DELLA REGIONE PUGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELLA REGIONE PUGLIA"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Sped. in abb. Postale, Art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Aut. DC/215/03/01/01 - Potenza Anno XXXV BARI, 3 GIUGNO 2004 N. 67 Il Bollettino Ufficiale della Regione Puglia si pubblica con frequenza infrasettimanale ed è diviso in due parti. Nella 1ª parte si pubblicano: Leggi e Regolamenti regionali, Ordinanze e sentenze della Corte Costituzionale e di Organi giurisdizionali, Circolari aventi rilevanza esterna, Deliberazioni del Consiglio regionale riguardanti l elezione dei componenti l Ufficio di presidenza dell Assemblea, della Giunta e delle Commissioni permanenti. Nella 2ª parte si pubblicano: le deliberazioni del Consiglio regionale e della Giunta; i Decreti del Presidente, degli Assessori, dei funzionari delegati, di pubbliche autorità; gli avvisi, i bandi di concorso e le gare di appalto. Gli annunci, gli avvisi, i bandi di concorso, le gare di appalto, sono inseriti nel Bollettino Ufficiale pubblicato il giovedì. Direzione e Redazione - Presidenza Giunta Regionale - Lungomare N. Sauro, Bari - Tel Uff. abbonamenti Fax Abbonamento annuo di a 134,28 tramite versamento su c.c.p. n intestato a Regione Puglia - Ufficio Bollettino Ufficiale - Lungomare N. Sauro, 33 - Bari. Prezzo di vendita a 1,34. I versamenti per l abbonamento effettuati entro il 15 giorno di ogni mese avranno validità dal 1 giorno del mese successivo; mentre i versamenti effettuati dopo il 15 giorno e comunque entro il 30 giorno di ogni mese avranno validità dal 15 giorno del mese successivo. Gli annunci da pubblicare devono essere inviati almeno 3 giorni prima della scadenza del termine utile per la pubblicazione alla Direzione del Bollettino Ufficiale - Lungomare N. Sauro, 33 - Bari. Il testo originale su carta da bollo da a 10,33, salvo esenzioni di legge, deve essere corredato da 1 copia in carta uso bollo e dall attestazione del versamento della tassa di pubblicazione prevista. L importo della tassa di pubblicazione è di a 154,94 oltre IVA al 20% (importo totale a 185,93) per ogni inserzione il cui contenuto non sia superiore, nel testo, a quattro cartelle dattiloscritte pari a 100 righe per 60 battute (o frazione) e di a 11,36 oltre IVA (importo totale a 13,63) per ogni ulteriore cartella dattiloscritta di 25 righi per 60 battute (o frazione). Il versamento dello stesso deve essere effettuato sul c.c.p. n intestato a Regione Puglia - Ufficio Bollettino Ufficiale Bari. Non si darà corso alle inserzioni prive della predetta documentazione. LE PUBBLICAZIONI SONO IN VENDITA PRESSO LA LIBRERIA UNIVERSITÀ E PROFESSIONI SRL - VIA CRISANZIO 16 - BARI; LIBRERIA PIAZZO - PIAZZA VITTORIA, 4 - BRINDISI; CASA DEL LIBRO - VIA LIGURIA, 82 - TARANTO; LIBRERIA PATIERNO ANTONIO - VIA DANTE, 21 - FOGGIA; LIBRERIA MILELLA - VIA PALMIERI 30 - LECCE. SOMMARIO PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 maggio 2004, n. 786 L. 215/92 Azioni positive per l imprenditoria femminile D.P.R. 314/2000 Incremento delle risorse finanziarie destinate alle agevolazioni relative al V bando. Pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 maggio 2004, n. 787 LL.RR. 34/94 8/98. Accordo di Programma per la realizzazione di una residenza turistico-alberghiera in loc. S. Barbara. Rodi Garganico (Fg). Ditta Antica Grecia srl. Pag Atti di Organi monocratici regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE UFFICIO PARCHI 29 gennaio 2004, n. 4 Deliberazione di G.R. n. 860/2002 Documento di Programmazione IN.F.E.A. Regione Puglia biennio 2002/2003. Programma Operativo Scuola-Ambiente. Bando campagne informazione ed educazione ambientale scuole pugliesi ex determinazione dirigenziale n. 127/03 (cod. cifra 090/DIR/2003/00127) Tema 1 Conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale. Esito. Pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE UFFICIO PARCHI 26 marzo 2004, n. 7 Documento di Programmazione IN.F.E.A. Regione Puglia biennio 2002/2003. ex deliberazione G.R. n. 860/2002. Documento di strategia regionale Edu-

2 5806 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del

3 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del cazione Ambientale Conservazione Natura Laboratorio Didattico Mediterre 2004 ex deliberazione di G.R. n. 1439/2003. Pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE ECO- LOGIA 27 gennaio 2004, n. 19 POR Puglia 2000/2006 Misura 1.6 Linea d intervento 1.e). Ampliamento del Catasto delle Grotte e delle Aree Carsiche Approvazione progetto esecutivo Affidamento incarico alla Federazione Speleologica Pugliese e approvazione schema di convenzione Impegno di spesa di _ ,00 sul cap del Bilancio 2004 residui di stanziamento 2001 in favore della Federazione Speleologica Pugliese. Cod. Prog. Pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE SANITA 25 maggio 2004, n. 282 Rinnovo autorizzazione all apertura di dispensari farmaceutici stagionali nelle località dei comuni di pertinenza della ASL FG/1 ai sensi della L. 362/91, art. 6. Stagione estiva Richiesta pubblicazione. Pag COMUNE DI PALAGIANELLO (Taranto) DECRETO 11 maggio 2004, n. 4 Esproprio. COMUNE DI PALAGIANELLO (Taranto) DECRETO 11 maggio 2004, n. 5 Esproprio. COMUNE DI PALAGIANELLO (Taranto) DECRETO 11 maggio 2004, n. 6 Esproprio. COMUNE DI PALAGIANELLO (Taranto) DECRETO 11 maggio 2004, n. 7 Esproprio. COMUNE DI PALAGIANELLO (Taranto) DECRETO 11 maggio 2004, n. 8 Esproprio. Pag Pag Pag Pag Pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE SANITA 25 maggio 2004, n. 283 Rinnovo autorizzazione all apertura di dispensari farmaceutici stagionali nelle località dei comuni di pertinenza della ASL TA/1 ai sensi della L. 362/91, art. 6. Stagione estiva Richiesta pubblicazione. Pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE SANITA 27 maggio 2004, n. 295 Copertura zone carenti straordinarie di assistenza pediatrica pubblicate sul BURP n. 50 del 27 aprile Pag COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI (Lecce) DELIBERA C.C. 10 maggio 2004, n. 22 Approvazione variante al P.R.G. Pag COMUNE DI TAVIANO (Lecce) DELIBERA C.C. 18 marzo 2004, n. 24 Approvazione P.P. zona B2. COMUNE DI TUGLIE (Lecce) DELIBERA C.C. 26 aprile 2004, n. 14 Approvazione P.P. zona C3. Pag Pag Atti e comunicazioni degli Enti Locali AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI TARANTO DECRETO 17 marzo 2004, n. 26 Indennità d esproprio. Pag COMUNE DI CISTERNINO (Brindisi) DELIBERA C.C. 10 maggio 2004, n. 18 Approvazione definitiva. COMUNE DI MOLFETTA (Bari) DECRETO 17 maggio 2004, n Esproprio. COMUNE DI PALAGIANELLO (Taranto) DECRETO 11 maggio 2004, n. 3 Esproprio. Pag Pag Pag Appalti - Bandi, Concorsi e Avvisi APPALTI - BANDI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO F.P. BARI Bando per la presentazione di progetti Misura 3.3 Azione a) Percorsi formativi integrati per l inserimento professionale. (Determinazione del Dirigente Settore F.P. 1 giugno 2004, n. 327 POR Puglia Complemento di programmazione, Asse III, Mis. 3.3 Inserimento e reinserimento lavorativo di disoccupati di lunga durata Azione a) Percorsi formativi integrati per l inserimento professionale Avviso pubblico n. 1/2004 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia. Pag REGIONE PUGLIA ASSESSORATO F.P. BARI Bando per la presentazione di progetti Misura 3.3

4 5808 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del Azione a) Percorsi formativi integrati per l inserimento professionale. Formazione per la cooperazione. (Determinazione del Dirigente Settore F.P. 1 giugno 2004, n. 328 POR Puglia Complemento di programmazione, Asse III, Mis. 3.3 Inserimento e reinserimento lavorativo di disoccupati di lunga durata Azione a) Percorsi formativi integrati per l inserimento professionale Formazione per la cooperazione - Avviso pubblico n. 2/2004 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia. Pag REGIONE PUGLIA ASSESSORATO F.P. BARI Bando per la presentazione di progetti Misura 3.4 Azione a) Percorsi integrati per l inserimento lavorativo. (Determinazione del Dirigente Settore F.P. 1 giugno 2004, n. 330 Avviso pubblico per la presentazione di progetti per attività formative destinate a persone disabili della vista e dell udito cofinanziate dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia relativo al POR Puglia Complemento di programmazione, Asse III, Mis. 3.4 Inserimento e reinserimento lavorativo di gruppi svantaggiati Azione a) Avviso n. 3/2004. Pag A.U.S.L. BA/1 ANDRIA (Bari) Avviso di aggiudicazione lavori di adeguamento a norme. Pag COMUNE DI ALEZIO (Lecce) Avviso di gara lavori di sistemazione strade comunali. Pag COMUNE DI AVETRANA (Taranto) Avviso di aggiudicazione lavori di sistemazione strade interne e costruzione tronchi fognanti. Pag COMUNE DI MANFREDONIA (Foggia) Avviso di aggiudicazione lavori di ristrutturazione, consolidamento e recupero funzionale degli immobili comunali. Pag COMUNE DI MOLFETTA (Bari) Avviso di gara lavori di ammodernamento e manutenzione di strade rurali. Pag COMUNE DI POGGIARDO (Lecce) Avviso di gara lavori di sistemazione del Canale Argillari e ampliamento rete pluviale. Pag COMUNE DI RUVO DI PUGLIA (Bari) Avviso di gara affidamento lavori di ammodernamento della rete viaria rurale comunale. Pag CONCORSI A.U.S.L. BA/1 ANDRIA (Bari) Avviso pubblico per incarichi a tempo determinato di collaboratore professionale Sanitario-Fisioterapista CTG. D. Pag A.U.S.L. BA/1 ANDRIA (Bari) Avviso pubblico per incarichi di Dirigente Farmacista con incarico professionale in Farmacia Ospedaliera e in Farmaceutica Territoriale. Pag A.U.S.L. BA/5 PUTIGNANO (Bari) Avviso pubblico di mobilità volontaria per la copertura di n.41 posti di collaboratore professionale sanitario infermiere cat.d. Pag A.U.S.L. LE/1 LECCE Avviso pubblico per il conferimento di incarichi a tempo determinato servizio Pronto Soccorso estivo. Pag AZIENDA OSPEDALIERA POLICLINICO BARI Concorso pubblico per n.1 Borsa di Studio in favore di un Medico specialista in Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica o in Medicina Legale. Pag AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI FOGGIA Avviso pubblico per i incarichi temporanei di Collaboratore Professionale Sanitario Tecnico di Radiologia Medica. Pag COMUNE DI GALLIPOLI (Lecce) Avviso di pubblica selezione per l assunzione di agenti di polizia cat.c a tempo determinato. Pag AVVISI AUTOSERVIZI CHIFFI S.R.L. NARDO (Lecce) Avviso di variazione al P.R.G. Pag T.E.R.N.A. NAPOLI Richiesta autorizzazione. Pag. 6110

5 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 25 maggio 2004, n. 786 L. 215/92 Azioni positive per l imprenditoria femminile D.P.R. 314/2000 Incremento delle risorse finanziarie destinate alle agevolazioni relative al V bando. Assente l Assessore alla Promozione Industriale, Artigianato, Commercio, Fiere, Mercati, Industria estrattiva ed Energia, Dott. Pietro Lospinuso sulla base dell istruttoria espletata dall Ufficio III, confermata dal Dirigente dello stesso Ufficio e dal Dirigente del Settore, riferisce quanto segue il Presidente Fitto: Premesso che: Vista la legge 25 febbraio 1992 n. 215 Azioni positive per l imprenditoria femminile ; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 2000, n. 314 concernente il Regolamento recante la disciplina del procedimento relativo agli interventi dell imprenditoria femminile; Visti in particolare gli artt. 12 e 13 del citato D.P.R 314/00 concernenti le modalità per la presentazione delle domande, la concessione e l erogazione dei contributi, nel caso di integrazione delle risorse statali da parte delle Regioni; Vista la Circolare esplicativa n del 22 novembre 2002 relativa alle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni a favore dell imprenditoria femminile; Visto il Decreto Ministero dell Industria, Commercio e dell Artigianato del 2 febbraio 2001 che determina le misure del contributo in conto capitale da concedere a favore dell imprenditoria femminile; Visto il Decreto del Ministero dell Industria, Commercio e dell Artigianato del 2 febbraio 2001 che individua i criteri di priorità da utilizzare per la formazione delle graduatorie delle domande ammissibili alle agevolazioni; Visto il Decreto del Ministero alle Attività Produttive del 22 novembre 2002, che ha fissato i termini di presentazione delle domande per l accesso alle agevolazioni; Visto il Decreto del Ministero alle Attività Produttive del 12 marzo 2003 di proroga del termine finale per la presentazione delle domande a valere sulla L. 215/92 al 15 aprile 2003; Visto il decreto del Ministro delle Attività Produttive del 11/06/02, con il quale a valere sulle risorse finanziarie disponibili sull anno 2002, sono state assegnate risorse pari ad Euro ,00 per la concessione di agevolazioni a favore delle iniziative imprenditoriali di cui all art. 2, co. 1 lett. a del D.P.R 314/2000, e definita la ripartizione tra le Regioni e le Province Autonome. Alla Regione Puglia sono state assegnate risorse finanziarie pari ad Euro ,40. Vista la Determinazione n. 140 del 16/07/02 con la quale è stata disposta l integrazione delle risorse finanziarie statali annualità 2002, V bando, definita in Euro ,36 in osservanza del succitato Decreto di riparto di risorse ed in particolare dell allegata scheda di determinazione della quota aggiuntiva regionale per il 2002, per la linea degli incentivi alle imprese. L imputazione del citato importo è stato disposto sui capitoli destinati all attuazione della Misura 4.1 del POR Puglia; Visto il Decreto del Ministero alle Attività Produttive del 17/10/2003 di ripartizione delle risorse finanziarie dell esercizio finanziario 2003 disponibili per gli interventi di cui all art. 2, co. 1 lett. a del D.P.R 314/2000. Le risorse ripartite tra le Regioni e le Province Autonome per l anno

6 5810 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del ammontano ad Euro ,26 e sono destinate al finanziamento delle domande di agevolazione presentate dalle imprese entro il 15/04/2003. Alla Regione Puglia sono state assegnate risorse finanziarie pari ad Euro ,08. Vista la Determinazione n. 575 del 27/11/03, con la quale è stata disposta l integrazione delle risorse finanziarie statali annualità 2003, V bando, definita in ,00, in coerenza con la nota ministeriale prot. n del 12/09/03; Vista la D.G.R n del 30/09/02 avente come oggetto: L. 215/92 Azioni positive per l imprenditoria femminile - D.P.R 314/00. Variazioni al Bilancio 2002, ai sensi dell art. 42 co. 1 L.R. 28/01 e dell art. 12 della L.R n. 7 del 21/05/02, per attuazione V bando ; Vista la D.G.R di n del 28/11/2003 di Variazioni al Bilancio 2003 a seguito della nuova assegnazione di risorse finanziare con Decreto del MAP del 17/10/03. Considerato che sulla base dei predetti provvedimenti le risorse finanziarie disponibili per la concessione di agevolazioni a favore delle iniziative imprenditoriali ricadenti nella Regione Puglia ai sensi dell art. 2, co. 1 lett. a del D.P.R 314/2000 a valere sul V bando sono a totale le seguenti Euro ,84; Visto l art. 17 del citato D.P.R 314/2000 che prevede la possibilità di affidare lo svolgimento dell attività istruttoria e di erogazione a soggetti convenzionati e che gli oneri derivanti da tali convenzioni sono a carico degli stanziamenti previsti per gli interventi a favore dell imprenditoria femminile; Vista la D.G.R n del 10/12/02 avente come oggetto: Affidamento incarico di assistenza tecnica ed approvazione schema di convenzione tra Regione Puglia e Finpuglia s.p.a per la gestione degli interventi agevolativi ai sensi della L. 215/92 e D.P.R 314/00. V Bando. Vista la D.G.R n del 15/10/03 di rettifica della D.G.R 1993 del 10/12/02; Vista la Determinazione n. 510 del 10/11/03 di impegno di spesa a favore di Finpuglia s.p.a per la gestione delle agevolazioni in argomento; Vista la determinazione n. 16 del 28/01/04 di estensione della Convenzione in essere Regione Puglia - Finpuglia, ai sensi della D.G.R 1993 del 10/12/02, modifica dell art. 7 limitatamente alle risorse finanziarie ed impegno di spesa a favore di Finpuglia; Ciò stante le risorse pubbliche stanziate da concedere per le agevolazioni a favore delle iniziative imprenditoriali di cui all art. 2, co. 1 lett. a del D.P.R. 314/2000, V bando sono pari ad E ,78; Vista la determinazione n. 30 del 30/01/04, pubblicata sul BURP del 19/02/04 n. 20 suppl., di approvazione delle risultanze istruttorie delle domande di agevolazioni presentate entro il 15 aprile 2003 (V bando); Considerato il notevole numero delle domande pervenute da parte di imprese a prevalente partecipazione femminile, ritenendo utile sostenere il sistema produttivo pugliese anche ampliando le operazioni tese a favorire la creazione, lo sviluppo, l aumento di competitività e di produttività di iniziative imprenditoriali promosse da donne, e avendo verificato la disponibilità di risorse finanziarie si propone di incrementare le risorse già stanziate ed impegnate sul V bando, destinando ulteriori risorse finanziarie pari ad Euro ,00. Le risorse sono rivenienti dal Fondo Unico Regionale art. 19 del D.L.vo 112/98 cap. di entrata n Fondo Unico regionale Art. 19 D.L.vo 112/98, del Bilancio 2004 e previste come spesa nel cap Interventi agevolati nei settori Artigianato e P.M.I di cui alla L.R. 3/2001. Per quanto esposto tali risorse possono essere destinate al Macrosettore Manifatturiero e Assimilati e al Macrosettore Commercio Turismo e Servizi, non rientrando il SettoreAgricoltura nella disciplina della L. 3/2001.

7 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del Le succitate risorse aggiuntive vengono ripartite tra i due Macrosettori, secondo quanto disposto dall art. 13 co. 8 del D.P.R 314/2000, ovvero in misura proporzionale al totale dei contributi richiesti e ritenuti ammissibili, definiti per il Macrosettore Manifatturiero in Euro ,00 per il Macrosettore Commercio, Turismo e Servizi in Euro ,00. Inoltre le risorse saranno attribuite alle imprese con l applicazione del criterio dello scorrimento delle rispettive graduatorie. Per la gestione delle succitate risorse finanziarie si ritiene, per motivi di continuità e di opportunità di affidare l incarico per il monitoraggio, l erogazione e la rendicontazione a Finpuglia che ha già provveduto alla valutazione nell ambito dell incarico precedentemente ricevuto, poiché Finpugliaè soggetto in house della Regione Puglia avendo tutte le caratteristiche di amministrazione aggiudicataria di cui alla direttiva C.E n. 92/50 e cosi come descritto e chiarito dalla circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento delle Politiche Comunitarie del 19/10/2001 n in G.U. n. 264 del 13/11/2001. Per il corrispettivo si provvederà a seguito di rendicontazione, le cui modalità saranno regolate da un disciplinare tecnico-amministrativo da predisporre e sottoscrivere a cura del Dirigente del Settore Artigianato e P.M.I. La spesa graverà sul cap. n Spese per le commissioni ai soggetti di cui al co. 3, art. 11 della L.R. 24/2000, per il servizio di gestione degli interventi agevolati nei settori Artigianato e P.M.I. di cui alla L.R 3/2001 e succ. modificazioni ed integrazioni Copertura Finanziaria ai sensi della L.R, n. 28/2001 La spesa di Euro ,00 troverà applicazione sui seguenti capitoli: Cap. di entrata n Fondo Unico regionale Art. 19 D.L.vo 112/98 Cap. di Spesa n Interventi agevolati nei settori Artigianato e P.M.I di cui alla L.R. 3/2001. L importo presumibile di Euro ,00, quale corrispettivo per assistenza tecnica a Finpuglia sul cap. di Entrata n Cap. di Spesa n Spese per le commissioni ai soggetti di cui al co. 3, art. 11 della L.R. 24/2000, per il servizio di gestione degli interventi agevolati nei settori Artigianato e P.M.I. di cui alla L.R. 3/2001 e succ. modificazioni ed integrazioni. All impegno della spesa si provvederà con successivo atto dirigenziale da assumersi entro il corrente esercizio. Si dà atto che il presente provvedimento rientra nella categoria di atti di competenza della Giunta Regionale, ai sensi della L.R. 7/97 art. 4, comma 4 lettera K. Il relatore, sulla base delle risultanze istruttorie come innanzi illustrate, propone alla Giunta Regionale l adozione del conseguente atto finale. LA GIUNTA REGIONALE Udita la relazione e la seguente proposta; Viste le sottoscrizioni posta in calce al presente provvedimento dal Funzionario Responsabile dal Dirigente dell Ufficio e dal Dirigente del Settore; A voti unanimi espressi nei modi di legge; DELIBERA Di approvare l incremento delle risorse finanziarie da destinare alla L. 215/92 - D.P.R 314/ V bando per un importo pari ad Euro ,00. Di dare atto che le risorse sono rivenienti dal Fondo Unico Regionale art. 19 del D.L.vo 112/98 cap. di entrata del Bilancio 2004 n e previste come spesa nel cap Interventi agevolati nei settori Artigianato e P.M.I di cui alla L.R. 3/2001. Di stabilire che tali risorse saranno destinate al Macrosettore Manifatturiero e Assimilati e al Macrosettore Commercio Turismo e Servizi, poiché il Settore Agricoltura non rientra tra i settori disciplinati dalla L.R. n. 3/01. Di stabilire che le risorse saranno ripartite tra i due Macrosettori tenendo conto di quanto disposto dall art. 13 co. 8 del D.P.R. 314/2000,

8 5812 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del ovvero in misura proporzionale al totale dei contributi richiesti e ritenuti ammissibili e definiti per il Macrosettore Manifatturiero in Euro ,00 per il Macrosettore Commercio, Turismo e Servizi in Euro ,00. Di stabilire che le risorse saranno attribuite alle imprese con l applicazione del criterio dello scorrimento delle rispettive graduatorie. Di affidare in house all Istituto Finanziario Regionale Pugliese la gestione delle attività per le motivazioni esposte in narrativa e che si intendono integralmente riportate. Di fare obbligo al Dirigente del Settore Artigianato e P.M.I di adottare gli atti di impegno di spesa relativi alla realizzazione delle attività di cui al presente provvedimento. Per quanto attiene il corrispettivo, riconosciuto alla Finpuglia gli atti di liquidazione saranno adottati dallo stesso Dirigente a seguito di presentazione, da parte della Finpuglia di regolare fattura accompagnata dall elenco delle pratiche trattate. Di disporre la pubblicazione della presente deliberazione sul BURP. Il Segretario della Giunta Dr. Romano Donno Il Presidente della Giunta Dott. Raffaele Fitto DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 25 maggio 2004, n. 787 LL.RR. 34/94 8/98. Accordo di Programma per la realizzazione di una residenza turistico-alberghiera in loc. S. Barbara. Rodi Garganico (Fg). Ditta Antica Grecia srl. L Assessore Regionale all Urbanistica, Assetto del Territorio ed E.R.P., dott. Enrico SANTA- NIELLO, sulla base dell istruttoria espletata dal Responsabile dell U.O. e confermata dal Dirigente di Settore, riferisce quanto segue: La legge regionale 19 Dicembre 1994 n. 34 Accordo di Programma per la realizzazione di strutture nel settore turistico ed alberghiero cosi come modificata ed integrata dalla L.R. n. 8 del , al fine di incentivare la ripresa economica ed occupazionale nel settore produttivo (industriale, artigianale turistico ed alberghiero), consente ai Sindaci dei Comuni interessati di produrre istanza al Presidente della G.R. per la definizione, ai sensi dell art 27 della legge 8 Giugno 1990 n. 142 (ora sostituito dall art. 34 del D.lvo 267/2000) di un Accordo di Programma, per la realizzazione di complessi produttivi che attivino immediatamente livelli occupazionali non inferiori a 10 addetti per unità produttia. La sottoscrizione dell Accordo di Programma, che dovrà essere autorizzata dalla Giunta Regionale, è ammissibile solo nel caso in cui lo strumento urbanistico vigente non preveda aree idonee e sufficienti con destinazione specifica operante e giuridicamente efficace per le opere da realizzare, o sia indispensabile l ampliamento di strutture esistenti in aree contigue non destinate alle attività turistiche e/o alberghiere. In attuazione della citata disposizione il Sindaco del Comune di RODI GARGANICO con n del , ha chiesto al Presidente della G.P. la definizione di un Accordo di Programma per la realizzazione, da parte della Ditta Antica Grecia S.r.l. - Amministratore Unico dott.stallone Sandro, con sede in FOGGIA alla via A. Guglielmi n. 148, di una Residenza turistico-alberghiera, nell ambito del territorio comunale, tipizzata dal vigente P.R.G. come zona F.2 (zona destinata ad impianti a servizio per il turismo) al fg. 5 p.lla 152 del Comune di RODI GARGANICO. La Regione Puglia - Assessorato all Urbanistica e Assetto del Territorio - SUR con nota n /C del , a seguito di istruttoria preliminare, ha chiesto al Comune di RODI GARGANICO ed al soggetto proponente di integrare gli atti trasmessi con la documentazione di seguito riportata: Istanza al Sindaco, prodotta dal soggetto destinatario della C.E., che manifesti la disponibilità dell imprenditore ad attivare immediatamente, previa presentazione di idonea e formale garanzia, livelli occupazionali non inferiori a 10 addetti ed a mantenere detti livelli, nonché la destinazione d uso degli immobili per un periodo

9 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del non inferiore a 5 anni dalla data di avvio dell attività produttiva. Titoli di proprietà e certificazione catastale delle aree oggetto d intervento. Parere del competente Ufficio del Genio Civile in quanto l area risulta classificata zona sismica secondo quanto disposto dalla L.S. 64/74 e successivi decreti di applicazione. Dichiarazione del dirigente dell U.T.C.: - che attesti la coerenza dei contenuti dell Accordo di Programma con le direttive emanate dalla G.R. con provvedimento n del ; - che attesti, per il caso in specie, li ricorrere del presupposti giuridici di cui alle LL.RR. 34/94 e 8/98 ovvero l inesistenza, all interno dello strumento urbanistico generale vigente, di aree idonee e sufficienti con destinazione specifica operante e giuridicamente efficace atte a consentire la realizzazione dell intervento in progetto (o che sia indispensabile l ampliamento di strutture esistenti in aree contigue non aventi la destinazione urbanistica); - che attesti che la documentazione tecnica prodotta dalla ditta proponente risulti sufficiente per individuare la proposta di variante puntuale allo strumento urbanistico vigente; - che identifichi, in maniera specifica, le modificazioni alla zonizzazione ed ai parametri urbanistico-edilizi dello strumento urbanistico vigente, rivenienti dalla realizzazione delle opere in progetto nonché l assenza di contrasto dell intervento a farsi con i criteri informatori generali dello strumento urbanistico vigente e/o con la previsione di opere pubbliche e siano soddisfatte le quantità minime inderogabili di aree a standards di cui al D.M n. 1444; - che attesti la presenza o meno, nell area d intervento, di opere di urbanizzazione primaria e secondaria nonché la necessità o meno di previsione di un potenziamento delle stesse in rapporto alle caratteristiche del programma costruttivo in progetto; - che attesti la presenza o meno, nell area d intervento di vincoli di varia natura (paesaggistico, archeologico, usi civici, idrogeologico, storico, naturalistico, ecc.) ed in particolare la non sussistenza delle condizioni di immodificabilità assoluta, finalizzate alla tutela del territorio e dell ambiente, ciò anche sulla base della verifica di compatibilità dell intervento con le N.T.A. del PUTT paesaggio; - che attesti che il piano occupazionale, presentato dalla ditta proponente, risulti coerente con le direttive emanate dalla G.R. con provvedimento, n del ; - che attesti che i contenuti della bozza di convenzione presentata dalla ditta proponente risultino conformi alle disposizioni della L.R. n. 8/98 ed alle direttive richiamate dalla G.R. Con la stessa nota del Settore Urbanistico Regionale in merito al tematismo Geomorfologia del PUTT venivano richieste operazioni di approfondimento in punto di fatto tali da evidenziare chiaramente l assenza di interferenze con il ciglio di scarpata, ancorchè in atti vi sia l asseveramento dei progettisti che esclude l interessamento dello stesso ciglio. Con nota del prot. n. 330, acquisita al prot. Regionale n. 460 del il responsabile dell U.T.C. del Comune di RODI GARGANICO, ha prodotto integrazioni agli atti già trasmessi con la nota sindacale n del , acquisita al prot. Regionale n del (parimenti a quella inviata al Presidente con il suddetto prot /03) nonché ulteriori elementi di valutazione che testualmente di seguito si riportano: -Istanza al sindaco prodotta, conformemente al modello approvato con delibera di G.R. n. 1284/2000, che manifesta la disponibilità della Ditta richiedente ad attivare immediatamente, previa presentazione di formate garanzia, livelli occupazionali minimi previsti per legge, per un periodo non inferiore ai 5 anni dalla data di avvio dell attività produttiva; - Copia della nota di trascrizione dell atto n di rep. del , con il quale è stato conferito in società la p.lla 152 del fg. 5 interessata dall intervento; - Dichiarazione del dirigente dell U.T.C.; - Documentazione tecnica integrativa in relazione al tematismo geomorfologia del PUTT/PBA (All. 10 modificato e Tavv. nn. 31 e 31/a);

10 5814 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del Tavole integrative (nn. 32 e 33) attestanti la presenza in zona di opere di urbanizzazione. Alla nota sindacale n. 330/04 sono allegate le attestazioni in ordine all intervento programmato, espresso in data dal Responsabile dell U.T.C. - Settore IV - che testualmente di seguito si riportano: IL DIRIGENTE Vista la richiesta di sottoscrizione di A. di P. avanzata dalla ditta Antica Grecia S.r.l. prot del e la relativa documentazione tecnico-grafica; Vista la documentazione tecnica integrativa; Viste le dichiarazioni prodotte dai progettisti; Fatto salvo quanto altro potrà emergere dall istruttoria regionale di cui al p.to 5 delle direttive approvate con delibera di G.R. n. 1284/2000 ATTESTA 1) La coerenza dei contenuti dell A. di P. di che trattasi con le direttive emanate dalla G.R. con deliberazione n del ; 2) Il ricorrere dei presupposti giuridici di cui alle LL.RR. 34/94 e 8/98, ovvero la inesistenza, all interno dello strumento urbanistico generale vigente, di aree idonee e sufficienti con destinazione specifica operante e giuridicamente efficace atte a consentire la realizzazione dell intervento, di progetto; 3) Che la documentazione tecnica prodotta dalla ditta proponente, risulta sufficiente per individuare compiutamente la proposta di variante puntuale allo strumento urbanistico vigente; che la stessa identifica in maniera specifica, le modificazioni alla zonizzazione ed ai parametri urbanistico-edilizi dello strumento urbanistico vigente rivenienti dalla realizzazione delle opere in progetto; 4) l assenza di contrasto dell intervento con i criteri informatori generali dello strumento urbanistico vigente e/o con la previsione delle opere pubbliche; 5) Che sono soddisfatte le quantità minime inderogabili di aree a standards di cui al D.M. 1444/68; 6) Che l intervento confina con la strada Rodi-Lido del Sole servita dalla rete elettrica e telefonica pubblica, nonché dalla rete fognaria e idrica gestite dall AQP; 7) Che l A. di P. non prevede alcun potenziamento delle predette opere di urbanizzazione essendo queste sufficienti in relazione all intervento a farsi; 8) Che l arca di progetto è interessata dai seguenti vincoli: sismico, paesaggistico; 9) Che sulla base della documentazione prodotta dai progettisti (relazione asseverata di compatibilità al PUTT/PBA), non sussistono condizioni di immodificabilità assoluta finalizzate ara tutela del territorio e dell ambiente; 10) Che il piano occupazionale presentato dalla ditta proponente è coerente con le direttive emanate dalla G.R., con deliberazione n. 1248/2000; 11) Che i contenuti della bozza di convenzione presentata dalla ditta proponente risultano conformi alle disposizioni della l.r. 8/98 e alle direttive richiamate dalla G.R.. In ordine al parere dell Ufficio del Genio Civile, richiesto dal Comune con nota prot. n del , lo stesso Ufficio il con nota prot. n si è espresso favorevolmente ai sensi dell art. 13 della L. n. 64/74 fermo restando che, all atto della realizzazione dei singoli manufatti, andranno eseguite, in ogni caso, indagini puntuali del terreno interessato, al fine di definire il piano di fondazione più idoneo e di effettuare una corretta valutazione dell interazione terreno-fabbricati. Per quanto attiene al parere di conformità ex art. 13 del D.P.R. 577/82 rilasciato dall Ufficio del

11 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del VV.F. il prot. n del relativamente a n.3 serbatoi di g.p.l. da lt interrati. l approvazione è condizionata, anche per ogni particolare non descritto, al rispetto delle seguenti norme tecniche di riferimento: - D. M ; -L.C. n. P2004/4106 sott. 40 del e s.m. e L; - Le utenze siano installate in locali fuori terra. Per quanto riguarda il parere sanitario è stato rilasciato parere favorevole sotto l aspetto igienico sanitario dall ASL FG/1 il prot. 22. Ciò premesso, l intervento proposto interessa aree tipizzate dal P.R.G. vigente del Comune di RODI GARGANICO come zona T2 destinata ad impianti a servizio per il turismo; l area oggetto di intervento di circa mq. è riportata nel catasto del Comune di RODI GARGANICO al Fg. 5, p.lla 152 estesa circa ha 2, a 4, ca 65, in c.da Santa Barbara in una zona caratterizzata dalla presenza di numerose strutture ricettive (Hotel S. Barbara, Camping Ripa, Camping Uliveto, Villaggio Costa Ripa) poste a ridosso della strada provinciale Rodi-Lido del Sole. L intervento proposto è caratterizzato dai seguenti indici e parametri urbanistici, i cui valori sono stati desunti dagli elaborati grafici e dalla relazione di progetto: - superficie del lotto mq ,00 - parcheggio privato mq ,42 - superficie fondiaria mq ,00 - superficie coperta mq ,29 - volume complessivo mc ,61 - indice di fabbricabilità territoriale 0,22 - rapporto di copertura % 7,81 - distacco dai confini m. 5,00 - distacco tra edifici m. 10,00 - altezza massima m. 8,00 L intervento in progetto prevede la realizzazione di: - n. 5 unità abitative a un livello secondo la tipologia ALLOGGIO UNIFAMILIARE, di circa mq. 78 cadauno per un totale di circa 20 posti letto; - n. 4 unità abitative a un livello secondo la tipologia ALLOGGIO BIFAMILIARE, composte complessivamente da otto mini appartamenti di circa di circa mq. 78 cadauno; per un totale di circa 32 posti letto; - n. 9 unità abitative ricavate dalla ristrutturazione ed ampliamento dell annesso rustico dislocate su tre livelli; per un totale di circa 30 posti letto; - un manufatto da adibire a ristorante di circa mq. 230; - un corpo centrale d ingresso di circa mq. 185 dove sono previsti uffici di direzione amministrativa, archivio, reception, pronto soccorso, un piccolo supermercato e l alloggio del custode; - una piscina; - un mini club con area scoperta, completa di giochi; - aree a verde per percorso della salute; - campo da tennis; il tutto per una capacità ricettiva complessiva di 77 posti letto, come meglio esplicitato nella Relazione Tecnica e negli elaborati grafici di progetto. La soluzione progettuale presentata, classificabile in base alla L.R. 11/99 (art. 4 comma 4) come Residenza turistico-alberghiera presenta nel dettaglio, la seguente consistenza: MANUFATTI N SUPERFICIE TOTALE DI PROGETTO (mq) (mq) Unità abitative tipo 5 78,00 390,00 Unità abitative tipo 4 157,15 628,60 Edificio servizi 1 185,90 185,90 Servizi igienici 1 22,05 22,05 Ristorante 1 172,18 172,18 Edificio esistente - 1 livello 1 200,56 200,56 Edificio esistente -2 livello 1 180,94 180,94 Edificio esistente -3 livello 1 180,94 180,94 Totale superficie utile 1961,17 Per una migliore identificazione del programma costruttivo e dell area dell intervento deve farsi riferimento agli elaborati grafici progettuali, di

12 5816 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del seguito riportati, preceduti dagli allegati di natura amministrativa: -All Elenco generale degli elaborati; -All Relazione tecnica; -All Norme tecniche ci attuazione; -All Computo metrico estimativo; -All Schema di convenzione; -All Relazione geologica; - All Piano di fattibilità Economica-Quadro occupazionale; -All Rapporti con il PUTT/PBA; -All Elaborato fotografico; -Tav Corografia (Sc. 1:25000); -Tav Stralcio del P.R.G. (Sc. 1:5000); -Tav.03 - Stralcio della mappa catastale (Sc. 1:1000); -Tav Aereofotogrammetria (Sc. 1:1000); - Tav Planimetria generale stato di fatto (Sc. 1:500); -Tav Planimetria generale di progetto (Sc. 1:500); -Tav Sovrapposizione del progetto su stralcio catastale (Sc. 1:1000); - Tav Sovrapposizione del progetto aerofotogrammetria (Sc. 1:1000); -Tav Profilo dello stato attuale (Sc. 1:500-1:200); -Tav Profilo dello stato dl progetto (Sc. 1:500-1:200); -Tav Distanze e distacchi (Sc. 1:500); - Tav Tipizzazione urbanistica delle aree (Sc. 1:500); -Tav Tipi edilizi - Edificio sevizi - piante (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Edificio servizi - prospetti - sezioni (Sc 1:100); -Tav tipi edilizi - Unita abitative tipo A - piante (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Unità abitative tipo A - prospetti - sezioni (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Unità abitative tipo B - piante (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Unità abitative tipo B - prospetti - sezioni (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Edificio esistente stato attuale - piante (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Edificio esistente stato attuale - prospetti - sezioni (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Edificio esistente stato modificato - piante (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Edificio esistente stato modificato - prospetti - sezioni (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Ristorante - piante (Sc. 1:100); -Tav Tipi edilizi - Ristorante - prospetti - sezioni (Sc. 1:100); -Tav Calcolo superfici e volumi; - Tav Locali tecnologici piante - sezioni (Sc. 1:100); -Tav Impianto energia elettrica (Sc. 1:500); - Tav Impianto Idrico potabile ed antincendio (Sc. 1:500); -Tav Impianto rete fognaria (Sc. 1:500); -Tav Servizi Igienici - piante - prospetti - sezioni (Sc. 1:100). Per quanto attiene alle particolari condizioni previste dalla datata L.R. n. 34/94, dagli atti trasmessi dal Comune di RODI GARGANICO, si desume che: a) l attività dell insediamento turistico alberghiero comporterà, a regime, l utilizzo di mano d opera pan a n. 12 unità lavorative; b) lo strumento urbanistico generale vigente (P.R.G.), approvato in via definitiva il , del Comune di RODI GARGANICO non dispone di aree con destinazione specifica operante e giuridicamente efficace atte a consentire la realizzazione dell intervento in progetto. In relazione a quanto sopra rappresentato sì ritiene che per l intervento proposto dalla Ditta Antica Grecia S.r.l.. sussistono tutte le condizioni previste dalla L.R. 19 dicembre 1994 n. 34 e s.m. ed i., per procedere alla sottoscrizione dell Accordo di programma per la realizzazione dell intervento stesso, in variante allo strumento urbanistico generale vigente (P.R.G.). La variante connessa all Accordo di Programma risulta ammissibile sotto il profilo urbanistico attesa la localizzazione del lotto d intervento in aree previste quali impianti a servizio per il turismo (del tipo sportivo) di PRG e come tale coerente con la nuova pianificazione urbanistica approvata in via definitiva; la stessa variante comporta la ripartizione delle aree da zona F2 (attrezzature turistiche)

13 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del a zona T (Turistica), con indici e parametri urbanistico-edilizi come da progetto. L intervento, tuttavia, dovrà essere subordinato alle seguenti condizioni: 1) Obbligo da parte della ditta richiedente la sottoscrizione dell A. di P., di accollo dl tutti gli oneri relativi alle opere di U.P. e U.S., nella misura dovuta per legge; 2) Obbligo di realizzazione di tutte le opere di urbanizzazione a completamento dl quelle esistenti, che dovessero rendersi necessarie con particolare riferimento alla rete di smaltimento delle acque reflue, in conformità alle vigenti disposizioni di legge In materia; 3) Individuazione delle aree a standards urbanistici di cui all art. 5 p.to 2 del D.M. 1444/68 da cedere all A.C. nella misura di 80 mq ogni 100 mq di superficie utile da realizzarsi; 4) Individuazione delle superfici destinate a parcheggio privato nella misura non inferiore a mq i per ogni 10 mc dì nuova costruzione (L. 122/89); 5) L intervento deve ottemperare a tutti i dettati normativi in materia sanitaria di sicurezza sui luoghi di lavoro e/o ambientale; 6) Prima del rilascio del Permesso di Costruire il richiedente dovrà prestare formale garanzia in ordine al mantenimento dei livelli occupazionali previsti e della destinazione d uso degli immobili per un periodo non inferiore a 5 anni a decorrere dalla data di inizio dell attività produttiva. Tale garanzia, da prestarsi anche in forma di fideiussione bancaria o assicurativa, dovrà essere commisurata per il quinquennio e per ciascuna nuova unità lavorativa prevista nel piano occupazionale al costo lordo opportunamente documentato. Per quanto attiene alla garanzia riferita alla destinazione d uso dell immobile, essa sarà congruamente commisurata ai valori degli oneri di urbanizzazione; 7) In ipotesi dl esecuzione diretta delle opere di U.P., la stessa garanzia sarà restituita alla scadenza del periodo per il quale è stata presentata e, anche in mancanza del nulla osta comunale, comunque decorsi 6 mesi dalla scadenza della medesima. Inoltre, ricadendo le aree interessate dall intervento in zona con vincolo paesaggistico ai sensi della L. 1497/39 (Delibera di G.R. n. 917 del ) ed in ambito territoriale esteso di valore relativo D - con prescrizione vincolistica preesistente - del PUTT/Paesaggio, (approvato dalla G.R. con Delibera n. 1748/2000) la variante urbanistica è soggetta a parere paesaggistico ai sensi del combinato disposto degli artt punto 2 - e 5.03 delle N.T.A. del PUTT, nonché al parere della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Puglia di Bari. Per quanto attiene agli aspetti di natura paesistica dagli atti del PUTT, si rileva che l area interessata all intervento ricade in Ambito Territoriale Esteso: valore distinguibile di tipo D. Gli indirizzi di tutela per l ambito D prevedono: conservazione e valorizzazione dell assetto attuate; recupero delle situazioni compromessa attraverso l eliminazione dei detrattori e/o la mitigazione degli effetti negativi; massima cautela negli interventi di trasformazione del territorio. In merito, con nota n del , il Comune dl RODI GARGANICO ha trasmesso la Relazione asseverate di compatibilità al PUTT/PBA da cui si evincono le seguenti situazioni: - Sistema geologico geomorfologico ed idrogeologico: l area di intervento, non è interessata da particolari componenti di riconosciuto valore scientifico e/o rilevante ruolo per l assetto paesistico-ambientale complessivo dell ambito di riferimento. Come si evince dalla cartografia del PUTT, essa non è interessata direttamente dalla presenza di versanti, cigli di scarpate e/o crinali, lame, gravine etc.; non presenta elementi caratterizzanti l assetto geomorfologico, particolari peculiarità dal punto dl vista geologico,, né vincoli di natura idrogeologica. Dagli Atlanti allegati al PUTT, emerge inoltre la presenza di un ciglio di scarpata, la cui pertinenza ed area annessa non

14 5818 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del risulta interessare la particella catastale di progetto. Inoltre, i movimenti di terra, così come evidenzia la relazione geologica-geotecnica saranno tali da conservare l assetto attuale sia idrogeologico che morfologico. Con riferimento alle COSTE ED AREE LITO- RANEE, dalla documentazione grafica emerge che l intervento sarà completamente realizzato oltre l Area Annessa. - Sistema copertura botanico-vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica: L area In esame non è interessata da particolari componenti di riconosciuto valore scientifico e/o rilevante ruolo nell assetto botanico-vegetazionale. Come si evince nella cartografia tematica del PUTT, la stessa non risulta essere interessata dalla presenza dl boschi, biotipi, parchi e non presenta vincoli faunistici. L Intervento proposto, oltre a mantenere inalterata la situazione esistente (uliveto), prevede la sistemazione a verde di ampie aree e la piantumazione di arbusti ed alberi tipici della macchia mediterranea migliorando rassetto vegetazionale attuale. - Sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa: Nell area interessata non sono stati segnalati particolari beni storico-colturale, grotte etc. e non risultano presenti usi civici. Successivamente, a seguito di richiesta del di integrazione degli atti da parte della Regione Puglia -Assessorato all urbanistica e Assetto del Territorio- con nota n /C del SUR, è pervenuto tramite il Comune (nota n. 330 del ) l allegato n. 10 Rapporti con il PUTT/PBA - relazione integrativa. Dagli approfondimenti eseguiti dai progettisti, architetti Luigi TROSO e Maria PESTILLO, in merito al tematismo geomorfologia del PUTT/PBA si rileva in sintesi quanto segue: L area interessata dall intervento non ricade nella perimetrazione della Comunità Montana. Ma, atteso the parte del territorio del Comune di RODI GARGANICO invece ne è compreso, l area oggetto dell intervento è stata trattata per analogia come se lo fosse. Pertanto le classi di appartenenza in rapporto alla pendenza assoluta del versante e del ciglio/crinale sono le seguenti: - per il versante: classe 1.1: versante montano con pendenza inferiore al 30%; - per il ciglio/crinale: classe 1.2: ciglio/crinale montano con pendenza inferiore al 30%. A dimostrazione dl tutto ciò, si è redatto un elaborato grafico con due sezioni rappresentative ed interessanti l intero ciglio di scarpata, dal quale si evince che sia la pendenza relativa all area di progetto sia la pendenza assoluta dell intero versante è inferiore al 30%. Pertanto ai sensi dell art Regimi di tutela - sono state individuate le aree di pertinenza e le aree annesse sia del ciglio di scarpata sia del versante in relazione alle proprie classi di appartenenza con le seguenti fasce della larghezza cartografica dalla linea di ciglio versante pari a: - classe 1.1: metri 50; - classe 1.2: metri 100. Come si evince dal predetto elaborato grafico, ai tini della tutela, le aree annesse non interferiscono in alcun caso con l area oggetto dell intervento. Ad ogni buon conto si precisa che l intervento, anche se non ricade nelle aree annesse del ciglio di scarpata e del versante, perseguirà obiettivi di salvaguardia e valorizzazione paesaggistico-ambientale nel rispetto degli aspetti rilevanti con salvaguardia delle visuali panoramiche. In riferimento alle direttive di tutela, per il sistema assetto geologico, geomorfologico ed idrogeologico, l intervento perseguirà la tutela delle componenti geologiche, geomorfologiche ed idrogeologiche presenti. Infatti, i lievi movimenti di terra, così come evidenzia la relazione geologica-geotecnica, saranno tali da conservare l assetto attuale sia idrogeologico che morfologico. Premesso quanto innanzi e in relazione al parere paesaggistico previsto dall art delle NTA del PUTT/paesaggio, per la variante urbanistica pro-

15 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del posta, sulla scorta di quanto sopra prospettato, si ritiene di poter esprimere parere favorevole con le seguenti prescrizioni, per un miglior inserimento del programma costruttivo nel contesto paesaggistico di riferimento: Siano preservati il più possibile gli elementi che costituiscono i segni della stratificazione storica delle tecniche di conduzione agricola del luogo e pertanto meritevoli di tutela. Le recinzioni ed i muri di contenimento a farsi dovranno essere realizzati in analogia formale e materica con i muretti a secco esistenti. Gli alberi di pregio esistenti (olivi di carattere anche secolare) siano preservati e/o reimpiantati accanto nonché implementate con soggetti siano preservate e/o ripiantumati nonchè implementate con soggetti arborei e/o arbustivi della flora locale da posizionarsi soprattutto a ridosso delle volumetrie in progetto nonchè a ridosso delle aree a maggiore fruizione visisa; siano limitati al minimo indispensabile i movimenti di terra (sbancamenti, sterri, riporti) al fine di non modificare in maniera significativa l attuale assetto geomorfologico d insieme dell area oggetto d intervento. Per garantire un ottimale inserimento paesaggistico, inoltre, verranno utilizzati, quali materiali di finitura esterna, pietra ed intonaco con colori tenui tipici della zona (colori tenuti della gamma delle terre). Si dà atto, sulla scorta degli atti d Ufficio (P.U.T.T./P.B.A.), che le aree interessate dall intervento non sono gravate da usi civici e pertanto non sono applicabili le disposizioni di cui alla L.R. n. 7/98. Si dà, altresì, atto che: - l area d intervento non è ricompresa nei SIC e ZPS di cui al D.P.R. 12/4/2000; - l intervento oggetto di A. di P., non è assoggettabile alle disposizioni di cui alla l.r. n. 11/2002 in quanto non ricompreso negli allegati A e B della medesima legge. L intervento comporta variante agli strumenti urbanistici vigente ed adottato rispettivamente nei termini di ritipizzazione dell area F2 Impianto al servizio del Turismo a zona T - turistica sotto l osservanza degli indici e parametri urbanistico-edilizi così come previsto dall art comma - del D.lvo 267/2000, dal Consiglio Comunale entro 30 giorni dalla sottoscrizione dello stesso e, successivamente, dovrà essere approvato con decreto dal Presidente della G.R. In relazione a quanto sopra riferito e con le prescrizioni tecniche e le condizioni di cui innanzi si ritiene che la Giunta Regionale, in attuazione dell articolo unico della L.R. n. 34 del così come integrato e modificato dalla L.R. n. 8 del , possa autorizzare il Presidente della G.R. alla sottoscrizione dell Accordo di Programma richiesto dal Sindaco del Comune di RODI GARGANICO. Il citato Accordo di Programma potrà essere redatto sulla base dello schema allegato al presente provvedimento. Si dà atto che l intervento non è assoggettabile alle disposizioni della L.R. 11/2001 e che l area interessata non ricade in sito di importanza comunitaria né in zona di protezione speciale di cui al Decreto del Ministro dell Ambiente 3/4/2000. Infine, si dà atto che, il presente provvedimento è stato predisposto in coerenza con le direttive emanate dalla Giunta Regionale con delibera n 1284 del Resta inteso, infine, che si demanda all Ufficio Tecnico Comunale l accertamento della inclusione dell area d intervento nell ambito del Parco Nazionale del Gargano e ad esito positivo di acquisire il parere previsto per legge e ciò prima dell emissione del Decreto del Presidente della Giunta Regionale che sancisce l efficacia della variante, a conclusione del procedimento amministrativo. IL PRESENTE PROVVEDIMENTO APPAR- TIENE ALLA SFERA DELLE COMPETENZE DELLA GIUNTA REGIONALE COSI COME PUNTUALMENTE DEFINITE DALL ART. 4 - COMMA 4 DELLA L.R. 7/97 punto e). ADEMPIMENTI CONTABILI DI CUI ALLA LR N. 28/01 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI NON COMPORTA ALCUN MUTAMENTO QUALITATIVO O QUANTITATIVO DI ENTRATA O DI SPESA NE A CARICO DEL BILANCIO REGIONALE NE A CARICO DEGLI

16 5820 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del ENTI PER I CUI DEBITI, I CREDITORI POTREBBERO RIVALERSI SULLA REGIONE L Assessore, sulla base delle risultanze Istruttorie come innanzi illustrate propone alla Giunta l adozione del conseguente atto finale. LA GIUNTA UDITA la relazione e la conseguente proposta dell Assessore all Urbanistica ed E.R.P.; VISTE le sottoscrizioni poste in calce al presente provvedimento dall istruttore, dal responsabile dell U.O. e dal dirigente del Settore; A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge; DELIBERA - DI AUTORIUARE, per le considerazioni e con le prescrizioni tecniche di cui alla narrativa che qui per economia espositiva s intendono integralmente trascritte e sulla base dello schema allegato, il Presidente della G.R. alla sottoscrizione dell Accordo dl Programma (ai sensi della L.R n. 34) così come richiesto dal Sindaco del Comune di RODI GARGANICO per la realizzazione, in variante al P.R.G. adottato ed ora vigente, da parte della Ditta ANTICA GREGIA S.r.l., di una Residenza turistica-alberghiera nel territorio Comunale di RODI GARGANICO; - DI RILASCIARE il parere paesaggistico con prescrizioni di cui all art delle NTA del PUTT/Paesaggio, nei termini riportati in narrativa, e fermo restando, per gli interventi esecutivi, l obbligo dl dotarsi di autorizzazione paesaggistica e ciò prima del rilascio della C.E. - DI PROVVEDERE alla pubblicazione sul B.U.R. del presente provvedimento. Il Segretario della Giunta Dr. Romano Donno Il Presidente della Giunta Dott. Raffaele Fitto ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Puglia, rappresentata dal Presidente della Giunta Regionale Dott. Raffaele FITTO e il Comune di RODI GARGANICO rappresentato dal Sindaco pro-tempore sig. Carmine d ANELLI in attuazione della L.R. 19 Dicembre 1994 n. 34, cosi come modificata ed integrata dalla L.R. 28 Gennaio 1998 n. 8, per la realizzazione di un impianto produttivo a carattere turistico ed alberghiero nel Comune di RODI GARGANICO da parte della Ditta Antica Greca srl. PREMESSO: a) che la L.R. 19 Dicembre 1994 n. 34 cosi come modificata ed integrata dalla L.R. 28 Gennaio 1998 n.8 prevede che, al fine di incentivare l occupazione nel settore produttivo (industriale, artigianale, turistico ed alberghiero) i Sindaci dei Comuni interessati possono richiedere al Presidente della Giunta Regionale la definizione di un Accordo di Programma ai sensi dell art. 27 della legge 8 giugno 1990 n 142, ora sostituito dall art. 34 del D.Lgs n. 267/2000, per l autorizzazione alla realizzazione di complessi produttivi che attivino immediatamente livelli occupazionali non inferiori a 10 addetti per unità produttiva; b) che, la sottoscrizione dell Accordo di Programma, previamente autorizzata dalla Giunta Regionale, è ammissibile soltanto se lo strumento urbanistico vigente non preveda aree idonee e sufficienti con destinazione specifica operante e giuridicamente efficace o sia indispensabile l ampliamento di strutture esistenti in aree contigue non destinate alle attività industriali e/o artigianali; c) che, ai sensi del quarto e quinto comma del richiamato art. 34 del D.lgs n. 267/2000, 8 giugno 1990 n. 142, l Accordo di Programma, rafificato nei successivi 30 giorni dal Consiglio Comunale e oggetto di successivo Decreto del Presidente della G.R., determina anche variante agli strumenti urbanistici vigenti. CONSIDERATO: a) che la Ditta Antica Grecia S.r.l. - Amministratore unico dott. STALLONE Sandro, ha in programma la realizzazione, in loc. Santa Barbara

17 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del nel territorio del Comune di RODI GARGA- NICO, di un impianto produttivo a carattere turistico alberghiero; b) che, la ditta Antica Grecia S.r.l. sarà responsabile delle garanzie e degli obblighi specificatamente previsti dalla legge e dalla convenzione; c) che, in assenza di aree giuridicamente efficaci nel vigente strumento urbanistico, il Sindaco del Comune di RODI GARGANICO ha richiesto, con istanza in data , al Presidente della G.R. la definizione, in attuazione della citata L.R. 19 dicembre 1994 n. 34, di apposito Accordo di Programma per la realizzazione di impianti produttivi a carattere turistico alberghiero da parte della ditta con reperimento di area idonea, in variante allo strumento urbanistico generale vigente (P.R.G.). PRESO ATTO dalla documentazione trasmessa dal Sindaco Comune di RODI GARGANICO: a) che lo strumento urbanistico vigente del Comune di RODI GARGANICO non dispone di aree giuridicamente efficaci per la realizzazione dell insediamento programmato dalla ditta Antica Grecia S.r.l. e pertanto è stata individuata apposita area della superficie totale di mq. con destinazione F2 - Impianti ai servizio del Turismo del P.R.G. vigente. b) che l area individuata, risulta censita in catasto terreni in agro di RODI GARGANICO al foglio n 5 p.lla 152, per una superficie territoriale di mq. L intervento è ubicato in loc. Santa Barbara in una zona caratterizzata dalla presenza di numerose strutture ricettive (Hotel S. Barbara, Camping Ripa, Camping Uliveto, Villaggio Costa Ripa) poste a ridosso della strada provinciale Rodi - Lido del Sole; c) che la ditta Antica Grecia S.r.l. si è impegnata alla realizzazione di tutte le opere di urbanizzazioni primaria e secondaria necessarie, nella misura dovuta per legge, per l insediamento unitario del complesso produttivo a carattere turistico alberghiero e ha assicurato l occupazione a regime nell attività produttiva di un numero di addetti pari a 12 unità. VISTA la deliberazione n. del con la quale la G.R. ha autorizzato - con prescrizioni e condizioniil Presidente della G.R. alla sottoscrizione dell Accordo di Programma richiesto dal Sindaco di RODI GARGANICO ai sensi della citata L.R. del 19 Dicembre 1994 n. 34 così come integrata e modificata dalla L.R. 28 Gennaio 1998 n. 8, per la realizzazione dell intervento da parte della ditta Antica Grecia S.r.l. TUTTO CIO PREMESSO le parti, la Regione Puglia e il Comune di RODI GARGANICO, come sopra costituite convengono quanto segue: 1) Le premesse costituiscono, parte integrante e sostanziale del presente Accordo di Programma; 2) In attuazione della L.R. 19 Dicembre 1994 n. 34 cosi come integrata e modificata dalla L.R. 28 Gennaio 1998 n. 8, la Regione Puglia e il Comune DI RODI GARGANICO con la sottoscrizione del presente Accordo di Programma autorizzano, per quanto di rispettiva competenza, la realizzazione da parte della ditta Antica Grecia S.r.l. di impianto produttivo a carattere turistico alberghiero in variante allo strumento urbanistico generale vigente. Per una migliore identificazione del programma costruttivo e dell area dell intervento si fa riferimento agli elaborati grafici riportati nella delibera di G.R. n. del ; 3) Per quanto riguarda le aree da destinare a spazi a verde pubblico, parcheggio e attività collettive da cedere al Comune, vale quanto disposto dall art. 5 punto 1 del D.M. n 1444/68; inoltre, per lo stesso intervento, valgono le ulteriori prescrizioni tecniche precisate nel corpo della stessa deliberazione di G.R. n. del ; 4) La ditta Antica Grecia S.r.l. dovrà assicurare l esecuzione contestuale di tutte le opere di urbanizzazione primaria con particolare riferimento alle aree a parcheggio, reti servizi con relativi allacciamenti, rete smaltimento delle

18 5822 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del acque reflue con relativo impianto di depurazione in conformità alle leggi vigenti; 5) il rilascio del permesso di costruire è subordinato alla stipula di apposita convenzione tra il COMUNE DI RODI GARGANICO e la ditta Antica Grecia S.r.l. diretta a disciplinare: a) quanto previsto dalla vigente legislazione urbanistica in materia specifica; b) l obbligo del soggetto proponente, o chi per esso, di realizzare a propria cura e spese tutte le infrastrutture necessarie a dotare la zona delle indispensabili opere di urbanizzazioni primaria e secondaria; c) l obbligo, anche mediante sottoscrizione di formale e idonea garanzia, di assicurare il mantenimento dei nuovi livelli occupazionali (n. 12 addetti a regime) previsti in progetto e la destinazione d uso degli immobili per un periodo non inferiore a 5 anni, dalla data di avvio dell attività produttiva. Tale garanzia, anche in forma di fideiussione bancaria o polizza assicurativa, dovrà essere congruamente commisurata, per il quinquennio e per ciascuna nuova unità lavorativa prevista nel piano occupazionale, al costo lordo opportunamente documentato. Per quanto attiene alla garanzia riferita alla destinazione d uso dell immobile essa sarà congruamente commisurata ai valori degli oneri relativi al permesso di costruire delle opere di C.E. In ipotesi di esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione primaria la stessa garanzia sarà aumentata in misura corrispondente al costo delle opere stesse. La predetta garanzia sarà restituita alla scadenza del periodo per il quale è stata prestata, ed anche in mancanza del nulla-osta comunale, decorsi 6 mesi dalla scadenza della medesima. La convenzione dovrà essere espressamente richiamata nella deliberazione con la quale il Consiglio Comunale di RODI GARGANICO ratificherà il presente Accordo di Programma. 6) Ai sensi e per gli effetti dell art. 34 quarto comma del D.Lgs n. 267/2000 le determinazioni assunte con il presente Accordo costituiscono, per quanto di ragione, variante allo strumento urbanistico generale adottato ed approvato del Comune di RODI GARGANICO. Resta, inteso che l efficacia del presente Accordo è condizionata alla ratifica da parte del Consiglio Comunale di RODI GARGANICO, entro e non oltre 30 giorni dalla sottoscrizione, con deliberazione che sarà dichiarata immediatamente esecutiva ai sensi della vigente normativa. Il presente Accordo, inoltre, sarà approvato con decreto del Presidente della Regione determinando la conseguente variante allo strumento urbanistico vigente. 7) Nell eventualità che il soggetto proponente, o chi per esso, non stipuli la successiva convenzione con il Comune o l intervento non venga, per qualunque ragione, realizzato, il presente Accordo si intenderà risolto di pieno diritto. In tal caso l area interessata dall intervento riacquisterà l originaria destinazione urbanistica. 8) Verificandosi tutte le condizioni e gli adempimenti previsti dal presente Accordo, il competente organo comunale rilascerà alla ditta Antica Grecia S.r.l. il permesso di costruire entro e non oltre sessanta giorni dalla presentazione della relativa istanza previo obbligo di idonee e reali garanzie (art. 1 - V comma - L.R. n 34/94) commisurate alla effettiva entità degli adempimenti ed obblighi di cui al precedente punto 5) a carico della stessa Società proponente. 9) Il presente Accordo ha rilevanza esclusivamente ai fini urbanistici e non comporta alcun onere finanziario né a carico dell Amministrazione Regionale né a carico dell Amministrazione Comunale. 10) Le condizioni sopra riportate dovranno essere espressamente accettate sia dal soggetto proponente l intervento che dalla Civica Amministrazione con delibera di Consiglio Comunale di ratifica del presente Accordo di Programma. Il Comune di RODI GARGANICO, provvederà a far sottoscrivere il presente Accordo di programma, per presa visione ed accettazione incondizionata, da parte del soggetto proponente l intervento.

19 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del ) Ai sensi del sesto comma dell art. 34 del D.Lgs n. 267/2000 e dell art. 5 della L.R. 4/95, la vigilanza sull esecuzione del presente Accordo di Programma con controlli annuali e sugli eventuali interventi sostitutivi è esercitata da un collegio presieduto dall Assessore Regionale all Urbanistica o suo delegato e dal Sindaco del Comune di RODI GARGANICO. In caso di controversia fra le parti sarà nominato un collegio arbitrate cosi composto: - un componente nominato dal Presidente della Regione; - un componente nominato dal Sindaco del Comune: - un componente nominato dal soggetto proponente; - un componente nominato dal Presidente del Tribunale competente per territorio, che nell ipotesi di parità avrà voto doppio. Il Sindaco del Comune di Rodi Garganico Sig. Carmine d Anelli Il Presidente della Reginoe Puglia Dott. Raffaele Fitto Atti di Organi monocratici regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE UFFICIO PARCHI 29 gennaio 2004, n. 4 Deliberazione di G.R. n. 860/2002 Documento di Programmazione IN.F.E.A. Regione Puglia biennio 2002/2003. Programma Operativo Scuola-Ambiente. Bando campagne informazione ed educazione ambientale scuole pugliesi ex determinazione dirigenziale n. 127/03 (cod.cifra090/dir/2003/00127) Tema 1 Conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale. Esito. L anno 2004 il giorno 29 del mese di GEN- NAIO, in Modugno, nella sede dell Assessorato all Ambiente, il Dirigente di Settore, dott. Luca Limongelli, f.f. di Dirigente dell Ufficio Parchi e R.N., ha adottato il seguente provvedimento. VISTO che il Documento di programmazione IN.F.E.A. della Regione Puglia per il biennio 2002/2003, approvato con deliberazione di G.R. n.860 del 02/07/2002, prevede lo svolgimento di attività di informazione e sensibilizzazione ambientale attraverso il coinvolgimento del mondo della scuola; VISTO che in data 31 luglio 2002 è stato sottoscritto l Accordo di Programma Informazione, Formazione ed Educazione Ambientale - IN.F.E.A. tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio - Direzione Sviluppo Sostenibile e la Regione Puglia - Assessorato all Ambiente, per dare attuazione alle politiche nazionali e regionali in materia di informazione, formazione ed educazione ambientale per il biennio 2002/03; CONSIDERATO che in data 31 luglio 2003 è stato sottoscritto, tra l Assessorato all Ambiente della Regione Puglia e l Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, il Protocollo d Intesa Per la promozione e la diffusione di una consapevole e corretta cultura e conoscenza delle tematiche ambientali e per l educazione a comportamenti responsabili ed attivi, finalizzati allo sviluppo sostenibile, cui è stato allegato il Programma Operativo Scuola-Ambiente 2003/2005, che prevede, tra l altro, la realizzazione di attività concorsuali e campagne di informazione e sensibilizzazione ambientale, da attivarsi mediante bando rivolto al mondo della scuola; CONSIDERATO che, con deliberazione di G.R. n.1439 del 26/09/2003, è stato approvato il Documento di Strategia Regionale per la sensibilizzazione e l educazione ambientale in materia di Sistema Regionale per la Conservazione della Natura della Regione Puglia per l annualità 2003, che prevede, tra l altro, un finanziamento di Euro ,00 a valere sul cap di Bilancio della Misura 1.6 del POR Puglia 2000/2006 FESR, per l attuazione del Programma Operativo Scuola- Ambiente; CONSIDERATO che, con deliberazione n.1443 del 26/09/2003, la G.R. ha approvato la Definizione della strategia complessiva di comunicazione per promuovere la riduzione della produzione e della pericolosità dei rifiuti e la raccolta differen-

20 5824 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 67 del ziata per le annualità 2003/04, che prevede un finanziamento di Euro ,00= a valere sul cap , per l attuazione del Programma Operativo Scuola-Ambiente; VISTO che con determinazione n.127/03 del Dirigente dell Ufficio Smaltimento Rifiuti, adottata di concerto con il Dirigente dell Ufficio Parchi e Riserve Naturali f.f., in ottemperanza ai dispositivi dei suddetti provvedimenti di G.R., nell ambito del Programma Regionale INFEA 2002/2003 ed in attuazione del Programma Operativo Scuola- Ambiente, è stato approvato il bando finalizzato alla realizzazione di campagne di informazione ed educazione ambientale, promosse nell anno scolastico 2003/2004, da scuole di ogni ordine e grado, presenti sul territorio pugliese, con la concessione di contributi per l importo Euro ,00=, di cui Euro ,00= per interventi volti a promuovere la riduzione e/o la pericolosità dei rifiuti e Euro ,00= per interventi volti a promuovere la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale ; VISTO che dal verbale, in atti, del Comitato costituitosi a seguito della sottoscrizione del suddetto Protocollo d intesa e composto da tre rappresentanti dell Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e tre rappresentanti dell Assessorato regionale all Ambiente, tra i progetti pervenuti sul Tema 1: Conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale risultano ammissibili a finanziamento, per i rispettivi importi, quelli dei seguenti Istituti scolastici: Progetti in rete: presentati n.48, di cui 5 (uno per ogni provincia) ammessi finanziamento: Istituto scolastico (capofila) Comune Prov. Contributo Coofichiesto/ assentito nanziamento 3 Circ.Did. Via Vitrani Barletta BA Euro ,00 Euro ,00 Liceo Pol.Stat. don Q. Punzi Cisternino BR Euro ,00 Euro 5.000,00 S.M.S Manicone Vico del Gargano FG Euro ,00 Euro 7.500,00 S.M.S. P. Stomeo - G. Zimbalo Lecce LE Euro ,00 Euro 500,00 1 Circolo E. De Amicis Massafra TA Euro ,00 Euro - Progetti singoli: presentati n.117; ammessi a finanziamento n.25 (9 sulla base di una graduatoria regionale e 16 sulla base delle graduatorie provinciali). Graduatoria regionale: Istituto scolastico Comune Prov. Contributo Coofichiesto/ assentito nanziamento Scuola Media Anna de Renzio Bitonto BA Euro 5.000,00 Euro 6.281,00 Liceo Scientifico G.Tarantino I Gravina di Puglia BA Euro 5.000,00 Euro ,00 Istituto Comprensivo Statale - Parabita Parabita LE Euro 5.000,00 Euro 2.500,00 D.D. 5 Circolo R. Scardigno Molfetta BA Euro 5.000,00 Euro 5.300,00 Scuola Media statale R.Dimiccoli Barletta BA Euro 4.260,00 Euro 540,00 1 Circolo Didattico Hero Paradiso Santeramo BA Euro 5.000,00 Euro ,00 Ist. Istr. Sec. Superiore E. Pantanelli Ostuni BR Euro 5.000,00 Euro 600,00

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 159 Speciale (Attività Formative) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Sped. in abb. Postale, Art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Aut. DC/215/03/01/01 - Potenza Anno XXXIV BARI, 1 AGOSTO 2003 N. 87 suppl. Il Bollettino

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli