagli

Un progetto per la razionalizzazione delle politiche di sostenibilità energetica

Un progetto per la razionalizzazione delle politiche di sostenibilità energetica Un progetto per la razionalizzazione delle politiche di sostenibilità energetica Comune di Monasterolo del Castello Valutazione ex-ante azioni www.factor20.it Più risparmio energetico, più fonti rinnovabili,

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : Comune di Roccaraso EDIFICIO : Auditorium INDIRIZZO : via Mori, via

Dettagli

Modello tipo come previsto dall allegato E del D.lgs 192- G.U. n. 222 del 23/09/05

Modello tipo come previsto dall allegato E del D.lgs 192- G.U. n. 222 del 23/09/05 Via S.Pellico, 6 53044 - Chiusi Scalo SIENA Tel. 0578/227285-227489 Fax 0578/21225 e-mail: info@stigstudiotecnico.it Sito Internet: www.stigstudiotecnico.it RELAZIONE TECNICA COME DISPOSTO DALL ARTICOLO

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE IMPORTANTE DI PRIMO LIVELLO (Par. 1.4.1, comma 3, lettera a) Allegato 1 Decreto "Requisiti minimi")

RISTRUTTURAZIONE IMPORTANTE DI PRIMO LIVELLO (Par. 1.4.1, comma 3, lettera a) Allegato 1 Decreto Requisiti minimi) RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL'ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

Dettagli

Decreto Ministeriale del 26/6/ Nuove disposizioni legislative nazionali. Entrata in vigore: 1 ottobre 2015 PRIMO DECRETO

Decreto Ministeriale del 26/6/ Nuove disposizioni legislative nazionali. Entrata in vigore: 1 ottobre 2015 PRIMO DECRETO 1 II Decreto Ministeriale del 26/6/2015 - Nuove disposizioni legislative nazionali PRIMO DECRETO Entrata in vigore: 1 ottobre 2015 Adeguamento linee guida nazionali per la certificazione energetica degli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 8 DELLA DGR 20 LUGLIO 2015, n. 967 ALLEGATO 4

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 8 DELLA DGR 20 LUGLIO 2015, n. 967 ALLEGATO 4 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 8 DELLA DGR 20 LUGLIO 2015, n. 967 ALLEGATO 4 COMMITTENTE : Mario Bianchi EDIFICIO INDIRIZZO COMUNE INTERVENTO : Palazzina 2 unità Uffici - 4 Residenziali : Via Verdi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 1 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Applicazione della D.A.L. 4 marzo 2008 n. 156 come modificata dalla D.G.R. 26 settembre 2011 n. 1366 Lo schema di relazione tecnica

Dettagli

Verso edifici ad energia quasi zero

Verso edifici ad energia quasi zero Verso edifici ad energia quasi zero L esperienza di ACER Ravenna nell edilizia sostenibile Manutenzioni Patrimoniali Ravenna s.r.l. 1 UN FABBRICATO DA N.16 UNITÀ Il contesto Il progetto «La pelle» «Il

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 Gazzetta Ufficiale 10 giugno 2009, n. 132

Decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 Gazzetta Ufficiale 10 giugno 2009, n. 132 Decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 Gazzetta Ufficiale 10 giugno 2009, n. 132 Regolamento recante attuazione dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del DLG 19 agosto 2005,

Dettagli

I nuovi requisiti minimi di prestazione energetica: metodologie di calcolo e modalità di verifica

I nuovi requisiti minimi di prestazione energetica: metodologie di calcolo e modalità di verifica I nuovi requisiti minimi di prestazione energetica: metodologie di calcolo e modalità di verifica G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 26 giugno 2015. Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica

Dettagli