POLI TECNICO PROFESSIONALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLI TECNICO PROFESSIONALI"

Transcript

1 POLI TECNICO PROFESSIONALI sul territorio ligure. Genova, 17 luglio

2 I POLI TECNICO PROFESSIONALI Interconnessione funzionale, formalizzata attraverso un accordo di rete, tra i soggetti della filiera formativa (istituti tecnici e professionali, organismi formativi accreditati, ITS, università e centri di ricerca) e le imprese della filiera produttiva per la condivisione di: risorse professionali dedicate; risorse strumentali e logistiche; risorse finanziarie; programma di rete. 2

3 Centri di ricerca Istituto/i profes.le/i Istituto/i tecnico/i PTP Organismo formativo accreditato Università ITS Imprese (almeno 2) 3

4 OBIETTIVI REGIONALI 1/2 1. rendere organica, nel quadro dell apprendimento permanente, l offerta educativa di istruzione e formazione, anche in apprendistato, degli istituti tecnici, degli istituti professionali, delle strutture formative accreditate per la IeFP, degli I.T.S., dei percorsi IFTS, assicurandone la coerenza con riferimento alle filiere produttive del territorio; 2. favorire l'allineamento sul territorio tra il sistema produttivo e il sistema educativo di istruzione e formazione, con particolare riferimento ai percorsi di istruzione tecnico-professionale, e favorire il trasferimento degli esiti della ricerca industriale alle imprese; 3. promuovere le specializzazioni e le complementarità dei soggetti formativi in rete tra loro e con le imprese sia su base territoriale sia su base nazionale nella collaborazione multiregionale, con particolare riferimento agli I.T.S.; 4

5 OBIETTIVI REGIONALI 2/2 4. valorizzare la partecipazione e il contributo delle imprese nella definizione dei fabbisogni formativi, nella progettazione e realizzazione dei percorsi; 5. promuovere l apprendimento in contesti applicativi, sperimentando anche modalità diverse dai tirocini curricolari che si configurino come esperienze di formazione e lavoro, a partire dall apprendistato, anche con modalità in cui la formazione è contestuale alla produzione di beni e servizi attraverso la realizzazione di botteghe scuola e scuola azienda; 5

6 STATO DELL ARTE A LUGLIO

7 10 Poli Tecnico Professionali COSTITUITI 1. MECCANICA IMPIANTI COSTRUZIONI M.I.C. 2. ROTTA POLARE (PORTO LOGISTICA-MARE) MEDITERRANEAN LOGISTIC AND TRANSPORT SYSTEM 3. ATAL: ACCORDO TERRITORIALE AGROALIMENTARE LIGURE 4. DISTRETTO FORMATIVO DEL LEVANTE: MECCCANICA, NAVALMECCANICA, ROBOTICA E AUTOMAZIONE INDUSTRIALE 5. LIGURIA AGRO ALIMENTARE 6. POLO HERMES SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE PER LA CULTURA, LA COMUNICAZIONE E L INFORMAZIONE" 7. PROFESSIONI VITA 8. SERVIZI ALLA PERSONA: CURA E BENESSERE 9. RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA 10. TURISTICO DEL LEVANTE LIGURE, TOSCANA E PIEMONTE 7

8 LA DIFFUSIONE DEI PTP LIGURI SUL TERRITORIO REGIONALE E NAZIONALE 8

9 1. MECCANICA IMPIANTI COSTRUZIONI M.I.C. 9

10 2. ROTTA POLARE 10

11 3. ATAL 11

12 4. DISTRETTO FORMATIVO DEL LEVANTE 12

13 5. LIGURIA AGROALIMENTARE 13

14 6. POLO HERMES 14

15 7. PROFESSIONI VITA 15

16 8. SERVIZI ALLA PERSONA: CURA E BENESSERE 16

17 9. RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA 17

18 10. TURISTICO DEL LEVANTE LIGURE, TOSCANA E PIEMONTE 18

19 Composizione PTP per tipologia operatore 19

20 FUNZIONI COMUNI A TUTTI I PTP 20

21 1. PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA REGIONALE Esprimendo i fabbisogni formativi delle singole filiere produttive/settori strategici (offerta potenziale verticale e orizzontale di filiera) Individuando eventuali ridondanze o carenze dell offerta formativa attuale rispetto ai fabbisogni formativi Favorendo il pieno sviluppo dell autonomia scolastica (Comitati tecnico scientifici, Uffici tecnici, quote di flessibilità oraria ecc.) Facilitando le azioni di alternanza scuola lavoro e di transizione al mondo del lavoro Formulando proposte di adeguamento dell offerta formativa alle reali e documentate esigenze della filiera da discutere in apposita sede di CRIF 21

22 2. GARANTIRE LA CONTINUITA FORMATIVA DELLA FILIERA Favorendo l accesso e i passaggi fra i diversi segmenti formativi afferenti la filiera, utilizzando le leve della flessibilità, al fine di consentire percorsi continuativi dalla formazione iniziale alla formazione superiore in un contesto di apprendimento permanente 22

23 FUNZIONI RELATIVE ALLE SPECIFICITA DEL SINGOLO PTP 23

24 COMMISURARE ALL AREA ECONOMICO PROFESSIONALE L IMPLEMENTAZIONE DI: Sistema di governo e gestione delle relazioni (i PTP mettono assieme relazioni già esistenti con l obiettivo di costruire un modello organizzativo che consenta di sviluppare azioni in modo efficace, economico e qualificato); Strategie, obiettivi e azioni (a seconda del settore variano i fabbisogni produttivi - formativi e le azioni del PTP devono essere curvate e differenziate in base al segmento formativo prevalente e/o trainante); Attività di promozione e marketing territoriale e di filiera (i PTP valorizzano e amplificano la capacità dei singoli partner di attrarre studenti/docenti/formatori e imprese); Internazionalizzazione (promozione e realizzazione di scambi; realizzazione di accordi per il riconoscimento internazionale delle competenze e quando possibile dei titoli). 24

25 RUOLO REGIONE: RUOLO DELLA REGIONE Valutazione, nella programmazione regionale, della possibilità di una riserva di risorse da definire nell ambito delle singole azioni, con possibile rimborso a risultato e non a processo, a fronte di: obiettivi addizionali (più elevati rispetto a quelli assegnati ad altri operatori) in capo ai soggetti che partecipano ad un PTP; offerta di servizi addizionali che integrano e potenziano la capacità d offerta di cui sono già portatori i soggetti formativi che partecipano al PTP 25

26 PUNTI DI CONTATTO FRA PTP E PROGRAMMAZIONE REGIONALE RICERCA E INNOVAZIONE IEFP IFTS PROGETTI EUROPEI PTP APPRENDISTATO I II III LIVELLO QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI ORIENTAMENTO ITS 26

27 PTP E PROGRAMMAZIONE REGIONALE Segmento formativo IeFP Apprendistato qualifica e diploma professionale Obiettivi perseguibili Stage presso impresa del polo Inserimento lavorativo Azione di correlazione tra competenze acquisite in percorso IeFP e competenze necessarie per abilitazione professionale (es. estetiste, patentini idraulici, ecc) al fine di favorirne il riconoscimento di crediti formativi, nell ambito di azione di sistema regionale Ampia copertura figure professionali Stabilizzazione lavorativa Servizi attivabili Sostegno alla programmazione (fabbisogni) Centro di risorse umane e strumentali Servizi di orientamento e accompagnamento all inserimento lavorativo Centro di risorse professionali, e strumentali per formazione interna alle imprese 27

28 PTP E PROGRAMMAZIONE REGIONALE 2 Segmento formativo Apprendistato professionalizzante Obiettivi perseguibili Diffusione dell istituto tra le imprese afferenti il Polo Servizi attivabili Piano di diffusione per far conoscere istituto alle imprese afferenti; IFTS Individuazione di percorsi da attivare Definizione dei fabbisogni formativi ITS Ampliare bacino di imprese di riferimento Favorire il reclutamento di docenti del mondo del lavoro Effettuare azioni di matching con le imprese del Polo, per l inserimento lavorativo degli allievi diplomati Apprendistato di alta formazione e ricerca Diffusione dell istituto tra le imprese afferenti il Polo Sfruttare la presenza delle università o delle istituzioni di ricerca all interno dei Poli Piano di diffusione per far conoscere istituto alle imprese afferenti; Coinvolgimento attivo delle imprese nella coprogettazione dei percorsi con università o istituzioni di ricerca 28

29 Un ipotesi operativa: PTP come soggetti promotori per l attivazione di percorsi IV anno IeFP in apprendistato di primo livello SITUAZIONE DI PARTENZA Sperimentazione in atto Reti già esistenti di soggetti diversi (costituite sulla base delle regole dei PTP); Utenza già qualificata, conosciuta e disponibile immediatamente Aziende già coinvolte negli stage del percorso triennale Percorsi brevi (un anno) Risorse per la formazione già disponibili 29

30 Un ipotesi operativa: PTP come soggetti promotori per l attivazione di percorsi IV anno IeFP in apprendistato di primo livello RUOLO STRATEGICO DEI PTP PER: la definizione dei fabbisogni formativi relativi alle figure di tecnico in uscita ai percorsi di IV anno IEFP e la conseguente individuazione di uno o più percorsi utili all area economico produttiva di riferimento; l individuazione e il coinvolgimento di imprese disponibili ad assumere un apprendista per il conseguimento del diploma professionale. 30

Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità

Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità Firenze, 8 febbraio 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it Formazione strategica ITS IFTS Alternanza scuola lavoro

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL LAVORO 22 GIUGNO 2016

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL LAVORO 22 GIUGNO 2016 PROGRAMMA TRIENNALE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL LAVORO 22 GIUGNO 2016 COSA C È DI NUOVO? 1. IL PRIMO PIANO POST PROVINCE: UNA PROGRAMMAZIONE UNITARIA PER L INTERA REGIONE 2. UNA PROGRAMMAZIONE IN UNA

Dettagli

Formulario per la presentazione di progetti. in attuazione della sperimentazione del Sistema Duale. nella Regione Lazio

Formulario per la presentazione di progetti. in attuazione della sperimentazione del Sistema Duale. nella Regione Lazio Formulario per la presentazione di progetti in attuazione della sperimentazione del Sistema Duale nella Regione Lazio ALLEGATO 2: FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 1 Linea di intervento Riportare

Dettagli

Dalla scuola al lavoro Le policy di Regione Lombardia. Cristina Colombo. 7 febbraio 2014

Dalla scuola al lavoro Le policy di Regione Lombardia. Cristina Colombo. 7 febbraio 2014 Dalla scuola al lavoro Le policy di Regione Lombardia Cristina Colombo 7 febbraio 2014 Dalla scuola al lavoro - Le policy di Regione Lombardia Regione Lombardia crede e lavora nella direzione di un avvicinamento

Dettagli

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO EDUCAZIONE, ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA SETTORE ISTRUZIONE E EDUCAZIONE Il

Dettagli

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola La valorizzazione del capitale umano in Regione Lombardia - X legislatura Assessore Valentina Aprea I principi delle politiche di Istruzione, formazione e lavoro

Dettagli

Milano 6 Marzo

Milano 6 Marzo Milano 6 Marzo 207 CARATTERISTICHE DELLE 20 FONDAZIONI LOMBARDE Formazione Tecnica Superiore la maggior parte delle fondazioni ITS ha attivato 2 o piu corsi ITS Indirizzi strategici e innovativi rispondenti

Dettagli

Il futuro della IeFP: verso la costruzione di un sistema duale lombardo. Brunella Reverberi UO Sistema Educativo e Diritto allo Studio 6 maggio 2016

Il futuro della IeFP: verso la costruzione di un sistema duale lombardo. Brunella Reverberi UO Sistema Educativo e Diritto allo Studio 6 maggio 2016 Il futuro della IeFP: verso la costruzione di un sistema duale lombardo Brunella Reverberi UO Sistema Educativo e Diritto allo Studio 6 maggio 2016 Nuovi scenari per la piena occupazione Evoluzione del

Dettagli

Allegato D 1 / 5. fonte: http://burc.regione.campania.it

Allegato D 1 / 5. fonte: http://burc.regione.campania.it Allegato D Potenziamento istruzione tecnica e professionale di qualità / PAC III Riprogrammazione Regione Campania Interventi anticiclici Misure di attuazione dell azione Potenziamento dell istruzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI Firenze, 01 giugno 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it L Avviso

Dettagli

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali:

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Lo sviluppo dell orientamento per studenti dell ultimo anno (anche

Dettagli

Ripartiamo con il Fondo Sociale Europeo Investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Ripartiamo con il Fondo Sociale Europeo Investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Gli interventi FSE 2014-2020 della Regione Toscana Ripartiamo con il Fondo Sociale Europeo Investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Marco Masi Regione Toscana Coordinatore

Dettagli

POLO M.I.C. POLO TECNICO PROFESSIONALE Area [3] Meccanica, Impianti, Costruzioni

POLO M.I.C. POLO TECNICO PROFESSIONALE Area [3] Meccanica, Impianti, Costruzioni POLO M.I.C. POLO TECNICO PROFESSIONALE Area [3] Meccanica, Impianti, Costruzioni STRATEGIE DI INTERVENTO Al centro delle azioni del POLO MIC c è innovazione che dovrà essere il riferimento del ovo modello

Dettagli

Valentina Aprea. La Scuola del futuro in Lombardia. 10 Luglio 2014

Valentina Aprea. La Scuola del futuro in Lombardia. 10 Luglio 2014 Valentina Aprea La Scuola del futuro in Lombardia 10 Luglio 2014 I principi fondativi del sistema educativo di Istruzione e Formazione della Lombardia Legge regionale 22/2006 e 19/2007: sistema unitario

Dettagli

POLI FORMATIVI E FORMAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA. Antonella Perotti Nucleo Education - Confindustria

POLI FORMATIVI E FORMAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA. Antonella Perotti Nucleo Education - Confindustria POLI FORMATIVI E FORMAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Antonella Perotti - Confindustria Seminario ENIS Italia 2006 Villa Lucidi, Monte Porzio Catone 6 aprile 2006 1 La forma rete risposta ai cambiamenti e alla

Dettagli

Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro

Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro a cura di Francesco Celentano Francesco Celentano 1 Le tre direttrici del potenziamento dell alternanza scuola-lavoro Lo sviluppo dell orientamento

Dettagli

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV INDICE LA DEFINIZIONE DELLA VISION E DELLA MISSION DELLA SCUOLA CAP. 1 LE PRIORITÁ STRATEGICHE 1.1 - DESCRIZIONE DELL AMBIENTE DI RIFERIMENTO E DELLE RISORSE DISPONIBILI 1.1.1 - Popolazione scolastica

Dettagli

LA FORMAZIONE STRATEGICA IN REGIONE TOSCANA

LA FORMAZIONE STRATEGICA IN REGIONE TOSCANA LA FORMAZIONE STRATEGICA IN REGIONE TOSCANA Firenze, 24 maggio 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it I progetti formativi strategici: la struttura QUALIFICHE PROF.LI CERTIFICAZIONI DI COMPETENZE

Dettagli

Guida operativa alternanza scuola-lavoro

Guida operativa alternanza scuola-lavoro Anno scolastico 2015/2016 Guida operativa alternanza scuola-lavoro lavoro Liceo Classico Michelangiolo, Firenze Claudia Della Lunga 3C Bernardo Sarti 3A Presupposto alla base dell alternanza scuola-lavoro

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE NELLA IEFP. Lo stato di avanzamento delle programmazioni regionali

SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE NELLA IEFP. Lo stato di avanzamento delle programmazioni regionali SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE NELLA IEFP Lo stato di avanzamento delle programmazioni regionali INDICATORI DEL MERCATO DEL LAVORO Disoccupazione totale e giovanile in Italia e in Germania a confronto

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE NELLA IeFP STATO DI AVANZAMENTO DELLE PROGRAMMAZIONI REGIONALI AL EXECUTIVE SUMMARY

LA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE NELLA IeFP STATO DI AVANZAMENTO DELLE PROGRAMMAZIONI REGIONALI AL EXECUTIVE SUMMARY LA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE NELLA IeFP STATO DI AVANZAMENTO DELLE PROGRAMMAZIONI REGIONALI AL 31 12 2016 EECUTIVE SUMMARY 13 luglio 2017 1 1. Obiettivi e modalità di attuazione della sperimentazione

Dettagli

Passo dopo passo: la via italiana al sistema duale

Passo dopo passo: la via italiana al sistema duale Passo dopo passo: la via italiana al sistema duale Roma, 7 giugno 2016 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Sala Massimo D Antona 1. LA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE: OBIETTIVI E AZIONI PRINCIPALI

Dettagli

Il modello di governance della formazione professionale in Toscana. Paolo Baldi Direttore Istruzione e formazione

Il modello di governance della formazione professionale in Toscana. Paolo Baldi Direttore Istruzione e formazione Il modello di governance della formazione professionale in Toscana 10 luglio 2017 Paolo Baldi Direttore Istruzione e formazione Regione Toscana 1. Il nuovo o modello a. Il trasferimento della funzione

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO PARCO PROGETTI. del DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

PROGRAMMA DI SVILUPPO PARCO PROGETTI. del DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO REGIONE PUGLIA PROGRAMMA DI SVILUPPO ai sensi Linee Guida applicative della Legge Regionale 3 agosto 2007 n.23 Pagina 1 di 6 Pagina 2 di 6 DISTRETTO

Dettagli

III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, Settembre 2013

III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, Settembre 2013 III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, 11-13 Settembre 2013 Il caso dell Italia Arduino Salatin (Università Cà Foscari e Università IUSVE, Venezia) 1 La

Dettagli

Verso la costruzione del sistema duale lombardo. Brunella Reverberi UO Sistema Educativo 27 ottobre 2016

Verso la costruzione del sistema duale lombardo. Brunella Reverberi UO Sistema Educativo 27 ottobre 2016 Verso la costruzione del sistema duale lombardo Brunella Reverberi UO Sistema Educativo 27 ottobre 2016 Nuovi scenari per la piena occupazione Evoluzione del mercato del lavoro 2015-20: rischi e opportunità

Dettagli

L implementazione EQAVET a livello nazionale

L implementazione EQAVET a livello nazionale L implementazione EQAVET a livello nazionale Seminario di Info-formazione per la rete nazionale di diffusione Euroguidance Italy Roma,10 Ottobre 2013 ISFOL Auditorium Raccomandazione europea sulla Qualità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE SICILIANA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE SICILIANA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE SICILIANA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Assessorato al coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro Assessorato all agricoltura,

Dettagli

Antonella Colombo. Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg Valid.O

Antonella Colombo. Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg Valid.O Antonella Colombo Responsabile Area Progettazione ed Eventi Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro della Provincia di Como Como Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Formulario per la candidatura alla selezione dei soggetti attuatori per la realizzazione dei percorsi di IeFP Enti di Formazione professionale Sezione 1: Ente di formazione professionale

Dettagli

Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro. Programmazione 2016/2017: Percorsi IFTS e ITS. Brunella Reverberi 21 Giugno 2016

Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro. Programmazione 2016/2017: Percorsi IFTS e ITS. Brunella Reverberi 21 Giugno 2016 Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro Programmazione 2016/2017: Percorsi IFTS e ITS Brunella Reverberi 21 Giugno 2016 PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) Nuovi

Dettagli

TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. Visto

TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. Visto Apprendistato 2013-2014 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria E UNIVERSITÀ

Dettagli

ACCORDO FRA LA REGIONE BASILICATA. L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA del MIUR

ACCORDO FRA LA REGIONE BASILICATA. L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA del MIUR ACCORDO FRA LA REGIONE BASILICATA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA del MIUR Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004 di una offerta formativa sperimentale di istruzione e formazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE CALABRIA, IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE CALABRIA, IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE CALABRIA, IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Decreto legislativo n. 276/03 artt. 47-53

Decreto legislativo n. 276/03 artt. 47-53 Decreto legislativo n. 276/03 artt. 47-53 Titolo VI Apprendistato e contratto di inserimento Capo I Apprendistato Art. 47 Definizione, tipologie e limiti quantitativi 1. Ferme restando le disposizioni

Dettagli

AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO AL RIORDINO DEI LICEI Allegato n.1 SCHEDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE/FORMAZIONE I nuovi ordinamenti dei Licei, in vigore a partire dalle prime classi funzionanti nell anno

Dettagli

SISTEMA UNITARIO DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DELLA REGIONE LOMBARDIA

SISTEMA UNITARIO DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DELLA REGIONE LOMBARDIA Allegato C SISTEMA REGIONALE DI ALTA FORMAZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Il sistema duale lombardo ha nell alta formazione tecnica il suo completamento in termini di specializzazione e di perfezionamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA e FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI Maggi Catene Spa Cicsa Srl Cogliati Aurelio Srl A.A.G. Stucchi Srl socio unico Fomas Spa

Dettagli

ITS e PTP. ITS e PTP

ITS e PTP. ITS e PTP (Istituti di istruzione Superiore e Poli Tecnico Professionali) l ordinamento precedente L.144/99 art.69 (istituzione Sistema IFTS) L. 40/07 art.13 (disposizioni su istruzione Tecn. Prof. e valorizzazione

Dettagli

IL SISTEMA IeFP IN PIEMONTE. 1 dicembre 2016

IL SISTEMA IeFP IN PIEMONTE. 1 dicembre 2016 IL SISTEMA IeFP IN PIEMONTE 1 dicembre 2016 I percorsi triennali e quadriennali di IeFP I percorsi triennali e quadriennali di istruzione e formazione professionale offrono ai giovani l'opportunità di

Dettagli

IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO. Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia

IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO. Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia OBIETTIVI PRIMARI DELL AZIONE REGIONALE DOTE UNICA LAVORO: UN SISTEMA DI POLITICHE ATTIVE Attiva da ottobre

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA. VISTA la Legge regionale 30 giugno 2011, n. 5 Disciplina del sistema regionale dell istruzione e formazione professionale e s.m.

ACCORDO QUADRO TRA. VISTA la Legge regionale 30 giugno 2011, n. 5 Disciplina del sistema regionale dell istruzione e formazione professionale e s.m. ACCORDO QUADRO TRA Regione Emilia Romagna Assessorato Scuola, Formazione professionale, Università e Ricerca, Lavoro rappresentata dal Direttore Generale Cultura Formazione e Lavoro, Cristina Balboni,

Dettagli

Green Economy e occupazione: esperienze sul territorio senese

Green Economy e occupazione: esperienze sul territorio senese Crescita dell'occupazione in un'economia sostenibile. Ruolo delle PA Green Economy e occupazione: esperienze sul territorio senese Miriana BUCALOSSI Provincia di Siena SETTORE Formazione, Lavoro, Sviluppo

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 110 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 110 del 46880 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 settembre 2016, n. 1413 DGR n. 1216 del 02/08/2016 - Piano triennale territoriale della offerta di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore, ai sensi dell

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 28 luglio 2009 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n del 28 luglio 2009 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2301 del 28 luglio 2009 pag. 1/7 INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE DEL VENETO VISTI gli artt. 117 e

Dettagli

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Skills and Jobs of the Future: Modelli ed azioni di Regione Lombardia Assessore Valentina Aprea Febbraio 2016 Un sistema integrato di politiche Libertà di scelta,

Dettagli

La nuova legge regionale per il lavoro. Pier Angelo Turri REGIONE DEL VENETO

La nuova legge regionale per il lavoro. Pier Angelo Turri REGIONE DEL VENETO La nuova legge regionale per il lavoro Pier Angelo Turri REGIONE DEL VENETO Le premesse di contesto Riforma delle Province (Legge Delrio) Riforma del c.d. Jobs Act (D.Lgs n. 150/2015) Fase transitoria

Dettagli

FIXO LINEA 2 SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE e APPRENDISTATO DI I LIVELLO

FIXO LINEA 2 SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE e APPRENDISTATO DI I LIVELLO FIXO LINEA 2 SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE e APPRENDISTATO DI I LIVELLO T I M E V I S I O N S C A R L C o r s o A l c i d e D e G a s p e r i, 1 6 9 C a s t e l l a m m a r e d i S t a b i a ( N A

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Ist ru zi on e, Formazi on e e La vo r o Sistema Scolastico - Educativo regionale - Settore

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Ist ru zi on e, Formazi on e e La vo r o Sistema Scolastico - Educativo regionale - Settore O GG E TTO : APPROVAZIONE DELL'INVITO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI SUL TERRITORIO LIGURE N. 1145 IN 19/09/2013 LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

ALLEGATO 1. Descrittori

ALLEGATO 1. Descrittori A1) Qualità dell'insegnamento Conseguimento di competenze professionali certificate e attestati di formazione con ricaduta sull attività professionale (rif. anno in corso) Capacità di progettazione Capacità

Dettagli

Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro

Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro Sonia Rizzoli Parma, 14 aprile 2012 Sintesi dell intervento Alcuni dati sul contesto economico e sulla situazione occupazione dei

Dettagli

Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro

Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro Avviso Flusso Garanzia Giovani, Apprendistato I e III livello, percorsi ITS e IFTS Ass. Valentina Aprea 21 Giugno 2016 STUDIARE IN AZIENDA, TROVARE

Dettagli

Le nuove opportunità per l alternanza scuola lavoro nelle linee di sviluppo regionali

Le nuove opportunità per l alternanza scuola lavoro nelle linee di sviluppo regionali Le nuove opportunità per l alternanza scuola lavoro nelle linee di sviluppo regionali 2016-2018 Firenze, 21 luglio 2016 RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77 Definizione

Dettagli

CONVENZIONE. il Comune di [della Comunità montana... / del Consorzio dei Comuni di ] rappresentato dal Sindaco [ o altro soggetto istituzionale]

CONVENZIONE. il Comune di [della Comunità montana... / del Consorzio dei Comuni di ] rappresentato dal Sindaco [ o altro soggetto istituzionale] Comune di CONVENZIONE TRA il Ministero della Pubblica Istruzione nel seguito detto "MPI" qui rappresentato dall Agenzia Nazionale per lo sviluppo dell autonomia Scolastica (ex IRRE) - Gestione Commissariale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015)

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015) AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015) ALL. A) Riferimenti normativi - D.Lgs. 17 ottobre 2005, n. 226, recante

Dettagli

Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia

Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia Primi Orientamenti Comitato permanente di promozione del turismo in Italia Riunione del 13 gennaio 2016, Roma Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POSATORA - PIANO ARCHI Scuola Infanzia Primaria Secondaria 1 grado Via Urbino, ANCONA

ISTITUTO COMPRENSIVO POSATORA - PIANO ARCHI Scuola Infanzia Primaria Secondaria 1 grado Via Urbino, ANCONA ISTITUTO COMPRENSIVO POSATORA - PIANO ARCHI R. 10 CARTA DELLA QUALITÀ LIVELLO STRATEGICO Politica della qualità L Istituto Comprensivo Posatora Piano-Archi offre una serie di servizi che vanno dalla scuola

Dettagli

LA CGIL PER IL RILANCIO E LA RIFORMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE PERCHÉ INVESTIRE RIFORMANDO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

LA CGIL PER IL RILANCIO E LA RIFORMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE PERCHÉ INVESTIRE RIFORMANDO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE PERCHÉ INVESTIRE RIFORMANDO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE LE CRITICITA DEL SISTEMA ATTUALE LA PROPOSTA L ARCHITRAVE DELLA RIFORMA LE GAMBE DELLA RIFORMA LE INTERAZIONI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE UN SISTEMA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI SPERIMENTAZIONI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI SPERIMENTAZIONI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI SPERIMENTAZIONI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEI SETTORI DEL TERZIARIO, DELLA DISTRIBUZIONE E DEI SERVIZI (in applicazione della DGR 19432 del 19.11.04)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ALLEGATO A REGIONE LIGURIA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale ACCORDO TRA REGIONE LIGURIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE

Dettagli

Tecnico Regionale, composto da rappresentanti della Regione Toscana, dell Ufficio scolastico regionale, degli. 1. Governo del sistema

Tecnico Regionale, composto da rappresentanti della Regione Toscana, dell Ufficio scolastico regionale, degli. 1. Governo del sistema TOSCANA Estratto da: La sperimentazione dei percorsi di istruzione e formazione professionale. Secondo rapporto di monitoraggio. Parte Seconda. Schede regionali, Isfol, 2006 1. Governo del sistema La Regione

Dettagli

Atto Dirigenziale n 4036/2016

Atto Dirigenziale n 4036/2016 N.4036/2016 Atto Dirigenziale n 4036/2016 SETTORE LAVORO - FORMAZIONE - PUBBLICA ISTRUZIONE Proposta n 459/2016 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ FORMATIVA IN DIRITTO DOVERE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE ANNO

Dettagli

Promuovere le scelte

Promuovere le scelte LOGO Promuovere le scelte Piano di orientamento a cura dell U.S.R. per l Umbria - a.s. 2010/2011 Umbertide (Pg) - Narni (Tr) 27 e 28 gennaio 2011 L impianto, i settori, gli indirizzi del secondo ciclo

Dettagli

I PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA POST DIPLOMA L ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

I PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA POST DIPLOMA L ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE I PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA POST DIPLOMA L ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE Cosa faccio dopo il diploma? ISCRIZIONE UNIVERSITARIA ISCRIZIONE AI PERCORSI ITS ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO PROF. G.

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2016 (punto N 19 ) Delibera N 215 del 22-03-2016 Proponente CRISTINA GRIECO DIREZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

Vibo Valentia, 19 ottobre 2017 Rossella MENGUCCI

Vibo Valentia, 19 ottobre 2017 Rossella MENGUCCI Vibo Valentia, 19 ottobre 2017 Rossella MENGUCCI Identità dell istruzione professionale (D.lgs. 13 aprile 2017, n. 61) Gli indirizzi di studio definiti a livello nazionale possono essere declinati dalle

Dettagli

RETE DEI REFERENTI PER LE ATTIVITA SCUOLA-TERRITORIO-MONDO DEL LAVORO SECONDO INCONTRO

RETE DEI REFERENTI PER LE ATTIVITA SCUOLA-TERRITORIO-MONDO DEL LAVORO SECONDO INCONTRO "Servizi di orientamento finalizzati a favorire la permanenza e il rientro nel sistema di istruzione e di Istruzione e Formazione Professionale, ad agevolare la transizione scuola-lavoro, a contrastare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 55/15 DEL

DELIBERAZIONE N. 55/15 DEL Oggetto: Istruzione e formazione tecnica superiore. Esercizio finanziario 2016. Approvazione nuovi corsi e riparto fondi. Assegnazione contributi regionali. L Assessore della Pubblica Istruzione, Beni

Dettagli

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI GIORNO ATTIVITA N ORE SETTEMBRE 01.09.2015 Ore 09,00 12,00 Aula Montalcini COLLEGIO DOCENTI 1) Approvazione verbale seduta precedente; 2) Designazione dei collaboratori e del vicario del dirigente scolastico;

Dettagli

AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO

AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO L apprendistato per la qualifica e il diploma professionale: La formazione interna. Modalità e strumenti per l inserimento in azienda dell apprendista di primo livello Il Decreto Interministeriale - Standard

Dettagli

3. Indirizzi per la realizzazione di un offerta coordinata a livello territoriale

3. Indirizzi per la realizzazione di un offerta coordinata a livello territoriale ALLEGATO A) Linee guida: indice - Premessa - Obiettivi 1. Glossario 2. I Poli tecnico-professionali a) I poli in una logica di rete b) Significato e funzionalità del polo 3. Indirizzi per la realizzazione

Dettagli

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola APPRENDISTATO: PILASTRO DEL SISTEMA DUALE Gianni Bocchieri Febbraio 2016 APPRENDISTATO: PILASTRO DEL SISTEMA DUALE L apprendistato rappresenta l asse portante

Dettagli

Istituti tecnici secondari e Poli tecnico professionali

Istituti tecnici secondari e Poli tecnico professionali Istituti tecnici secondari e Poli tecnico professionali LE RAGIONI DI UN DECLINO Mission incerta (troppa licealizzazione?) Persa l'identità basata sul forte raccordo con le aziende Abolito lo statuto giuridico

Dettagli

PARTE IV TABELLE FINANZIARIE ANNO 2012

PARTE IV TABELLE FINANZIARIE ANNO 2012 PARTE IV TABELLE FINANZIARIE ANNO 2012 TAVOLA SINOTTICA PER ASSI, CATEGORIE DI SPESA, ATTIVITA, AZIONI PROGRAMMATE, CARATTERISTICHE INIZIATIVE,TARGET DI UTENZA E RELATIVI COSTI ASSE I - ADATTABILITÀ Categoria

Dettagli

PROGETTO ESAGONO PER L ORIENTAMENTO. Cosa fare dopo il diploma?

PROGETTO ESAGONO PER L ORIENTAMENTO. Cosa fare dopo il diploma? PROGETTO ESAGONO PER L ORIENTAMENTO Cosa fare dopo il diploma? Cosa fare dopo il diploma? Accademie Corsi di specializzazione annuali riconosciuti dalla UE/Regione IL MIO ORIENTAMENTO: COSA FACCIO DOPO

Dettagli

CALENDARIO DELLE AZIONI

CALENDARIO DELLE AZIONI CALENDARIO DELLE AZIONI AZIONE TIPOLOGIA CONTENUTI AVVIO Azione 1 Azione 2 Azione 3 Laboratorio territoriale: ricerca delle condizioni di efficacia Formazione formatori e operatori Sperimentazione dei

Dettagli

3ISTRUZIONE E FORMAZIONE

3ISTRUZIONE E FORMAZIONE 3ISTRUZIONE E FORMAZIONE I NUOVI PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE IL RAPPORTO SCUOLA-LAVORO IL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE I CORSI PER ADULTI I nuovi percorsi

Dettagli

A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale

A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale 1 Obiettivi Informare gli studenti dell ultimo anno sulla riforma della scuola superiore e sulle opportunità formative del territorio.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia PIANO REGIONALE DI ORIENTAMENTO PRIMA FASE ATTIVITA PER SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO SETTEMBRE/

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento Sviluppo economico, Lavoro, Formazione e Politiche sociali

Regione Calabria Dipartimento Sviluppo economico, Lavoro, Formazione e Politiche sociali Regione Calabria Dipartimento Sviluppo economico, Lavoro, Formazione e Politiche sociali Standard formativi sperimentali per la progettazione e l erogazione dei percorsi formativi Indice 1. Contesto di

Dettagli

Roma 24 novembre 2015

Roma 24 novembre 2015 Roma 24 novembre 2015 LE LINEE GUIDA DEL GOVERNO GUIDA OPERATIVA PER LA SCUOLA Fabrizio Proietti MIUR Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LE ALLEANZE TERRITORIALI

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LE ALLEANZE TERRITORIALI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LE ALLEANZE TERRITORIALI 1 a cura di BARBARA DEGL INNOCENTI Dirigente Scolastico IIS Sassetti Peruzzi - Firenze L ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO COME MODELLO DIDATTICO Rispetto al corso

Dettagli

Deliberazione n del 4 dicembre 2009

Deliberazione n del 4 dicembre 2009 A.G.C. 06 - Ricerca Scientifica, Statistica, Sistemi Informativi ed Informatica - Deliberazione n. 1792 del 4 dicembre 2009 Approvazione schema di Accordo di collaborazione in materia di ricerca e innovazione

Dettagli

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare. CORSO

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare. CORSO ITS CORSO 2011-2013 TECNICO RESPONSABILE DELLE PRODUZIONI E DELLE TRASFORMAZIONI AGRARIE, AGRO-ALIMENTARI E AGRO-INDUSTRIALI www.itsparma.it TECNICI DI ALTO PROFILO PER IL SETTORE AGROALIMENTARE. il nuovo

Dettagli

Protocollo d'intesa tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE DIOCESI DI NOVARA. per la realizzazione di attività di alternanza scuola lavoro

Protocollo d'intesa tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE DIOCESI DI NOVARA. per la realizzazione di attività di alternanza scuola lavoro Protocollo d'intesa tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE e DIOCESI DI NOVARA per la realizzazione di attività di alternanza scuola lavoro AA.SS. 2015/2016-2016/2017-2017/2018 L'Ufficio Scolastico

Dettagli

VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO

VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO CAPITOLO 4 4.9 Con l emanazione del DPR 80/2013 e della legge 107/2015 si sta delineando un compiuto sistema di valutazione finalizzato alla qualificazione del servizio scolastico, alla valorizzazione

Dettagli

e la formazione delle nuove figure professionali

e la formazione delle nuove figure professionali SEMINARIO NAZIONALE EPALE Migranti e rifugiati: nuovi bisogni formativi degli educatori Catania, 20 novembre 2015 I cambiamenti nei CPIA e la formazione delle nuove figure professionali Giovanna Del Gobbo,

Dettagli

I progetti Erasmus+ e le strategie di sviluppo del sistema di istruzione degli adulti in Italiap

I progetti Erasmus+ e le strategie di sviluppo del sistema di istruzione degli adulti in Italiap Centro Provinciale Istruzione Adulti (C.P.I.A.) Caltanissetta/Enna C.F. 92063460858 - Codice meccanografico: CLMM04200B Sede amministrativa: Viale Regina Margherita, n. 26 93100 Caltanissetta Tel/Fax:

Dettagli

Il modello lombardo di alternanza scuola lavoro

Il modello lombardo di alternanza scuola lavoro Il modello lombardo di alternanza scuola lavoro Baveno 3 aprile 2014 Maria Rosaria Capuano Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia IL CONTESTO LOMBARDO NEL RAPPORTO SCUOLA LAVORO consolidata tradizione

Dettagli

LA GARANZIA GIOVANI IN VENETO OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E LE IMPRESE

LA GARANZIA GIOVANI IN VENETO OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E LE IMPRESE LA GARANZIA GIOVANI IN VENETO OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E LE IMPRESE La Garanzia Giovani - YEI L iniziativa Europea per l Occupazione dei Giovani (YEI) è aperta a tutte le Regioni con un livello di disoccupazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LAZIO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LAZIO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LAZIO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro

Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro 26 settembre 2016 Dott. Santo Romano Direttore Area Capitale Umano e Cultura IL CONTESTO NORMATIVO Legge Moratti (L.53/2003) D.Lgs. 77/2005

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO / anno scolastico

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO / anno scolastico ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO / anno scolastico 2011-12 Riferimenti normativi DPR n.88/2009 per gli istituti tecnici I percorsi dei nuovi istituti tecnici danno, inoltre, ampio spazio alle metodologie finalizzate

Dettagli

Preambolo Il Consiglio regionale

Preambolo Il Consiglio regionale All. A Disposizioni in materia di istruzione, formazione e di concertazione con le parti sociali. Modifiche alla legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 (Testo unico della normativa della Regione Toscana

Dettagli

PROGETTI INNOVATIVI AUTONOMI DI SPERIMENTAZIONE IN ASL

PROGETTI INNOVATIVI AUTONOMI DI SPERIMENTAZIONE IN ASL PROGETTI INNOVATIVI AUTONOMI DI SPERIMENTAZIONE IN ASL ORDINAMENTO E INDIRIZZO DI RIFERIMENTO Il Progetto coinvolge le classi terze e quarte dell indirizzo TURISMO. L indirizzo TURISMO è un indirizzo specifico

Dettagli

Fase valutazione, monitoraggi, individuazione indicatori TUTTI I DIRIGENTI TECNICI. Fase istruttoria e fase assegnazione fondi

Fase valutazione, monitoraggi, individuazione indicatori TUTTI I DIRIGENTI TECNICI. Fase istruttoria e fase assegnazione fondi AREE DI INTERVENTO COMUNI a Dirigenti Tecnici e al Personale utilizzato per il supporto all autonomia delle Sistema Nazionale di Valutazione: supporto alle esami di Stato, di qualifica, di abilitazione

Dettagli

L Altern an za scuola-lavoro. Reggio Em ilia

L Altern an za scuola-lavoro. Reggio Em ilia L Altern an za scuola-lavoro Reggio Em ilia -29.11.2016 Che cosa è l alternanza E una metodologia didattica, basata sull integrazione tra il mondo dell istruzione e quello lavorativo, per: assicurare agli

Dettagli