ANNO SCOLASTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2012-2013"

Transcript

1 ISTITUTO DIDATTICA PROFESSIONALE MODULARE PER (PDM) I SERVIZI ALBERGHIERI PAGINA E DELLA 0 / 162 RISTORAZIONE ADRIA-ROVIGO I.P.S.S.A.R. Adria via Aldo Moro 1 I.P.S.S.A.R. DI ADRIA MODULI DIDATTICI BIENNIO INFERIORE ANNO SCOLASTICO

2 PAGINA 1 / 162 PROGRAMMAZIONE MODULI DIDATTICIDEL BIENNIO INFERIORE INDICE Classe Prima PAG. Classe Seconda PAG. Italiano 3 Italiano 86 Storia 10 Storia 94 Matematica 14 Matematica 101 Inglese 17 Inglese 103 Francese 20 Francese 106 Tedesco 22 Tedesco 109 Spagnolo 27 Spagnolo 115 Scienze della terra 30 Biologia 119 Fisica 32 Chimica 121 Scienze degli alimenti 34 Scienze degli alimenti 123 Diritto ed economia 37 Diritto ed economia 125 Laboratorio di accoglienza turistica 42 Laboratorio di accoglienza turistica 128 Menù didattici di sala e vendita ed enogastronomia 46 Menù didattici di sala e vendita ed enogastronomia 133 Laboratorio di enogastronomia 63 Laboratorio di enogastronomia 148 Laboratorio di sala e vendita 69 Laboratorio di sala e vendita 156 Educazione fisica 77 Educazione fisica 165 Religione 84 Religione 172 1

3 PAGINA 2 / 162 2

4 PAGINA 3 / 162 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PAGINA 3 / 174 CLASSE PRIMA Anno scolastico 2012/2013 CLASSE : 1 MATERIA : Italiano PERIODO Scansione temporale SETTEMBRE Modulo n.1 Titolo: Viaggio nel mondo della lettura CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE ACCOGLIENZA Conoscenza del territorio adriese METODO DI STUDIO Conosce modalità e tecniche relative alla competenza linguistica orale e scritta Conosce tempi, tecniche e strategie dello studio TEST D INGRESSO Percorsi tematici di lettura presenti nell antologia Lettura e comprensione di diverse tipologie testuali. Conosce gli aspetti essenziali dei registri dell italiano contemporaneo e delle diversità tra scritto e parlato Consigliati: Per conoscerci all inizio di un *Sa orientarsi nello spazio *Sa ascoltare e prendere appunti *Sa riordinare il materiale raccolto *Sa rielaborare e relazionare *Sa utilizzare materiali utili allo studio *Sa gestire i tempi in funzione del lavoro *Sa produrre utilizzando materiali diversi, schemi e grafici *Sa acquisire capacità di autovalutazione *Sa valorizzare le proprie capacità *Riesce ad affrontare lo studio con serenità Sa ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa esprimere il proprio punto di vista e riconoscere 3 Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche d i comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi

5 PAGINA 4 / 162 DA OTTOBRE A MAGGIO Modulo n. 2 Educazione linguistica nuovo viaggio scolastico. - D. De Vigan Un compagno speciale pag. 2 - P.Mastrocola Giudicato per un paio di scarpe pag. 5 - D.Pennac Il mal di scuola pag. 9 - A. Oz Come sfuggire ai dispetti di un compagno ORTOGRAFIA Conosce l'uso del vocabolario Conosce la corretta scrittura e le regole ortografiche MORFOLOGIA Conosce le parti variabili e invariabili del discorso SINTASSI Conosce la sintassi della frase semplice Conosce la sintassi della frase complessa Contenuti Test ingresso di ortografia e morfologia Ripasso di ortografia Ripasso di morfologia quello altrui Sa prendere appunti e riassumere Sa usare le regole che consentono di scrivere correttamente le parole Sa usare il vocabolario Sa identificare, analizzare e usare correttamente le parti variabili e invariabili del discorso Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi logica Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi del periodo Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi OTTOBRE NOVEMBRE Modulo n. 3 Titolo: Viaggio nel mondo della lettura Percorsi tematici di lettura presenti nell antologia Lettura e comprensione di diverse tipologie testuali. Conosce gli aspetti essenziali dei registri dell italiano contemporaneo e delle diversità tra scritto e parlato Letture consigliate: C. Manzoni Due racconti sul signor Veneranda pag 128 Sa ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere; utilizzare metodi e strumenti per fissare i concetti fondamentali ad esempio appunti, scalette, mappe. Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa applicare la conoscenza ordinata delle strutture della lingua italiana ai diversi livelli del sistema 4 4) Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi

6 PAGINA 5 / 162 Modulo n.4 Conoscere le diverse tipologie testuali L. Littizzetto For ever pag. 140 A.C. Doyle Sherlock Holmes indaga pag 151 Il testo descrittivo Conosce il codice adeguato, l'uso degli aggettivi e l'uso del vocabolario Conosce le modalità di produzione del testo; l interpunzione; varietà lessicali in relazione ai contesti comunicativi Contenuti Libro Grammatica I requisiti di un testo pag. 388 La struttura e le tipologie testuali pag. 392 Il testo descrittivo pag. 400 Libro di Narrativa Il testo descrittivo pag. 706 Letture consigliate: I. Asimov Luciscultura pag. 189 F. Kafka La metamorfosi di Gregor Samsa pag. 221 TESTI DI USO PROFESSIONALE La relazione Libro Grammatica La relazione pag. 464 Il verbale pag. 460 Libro di Narrativa La relazione pag. 776 Sa orientarsi nello spazio Conosce la storia e le caratteristiche della città Sa esprimere il proprio punto di vista e riconoscere quello altrui Sa prendere appunti e riassumere Sa osservare, riconoscere, analizzare e descrivere ambienti, persone e cose Sa arricchire il lessico personale Sa utilizzare un lessico adeguato nella produzione delle diverse tipologie testuali Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa analizzare e riassumere un testo descrittivo Sa elaborare testi seguendo le indicazioni date Sa applicare le conoscenze storiche, geografiche, matematiche e scientifiche nell esplorazione del territorio Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro singolarmente e in team cercando di trovare soluzioni. Sa utilizzare e collegare informazioni ottenute in classe e dalla guida Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 4) Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. 5

7 PAGINA 6 / 162 PRIMA UDA: CONOSCERE PER ORIENTARSI NEL TERRITORIO SI VEDA SVILUPPO UDA (ALLEGATA ALLA PDM ) DICEMBRE UDA: CONOSCERE ADRIA (conclusione attività) TESTI DI USO PROFESSIONALE *Conosce il codice adeguato e l'uso del vocabolario *Conosce le modalità di produzione del testo Contenuti Libro Grammatica Le istruzioni per l uso pag. 470 La ricetta pag. 472 Il depliant pag. 456 Libro di Narrativa Testi brevi regolati: il verbale pag. 739 Sa orientarsi nello spazio Conosce la storia e le caratteristiche della città Sa osservare, riconoscere, analizzare e descrivere ambienti, persone e cose Sa arricchire il lessico personale Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa analizzare e riassumere Sa analizzare un diagramma di flusso e trasformarlo in testo regolativo e viceversa Sa arricchire il lessico personale Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa analizzare e riassumere un testo regolativo Sa applicare le conoscenze storiche, geografiche, matematiche e scientifiche nell esplorazione del territorio Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro singolarmente e in team cercando di trovare soluzioni. Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali 3) Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 4) Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. GENNAIO Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e 6

8 PAGINA 7 / 162 RIPASSO GRAMMATICALE Dal 7 al 17 gennaio RIPASSO TIPOLOGIE TESTUALI SVOLTE Modulo n.5 Conoscere le diverse tipologie testuali SECONDA UDA. EDUCAZIONE ALIMENTARE FEBBRAIO - MARZO Modulo n.6 Conoscere le diverse tipologie testuali Contenuti Libro Grammatica l ideazione di un tema pag. 426 Libro di Narrativa Il testo complesso o tema pag. 746 SI VEDA SVILUPPO UDA (ALLEGATA ALLA PDM ) Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro in team IL TESTO NARRATIVO Conosce le tecniche di composizione del testo narrativo, la fabula e l intreccio, il sistema dei personaggi, la tipologia delle sequenze, la dimensione spazio/tempo Conosce modalità e tecniche relative alla competenza testuale: titolare, riassumere, esporre e schematizzare Contenuti Libro Grammatica Il testo narrativo pag. 396 Il riassunto pag. 414 Libro di Narrativa Il testo narrativo pag. 699 Il riassunto pag. 730 Sa ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere; utilizzare metodi e strumenti per fissare i concetti fondamentali ad esempio appunti, scalette, mappe Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa produrre un testo secondo le indicazioni date Sa usare le regole che consentono di scrivere correttamente le parole Sa usare il vocabolario Sa identificare, analizzare e usare correttamente le parti variabili e invariabili del discorso Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi logica Sa identificare, analizzare e usare correttamente l analisi del periodo Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa analizzare e riassumere un testo narrativo Sa narrare mutando la prospettiva spazio- argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 7

9 PAGINA 8 / 162 Letture consigliate B. Stoker L arrivo al castello di Dracula pag. 211 S. King Una sfida pericolosa pag. 251 J. R. R. Tolkien Frodo, Sam e il potere dell anello pag. 260 temporale Sa elaborare un testo narrativo a partire da alcune coordinate Sa creare testi narrativi semplici Sa sviluppare l autonomia nella ricerca di approfondimenti culturali e tecnici Sa gestire il lavoro in team APRILE MAGGIO Modulo n.7 Conoscere le diverse tipologie testuali TESTI D USO PERSONALE E PROFESSIONALE Conosce le tecniche della comunicazione e le diverse tipologie di comunicazione Contenuti Libro Grammatica La lettera personale pag. 440 La posta elettronica pag. 444 La lettera formale pag. 446 Libro di Narrativa Testi brevi regolati: la pag. 739 Letture consigliate F. Savater L educazione civica pag. 403 M. Lodoli La fatica di esprimersi pag. 406 U. Galimberti Riconoscere le emozioni pag. 409 Sa applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi Sa utilizzare un lessico adeguato per i diversi testi d uso Sa riconoscere il destinatario Sa analizzare e riassumere i diversi testi d uso Sa elaborare i diversi testi d uso a partire da alcune coordinate Competenze di lingua Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Competenze professionali Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi 8

10 PAGINA 9 / 162 C. De Gregorio Figli che insegnano ai padri pag

11 PAGINA 10 / 162 Anno scolastico 2012/2013 CLASSE : 1 MATERIA : storia PERIODO Scansione temporale Settembre Modulo A: Preistoria e Antico Oriente CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE Le fonti della storia Comprendere le finalità e gli strumenti dell indagine storiografica Porsi il problema della autenticità e veridicità della fonte e della sua intenzionalità (da chi proviene, in quale contesto) Avvio allo studio della storia Ottobre Modulo A: Preistoria e Antico Oriente La preistoria Unità 1: la preistoria Le periodizzazioni fondamentali della storia mondiale Dalla comparsa dell uomo alle prime forme di vita associata; economia primitiva; l intervento dell uomo sulla natura; dal nomadismo alla sedentarietà; la rivoluzione agricola. Evoluzione del ruolo degli uomini e delle donne in cucina (la cucina nei tempi antichi: chi cucinava e cosa) Gli strumenti utilizzati nel Saper distinguere tra fonte diretta e fonte indiretta. Leggere, anche in modalità multimediale, le differenti fonti letterarie, iconografiche, documentarie, cartografiche, ricavandone informazioni su eventi storici di diverse epoche e differenti aree geografiche Saper individuare le relazioni tra le caratteristiche del territorio e lo sviluppo di una civiltà Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l osservazione di eventi storici e di aree geografiche COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITA DEI TEMPI STORICI IN UNA DIMENSIONE DIACRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA EPOCHE E IN UNA DIMENSIONE SINCRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA AREE GEOGRAFICHE E CULTURALI 10

12 PAGINA 11 / 162 periodo antico Alimentazione: sistemi di cottura presso i popoli antichi Novembre e Dicembre Culture e imperi mesopotamici Cogliere i fondamentali rapporti esistenti tra la società umana e i diversi sistemi territoriali Modulo A: Preistoria e Antico Oriente Il vicino oriente antico Unità 2: le civiltà dei fiumi: la Mesopotamia Unità 3: le civiltà dei fiumi: l Egitto Unità 4: popoli e famiglie linguistiche Dicembre Modulo B: La civiltà greca Il mondo greco Unità 4: popoli e famiglie linguistiche Unità 5: la Grecia antica: le origini La cultura del Nilo L area siro-palestinese Creta e la civiltà cretese La civiltà micenea La religione dei greci Alimentazione: sistemi di cottura presso i popoli antichi Riconoscere l importanza delle migrazioni nello svolgimento dei fatti storici e nell evoluzione delle civiltà Comprendere il ruolo dei fiumi nella vita delle civiltà mediorientali. Comprendere l importanza della scrittura per lo sviluppo economico, culturale e sociale di una civiltà Saper cogliere i rapporti esistenti tra la società umana e i diversi sistemi territoriali Comprendere l importanza della scrittura per lo sviluppo economico, culturale e sociale di una civiltà COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITÀ DEI TEMPI STORICI IN UNA DIMENSIONE DIACRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA EPOCHE E IN UNA DIMENSIONE SINCRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA AREE GEOGRAFICHE E CULTURALI Gennaio Dal 7 al 17 gennaio Modulo B: La civiltà greca Apogeo del mondo greco Unità 6: le poleis greche: Sparta e Atene Unità 7: guerre per la Ripasso Sparta e Atene: due poleis a confronto Le guerre tra i greci e i persiani Comprendere la differenza fra guerra di libertà, guerra di egemonia e guerra di conquista 11

13 PAGINA 12 / 162 libertà Febbraio Modulo B: La civiltà greca Declino del mondo greco Unità 8: l imperialismo ateniese Unità 9: Alessandro e i regni ellenistici L età di Pericle La guerra del Peloponneso Alessandro e l ellenismo Comprendere la differenza fra guerra di libertà, guerra di egemonia e guerra di conquista Stabilire relazioni e confronti con varie realtà Marzo Modulo C: la Repubblica Romana L Italia e Roma Unità 10: la prima Italia e gli Etruschi Unità 11: Roma: le origini e la monarchia Aprile Modulo C: la Repubblica Romana Roma potenza mediterranea Unità 12: Roma repubblicana e le guerre di espansione Le civiltà italiche La civiltà etrusca La civiltà romana Alimentazione: sistemi di cottura presso i popoli antichi Le conquiste di Roma L identità romana Saper costruire un quadro di riferimento sul popolamento dell Italia antica Comprendere la funzione svolta dal mito e dall archeologia in relazione al problema delle origini di Roma Saper distinguere i diversi aspetti di un fenomeno: politico, sociale, economico, demografico, culturale. Saper individuare il nesso tra i mutamenti politico-sociali e l espansionismo romano COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITÀ DEI TEMPI STORICI IN UNA DIMENSIONE DIACRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA EPOCHE E IN UNA DIMENSIONE SINCRONICA ATTRAVERSO IL CONFRONTO FRA AREE GEOGRAFICHE E CULTURALI 12

14 PAGINA 13 / 162 Maggio Modulo C: la Repubblica Romana Roma potenza mediterranea Unità 13: Roma e il mondo mediterraneo Le guerre puniche L organizzazione delle province Comprendere i nessi causali e le relazioni tra eventi; Saper individuare il nesso tra i mutamenti politico-sociali e l espansionismo romano VERIFICHE: Discipline collegate : italiano. 13

15 PAGINA 14 / 162 Anno scolastico CLASSE : 1^ MATERIA : Matematica PERIODO Scansione temporale SETTEMBRE SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE CONOSCENZA DELLA CLASSE Progetto Accoglienza Test di ingresso ATTIVITA DI RINFORZO ARITMETICA E ALGEBRA Gli insiemi numerici. I sistemi di numerazione. I numeri interi e i numeri razionali (sotto forma frazionaria e decimale). I numeri relativi, interi e razionali. Loro struttura, ordinamento e rappresentazione sulla retta graduata. Le operazioni con i numeri interi e razionali e loro proprietà. Rapporti, percentuali e proporzioni. Approssimazioni. Le operazioni con i numeri interi relativi e razionali relativi e loro proprietà. ARITMETICA E ALGEBRA Utilizzare le procedure del calcolo aritmetico (a mente, per iscritto, a macchina) per risolvere espressioni aritmetiche e risolvere problemi. Operare con i numeri interi e razionali e valutare l ordine di grandezza dei risultati. Operare con i numeri interi relativi e razionali relativi e valutare l ordine di grandezza dei risultati. Utilizzare correttamente il concetto di approssimazione. Comprendere il significato di potenza; calcolare potenze e applicarne le proprietà. Utilizzare frazioni e proporzioni per la 14 competenza disciplinare: utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico. competenza globale n. 1: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza globale n. 2: utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastonomici, ristorativi e di accoglienza turisticoalberghiera

16 PAGINA 15 / 162 SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO U.D.A. CONOSCERE PER ORIENTARSI NEL TERRITORIO. Unità di misura e loro conversione. Grandezze fisiche fondamentali e derivate. Proporzioni e scale di riduzione topografiche. ripasso programma del primo trimestre. ARITMETICA E ALGEBRA Le espressioni letterali. I monomi e i polinomi. Operazioni con i monomi e i polinomi. Principali prodotti notevoli. RELAZIONI E FUNZIONI Linguaggio degli insiemi e delle funzioni. Collegamento con il concetto di equazione. Equazioni di primo grado. 15 preparazione di cocktail. U.D.A. CONOSCERE PER ORIENTARSI NEL TERRITORIO. Leggere una cartina stradale o una mappa geografica. Esprimere le distanze in linea d aria tra due località in una cartina stradale in scala. Riprodurre le distanze in un tabella e compilare una Tavola Polimetrica. ARITMETICA E ALGEBRA Padroneggiare l uso della lettera come mero simbolo e come variabile. Eseguire le operazioni con i monomi e i polinomi. RELAZIONI E FUNZIONI Risolvere equazioni di primo grado seguendo istruzioni e verificarne la correttezza dei risultati. Risolvere problemi che competenza disciplinare: risolvere il problema reale di trovare la distanza tra due localita utilizzando misurazioni in scala e il confronto da rilevazioni presenti su siti web. riconoscere la posizione di una località rispetto ai punti cardinali. competenza globale n. 1: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza disciplinare: utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico. competenza globale n. 1: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza disciplinare: individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. competenza globale n. 1:

17 PAGINA 16 / 162 Problemi di primo grado. implicano l uso di equazioni di primo grado. Collegamenti con le altre discipline e situazioni di vita ordinaria. Utilizzare gli strumenti matematici di calcolo algebrico ed equazioni di 1 grado per descrivere gli aspetti fisici e chimici degli alimenti; Utilizzare le proporzioni e le unità di misura per interpretare correttamente le etichette alimentari. agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. competenza globale n. 5: applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti. VERIFICHE: Scritte e Orali Discipline collegate : Fisica, Scienze della Terra, Alimentazione, Lab. di Cucina Lab. di Sala Bar Lab. di Ricevimento. 16

18 PAGINA 17 / 162 Anno scolastico CLASSE : PRIMA MATERIA : LINGUA INGLESE PERIODO Scansione temporale CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE SETTEMBRE Accertamento delle conoscenze di base. Saper interagire in semplici conversazioni relative a se stessi. CSD:Relazionarsi con persone di lingua straniera SETTEMBRE Lessico relativo agli ambienti di laboratorio e strutture ricettive. (The cooking lab, the restaurant areas, hotel facilities) Saper sostenere semplici conversazioni nei tre ambienti lavorativi utilizzando un lessico specifico minimo di base. Competenza 1:Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse OTTOBRE Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per esprimere obbligo e divieto. (Rules when working in the lab) Lessico relativo all abbigliamento delle figure professionali. ( The chef s uniform, the waiter s uniform) Saper impartire ordini relativi alle regole di sicurezza nell uso delle attrezzature di laboratorio anche relative all abbigliamento. Esprimere obblighi e divieti relativi alle norme igieniche. Competenza 1;Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse NOVEMBRE UDA : Orientarsi per conoscere il territorio. Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per scambiare Saper parlare della propria città, della città di Adria, fornendo indicazioni su come raggiungere i luoghi di maggiore interesse. Saper parlare delle differenze tra le Sapersi orientare nel territorio. (UDA) Competenza 1:Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse 17

19 PAGINA 18 / 162 informazioni sulla ubicazione di edifici, luoghi conosciuti; chiedere e dare indicazioni stradali. Lessico relativo alle strutture ricettive, anche del territorio (asking for and giving directions) varie strutture ricettive. DICEMBRE DA GENNAIO Lessico relativo alle figure professionali che operano nel settore enogastronomico e dell ospitalità (The kitchen staff, the restaurant staff, the reception staff) Ripasso delle principali strutture linguistiche e funzioni comunicative effettuate nel 1 periodo. Lessico di base relativo alle tecniche principali di gestione degli alimenti nei diversi laboratori.(the main task of a chef: verbs used when cooking. The waiter s main duties) Lessico di base relativo ai metodi di preparazione e cottura degli alimenti. (Vocabulary regarding food, utensils used in the kitchen and in the restaurant) Saper riconoscere le figure professionali che operano nei tre settori. Saper spiegare le tecniche di lavorazione degli alimenti. Competenza 3: integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche utilizzando le tecniche di comunicazione per ottimizzare la qualita del servizio ed il coordinamento con i colleghi. Competenza 2: utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici ristorativi e di accoglienza turistico alberghiera CSD: Sapersi relazionare con clientela straniera in ambito lavorativo 18

20 PAGINA 19 / 162 DA FEBBRAIO MARZO Lessico per effettuare semplici comunicazioni professionali relative al servizio richiesto. Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per effettuare una ordinazione al bar o al ristorante. (How to order a simple meal) Conoscere le principali funzioni comunicative per parlare di azioni in corso. Funzioni comunicative per rispondere a domande dei clienti relative ai contenuti dei cibi proposti (explaining the menu) Saper effettuare semplici comunicazioni professionali Saper fare e ricevere un ordinazione Saper effettuare semplici comunicazioni professionali Competenza 3: integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche utilizzando le tecniche di comunicazione per ottimizzare la qualita del servizio ed il coordinamento con i colleghi. Competenza 3: integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche utilizzando le tecniche di comunicazione per ottimizzare la qualita del servizio ed il coordinamento con i colleghi. APRILE Conoscere le principali strutture grammaticali e funzioni comunicative per parlare di azioni in corso e azioni abituali. UDA: Educazione alimentare Saper parlare di azioni in corso e azioni abituali Saper parlare di una sana alimentazione CSD: Relazionarsi con persone di lingua straniera Sapersi orientare in una sana educazione alimentare (UDA) MAGGIO VERIFICHE: vedi POF Consolidamento delle strutture grammaticali e lessicali sviluppate durante l anno Saper sostenere semplici conversazioni utilizzando un lessico anche specifico minimo di base. CSD: Relazionarsi con persone di lingua straniera Legenda: CSD Comp.specifiche disciplina 19

21 PAGINA 20 / 162 Anno scolastico CLASSE : 1^ MATERIA : lingua francese DI BASE PERIODO Scansione temporale SETTEMBRE ( ore 2 ) Accoglienza SETTEMBRE ( ore 4 ) OTTOBRE ( ore 8 ) CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE 1. Conoscere gli ambienti di laboratorio, le brigate relative e le strutture ricettive 2. Comportamento nei laboratori ( uso dell'imperativo ) a) Imparare a conoscersi e ad accettarsi b) Saper valorizzare le proprie capacità c) Motivare allo studio Riconoscere le principali differenze tra i vari tipi di strutture ricettive, enogastronomiche e dell ospitalità, pubblici esercizi e figure professionali correlate. NOVEMBRE ( ore 8 ) DICEMBRE ( ore 4 ) UDA n 1 : IL TERRITORIO Sapersi orientare nel territorio (ADRIA ) 1. Chiedere e dare informazioni 2. Utilizzo delle preposizioni e degli avverbi di luogo COMPETENZA 1 Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse Presentare il territorio utilizzando vari strumenti ( power point, foto, registrazioni, filmati, cartelloni, grafici ecc. ) GENNAIO ( ore 4 ) FEBBRAIO ( ore 8 ) MARZO ( ore 4 ) Sospensione dell'attività didattica per recupero/ripasso 1. Lessico relativo alle principali tecniche di cottura Colmare le lacune evidenziate o approfondire argomenti presenti nel programma. 20 COMPETENZA 2 Utilizzare tecniche di lavorazione

22 degli alimenti ; 2. tecniche di base di sala e bar ; 3. tecniche di base di cucina PAGINA 21 / 162 e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera. UDA N 2 : EDUCAZIONE ALIMENTARE Presentare il lavoro svolto utilizzando vari strumenti ( power point, foto, registrazioni, filmati, cartelloni, grafici ecc.) MARZO ( ore 2 ) APRILE ( ore 7 ) MAGGIO ( ore 6 ) GIUGNO ( ore 2 ) 1. Concetti di base della comunicazione verbale e non verbale nelle diverse situazioni ; 2. lessico professionale di base in lingua straniera legato ai diversi settori; Ripasso e rinforzo programma svolto 1. Effettuare semplici comunicazioni professionali in lingua francese COMPETENZA 3 Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi. Discipline collegate : Italiano, lingue, storia, matematica, scienze della terra, scienze degli alimenti N. B. Le ore non conteggiate nella PDM saranno utilizzate per verifiche scritte ed orali 21

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli