I Confidi in Italia. A cura di: Artusio R., Bolognese D., Franchino M., Quaglia R. (ESCP EUROPE) Torino, 11 luglio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Confidi in Italia. A cura di: Artusio R., Bolognese D., Franchino M., Quaglia R. (ESCP EUROPE) Torino, 11 luglio 2013"

Transcript

1 I Confidi in Italia A cura di: Artusio R., Bolognese D., Franchino M., Quaglia R. (ESCP EUROPE) Torino, 11 luglio 2013

2 Indice I Confidi in Italia Censimento dei confidi italiani Analisi dei bilanci 2012 dei primi 10 confidi in Italia Il pricing medio del mercato delle garanzie in Italia Confidi in Censimento dei confidi in Analisi dei 16 confidi piemontesi 1

3 I confidi operativi in Italia nel 2012 sono 510 in forte calo rispetto ai 696 del 2007 (Cagr : 6%) Primo grado Secondo grado Evoluzione dei confidi in Italia ; # % % * Il numero dei confidi italiani è diminuito dell ultimo anno del 3% in linea con il trend del periodo (Cagr : - 6%). Le cause principali sono 2: l evoluzione del quadro normativo finalizzato alla razionalizzazione del sistema delle garanzie in Italia il gran numero di fusioni, soprattutto riguardanti i confidi di I grado portate a termine a partire dal Note: * aggiornamento a novembre 2012 Fonti: Elenco Banca Torino, d Italia, 12 Archivio ottobre Ulisse, 2011 analisi del team di lavoro 2

4 Il mercato delle garanzie è caratterizzato da grande concentrazione Player principali Altri player Numero di confidi: Totale: % 89% Stock di garanzie in essere: Totale: % 22% Sebbene rappresentino solo l 11% dell offerta di mercato in termini di numerica i Player Principali, ossia confidi con stock di garanzie 75 milioni di euro detengono il 78% delle garanzie in essere sul mercato. Per contro, la moltitudine di confidi di piccole dimensioni (465 in tutto, pari a circa l 89% del mercato) detiene appena il 22% dello stock complessivo di garanzie in essere Fonti: Elenco Banca d Italia, bilanci 31/12/2011, analisi del team di lavoro. Dati al 31/12/2011 3

5 L offerta è concentrata anche all interno del gruppo dei player principali: i Top 10 confidi detengono il 59% delle garanzie relative ai player principali (46% del mercato complessivo) Top 10 Altri player principali Quota dei top 10 sul mercato dei player principali: Totale: mio Il 59% del mercato dei 60 41% 59% player principali è relativo ai Top 10 confidi italiani: Eurofidi Italia Com-Fidi Fidi Toscana Artigiancredito Toscano Unifidi Emilia Romagna Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centro Fidi Terziario Confartigianato Fidi Note: Sono identificati come player principali i confidi di I grado con stock 75 milioni Fonti: Bilanci31/12/2011, Torino, analisi 12 ottobre del team 2011di lavoro 4

6 L ampiezza del mercato delle garanzie in Italia è in contrazione (Δ2011/2010: -9,5%) a causa di una forte riduzione del stock garantito dai player principali (Δ2011/2010: -12,6%) Player principali Totale mercato 4,7% -9,5% ,9% -12,6% Altri Player -3,4% 3,5% Il mercato delle garanzie in Italia nel 2011 è diminuito del 9,5% in controtendenza rispetto al trend del periodo (Cagr. 06/ 11: 4,7%) La contrazione del mercato nel 2011 è legata alla riduzione di attività dei P.P. (-12,6%) Il mercato degli A.P. nel 2011, a differenza di quello dei P.P, è cresciuto del +3,5%. Tale crescita non è però sufficiente a supportare il mercato complessivo che presenta un trend ribassista nel biennio di riferimento Fonti: Bilanci 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011 analisi del team di lavoro 5

7 Quasi la metà dei confidi è localizzata nel sud Italia, ma il 56% delle garanzie in essere fa riferimento ai confidi del Nord Nord Centro Distribuzione confidi per area geografica (numerica) Totale: % 31% 21% Distribuzione confidi per area geografica (stock) Totale: mio 14% 56% 30% Sud Al Nord il processo di razionalizzazione del mercato ha portato alla concentrazione di pochi (31%) grandi player che detengono oltre la metà dello stock complessivo di garanzie (56%) Nel Sud Italia vi sono molti soggetti (48% del totale, in termini di numerica) di ridotte dimensioni che gestiscono piccoli stock di garanzie (14%) Fonti: Bilanci Elenco Banca d Italia, archivio Ulisse CCIAA. Analisi del team di lavoro 6

8 I confidi artigiani sono i più numerosi, ma quasi la metà delle garanzie in essere è detenuta da confidi industriali Distribuzione confidi per settore d attività (numerica) Totale: % 13% 4% 14% 45% Distribuzione confidi per settore d attività (stock) Totale: mio 24% 31% 1% 3% 41% Agricoltura Industria Artigianato Commercio Altro I confidi industriali gestiscono quasi la metà del mercato delle garanzie italiano (41%), sebbene siano soltanto il 14% in termini di numerica I confidi artigiani rappresentano il 45% del mercato per numerica, ma la dimensione media è ridotta (31%) I confidi del commercio hanno un peso equivalente sia in termini di numerica che di stock (24%) Fonti: Bilanci Elenco Banca d Italia, archivio Ulisse CCIAA. Analisi del team di lavoro 7

9 Indice I Confidi in Italia Censimento dei confidi italiani Analisi dei bilanci 2012 dei primi 10 confidi in Italia Il pricing medio del mercato delle garanzie in Italia Confidi in Censimento dei confidi in Analisi dei 16 confidi piemontesi 8

10 9 confidi su 10 hanno diminuito il proprio stock di garanzie nel 2012 rispetto al 2011 Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancredito Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi Stock di garanzie in essere Δ 2012/2011-3,5% -11,8% -3,4% +1,6% -14,4% -6,9% -22,8% -4,4% -9,9% 0% 8 confidi su 10 hanno diminuito il proprio stock di garanzie nel 2012 rispetto al Un confidi nel gruppo dei top 10 ha aumentato il proprio stock di garanzia dell 1,6% nell ultimo anno di osservazione (Unifidi Emilia Romagna) Tra i decrementi più significativi, 1 confidi su 10 ha subito una diminuzione dei volumi di attività di oltre 20 punti percentuali (Confidi Lombardia) Fonti: Bilanci 2011, 2012 analisi del team di lavoro 9

11 Lo schema standard di riclassificazione è finalizzato ad evidenziare i due fattori critici di successo del mercato delle garanzie: solidità e profittabilità Sezioni Voci di bilancio FATTORI CRITICI DI SUCCESSO SOLIDITA PROFITTABILITA Patrimonio a disposizione per copertura rischi Impegni Ricavi Costi Patrimonio di base Patrimonio supplementare Patrimonio di vigilanza Stock di garanzie prestate al 31/12 Stock sofferenze in essere al 31/12 RWA Flusso di garanzie prestate nell esercizio Ricavi operativi Costi operativi Costi totali Dati patrimoniali Dati economici Perdite Insolvenze nette 10

12 Metà dei confidi top10 nel biennio ha incrementato il proprio patrimonio di vigilanza Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancredito Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi Patrimonio di vigilanza K euro Δ 2012/ ,0% -1,6% -5,6% +17,9% +4,7% +9,4% -17,1% -0,5% +1,5% +10,2% I confidi hanno aumentato il loro patrimonio utilizzando modalità quali: M&A, aumenti di capitale, incentivi pubblici, crescita interna e mix delle precedenti. Il 50% dei confidi top10 ha aumentato il proprio patrimonio di vigilanza nel biennio Due confidi su 5 hanno aumentato il proprio PdV di oltre 10 punti percentuali (Unifidi E.R. e Confart. Fidi ) Tra i decrementi significativi si registrano un -12% (Eurofidi) ed un -17,1% (Confidi Lombardia) Fonti: Bilanci 2011, 2012 analisi del team di lavoro 11

13 La componente preponderante del patrimonio di vigilanza dei confidi italiani è il patrimonio di base Composizione patrimonio di vigilanza %, 2011 %, 2012 Patr. di base Patr. supplem. Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancredito Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi 96,76% 3,24% 93,77% 6,23% 99,70% 0,30% 97,92% 2,08% 81,51% 18,49% 87,94% 12,06% 66,81% 33,19% 94,57% 5,43% 92,88% 7,12% 92,18% 7,82% 94,16% 5,84% 95,63% 4,37% 99,40% 0,60% 91,91% 8,09% 95,14% 4,86% 87,44% 12,56% 80,31% 19,69% 97,87% 2,13% 89,30% 95,45% 10,70% 4,55% I Confidi possono detenere patrimonio supplementare fino al 50% del patrimonio di vigilanza Il ricorso al patrimonio supplementare negli ultimi anni è in aumento a seguito degli incentivi pubblici che spesso si configurano come strumenti ibridi di patrimonializzazione. 9 confidi su 10 detengono una quota di patrimonio supplementare > all 1% 5 confidi su 10 nel 2012 hanno aumentato il ricorso al patrimonio supplementare Fonti: Bilanci 2011, 2012 analisi del team di lavoro CFT: Bilancio 31/12/2012 Torino, non 12 ancora ottobre approvato

14 La solvibilità dei confidi italiani è soddisfacente ( 6%) e strettamente dipendente dal mix di forme tecniche delle garanzie prestate Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancredito Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi Total Capital Ratio (TCR) - con indicaz. limite 6% 11,43% 8,34% 11,68% 10,58% 6,86% 7,93% 7,08% 8,81% 9,12% 10,87% 6,93% 7,21% 9,00% 10,24% 11,31% 12,11% 13,69% 15,10% 33,46% 38,66% La normativa secondaria di Banca d Italia prevede l obbligo di mantenere un indice di solvibilità Total Capital Ratio (TCR) superiore o uguale al 6% per i confidi vigilati. I confidi top 10 italiani nel 2012 si caratterizzano per un buon valore dell indice di solvibilità TCR. La totalità dei confidi top 10 ha un TCR 6% Il 60% dei confidi del campione ha un TCR addirittura superiore al 10% 8 confidi su 10 hanno aumentato il proprio TCR rispetto all anno precedente 6,0% Fonti: Bilanci 2011, 2012 Torino, analisi 12 ottobre del team 2011 di lavoro 13

15 La controgaranzia del Fondo Centrale di Garanzia (FCG) è un importante forma di mitigazione del rischio in quanto assistita dalla garanzia di ultima istanza dello Stato Controgaranzie FCG attivate per area geografica Totale: 2.059,839 mio 9,20% 10,37% 80,43% Controgaranzie FCG attivate per regioni di riferimento Abruzzo 0,29% Basilicata 0,02% Calabria 0,15% Campania 3,43% Emilia R. 1,23% Friuli V.G. 0,28% Lazio 0,84% Liguria 0,18% Lombardia 5,40% Marche 0,73% Molise 0,06% 70,15% Puglia 1,53% Sardegna 0,98% Sicilia 3,90% Toscana 7,31% Trentino A.A. 0,11% Umbria 0,32% Valle d Aosta 0,13% Veneto 2,96% Fonti: Ministero dello Sviluppo Economico. Dati dal 1 gennaio 2012 al 31 dic Elaborazioni del team di lavoro. 14 Nord Centro Sud La controgaranzia del FCG, legata alla garanzia di ultima istanza dello Stato, permette al Confidi di applicare alle garanzie a valere sul patrim. da essa assiste il coefficiente di ponderazione assegnato allo Stato italiano: 0%. La maggior parte delle controg. FCG rilasciate nel 2012 si concentra nel Nord Italia (80,43%). Il maggiore utilizzatore di controgaranzia FCG è il (70,15%) grazie alla presenza di Eurofidi che da solo detiene il 33,34% delle garanzie complessive rilasciate dal Fondo Centrale

16 Anche gli incentivi pubblici locali erogati dalle Camere di commercio supportano l attività dei confidi Numero di confidi beneficiari Totale: % 19% 50% Totale contributi erogati Totale: 59,579 mio 18% 16% Fonte: Istituto Guglielmo Tagliacarne 2012, Monitoraggio delle misure di sostegno ai confidi attuate dal sistema camerale. Unioncamere, Dati al Elaborazioni del team di lavoro % Nord Centro Sud I contributi erogati dalle C.C.I.A.A. a favore dei confidi si configurano come: Contributi atti a rafforzare la capacità di erogazione delle garanzie (es. Fondo rischi, strumenti ibridi di patrimonializzazione) Contributi in c/interessi per l abbattimento dei tassi sui prestiti alle imprese socie La maggioranza dei confidi beneficiari dei contributi è localizzata al Nord (50%). La maggior parte dei contributi erogati è concentrata al nord (39,176 mio equivalente al 66% del totale)

17 Metà dei confidi top 10 nel 2012 presenta un tasso di sofferenza inferiore al 3% Tasso di sofferenza * %, 2011 %, 2012 Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancredito Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi n.d. 1,50% 4,90% 0,50% 4,10% 6,20% 0,20% 16,80% 18,20% 16,00% 16,13% 23,18% 8,53% 1,20% 2,82% 2,01% 5,17% 0,15% 0,20% 15,98% Il tasso di sofferenza quantifica l ammontare delle esposizioni nei confronti di soggetti in stato di insolvenza o in situazioni sostanzialmente equiparabili Metà dei confidi top 10 presenta un tasso di sofferenza superiore al 3%, valore considerato la % media di default. 3 confidi su 10 nel novero dei top 10, nel 2012 presentano un tasso di sofferenza superiore al 15% (Eurofidi, Italia Com-Fidi e Confartigianato Fidi ). * Stock garanzie in sofferenza / Stock garanzie Fonti: Bilanci 2010, Torino, 2011, 2012 ottobre analisi 2011 del team di lavoro 16

18 L impatto delle perdite lorde sulla gestione è in aumento rispetto all anno precedente Tasso d insolvenza lordo ** %, 2011 %, 2012 Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancredito Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi 1,06% 1,10% n.d. 1,20% 1,06% n.d. 0,54% 0,64% 0,42% 3,92% 0,79% 0,89% n.d. n.d. 2,20% 0,89% 4,83% n.d. 4,52% 9,12% Il tasso di insolvenza lordo misura l impatto delle perdite lorde sulla gestione caratteristica Un confidi su 7 presenta nel 2012 un tasso di insolvenza lordo superiore al 9% (Centrofidi Terziario). Tendenzialmente le insolvenze lorde sono in aumento nel 2012 rispetto all anno precedente (4 confidi su 7) 3 confidi su 7 riescono a mantenere il tasso di insolvenza lordo al di sotto dell 1% (Eurofidi, Italia Com- Fidi e Artigianfidi Lombardia) ** Perdite lorde/ Stock medio degli ultimi tre esercizi (2010, 2011 e 2012) Fonti: Bilanci 2010, Torino, 2011, 2012 ottobre analisi 2011 del team di lavoro 17

19 Più della metà dei confidi top 10 nel 2012 hanno creato margine positivo Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancr. Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi Margine operativo K euro - %, 2012 Ricavi, Costi, Margine Ric, Costi, Marg. % su flusso ,8% 2,7% 0,7% 0,9% 2,2% 4,2% 6,1% 5,7% 2,5% 5,4% n.d. 4,0% 3,1% 5,4% 4,9% 5,5% 9,6% 5,0% 5,1% Fonti: Bilanci 2011, Analisi del team di lavoro 18 0,1% -0,2% 2,0% 0,4% -2,9% 0,9% 0,5% 4,1% n.d. -0,1% Ricavi operativi Costi operativi I confidi nel 2012 hanno prodotto un reddito positivo dall attività di prestazione di garanzie. Rispetto al 2011 si registra una contrazione del margine operativo. Tale fattore è da imputare ad un incremento dei costi operativi: costo della controgaranzia e costi di struttura. Nel novero dei top 10, 7 confidi nel 2012 hanno prodotto margine positivo. 2 confidi su 10 hanno prodotto un margine positivo rapportato al flusso di garanzie erogate superiore all 1%.

20 L incidenza dei costi non operativi nel 2012 è stata relativamente contenuta Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancr. Toscano Unifidi E.R. Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi Costi non operativi K euro, Costi non operativi % su costi totali, ,90% 11,02% 9,28% 10,72% 5,24% 12,63% 7,75% 14,50% 15,48% 23,92% Costi operativi Costi totali Il contenimento dei costi non operativi è un tema importante, in quanto l inefficienza interna può facilmente erodere i bassi margini operativi realizzati dai confidi Tutti i confidi top10 riescono a mantenere i costi non operativi al di sotto della soglia di ¼ dei costi totali Un confidi su 10 presenta un incidenza dei costi non operativi al limite della soglia del 25% (Italia Com-Fidi: 23,92%) 6 confidi su 10 presentano un incidenza > 10% Fonti: Bilanci 2011, Analisi del team di lavoro 19

21 Nonostante il risultato d esercizio spesso negativo, la gestione caratteristica risulta nel complesso positiva Margine operativo, Utile d esercizio, Fatturato K euro - %, 2012 Marg op. / fatturato Margine operativo Utile d esercizio Eurofidi Italia Com- Fidi Artigiancr. Toscano Unifidi E.R Unionfidi Artigianfidi Lombardia Confidi Lombardia Centrofidi Terziario Artigianfidi Vicenza Confart. Fidi Fonti: Bilanci 2011, Analisi del team di lavoro 20 0,9% -20,5% -16,6% 6,3% -117% 22,2% 10% 42,9% 4,9% -0,8% Nonostante il risultato d esercizio spesso negativo, la gestione caratteristica risulta nel complesso positiva 7 confidi su 10 hanno nel 2012 margine operativo positivo Il risultato d esercizio negativo è dovuto principalmente ad accantonamenti e insolvenze

22 Indice I Confidi in Italia Censimento dei confidi italiani Analisi dei bilanci 2012 dei primi 10 confidi in Italia Il pricing medio del mercato delle garanzie in Italia Confidi in Censimento dei confidi in Analisi dei 16 confidi piemontesi 21

23 Nel decennio i confidi che si sono trasformati in intermediari vigilati hanno acquisito un importante ruolo nella catena del valore del credito grazie al notevole incremento di garanzie prestate alle PMI 2003 Legge quadro sui Confidi (D.L. 269/2003) Il Parlamento demanda a Banca d Italia la redazione di una normativa secondaria finalizzata a razionalizzare e professionalizzare il mercato delle garanzie Normativa secondaria Banca d Italia Banca d Italia fissa in 75 mio di attività finanziarie il limite sopra il quale i confidi sono obbligati a trasformarsi in intermediari finanziari vigilati ex.art. 107 TUB Adeguamento alla normativa secondaria Fra il 2009 e il 2011 tutti i Player Principali si trasformano in intermediari vigilati. Fra il 2011 e il 2013 altri confidi raggiungono la massa critica per la trasformazione e si sottopongono a vigilanza Fra il 2003 e il 2013 i confidi di maggiori dimensioni si sono trasformati in intermediari finanziari vigilati aumentando considerevolmente il loro livello di professionalità e diventando degli attori del mercato del credito molto importanti in quanto in grado di: Mitigare il rischio di credito per le banche finanziatrici Ridurre l assorbimento di capitale Facilitare l accesso al credito alle PMI 22

24 Oggi quanto impatta in termini di costi per il cliente la garanzia confidi? Razionalizzazione del mercato delle garanzie I vantaggi I confidi si professionalizzano, aumentano i volumi di garanzie prestate e la qualità delle stesse ai fini della mitigazione del rischio e acquisiscono un importantissimo ruolo di facilitatori di accesso al credito per le PMI Le criticità I confidi si trovano a dover fronteggiare un consistente incremento dei costi causato dall adeguamento alla nuova normativa, dalle maggiori insolvenze e dall incremento dei volumi di garanzie prestate. Per farlo agiscono sulla leva del pricing aumentando il costo finale del credito per le PMI Il consistente sviluppo del mercato delle garanzie italiano nel periodo , ha consentito l erogazione di finanziamenti a molte PMI che altrimenti non avrebbero potuto avere accesso al credito, ma a quale prezzo? Quanto impatta in termini di costi per il cliente la garanzia dei confidi? 23

25 L analisi del costo medio della garanzia per le PMI garantite si compone di tre fasi Descrizione Definizione campione di riferimento e raccolta dati Il campione è composto dai primi 10 confidi per dimensione censiti nella quinta edizione dell Osservatorio Raccolta dei dati necessari all analisi: Foglio informativo Listino prezzi Interviste qualitativo/quantitative Normalizzazione dei dati raccolti Al fine di rendere confrontabili i dati disomogenei dei confidi Top10 sono stati stabiliti criteri di «normalizzazione» (montante, unità di misura, durata, rating, ecc ) Analisi delle politiche di princing adottate dai confidi del campione Analisi qualitativa: Individuazione dei modelli di pricing adottati con particolare approfondimento sulla forma tecnica «Garanzia a valere sul patrimonio con strumenti di mitigazione di rischio*» Analisi quantitativa: Individuazione del prezzo complessivo e del del prezzo sintetico medio della garanzia per ognuno dei confidi del campione Variazione del prezzo in presenza di mitigatori del rischio * La garanzia sussidiaria è stata esclusa in quanto solo 3 dei 10 confidi del campione presenta un flusso positivo di questa forma tecnica e di questi solo uno presenta un flusso con un peso consistente. Dalle interviste è inoltre emerso che il 70% dei confidi che emette garanzie a valere sul patrimonio lo fa solo in presenza di strumenti di mitigazione del rischio. 24

26 Per ognuno dei Top10 confidi del mercato delle garanzie il team di lavoro ha raccolto e messo a confronto foglio informativo e listino prezzi integrando tali documenti con le informazioni concesse nel corso di interviste* Stock di garanzie totali** Eurofidi Documenti raccolti Nord Ovest Nord Est Centro Unionfidi Confart.Piem. Confidi Lomb. Conf.Pr.Lomb Neafidi Unifidi E.R. Italia Comfidi ACT C.Fidi Terz Il campione selezionato rappresenta il 41% del mercato complessivo delle garanzie in Italia Foglio informativo: documento pubblico. La sua divulgazione è obbligatoria in ottemperanza alle normative sulla trasparenza. Il contenuto non è sufficiente all analisi in quanto spesso sono indicati soltanto i livelli massimi di pricing Listino prezzi: documento non pubblico necessario per definire il livello medio di pricing * Sono stati intervistati 9 dei 10 confidi del campione ** Bilancio 31/12/

27 Per rendere confrontabili i dati raccolti si è resa necessaria un elaborazione sulla base di sei criteri di normalizzazione (1/2) 1 Montante applicazione prezzo Scadenza Modulazione Modulazion 2 Unità di misura pagamenti pricing per e pricing pricing durata per rating Modulazione pricing per importo Su garanzia Annuale Costo per il cliente Su finanziamento % Una Tantum Aliquota unica Modulaz. scadenza Modulaz. rating No modulaz. rating Modulaz. importo No modulaz. importo Fonti: Bilanci 2010, 2011, 2012, Foglio Informativo, listino prezzi interviste. Analisi del team di lavoro 26

28 Per rendere confrontabili i dati raccolti si è resa necessaria un elaborazione sulla base di sei criteri di normalizzazione (2/2) Ipotesi team di lavoro Montante applicazione prezzo Unità di misura pricing Scadenza pagamenti 4 Modulazione pricing per durata Modulazione pricing per rating Modulazione pricing per importo Per ogni confidi la % è stata riparametrata sull importo della garanzia tenendo conto del % medio di garanzia su finanziamento Tutti gli elementi di pricing espressi in sono stati trasformati in % sulla garanzia in base all importo medio di garanzia emessa In caso di fee annuali, le stesse sono state espresse come Una Tantum sulla base delle durate selezionate (BT-MLT*) Sono stati presi in considerazione i prezzi di BT e MLT*. Fra questi due prezzi è stata poi calcolata la media semplice In caso di modulazione del pricing in base al rating è stato considerato il rating mediano. In caso di modulazione del pricing in base all importo della garanzia o finanziamento è stato preso in considerazione il pricing dell importo medio di garanzia. Le ipotesi hanno permesso di individuare un unico livello di pricing medio per ogni confidi Tale pricing è stato calcolato per le seguenti forme tecniche di garanzia: A valere sul patrimonio con controgaranzia FCG A valere sul patrimonio senza controgaranzia FCG Sussidiarie L analisi si è concentrata, infine, sulla forma tecnica «garanzia a valere sul patrimonio con controgaranzia FCG» * BT = 18 mesi 1 Torino, gg; MLT 12 = ottobre 60 mesi

29 L analisi qualitativa dei modelli di pricing del mercato delle garanzie in Italia ha messo in evidenza due distinti modelli di pricing Descrizione Elementi di pricing Modelli di pricing Modello a commissioni Modello bilanciato Il cliente paga commissioni di varia natura che confluiscono tutte in Conto Economico Il cliente paga commissioni che confluiscono a C.E. e contributi patrimoniali a copertura del rischio Spese di segreteria Commissioni sulla garanzia Commissioni di gestione Altro Spese di segreteria Commissioni sulla garanzia Commissioni di gestione Fondo Rischi Contributi di patrimonializzazione Contributi mutualistici Modello a commiss. Modello bilanciato 60% 40% Altri due confidi del campione (20%) stanno per adottare il modello bilanciato* Fonte: interviste 28

30 La distribuzione dei prezzi sintetici medi* dei confidi top 10 risulta essere abbastanza variegata Prezzo sintetico BT / MLT** Pr. sintetico medio Confidi 1 Confidi 2 Confidi 3 Confidi 4 Confidi 5 Confidi 6 Confidi 7 Confidi 8 Confidi 9 Confidi 10 2,1% 2,4% 5,6% 8,0% 4,3% 7,0% 5,3% 4,8% 6,7% 6,7% 2,4% 5,9% 6,2% 9,4% 4,8% 7,3% 5,2% 9,3% 8,0% BT 13,5% MLT 6,77% 7,82% 5,67% 5,06% 6,69% 2,27% 4,14% 6,08% 7,30% 10,75% 6,58% La distribuzione dei prezzi sintetici medi dei confidi Top 10 presenta una varianza piuttosto elevata. Tale aspetto è giustificato dalle diverse politiche di prezzo applicate dai confidi stessi Il 90% dei confidi Top10 adotta livelli di pricing diversi per le garanzie a BT e le garanzie a MLT. Il 50% presenta un prezzo compreso fra il 6% e l 8% Il prezzo sintetico medio complessivo è del 6,58% * Forma tecnica Garanzia a valere sul patrimonio a prima richiesta con controgaranzia FCG ** BT = 18 mesi -1 Torino, gg; MLT 12 = ottobre 60 mesi

31 In presenza di strumenti di mitigazione del rischio non tutti i confidi riducono il prezzo Prezzo sintetico medio Δ princing FCG Confidi 1 Confidi 2 Confidi 3 Confidi 4 Confidi 5 Confidi 6 Confidi 7 Confidi 8 Confidi 9 Confidi 10 2,3% 2,3% 6,8% 10,4% 7,8% 8,9% 5,7% 5,7% 5,1% 5,6% 6,7% 6,7% 4,1% 3,3% 6,1% 6,1% 7,3% 7,3% 10,8% 10,8% FCG NO FCG 3,60% 1,04% 0% 0,57% 0% 0% -0,84% 0% 0% 0% Analizzando il livello di pricing delle garanzie a valere sul patrimonio a prima richiesta con mitigatori del rischio (ex. Fondo Centrale di Garanzia) si evince che la maggior parte dei confidi Top 10 non applica prezzi ridotti rispetto ad un prodotto equivalente senza mitigazione. Il 60% dei confidi Top10 non riduce il pricing delle garanzie alla clientela nel caso di accesso a strumenti di mitigazione del rischio Un confidi prevede un aumento del prezzo per la clientela 30

32 L impatto sul costo totale del credito per il cliente è considerevole, ma ci sono segnali a favore di in una diminuzione già a partire dal 2013 Costo tot credito Es1: Credito MLT finalizzato Costo del credito* 10,38% Costo della garanzia 3,30% Costo complessivo 13,68% Es2: Anticipi e sconti effetti Costo del credito* 7,55% Costo della garanzia 3,30% Costo complessivo 10,85% Es3: Scoperto c/c Costo del credito* 9,91% Costo della garanzia 3,30% Costo complessivo 13,21% Evoluzione mercato Banche: nella corso del 2013 due importanti gruppi bancari italiani introdurranno il sistema di rating IRB Advanced. La garanzia rientrerà così nel modello di rating come mitigatore di rischio con impatti positivi sul pricing al cliente Confidi: Ad oggi solo il 30% dei confidi del campione opera una riduzione di pricing nel caso di accesso ad uno strumento di mitigazione del rischio. Tuttavia un altro 20% dei confidi del campione ha al momento in atto una revisione del modello di pricing Le evoluzioni del mercato in atto suggeriscono un possibile decremento del costo del credito per le PMI già a partire dal L auspicio è che il sistema finanziario dopo aver raggiunto l obiettivo dell efficacia in termini di maggiore accesso al credito per le PMI, adesso cominci a perseguire l obiettivo dell efficienza: minor costo del credito per le PMI * Fonte: Banca d Italia, comunicato stampa 27 settembre 2012 Tassi effettivi globali medi rilevati ai sensi della legge 108/96, periodo Torino, di applicazione 12 ottobre 01/01/ /12/

33 Quali potrebbero essere le leve di riduzione del costo complessivo del credito per le PMI? Ipotesi leve Possibili implementazioni Impatti per PMI 1 Valorizzazione della garanzia ponderabile (FCG) da parte delle banche Ponderazione della garanzia FCG nel calcolo dell RWA e rimodulazione del costo del credito in base al rischio ponderato Implementazione IRB Advanced Implementazione di procedure specifiche all interno del metodo Standardized Riduzione del costo del credito. 2 3 Estendere l accesso diretto alla garanzia FCG Interventi pubblici per la patrimonializzazione dei confidi in presenza di trasparenza del modello di pricing a b dei clienti Estensione delle categorie di imprese con possibilità di accesso a FCG in procedura semplificata Aprire l accesso direttamente alle PMI (anche per il tramite di loro consulenti) per aumentare il loro potere negoziale Stanziamento di fondi pubblici computabili a patrimonio per i confidi che: abbiamo un modello di pricing trasparente che distingua tra remunerazione del rischio e commissioni Riducano sostanzialmente la quota di remunerazione del rischio a carico 32 Allargamento della categoria di imprese con possibilità di accesso gratuito alla garanzia FCG. Aumento del potere negoziale delle PMI che possono presentarsi al sistema bancario forti della garanzia Stato I confidi potrebbero abbandonare le strategie di prezzo in atto e adottare strategie di volumi. I maggiori costi in termini di accantonamenti per il rischio sarebbe infatti coperto dai fondi pubblici

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Apprendistato

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Stefano Toso

L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Stefano Toso L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Stefano Toso Stefano Toso Università di Bologna L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Abstract

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli