Rendiconto generale dell esercizio Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendiconto generale dell esercizio 2014. Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento"

Transcript

1 Rendiconto generale dell esercizio 2014 Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento

2 INDICE Presidenza pag. 3 Vicepresidenza. Assessorato Politiche di Welfare e Politiche abitative pag. 9 Coordinamento alle politiche europee allo sviluppo, Scuola, Formazione professionale, Università, Ricerca e Lavoro pag. 62 Agricoltura, Caccia e Pesca pag. 95 Turismo e Commercio pag. 115 Attività produttive, Piano energetico, Economia verde e Ricostruzione post-sisma pag. 132 Trasporti, Reti infrastrutture materiali e immateriali, Programmazione territoriale e Agenda digitale pag. 156 Difesa del suolo e della costa, Protezione civile, politiche ambientali e della montagna pag. 232 Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità pag. 286 Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse umane e Pari opportunità pag. 300 Politiche per la Salute pag

3 PRESIDENZA 3

4 PRESIDENZA SVILUPPO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA SICUREZZA URBANA Nel 2014 sono proseguite le azioni di contrasto e prevenzione, con gli strumenti a disposizione e nel rispetto delle proprie competenze, dei fenomeni legati alla criminalità predatoria, anche in ragione di un andamento crescente delle delittuosità a partire dal Sul fronte della sicurezza urbana tali attività si sono sviluppate attraverso l applicazione della LR. 24/2003, un importante punto di riferimento per lo sviluppo di politiche di promozione della sicurezza urbana. In questo senso sono stati sottoscritti 9 accordi di programma, 8 con amministrazioni comunali ed uno con un amministrazione provinciale, in attuazione della L.R. 24/2003 e volti al miglioramento di rilevanti problemi di sicurezza o di disordine urbano diffuso, per un finanziamento totale pari a Tra le finalità più rilevanti di tali accordi si menzionano: il recupero sociale ed urbanistico ed il controllo del territorio con nuove tecnologie di videosorveglianza di aree della regione fortemente critiche; la prevenzione della devianza giovanile e la valorizzazione del ruolo della polizia locale verso le comunità. In ossequio alla L.R. 48/1996 è stata confermata l adesione annuale della Regione Emilia-Romagna all associazione internazionale Forum Europeo per la Sicurezza Urbana (EFUS), i cui obiettivi sono stati perseguiti attraverso un impegno diretto nella promozione e nello sviluppo del Forum Italiano (FISU), rete italiana dell omonimo Forum europeo, di cui la Regione gestisce segreteria tecnica e sito web, sia in italiano che in lingua inglese (v. e nel lavoro di coordinamento svolto in seno alla Conferenza dei Presidenti di Regione. È stato portato a conclusione il progetto europeo Urbis - Urban manager for security, safety and crisis management, coordinato dall ente di formazione Sinergie, con l'obiettivo di delineare un nuovo profilo europeo (Urban Manager) caratterizzato da competenze multidisciplinari finalizzate ad una gestione integrata della sicurezza nelle aree urbane. In particolare è stato pianificato ed organizzato per i soci aderenti FISU un corso sulle metodologie del problem solving basate sul metodo SARA, applicate alle tematiche della sicurezza urbana. È stato inoltre pubblicato il volume Città Giusta, Città Sicura. Il Manifesto dell Efus nell esperienza dei governi locali FISU e Idee per la sicurezza 2014, che raccoglie i migliori progetti in materia di sicurezza urbana, ideati ad attuati dalle città aderenti al Forum Italiano, in coerenza con le raccomandazioni tematiche del Manifesto EFUS. Sul piano della ricerca in materia di sicurezza sono proseguite le attività orientate ad approfondire le chiavi di comprensione dei fenomeni problematici sia consolidati che emergenti sul territorio: dalla violenza di genere in tutte le sue forme, alle estorsioni o i danneggiamenti seguiti da incendio fino all organizzazione di bande giovanili, fenomeno ancora molto embrionale, ma da tenere costantemente sotto osservazione. È stato realizzato e pubblicato, con riferimento all andamento della delittuosità in Emilia-Romagna, il fascicolo n. 5 delle Statistiche di città sicure con un analisi dei dati delle province e capoluoghi per gli ultimi anni disponibili 2012 e 2013, con riepiloghi regionali per il periodo

5 Sempre nell ambito della L.R. 24/2003 la Regione Emilia-Romagna, le Province e i Comuni Capoluogo hanno costituito nel 2004 la Fondazione Emiliano Romagnola per le Vittime di Reato. Si tratta di un ente che fornisce sostegno a chi è vittima di reati non colposi commessi sul territorio regionale o a danno di cittadini ivi residenti, che causino morte o danni gravissimi alle persone. La Fondazione interviene nell immediatezza del fatto senza l intento di risarcire le vittime o i loro familiari, quanto di aiutarle ad affrontare i gravosi ed urgenti problemi conseguenti ai crimini subìti. I tempi d intervento della Fondazione sono di norma di 30 giorni dalla data di ricevimento della richiesta da parte del Sindaco. Nel corso del 2013 la Fondazione ha accolto 30 richieste di aiuto avanzate dai sindaci (sono in totale 223 dalla sua costituzione). Gli importi stanziati a favore di vittime nel 2014 ammontano complessivamente a Nel 2014 gli aiuti erogati sono andati da un minimo di ad un massimo di , per un caso di omicidio. Nel corso della sua esistenza, dalla costituzione nel 2004 a tutto il 2014, la Fondazione ha deliberato interventi in favore delle vittime per un ammontare di quasi 2 Milioni di euro. La Regione ha contribuito al sostegno della Fondazione con propri fondi nel 2014 per un importo pari a Sono proseguite, infine, le azioni dedicate alla prevenzione e al contrasto della violenza contro le donne. In questo ambito, in particolare, si è agito seguendo due diverse direttrici: da un lato si è continuato a sostenere e ad aiutare le donne vittime di violenza, sia indirettamente, cioè attraverso i progetti ordinari previsti dalla già citata LR. 24/2003 (contribuendo, per esempio, alla diffusione e al rafforzamento sul territorio regionale della rete di sostegno basata sui centri antiviolenza, ma anche finanziando progetti generali sulla sicurezza urbana, i quali, benché non fossero tutti impostati specificamente secondo un ottica di genere, di fatto erano rivolti anche alle donne), sia direttamente, attraverso le consuete misure di supporto e di assistenza economica alle vittime di violenza - e spesso ai loro figli - della Fondazione Emiliano Romagnola per le Vittime di Reato (che di fatto dedica buona parte del suo lavoro alla gestione di casi che riguardano la violenza di genere); dall altro lato si è continuato ad approfondire e mantenere aggiornato il quadro conoscitivo dei fenomeni che riguardano la violenza e l insicurezza di genere. In particolare, nel 2014 è stato condotto il ventesimo sondaggio annuale sulla sicurezza dei cittadini, il quale prevede una lettura di genere dell insicurezza e della vittimizzazione. Nell anno 2014, inoltre, si è continuato ad alimentare con dati aggiornati le basi statistiche e le banche-dati interne su diversi fenomeni sociali, compreso quello della violenza di genere, che offrono una lettura approfondita della condizione femminile della nostra regione, compreso l aspetto della violenza. SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DELLE STRUTTURE DI POLIZIA LOCALE Nel corso del 2014 Regione ha continuato le proprie attività di sostegno e razionalizzazione del sistema regionale di polizia locale. In particolare dopo l adozione della L.R. 8/2013 e la deliberazione attuativa in materi di standard DGR 5

6 2071/2013, avvenuta l'anno precedente si è continuato nel processo di armonizzazione delle previsioni della LR. 24/2003 con i principi della LR. 21/2012. In quest'ottica sono stati sottoscritti, previo apposito bando adottato con DGR 293/2014, 6 accordi di programma di durata triennale con altrettante Unioni di Comuni per la promozione e l'istituzione di corpi di polizia locale a norma dell'art. 14 della LR. 24/2003 coincidenti con i rispettivi ambiti territoriali di riferimento; il tutto per un importo riferito al primo anno di , su un valore previsto negli accordi sui tre anni di Contestualmente sono proseguite anche: 1) le attività inerenti gli accordi di programma, sottoscritti negli anni precedenti tutti riguardanti corpi di polizia locale insistenti su territorio rientranti nel cratere del sisma del 2012, per l istituzione e la promozione dei corpi di polizia locale finalizzata ad agevolare l adeguamento agli standard regionali: si tratta di 8 accordi che hanno comportato l impegno per il 2014 di ; 2) il sostegno alle attività della Scuola Interregionale di Polizia Locale attraverso un contributo annuo di ; 3) adeguamento tecnologico dei Comandi mediante la promozione strumenti individuati nell ambito del Piano Telematico Regionale, in particolare la Rete Radiomobile Digitale che ha visto un incremento dei comuni utilizzatori e del numero degli apparati radio utilizzati, raggiungendo quota 178 comuni e radiotrasmittenti ed il Sistema Rilfedeur per la raccolta delle segnalazioni di degrado urbano da parte dei cittadini verso le polizie locali e gli Urp dei comuni, che è stato adottato a fine anno da 126 comuni. Con riferimento ai temi di genere, il sostegno alle polizie locali si esplicita nel sostegno ad un sistema di polizia locale, quello emiliano romagnolo, dove i agenti ed ufficiali sono per il 43% donne (nel 2003 erano 39%). Un dato rilevante se si considera che in Polizia di Stato la componente femminile non va oltre il 15%. Questa caratteristica trasforma l'attività quotidiana connotandone le azioni verso una maggiore attenzione a temi quali i reati contro i minori o la violenza di genere, oggetto - nel di uno specifico seminario di approfondimento organizzato dalla Scuola Interregionale di Polizia Locale. L azione della Regione ha consentito agli Enti Locali, pur in presenza di interventi di contenimento della spesa pubblica che hanno interessato il sistema del pubblico impiego e di orientamento da parte dello Stato alla riduzione delle spese per il personale, di mantenere complessivamente un numero di operatori solo leggermente inferiore a quello dello scorso anno, cioè Da rilevare come la presenza, in tutti comuni, di un servizio di polizia locale sia stata attuata durante il 2014 attraverso 163 strutture di polizia municipale, sia comunali che intercomunali. Questo è stato possibile anche grazie all'impulso fornito dall'attività di riordino territoriale e di promozione dell associazionismo tra Comuni, grazie al quale i primi 33 Comandi di polizia municipale, quelli con più di 30 addetti, servono il 70% dell intera popolazione regionale. 6

7 SPORT La Giunta regionale, in continuità con il Progetto di miglioramento dello stato di salute dei cittadini emiliano-romagnoli attraverso l attività motoria e sportiva, in attuazione della L.R. 13/2000, ha favorito la collaborazione tra l Assessorato Cultura, Sport e l Assessorato Politiche per la Salute ed ha confermato i seguenti obiettivi anche per l anno 2014: - promuovere lo sport per la salute e contrastare il fenomeno dell abbandono precoce dello stesso da parte dei ragazzi in particolare attraverso interventi che favoriscano l accesso dei bambini e dei ragazzi alla pratica dell attività motoria e dello sport; - diffondere fra la popolazione abitudini a stile di vita attivi aumentando le occasioni di pratica motoria e sportiva nell ambito delle attività quotidiane e in luoghi diversi dai tradizionali impianti. A tal fine è stato sottoscritto un accordo formale con i Comitati regionali di CONI, CIP ed Enti di Promozione sportiva, attraverso il quale si sono per impegnarli a privilegiare, nell ambito delle loro attività, gli aspetti di promozione della salute, formativi e di socializzazione, rispetto ai valori dell agonismo. Per l Associazionismo di livello regionale, è stato dato risalto alle attività finalizzate ad una maggiore qualificazione delle associazioni e alla loro organizzazione nonché al livello di collaborazione offerto per il miglioramento della conoscenza del sistema associativo sportivo regionale. Obiettivo da raggiungere con i progetti da finanziare sono state le attività di tutela e salvaguardia dell ambiente e della sicurezza dei praticanti poste in essere nello svolgimento degli eventi sportivi. Nell ambito delle attività dell Osservatorio del sistema sportivo regionale, previste dalla LR 13/ art. 4, è stato perseguito l obiettivo del miglioramento dei servizi offerti attraverso la georeferenziazione degli impianti sportivi. Con il Programma annuale per la promozione e la diffusione della pratica motoriosportiva sono stati destinati ,00 euro per la realizzazione di interventi specifici e sono stati finanziati 9 fra i 58 progetti presentati, in quanto risultati maggiormente coerenti con gli obiettivi regionali e in particolare con quello relativo alla promuovere stili di vita attivi (78% dei progetti finanziati e 76% del finanziamento totale). Attraverso il Programma annuale di interventi a sostegno dell associazionismo di livello regionale sono stati assegnati ,00 euro alle Associazioni sportive di rilevanza regionale per l attuazione di n. 5 interventi finalizzati alla qualificazione dei propri servizi e ai progetti di salvaguardia ambientale in occasione di eventi sportivi di forte impatto sul territorio Elementi finanziari - Come previsto dall atto di assegnazione dei contributi per i progetti di promozione sportiva (DG 1950/2014) è stato liquidato il 50% dei assegnati al momento dell inizio delle attività, mentre il saldo potrà essere liquidato esclusivamente al termine dei lavori e presentazione della rendicontazione finale prevista entro il 31/10/2015). 7

8 Per l Associazionismo sportivo di livello regionale i contributi saranno erogati, come previsto dalla Giunta regionale (DG 1120/2014) dopo il termine delle attività e la presentazione dei risultati previsti per il 31/05/2015. Per le Associazioni di livello regionale nulla è stato liquidato in quanto i tempi di realizzazione dei progetti scadono il 31/05/2015 termine stabilito per la trasmissione della rendicontazione e di una relazione sui risultati conseguiti (DG 1120/2014) e un beneficiario ha ottenuto una proroga sul termine dei lavori al 31/08/2015 (DD.1688/2015).Le risorse disponibili, pari a euro, sono state utilizzate per interventi di manutenzione e il miglioramento delle applicazioni WEB in particolare quelle relative all impiantistica sportiva ancora da liquidare. Nulla di nuovo da segnalare per quanto riguarda il sostegno a Programmi di impiantistica sportiva in quanto non sono state rese disponibili risorse nel Bilancio regionale, per cui l attività è proseguita nell attuazione dei progetti relativi a Programmi precedenti e finalizzati alla conservazione e al miglioramento degli impianti e al potenziamento delle strutture sportive. Con riferimento alla L.R. 13/2000, non si è potuto approvare il nuovo Programma triennale relativo all impiantistica e agli spazi destinati alle attività motorie sportive a causa della mancata dotazione di risorse finanziarie sul cap del bilancio regionale. Tuttavia, sullo stesso capitolo di spesa, nel 2014 si è provveduto all attuazione di programmi relativi ad annualità precedenti, impegnando risorse per ,38 e liquidando contributi per ,96 euro, ivi comprese le somme risultate perenti. 8

9 VICEPRESIDENZA. ASSESSORATO POLITICHE DI WELFARE E POLITICHE ABITATIVE 9

10 VICEPRESIDENZA ASSESSORATO POLITICHE DI WELFARE E POLITICHE ABITATIVE PREMESSA Nel corso del 2014 sono state stanziati per il finanziamento delle politiche afferenti all Assessorato Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo e terzo settore circa 58 milioni di euro, di cui 37,5 milioni sono di provenienza regionale e i restanti sono di provenienza statale. Del complesso delle risorse destinate alle politiche sociali il 77%, circa 44,5 milioni di euro, sono state destinate alla programmazione annuale del finanziamento dei piani di zona distrettuali per la salute e il benessere sociale, le cui indicazioni attuative sono state definite dall Assemblea Legislativa con deliberazione n. 117/2013 e le risorse programmate dalla giunta regionale con deliberazione n.339/2014. Le finalità della delibera approvata dall Assemblea legislativa sono state di orientamento della programmazione territoriale per gli anni di individuazione dei bisogni più impellenti, delle aree di intervento da privilegiare e delle principali azioni da sviluppare, per consentire di affrontare meglio la situazione di grave crisi economica e sociale e rilanciare l impegno dell intera comunità regionale per un welfare più adeguato a mettere al centro le persone e i diritti di cui sono titolari. La giunta regionale nell ambito del programma annuale 2014 ha compiuto quali scelte di fondo: 1. Conferma e potenziamento del finanziamento al Fondo Sociale Locale, quale riconoscimento del ruolo centrale dell ambito distrettuale nella programmazione e regolazione del sistema degli interventi sociali e sanitari; 2. Mantenimento delle risorse a favore delle famiglie attraverso il consolidamento e l ampliamento della rete dei Centri per le Famiglie; 3. Mantenimento delle risorse a sostegno dei programmi di assistenza temporanea ed integrazione sociale a favore delle vittime di tratta, sfruttamento e riduzione in schiavitù; 4. Ampliamento delle risorse destinate agli interventi rivolti alle persone sottoposte a limitazioni della libertà personale, promossi dai Comuni sede di carcere, anche al fine di accompagnare e sostenere il processo di riforma del circuito penitenziario regionale avviato nel corso del 2013 e culminato nella sigla del Protocollo operativo, integrativo del Protocollo d'intesa tra il Ministero della Giustizia e la Regione Emilia-Romagna per l'attuazione di misure volte all'umanizzazione della pena e al reinserimento sociale delle persone detenute, approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 44/2014 e siglato in data 27/01/2014; 5. Sostegno alla programmazione di ambito distrettuale per l'attuazione delle linee di indirizzo per la promozione del benessere e la prevenzione del rischio in adolescenza (DGR 590/2013). 10

11 Le rimanenti risorse, circa 13,5 milioni, sono state destinate alle seguenti aree: Servizi socio-educativi per la prima infanzia Contributi per il trasporto pubblico locale per anziani, disabili ed altre categorie sociali Economia sociale: associazionismo, volontariato, cooperazione sociale Attuazione degli interventi di servizio civile Iniziative di comunicazione sociale Politiche per le giovani generazioni POLITICHE PER LA PROMOZIONE SOCIALE Fondo Sociale per spese di investimento Nell anno 2014 sono continuate le attività di gestione delle procedure finalizzare all attuazione degli interventi finanziati tramite i contributi, regionali e statali, previsti dal Fondo sociale per spese di investimento (Art. 48 L. R. 2/2003). Si tratta complessivamente di 169 interventi in conto capitale destinate alla costruzione, ristrutturazione o acquisto di strutture socio-assistenziali e sociosanitarie per anziani, persone disabili, minori, immigrati e persone con forte disagio economico e sociale 1, individuati dai territori sulla base dei bisogni emergenti. A tutto il 2014 sono stati realizzati e conclusi oltre il 70% degli interventi programmati, per i restanti interventi i lavori sono ancora in fase di esecuzione. Sul complesso delle risorse statali e regionali assegnate per la loro realizzazione pari a 31 milioni di Euro, i contributi erogati ammontano complessivamente a 20 milioni di Euro. In particolare i contributi liquidati nel 2014 a favore degli Enti attuatori per la realizzazione degli interventi ammontano a 3,4 milioni di Euro. 1 Deliberazioni di Giunta Regionale n. 1355/2009 e s.m.i. e n. 1156/2011. Interventi nell Area Anziani e Disabili Assistenti famigliari privati e caregiver famigliari La qualificazione del lavoro di cura delle assistenti famigliari. Nell ambito degli interventi finanziati con l FRNA, viene realizzato un monitoraggio annuo delle attività di qualificazione dedicate, realizzate a livello distrettuale. Dall ultimo monitoraggio realizzato, gli ambiti distrettuali hanno realizzato complessivamente 163 iniziative di formazione e aggiornamento delle assistenti famigliari coinvolgendo persone, cui si aggiungono le attività di tutoring 11

12 domiciliare a cura degli operatori professionali dell assistenza domiciliare. Risultano inoltre attivi 68 punti di ascolto dedicati. Al fine di ampliare il numero di assistenti familiari che il sistema dei servizi è in grado di intercettare e mettere in relazione con la rete dei servizi nel 2014 ha preso avvio una sperimentazione di modalità alternative di aggiornamento delle assistenti famigliari con il coinvolgimento di esperti della rete dei servizi per garantire sostegno e accompagnamento. Il riconoscimento e la valorizzazione del ruolo dei caregiver famigliari. Nel corso del 2013, stato realizzato un report di sintesi delle esperienze di sostegno ai caregiver di persone anziane e disabili realizzate in Regione che ha messo in evidenza una grande ricchezza di esperienza e competenza e la partecipazione del terzo settore alla maggior parte delle iniziative. Nel 2014 è stata approvata la LR 2/2014 Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare, persona che presta volontariamente cura ed assistenza, il cui obiettivo è di sostenere, nell ambito del percorso di innovazione del sistema di welfare regionale, l importante ruolo svolto dalle persone che prestano volontariamente cura ed assistenza a domicilio a famigliari o persone care, riconoscendone e tutelandone i bisogni e assicurando loro sostegno, affiancamento e inserimento nelle opportunità offerte dalla rete dei servizi. La legge istituisce il Caregiver day regionale che si celebra l ultimo sabato di maggio di ogni anno promuovendo la collaborazione degli Enti locali e delle Aziende sanitarie, la partecipazione del Terzo settore, dei sindacati dei lavoratori e dei pensionati e delle associazioni datoriali. Interventi per la mobilità In continuità con gli anni precedenti, nel 2014 sono state garantite in collaborazione con l Assessorato alla Mobilità, le agevolazioni tariffarie nell ambito Trasporto Pubblico Locale a favore di persone con disabilità, anziani a basso reddito ed altre categorie sociali (DGR 2068/2013). Chi usufruisce delle agevolazioni - pensionati a basso reddito e persone con disabilità ha una riduzione su abbonamenti annuali, urbani, cumulativi o extraurbani, fino a circa il 50% rispetto alla tariffa ordinaria. L abbonamento agevolato dura un anno e consente un numero di corse illimitate su tutti i servizi di bus della regione e su tutte le linee ferroviarie di FER. Ogni anno sono oltre le persone che beneficiano di tali interventi che sono sostenuti da Regione ed Enti locali. Politiche trasversali per l autonomia nell ambiente domestico Nel corso del 2014 è continuata l attività della rete dei Centri per l Adattamento dell Ambiente Domestico (www.retecaad.it) che sono stati avviati nel 2004 presso i Comuni capoluogo di Provincia per dare informazione e consulenza sui temi dell adattamento dell ambiente domestico per anziani e disabili. I Centri provinciali hanno un collegamento più o meno strutturato con i referenti dei servizi sociali e socio-sanitari dei diversi ambiti distrettuali, che con diverse modalità 12

13 svolgono funzioni di informazione e di primo filtro delle domande dei cittadini, e nel caso necessitino di una consulenza più approfondita, vengono inviati all èquipe maggiormente specializzata del Centro provinciale. La Regione ha sostenuto l azione della rete dei CAAD attraverso il supporto tecnico e il coordinamento da parte del "Centro Regionale Ausili" di Bologna e del "Centro di Informazione Regionale sul Benessere Ambientale" di Reggio Emilia, che sono i due centri di riferimento regionale ad alta specializzazione in materia di ausili e barriere architettoniche. Nel corso dell anno i Centri, oltre ad occuparsi di informazione e consulenza diretta ai cittadini, hanno rivolto una serie di azioni informative, promozionali e formative non solo alla rete territoriale dei servizi socio-sanitari, ma anche a vari soggetti del mondo professionale, artigiano, associativo e sindacale, ritenuti interlocutori cruciali per diffondere una cultura sulla progettazione accessibile e la qualità della vita a domicilio delle persone anziane e disabili. E continuata inoltre la promozione degli interventi di adattamento dell ambiente domestico per sostenere la vita a domicilio delle persone non autosufficienti, finanziati dal Fondo regionale per la non autosufficienza, attraverso una serie di iniziative rivolte a i servizi socio-sanitari. Un altro ambito di attività ha riguardato gli interventi previsti dalla LR 29/97 per favorire la mobilità e l autonomia nell ambiente domestico delle persone non autosufficienti, che vengono gestiti dai Comuni a livello distrettuale. E da quando viene applicata la Deliberazione della Giunta Regionale n.1161/04, che ha ridefinito il sistema di erogazione dei contributi previsti agli articoli 9 e 10 della LR 29/97, che vengono garantite modalità di accesso, procedure semplificate e criteri di accesso che hanno esteso i contributi per l'acquisto e l'adattamento di automobili a categorie che venivano prima escluse da tali benefici, come chi pur essendo nella medesima situazione di handicap grave può guidare (ad esempio persone paraplegiche titolari di patente speciale), o persone che non possono guidare ma non hanno bisogno di un veicolo adattato (ad esempio minori con disabilità, disabili anche adulti mentali). Inoltre, il governo di questi contributi gestiti da anni a livello distrettuale, garantisce autonomia di programmazione e gestione delle risorse da parte di ogni territorio, rendendo più flessibili le procedure di erogazione, anche a vantaggio dei cittadini, per esempio nella tempistica meno rigida per la presentazione delle domande di contributo. Sono circa cinquecento i cittadini che ogni anno ricevono presso i Comuni i contributi previsti dalla LR 29/97 per un importo complessivo di oltre 600 mila euro. La Regione ha sostenuto l azione dei Comuni attraverso attività di informazione, interpretazione normativa, coordinamento e supporto nell utilizzo del software per la gestione del procedimento ed un attività di monitoraggio sugli interventi realizzati. Area economia sociale: Associazionismo, Volontariato, Cooperazione Sociale Per l Area Volontariato, Associazionismo, Cooperazione Sociale, nel corso del 2014, anche nel rispetto della L.R. n. 8/2014, sono stati perseguiti obiettivi di qualificazione e semplificazione relativamente alla gestione dei registri 13

14 regionali delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale. In particolare, in collaborazione con il Sistema Informativo a supporto dell Assessorato Politiche sociali, si è portato avanti il lavoro di informatizzazione delle procedure e all'accertamento preventivo della sussistenza dei requisiti oggettivi e soggettivi per l'iscrizione, nonché l attività di analisi e definizione dei contenuti e delle interfacce della Banca dati regionale dei soggetti del Terzo Settore, programmando in forma sperimentale il sistema informatico per la verifica periodica del permanere dei requisiti per l iscrizione relativamente alle associazioni di promozione sociale, con possibilità di applicazione anche per le verifiche relative alle cooperative sociali. Più nello specifico dei singoli ambiti d'intervento, per quanto riguarda l'associazionismo, anche per il 2014, la Regione 1 ha contribuito, da un lato, a sostenere economicamente per un impegno complessivo di ,00 euro i progetti di sviluppo presentati dalle a ssociazioni iscritte nel registro regionale (di cui ,00 per il sostegno di azioni di approfondimento, studio e ricerca sulla identità delle associazioni di promozione sociale tra impresa sociale e finalità solidaristiche), dall'altro ha contribuito al finanziamento dei piani elaborati dalle Province per il sostegno e lo sviluppo dell'associazionismo locale per ,00 euro. Per quanto riguarda il Volontariato 2, nel corso del 2014 si sono sostenuti economicamente progetti relativi a buone pratiche di volontariato e ad attività di sensibilizzazione dei giovani alla solidarietà presentati dalle organizzazioni iscritte per un impegno complessivo di ,00 euro. Si è data continuità alle azioni di raccordo con il Co.Ge 3 e con il Forum Terzo settore Emilia Romagna, nonché alle azioni di coordinamento della Conferenza regionale del Terzo settore (CTRS). Nel corso del 2014 si è celebrata la prima giornata della Cittadinanza solidale istituita con la su richiamata L.R. n. 8/2014. Per quanto riguarda le Cooperative sociali 4, nel corso del 2014 si è collaborato alla definizione di parti del PDL regionale di revisione della L.R. n. 7/1994, poi approvato come L.R. n. 12/2014. Nel 2014 si è perfezionata e consolidata l'attività della Commissione regionale per la Cooperazione sociale, così come definita con Regolamento regionale n. 2/2009, anche attraverso l attivazione del percorso per la revisione della L.R. n. 7/ Ai sensi della L.R. n. 34/2002 Norme per la valorizzazione delle Associazioni di promozione sociale. Abrogazione della legge regionale 7 marzo 1995, n in attuazione degli interventi previsti dalla L.R. n. 12/2005 Norme per la valorizzazione delle Organizzazioni di volontariato. Abrogazione della L.R. 2 settembre 1996, n COmitato di GEstione del fondo speciale per il volontariato dell Emilia-Romagna 4 in attuazione degli interventi previsti dalla L.R. n. 7/1994 Norme per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale, attuazione della Legge 8 novembre 1991, n

15 L attuazione degli interventi di Servizio Civile Servizio Civile Nazionale - Nel 2014 l attuazione del D.Lgs. 77 del 2002 Disciplina del Servizio civile nazionale a norma dell'articolo 2 della L. 6 marzo 2001, n. 64 e successive modifiche e integrazioni è stata ancora una volta caratterizzata dalle ridotte risorse statali dedicate, previste in , che hanno portato il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale (di seguito Dipartimento) alla scelta di accorpare il finanziamento delle annualità 2014 e 2015 per la pubblicazione di un unico bando. Da ricordare che con l emanazione della circolare del Dipartimento 23/9/2013 sull accreditamento e la contemporanea riapertura dello stesso, dal 1 ottobre 2013 è stato superato il vincolo temporale per l accreditamento di Enti e Associazioni, rendendolo quindi possibile in qualunque momento. Questo ha comportato la presentazione di 4 richieste di accreditamento all Albo regionale del servizio civile, il cui iter di valutazione era ancora in corso al 31/12/2014, e di 55 richieste di adeguamento dell iscrizione all Albo, tutte valutate positivamente. istanze esiti Albo regionale Servizio Civile richieste di accreditamento richieste d'adeguamento iscrizione positive negative da valutare 4 archiviate totale nr.istanze positive negative da definire cancellazioni chieste dagli enti archiviate nr.istanze Il primo aprile 2014 è stato organizzato, a Modena, l evento conclusivo dei progetti di servizio civile Per Daniele: Straordinario Come Voi e Ri-partire dalla cultura e dal patrimonio artistico rivolti alle popolazioni dell Emilia colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, che hanno coinvolto dall 8 aprile 2013 al 7 aprile 2014 complessivamente 500 giovani, di cui 100 giovani provenienti da altri Paesi. 15

16 In vista del bando di progettazione sono stati approvati i criteri aggiuntivi regionali di valutazione dei progetti di servizio civile nazionale (deliberazione di giunta regionale n. 595/2014), per l attribuzione di 20 punti oltre agli 80 punti del Prontuario nazionale. Il 16 giugno 2014 il Dipartimento ha emanato il Bando per la presentazione dei progetti di servizio civile (scadenza 4 agosto). La valutazione ed approvazione dei progetti di servizio civile nazionale presentati dagli Enti accreditati all Albo regionale è terminata entro il mese di gennaio 2015 nella prospettiva della successiva pubblicazione del bando per i giovani interessati (16/3/2015). numero esiti Bando 2014 progetti giovani coprogettazioni enti coprogettanti approvati approvati con limitazione bocciati totale progetti presentati richiesti approvati presentate approvate presentati approvati progetti straordinario sisma Giovedì 10 luglio 2014 è stata organizzata, presso la Sala A Conferenze della III^ torre della Regione Emilia-Romagna (v.le della Fiera 8, Bologna), la sesta Assemblea regionale dei giovani in servizio civile (oltre 250 i partecipanti), durante la quale sono stati presentati i candidati a rappresentare i giovani in servizio civile del territorio regionale ed è stata eletta la nuova rappresentante dei giovani in scregionale. Il 29 settembre 2014 è stata realizzata la quarta Conferenza regionale del servizio civile (art.19 della L.R.20/2003 e ss.mm.e ii.), presso la Sala Polivalente Guido Fanti della Regione Emilia-Romagna; nell occasione sono state riallestite la mostra fotografica 500 impronte straordinarie, sul servizio civile nelle zone colpite dal sisma del 2012, e la mostra promozionale sul servizio civile all estero. Sono proseguite le attività di verifica dei progetti, previste dall articolo 6, comma 5, del D.Lgs.77/02. In particolare è stato controllato n. 1 progetto (1 progetto nel 2013, 2 nel 2012, 16 nel 2011; 15 nel 2010; 10 nel 2009 e 21 nel 2008). I percorsi formativi sono stati realizzati attraverso i Coordinamenti Provinciali degli Enti di servizio civile (Co.Pr.E.S.C.), ai sensi della L.R. 20/03 e ss.mm. e ii.; di 16

17 seguito il riepilogo: FIGURE 2014 Operatore Locale di Progetto formazione generale giovani in sc 2013 (*) nr.percorsi nr.partecipanti nr.ore complessive nr.percorsi nr.partecipanti nr.ore complessive (*) si riferiscono esclusivamente ai corsi per i progetti speciali del sisma Le risorse umane e finanziarie dedicate dalla Regione al servizio civile nel 2014 sono state le seguenti: descrizione tipologia risorse umane e finanziarie impegnate per il servizio civile dalla RER nr.persone coinvolte nell ufficio regionale promozione/ sensibilizzazione formazione integrazione del Fondo Naz.SC (art.11d.lgs.77/02) a tempo pieno a tempo parziale fondi statali fondi regionali fondi statali fondi regionali fondi regionali , , , , , , , , , Servizio Civile Regionale - Le iniziative per l attuazione della legge regionale sul servizio civile, n. 20 del 20 ottobre 2003 e ss.mm., nel corso del 2014 hanno riguardato: - la modifica della predetta legge, intervenuta con l approvazione della legge regionale n.8 del 30 giugno 2014, che ha previsto, tra l altro, una maggiore flessibilità nell accesso e nella progettazione del servizio civile regionale (giovani dai 18 ai 29 anni, impegnati dai 6 fino agli 11 mesi, per un impegno orario settimanale di 15 oppure 20 oppure 25 ore, su 4 o 5 giorni alla settimana) e la possibilità di co- 17

18 finanziamento dei progetti da parte degli Enti pubblici e/o privati, accreditati o non accreditati per il servizio civile; - la progettazione del servizio civile regionale 2014 per giovani d età compresa tra i 18 e i 29 anni, mediante l adozione della deliberazione di giunta regionale n. 818 del 9 giugno 2014; - la valutazione dei 76 progetti di servizio civile regionali pervenuti, conclusa con il seguente esito (determinazione n.14773/2014): 76 progetti approvati e finanziati, di cui 26 con limitazioni ad alcune previsioni; - la pubblicazione il 17 ottobre 2014, da parte dei Coordinamenti Provinciali degli Enti di Servizio Civile (Co.Pr.E.S.C.), degli avvisi provinciali per la selezione pubblica di 209 giovani senza distinzione di sesso o di appartenenza culturale o religiosa, di ceto, di residenza o di cittadinanza (art.3 L.R.20/03), per la partecipazione ai progetti di servizio civile regionale dell'emilia-romagna; dei 209 posti, 41 sono stati autofinanziati dagli Enti: 35 nella provincia di Reggio Emilia, dalla Fondazione Manodori e dalla Camera di Commercio, e 6 nella provincia di Modena, dall'unione Comuni Modenesi Area Nord. L'autofinanziamento è previsto dall'articolo 22 della L.R.20/2003, come modificato dalla L.R.8/2014, che senza limiti temporali consente agli enti pubblici e a soggetti privati di destinare risorse allo sviluppo del servizio civile regionale, vincolandole per specifici progetti. Le domande di partecipazione presentate dai giovani sono state 1.700, che corrispondono a circa 8 domande per ogni posto disponibili. SERVIZIO CIVILE REGIONALE anno posti disponibili domande presentate domande per posto disp.le , , , , ,8 Servizio Civile Regionale per l attuazione della Garanzia giovani - L anno 2014 per il settore del servizio civile è stato caratterizzato dalla partecipazione al programma europeo della Garanzia giovani, che a livello nazionale ha previsto anche 18

19 la misura 6 «servizio civile» tra quelle proponibili ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che non lavorano e non studiano. In conformità alla proposta di Piano di Attuazione Regionale della Garanzia per i Giovani, approvata con deliberazione di giunta regionale n. 475/2014, e alla conseguente Convenzione fra Regione Emilia- Romagna e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, sottoscritta in data 18/04/2014, con deliberazione di giunta regionale n. 818 del 9 giugno 2014 è stata approvata la progettazione del servizio civile regionale per dare attuazione alla misura 6 «servizio civile». Con successiva determinazione dirigenziale n del 19 agosto 2014 sono stati approvati tutti i 113 progetti ricevuti, di cui 17 con limitati in alcune previsioni con determinazione dirigenziale n del 29/7/2014. Contestualmente è stata pubblicata la banca dati dei progetti per l attuazione della Garanzia giovani per consentire alle persone iscritte a Garanzia giovani di poter scegliere la propria esperienza di servizio civile tra quelle disponibili. L alta adesione dei giovani alla misura 6 «servizio civile», oltre mille rispetto ai 143 posti finanziati, ha portato ad ottobre 2014 alla decisione di chiudere la possibilità di aderire al servizio civile e di organizzare degli incontri informativi a livello provinciale per meglio orientare i giovani nella scelta della misura di Garanzia giovani e in particolare nel progetto di servizio civile regionale. L iter procedurale di individuazione dei giovani da avviare si è concluso all inizio del 2015 (determinazione dirigenziale Responsabile Servizio Lavoro n.202 del 5 febbraio 2015) e ha permesso il 16 marzo 2015 a 143 giovani di iniziare la propria esperienza di servizio civile regionale di Garanzia giovani. SERVIZIO CIVILE REGIONALE anno risorse regionali autofinanziamento enti risorse garanzia giovani , , , / ,00 non previsto non previste SERVIZIO CIVILE REGIONALE SCR 2014 GG (*)

20 PROGETTI PRESENTATI PROGETTI APPROVATI PROGETTI FINANZIATI posti PROGETTI NON FINANZIATI posti (*) coprogettazione a favore delle popolazioni colpite dal sisma iniziato nel maggio 2012 La Consulta regionale del servizio civile, prevista dall art. 20 della L.R.20/2003 e ss.mm.e ii., è stata convocata in data: 18 febbraio, 30 maggio e 2 settembre Nella seconda metà del 2014, in attuazione della L.R.20/03, come per gli anni precedenti sono state deliberate le misure a sostegno dell esperienza di servizio civile all estero (giunta regionale n. 1628/2014) e gli obiettivi regionali per i Coordinamenti Provinciali degli Enti di Servizio Civile -Co.Pr.E.S.C. (giunta regionale n.1631/2014). INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE SOCIALE Nel progettare la comunicazione dell assessorato Politiche sociali della Regione Emilia-Romagna, è stato costruito un sistema di interventi e servizi rivolti a tutti i cittadini secondo un principio di equità, innescando un processo di interazione sociale che ha come sfondo l esigibilità dei diritti riconosciuti come la salute, i diritti dei minori e degli anziani, il diritto dei disabili a far parte della vita sociale, il diritto all identità sessuale e personale. Una comunicazione che va dunque letta nella sua triplice accezione di diritto di informare, di informarsi e di essere informati, ma anche come espressione del diritto di cittadinanza, ossia come partecipazione consapevole al processo decisionale pubblico. Le spese relative alle attività di comunicazione sono riassunte nel grafico a torta di pagina

IL SOCIALE CHE COMUNICA. Strumenti e progetti per una buona informazione

IL SOCIALE CHE COMUNICA. Strumenti e progetti per una buona informazione IL SOCIALE CHE COMUNICA Strumenti e progetti per una buona informazione Credits Testi e coordinamento editoriale a cura di Tiziana Gardini Agenzia Informazione e Comunicazione della Giunta Progetto grafico

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1;

Visto l'articolo 2 dello Statuto d'autonomia della Lombardia approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1; Deliberazione Giunta Regionale 8 maggio 2014 n. 10/1766 Determinazioni in ordine al recepimento delle intese tra il Governo, le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le autonomie locali del

Dettagli

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b...

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b... Pagina 1 di 6 L.R. 19 Marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, SOTTOSCRITTA

Dettagli

Ai candidati Sindaco per Bologna Riflessioni e proposte del Forum del Terzo Settore

Ai candidati Sindaco per Bologna Riflessioni e proposte del Forum del Terzo Settore 1 Ai candidati Sindaco per Bologna Riflessioni e proposte del Forum del Terzo Settore Premessa Il Forum Provinciale del Terzo Settore (FTS) propone ai candidati alla carica di Sindaco per la Città di Bologna

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 23-10-2007 REGIONE CAMPANIA LEGGE PER LA DIGNITA' E LA CITTADINANZA SOCIALE. ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328.

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 23-10-2007 REGIONE CAMPANIA LEGGE PER LA DIGNITA' E LA CITTADINANZA SOCIALE. ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328. LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 23-10-2007 REGIONE CAMPANIA LEGGE PER LA DIGNITA' E LA CITTADINANZA SOCIALE. ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena Provincia IL BILANCIO DI GENERE della 1 Lo sviluppo delle capacità umane nell attività di Gender Auditing Il ruolo della società e delle istituzioni dovrebbe essere quello di stimolare e promuovere la

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 225 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 Legge quadro sulla famiglia TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

2. Il contesto regionale: lo sviluppo degli sportelli sociali dalla sperimentazione alle linee guide attuative del PSSR 2008-2010

2. Il contesto regionale: lo sviluppo degli sportelli sociali dalla sperimentazione alle linee guide attuative del PSSR 2008-2010 "L'accesso sociale: il nuovo sportello sociale" La sperimentazione della Regione Emilia-Romagna e l esperienza della Provincia di Bologna Maura Forni - Regione Emilia-Romagna Servizio Politiche familiari,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 1. PREMESSA La legge regionale n. 22/2002, recependo la normativa nazionale

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Provincia di Forlì-Cesena Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1 PREMESSA

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA E FONDAZIONE ISMU FONDAZIONE PER LE INIZIATIVE E LO STUDIO SULLA

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 Le Consigliere provinciali di Parità di Cremona avv. Debora Adelaide Mossoni (consigliera effettiva) e avv. Rosaria Italiano

Dettagli

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati pubblicata su B.U.R. MARCHE n. 23 del 12 marzo 1998 Capo I Principi generali Art. 1 (Finalità) 1. La Regione,

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Art. 1 (Finalita' della legge)

REGIONE PIEMONTE. Art. 1 (Finalita' della legge) REGIONE PIEMONTE L.R. 17 agosto 1995, n. 67(TC) Interventi regionali per la promozione di una cultura ed educazione di pace per la cooperazione e la solidarieta' internazionale B.U. Regione Piemente 23

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Definizioni

PARTE PRIMA. Art. 2 Definizioni 23414 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 92 dell 11 07 2014 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 4 luglio 2014, n. 29 Norme per la prevenzione e il contrasto della violenza

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SOCIALE DELLA REGIONE LAZIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SOCIALE DELLA REGIONE LAZIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SOCIALE DELLA REGIONE LAZIO 1 SOMMARIO CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 Art. 1 - Oggetto e finalità... 4 Art. 2 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO PAGINA 1 Asilo nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Pag.01 2 Servizi di conciliazione vita- lavoro Pag.03 3 Rete di Pronto

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner.

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner. Invito a presentare progetti per la valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale (l.r. 81/1985 anno 2015) Scheda del progetto Soggetto presentatore: Consorzio Sistema

Dettagli

Guida rapida per la presentazione dei progetti di flessibilità per la conciliazione ex art. 9 legge n. 53/2000

Guida rapida per la presentazione dei progetti di flessibilità per la conciliazione ex art. 9 legge n. 53/2000 Guida rapida per la presentazione dei progetti di flessibilità per la conciliazione ex art. 9 legge n. 53/2000 Le pagine seguenti offrono alle aziende una guida rapida all accesso ai fondi stanziati dalla

Dettagli

Le Province hanno svolto nel processo avviato un importante ruolo di supporto, iniziativa e coordinamento.

Le Province hanno svolto nel processo avviato un importante ruolo di supporto, iniziativa e coordinamento. Delib.C.R. 30-7-2002 n. 394 Programma degli interventi ed individuazione dei criteri di ripartizione del Fondo regionale socioassistenziale e del Fondo nazionale per le politiche sociali per l'anno 2002

Dettagli

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 Staff della - Servizio ALL. A PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 tra REGIONE LIGURIA rappresentata dall Assessore alle Pari Opportunità

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE 1 Premessa generale Visto - La Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro

Dettagli

Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE

Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE 1 1. Premessa 1. Il presente intervento, promosso e finanziato dal Ministero del Lavoro (Decreti Direttoriali n. 481 del 25 giugno 2012 e n. 807 del

Dettagli

Le attività di ricerca e consulenza

Le attività di ricerca e consulenza Le attività di ricerca e consulenza Anni 80 Servizi/ Famiglia e Servizi/ Anziani Figure Professionali Figure Professionali/ Animatori Socioculturali Educazione Socio-sanitaria Consultorio e formazione

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università e Ricerca, Lavoro BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014 La Provincia di Reggio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI Il Piano di Zona è lo strumento fondamentale attraverso cui i Comuni, in collaborazione con tutti i soggetti attivi sul territorio,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Allegato A) alla delibera di Giunta provinciale IP 6810/2014

Allegato A) alla delibera di Giunta provinciale IP 6810/2014 Allegato A) alla delibera di Giunta provinciale IP 6810/2014 INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO ANNO 2014-2015 Premessa pag. 2 Il Contesto.. pag. 3 Interventi programmati.... pag. 4 Conclusioni.

Dettagli

COD. PRATICA: 2013-001-1212. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1399 DEL 09/12/2013

COD. PRATICA: 2013-001-1212. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1399 DEL 09/12/2013 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1399 DEL 09/12/2013 OGGETTO: Piano di interventi per la famiglia. L.R. n. 13/2010 "Disciplina dei servizi e degli interventi a favore

Dettagli

LEGGE REGIONALE PER LE PARI OPPORTUNITÀ

LEGGE REGIONALE PER LE PARI OPPORTUNITÀ LEGGE REGIONALE PER LE PARI OPPORTUNITÀ Norme per le politiche di genere e i servizi di conciliazione vita-lavoro in Puglia (21 marzo 2007 n. 7) e gli strumenti di attuazione Regione Puglia II REGIONE

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

Legge 8 novembre 2000, n. 328. "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

Legge 8 novembre 2000, n. 328. Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 314 27/05/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 8512 DEL 14/05/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni)

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni) D.A. n. 0326 S/5 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali Dipartimento Reg.le della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA'

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' 6551 Allegato n. 1 R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' SERVIZIO POLITICHE DI BENESSERE SOCIALE E PARI OPPORTUNITA UFFICIO POLITICHE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA'

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA' REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 898 16/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 21370 DEL 10/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 dicembre 1999, n. 23 «Politiche regionali per la famiglia». (B.U. 10 dicembre 1999, n. 49, 1º suppl. ord.)

LEGGE REGIONALE 6 dicembre 1999, n. 23 «Politiche regionali per la famiglia». (B.U. 10 dicembre 1999, n. 49, 1º suppl. ord.) LEGGE REGIONALE 6 dicembre 1999, n. 23 «Politiche regionali per la famiglia». (B.U. 10 dicembre 1999, n. 49, 1º suppl. ord.) Art. 1. Finalità ed ambito di intervento. 1. La Regione, in osservanza dei principi

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 2 L assistenza sociale e le principali prestazioni assistenziali Sommario 1. La riforma dell assistenza sociale operata dalla L. 8 novembre 2000, n. 328. 2. Il sistema integrato di interventi

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale PROTOCOLLO D INTESA sulla comunicazione interculturale tra Regione Emilia-Romagna, Ordine dei Giornalisti dell Emilia-Romagna, Co.Re.Com dell Emilia-Romagna, Consulta regionale per l integrazione sociale

Dettagli