Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale"

Transcript

1 rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo)

2 Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S

3 Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia Possiamo immaginare un campione di roccia come una matrice diamagnetica nella quale sono immersi dei granuli ferromagnetici (s.l.). In assenza di campo esterno la direzione dei momenti magnetici (M s) dei singoli granuli è diretta lungo una direzione preferenziale di ogni granulo detta asse facile. Un campione è magnetizzato quando la somma vettoriale dei momenti magnetici dei singoli granuli è 0. In granuli uniassiali il momento magnetico può essere diretto in entrambi i versi lungo la direzione dell asse, ma per passare da un verso a quella opposta bisogna superare una barriera energetica che chiamiamo energia di blocco (Eb). Per magnetizzare o smagnetizzare un campione bisogna superare l energia di blocco delle sue particelle magnetiche. S

4 Prendiamo in considerazione l anisotropia uniassiale e vediamo come l applicaziopne di un campo magnetico possa cambiare la direzione della M s. L energia libera di una particella magnetica di questo tipo è data dalla somma di due termini, l energia di anisotropia (K u sin 2 θ) e l energia di Zeeman -(µ 0 M s H cos(φ θ)) dovuta al campo magnetico. In questo caso l energia libera E = E A + E H sarà data dalla E = v `K u sin 2 θ µ 0 M s H cos(φ θ) (1) dove K u è la costante di anisotropia, θ l angolo fra M s e l asse facile e φ l angolo fra l asse facile e la direzione di H, v è il volume della particella, µ 0 è la permeabilità magnetica del vuoto, M s spontanea, H l intensità del campo magnetico. L applicazione di un campo magnetico permette di superare l energia di blocco. S

5 S Le direzioni stabili di M s corrispondono ai minimi di E.

6 Effetto della temperatura Per effetto della agitazione termica ogni tanto succede che qualche momento magnetico acquisti una energia sufficientemente alta da superare la barriera energetica (energia di blocco) e cambi la sua direzione. Questo succede in maniera del tutto casuale. Se si attende abbastanza a lungo i momenti magnetici si troveranno dispersi casualmente ed il campione sarà demagnetizato. S

7 Effetto della temperatura Se consideriamo i 2 possibili stati che M s può assumere, che chiamiamo 1 e 2, e che corrispondono agli angoli θ dei minimi della eq. 1. Per una tale particella bi-stato la probablità che che il momento magnetico si trovi in uno dei due minimi (diciamo 1) è descritta dalla cosiddetta equazione cinetica. n 1 = n 1 w 1 + n 2 w 2 (2) t dove n 1 e n 2 sono le frazioni della rispettivamente negli stati 1 e 2 (assumendo n 1 + n 2 = 1) e w 1,2 = f o exp ( Eb 1,2 /kt ). I termini n 1 w 1 e n 2 w 2 nella eq. 2 descrivono la probabilità del momento magnetico di passare rispettivamente dallo stato 1 2 e dallo stato 2 1, in accordo con la statistica di Boltzmann. Il fattore di proporzionlità f o rappresenta la frequenza di ri-organizzazione atomica (in pratica il nr. di tentativi/sec), che è a sua volta funzione di K u, M s, T, H e φ. Nella letteratura vengono riportate diverse formulazioni per f o, ma si può considerare con buona approssimazione f o S

8 Effetto della temperatura Sostituendo n 2 = 1 n 1 e integrando con eq. 2 rispetto a t, assumendo quindi T and Eb 1,2 constanti, otteniamo la expressione classica dell approccio all equilibrio. «t n 1 (t) = n eq + (n 1 (0) n eq) exp (3) τ dove n eq = w 2 1 w 1 + w 2 τ = w 1 + w 2 Il termine n eq rappresenta la all equilibrio termodinamico, mentre n 1 (0) è la frazione iniziale di momento magnetico nello stato 1. Dato che il tempo di τ è funzione delle barriere energetiche Eb 1,2, viene introdotta una dipendenza di τ dal volume delle particelle. Dalla eq. 3, le frazioni n 1 (t) and n 2 (t) = 1 n 1 (t) possono essere calcolate come funzione del tempo t e la di un insieme di particelle può essere calcolata come la somma vettoriale dei momenti nei 2 stati. L effetto della agitazione termica sui minerali magnetici è quello di ristabilire l equilibrio termodinamico e quindi cancellare la rimanente. Il suo studio è importante per capire la stabilità della rimanente e il metodo della de termica. S

9 τ Il tempo di (τ) è il tempo necessario per ridurre la rimenente iniziale (M r0 ) di un insieme di particelle a M r0 /e. Rappresenta una misura della stabilità della rimanente. S

10 τ L espressione classica per τ riportata spesso nei libri di testo è la seguente 1 τ = 1 f o exp «v hc M s 2 kt Dimensionalmente v h c M s = [cm 3 ] [Oe] [G] = [cm 3 ] [erg] [G 1 ] [cm 3 ] [G] v hc Ms = [erg] è una energia. Il termine rappresenta quindi l energia di 2 blocco, kt l energia termica. 1 l eq. 4 è equivalente alla τ definita nella eq. 3 se assumiamo H = 0 Eb1 = Eb 2 = v K u e hc Ms consideriamo la coercività h c equivalente alla microcoercività h k = (2K u)/m s (quindi K u = ) e 2 infine consideriamo w 2 = 0 (cioè nessuno momento nel minimo 2). sostituendo Eb con 1 τ = w 1 + w 2 = f o exp ( Eb/kT ) + 0 = f o exp ( Eb/kT ) v hc Ms 2 che è equivalente alla eq. 4. abbiamo 1 τ v hc Ms = fo exp 2 kt «(4) S

11 τ e S

12 τ e temperatura τ = 1 f o exp «v hc M s 2 kt τ diminuisce drasticamente con l aumento della temperatura, quindi la temperatura è un altro modo per superare l energia di blocco e cambiare la rimanente. S

13 τ rispetto a h c e v Tempi di di un insieme di granuli SD con lo stesso M s su un diagramma volume (v) vs. coercività (h c). Le linee con lo stesso τ hanno lo stesso prodotto v h c, La popolazione di granuli del nostro ipotetico campione è rappresentata dai contour grigi. Granuli con τ < τ s sono superparamagnetici 2. 2 τs è un tempo di durante il quale osserviamo (misuriamo) il campione, convenzionalmente τ s = 100 sec S

14 S in campi alternati Se campione di roccia è posto in un campo magnetico alternato, la di tutti i domini con coercività inferiore al picco del campo alternato sono rimagnetizzati. Il campo alternato viene lentamente ridotto a zero in uno spazio privo di altri campi quindi le direzioni dei granuli rimagnetizzati vengono disperse casualmente. La parte che rimane è stata magneticamente ripulita da quella a coercività più bassa del campo massimo. In alcuni laboratori il campione è demagnetizzato AF successivamente lungo i tre assi ortogonali; in altri il campione è ruotato (tumbled) in maniera più casuale possibile entro la bobina di de. Attenzione Il metodo AF è limitato dalla intensità del campo che può essere prodotto nella bobina di de, comunemente intorno a T. Questi campi sono efficaci nel demagnetizzare solo rocce che contengono magnetite. S

15 Rappresentazione schematica della s AF In alcuni laboratori il campione è demagnetizzato AF successivamente lungo i tre assi ortogonali, in altri il campione è ruotato (tumbled) in maniera più casuale possibile entro la bobina di de. S

16 S termica Abbiamo visto che la temperatura (T ) è in grado di diminuire drasticamente il tempo di. Quando un campione di roccia è riscaldato alla temperatura T le direzioni dei granuli magnetici che hanno una temperatura di sblocco inferiore a T verranno disperse casualmente. Se adesso il campione viene raffreddato in uno spazio privo di campi magnetici, questa parte della rimane demagnetizzata. Questo metodo è più efficace della de AF perchè il campo di temperature necessarie per distruggere tutti i tipi di è sotto i 700 C, che è una temperatura facilmente raggiungibile. Attenzione Se la roccia contiene una mineralogia magnetica metastabile o instabile, i suoi cambiamenti irreversibili della mineraolgia possono complicare i risultati della de termica. S

17 Rappresentazione schematica della s termica a) Il diagramma rappresenta la distribuzione dell ipotetica popolazione di granuli di volume (v) e coercività (h c) contenuti nel nostro campione; i granuli stabili sono rappresentati dalla porzione grigia. Le temperature di blocco (T B ) aumentano verso l alto e la destra. b) Alla temperatura di de T demag rimangono magnetizzati solo i granuli stabili (T B > T demag ) che registrano la direzione della caratteristica (ChRM), mentre la direzione degli altri è cancellata. S

18 S progressiva Quale è il livello di s appropriato (termico o in campi alternati) per isolare la caratteristica (ChRM)? In una s progressiva il campione viene smagnetizzato a livelli progressivamente crescenti misurando la dopo ogni s. Nella s termica i cicli di riscaldamento e raffreddamento sono ripetuti con temperature massime progressivamente crescenti, in quella AF vengono usati campi di picco progressivamente crescenti. La procedura adottata normalmente consiste nello smagnetizzare alcuni campioni termicamente ed altri AF e di confrontare i risultati, ma la conoscenza della mineralogia magnetica può indicare quale tecnica di smagnetizzzione è la più adatta. La progressiva distruzione della rivela le componenti presenti nella. La loro resistenza alla de è indice della loro stabilità. Le componenti stabili, cioè sono quelle rimosse agli intervalli di manetizzazione più alti, sono quelle che possono resistere ai tempi geologici e quindi presumilmente le componenti originali (ChRM). S

19 di s progressiva Quanti e quali livelli di s usare? Dipende, spesso i livelli di s sono scelti per tentativi. Però un regola generale è che le coercività hanno una distribuzione log-normale, quindi i campi AF sono scelti piccoli all inizio e più grandi alla fine, per es. 2.5, 5.0, 10.0, 15.0, 20.0, 30.0, 40.0, 60.0, 80.0, e mt. Nella s termica, le temperature andranno dalla temp. ambiente alla temperatura di Curie. Spesso si usano gradini di temperatura di C ma avvicinandoci alla temperatura di Curie si usano incrementi più piccoli anche disolo 5 C. Il prodotto finale della s progressiva è un insieme di misure di per ogni livello di s. S

20 Componenti della La è una grandezza vettoriale e la di un campione di roccia è spesso formata dalla somma di più vettori. La s progressiva permette di estrarre le diverse componenti della in base alla loro stabilità. Rappresentazione prospetica, in coordinate geografiche, del vettore della durante una s progressiva. Le frecce in linea continua mostrano il vettore della durante i vari intervalli di s (da 1 a 6), le frecce tratteggiate mostrano la componente della a bassa stabilità rimossa durante gli intervalli 1 3. Durante la s dall intervallo 4 al 6 la componente della ad alta stabilità diminuisce di intensità ma non cambia di direzione. S

21 Nota: Proiezione equiareale Se dobbiamo rappresentare una direzione (versore) possiamo usare una proiezione equiareale. S

22 Come rappresentare un vettore Direzione e intensità La rappresentazione in prospettiva non è molto pratica, però ll direzione ed intensità di un vettore possono essere rappresentati su due diversi diagrammi, uno per la direzione ed un altro per l intensità. S

23 Come rappresentare un vettore Il metodo più efficace per analizzare la struttura e la stabilità di una rimanente è la costruzione diagrammi vettoriali (, 1967). La direzione è scomposta nelle componenti nord (x), est (y) e verticale (z), e i diagrammi sono fatti disegnando la componente nord rispetto la est, e una delle componenti orizzontali (la nord o la est) rispetto la componente verticale. Questo equivale a proiettare il vettore in un piano orizzontale e in un piano verticale nord-sud o est-ovest, la scelta della proiezione verticale dipende dalla intensità di N ed E. S

24 (di ) S

25 Analisi dei diagrammi vettoriali Nel caso più semplice dove è presente una singola componente stabile della, rimanente la de progressiva produrrà una linea diritta all origine in entrambe le parti del diagramma vettoriale. Quando le componenti instabili sono rimosse, esse sono rappresentate sul diagramma vettoriale come linee non dirette verso l origine. Se dopo la de di una componente meno stabile rimane un vettore stabile, esso è rappresentato da una linea dritta all origine del diagramma vettoriale. S

26 Analisi dei diagrammi vettoriali casi complessi L analisi dei diagrammi vettoriali può essere complicata se le temperature di blocco o gli spettri di coercività delle diverse componenti si sovrappongono. Quando è presente più di una componente della è possibile che gli spettri della coercività o delle temperature di sblocco si sovrappongano parzialmente, e quando questa sovrapposizione viene demagnetizzata il diagramma vettoriale può mostrare una parte curva piuttosto che 2 segmenti rettilinei. Nei casi in cui gli spettri di coercività si sovrappongono molto la porzione rettilinea delle componenti vettoriali può essere molto ridotta o addirittura assente. In questi casi si può provare ad usare la tecnica dei circoli di ri per ricavare la direzione della ChRM. S

27 Analisi dei diagrammi vettoriali casi complessi S

28 Direzione della ChRM Come ricaviamo la direzione della ChRM una volta che abbiamo individuato la giusta componente sui diagrammi vettoriali? La declinazione (D) e l inclinazione (I ) della componente stabile della si possono misurare direttamente sul diagramma vettoriale, tenendo presente che la inclinazione reale si ricava da quella apparente (I app) misurata sul diagramma tramite la tan I = tan I app cos D S

29 Analisi delle Componenti Principali () In pratica la direzione si calcola facendo un best-fit delle misure di che identificano la componente di nostro interesse. La tecnica comunemente usata è una versione leggermente modificata dell analisi statistica multivariata chiamata Analisi degli Elementi Principali (). S

30 passo-passo 1) Calcolare la orientation matrix T 2P x 6P T = 4 y P z i x i i x i P x P y P z i y i i y i i y i P x P y P z dove x, y e z sono le in coordinate cartesiane (alle quali è stata sottratta la media se il best-fit non è ancorato all origine). 2) Calcolare autovalori e autovettori di T i x i TV = λv dove V è la matrice degli autovettori e λ sono gli autovalori. I valori di λ possono essere calcolati risolvendo la det T λ = 0, ma in generale entrambi V e λ vengono calcolati numericamente. 3) Best-fit direction e MAD La direzione della ChRM sarà data dall autovettore corrispondente al autovalore più grande. Inoltre è possibile calcolare la cosiddetta Maximum Angular Deviation. «MAD = tan qσ σ2 3 /σ 1 dove σ 1 = λ i i z i i z i i z i S

31 Parte II Direzioni e Paleopoli Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye

32 Sistema di riferimento Componenti del campo geomagnetico Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Nella nostra convenzione la direzione del campo magnetico è rappresentata dalla declinazione (D) che è l angolo fra in nord geografico e la proiezione del vettore lungo il piano orizzontale, e la inclinazione (I ), ovvero l angolo fra il vettore e il piano orizzontale preso con valori positivi verso il basso.

33 Sistema di riferimento Coordinate del campione In laboratorio le direzioni della non sono misurate rispetto alle coordinate geografiche (nord e piano orizzontale) ma rispetto alle direzioni di riferimento disegnate sul campione, che sono schematizzate in figura e che generalmente non corrispondono alle coordinate geografiche. Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Quindi è necessario riportare la direzione della misurata rispetto alle coordinate del campione alle originali cordinate geografiche. Per fare ciò è necessario avere orientato il campione al momento del campionamento.

34 Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye

35 Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye

36 Orientazione del campione Esistono diverse convenzioni per l orientazione del campione, quì usiamo gli angoli A e C illustrati in figura. Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Applicando un po di trigonometria si riporta la dalle coordinate del campione a quelle geografiche con la cosidetta correzione geografica e, se necessario la correzione tettonica.

37 Correzione geografica Consideriamo una direzione relativa agli assi del campione ha declinazione D ed inclinazione I ; i suoi coseni direttori (λ, µ, ν) sarano λ = cos D cos I ; µ = sin D cos I ; ν = sin I Assumendo che il campione provenga da una carota perforata con azimut A e inclinazione C (come nella figura precedente) possiamo calcolare i coseni direttori (λ g, µ g, ν g ) relativi alle coordinate geografiche con le λ g = λ sin C cos A µ sin A +ν cos C cos A µ g = λ sin C sin A +µ cos A +ν cos C sin A ν g = λ cos C +ν sin C Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye La direzione (D g, I g ) relativa alle coordinate geografiche sarà quindi tan D g = µg λ g ; sin I g = ν g

38 Correzione tettonica Questa correzione è fatta quando gli strati non sono orizzontali a causa della inclinazione tettonica. Supponiamo che lo strato immerga con un angolo P rispetto all orizzontale in una direzione con azimut B. In una situazione tettonica semplice la correzione dell inclinazione è fatta tramite una semplice rotazione di un corpo rigido lungo la linea orizzontale della direzione dello strato per riportare lo strato inclinato ad una posizione orizzontale. Ciò causa una rotazione del vettore paleomagnetico, i nuovi coseni direttori (λ t, µ t, ν t) possono essere facilmente calcolati in tre semplici passaggi come segue 3. λ 1 = λ g cos B + µ g sin B; µ 1 = λ g sin B + µ g cos B; ν 1 = ν s λ 2 = λ 1 cos P + µ 1 sin P; µ 2 = µ 1 ; ν 2 = λ 1 sin P + ν 1 cos P λ t = λ 2 cos B + µ 2 sin B; µ t = λ 2 sin B + µ 2 cos B; ν t = ν 2 Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Le direzioni paleomagnetiche corrette per l inclinazione degli strati sono date da: tan D t = µt ; sin I t = ν t λ t 3 se lo strato è rovesciato, nel secondo passaggio, P deve essere sostituito da (P ).

39 Coordinate riassunto Nel paleomagnetismo quindi ci si riferisce a direzioni in diverse coordinate a seconda della correzione che è stata applicata. COORDINATE Coordinate del Campione Direzioni della misurate in laboratorio e orientate rispetto agli assi del campione. Coordinate Geografiche Direzioni rispetto alle coordinate geografiche del sito di campionamento, si ottengono dopo la correzione geografica. Coordinate Tettoniche Direzioni corrette per una eventuale rotazione tettonica, si ottengono dopo la correzione tettonica. Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Normalmente i calcoli per la correzione delle coordinate vengono fatti automaticamnete dal computer una volta forniti i dati di orientazione (per la correzione geografica) e di giacitura (per la correzione tettonica) di ogni campione

40 Statistiche delle direzioni Una volte calcolate le direzioni della ChRM di un sito, può essere utile calcolare alcune statistiche come la direzione media e dispersione ed intervalli di confidenza. Le direzioni paleomagnetiche sono rappresentate come versori (vettori di lunghezza unitaria) che possono essere trattati come una distribuzione di punti su una sfera. Le statistiche di Fisher o di Bingham sono quindi metodi appropriati per trattare i dati paleomagnetici. Fisher (1953) suggerì che la densità della probabilità (p) dell angolo θ fra la direzione di un singolo campione e la direzione media della distribuzione è data da: Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye k p(θ, k) = exp (k cos θ) (5) 4π sinh k Il parametro di precisione k descrive la dispersione dei punti. Se k = 0 le direzioni sono uniformemente (o casualmente) distribuite, se k è grande i punti sono fortemente raggruppati intorno alla direzione media.

41 Distribuzione di Fisher Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Grafico della distribuzione di Fisher (eq. 5) per diversi parametri di precisione k. P A (θ) è la probabilità di trovare una direzione entro una area A centrata ad un angolo θ dalla media. Notate come al crescere di k la distribuzione si raggruppi intorno alla media.

42 Il vettore medio La migliore stima della direzione media di una popolazione di direzioni (versori) è il vettore media dei versori. Calcoliamo i coseni direttori delle direzioni singola direzione (D i, I i ) x i = cos I i cos D i componente nord y i = cos I i sin D i componente est z i = sin I i componente verticale (verso il basso) La lunghezza R del vettore somma degli N versori è dato dalla R 2 = X 2 + Y 2 + Z 2 Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye dove NX NX NX X = x i ; Y = y i ; Z = z i i=1 i=1 i=1 La direzione media (D, I ) è quindi data dalla: tan D = Y X ; sin I = Z R

43 Parametri di dispersione Fisher ha dimostrato che la migliore stima (k) del parametro di precisione k (valida per k > 3) è data dalla: k = N 1 N R dove R è il vettore somma degli N versori. Il parametro k è equivalente all inverso della varianza della distribuzione. Il parametro k permette un calcolo approssimato di un analogo della deviazione standard σ nella distribuzione normale. θ 63 = 81 k Per analogia con la distribuzione normale θ 63 viene spesso chiamato angular standard deviation e indicato con σ 4. Similmente il 95% delle direzioni giacciono entro un angolo dalla media che è dato da: θ 95 = 140 k Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye Un altro parametro statistico, δ, che è spesso usato come misura della dispersione angolare (chiamato anche lui angular standard deviation) è δ = cos 1 R N In pratica per N 10 σ δ. 4 N.B. nella distribuzione normale σ contiene il 68% dei casi, mentre θ63 solo il 63%.

44 Limiti di confidenza Come in altre situazioni statistiche l errore standard nel definire la direzione media della distribuzione di N punti si può trovare dividendo la deviazione standard per la N ed i limiti di confidenza sono multipli degli errori standard. Nel paleomagnetismo un livello del 95% di confidenza è spesso usato per definire un cerchio α 95 attorno alla direzione media stimata, questo cerchio delimita il luogo entro il quale si ha il 95% di probabilità di trovare la vera media della distribuzione. La misura del limite di confidenza dipende dal numero di punti (N) e dal parametro di dispersione k. Una formula approssimata per il raggio dei circoli di confidenza del 63% e 95% valida per N 10 e k 10 è la seguente Una formula più esatta α Nk ; cos α 1 p = 1 N R R α Nk «1! 1 N 1 1 p Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye dove solitamente 1 p = 0.95 ed il livello di confidenza chiamato α 95.

45 Esempi di statistiche Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye

46 Polo Geomagnetico Virtuale (VGP) Dalle equazioni per le componenti di un dipolo magnetico, la distanza angolare (ρ) dal polo magnetico può essere calcolata dalla inclinazione del campo (I ). tan ρ = 2 tan I Il valore di ρ determina il raggio del circolo centrato sul sito di campionamento paleomagnetico, il cerchio è il luogo di tutte le possibili posizioni del polo magnetico. La declinazione definisce una direzione lungo un circolo maggiore che passa attraverso il sito di campionamento e forma un angolo D con il meridiano magnetico. Il luogo dove questo circolo maggiore interseca il cerchio di raggio ρ è la posizione del polo geomagnetico virtuale (VGP). La latitudine (λ) e longitudine (φ) del VGP che indica la direzione del campo (D, I ) misurata in un determinato sito (latitudine λ s, longitudine φ s) sono date da: sin λ = sin λ s cos ρ + cos λ s sin ρ cos D dove: Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye e ϕ = ϕ s + β per, cos ρ > sin λ s sin λ ϕ = ϕ s β per, cos ρ < sin λ s sin λ sin β = sin ρ sin D/ cos λ

47 Limiti di confidenza del VGP La posizione del polo per uno studio paleomagnetico può essere calcolata in due modi. Si possono usare le direzioni di ogni singolo campione per calcolare la posizione del VGP per ogni campione. La distribuzione dei VGP è quindi analizzata come punti su una sfera ed il vettore medio, il raggio del circolo di confidenza α 95 ed altre statistiche di Fisher sono calcolate come sopra. Un metodo alternativo è analizzare le direzioni paleomagnetiche per ricavarne la declinazione, l inclinazione, il raggio di confidenza e la media; viene poi trovata la posizione del VGP corrispondente a tale media. In questo caso il circolo di confidenza della direzione media è proiettato come un ovale intorno alla posizione del VGP dando un errore di latitudine λ e di longitudine φ dato da: Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye cos ρ sin ρ λ = α 95 ; φ = α 95 2 cos I

48 That s all folks! Sistema di riferimento Coord. campione Orientazione campione Correzione geografica Correzione tettonica Coordinate Statistiche direzioni Distribuzione Fisher Il vettore medio Dispersione Limiti di confidenza Site stats VGP VGP limiti conf. Bye

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercizi su Autovalori e Autovettori

Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizio n.1 5 A = 5, 5 5 5 Esercizio n.6 A =, Esercizio n.2 4 2 9 A = 2 1 8, 4 2 9 Esercizio n.7 6 3 3 A = 6 3 6, 3 3 6 Esercizio n.3 A = 4 6 6 2 2, 6 6 2 Esercizio

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli