ASSOCIAZIONE MECCANICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE MECCANICA"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE MECCANICA ANNUARIO 2015

2

3 MANIFESTAZIONI pag MANIFESTAZIONI pag MANIFESTAZIONI pag Convegno ADESIVI STRUTTURALI 5 Convegno DOE 16 Corso PROBLEM SOLVING 26 Visita BONFIGLIOLI RIDUTTORI 6 Gita a BERGAMO 17 Visita COMPOMAC 27 Convegno RETI DI IMPRESA 7 Visita SIR 8 GIORNATA DEL SOCIO 18 Visita TETRA PAK 19 Pranzo Auguri 28 SOMMARIO pag PRESENTAZIONE 2 CONSIGLIO DIRETTIVO e RAPPORTI COLLABORAZIONE 3 SOCI COLLETTIVI 4 MANIFESTAZIONI 5 ELENCO SOCI 29 ELENCO ATTIVITA DEI SOCI 47 STATUTO SOCIALE 57 Convegno STAMPA 3D 9 Convegno Lean Manufacturing 20 ABBONAMENTI A RIVISTE 61 MODALITA D ISCRIZIONE e PUBBLICITA SU ANNUARIO 67 SCHEDA D ISCRIZIONE 69 Fiera MEC-SPE 10 Visita TMC 11 ASSEMBLEA ANNUALE 12 Visita CURTI LAMIERE 14 Visita F.lli MUSARRA 21 Convention AMBIENTE-LAVORO 22 Visita LANDI RENZO 23 Corso LEAN 24 INSERZIONISTI pag Ass. AMICI Museo Patr. Industriale 44 ASSI 42 BALTUR 48 BONFIGLIOLI RIDUTTORI 66 CEFLA 34 CEI 60 CESOP 70 CHIMAR 50 ELETTROSTAMPERIA POPPI 32 EURORICAMBI 58 FAAC 56 FONDAZIONE ALDINI-VALERIANI 64 GT LINE 62 KISSSOFT 36 MECAVIT 30 MIRAI 54 MOLLIFICIO ISB 38 PROTESA 40 SENAF 72 STUDIO CONSILIA 71 STUDIO EFFE 2 52 STUDIO PEDRINI 68 STUDIO UPM 46 Fiera LAMIERA e LEAN 15 Visita Laboratori Università Bo 25 Annuario 2015 Copertina: Enrico Conte Impaginazione: Enrico Conte Fotografie: Antonino Marchesini Si ringraziano i Consiglieri che hanno fornito i testi delle manifestazioni da loro organizzate.

4 FINALITA E PROGRAMMI ASSOCIAZIONE MECCANICA L ASSOCIAZIONE MECCANICA esiste dal 1970 (oltre ai 15 anni come sezione Bologna dell Associazione Meccanica Italiana). Si propone con perseveranza e convinzione : Sviluppare una cultura attenta ai valori dell impresa e della professionalità Rafforzare la figura del tecnico Contribuire alla sua formazione continua e all aggiornamento professionale L associazione conta circa 400 soci: rigenti, professionisti, quadri e tecnici e molte Aziende. Sviluppa un programma con circa 15 manifestazioni annuali che comprendono: Visite ad aziende Conferenze su temi meccanici, meccatronici, dell automazione, organizzativi, gestionali, impiantistici e normativi Corsi su argomenti d interesse professionale Manifestazioni conviviali e culturali L Associazione Meccanica rilascerà ai soci partecipanti un attestato frequenza che è un utile supporto per autocertificare creti formativi secondo le regole dell orne professionale appartenenza. Nel sito sono pubblicati: la storia della Associazione, lo Statuto, il Consiglio Direttivo e le locanne delle attività passate e future ed il modulo per le nuove iscrizioni. La quota d iscrizione, invariata da anni, copre le spese vive mentre tutte le attività sono realizzate con spirito gratuito dai componenti del Consiglio Direttivo e da vari Soci. Dal 2015 la quota associativa per i Soci Juniores (studenti e lavoratori fino a 30 anni) è ridotta a 10,00 Euro. L Associazione è aperta alla partecipazione dei giovani con i quali i soci senior desiderano convidere le attività istituzionali e la partecipazione alla grande famiglia dei tecnici del nostro territorio.

5 CONSIGLIO DIRETTIVO 2013/2014 DELL ASSOCIAZIONE MECCANICA: RAPPORTI DI DI COLLABORAZIONE CON ASSOCIAZIONI ED ENTI CULTURALI : : Presidente : Ing. Marco Padovani V. Presidente : Ing. Paolo Capelli V. Presidente : P.I. Mauro Scandellari Tesoriere : Ing. Giorgio Vitolo Segretario : P.I. P.I. Italo Tabaroni Consiglieri : Ing. Ing. Primo Primo Baravelli Baravelli Ing. Ing. Enrico Enrico Conte Conte Sig. Sig. Giorgio Giorgio Gui Gui Ing. Ing. Paride Paride Malavasi Malavasi P.I. P.I. Antonino Antonino Marchesini Marchesini Ing. Ing. Francesco Francesco Monari Monari P.I. Michele Pagnoni P.I. Michele Pagnoni Dott. Massimo Ragni Dott. Massimo Ragni Revisori Revisori : Ing. Giorgio Dall Olio Ing. Giorgio Dall Olio Ing. Leonar Umberto Ing. Leonar Umberto Ing. Antonio Manaresi Ing. Antonio Manaresi P.I. Vlamiro Pasquini P.I. Vlamiro Pasquini P.I. Luca Reggiani P.I. Luca Reggiani Foto In alto: Padovani. In Foto basso In alto: : Marchesini, Padovani. Conte, Tabaroni, Vitolo, Pagnoni, Scandellari, Padovani, Ragni, Capelli, Baravelli, Monari Assenti In basso : Dall Olio, : Marchesini, Gui, Conte, Leonar, Tabaroni, Malavasi, Vitolo, Manaresi, Pagnoni, Pasquini, Scandellari, Reggiani Padovani, Ragni, Capelli, Baravelli, Monari Assenti : Dall Olio, Gui, Leonar, Malavasi, Manaresi, Pasquini, Reggiani AIAS Associazione Italiana Addetti alla alla Sicurezza, Sezione Bologna. AICQER Associazione Italiana Cultura Qualità Emilia- Romagna. AIDP Associazione Italiana Direttori del del Personale. AIPI Associazione Italiana Progettisti Industriali ALIAV Associazione Diplomati Istituto Alni-Valeriani. ANDAF Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e e Finanziari ASSI ASSI Associazione Specialisti Sistemi Sistemi Informativi. Informativi. AMICI AMICI DEL DEL MUSEO MUSEO DEL DEL PATRIMONIO INDUSTRIALE CESOP CESOP Italia Italia Centro Centro Servizi Servizi per per l Orientamento l Orientamento Professionale Professionale nelle nelle Facoltà Facoltà Universitarie. Universitarie. CLUB CLUB DELLA DELLA MECCATRONICA MECCATRONICA FACOLTA FACOLTA DI DI INGEGNERIA INGEGNERIA dell Università dell Università degli degli Stu Stu Bologna. Bologna. FEDERMANAGER FEDERMANAGER FONDAZIONE ALDINI-VALERIANI Formazione ed FONDAZIONE ALDINI-VALERIANI Formazione ed Aggiornamento Professionale. Aggiornamento Professionale. FONDAZIONE DEMOCENTER SIPE Centro Servizi per FONDAZIONE DEMOCENTER SIPE Centro Servizi per l Automazione Industriale. l Automazione Industriale. Istituto Istruzione Superiore Alni - Valeriani Sirani. Istituto Istruzione Superiore Alni - Valeriani Sirani. MANAGERITALIA MANAGERITALIA MIRAI Associazione Ingegneri per la Gestione Impresa. MIRAI Associazione Ingegneri per la Gestione Impresa. SENAF Ente Organizzazione Eventi SENAF Ente Organizzazione Eventi POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO UCIMU SISTEMI PER PRODURRE UCIMU SISTEMI PER PRODURRE UNIVERSITÀ DELLE PERSONE UNIVERSITÀ DELLE PERSONE UNINDUSTRIA Bologna. UNINDUSTRIA Bologna.

6 SOCI COLLETTIVI 4 AAVID THERMALLOY srl Bologna BO ALMET ITALIA srl Bologna BO ARCHIMEDE SOCIETA DI INGEGNERIA a rl. Bologna BO B.B.G. srl Mirandola MO BALTUR SpA Cento FE BAP SpA Bologna BO BONFIGLIOLI RIDUTTORI SpA Calderara Reno BO BORELLI TRANSMISSION COMPONENTS srl Castel Casio BO BREDAMENARINIBUS SpA Bologna BO C.E.I. Spa. Costruzione Emiliana Ingranaggi Anzola Emilia BO CALZONI srl Calderara Reno BO CARGILL srl Castelmassa RO CATERPILLAR MEC-TRACK Bazzano BO CATERPILLAR PRODOTTI STRADALI srl Minerbio BO CEFLA scrl - Div. DENTALE Imola BO CESAB Carrelli Elevatori SpA Bologna BO CESOP Communication srl Bologna BO COLOMER ITALY SpA Padulle - Sala Bolognese BO COMPOMAC SpA Castel Maggiore BO CORAZZA Spa Bologna BO CROWN AEROSOL ITALIA Srl Spilamberto MO CUBO soc. Consulenza Aziendale srl Bologna BO CURTI COSTRUZIONI MECCANICHE SpA Castel Bolognese RA CURTI LAMIERE srl Calderara Reno BO DIDIMO ZANETTI SpA Casalecchio Reno BO ECOCAP S srl Casalecchio o Reno BO EUMECA Srl Fano PU EURORICAMBI SpA Crespellano BO F A A C SpA Zola Predosa BO F.A.R. srl Quarto Inferiore BO FAVA SpA Cento FE G.D SpA Bologna BO GEA Refrigeration Italy SpA Castel Maggiore BO GRILLO SpA Cesena FC HANSA TMP srl Modena MO HYDROCONTROL SpA Osteria Grande BO I.M.A. SpA Ozzano dell Emilia BO ICA SpA Macchine Automatiche Bologna BO IEMCA GIULIANI MACCHINE ITALIA SpA Faenza RA INTERTABA SpA Zola Predosa BO ITIS - IPIA ALBERGHETTI Imola BO KEMET ELECTRONICS ITALIA srl Sasso Marconi BO KISSsoft AG Noventa PD LAMIPRESS srl Monte S. Pietro BO LANDI RENZO SpA Cavriago RE LAVORAZ. MECC. BENATTI snc Palidano Gonzaga MN MARCHESINI GROUP SpA Pianoro BO MARPOSS SpA Bentivoglio BO MECAVIT srl Castel Guelfo BO MECCANICA NOVA SpA Zola Predosa BO MECCANICA SARTI srl Bologna BO METAL FIN snc S. Lazzaro Savena BO MG2 srl Pianoro BO MOLLIFICIO I.S.B. srl Castel Maggiore BO POGGIPOLINI GROUP S. Lazzaro Savena BO PROTESA SpA Imola BO ROSSI CARLO MECCANICA srl Spilamberto MO S A C M I scrl Imola BO SAMP SpA Bentivoglio BO STM SpA Calderara Reno BO Stuo PEDRINI srl Bologna BO Stuo TORTA SpA Bologna BO T PRISMA sas Rosignano Solvay LI T.M.C. SpA Granarolo dell Emilia BO TecnoCAD snc Felonica MN TONSFER srl S. Giovanni in Persiceto BO UPM srl Zola Predosa BO VARVEL SpA Crespellano BO VIRO SpA Zola Predosa BO Si ricorda che per iscriversi all ASSOCIAZIONE MECCANICA, le modalità d iscrizione sono a pag. 67 e la scheda iscrizione si trova in formato elettronico alla cartella ISCRIVERSI del nostro sito, dove si può inviare rettamente online, oppure a pag.69. Le conzioni inserimento Pubblicità sull Annuario sono a pag. 67. Gli Abbonamenti a riviste specializzate permettono ai Soci ottenere sconti fino al 50% seguendo le istruzioni a pag. 61 e seguenti. La partecipazione a visite tecniche guidate è riservata ai Soci. La partecipazione a Seminari, Convegni o comunque ad incontri carattere culturale è aperta a tutti.

7 CONVEGNO 5 ADESIVI STRUTTURALI Presso ADESIVI SAMP SpA STRUTTURALI Bentivoglio (BO) Presso Sabato SAMP SpA 8 Febbraio Bentivoglio 2014 (BO) Sabato 8 Febbraio 2014 In In questi ultimi anni l utilizzo adesivi strutturali nelle applicazioni meccaniche In questi ultimi è in in anni costante l utilizzo ffusione adesivi e consente strutturali nelle realizzare applicazioni soluzioni incollate meccaniche aventi è in grado costante affidabilità ffusione e e confidenza consente paragonabili realizzare soluzioni a quello sistemi incollate aventi unione grado più trazionali. affidabilità Un e esempio confidenza su paragonabili tutti è il velivolo a quello passeggeri sistemi unione Dreamliner più trazionali. Boeing. Un esempio su tutti è il velivolo passeggeri Dreamliner Boeing. Il Il seminario è stato aperto dal nostro Consigliere ing. Baravelli che ha portato Il seminario è stato aperto dal nostro Consigliere ing. Baravelli che ha i ringraziamenti dell Associazione a SAMP SpA, che si si è resa sponibile portato i ringraziamenti dell Associazione a SAMP SpA, che si è resa ad ospitare l evento. E sponibile ad ospitare l evento. seguito l intervento dell ing. Affaticati, Amministratore Delegato SAMP, E seguito l intervento dell ing. Affaticati, Amministratore Delegato il il quale ha mostrato applicazioni nel settore aeronautico fin dagli anni SAMP, il quale ha mostrato applicazioni nel settore aeronautico fin dagli 80, per introdurre poi il il tema della fficoltà ffusione degli adesivi anni 80, per introdurre poi il tema della fficoltà ffusione degli strutturali adesivi nell industria strutturali nell industria manifatturiera, manifatturiera, le le le quali quali vanno vanno ricercate ricercate nella conoscenza nella del conoscenza del prodotto, prodotto, nel nel mantenere mantenere la la la costanza costanza del del processo processo in in ambienti in versi ambienti dalle versi dalle «Clean «Clean Room» Room» e dei dei problemi problemi riparazione. riparazione. Dopo questa Dopo introduzione, questa è introduzione, seguito seguito l intervento l intervento dell ing. dell ing. Bono, Bono, Application Engineer Application Engineer Henkel, Henkel, che che ci ci ci ha ha spiegato spiegato le le le tecnologie tecnologie per per l incollaggio strutturale, l incollaggio le strutturale, le le fferenti fferenti famiglie famiglie adesivi adesivi e le le le relative relative caratteristiche chimico-fisiche caratteristiche e applicabilità. L intervento si si si è è concluso concluso con una con panoramica una panoramica applicazioni nei nei più più svariati settori settori tecnici. tecnici. E seguito E l intervento seguito del l intervento Prof. ing. Spaggiari, dell Università Modena e Modena Reggio Emilia, Reggio che ha esposto le le le metodologie per per l analisi ed ed il il calcolo il dei calcolo giunti dei incollati, giunti riportando i risultati sperimentali test test laboratorio confrontati laboratorio con confrontati le le relative simulazioni numeriche, con con l obiettivo l obiettivo evidenziare che evidenziare per ottenere la la la massima resa del del giunto incollato è incollato fondamentale, nella fondamentale, fase progettazione, la la la conoscenza dei dei carichi carichi che che lo lo sollecitano. sollecitano. Ha Ha chiuso chiuso gli gli interventi interventi l ing. Felisa, Direttore Direttore Tecnico Tecnico Sampingranaggi, che che ha ha esposto esposto l applicazione adesivi e sigillanti sigillanti nella nella produzione riduttori per per il il settore robotico, evidenziando come alcune caratteristiche degli adesivi impiegati hanno conzionato il il il processo montaggio dei riduttori. Il Il Consigliere Consigliere ing. ing. Baravelli Baravelli (a (a dx) dx) insieme insieme all all AD AD Samp Samp ing. ing. Affaticati Affaticati Il Consigliere ing. Baravelli (a dx) insieme all AD Samp ing. Affaticati L ing. L ing. L ing. Bono Bono Bono durante durante la la la sua sua sua presentazione Al Al termine degli interventi, abbiamo potuto visitare i reparti produttivi Samp ed in in particolare l isola montaggio in in Sampingranaggi dei riduttori per robotica. La giornata si si è conclusa con i ringraziamenti ed un buffet offerto gentilmente dall Azienda. L ing. L ing. Felisa Felisa durante durante il il il suo suo intervento intervento Il Il Il Prof. Prof. ing. ing. ing. Spaggiari Spaggiari durante durante il suo il il suo suo intervento intervento

8 VISITA 6 BONFIGLIOLI BONFIGLIOLI RIDUTTORI RIDUTTORI SpA SpA BONFIGLIOLI RIDUTTORI SpA Calderara Calderara Reno Reno (BO) (BO) - - Sabato Sabato Febbraio Febbraio Calderara Reno (BO) Sabato 22 Febbraio 2014 Sabato Sabato Febbraio Febbraio si si si è tenuta tenuta la la la visita visita con con circa circa associati associati allo allo Sabato 22 Febbraio si è tenuta la visita con circa 70 associati allo stabilimento stabilimento Bonfiglioli Bonfiglioli Riduttori Riduttori Calderara Calderara Reno. Reno. Il Il gruppo gruppo è è stato stato stabilimento Bonfiglioli Riduttori Calderara Reno. Il gruppo stato accolto accolto dall amico dall amico e socio socio ing. ing. Giovanni Giovanni Scarlini, Scarlini, Responsabile Responsabile della della accolto dall amico e socio ing. Giovanni Scarlini, Responsabile della B.U. B.U. B.U. INDUSTRIAL, INDUSTRIAL, INDUSTRIAL, dal dal dal sig. sig. sig. Gagliar Gagliar Gagliar Agostino, Agostino, Agostino, addetto addetto addetto alle alle alle pubbliche pubbliche pubbliche relazioni, relazioni, relazioni, e e dall ing. dall ing. dall ing. Gianluca Gianluca Gianluca Lucarini, Lucarini, Lucarini, Responsabile Responsabile Responsabile Stabilimento, Stabilimento, Stabilimento, oltre oltre oltre ad ad ad ad un un un un nutrito nutrito nutrito team team team responsabili responsabili responsabili aziendali. aziendali. aziendali. Il Il Il Il Presidente Presidente Presidente ing. ing. ing. Padovani Padovani Padovani ha ha ha ringraziato ringraziato ringraziato per per per la la la sponibilità sponibilità sponibilità dell Azienda dell Azienda dell Azienda nel nel nel riceverci riceverci riceverci in in in uno uno uno dei dei dei loro loro loro stabilimenti stabilimenti stabilimenti tecnologicamente tecnologicamente tecnologicamente all avanguara. all avanguara. all avanguara. La La La mattinata mattinata mattinata è proseguita proseguita proseguita con con con la la la presentazione presentazione aziendale aziendale a a cura cura cura dell ing. dell ing. dell ing. Scarlini Scarlini Scarlini e dell ing. dell ing. Lucarini Lucarini cui cui cui è seguita seguita la la visita visita visita ai ai ai ai reparti. reparti. reparti. La La La La Bonfiglioli Riduttori nasce nasce il il il il aprile aprile da da un idea un idea imprentoriale Clementino Bonfiglioli, che che mette mette così così a frutto frutto l esperienza maturata nella progettazione e costruzione ingranaggi e e cambi velocità per per per macchine agricole e motociclette. Nel Nel 2008 al al al al fine fine recepire le le sfide un un mercato complesso ed ed in in continua evoluzione, Bonfiglioli ha ha cambiato il il il suo suo assetto organizzativo strutturandosi per per Business Unit: Una decata al al al settore industriale. Una decata al al al settore fotovoltaico Una decata al al al settore della generazione eolica Attualmente il il il gruppo conta 8 stabilimenti produttivi e filiali nel nel mondo, con oltre 3400 pendenti. La La visita si si è è concentrata sia sugli aspetti organizzativi e sull approccio alla trasformazione dei processi, sia sulla tecnologia. Divisi in in gruppi, abbiamo percorso lo lo stabilimento seguendo i i flussi delle due linee prodotti che qui si si realizzano, i i Riduttori serie VF VF e serie W. W. Abbiamo potuto vedere l elevato grado automazione nei nei processi, e e la la complessità nel raggiungere la la sodsfazione del cliente, che che è è come in in tutte le le aziende eccellenti la la vera sfida da da perseguire. Ad Ad integrazione dei dei reparti e al al fine avere sempre meno magazzino e sempre più più flessibilità, ci ci è stata spiegata la la logica avere i i BEST BONF EXCELLENCE SERVICE TEAMS, filiali con team specializzati e attrezzati per per ricevere dalla casa madre dei semilavorati e in in grado montare in in loco loco i i i prodotti richiesti dal cliente. L impressione che che abbiamo tratto da da questa visita, è che la la Bonfiglioli sta sta lottando nel nel mondo per continuare a svilupparsi, versificandosi ove ove esistono esistono opportunità, realizzando siti siti produttivi all estero per presiare presiare quei quei mercati, mercati, ma il il il tutto in in una logica positiva imprentorialità che che continua continua a trasformare in in in opportunità il il il cambiamento. cambiamento. L incontro L incontro si si è è concluso concluso con un un aperitivo che ha ha ha permesso ai ai ai partecipanti partecipanti commentare commentare con sodsfazione quanto potuto vedere in in in fabbrica. fabbrica. dopo un più che Infine abbiamo ricevuto un curioso gadget e dopo un più che dovuto ringraziamento ci siamo coralmente salutati. Il Il Il Il ns. ns. ns. Presidente Presidente ing. ing. ing. Padovani Padovani Padovani (a (a (a (a sx) sx) sx) sx) con con con l ing. l ing. l ing. Scarlini Scarlini Scarlini L ing. Lucarini durante la la la presentazione con con con il il il layout il layout stabilimento

9 CONVEGNO 7 RETI DI IMPRESA Museo del Patrimonio Industriale - Bologna - Sabato 8 Marzo 2014 Le Aziende, nell attuale contesto economico, lottano per acquisire nuova competitività e per mantenerne il conseguente vantaggio. Soprattutto le piccole e mee realtà industriali della nostra Regione devono competere con il mondo e vendere prodotti innovativi sempre più lontano. Siamo convinti che il concetto rete sia un valido strumento ed abbiamo coinvolto alcuni enti e professionisti che ci hanno dato idee, esperienze e suggerimenti. A tale scopo, abbiamo organizzato un Convegno con la partecipazione Unindustria Bologna, Confindustria Modena, Unindustria Reggio Emilia, Retimpresa e con la collaborazione AIDP Emilia-Romagna, ANDAF Emilia-Romagna, ASSI Bologna, Fondazione Democenter-Sipe Modena e con Federmanager Manageritalia Bologna. Il convegno ha avuto come filo conduttore un analisi del contesto internazionale, contesto nel quale le Reti Impresa si misurano con la concorrenza globale e come le Istituzioni possono supportare tale competizione. Nell ambito del contesto economico e delle nuove opportunità per competere, il Prof. Mosconi, docente Economia Industriale all Università Parma, ha posto l'accento sulle politiche industriali che tardano ad affermarsi, illustrando come innestare il colpo d'ala per la ripartenza mentre il dott. De Vita, rappresentante Retimpresa, nel presentare cos'è una rete, ha esposto quello che è permesso fare tra i propri aderenti ponendo l'attenzione alla normativa che prevede lo scambio risorse. Ha poi preso la parola Phil Taylor che, attraverso la sua esperienza manager rete, ha posto l'attenzione a Il Pres. Padovani presenta il convegno Dott. De Vita quanto sia determinante identificare il prodotto e/o il Il tavolo dei relatori servizio da proporre, mantenendo la propria autonomia pur operando con una logica rete d'impresa senza menticare la fondamentale importanza che il comportamento del gruppo riveste nel successo dell'impresa. L intervento Taylor ha introdotto la presentazione Reti Impresa territoriali. Il dott. Bezzecchi, Unindustria Reggio Emilia, ha presentato PRECISIONET, relatore Annalisa Corghi, rete imprese orizzontale che ha già avviato il contratto rete, nel quale le imprese aderenti convidono tra loro economie scala. Il dott. Rossi, Confindustria Modena, ha presentato SCINET, relatore Marco Arletti. SCINET è una rete in ambito Logistico, gestita da un comitato con a capo un Project Manager che lascia Prof. Mosconi Phil Taylor durante il battito finale ampia autonomia aziendale pur avendo affrontato collegialmente progetti respiro internazionale. Il dott. Forni, Unindustria Bologna, ha presentato RACEBO, relatore Vanzetto, e AUTEBO, relatore Corsini. RACEBO è una rete verticale che si è affrancata grazie al sostegno determinante Unindustria che ha consentito creare una filiera supporto tra le aziende agevolando il passaggio da sub-fornitori a fornitori con un significativo aumento fatturato. AUTEBO è un'aggregazione imprese che si rivolge al mercato della sub-fornitura. E' la prima rete certificata con fondo patrimoniale. Al termine della presentazione queste reti, è intervenuto il dott. Bertini, Regione Emilia-Romagna, il quale ha presentato una serie dati significativi che evidenziano quanto la struttura delle aziende emiliano-romagnole siano determinanti per la nostra industria manifatturiera pur riscontrando che l'esperienza dei stretti ha dato risultati al sotto delle aspettative. Si nota una sempre più marcata apertura tra il mondo del lavoro e quello della ricerca con il superamento del "baronato" anche se i servizi, pur avendo un valore aggiuntivo significativo, hanno un'attenzione molto bassa. La Regione Emilia-Romagna prevede, nei prossimi sette anni, investimenti significativi nella ricerca e sviluppo. Il convegno, considerati gli argomenti trattati, si è concluso con un ampio battito tra i numerosi convenuti e relatori. Le esperienze riportate mostrano che si sta lavorando molto sul scorso Reti e sarebbero uno strumento molto utile soprattutto per fare massa critica e per potersi muovere verso la internazionalizzazione. Riteniamo però che ci sia ancora molto da fare, soprattutto nel cambio mentalità e quin è estremamente utile far vedere dei casi pratici successo. Confrontandoci con i relatori, tutti ne sono usciti arricchiti, ed è stata colta la novità aver portato all incontro le Organizzazioni Confindustriali Bologna, Modena e Reggio Emilia.

10 VISITA 8 SIR SIR SpA SpA Modena Modena - Sabato - Sabato SIR 22 SpA 22 Marzo Marzo Modena - Sabato 22 Marzo 2014 Alla Visita della SIR SpA ha partecipato un gruppo una Alla Visita della SIR SpA ha partecipato un gruppo una quarantina soci che è stato calorosamente accolto dal quarantina Alla Visita della soci SIR che SpA è stato ha partecipato calorosamente un gruppo accolto dal una Presidente Presidente quarantina Fondatore Fondatore soci che ing. ing. è Luciano stato Luciano calorosamente Passoni Passoni e e dal accolto dal Direttore Direttore dal Generale Generale Presidente ing. ing. Lino Fondatore Lino Ferrari. Ferrari. ing. Luciano Passoni e dal Direttore SIR Generale Soluzioni ing. Industriali Lino Ferrari. SIR Soluzioni Industriali Robotizzate Robotizzate si si annovera annovera tra tra i più i più noti noti integratori integratori SIR Soluzioni robotica robotica Industriali a a livello livello Robotizzate internazionale internazionale si annovera operando operando tra in i più in tutti tutti noti i i campi campi integratori dell automazione dell automazione robotica industriale: a industriale: livello internazionale dalle dalle celle celle operando carico/scarico carico/scarico in tutti i alle alle campi lavorazioni lavorazioni dell automazione processo, processo, industriale: dalla dalla pallettizzazione pallettizzazione dalle celle alla carico/scarico alla logistica logistica ed ed alle alle linee lavorazioni linee assemblaggio. assemblaggio. processo, dalla pallettizzazione alla logistica I settori I settori ed alle industriali industriali linee assemblaggio. impiego impiego sono sono molto molto versificati: versificati: automotive, automotive, I settori industriali aeronautico, aeronautico, impiego fonderia, fonderia, sono metalmeccanica metalmeccanica molto versificati: ed ed elettromeccanica, elettromeccanica, automotive, aeronautico, plastica, plastica, food fonderia, food && beverage, beverage, metalmeccanica ceramica ceramica ed e e sanitari. sanitari. elettromeccanica, plastica, food & beverage, ceramica e Grazie Grazie sanitari. alle alle notevoli notevoli competenze competenze ingegneria ingegneria sviluppate sviluppate in in anni anni Grazie attività attività alle e notevoli alla e alla possibilità possibilità competenze trasferire trasferire ingegneria con con facilità sviluppate facilità in 30 tecnologie tecnologie anni attività innovative innovative e alla da possibilità da un un settore settore all altro, trasferire all altro, SIR con SIR è facilità è in in grado grado realizzare realizzare tecnologie impianti impianti innovative su su misura, misura, da un costruiti settore costruiti all altro, sulle sulle specifiche specifiche SIR è in esigenze grado esigenze del del realizzare cliente. cliente. impianti su misura, costruiti sulle specifiche esigenze L apertura L apertura del cliente. delle delle visioni visioni SanitaryWare e e Robotics Robotics && Logistics, Logistics, il il potenziamento L apertura delle della della visioni rete rete commerciale SanitaryWare estera estera e Robotics e e la la prossima prossima & Logistics, il inaugurazione potenziamento della della della sede sede rete tedesca tedesca commerciale sono sono una estera una riprova riprova e la della prossima della grande grande inaugurazione namicità namicità della questa questa sede azienda. tedesca azienda. sono una riprova della grande namicità questa azienda. L ing. L ing. Davide Davide Passoni, Passoni, responsabile del del settore settore tecnico, tecnico, ci ci ha ha illustrato L ing. illustrato quanto Davide quanto Passoni, namica sia responsabile sia questa questa realtà del realtà anche settore anche in tecnico, in ambito ci ha ambito della illustrato della ricerca quanto ricerca e sviluppo namica e sviluppo sia questa vantando oltre oltre 20 realtà 20 brevetti anche brevetti ambito industriali e una della una ricerca e partnership sviluppo vantando strategica con con oltre 20 l Università brevetti industriali Modena e e Reggio Emilia. una Emilia. Di partnership Di notevole strategica interesse le con le linee l Università linee Modena automatizzate e Reggio Emilia. Di montaggio dei notevole dei motori motori per interesse per il settore le linee il settore automatizzate automotive. Con montaggio Con grande grande dei motori piacere per il abbiamo potuto settore potuto automotive. constatare quanto SIR SIR Con grande rappresenti una piacere una delle delle abbiamo potuto eccellenze constatare tecnologiche del del quanto SIR rappresenti una delle eccellenze tecnologiche del nostro nostro tessuto tessuto industriale. industriale. Il ns. Consigliere Monari (a sx) con Ferrari (al centro) e Luciano Passoni (a dx) Il ns. Consigliere Monari (a sx) con Ferrari (al centro) e Luciano Passoni (a dx) Il ns. Consigliere Monari (a sx) con Ferrari (al centro) e Luciano Passoni (a dx) L ing. L ing. Passoni spiega spiega un un progetto linea linea assemblaggio automatico L ing. Passoni spiega un progetto linea assemblaggio automatico L ing. Davide Passoni con un un gruppo visitatori

11 CONVEGNO 9 MECSPE 2014 MECSPE 2014 Stampa 3D e la terza rivoluzione Industriale: opportunità e vantaggi per le PMI Stampa 3D la terza rivoluzione Industriale: opportunità e vantaggi per le PMI Fiere Parma Giovedì 27 Marzo 2014 Fiere Parma Giovedì 27 Marzo 2014 All interno del roadshow 3DPrint Hub, evento ospitato da MECSPE, la fiera internazionale delle tecnologie per l innovazione, si è All interno del roadshow 3DPrint Hub, evento ospitato da MECSPE, la fiera internazionale delle tecnologie per l innovazione, si è svolta il 27 marzo 2014 la tavola rotonda inaugurale Stampa 3D e la terza rivoluzione Industriale: opportunità e vantaggi per le svolta il 27 marzo 2014 la tavola rotonda inaugurale Stampa 3D e la terza rivoluzione Industriale: opportunità e vantaggi per le PMI" promossa da Associazione Meccanica, moderata da Simone Majocchi con relatori l ing. Andrea Bacchetti (Università PMI" promossa da Associazione Meccanica, moderata da Simone Majocchi con relatori l ing. Andrea Bacchetti (Università Brescia), l arch. Francesco Bombar (FabLab Reggio Emilia), il sig. Massimo Moretti (WASP) e l ing. Luca Romoli (Università Brescia), l arch. Francesco Bombar (FabLab Reggio Emilia), il sig. Massimo Moretti (WASP) e l ing. Luca Romoli (Università Parma). Parma). L incontro L incontro ha ha fornito fornito un un quadro quadro stimolante stimolante ed ed esaustivo esaustivo sulla sulla stampa stampa 3D 3D e e sulle sulle nuove nuove frontiere frontiere produttive. produttive. Sono Sono stati stati affrontati affrontati versi versi argomenti, argomenti, approfondendo approfondendo in in particolare particolare il il confronto confronto tra tra stampa stampa adtiva adtiva e e lavorazioni lavorazioni trazionali, trazionali, le le fferenti fferenti soluzioni soluzioni progettazione progettazione grazie grazie alla alla stampa stampa 3D, 3D, le le prospettive prospettive future future con con nuove nuove stampanti stampanti e e sponibilità sponibilità nuovi nuovi materiali, materiali, i fferenti i fferenti scopi scopi ed ed utilizzi utilizzi per per stampanti stampanti "da "da tavolo" tavolo" e unità unità produttive, produttive, un un confronto confronto economico economico e e le le aree aree competitività competitività con con le le attuali attuali produzioni. produzioni. La La stampa 3D, 3D, con con la la sua sua capacità capacità creare creare modelli, modelli, prototipi prototipi e e prodotti prodotti finiti finiti personalizzabili personalizzabili in in tempi tempi rapi rapi ed ed a costi a costi limitati, limitati, rappresenta una una vera vera e propria propria rivoluzione rivoluzione per per il il sistema sistema produttivo produttivo italiano, italiano, chiamato chiamato a a cogliere cogliere le le fferenti fferenti soluzioni soluzioni progettazione progettazione che questa nuova tecnologia permette, a a comprendere i vantaggi i vantaggi della della stampa stampa adtiva adtiva rispetto rispetto alle alle lavorazioni lavorazioni trazionali, trazionali, ed ed a a inviduare le le nuove aree competitività. La tavola rotonda, partecipata da da oltre oltre un un centinaio persone, ha ha guidato guidato i i partecipanti in in un un viaggio viaggio fatto fatto soluzioni, soluzioni, fatti, fatti, immagini immagini ed esperienze affini al al loro mondo, probabilmente sviluppatosi con con tanto tanto ferro ferro e e che che oggi oggi può può avere avere ancora ancora possibilità possibilità mantenere mantenere le le posizioni o crescere grazie all integrazione nei nei loro loro processi produttivi delle delle tecnologie prototipazione rapida rapida e e produzione produzione con con le le tecnologie stampa 3D. Un altro argomento evidenziato dai relatori è è legato alla alla progettazione che che deve deve evolvere nella nella rezione offerta offerta dalla dalla manifattura adtiva: con le possibilità offerte dalle attuali tecnologie, si si possono creare parti parti precedentemente impossibili (si (si veda veda l esempio General Electric per le le proprie pale per turbine) e e grande affidabilità. In In questo, le le stampanti desktop possono essere essere un un momento verifica low cost delle idee e dei progetti prima che vengano realizzato con con le le macchine più più sofisticate. Sapersi rinnovare da un lato e cogliere le le opportunità delle nuove tecnologie per per creare qualcosa completamente verso, dando dando vita vita ad attività che ruotano attorno alla gital fabrication e e ai ai suoi strumenti, è è la la sfida che che ci ci aspetta nei nei prossimi anni. anni. In In fondo, fondo, le le stampanti 3D sono dei macchinari precisione che richiedono un attenta progettazione e e perizia meccanica per per offrire offrire risultati pregio. Il ns. Consigliere Vitolo presenta la giornata Il ns. Consigliere Vitolo presenta la giornata Il sig.moretti nel corso del suo intervento e, a dx l arch. Bombar Il sig.moretti nel corso del suo intervento e, a dx l arch. Bombar L intervento dell ing. Bacchetti L intervento dell ing. Bacchetti

12 CONVEGNO 10 MECSPE 2014 Come le Metodologie Lean Possono Aiutarci nella Gestione delle Nostre Realtà Industriali Fiere Parma Venerdì 28 Marzo 2014 Nell ambito della Fiera Mec-Spe, svoltasi a Parma nei giorni Marzo, la Associazione Meccanica ha gestito uno stand offertoci dagli organizzatori, dove abbiamo potuto ricevere i nostri associati, farci conoscere dagli espositori e dai visitatori ed utilizzarlo come base lavoro per i numerosi convegni che abbiamo sviluppato su varie tematiche. Oltre al convegno sulla stampa 3D tenutosi il 27 Marzo, abbiamo organizzato, con il supporto del Prof. Alberto Portioli Staudacher, coornatore del Lean Excellence Center del Politecnico Milano, un evento sulle Metodologie Lean ed in particolare su come queste metodologie possono aiutarci nella gestione delle nostre realtà industriali. Volendo dare una visione da più punti vista, abbiamo sudviso la mattinata in tre sessioni chiamate Lean Leadership, Lean Accounting e Lean Sustainability. La sessione Lean Leadership, ovvero Realizzare Il Pieno Potenziale Del Lean, è stata sviluppata dal Prof. Portioli Staudacher, il quale ha spiegato, come l approccio Lean sia l innovazione organizzativa e gestionale che permette fare un reale salto qualità nelle prestazioni e riguadagnare efficienza e competitività. E che per avere una vera trasformazione è necessario andare oltre le tecniche e instaurare un sistema miglioramento continuo, con il coinvolgimento proattivo delle persone. La sessione Lean Accounting, ovvero Quantificare i Benefici del Lean, è stata sviluppata dal Prof. Franco Visani, dell Università Bologna, il quale ha presentato l approccio, le metodologie e le tecniche che il Politecnico Milano e l Università Bologna hanno sviluppato per cogliere e quantificare gli impatti dei una progetto Lean. Sia da un punto vista delle grandezze fisiche operative, sia dal punto vista delle grandezze economiche e finanziarie, per fornire una visione complessiva e completa e dare possibilita agli imprentori capire con i numeri i benefici questa metodologia. L ultima sessione, Lean Sustainability ovvero l'approccio Lean per la Sostenibilità, è stata presentata dal Prof. Portioli Staudacher e da Stefano Vitali Morse Tec Europe. Nella sua presentazione, il Prof. Portioli Staudacher ci ha illustrato l'approccio sviluppato dal Lean Excellence Center del Politecnico Milano, per rimuovere gli sprechi nell'utilizzo delle risorse energetiche dell'azienda ed ottenere risparmi significativi in tempi ridotti. Stefano Vitali ci ha invece illustrato la propria esperienza nel miglioramento della efficienza energetica nello stabilimento manifatturiero in cui opera, attraverso le tecniche Lean. La mattinata tenutasi nel paglione convegni, ha avuto un notevole successo, in quanto erano presenti un centinaio tecnici, che hanno seguito i tre interventi con attenzione e interesse.

13 EVENTO SPECIALE 11 TMC Tissue Machinery Company SpA Granarolo (BO) - Sabato 5 Aprile 2014 Abbiamo avuto l'occasione visitare TMC SpA,, azienda costruttrice macchine automatiche, uno dei principali produttori al al mondo linee confezionamento primario, secondario e e logistico prodotti Tissue, attivo anche nel confezionamento prodotti Non-Wovens per il il Personal Care. I Soci sono stati accolti dallo staff rigenziale al al massimo livello. Il Il Dott. Gentili, Presidente, in in rappresentanza della della proprietà, ci ci ha ha presentato la la storia dell'azienda che, che, fondata nel 1997, si si è sempre più più affermata fino fino a a ventare un azienda leader leader in in grado grado offrire offrire al al mercato mercato linee automatizzate per per il il packaging packaging innovative, innovative, tecnologicamente tecnologicamente all avanguara, all avanguara, flessibili flessibili e e altamente altamente performanti. performanti. L'ing. L'ing. Pattuelli, Pattuelli, General General Manager, Manager, ha ha illustrato illustrato le le caratteristiche peculiari che li contradstinguono caratteristiche peculiari che li contradstinguono mettendo a sposizione dei clienti competenze e mettendo sposizione dei clienti competenze e capacità esclusive, dove lo staff tecnico TMC lavora capacità esclusive, dove lo staff tecnico TMC lavora con loro nel processo analisi, progettazione e con loro nel processo analisi, progettazione e realizzazione soluzioni su misura, offrendo un servizio realizzazione soluzioni su misura, offrendo un servizio globale grazie alla sinergia con PRB e per l assistenza globale grazie alla sinergia con PRB e per l assistenza post venta, con AMS (Asset Management Service) e post venta, con AMS (Asset Management Service) e con TEC in Nord America. con TEC in Nord America. L'ing. Gasperini, Responsabile Planning & Suppliers Dept., dopo L'ing. una Gasperini, più che esaustiva Responsabile presentazione Planning & delle Suppliers caratteristiche Dept., e dopo capacità una più delle che linee esaustiva loro produzione, presentazione ha delle evidenziato caratteristiche che l'adozione capacità in delle TMC linee un modello loro produzione, organizzativo ha evidenziato snello e flessibile che aiuta l'adozione a favorire in TMC un processo un modello decisionale organizzativo estremamente snello e veloce flessibile e funzionale aiuta a favorire al conseguimento un processo decisionale degli obiettivi estremamente strategici. veloce e funzionale al conseguimento degli obiettivi strategici. Al termine della presentazione aziendale, abbiamo potuto assistere Al termine al della funzionamento presentazione più aziendale, linee produttive abbiamo che potuto ci hanno dato assistere l'opportunità al funzionamento verificare la più tecnologia linee produttive TMC applicata che ci hanno a più soluzioni. dato l'opportunità verificare la tecnologia TMC applicata a più soluzioni. Il Cons. Scandellari porta i saluti AM Il Cons. Scandellari porta i saluti AM Presentazione dell ing. Gasperini Presentazione dell ing. Gasperini L ing. Gasperini (a sx), il dott. Gentili (al centro) e l ing. Pattuelli (a dx) L ing. Gasperini (a sx), il dott. Gentili (al centro) e l ing. Pattuelli (a dx)

14 CONVEGNO 12 ASSEMBLEA ANNUALE DEI SOCI Istituto Tecnico Alni-Valeriani-Sirani - Bologna Sabato 12 Aprile 2014 Il giorno 12 aprile 2014 alle ore 9,20 presso l'istituto Tecnico Alni-Valeriani-Sirani, via Bassanelli 9-11, Bologna, si è riunita in seconda convocazione l Assemblea Ornaria dei Soci. Sono eletti per l Assemblea: Marco Padovani, Presidente Michele Pagnoni, Segretario Essendo presenti 25 Associati e rappresentati per delega 7 Associati, per un totale 32 Associati, il Presidente chiara validamente costituita l Assemblea, chiede se è richiesta la lettura del verbale Assemblea anno 2013, pubblicato sull Annuario Ez e stribuito a tutti i Soci, il verbale è considerato letto e il Presidente apre la scussione sul seguente ORDINE DEL GIORNO 1. Relazione sull attività svolta nel Approvazione del bilancio consuntivo 2013 e preventivo del Interventi e suggerimenti dei Soci 4. Evento speciale dalle ore 10,30 alle ore 12,00 5. Conclusione della mattinata PUNTO 1 L ing. Padovani relaziona sull attività svolta nel 2013 ripercorrendo quanto riportato nell annuario. Il Presidente ricorda come l'annuario rimanga il mezzo principale ffusione dell attività associativa e quanto siano importanti le pagine pubblicitarie in esso contenute, per coprire le spese stampa. Nel 2013 l associazione ha cercato migliorare i propri canali comunicazione rifacendo il sito internet, inviando le newsletter e continuando a ffondere la propria attività sul Social Network Linken. Il Presidente riferisce poi che al gli Associati inviduali erano 312 e gli Associati collettivi 71; per un totale 383 Associati che è un ottimo numero, nonostante la crisi economica continui a fare sentire i suoi effetti. Prima passare al punto 2 dell'orne del giorno, il Presidente invita il consigliere Paride Malavasi ad avvicinarsi al tavolo presidenza e gli consegna il ploma Socio Benemerito, visto l'attaccamento e la dezione all'associazione mostrati in tanti anni appartenenza. PUNTO 2 Il Tesoriere Giorgio Vitolo legge il Bilancio consuntivo del Il Revisore dei Conti Antonio Manaresi legge la relazione del Collegio Sindacale ed invita gli Associati ad approvare il Bilancio consuntivo Il Presidente ringrazia tutto il Consiglio, mettendo in evidenza come il programma così ricco che ogni anno l associazione riesce a proporre ai Soci sia frutto del lavoro persone (i consiglieri appunto) che a titolo assolutamente gratuito fanno sinergia delle loro fferenze esperienze e democraticamente eleggono a maggioranza le iniziative ritenute migliori. Il Presidente mette in approvazione il Bilancio consuntivo del 2013: è approvato all unanimità. Il Tesoriere legge il Bilancio Preventivo del 2014 che è messo in votazione: è approvato all'unanimità. Il Presidente Padovani (a dx) con il Consigliere Pagnoni (a sx) Diego Vincenzi sostiene che in Associazione Meccanica si arriva se si è curiosi e coinvolti nel mondo della meccanica e questo è fficile che avvenga negli studenti. Aggiunge poi come lui personalmente sia molto contento dei corsi e propone aggiungere tra i seguenti argomenti da considerare per i corsi futuri: evoluzione dei mercati; orientamento professionale; lean sviluppata nel mondo tedesco. Paolo Capelli conferma che il mondo tedesco è leggermente verso in quanto ha un baricentro della scussione molto più tecnico. Michele Pagnoni, per rispondere al punto sollevato da Monari, ricorda come in Consiglio si era pensato raggiungere gli studenti coinvolgendo prima i professori. Perché riuscendo ad appassionare alle nostre attività un professore, questo possa traghettare la passione sugli studenti. Paolo Vincenzi propone coinvolgere anche fornitori CAD 3D. Giorgio Vitolo evidenzia come sia da evitare una demo CAD 3D con fini puramente commerciali ma come possa invece essere interessante se la demo è abbinata al mondo scolastico/lavorativo. Andrea Telmon suggerisce definire le competenze meccaniche base da proporre alla scuola e ricorda che se le attività tipo tecnico proposte dalla nostra Associazione sono riconosciute dal Collegio dei Periti o dall'orne degli Ingegneri, sia possibile abbinare dei creti formativi a vantaggio degli studenti. PUNTO 4 Dalle ore 10,30 alle ore 12,00 si svolge l evento speciale: Visita ai laboratori dell'istituto Alni-Valeriani-Sirani. PUNTO 5 Alle ore 12,10 il Presidente chiara chiusa l Assemblea. Firmato Il Presidente MARCO PADOVANI Il Segretario MICHELE PAGNONI PUNTO 3 Paolo Capelli ricorda come in Consiglio si sia parlato spesso investire su temi tecnici. Propone organizzare corsi gratuiti allargati a professori ma trattati con schema industriale e non con schema accademico. Elenca poi alcuni possibili temi: Problem Solving; mensionamento cinematismi; sicurezza delle macchine; valutazione delle competenze; PFMEA. Francesco Monari è d'accordo con la proposta Capelli ma ricorda quanto sia attuale il coinvolgimento degli studenti. A fine Assemblea il Presidente Ing. Marco Padovani ha nominato Socio Benemerito il Consigliere Ing. Paride Malavasi

15 VISITA 13 LABORATORI ISTITUTO ALDINI-VALERIANI- SIRANI Istituto Tecnico Alni-Valeriani-Sirani - - Bologna - - Sabato Aprile In occasione dell Assemblea degli Associati, si si è è svolta la la visita visita ai ai laboratori dell Istituto Tecnico Alni-Valeriani-Sirani, guidati dal dal Prof.Ing.Marco Benni Nell istituto Alni-Valeriani vi vi sono laboratori Meccanica, Chimica, Elettronica, Costruzioni Eli, Termotecnica ecc. ecc. Per Per la la specializzazione meccanica vi vi sono 9 laboratori. Le attività che che in in essi essi possono essere essere svolte svolte coprono coprono buona buona parte parte della della filiera della della progettazione e della della produzione produzione meccanica: meccanica: segno segno particolari particolari ed ed assiemi assiemi gruppi gruppi meccanici, meccanici, stu stu ingombro ingombro e e simulazioni simulazioni movimenti, movimenti, ideazione ideazione e e costruzione costruzione attrezzature, attrezzature, realizzazione realizzazione prototipi prototipi meante meante macchine macchine utensili utensili trazionali trazionali e e a a controllo controllo numerico, numerico, saldature, saldature, controlli controlli mensionali, mensionali, controlli controlli non non struttivi, prove ed analisi laboratorio, collau mensionali. struttivi, prove ed analisi laboratorio, collau mensionali. La visita ai laboratori Meccanica, in particolare quello Macchine La visita ai laboratori Meccanica, in particolare quello Macchine Utensili, Progettazione Cad 3D e stampa 3D, ci ha consentito Utensili, Progettazione Cad 3D e stampa 3D, ci ha consentito vedere lo sforzo compiuto dall Istituto Tecnico per fornire agli studenti vedere lo sforzo compiuto dall Istituto Tecnico per fornire agli studenti corsi il più possibile aggiornati e rispondenti alle esigenze del mercato corsi il più possibile aggiornati e rispondenti alle esigenze del mercato del lavoro. del lavoro.

16 VISITA VISITA 14 CURTI LAMIERE srl CURTI LAMIERE srl Calderara Reno CURTI (BO) LAMIERE - Sabato 10 srl Maggio 2014 Calderara Reno (BO)- - Sabato Maggio 2014 Calderara Reno (BO) - Sabato 10 Maggio 2014 Uno degli obiettivi che il il Consiglio dell Associazione Meccanica si Uno degli obiettivi che il il Consiglio dell Associazione Meccanica si si prefigge Uno degli da qualche obiettivi che tempo, il Consiglio è quello dell Associazione promuovere la Meccanica conoscenza prefigge da da qualche tempo, è è quello promuovere la la conoscenza si delle prefigge tecnologie da qualche del territorio tempo, per è quello portare promuovere all'attenzione la dei conoscenza Soci dei delle tecnologie del del territorio per portare all'attenzione dei dei Soci e e dei dei simpatizzanti delle tecnologie quelle del attività territorio del per "capannone portare all'attenzione fianco" che dei danno simpatizzanti quelle attività del del "capannone a a fianco" che Soci danno e dei lustro, simpatizzanti lustro, e e che e che molti molti quelle ci ci inviano, ci attività inviano, del alla "capannone alla nostra nostra Regione Regione a fianco" e e nello che nello stesso danno stesso tempo lustro, tempo poco e poco che conosciute molti conosciute ci inviano, : : questo : questo alla è è quello è nostra quello che che Regione un un un folto folto e gruppo nello gruppo stesso persone tempo persone (oltre poco (oltre conosciute una una quarantina) quarantina) : questo ha ha ha è potuto quello potuto costatare che costatare un folto partecipando partecipando gruppo presso persone presso la la Curti la (oltre Curti Lamiere una Lamiere quarantina) srl srl srl alla alla ha visita visita potuto tecnica tecnica costatare organizzata organizzata partecipando dall Associazione presso dall Associazione la Curti Lamiere Meccanica. Meccanica. srl alla visita tecnica organizzata dall Associazione Meccanica. La La La Curti Curti Lamiere Lamiere srl, srl, srl, fondata nel nel nel 1969, 1969, si si si contradstingue non solo per La per la Curti la la continua Lamiere ricerca srl, fondata sistemi nel 1969, produttivi si contradstingue all'avanguara non solo per utilizzando la continua sempre ricerca macchinari sistemi produttivi nuova generazione, all'avanguara ma anche per le le utilizzando le proposte sempre innovative macchinari ed ed ed economiche nuova fatte generazione, alla propria ma clientela. anche per Nel le Nel proposte corso degli degli innovative oltre oltre ed anni economiche storia, l azienda fatte alla ha propria ha sempre clientela. ricercato sul Nel corso degli oltre 40 anni storia, l azienda ha sempre ricercato sul sul mercato tecnologie d avanguara da da da proporre ai ai ai propri clienti; ora sul mercato tecnologie d avanguara da proporre ai propri clienti; ora oltre oltre al al al taglio laser alta potenza (considerata come tecnologia ora oltre taglio laser alta potenza (considerata come tecnologia convenzionale) e e e piegatura con controllo dell angolo laser, spone convenzionale) e piegatura con controllo dell angolo laser, spone impianto robotizzato con tecnologia laser YAG e e 11 impianto 1 impianto robotizzato con tecnologia laser YAG e 1 impianto taglio laser 3D 3D 3D in in in fibra dove è è è possibile tagliare materiali metallici taglio laser 3D in fibra dove è possibile tagliare materiali metallici riflettenti alla raazione infrarossa, quali alluminio, ottone e e rame, e e ed riflettenti alla raazione infrarossa, quali alluminio, ottone e rame, ed un un un impianto antropomorfo per per la la la saldatura laser. ed un impianto antropomorfo per la saldatura laser. Attraverso la la la la collaborazione con ricercatori dell Università Attraverso la collaborazione con ricercatori dell Università Bologna, mette al al al servizio della propria clientela le le migliori soluzioni Bologna, mette al servizio della propria clientela le migliori soluzioni tecnologiche. tecnologiche. La La La giornata, dopo la la la presentazione del del sig. Clauo Serra, è è La giornata, dopo la presentazione del sig. Clauo Serra, è proseguita con con un un un Seminario avente per tema i i i Processi proseguita con un Seminario avente per tema i Processi Saldatura Saldatura Laser Laser con con con Polimeri Polimeri e e e e Materiale Materiale Composito, Composito, tenuto tenuto dal dal dal dott. dott. dott. Alessandro Alessandro Fortunato Fortunato Ph.D. Ph.D. Researcher Researcher in in in in Manufacturing Manufacturing and and and Technology Technology dell'università dell'università Bologna Bologna (sul (sul sito sito è è è sponibile sponibile la la la presentazione) presentazione) che che che ha ha ha ha trovato trovato grande grande interesse interesse fra fra fra fra tutti tutti i i i i presenti. presenti. Al Al Al Al termine Al termine termine del del del del seminario, seminario, il il il il sig. il sig. sig. Clauo Clauo Serra, Serra, come come elemento elemento stintivo stintivo stintivo aziendale, aziendale, aziendale, ci ci ci ci ha ci ha ha ha presentato presentato alcuni alcuni alcuni case-history case-history connessi connessi ai ai ai ai vantaggi vantaggi vantaggi che che che la la la la riprogettazione, la riprogettazione, svolta svolta svolta in in in in stretta stretta stretta collaborazione collaborazione con con con i i i Clienti, Clienti, Clienti, genera genera genera sui sui sui sui componenti. componenti. Dopo Dopo Dopo un un un un un ampio ampio ampio battito, battito, frutto frutto frutto delle delle delle presentazioni, presentazioni, abbiamo abbiamo visitato visitato lo lo lo lo lo stabilimento stabilimento con con con le le le le le linee linee linee appositamente appositamente in in in in funzione funzione per per per l'occasione. l'occasione. Ne Ne Ne Ne Ne è è è seguito è seguito un un un un un ricco ricco ricco buffet, buffet, al al al al al termine termine del del del del quale quale abbiamo abbiamo calorosamente calorosamente ringraziato ringraziato i i i titolari i i titolari dell Azienda dell Azienda per per per la la la la la passione passione e e e sponibilità sponibilità con con con con la la la la la quale quale ci ci ci ci ci hanno hanno concesso concesso la la la la la grande grande opportunità. opportunità. Il Il Il titolare titolare Curti, Curti, sig.serra. sig. Serra. Il titolare Curti, sig.serra. Il Il Prof. Fortunato durante il il il seminario Il Prof. Fortunato durante il seminario Il Il Il Il ns. ns. ns. Vicepresidente Vicepresidente Scandellari Il ns. Vicepresidente Scandellari

17 CONVEGNO 15 LEAN LEAN SUSTAINABILITY SUSTAINABILITY L approccio L approccio Lean Lean per per la la sostenibilità sostenibilità Fiera Fiera Lamiera Lamiera Fiere Fiere Bologna Bologna - - Mercoledì Mercoledì Maggio Maggio In In occasione occasione dell esposizione dell esposizione Lamiera Lamiera 2014, 2014, tenutasi tenutasi a a Bologna Bologna dal dal al al Maggio Maggio ed ed a cui a cui Associazione Associazione Meccanica Meccanica ha ha partecipato partecipato con con un un suo suo stand, stand, si si è colta colta l occasione l occasione per per proseguire proseguire il il ciclo ciclo convegni convegni riguardanti riguardanti argomenti argomenti afferenti afferenti al tema al tema della della Lean Lean Production. Production. L evento Lamiera aveva aveva come come focus focus il il progetto progetto Lambda Lambda Sostenibilità, Sostenibilità, incando incando nel nel concetto concetto sostenibilità sostenibilità un un fattore fattore chiave per il il futuro delle delle Aziende, non non solo solo per per la la ricerca ricerca un un futuro futuro migliore migliore per per il nostro il nostro pianeta, pianeta, ma ma anche anche per per il notevole il notevole beneficio economico ricavabile da da un un migliore utilizzo utilizzo delle delle risorse risorse sponibili. sponibili. Partendo Partendo da da questo questo concetto, concetto, Associazione Associazione Meccanica ed il il Lean Excellence Center del del Politecnico Milano Milano hanno hanno organizzato un un convegno convegno avente avente per per tema tema la Lean la Lean Sustainability. Il convegno è stato introdotto dall ing. Padovani, Presidente Associazione Meccanica, il quale il quale dopo dopo una una presentazione dell Associazione e della giornata, ha ha introdotto il il Prof. Portioli Staudacher, del del Politecnico Milano, Milano, quale il quale ha ha illustrato illustrato le le attività sul tema della sostenibilità sviluppate dal dal Lean Excellence Center. L intervento del Prof. Portioli si si è focalizzato sulla necessità avere una una metodologia che supporti nella ricerca soluzioni maggiormente sostenibili, riducendo il il consumo risorse. Sulla base questo punto partenza, il il Politecnico Milano, in collaborazione con Morse Tec Europe, ha ha sviluppato la la Metodologia TDU, per ridurre concretamente i i consumi energetici, per per un'azienda più sostenibile. Il Pres. Padovani ed il Prof. Portioli Staudacher Il Pres. Padovani ed il Prof. Portioli Staudacher

18 CONVEGNO 16 DOE Design Of Experiment Ridurre il Costo del Prodotto dalla Progettazione DOE Design Of Tagliando Experiment i Tempi e i Costi delle Sperimentazioni Ridurre il Costo Facoltà del Prodotto Ingegneria dalla Progettazione Università Bologna Tagliando - Sabato i Tempi 24 e i Maggio Costi delle 2014 Sperimentazioni Facoltà Ingegneria Università Bologna - Sabato 24 Maggio 2014 Sabato 24 Maggio nelle aule della nuova sede Ingegneria si è Sabato tenuto un 24 incontro Maggio nelle tecnico aule sul della DOE, nuova acronimo sede Ingegneria Design of si Experiments, è tenuto un incontro ovvero come tecnico ridurre sul DOE, il costo acronimo del prodotto Design dalla of progettazione Experiments, tagliando ovvero come i tempi ridurre ed i il costi costo della prodotto dalla sperimentazione. progettazione tagliando i tempi ed i costi della L ing. sperimentazione. Capelli, nel presentare la giornata, ha evidenziato come il tema L ing. trattato Capelli, nel nel convegno presentare rappresenta la giornata, una ha evidenziato metodologia come a completamento il tema trattato del nel Design convegno To rappresenta Cost, argomento una metodologia trattato a scorso completamento anno sempre del Design in collaborazione To Cost, argomento con Cubo, trattato società lo consulenza scorso anno esistente sempre dal in collaborazione 1980 e fondata con dall ing Cubo, Cuppini. società Il consulenza Design of Experiment esistente dal è un 1980 interessante e fondata dall ing approccio Cuppini. metodologico Il Design of Experiment che ha lo scopo è un interessante ridurre i tempi approccio della sperimentazione, metodologico che quin ha lo il scopo time to ridurre market i tempi e d i rischi della immettere sperimentazione, sul mercato quin prodotti il time fettosi. to market In più e d i il rischi metodo permette immettere creare sul mercato modelli prodotti ripetibili fettosi. e quin In più aumentare il metodo la competenza permette aziendale. creare modelli ripetibili e quin aumentare la L esperienza competenza aziendale. CUBO sul tema si basa su un accordo collaborazione L esperienza con CUBO la società sul tema consulenza si basa un FORD; accordo infatti il settore collaborazione automotive con la applica società da anni consulenza questa metodologia FORD; infatti che il ha settore però una automotive valenza in applica tanti altri da anni settori questa industriali. metodologia che ha però una valenza in tanti altri settori industriali. L ing. Fabbri, nella sua relazione, ha ben spiegato le caratteristiche L ing. Fabbri, del nella metodo sua relazione, che non si ha sovrappone ben spiegato alla le caratteristiche del metodo che non si sovrappone alla esperienza tecnica specifica e non sostituisce prove ad hoc esperienza tecnica specifica e non sostituisce prove ad hoc ma introduce criteri statistici per ridurre, anche in casi mea ma introduce criteri statistici per ridurre, anche in casi mea complessità, il numero prove idonee caratterizzare gli complessità, il numero prove idonee a caratterizzare gli obiettivi che ci si prefigge. Il numero prove che occorre fare obiettivi che ci si prefigge. Il numero prove che occorre fare è è infatti infatti legato legato al al numero numero fattori fattori da da controllare controllare e dalle dalle loro loro interrelazioni. interrelazioni. L applicazione L applicazione del del metodo metodo permette permette ridurre ridurre il il numero numero prove prove mantenendo mantenendo una una sufficiente sufficiente confidenza confidenza sul sul risultato. risultato. Dopo Dopo un esauriente un esauriente introduzione introduzione alla alla metodologia, è stato poi presentato presentato un un case case history history relativo ad ad una una valvola oleonamica per per macchine movimento terra. In In questo caso l obbiettivo era era la la determinazione del del tempo meo al guasto del del componente (MTBF: Mean Time Between Failure) in assenza dati dati storici significativi. Per primo è stato definito un criterio per per stabilire la la soglia guasto, poi sono stati determinati i i fattori influenti, ed ed il il numero cicli corrispondente ad ad un un uso meo del componente. Sono state quin effettuate prove su su una certo numero valvole. Il Vicepres ing. Capelli (a sx) con l ing. Cuppini (al centro) e l ing. Fabbri (a dx) Il Vicepres ing. Capelli (a sx) con l ing. Cuppini (al centro) e l ing. Fabbri (a dx)

19 GITA A BERGAMO E VILLAGGIO CRESPI - Domenica 15 Giugno 2014 Di primo mattino (erano le 06 e 30), dopo avere raccolto i partecipanti ai punti ritrovo Piazzale Lercaro e delle Caserme Rosse, siamo partiti alla volta BERGAMO imboccando l'autostrada in rezione Piacenza attesi dalla guida che ci ha accompagnato per tutta la giornata. Alla prima destinazione della giornata, Bergamo Alta, accompagnati dalla guida Orsi Beatrice, abbiamo preso la caratteristica funicolare che ci ha portato nel cuore storico della città dove abbiamo visitato i monumenti più significativi: Piazza Vecchia con la torre del Comune, il Duomo, Cappella Colleoni, il Battistero, Tempietto e Santa Croce. Passeggiando verso il ristorante La vendemmia, situato all interno delle mura venete della Città Alta, in un eficio storico dove abbiamo potuto gustare le specialità gastronomiche bergamasche, ci siamo addentrati nei caratteristici vicoli cittani dove, con sorpresa dei partecipanti, ci siamo persi ad ammirare una più che accattivante esposizione auto d'epoca e la conseguente gara velocità accompagnati dal rombo dei motori che ci hanno ricordato i tempi Nuvolari. Nel primo pomeriggio siamo partiti per TREZZO D ADDA, per affrontare la visita del Villaggio Crespi, esempio Archeologia Industriale e una delle più importanti testimonianze al mondo del fenomeno dei villaggi operai, conservato integro fino ad oggi. E un autentico modello città ideale del lavoro, è un interessantissimo e quasi perfetto microcosmo autosufficiente ove la vita dei pendenti, insieme a quelle delle loro famiglie, ruotava in un piano ideale orne e armonia, attorno alla fabbrica. L Unesco ha proclamato nel 1995 il Villaggio Crespi Bene storico appartenente all umanità intera. Al termine partenza via autostrada per il rientro, con arrivo in serata. La giornata è stata organizzata grazie alla collaborazione dei componenti del Consiglio avvalendosi per la parte tecnica della Sugar Viaggi.

20 Giornata del Socio Domenica 14 Settembre 2014 AREA ASTRONOMICO-NATURALISTICA DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO PRANZO ALL AGRITURISMO LA CROCETTA In Occasione della Giornata del Socio, abbiamo visitato a San Giovanni in Persiceto, l area astronomico-naturalistico e, in particolare, il Planetario, il Museo del cielo e della terra e l Osservatorio astronomico. Il Planetario è uno strumento ottico-meccanico utilizzato per riprodurre all interno una stanza in modo estremamente realistico la volta celeste. Quello San Giovanni in Persiceto, uno dei più gran e importanti in Italia; è dotato una cupola più 9 metri ametro e un proiettore che consente osservare stelle virtuali luminosità fino alla quarta magnitune circa. La visita ci ha consentito vedere virtualmente il nostro cielo e le costellazioni dell autunno, cosa al giorno d oggi molto fficile causa il forte inquinamento luminoso generato dalla illuminazione artificiale delle nostre città. Il Museo del cielo e della terra è ospitato nello stesso eficio del Planetario e, dal 1998, ha l'obiettivo indagare i rapporti fisici e chimici che intercorrono appunto tra il cielo e la terra. Conserva moltissime meteoriti (oltre 550 campioni tra cui frammenti provenienti da Luna, Marte, asteroide Vesta e da comete) e collezioni geopaleontologiche tra le quali ne spicca una bella fulgiti. All'interno dell'area espositiva sono presenti anche numerosi esperimenti fisici legati a elettromagnetismo, acustica ed altri curiosi fenomeni naturali. L Osservatorio astronomico comunale "Giorgio Abetti", aacente al Planetario e decato a vulgazione e dattica, è dotato un eliostato e un telescopio riflettore 40 cm, alloggiato in una cupola 4,5 metri, che consente osservare ombre e crateri lunari, le fasi Mercurio e Venere, i poli ghiacciati Marte, bande nuvolose e satelliti mecei Giove. Durante la nostra visita, grazie all utilizzo speciali filtri, abbiamo potuto osservare il Sole. L area astronomiconaturalistica San Giovanni in Persiceto comprende anche l Orto Botanico Ulisse Aldrovan che ospita più 300 essenze botaniche che, per ragioni tempo, non abbiamo potuto visitare. La giornata si è conclusa col pranzo all agriturismo La Crocetta dove tutti i soci hanno potuto trascorrere un piacevole momento conviviale. Il Consigliere Pagnoni presenta la giornata

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Diventate membri dell associazione. L unione delle forze del settore solare

Diventate membri dell associazione. L unione delle forze del settore solare Diventate membri dell associazione L unione delle forze del settore solare Il vostro supporto neutrale per informazioni, formazione, assicurazione di qualità e pubblicità comune Il vostro portavoce per

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Industrial Automation Solutions

Industrial Automation Solutions Industrial Automation Solutions LOGIK Technology SOLUZIONI MECCANICHE ED ELETTRONICHE AVANZATE La LOGIK nasce e si basa sulla decennale esperienza maturata nel settore dell'imbottigliamento e del packaging.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE www.lvdgroup.com Sheet Metalworking, Our Passion, Your Solution LVD offre macchinari di punzonatura, taglio laser, piegatura e cesoiatura, nonché un software

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

CONVEGNO ENERGY MANAGEMENT IDEE E STRUMENTI PER L IMPRESA DEL DOMANI. GIOVEDI 2 Ottobre 2014 Ore 10.00 presso la sede legale

CONVEGNO ENERGY MANAGEMENT IDEE E STRUMENTI PER L IMPRESA DEL DOMANI. GIOVEDI 2 Ottobre 2014 Ore 10.00 presso la sede legale CONVEGNO ENERGY MANAGEMENT IDEE E STRUMENTI PER L IMPRESA DEL DOMANI GIOVEDI 2 Ottobre 2014 Ore 10.00 presso la sede legale In collaborazione con: AEPI INDUSTRIE SRL Via Enrico Fermi n.28 40026 Imola (BO)

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IIl lavaggio industriale è una fase del

IIl lavaggio industriale è una fase del VETRINA brevetto depositato in data 23/11/89. La SAT era una macchina particolarmente innovativa: alle estremità di una raggiera, dei pallet fungevano da porta pezzi; ruotava la raggiera e ruotavano i

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli