ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-903594-1-5"

Transcript

1

2

3 ISBN

4

5 2

6 Indice Presentazione 1. Premessa 2. Obiettivo della rassegna 3. Metodologia 4. Le interviste 4.1 Intervista a Laura Ferrari Ruffino 4.2 Intervista a Paolo Serreri 4.3 Una prima analisi 5. I progetti 5.1 EXTRADONNA 5.2 PER.LA 5.3 DIPO 5.4 E.S.S.ENT.I.AL 5.5 DIRITTE E DIVERSE 5.6 PR.IN.T. 5.7 SOFIA 5.8 DALIA 5.9 HISTORIA 5.10 P.R.I.D.E I.S.I.D.E ALISIA 5.13 F.A.C.I.L.E P.R.E.L.U.D.I S.O.F.I IMPRONTE 5.17 PRO-DONNA 5.18 V.E.L.A O.A.S.I Una prima lettura dei progetti 3

7 6. Note conclusive in vista della promozione di un intervento 6.1 Approccio narrativo 6.2 Obiettivi e significati 6.3 Immigrati ed migranti 6.4 Identità e cultura di appartenenza 6.5 Occupabilità 6.6 Formazione formatori 6.7 Il tempo è denaro 6.8 Centralità del gruppo 6.9 Bilancio di in-competenze 4

8 Presentazione Viene ad essere sempre più spesso sollevata dai diversi attori del mercato del lavoro - siano questi decisori, operatori, fruitori - la centralità del tema delle competenze. Ultimamente tale centralità viene reclamata con maggior vigore proprio dai fruitori, ovvero gli esclusi, coloro che non rivestono un ruolo attivo nel mercato: i cosidetti inoccupati e/o disoccupati e tra questi, come è noto, in misura significativa le donne, rispetto alle quali si registrano iniziative di valutazione, accertamento, valorizzazione e certificazione delle competenze. Anche nella terminologia che ovviamente si adegua alle nuove condizioni del mercato e, in generale, muta nel tempo - si possono registrare cambiamenti di significato. Ad esempio, con competenze oggi non ci si riferisce solamente ad oggetti che si prestano per la descrizione di un profilo professionale ma, anche, al tentativo di fornire una nuova consapevolezza del proprio profilo di competenze. Profilo in vista di una candidatura (o ri-candidatura) nel mercato del lavoro, enfatizzando in questo modo non tanto l aspetto formale della certificazione, seppur importante, quanto quello sostanziale della riappropriazione e riconoscimento di capacità maturate in contesti altri, come l autore della ricerca più volte afferma nel testo che proponiamo. Il lavoro di ricerca che presentiamo consiste pertanto in una rassegna ragionata di esperienze, pratiche, percorsi, iniziative messe a punto sul territorio nazionale e locale sul tema delle competenze in stretta connessione con la metodologia narrativa, in vista di una sperimentazione di azioni diversificate rivolte a donne, provenienti da diversi paesi e che esprimono una difficoltà o un disagio nella sfera lavorativa e/o di vita, di cui il progetto Mi racconto storie di donne e di chi le sta a sentire, promosso dal nostro Ufficio, costituisce una prima sperimentazione. 5

9 Relativamente al target di riferimento, il tentativo del lavoro è stato quello di individuare una proposta (dispositivo/modulo di intervento) centrata sulle competenze e orientata al genere in un percorso mirato a promuovere il riconoscimento di saperi maturati in contesti - culturalmente, socialmente, economicamente - diversi, attraverso la modalità delle tecniche narrative, che consentissero la espressione non solo dei vissuti individuali ma anche la trasmissione di contenuti valoriali nella circolarità della comunicazione nel gruppo. In particolare, non trovandosi in letteratura grande copia di analisi di questo tipo, abbiamo ritenuto utile, prima di avviare il detto percorso progettuale, compendiare le più recenti e significative esperienze maturate sul campo da coloro che già da alcuni anni si occupano di mediazione, integrazione culturale, orientamento, consulenza specialistica, per entrare in punta di piedi nel mondo variegato e per questo notevolmente complesso delle migranti. 1 In conclusione ci auguriamo che la rassegna e anche la metodologia in essa adottata possano fornire indicazioni utili a chi opera in questo campo e aprire un dibattito sul tema partendo dai dati esperenziali a disposizione. Le Consigliere di Parità della Provincia di Roma 1 Espressione preferita da Laura Ferrari Ruffino, Cora, intervistata dal ricercatore ad inizio dello studio. 6

10 1. Premessa L Ufficio delle Consigliere di Parità - per mandato istituzionale si occupa della trattazione dei casi di discriminazione, dell'attività di promozione di pari opportunità e di attivazione e/o consolidamento della rete di organismi per lo sviluppo di politiche attive del lavoro e di scambio e diffusione di buone prassi su questi aspetti. La promozione e realizzazione di azioni positive di intervento se, sul piano formale, è rivolta ad individui in generale a prescindere dall appartenenza di genere tuttavia, nella sostanza, sono tipicamente rivolti alle donne che vivono in una condizione di sostanziale disagio - soprattutto relativamente alle difficoltà in ingresso e alla qualità della permanenza nel mondo del lavoro e orientati lungo una duplice direzione: da un lato si configurano come interventi/azioni a fronte di una emergenza, soprattutto associata a condizioni di conclamata discriminazione; dall altro si tratta di azioni a carattere preventivo, volte a costruire, accrescere, favorire le condizioni di benessere che prevedono una ricaduta diretta sul tessuto sociale e indiretta rispetto al target di riferimento. In entrambi i casi l intervento promosso si configura come una azione di tutela, sia in termini di emergenza che di promozione e prevenzione. Una particolare attenzione è rivolta a tutte quelle iniziativa volte a favorire l ingresso ma anche eventualmente l uscita, in vista di un re-ingresso nel mercato del lavoro, il sostegno della conciliazione tra sfere di vita, l integrazione culturale e, prima ancora che di uno sbocco professionale, la promozione di un contesto di vita in grado di garantire un livello di convivenza civile nel pieno rispetto delle identità individuali e culturali, e coerentemente con i possibili e diversi ruoli definiti dalla cornice contestuale che offre il nostro Paese. 7

11 L interesse del committente in coerenza con il mandato istituzionale che ricopre è quello di mettere a punto un dispositivo di intervento in forma sperimentale rivolto a donne immigrate. L esperienza professionale di chi scrive suggerisce come attività preliminare per la messa a punto di tale dispositivo - la necessità di svolgere una attività di rielaborazione ragionata delle esperienze di intervento professionale realizzate sia a livello nazionale che locale come premessa per la realizzazione di azioni specifiche per specifiche fasce di utenza, nella consapevolezza che una conoscenza approfondita dei target di riferimento - nonché una panoramica il più possibile esaustiva delle esperienze messe a punto nei diversi contesti - costituisca una premessa appropriata per confezionare una risposta adeguata - perché coerente - ad una domanda che nel migliore dei casi è presunta o, meglio, implicita. 8

12 2. Obiettivo della rassegna Il lavoro che viene presentato è una rassegna di esperienze, pratiche, percorsi, iniziative messe a punto sul territorio nazionale e locale, in vista di una sperimentazione di azioni di intervento rivolte a donne e/o soggetti che esprimono un disagio relativamente a più sfere di vita (comunemente e impropriamente definiti svantaggiati ) e rintracciabili nell ambito di azione e di interesse definito dall area tematica e istituzionale delle pari opportunità, in una prospettiva antidiscriminatoria e in armonia con le recenti indicazioni pervenute dall Unione Europea 2. In particolare non trattandosi di un censimento di contributi rintracciabili in letteratura e dall esperienza sul campo ma, appunto, di una rassegna, il lavoro è integrato anzi, avviato a partire dalle riflessioni proposte da alcuni testimoni privilegiati assunti come tali per in ragione della competenza maturata su queste tematiche. Tale rassegna infine - viene prodotta in vista di una ipotesi di lavoro per la promozione dell inserimento professionale di donne immigrate o, in generale, di soggetti potenzialmente discriminati o svantaggiati. E per questa ragione che - attraverso il percorso illustrato nel paragrafo che segue si rimanda il lettore soprattutto alla parte conclusiva in cui si esprimono alcune considerazioni orientative in vista della messa a punto di un intervento di orientamento dedicato. 2 Si fa riferimento al 2007 dichiarato come Anno europeo della pari opportunità per tutti, verso una società più giusta. 9

13 10

14 3. Metodologia La letteratura specialistica - così come la comunità degli addetti ai lavori - più volte e da più parti suggeriscono la necessità di sviluppare pratiche di intervento che non solo siano rispondenti ad una effettiva richiesta (bisogno) della collettività, ma che siano anche dotate di dispositivi di valutazione in grado da offrire alla comunità delle strutture che si occupano, a vario titolo, di categorie cosiddette svantaggiate una opportunità di diffusione delle buone prassi, nonché una visibilità sempre maggiore delle strutture che si occupano di realizzarle, sia rispetto alla rete di cui fanno parte (in una moderna prospettiva di sistema) che rispetto a coloro che potenzialmente potrebbero beneficiarne. Inoltre, sempre nella letteratura, così come nell esperienza di coloro (pubblici o privati) che si occupano (o che si sono occupati) di realizzare azioni mirate e a carattere preventivo in una prospettiva di pari opportunità, si registra il più delle volte una gran quantità di interventi (di integrazione, sostegno, orientamento professionale) che nella loro declinazione sul piano operativo sollevano soprattutto tre questioni: a) l effettiva ricaduta (osservabile e, pertanto, misurabile) in termini di risultati oggettivi sia sul piano individuale che sociale; b) la replicabilità delle esperienze, qualora vengano valutate positivamente sia da coloro che le hanno promosse che dagli attori coinvolti nella loro realizzazione; c) l oggettiva difficoltà di coinvolgere all interno di percorsi o, genericamente, iniziative a carattere integrativo (preventivo), proprio 11

15 le persone rispetto alle quali queste specifiche iniziative vengono pensate 3. Da più parti inoltre viene sollevata la centralità del tema delle competenze. Non si fa solamente riferimento alle competenze in termini di oggetti che siano espressione di un profilo professionale ma, soprattutto, alla necessità di promuovere la consapevolezza del proprio profilo di competenze, in vista di una candidatura più consapevole nel mercato del lavoro 4. Se infatti in percorsi di intervento professionale come ad esempio in un percorso di bilancio di competenze la centratura è sul tentativo di promuovere il riconoscimento delle proprie competenze laddove sia difficile assumerle come tali, perché sviluppate tipicamente in contesti informali, sarà ancora più appropriato relativamente al target di interesse del committente (donne immigrate) - il tentativo di individuare una ipotesi di percorso che sia specificatamente indirizzato a promuovere il riconoscimento di competenze maturate in contesti culturalmente e/o socialmente e/o economicamente diversi e, soprattutto, assumere come vertice di osservazione privilegiato quello individuato dai parametri culturali di lettura della realtà che ostacolano, prima ancora che l integrazione, l adozione di un linguaggio condiviso perché espressione, appunto, di un contesto ambientale e/o lavorativo specifico. In altri termini si è scelto di individuare una precisa ipotesi di lavoro, in vista di una proposta di intervento, per fare in modo che i soggetti che esprimono difficoltà di inserimento lavorativo possano 3 In altri termini spesso ci si interroga sulla effettiva rispondenza ed efficacia di azioni di tutela, prevenzione, integrazione, che rischiano di fallire proprio nella loro essenza, come se il problema vero fosse, prima ancora che la promozione del benessere attraverso la leva della costruzione e consolidamento della di una comunità di appartenenza, quello di coinvolgere i destinatari all interno dei progetti/percorsi per loro progettati. 4 Con il termine consapevolezza ci si riferisce non tanto all aspetto tanto dibattuto della certificazione delle competenze seppur strategico ma alla necessità di tradurre soprattutto in riferimento al target delle donne immigrate - le esperienze maturate in contesti altri, nonché in Paesi altri, in competenze, facendo esplicitamente riferimento alla dimensione della riappropriazione/riconoscimento di capacità maturate, tendenzialmente negate ma potenzialmente ancora fruibili nel mercato del lavoro del nostro Paese. 12

16 appropriarsi della piena legittimità a candidarsi nel mercato del lavoro locale e nella propria comunità di riferimento. La rassegna e soprattutto la metodologia impiegata - vuole fornire una risposta a tale necessità. Il lavoro di rassegna e di ricognizione delle pratiche di intervento pertanto - è stato articolato nelle fasi descritte di seguito. Fase 1 Interviste Individuazione e contatto con un elenco di testimoni privilegiati ai quali è stato chiesto di rispondere ad alcune domande specifiche (intervista semi-strutturata) in vista di una ricerca orientata di materiale pubblicato e/o esperienze realizzate nell ambito delle tematiche e dei target d elezione definiti dall area delle Pari Opportunità. Fase 2 Raccolta documentale Orientata sulla base delle informazioni tratte dalle interviste ai testimoni privilegiati, in questa fase è stata realizzata una ricerca di materiale relativo a pratiche e percorsi realizzati per il target specifico e su dimensioni coerenti rispetto alle dimensioni di interesse nell ambito definito dalle Pari Opportunità. Fase 3 Rassegna Attività di stesura del report di ricerca nel quale i materiali raccolti, nonché le interviste realizzate, sono state organizzate in modo ragionato e fruibile in una rassegna, in vista della progettazione di nuove pratiche di intervento professionale. 13

17 14

18 4. Le interviste Di seguito vengono riportate 5 le due interviste - svolte nel mese di gennaio a Laura Ferrari Ruffino (Presidente di CORA Roma) e il prof. Paolo Serreri (Università di Roma Tre) 6. Nel terzo paragrafo viene proposto un confronto tra risposte fornite alle domande rivolte agli interlocutori e riportate per punti alcune riflessioni emerse, riprese successivamente in forma definitiva nell ultima parte, dedicata alle note conclusive. 4.1 Intervista a Laura Ferrari Ruffino Presidente del Centro di CORA Roma Amministratrice delegata Rete Cora (Centri Orientamento Retravailler Associati) (dopo aver introdotto il tema delle interviste, illustrato il mandato e le coordinate della rassegna) Qual è la vostra esperienza rispetto ad attività di intervento rivolte ad immigrati? Come CORA Roma abbiamo esperienze ripetute di lavoro. Non esplicitamente di sportello o di servizio dedicato interamente a donne 5 Entrambe le interviste vengono riportate in forma integrale per una precisa ragione di rigore etico/metodologico: la necessità di riportare in modo non alterato il pensiero dell intervistato/a. Oltre che riflettere la necessità di oggettività per quanto possibile si tratta di una garanzia soprattutto per l intervistato/a. 6 Uno dei criteri adottati per la scelta dei testimoni privilegiati al di là della effettiva disponibilità (non affatto scontata) a rilasciare interviste su temi di questo tipo - riflette la necessità di alternare un testimone appartenente al mondo accademico (Prof. Serreri) ad un altro appartenente a quello dell intervento professionale, di comprovata competenza (Laura Ferrari Ruffino). 15

19 migranti 7 ma, più precisamente, una continuità di esperienza per immigrati all interno di servizi più ampi. Tipicamente la Rete Cora fornisce una consulenza consolidata nell ambito dell orientamento per utenti diversi, tra cui anche le donne immigrate. Nello specifico, due esperienze specificatamente rivolte a donne immigrate: una, che si è svolta dal 2000 al 2002, e che consisteva in uno spazio di orientamento nel Centro Antiviolenza del Trullo (dove la maggioranza di utenti erano donne, giovanissime, sostanzialmente prostitute e straniere); la seconda, ancora in corso, presso il Centro di Valmontone, finanziato dalla Provincia di Roma e dove, anche qui, c è una prevalenza di donne immigrate. Quindi si parla prevalentemente di una attività di sportello No, non esattamente. Non si tratta di uno sportello, sono veri e propri Centri. In generale questa è una mia convinzione - non si danno sportelli di orientamento. Dicevo sportello semplicemente perché i nostri precedenti progetti si chiamavano sportelli donna, ma nella realtà non lo erano. Lo sportello è un luogo in cui tu porti una domanda e trovi una risposta. Bene: questo nell orientamento non ce l hai mai, perché anche nel cosiddetto orientamento informativo hai bisogno di una serie di passaggi di approfondimento, specificazione, articolazione, che non stanno nel concetto di sportello. Secondo me è proprio sbagliato sotto il profilo metodologico concepire l orientamento come sportello (l orientamento può avere un momento anche di socializzazione, di informazione, ma sta dopo una fase di analisi del bisogno). Che, per esempio, vuol dire che quando noi pensiamo ad una configurazione di percorso orientativo, abbiamo come primo momento (in assoluto il più importante) l accoglienza, che serve ad analizzare il bisogno, a indirizzare verso soluzioni immediate (aspetto fondamentale per donne migranti = in corso di migrazione), e questo è importante soprattutto nel campo dei servizi per donne migranti/immigrate: se si tratta di un primo arrivo hai bisogno di un certo tipo di risposte (accoglienza, casa, informazioni sul territorio, che 7 Il termine migranti viene usato in modo intenzionale in luogo di immigrate. La ragione di questa scelta sarà chiarita successivamente, nel corso dell intervista. 16

20 loro non hanno). L attività di sportello può essere anche pensata come un filone parallelo, in questo senso. Peraltro, mentre per anni sono stati gli uomini, ormai sono soprattutto le donne a venire, sia perché si sono ricongiunte, sia perché è cambiato il genere della migrazione (per anni sono stati gli uomini, ora sono le donne a venire per prime). Essendoci una maggiore domanda di donne straniere, per tutti i tipi di servizi di colf, badanti, e via dicendo, ormai sono le donne che massicciamente emigrano. Ora, è chiaro che la donna che arriva da sola, non appoggiata ad un contesto, in prima battuta tu gli offri un tipo di accoglienza per rispondere a una domanda che è immediata; laddove invece si configura un progetto migratorio più definito, più stanziale, più solido, stai riflettendo su un progetto migratorio. Se per i motivi detti non si è trattato di uno sportello, nella sostanza l esperienza che avete come struttura in che consisteva? Nel caso specifico, come dicevo, sono state (e sono, perché una è ancora in corso) due esperienze di Centri in cui le donne vengono accolte perché dichiarano uno stato di bisogno, perché vengono da condizioni di prostituzione e sfruttamento/violenza, e/o di solitudine, in cui non riescono a sopravvivere. Il loro bisogno viene accolto, e sostanzialmente trattato in questo modo: c è un sistema di accoglienza in vista di due percorsi differenti: si può rimanere nell ambito del/dei colloquio/i oppure possiamo avviare l accoglienza all interno del Centro di accoglienza. Arriva l utente e, attraverso il colloquio, o viene indirizzato ad un filone di ulteriori colloqui o servizi (opzione non residenziale) oppure entra nel Centro (opzione residenziale). Nel Centro di Valmontone si segue un percorso secondo una metodologia che è difficile da descrivere anche perché vede la presenza di almeno tre approcci metodologici che peraltro, in questo momento storico, stiamo tentando di integrare senza sovrapporli: (1) l esperienza di Sostegno Donna che gestisce il centro di Valmontone (2) il lavoro di Laura Storti (psicoanalista lacaniana), che si configura come sostegno/supervisione per le operatrici e, su richiesta, sostegno psicologico per le donne che lo richiedono e (3) il nostro approccio (CORA) che prevede uno specifico servizio di orientamento al lavoro e 17

21 che, in qualche modo, riattraversa alcuni passaggi già detti, perché si parla della ricostruzione della storia lavorativa (ma non solo lavorativa), l esplorazione del bisogno e dei desideri, un sostegno nella socializzazione al lavoro (i luoghi a cui ci si rivolge, come si fa a chiedere alcune cose, come ci si iscrive al collocamento, tecniche di ricerca e via dicendo). Rispetto all orientamento, che prevede una grande attenzione all attivazione dell utente, dalla prima esperienza del Trullo abbiamo incrementato, con utenti di questo tipo, la parte di sostegno/affiancamento, perché soprattutto le giovani, le appena arrivate, sono completamente estranee alla cultura del lavoro. Intorno al 2000 abbiamo partecipato ad una esperienza che si chiama Baia del Re, dedicato a stranieri, in cui abbiamo realizzato la formazione di formatori per la costruzione di servizi di orientamento per stranieri attraverso la formazione di operatori che erano a loro volta stranieri, e che prevedeva due figure (consulenti di orientamento e animatore territoriale). Insomma, più o meno tutte le esperienze di orientamento (si intende per donne immigrate/migranti) convergono su questo modello: orientamento che si concentra sulla ricostruzione della storia Attenzione: questo è il passaggio importante. L orientamento per stranieri deve, se vuole essere efficace e diverso da quello che è l approccio normale, avere una attenzione particolare alla storia, alla narrazione. Per chi si occupa di orientamento questo ormai è evidente, perché se c è una cosa che è lacerante e distruttiva è questa operazione di cesura (o autocesura) che invece viene fatta per motivi burocratici (ad esempio l annoso e demenziale problema del non riconoscimento dei titoli). Purtroppo l equipollenza dei titoli passa per accordi bilaterali. Ti faccio un esempio: io Italia faccio un accordo col Camerun. In quel caso, la laureata nel Camerun può utilizzare il suo titolo, e viceversa. La tendenza purtroppo è quella di non farli mai. Non c è una normativa internazionale, neanche a livello di Comunità Europea. Peraltro noi sappiamo che la maggior parte di persone migranti che arrivano nel nostro paese sono la potenziale classe dirigente (nel loro Paese) che se ne va, a causa di guerre civili, faide, sottosviluppo. Sistema questo che impoverisce i loro paesi, e non arricchisce noi, che non utilizziamo adeguatamente queste risorse. 18

22 Queste persone sono costrette alla cesura: da una parte perché fisicamente si spostano; quando arrivano da noi, siccome la loro storia non è spendibile, sia per i diversi contesti che per l aspetto più formale legato al riconoscimento dei titoli, in realtà è come se nascessero il giorno del loro arrivo. L essenza della metodologia narrativa, che si può esprimere nel cosa hai fatto prima? ha tanto più senso con coloro che provengono da un altra storia, un'altra cultura, semplicemente un altro Paese. Queste persone dovrebbero essere accompagnate a dire se questa è la mia storia e queste sono le mie esperienze, cosa ho acquisito in termini di saperi che posso riutilizzare, riconfigurare, ed eventualmente certificare qui? Per loro è fondamentale sia sul piano funzionale sia rispetto a quello dell armonia psicologica, a fronte dell amputazione di una parte della loro vita. Cosa può dirmi delle variabili di cui tener conto di fronte a donne immigrate? La definizione di progetto migratorio non è una dichiarazione ma un percorso. In molti casi è vaga, in altri è dichiarata ma suscettibile di cambiamento. Le categorie generali sono utili ma anche dannose perché si rischia di sottovalutare la dimensione individuale. E questo pone dei problemi perché l attenzione alle individualità pone dei limiti nell utilizzo di una medesima metodologia per tutti, indistintamente. La dimensione che mi è più vicina è quella di genere. Fino a poco tempo fa la missione archetipica dell uomo che procaccia il cibo (lavoro produttivo) rispetto a quello gestionale delle donne (lavoro riproduttivo) era consolidata e trasversale a tutte le culture; la globalizzazione ha portato in Occidente ad una emancipazione delle donne associata al loro ingresso nel mondo del lavoro, in un modo meccanico e con una grave omissione, e cioè senza passare per una ridiscussione dei ruoli. Si assiste pertanto ad una sottrazione di cura e, quindi, ad un bisogno di lavoro vicario. Mentre erano gli uomini a venire nel nostro Paese, così come in altri, a sostituire altri uomini nei lavori di fatica (campi, miniere, e via dicendo, fenomeno che si spiega anche in ragione della nostra scolarizzazione di massa), attualmente si è attivato un processo di donne che non arrivano più 19

23 nel nostro Paese al fine di seguire l uomo in questa dis-avventura, ma addirittura vengono direttamente le donne, senza i loro uomini Si arriva a parlare di una divisione del lavoro di cura su base addirittura globale 8. Il risultato, in termini di intervento, consiste nella necessità di una ridiscussione del lavoro di cura che va molto al di là dei confini del nostro Paese. Le donne che vengono da noi cambiano. Hanno i loro problemi perché ancorati all identità femminile. Altro è il discorso sulle donne migranti: in altre parole, se non si è sciolto questo nodo, si viene risucchiati in un contesto che per certi versi è più costrittivo di quello di provenienza. Adesso, proviamo ad immaginare una donna immigrata che si accosta ad uno sportello e che formula una richiesta di lavoro: come si può rispondere seccamente ad una domanda di questo tipo, senza passare per la narrazione delle storie? Peraltro, se questo tipo di intervento va promosso in un contesto di orientamento di gruppo, è opportuno che tale contesto sia il più possibile eterogeneo, proprio per favorire questo tipo di rielaborazione di vissuti. Proviamo a fare un passo in avanti. Rispetto al problema non tanto delle donne, ma piuttosto di coloro che per le donne mettono a punto interventi di orientamento, qual è la sua esperienza in questo senso? Si trova rispetto al paradosso di rispondere a queste donne con un obiettivo difficilmente traducibile sul piano concreto, laddove il problema che pongono queste persone è sostanzialmente concreto? Questo è un nodo fondamentale che abbiamo dovuto affrontare: le donne chiedono un lavoro, questa è la domanda vera, perché almeno le donne italiane e disoccupate hanno un contesto, ridotto che sia, ma di sostegno, mentre le donne immigrate no. Ci sono anche altri problemi di ordine pratico: dormire, mangiare, accudire i figli, e via dicendo. Quindi è ancora più impellente questo problema che poni. 8 A loro volta le donne filippine lascerebbero un vuoto nei loro Paesi attivando una sorta di catena planetaria del lavoro di cura. 20

24 Occorre fare chiarezza di metodo. C è un doppio canale, per due tipologie di utenti: per le donne appena arrivate, occorre dare risposte anche sul piano concreto; diverso è per coloro che hanno il problema della sopravvivenza più mitigato perché già, in un certo senso, inserite nel nostro contesto. E tutto un gioco di rimandi Per le altre? Per le altre si può fare un ragionamento di più ampio respiro, di progetto, ma questo è possibile anche per le prime, a patto che siano state già accolte e che siano disponibili a fare di meglio e di più per se stesse. Questo è un punto di grande dibattito. Una donna entra in una di queste strutture per un certo periodo. Noi sosteniamo che l orientamento deve mantenere la sua aspirazione ad aprire, e per questo serve tempo. Provo a fare un esempio. Una persona arriva, è scappata dal suo Paese, viveva con un marito violento Essendo accolta in forma residenziale, almeno per un po è affrancata dal compito di procurarsi il cibo e di soddisfare bisogni di tipo primario. Ad un certo punto noi insistiamo che occorre avviare un percorso di orientamento, perché la residenzialità te lo permette. Normalmente non tutte sono disponibili ad accettare un discorso impegnativo (perché l orientamento è impegnativo) e c è una forte tendenza a ricondurre tutto in una logica collocativa. Questo atteggiamento è consolidato peraltro non solo tra le utenti (che in qualche misura sarebbero anche legittimate a farlo) ma anche tra le operatrici dei centri. Noi sosteniamo, invece, che la persona deve arrivare a individuare delle possibilità di lavoro. Il problema è di fare in modo che possano attivarsi, esplorare il territorio, affinare il linguaggio. Noi sosteniamo con forza che i tentativi risolutivi efficientisti non solo sono destinati ad un naufragio, ma molto spesso sono dei veri e propri boomerang. Un lavoro troppo affrettato è un nodo. C è bisogno di un percorso di uscita assistita. Bisognerebbe creare delle borse lavoro, delle forme di sostegno 21

25 In un progetto di tempo fa 9, che prevedeva un azione di orientamento realizzata in due settimane (pochissimo, per le cose appena dette sui tempi) noi consegnavamo degli indirizzi sulla base dei quali venivano individuati, successivamente, degli sbocchi lavorativi coerenti perché personalizzati. Serve una articolazione di un progetto, serve tempo, e serve soprattutto una rete-che-si-prende-carico, evitando gli interventi economici che rischiano non di risolvere ma di riprodurre all infinito la precarietà, che ha un suo costo, paradossalmente più oneroso. Un po come dire che, per mettere a posto le tubature della città di Roma, serve una certa somma, ingente, si decide di non intervenire e, nel frattempo che non viene messa a posto, ci si assume il costo dello spreco di risorse idriche. Sarà pure un sistema sofisticato, ma con le donne immigrate ci si trova di fronte ad un problema complesso che non può essere risolto con soluzioni semplicistiche ma, appunto, complesse. Alcune di loro ce la fanno comunque, ma forse sono quelle che ce l avrebbero fatta comunque. Alcune invece non reggono. Un bilancio di competenze per donne immigrate? Può essere una ipotesi di lavoro? Si parla di bilancio di competenze, oggi, purtroppo, perché si conosce soltanto quello. A rigore il bilancio di competenze dovrebbe essere rivolto a persone appena uscite dal mondo del lavoro, al massimo da 6 mesi fino a un anno, con una esperienza di lavoro considerevole, cioè con un panorama di competenze strutturato. In questo contesto (cioè per donne immigrate) suona più o meno come un delirio. Il punto è che ci sono due filoni che possono essere contemporanei, sfalsati, sul piano metodologico: da una parte metto il gruppo, dall altra il percorso individuale, perché il gruppo è potentissimo introduce la leggerezza in queste vite segnate (non per forza delle straniere, che a volte portano una carica di vita ancora maggiore delle venticinquenni spente che talvolta si incontrano). Posso anche 9 Si riferisce al Progetto Penelope. 22

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: IO NON HO PAURA: PROGETTO DI ACCOGLIENZA PER MINORI ADOLESCENTI 2014-2015 SETTORE e Area di intervento: A-02 MINORI Equality Cooperativa Sociale gestisce

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3 IN ITALIA PER UN IMPEGNO INTERNAZIONALE COMO/VARESE/LECCO SCHEDA COE Volontari richiesti: N 3 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Barzio, Saronno. INTRODUZIONE NUMERO ORE DI SERVIZIO SETTIMANALI DEI VOLONTARI:

Dettagli

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE SEMINARIO FORMATIVO LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE dedicato al personale del Dipartimento della Protezione Civile e delle altre componenti del Sistema Nazionale Linee

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

Il contributo della scuola nel processo di orientamento

Il contributo della scuola nel processo di orientamento Il contributo della scuola nel processo di orientamento Un analisi comparativa realizzata nei diversi Paesi dell Unione Europea ha dimostrato che il livello medio del tasso di drop out è pari al 22.5%

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Prime indicazioni in merito alla metodologia di determinazione delle opzioni di semplificazione di costo (c.d. costi standard) nell ambito

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica INDICE 7 Introduzione PARTE PRIMA Che cos è la Fisica oggi 13 1. Ambito, scopo e obiettivi generali 15 2. Il metodo scientifico: teoria ed esperimento 21 3. Relazioni e differenze con la matematica e l

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida

Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida A CHE PUNTO SIAMO Tratto distintivo dell Azione F3 contro la dispersione scolastica è quello di favorire l innovazione, idearla e sperimentarla,

Dettagli

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro COMPETENZE ATTITUDINALE La mia storia di vita Nome.Cognome.. Data. LA MIA STORIA SCHEDA 2 Questa scheda ha l intento di farla riflettere sugli avvenimenti fondamentali

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

Le attività di. Risorse Territoriali Motivazione Orientamento

Le attività di. Risorse Territoriali Motivazione Orientamento UNIONE EUROPEA Fondo sociale europeo Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Direzione centrale del lavoro, formazione, università e ricerca Direzione centrale per le identità linguistiche e i migranti,

Dettagli

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014 Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea Novembre 2013 Aprile 2014 Indice Report e analisi dei dati... 3 La rilevazione presso gli Uffici Cittadinanza

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P.

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Grazie Presidente. Parto dall'ultima considerazione che faceva il collega Monteventi con cui mi trovo assolutamente d'accordo, nel senso che credo anch'io che ci

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA Le Acli di Padova hanno una rete di 22 associazioni di famiglie che promuovono servizi per l infanzia e la famiglia.

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

PROGETTO DEDALO/VOLANO

PROGETTO DEDALO/VOLANO PROGETTO DEDALO/VOLANO TERRITORIO DI RIFERIMENTO: Catania, città riservataria Le origini del progetto e il contesto istituzionale di riferimento Il progetto Volano nasce come continuazione del progetto

Dettagli

Radio Pace 15 marzo 2011

Radio Pace 15 marzo 2011 Radio Pace 15 marzo 2011 Costruiamo Umanità Esperienze e testimonianze dal mondo del carcere Ben trovati a tutti da Francesca Boeri. Siete in ascolto della rubrica mensile che vuol far conoscere la vita

Dettagli

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI CORSI GRATUITI 2011 Piano Formativo LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE (FDIR 3136) QUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI NEL CONTESTO ATTUALE? E risaputo

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Alcune riflessioni sui possibili sviluppi delle politiche di inserimento anche alla luce dello scenario economico. Bisogni dell utenza

Alcune riflessioni sui possibili sviluppi delle politiche di inserimento anche alla luce dello scenario economico. Bisogni dell utenza Inserimento di persone svantaggiate: scenari di interventi possibili Riflessioni legate ad un indagine in provincia di Milano sull inserimento di persone con patologie psichiatriche Sergio Bevilacqua*

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti)

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) Le piccole e medie imprese svolgono un ruolo molto importante nell economia italiana e ne costituiscono una ricchezza fondamentale. Spesso il rapporto

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Percorso formativo sulla sicurezza per i lavoratori 1 SOMMARIO

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA Milano, ottobre 2012 INDICE Area Maltrattamento e grave disagio della donna pag.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

FAQ AVVISO 2012 (DD 893 DEL 7 MARZO 2012)

FAQ AVVISO 2012 (DD 893 DEL 7 MARZO 2012) FAQ AVVISO 2012 (DD 893 DEL 7 MARZO 2012) 1. Quando è fissata la data di scadenza ultima per la presentazione delle domanda? La scadenza per la trasmissione on line della domanda è fissata per il 27 aprile

Dettagli

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Quattro passi tra Partita Doppia e Bilancio di Roberta Di Pinto Non si può insegnare niente ad un uomo. Si può solo aiutarlo a scoprire ciò che ha già dentro

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova PROVINCIA DI GENOVA Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione Professional AREA 10 A-Servizio Formazione Professionale Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con

Dettagli

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova 1 Percorso di aggiornamento e formazione per assistenti sociali Mantova 3 aprile 2013 Secondo modulo- secondo

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna

Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna Servizio di riferimento Drop House, Centro Diurno a facile soglia di accesso per donne italiane e straniere anche con figli minori situato

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare

Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare 1 Come praticare la simulazione dei casi (paragrafo NON incluso nel libro) Soprattutto quando si ha poca o nessuna esperienza in tale campo,

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO Care compagne e cari compagni, sono molte le ragioni che ci hanno convinto

Dettagli

GLI STRUMENTI E I MODI DELLA COMUNICAZIONE INTERNA FORMALE

GLI STRUMENTI E I MODI DELLA COMUNICAZIONE INTERNA FORMALE GLI STRUMENTI E I MODI DELLA COMUNICAZIONE INTERNA FORMALE Modulo 1B: Introduzione alla comunicazione interna formale in azienda Maria Cristina Moresco Counseling, formazione, organizzazioni INTRODUZIONE

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

LA SUPERVISIONE COME STRUMENTO DI LAVORO

LA SUPERVISIONE COME STRUMENTO DI LAVORO LA SUPERVISIONE COME STRUMENTO DI LAVORO Articolo sulla natura e il ruolo della supervisione nella pratica degli operatori psico-socio-educativi, pubblicato sulla rivista: PROSPETTIVE SOCIALI E SANITARIE,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI - SINTESI - L obiettivo di questa ricerca è quello di comprendere quali sono i fabbisogni di servizi abitativi della popolazione immigrata presente

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli