ANNO SCOLASTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2012-2013"

Transcript

1 ISTITUTO DIDATTICA PROFESSIONALE MODULARE PER (PDM) I SERVIZI ALBERGHIERI PAGINA E DELLA 0 / 162 RISTORAZIONE ADRIA-ROVIGO I.P.S.S.A.R. Adria via Aldo Moro 1 I.P.S.S.A.R. DI ADRIA MODULI DIDATTICI BIENNIO INFERIORE ANNO SCOLASTICO

2 PAGINA 1 / 162 PROGRAMMAZIONE MODULI DIDATTICIDEL BIENNIO INFERIORE INDICE Classe Prima PAG. Classe Seconda PAG. Italiano 3 Italiano 86 Storia 10 Storia 94 Matematica 14 Matematica 101 Inglese 17 Inglese 103 Francese 20 Francese 106 Tedesco 22 Tedesco 109 Spagnolo 27 Spagnolo 115 Scienze della terra 30 Biologia 119 Fisica 32 Chimica 121 Scienze degli alimenti 34 Scienze degli alimenti 123 Diritto ed economia 37 Diritto ed economia 125 Laboratorio di accoglienza turistica 42 Laboratorio di accoglienza turistica 128 Menù didattici di sala e vendita ed enogastronomia 46 Menù didattici di sala e vendita ed enogastronomia 133 Laboratorio di enogastronomia 63 Laboratorio di enogastronomia 148 Laboratorio di sala e vendita 69 Laboratorio di sala e vendita 156 Educazione fisica 77 Educazione fisica 165 Religione 84 Religione 172 1

3 PAGINA 2 / 162 2

4 PAGINA 3 / 162 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PAGINA 3 / 174 CLASSE PRIMA Anno scolastico 2012/2013 CLASSE : 1 MATERIA : Italiano PERIODO Scansione temporale SETTEMBRE Modulo n.1 Titolo: Viaggio nel mondo della lettura CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE ACCOGLIENZA Conoscenza del territorio adriese METODO DI STUDIO Conosce modalità e tecniche relative alla competenza linguistica orale e scritta Conosce tempi, tecniche e strategie dello studio TEST D INGRESSO Percorsi tematici di lettura presenti nell antologia Lettura e comprensione di diverse tipologie testuali. Conosce gli aspetti essenziali dei registri dell italiano contemporaneo e delle diversità tra scritto e parlato Consigliati: Per conoscerci all inizio di un *Sa orientarsi nello spazio *Sa ascoltare e prendere appunti *Sa riordinare il materiale raccolto *Sa rielaborare e relazionare *Sa utilizzare materiali utili allo studio *Sa gestire i tempi in funzione del lavoro *Sa produrre utilizzando materiali diversi, schemi e grafici *Sa acquisire capacità di autovalutazione *Sa valorizzare le proprie capacità *Riesce ad affrontare lo studio con serenità Sa ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa esprimere il proprio punto di vista e riconoscere 3 Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche d i comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi

5 PAGINA 4 / 162 DA OTTOBRE A MAGGIO Modulo n. 2 Educazione linguistica nuovo viaggio scolastico. - D. De Vigan Un compagno speciale pag. 2 - P.Mastrocola Giudicato per un paio di scarpe pag. 5 - D.Pennac Il mal di scuola pag. 9 - A. Oz Come sfuggire ai dispetti di un compagno ORTOGRAFIA Conosce l'uso del vocabolario Conosce la corretta scrittura e le regole ortografiche MORFOLOGIA Conosce le parti variabili e invariabili del discorso SINTASSI Conosce la sintassi della frase semplice Conosce la sintassi della frase complessa Contenuti Test ingresso di ortografia e morfologia Ripasso di ortografia Ripasso di morfologia quello altrui Sa prendere appunti e riassumere Sa usare le regole che consentono di scrivere correttamente le parole Sa usare il vocabolario Sa identificare, analizzare e usare correttamente le parti variabili e invariabili del discorso Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi logica Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi del periodo Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi OTTOBRE NOVEMBRE Modulo n. 3 Titolo: Viaggio nel mondo della lettura Percorsi tematici di lettura presenti nell antologia Lettura e comprensione di diverse tipologie testuali. Conosce gli aspetti essenziali dei registri dell italiano contemporaneo e delle diversità tra scritto e parlato Letture consigliate: C. Manzoni Due racconti sul signor Veneranda pag 128 Sa ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere; utilizzare metodi e strumenti per fissare i concetti fondamentali ad esempio appunti, scalette, mappe. Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa applicare la conoscenza ordinata delle strutture della lingua italiana ai diversi livelli del sistema 4 4) Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi

6 PAGINA 5 / 162 Modulo n.4 Conoscere le diverse tipologie testuali L. Littizzetto For ever pag. 140 A.C. Doyle Sherlock Holmes indaga pag 151 Il testo descrittivo Conosce il codice adeguato, l'uso degli aggettivi e l'uso del vocabolario Conosce le modalità di produzione del testo; l interpunzione; varietà lessicali in relazione ai contesti comunicativi Contenuti Libro Grammatica I requisiti di un testo pag. 388 La struttura e le tipologie testuali pag. 392 Il testo descrittivo pag. 400 Libro di Narrativa Il testo descrittivo pag. 706 Letture consigliate: I. Asimov Luciscultura pag. 189 F. Kafka La metamorfosi di Gregor Samsa pag. 221 TESTI DI USO PROFESSIONALE La relazione Libro Grammatica La relazione pag. 464 Il verbale pag. 460 Libro di Narrativa La relazione pag. 776 Sa orientarsi nello spazio Conosce la storia e le caratteristiche della città Sa esprimere il proprio punto di vista e riconoscere quello altrui Sa prendere appunti e riassumere Sa osservare, riconoscere, analizzare e descrivere ambienti, persone e cose Sa arricchire il lessico personale Sa utilizzare un lessico adeguato nella produzione delle diverse tipologie testuali Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa analizzare e riassumere un testo descrittivo Sa elaborare testi seguendo le indicazioni date Sa applicare le conoscenze storiche, geografiche, matematiche e scientifiche nell esplorazione del territorio Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro singolarmente e in team cercando di trovare soluzioni. Sa utilizzare e collegare informazioni ottenute in classe e dalla guida Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 4) Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. 5

7 PAGINA 6 / 162 PRIMA UDA: CONOSCERE PER ORIENTARSI NEL TERRITORIO SI VEDA SVILUPPO UDA (ALLEGATA ALLA PDM ) DICEMBRE UDA: CONOSCERE ADRIA (conclusione attività) TESTI DI USO PROFESSIONALE *Conosce il codice adeguato e l'uso del vocabolario *Conosce le modalità di produzione del testo Contenuti Libro Grammatica Le istruzioni per l uso pag. 470 La ricetta pag. 472 Il depliant pag. 456 Libro di Narrativa Testi brevi regolati: il verbale pag. 739 Sa orientarsi nello spazio Conosce la storia e le caratteristiche della città Sa osservare, riconoscere, analizzare e descrivere ambienti, persone e cose Sa arricchire il lessico personale Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa analizzare e riassumere Sa analizzare un diagramma di flusso e trasformarlo in testo regolativo e viceversa Sa arricchire il lessico personale Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa analizzare e riassumere un testo regolativo Sa applicare le conoscenze storiche, geografiche, matematiche e scientifiche nell esplorazione del territorio Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro singolarmente e in team cercando di trovare soluzioni. Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 4) Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. GENNAIO Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e 6

8 PAGINA 7 / 162 RIPASSO GRAMMATICALE Dal 7 al 17 gennaio RIPASSO TIPOLOGIE TESTUALI SVOLTE Modulo n.5 Conoscere le diverse tipologie testuali SECONDA UDA. EDUCAZIONE ALIMENTARE FEBBRAIO - MARZO Modulo n.6 Conoscere le diverse tipologie testuali Contenuti Libro Grammatica l ideazione di un tema pag. 426 Libro di Narrativa Il testo complesso o tema pag. 746 SI VEDA SVILUPPO UDA (ALLEGATA ALLA PDM ) Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro in team IL TESTO NARRATIVO Conosce le tecniche di composizione del testo narrativo, la fabula e l intreccio, il sistema dei personaggi, la tipologia delle sequenze, la dimensione spazio/tempo Conosce modalità e tecniche relative alla competenza testuale: titolare, riassumere, esporre e schematizzare Contenuti Libro Grammatica Il testo narrativo pag. 396 Il riassunto pag. 414 Libro di Narrativa Il testo narrativo pag. 699 Il riassunto pag. 730 Sa ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere; utilizzare metodi e strumenti per fissare i concetti fondamentali ad esempio appunti, scalette, mappe Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa usare le regole che consentono di scrivere correttamente le parole Sa usare il vocabolario Sa identificare, analizzare e usare correttamente le parti variabili e invariabili del discorso Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi logica Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi del periodo Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa analizzare e riassumere un testo narrativo Sa narrare mutando la prospettiva spazio- argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 7

9 PAGINA 8 / 162 Letture consigliate B. Stoker L arrivo al castello di Dracula pag. 211 S. King Una sfida pericolosa pag. 251 J. R. R. Tolkien Frodo, Sam e il potere dell anello pag. 260 temporale Sa elaborare un testo narrativo a partire da alcune coordinate Sa creare testi narrativi semplici Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro in team APRILE MAGGIO Modulo n.7 Conoscere le diverse tipologie testuali TESTI D USO PERSONALE E PROFESSIONALE Conosce le tecniche della comunicazione e le diverse tipologie di comunicazione Contenuti Libro Grammatica La lettera personale pag. 440 La posta elettronica pag. 444 La lettera formale pag. 446 Libro di Narrativa Testi brevi regolati: la pag. 739 Letture consigliate F. Savater L educazione civica pag. 403 M. Lodoli La fatica di esprimersi pag. 406 U. Galimberti Riconoscere le emozioni pag. 409 Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa utilizzare un lessico adeguato per i diversi testi d uso Sa riconoscere il destinatario Sa analizzare e riassumere i diversi testi d uso Sa elaborare i diversi testi d uso a partire da alcune coordinate Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 8

10 PAGINA 9 / 162 C. De Gregorio Figli che insegnano ai padri pag

11 PAGINA 10 / 162 Anno scolastico 2012/2013 CLASSE : 1 MATERIA : storia PERIODO Scansione temporale Settembre Modulo A: Preistoria e Antico Oriente CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE Le fonti della storia Comprendere le finalità e gli strumenti dell indagine storiografica Porsi il problema della autenticità e veridicità della fonte e della sua intenzionalità (da chi proviene, in quale contesto) Avvio allo studio della storia Ottobre Modulo A: Preistoria e Antico Oriente La preistoria Unità 1: la preistoria Le periodizzazioni fondamentali della storia mondiale Dalla comparsa dell uomo alle prime forme di vita associata; economia primitiva; l intervento dell uomo sulla natura; dal nomadismo alla sedentarietà; la rivoluzione agricola. Evoluzione del ruolo degli uomini e delle donne in cucina (la cucina nei tempi antichi: chi cucinava e cosa) Gli strumenti utilizzati nel Saper distinguere tra fonte diretta e fonte indiretta. Leggere, anche in modalità multimediale, le differenti fonti letterarie, iconografiche, documentarie, cartografiche, ricavandone informazioni su eventi storici di diverse epoche e differenti aree geografiche Saper individuare le relazioni tra le caratteristiche del territorio e lo sviluppo di una civiltà Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l osservazione di eventi storici e di aree geografiche COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITA DEI TEMPI STORICI IN UNA DIMENSIONE DIACRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA EPOCHE E IN UNA DIMENSIONE SINCRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA AREE GEOGRAFICHE E CULTURALI 10

12 PAGINA 11 / 162 periodo antico Alimentazione: sistemi di cottura presso i popoli antichi Novembre e Dicembre Culture e imperi mesopotamici Cogliere i fondamentali rapporti esistenti tra la società umana e i diversi sistemi territoriali Modulo A: Preistoria e Antico Oriente Il vicino oriente antico Unità 2: le civiltà dei fiumi: la Mesopotamia Unità 3: le civiltà dei fiumi: l Egitto Unità 4: popoli e famiglie linguistiche Dicembre Modulo B: La civiltà greca Il mondo greco Unità 4: popoli e famiglie linguistiche Unità 5: la Grecia antica: le origini La cultura del Nilo L area siro-palestinese Creta e la civiltà cretese La civiltà micenea La religione dei greci Alimentazione: sistemi di cottura presso i popoli antichi Riconoscere l importanza delle migrazioni nello svolgimento dei fatti storici e nell evoluzione delle civiltà Comprendere il ruolo dei fiumi nella vita delle civiltà mediorientali. Comprendere l importanza della scrittura per lo sviluppo economico, culturale e sociale di una civiltà Saper cogliere i rapporti esistenti tra la società umana e i diversi sistemi territoriali Comprendere l importanza della scrittura per lo sviluppo economico, culturale e sociale di una civiltà COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITÀ DEI TEMPI STORICI IN UNA DIMENSIONE DIACRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA EPOCHE E IN UNA DIMENSIONE SINCRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA AREE GEOGRAFICHE E CULTURALI Gennaio Dal 7 al 17 gennaio Modulo B: La civiltà greca Apogeo del mondo greco Unità 6: le poleis greche: Sparta e Atene Unità 7: guerre per la Ripasso Sparta e Atene: due poleis a confronto Le guerre tra i greci e i persiani Comprendere la differenza fra guerra di libertà, guerra di egemonia e guerra di conquista 11

13 PAGINA 12 / 162 libertà Febbraio Modulo B: La civiltà greca Declino del mondo greco Unità 8: l imperialismo ateniese Unità 9: Alessandro e i regni ellenistici L età di Pericle La guerra del Peloponneso Alessandro e l ellenismo Comprendere la differenza fra guerra di libertà, guerra di egemonia e guerra di conquista Stabilire relazioni e confronti con varie realtà Marzo Modulo C: la Repubblica Romana L Italia e Roma Unità 10: la prima Italia e gli Etruschi Unità 11: Roma: le origini e la monarchia Aprile Modulo C: la Repubblica Romana Roma potenza mediterranea Unità 12: Roma repubblicana e le guerre di espansione Le civiltà italiche La civiltà etrusca La civiltà romana Alimentazione: sistemi di cottura presso i popoli antichi Le conquiste di Roma L identità romana Saper costruire un quadro di riferimento sul popolamento dell Italia antica Comprendere la funzione svolta dal mito e dall archeologia in relazione al problema delle origini di Roma Saper distinguere i diversi aspetti di un fenomeno: politico, sociale, economico, demografico, culturale. Saper individuare il nesso tra i mutamenti politico-sociali e l espansionismo romano COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITÀ DEI TEMPI STORICI IN UNA DIMENSIONE DIACRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA EPOCHE E IN UNA DIMENSIONE SINCRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA AREE GEOGRAFICHE E CULTURALI 12

14 PAGINA 13 / 162 Maggio Modulo C: la Repubblica Romana Roma potenza mediterranea Unità 13: Roma e il mondo mediterraneo Le guerre puniche L organizzazione delle province Comprendere i nessi causali e le relazioni tra eventi; Saper individuare il nesso tra i mutamenti politico-sociali e l espansionismo romano VERIFICHE: Discipline collegate : italiano. 13

15 PAGINA 14 / 162 Anno scolastico CLASSE : 1^ MATERIA : Matematica PERIODO Scansione temporale SETTEMBRE SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE CONOSCENZA DELLA CLASSE Progetto Accoglienza Test di ingresso ATTIVITA DI RINFORZO ARITMETICA E ALGEBRA Gli insiemi numerici. I sistemi di numerazione. I numeri interi e i numeri razionali (sotto forma frazionaria e decimale). I numeri relativi, interi e razionali. Loro struttura, ordinamento e rappresentazione sulla retta graduata. Le operazioni con i numeri interi e razionali e loro proprietà. Rapporti, percentuali e proporzioni. Approssimazioni. Le operazioni con i numeri interi relativi e razionali relativi e loro proprietà. ARITMETICA E ALGEBRA Utilizzare le procedure del calcolo aritmetico (a mente, per iscritto, a macchina) per risolvere espressioni aritmetiche e risolvere problemi. Operare con i numeri interi e razionali e valutare l ordine di grandezza dei risultati. Operare con i numeri interi relativi e razionali relativi e valutare l ordine di grandezza dei risultati. Utilizzare correttamente il concetto di approssimazione. Comprendere il significato di potenza; calcolare potenze e applicarne le proprietà. Utilizzare frazioni e proporzioni per la 14 competenza disciplinare: utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico. competenza globale n. 1: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza globale n. 2: utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastonomici, ristorativi e di accoglienza turisticoalberghiera

16 PAGINA 15 / 162 SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO U.D.A. CONOSCERE PER ORIENTARSI NEL TERRITORIO. Unità di misura e loro conversione. Grandezze fisiche fondamentali e derivate. Proporzioni e scale di riduzione topografiche. ripasso programma del primo trimestre. ARITMETICA E ALGEBRA Le espressioni letterali. I monomi e i polinomi. Operazioni con i monomi e i polinomi. Principali prodotti notevoli. RELAZIONI E FUNZIONI Linguaggio degli insiemi e delle funzioni. Collegamento con il concetto di equazione. Equazioni di primo grado. 15 preparazione di cocktail. U.D.A. CONOSCERE PER ORIENTARSI NEL TERRITORIO. Leggere una cartina stradale o una mappa geografica. Esprimere le distanze in linea d aria tra due località in una cartina stradale in scala. Riprodurre le distanze in un tabella e compilare una Tavola Polimetrica. ARITMETICA E ALGEBRA Padroneggiare l uso della lettera come mero simbolo e come variabile. Eseguire le operazioni con i monomi e i polinomi. RELAZIONI E FUNZIONI Risolvere equazioni di primo grado seguendo istruzioni e verificarne la correttezza dei risultati. Risolvere problemi che competenza disciplinare: risolvere il problema reale di trovare la distanza tra due localita utilizzando misurazioni in scala e il confronto da rilevazioni presenti su siti web. riconoscere la posizione di una località rispetto ai punti cardinali. competenza globale n. 1: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza disciplinare: utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico. competenza globale n. 1: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza disciplinare: individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. competenza globale n. 1:

17 PAGINA 16 / 162 Problemi di primo grado. implicano l uso di equazioni di primo grado. Collegamenti con le altre discipline e situazioni di vita ordinaria. Utilizzare gli strumenti matematici di calcolo algebrico ed equazioni di 1 grado per descrivere gli aspetti fisici e chimici degli alimenti; Utilizzare le proporzioni e le unità di misura per interpretare correttamente le etichette alimentari. agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza globale n. 5: applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti. VERIFICHE: Scritte e Orali Discipline collegate : Fisica, Scienze della Terra, Alimentazione, Lab. di Cucina Lab. di Sala Bar Lab. di Ricevimento. 16

18 PAGINA 17 / 162 Anno scolastico CLASSE : PRIMA MATERIA : LINGUA INGLESE PERIODO Scansione temporale CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE SETTEMBRE Accertamento delle conoscenze di base. Saper interagire in semplici conversazioni relative a se stessi. CSD:Relazionarsi con persone di lingua straniera SETTEMBRE Lessico relativo agli ambienti di laboratorio e strutture ricettive. (The cooking lab, the restaurant areas, hotel facilities) Saper sostenere semplici conversazioni nei tre ambienti lavorativi utilizzando un lessico specifico minimo di base. Competenza 1:Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse OTTOBRE Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per esprimere obbligo e divieto. (Rules when working in the lab) Lessico relativo all abbigliamento delle figure professionali. ( The chef s uniform, the waiter s uniform) Saper impartire ordini relativi alle regole di sicurezza nell uso delle attrezzature di laboratorio anche relative all abbigliamento. Esprimere obblighi e divieti relativi alle norme igieniche. Competenza 1;Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse NOVEMBRE UDA : Orientarsi per conoscere il territorio. Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per scambiare Saper parlare della propria città, della città di Adria, fornendo indicazioni su come raggiungere i luoghi di maggiore interesse. Saper parlare delle differenze tra le Sapersi orientare nel territorio. (UDA) Competenza 1:Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse 17

19 PAGINA 18 / 162 informazioni sulla ubicazione di edifici, luoghi conosciuti; chiedere e dare indicazioni stradali. Lessico relativo alle strutture ricettive, anche del territorio (asking for and giving directions) varie strutture ricettive. DICEMBRE DA GENNAIO Lessico relativo alle figure professionali che operano nel settore enogastronomico e dell ospitalità (The kitchen staff, the restaurant staff, the reception staff) Ripasso delle principali strutture linguistiche e funzioni comunicative effettuate nel 1 periodo. Lessico di base relativo alle tecniche principali di gestione degli alimenti nei diversi laboratori.(the main task of a chef: verbs used when cooking. The waiter s main duties) Lessico di base relativo ai metodi di preparazione e cottura degli alimenti. (Vocabulary regarding food, utensils used in the kitchen and in the restaurant) Saper riconoscere le figure professionali che operano nei tre settori. Saper spiegare le tecniche di lavorazione degli alimenti. Competenza 3: integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche utilizzando le tecniche di comunicazione per ottimizzare la qualita del servizio ed il coordinamento con i colleghi. Competenza 2: utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici ristorativi e di accoglienza turistico alberghiera CSD: Sapersi relazionare con clientela straniera in ambito lavorativo 18

20 PAGINA 19 / 162 DA FEBBRAIO MARZO Lessico per effettuare semplici comunicazioni professionali relative al servizio richiesto. Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per effettuare una ordinazione al bar o al ristorante. (How to order a simple meal) Conoscere le principali funzioni comunicative per parlare di azioni in corso. Funzioni comunicative per rispondere a domande dei clienti relative ai contenuti dei cibi proposti (explaining the menu) Saper effettuare semplici comunicazioni professionali Saper fare e ricevere un ordinazione Saper effettuare semplici comunicazioni professionali Competenza 3: integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche utilizzando le tecniche di comunicazione per ottimizzare la qualita del servizio ed il coordinamento con i colleghi. Competenza 3: integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche utilizzando le tecniche di comunicazione per ottimizzare la qualita del servizio ed il coordinamento con i colleghi. APRILE Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per parlare di azioni in corso e azioni abituali. UDA: Educazione alimentare Saper parlare di azioni in corso e azioni abituali Saper parlare di una sana alimentazione CSD: Relazionarsi con persone di lingua straniera Sapersi orientare in una sana educazione alimentare (UDA) MAGGIO VERIFICHE: vedi POF Consolidamento delle strutture grammaticali e lessicali sviluppate durante l anno Saper sostenere semplici conversazioni utilizzando un lessico anche specifico minimo di base. CSD: Relazionarsi con persone di lingua straniera Legenda: CSD Comp.specifiche disciplina 19

21 PAGINA 20 / 162 Anno scolastico CLASSE : 1^ MATERIA : lingua francese DI BASE PERIODO Scansione temporale SETTEMBRE ( ore 2 ) Accoglienza SETTEMBRE ( ore 4 ) OTTOBRE ( ore 8 ) CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE 1. Conoscere gli ambienti di laboratorio, le brigate relative e le strutture ricettive 2. Comportamento nei laboratori ( uso dell'imperativo ) a) Imparare a conoscersi e ad accettarsi b) Saper valorizzare le proprie capacità c) Motivare allo studio Riconoscere le principali differenze tra i vari tipi di strutture ricettive, enogastronomiche e dell ospitalità, pubblici esercizi e figure professionali correlate. NOVEMBRE ( ore 8 ) DICEMBRE ( ore 4 ) UDA n 1 : IL TERRITORIO Sapersi orientare nel territorio (ADRIA ) 1. Chiedere e dare informazioni 2. Utilizzo delle preposizioni e degli avverbi di luogo COMPETENZA 1 Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse Presentare il territorio utilizzando vari strumenti ( power point, foto, registrazioni, filmati, cartelloni, grafici ecc. ) GENNAIO ( ore 4 ) FEBBRAIO ( ore 8 ) MARZO ( ore 4 ) Sospensione dell'attività didattica per recupero/ripasso 1. Lessico relativo alle principali tecniche di cottura Colmare le lacune evidenziate o approfondire argomenti presenti nel programma. 20 COMPETENZA 2 Utilizzare tecniche di lavorazione

22 degli alimenti ; 2. tecniche di base di sala e bar ; 3. tecniche di base di cucina PAGINA 21 / 162 e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera. UDA N 2 : EDUCAZIONE ALIMENTARE Presentare il lavoro svolto utilizzando vari strumenti ( power point, foto, registrazioni, filmati, cartelloni, grafici ecc.) MARZO ( ore 2 ) APRILE ( ore 7 ) MAGGIO ( ore 6 ) GIUGNO ( ore 2 ) 1. Concetti di base della comunicazione verbale e non verbale nelle diverse situazioni ; 2. lessico professionale di base in lingua straniera legato ai diversi settori; Ripasso e rinforzo programma svolto 1. Effettuare semplici comunicazioni professionali in lingua francese COMPETENZA 3 Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi. Discipline collegate : Italiano, lingue, storia, matematica, scienze della terra, scienze degli alimenti N. B. Le ore non conteggiate nella PDM saranno utilizzate per verifiche scritte ed orali 21

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE_PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI TUTTI I DOCENTI DI ALFABETIZZAZIONE ITALIANO MATEMATICA REFERENTE INTERCULTURA: MARIANGELA BERTINO

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

Indirizzo: Primo Biennio. Classe: Prima. Disciplina: STORIA. Primo Biennio

Indirizzo: Primo Biennio. Classe: Prima. Disciplina: STORIA. Primo Biennio Indirizzo: Primo Biennio Classe: Prima Disciplina: STORIA prof. Primo Biennio Competenze disciplinari: 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica e in una

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione DALLA SCUOLA AL LAVORO (ALTERNANZA) Compito prodotto Realizzare una relazione tecnica sulla ALTERNANZA Competenze mirate assi culturali cittadinanza professionali Asse dei linguaggi -Individuare

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO. Prof.ssa Mariapia Piemontese

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO. Prof.ssa Mariapia Piemontese a.s.2013/2014 SECONDA LINGUA STRANIERA - FRANCESE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof.ssa Mariapia Piemontese L AMBITO DISCIPLINARE DI SECONDA LINGUA STRANIERA STABILISCE CHE: 1. Nel corso dell

Dettagli

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado:

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado: LINGUA SPAGNOLA Le indicazioni nazionali per il curricolo del primo grado di istruzione hanno individuato nuovi traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Dettagli

Piano didattico annuale. Materia: STORIA. Manutenzione e Assistenza Tecnica Annualità 2015-2016

Piano didattico annuale. Materia: STORIA. Manutenzione e Assistenza Tecnica Annualità 2015-2016 IISS Cigna-Baruffi-Garelli Programmazione individuale Piano didattico annuale Materia: STORIA Biennio Manutenzione e Assistenza Tecnica Annualità 2015-2016 Classe (docente) 1^B (Fabio Gallesio) Contesto

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera L indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha lo scopo di far acquisire

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre tre diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ACCOGLIENZA TURISTICA Nell articolazione dell ENOGASTRONOMIA, il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari ASSE DEI LINGUAGGI Tecnico servizi socio-sanitari 1 ANNO PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE ITALIANO Anno Competenze (1) Abilità/Capacità/ Saper fare (2) Conoscenze/ Saperi (3) Moduli (4) 1 Padroneggiare gli

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE. (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S.

CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE. (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S. I.I.S. Luca Signorelli CORTONA CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S. PRIMO BIENNIO PRIMO ANNO COMPETENZE GENERALI ATTESE A2 (PRIMO BIENNIO e PRIMO ANNO DEL SECONDO

Dettagli

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA 48 VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA Nel presente documento vengono elencate le competenze d ingresso relative alla classe prima in continuità con la scuola

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Liceo Scientifico (opzione scienza applicate) Ettore Molinari

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Liceo Scientifico (opzione scienza applicate) Ettore Molinari Istituto Tecnico Tecnologico Statale Liceo Scientifico (opzione scienza applicate) Ettore Molinari PERCORSO FORMATIVO DI STORIA PRIMO BIENNIO - CLASSI PRIME E SECONDE ASSE STORICO-SOCIALE di base a conclusione

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Presentazione della classe: La classe formata da 21 alunni presenta una preparazione non omogenea e un livello di preparazione

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA INGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 I

Dettagli

L Asse dei linguaggi - 2 -

L Asse dei linguaggi - 2 - GLI ASSI CULTURALI L Asse dei linguaggi - 2 - L Asse dei linguaggi L asse dei linguaggi ha l obiettivo di fare acquisire allo studente la padronanza della lingua italiana come ricezione e come produzione,

Dettagli

ITALIANO Classe prima Classe seconda Classe terza

ITALIANO Classe prima Classe seconda Classe terza OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Ascoltare. 1. Comprendere gli elementi fondamentale di un messaggio e/o di un testo orale. 2. Comprendere analiticamente gli elementi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma. PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento)

LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma. PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento) LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento) Al termine dell'obbligo scolastico gli studenti dovranno essere in possesso

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA

GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA Alunno CLASSI PRIME Valutazione Competenze trasversali Sì In parte NO Riconosce i colori fondamentali Riconosce le forme Riconosce le varie grandezze

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre quattro diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA CUCINA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ENOGASTRONOMIA PROD. DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO:

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: ALL.1 e ALL..2 D.M. N 139 del 22/08/2007 D.P.R. N 122 art. 8 del 22/06/ 2009

Dettagli

AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL

AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA SPAGNOLA AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL QUADRO COMUNE

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI 1 ITALIANO secondo biennio 1. Comprendere e partecipare ad una conversazione in modo pertinente 2. Riferire i propri vissuti e/o un argomento di studio, seguendo un ordine logico ed usando un linguaggio

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE FINALITÀ Le finalità dell insegnamento della lingua inglese nella Scuola Primaria e Secondaria di primo grado del nostro Istituto riguardano: a) l area formativa: la lingua straniera

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA FORMATIVA CAPITALIZZABILE LINGUA SPAGNOLA (SECONDA LINGUA) PRIMO BIENNIO

UNITÀ DIDATTICA FORMATIVA CAPITALIZZABILE LINGUA SPAGNOLA (SECONDA LINGUA) PRIMO BIENNIO - 1 -Progetto 274006 Realizzazione di percorsi innovativi per riqualificazione dell offerta didattica attraverso l integrazione tra diversi sistemi di istruzione, formazione tecnica, professionale, universitaria

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO E DIDATTICA FRANCESE ANNO SCOLASTICO 2007-2008

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

INTERVENTO N. 1 CLASSE 1^ PREPARAZIONE PASTI. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO N. 1 CLASSE 1^ PREPARAZIONE PASTI. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO N. 1 CLASSE 1^ PREPARAZIONE PASTI Descrizione competenza da acquisire COMPETENZE LINGUISTICHE Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l'interazione

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CARLO JUCCI

LICEO SCIENTIFICO CARLO JUCCI LICEO SCIENTIFICO CARLO JUCCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATERIE LETTERARIE BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA DA ACQUISIRE AL TERMINE DELL ISTRUZIONE OBBLIGATORIA Imparare

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I. PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013. Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I. PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013. Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013 Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa CLASSI PRIME METODO Il metodo utilizzato sarà di tipo nozionale-funzionale

Dettagli

STORIA CONTENUTI E TEMPI

STORIA CONTENUTI E TEMPI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA CLASSE 1ª Z TUR DOCENTE SERRACCHIOLI IRENE STORIA COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N.

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N. Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTESI ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA 1. ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) a) Acquisire una consapevolezza plurilinguistica e

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA TRAGUARDI 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, COMUNICARE ORALMENTE ED ESPRIMERE GIUDIZI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA 2 LEGGERE,

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGETTAZIONE ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO MAZZINI-MODUGNO VIA G. SUPPA, 7 70125 BARI PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA CLASSI V A.S. 2014-2015 ITALIANO A. Ascolto e parlato A1. Interagire in modo collaborativo in una conversazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

CURRICOLO LINGUA INGLESE

CURRICOLO LINGUA INGLESE CURRICOLO LINGUA INGLESE COMPETENZE 1) Ascoltare e comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad esempio informazioni di base sulla persona e sulla famiglia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE o Intervenire nelle conversazioni

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

OBIETTIVI ESSENZIALI

OBIETTIVI ESSENZIALI OBIETTIVI ESSENZIALI SOTTOAREEE DI OSSERVAZIONE OBIETTIVI ESSENZIALI PER L ELABORAZIONE DEI B.E.S.: SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO AUTOCONTROLLO RELAZIONE CON GLI ALTRI AUTONOMIA Ogni obiettivo deve

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

DISCIPLINA : 2^ LINGUA COMUNITARIA TEDESCO: CLASSE PRIMA SEC. 1 GR

DISCIPLINA : 2^ LINGUA COMUNITARIA TEDESCO: CLASSE PRIMA SEC. 1 GR DISCIPLINA : 2^ LINGUA COMUNITARIA TEDESCO: CLASSE PRIMA SEC. 1 GR TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Comunica oralmente in attività

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli