variabilità fra gli organismi viventi di ogni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "variabilità fra gli organismi viventi di ogni"

Transcript

1 Un approccio di gestione sostenibile per il mantenimento degli stock ittici autoctoni Fabio Borghesan Ittiologo, consulente Veneto Agricoltura Giornate Formative: SALVAGUARDIADELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI SANITARI E NORMATIVI PER UNA CORRETTA GESTIONE; sabato 17 maggio 2014 Sant Artemio - Treviso

2 Cenni di Normativa La gestione dell ittiofauna delle acque interne deve tener conto dell integrazione fra diverse norme e esigenze : Normative ambientali Normative sanitarie Normative dell esercizio della pesca Esigenze della pesca sportiva e professionale Buone pratiche di gestione

3 Ricchezza di specie autoctone ittiche nel bacino del Mediterraneo (IUCN 2005)

4 Distribuzione del numero di specie degli allegati di Direttiva Habitat tra gli stati membri della Comunità Europea. ISPRA 2014 Ripartizione del numero di specie degli allegati di Direttiva Habitat tra gli stati membri della Comunità Europea. ISPRA 2014

5 Diversità Biologica/Biodiversità Vertice sulla Terra, Rio de Janeiro 1992 oltre 150 Paesi firmano la Convenzione sulla Biodiversità : Art.2 variabilità fra gli organismi viventi di ogni tipo, inclusi, fra gli altri, i terrestri, i marini quelli di altri ecosistemi acquatici, nonché i complessi ecologici di cui fanno parte. Ciò include la diversità entro le specie, fra le specie, e la diversità degli ecosistemi.

6 Diversità Biologica/Biodiversità consapevolezza del valore intrinseco della Biodiversità in tutte le sue componenti, e esigenza di una sua tutela conservando in situ gli ecosistemi e habitat naturali, e nel mantenimento e ricostituzione delle popolazioni di specie native

7 Cenni di Normativa 1992 Direttiva europea 92/43/CE Habitat identificazione e tutela dei siti SIC e ZPS per formare la rete di ZSC europea (natura 2000) 1992 Legge nazionale n 157 (recepisce Dir. 93/43 Habitat e la precedente Dir. 79/409 Uccelli del 1979) 1994 Legge nazionale n 124 ( Ratifica della Convenzione di Rio) 1997 DPR nazionale n 357 regolamento di attuazione della direttiva 92/43/ Habitat (modificato nel 2003) 2002 D.M. Ambiente linee guida per la gestione dei siti SIC e ZPS 2003 DPR nazionale D.M. Ambiente elenco siti SIC e ZPS 2009 Direttiva 147 CE 2010 Ministero Ambiente : Strategia nazionale per la Biodiversità

8 Tutela della Biodiversità: cenni di normativa DPR n. 357/ 1997 e n. 120/ 2003 si applica ai ZSC (SIC e ZPS) : fra l altro. Stabilisce l individuazione di ZSC (SIC, ZPS) Definisce un elenco delle specie di interesse comunitario per i ZSC (SIC con misure di gestione) Definisce una scala di rischio per le specie di interesse comunitario ( prioritario, in pericolo, vulnerabile, endemiche) Stabilisce la possibilità di effettuare reintroduzioni di specie autoctone ai fini del ripristino e mantenimento della naturalità della popolazione. Vieta il ripopolamento in natura con specie / popolazioni non autoctone (art. 12 comma 3)

9

10

11 Composizio ne della fauna italiana di interesse comunitario ISPRA 2014

12

13 Natura 2000 I siti natura 2000 sono soggette obbligatoriamente a misure specifiche di gestione intese a mantenere/ripristinare/non peggiorare lo stato di conservazione dell habitat. Tali misure sulla base di norme tecniche sono formalizzate dalle Regioni, trasmesse al Ministero dell Ambiente che a sua volta le trasmette agli uffici UE. Tali misure interessano dell ittiofauna autoctona del DPR 357 e succ anche la tutela elencata negli allegati

14 Natura 2000 Le specie ittiche autoctone di interesse comunitario negli allegati del DPR 357 e 120, relative alle ZSC (zone speciali di conservazione) in Italia sono 31 (29 pesci e due crostacei) di cui 19 sono presenti nel veneto. La Regione Veneto le ha indicate come indicatori per le ZSC (SIC/ZPS) Lampreda di mare Lampreda padana Storione cobice Barbo canino Temolo Nono Pigo Cobite Scazzone Cheppia Vairone Savetta Cobite mascherato Ghiozzetto cener. Austropotamobius pallipes Storione comune* Lasca Barbo Trota marmorata Ghiozzetto di laguna Astacus astacus L elenco non è statico ma dinamico

15 DPR 357/97 art.2, comma 1, punto o autoctonia Popolazione o specie che per motivi storico-ecologici è indigena del territorio italiano non autoctonia Popolazione o specie non facente parte originariamente della fauna indigena italiana

16 Cenni di Normativa Attualmente è assente una lista nazionale delle specie autoctone formalizzata in una norma di legge. Sono legalizzate le liste di provincie/regioni, quella del DPR 357/97 e del Dlvo 152/2006 Il Ministero dell Ambiente è in attesa di emanare un elenco ufficiale. Attualmente si possono considerare consultive quelle del quaderno n.17 conservazione natura (2008 ISPRA), e dell IUCN 2013 (più accreditata)

17 Specie autoctone e parautoctone (*) presenti in Italia nelle acque interne Quaderno conservazione natura n ISPRA Lampreda di mare Storione comune* Lampreda di fiume Storione ladano+ Lampreda di ruscello Storione cobice* Anguilla Lampreda padana Pigo Agone Rovella Triotto Cavedano Vairone Sanguinerola Tinca Scardola Alborella Alborella meridionale Savetta Lasca Gobione Barbo Cobite Cobite mascherato Barbo canino Cobite barbatello Luccio Trota fario Trota marmorata Trota macrostigma Carpione del Fibreno Carpione del Garda Salmerino alpino Temolo Bottatrice Nono Latterino Spinarello Pesce ago di rio Scazzone Persico reale Cagnetta Ghiozzetto cenerino Ghiozzetto di laguna Panzarolo Ghiozzo padano Ghiozzo di ruscello Carpa Crostacei d acqua dolce (4 specie) Cheppia

18 Specie parautoctona Specie che pur non essendo originaria del territorio via sia giunta, intenzionalmente o involontariamente da parte dell uomo, e quindi naturalizzata in un periodo storico antico (anteriormente al 1500 DC). Definizioni del INFS nel Quaderno Conservazione Natura n. 27 (2008) ( Linee guida per l immissione di specie faunistiche, ),

19

20 Il numero delle specie autoctone (o indigene) in Italia varia da ca n. 48 a 54 a seconda degli Autori L aumento delle ricerche nel settore a livello nazionale e internazionale, i dati derivanti dalla tecniche delineando filogeografia e dall utilizzo di biologia ancora ben definito. molecolare delle stanno un quadro più complesso e non Si evidenziano nuove specie, e endemismi locali.

21 10 Ml Miocene medio 5 Ml Messiniano Pleistocene (1 Ml )

22 Regioni Biogeografiche Europee Pesci Acque Interne

23

24 Alcuni esempi Trota marmorata (Salmo trutta marmoratus Salmo marmoratus) Differenze genotipiche fra i ceppi di diversi bacini idrografici Veneto : fiumi Adige, Brenta, Piave

25 Luccio (italico) (Esox lucius ) Esox cisalpinus Esox flaviae Differenze genotipiche fra il luccio italico e quello di ceppo atlantico e danubiano ; Proposta una nuova specie.

26 Principali livree riscontrate nei lucci Europei. Desunte da Fickling (1982), integrate e modificate come riportato in Lucentini et al (2009b). Disegni di Lorenzo Stefani, Veneto Agricoltura

27 Temolo (adriatico) Thymallus thymallus Thymallus aeliani??? Differenze genotipiche fra il temolo adriatico e quello atlantico e danubiano. Proposta cambio specie; Presenza di Ibridi

28 Trota macrostigma (mediterranea, insulare) Salmo trutta macrostigma Salmo cettii Trota appeninnica/adriatica? Salmo ghiigi? Nuova specie? E ipotizzabile che gli studi futuri definiranno ulteriori popolazioni ittiche endemiche, o forse altre specie, che saranno soggette a misure di protezione, con ricadute di gestione nelle ZSC, SIC, ZPS

29 Distribuzione della ricchezza di specie di lamprede e pesci ossei di interesse comunitario. ISPRA 2014 Distribuzione della ricchezza di specie di lamprede e pesci ossei con stato di conservazione sfavorevole (inadeguato o cattivo). ISPRA 2014

30 Pressioni per le specie di lamprede e pesci ossei in ciascuna regione biogeografica. È riportato il numero di volte in cui sono state segnalate le pressioni afferenti a ciascuna categoria diprimo livello gerarchico. ISPRA 2014

31

32

33 Bianco PG, 2013,

34 Effetti ecologici negativi della presenza di specie alloctone Competizione Predazione Patogeni Ibridazione Alterazione habitat Peggioramento stato ecologico

35 Alcuni esempi di ibridazione Trota marmorata X Trota fario Barbo comune X Barbo danubiano Temolo adriatico x Temolo Atl./balcanico Luccio italico X Luccio danubiano???

36 Lista rossa IUCN 2013 RE: estinto nella regione CR: in pericolo critico presente in allegato DPR 357 per Regione Veneto EN: in pericolo VU: vulnerabile

37 RE: estinto nella regione CR: in pericolo critico EN: in pericolo VU: vulnerabile

38 Gestione corretta dell Ittiofauna nelle zone ZSC/ZPS/SIC Attenersi scrupolosamente alle misure tecniche di gestione previste dalla Provincia/Regione/Stato. Divieto di immissione di specie alloctone/esotiche Evitare ripopolamenti scorretti che deteriorano l habitat E possibile derogare ad alcune misure tecniche di gestione a mezzo dell approvazione formale di una: V INCA (Valutazione di Incidenza Ambientale) procedura amministrativa di supporto per l'autorità decisionale finalizzata a individuare, descrivere e valutare gli effetti prodotti dall'attuazione di un determinato piano, progetto o intervento su ZSC psic, SIC, ZPS, in grado di poter peggiorare il grado di conservazione dell habitat.

39 Norme sanzionatorie D.lgs. 7 luglio 2011, n. 121 modifica del codice penale - reati di Uccisione, distruzione, cattura, prelievo, detenzione di esemplari di specie animali o vegetali selvatiche protette e di Distruzione o deterioramento di habitat all interno di un sito protetto (direttiva 2008/99/CE) /CE): inserisce due nuovi articoli: l art bis relativo alle specie dell allegato I e IV delle direttive CE 92/43 e 2009/147 CE l art. 733-bis relativo agli habitat: ZPS (DIR 2009/147 art 4, par. 1 e 2), ZSC (DIR 92/43 art.4 par. 4 )

40 Norme sanzionatorie Art. 727-bis. (Uccisione, distruzione, cattura, prelievo, detenzione di esemplari di specie animali o vegetali selvatiche protette). Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, fuori dai casi consentiti, uccide, cattura o detiene esemplari appartenenti ad una specie animale selvatica protetta è punito con l arresto da uno a sei mesi o con l ammenda fino a euro, salvo i casi in cui l azione riguardi una quantità trascurabile di tali esemplari e abbia un impatto trascurabile sullo stato di conservazione della specie. Art. 733-bis. (Distruzione o deterioramento di habitat all interno di un sito protetto) 1. Chiunque, fuori dai casi consentiti, distrugge un habitat all interno di un sito protetto o comunque lo deteriora compromettendone lo stato di conservazione, è punito con l arresto fino a diciotto mesi e con l ammenda non inferiore a euro.

41 Direttiva acque 2000/60/CE e succ.: si applica a tutti i corpi idrici entro il 2015 attuazione delle misure per raggiungere il buono stato delle acque (migliorare /impedirne il deterioramento): «buono stato delle acque superficiali»: lo stato raggiunto da un corpo idrico superficiale qualora il suo stato, tanto sotto il profilo ecologico quanto sotto quello chimico, possa essere definito almeno «buono» Recepimento in Italia: D.lvo 152/2006 D.lvo 260/2010

42 Cenni di Normativa: Tutela delle acque D.lvo 152 art. 78 finalità : - mantenere la capacità naturale di autodepurazione dei corpi idrici, nonché la capacità di sostenere comunità animali e vegetali ampie e ben diversificate - impedire un ulteriore deterioramento, proteggere e migliorare lo stato degli ecosistemi acquatici, degli ecosistemi terrestri e delle zone umide..

43 Cenni di Normativa: Tutela delle acque indici tecnici per la valutazione dello stato dei corpi idrici: Stato: fisico-chimico chimico, idro-morfologico morfologico, ecologico Stato ecologico : valutazione della comunità vegetale comunità animale: macrovertebrati bentonici fauna ittica Fauna ittica: valutazione della condizione biologica/ecologica delle popolazioni, presenza di specie endemiche, alloctone, di ibridi,

44

45 Cenni di Normativa: Tutela delle acque In base ai risultati degli indici di valutazione globali vengono decise delle azioni di mantenimento /ripristino / miglioramento / non deterioramento dei corpi idrici. La presenza di specie alloctone/ibridi penalizza fortemente la valutazione dello stato delle acque. La presenza di specie autoctone/endemiche qualifica fortemente lo stato delle acque

46 Come gestire i ripopolamenti l ittiofauna senza deteriorare l habitat/l ittiofauna? Gestione rispettosa della direttiva Habitat nelle zone SIC e ZPS Gestire i ripopolamenti in funzione della rete ecologica fra le specie (evitare ripopolamenti squilibrati di carnivori) Ripopolamento con specie autoctone Ripopolare con genetica locale caratterizzata (impianti ittiogenici locali / incubatoi gestiti correttam. ) Assicurarsi che materiale di provenienza esterna risponda ai requisiti Ripristinare/migliorare l ittiofauna ( eradicare gli ibridi e le specie alloctone se possibile)

47 Come gestire i ripopolamenti l ittiofauna senza deteriorare l habitat/l ittiofauna? Ma per conseguire gli obbiettivi i gestori devono : Coordinarsi correttamente con gli Enti decisori Fare formazione e aggiornamento continuo Affidarsi a personale tecnico/scientifico accreditato Essere consapevoli di gestire un patrimonio di tutta la comunità

48 L esempio dell azione di ripristino delle popolazioni di trota marmorata in Veneto: 1) problema ibridi trota fario X trota marmorata 2) valutazione dello stato delle popolazioni di marmorata 3) acquisizione conoscenza di diversi genotipi riferibili ai bacini idrografici 4) elaborazione di un piano coordinato regionale /provinciale per ricostituire le popolazioni 5) individuazione degli Enti Scientifici accreditati di supporto 6) individuazione dei siti di mantenimento e allevamento di stock di riproduttori caratterizzati geneticamente

49 L esempio del ripristino delle popolazioni di trota marmorata in Veneto: 7) tecniche di allevamento massimizzando la variabilità genetica e la rusticità dei pesci prodotti; ricambio dei riproduttori con selvatici (risanguamento) 9) Divieto di ripopolamento con trota fario nelle zone ZPS-SIC SIC vocate a marmorata Questo iter può rappresentare un esempio anche per altre specie da ricostituire: es. Temolo, Luccio..

50

51 L uso di salmonidi sterili Come conciliare l esigenza di pesca con i siti di Natura 2000 in assenza di ripopolamenti significativi di specie autoctone? Esempio: l utilizzo di trote fario sterili nelle zone SIC e ZPS, per evitare l ibridazione con la marmorata

52 Uso di salmonidi sterili : La sterilità nei salmonidi è ottenuta sottoponendo le uova poco dopo la fecondazione ad elevate temperature o pressioni per pochi minuti. In tal modo si induce un numero di cromosomi alterato (triploide) rispetto a quello normale ( diploide). I soggetti una volta adulti non sono in grado di riprodursi in quanto le gonadi sono malfunzionanti. Non sono organismi OGM secondo il D.lvo 224/2003 (attuazione Direttiva 2001/18/CE) all. 1, parte 2.

53 Uso di salmonidi sterili : Nella trota iridea la pratica è in uso da oltre 20 anni per ottenere pesci a più rapido accrescimento per il consumo alimentare. In Inghilterra entro il 2015 in alcune aree il ripopolamento con la fario di allevamento avviene solo con pesci sterili per evitare che si riproducano con la fario selvatica. In Italia da ca 10 anni si sono fatte piccole produzioni di fario sterili e da 2 anni si producono numeri significativi Veneto Agricoltura ha avviato un progetto di sperimentazione in tal senso.

54

55 Come gestire i ripopolamenti a rischio in assenza di dati, informazioni tecniche? In mancanza di dati scientifici e/o conoscenze sull habitat e/o dell ittiofauna applicare il principio di precauzione : l art.15 Dichiarazione di Rio de J., afferma che Ove vi siano minacce di danno serio o irreversibile, l assenza di certezze scientifiche non deve essere usata come ragione per impedire che si adottino misure di prevenzione della degradazione ambientale che possono ripercuotersi sull assetto delle comunità.

56 Bibliografia consultata AA.VV., I salmonidi italiani: Linee guida per la gestione della biodiversità. Documento tecnico AIIAD (Associazione Italiana Ittiologi Acque Dolci). Disponibile su RONDININI C., BATTISTONI A., PERONACE V. & TEOFILI C. (ED.), Lista Rossa IUCN dei Vertebrati Italiani. Comitato Italiano IUCN e Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Roma: 54 pp. ZERUNIAN S., Piano d azione generale per la conservazione dei Pesci d acqua dolce italiani. Ministero dell Ambiente e Istituto Nazionale Fauna Selvatica. Quaderni Conservazione Natura, 17: 123 pp. AAVV Specie e Habitat di Interesse Comunitario in Italia: distribuzione, stato di conservazione e trend.. ISPRA, Ministero Ambiente Rapporto 194/2014 Legge 124/1994 ; Direttiva europea 92/43/CE Habitat ; DPR n 357/1997 ; DPR n 120/2003 ; 120/2003 ; D.lvo 152/2006 ; D.lvo n.260/2010 Ministero Ambiente, La Strategia Nazionale per la Biodiversità. PG Bianco 2013, An Update on the status of native and exotic freshwater fishes of Italy. J. Appl. Ichthyol.

57 Foto: dal web Grazie dell Attenzione Giornate Formative: SALVAGUARDIADELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI SANITARI E NORMATIVI PER UNA CORRETTA GESTIONE; sabato 17 maggio 2014 Sant Artemio - Treviso

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2014-2019

LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2014-2019 Servizio Caccia e Pesca LA CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2014-2019 Assessore alla Pesca e alla Polizia Provinciale: Giuseppe Canali Dirigente del Servizio Caccia e Pesca: Paolo Gabbi Responsabile

Dettagli

Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA

Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA 2014 A cura di: Ufficio Pesca Provincia di Brescia Via Milano, 13-25126 BRESCIA Disegni: Enrichetta Descloux, (p. 11 e 29: Alberto Gadola) Cartografia: Graia

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA

CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA in vigore dal 1 Aprile 1989 Il GOVERNO ITALIANO ed il CONSIGLIO FEDERALE SVIZZERO al fine di

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino Fondazione E. Mach S. Michele all Adige, 24 aprile 2013 Lorenzo Betti naturalista ittiologo tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Art. 73 Finalità 1. Le disposizioni di cui alla presente sezione definiscono la disciplina generale per la tutela

Dettagli

SPECIE DI FAUNA ACQUATICA PER LE QUALI VIGE IL DIVIETO DI PESCA...22 SPECIE DI FAUNA ITTICA CHE POSSONO ESSERE PESCATE, NELLE ACQUE

SPECIE DI FAUNA ACQUATICA PER LE QUALI VIGE IL DIVIETO DI PESCA...22 SPECIE DI FAUNA ITTICA CHE POSSONO ESSERE PESCATE, NELLE ACQUE SOMMARIO FONTI NORMATIVE...3 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE...4 PRINCIPALI MODALITÀ VIETATE IN TUTTE LE ACQUE SUPERFICIALI...5 ACQUE SALMONICOLE...6 DIRITTI DEMANIALI ESCLUSIVI DI PESCA (D.D.E.P.)...8 ACQUE

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario a cura di M. Bellocci e P. Passaglia Parte I Le principali

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Titolo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 12 gennaio 1994, n. 3 Recepimento della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio". Bollettino Ufficiale n. 4,

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

L energia verde che fa male ai fiumi

L energia verde che fa male ai fiumi 1 L energia verde che fa male ai fiumi Qualità dei corsi d acqua e produzione idroelettrica in Italia: un conflitto irrisolto Settembre 2014 CENTRO ITALIANO PER LA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Chi è il CIRF

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Quelli che non abboccano

Quelli che non abboccano Quelli che non abboccano Cose da sapere prima di acquistare pesci, molluschi e crostacei d allevamento Indice Perché una guida? 1 Che cos è l acquacoltura? 2 Quanto pesa l acquacoltura sull ambiente? 4

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PESCA DILETTANTISTICA SUL LAGO DI LUGANO (CERESIO)

PESCA DILETTANTISTICA SUL LAGO DI LUGANO (CERESIO) PESCA DILETTANTISTICA SUL LAGO DI LUGANO (CERESIO) 1. LA LICENZA DI PESCA Per pescare nelle acque della provincia di Como bisogna avere la licenza di pesca. Senza licenza possono pescare soltanto i minori

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

Novembre 2012. Dott. Arch. Pulvirenti Giuseppe Vincenzo. Via Galermo 77 95123 Catania. pulvirenti@toposambiente.it

Novembre 2012. Dott. Arch. Pulvirenti Giuseppe Vincenzo. Via Galermo 77 95123 Catania. pulvirenti@toposambiente.it COMUNE DI MALFA Regione Sicilia - Provincia di Messina VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del Piano Regolatore Generale di Malfa FASE DI SCOOPING VALUTAZIONE DI INCIDENZA (art.5 DPR n 357/1997 Circolare

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI

ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI Elementi di riflessione per capire meglio qual è il nostro rapporto con gli altri umani e tutti gli altri esseri viventi DEFINIZIONE DI ETICA Il termine deriva dal

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale)

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale) Allegato 3 CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE La Giunta regionale con Del. n. 2002/1238 del 15/7/2002 ha approvato la 'Direttiva generale sull'attuazione della disciplina procedura valutazione

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli